THE FREAK - Parte 4 di 5

200Report
THE FREAK - Parte 4 di 5

>>>>>>

Entrammo in Massachusetts Avenue e trovammo un posto per parcheggiare a circa un isolato di distanza vicino a Harvard Yard, il nome dato al campus principale. Erano appena passate le dieci. La signora Atkins aveva detto di venire a qualsiasi ora, quindi siamo andati insieme all'ufficio ammissioni, trovandola alla sua scrivania. Presentai Barbara e prendemmo posto. La prima cosa che ho fatto è stata passare la cartella delle fotografie attraverso la scrivania.

“Avevo chiesto a Barbara di sposarmi il venerdì sera precedente, il venerdì prima della domenica delle Palme. Ha indossato il suo anello di fidanzamento a scuola lunedì e c'è stato un po' di disturbo tra i suoi compagni di classe quando l'hanno visto per la prima volta. La suora che insegnava alla classe afferrò Barbara per il polso e le strappò l'anello dal dito. Più tardi, poco prima di mezzogiorno, Barbara si è avvicinata all'insegnante e ha chiesto che gli venisse restituito l'anello.

“Le ho detto che non l'avrei più indossato a scuola, ma lei mi ha afferrato per il gomito e mi ha trascinato nella sua classe. Mi ha chiamato con tutti i tipi di nomi. Puttana e troia erano le più gentili. E…."

Ho visto che Barbara aveva difficoltà a raccontare l'incidente, quindi mi sono buttato dentro. "I risultati di quell'incidente sono in questa cartella". Mi sedetti quando la signora Atkins lo aprì per la prima volta, ansimando quando vide per la prima volta le prove fotografiche dell'inferno che Barbara aveva passato.

“Barbara ha guidato la mia macchina fino a casa dei miei genitori e mia madre mi ha chiamato a scuola. Ho telefonato al mio avvocato che mi ha detto di portarla al pronto soccorso di Yonkers mentre lui telefonava a un amico che è un detective. Penso che tu possa immaginare cosa è successo dopo. Una delle cose che la suora disse a Barbara fu che picchiava le ragazze da quasi vent'anni e che il preside sapeva tutto. Ieri sono andato alla scuola per prendere i suoi dischi e per chiedere l'anello e l'azione contro l'insegnante. È stata una conversazione interessante perché lavoravo per la polizia, l'intera cosa è stata registrata, e in pratica si è fottuta se stessa e il monsignore dell'arcidiocesi che è secondo solo al cardinale. Più tardi fece lo stesso per lei e anche per se stesso. È quello che stavamo facendo ieri. C'è dell'altro, ma penso che potrai leggere tutto sui giornali anche qui in Massachusetts.

“Il motivo per cui ho chiesto l'incontro è che non sarò in un dormitorio. Devo trovare un appartamento da affittare. Puoi indicarci qualcosa di utile?"

“L'unica cosa che consiglio caldamente è di stare lontano da qualsiasi condominio nelle vicinanze. Sono principalmente per studenti e tendono ad essere rumorosi e ci sono stati molti problemi con la polizia. Ti suggerisco di cercare una casa da affittare se te lo puoi permettere. Posso consigliarti un agente immobiliare se vuoi.”

"Sarebbe grandioso. Prossima domanda: Barbara doveva frequentare un college a New York, ma ora ovviamente sarà qui con me".

«So di St. Claudia. È una buona scuola. Raccontami qualcosa delle tue esperienze lì, Barbara.»

“Beh, la prima cosa che posso dirti è che non sono nella lega di Jack. Ho avuto una media B+-A- al St. Claudia. Volevo studiare gestione aziendale al college e avevo un punteggio di 1210 al SAT.

“Vorrei suggerire la Lesley University. So che hanno aperture per settembre, soprattutto perché non avrai bisogno di un dormitorio. Alcuni studenti non riescono a capire che hanno bisogno di mantenere i loro voti durante l'ultimo anno, quindi occasionalmente le accettazioni al college vengono revocate. Mio marito è il direttore delle ammissioni lì. Perché non lo chiamo per te? Per inciso, Lesley è quasi alla porta accanto qui a Cambridge.»

"Com'è la scuola", ho chiesto.

“È molto più piccolo di Harvard ed è più per studenti come Barbara, bravi studenti, ma non abbastanza per una scuola come questa. I loro programmi nel mondo degli affari e dell'istruzione sono ben considerati. Quanto tempo ci vorrà per ottenere i dischi di Barbara?"

“Uhm... circa dieci minuti; Ho i suoi dischi nel bagagliaio della mia macchina. Avevo programmato di darli alla mia scuola lunedì prossimo, quando Barbara si iscriverà".

"Sai, molte scuole pubbliche non accetteranno uno studente sposato."

“L'ho coperto. Il mio avvocato ha ottenuto un mandato da un giudice della Corte d'Appello dello Stato di New York. Questa è la più alta corte dello stato. L'atto ordina al distretto scolastico di accettarla. Apparentemente, non c'è nulla nella legge statale che impedisca agli studenti sposati, ma il costo per combattere la decisione della scuola è più di quanto molti possano permettersi.

"So che i college non vogliono i record che provengono dagli studenti a causa del potenziale per imbrogliare, ma avrei potuto mentire sul fatto di averli".

“Hmm. Ok, puoi prendermeli? Telefonerò a mio marito mentre non ci sei.» Mi sono alzato dalla sedia in un lampo, ricordandomi di dare a Barbara un bacio veloce prima di sparire sul marciapiede.


>>>>>>

La signora Atkins non perse tempo e prese il telefono non appena Jack fu fuori dalla porta. Ero nervoso mentre sedevo lì. Non avrei mai immaginato che sarei stato in grado di trovare un college così facilmente o così rapidamente. Ho ascoltato attentamente mentre la signora Atkins parlava a suo marito.

"Buongiorno, Roger, ti farò un grande favore e ti manderò una giovane donna come potenziale studentessa in affari." Continuò dopo una breve pausa. “Sì, è qui in ufficio mentre parliamo. Ricordi ieri sera quando ti ho parlato dell'eccezionale studente-atleta che sarebbe venuto a trovarmi? Lo studente a cui mi riferisco è sua moglie. Hanno una storia estremamente interessante da raccontarti. Darò un'occhiata ai suoi registri tra pochi minuti. Sono sicuro che ti diranno perché hanno i suoi registri ufficiali. Sì, lo so, ma in questo caso sono sicuro che siano reali. Puoi portarmi fuori a cena se per te va bene. Ok... ciao, caro.

"Va tutto bene", ho chiesto.

“Sì, Barbara; ti vedrà questo pomeriggio e farà in modo che uno studente ti accompagni in un tour. Scoprirai che Lesley è un luogo intimo. Ci sono circa 4.500 studenti, ma la maggior parte di loro sono studenti laureati part-time sia nell'istruzione che negli affari. Queste sono le loro due pretese di fama. Ci sono solo circa 1200 studenti universitari, ma a causa degli studenti laureati la biblioteca e le altre strutture sono davvero molto buone, così come la facoltà, anche se non hanno l'attrattiva snob che la facoltà ha qui. Sinceramente, molti dei loro istruttori mi piacciono più dei nostri. Sono più con i piedi per terra. Penso che ti piacerà il tour. Quanti studenti nella tua scuola?"

"Ns. Claudia ha circa 400 studenti...tutte ragazze, ma sono sicuro che lo capisci". Stavo per continuare, ma Jack tornò di corsa in ufficio, passando una cartellina grigia sulla scrivania alla signora Atkins.

“Wow, immagino che tu abbia i documenti ufficiali. Come ci sei riuscito, comunque?"

“Il cognato del mio avvocato è un giudice. Ha spiegato cosa era successo a Barbara e ha chiesto un ordine per i record. O le davo a me o il mio avvocato avrebbe telefonato alla polizia. Quello che non sanno è che il mio avvocato aveva già telefonato alla polizia e sono sicuramente coinvolti. Ti dispiace se ti chiedo qual è la tua religione?"

"Affatto; siamo episcopaliani. Quasi nulla è peccato per noi. So tutto sulla colpa cattolica. Ci sono probabilmente milioni di cattolici nell'area di Boston”. A quel punto smise di chattare e iniziò a esaminare i documenti di Barbara. Dopo una decina di minuti ha preso un blocco e una matita per controllare alcune cifre. “Va bene, Barbara, ho calcolato che la tua media accademica è... 88,4 percento. Non avrai problemi a Lesley.» Raggiungendo la sua scrivania recuperò una mappa multicolore di quella che presumo fosse Cambridge. “Ecco una mappa della zona. Cerchio l'indirizzo per te. È a soli tre isolati di distanza. Telefonerò a mio marito una volta che te ne sarai andato e lui ti aspetterà tra l'una e l'1:30.

“Se vuoi un buon posto economico per pranzo, prova Elsie's dietro l'estremità occidentale di Harvard Square. Il loro pastrami caldo può essere un po' grasso, ma è davvero buono. Basta girare a sinistra fuori e andare dritto attraverso la piazza. Gira a destra e lo vedrai a sinistra. Dirò a mio marito di suggerire anche a te un agente immobiliare. Ne conosce diversi bravi in ​​zona». Si alzò, ci strinse la mano e Jack mi condusse fuori nella splendida giornata di sole.


>>>>>>

Abbiamo pranzato da Elsie e la valutazione della signora Atkins era sulla buona strada. Siamo partiti, seguendo la mappa, in tempo per incontrare il signor Atkins. Ci ha accolti nella hall e ci ha accompagnati nel suo ufficio. "Barbara, vorrei dare un'occhiata ai tuoi dischi anche se Sandra l'ha già fatto." Continuò qualche minuto dopo dopo aver scansionato rapidamente il file di Barbara. “Ok, sembra tutto in ordine. Se ti piace quello che vedi qui oggi, puoi tornare e completare una domanda.”

"Date le circostanze della mia scuola, non so come otterrò le referenze".

"Beh, fammi sentire la tua storia e poi deciderò cosa faremo." Si appoggiò allo schienale della sedia, ma ascoltò attentamente, fermando Barbara e me diverse volte e capii che aveva dei dubbi finché non feci scivolare la cartella delle foto sulla sua scrivania.

"Chi ha scattato queste foto?"

“Non conosco il suo nome, ma era il fotografo della polizia di Yonkers. La schiena di Barbara è stata così male che anche stamattina ho potuto toccarla solo per applicare un unguento e delle bende. Non so come sia riuscita a gestire il viaggio quassù".

"Capisco che l'hai sposata per proteggerla."

«Sì, signore, è esatto. Ho promesso che l'avrei amata, amata e protetta quando le ho proposto, quindi non le avrei mai permesso di tornare in quella scuola. Sfortunatamente, i suoi genitori adottivi avrebbero insistito se non fossi intervenuto".

"Genitori adottivi? Sei orfana, Barbara?»

"Si signore; tecnicamente ero un protettore dello stato da quando i miei genitori sono morti quando avevo tre anni. Sono stato fortunato fino ad ora ad avere gli stessi meravigliosi genitori adottivi per tutto il tempo. Ho sentito delle vere storie dell'orrore su altri bambini".

"Sì. Hmmm. Va bene! Ho qualcuno che aspetta fuori per portarti a fare un giro. È una studentessa del secondo anno. Andiamo a trovarla." Uscimmo nell'atrio e un'attraente bruna si alzò. Il signor Atkins ci ha presentato Michelle Baker e poi ci ha lasciati a lei. Potevo facilmente capire perché sarebbe stata scelta come guida. Era ben informata, frizzante e socievole con un eccellente senso dell'umorismo. Ci siamo divertiti molto con lei nell'ora successiva e dovevo essere d'accordo con lei. Lesley era un posto interessante e amichevole. Siamo stati fermati e accolti più volte da studenti e personale. Potrei dire dall'espressione sul viso di Barbara che avrebbe fatto ogni sforzo per iscriversi.

Erano quasi le cinque quando Barbara finì la sua domanda e ricevette l'approvazione del signor Atkins. “Sto solo cercando un motivo per portare mia moglie fuori a cena. Mi ha detto che mi avrebbe picchiato se non ti avessi accettato, ma l'avrei fatto in qualsiasi circostanza. Penso che ti troverai bene qui.” Ha consigliato un agente immobiliare della zona e ha segnato l'indirizzo sulla nostra mappa. Ci siamo stretti la mano e ce ne siamo andati, con Barbara euforica e io sollevata. Ora dovevamo solo trovare un posto dove vivere.

Piuttosto che tornare al nostro motel nella vicina Belmont, ci portai in macchina a Boston verso Faneuil Hall e Durgin Park. Avevo sentito parlare di questo posto quando ero qui con i miei genitori, ma papà non voleva un pasto abbondante. Ora, anche dopo un pranzo abbondante stavo morendo di fame, immaginavo da tutta l'energia nervosa che avevo speso durante il giorno. Apparentemente, Barbara era d'accordo perché ognuno di noi ha ordinato la loro enorme costoletta mentre ci siamo seduti fianco a fianco nel mezzo di un lungo tavolo con una ventina di altri avventori. Mi piaceva la compagnia e sembrava che piacesse anche a loro.

Diversi commensali hanno chiesto perché fossimo qui, riconoscendo immediatamente i nostri accenti newyorkesi. Abbiamo spiegato che ero diretto ad Harvard e Barbara a Lesley e questo ha portato un'altra serie di domande e commenti. Ma quando qualcuno ha notato la mia altezza e mi ha chiesto se giocavo a basket, Barbara non riusciva a trattenersi. Avresti pensato che potessi camminare sull'acqua per ascoltarla, ma quando ha detto le parole "All-American" gli uomini al tavolo sono impazziti. Volevano conoscere tutte le mie statistiche e sono rimasti delusi dal fatto che non ne conoscessi la maggior parte. “So solo che abbiamo vinto 129 partite e cinque campionati statali di fila. Questo è tutto ciò che conta".
Poi Barbara ha detto che anch'io giocavo a baseball e sono stata sollevata quando sono arrivate le nostre enormi fette di carne.

Eravamo pieni quando abbiamo lasciato il ristorante e mangiare così mi fa sempre sentire stanco, quindi quando siamo arrivati ​​al motel ero pronto a licenziarmi. Barbara, invece, aveva altre idee. Ricordi quella parte in cui mi ha detto che mi avrebbe mostrato il suo amore ogni minuto di ogni giorno? Non stava scherzando. Prima mi ha trascinato sotto la doccia. Era da vicino nella vasca, così vicino che i seni succulenti di Barbara si sfregavano costantemente sul mio corpo mentre faceva scorrere con cura le sue mani insaponate sul mio torso e soprattutto sul mio cazzo che ha risposto con forza nonostante la mia stanchezza. Chi avrebbe mai pensato che fare la doccia potesse essere così divertente?

Alla fine Barbara mi ha consegnato ciò che era rimasto della minuscola saponetta e ho avuto l'opportunità di restituire il favore. Dopo più di una settimana di dolore era finalmente in grado di tollerare che le toccassi la schiena. C'era ancora disagio, mi disse, ma era tutto. Ho strofinato l'unguento finché non si è asciugato, ma le bende non erano più necessarie.

"Non vedo l'ora di fare di nuovo il missionario", sussurrò mentre salivamo sul letto. "Mi piace avvolgere le mie gambe intorno a te e costringerti il ​​più profondamente possibile dentro di me." Anche io ho pensato che fosse un'ottima idea. Come previsto, Barbara aveva avuto il ciclo sabato mentre eravamo al bungalow. Non avrei mai immaginato quanto l'avrebbe resa arrapata. La sua unica restrizione non era orale su di lei. Per due volte mi aveva succhiato fino in fondo, ingoiando ogni goccia che i miei testicoli e la mia prostata riuscivano a produrre e avevo sempre pensato che fosse tanto.

Stanotte sarebbe cowgirl. Per prima cosa dovevamo ancora considerare le ferite alla schiena. Per un altro, Barbara pensava che sarebbe stato più ordinato. Correva in bagno per inserire un tampone e poi tornava da me con un asciugamano bagnato per pulire il suo sangue dal mio organo. Era quello che aveva fatto quasi una dozzina di volte negli ultimi quattro giorni, anche se essere a casa con i miei genitori e le mie sorelle aveva notevolmente ridotto il nostro stile.

Barbara tirò giù il copriletto e la coperta mentre mi sdraiavo sul lato sinistro del letto matrimoniale. Ha posizionato con cura il suo corpo perfettamente sopra il mio, i suoi incredibili seni facilmente alla mia portata, mentre le sue labbra cercavano e trovavano le mie. La sua lingua ha trascorso più tempo nella mia bocca durante queste sessioni che nella sua. L'amore e la passione di Barbara per me non mancavano mai di stupire. Raggiungendo tra le sue gambe l'ho trovata estremamente bagnata e desiderosa. Ho afferrato la mia canna e l'ho puntata nella direzione della fessura di Barbara. Ha fatto il resto, iniziando con un ritmo lento e sensuale.

Ero tentato di muovere le mani dietro la testa per rilassarmi e guardare Barbara in azione, ma i suoi seni sodi con i capezzoli gonfi e duri erano irresistibili. Li ho arrotolati delicatamente tra le dita mentre massaggiavo ogni sfera, sapendo quanto Barbara amava giocare con le tette. Abbastanza sicuro, gettò indietro la testa e spinse quel grande clitoride sensibile nei miei muscoli duri. In meno di un minuto mi stava abbracciando con abbandono, sviluppando l'attrito che mi avrebbe portato al mio inevitabile climax anche se l'attrito sul suo clitoride stava facendo lo stesso per lei.

Avevo letto nel Rapporto Kinsey che gli orgasmi simultanei erano estremamente rari. Non saprei dalla nostra esperienza perché Barbara e io avevamo raggiunto quell'obiettivo quasi ogni volta e dai tremori nei nostri corpi immaginavo che l'avremmo raggiunto di nuovo stasera. Improvvisamente, Barbara prese l'altro cuscino e se lo avvicinò al viso. Ha ingoiato il suo grido proprio mentre i miei fianchi si spingevano dentro di lei, sollevando facilmente il suo corpo e trattenendolo lì finché entrambi i nostri orgasmi non erano diminuiti.

Avevo evitato di avvolgere Barbara tra le mie braccia per paura di ferirla, ma stasera mi ha tirato su le braccia intorno al suo corpo. «Accidenti, Jack, ma questo mi è sfuggito. Mi sono sempre sentito così amato tra le tue braccia. Purtroppo devo alzarmi». Mi baciò e saltò giù dal letto, trotterellando in bagno. Era affascinante vederla inserire il tampone e poi lavarsi l'inguine con il panno bagnato. Barbara ed io eravamo molto aperti l'uno con l'altro. Abbiamo pisciato e spostato le nostre viscere l'uno di fronte all'altro e sono sicuro che ci saremmo asciugati se necessario.

Barbara mi pulì, poi sciacqui l'asciugamano nella bacinella e tornò a sdraiarsi sul mio corpo come aveva fatto ogni notte da quando avevamo cominciato a fare l'amore. Ci ho messo la coperta addosso, ho baciato Barbara e ho spento la luce. Ci siamo addormentati quasi subito dopo una giornata lunga ma produttiva.


>>>>>>

Ci siamo alzati presto e abbiamo chiesto all'ufficio del motel dove potevamo trovare una colazione decente. Ci hanno mandato su per la strada verso un grande centro commerciale dove c'erano diversi ristoranti nelle dipendenze. Ne abbiamo trovato uno che era come una tavola calda, beh, era la cosa più vicina che potessimo trovare. Pensavo che i commensali non fossero così grandi in Massachusetts. Abbiamo mangiato di gusto non sapendo cosa avremmo potuto trovare per pranzo.

Seguendo la nostra mappa siamo arrivati ​​all'ufficio dell'agente immobiliare poco dopo le nove. Sara Kline era una donna sulla quarantina ed era ovvio che fosse nativa dal suo accento. Aveva diverse idee che abbiamo trovato utili. Ha suggerito di cercare nella vicina Somerville, una comunità di colletti blu nelle vicinanze perché i valori delle proprietà erano un po' più bassi lì e anche di pensare all'acquisto se avessimo programmato di rimanere qui per almeno quattro anni. “Sono sicuro che sei a conoscenza dei problemi con l'affitto. Quando te ne vai non ricevi nulla in cambio. D'altra parte sei responsabile della manutenzione della casa e del cortile se acquisti. Qui questo significa spalare molta neve”.

Ci ha portato in giro per più di tre ore, mostrandoci prima diversi appartamenti. Erano proprio come li aveva descritti la signora Atkins. I corridoi erano pieni di rifiuti e c'era musica ad alto volume che esplodeva dagli appartamenti anche se era solo metà mattina. Successivamente ci ha mostrato diverse case che erano in affitto. Mentre erano più tranquilli, erano tutti in cattive condizioni fisiche e una casa aveva una veranda che ero sicuro sarebbe crollata sotto il mio peso.

Alla fine, ci ha mostrato quattro case che erano in vendita. Mi sono ricordato di diverse cose che i miei genitori avevano detto quando stavano cercando. Ho controllato le planimetrie, sapendo che nulla di quello che abbiamo esaminato sarebbe stato l'ideale. Volevamo tre camere da letto, una abbastanza grande per il maestro e una per un centro studi. Il terzo potevamo usarlo come ripostiglio o come camera per gli ospiti nel caso avessimo un piccolo visitatore per un fine settimana. Sapevo che a Carole sarebbe piaciuto venire per qualche giorno. Volevo anche almeno un bagno e mezzo e una cucina abitabile sarebbe stata un plus. I primi due che abbiamo visto erano troppo piccoli. Uno aveva finestre antiche senza finestre antitempesta funzionanti. Sostituirli sarebbe una spesa importante. La seconda aveva una pressione dell'acqua terribile e la terza camera da letto era più piccola dell'armadio nella camera da letto di Big C. Mi ha aiutato il fatto di aver lavorato le estati e i fine settimana per mio padre. Ho controllato tutto l'impianto idraulico per assicurarmi che fosse all'altezza delle tubazioni di alimentazione in rame e dei rifiuti zincati e in ghisa. Ho anche controllato gli infissi: lavabo, lavandini nei bagni, servizi igienici e vasche.

La terza casa è stata un grande miglioramento. C'era un piccolo angolo fuori dalla cucina dove potevamo mangiare quasi tutte le sere e la camera da letto principale era di dodici per quindici anni, abbastanza grande da gestire facilmente la maggior parte dei mobili della camera da letto. C'era anche una piccola toilette - lavabo e wc - tra la cucina e il soggiorno. Aveva un seminterrato pieno con un bruciatore a olio decente che era stato sostituito solo cinque anni prima. Era su una leggera collina in modo che l'acqua della neve o della pioggia defluisse lontano dalla casa. Il lotto era piccolo, ma quella era la norma a Somerville.

La quarta casa andava bene, meglio delle prime due, ma non come la terza. La signora Kline ci ha detto che il marito era stato trasferito e che erano ansiosi di vendere. Chiedendo $ 18.500, abbiamo offerto $ 16.500. Sapevo che sarebbero tornati con una controfferta e che ne avremmo fatta un'altra prima di sistemarci. Come potevo saperlo? Avevo avuto due flash mentre guidavo in macchina.

In precedenza, quando eravamo appena entrati nel suo ufficio, la signora Kline aveva chiesto se potevamo gestire un mutuo con tutte le altre spese che avremmo dovuto sostenere. "Penso che ci fermeremo a Narragansett durante il viaggio di ritorno, così posso vincere abbastanza per l'anno". Barbara ha riso dell'espressione sul viso della signora Kline, così ho brevemente descritto la mia storia personale, dimostrando il mio punto di vista spostando la sua tazza di caffè sul tavolo. Ho lasciato un deposito di $ 100 sulla casa prima di partire alle 2:25 quel pomeriggio. Abbiamo optato per torta e gelato piuttosto che un grande pranzo tardivo, quindi siamo tornati al motel per poter telefonare a casa.

Volevamo condividere la nostra eccitazione e la mia famiglia era totalmente entusiasta per entrambi. Ho detto loro che saremmo tornati a casa domani, giovedì, ma forse non saremmo arrivati ​​fino a venerdì perché avremmo fatto tappa a Rhode Island. Quando ho condiviso i nostri piani con papà, mi ha chiesto se potevo fare qualche scommessa per lui. Ovviamente ho acconsentito.

Ancora una volta sono arrivato a Boston, ma questa volta in un famoso ristorante di pesce sul porto. Barbara mi aveva detto che non aveva mai provato l'aragosta. “Era sempre troppo costoso e non potevamo permettercelo. In effetti, raramente mangiavamo fuori”. Ero determinato a cambiarlo. Il signor Atkins ci aveva detto che aveva in programma di portare sua moglie in un favoloso ristorante di pesce sul porto, quindi era lì che stavamo andando ora. Una volta lì ci siamo accomodati in comode sedie di pelle a un tavolo con vista sul porto. Eravamo in anticipo, arrivavamo alle cinque in modo da poter essere certi di trovare un buon tavolo. Barbara mi ha chiesto di ordinare per lei. "Prenderemo la zuppa di vongole, l'insalata condita con vinaigrette e l'aragosta da due libbre, al vapore, con patate al forno e spighe di grano."

Il pasto è stato fantastico e sono rimasto estremamente soddisfatto quando Barbara ha mostrato il suo piacere per il suo primo boccone della tenera aragosta al vapore. Barbara era euforica durante il viaggio verso casa. “Spero che possiamo farlo di nuovo, Jack. Ho adorato il pasto... mi è piaciuto molto. La zuppa era buonissima e mi piaceva anche l'insalata, ma l'aragosta era fuori dal mondo. Penso che sia la cosa migliore che abbia mai mangiato". Le ho promesso che l'avremmo fatto molte volte in futuro, specialmente mentre vivevamo nel New England. Ho già immaginato di guidare fino al Maine per un weekend romantico.

La mattina seguente siamo andati prima alla libreria Lesley dove abbiamo comprato magliette e felpe poi ci siamo fermati all'Harvard Coop dove abbiamo ripetuto gli acquisti con l'attrezzatura di Harvard. Certo, ci siamo ricordati delle mie sorelle e dei miei genitori, includendoli nei nostri acquisti. Con le braccia cariche di borse ci siamo fermati all'ufficio ammissioni per ringraziare la signora Atkins per il suo aiuto. Una volta che abbiamo sistemato tutto nel bagagliaio, ci siamo diretti a sud a partire dalle undici, guidando questa volta sulla New England Thruway—I-95—che sapevo andava molto vicino all'Autodromo di Narragansett.

Certo, dovevamo mostrare un documento d'identità per scommettere, ma avevo il mio passaporto, soprattutto perché aveva la mia foto, quindi non ci sarebbero stati dubbi sul fatto che fossi chi sostenevo di essere. Non avevo comprato un giornale, ma non sarebbe stato necessario. Ho ottenuto gli stessi risultati dal modulo da corsa che abbiamo acquistato una volta entrati nel ristorante della pista. Non ho ottenuto nulla alla prima corsa, ma alla seconda, scommettendo su un cavallo che è partito con una quota di 12 a 1. Scommetto dieci per noi e dieci per papà. Abbiamo avuto un ritorno di $ 132,60 su ogni biglietto. Tenevo i soldi di papà nella tasca sinistra e i nostri nella destra.

Ho tolto la terza gara, ma ho scommesso sulla quarta e quinta anche se non ho avuto flash. Ho sempre scommesso e perso almeno due volte per evitare funzionari sospetti in pista. Scommetto venti nella sesta corsa per noi e per papà, ricevendo una discreta restituzione di $ 392,20 per ogni scommessa. Abbiamo fatto i nostri soldi veri alla nona corsa, scommettendo l'esatta - venti per noi e dieci per papà a più di 1900 a 1. Sono dovuto andare negli uffici pari-mutali per ritirare, prendendo due assegni certificati al posto dei contanti che sarebbe stato ingombrante e forse pericoloso. Tuttavia, ho richiesto e ricevuto una scorta di sicurezza alla nostra macchina. Abbiamo lasciato la pista poco dopo le cinque, arrivando a casa tre ore dopo, in tempo per distribuire i nostri regali alle mie sorelle e contanti ai miei genitori riconoscenti. Abbiamo appreso allora che sia il tenente Flanagan che il signor Silverman volevano che li chiamassimo domani mattina anche se sarebbe sabato.

Barbara e io ci eravamo fatti la doccia e ci eravamo infilati nel letto quando mi ha tirato a sé. "Ti amo, Jack e se ho imparato qualcosa nell'ultima settimana è che la vita con te non sarà mai noiosa." Poi mi ha mostrato uno dei principali motivi per cui. Mi addormentai immediatamente quando lei ebbe finito con me. Il mio amore mi aveva sfinito.


>>>>>>

Ho telefonato al tenente Flanagan alle 9:30 del mattino seguente, rendendomi conto che il numero che aveva dato alla mamma era diverso da quelli che avevo usato per contattarlo al quartier generale della polizia. Quindi, non sono stato affatto sorpreso quando al telefono ha risposto un bambino. "Ciao", ho iniziato. “Mi chiamo Jack French. Tuo padre mi ha chiesto di telefonargli a questo numero".

Avevo appena finito di parlare quando ho sentito il ragazzino urlare: “PAPA'! È QUEL RAGAZZO DI CUI CI HAI PARLATO!”

"Ciao, Jack... mi dispiace per questo."

«Non c'è bisogno di scusarsi, signore. Ho tre sorelle più piccole e se la più piccola, Carole, avesse risposto al telefono avresti sentito più o meno la stessa cosa.

«Ti ho telefonato per la tua apparizione al gran giurì. Com'è mercoledì mattina per te e Barbara?»

«Va bene tenente. Barbara si iscriverà a scuola lunedì mattina e sono sicuro che gli insegnanti saranno molto accomodanti. Dove dobbiamo andare? Sarai lì per incontrarci?"

“Penso che sarebbe meglio se mi incontrassi al quartier generale e poi ti accompagnerò al tribunale dove si riunisce il gran giurì. È vecchio e non lo usiamo più per i casi criminali perché le celle del carcere non sono così sicure. Come sono le 9:00 per te?"

"Andrà bene. Accompagnerò Barbara in ufficio verso le 19:45 e darò il nostro messaggio alla segretaria. Se partiamo per le 8:15 dovremmo essere un po' in anticipo, ma con il traffico dell'ora di punta non si sa mai.”

"Va bene, Jack... ci vediamo allora." Ha chiamato e ho chiamato il signor Silverman. Sapevo che i suoi figli erano più grandi, quindi non ero affatto sorpreso quando ha risposto lui stesso al telefono. Dopo i consueti preliminari si mise subito al lavoro.

“Ti ho trovato una casa da affittare fino alla fine dell'anno scolastico. Il proprietario sarà a Little Rock per lavoro per quattro mesi. Vuole conoscere te e Barbara. Ha sentito parlare di te, ma credo che voglia essere rassicurato". Mi ha dato il numero e l'indirizzo. L'ho riconosciuto come a solo mezzo miglio dalla scuola.

Ho impiegato alcuni minuti per aggiornare Barbara, quindi ho composto il numero del signor Grover. Mi sono presentato e abbiamo parlato per alcuni minuti prima che lui chiedesse se potevamo passare più tardi quella mattina. Ci siamo messi d'accordo per le undici e ho riattaccato. “Incontreremo il proprietario di casa alle undici. Vive vicino al liceo, quindi penso che andrà tutto bene se partiamo verso le 10:40".

«Sono un po' nervoso, Jack. E se non gli piacciamo?"

"Allora la mia famiglia sarà bloccata con noi". Carole rideva mentre i miei genitori facevano uno spettacolo con finte smorfie che non avrebbe mai vinto un Oscar. Poi Barbara ha fatto quello che ha sempre fatto: mi ha baciata.

Bussai alla porta della casa del signor Grover alle undici in punto. Aprì la porta e ci invitò a entrare. "Ho sentito molto parlare di te, John, ma vorrei che tu descrivessi te stesso e perché vuoi affittare la mia casa".

"Okay, sono sicuro che sai che sono all'ultimo anno della High School. Oltre a giocare a calcio, basket e baseball sono anche uno studente molto serio. Sarò valedictorian facilmente e sono stato accettato ad Harvard. È lì che Barbara e io siamo stati la maggior parte della settimana, alla ricerca di un posto in cui vivere e, si spera, che Barbara sia indirizzata nella giusta direzione per trovare un college che possa frequentare.

"Come te la sei cavata?"

«Molto bene, signore; una donna dell'ufficio ammissioni ci ha indicato la Lesley University che è molto vicina ad Harvard e suo marito che lavora nell'ufficio ammissioni di Lesley ci ha consigliato un agente immobiliare. Ci ha trovato una casa che sono disposto a comprare nella vicina Somerville.»

“Stai comprando una casa? Da dove vengono tutti questi soldi?"

“Il denaro non è mai stato un problema per me. Devo raccontarti un po' della mia storia. Il mio cervello è cambiato radicalmente quando sono stato colpito da un fulmine all'età di otto anni. Questo mi ha dato alcune abilità interessanti. Per prima cosa il mio QI è aumentato di 76 punti anche se in precedenza era alto. Posso anche fare cose stupide come questa.” Allungai la mano e il suo attizzatoio vi volò dentro. Guardò stupito. “Ho guadagnato dei soldi quando avevo otto anni e ho fatto bene a investirli. Ho comprato IBM quando era di circa $ 5,00 per azione. Da allora si è divisa tre volte e ora sono quasi cinquanta. Ho anche molti altri investimenti che sono andati altrettanto bene. Posso pagarti in anticipo, se lo desideri, anziché mensilmente".

“E le feste? Penso che un giovane come te godrebbe di una vita sociale attiva”.

“Barbara e io ci frequentiamo da mesi e in quel periodo siamo andate a una festa: Capodanno. Potremmo intrattenere, ma sarebbe una piccola folla, molto probabilmente solo i miei compagni di squadra di basket e le loro amiche per cena e TV dopo, ma non una festa e mai nessun altro. Barbara e io abbiamo entrambi diciotto anni, ma non beviamo. Abbiamo bevuto un bicchiere di champagne a uno spettacolo di Broadway a dicembre, ma questo è tutto».

"Dovrei farti uscire di casa entro il primo luglio."

"Non è un problema; Prevedo che andremo in Massachusetts una volta finita la scuola. Dobbiamo comprare un letto, mobili, scrivanie e penso che avremo bisogno anche di nuovi tappeti. Dobbiamo fare tutto questo prima dell'inizio della scuola a settembre".

"Un'ultima preoccupazione: tu e tua moglie... capisco che vi siete dovuti sposare."

«Non so da dove ti sia venuta l'idea, signor Grover, ma ti sbagli. Mi sono offerto di sposare Barbara perché è stata picchiata duramente... frustata sarebbe una descrizione migliore da parte di una delle suore della sua scuola. C'è stato un disturbo quando le altre ragazze hanno visto il suo anello di fidanzamento. La suora lo prese da Barbara e verso mezzogiorno Barbara chiese che lo restituisse. Invece, la suora l'ha afferrata, l'ha trascinata in classe e l'ha frustata senza pietà finché non è riuscita a staccarsi. Non c'era modo che le avrei permesso di tornare in quella scuola, così sono intervenuto e l'ho sposata. Adesso potrà frequentare il liceo con me dove potrò proteggerla».

"Va bene, puoi restare qui, ma mi aspetto un deposito di $ 1.000 come assicurazione."

"Va bene. Dirò al mio avvocato di redigere un contratto. Lo avrai entro lunedì pomeriggio.» Ci siamo stretti la mano e ho portato Barbara alla macchina.

"La casa sembra carina, Jack."

“I’m sure it is, but I doubt we’ll live there. He doesn’t want to do it. He was looking for an excuse not to. He also thinks he can cheat us out of a thousand dollars. Once he gets his hands on that money we’ll never get it back.”

“Can he do that?”

“He’ll come up with some phantom problem and we’ll have to go to court to get it back. It’s a good location, but I’m sure Mr. Silverman will advise us not to get involved.”

Sure enough, that’s exactly what he told me. “Stay away from that jerk, Jack. We’ll find something else.” E lo ha fatto. By Wednesday the real estate agent he was using had found us a house to share with a widow. She was pleasant and offered to cook our meals for a small fee if I would agree to maintain the yard and her flower beds. It was a winning proposition for both of us. She—Mrs. Mazzone—had a bedroom and bathroom on the first floor along with the kitchen and living room that she was willing to share while Barbara and I had a good-sized bedroom, bath, and a smaller room where we could study on the second.


>>>>>>

Barbara and I walked into the high school main office at 7:45 Monday morning where we were greeted by Mrs. Cecil. “Morning, Jack…and you must be Barbara. I know that Mr. Wickers isn’t too happy, but I think what you did was wonderful.”

“Thanks, Mrs. Cecil. Here are Barbara’s records and here’s a note in regard to Wednesday.”

“You’re appearing before the grand jury? Oh, my! I guess that really will be a legal excuse, won’t it?” Then she laughed and her laugh brought our asshole principal out from his office.

“I’m not very happy with you, Mr. French!”

“I really don’t care, Mr. Wickers. I want Barbara to be here and she is. I’m taking her down to see Mrs. Costello now. You’ll find out soon enough what kind of person she is.” I took Barbara by the arm and led her away.

“Oh, Jack—I’m so sorry. I’m nothing but trouble for you.”

I pulled her into the lobby where there were several large pillars. Standing behind one I told her, “I don’t ever want to hear you say that again. I love you, Barbara, and I’m thrilled to be married to you. Wickers is a pretty good principal most of the time, but he’s also a real asshole sometimes and this is one of those times. Mr. Silverman saw the superintendent last week and he passed the word down to Wickers. His reaction is exactly what I thought it would be.” I leaned down for a quick kiss that, fortunately, was unobserved and walked Barbara down the hall to see Mrs. Costello, the guidance counselor.

Unlike Mr. Wickers she was warm and welcoming. She spent a few minutes asking Barbara what she was studying at St. Claudia’s. Then she created a schedule for Barbara. She would be in my homeroom and my English and history classes, but while I was taking calculus she was taking advanced algebra and she was also taking chemistry instead of physics. Spanish 3 and physical education rounded out her schedule.

We were walking to the lockers when she asked me, “What is physical education?”

“It’s a chance to get good and sweaty in the gym. I’ll have to ask Mom where to get a gym suit for you. Maybe Angela has one that will fit you. Let’s find your locker. I think it’ll be right across the hall from mine.” It was, and it took me a minute or two to show her how it worked. In that time several of my classmates came over to say hello and welcome Barbara to the school. We were only a minute late to homeroom and we were all amused when Mrs. Snyder asked Barbara if she was related to me.

“We’re not blood relatives, Ma’am. We have the same name because we’re married.” Mrs. Snyder was shocked and everyone chuckled, remembering that all-out laughing wasn’t appropriate in school.

I made a brief explanation, telling her that all would become clear within the next month or so then Barbara took a seat near the rear of the room where there was an empty seat. This was a big room—big enough to hold every senior in the school. That came in handy when we had to make announcements to the class or discuss some class activity.

I was headed to physics first period while Barbara had Spanish. Marlene offered to help her find the classroom. We parted with a quick hug and the next time I saw her was fourth period in English with Mrs. Wohl. By then she knew all about Barbara’s presence. She added Barbara to her roll book and told her to take a seat wherever she could find one. Marlene was sitting next to me and got up to allow Barbara to sit there while she found another seat a few rows back.

You’d be disappointed if you thought there would be any shenanigans between us. We had plenty of that at home and our situation with Mrs. Mazzone was better than we had anticipated. “I know you were married only two weeks ago and, believe it or not, I was young once too so don’t worry about making a bit of noise at night. I’m sure you get my meaning.” We did and we still made love every night and many mornings, too. In return we always received a beaming smile from our landlady.

We actually attended one class Wednesday morning before leaving school for our drive to the Yonkers P.D. Lt. Flanagan was waiting for us and whisked us into his sedan only a minute later. He was all business as he described what would happen. “I’ll have to testify first. Basically, the district attorney handling the case will ask a simple question and it will be our responsibility to flesh out the answer. Don’t embellish and be honest in what you say and all will go well. Relax and don’t be nervous. There is no cross examination at the grand jury. Did I explain that to you?”

“Yes,” I said with a little chuckle. “I think you’re even more nervous than we are.”

“If I am it’s for Barbara. I’m sure she doesn’t like reliving that horrible experience.”

“You’re right, Lieutenant, but if it will help stop those atrocities I’ll tell the story a thousand times.”

“You’re a brave young woman, Barbara. I’ll try to get Jack to testify first so he can be with you while you testify.”

I hadn’t realized that we had to go all the way to White Plains, the county seat, so it was almost 10:00 by the time we had arrived. Lt. Flanagan led us inside until we were stopped by several court officers who wanted to see our ID. Flanagan flashed his badge and ID card and Barbara and I pulled our wallets to show our driver’s licenses. Only after emptying our pockets and Barbara’s purse were we allowed to pass. I was somewhat concerned until Lt. Flanagan assured us that it was to insure privacy and confidentiality of the grand jury’s proceedings.

We were about halfway down the hall when a door opened and we saw a woman I guessed was in her mid-thirties approach us. She greeted Lt. Flanagan who introduced her as ADA Linda Koslowsky. We shook hands and she reviewed what would happen even though Lt. Flanagan had just done that in the car. She agreed to the order he had suggested, telling us not to become anxious due to the delay. “The grand jury is always deliberate,” she said with a chuckle. “By deliberate I really mean slow. Not only do I ask questions, but they sometimes do, too and their questions can really go far afield of the issues. But this is the process we use and it’s been in existence for hundreds of years so it must work.” With that she led Lt. Flanagan away.

Barbara and I sat in the uncomfortable seats for more than an hour until she reappeared to bring me into the room. I kissed Barbara and walked in, showing my surprise when the door locked behind me. There were a lot of people seated in rows that rose in four tiers. I thought that there were at least forty, but that was just a guess. A clerk approached and I was sworn in. That was when I first noticed the judge off to the left of the jury. Once seated, the ADA asked for my name, address, age, and a few facts about my high school experiences.

I described both my academic and athletic achievements; I was a bit taken aback when one of the jurors asked if I was the one who had made All-American. “Yes, sir; that was me. I was named All-American the past two seasons.” Then Mrs. Kozlowski questioned me about my involvement in the case at hand. I explained how and why I had proposed to Barbara and I described the ring in detail—size and color of the stone, its quality, and the type of setting and band. Lt. Flanagan had already produced the receipt and I stated clearly that it was the one I had received from Harry Winston in Manhattan. I couldn’t testify about what had occurred in the school. Barbara had to do that, but I did tell about volunteering to go to the school office wearing the wire that could record the conversation.

We listened to the tape in the school office and I swore that it was an honest and complete record of what had transpired. I answered several questions from the ADA and several more from some jurors. Then I repeated with the same set of questions about my visit to Monsignor Moran. I was about to step down when one elderly woman asked why I had married Barbara. “First of all, I love her very much and have almost from the moment we met. She’s an incredible person. Secondly, I felt that I had to protect her. Her foster parents are very caring people, but they are blind to any wrongs that may be committed by the leaders of their church. They still have difficulty believing that Barbara was whipped by this nun even after viewing the photographs you have seen this morning. They would have forced her to return to that school where she might have been further tortured. Would you have allowed someone you loved to endure that kind of treatment? I knew that I wouldn’t and couldn’t.” I was excused from the stand, but was not required to leave the room. Instead, I stood just inside the door where I hugged Barbara as soon as she stepped in. I could see that she was frightened and that nothing I could do would calm her.

She had just taken the oath when the jury forewoman spoke. “I can see that you’re nervous. You have nothing to fear, my dear. We are here to help you, not hurt you. Just tell us what happened to you. Tell us everything. Will you, please?” Barbara seemed more relaxed when she sat and I reached out to take her hand. Barbara responded now to the questions from Mrs. Kozlowski, slowly rebuilding the events of that fateful Monday. She seemed to gather herself as she spoke. I could feel her strength in her hand grow as she progressed from the theft of her ring to the horrendous beating she had received at the hands of the nun who should have been her caring teacher. She told how she drove frantically to my parents’ house, how my mother had phoned the school and how I had responded immediately. She described her experience in the emergency room and how I had cared for her afterwards.

Barbara was excused after she had testified for an hour. ADA Kozlowski thanked us for our time and testimony. “I have no doubt that there will be indictments against all three of these monsters. I know these people. Half of them are Catholic and they hate the thought that their priests and nuns would behave in such a despicable and unchristian way. I’ll be in touch with you by Friday, Lieutenant. I think you can plan to act within the next week.” She thanked us again and Lt. Flanagan led us back to his car.

“I’ll take you out to lunch then I think you should go home and rest. You’ve been through a meat grinder, Barbara. You’re a very brave young woman.” I gave him our new phone number, the one we’d had installed in Mrs. Mazzone’s home even though she had tried to convince us to use hers as our own. I drove Barbara back to what was for now our home and put her to bed, lying with her until she was asleep then I rose and went downstairs to speak with Mrs. Mazzone.

“It must have been very difficult for her.”

“It was. She’s much braver than I could ever be. To relive those horrible moments over and over; I think she can feel the lashes of that whip even worse than she did that infamous day. I can’t wait for this horrible episode to be behind us. That’s one of the reasons why I want us to move to Massachusetts. She needs to be busy, studying as well as building our life together. She needs more work than high school can provide.”

“She needs time more than anything else. I thought I would die when my dear Louis passed away. Now, almost three years later I know that I still love him, but we were not meant to grow old together. I still miss him, especially at night when I am alone, but it gets easier every day. The same will happen with Barbara. Just be sure to be there always for her.”

“You need never worry about that.”


>>>>>>

The next three months passed swiftly, but not without a number of spectacular highlights. Barbara made her way into the yearbook—just barely when I phoned Carolyn who was the editor the afternoon after her beating. There was an April 1 deadline unless we were willing to pay a penalty. I phoned a local photographer and made arrangements for her to be photographed and for the photos to be rushed to Carolyn’s home. I trusted her to pick the best, although they were all excellent. I also knew that Carolyn would write something appropriate, in consideration of her late enrollment. She did exactly that, noting that Barbara’s most outstanding senior moment was, “Kissing my husband Jack after winning the state basketball championship.” Funny—that was my most outstanding moment, too.

It was only six days after our appearance before the grand jury that Lt. Flanagan and a squad of police appeared at St. Claudia’s School. There were arrests—Sister Mary Theresa in the main office and Sister Mary Patrick removed kicking and fighting from her classroom immediately—and two others after the records so vainly kept by a series of self-serving principals had been examined. Also found was a small treasure of purloined jewelry in the desk and dresser of Sister Mary Patrick as well as the three other nuns—baubles stolen over the decades from innocent and unsuspecting students and their families. Barbara’s ring was in Sister Mary Patrick’s desk. The blood-soaked whip was easily found on a hook in her closet.

Lt. Flanagan then took a small group of officers to the archdiocese offices to arrest Msgr. Moran. The list of charges went on for four pages, rivaling only those of the two nuns. Not surprisingly, the Cardinal denied any knowledge of the allegations. Barbara and I watched almost everything on the six o’clock news that evening, declining an invitation from the District Attorney to witness the arrests.

As I had anticipated, Stanley Silverman instituted a class action lawsuit on behalf of the three hundred and seventy-six victims, some of whom were old enough to be grandparents now, using the list to identify and locate them. The suit claimed compensatory damages of more than eight hundred million dollars and unspecified punitive damages. He held a major press conference on the steps of the State Courthouse in which he fervently expressed his ire at the actions of the so-called professionals parents had entrusted with their daughters. He wanted Barbara and me there, but we politely declined. We’d done enough.

I had always gone fishing over the Memorial Day weekend so when I asked if I could use the bungalow my parents agreed immediately. We were at dinner two Sundays prior and Carole actually begged to join us. “I think that Jack and Barbara would enjoy some time alone,” Mom told her. But Barbara and I had anticipated her request and agreed if we could get Carole out of school a bit early on Friday afternoon. Thus, Barbara drove from school to my parents’ home on Thursday to get Carole’s clothes for the weekend then she drove into Tuckahoe to get me after our game.
Unfortunately, we weren’t going to the playoffs. I’d had a good year on the mound, pitching my way to a 4-1 record and a 2.05 ERA while batting for a .420 average on exactly 21 for 50. Our other two pitchers, however, had losing records and of my teammates, only Tony had a decent batting average. Even Eli who had made All-County with me last year had been mired in a season-long slump, barely batting .200.

We left the high school at 2:00 and picked Carole up only five minutes later. She was elated to be with us and we always enjoyed being with her, too. We reached the bungalow by four, stopping in nearby Rocky Point to pick up some hooks and sinkers as well as a dozen sand worms, the preferred bait for blackfish in the spring. Blacks live in rocky areas so the north shore of Long Island is almost ideal with the millions of rocks large and small pushed down from New England by the ancient glaciers.

The first thing I did was strip the monofilament from my spinning reel and re-spool with new twenty-pound test mono. When that was done I took my two girls out for a quick dinner—pizza. Mom knew that we were now practicing Lutherans so meat on Friday was not only acceptable, it was the norm. We had a special dispensation as a result. Carole liked pepperoni while I liked sausage. Barbara, ever the diplomat, would accept both so we ordered a large half and half and a couple of Cokes. Getting to the restaurant early meant we could eat quickly and get back to try fishing while there was still daylight.

I made my first cast and stood still, my long rod resting on my thigh. Barbara and Carole amused themselves by playing tag. Somehow Carole was always able to catch Barbara, but Barbara had the utmost difficulty catching her eight year-old sister-in-law. They were laughing like crazy when I had my first bite. This kind of fishing takes patience. The first tug occurs when the fish mouths the bait. Strike then and you’ll catch nothing. You’re only pulling the hook out of the fish’s mouth. I’ve done this for years so I was ready for the second powerful tug. A strong pull on the rod set the hook. I always file the point so it’s razor sharp. Blackfish have thick fleshy lips so a sharp hook is a real advantage. I pulled it easily to the shore, knowing as I did that I would release it. Sure enough it was a lightweight. It was only out of the water for seconds before it swam away.

The fishing was great for the next hour as I caught and kept two fish over five pounds—a gift for Mrs. Mazzone. I cleaned them at the water’s edge, removing the head and the entrails then turning the knife over and scraping it against the scales to remove them. Finally, I used an old set of kitchen shears to remove the fins. I washed my hands and my tools and we were ready to hike up the path. I’d never found walking up the path at night to be terribly difficult because there was usually ambient light from the moon and stars. It was really dark once we were under the trees, but the path was surprisingly easy to see because of the contrast between the white sand and the dark green plants that appeared black at night. Barbara got Carole ready for bed while I washed the fish, dried them with a clean rag then wrapped them in aluminum foil for the refrigerator.

We hugged and kissed Carole as we tucked her in and then she asked the big question, “Barbara, where are you and J.J. going to sleep?”

“Right over here in Jack’s bed.”

“Both of you? In that little bed?”

“Yup! And there will still be room for you in the morning. Okay?”

Apparently it was because Carole smiled, hugged Barbara and me one last time and rolled over to sleep. Barbara and I retreated to the living room where we sat quietly reading some of my parents’ extensive library of paperbacks. Only when we were sure that she was soundly asleep did we shower and make love, with Barbara seated securely on the kitchen counter, me standing between her legs. Barbara had taken a small towel from the linen closet to stifle her usual orgasmic scream. We retired as we did every night with Barbara’s head on my chest and her leg over my thigh. There was one huge difference though—we were wearing t-shirts and gym shorts because of Carole’s presence.

We fished again on Saturday, this time with my friends, but at night we took Carole to the drive-in movie in nearby Rocky Point. She played in the playground before the movie and enjoyed the cartoons, but lay down on the rear seat under a small blanket once they had ended.

We took Carole with us to the Lutheran church with Mom’s blessing then fished all Sunday afternoon. Blackfish are funny. Sometimes you can fish all day and catch nothing, not even getting a single bite. Other times you can’t reel the fish in fast enough. The afternoon was a washout, but after dinner it was hotter than I’d ever seen. I must have caught twenty fish and my buddies caught even more. Mrs. Mazzone was delighted with the fish we brought home to her, treating Barbara, Carole, and me to dinner the following evening.

And then, of course, was the wedding. Setting up the actual ceremony was a breeze, but the catering hall? Yeah…good luck with that. Everything that was worth anything had been booked six months or more in advance. So it was that we met with my parents after Sunday dinner in early April. “I can only see two alternatives, Jack,” my dad explained. “Either we put up a big tent on the side lawn here at home or you book the fire department.”

“Of course,” I said as I began to explain to Barbara. “The upstairs at the fire department has a big open room with a commercial kitchen and they’ve held dozens of catered affairs there.” Dad told us that he would make the booking then all we’d have to do was contract with a catering firm. I was on the phone less than five minutes later, striking gold with the first call to Keens Steakhouse in Manhattan.

Barbara and I handled the invitations and in addition to saying yes or no we asked each guest what they wanted to eat—grilled ten-ounce prime filet or steamed two-pound lobster. Then we had to deal with the florists and dresses for Barbara, Carole, and two of her closest friends—Marlene and Carolyn. Thank God all the guys had to do was rent a few tuxes; that was the easiest part of the planning. That we scheduled for Friday afternoon and evening the week before graduation was just about perfect.

Mom, Aunt Debbie, and three of our neighbors managed all of the set-up that morning while Barbara and I were in school taking final exams. Afternoon beauty salon appointments for the women and haircuts, shaves, and manicures for the guys gave us just forty-five minutes to dress and get to the church while Barbara and the other women piled into the limos.

I had given Barbara her own credit cards just in time to pay for the dresses and lunch in Manhattan. All told Barbara spent three days selecting and fitting although I suspected she was more interested in eating out in the city than the actual shopping.

The day of the wedding was perfect—sunny with temperatures in the low eighties as Eli and I stood near the altar of the Lutheran church with Pastor Moody. The hundred guests were all seated when the organist began the wedding march. Eli patted me on the back as the ushers and bridesmaids made their way up the aisle. Finally, I saw Mr. Gleason and Barbara begin their slow way forward. She had refused to say a word about her dress and now I understood why. It was elegant—form-fitting in an oriental fashion with a long slit running up the left side. The dress itself I learned later was sleeveless with a long-sleeved bolero jacket that ended at her waist.

She joined me with a squeeze of my hand and a quick kiss. Unlike the Catholic Church where we would have endured an entire Mass, the ceremony was short and to the point, essentially the reading of a few bible passages, the exchange of vows, and a few words of advice before ending with a big kiss. We did exchange rings as we had in the Eastchester Town Hall, but this time I surprised Barbara by placing her engagement ring onto her finger once her wedding ring was in place.

I had asked Lt. Flanagan about it almost a month ago and he told me it could be released. “There are so many charges here that nobody will miss this one.” He had delivered the ring to the High School office almost a week before the ceremony where Mrs. Cecil held it for me until Friday afternoon just before we left school. That was the only way I could keep the secret.

Eli had just given me Barbara’s ring and I had placed it onto her finger when I pulled the solitaire from my pocket. The expression on Barbara’s face was priceless as I slid the second ring up her finger—almost as priceless as the kiss she gave me a second later. Pastor Moody had to interrupt the ceremony to explain to the guests before Barbara returned my ring to my finger and we had the official end of ceremony kiss.

We had color-coded nametags on the tables—blue for lobster, red for beef—as well as an open bar even though most of the guests would be drinking Coke or Seven-Up. Barbara and I did share a private toast in which I swore to love her until the end of time and she promised to love me even longer.

The reception began with a cocktail hour which for our classmates was just an opportunity to pig out on boiled shrimp and hot and cold hors d’oeuvres. I knew that I overate, but next to Eli I had eaten almost nothing. After the cocktail hour we did all the silly traditional things—the best man’s toast, the first dance, Barbara’s dance with her “father,” Mr. Gleason and my dance with my mother. I did dance with Mrs. Gleason and with Mrs. Mazzone and, of course, with my favorite aunt. But every other dance went to my gorgeous wife.

Everyone had a wonderful time, but there was almost a nasty incident thanks to my bigoted asshole uncle. Eli had asked Carole to dance and he had lifted her bodily, holding her with his forearm under her legs. Eli was smiling and Carole was laughing, but Uncle Arthur was red-faced and livid that a Negro would handle his niece in such a fashion. Apparently, he had forgotten that Carole’s parents were seated less than ten feet away and were laughing along with Carole.

I excused myself quickly and intercepted my irate relative before he was half-way across the dance floor. “Let it go, Uncle; it’s none of your business. Eli is my best friend and Carole knows him well. What you see as taking liberties is nothing more than being friendly.”

“But, he’s a….” He shut up then because I had my hand over his neck and I was sure he was in a lot of pain.
“Feel free to leave if your racist ideals have been offended. I’m sure you won’t be missed. I’m also sure that Eli could crush you with only one hand since his other is occupied with Carole. Oops, too late…the song is over. Incidentally, if you think you’re going to ruin the party for Barbara you’re delusional. I’ll crush you first. Keep that in mind as you return to your table or just leave…your choice.” I released him then, shoving him back to his table. He turned once, rubbing his neck with his hands as he trudged away. The party broke up at midnight with most of my relatives returning to my parents’ place. Barbara and I got into the limo for a short drive to The Plaza in Manhattan.

We spent our wedding night making the most incredible love all night before ordering room service for a late breakfast. We spent a good part of Saturday at the Bronx Zoo before returning around five for an early dinner and a trip to Broadway to see “How to Succeed in Business Without Really Trying.” We stayed overnight at The Plaza before taking the limo back to Mrs. Mazzone’s in the late afternoon. We brought in sandwiches from the deli, eating while studying the rest of the evening.

We had studied for weeks to prepare for final exams and the State Regents’ exams. Barbara had Chemistry and Advanced Algebra while I had French Three even though I had never attended even a single class of French. I had learned years ago that state law permitted a student to take any Regents Exam even without taking the course. I had met with the French teacher several times to learn pronunciation and some idioms, but—other than that—I had learned everything on my own, buying the textbooks and some books on French culture at a major bookstore in Manhattan. I had spent at least an hour a day over junior and senior years and it paid off with a grade of 98 on the exam. I laughed; it was my lowest score on the dozen or so state exams I had taken, not that I cared at all.

I had taken the SAT four times—once in each grade, receiving the same score each time—1590 out of 1600. As a freshman I missed one question in the English section. The next year it was in math then I repeated the sequence again just to prove I could do it. I knew that I would receive a lot of notoriety by scoring 1600, but I had received so much already that I felt I didn’t need any more. Had that hurt me

Storie simili

UNISCITI AL SIGNORE OSCURO PARTE 2

Mi sono svegliato nella mia stanza dolorante dalla scorsa notte e ho preso gli occhiali e li ho indossati solo per scoprire che non riesco a vedere che è troppo sfocato, quindi li tolgo per scoprire che posso vedere meglio senza di loro. PAPÀ VIENI QUI PER UN SECONDO che cos'è figliolo non ho bisogno dei miei occhiali perché quello che è successo bene è della scorsa notte il signore oscuro era così felice che ti ha rifatto come ricompensa. Vai a guardarti allo specchio inciampo fuori dal letto, guarda nello specchio pieno e noto che ho perso molto peso, sembro...

224 I più visti

Likes 0

Cat girl Charity - Un invito personale a ballare

Benvenuti nella terza storia di Charity, una ragazza-gatto che sta cercando di trovare il suo posto nella vita, e anche un amore a lungo cercato. In questa storia vediamo la crescente relazione tra lei e il Cancelliere dell'Accademia, noto come Storm Dragon, e un potente mago a sé stante, oltre alle sfide quando un vecchio nemico si presenta per causare il caos nelle loro vite. Quindi vieni e unisciti a noi ora, poiché Charity è invitata a un ballo formale dell'Accademia, mentre ha altre idee di ballo in mente. Spero che ti piaccia questo. Si prega di lasciare alcuni commenti in...

202 I più visti

Likes 0

Il Progetto Zethriel (Capitoli Cinque - Sei)

---(Cinque)--- Quando Keria Shadoweye si svegliò, era sera. L'ultima luce del giorno stava filtrando attraverso le tende blu scuro, proiettando un bagliore torbido sulla stanza. Devono aver dormito per molto tempo, pensò. Sotto di lei, Zethriel dormiva pacificamente con il suo cazzo duro come una roccia di nuovo dentro la fica di Keria. Alzò la testa dalla sua spalla per guardarlo dormire. A cavallo di lui com'era, il suo cazzo la riempì di soddisfazione e il suo corpo era così caldo sotto di lei mentre il petto di Zethriel si alzava e si abbassava con il suo respiro. Non riusciva a...

255 I più visti

Likes 0

Chat room: una vendetta malvagia della fidanzata

Torni a casa dopo una lunga giornata di lavoro; ti togli il cappotto e vai in cucina per una birra. Quando apri la porta del frigorifero, la tua ragazza si avvicina da dietro, coprendoti gli occhi con una benda. Lo lega stretto essendo un po 'ruvido Ho un osso da scegliere con te !! ti scatta contro. 'Ma che...?! Chiedi, alzando la mano per scoprirti gli occhi. Ti dà uno schiaffo sul dorso della mano e ti afferra il polso tirandoti fuori dalla cucina. Essendo bendato sei disorientato e perdi l'equilibrio, quasi inciampando mentre ti trascina su per le scale. La...

203 I più visti

Likes 0

Condividere un letto con la mamma parte 2

Condividere un letto con la mamma parte 2 Quindi, dopo aver fatto venire mia madre, ho tirato fuori il mio cazzo dal suo culo e mi sono sdraiato accanto a lei, entrambi riprendendo fiato, guardandoci negli occhi, sorridendoci l'un l'altro, ti amo mamma ti amo anche io figliolo abbiamo sudato parecchio e la mamma ha detto non dovremmo davvero andare a letto così, non voglio che le mie lenzuola siano tutte sudate, cmq figliolo, andiamo a farci una doccia e puliamoci a vicenda mi sono sdraiato a letto e ho guardato mia madre andare in bagno nuda, non riuscivo a staccare...

219 I più visti

Likes 0

Il nuovo paziente di Sarah - Prima parte

Sarah era nervosa mentre usciva dalla sua macchina e si dirigeva verso le porte che l'avrebbero riportata al lavoro per la prima volta dalla festa di Capodanno dove aveva recentemente perso la verginità. L'intera notte era ancora confusa... un'eredità di punch alla frutta e una notte di scopate intense che non si aspettava né voleva, ma durante la quale ricordava distintamente di aver avuto un orgasmo più e più volte mentre implorava gli uomini che l'avevano portata a scopare lei e sborra dentro lei. L'intera faccenda sarebbe potuta sembrare un brutto sogno se non fosse stato per il fatto che...

144 I più visti

Likes 0

La vendetta di Ambra

CAW # * Voce Questa è una storia di vendetta e dolore. Questa è una storia di amore e affetto. Questa è una storia di soddisfazione e persone che ottengono la loro punizione. La mia ragazza Amber ed io eravamo membri di un sex club. Ad entrambe piaceva andare e partecipare alla maggior parte delle attività del club, ma lei si rifiutava di fare sesso con altre donne. Le piaceva guardare altre donne nel club, farsi scopare e le piaceva anche guardare altre donne scoparsi a vicenda, ma non è mai stata in grado di leccarsi la figa. Ero perplesso da...

171 I più visti

Likes 0

Le fantasie di Barbie Lez - Settimana 104: Lexi Lust e Sexxi Lexxi

Nota dell'autore 1: Queste brevi fantasie sono nate come mini-storie settimanali per i miei lettori, ma la newsletter è stata chiusa perché gli autorisponditori non accettano contenuti per adulti. Ho quindi deciso di pubblicare queste fantasie gratuitamente per far divertire i miei lettori. Ha lo scopo di intrattenere, quindi per favore non lasciare commenti odiosi se tutto non è perfetto. Dopotutto sono solo umano. Nota dell'autore 2: Sebbene questa fantasia possa essere letta indipendentemente, è stata scritta come parte di una serie. Per il massimo divertimento, leggi The Barbie Lez Fantasies: Week 1-103. *** Hai mai avuto una di quelle fantasie? Sai, quelli...

54 I più visti

Likes 0

Surrogato sessuale

Surrogato sessuale Ch1 Spruzzandomi acqua sul viso e fissando un grande specchio del bagno, stanco per la lunga serata che ho passato ieri sera in cui ho avuto una conferenza di oltre cento invitati in cui ho parlato loro del mio lavoro. No, non ero una squillo, non mi sono mai spogliata, non ho mai lavorato in un bordello e non faccio pubblicità. Sono fondamentalmente uno psicologo che aiuta uomini, donne e anche coppie con disabilità ad esibirsi durante il sesso. Come surrogato del sesso per la maggior parte del tempo insegno il contatto intimo, insegnando alle persone come trovare il...

202 I più visti

Likes 0

Grace è una ragazza scat

Ogni sera dopo il college Grace cercava consigli per flirtare online e da quando ha scoperto il porno alcuni anni fa, ne era stata ossessionata. Ora che vive da sola, si siede sulla sedia per ore e ore a guardare i contenuti più sgradevoli che riesce a trovare. Aveva sempre avuto un lato malato in lei, ma si è davvero acceso alcuni anni fa quando i suoi compagni di scuola le hanno mostrato il video 2 Girls 1 Cup, ha dovuto mostrarsi disgustata di fronte a loro mentre nascondeva segretamente la macchia bagnata tra le sue gambe . Tutte le sue...

172 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.