Organismo X - Cap. 08

192Report
Organismo X - Cap. 08

Nota dell'autore: dopo diversi mesi di sviluppo infernale, vi presento l'ottavo capitolo di Organism X - Ora con il 100% di scoregge in meno!

1

In lontananza, Erin poteva sentire la ragazza appena trasformata gemere e grugnire mentre la bionda, Lindsay, giocava con lei. Il suono la ripugnava e allo stesso tempo la eccitava.

"Sarà una bellezza quando cambierà completamente", ha detto Megan.

Erin si voltò verso l'arrogante bruna.

"Sei un mostro. Siete tutti dei mostri", ha detto.

Megan sbuffò.

"Come se non lo fossi?"

Erin bruciava di vergogna e fissava il pavimento. Un'immagine della ragazza terrorizzata che Erin si era trasformata le balenò nella mente.

Mi era sembrato così giusto in quel momento. Così buono.

"Esattamente," disse Megan.

I due erano in piedi davanti alla stanza di Felicia Owen. Megan tenne la porta chiusa, il suo corpo pieno di anticipazione. Il tormento continuo di Erin sembrava essere il suo nuovo gioco preferito.

"Perché siamo qui?" chiese Erin.

Voleva farla finita. Nota dell'autore: dopo diversi mesi di sviluppo infernale, vi presento l'ottavo capitolo di Organism X - Ora con il 100% di scorregge in meno!

1

In lontananza, Erin poteva sentire la ragazza appena trasformata gemere e grugnire mentre la bionda, Lindsay, giocava con lei. Il suono la ripugnava e allo stesso tempo la eccitava.

"Sarà una bellezza quando cambierà completamente", ha detto Megan.

Erin si voltò verso l'arrogante bruna.

"Sei un mostro. Siete tutti dei mostri", ha detto.

Megan sbuffò.

"Come se non lo fossi?"

Erin bruciava di vergogna e fissava il pavimento. Un'immagine della ragazza terrorizzata che Erin si era trasformata le balenò nella mente.

Mi era sembrato così giusto in quel momento. Così buono.

"Esattamente," disse Megan.

I due erano in piedi davanti alla stanza di Felicia Owen. Megan tenne la porta chiusa, il suo corpo pieno di anticipazione. Il tormento continuo di Erin sembrava essere il suo nuovo gioco preferito.

"Perché siamo qui?" chiese Erin.

Voleva farla finita.

"Perché", ha detto Megan. "Volevo mostrarti qualcosa di speciale! Il tuo eroe è stato occupato!"

"Mio eroe?" chiese Erin.

"Oh, andiamo. Abbiamo notato tutti come seguivi Felicia in giro come un cucciolo di cane. Era un po' patetico, a dire il vero, fresco."

Quella parte della vita di Erin sembrava ormai un'era antica trascorsa da tempo. Era difficile credere che solo poche ore prima fosse stata un essere umano normale. Adesso cos'era lei?

Il pensiero che Felicia venisse trasformata in una di queste cose faceva male in un modo noioso e vuoto. Era un dolore nel profondo del cuore di Erin, soffocato da un trauma così condensato.

Tutto è cambiato quando Megan ha spalancato la porta e ha fatto cenno di entrare con l'entusiasmo di uno showman circense. Erin seguì le sue dita puntate e si imbatté in una scena per la quale non aveva alcun riferimento.

Ciò che Erin ha visto non aveva senso. La stanza era un ammasso di melma verde e sacchetti carnosi e bulbosi. Ciò che Erin immaginò erano altri vermi che si dimenavano nella melma e ammucchiavano la spazzatura.

L'odore la colpì un attimo dopo. Un odore straordinariamente dolce e allo stesso tempo alieno che si abbinava al suo stesso profumo distorto. Tuttavia, questo è stato amplificato mille volte.

Uno dei bulbi cominciò a dimenarsi e tremare. Lungo la superficie membranosa si formavano delle crepe da cui fuoriusciva una melma verde. Un attimo dopo, una testa nera sporgente emerse dalla sommità della massa, ricordando a Erin lo scoppio del petto di Alien.

La testa si voltò di qua e di là nell'aria prima di far scivolare il suo corpo fallico fuori dalla massa di carne rovinata per unirsi ai suoi fratelli più in profondità nella stanza.

"Uova?" Ha detto Erin. "Ha deposto le uova?"

"Sì! È ancora più strana di noi. E guarda tutti questi piccoli vermi perfetti. Probabilmente ce n'è abbastanza per trasformare il resto del corridoio qui."

Erin fece un passo indietro, inorridita da ciò che vide. Non era umano. Gli esseri umani non deponevano le uova. Nemmeno loro hanno dato alla luce mostri.

Si sentiva così orribilmente sporca. Diventerebbe così? Era successo a Felicia, perché non poteva succedere a lei?

"Oh Dio," mormorò Erin. "Ha deposto le uova?"

"Che succede? Ti spaventa, Freshy?"

Erin si allontanò da Megan e dalla stanza degli orrori dietro di lei. Poteva sentire i resti del suo stesso verme mutageno cuciti nel tessuto del suo corpo. Rendeva l'orrore ancora più palpabile.

"Oh Dio, devo andare", gridò Erin.

"Perché", ha detto Megan. "Volevo mostrarti qualcosa di speciale! Il tuo eroe è stato impegnato!"

"Mio eroe?" chiese Erin.

"Oh, andiamo. Abbiamo notato tutti come seguivi Felicia in giro come un cucciolo di cane. Era un po' patetico, a dire il vero, fresco."

Quella parte della vita di Erin sembrava ormai un'era antica trascorsa da tempo. Era difficile credere che solo poche ore prima fosse stata un essere umano normale. Adesso cos'era lei?

Il pensiero che Felicia venisse trasformata in una di queste cose faceva male in un modo noioso e vuoto. Era un dolore nel profondo del cuore di Erin, soffocato da un trauma così condensato.

Tutto è cambiato quando Megan ha spalancato la porta e ha fatto cenno di entrare con l'entusiasmo di uno showman circense. Erin seguì le sue dita puntate e si imbatté in una scena per la quale non aveva alcun riferimento.

Ciò che Erin ha visto non aveva senso. La stanza era un ammasso di melma verde e sacchetti carnosi e bulbosi. Ciò che Erin immaginò erano altri vermi che si dimenavano nella melma e ammucchiavano la spazzatura.

L'odore la colpì un attimo dopo. Un odore straordinariamente dolce e allo stesso tempo alieno che si abbinava al suo stesso profumo distorto. Tuttavia, questo è stato amplificato mille volte.

Uno dei bulbi cominciò a dimenarsi e tremare. Lungo la superficie membranosa si formavano delle crepe da cui fuoriusciva una melma verde. Un attimo dopo, una testa nera sporgente emerse dalla sommità della massa, ricordando a Erin lo scoppio del petto di Alien.

La testa si voltò di qua e di là nell'aria prima di far scivolare il suo corpo fallico fuori dalla massa di carne rovinata per unirsi ai suoi fratelli più in profondità nella stanza.

"Uova?" Ha detto Erin. "Ha deposto le uova?"

"Sì! È ancora più strana di noi. E guarda tutti questi piccoli vermi perfetti. Probabilmente ce n'è abbastanza per trasformare il resto del corridoio qui."

Erin fece un passo indietro, inorridita da ciò che vide. Non era umano. Gli esseri umani non deponevano le uova. Nemmeno loro hanno dato alla luce mostri.

Si sentiva così orribilmente sporca. Diventerebbe così? Era successo a Felicia, perché non poteva succedere a lei?

"Oh Dio," mormorò Erin. "Ha deposto le uova?"

"Che succede? Ti spaventa, Freshy?"

Erin si allontanò da Megan e dalla stanza degli orrori dietro di lei. Poteva sentire i resti del suo stesso verme mutageno cuciti nel tessuto del suo corpo. Rendeva l'orrore ancora più palpabile.

"Oh Dio, devo andare", gridò Erin.

E poi corse lungo il corridoio, cercando disperatamente di sfuggire alla realtà nascosta in quella stanza. Non sapeva dove stava andando. Non aveva molta importanza. Non c'era una vera via di fuga.

Erin inciampò lungo il sentiero di mattoni, vacillando per ciò che aveva visto.

Uova. Felicia aveva deposto le uova.

Il pensiero non smetteva di inorridire Erin. Anche la sua natura disumana sembrava normale accanto al caos alieno nella stanza di Felicia.

Una fitta tra le gambe fece gridare la ragazza, ricordandole il drago che ora si annidava all'interno del suo corpo. Non sarebbe passato molto tempo prima che i suoi impulsi tornassero al massimo. Aveva bisogno di scappare.

Erin fece un passo forte su un pezzo di mattoni lucidi e sentì la sua gamba cedere, mandandola in ginocchio. Il dolore lampeggiò come un'esplosione di fuochi d'artificio nel ginocchio di Erin prima di svanire in un soffio.

Erin si accasciò, sentendo l'acqua fredda sul terreno penetrarle nei vestiti. Fu allora che lo sentì.

Si sentiva il suono ritmico e sordo di passi che si avvicinavano in lontananza. Erin si alzò di scatto e guardò lungo il sentiero nella direzione da cui veniva, ma non vide nulla.

"Chi è là?" Ha chiamato.

Non c'è stata risposta.

Era la sua immaginazione? Giurò di aver sentito qualcosa.

Erin si alzò e si avviò lungo il sentiero, muovendosi questa volta a un ritmo più veloce. All'improvviso si sentì osservata.

Che diavolo? Sono il mostro, quindi perché ho così paura?

Mentre Erin camminava, sentì i passi riprendere, questa volta più veloci. Si voltò e quasi urlò a ciò che vide.

Tre uomini in quello che sembrava un equipaggiamento paramilitare stavano a circa quaranta piedi lungo il sentiero. Uno di loro si mise una radio sulla spalla e pronunciò un comando. Gli altri due uomini hanno puntato le pistole contro Erin e hanno aperto il fuoco.

Invece del rumore esplosivo degli spari, Erin sentì due forti schiocchi seguiti da un sibilo. Guardando oltre, vide un dardo rosso brillante piantato nella terra soffice accanto a lei.

"Avvicinatevi!" - gridò l'uomo con la radio.

Erin si voltò e corse lungo il sentiero, con il cuore che le batteva forte nel petto. Solo poche ore prima la sua vita era stata normale e ora veniva braccata come un animale.

Davanti a noi c'era una curva. Se solo Erin fosse riuscita ad aggirare il problema abbastanza velocemente, avrebbe potuto sfuggire alla vista degli uomini.

Erin affrontò la curva a tutta velocità, con i polmoni in fiamme. Poteva ancora sentire le voci degli uomini dietro di lei. Si precipitò dietro un muro e premette la schiena contro i mattoni umidi. Se solo fosse riuscita a tornare indietro una volta superata, forse sarebbe riuscita a scappare.

Gli uomini erano ormai vicini e non sarebbe passato molto tempo prima che si imbattessero in lei.

La sua mente correva mentre cercava di formulare un piano. Poteva sentire le lacrime calde bruciarle gli occhi e offuscarle la vista mentre spingeva il suo cervello al limite.

"Apriti", gridò il protagonista.

Non poteva essere a più di qualche metro di distanza.

Il sangue di Erin si gelò quando si rese conto che il suo tempo era scaduto.

Dal profondo di lei, una voce sussurrò. Era la stessa voce che la spinse a tuffarsi nella dissolutezza nel dormitorio del terzo piano della sua compagna di classe. La voce del mostro.

"Posso salvarti", sembrava dire.

Erin lo allontanò. Non poteva uscire nulla di buono da quella voce.

Sentendo le grida degli uomini, il panico si impadronì di Erin e lei si precipitò fuori dal muro di mattoni e cominciò a correre nella direzione in cui era venuta.

Immediatamente, sentì il grido degli uomini, seguito da un forte schiocco. Un dolore acuto proruppe nella sua spalla, seguito da un calore diffuso.

Erin si accasciò a terra e guardò gli uomini che si avvicinavano a lei. Tutta l'energia nelle sue membra svanì e poté sentire la sua coscienza scivolare via.

La voce dentro parlò di nuovo.

"Vi posso aiutare."

"NO!"

L'uomo con la radio urlò un codice e si avvicinò a Erin.

"Sembra che ne abbiamo un altro, ragazzi."

Un altro?

"Fallo rinchiudere e mettere in sicurezza per il trasporto. Nellie vuole campioni da diversi ospiti diversi."

Un terrore gelido inondò le vene di Erin. Questi uomini l'avrebbero portata via come un animale da zoo. Poteva sentire l'oscurità chiudersi intorno a lei. Non ci sarebbe voluto molto tempo ormai.

"Lascia che ti aiuti! Per favore!" La voce disse.

A Erin rimanevano solo pochi secondi e il protagonista era quasi arrivato a lei. Presto sarebbe stato senza speranza.

L'uomo abbassò la mano guantata e afferrò Erin per i capelli.

"Questo è ancora più bello del precedente," disse, lanciando uno sguardo lascivo al grande seno di Erin.

Qualcosa scattò in Erin. Poteva sentire la voce che attraversava il suo cervello pigro come un fulmine.

Quando guardò l'uomo, i suoi occhi bruciavano di un'empia luce smeraldo. Il mondo si cristallizzò e tutta la sua sonnolenza svanì.

Erin strinse le dita sul polso dell'uomo e lo strinse con ritrovata forza. Lei vedeva il suo terrore e lo apprezzava.

Le urla riempirono il piccolo angolo tranquillo del campus solo per essere messe a tacere all'improvviso.

2

Leah si stiracchiò e si avvicinò al bordo dell'acqua. Il suo seno allargato le faceva male dopo il coito e l'aria fresca le pizzicava la pelle.

Chinandosi, la ragazza raccolse l'acqua dal fiume e se la spruzzò sul viso e sulle braccia, strofinando via il fango e l'erba che le avevano incrostato il corpo a causa del caos della sera.

Guardandosi allo specchio, Leah notò che il suo viso e il suo corpo non avevano segni, i brutti lividi e i tagli causati dall'aggressione di Jessie erano stati cancellati come per una magia sconosciuta. Anche il mal di testa pulsante di prima se n'era andato, lasciando Leah meravigliosamente energica. Il mondo sembrava caldo e aperto per la giovane studentessa.

Poi, un attimo dopo, il suo corpo divenne freddo. Nel riflesso del fiume illuminato dalla luna, Leah distinse un'altra figura che incombeva su di lei. Sentì qualcosa di freddo e tagliente premerle nella parte bassa della schiena, perforandole appena la pelle.

"Hai qualche spiegazione da darmi," disse una voce maschile fredda come il coltello che premeva nella schiena di Leah.

Per diversi secondi Leah non disse nulla. Per la prima volta dalla sua trasformazione, aveva davvero paura. Nessuna quantità di potere poteva salvarla dal freddo acciaio alle sue spalle.

Poi spiegò tutto al ragazzo. Ogni volta che sentiva che lei lo stava trattenendo, le spingeva la punta del coltellino nella schiena abbastanza forte da far uscire solo una goccia di sangue. Alla fine, aveva diverse piccole punture di spillo sulla schiena.

Quando Leah finì, si aspettava assolutamente che il ragazzo le tagliasse la gola. Perché non dovrebbe? Dopotutto sarebbe un mostro ai suoi occhi.

Invece, il ragazzo ritirò il coltello e fece un passo indietro, dando ancora una volta spazio a Leah.

Ora che era libera, Leah si rese conto che stava tremando. Per la prima volta dalla sua trasformazione, aveva paura.

"Wow," disse il ragazzo. "Questo è molto."

Leah si preparò a scappare. Ora che aveva spazio, la fuga era possibile. Nel suo stato parzialmente prosciugato, probabilmente sarebbe molto più lento. Eppure, qualcosa la tratteneva.

"Allora, cosa hai intenzione di fare?" Lei chiese.

"Aiuto", disse il ragazzo.

Leah guardò il ragazzo a bocca aperta, completamente sbalordita. Aiutala?

"Aiuta te e le tue... come le hai chiamate? Sorelle?"

Leah annuì mentre cercava di evocare le parole giuste.

"Perché?" Alla fine riuscì a dire.

"Perché fa caldo. Questa è una fantasia che diventa realtà per me."

"Quindi ci aiuterai perché sei arrapato."

Il ragazzo annuì.

"E perché non voglio morire. Vedo la scritta sul muro. Voi ragazzi continuerete a diffondervi e continuerete a succhiare i ragazzi. Voglio assicurarmi di essere dalla vostra parte buona."

"Immagino che abbia senso. Ma cosa ti rende così speciale? Ce la siamo cavata benissimo da sole", ha detto Leah.

"Per ora. Questo perché sei ancora un'incognita. Presto, però, la gente se ne accorgerà. La sicurezza pubblica, la polizia, forse anche il governo! Non credo che voi ragazzi siate pronti a manovrare una cosa del genere."

"E tu sei?"

"Si tratta del senatore di Ward Hall e del membro più giovane di sempre del comitato disciplinare studentesco. Ho contatti con la SGA, la pubblica sicurezza e l'amministrazione. Sono anche un appassionato giocatore di giochi di strategia."

Leah non sapeva se sentirsi divertita o imbarazzata da questo ragazzo. Quando lo aveva preso in braccio, non lo aveva preso per un mega idiota. Tuttavia aveva ragione.

Jessie sapeva della sua condizione e si era dimostrata disposta a combatterla in ogni fase del percorso. Ora aveva un compagno da aggiungere a quel numero. Dio solo sapeva quante altre persone avevano scoperto il segreto delle sorelle dall'altra parte del campus. La situazione sarebbe solo peggiorata man mano che il loro numero fosse aumentato.

"Allora, cosa proponi?" chiese Leah.

"Devi infiltrarti nei sistemi di potere nel campus. Devi trasformare i membri della SGA, gli AR, l'amministrazione, i professori, la pubblica sicurezza. Chiunque sia al potere che può usare quel potere per coprirci."

È stato terribilmente veloce nel gettarsi in giro "noi".

"E tu puoi aiutarmi?"

"Certo! Da lì potremo espandere il nostro raggio d'azione. Prima o poi dovremo lasciare questo campus."

Lea sorrise.

"Tutto questo per darti una calmata?"

"Certamente! Questa è la cosa più calda di sempre. Tutte le storie e i fumetti che ho letto non si sono nemmeno avvicinati a quanto sia caldo."

Leah non voleva immaginare cosa contenessero quei fumetti o quelle storie, né voleva immaginare cosa facesse il ragazzo mentre li leggeva. Tuttavia, aveva ragione. Avere qualcuno con questo tipo di accesso, supponendo che non le stesse prendendo in giro, sarebbe molto utile.

"Sei davvero un piccolo pervertito," disse Leah, i suoi occhi scintillavano come smeraldi gemelli.

Per un momento, il ragazzo si rannicchiò all'indietro mentre Leah avanzava verso di lui. Poi tese la mano e sorrise.

"Un pervertito con qualche pregio. Abbiamo un accordo?"

Il ragazzo si rilassò un po'.

"Affare", ha detto.

3

"Sono vicino!" Emily gridò.

La rossa formosa giaceva sopra la RA magra e dai capelli viola, con le loro fighe nude che si sfregavano insieme.

Megan poteva vedere lo sguardo vuoto negli occhi dell'AR, un effetto del tocco di ricablaggio di Emily. In quel momento, la RA era completamente alla mercé di Emily: mente, corpo e anima. Era noioso.

Megan posò una mano sulla schiena pallida ed elastica di Emily e si chinò per sussurrarle all'orecchio.

"Non ancora!"

Emily scosse abbondantemente la testa.

"Non riesco a fermarmi, è troppo bello!"

Megan sospirò. Avrebbe dovuto farlo nel modo più duro.

Passò il braccio intorno al collo di Emily e la tirò all'indietro, tirandola fuori dall'AR.

"Aspetta un po'," ordinò Megan. "Voglio che sia consapevole di ciò che sta accadendo."

Emily si mosse per lottare contro Megan, ma presto tornò in sé. Megan poteva sentire la sua coinquilina ansimare come una cagna in calore e apprezzò la sensazione.

"Va bene," disse Emily.

Si chinò sull'immobile RA e trascinò l'indice lungo la pancia della ragazza. Megan osservò una miriade di linee verdi che apparivano e poi sparivano sulla pelle della ragazza. Poi, quasi istantaneamente, i graziosi occhi della ragazza si spalancarono per lo shock.

La ragazza si sedette e scrutò la stanza, diventando sempre più turbata da ogni nuovo dettaglio a cui assisteva.

"Chi cazzo siete, gente?" Lei disse.

Invece di rispondere, Emily saltò addosso alla ragazza e riprese l'assalto. Afferrò i polsi dell'RA e la tenne ferma mentre abbassava il suo inguine fradicio verso il bersaglio. La pancia di Emily si gonfiò violentemente, mostrando a Megan che il momento si stava avvicinando rapidamente.

La rossa dai grossi seni gettò la testa all'indietro e gemette rumorosamente, i suoi seni succulenti sussultarono per il movimento. Dei fluidi schizzarono fuori dalla sua figa, seguiti dalla grassa testa nera di un verme.

Megan osservava con crescente anticipazione. Amava questa parte.

Tuttavia accaddero contemporaneamente due cose che ribaltarono l’ordine carnale della stanza.

Megan girò la testa in preda al panico quando la porta si aprì e vide due figure che la fissavano. Una era Leah. L'altro era un ragazzo.

Non poteva essere vero.

Nello stesso momento, Emily gridò di dolore e cadde all'indietro. Rotolò a terra, stringendosi lo spazio carnoso tra la spalla e il collo. Un fluido cremisi le colò tra le dita.

"Mi ha morso, cazzo!"

Mentre Emily si contorceva dal dolore, il suo verme scivolò fuori dalla sua figa e si fece strada verso RA dai capelli viola, che ora si arrampicò all'indietro, coprendosi la figa con le mani.

"Aiuto!" L'AR ha implorato. "Ottenere la pubblica sicurezza!"

La coppia entrò nella stanza e Megan notò che gli occhi del ragazzo erano fissi sulla scena davanti a lui. Vide una profonda fame e soddisfazione negli occhi del ragazzo.

Leah aveva in qualche modo trasformato un ragazzo invece di prosciugarlo? Non aveva alcun senso.

"Leah, perché hai portato il tuo pasto qui?" Lei chiese.

"Non cibo", disse il ragazzo. "Sono un alleato!"

"Sì, non te l'ho chiesto," disse Megan. "Leah, qual è il problema?"

"L'ha detto e basta. Si è offerto volontario per aiutarci, e ha fatto una buona argomentazione. Non è vero, pervertito?"

Leah fece l'occhiolino al ragazzo, ma lui sembrò non accorgersene. I suoi occhi erano fissi sulla RA nuda, che lottava in un angolo. A quel punto, il verme si era fatto strada verso l'AR, avvolgendosi attorno alla sua gamba destra come un serpente.

L'RA le ha stretto le mani sulla figa per fermare la creatura, ma sarebbe stata solo questione di tempo prima che scivolasse. Megan sapeva per esperienza che questi parassiti erano forti, viscidi e molto più intelligenti di quanto chiunque credesse loro.

Poi, sorprendentemente, il ragazzo si avvicinò all'AR, apparentemente in trance.

"Mi aiuti per favore!" L'AR singhiozzò.

Il ragazzo sorrise e disse:

"Non preoccuparti, ti aiuterò."

Megan vide il sollievo sul volto della ragazza. Il ragazzo avrebbe interpretato il ruolo dell'eroe e tutte le sorelle di Megan avrebbero lasciato che ciò accadesse.

Fece un passo, pronta a mandare a terra il ragazzo quando Leah la afferrò per la spalla.

"Guarda e basta", disse.

Il ragazzo raggiunse la RA e sorrise, dandole una pacca sulla spalla.

"Va tutto bene", ha detto. "Ti aiuterò."

"Grazie! Per favore, prendilo!"

Megan non poteva credere ai suoi occhi. Leah avrebbe lasciato che questo idiota aiutasse la ragazza? Non sotto il suo orologio.

"La salverà, Leah. Cosa stiamo facendo?"

"Guarda e basta", ripeté Leah.

Il ragazzo si abbassò e afferrò delicatamente le mani della ragazza.

"Ti ho preso", disse.

La ragazza con gli occhi spalancati annuì. Tutto il suo corpo tremava, ma sembrava così sollevata di avere l'aiuto del ragazzo.

Poi, senza preavviso, il ragazzo intrecciò le labbra con la ragazza e la baciò profondamente. Nello stesso momento, strappò via le mani della ragazza, aprendo la strada al verme che la impalava con la sua mole.

La ragazza emise un grido soffocato quando la grossa testa nera del verme colpì la sua entrata liscia. La sua eccitazione la tradì poiché la sua figa accoglieva facilmente la mole del parassita.

Megan guardò completamente scioccata mentre il nuovo arrivato segnava il destino dell'RA. Il verme si insinuò nella ragazza, centimetro dopo centimetro. La ragazza ha involontariamente spinto i fianchi mentre l'intrusione continuava. L'intero momento rimase impresso nella memoria di Megan mentre guardava. Questi erano i momenti in cui viveva come membro di questa strana sorellanza.

Nel frattempo, il ragazzo ha bloccato le mani dell'AR contro il muro di fondo, impedendo qualsiasi interruzione nella conversione della ragazza. L'RA ha combattuto, ma non bene. L'invasione chiaramente la metteva a dura prova per permetterle di pensare con lucidità e il ragazzo era molto più forte di lei.

Dopo meno di un minuto, la coda del verme scomparve tra le labbra inferiori dell'RA. Il destino della ragazza era ora nelle mani del parassita che si insinuava sempre più nella sua carne.

Il ragazzo si allontanò rapidamente e tornò al fianco di Leah, senza mai staccare lo sguardo dalla vittima. C'era uno sguardo di puro odio e tradimento segnato sul volto dell'AR che fece venire i brividi persino a Megan.

Megan ha archiviato questa notizia per dopo: non si sa mai cosa potrebbe rivelarsi utile.

Poi, quando il verme raggiunse il suo bersaglio, l'RA urlò di dolore e cadde a terra privo di sensi. A parte qualche sussulto, era completamente immobile.

"Jon, mettila sul letto," disse Leah al ragazzo.

Quindi ecco come si chiamava.

Il ragazzo annuì e prese la RA. Sembrava così piccola e indifesa tra le sue braccia. Il ragazzo la guardò con un misto di curiosità ed eccitazione.

Emily inciampò verso Megan e le sussurrò all'orecchio.

"Era mia. L'ha rubata!"

Megan rivolse la sua attenzione alla sua cara coinquilina e sorrise. Em era gelosa! Anche questo sarebbe utile più avanti.

Megan prese Emily tra le braccia e la attirò a sé per darle un bacio leggero prima di sussurrare all'orecchio della ragazza.

"Calmati. Ne parliamo dopo."

Emily inclinò la testa di lato e lanciò a Megan uno sguardo confuso, ma annuì e lasciò andare l'argomento.

Jon appoggiò l'AR sul letto con affetto quasi amorevole prima di voltarsi di nuovo verso le ragazze.

"Credo che dovrei presentarmi," disse.

Megan ha visto l'apertura e l'ha presa. Più a lungo avesse lasciato che Leah affondasse i suoi artigli in questo ragazzo, meno potere avrebbe avuto chiunque altro. Anche se Megan non sapeva cosa pensare riguardo al personaggio di Jon, lui aveva rifatto il letto con le sorelle. Per lui ormai non c'era più la possibilità di tornare indietro.

Ciò impressionò Megan. Chiunque fosse quest'uomo, chiaramente aveva una certa utilità. Megan stava rapidamente imparando a collezionare cose utili.

Attraversando la stanza, Megan afferrò Jon e lo strinse in un forte abbraccio. Lei lo guardò con grandi occhi castani e acquosi, assicurandosi di premere le sue tette contro il suo petto così rigonfio in modo osceno verso di lui.

"Wow! È stato davvero impressionante, um, Jon, vero?"

Jon annuì, lottando per mantenere il contatto visivo.

"È così bello che tu abbia deciso di aiutarci, Jon!" Ha continuato. "Sei il mio eroe!"

Megan poi baciò Jon più volte sulla guancia.

"Basta," disse Leah. "Ti comporti come un'idiota."

"Va bene," rispose Megan.

Si allontanò da Jon, facendo del suo meglio per mostrargli ogni centimetro delle sue curve mentre lo faceva. Bevilo, amore mio.

Qualcuno bussò alla porta. Leah si avvicinò e sbirciò nello spioncino prima di aprire la porta. Lindsay entrò seguita da una splendida ragazza con i capelli castani arruffati che le formavano un'aureola aggrovigliata intorno alla testa. Megan riconobbe a malapena la ragazza come quella del corridoio.

Prima, la ragazza era stata semplice quanto semplice poteva esserlo. Occhiali spessi, un viso magro e incolore e poche curve. Il ragazzo aveva cambiato le cose. Sembrava che Susie stesse per strappare ciò che restava dei suoi vestiti.

Lindsay beveva dalla scena della stanza e diventava sempre più confusa. Indicò Jon.

"Qual è l'accordo?"

"È un alleato!" Megan intervenne.

"Che cosa?"

Leah si chiuse la porta alle spalle.

"Voleva aiutarci e ha delle buone idee. Tra poco vi spiegheremo tutto. Lei chi è?"

Leah indicò la voluttuosa bruna accanto a Lindsay.

La ragazza sembrava essere stata drogata. Guardò il mondo con occhi spenti e sfocati e un sorriso assonnato. Il verme aveva fritto il cervello della ragazza?

"Sei stato via davvero per un po'," disse Lindsay. "Lei è solo il mio piccolo premio di consolazione."

"Lindsay voleva questa piccola rossa arrabbiata. Non ha fatto altro che parlare di lei nell'ultimo giorno!"

"Stai zitto," disse Lindsay. "Questa è l'altra cosa. Molte più persone sanno di noi. Non siamo stati esattamente discreti."

"Beh, ecco perché è qui", disse Leah, indicando Jon.

"Interessante", ha detto Lindsay.

Susie vagò per la stanza prima di piantarsi sul letto di fronte all'AR priva di sensi. I suoi occhi adesso erano fissi su Jon.

L'uccellino ha fame, pensò Megan.

Leah iniziò a spiegare il piano alle altre ragazze mentre Jon riempiva i piccoli dettagli.

Il piano non era poi così male. Diavolo, l'idea di diventare professore faceva bagnare Megan. Tuttavia, si è trovata distratta numerose volte dal corpo sensuale di Susie durante il breve discorso di Leah. Ogni centimetro della ragazza sembrava delizioso e pronto per essere leccato e toccato.

Megan cercò di ascoltare pigramente. Ha seguito abbastanza bene la logica. Uno di questi giorni, i poliziotti avrebbero cominciato a curiosare in giro cercando il motivo per cui i ragazzi continuavano a morire nel campus. Fare attenzione era una decisione abbastanza sensata.

Ciò che prudeva nel gattonare di Megan, tuttavia, era il modo in cui Leah lo presentava. Un ordine. Lei era la loro leader e loro erano i suoi seguaci. Per tutto il tempo, il nuovo braccio destro della ragazza stava dietro di lei.

Chi è morto e ha reso la stronza regina? Lei è stata la prima, e allora? Era stata Megan a pianificare e lavorare negli ultimi giorni.

A Megan questa svolta non è piaciuta affatto. Si era guadagnata il suo dominio e ora le veniva portato via.

Guardando Emily, Megan sorrise.

La rossa formosa riposava come un gattino sul letto con l'AR svenuto. Ogni pochi secondi, Emily lanciava un'occhiata alla ragazza dai capelli viola e si leccava le labbra.

Kitty voleva giocare con il suo nuovo giocattolo.

Jon aveva portato via la prima opportunità di Emily di diventare una ragazza. Megan era colpita da quanto fosse coraggioso il ragazzo, ma sapeva anche che questo riempiva Emily di rabbia. Poteva percepirlo diffondersi dalla ragazza.

Bene. Anche quello sarebbe utile.

Leah ha concluso il suo discorso con un "ci siamo capiti?"

Cagna pomposa.

"Sono a bordo al mille per cento", ha detto Megan.

Si avvicinò a Jon, premendo il suo seno gonfio contro il suo petto e facendo scorrere l'indice lungo la sua guancia.

"Sei pieno di tante buone idee, vero, ragazzone?" Disse, lanciandogli un sorriso predatorio.

Leah allontanò Megan da lui.

"Stai tranquillo, Meg."

"Cosa? Voglio solo elogiare il nostro nuovo volontario. È davvero incredibile! Anche muscoloso!"

Megan ha pizzicato il bicipite di Jon e gli ha mandato un bacio. Poteva vedere dallo sguardo nei suoi occhi che era estasiato. Come un bambino in un negozio di dolciumi, Jon sembrava banchettare con tutte le curve femminili in mostra nella stanza, soprattutto quelle di Megan.

Anche questo è stato buono.

Lindsay saltò giù dal letto di fronte e osservò attentamente Jon e Leah prima di annuire con la testa.

"Sono con voi ragazzi. Finora siamo stati negligenti. Mi piace trasformare le ragazze, ma non diventerò una specie di esperimento governativo o prigioniero per questo."

"Non preoccuparti", disse Jon in fretta. "Ci saranno molte opportunità per trasformare altre ragazze. Di più, se non altro."

"Bene."

Susie emise un forte gemito e allungò le braccia in aria. I suoi capelli color topo erano in un disordine aggrovigliato che fluttuava intorno alla sua testa, dandole una bellezza pigra e disinvolta.

Megan beveva dalle curve della ragazza e si sentiva debole alle ginocchia.

Sebbene non fosse così prosperoso come quello di Emily, il seno di Susie sembrava più grande sulla sua corporatura stretta. Erano perfettamente rotondi e sembravano occupare tutto il petto della ragazza. Il suo viso, prima insignificante, aveva assunto una bellezza sorprendente con labbra carnose, rosso ciliegia e occhi luminosi che brillavano di una debole luce verde - l'indicazione più chiara che ora era una di loro.

"Di-di cosa stiamo parlando? Chi siete, gente?"

Megan si avvicinò e baciò profondamente la ragazza sulle labbra, stringendole a coppa i grandi seni mentre lo faceva. La ragazza emise un gemito forte e roco mentre Megan la accarezzava.

Era importante imprimere correttamente i bambini, pensò Megan.

"Siamo le tue nuove sorelle", ha detto.

"Uh, sorelle? Mi sento strano."

Susie abbassò lo sguardo e i suoi occhi si spalancarono comicamente. Si prese il seno tra le mani e sussultò.

"E da dove vengono questi?"

Megan non poté fare a meno di ridacchiare. La reazione era perfettamente comprensibile. Solo un'ora prima la ragazza era riuscita a malapena a riempire una tazza. Il suo vecchio reggiseno era sparso sul pavimento e schizzato di melma, ormai inutile per sempre.

"Non preoccuparti di nulla, amore," disse Megan, avvicinandosi per baciare ancora una volta la ragazza. "Ti spiegheremo tutto."

Megan si voltò verso Leah, soddisfatta che la nuova convertita fosse abbastanza flessibile tra le sue mani.

"Hai finito?" chiese Leah.

"Niente affatto," disse Megan. "Ma l'unica cosa che conta è che io sia a bordo."

A Megan non piaceva per niente l'arroganza di Leah, ma avrebbe sopportato. Anche adesso, c'erano così tante opportunità che sbocciavano intorno a lei.

"Allora, chi è il nostro primo obiettivo?" chiese Lindsay.

"Amministrazione", ha detto Jon. "Hanno diverse segretarie che piaceranno ai tuoi ragazzi. Trasformarle ci darà accesso a un sacco di cose riguardanti i finanziamenti, i conti degli studenti e così via."

"Sembra divertente!" Ha detto Megan. "Quando iniziamo?"

Jon e Leah si guardarono e sorrisero. A Megan non piaceva la facilità con cui lavoravano insieme. Poteva eccitare Jon tutto il giorno, ma lui si fidava di Leah.

"Ci trasferiremo domattina presto," disse Leah.

4

Eliza, camminava su e giù per la stanza, perdendo costantemente la testa. Nel frattempo, Haley e Penny sedevano con i telefoni incollati alle orecchie. Jessie guardò tutto come se stesse accadendo su uno schermo televisivo. Era tutto distante da lei.

"Perché ci hanno messo così tanto tempo? Stava andando in bagno," disse Eliza.

Jessie aspettò che gli altri parlassero, ma erano entrambi presi dalle rispettive telefonate. Dopo diversi secondi imbarazzati e sconnessi, Jessie si rese conto che la rossa stava aspettando la sua risposta.

"Non lo so, la ragazza asiatica sembrava piuttosto incasinata. Dopotutto ci ha attaccato."

"Il suo nome è Melissa," sbottò Eliza in risposta.

Jessie si lasciò cadere sul letto e si allontanò da Eliza.

"Fantastico", ha detto.

Jessie poteva sentire la ragazza ribollire di rabbia, appena fuori dalla vista. La faceva sentire stordita dalla privazione del sonno.

Haley ha riattaccato per prima.

"La polizia è stata un fallimento", ha detto.

"Beh, non hai fornito loro molti dettagli," disse Jessie.

"Cosa dovrei dire? Ciao 911, qual è la mia emergenza? Oh, sai, i vermi alieni stanno possedendo le ragazze attraverso i loro wawaha."

Questo mandò Jessie a ridere. Tutto il suo corpo tremava mentre ridacchiava e si rotolava sul letto.

Eliza non era così contenta.

"Praticamente non hai detto loro nulla. Hai solo detto che c'era un'epidemia nel campus e che avevi informazioni. Probabilmente pensavano che stessi facendo uno scherzo."

"Allora provaci!"

Penny alzò il dito per zittirli e poi parlò al telefono.

"Sì, ciao, mi chiamo Penelope Atw... oh scusa. Oh aspetta, no. Ho un messaggio molto importante sul Bailey College e... epatite? No, non è così... oh, mi hai riattaccato."

Si rivolse alle altre ragazze e alzò le spalle.

"A quanto pare il CDC ritiene che ci sia un'epidemia di epatite nel nostro campus."

"Che cosa?" chiese Haley.

"Sì, è quello che mi hanno detto. Hanno appeso subito dopo."

"Ci stanno mentendo", ha detto Eliza.

"Non lo sai mai," disse Jessie. "Al tasso i bambini cazzo in questo campus, potrebbero dire la verità."

"Stai zitto. Troverò Bethany e Melissa. Sono andati troppo a lungo."

Eliza aprì la porta e entrò nel corridoio. Haley la inseguì, ma prima che potesse recuperare, Eliza aveva sbattuto la porta in faccia.

"Cosa dovremmo fare adesso?" Chiese Haley, rivolgendosi agli altri due.

Ha incontrato il silenzio.

5

Melissa si sedette sul bagno, una mano asciugò le lacrime mentre l'altra veniva spinta tra le gambe. Il suo intero corpo bruciava e persino la minima brezza o Jostle mandarono ondate di formicolio che si irradiava sulla sua pelle.

L'immagine di Erin Stevens fu bruciata nel cervello di Melissa mentre si sedeva e raccolse autocommiserazione come gocce di pioggia. L'immagine dei suoi stabilisti stabilisce in Melissa mentre si trovavano in quel corridoio.

È stata colpa sua. Erin era uno di loro adesso. Un mostro. Tutto a causa sua.

La ragazza ansimò mentre i muscoli della sua vagina si contraevano, mandandola in un potente orgasmo.

C'era qualcosa di sbagliato. Ogni volta che Melissa pensava al destino di Erin e quella creatura malata che lo portava, tremava di lussuria.

Quanto sarebbe facile per lo stesso tipo di creatura trovare Melissa? Poteva quasi sentirlo scivolare tra le sue pieghe e portarla come tremata sul bagno.

"Perché lo voglio?" Piagnucolò. "È così sbagliato."

C'era un trambusto fuori dal bagno, seguito da un forte colpo sulla porta.

"Melissa, dai. Sono già passati venti minuti", Booming Eliza.

Melissa ha preso il panico e si è bullonato in posizione verticale, sentendo un gocciolamento malato dei suoi fluidi correre verso l'interno della sua coscia. C'era una sporcizia per lei che sembrava coprire ogni centimetro del suo corpo. Come poteva affrontare i suoi amici in questo modo?

Si tirò su i pantaloni e aprì la porta della stalla. Si fece alla porta e sentì il suo coraggio vacillare. Bethany con il suo viso dolce e premuroso era una cosa. Eliza in piena furia era un'altra.

"Dai, Mel!" Eliza gridò.

"Daile un po 'di spazio, perché non lo fai?" Bethany ha risposto.

La mano di Melissa tremava sulla maniglia della porta. Stavano litigando su di lei. Tutto quello che poteva fare era causare più problemi.

"Melissa, i tuoi amici sono preoccupati per te!" Eliza urlò, ignorando completamente Betania.

Senza pensare, Melissa aprì la porta e fissò i suoi amici. Fu allora che si spezzò.

Melissa sapeva che erano Bethany ed Eliza in piedi davanti a lei, ma tutto ciò che vide era il viso di Erin sovrapposto su entrambi. Gli occhi invocati e inorriditi mentre quei mostri la violavano. Il pieno impotente Melissa si sentiva.

"Non posso farlo", disse semplicemente.

Poi stava correndo per il corridoio. Poteva sentire il rumore di passi dietro di lei e sapeva che non poteva correre a lungo, ma doveva scappare. Stava solo portando loro miseria.

6

Eliza scoppiò nella stanza e afferrò Haley per il polso.

"È Melissa, abbiamo bisogno del tuo aiuto!"

"Cosa c'è che non va?" Chiese Haley.

"Non c'è tempo!"

Eliza si precipitò di nuovo lungo il corridoio e Haley seguì. Jessie e Penny furono lasciati in silenzio imbarazzante.

"Dovremmo aiutare?" Chiese Penny.

Jessie si alzò e afferrò la sua spada di pratica, sentendosi un freddo attraversarla.

"Probabilmente."

Hanno bloccato il corridoio, ascoltando grida e confusione in lontananza. Mentre andava, Jessie riuscì a sentire il suo corpo stringere come una ferita a molla al limite. Già a disagio dall'essere circondata da estranei e logorata da giorni senza dormire, non sapeva quanto potesse prendere.

Seguendo il rumore, Jessie entrò in una tromba delle scale e trovò Bethany, Haley ed Eliza tutti in lotta per appuntare il loro amico a terra.

"Scendi da me!" Melissa urlò. "Scendi. È colpa mia. Allontanati da me!"

"Gesù" mormorò Jessie.

"Qual è il problema con lei?" Chiese Penny.

"Come diavolo dovrei sapere?"

Bethany alzò prima la coppia e indicò le gambe di Melissa.

"Prendili!"

Non è stato un compito facile poiché Melissa ha calciato in questo modo e quello. Jessie ha dato un colpo solido direttamente sulla guancia prima di riuscire a mettere le mani attorno alla caviglia della ragazza. Anche allora, tenere una presa su di lei era come lottare con un serpente.

Penny non stava andando meglio. Aveva diversi segni rossi sul viso dai calci di Melissa.

"Melissa, smettila!" Gridò Bethany.

"Tienilo giù", ha detto Haley. "Non abbiamo bisogno di un RA che arrivi."

"Beh, cosa diavolo dovrei fare?"

Haley non aveva una risposta.

Fu Eliza che alla fine portò le cose alla testa. Dal nulla, lasciò andare il braccio destro di Melissa e schiaffeggiò la ragazza sul viso il più forte che poteva. Il suono echeggiò attraverso la tromba delle scale.

"Cosa c'è che non va in te? Perché ci stai combattendo? Ci stai mettendo tutti in pericolo!"

Melissa è diventata rigida. I suoi occhi si riempivano di lacrime e un suono mewling sfuggì alle sue labbra tremabili.

"È colpa mia", disse dolcemente.

"Qual è la tua colpa?" Chiese Eliza.

"L'ho girata. È stata colpa mia se si è girata."

"Chi?"

"Mia amica. Ha cercato di salvarmi e loro-oh dio."

Melissa iniziò a piangere. Affondò in una pozzanghera tra le ragazze, tutta la lotta andò dal suo corpo.

Jessie guardò la ragazza tremare per terra e sentì qualcosa di accendere dentro di lei. Pensava alla notte che Leah era scomparsa.

Era successo qualcosa a Leah nell'oscurità e Jessie non era stata al suo fianco.

Ora la migliore amica di Jessie era un mostro ed eccola qui, inutile.

Si mosse in avanti e appoggiò la mano sulla spalla di Melissa.

"Ehi", disse.

La ragazza la guardò, le lacrime e Snot che le fluiscono sul naso. Jessie ha visto il panico e l'orrore e qualcos'altro che non riusciva a rintracciare con le caratteristiche della ragazza.

"Non guardarmi," disse Melissa. "Ho intenzione di fare la stessa cosa a tutti voi."

"Conosco la sensazione", ha detto Jessie.

"No, no. Ho fallito. Non potevo proteggere ..."

"Anch'io ho fallito. Più volte. La fuga non ha risolto nulla."

Melissa guardò con cura Jessie. Le sue lacrime erano ancora sgorgate, ma sembrava più calma.

"Fidati di me", continuò Jessie. "Non stiamo meglio con te là fuori. Abbiamo bisogno di te. Abbiamo bisogno di più persone che possiamo ottenere."

L'incertezza tremolava negli occhi di Melissa mescolati con qualcosa che Jessie non riuscì a inchiodare del tutto. Era uno sguardo strano che passava dagli occhi della ragazza e beveva Jessie. Quasi una fame. Ha fatto strisciare la pelle di Jessie, ma ha cercato di licenziarla. L'aspetto sbiadì rapidamente e Melissa sembrò illuminare.

"Forse hai ragione", disse.

Jessie sorrise.

"Certo, ho ragione!"

Melissa emise una piccola risata soffocata e annuì la testa.

"Non proverai a correre questa volta?" Chiese Haley.

Melissa scosse la testa.

"No. No, starò."

"Bene," disse Jessie. "Ora torniamo indietro e scopriamo come affrontare questa merda."

7

Si sedettero tutti nella stanza in silenzio, fissandosi l'un l'altro. Le lacrime di Melissa erano asciutte, ma tremava ancora un po '.

Jessie poteva sentire il peso crescente su di lei. Sapeva che avrebbe dovuto dire qualcosa, ma non mi è venuto in mente nulla.

"Forse possiamo semplicemente andarcene?" Ha detto finalmente. "Sembra la migliore idea."

"È tutto? È la cosa migliore che puoi inventare?" Chiese Eliza.

"Sì."

"Dove andremmo?"

"Non lo so, a casa? Non hai genitori?"

"Sì, beh, i miei genitori non mi lasciano tornare a casa a meno che questa scuola non sia spazzata via dalla mappa."

"Per fortuna," disse Jessie.

Bethany ha intervenuto.

"Diciamo che partire è un'opzione. Questo lascia ancora così tante persone nel campus vulnerabili. Dobbiamo fare qualcosa, giusto?"

"Noi?" Chiese Jessie. "Ho cercato di combattere queste cose e sono sfuggito a malapena. Questo è ben oltre noi. Lascia che il governo lo gestisca."

"Ma abbiamo provato a chiamare la polizia", ​​ha detto Haley. "E il Friggin CDC!"

"Alla fine prendono piede. Se rimaniamo, stiamo solo mettendo in pericolo la nostra vita."

Melissa scosse la testa rapidamente. I suoi capelli coprivano tutto il viso, facendola sembrare un po 'un cucciolo iperattivo.

"Stanno migliorando nel trasformare gli altri. Stanno strategendo. Molto presto saranno fuori dal campus."

"Ciò significa solo che dovremmo allontanarci il più lontano possibile", ha detto Jessie.

"Penso che dovremmo almeno provare qualcosa per aiutare", ha detto Bethany.

Haley ed Eliza scosse la testa d'accordo.

"Stiamo scavando le nostre tombe", ha detto Jessie. "Non è come se avessimo tante opzioni per fermare comunque questi mostri."

Melissa alzò gli occhi e negli occhi di Jessie. Per un momento, Jessie vide la stessa fame che aveva visto tremolare attraverso la coscienza della ragazza prima. Ancora una volta, rabbrividì.

"C'è un'opzione", ha detto Melissa. "Quando il mio amico, quello che è stato girato e sono tornato con il nostro bio ta, abbiamo trovato qualcosa."

Melissa ha raccontato la storia delle uova. Nel frattempo, l'orrore si alzò come vomito nella gola di Jessie.

In un lampo, poteva vedere la memoria chiara come il giorno. La massa grassa e malata di carne che striscia all'interno di Felicia. La sua supplica e gli occhi disperati mentre Jessie guardava impotente.

Jessie sapeva che non uscì nulla di buono da quella notte, ma pensare che Felicia si fosse trasformata in qualcosa di così disumano cagliato il suo sangue. È stata colpa sua.

Melissa ha finito la sua storia.

"Finalmente", ha detto. "Molly, il mio bio ta, ha portato le uova dal professor Pierce. Non so se si siano schiusa o no. Non so davvero cosa ne uscirà neanche da loro, ma è un vantaggio."

"Quindi cosa facciamo?" Chiese Haley. "Sembra che Pierce abbia già le uova."

"Ha le uova, ma nient'altro. Non sa delle ragazze per quanto ne so."

"Quindi, andiamo a dirglielo. In questo modo ha tutte le risorse di cui ha bisogno per capire questa cosa", ha detto Haley.

"Sì," disse Melissa.

Il ricordo di Felicia spinse Jessie oltre il bordo.

"Bene", disse. "Ma penso ancora che dovremmo ottenere il cazzo fuori di Dodge dopo che glielo abbiamo detto."

"Beh, sei libero di partire in qualsiasi momento" sogghignò Eliza.

"Sì, so cagna," mormorò Jessie.

Bethany si accigliò e si alzò, posizionandosi intenzionalmente tra la coppia di litigi.

"Allora, abbiamo un piano?"

"Sì," disse Jessie. "Starò per un altro giorno."

In fondo, tuttavia, Jessie sentì una sensazione di affondamento nel suo intestino. Qualcosa le ha detto che non andava da nessuna parte presto.

8

Quando arrivò, Erin notò due cose.

Il primo era il suono delle voci comandite in lontananza. Il secondo era il furioso contrazione nella pancia.

Seduto, Erin notò i cadaveri raggruppati degli uomini intorno a lei e soffocò un urlo con il palmo della mano.

Aveva ucciso tutti e tre. No, non solo ucciso. Li aveva decimati. Tutto ciò che rimaneva era un trio di appassiti rimane a tutta la vita e il vigore.

"L'abbiamo fatto", mormorò la voce all'interno.

La radio sul cadavere più vicino si scoppiò all'improvviso.

"Geo Team 2, ci stiamo avvicinando alla tua presenza. Per favore, conferma."

Le voci in lontananza stavano diventando più forti.

"Perché li hai uccisi?" Chiese Erin ad alta voce.

"Li abbiamo uccisi", rispose la voce.

"Geo Team 2, Conferma!" La voce femminile alla radio abbaiava.

Erin inciampò in piedi e iniziò a correre. Ci sarebbe stato tempo dopo per la vergogna. Ora era il momento di paura. Dietro di lei, la squadra ha chiuso.

9

"Ricorda", disse Bethany. "Rimariamo tutti insieme come un gruppo. Confermiamo tutti i dettagli sulle ragazze al professor Pierce. Dopodiché, tutti possono andare o no le loro vie separate."

Il resto della banda annuì d'accordo.

Erano le sette del mattino e la luce brillava brillantemente attraverso il campus senza una sola nuvola nel cielo. È stata una bella pausa dalla pioggia costante.

Una brezza fresca soffiava in aria, facendo sentire Jessie calma e rinvigorita. Per la prima volta da giorni, ha dormito bene la sera prima. Si sentiva ancora preoccupata sapendo ciò che si nascondeva nel campus, ma nel complesso si sentiva ottimista.

"Questo dovrebbe essere abbastanza facile", ha detto Eliza. "Dita incrociate."

Cominciarono a camminare nella direzione dell'edificio delle scienze naturali e lo avevano fatto qualche metro quando Penny si fermò sui suoi binari, diventando bianco come un foglio.

"Oh no", disse.

"Che cosa?" Eliza ha risposto. "Che cos'è?"

"Oh Dio, oh dio, o Dio."

Eliza si avvicinò alla ragazza e la scosse per la spalla.

"Fuori con esso!"

"Dolce Wormengarde!" Penny pianse.

"Di che cazzo stai parlando?"

Bethany si avvicinò alla coppia e si strofinò delicatamente il braccio di Penny.

"Va tutto bene?" Lei chiese.

Penny era diventato rosso vivo, facendola sembrare una ciliegia rotonda e troppo matura. Si stava rapidamente lavorando in un attacco di panico.

"Non possiamo andare a Pierce. Sweet Wormengarde, Eliza. Cece! Ha una di quelle cose nel suo acquario!"

Eliza divenne pallida mentre il ricordo si avvicinò a lei.

"Oh cazzo, hai ragione."

Jessie si unì al gruppo, sentendo la sua pace momentanea rapidamente. La stessa disperazione della notte prima si insinuava sull'orizzonte come le nuvole di tempesta.

"Chi è dolce Wormengarde?" Lei chiese.

"È un verme. Era nella mia stanza. Mi ha attaccato ma l'abbiamo catturato. La mia compagna di sala, ce l'ha nel suo acquario."

"Se non l'ha già trasformata", ha aggiunto Eliza.

"Dobbiamo avvertire Cece!" Penny ha detto.

"Va bene, bene," disse Bethany. "Possiamo solo fermarci lì prima."

È stata Melissa a intensificare questa volta.

"Non credo che abbiamo tempo", ha detto. "Più ci penso, più mi preoccupo. Quelle uova devono essere nate ormai. E se si sono liberate? Sono tre possibili ragazze."

"Tanto per stare insieme", ha detto Haley.

Il pensiero di dividere faceva il cuore di Jessie affondare, ma non riusciva a vedere nessun'altra opzione. Sarebbe molto più facile da correre, ma ogni volta che pensava di farlo, gli occhi supplicanti di Felicia fissavano i pugnali nella sua immaginazione. Chi stava scherzando?

"Andrò con loro nella stanza del dormitorio. Sono abituato a trattare con questa merda da vicino", disse Jessie, sollevando la sua spada di pratica.

"Non dovremmo davvero separarci", ha detto Bethany. "Non mi piace un po '."

"Lo stesso, ma non abbiamo tempo. Resta in contatto e cercheremo di incontrarci all'ora di pranzo."

"Bene", disse Bethany. "Per l'amore di Dio, cerca di rimanere umano."

"Ci proveremo," disse Jessie con uno sbuffo.

"Non c'è tentativo, solo fare o no" mormorò Penny.

Eliza la prese a pugni al braccio.

"Una citazione di Star Wars? Gesù."

Haley guardò Jessie con un'espressione grave.

"Spero che non stiamo facendo un grosso errore."

Jessie sorrise.

"Probabilmente lo siamo, ma ehi, devi sfruttare il meglio con quello che hai. Ricorda, stai in contatto, stai insieme, incontrati nella sala da pranzo intorno alle undici. Suona bene?"

"Suona bene", disse Haley, facendo del suo meglio per forzare un sorriso.

Con ciò, il gruppo si è separato. Un senso di Doom si librava su tutti loro.

10

Il suono era noioso e costante. Si insinuò sulla coscienza di Cece mentre si svegliava lentamente.

La stanza era buia, ma Cece poteva vedere la luce del sole che sbirciava dalle sue tende blackout. Guardando il suo telefono, notò che erano le cinque e le sette. La sua prima classe era alle sette e trenta.

"Ugh, troppo", ha detto.

Poi lo notò di nuovo.

Il suono.

Era un suono toccante noioso. Guardando nella sua direzione, Cece vide il suo acquario e ricordava lo strano nuovo animale domestico che aveva adottato la notte prima.

Eccola lì - dolce Wormengarde.

La creatura bussò alla testa bulbosa contro il vetro dell'acquario.

"Ehi! Smettila, Wormy!"

La ragazza saltò giù dal letto e si avvicinò all'acquario per dare un'occhiata migliore. Era scioccata quando notò che il verme era apparentemente coltivato di diversi centimetri di lunghezza e larghezza durante la notte. Ora aveva quasi diciotto pollici di lunghezza e quasi tanto quanto il suo pugno nel suo punto più spesso.

"Accidenti, ragazza. Come hai fatto a fare quel muscolo in una notte?"

Ricordando il cibo di pesce della notte prima, Cece afferrò la bottiglia e la rovesciò attraverso un buco nella copertura dell'acquario.

"Questo è tutto ciò che ho. Vediamo quanto ottieni più grande da quello!" lei disse.

Quindi Cece gettò dei vestiti, afferrò lo zaino e si precipitò fuori dalla porta. Di ritorno nella stanza, il pezzo di avvio ha mangiato dopo un pezzo di cibo per pesci, il suo appetito cresce solo con ogni nuovo pezzo di nutrienti. Minuto per minuto, la sua massa iniziò a crescere.

Storie simili

Una tribù per Tethys, parte 2 capitolo 10

Una tribù per Tethys: Parte 2 Capitolo 10: Megan, incontra Hera! Megan è silenziosa per la maggior parte del viaggio di ritorno al mio appartamento dopo che abbiamo lasciato la casa di Carl, e mentre sono curioso di sapere cosa sta pensando, è anche un'opportunità per me di esaminare alcuni dei miei pensieri. Molte cose sono cambiate, per tutti noi, in pochissimo tempo. Abbiamo lasciato Sonia con Carl, ha promesso di portarla a casa una volta concluso l'ultimo accordo d'affari. Carl sta stipulando un contratto personale con Sonia, per lavorare per lei a tempo pieno come istruttore personale di fitness e...

492 I più visti

Likes 0

Holli e una vela serale

Holli mi ha incontrato all'estremità del molo... e il mio cuore ha perso un battito quando è scivolata alla vista. Era vestita per una serata a bordo della mia barca: semplici sandali da barca, un bel top azzurro e un paio di pantaloncini cachi molto comodi che le dondolavano facilmente sulle curve, accennando a ciò che aveva da condividere sotto. 5'9 con capelli biondi, gambe lunghe e un corpo atletico in forma, Holli era entrato nel mio mondo attraverso un pomeriggio magico che abbiamo condiviso sul lungomare di Vancouver. Questa serata è stata il risultato del mio invito perché ci eravamo...

398 I più visti

Likes 0

La vita di Jen - Capitolo sei - Parte prima

La vita di Jen – Capitolo 6 – Parte prima Varie cose mi restano in mente e le mie vacanze annuali di solito erano piene di eventi. Un anno i miei genitori decisero di affittare una villa a Corfù per 2 settimane e mio nonno e mio zio furono invitati. Sull'aereo dovevo sedermi tra mio nonno e mio zio, ei miei genitori si sedevano dall'altra parte. Mio nonno mi ha messo il cappotto in grembo e ha spinto rapidamente la mia gonna da parte, tirandomi da parte le mutandine e spingendo un dito dritto dentro di me, ho sussultato forte mentre...

1.3K I più visti

Likes 0

Quanto di meglio si possa III

Obiettivo 5: preparami un gustoso succo di sperma con un bicchiere pieno. Questo è stato abbastanza facile. Ma tutto ha una parte difficile. Ecco un bicchiere pieno. Rani ha avuto un fottuto lavoro a scuola. Quindi se n'è andata la mattina indossando un sari rosso assassino. Avrei solo voluto andare a scuola. Prima di andarsene, mi ha dato un bicchiere usato per servire lo champagne, si è avvicinata a me e mi ha palpato dolcemente il cazzo. Rani :( sussurrandomi all'orecchio con voce sexy) fallo lavorare. Io: posso usare la tua stanza dei quadri???Sai. Usa la tua TV. ?? Rani: va...

523 I più visti

Likes 0

Come ho pagato il college

- Questa è finzione gay. Se non ti piace leggere cose gay, smetti di leggere e non votare. Se hai intenzione di votare negativamente o scrivere commenti sgradevoli, critica la mia grammatica e ortografia, non l'argomento - Questa è un'opera di finzione completa. Nulla in questa storia è realmente accaduto e le persone non sono reali. - Se spari un carico mentre o dopo aver letto questo, fammi un favore e premi il pulsante di voto positivo perché significa che probabilmente ti è piaciuto. Sentiti libero di mandarmi un PM per farmi sapere cosa ti è piaciuto Durante l'estate del 2003...

526 I più visti

Likes 0

Alice viene sposata

[b]Alice si fa l'autostop 7 di Will Buster Come si può immaginare, un'amante incinta e usata può essere piuttosto difficile da scartare. Difficile, cioè, a meno che una cospicua dote non accompagni la vigorosa piccola volpe. Alice non faceva eccezione a questa regola sociale così prevalente nella tarda Inghilterra georgiana. La pancia di Alice era ora piena di bambino sano per le quasi costanti attenzioni amorose di Lord Elton. Il barone del maniero di Kingston si era goduto a fondo entrambi i buchi stretti e reattivi di Alice ormai da mesi, ma mantenendo fede alla sua promessa, era tempo di acquistare...

390 I più visti

Likes 0

Feticismo del pannolino

Fin da piccola ho sempre avuto il fascino di indossare i pannolini. Crescendo ho imparato che non ero solo. Ma niente avrebbe potuto prepararmi per la notte in cui si unirono mia moglie e la sua amica. Avevo confessato a mia moglie il mio feticismo per i pannolini e lei mi ha raccontato di come aveva sempre desiderato una cosa a tre. Aveva partecipato a innumerevoli sforzi con me, quindi una notte abbiamo deciso di realizzare i suoi e aggiungere qualcosa per farmi felice. Finalmente era giunta la notte, la sua amica Samantha stava arrivando in città. Le aveva raccontato di...

334 I più visti

Likes 0

Janice Pt. Controllata dalla Mente 11c

Brian era contento di usare il controllo mentale che Janice avesse trascorso gli ultimi tre giorni vivendo con lui e avrebbe dovuto trascorrere altri quattro giorni con lui. Le menti del marito e dei figli di Janice erano state influenzate in modo tale da non sentire la sua mancanza. Ieri aveva invitato tre amici a casa sua e tutti e quattro avevano scopato più volte una volenterosa Janice. Sbe stava facendo quello che voleva all'inizio della giornata in cui aveva pulito la sua casa per lui mentre era nuda, fermandosi solo per lasciare che Brian la scopasse in bagno. In quel...

275 I più visti

Likes 0

La vendetta di Ambra

CAW # * Voce Questa è una storia di vendetta e dolore. Questa è una storia di amore e affetto. Questa è una storia di soddisfazione e persone che ottengono la loro punizione. La mia ragazza Amber ed io eravamo membri di un sex club. Ad entrambe piaceva andare e partecipare alla maggior parte delle attività del club, ma lei si rifiutava di fare sesso con altre donne. Le piaceva guardare altre donne nel club, farsi scopare e le piaceva anche guardare altre donne scoparsi a vicenda, ma non è mai stata in grado di leccarsi la figa. Ero perplesso da...

1.5K I più visti

Likes 0

Andare a lontano

Quando faccio scivolare la mia mano tra le tue gambe e dico Questo è mio, siamo chiari. Il sesso non è la risposta. Il sesso è la domanda. Sì è la risposta. Nicole mi ha visto in coda al ricevimento di nozze di sua sorella. Eccomi fuori come se fossi appena uscito da GQ. Mi sto muovendo lentamente verso di lei. Nicola trattenne il respiro. Doveva incontrarmi. Nicola si guardò intorno. Mi ha visto dall'altra parte della piscina. Sembravo sulla cinquantina. Sono più alto di chiunque altro nella sua famiglia italiana. Nicole ha indovinato che sono alto un metro e ottanta...

624 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.