Il patto del diavolo Slave Chronicles Capitolo 4: Gioia, prima cera

714Report
Il patto del diavolo Slave Chronicles Capitolo 4: Gioia, prima cera

Cronache degli schiavi del patto del diavolo
da miopenname3000
Diritto d'autore 2015

Gioia: prima cera

Nota: Mary ha dato Joy alla madre di Mark, Sandy, e alla fidanzata di Sandy, Betty, perché fosse la loro schiava sessuale.

19 giugno 2013 – Joy Nguyen – South Hill, WA

"Va tutto bene", sussurrò una voce confortante.

Ho lottato per aprire gli occhi; dormire ancora pesante sulle mie palpebre. Potevo sentire il letto tremare dolcemente mentre qualcuno si spostava. Una donna singhiozzò sommessamente. La confusione mi invase; Non ero nel mio letto. Dove ero io? Riuscii ad aprire gli occhi, sentendomi grintoso con poco sonno. Due donne si stringevano l'una all'altra: una era White, sui quarantacinque anni, e ancora molto bella; l'altra era giovane, Black, la sua pelle color cioccolato e i suoi occhi erano di un azzurro sorprendente.

Erano le mie Padrone.

Tutto è tornato allagando. La mia prima padrona, Mary, mi ha dato a Sandy, la donna bianca, e alla sua ragazza Betty, la ragazza nera, come loro schiava. Sandy stava piangendo, Betty l'abbracciava dolcemente. Un disagio imbarazzante mi invase. Mi sembrava di intromettermi in un momento così privato. Ho chiuso gli occhi finché non sono diventati solo fessure, a malapena in grado di vedere.

"L'ho odiato per quello che è diventato", singhiozzò Sandy. Suo marito era morto di recente durante il fine settimana. "E io amavo colui per cui era stato."

"Lo so", tubò Betty. “Andrà tutto bene. Sono qui per te. Dovevi farlo. Era pazzo. Stava per fare del male a qualcuno. Forse tu, forse io.

"Non mi fa soffrire di meno." Un altro singhiozzo straziante sconvolse Sandy. "Sono un tale mostro."

Betty si asciugò una lacrima dalla guancia bianca, prendendo tra le mani il viso della donna più anziana. “No, non lo sei,” disse fermamente la ragazza Nera. “Sei una donna meravigliosa e amorevole che è stata costretta in una situazione impossibile. Non c'era una cosa giusta da fare. Quindi smettila di picchiarti.

Sandy tirò su col naso, strofinando la guancia contro la mano scura di Betty. "Grazie."

“Prego, amore,” fece le fusa Betty, chinandosi per catturare le labbra della donna più anziana in un bacio.

Il loro bacio divenne più appassionato e c'era qualcosa di così erotico nel guardare insieme una donna anziana e una donna più giovane. La dicotomia tra maturità e giovinezza, mescolata al contrasto tra l'avorio e la pelle color ebano, ha reso la vista del loro bacio appassionato una delle cose più sensuali che avessi mai visto. Mentre sprofondavano sul materasso - Betty sulla schiena mentre Sandy strisciava sopra di lei, lasciando che i suoi seni pallidi sfregassero contro le tette scure di Betty - ho fatto scivolare lentamente la mano sulla mia figa dolorante e depilata, trovando le mie labbra rugiadose di passione.

"Mmhh, è bello", fece le fusa Betty mentre la donna più anziana le baciava i seni rotondi, sollevandosi vivacemente come un paio di montagne scure.

"Adoro i tumuli del mio coniglietto di cioccolato", rispose Sandy, poi si succhiò un capezzolo scuro tra le labbra, facendoci roteare sopra la lingua. "Umm, ha un sapore così dolce."

Le mie dita smisero di stuzzicarmi la vulva. Avevo bisogno di più, e ho infilato prima uno, poi due dita dentro di me, fottendole lentamente dentro e fuori mentre guardavo Sandy adorare le tette scure della sua ragazza. Sandy era un'amante generosa, stuzzicava ogni capezzolo con la lingua e le dita prima di inghiottirli con le sue labbra rosse. Betty tubava e gemeva, le sue mani scure vagavano sulle braccia e sul viso di Sandy.

Mi strofinai il clitoride, mentre una deliziosa elettricità mi attraversava. Sandy baciò lentamente il corpo di Betty. Avrei voluto che mi baciasse il seno in quel modo. Sandy leccò la parte inferiore delle tette scure di Betty, poi le diede dei rapidi baci mentre tracciava la gabbia toracica di Betty. Quando raggiunse il grazioso ombelico di Betty, la ragazza nera ridacchiò mentre la sua lingua dardeggiava nel grazioso solco.

«Oh, Sandy» gemette Betty. "Ti amo tanto!"

Sandy sorrise, poi baciò i suoi mostri rasati sopra il clitoride. Potevo appena vedere un accenno di rosa tra le cosce della ragazza scura prima che Sandy seppellisse il viso nel tesoro del suo amante. Betty inarcò la schiena mentre il suo amante più anziano le toccava abilmente la figa. Sapevo da ieri sera quanto fosse abile Sandy.

Strinsi gli occhi, ricordando quella lingua morbida che sondava i miei petali delicati e cercava ogni piccola parte del mio fiore. Le mie dita pomparono più velocemente, ribollendo di piacere dentro di me. Ho lavorato un terzo dito dentro di me, allungando il mio tunnel.

"Oh Sandy!" Gemetti piano, le mie dita che pompavano furiosamente dentro e fuori dalla mia figa mentre l'altra mano pizzicava e rotolava il mio clitoride. Ho immaginato la lingua della mia padrona più anziana che si dimenava nella mia figa, il suo naso che sfiorava il mio pulsante sensibile mentre mi portava al mio brivido di rilascio. "Oh, sì, oh, sì!" Gemetti mentre la meravigliosa sensazione scorreva attraverso il mio corpo.

"Sembra che qualcuno si stesse divertendo senza di noi", ridacchiò Betty.

Ho aperto gli occhi; Sandy e Betty si stavano coccolando. Ero così perso nel mio piacere personale, mi ero perso l'orgasmo della mia giovane Padrona. Strappai le dita dalla mia fica, arrossendo di vergogna per aver interrotto il loro fare l'amore.

“Mi dispiace tanto, Padrone,” mi scusai, le guance in fiamme.

"Per quello?" chiese Sandy, aggrottando le sopracciglia.

«Per averti interrotto», risposi. “Ho lasciato che i miei desideri egoistici interrompessero il tuo fare l'amore. Sono umilmente dispiaciuto.

Sandy si chinò e mi baciò sulle labbra. Mi sono sciolto, godendomi i deliziosi sapori di Betty mentre baciavo la mia Padrona. Quando ha rotto il bacio, ero senza fiato, il cuore mi martellava nel petto. Il sapore della mia Padrona Nera indugiò sulle mie labbra; la mia lingua continuava a saettare fuori per assaporare il suo sapore.

«Facciamo urlare Sandy», sorrise Betty. "Prenderò la sua figa e tu le attaccherai il seno."

“Sì, padrona,” sorrisi di rimando.

Betty girò Sandy sulla schiena, baciandola appassionatamente, poi scivolò abilmente lungo il suo corpo, allargando le gambe. Un folto cespuglio marrone copriva la figa di Sandy, intrisa della sua passione. Betty si toccò i folti peli pubici, poi guardò Sandy. "Forse è ora di radersi, amore."

"Veramente?" chiese Sandy.

"Sei l'unico con un cespuglio", rispose lei. "Joy e io siamo entrambi rasati."

"Cerata", corressi senza pensarci, poi arrossii furiosamente. "Mi dispiace per l'interruzione, padrona."

Gli occhi azzurri di Betty brillarono. "Davvero, cerato?"

Ho annuito. “Lavoro in un salone. Beh, prima lo facevo. È così che ho incontrato Mary; Le ho dato la sua prima ceretta.

"Allora puoi incerare Sandy!" dichiarò Betty.

"Non lo so", si accigliò la donna più anziana. "Non fa male?"

«Un po'», ammisi. "Ma non c'è possibilità di bruciature da rasoio e sarai senza peli per due settimane."

«È deciso», annuì Betty. “Hai sempre usato tuo marito come scusa per smettere di raderti. Non più. Ti voglio bello e nudo!

“Va bene,” sospirò Sandy, poi un sorriso malvagio apparve sulle sue labbra. "Sarebbe piuttosto cattivo."

Betty rise, poi si leccò a lungo la fessura. Sandy gemette, i suoi seni rotondi - era incredibile che fossero solo un po' cascanti considerando la sua età - sussultando in modo invitante. Strisciai e catturai un capezzolo rosa tra le mie labbra, succhiandolo forte.

“Umm, è bello,” gemette Sandy. "Come sono stato così fortunato ad avere due donne straordinariamente belle che mi danno piacere?"

«Sei una donna speciale», rispose Betty, il viso scuro appiccicoso di passione. "E hai un sapore delizioso."

"Beh, c'è decisamente altro da provare", tubò Sandy. “Mangiami, amante. Ho bisogno di venire così tanto!

"Volentieri!"

Ho fatto l'amore con il capezzolo di Sandy. Esplorando lentamente ogni millimetro della protuberanza rosa con la mia lingua. Volevo imparare ogni cresta e fossetta prima di risucchiare l'intera cosa nelle mie labbra. La mia mano si allungò verso l'altro seno e le pizzicai il capezzolo, lasciando che le mie lunghe unghie sfiorassero la carne sensibile. La sua pelle era così pallida contro la mia pelle olivastra. Mi sono goduto le contrazioni ei gemiti di Sandy, felice di aver dato piacere alla mia Padrona.

«Oh, Dio», ansimò Sandy. “Oh, mio ​​Dio, continua così, Betty! Spara, la tua lingua mi sta facendo impazzire. Oh! Wow, oh, wow! Sto per venire! Oh, spara!

Ho stretto la bocca sul suo capezzolo mentre Sandy si muoveva sotto di me, le sue dolci grida mi riempivano le orecchie e la felicità ribolliva dentro di me: l'ho aiutata a darle un così grande piacere. Mentre la sua passione si placava, le sue mani gentili mi presero il viso, mi attirarono alle sue labbra e premiarono il mio servizio con un bacio profondo. Le sue dita scivolarono verso il basso e trovarono il mio duro clitoride. Ero così eccitato dal suo tocco che la polveriera dentro di me si accese, facendo esplodere l'estasi in tutto il mio corpo.

Crollai sul corpo della mia bella Padrona, ansimando, ansimando e rabbrividendo.

"Wow, ne hai avuto uno buono", ridacchiò Sandy e mi baciò di nuovo le labbra. Le sue braccia mi avvolsero e mi godetti il ​​piacevole bagliore e il suo corpo caldo.

"È stato stupefacente. Grazie, padrona.

Betty è strisciata dall'altra parte e abbiamo stretto Sandy tra di noi mentre ci coccolavamo. Questa era la mia vita adesso. Una parte di me si sentiva triste; Avevo un fidanzato, ma immagino che non ci saremmo sposati adesso: appartenevo a Sandy e Betty.

Dopo colazione, sono stato mandato al negozio a prendere delle provviste: una bella cera a base di zucchero; le strisce di stoffa; un applicatore di legno che somigliava a un grande abbassalingua; e alcune candele profumate, alla cannella, per far rilassare Sandy.

"Appuntamento caldo", ha scherzato la cassiera mentre mi telefonava.

"Uh-huh", ricambiai il sorriso. "Due donne sexy."

La ragazza sbatté le palpebre sorpresa. "Ehm, beh, sembra... divertente."

I suoi rossori erano così carini che non ho potuto fare a meno di aggiungere: "Non puoi credere a quanto puoi venire con due donne che ti leccano".

La mia figa era in fiamme per tutto il viaggio di ritorno a casa di Sandy. Il cassiere non aveva idea di come rispondere alla mia dichiarazione, se non arrossendo ancora di più. Era così carina! Volevo portarla a casa con me in modo che potesse vedere quanto fossero meravigliose le mie Padrone.

«Non siamo obbligati a farlo», protestò Sandy quando arrivai. Betty stava stendendo un asciugamano sul letto. "Posso solo raderlo."

«No», sorrise Betty. “Ho già fatto la ceretta. Non è così male."

"Se non è così male, allora perché ti radi?" ha accusato.

"Soldi", la ragazza nera scrollò le spalle. "È più economico radersi."

«Andrà tutto bene», rassicurai Sandy. "L'ho fatto molte volte."

"Va bene", fece il broncio Sandy.

"Non essere così cupo", disse Betty, allungando la mano per solleticare i fianchi di Sandy.

Sono stato distratto dall'accendere le candele profumate dal seno di Sandy che dondolava mentre cercava di respingere l'attacco di solletico di Betty. Erano così adorabili. Sandy rise così forte, il viso e il petto arrossati mentre lottava per respirare, aggiungendo un colore delizioso al suo seno pallido.

“Ecco, così va meglio,” dichiarò Betty, e baciò Sandy sulle labbra. "Adesso mettiamoci comodi e comodi."

"Voglio che tu mi abbracci." C'era una nota tremante nella voce di Sandy; la donna più anziana era davvero spaventata.

"Certo che lo farò, amore."

Betty si sdraiò sul tavolo, sostenuta da diversi cuscini, e allargò le gambe in modo invitante. Sandy si sedette in mezzo a loro e si appoggiò contro la sua ragazza, usando i seni più grandi di Betty come cuscino per la testa. Le mani scure di Betty la circondarono e le allargarono le cosce pallide.

Presi la mia ciotola piena di calda cera dorata e mi arrampicai con cautela sul letto, inginocchiandomi tra le cosce di Sandy. L'aria era piena del dolce profumo di lavanda e gelsomino, una fragranza rilassante che speravo l'avrebbe aiutata a rilassarla.

"Questo sarà appiccicoso", le dissi, raccogliendo una grossa quantità di cera sull'estremità del mio applicatore, poi mi fermai, ridendo, "Che tipo di cera vuoi?"

Sandy mi guardò sbattendo le palpebre, poi si voltò a guardare Betty.

"Brasiliano", rispose la ragazza nera senza esitazione.

"Che tipo è?" chiese Sandy.

"Completamente nudo", risposi. "Una cera per bikini lascia un triangolo e una cera francese una pista di atterraggio."

"Forse la pista di atterraggio?" chiese esitante Sandy.

Betty scosse la testa. "No. Ti voglio nuda come una ragazza.

Sandy sobbalzò quando iniziai a spalmarle la cera sui capelli. "Va tutto bene," la calmò Betty, accarezzandole i fianchi. "Semplicemente rilassati. Sono qui."

Sandy fece un respiro profondo e annuì: "Va bene".

Una volta che i suoi peli pubici sono stati arruffati con il liquido ambrato, ho applicato con precisione le strisce di stoffa attorno alla sua vulva. Mentre aspettavamo che la cera si indurisse, le mani scure di Betty si fecero strada fino al suo seno d'avorio, giocando delicatamente con esse. Le guance di Sandy si arrossarono e il suo corpo iniziò a muoversi lentamente mentre la sua eccitazione cresceva.

"Pronto?" chiesi a Sandy.

"Sì", disse con voce roca, voltandosi per baciare Betty sulle labbra.

Ho afferrato la prima striscia e l'ho strappata. Sandy gemette sulle labbra di Betty, i suoi fianchi si piegarono. Betty la strinse forte, continuando a massaggiarle seni e capezzoli. Strappai il secondo panno, poi il terzo. La pelle bianca, meravigliosamente liscia, è stata rivelata. Dopo aver rimosso il quarto panno, il suo mons venus era privo di peli e sono andato a lavorare sulla sua vulva.

“Stai andando alla grande, Sandy,” tubò Betty. «Solo un altro po'.»

“Okay,” sussurrò Sandy, prima di abbassare la testa di Betty per un secondo bacio. Le ho strappato i capelli dal lato destro della vulva; gemette sulle labbra della sua ragazza.

Ho strappato via l'ultima striscia. "Tutto fatto", dichiarai.

Le mani di Betty si spinsero lungo il suo corpo, desiderose di sentire la figa nuda della sua ragazza. "Non è bello?" lei chiese. "Liscia come una scolaretta!"

“Sì, immagino di sì,” sospirò Sandy, chiudendo gli occhi e godendosi le dita della sua ragazza.

Tolgo la ciotola di cera e mi spoglio dal letto, poi afferro la lozione. L'ho applicato generosamente sulle mie mani. Le strofinai delicatamente il moncone con il liquido lenitivo, alleviando il dolore persistente. Profumava di cocco e non potei fare a meno di leccare la sua pelle liscia mentre le mie dita si muovevano più in basso per massaggiare la sua vulva sensibile.

"Hmm, è meraviglioso", tubò Sandy. "Inferiore. Fammi venire, Joy.

"Con piacere, padrona," dissi facendo le fusa, baciando più in basso. Potevo assaggiare la cera zuccherina, la lozione al cocco e il sapore speziato e aspro della sua figa che si mescolavano tutti insieme mentre leccavo la sua vulva.

Il letto si muove, Sandy si sposta mentre Betty scende dal letto. "Fammi prendere qualcosa."

"Che cosa?" chiese Sandy, tornando ad appoggiarsi ai cuscini. Strisciai in avanti, tenendo le mie labbra piantate sulla sua deliziosa fica.

"Vedrai."

Ero troppo impegnato a banchettare con il fiore di Sandy per preoccuparmene. Ho esplorato i suoi petali rosa, assaporando il suo nettare. Usai le mie dita per aprirla e guardai la sua perfezione arrossata. Inspirai il suo profumo inebriante - l'aroma meraviglioso e inebriante che solo la passione di una donna poteva produrre - e mi tuffai di nuovo, muovendo la lingua in profondità nel suo canale.

"Oh, ragazza cattiva", fece le fusa Sandy. "Quando l'hai preso?"

«La settimana scorsa», rispose Betty da dietro. "Sorpreso?"

"Umm, non vedo l'ora di provarlo."

Le mani di Betty mi accarezzarono il sedere. "Penso che la nostra carina stilista asiatica meriti una ricompensa per il suo bellissimo lavoro."

Cosa aveva? Il letto si increspò mentre Betty si arrampicava dietro di me, e qualcosa mi pungolava il sedere, duro e di plastica. Un dildo, forse? Volevo guardarmi indietro, ma la fica di Sandy aveva un sapore troppo delizioso perché potessi interrompere il pasto. L'oggetto mi è scivolato sul culo. Era rotondo e stretto, un cilindro: era decisamente un sex toy di qualche tipo.

"Umm, eccomi qui", fece le fusa Betty mentre il giocattolo si strofinava contro le labbra della mia figa; Gemetti in anticipo nella fica di Sandy.

Il dildo aprì le labbra della mia figa, scivolando in profondità dentro di me. Gemetti, godendomi le creste che fiancheggiavano il giocattolo sotto la punta. Hanno aggiunto una sensazione ruvida, sebbene piacevole, mentre il giocattolo scavava sempre più in profondità dentro di me. Poi Betty lo tirò indietro e lo spinse di nuovo dentro, le sue cosce accarezzarono la parte posteriore delle mie gambe. Ha rapidamente trovato un ritmo per immergere il dildo dentro e fuori dalla mia fica. Emisi un gemito gutturale mentre realizzavo cosa stava succedendo.

Mi stava scopando con uno strap-on.

Immaginavo i seni rotondi color moka di Betty che si sollevavano mentre infilava il suo cazzo artificiale nella mia fica. Anche a lei deve piacere. Ogni spinta era punteggiata da un grugnito di piacere. Stava diventando difficile concentrarsi sul mangiare Sandy mentre il piacere nella mia figa minacciava di sopraffarmi.

"Fanculo", gemette Sandy. "Oh, Dio, è così brutto!"

«È selvaggio», gemette Betty. “Ogni volta che lo infilo, l'estremità preme sul mio clitoride. Dio, non pensavo che sarebbe stato così divertente!

Le dita di Sandy trovarono i miei capelli neri, spingendo forte la mia faccia nella sua fica. “Oh, caramello! Oh, spara! Mangiami! Ah, Gioia! Tu donna meravigliosa! Ti verrò in faccia! Oh, cavolo! Oh, accidenti!

Ho bevuto la mia ricompensa mentre si riversava dalla sua figa, densa e deliziosa. Mi crogiolavo nella decadenza depravata della passione di una donna che mi copriva il viso, riempiendo il mio naso con il suo profumo paradisiaco, anche se la mia bocca assaporava fino all'ultima goccia. Affondai di nuovo la lingua dentro di lei, alla disperata ricerca di qualcosa di più. Ero schiavo della sua figa.

Schiaffo! La mano di Betty mi ha punto il culo mentre mi picchiava la fica. "Bene, ragazza", fece le fusa Betty. "Le hai dato un grande climax!"

"Falla crema il tuo cazzo!" Sandy ansimò.

"Sono!" rispose la ragazza nera. "Sta per esplodere!"

Continuavo a succhiare la fica di Sandy, cercando di leccare ogni goccia del suo miele, mentre lo strap-on di Betty creava un enorme effetto pirotecnico dentro di me. Ogni spinta aggiungeva sempre più tritolo al mucchio. ero così vicino; la miccia che brucia lentamente attraverso il mio grembo. Betty ha spinto forte il dildo dentro di me, riempiendomi meravigliosamente, e la scintilla ha toccato gli esplosivi.

Grande Budda! Sono andato via.

Le esplosioni si sono propagate attraverso il mio corpo, spingendomi verso il Nirvana: pura e genuina beatitudine.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Giovedì 27 giugno 2013 – South Hill, WA

Per una settimana e mezza sono stata una schiava lesbica. Sandy e Betty erano amanti meravigliosi e generosi. Si sono presi così tanto cura di me, che dopo l'attacco di ieri e il Miracolo, mi hanno liberato.

«Non vogliamo farti restare», disse Sandy. "Ti meriti di fare le tue scelte."

Tutto si è schiantato contro di me e ho iniziato a piangere. "Bau!" Non ho visto il mio fidanzato per tutto questo tempo. Era passata più di una settimana da quando avevamo parlato. Bao starà impazzendo per la preoccupazione.

«Ci ​​assicureremo che vada tutto bene», sussurrò Sandy.

Abbiamo camminato lungo la strada fino alla casa di Mary. Lo scontro a fuoco di ieri con gli agenti della SWAT ha lasciato danni ovunque. Una volta dentro, e Mary fu allontanata dall'orgia celebrativa in corso in casa, pronunciò una parola, liberandomi. Poi ha chiamato Bao e nel giro di un minuto ha appianato tutto con il mio fidanzato.

«Non penserà mai alla tua assenza», mi disse Mary. Deve davvero essere una dea come dicevano le persone. "Scusa se ti ho reso una schiava del sesso."

Ero troppo felice per arrabbiarmi. Stavo tornando dal mio fidanzato.

Stavo rimbalzando per l'eccitazione quando Sandy ha fermato la sua macchina fuori dalla casa che condividevo con il mio fidanzato. Bao era fuori, un sorriso sul volto olivastro. Sono sceso dall'auto eccitato, sono corso da lui, gli ho gettato le braccia al collo e l'ho baciato sonoramente sulle labbra. Potrei aver passato l'ultima settimana a fare sesso lesbico fantastico, ma avevo bisogno di un vero cazzo.

"Mmhh, anche io sono felice di vederti", disse Bao in vietnamita. “Però sono passate solo poche ore. Ti comporti come se non mi vedessi da un po'.»

«Giusto», borbottai.

"Chi sono i tuoi amici?" mi chiese mentre mi metteva un braccio intorno alla vita.

«Sandy e Betty», risposi. “Li amerai. Li ho invitati a cena domani.»

"Oh, certo", rispose con un'alzata di spalle. "Sembrano carini."

Gli ho sorriso. Avrebbe scoperto quanto fossero carini. Mi ero appassionato a mangiare la figa e non avevo intenzione di rinunciarci solo perché stavo per sposare un uomo. Non vedevo l'ora di mangiare Betty mentre Bao mi fotteva da dietro.

Sarebbe stata una serata divertente!

Storie simili

Dovere coniugale

Ricordo ancora la prima volta che ho visto Sandra per la prima volta. Ero un giovane trasandato di vent'anni. Era una ragazza molto sexy di 22 anni. È venuta da me mentre stavo cercando di avviare la mia motocicletta Norton 750 Commando un po' capricciosa. Ha detto qualcosa a proposito del fatto che le piacciono le biciclette. Questo era tutto quello che avevo bisogno di sentire. Una bruna dall'aspetto attraente con grandi occhi marroni in un paio di jeans attillati che si avvicina a me e mi dice che le piacciono le biciclette. La mia vita ha preso una svolta positiva...

500 I più visti

Likes 0

Organismo X - Cap. 08

Nota dell'autore: dopo diversi mesi di sviluppo infernale, vi presento l'ottavo capitolo di Organism X - Ora con il 100% di scoregge in meno! 1 In lontananza, Erin poteva sentire la ragazza appena trasformata gemere e grugnire mentre la bionda, Lindsay, giocava con lei. Il suono la ripugnava e allo stesso tempo la eccitava. Sarà una bellezza quando cambierà completamente, ha detto Megan. Erin si voltò verso l'arrogante bruna. Sei un mostro. Siete tutti dei mostri, ha detto. Megan sbuffò. Come se non lo fossi? Erin bruciava di vergogna e fissava il pavimento. Un'immagine della ragazza terrorizzata che Erin si era...

457 I più visti

Likes 0

Quanto di meglio si possa III

Obiettivo 5: preparami un gustoso succo di sperma con un bicchiere pieno. Questo è stato abbastanza facile. Ma tutto ha una parte difficile. Ecco un bicchiere pieno. Rani ha avuto un fottuto lavoro a scuola. Quindi se n'è andata la mattina indossando un sari rosso assassino. Avrei solo voluto andare a scuola. Prima di andarsene, mi ha dato un bicchiere usato per servire lo champagne, si è avvicinata a me e mi ha palpato dolcemente il cazzo. Rani :( sussurrandomi all'orecchio con voce sexy) fallo lavorare. Io: posso usare la tua stanza dei quadri???Sai. Usa la tua TV. ?? Rani: va...

784 I più visti

Likes 0

Gli esibizionisti, parte 2

Gli esibizionisti Episodio 2 Squadra di nuoto Disclaimer: quanto segue è un'opera di fantasia. Pertanto, ho scelto di ambientarlo in un mondo in cui il controllo delle nascite è sicuro, efficace e disponibile al 100% e tutte le malattie sessualmente trasmissibili sono state sradicate. Nel mondo reale, alcune delle scelte che questi personaggi fanno sarebbero estremamente rischiose. Non comportarti come loro. Riepilogo: nell'episodio 1, la protagonista e la sua amica Steph hanno compiuto 16 anni, si sono fatte fare il piercing ai capezzoli, hanno sperimentato il risveglio sessuale, hanno comprato giocattoli sessuali, hanno visto un vecchio sporco masturbarsi e si sono...

607 I più visti

Likes 0

Il bussare alla porta_(1)

Il bussare alla porta mi ha sorpreso. La notte di gennaio in Iowa era fredda, fredda, fredda. Mi ero già tolto i vestiti per la notte e mi sono seduto sulla mia poltrona a scrivere sul mio portatile; era una breve storia della mia infanzia. Dal mio divorzio tre anni prima, ho passato molto del mio tempo da solo a scrivere; principalmente sull'argomento di cui so più di ogni altra cosa... io. Ho scritto centinaia di storie sulla mia vecchia città natale e sulla mia famiglia. I miei nove fratelli hanno fornito tonnellate di ricordi che voglio, un giorno, condividere con...

1.5K I più visti

Likes 0

L'estate finisce

Erano passati tre mesi da quel giorno che le aveva cambiato la vita quando suo figlio l'aveva scopata. Lei aveva 34 anni, lui ne avrebbe presto 18. Adesso scopavano regolarmente e insieme avevano capito come separare le loro sessioni sessuali dalla vita di tutti i giorni. Il seminterrato della loro casa che ospitava l'attrezzatura per il bucato era stato diviso per fornire una piccola area ricreativa con un letto al centro e una zona spogliatoio protetta dove sua madre teneva la sua collezione di lingerie sexy acquistata di recente da un sito di sesso su Internet. Tutto ciò che riguardava la...

757 I più visti

Likes 0

La proposta: obblighi rispettati

La proposizione: Gli obblighi vengono rispettati Jenny e io abbiamo dormito fino a domenica mattina. Erano passate le 10:00 quando finalmente siamo scesi dal letto. “Dopo la nostra doccia, cosa vorresti per colazione?” chiese Jenny mentre iniziava a rotolare giù dal letto. Ha poi avuto uno sguardo addolorato sul suo viso. OH! Uumm, Jim, onorerò il nostro patto. Puoi avermi quando vuoi, ma se per te va bene, possiamo fare qualcos'altro la prossima volta? Sono così dolorante, non sono sicuro di poter nemmeno camminare. Il suo dolore era abbastanza comprensibile. Ho dovuto spingere molto forte per sfondare il suo imene e...

764 I più visti

Likes 0

Come mia sorella mi ha fatto venire - senza saperlo

Quella che segue non è una storia di cui sono necessariamente orgoglioso. Non è nemmeno una storia molto lunga, perché l'evento vero e proprio è durato davvero poco. È imbarazzante, è poco lusinghiero e, forse, è anche un po' sbagliato. Si tratta, comunque, di una storia vera, accaduta qualche tempo fa, e poiché penso che ad alcuni potrebbe piacere davvero, sono disposto a descriverla nei minimi dettagli. E quindi, senza ulteriori indugi, vi presento la storia di come mi sono imbattuto accidentalmente in mia sorella - e sono riuscito a farla franca. O in realtà, c'è ancora qualche rumore. Ho promesso...

669 I più visti

Likes 0

Una nuova vita per Ruth

Ruth Anderson sedeva nel suo nuovo ufficio, era stata promossa sei mesi prima ed era ancora eccitante trovarsi al decimo piano. Ruth era una signora tranquilla da poco passata il suo quarantaquattresimo compleanno, era stata allevata in una rigida famiglia cattolica, figlia unica con un padre dominante che per la sua ira aveva obbedito alla lettera. Aveva trascorso gli ultimi ventiquattro anni in un freddo matrimonio quasi senza sesso, la sorpresa più grande era stata che lei e il marito Donald avevano avuto una figlia meravigliosamente bella, Lena, che a ventidue anni stava per completare un master in economia aziendale alla...

580 I più visti

Likes 0

Spirito libero (5)..Pagare per restare (1998)

Ormai ero fuori casa e andavo appena a scuola. Stavo semplicemente sopravvivendo e vivendo in un edificio abbandonato. Ho parlato con Stacy la prima sera mentre Melissa era fuori a lavorare e ho imparato alcune cose. Ho provato a continuare gli studi; ma l'ho trovato così difficile. Trovavo davvero difficile concentrarmi a scuola, quindi ho abbandonato le materie che mi davano mal di testa. Inglese, Scienze ed Economia domestica furono quelle che abbandonai; ma ho continuato con il resto. Stacy mi ha detto: “Vivo qui da quando avevo 14 anni e ora ne ho 19. Faccio la prostituta dall'età di 15...

476 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.