Studiare per il corso di storia

52Report
Studiare per il corso di storia

Immagino sia iniziato come qualsiasi altro giorno, non sapevo che mi avrebbe cambiato per il resto della mia vita. Stavo aspettando di incontrare Tanya dopo la scuola per poter tornare a casa insieme come facciamo sempre, essendo lei la mia vicina e tutto il resto. Voglio dire, ho capito perché tutti i ragazzi della mia classe superiore si sono innamorati di lei. A 5'6 ", con capelli castani lisci appena sopra le spalle, circa 120 libbre, e immagino che 32D tette fosse una delle ragazze più calde della mia classe, anche se io ero così timida e crescevamo insieme ho pensato lei mi considerava un fratello. Non è mai sembrata interessata agli altri ragazzi, ma questo non ha impedito loro di sbavare per lei. Me lo stavo chiedendo distrattamente quando mi sono imbattuto in lei. Era così bella nel suo maglione a collo alto, jeans attillati e stivali Ugg.
"Ehi, guardalo, stupido!" ha scherzato.
"Scusa Tanya, stavo rivedendo le mie risposte per il quiz di oggi, e immagino di aver preso delle distanze." Ho mentito.
“Bene, andiamo. Ho comunque bisogno del tuo aiuto per studiare.
Ci dirigemmo verso la mia macchina e, come sempre, prese il controllo della radio. La maggior parte delle volte non mi dispiace davvero, ma oggi ha messo su delle schifezze di gomma da masticare e io riuscivo a malapena a sopportarlo. Ha chiesto se potevamo fermarci in farmacia mentre tornavamo a casa perché doveva prendere qualcosa. Mentre la stavo aspettando in macchina, ho guardato la sua borsa dei libri e ho pensato di aver visto una specie di tubo di plastica blu che spuntava dalla cerniera. Stavo per raggiungerlo per dare un'occhiata più da vicino, ma proprio in quel momento è tornata ed è entrata.
"Trovare quello che stavi cercando?" Ho chiesto.
"Sì"
"Il mio posto o il tuo?"
“I miei genitori non saranno a casa fino all'ora di cena, quindi sarà tranquillo, e il tuo fratellino e la tua sorellina sono sempre così rumorosi dopo la scuola materna. " Lei disse.
"Ok va bene."
Erano circa dieci minuti di macchina verso casa ed ero perso nella mia testa pensando alla scuola, quando mi ha chiesto se mi piaceva la nuova sfumatura di eyeliner, che aveva appena applicato. Le ho detto che non l'avevo nemmeno notato mentre lo indossava, e per qualche motivo sembrava un po' turbata da questo. Ho pensato che volesse solo attenzione, quindi l'ho guardata con la coda dell'occhio mentre tirava fuori un tubetto di rossetto dalla busta di plastica del negozio.
"Hai intenzione di guardare adesso?" lei chiese.
«Certo, immagino.»
Si stava comportando in modo un po' strano, ho pensato. Questa volta afferrò lo specchietto retrovisore invece della visiera e lo girò verso di sé. Cercai di tenere d'occhio la strada mentre la guardavo mettersi il rossetto. Lo applicò molto lentamente e continuò a guardarmi. "Che diavolo sta succedendo?" Ho pensato. Amico, ero all'oscuro.
"Erano qui." sbottai mentre entravamo nel mio vialetto.
Siamo scesi e siamo andati a casa sua con lei davanti e io che cercavo di non far capire che le stavo guardando il culo. Ehi, potremmo essere amici intimi, ma sono ancora un ragazzo. Ci ha fatto entrare, ha gettato la borsa dei libri sul divano come fa sempre e ha iniziato a salire le scale fino alla sua stanza.
“Non ti dispiace se faccio una doccia veloce, vero? Mi sono rovesciato addosso un po' di robaccia durante la mia ultima ora di Home Ec. Classe. “
"Vai avanti." Ho detto. "Prenderò solo i nostri appunti e li organizzerò."
"Ah, aspetta." È tornata di corsa al piano di sotto, mi ha strappato la borsa di mano, ha tirato fuori i suoi appunti, me li ha dati e ha portato la borsa di sopra con sé. Il suo viso era rosso barbabietola durante questo.
"Avrei potuto farlo, sai." La chiamai su per le scale.
"No, va bene." Ha urlato di nuovo giù.
Due minuti dopo, ho sentito l'acqua iniziare a scorrere e la porta scorrevole della doccia chiudersi. Ho messo gli appunti sul tavolo, ma ho avuto la sensazione di dover andare a fare pipì. Dato che gli unici bagni della casa erano al piano di sopra, sono andata a usare quello nella stanza di sua madre e suo padre. Quando sono arrivato in cima alle scale, ho notato che la porta del bagno era aperta di circa quindici centimetri. Ho combattuto l'impulso di guardare dentro ma, ancora una volta, essendo un ragazzo non ho potuto farne a meno. La porta era semitrasparente all'altezza del petto e riuscivo a distinguere abbastanza bene il contorno del suo giovane corpo, anche se non molti dettagli. Ho sentito una pressione familiare crescere e ho guardato in basso per vedere una tenda che si alzava nei miei pantaloni da ginnastica. Ho pensato che diavolo, perché no e ho iniziato a strofinare la mia spazzatura. Si stava insaponando il corpo ed era così sexy. Sicuramente stavo pensando di aggiungere questo momento alla banca sculacciata per dopo. Poi ho infilato la mano nei pantaloni e ho iniziato a massaggiarmi davvero il cazzo. Stavo diventando così eccitato a guardarla lì dentro. Proprio in quel momento, ha chiuso l'acqua, ha allungato la mano, ha preso un asciugamano e ha iniziato ad asciugarsi i capelli. L'asciugamano le copriva il viso in modo che non potesse vedermi, ma io potevo vederla tutta. Proprio in quel momento, ha gettato indietro l'asciugamano e si è trovata di fronte a me. Oh merda! pensai, mentre correvo veloce e silenziosamente verso l'altro bagno. Ero abbastanza sicuro che avesse gli occhi chiusi, ma ero preoccupato che mi vedesse.
Ho pisciato ma non volevo affrontarla subito, quindi sono rimasta in bagno ad asciugarle i capelli. Sono uscito dal bagno proprio mentre lei usciva dall'altro bagno ancora con l'asciugamano.
“Oh, ciao Ethan. Non sapevo fossi quassù.»
"Io, uh, ho dovuto, uh, pisciare." riuscii a dire mentre entrava nella sua stanza. La mia faccia era così rossa.
«Scendo tra un minuto.» Disse attraverso la porta.
"Prenditi il ​​​​tuo tempo." Sospirai mentre scendevo le scale.
È scesa con il suo zaino ma indossava vestiti diversi da quelli che indossava prima. Indossava dei pantaloncini succinti, una felpa con cappuccio aperta, una canotta blu con reggiseno nero e pantofole pelose. Strana scelta per l'abbigliamento da studio, pensai.
"Sei pronto a sbattere questo fuori?" Chiese con un sorriso malizioso mentre gettava la borsa sul pavimento accanto al tavolo.
"Cosa... oh sì, le note." Ho balbettato e per la mezz'ora successiva abbiamo studiato i nostri appunti di storia.
"Ethan, in che anno è stata tutta la faccenda di Alamo?" ha interrogato.
"Ehm... 1836?"
"Me lo chiedi o me lo dici?"
"Uh, raccontare." dissi timidamente.
"Corretta." Sorrise e mentre incrociava le gambe, una delle sue pantofole cadde.
"Quando è affondato il Titanic?"
“1912. Grazie, Leonardo Di Caprio. Ho riso.
"Corretto di nuovo, Ethan." Si tolse l'altra pantofola.
"D-day?"
"Giugno, um, 6, 1945. No aspetta, '44."
"Hai quasi rovinato la tua serie di vittorie lì." Sorrise mentre si toglieva la felpa.
"Hai caldo o qualcosa del genere?" Ho chiesto.
"No."
Stava facendo quello che pensavo stesse facendo? Si stava spogliando per me ogni volta che ricevevo una risposta, giusto? Ne dubitavo, ma il solo pensarci mi ha fatto ottenere un semi.
"Ok, eccone una difficile" Non ne hai idea, pensai mentre mi spostavo per nascondere la mia crescente erezione. "Caduta di Saigon".
Ho sfogliato i miei appunti per trovarlo.
"No scusa. Niente appunti, signor Smarty-pantaloni. Disse mentre li strappava via da me. Per fortuna avevo già visto la risposta.
"30 aprile 1975." Ho detto tutto presuntuoso.
"Imbroglione!" gridò con finto disgusto.
"Sì, beh, peccato." Le sorrisi di rimando. Fu allora che si avvicinò a me sul divano. Le nostre gambe si stavano quasi toccando e la mia erezione è cresciuta ancora di più. Avrei giurato che stesse controllando il mio rigonfiamento mentre lo faceva.
"Cosa dovrei fare per punirti, signor Cheater?" lei chiese.
"Cos'hai in mente?"
“Ho alcune idee, ma penso che ti darò un'altra possibilità. Quando è caduto il muro di Berlino?
"Questo è facile. 9 novembre 1989. dissi trionfante.
"Buon lavoro. Ora ecco la tua ricompensa. Disse mentre mi metteva una mano sulla guancia, si sporse e mi baciò sulle labbra. Non è stato solo un piccolo bacio, ma un buon paio di secondi. Ho giurato di aver sentito la sua bocca iniziare ad aprirsi proprio prima che mi allontanassi.
"Cosa stai facendo Tanya?" Ho chiesto.
"Qualcosa che volevo fare dalla seconda elementare, quando ti sei trasferito nella porta accanto." Si appoggiò allo schienale e mi baciò di nuovo. Questa volta entrambi abbiamo aperto la bocca e abbiamo iniziato a pomiciare. Stavo per trovare il coraggio di sentire le sue tette quando si fermò e si appoggiò allo schienale.
«In che data è stato il terremoto di Northridge del '94?»
"Sei serio?"
"Abbiamo detto che avremmo studiato, quindi devi prima rispondermi."
"Ehm, merda, era gennaio, ehm..." balbettai.
Ha iniziato a togliersi la canotta. Il sedere ha raggiunto i suoi capezzoli quando si è fermata. Non riuscivo a credere che stesse accadendo a me e la mia mente si oscurò per un secondo.
"Gennaio cosa?" lei tubava.
"17!" ho praticamente urlato.
Ha quindi rimosso completamente la parte superiore. Stavo fissando la sua ampia scollatura quando mi ha messo una mano sul mento e ha avvicinato il mio viso al suo. Ci siamo baciati profondamente e appassionatamente. Non avrei perso tempo e sono andato dritto per le sue enormi tette. Me li ha fatti sentire sopra il reggiseno e mi sono fatto strada fino alla schiena per togliermelo. Le ho slacciato il reggiseno e ho iniziato a toglierlo ma lei mi ha spinto indietro. Con le mani che tenevano su il reggiseno nero, fece una domanda.
"Quando è stata restituita Hong Kong ai cinesi?"
"PER L'AMOR DEL CAZZO TANYA!" urlai.
"Rispondetemi."
“1 LUGLIO 1997! Ok?"
Lei allontanò le mani e io fissai le tette più belle che avessi mai visto. Anche meglio delle riviste di tette sotto il mio materasso. Praticamente si è tuffato contro di loro. Dovevo solo mettermeli in bocca per dimostrare a me stesso che erano reali. Ne presi uno in mano mentre succhiavo il capezzolo dell'altro.
«Oh, Ethan.» Gemette mentre le pizzicavo il capezzolo con i denti. Sono passato all'altro e ho fatto lo stesso. Non ne ho mai abbastanza di quelle magnifiche tette.
"Ti è piaciuto quello che hai visto quando ero sotto la doccia?" lei sussurrò. Scattai in piedi.
"Mi hai visto?"
“Perché pensi che la porta fosse aperta? Volevo che mi guardassi, come volevo che mi guardassi con il rossetto in macchina. A proposito, se vuoi davvero che la tua erezione venga strofinata, avresti dovuto semplicemente chiederlo. Disse mentre la sua mano strofinava il mio cazzo sui miei pantaloni.
“Mi piace quello che sento lì dentro. C'è qualche possibilità che voglia uscire e giocare?" lei chiese?
Ho raggiunto la vita dei miei pantaloni, ma lei mi ha fermato. Poi ha abbassato la mano e lentamente mi ha abbassato i pantaloni fino alle caviglie.
«Quando è nata la pecora Dolly?»
"Non me ne frega un cazzo." Non ce la facevo più.
"Neanche io." lei rise. Ha preso i miei boxer ma l'ho fermata.
"Voglio sentirti prima." Ho detto.
Si appoggiò allo schienale e io le tolsi i pantaloncini e le mutandine. La sua figa era rasata a nudo, quindi le ho allargato le gambe e le ho infilato le dita dentro. Poi ho preso di nuovo il suo capezzolo in bocca e lei mi ha messo le mani tra i capelli.
“Oh mio Dio, Ethan. È così piacevole."
"Ti piace quello che fanno le mie dita?"
"Cazzo sì!"
Mi sono spostato lentamente lungo il suo stomaco baciandolo per tutto il tempo. Mi sono messo in ginocchio tra le sue gambe e ho iniziato a leccarle la clitoride. Le ho messo le dita dentro mentre la mangiavo. Ho mosso lentamente le dita dentro e fuori mentre le succhiavo la clitoride.
«Oh merda, Ethan. Sei così bravo in questo! gemette a denti stretti.
Ho infilato la lingua nella sua figa mentre le strofinavo la clitoride per un po'. Ho allungato la mano e con l'altra mano le ho pizzicato uno dei capezzoli. Potrei dire che era vicina a causa di quanto si stava bagnando. Ho continuato a scoparla con le dita mentre le succhiavo e leccavo la clitoride.
“OH CAZZO BAMBINO! STO CUMMANDO! TI STO SBORRANDO SU TUTTA LA FACCIA! OH DIO! CAZZO SI! CONTINUA COSÌ! SI SI SI SI SI! OH CAZZO SÌ!
All'improvviso, ho sentito un'ondata di liquido mentre mi veniva su tutto il viso. Sapeva di miele e non ne avevo mai abbastanza. Ne volevo di più, quindi ho continuato. Ho iniziato a succhiarle la clitoride più forte che potevo mentre le afferravo le tette e la scopavo a sangue con le dita.
“CAZZO CAZZO CAZZO! TORNERÒ ANCORA! TI VERRÒ TUTTO SU DI TE BAMBINO!
Un altro torrente di sperma mi riempì la bocca mentre mi schizzava su tutta la faccia. Non ne ho mai abbastanza. Le sue mani mi passavano tra i capelli mentre deglutivo tutto quello che potevo. Ho lubrificato un dito con il suo sperma e l'ho rimesso nell'altro buco. Non ero sicuro che me lo avrebbe permesso, ma volevo provare comunque.
“Infilalo in Ethan. Voglio che tu."
Era tutto quello che avevo bisogno di sentire, quindi ci ho messo un dito mentre continuavo a leccarle la figa. Mi sono spostato fino alla mia seconda nocca e poi l'ho spinta fino in fondo.
«Porca miseria che ti fa sentire così fottutamente bene, Ethan. Continuare. Mettetene un altro".
Ho infilato un altro dito proprio mentre lei ricominciava a venire.
“FUUUUUCCCCCKKKKKK!!!” Si lamentò, mentre ancora più sperma mi riempiva la bocca. Era insaziabile. Voleva solo sempre di più.
Lasciami succhiare il tuo cazzo! Per favore, ne ho bisogno in bocca.
Non ero tipo da discutere, quindi sono tornato sul divano mentre lei si metteva sul pavimento. Mi ha praticamente strappato via i boxer e i miei 7 pollici pieni sono spuntati fuori. Rimase senza fiato quando vide il mio cazzo balzare su e leccare via lo sperma pre.
"Ha un buon sapore."
Ha leccato l'asta mentre giocava con le mie palle. Faceva così caldo vederla darmi la testa. Si mise in bocca solo la punta e si fermò per un secondo prima di precipitare fino alla base.
"FANCULO!" Ho urlato mentre mi prendeva in gola.
Su e giù, saltellava sul mio cazzo. La sua lingua si mosse dappertutto mentre succhiava più forte che poteva. Ho guardato sopra la sua spalla e ho potuto dire che stava giocando con se stessa mentre mi succhiava. Stava usando il tubo blu sul clitoride e ho sentito un ronzio. A quanto pare, era un vibratore. Questo spiegava perché non voleva che frugassi nella sua borsa. Ho guardato indietro verso di lei che mi succhiava e lei mi stava guardando negli occhi.
"Sì, mi piace quando mi guardi con il mio cazzo in bocca, Tanya."
Stava davvero andando in città con il mio cazzo e la sua clitoride con l'atmosfera. Non potevo resistere ancora a lungo e mi stavo avvicinando al cumming. Ho resistito il più a lungo possibile, ma lei era semplicemente troppo brava.
"MERDA, VENGO!"
Le sono venuto in bocca come mai prima d'ora. Le ho sparato corde e corde di sperma in gola. Fu l'orgasmo più intenso che avessi mai avuto. C'era così tanto sperma che non riusciva a ingoiarlo abbastanza velocemente e un po' si rovesciò giù per la mia asta. Alla fine, ho smesso di sparare al mio carico e lei si è seduta di nuovo. Sorrise mentre ingoiava il resto di quello che aveva in bocca.
"Oops, sembra che qualcuno sia uscito."
Si chinò e leccò ogni goccia che cadeva. Mi ha rimesso il cazzo in bocca e mi ha fatto gola profonda altre due o tre volte. Sorrise mentre si alzava e mi montava. Non ha esitato mentre si lasciava cadere sul mio cazzo duro come una roccia.
"Oh merda. Ti senti così bene con me, piccola. Gemette nel mio orecchio mentre iniziava a strofinarsi su di me.
Ha mosso i suoi fianchi in cerchio mentre io muovevo i miei su e giù. Mi ha messo uno dei suoi capezzoli in bocca e io ho succhiato più forte che potevo. Mi alzai con me ancora dentro di lei e la riposi sul divano. Poi ho davvero iniziato a darglielo. Ho martellato la sua figa più forte e veloce che potevo. Potevo sentire le mie palle schiaffeggiare contro il suo sedere, ma volevo ancora di più. L'ho fatta rotolare sulle ginocchia e ho iniziato a scoparla alla pecorina. Ha raggiunto tra le sue gambe e ha iniziato a giocare con le mie palle mentre schiaffeggiavano contro il suo clitoride.
"Vuoi fottermi il culo?" riuscì a dire tra una spinta e l'altra.
Quelle erano le sette parole migliori che potessi mai sentire.
"Diavolo sì!"
"Allora vai a prendere il lubrificante dal sacchetto di plastica."
Questo spiega perché siamo andati in farmacia. Ho preso il lubrificante e ne ho messo un po' sul mio cazzo e nel suo culo mentre lei usava l'atmosfera sul suo clitoride. Spinsi la testa contro il suo bocciolo e lentamente entrò di circa un centimetro. Poi ancora un po'. Un po 'di più. La mia testa è saltata dentro e ho capito che non sarei durato a lungo. Era così fottutamente stretta!
"Ti piace il mio cazzo dentro il tuo culo?"
“Ci si sente così bene. Mi sento come se mi stessi riempiendo!
Ho messo un po' più di lubrificante sul mio cazzo e sono scivolato dentro fino in fondo. Mi sono tirato indietro un po', ma lei ha sbattuto il culo contro il mio cazzo. Aveva bisogno di me fino in fondo! Ho iniziato a saltare il più velocemente possibile perché sapevo che non sarei durato a lungo. Ha alzato l'atmosfera al massimo e ha iniziato a urlare quando è venuta immediatamente.
“CAZZO MERDA CAZZO!”
Questa ragazza non ne ha mai abbastanza. Ho pompato forte e veloce e ho sentito la pressione crescere nelle mie palle. Sapevo di essere quasi arrivato. Volevo qualche spinta in più prima di spararle il mio carico.
"TI VENGO NEL CULO, BABY!"
“RIEMPIMI CON LA TUA SPERMA CALDA!! VOGLIO CHE TU MI VENGA DENTRO!
Sono venuto ancora più duro di prima. Mi sento come se le fossi venuto un litro nel culo. Proprio in quel momento è venuta un'ultima volta e mi ha spruzzato sulle palle e sul divano. Siamo crollati in un mucchio e abbiamo ricominciato a pomiciare.
Quella è stata la prima ma sicuramente non l'ultima delle nostre sessioni di studio. Abbiamo scopato e succhiato la nostra strada attraverso l'intero libro di storia, e siamo a metà della chimica.

Storie simili

Il mio compito per i media.

Ho ricevuto una chiamata per entrare nell'ufficio del mio editore per un incontro con il signor Giles. Stavo lavorando al giornale locale da 6 mesi, quindi naturalmente ero nervoso. Mi chiedevo cosa avessi fatto di sbagliato, tale era la mia negatività. Rachael, per favore siediti ha detto mentre entravo. Mi sono seduto dentro tremante mentre aspettavo quella che pensavo sarebbe stata una brutta notizia. Rachael, ho visto il tuo pezzo sulle corse dei levrieri e sull'esca viva ha detto è stato fantastico. Penso che avrebbero sentito il mio sospiro di sollievo nel prossimo edificio. “Evidentemente ami gli animali” ha aggiunto. Sì...

802 I più visti

Likes 0

Finalmente i piedi di Nicole: la vendita Capitolo 1

Sono le 18:00 di sera e inserisco le note nel computer nel database della nostra concessionaria. È stata una giornata piuttosto lenta e mi annoio. Mi alzo per sgranchirmi ed esco fuori per illuminarmi. Mentre metto l'accendino in tasca, noto un vecchio amico con cui lavoravo al pull up. Parcheggia e si avvicina a me sorridendo. Ehi, come stai? chiede Nicole mentre cammina verso di me. Ciao Bella ragazza. È molto tempo che non ci si vede. Cosa ti porta a vedermi? Ho chiesto. Nicole mi si avvicinò e mi gettò le braccia al collo. Abbiamo sempre parlato a Sagebrush, ma...

633 I più visti

Likes 0

Chat room: una vendetta malvagia della fidanzata

Torni a casa dopo una lunga giornata di lavoro; ti togli il cappotto e vai in cucina per una birra. Quando apri la porta del frigorifero, la tua ragazza si avvicina da dietro, coprendoti gli occhi con una benda. Lo lega stretto essendo un po 'ruvido Ho un osso da scegliere con te !! ti scatta contro. 'Ma che...?! Chiedi, alzando la mano per scoprirti gli occhi. Ti dà uno schiaffo sul dorso della mano e ti afferra il polso tirandoti fuori dalla cucina. Essendo bendato sei disorientato e perdi l'equilibrio, quasi inciampando mentre ti trascina su per le scale. La...

867 I più visti

Likes 0

Una nuova padrona 7

Natasha mi ha infilato la lingua nell'orecchio e mi ha sussurrato: Ci divertiremo un sacco, un sacco di divertimento tesoro... La bambina della mamma si è sporcata il culo? Nessuna padrona... mamma! Ho sussurrato. Ho urlato mentre qualcuno schiaffeggiava il mio cazzo duro. Rimbalzava come un metronomo pungente. Sì! Mi sono lamentato: Sì! Il mio culo è sporco mamma…” Sorrise e mi coprì gli occhi con una benda. Ho sentito qualcuno sedersi sul mio petto e ho pensato di sentire l'odore della figa eccitata. Natasha mi tubò nell'orecchio: Conosci quell'odore? Mi sono reso conto che non avevo cazzo e palle in...

747 I più visti

Likes 0

Il bussare alla porta_(1)

Il bussare alla porta mi ha sorpreso. La notte di gennaio in Iowa era fredda, fredda, fredda. Mi ero già tolto i vestiti per la notte e mi sono seduto sulla mia poltrona a scrivere sul mio portatile; era una breve storia della mia infanzia. Dal mio divorzio tre anni prima, ho passato molto del mio tempo da solo a scrivere; principalmente sull'argomento di cui so più di ogni altra cosa... io. Ho scritto centinaia di storie sulla mia vecchia città natale e sulla mia famiglia. I miei nove fratelli hanno fornito tonnellate di ricordi che voglio, un giorno, condividere con...

669 I più visti

Likes 0

Surrogato sessuale

Surrogato sessuale Ch1 Spruzzandomi acqua sul viso e fissando un grande specchio del bagno, stanco per la lunga serata che ho passato ieri sera in cui ho avuto una conferenza di oltre cento invitati in cui ho parlato loro del mio lavoro. No, non ero una squillo, non mi sono mai spogliata, non ho mai lavorato in un bordello e non faccio pubblicità. Sono fondamentalmente uno psicologo che aiuta uomini, donne e anche coppie con disabilità ad esibirsi durante il sesso. Come surrogato del sesso per la maggior parte del tempo insegno il contatto intimo, insegnando alle persone come trovare il...

877 I più visti

Likes 0

THE FREAK - Parte 4 di 5

>>>>>>Entrammo in Massachusetts Avenue e trovammo un posto per parcheggiare a circa un isolato di distanza vicino a Harvard Yard, il nome dato al campus principale. Erano appena passate le dieci. La signora Atkins aveva detto di venire a qualsiasi ora, quindi siamo andati insieme all'ufficio ammissioni, trovandola alla sua scrivania. Presentai Barbara e prendemmo posto. La prima cosa che ho fatto è stata passare la cartella delle fotografie attraverso la scrivania. “Avevo chiesto a Barbara di sposarmi il venerdì sera precedente, il venerdì prima della domenica delle Palme. Ha indossato il suo anello di fidanzamento a scuola lunedì e...

868 I più visti

Likes 0

Grace è una ragazza scat

Ogni sera dopo il college Grace cercava consigli per flirtare online e da quando ha scoperto il porno alcuni anni fa, ne era stata ossessionata. Ora che vive da sola, si siede sulla sedia per ore e ore a guardare i contenuti più sgradevoli che riesce a trovare. Aveva sempre avuto un lato malato in lei, ma si è davvero acceso alcuni anni fa quando i suoi compagni di scuola le hanno mostrato il video 2 Girls 1 Cup, ha dovuto mostrarsi disgustata di fronte a loro mentre nascondeva segretamente la macchia bagnata tra le sue gambe . Tutte le sue...

850 I più visti

Likes 0

Rossa focosa

Il mio nome è Rachel. Ho 35 anni, 5'7 , 135 libbre, capelli rossi che mi superano le spalle, occhi azzurri, lentiggini, pelle bianca pallida (mi dispiace che le rosse non si abbronzino). Indosso un reggiseno taglia 36DD con bei capezzoli grandi ( è impossibile nasconderli) e tengo il mio cespuglio rosso curato e curato. Sean è il mio migliore amico, facciamo quasi tutto insieme. Siamo amici da anni e non è mai successo niente di sessuale tra di noi. Così quando abbiamo deciso di fare un viaggio a Las Vegas per festeggiare il mio divorzio, non ci ho pensato. solo...

853 I più visti

Likes 0

Il nuovo paziente di Sarah - Prima parte

Sarah era nervosa mentre usciva dalla sua macchina e si dirigeva verso le porte che l'avrebbero riportata al lavoro per la prima volta dalla festa di Capodanno dove aveva recentemente perso la verginità. L'intera notte era ancora confusa... un'eredità di punch alla frutta e una notte di scopate intense che non si aspettava né voleva, ma durante la quale ricordava distintamente di aver avuto un orgasmo più e più volte mentre implorava gli uomini che l'avevano portata a scopare lei e sborra dentro lei. L'intera faccenda sarebbe potuta sembrare un brutto sogno se non fosse stato per il fatto che...

843 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.