Ricordi Infranti cap4

456Report
Ricordi Infranti cap4

Rimasi seduto lì, in silenzio, fissando i miei centonove graffi sul muro. Ho fatto un respiro profondo, cercando di stabilizzare la mia volontà, di andare avanti. Ieri... Ieri aveva fatto male. Un dolore che non sentivo da mesi. Non dall'ultima volta che l'ho vista. Non da quando sono arrivato qui. Sospirai, alzandomi, quando un tintinnio sulla porta mi distolse dalle mie fantasticherie. Sbirciando attraverso il plexiglass, ho potuto vedere un uomo affiancato da due inservienti dell'"East End Asylum for the Criminally Insane". Sospirai, concentrandomi sull'uomo. Era un po' basso, più basso sia di me che degli inservienti (che erano enormi). Portava occhiali circolari e uno stetoscopio era drappeggiato intorno alle sue spalle. Tutto in lui gridava "rimpicciolirsi". Sospirai di nuovo.
"Allontanati dalla porta e metti le mani sulla parete opposta, i piedi a due spalle di distanza."
La voce monotona proveniva da un messaggio preregistrato riprodotto attraverso un altoparlante. Ho fatto come da istruzioni, non volendo invocare l'ira degli inservienti. Potrei picchiarne alcuni, ma mi travolgerebbero di numeri. Inoltre, qual era il punto? Stavano semplicemente facendo il loro lavoro.

La porta sbatté forte mentre la pesante serratura elettronica accettava i dati biometrici e le chiavi magnetiche dell'inserviente di sinistra. Ho combattuto il desiderio di dare un'occhiata ai miei... badanti.
"Metti lentamente le mani sopra la testa, giunte insieme."
Cristo, odio le camicie di forza. Me lo hanno fatto scivolare addosso, prima di chiuderlo saldamente con la cerniera. Soddisfatti che ora fossi contenuto, mi condussero alla porta, dove lo strizzacervelli mi stava aspettando.
"È bello rivederla, signor Hill. Come si sente?"
"Così come può esserlo una persona rinchiusa in una cella, immagino."
"L'isolamento non sarà necessario ancora per molto se manterrai il tuo buon comportamento."
"Cosa, dovrebbe essere una specie di incentivo? Grazie, ma no grazie. Mi piace il mio cellulare. Meglio che socializzare con i pazzi che abitano questo posto."

Lo strizzacervelli sembrò un po' seccato dal mio rifiuto. Probabilmente non era abituato a cose del genere... Una risposta poco entusiasta.

"Sono sicuro che ti riferisci al resto dei pazzi", rispose.
Non ho perso un colpo. Stava insinuando che fossi pazzo. Finché avesse continuato a diagnosticarmi... qualunque cosa mi avesse diagnosticato, non avrei potuto andarmene. Non avevo dubbi che Sarah non mi avrebbe semplicemente lasciato uscire da questo posto, ma non ero nemmeno sicuro che sapesse che ero lì. Quei dettagli erano ancora confusi. Guardando il dottore, ho pensato che avrei dovuto comportarmi bene, solo per vedere dove mi avrebbe portato. Dopotutto, se volevo l'isolamento, tutto quello che dovevo fare era tirare un pugno.
"Senta, dottore... sono sicuro che potrà capire che questo posto mi stressa. Il mio amico... I pazienti mi stressano. Non voglio davvero rischiare di mescolarmi con loro, se vede dove mi trovo." da dove vengo."
"Oh, sì. Capisco come ti senti, ma è importante socializzare come parte del tuo recupero."
"Umm... non so davvero cosa dire. A proposito, non ho capito il tuo nome."
"Oh, chiamami dottor Smith."
Gli lanciai un sorriso sarcastico.
"Haha, dottor Smith, eh? Nemmeno un John Smith, marito di una certa Jane Smith?"
Sembrava più agitato che divertito, quindi ho subito rettificato il mio tentativo di umorismo.
"Mi scusi dottor Smith, è solo un... nome piuttosto comune, tutto qui."
"Hai perfettamente ragione nel ritenere che si tratti di uno pseudonimo. Nel mio lavoro, è imperativo dissociare gli aspetti personali dai miei pazienti. Le ricadute, in particolare le ricadute di crolli psicotici, possono essere dannose per i professionisti associati. Nel caso che uno dei miei pazienti ha una ricaduta, almeno sono al sicuro da loro."
"A proposito di crisi psicotiche, non mi hai mai detto cosa mi hai diagnosticato. Inoltre, ora che ci penso, non ti ho mai incontrato, ma mi hai salutato con "È bello rivederti". Mi sto perdendo qualcosa ?"
"Hmm. Lei è piuttosto acuto, non è vero, nel comprendere le implicazioni di un segmento di discorso così piccolo. Dovrò stare attento a lei, signor Hill"
Gemetti internamente, realizzando il mio errore. Avevo mostrato la mia abilità per i dettagli e lui se ne era accorto. Mi stavo arrugginindo.
"Il tuo ricordo del tuo arrivo qui deve essere danneggiato. Qual è la prima cosa che ricordi del tuo tempo qui?"
"Mi sono svegliato nella mia cella. Quello è stato il primo giorno."
"In realtà non lo era. Quello era il tuo quarto giorno. I tuoi primi tre giorni... Eri molto violento. Molto instabile. Alternavi gemiti, urla e sussurri un nome. Conosci il nome?"
"Era Sara?"
"No... era Marcus Edison. Sai chi è?"
"... No, non ne ho mai sentito parlare. Huh. Immagino che debba essere importante in qualche modo."
"Importante per cosa?"
"Ci sto ancora lavorando, dottore. Ti farò sapere quando avrò qualcosa."
Camminavamo e parlavamo da qualche minuto, tanto che non mi ero accorta che eravamo arrivati ​​al terzo piano finché gli inservienti non si fermarono davanti a una porta di legno. Era ben adornato e leggermente socchiuso. Potevo sentire il leggero odore di un fuoco artificiale; i fumi della combustione degli idrocarburi. Entrando, mi sono guardato intorno e ho sentito un tuffo al cuore. A fissarmi, in forma dipinta, c'era il volto che mi causava così tanto tormento. Uno splendido ritratto di una Sarah adolescente mi fissava.
"Oh, ti piace il dipinto. È di mia nipote. Me lo ha inviato mentre era in visita a Parigi. Sembra la parte di un vero classico dell'epoca vittoriana."
"Sì, non saprei. Lei è imparentato con una famiglia reale, dottor Smith?"
"Oh, no. Mia nipote è semplicemente una ragazza piuttosto di classe. A proposito di classe, lei è forse il mio paziente più esotico, signor Hill."
Fanculo... Questo ragazzo parlava come se fossi una specie di esemplare.
"Oh, sì. Ho recuperato i tuoi documenti risalenti a prima che tu fossi espulso dall'esercito. Dichiara che hai effettuato il maggior numero di tour di combattimento e non di combattimento di chiunque abbia la tua età, raggiungendo il tanto venerato grado di sergente d'artiglieria. Sono in presenza di la famosa vena psicopatica dell'esercito."
Ero tentato di far tacere questo ragazzo lì per lì. La famosa vena psicopatica dell'esercito? Che cazzo sapeva questa piccola merda cresciuta al college? Poi, mi sono ricordato che sua nipote era un'assassina di livello superiore. Qualcosa chiamato agente sul campo della Echelon. Pffft, potremmo per favore trovare un nome più generico per la nostra agenzia di spie?

Per alcuni secondi ho riflettuto sulle mie risposte, mentre il Dottore mi scrutava da sopra gli occhiali. Hmm... Se era lo zio di Sarah, da parte di padre, conoscevo il suo cognome. Avevo bisogno di più informazioni, prima di tentare di entrare nella sua testa.

"Allora, dottore, cosa mi è stato diagnosticato?"
"Un caso piuttosto grave di schizofrenia. Dimmi, sei a conoscenza di qualche... Sintomo strano? Qualcuno ha parlato con te, in isolamento? È per questo che ti piace così tanto."

A questo punto, il tono tagliente del dottor "Smith" mi stava davvero dando fastidio. Ero stufo di stare sulla difensiva.

"Oh, no. Non in cella. Le voci cominciano a farsi rumorose solo quando sto per uccidere qualcuno. Questo concorda con i tuoi pregiudizi? Oppure hai bisogno di ulteriori prove per poter rinchiudere qualcuno verso cui sei mal disposto." ?"

Era da un po' che non vedevo qualcuno arrabbiarsi così forte.

"Mi stai accusando di corruzione?"
"No, la sto accusando di fare schifo nel suo lavoro, dottor Laine."

Ho corso un rischio. Ha dato i suoi frutti. Balbettò, prima di riprendere la compostezza.

"Scusate? Mi chiamo..."
"No non lo è."
"...Come diavolo facevi a saperlo?"
"Diciamo solo che ho prestato attenzione. Ora, perché non diamo inizio a qualunque cosa stia succedendo qui, così posso tornare nella mia cella e togliermi questa maledetta giacca."

Gli inservienti sembravano sorpresi dalla mia coerenza. Immaginavo che i miei primi giorni qui dovessero essere stati qualcosa di spettacolare.

"Quindi immagino che tu non creda di essere malato di mente?"

Il suo tono tradiva il tentativo di adescarmi. Sul serio, questo strizzacervelli era il peggiore che avessi mai incontrato.

"Se dico che sono pazzo, mi crederai sulla parola. Se dico che non lo sono, dirai semplicemente che è qualcosa che direbbe qualcuno deluso. Quindi... Che ne dici... Vaffanculo ?"

L'inserviente a sinistra ridacchiò.

"Adesso basta, signor Hill. Come posso aiutarla se non vuole aiutare se stesso?"
"Domanda, dottor Laine. Quanti strizzacervelli ci vogliono per cambiare una lampadina?"
"Non è il momento di fare scherzi, signor Hill."
"Oh, al contrario, dottore, ho tutto il tempo del mondo. Non accetterai mai che sto bene, purché tu abbia qualche scusa per rinchiudermi."
"Mi sto stufando di girare in tondo. Pensi che io sia predisposto contro di te, utilizzando le prove che ho a portata di mano per, come dici tu, rinchiuderti. Allora come spieghi il tuo comportamento quando sei arrivato a questo? facilità?"
"Non lo ricordo, ma suppongo che stessi delirando."
"E il motivo dell'espulsione militare? Non licenziano semplicemente i militari. Devi essere qualcuno di cui non possono nascondere le tendenze psicotiche."
"Eccoti di nuovo, con la tua opinione prevenuta. Quante persone conosci nelle forze armate? Negli anni Settanta, i problemi di salute mentale degli ufficiali in comando erano, in effetti, un grosso problema. Ma i tempi cambiano. Ora, un comandante psicotico causa troppe vittime amichevoli perché valgano le loro caratteristiche di cacciatori di uomini. L'esercito li ha cacciati tutti negli anni Novanta. Li ha braccati sistematicamente, con il pretesto di prendersi cura della loro salute e ha sostituito la loro tanto necessaria sete di sangue con estese Ricordate come hanno sperimentato la somministrazione di LSD alle truppe per aumentare il loro potenziale di uccisione? Alla fine hanno scoperto che attraverso un addestramento ripetitivo, potevano dissociare il nemico dall'essere persone, all'essere bersagli, il che ha funzionato molto meglio che avere un mucchio di mina vagante che corre qua e là. Forse dovresti avere un po' più di rispetto per gli uomini e le donne che sacrificano la loro vita per permetterti di mantenere il tuo tenore di vita."
La dottoressa Laine rimase in silenzio durante tutta la mia spiegazione.
"Io... ho sentito parlare di alcune di queste cose. Ma non è questo il punto. L'esercito ti ha cacciato a causa della tua associazione con l'incidente di Islamabad. È interessante notare che tu sei stato l'unico a essere cacciato. Poi sei stato mandato qui. Da quanto ho capito... tu e solo tu siete responsabili dei milioni di vittime che ne sono derivate e dei disordini che ne sono seguiti."
Ho fatto un respiro profondo. È stato un colpo basso, ma sapevo che mi teneva per le palle. Quindi ho mentito.
"Stavo solo eseguendo gli ordini. Volevo dire di no. In realtà l'ho fatto. Mi hanno minacciato di esecuzione per insubordinazione. Non so nemmeno chi fossero 'loro'. Uno spettro."
Lanciai un'occhiata al ritratto di Sarah. Le migliori bugie contengono elementi di verità.
"Come farebbe un sergente d'artiglieria a sapere come usare un'arma nucleare? Non è che abbiano un pulsante 'clicca qui per armare'. No, ho trasmesso le coordinate dell'attacco. Ma non era autorizzato e, naturalmente, ho preso le informazioni colpa. Mi perseguita... Tutte quelle anime. Tutte quelle persone... Se ne sono andate, in un lampo di luce. Conosci la citazione di Oppenheimer? Ogni volta che penso a quel momento, ricordo quella citazione."
La mia bugia conteneva molti buchi. Perché qualcosa dovrebbe portare in giro una bomba atomica? Perché dovrei obbedire allo spettro che non conoscevo nemmeno? Perché un pilota, un operatore di mortaio o un sottomarino dovrebbe sparare una bomba atomica su richiesta di qualche soldato a terra? Diavolo, perché la mia squadra non dovrebbe fermarmi? Facevo affidamento sulla propensione dei militari alla segretezza per proteggere la mia menzogna. Ha dato i suoi frutti.
"Tenendo conto di tutto quello che hai detto, forse dovrei riconsiderare la mia posizione, soprattutto quello che hai detto riguardo alla mia predisposizione. Naturalmente prenderò con le pinze quello che dici. Dopotutto sto parlando a un malato di mente. Ma forse soffre di depressione, non di schizofrenia, e forse è tormentato dal senso di colpa, non da violenti attacchi di follia.
Sono rimasto sorpreso dall'umiltà nella sua voce. Mi sono subito pentito di averlo giudicato così duramente.
"Prenditi tutto il tempo che ti serve, dottore. È una situazione seria. Oh, se ti metti in contatto con Sarah, mandale i miei saluti." Annuii verso il dipinto, sorridendo mentre la realizzazione e lo shock inondavano i suoi lineamenti.
"Molto bene. Spero... Beh, spero che qualunque disgrazia le sia capitata venga presto alla luce, signor Hill," disse con voce che squillava come definitiva. Ho colto il suggerimento e mi sono alzato. Gli inservienti si avvicinarono a me e ce ne andammo, ma quando raggiungemmo la porta, il dottor Laine chiamò.
"Jared, Michael, la giacca non sarà necessaria la prossima volta. Sono sicuro che il signor Hill non soffre più della violenza che gli ha inflitto al suo arrivo."

Storie simili

Dovere coniugale

Ricordo ancora la prima volta che ho visto Sandra per la prima volta. Ero un giovane trasandato di vent'anni. Era una ragazza molto sexy di 22 anni. È venuta da me mentre stavo cercando di avviare la mia motocicletta Norton 750 Commando un po' capricciosa. Ha detto qualcosa a proposito del fatto che le piacciono le biciclette. Questo era tutto quello che avevo bisogno di sentire. Una bruna dall'aspetto attraente con grandi occhi marroni in un paio di jeans attillati che si avvicina a me e mi dice che le piacciono le biciclette. La mia vita ha preso una svolta positiva...

500 I più visti

Likes 0

Organismo X - Cap. 08

Nota dell'autore: dopo diversi mesi di sviluppo infernale, vi presento l'ottavo capitolo di Organism X - Ora con il 100% di scoregge in meno! 1 In lontananza, Erin poteva sentire la ragazza appena trasformata gemere e grugnire mentre la bionda, Lindsay, giocava con lei. Il suono la ripugnava e allo stesso tempo la eccitava. Sarà una bellezza quando cambierà completamente, ha detto Megan. Erin si voltò verso l'arrogante bruna. Sei un mostro. Siete tutti dei mostri, ha detto. Megan sbuffò. Come se non lo fossi? Erin bruciava di vergogna e fissava il pavimento. Un'immagine della ragazza terrorizzata che Erin si era...

457 I più visti

Likes 0

Quanto di meglio si possa III

Obiettivo 5: preparami un gustoso succo di sperma con un bicchiere pieno. Questo è stato abbastanza facile. Ma tutto ha una parte difficile. Ecco un bicchiere pieno. Rani ha avuto un fottuto lavoro a scuola. Quindi se n'è andata la mattina indossando un sari rosso assassino. Avrei solo voluto andare a scuola. Prima di andarsene, mi ha dato un bicchiere usato per servire lo champagne, si è avvicinata a me e mi ha palpato dolcemente il cazzo. Rani :( sussurrandomi all'orecchio con voce sexy) fallo lavorare. Io: posso usare la tua stanza dei quadri???Sai. Usa la tua TV. ?? Rani: va...

784 I più visti

Likes 0

Il patto del diavolo Slave Chronicles Capitolo 4: Gioia, prima cera

Cronache degli schiavi del patto del diavolo da miopenname3000 Diritto d'autore 2015 Gioia: prima cera Nota: Mary ha dato Joy alla madre di Mark, Sandy, e alla fidanzata di Sandy, Betty, perché fosse la loro schiava sessuale. 19 giugno 2013 – Joy Nguyen – South Hill, WA Va tutto bene, sussurrò una voce confortante. Ho lottato per aprire gli occhi; dormire ancora pesante sulle mie palpebre. Potevo sentire il letto tremare dolcemente mentre qualcuno si spostava. Una donna singhiozzò sommessamente. La confusione mi invase; Non ero nel mio letto. Dove ero io? Riuscii ad aprire gli occhi, sentendomi grintoso con poco...

714 I più visti

Likes 0

Gli esibizionisti, parte 2

Gli esibizionisti Episodio 2 Squadra di nuoto Disclaimer: quanto segue è un'opera di fantasia. Pertanto, ho scelto di ambientarlo in un mondo in cui il controllo delle nascite è sicuro, efficace e disponibile al 100% e tutte le malattie sessualmente trasmissibili sono state sradicate. Nel mondo reale, alcune delle scelte che questi personaggi fanno sarebbero estremamente rischiose. Non comportarti come loro. Riepilogo: nell'episodio 1, la protagonista e la sua amica Steph hanno compiuto 16 anni, si sono fatte fare il piercing ai capezzoli, hanno sperimentato il risveglio sessuale, hanno comprato giocattoli sessuali, hanno visto un vecchio sporco masturbarsi e si sono...

607 I più visti

Likes 0

Papà allenta la pressione

Ero sdraiato sul letto con il cazzo in pugno e stavo per strapparlo dalla radice quando Andrea è entrato. Lei mi ha guardato, ha sorriso e si è avvicinata al letto lasciando una scia di vestiti mentre camminava. Mi dispiace di averti ignorato ultimamente, fece le fusa mentre sostituiva la mia mano con la sua sul mio cazzo. Lascia che me ne occupi io. Mi ha accarezzato il cazzo come solo lei poteva, baciandomi continuamente e succhiandomi la lingua. Continuava ad accarezzare la mia virilità e mi sussurrava all'orecchio. Il bambino ha bisogno di una scopata dura da parte di papà...

559 I più visti

Likes 0

IHNC 8.5 - Vacanze

Non avevo scelta 8.5 - Vacanze (Questo capitolo è dal punto di vista di Rachel Font, la moglie di Ed.) Le cose vanno alla grande! Al giorno d'oggi ero preoccupato per tutti i discorsi sulla depressione postpartum, ma tra il mio amorevole marito Ed e la mia nuova migliore ragazza Judy, ero in cima al mondo. Le cose erano state un po' difficili prima della nascita delle mie bellissime gemelle, ma ora non c'è più niente di cui preoccuparsi. Ed ha lavorato così duramente ultimamente, rimanendo fino a tardi a scuola a volte a valutare i test in modo da non...

1.6K I più visti

Likes 0

Giocare a osare con la sorella Parte 3_(2)

Non riuscivo ancora a credere agli eventi degli ultimi due giorni. I nostri genitori erano partiti per il fine settimana perché mia nonna si era ammalata. Volevano che la mia stronza sorella Kayleigh e io trascorressimo il fine settimana insieme, con grande sgomento di Kayleigh. Venerdì sera, Vlad ed io avevamo costretto la mia stronza ma incredibilmente sexy sorella Kayleigh a fare un gioco di coraggio venerdì sera. Per paura di perdere $ 100 durante il gioco e per essere ferocemente competitiva, Kayleigh aveva accettato di togliersi top e pantaloni e sfilare in mutande. Non aveva idea di quanti problemi l'avrebbero...

1.4K I più visti

Likes 0

Il bussare alla porta_(1)

Il bussare alla porta mi ha sorpreso. La notte di gennaio in Iowa era fredda, fredda, fredda. Mi ero già tolto i vestiti per la notte e mi sono seduto sulla mia poltrona a scrivere sul mio portatile; era una breve storia della mia infanzia. Dal mio divorzio tre anni prima, ho passato molto del mio tempo da solo a scrivere; principalmente sull'argomento di cui so più di ogni altra cosa... io. Ho scritto centinaia di storie sulla mia vecchia città natale e sulla mia famiglia. I miei nove fratelli hanno fornito tonnellate di ricordi che voglio, un giorno, condividere con...

1.5K I più visti

Likes 0

L'estate finisce

Erano passati tre mesi da quel giorno che le aveva cambiato la vita quando suo figlio l'aveva scopata. Lei aveva 34 anni, lui ne avrebbe presto 18. Adesso scopavano regolarmente e insieme avevano capito come separare le loro sessioni sessuali dalla vita di tutti i giorni. Il seminterrato della loro casa che ospitava l'attrezzatura per il bucato era stato diviso per fornire una piccola area ricreativa con un letto al centro e una zona spogliatoio protetta dove sua madre teneva la sua collezione di lingerie sexy acquistata di recente da un sito di sesso su Internet. Tutto ciò che riguardava la...

757 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.