Ricordi Infranti cap4

206Report
Ricordi Infranti cap4

Rimasi seduto lì, in silenzio, fissando i miei centonove graffi sul muro. Ho fatto un respiro profondo, cercando di stabilizzare la mia volontà, di andare avanti. Ieri... Ieri aveva fatto male. Un dolore che non sentivo da mesi. Non dall'ultima volta che l'ho vista. Non da quando sono arrivato qui. Sospirai, alzandomi, quando un tintinnio sulla porta mi distolse dalle mie fantasticherie. Sbirciando attraverso il plexiglass, ho potuto vedere un uomo affiancato da due inservienti dell'"East End Asylum for the Criminally Insane". Sospirai, concentrandomi sull'uomo. Era un po' basso, più basso sia di me che degli inservienti (che erano enormi). Portava occhiali circolari e uno stetoscopio era drappeggiato intorno alle sue spalle. Tutto in lui gridava "rimpicciolirsi". Sospirai di nuovo.
"Allontanati dalla porta e metti le mani sulla parete opposta, i piedi a due spalle di distanza."
La voce monotona proveniva da un messaggio preregistrato riprodotto attraverso un altoparlante. Ho fatto come da istruzioni, non volendo invocare l'ira degli inservienti. Potrei picchiarne alcuni, ma mi travolgerebbero di numeri. Inoltre, qual era il punto? Stavano semplicemente facendo il loro lavoro.

La porta sbatté forte mentre la pesante serratura elettronica accettava i dati biometrici e le chiavi magnetiche dell'inserviente di sinistra. Ho combattuto il desiderio di dare un'occhiata ai miei... badanti.
"Metti lentamente le mani sopra la testa, giunte insieme."
Cristo, odio le camicie di forza. Me lo hanno fatto scivolare addosso, prima di chiuderlo saldamente con la cerniera. Soddisfatti che ora fossi contenuto, mi condussero alla porta, dove lo strizzacervelli mi stava aspettando.
"È bello rivederla, signor Hill. Come si sente?"
"Così come può esserlo una persona rinchiusa in una cella, immagino."
"L'isolamento non sarà necessario ancora per molto se manterrai il tuo buon comportamento."
"Cosa, dovrebbe essere una specie di incentivo? Grazie, ma no grazie. Mi piace il mio cellulare. Meglio che socializzare con i pazzi che abitano questo posto."

Lo strizzacervelli sembrò un po' seccato dal mio rifiuto. Probabilmente non era abituato a cose del genere... Una risposta poco entusiasta.

"Sono sicuro che ti riferisci al resto dei pazzi", rispose.
Non ho perso un colpo. Stava insinuando che fossi pazzo. Finché avesse continuato a diagnosticarmi... qualunque cosa mi avesse diagnosticato, non avrei potuto andarmene. Non avevo dubbi che Sarah non mi avrebbe semplicemente lasciato uscire da questo posto, ma non ero nemmeno sicuro che sapesse che ero lì. Quei dettagli erano ancora confusi. Guardando il dottore, ho pensato che avrei dovuto comportarmi bene, solo per vedere dove mi avrebbe portato. Dopotutto, se volevo l'isolamento, tutto quello che dovevo fare era tirare un pugno.
"Senta, dottore... sono sicuro che potrà capire che questo posto mi stressa. Il mio amico... I pazienti mi stressano. Non voglio davvero rischiare di mescolarmi con loro, se vede dove mi trovo." da dove vengo."
"Oh, sì. Capisco come ti senti, ma è importante socializzare come parte del tuo recupero."
"Umm... non so davvero cosa dire. A proposito, non ho capito il tuo nome."
"Oh, chiamami dottor Smith."
Gli lanciai un sorriso sarcastico.
"Haha, dottor Smith, eh? Nemmeno un John Smith, marito di una certa Jane Smith?"
Sembrava più agitato che divertito, quindi ho subito rettificato il mio tentativo di umorismo.
"Mi scusi dottor Smith, è solo un... nome piuttosto comune, tutto qui."
"Hai perfettamente ragione nel ritenere che si tratti di uno pseudonimo. Nel mio lavoro, è imperativo dissociare gli aspetti personali dai miei pazienti. Le ricadute, in particolare le ricadute di crolli psicotici, possono essere dannose per i professionisti associati. Nel caso che uno dei miei pazienti ha una ricaduta, almeno sono al sicuro da loro."
"A proposito di crisi psicotiche, non mi hai mai detto cosa mi hai diagnosticato. Inoltre, ora che ci penso, non ti ho mai incontrato, ma mi hai salutato con "È bello rivederti". Mi sto perdendo qualcosa ?"
"Hmm. Lei è piuttosto acuto, non è vero, nel comprendere le implicazioni di un segmento di discorso così piccolo. Dovrò stare attento a lei, signor Hill"
Gemetti internamente, realizzando il mio errore. Avevo mostrato la mia abilità per i dettagli e lui se ne era accorto. Mi stavo arrugginindo.
"Il tuo ricordo del tuo arrivo qui deve essere danneggiato. Qual è la prima cosa che ricordi del tuo tempo qui?"
"Mi sono svegliato nella mia cella. Quello è stato il primo giorno."
"In realtà non lo era. Quello era il tuo quarto giorno. I tuoi primi tre giorni... Eri molto violento. Molto instabile. Alternavi gemiti, urla e sussurri un nome. Conosci il nome?"
"Era Sara?"
"No... era Marcus Edison. Sai chi è?"
"... No, non ne ho mai sentito parlare. Huh. Immagino che debba essere importante in qualche modo."
"Importante per cosa?"
"Ci sto ancora lavorando, dottore. Ti farò sapere quando avrò qualcosa."
Camminavamo e parlavamo da qualche minuto, tanto che non mi ero accorta che eravamo arrivati ​​al terzo piano finché gli inservienti non si fermarono davanti a una porta di legno. Era ben adornato e leggermente socchiuso. Potevo sentire il leggero odore di un fuoco artificiale; i fumi della combustione degli idrocarburi. Entrando, mi sono guardato intorno e ho sentito un tuffo al cuore. A fissarmi, in forma dipinta, c'era il volto che mi causava così tanto tormento. Uno splendido ritratto di una Sarah adolescente mi fissava.
"Oh, ti piace il dipinto. È di mia nipote. Me lo ha inviato mentre era in visita a Parigi. Sembra la parte di un vero classico dell'epoca vittoriana."
"Sì, non saprei. Lei è imparentato con una famiglia reale, dottor Smith?"
"Oh, no. Mia nipote è semplicemente una ragazza piuttosto di classe. A proposito di classe, lei è forse il mio paziente più esotico, signor Hill."
Fanculo... Questo ragazzo parlava come se fossi una specie di esemplare.
"Oh, sì. Ho recuperato i tuoi documenti risalenti a prima che tu fossi espulso dall'esercito. Dichiara che hai effettuato il maggior numero di tour di combattimento e non di combattimento di chiunque abbia la tua età, raggiungendo il tanto venerato grado di sergente d'artiglieria. Sono in presenza di la famosa vena psicopatica dell'esercito."
Ero tentato di far tacere questo ragazzo lì per lì. La famosa vena psicopatica dell'esercito? Che cazzo sapeva questa piccola merda cresciuta al college? Poi, mi sono ricordato che sua nipote era un'assassina di livello superiore. Qualcosa chiamato agente sul campo della Echelon. Pffft, potremmo per favore trovare un nome più generico per la nostra agenzia di spie?

Per alcuni secondi ho riflettuto sulle mie risposte, mentre il Dottore mi scrutava da sopra gli occhiali. Hmm... Se era lo zio di Sarah, da parte di padre, conoscevo il suo cognome. Avevo bisogno di più informazioni, prima di tentare di entrare nella sua testa.

"Allora, dottore, cosa mi è stato diagnosticato?"
"Un caso piuttosto grave di schizofrenia. Dimmi, sei a conoscenza di qualche... Sintomo strano? Qualcuno ha parlato con te, in isolamento? È per questo che ti piace così tanto."

A questo punto, il tono tagliente del dottor "Smith" mi stava davvero dando fastidio. Ero stufo di stare sulla difensiva.

"Oh, no. Non in cella. Le voci cominciano a farsi rumorose solo quando sto per uccidere qualcuno. Questo concorda con i tuoi pregiudizi? Oppure hai bisogno di ulteriori prove per poter rinchiudere qualcuno verso cui sei mal disposto." ?"

Era da un po' che non vedevo qualcuno arrabbiarsi così forte.

"Mi stai accusando di corruzione?"
"No, la sto accusando di fare schifo nel suo lavoro, dottor Laine."

Ho corso un rischio. Ha dato i suoi frutti. Balbettò, prima di riprendere la compostezza.

"Scusate? Mi chiamo..."
"No non lo è."
"...Come diavolo facevi a saperlo?"
"Diciamo solo che ho prestato attenzione. Ora, perché non diamo inizio a qualunque cosa stia succedendo qui, così posso tornare nella mia cella e togliermi questa maledetta giacca."

Gli inservienti sembravano sorpresi dalla mia coerenza. Immaginavo che i miei primi giorni qui dovessero essere stati qualcosa di spettacolare.

"Quindi immagino che tu non creda di essere malato di mente?"

Il suo tono tradiva il tentativo di adescarmi. Sul serio, questo strizzacervelli era il peggiore che avessi mai incontrato.

"Se dico che sono pazzo, mi crederai sulla parola. Se dico che non lo sono, dirai semplicemente che è qualcosa che direbbe qualcuno deluso. Quindi... Che ne dici... Vaffanculo ?"

L'inserviente a sinistra ridacchiò.

"Adesso basta, signor Hill. Come posso aiutarla se non vuole aiutare se stesso?"
"Domanda, dottor Laine. Quanti strizzacervelli ci vogliono per cambiare una lampadina?"
"Non è il momento di fare scherzi, signor Hill."
"Oh, al contrario, dottore, ho tutto il tempo del mondo. Non accetterai mai che sto bene, purché tu abbia qualche scusa per rinchiudermi."
"Mi sto stufando di girare in tondo. Pensi che io sia predisposto contro di te, utilizzando le prove che ho a portata di mano per, come dici tu, rinchiuderti. Allora come spieghi il tuo comportamento quando sei arrivato a questo? facilità?"
"Non lo ricordo, ma suppongo che stessi delirando."
"E il motivo dell'espulsione militare? Non licenziano semplicemente i militari. Devi essere qualcuno di cui non possono nascondere le tendenze psicotiche."
"Eccoti di nuovo, con la tua opinione prevenuta. Quante persone conosci nelle forze armate? Negli anni Settanta, i problemi di salute mentale degli ufficiali in comando erano, in effetti, un grosso problema. Ma i tempi cambiano. Ora, un comandante psicotico causa troppe vittime amichevoli perché valgano le loro caratteristiche di cacciatori di uomini. L'esercito li ha cacciati tutti negli anni Novanta. Li ha braccati sistematicamente, con il pretesto di prendersi cura della loro salute e ha sostituito la loro tanto necessaria sete di sangue con estese Ricordate come hanno sperimentato la somministrazione di LSD alle truppe per aumentare il loro potenziale di uccisione? Alla fine hanno scoperto che attraverso un addestramento ripetitivo, potevano dissociare il nemico dall'essere persone, all'essere bersagli, il che ha funzionato molto meglio che avere un mucchio di mina vagante che corre qua e là. Forse dovresti avere un po' più di rispetto per gli uomini e le donne che sacrificano la loro vita per permetterti di mantenere il tuo tenore di vita."
La dottoressa Laine rimase in silenzio durante tutta la mia spiegazione.
"Io... ho sentito parlare di alcune di queste cose. Ma non è questo il punto. L'esercito ti ha cacciato a causa della tua associazione con l'incidente di Islamabad. È interessante notare che tu sei stato l'unico a essere cacciato. Poi sei stato mandato qui. Da quanto ho capito... tu e solo tu siete responsabili dei milioni di vittime che ne sono derivate e dei disordini che ne sono seguiti."
Ho fatto un respiro profondo. È stato un colpo basso, ma sapevo che mi teneva per le palle. Quindi ho mentito.
"Stavo solo eseguendo gli ordini. Volevo dire di no. In realtà l'ho fatto. Mi hanno minacciato di esecuzione per insubordinazione. Non so nemmeno chi fossero 'loro'. Uno spettro."
Lanciai un'occhiata al ritratto di Sarah. Le migliori bugie contengono elementi di verità.
"Come farebbe un sergente d'artiglieria a sapere come usare un'arma nucleare? Non è che abbiano un pulsante 'clicca qui per armare'. No, ho trasmesso le coordinate dell'attacco. Ma non era autorizzato e, naturalmente, ho preso le informazioni colpa. Mi perseguita... Tutte quelle anime. Tutte quelle persone... Se ne sono andate, in un lampo di luce. Conosci la citazione di Oppenheimer? Ogni volta che penso a quel momento, ricordo quella citazione."
La mia bugia conteneva molti buchi. Perché qualcosa dovrebbe portare in giro una bomba atomica? Perché dovrei obbedire allo spettro che non conoscevo nemmeno? Perché un pilota, un operatore di mortaio o un sottomarino dovrebbe sparare una bomba atomica su richiesta di qualche soldato a terra? Diavolo, perché la mia squadra non dovrebbe fermarmi? Facevo affidamento sulla propensione dei militari alla segretezza per proteggere la mia menzogna. Ha dato i suoi frutti.
"Tenendo conto di tutto quello che hai detto, forse dovrei riconsiderare la mia posizione, soprattutto quello che hai detto riguardo alla mia predisposizione. Naturalmente prenderò con le pinze quello che dici. Dopotutto sto parlando a un malato di mente. Ma forse soffre di depressione, non di schizofrenia, e forse è tormentato dal senso di colpa, non da violenti attacchi di follia.
Sono rimasto sorpreso dall'umiltà nella sua voce. Mi sono subito pentito di averlo giudicato così duramente.
"Prenditi tutto il tempo che ti serve, dottore. È una situazione seria. Oh, se ti metti in contatto con Sarah, mandale i miei saluti." Annuii verso il dipinto, sorridendo mentre la realizzazione e lo shock inondavano i suoi lineamenti.
"Molto bene. Spero... Beh, spero che qualunque disgrazia le sia capitata venga presto alla luce, signor Hill," disse con voce che squillava come definitiva. Ho colto il suggerimento e mi sono alzato. Gli inservienti si avvicinarono a me e ce ne andammo, ma quando raggiungemmo la porta, il dottor Laine chiamò.
"Jared, Michael, la giacca non sarà necessaria la prossima volta. Sono sicuro che il signor Hill non soffre più della violenza che gli ha inflitto al suo arrivo."

Storie simili

Una tribù per Tethys, parte 2 capitolo 10

Una tribù per Tethys: Parte 2 Capitolo 10: Megan, incontra Hera! Megan è silenziosa per la maggior parte del viaggio di ritorno al mio appartamento dopo che abbiamo lasciato la casa di Carl, e mentre sono curioso di sapere cosa sta pensando, è anche un'opportunità per me di esaminare alcuni dei miei pensieri. Molte cose sono cambiate, per tutti noi, in pochissimo tempo. Abbiamo lasciato Sonia con Carl, ha promesso di portarla a casa una volta concluso l'ultimo accordo d'affari. Carl sta stipulando un contratto personale con Sonia, per lavorare per lei a tempo pieno come istruttore personale di fitness e...

492 I più visti

Likes 0

Holli e una vela serale

Holli mi ha incontrato all'estremità del molo... e il mio cuore ha perso un battito quando è scivolata alla vista. Era vestita per una serata a bordo della mia barca: semplici sandali da barca, un bel top azzurro e un paio di pantaloncini cachi molto comodi che le dondolavano facilmente sulle curve, accennando a ciò che aveva da condividere sotto. 5'9 con capelli biondi, gambe lunghe e un corpo atletico in forma, Holli era entrato nel mio mondo attraverso un pomeriggio magico che abbiamo condiviso sul lungomare di Vancouver. Questa serata è stata il risultato del mio invito perché ci eravamo...

398 I più visti

Likes 0

La vita di Jen - Capitolo sei - Parte prima

La vita di Jen – Capitolo 6 – Parte prima Varie cose mi restano in mente e le mie vacanze annuali di solito erano piene di eventi. Un anno i miei genitori decisero di affittare una villa a Corfù per 2 settimane e mio nonno e mio zio furono invitati. Sull'aereo dovevo sedermi tra mio nonno e mio zio, ei miei genitori si sedevano dall'altra parte. Mio nonno mi ha messo il cappotto in grembo e ha spinto rapidamente la mia gonna da parte, tirandomi da parte le mutandine e spingendo un dito dritto dentro di me, ho sussultato forte mentre...

1.3K I più visti

Likes 0

Quanto di meglio si possa III

Obiettivo 5: preparami un gustoso succo di sperma con un bicchiere pieno. Questo è stato abbastanza facile. Ma tutto ha una parte difficile. Ecco un bicchiere pieno. Rani ha avuto un fottuto lavoro a scuola. Quindi se n'è andata la mattina indossando un sari rosso assassino. Avrei solo voluto andare a scuola. Prima di andarsene, mi ha dato un bicchiere usato per servire lo champagne, si è avvicinata a me e mi ha palpato dolcemente il cazzo. Rani :( sussurrandomi all'orecchio con voce sexy) fallo lavorare. Io: posso usare la tua stanza dei quadri???Sai. Usa la tua TV. ?? Rani: va...

523 I più visti

Likes 0

Come ho pagato il college

- Questa è finzione gay. Se non ti piace leggere cose gay, smetti di leggere e non votare. Se hai intenzione di votare negativamente o scrivere commenti sgradevoli, critica la mia grammatica e ortografia, non l'argomento - Questa è un'opera di finzione completa. Nulla in questa storia è realmente accaduto e le persone non sono reali. - Se spari un carico mentre o dopo aver letto questo, fammi un favore e premi il pulsante di voto positivo perché significa che probabilmente ti è piaciuto. Sentiti libero di mandarmi un PM per farmi sapere cosa ti è piaciuto Durante l'estate del 2003...

526 I più visti

Likes 0

Alice viene sposata

[b]Alice si fa l'autostop 7 di Will Buster Come si può immaginare, un'amante incinta e usata può essere piuttosto difficile da scartare. Difficile, cioè, a meno che una cospicua dote non accompagni la vigorosa piccola volpe. Alice non faceva eccezione a questa regola sociale così prevalente nella tarda Inghilterra georgiana. La pancia di Alice era ora piena di bambino sano per le quasi costanti attenzioni amorose di Lord Elton. Il barone del maniero di Kingston si era goduto a fondo entrambi i buchi stretti e reattivi di Alice ormai da mesi, ma mantenendo fede alla sua promessa, era tempo di acquistare...

390 I più visti

Likes 0

Feticismo del pannolino

Fin da piccola ho sempre avuto il fascino di indossare i pannolini. Crescendo ho imparato che non ero solo. Ma niente avrebbe potuto prepararmi per la notte in cui si unirono mia moglie e la sua amica. Avevo confessato a mia moglie il mio feticismo per i pannolini e lei mi ha raccontato di come aveva sempre desiderato una cosa a tre. Aveva partecipato a innumerevoli sforzi con me, quindi una notte abbiamo deciso di realizzare i suoi e aggiungere qualcosa per farmi felice. Finalmente era giunta la notte, la sua amica Samantha stava arrivando in città. Le aveva raccontato di...

334 I più visti

Likes 0

Janice Pt. Controllata dalla Mente 11c

Brian era contento di usare il controllo mentale che Janice avesse trascorso gli ultimi tre giorni vivendo con lui e avrebbe dovuto trascorrere altri quattro giorni con lui. Le menti del marito e dei figli di Janice erano state influenzate in modo tale da non sentire la sua mancanza. Ieri aveva invitato tre amici a casa sua e tutti e quattro avevano scopato più volte una volenterosa Janice. Sbe stava facendo quello che voleva all'inizio della giornata in cui aveva pulito la sua casa per lui mentre era nuda, fermandosi solo per lasciare che Brian la scopasse in bagno. In quel...

275 I più visti

Likes 0

La vendetta di Ambra

CAW # * Voce Questa è una storia di vendetta e dolore. Questa è una storia di amore e affetto. Questa è una storia di soddisfazione e persone che ottengono la loro punizione. La mia ragazza Amber ed io eravamo membri di un sex club. Ad entrambe piaceva andare e partecipare alla maggior parte delle attività del club, ma lei si rifiutava di fare sesso con altre donne. Le piaceva guardare altre donne nel club, farsi scopare e le piaceva anche guardare altre donne scoparsi a vicenda, ma non è mai stata in grado di leccarsi la figa. Ero perplesso da...

1.5K I più visti

Likes 0

Succhialo e guarda_(1)

Questa è una storia di sesso; niente di più, niente di meno. Se il pensiero di una donna che si innamora di un uomo vi eccita, allora ragazzi, tirate giù i pantaloni e le ragazze fanno lo stesso o tirate su la gonna e preparatevi a far scorrere quei succhi ......... ................................ Potrebbe essere necessario del tessuto! Alzai lo sguardo dalla scrivania mentre lei entrava nel mio ufficio, chiudendosi delicatamente la porta alle spalle. Le sei di sera, puntuale. La guardai con aria interrogativa. Ha interpretato male lo sguardo, 'Sono andati tutti a casa adesso......... siamo gli ultimi due nell'edificio' ...

1.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.