Schiavo per un giorno - Il regalo perfetto

37Report
Schiavo per un giorno - Il regalo perfetto

"Tesoro, hai intenzione di alzarti da quel divano e aiutarmi con qualcosa oggi, o dovrò diventare cattivo per questo?" chiese Jill in tono scherzoso a suo marito Chet. Era quasi l'una di sabato pomeriggio e, per quanto la riguardava, erano già in ritardo di un'ora. Dovevano uscire verso le cinque per una serata di festeggiamenti, ma lei aveva ancora molto da fare.

“Il mio compleanno non conta più niente?” rispose, facendo uno sforzo frettoloso per alzarsi. Le aveva promesso di aiutarla con la spesa, e normalmente sarebbe stato felice di farlo, ma aveva deciso di interpretare il marito difficile per vedere cosa avrebbe potuto cavarsela anche solo per un giorno all'anno. Così ben oltre mezzogiorno se ne stava ancora in giro in tuta circondato da giornali sparsi sul pavimento del soggiorno.

"Conterà molto più tardi", ha detto, "ma se non ci occupiamo di queste commissioni potrebbe non esserci una gran festa." Non era proprio vero, ma aveva bisogno di provare qualcosa per farlo muovere. "Quindi, per favore, raccogli il tuo pasticcio e vai a vestirti così possiamo andare avanti."

"Senti chi parla! Hai intenzione di uscire con la stessa canotta e gli stessi pantaloncini con cui dormi?" Lei gli lanciò un'occhiata ma rifiutò di commentare mentre tornava in cucina. Si alzò, raddrizzò le carte in una pila e si diresse verso le scale. Mentre saliva, lei gridò: "E non pensare nemmeno di salire sul computer!" Ah! Era molto più avanti di lei su quello. Controllare la sua posta elettronica era il suo piano di riserva per rallentare le cose, poiché invariabilmente conteneva qualche piccolo problema dal lavoro a cui avrebbe dovuto occuparsi. Potrebbe sembrare che fosse in movimento, ma potrebbe facilmente mungerlo per un'altra ora. Mentre si sedeva alla scrivania e apriva il portatile, suonò il campanello. Non si è mosso.

Jill e Chet erano sposati ormai da cinque anni e avevano avuto un matrimonio abbastanza idilliaco. Entrambi hanno lavorato come rappresentanti di vendita per un'azienda di abbigliamento sportivo, che ha fatto guadagnare loro buoni soldi, ma li ha tenuti molto in viaggio. Per loro significava mantenere un po' della loro indipendenza rendendoli più grati del tempo trascorso insieme. Non essendosi sposati fino all'età di trent'anni, entrambi non volevano davvero rinunciare allo stile di vita più libero che avevano in precedenza, e rispettavano quell'esigenza nell'altro. Non era un matrimonio aperto di per sé, ma condividevano una certa avventurosità che nutrivano l'uno nell'altro piuttosto che cercare di controllare.

Tornata in cucina, Jill stava cercando di decidere se preferiva che Chet aprisse la porta oppure no. Avrebbe significato rallentare ulteriormente i suoi piani, ma almeno non avrebbe avuto a che fare con chiunque stesse spingendo dio sa cosa su di lei. Quando non sentì alcun rumore dal piano di sopra mentre il campanello suonava di nuovo, il suo pensiero successivo fu di ignorare completamente la porta. Ma questo la faceva sempre sentire in colpa, quindi si alzò a malincuore e si diresse lungo il corridoio.

Quando aprì la porta fu subito contenta di averlo fatto. Di fronte a lei, che lo fissava con profondi occhi castani e lineamenti morbidi, c'era una donna molto giovane, una ragazza davvero, probabilmente ancora al liceo, vestita con una tuta da riscaldamento di una delle squadre atletiche del college cittadino. Era alta circa un metro e mezzo, aveva i capelli lisci e castani raccolti in una coda di cavallo e, sotto l'abbigliamento sportivo, aveva sicuramente un bel corpo atletico come quello che aveva lei stessa qualche anno prima, prima che cominciasse ad ammorbidirsi.

"Ciao!" disse la ragazza, sforzandosi di sembrare entusiasta, ma nascondendo a malapena il suo dispiacere. "Sono Kathy e faccio parte della squadra di nuoto della Martin University, hai un minuto per il mio discorso?"

Jill è rimasta colpita dal linguaggio del corpo contraddittorio di questa ragazza che sicuramente avrebbe chiesto soldi in un momento o due. Come venditore veterano poteva dire di aver perso la voglia di fare affari, e questo l'ha resa un po' comprensiva, anche se potrebbe aver avuto più a che fare con la sua attrazione per lei. Così ha deciso di metterla un po' a suo agio.

"Tesoro, come qualcuno che si guadagna da vivere nel gioco della vendita, devi essere molto meglio di così per aprire il mio portafoglio", ha detto con un ampio sorriso. "Ci sono stato tutta la mattina, scommetto, eh?"

Kathy si rilassò visibilmente e sospirò: "Oh, grazie a Dio", sottovoce mentre ricambiava il sorriso. “Ehm, sì, dalle 9 del mattino senza molto successo. Dimmi, professionista delle vendite, come fai a convincere le persone ad aprire i loro portafogli, dato che ovviamente non ho idea di come farlo.

"Aw, povera ragazza," tubò comprensiva. "Beh, dimmi cosa stai vendendo e vedrò se posso aiutarti."

"Io", ha risposto.

"Mi scusi?" disse Jill, un po' sorpresa, sinceramente insicura di aver davvero sentito quello che aveva pensato.

“Mi sto vendendo. O comunque il mio tempo. Abbiamo questa cosa di raccolta fondi chiamata Rent-a-Swimmer in cui andiamo in giro a vendere il nostro tempo facendo lavoretti e cose per la gente in modo da poter guadagnare le nostre quote. Di solito è come lavorare in giardino, o pulire garage o altro, per $ 20 l'ora o $ 75 per mezza giornata. Stiamo solo convincendo le persone a iscriversi oggi, poi torniamo più tardi quando ci vogliono.

Ancora un po' poco chiara, Jill chiese: “E tu vai in giro da sola di casa in casa a fare questo? Non è un po', ehm, beh...”

“Sì, sì, lo so,” interruppe Kathy, “Potrebbe essere un po' strano, vero? Ma saresti sorpreso di quanto siano normali le persone a riguardo. Il team lo fa da anni da queste parti, quindi sanno che stiamo arrivando e hanno cose da farci fare. In più andiamo in giro in gruppo, solo che i miei compagni di squadra sono scappati circa mezz'ora fa. Immagino che non abbiano bisogno dell'impasto tanto quanto me. È il mio primo semestre con la squadra e non mi rendevo conto di quanto fosse costoso. Anche voi ragazzi dovete essere nuovi in ​​questo, eh. Ti sei appena trasferito in questo quartiere?"

“Sì, in realtà, circa otto mesi fa. Quindi quanto speri di raccogliere con questo? Era abbastanza dalla sua parte a questo punto, ma stava anche escogitando un piccolo piano subdolo.

“Bene, dobbiamo pagare $ 1000 per essere nella squadra, quindi raccogliere fondi per altri $ 500. Cerchiamo di prenotare almeno due o tre fine settimana interi di lavoro per la parte di raccolta fondi, ma dovrò guadagnarmi tutto, dato che ho dovuto prendere in prestito dai miei genitori solo per unirmi.

“Wow, millecinquecento dollari, è un sacco di quattrini. Non so se possiamo coprire tutto questo, ma vieni un secondo e vedrò se riesco a trovare qualcosa. Hai il tempo di aspettare?" chiese indietreggiando per farla entrare.

"Sono praticamente rassegnata a fare questo tutto il giorno, quindi sì, certo", disse Kathy entrando. Jill la accompagnò in soggiorno e le offrì un posto.

Sia Jill che Chet erano stati atleti del college, il che li ha portati al lavoro e alla fine a incontrarsi, quindi Jill sapeva con cosa aveva a che fare. Per prima cosa, era consapevole di quanto facesse schifo raccogliere tutti quei soldi, ma ricordava anche con affetto il tipo di stile di vita condotto dagli atleti. All'epoca era stata coinvolta in alcune cose pazze e immaginava che le cose non fossero cambiate poi così tanto. Si sedette accanto a Kathy sul divano e iniziò a chiedere informazioni.

“Ok, prima devo dire che sembri abbastanza giovane per essere al college. Avrei immaginato che fossi ancora al liceo.

“Sì, lo so, lo capisco spesso. Mi sono diplomato con un anno di anticipo al liceo, oltre ad avere un compleanno davvero in ritardo, quindi ho appena compiuto sette anni da adolescente poche settimane fa.

"Wow", ha detto Jill, "è piuttosto giovane, va bene. Allora, come ti tratta il college se non sei al verde? Cose più selvagge che mai?

“Oh, sai com'è”, alludeva Kathy, “lavoro, nuoto, festa. Vivendo il sogno. Sei andato da Martin?

"Io no, ma mio marito sì." Indicò la foto del matrimonio sul tavolino. “Ero allo Stato. Entrambi abbiamo corso in pista e ci siamo divertiti molto. Amico, il college è stato un periodo selvaggio. Le lanciò uno sguardo d'intesa. "Ti invidio che hai appena iniziato." Si sedettero uno di fronte all'altro sul divano con un piede o due tra loro. Jill appoggiò con disinvoltura il braccio sullo schienale, proprio accanto alla spalla di Kathy. "Quando mi sono laureato sono rimasto con il team come assistente per un anno prima di trovare un lavoro come venditore di abbigliamento". Toccò la spalla di Kathy, infilandosi la giacca. “Ragazzi, ora siete uno dei miei account. Ti ho venduto questa giacca. Piccolo mondo, eh.

Kathy ha notato che la sua mano indugiava ed era consapevole della corrente sotterranea nella conversazione, ma non era davvero a disagio. Jill era piuttosto carina ed era piuttosto attraente, specialmente in pantaloncini e canotta. Era disposta a vedere dove andava a finire, soldi o no.

“Esci, davvero? Come puoi dirlo?"

"Bene, ecco, toglilo e fammelo vedere." Kathy aprì la cerniera del guscio e si chinò in avanti, sfilandolo mentre lo faceva, e lo porse a Jill che controllò l'etichetta. "Sì, facciamo questi e ho inserito l'ordine per voi ragazzi." Posò la giacca dietro di sé sul divano mentre dava una occhiata a Kathy. Era contenta di vedere le sue forti spalle da nuotatrice sotto la maglietta attillata e il suo ampio petto ovviamente compresso in un reggiseno sportivo.

"Ehi, hai bisogno di un po' d'acqua o qualcosa del genere?" disse alzandosi e andando in cucina.

"Sì, sarebbe fantastico grazie", disse Kathy, controllando la sua bella figura mentre usciva, cercando di indovinare la sua età. Ventotto? Trenta? Qualcosa di più vecchio e lei stava andando alla grande. Una volta sola nella stanza, si sporse per dare un'occhiata più da vicino alla foto del matrimonio. Jill sembrava più o meno la stessa, quindi non poteva essere passato molto tempo. E se suo marito avesse ancora un bell'aspetto come qui, di certo non si lamenterebbe neanche di lui.

"Cosa pensi?" Chiese Jill mentre tornava nella stanza, vedendola controllare la loro foto. Porse il bicchiere a Kathy mentre lo rimetteva sul tavolino.

"Devi esserti sposato abbastanza di recente, hai lo stesso aspetto."

"Oh per favore. Grazie. Sono abbastanza contento della mia cattura, non sembra così bello?"

Kathy doveva essere d'accordo. "Sì, è piuttosto un bell'aspetto."

Jill tornò a sedersi accanto a lei, un po' più vicina questa volta, e le mise una mano sul ginocchio. "Kathy, come vorresti guadagnare tutti i tuoi $ 500 oggi?" ha chiesto con uno sguardo molto diretto nei suoi occhi.

I suoi occhi si spalancarono. "L'intera cosa?? Vuoi che vada a letto con tuo marito o qualcosa del genere, vero?" disse, non vedendo motivo di fingere di essere all'oscuro.

“Beh, oggi è il suo compleanno e ho pensato che forse potresti essere un piccolo regalo per lui. E anch'io. Se sei disposto. Spero che questo non sia troppo inappropriato da parte mia, ma sei davvero molto attraente e ci piace mantenere le cose eccitanti tra di noi. Si chinò e la baciò sulla guancia per vedere se c'era resistenza. Non c'era.

“Beh, potrei sicuramente usare i soldi, e mentirei se dicessi che non mi sono eccitato un po' a guardarti. Devo fare qualcosa di strano?"

“Non devi fare niente, dipende da te. Ma che ne dici di addolcire l'offerta? Che ne dici se ti do tutti i 1500 dollari e sarai nostro schiavo per il resto della giornata?" Si avvicinò ancora di più quando sentì che Kathy si tendeva un po'. “Ora, prometto che non sarà nulla di violento o dannoso. Non siamo così strani quanto ci piace essere, avventurosi suppongo sia la parola migliore. Ad essere onesti, non abbiamo mai fatto nulla di simile prima, ma sembri una brava ragazza, e ho solo pensato che il momento potesse essere giusto per qualcosa di reciprocamente vantaggioso. Fece una pausa per farla riflettere. Mentre la guardava fissarsi le mani in grembo, elaborando l'offerta, Jill si allungò delicatamente e sollevò il mento con la mano, e le posò un lungo e tenero bacio sulle labbra, che alla fine cedettero alla sua lingua invitante. Quando ebbe finito, Jill la guardò negli occhi e sussurrò: "Ne varrà ogni centesimo, te lo garantisco". Kathy si morse il labbro e la fissò per un lungo momento, ma non disse nulla. “Tutto quello che devi fare è fidarti di noi e fare quello che diciamo. Ti darò $ 500 in anticipo e potrai andartene quando vuoi se non sei soddisfatto del tuo trattamento. E puoi avere i restanti $ 1000 alla fine.

Il bacio aveva ulteriormente eccitato la già stimolata Kathy. Era andata a letto con due delle ragazze della squadra prima ancora di entrare a far parte, ed era stata con la sua parte di ragazzi, ma mai con una coppia. Qualcosa in Jill le faceva credere che sarebbe stato un buon momento e, amico, sarebbe stato così dolce non doversi preoccupare dei soldi. Se ha giocato bene le sue carte potrebbe essere gratificante anche in futuro. E c'era qualcosa di innegabilmente eccitante nel sottomettersi completamente a questa giovane coppia attraente, due perfetti sconosciuti.

Restituì lo sguardo di Jill, sorrise e disse. "Ok, quando iniziamo?"

"Aspetta qui, torno subito". Jill saltò su e quasi corse su per le scale fino alla camera da letto per prendere un po' del denaro che aveva programmato di spendere quella sera. Tornando al piano di sotto passò davanti all'ufficio dove sapeva che avrebbe trovato Chet al computer. Fermandosi a malapena, disse: “Tesoro, potresti scendere di sotto? Ho una cosetta da farti fare” e scomparve dalla porta. "Sì, solo un secondo", disse senza alzare lo sguardo dallo schermo.

Al piano di sotto consegnò i soldi a Kathy, che si allungò e li infilò nella tasca della giacca, poi li chiuse.

Sedendosi di nuovo accanto a lei, Jill chiese: "Sai cos'è una parola di sicurezza?" Lei annuì. "Pensaci subito." Senza fermarsi ha detto: "Freestyle". Jill annuì e sorrise. "Ragazza intelligente!"

Chet scese le scale ed entrò in soggiorno vestito esattamente come prima, scusandosi mentre entrava. “Scusa, stavo per prepararmi ma stavo solo che-, whoops. Ciao." Si fermò dov'era alla vista della bella ragazza seduta curiosa sul divano che parlava con sua moglie, un po' imbarazzato per come appariva di fronte a lei. "Ehm..."

«Chet, questa è Kathy. Kathy, Chet», disse Jill a mo' di presentazione. Poi lo guardò dritto negli occhi. «È la tua schiava per oggi, cara. Buon compleanno."

Si bloccò per un istante, visibilmente confuso, poi spostò il peso su un fianco mentre la sua bocca si apriva per fare una domanda ma non riusciva a formulare le parole. Le due donne non poterono fare a meno di sorridere per quanto carino e indifeso sembrasse cercare di accettarlo. Alla fine si lasciò sfuggire una piccola risata: “Heh. Scusa, cosa? Pensavo avessi detto qualcos'altro", distogliendo lo sguardo dalla ragazza, cercando aiuto dalla moglie.

“Kathy sarà la tua schiava per oggi,” ripeté, chinandosi verso la ragazza dall'aspetto un po' timido, mettendole una mano sulla coscia mentre avvolgeva l'altra intorno alla sua spalla. "Questa cosa piuttosto giovane è qui per fare quello che vuoi." Gli baciò la guancia in modo seducente, facendo sorridere Kathy.

Chet era sbalordito, ancora poco chiaro. “Oh mio Dio, davvero? Ehm, wow, è... è fantastico. Ora doppiamente trafitto dalla sua confusione e dalla vista di sua moglie che metteva in atto questa ragazza straordinariamente attraente, si sentì cominciare ad alzarsi nei suoi sudori, non ostacolato dalla sua mancanza di biancheria intima. Istintivamente era preoccupato per questo e fece un tentativo di coprire, prima che cominciasse finalmente ad affondare in quello che era il punto. Si avvicinò a loro e tese la mano come per stringerla. "Ok allora, Kathy, piacere di conoscerti."

Lei lo guardò nel modo più pudico possibile, e allungò la mano non per la sua mano, ma per il rigonfiamento nei suoi pantaloni, massaggiandolo fino alla completa erezione attraverso il tessuto. “Sono il tuo schiavo, mastro Chet. Non dovrei stringerti la mano.» La sua mano cadde inerte lungo il fianco mentre guardava di nuovo sua moglie con un sorriso.

"Baby, sei incredibile", disse, chinandosi goffamente per baciarla mentre Kathy continuava ad accarezzarlo. Alzandosi in piedi, disse: "Immagino che questo significhi niente commissioni questo pomeriggio?"

“No, cara, i piani sono leggermente cambiati. E temo che anche la tua serata fuori potrebbe non accadere. Spero che farai un controllo della pioggia su questo. Poteva solo annuire. Ormai c'era un punto umido significativo vicino alla vita dei suoi sudori vicino alla punta del suo cazzo. Kathy rimosse le mani e le mise con i palmi sulle cosce mentre si sedeva.

"Mi dispiace signore, non mi avevi detto che potevo farlo", abbassando lo sguardo.

Jill dovette ridere. “Mio, mio, e tu sembravi una cosa così giovane e pura quando ti sei presentato. Tale buon comportamento sarà sicuramente premiato”. Si accarezzò i capelli, guardando Chet. “Quindi, lei è tua per fare quello che vuoi. E io sarò sempre al suo fianco per aiutarla. O per disciplinarla se si comporta male. Ho solo un'ultima richiesta prima di liberarti. Dal momento che sento di aver contribuito a farcela, e alla fine è mia, mi piacerebbe fare una prima immersione su quella meravigliosa erezione che hai lì dentro. Posso io?" Chet annuì di nuovo.

"Kathy", continuò Jill tra parentesi, "ti chiamo Kathy, chiamerà come vuole: togliti i pantaloni per me." Kathy allungò una mano e gli tolse i pantaloni dalla cintura e glieli tirò con cura sui piedi mentre usciva. «E anche la sua camicia.» Si alzò e gli tolse la camicia, poi tornò a sedersi. "Ora, piccola, ti mostrerò come gli piace succhiare il cazzo, fai molta attenzione."

Jill allungò entrambe le mani e iniziò a servire suo marito. Prendendo a coppa le sue palle e la base del suo albero di buone dimensioni in una mano, lei spremette l'ampio precum che aveva e lo spianò lungo la sua lunghezza con l'altra, accarezzandolo con fermezza e lentamente, tirando tanto quanto lasciando scivolare la mano. Si inginocchiò davanti a lui, poi lo guardò negli occhi e gli rivolse un grande sorriso felice. "Tesoro, amo questo cazzo, ti amo, e ci divertiremo così tanto con questo delizioso giocattolo." Poi si sporse in avanti, mantenendo ancora il contatto visivo, e avvolse la bocca intorno alla testa del suo cazzo. Emise un enorme sospiro, i suoi occhi si sforzarono di rimanere aperti e le tenne la spalla per sostenersi. Lei succhiò la testa per un momento, continuando a tirarlo dolcemente, poi procedette a leccarlo su e giù per la lunghezza, succhiargli le palle e baciare la pelle tonica del suo basso addome, permettendo al suo cazzo di strofinarle sul viso mentre lo faceva. Alla fine è tornata a succhiarlo, lei stessa completamente eccitata e godendosi davvero il suo cazzo pieno nella sua bocca. Il suo succo fluente e la sua fame salace gli fecero bagnare il cazzo in un batter d'occhio, e la sua mano scivolò facilmente su e giù mentre lo succhiava e lo accarezzava all'unisono, rendendolo rigido come un'asta d'acciaio. Tutto quello che voleva adesso era sentire il suo denso sperma caldo che le scorreva giù per la gola mentre lui le scopava la faccia fino all'orgasmo, ma sapeva che era troppo presto per quello. Così, dopo qualche altro minuto in cui lo succhiò meno intensamente, lo lasciò andare.

Asciugandosi la bocca e il mento lucidi, si voltò, leggermente ansante, verso Kathy e disse: "L'hai capito?" Poi si sedette di nuovo accanto a lei sul divano e disse a Chet: "Grazie tesoro, è tutta tua".

Chet, ora completamente eccitato in piedi nudo di fronte a sua moglie e alla sua bellissima nuova schiava, si prese un momento per ricomporsi. Kathy, ancora seduta con le mani in grembo, stava fissando direttamente il suo cazzo pieno e lucente, le labbra leggermente socchiuse, il respiro un po' affrettato e superficiale sia per il nervosismo che per l'eccitazione.

"Ti piace?" chiese Chet.

«Sembra molto buono, signore. Mi piace molto."

Chet si avvicinò di un passo al divano, le ginocchia a cavalcioni sulle sue. "Vieni avanti." Si fece strada verso di lui finché non fu seduta sul bordo del divano, la faccia contro il suo cazzo appiccicoso. Chet fece oscillare i fianchi avanti e indietro, scivolando sul suo viso. Lanciò un'occhiata a sua moglie e disse: "Potresti aiutarla, per favore?" Jill allungò la mano e afferrò i capelli di Kathy alla base della sua coda di cavallo e premette il viso contro suo marito mentre lui continuava a strofinarsi su di lei. "Voglio che tu sappia quanto sei bella," disse. “Sono un uomo fortunato ad avere uno schiavo adorabile come te. Lo dico perché voglio che tu ti senta a tuo agio. Più sei a tuo agio, più lontano saremo in grado di portarlo. Si abbassò e le sollevò il mento tra le mani. "Guardami." Alzò lo sguardo con i suoi grandi occhi castani mentre Jill si teneva la testa all'indietro per i capelli. "Se ti fidi di noi, ti prometto che sarà divertente per te come lo sarà per noi." Tenne il suo cazzo in mano e glielo schiaffeggiò dolcemente contro il viso, strofinandolo contro le sue labbra chiuse. Si tirò indietro finché la punta non si posò contro la sua bocca. "Ti fidi di me?"

"Sì-" Non appena aprì la bocca per parlare, le premette il cazzo in bocca, soffocando le sue parole. Aprì passivamente la bocca per accettare il suo pene mentre lui faceva oscillare i fianchi avanti e indietro dentro di lei mentre Jill continuava a tenerle saldamente la testa. Quando si ritirò, chiese di nuovo: "Ho detto, ti fidi di me?" E ancora una volta riuscì a malapena a emettere un suono prima che il suo cazzo le riempisse la bocca. Questa volta si spinse più a fondo nella parte posteriore della sua gola, togliendole momentaneamente l'aria mentre Jill la teneva ferma. Rimase senza fiato quando lui si tirò fuori, ma questa volta terminò la frase. "Sì!" ansimò, mentre un filo di saliva le pendeva dalla bocca. "Mi fido di te."

"Molto buona." Disse, indietreggiando. "Allora alzati, ci scambieremo di posto." Si alzò e si mosse intorno a lui mentre si sedeva sul divano accanto a Jill, che immediatamente mise la mano sul suo cazzo, dicendo: "Mi dispiace, tesoro, ma sono davvero troppo eccitato da questo per tenere le mie mani Via da te." Le sorrise, poi riportò la sua attenzione su Kathy. Ora in piedi direttamente di fronte a lui. "Togliti i pantaloni". Si abbassò i pantaloni da riscaldamento fino alle caviglie, poi se li sfilò con qualche difficoltà dato che aveva ancora le scarpe da tennis. Quando ebbe goffamente finito, si rialzò. «E le tue mutandine.» Si tolse anche quelli, un po' più aggraziatamente dei pantaloni. Quando si rialzò, videro che era completamente liscia, probabilmente depilata, con loro grande gioia. "Devi amare i nuotatori", ha detto Jill, "Non sembra delizioso!"

“Oh mio Dio, lo fa di sicuro! Aprilo per noi e dacci uno spettacolo. Kathy allargò la sua posizione e si allungò tra le sue gambe, inarcando la schiena per portare i fianchi in avanti, e usando entrambe le mani le tenne le labbra aperte, esponendo loro la sua carne rosa interna. "Fammi vedere il tuo clitoride." Alzò le mani e le premette insieme prima di tirare la sua pelle insegnata, il suo piccolo bulbo che sporgeva timidamente da sotto. Chet allungò il palmo verso l'alto e fece scorrere il dito medio avanti e indietro sotto la sua fessura umida, poi girò la mano e usò lo stesso polpastrello bagnato per stimolare direttamente il suo bottone. Chiuse gli occhi e si sporse istintivamente. "Ah ah. Piegati verso di me. Jill allungò una mano e le afferrò la maglietta per assicurarsi di obbedire. Il suo respiro aumentò e iniziò a canticchiare tra sé e sé mentre spingevano il suo peso corporeo contro il punto focale del suo clitoride. Man mano che diventava sempre più intenso, se non insopportabile, lei gridò contro il piacere e il dolore che ne derivava finché lui alla fine cedette e rimosse il dito.

La fece girare e piegare completamente per afferrarle le caviglie con i piedi divaricati. Poi l'ha fatta tornare da lui in modo da potersi avvalere della sua figa ora molto bagnata. Le mise le mani sul culo sano e atletico, separandole le guance mentre si tuffava dentro di lei, leccandole dal punto in cui la sua lingua poteva arrivare tra le sue gambe, fino al suo ano stretto dove la massaggiò per la prima volta con la lingua prima di infilarselo dentro. Lei gemette mentre la sua lingua le passava sulle labbra, poi ansimò quando sentì la sua lingua entrare in lei. Era la prima volta che provava quella sensazione, e ne fu sorpresa, ma era incredibilmente bello che il tabù fosse infranto. L'ha scopata con la lingua in questo modo per un minuto o due, poi ha riportato la sua attenzione sulla sua figa, determinato a farla venire sul suo viso. La tenne stretta tra le mani mentre la tirava ritmicamente verso di sé mentre la sua lingua lavorava sulla sua clitoride. Entrambi glielo solleticarono direttamente con la punta della lingua e massaggiarono l'intera area, leccandola con la lingua piatta e larga. Variando questo sia per il proprio divertimento che per educarla gradualmente, permettendo alla sua eccitazione di salire e scendere, alla fine la fece gemere rumorosamente mentre lei lo incoraggiava fisicamente a concentrarsi sulla sua clitoride. Alla fine, con il culo premuto contro il suo viso e la lingua di lui tesa sulla sua figa fino all'ombelico, le sue ginocchia cedettero mentre cadeva leggermente all'indietro contro di lui, venendo forte e urlando una serie di oscenità mentre lo faceva. Quando sentì che il suo corpo iniziava a tremare, allungò il pollice verso il suo ano, ora raggrinzito dall'orgasmo, e lo infilò dentro. L'effetto fu devastante per lei, poiché apparentemente non aveva mai sperimentato alcun tipo di gioco anale, e lei continuò a venire a lungo e forte sulla sua faccia e sul suo dito mentre la teneva per i fianchi sia per impedirle di cadere, sia per mantenere la pressione contro la sua figa. Quando finalmente iniziò a rilassarsi, lui allontanò il viso e si sedette di nuovo, ma le diede una stretta dura e ruvida sul sedere con entrambe le mani, poi una decisa sculacciata su una guancia mentre la sosteneva con l'altra mano.

"Ragazzaccia. Venire in faccia a un perfetto sconosciuto in quel modo” e le colpì di nuovo il sedere. Lo adorava, ma mantenne la calma. Le era appena stato dato quello che era senza dubbio il miglior orgasmo della sua vita, e non vedeva l'ora che arrivasse la sua servitù se significava più o meno lo stesso. «Guardami», disse, dandole un altro schiaffo. Ancora piegata tenendosi le caviglie, lei lo guardò indietro e in alto tra le sue gambe. "Ti piace essere la nostra piccola schiava?"

"Sì, signore, lo voglio."

"Anche se sei piegato come una lurida troia?" Le diede una serie di rapidi schiaffi con le dita sulla figa, poi un durissimo schiaffo sul sedere che quasi la fece cadere.

“AH! Sì, signore, lo so. Lo ha fatto davvero.

"Faremo tutto quello che ci viene in mente per te," disse, infilando pigramente il dito medio prima nella sua figa, poi spingendolo fino in fondo nel suo culo, spingendola di nuovo in avanti fino al punto di cadere, facendola lei preme ancora di più su di lui per rimanere in piedi. “Qualunque piccolo abuso ti venga in mente con il passare della giornata. Lo vuoi?"

Il suo dito nel culo la stava facendo eccitare di nuovo, e lei gemette un po' prima di dire: "Sì, signore, voglio che lo faccia". Per favore, fammi tutto quello che vuoi. Un altro duro colpo dell'altra mano la fece barcollare di lato, e lui la tirò su di nuovo usando il dito avvolto per spostarla. Lui compensò eccessivamente e continuò a muovere la mano, costringendola ad afferrarlo con il sedere per mantenere l'equilibrio. Cominciò a muovere il dito dentro e fuori, fottendola in questo modo mentre le lanciava il culo. Voleva gridare quanto fosse bello essere usata in quel modo e quanto la stesse eccitando, e si limitò a ondeggiare come una ragazzina durante il viaggio.

Accanto a loro, Jill che aveva smesso di accarezzare suo marito mentre lui stava ancora succhiando Kathy, da allora era rimasta seduta accanto a loro a guardare lo spettacolo, le gambe divaricate, la mano nei pantaloncini, masturbandosi lentamente e con attenzione. Ora si stava eccitando un po' di più, e alcuni sospiri udibili le erano sfuggiti dalla bocca mentre si avvicinava a scendere, riguadagnando l'attenzione di suo marito, che sapeva amava guardarla fare questo.

"Ora guarda", ha rimproverato Kathy, "hai fatto giocare mia moglie con se stessa." Questo ovviamente le fece guadagnare un altro duro schiaffo, mentre guardava da tra le sue gambe. "Vuoi vedere?"

"Sì, signore, voglio vederla mentre lo fa." Tolse bruscamente il dito dal suo sedere, facendola sussultare. Prima che potesse reagire, tuttavia, la fece girare su se stessa e la costrinse a terra in ginocchio davanti a Jill. La afferrò di nuovo per la coda di cavallo e le tenne il viso vicino all'inguine di sua moglie. "Vedi cosa le hai fatto fare, schifosa?" Le premette il viso contro la mano di Jill sopra la sua figa sotto il tessuto, il che era enormemente eccitante per ciascuno di loro. “Vedi cosa succede quando sei una cattiva ragazza? Dì che ti dispiace.

"Mi dispiace, signorina, di averti fatto masturbare." Ma la sua voce era attutita contro le sue cosce.

Le tirò su la testa e la lasciò andare. "Toglile i pantaloncini". Si allungò per la vita mentre Jill univa le ginocchia, tenendo la mano ferma e alzando i piedi per permettere a Kathy di sollevarsi. "E la sua parte superiore." Ora Jill alzò le mani sopra la testa come una ragazzina quando anche il suo carro armato si staccò. "E ora il tuo, e il tuo reggiseno." Mentre Jill si sedeva e riprendeva a giocare con la sua figa nuda, Kathy si tolse la maglietta e il reggiseno sportivo con un movimento fluido, permettendo alla sua D perfetta e ferma di rimbalzare liberamente. Jill ridacchiò di gioia vedendoli. “Oh mio Dio, sono così belli! Posso toccarli? chiese, chiedendo il permesso a suo marito. Ha solo annuito e ha detto: "Il mio schiavo è il tuo schiavo".

"Vieni, Slavie, e lascia che la mamma giochi con quelle belle tette." Kathy si alzò in ginocchio e si chinò in avanti, mettendo le mani sulle cosce di Jill per sostenersi. Con entrambe le mani Jill accarezzava i pesanti globi morbidi, massaggiandoli delicatamente di lato e facendo rotolare i loro capezzoli tra le dita. "Wow, sono così fottutamente perfetti che non ci posso credere." Si alzò a sedere e si chinò in avanti per prenderne uno in bocca, succhiandogli il capezzolo meravigliosamente duro. Kathy emise un sospiro e si spinse in avanti, riportando Jill in posizione reclinata mentre si sospese sopra di lei. Con una mano Jill si teneva il seno come un frutto gigante, leccandolo e mordicchiandolo tutto, mentre l'altra tornava alla sua fica. Si era avvicinata molto al ritorno di qualche minuto e aveva scoperto che il suo nuovo trattamento orale la stava riportando al limite.

«Aiutala», disse Chet, sedendosi lentamente ad accarezzarsi mentre si godeva lo spettacolo. Kathy ha raggiunto la figa di Jill e ha messo la sua mano sopra la sua, aiutandola a massaggiarsi la fica. Jill le afferrò la mano per le dita e le strinse insieme nel pugno, poi se le infilò nella figa tutte e quattro le dita alla volta come un dildo. Continuò a guidare la mano di Kathy mentre infilava le dita sempre più in profondità nella sua figa, sollevando i fianchi mentre lo faceva. Alla fine lasciò che Kathy prendesse il sopravvento, e non passò molto tempo prima che il suo pugno si facesse strada completamente.

Era tutto ciò che Chet poteva gestire da bordo campo. Si alzò e si posizionò dietro a Kathy, che era ancora in ginocchio ma protesa in avanti mentre scopava a pugni sua moglie mentre le allattava i seni. Portò il suo cazzo sotto la figa liscia di Kathy e lo lasciò scivolare avanti e indietro lungo le sue labbra bagnate e sporgenti. Lei ha risposto facendo oscillare i fianchi avanti e indietro per tutta la lunghezza del suo cazzo, inarcando la schiena, spingendolo a entrare in lei. Aveva intenzione di scivolare dentro di lei lentamente, ma non appena la sua testa penetrò nelle sue labbra, lei si gettò di nuovo su di lui, costringendolo fino in fondo, e iniziò a fotterlo il più brutalmente possibile dalla sua posizione. Chet put his hands on her hips and more or less just held on, meeting her thrust for thrust as loud gasps of pleasure escaped them both.

Jill, moaning heavily now as well while she fingered her clit, was fucking Kathy’s hand wildly, and began cumming hard on her wet fingers, setting off a cascade of orgasms that rippled through the trio. After restraining himself thus far, the sight of his wife cumming on this beautiful teenager’s fist while he fucked up against her well-proportioned ass was more than enough to send the first of his hot jets of semen deep into Kathy’s overly wet cunt, and the sensation of him becoming fully engorged just before she felt his wash of cum inside her made her pussy contract as she came for the second time that afternoon.

Chet, regaining some of his composure but not wanting to withdraw yet, discovered that if he kept rocking his hips he could ping-pong Kathy between him and Jill, who was holding her wrist motionless in her pussy, letting the glow of her orgasm subside. As much for the playfulness of it as for the continuance of the wonderful sensation of the post-coital bliss, he held her by the hips and bounced her about, until it became obvious he was doing it for exaggerated effect.

“How do you like being stuck here, my little fuck toy?” Jill managed to open her eyes and giggle at him, playing along by tightening her grip on both Kathy’s wrist and her breast. “Humor him,” she said, smiling, “He gets like this. I find it’s easiest to let him go until he forgets what he’s doing.” Kathy laughed, but the smile on her face was more from the pleasure of being trapped between his big slick dick still filling her and her hand snuggly within Jill’s warm cunt. The smile became a happy gasp as Chet slapped her butt mockingly.

“No laughing, slave, or there’ll be serious fucking consequences in store for you.” He held her hips still and pressed himself in as deeply as he could then just held her there, flexing his cock with its last bit of strength. Jill rolled her eyes at his feeble pun, and eased Kathy’s hand slowly out of her. She brought it up to her mouth and began to kiss and lick it. With her other hand she cupped the back of Kathy’s head and pulled her in. “Come help me clean you up.” The two of them mingled tongues and kisses over the pretense of cleaning her hand, and Jill sucked lovingly on her fingers, eliciting a surprisingly passionate sigh from the girl.

Chet eased himself out and sat back on his heels, and Jill pulled Kathy up next to her on the couch. “Not that I’m an expert in the field,” Chet said, “but as slaves go this one seems quite good.”

“She does seem to understand her place very well,” Jill added.

“Thank you, masters. What shall I do next for you?”

“I think you should bathe us,” Chet said, winking at his wife. But Jill got a surprised look on her face as she realized something. “Oh, jeez, what time is it?” She jumped up and ran down the hall, then ran upstairs.

“Ok,” Chet said, not really sure what was up. “Well, at least I would like a bathing.” He stood up, and extended a hand to Kathy, helping her rise somewhat week-kneed from the couch. Standing in face to face with her for the first time he had an overwhelming urge to kiss her, so he lifted her chin with his finger and placed a quiet kiss on her lips. She held her face up to him, eyes shut, tacitly asking for more, so he gave her another longer one. Then another, at which point their mouths opened and their tongues delicately mixed. This would surely have continued had not the loud ruckus of Jill descending the stair broke them apart.

“Hey, I still gotta get some things before the stores close, so you’re on your own for an hour or two.” Jill was now fully dressed and pulling on her shoes. “I’d tell you not to get into any trouble while I’m out, but I guess that’s the whole point.” She jumped across the room and gave Chet a huge, warm kiss, then to be fair gave one to Kathy as well. “Save something for me,” she said, looking at both of them before turning and heading towards the door. ‘Oh, yeah,” she said as the door swing behind her, “her safety word is ‘Freestyle.’” And then they were alone, naked except for Kathy’s shoes and low pink socks.

“Ok. How about that bath?” He allowed her to remove her footwear, then led her up the stairs without a word, to the large marble bathroom. There was a big Jacuzzi tub beneath a window, a long double vanity along the adjacent wall, and opposite that an over sized shower in the corner enclosed on two sides by glass. It was to this that he took her, reaching in to turn on the water, letting it warm up briefly before stepping in with her in tow.

She first washed his hair, standing in front of him, massaging the shampoo through his temples and back to his neck. When he tipped his head back to rinse she filled the washcloth with plenty of soapy suds, she gently began to bathe him, attending each part of his body dutifully. He held out his arm for her to clean, which she did, then brought his hand to her face after she’d rinsed him. He caressed her cheek as she washed his other arm, this time bringing his hand to her breast. She washed his handsome chest with great care, giving him a little time to enjoy her tits, before spinning him around. She scrubbed his back and shoulders, then descended to her knees. She had to admire his strong male form, and spent a good amount of time running her soapy hand over his tight butt, being sure to reach under and get the rest of him clean, gently caressing his balls, but only allowing her hands to brush his semi-erect penis. She then worked her way down, then back up each of his legs, spinning him back around again, and finished her cleansing of him by stroking his soapy cock back to firmness. Dropping the washcloth and rinsing him off, she proceeded to suck on him, doing her best to imitate what Jill had shown her earlier.

Looking straight up at him, she sucked the head while her hands moved over his shaft and balls. She stoked his full wet length in both hands as she pressed him to her face, then released him to kiss and lick down the sides. Getting lower beneath him, she carefully drew each of his testicles into her mouth, rolling them on he tongue as the water passed over her face. Moving back to his head, she drew him deeply into her mouth, and astounded him by taking him all the way down to the base, holding him briefly before letting him out with a gasp. She smiled proudly up at him when she saw the look of surprise on his face, and repeated the procedure a few more times as she sucked him more aggressively, stroking him as she did. She was in complete control of him, and soon had him on the brink of cumming once again. Not wanting to hold him back, she held his tightening balls in her hand while she used her other to help him fuck her face. With his hands on the walls of the shower for support, he leaned back into the corner while his hips involuntarily pumped his cock into her mouth as she eagerly took him in. With a loud shout he released the first burst into her mouth, which she immediately swallowed, still pumping him into her. He shot off the remainder of his load in several long thrusts, all of which managed to stay within her hungry mouth. As it subsided to a few hopeful spasms, she slowed her rhythm and gently held him in he mouth until her tongue could extract no more of his juice, then she took him from her mouth and softly washed him off under the flow of water with both hands as she stood up.

Again he had the urge to kiss her, and did. This time it was immediately passionate, mouths open and tongues entwined. He wrapped his arms around her and brought her wonderful body up tight against his. His hands roamed across her back to her sweet apple shaped bottom, and gave each cheek a good squeezing before bringing his arms back up. When he paused to take a breath and look at her, she met his gaze and said, “Freestyle,” her safety word.

He immediately relaxed his grip, wondering what had gone wrong. He stared nervously at her, standing back a little. “I’m sorry, what’s the matter?” His voice held genuine concern, which made her smile. “You need to bathe me now,” she said coyly, “But also, I need to talk to you for a bit, if that’s ok.” She didn’t expect him to deny her, but she’d gotten to the point where she was emotionally invested enough to require some clarification.

Chet was relieved at her words. Her body language was telling him nothing was seriously wrong, but he was still puzzled. “Sure, that’s fine. I hope I haven’t upset you somehow.” She assuaged his fears by bending over for the washcloth and re-soaping it for him. “Boobs first, I think, master,” she said as she handed it to him. He dumbly accepted it and awkwardly began to wash her chest.

“Relax,” she said, “I just want to understand a little more about your relationship with your wife. You two seem very happy together, but you have to admit, this is a bit out of the ordinary. So if I’m going to keep playing along, and believe me I really want to, I need to know what you’re thinking.”

“Ah,” he said, visibly calming, “I see. Yes, that’s no problem.” He began to clean her young body with the attention of a lover while he explained the situation between he and his wife. Nothing like a pair of perfect Ds on a beautiful seventeen year old who you’ve been fucking with your wife all afternoon to get you to open up about yourself.

He told her how they’d both been very sexually charged since their youth, and they’d learned to prioritize their lifestyle to accommodate this even before they met. They’d both done a lot of exploring, but were very comfortable with themselves by the time they started dating in their late twenties. Because they had a complete understanding of and a mutual respect for the other’s position, it drew them together where with anyone else it would likely have driven them apart.

“Early on we started something we called ‘sex talks,’ where in the process of having sex we would confess to each other our fantasies and secrets. It started as a natural progression of being verbal during sex, to turn each other on, but it added an extra level of trust. I mean if you think about it, when are you more vulnerable than you are when you’re totally naked, emotionally raw and exposed, and literally inside of one another? From there it just became more and more intimate.

“After we’d been dating about seven or eight months, we took a few extra days after a convention we were at and just stayed in the hotel room together with nothing but room service, sex, and sex talks. È stato stupefacente. You have no idea what a turn on it is to be able to tell someone you love every single perversion and desire you have, and to have them not only listen to you but accept it without jealousy or misunderstanding. It got to the point where we would try to one up each other with outrageous fantasies, but it just got us that much more into each other. After that weekend we knew we were perfect for each other, and that there probably wasn’t anything left hidden that would push us apart.

“Since we’ve been married, and because we have to travel so much, we have an understanding that we each have to do what we have to do when we’re apart, and that the love and trust we have for each other is plenty strong enough to handle it. It’s more like we don’t ask questions than anything else, and that actually brings us closer together. It’s not like we’re out there on the road fucking constantly. To be honest, I don’t actually fool around that much, and she probably doesn’t either, but you know, I don’t ask.”

Kathy, who had had to continuously bring his attention back to her body while he talked, gave herself a final rinse and turned off the water, which was beginning to run a bit cold. As they stood dripping she held his hands loosely for a moment and thought about what he’d said. “Wow, that is either really lucky or really beautiful.”

“I’d like to think it’s a little of both,” he said, opening the door to retrieve two towels, handing her one. At this point they’d forgotten their roles and started drying themselves off after stepping out of the shower.

“It makes me feel much more comfortable with you two,” she said, “although damn, the sex with you guys has been by far the best I’ve ever had.”

“Yeah, so about that. Do you want to keep being my slave, or is there more you need to know?” She felt a little hurt that he’d brought it back so suddenly, but she had after all agreed to it. “Ok, game on.”

“Good, because you know what we’re going to do next? Have some sex talk.” Her smile was huge, and she got wet all over again after just drying off.

He walked her down the hall to the bedroom. They had a king-size four-poster, extra high up on great thick mattresses, which she was now sure, having learned more about the couple, was possibly the most effectively used bed in the history of love-making. It was almost with a sense of reverence that she climbed upon it.

“Where do you want me, sir?” she asked demurely, but with a new confidence in her submission to him.

“On your back, hands behind you head, legs apart,” he said directly, yet with a smile. She obliged him and got into position. He got up onto the bed and situated himself on his knees between he legs, his hands on her thighs rubbing up and down.

“Ok, we’ll start easy. How did you come to be here today?”

“Um, yeah, well? I started today by going door to door in your neighborhood looking to raise money for my swim team dues at the University. But by the time I got to your place, my teammates had left me, I was exhausted, and I hadn’t raised anywhere near enough money.”

As she talked, he massaged her legs, starting right up at her pelvis, and working his way back down her thighs, then underneath to her claves and back up her hams to her butt.

“And Jill, um, your wife, was completely understanding about it and let me in, and somehow one way or another I ended up agreeing to be your slave for the entire cost of my swim fees. Maybe I shouldn’t have just told you that part. Oops.”

His hands had come back over to the top of her thighs and were beginning to work inward, with his thumbs pressing closer and closer to her pussy.

“That’s ok, you’re being honest, that’s the important part. Here’s your reward.” He leaned forward and placed his mouth completely over her pussy, drawing his tongue up through her lips to her clit, which he then sucked in to his mouth, rolling his tongue over it as he did, soft and clean from her shower, and tasting sweetly of innocent young sex. She let out a very satisfied sigh and smiled, but kept her hands in place behind her head.

He paused for a moment, lifting his face from between he legs, but continued to fondle her lips with his fingers, paying close attention to he clitoris, much to her delight. “Now tell me three of your favorite sexual acts or positions.”

She was beginning to appreciate the full value of the game. The stimulus he was giving her had the effect of freeing her mind of inhibition, and her arousal made he more than willing to share information she would normally be reticent to give.

“Well, one,” she breathed heavily, “I, uh, really like receiving oral like this.” She continued to pant between sentences. “And two I like being able to give a good blow job. A nice dick feels really good I my mouth.” He made the last one tough by going down on her once again, sucking her clit with his tongue directly on it, making it almost impossible for her to talk. “And three, oh shit that’s nice, I like it from behind, even though it’s..., it’s kinda slutty. Mmm, but it feels really good from there. Oh god...” He sucked on her for a bit longer, then climbed up over her to give her a big wet kiss with her own sex on his face. She was getting extremely turned on, and the intensity of her return kisses reflected this.

“Good job, you’ve passed the first test.” He continued to hover over her but reached down between he legs, and inserted two fingers straight into her wet slit. “Now then,” he said as she gasped anew, “briefly tell me three of your favorite unfulfilled fantasies.” He looked down straight into her eyes as his fingers pumped her, reaching upwards to tickle her g-spot, making it even more difficult to talk.

“Um, ok, mmmmm, fuck that feels good. Uh, this whole submission thing is something I’ve wanted to try for awhile,” the words came out slowly and with great difficulty, “but it might not count now that you’re already DOING IT to me, oh jesus!!” He gave her a good thrust as she tried to finish her words, smiling devilishly at her as he did. “I’ll accept it. Continue.”

“Ok, fuck,” she was breathing very hard now, tying to keep herself together. “I want to be tied up sometime, just to take the sub-, -mission further. Oh, goddamit, you fucker, stop doing that!!” He was really giving it to her now, fucking her wet pussy with his two fingers faster and faster, and had rubbed his thumb across her button, eliciting this last outburst from her. However, as soon as she’d said it he pulled his hand out and pinched her clit between his thumb and forefinger, making her scream out.

“Ow, shit, oh GOD!!”

“DON’T tell me what to do, slave.” He said, holding her paralyzed with the severity of the pleasure. “Say you’re sorry.”

“I’m so-“ she halted has he pinched again. “Ugnnh, omigodomigod, I’m so-ORY!” He pinched her hard and let go.

“Very good. One more,” he said calmly now, slipping his fingers back in.

“Spank me! Please just spank me. I want to be your bad fucking girl and get the spanking I deserve!”

By now it was impossible to resist how turned on she was and how completely she’d turned herself over to the game. He’d grown almost fully erect again, and positioned himself closer to her with his thighs up under hers and his cock resting on her lips. He held the base of it and slapped her pussy with the head, making her flinch again.

“Here’s a small spanking for you right now. You’re doing good, little girl. Just three more questions and we’re all done. These are going to be harder to confess, so I have be very persuasive.” He held his nearly firm dick to the base of her lips, pressing in just slightly so that his head made an indentation, but didn’t penetrate. She bit her lip hard, trying to behave and lay still.

“Now,” he said, “Tell me three secrets about your sexual self.” He rocked his hips forward, giving himself enough range of motion to just barely enter her.

“Ohh-ho-ho-ho, yes please,” she said with great delight. “I will confess all to you and your glorious cock. Number one:” she said as deliberately as she could while his cock slipped up into her. “I have a thing for girls. Mmmm, wow, but at the moment I could care less.” She paused and sighed heavily as he slowly fucked her.

“Number two:” she smiled and hesitated. “I, I like having my toes sucked.” His tempo increased now, hoping to make her last confession more difficult, but in fact he’d made it easier.

“Number three: Mmm, goddamit!” she had to stop to enjoy the full force of his cock inside her. AhhhAHHH, oh fucking jesus Christ! I love nasty talk while fucking, and I can’t keep myself from fucking swearing!!” Then she just let herself go. “So FUCK my tight fucking pussy with that goddamn beautiful cock of yours, SIR!” She couldn’t help it, she finally brought her arms forward and reached around to grab Chet’s ass. Holding him as tightly as she could she raised her legs and pulled him into her, fucking him with absolute abandon and she finally gave into the orgasm that had been building since the shower.

“Oh god, oh god, oh god, please just fuck me! Fuck your little fucking slave hole like the slut she is! Oh shit!” She pulled his hips into herself with every bit of force she had, and came wildly on his dick with a ferocity that simply astounded him. The girl turned out to be a sexual dynamo, much to his delight, and in the back of his mind he couldn’t wait for Jill to get back and see what she’d unleashed.

But Jill had already returned. She’d come in a few minutes back, and hearing them upstairs had snuck up on them and was now leaning in the doorway, pants undone with one hand between her legs, bringing herself off as she watched in amazement as her husband gave his best to the seemingly insatiable girl underneath him. Seeing that Kathy’s orgasm was past, she slipped out of her pants, and removed the rest of her clothes, then walked across the room and surprised them both by jumping right up on to the bed. She climbed on top of Kathy, straddling her hips and supporting herself with her arms, positioning her ass right in front of her husband, who still had his dick in the young girl.

“I see you two are getting along just fine,” she said, staring down at Kathy. “But now mama needs a little reward for bringing you together.” Chet needed no explanation, and quickly had his dick out of Kathy and into his wife. “Oh, yeah, baby, that’s it. Gimme some of that big sweet dick.” She let herself fall atop of Kathy, giving her a long kiss. Their breasts were pressed together between them, something Jill always felt was wonderfully intimate whenever she was with a woman. But now, as Chet’s fucked her they rubbed past one another in a way that was even more stimulating.

“You like the feel of mama’s boobs on yours, little girl?” Jill said between kisses.

“Yes, miss,” she said, breathless from her outburst and orgasm.

“Tell mama how much,” Jill directed.

“Oh, so fucking much, mama. So fucking much. Please rub those wonderful boobs on your baby girl’s, please.”

“Mmm,” Jill moaned, turned on my her sweet girl’s enthusiasm as much as the pounding her husband was now giving her. “Come suck on mama’s tits then.” She reached down and cupped Kathy’s head, bring her up to her breasts as she arched her back towards her.

Chet knew his wife loved it hard, fast and nasty when she got herself really worked up, which she clearly had at this point. So he began to pile drive himself into her with all his force, squeezing her ass aggressively, digging his fingers in and pulling her cheeks apart with his thumbs. He let a string of saliva drop down into her crevasse, then after licking each of his thumbs, slipped them both into her puckering anus, finger fucking her with the same force as his body slammed up against his hands with each trust.

“Oh, yeah, baby, do me just like that.” Jill was already starting to cum now that both her holes were being abused. “God I love getting a double from you like that. Oh fuck yes! Pull your thumbs apart and stretch that ass.” Chet obliged and squeezed both his hands on her ass ruthlessly, puling he thumbs apart and open her hole further, making her really start to cum. She let him do this for a few moments longer, letting hr body explode with pleasure from her pussy outwards, before wanting him to shift his attention.

“Would you like a little birthday anal treat, baby?” she said over her shoulder before returning to look at Kathy grabbing her by the hair. “He’s gonna fuck my ass now, little girl, and you’re gonna bite my tits while he does it.” As Chet pulled himself from her pussy and pressed his cock into her ass with little hesitation, Jill pulled Kathy’s mouth to the side of her breast. “Right there child, then work your way around them both, bite them all over for mama, not just the nipples. Oh, fuck that’s nice!” In almost no time she was cumming yet again, this time from the full pressure of the cock in her abdomen, filling her delicious ass with thick meat. Chet gave over completely to his lust at this point and fucked her mercilessly, bringing himself to the brink yet again, making him swell and firm up to his maximum. A few more rough drives and his hot load spewed into her soft and receiving rectum, amplifying her orgasm one last time before she fell forward onto Kathy, forcing her back to the bed.

Chet held on tight to his wife, letting his dick resonate with the last of his orgasm, slowly rocking himself in and almost completely out, watching the pink flesh of her anus stretch and cling to the full length of his sliding shaft. When after a few minutes he began to soften, he let himself slip out, bringing a delightful drop of semen oozing out of her, running slowly down to her pussy. Exhausted from the third orgasm in four hours, he climbed up onto the bed next to the two women, and entwined himself with them to rest as both of them covered his face in appreciative kisses.

“Aw, such a hard working birthday boy,’ Jill teased. ‘Is someone worn out already?” Chet could only smile and nod through heavy eyes as they pressed their loving faces to his. “Well I hope you don’t mind,” she continued, “but I paid for this hot baby girl, and I’m gonna show her a few more things and use her up. You can just lay there and watch, since I know you like that, too.”

She then began to kiss her way entirely around Kathy’s body, from her head to her arms, down her chest and abdomen to her pussy, then further on down her legs. “Did I hear earlier that you like your toes sucked?” Lo disse con un sorriso. “I heard quite a bit of your confessions, Slavie.” Lifting up foot then the other, Jill proceeded to cover them in kisses, then began licking them all over like an ice cream cone, then finally began sucking her toes. She alternated each foot as she went from one action to the next, making Kathy wait agonizingly long for her toes to receive their attention.

“Does that feel good, baby?”

Kathy sighed and squirmed on the bed. “Oh, yes miss, it feels wonderful.”

“Would you like permission to play with yourself?”

“Yes, please!” Kathy had been dying to touch her pussy, and immediately reached between her legs, but Jill stopped her.

“Ah, ah, ah. Let’s do one better.” She hopped up and went over to the bureau, producing a big pink double-ended dildo from within and returned to the bed. "IO
I’ll let you get started before I join you,” she said mischievously before returning to her feet.

Kathy placed one end of the toy to her lips and eased the thick head into her, then gradually worked it in further and further while she rubbed her clit. It was an amazing combination, and she was soon moaning loudly and pumping herself in a deep slow rhythm as her toes were serviced. After a bit, Jill shifted her position and brought herself up, seated, between Kathy’s legs.

“Ok, baby, mama wants to fuck you now.” She inched herself forward and placed the other end of the dildo at her pussy, then slid even further in and onto Kathy’s thighs. As the two women rocked their hips onto the toy, Jill inched all the way in so that they were completely intertwined, their soft skin in full contact with the other’s. Now in position they found a mutual rhythm and fucked the toy fully making it all but disappear as their pussies nearly touched and their fingers worked their clits, Kathy in quick side to side motions, and Jill in slow circles.

Chet was watching happily from the sidelines as his two partners brought themselves one more time to glorious full body orgasms, fucking each other with total abandon until they both finally lay back and satisfied, shivering, and spent. It had been nearly five hours of some of the most intense sex any of them had experienced, and even though they were all sure they couldn’t go on, they didn’t want it to stop.

Eventually they got up, showered together, then went downstairs to get a bite to eat as the sun disappeared and darkness fell. During their conversation Jill and Chet decided they could pay Kathy’s dues each year, but she could certainly come over anytime and start paying them back. Then they extended the offer for her to spend the night, and she happily accepted, resigning herself to the fact that until midnight she was still their slave. She suggested, however, that it might be wise to prevent her from running away too soon by tying her to the bed. Just to make sure.

Storie simili

Il mio compito per i media.

Ho ricevuto una chiamata per entrare nell'ufficio del mio editore per un incontro con il signor Giles. Stavo lavorando al giornale locale da 6 mesi, quindi naturalmente ero nervoso. Mi chiedevo cosa avessi fatto di sbagliato, tale era la mia negatività. Rachael, per favore siediti ha detto mentre entravo. Mi sono seduto dentro tremante mentre aspettavo quella che pensavo sarebbe stata una brutta notizia. Rachael, ho visto il tuo pezzo sulle corse dei levrieri e sull'esca viva ha detto è stato fantastico. Penso che avrebbero sentito il mio sospiro di sollievo nel prossimo edificio. “Evidentemente ami gli animali” ha aggiunto. Sì...

802 I più visti

Likes 0

Finalmente i piedi di Nicole: la vendita Capitolo 1

Sono le 18:00 di sera e inserisco le note nel computer nel database della nostra concessionaria. È stata una giornata piuttosto lenta e mi annoio. Mi alzo per sgranchirmi ed esco fuori per illuminarmi. Mentre metto l'accendino in tasca, noto un vecchio amico con cui lavoravo al pull up. Parcheggia e si avvicina a me sorridendo. Ehi, come stai? chiede Nicole mentre cammina verso di me. Ciao Bella ragazza. È molto tempo che non ci si vede. Cosa ti porta a vedermi? Ho chiesto. Nicole mi si avvicinò e mi gettò le braccia al collo. Abbiamo sempre parlato a Sagebrush, ma...

633 I più visti

Likes 0

Chat room: una vendetta malvagia della fidanzata

Torni a casa dopo una lunga giornata di lavoro; ti togli il cappotto e vai in cucina per una birra. Quando apri la porta del frigorifero, la tua ragazza si avvicina da dietro, coprendoti gli occhi con una benda. Lo lega stretto essendo un po 'ruvido Ho un osso da scegliere con te !! ti scatta contro. 'Ma che...?! Chiedi, alzando la mano per scoprirti gli occhi. Ti dà uno schiaffo sul dorso della mano e ti afferra il polso tirandoti fuori dalla cucina. Essendo bendato sei disorientato e perdi l'equilibrio, quasi inciampando mentre ti trascina su per le scale. La...

867 I più visti

Likes 0

L'inganno è diventato goduto IV

Erano passate più di due settimane dalla mia orribile esperienza. Con il tempo, ho imparato ad accettare quello che era successo. Sebbene mi sentissi usato, l'avevo decisamente invitato su me stesso. Non sapevo nulla del ragazzo, e anche dopo avermi insultato e avermi detto che aveva una relazione, l'ho ancora implorato di lasciarmi succhiare il suo cazzo. Sapevo che non l'avrei seguito di nuovo. La mia vita stava tornando alla normalità, non stavo vivendo gli intensi desideri di travestirmi che avevo di recente. Avevo messo via i miei vestiti e il trucco, e avevo persino iniziato ad andare in città, cercando...

772 I più visti

Likes 0

Una nuova padrona 7

Natasha mi ha infilato la lingua nell'orecchio e mi ha sussurrato: Ci divertiremo un sacco, un sacco di divertimento tesoro... La bambina della mamma si è sporcata il culo? Nessuna padrona... mamma! Ho sussurrato. Ho urlato mentre qualcuno schiaffeggiava il mio cazzo duro. Rimbalzava come un metronomo pungente. Sì! Mi sono lamentato: Sì! Il mio culo è sporco mamma…” Sorrise e mi coprì gli occhi con una benda. Ho sentito qualcuno sedersi sul mio petto e ho pensato di sentire l'odore della figa eccitata. Natasha mi tubò nell'orecchio: Conosci quell'odore? Mi sono reso conto che non avevo cazzo e palle in...

747 I più visti

Likes 0

Little Piggy 3 - Ragazzi! Nient'altro che guai.

Little Piggy 3 - Ragazzi! Nient'altro che guai. La piccola Piggy si è svegliata quando ha sentito suo padre frusciare nel letto e ha ricordato la scorsa notte. Scivolò giù dal letto e tornò silenziosamente nella sua camera da letto. Era molto presto la mattina così andò a letto e tornò a dormire. Ha iniziato a sognare la sua avventura con il cazzo di suo padre. I sentimenti del suo corpo e la forte passione di suo padre. Il suo sogno si trasformò nella posizione di sua madre in camera da letto nel bel mezzo della giornata. Ricordando di aver guardato...

625 I più visti

Likes 0

Il bussare alla porta_(1)

Il bussare alla porta mi ha sorpreso. La notte di gennaio in Iowa era fredda, fredda, fredda. Mi ero già tolto i vestiti per la notte e mi sono seduto sulla mia poltrona a scrivere sul mio portatile; era una breve storia della mia infanzia. Dal mio divorzio tre anni prima, ho passato molto del mio tempo da solo a scrivere; principalmente sull'argomento di cui so più di ogni altra cosa... io. Ho scritto centinaia di storie sulla mia vecchia città natale e sulla mia famiglia. I miei nove fratelli hanno fornito tonnellate di ricordi che voglio, un giorno, condividere con...

669 I più visti

Likes 0

Io e Sue

Io e Sue Come ricorderete se avete letto gli altri miei racconti, mia sorella maggiore è sexy ed ha avuto una grande influenza sulla mia identità sessuale da quando ho perso la verginità con lei quando avevo dodici anni e lei venti. Con il passare degli anni abbiamo continuato a sperimentare insieme, ma dato che solo di recente aveva dato alla luce mio nipote pochi mesi prima della mia prima volta con lei, stava ancora producendo latte materno e allattando al seno mio nipote appena nato. Sue è stata la prima persona che avessi mai visto che allattava i propri figli...

873 I più visti

Likes 0

Surrogato sessuale

Surrogato sessuale Ch1 Spruzzandomi acqua sul viso e fissando un grande specchio del bagno, stanco per la lunga serata che ho passato ieri sera in cui ho avuto una conferenza di oltre cento invitati in cui ho parlato loro del mio lavoro. No, non ero una squillo, non mi sono mai spogliata, non ho mai lavorato in un bordello e non faccio pubblicità. Sono fondamentalmente uno psicologo che aiuta uomini, donne e anche coppie con disabilità ad esibirsi durante il sesso. Come surrogato del sesso per la maggior parte del tempo insegno il contatto intimo, insegnando alle persone come trovare il...

877 I più visti

Likes 0

THE FREAK - Parte 4 di 5

>>>>>>Entrammo in Massachusetts Avenue e trovammo un posto per parcheggiare a circa un isolato di distanza vicino a Harvard Yard, il nome dato al campus principale. Erano appena passate le dieci. La signora Atkins aveva detto di venire a qualsiasi ora, quindi siamo andati insieme all'ufficio ammissioni, trovandola alla sua scrivania. Presentai Barbara e prendemmo posto. La prima cosa che ho fatto è stata passare la cartella delle fotografie attraverso la scrivania. “Avevo chiesto a Barbara di sposarmi il venerdì sera precedente, il venerdì prima della domenica delle Palme. Ha indossato il suo anello di fidanzamento a scuola lunedì e...

868 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.