La storia di Ann Capitolo 7 L'amore e il diavolo

75Report
La storia di Ann Capitolo 7 L'amore e il diavolo

La storia di Ann Capitolo 7 L'amore e il diavolo

Il mio bacio non ha svegliato Jack. Premo il suo viso contro la mia spalla mentre alzo lo sguardo dal pavimento. Janet e Susan sono in piedi sopra di me con le lacrime che rigano i loro volti. Ho guardato per vedere altri in piedi con la testa china come in preghiera silenziosa.

Ho guardato in faccia Jack mentre dicevo: "Per favore Jack, torna indietro, ho bisogno di te".

"MISS, lo prenderemo da qui", mi ha detto un paramedico. "Signorina, non sei ferita, vero?" Ha poi chiesto.

Ho scosso la testa no, mentre mi aiutava ad alzarmi in piedi. L'altro paramedico donna è andato a lavorare su Jack. Mi sono guardato le mani e ho visto il sangue di Jack su di esse. Tuttavia sono andato a pulirli sulla mia parte superiore; era stato intriso anche del suo sangue. Janet venne da me e mi avvolse tra le sue braccia.

"È vivo, ho un polso debole", ha detto la paramedica mentre continuava a lavorare su di lui.

"Dobbiamo spostarlo velocemente se vogliamo salvarlo perché ha perso molto sangue", le rispose l'altro paramedico.

Hanno spostato Jack su una barella e lo hanno portato fuori dal bar. Ho provato a salire sull'ambulanza con lui quando un agente di polizia mi ha fermato. Mi ha chiesto se ero ferito a causa di tutto il sangue su di me. Gli ho detto di no, era il sangue di Jack. L'ufficiale mi ha detto che Jack era in buone mani e che aveva bisogno di farmi alcune domande. Ho guardato la sua targhetta con il nome che diceva Capt. Bob.

"Conosci Jack, Capitano Bob?" chiesi mentre gli cadevo addosso piangendo sulla sua spalla.

"Sì, signorina Ann, io e Jack risaliamo da quando aveva sette o otto anni", rispose il capitano Bob. "Ti riportiamo dentro e ti puliamo un po'", aggiunse.

Il capitano Bob ha chiesto a Janet di portarmi nella stanza della donna per pulirmi un po'. Poi le ha chiesto di riportare me e lei da lui per rispondere ad alcune domande. Janet mi ha accompagnato in bagno. Ho guardato nello specchio. Mi chiedevo cosa fosse tutta quella roba rossa sulla mia faccia. Ho capito che era sangue. Avevo il sangue di Jack su tutto il viso, sulle mani e sul davanti della maglietta.

Mi sono rivolto a Janet mentre dicevo: "Sta per morire, Janet", mentre iniziavo a piangere in modo incontrollabile.

"Non pensare nemmeno a quello Ann", rispose Janet mentre faceva scorrere dell'acqua.

Janet ha preso degli asciugamani di carta e li ha bagnati. Mi ha asciugato il sangue di Jack dalle mani. Ne ha presi altri bagnandoli e poi asciugandosi il suo sangue sulla mia faccia. Fissai lo specchio pensando a come una volta avevo odiato quest'uomo per qualcosa che mi aveva fatto. Ora qui ero preoccupato da morire per quello stesso uomo e non volevo perderlo.

Chiusi gli occhi mentre Janet ne asciugava il sangue. Mentre lo facevo, un paio di occhi verdi blu mi fissarono. Scintillavano e brillavano mentre la voce dolce e sommessa di Jack che cantava "Hush Little Baby" mi riempiva la testa. Un colpo alla porta del bagno ruppe la visione dei suoi occhi e il suo dolce canto nella mia mente.

"Signorina Ann, tutto bene lì dentro?" chiese il capitano Bob attraverso la porta.

"Sì, usciremo tra un minuto", gli rispose Janet. Janet mi asciugò il viso, poi mi avvolse con un braccio e aggiunse: "Andiamo Ann, prima finiamo questa faccenda prima possiamo arrivare all'ospedale".

Il capitano Bob ci condusse a un tavolo vicino facendoci sedere. Mentre mi sedevo un brivido freddo mi percorse il corpo facendomi rabbrividire e tremare. Il capitano Bob si tolse la giacca leggera che aveva avvolgendola intorno a me. Gli sorrisi con gli occhi pieni di lacrime mentre lo ringraziavo.

Il capitano Bob ha chiesto a entrambi cosa fosse successo stanotte. Janet e io gli abbiamo raccontato dei quattro uomini che sono entrati nel bar. Janet gli ha detto quello che aveva detto su "Hell coming to this bar", gli ho anche detto che Jack sembrava aver percepito tutto prima che accadesse. Abbiamo spiegato come è iniziata la rissa e che tre di loro avevano messo Jack a terra prendendolo a calci e pugni.

Ho spiegato che quando li ho visti picchiarlo, poi quello che cercava di pugnalarlo. Avevo urlato di lasciare in pace il mio ragazzo. Ho anche spiegato di aver visto il dolore negli occhi di Jack quando l'avevo urlato.

"Jack sarebbe stato preoccupato per la tua sicurezza perché ora sapevano chi eri", mi disse il capitano Bob.

Ho continuato dicendogli che mentre Janet mi afferrava correndo verso la porta sul retro, abbiamo sentito un forte schiocco mentre Jack urlava: "TU DIAVOLO CHE SCOPA LASCILA SOLA". Entrambi abbiamo spiegato che siamo corsi fuori dalla porta sul retro solo per sentire due colpi di pistola dall'interno del bar.

"Quei Devil Fucks sono un gruppo di veterani del Vietnam le cui teste sono state incasinate durante quella guerra", ci ha spiegato il capitano Bob. "Terrorizzano i bar della zona pensando che qualcuno o qualcosa lì dentro appartenga a loro, specialmente alle donne, avevo avvertito Jack di stare attento a loro", ha aggiunto.

"Jack ha parlato dei diavoli in Vietnam", risposi cercando risposte dal capitano Bob.

"Dovrai chiederlo a Jack", disse il capitano Bob. “Vai da lui, signorina Ann, ci vediamo lì più tardi”, aggiunse dicendomi dove lo avevano portato.

Janet e io ci precipitammo all'ospedale. Siamo corsi al pronto soccorso quando siamo arrivati. Un'infermiera mi ha chiesto se mi facevo male vedendo il sangue su tutta la camicia.

"No, il mio ragazzo è stato colpito e l'hanno portato qui", ho risposto.

«Tu devi essere Ann», disse l'infermiera.

“Sì ma…” risposi mentre lei mi interrompeva a metà frase.

«Jack mi ha detto di dirti: "Ti amo Ann", disse l'infermiera. "È in sala operatoria in questo momento, quando so qualcosa te lo dirò", ha aggiunto.

"Come è lui?" chiesi mentre singhiozzavo.

L'infermiera guardò Janet aggrottando leggermente la fronte e scuotendo la testa mentre le chiedeva di prendermi e di sedersi accanto a me. Janet mi ha tenuto mentre piangevo tra le sue braccia. Circa venti minuti dopo, la nonna con Michelle in braccio, Frank e un'altra donna di origini asiatiche entrarono al pronto soccorso.

La nonna è venuta da me porgendomi Michelle finché non ha visto il sangue sulla mia parte superiore. Consegnò invece Michelle a Janet. Ho guardato l'altra donna mentre si avvicinava all'infermiera. L'infermiera le prese la mano mentre la riaccompagnava attraverso la porta chiusa.

"Chi è quella donna?" ho chiesto alla nonna.

«Quella è la madre di Jack», rispose la nonna. Poi ha chiesto: "Cosa diavolo è successo stasera?"

Ci sedemmo tutti mentre io e Janet spiegavamo gli eventi della serata. Scoppiai in lacrime mentre spiegavo di aver cercato di fermare il sangue mentre schizzava dalla sua ferita. Ho raccontato loro di Jack che chiudeva gli occhi mentre lo stringevo.

"Penso che Jack sia morto tra le mie braccia stanotte", dissi mentre le mie lacrime ricominciavano.

La nonna mi prese tra le sue braccia dandomi conforto. Mi ha massaggiato la schiena dicendomi che sarebbe andato tutto bene. Frank mi prese la mano mentre mi diceva che Jack è forte, ce la farà. Frank, la nonna e Janet mi hanno dato conforto mentre aspettavamo notizie sulle sue condizioni.

Noi quattro sedevamo lì in attesa di qualsiasi parola. L'infermiera continuava a dirci che non aveva notizie da darci ogni volta che uno di noi si avvicinava alla sua postazione. Michelle si è svegliata circa 3 ore dopo e ancora non avevamo sentito parlare di Jack. Stavo parlando con la nonna con Michelle in grembo.

“Con trai cua tôi làm cho ma quy tra lai Ä‘em này,” disse una voce femminile acuta con accento asiatico.

Mi sono girato dalla nonna per vedere quella donna asiatica in piedi davanti a noi. Mi guardò, mentre i suoi occhi castano scuro sembravano trafiggere la mia anima. La donna si rivolse alla nonna.

"Scusa, mi dimentico che non conosci il mio discorso, traduco", ha detto. "Mio figlio fa pagare di nuovo i diavoli questa notte", ha aggiunto.

La donna si avvicinò a me e aprì le braccia mentre diceva: "Devi essere Ann, mio ​​figlio molto innamorato di te", "Mi chiami Kim-Ly".

Kim-ly mi abbracciò massaggiandomi la schiena. Ha rotto il nostro abbraccio asciugandomi le lacrime dagli occhi. Kim-ly ha iniziato a parlare in una lingua strana, poi è passata all'inglese mentre mi guardava negli occhi.

"Gli occhi adorabili come le stelle non dovrebbero essere riempiti di pioggia", ha detto Kim-ly sorridendomi. "Jack non è un buon marito", ha aggiunto.

Kim-ly non l'ha detto prima quando Michelle ha chiesto: "Dove ACK, dove papà?"

Kim-ly prese Michelle dalle braccia di Janet mentre lei rispondeva: "Papà figlio dorme proprio ora perché non era di nuovo il suo momento".

Kim-ly baciò la fronte di Michelle e Michelle le sorrise. Kim-ly la restituì a Janet mentre si sedeva accanto a me. Mi ha preso la mano mentre ci diceva che Jack sarebbe andato bene. Tuttavia, ha spiegato che aveva perso molto sangue; l'avevano portato qui in tempo.

Kim-ly mi accarezzò la mano mentre chinava la testa verso di me. Alzò la testa mentre diceva: "Il dottore mi ha detto che qualcuno gli ha fermato l'emorragia salvando la vita", "Sei solo uno che indossa sangue, quindi ti ringrazio", mentre chinava di nuovo la testa verso di me.

L'infermiera si avvicinò e disse a Kim-ly che poteva tornare indietro e vedere suo figlio. Kim-ly si alzò e iniziò a camminare verso le porte, poi si fermò. Si voltò verso di me e mi fece cenno di avvicinarmi. L'infermiera alla porta le disse che non potevo tornare lì.

Kim-ly la guardò e disse: "La moglie di Cau", che interpretai per indicare la moglie del figlio.

L'infermiera sorrise e ci lasciò passare. Kim-ly ci accompagnò lungo il corridoio in una stanzetta poco illuminata. Jack giace su un letto con i tubi nel naso, la flebo in entrambe le braccia, uno con il sangue l'altro con due o tre sacche che gli gocciolano roba nelle vene. Kim-ly mi ha accompagnato fino al letto.

Posò la mano sulla mano aperta di Jack. I suoi occhi tremolarono un po' poi lei rimosse la mano dalla sua. Mise la mia mano in quella di Jack quando lo sentii stringerla forte attorno alla mia mano. Ho guardato per vedere i suoi occhi aperti mentre cercava di dire qualcosa.

Tuttavia, Kim-ly gli toccò le labbra scuotendo la testa. Jack mi strinse la mano mentre io stringevo la sua. Kim-ly gli ha baciato la fronte, poi gli ha strofinato la mano sui capelli mentre iniziava a cantare dolcemente. La sua voce era adorabile come un usignolo mentre gli cantava "Hush Little Baby". Le labbra di Jack iniziarono a muoversi, mentre sembrava cantare con lei. Chiuse gli occhi dopo avermi stretto la mano ancora una volta.

"Vai a casa a pulire e riposati, io resto con il figlio e poi prendi il controllo", mi disse Kim-ly accarezzandomi la mano.

L'ho abbracciata e le ho detto grazie per essere la mamma di Jack. Ho baciato la fronte di Jack e ho pensato che sorridesse. Sono uscito dalla stanza e sono tornato da tutti. Ho spiegato che sembrava a posto a parte i tubi e la flebo gli stava finendo dentro. Ho spiegato che Kim-ly mi ha detto di andare a pulire e riposare, poi tornare e prendere il posto di lei.

Ho dato il bacio della buonanotte a Janet dicendole che sarei tornato a casa con la nonna. Janet viveva in città, quindi non c'era motivo per lei di accompagnarmi a casa e poi tornare in città. Frank guidava con la nonna davanti. Mi sono seduto dietro con Michelle che dormiva profondamente tra le mie braccia. Ho chiesto alla nonna di dove fosse la madre adottiva di Jack.

La nonna si è voltata verso di me dal sedile anteriore mentre ha risposto: "Kim-ly è vietnamita".

Ho avuto uno strano sguardo sul mio viso mentre guardavo nello specchietto retrovisore. Frank mi guardò nello specchietto retrovisore. Mentre mi guardava mi chiedevo perché Jack sarebbe andato a combattere in una guerra contro le stesse persone che lo avevano cresciuto.

"Kim-ly e suo marito hanno lasciato la loro terra quando era ancora pacifica". "La famiglia che hanno lasciato è stata spazzata via dal Nord quando è scoppiata la guerra", ha detto Frank. "Jack mi ha detto una volta da ragazzo che avrebbe cercato vendetta se gli fosse stata data una possibilità", ha aggiunto.

Mi chiesi se Jack fosse andato in Vietnam a causa mia o perché cercava vendetta per la famiglia che lo aveva accolto nella loro casa. Siamo arrivati ​​a casa e ho messo a letto Michelle e poi mi sono tolto i vestiti insanguinati. Li ha presi la nonna perché mi ha detto che li avrebbe puliti per me.

Ho fatto una lunga doccia calda piangendo a dirotto ancora una volta al pensiero di aver quasi perso Jack stanotte. Mi sono asciugato e sono salito nel mio letto. Ho abbracciato il mio cuscino desiderando che Jack fosse qui per tenermi. I miei sogni erano pieni di Jack quella notte mentre dormivo. Mi sono svegliato la mattina dopo gridando il suo nome. Non ne ero sicuro ma credo di essermi innamorato perdutamente di lui.

Mi vestii e scesi le scale per trovare la nonna e Frank al tavolo della cucina. Mi sono seduto e la nonna mi ha servito una colazione veloce. Frank mi ha detto di andare a stare con Jack, oggi potrebbe occuparsi dei cavalli. Mentre uscivo dalla porta sul retro, la nonna mi ha richiamato.

"Dovresti restituirlo all'uomo che te l'ha prestato", ha detto porgendomi la giacca Bob del Capitano della scorsa notte.

Sono andato in ospedale e sono entrato nell'unità di terapia intensiva. Il suo nome non era più sul muro così ho chiesto dove lo avevano spostato. Mi hanno detto dove l'avevano trasferito e sono andato nella sua stanza.

Mentre mi avvicinavo, ho sentito delle voci che parlavano. Tuttavia, stavano parlando in una lingua straniera come aveva parlato Kim-ly la sera prima. Ho guardato dentro e l'ho vista tenere la mano di Jack. Jack le stava parlando in pieno vietnamita. Entrai nella stanza e guardai Jack. Kim-ly si allontanò da Jack lasciandogli la mano quando mi vide.

«Ann», disse Jack fissandomi. Jack tese il suo unico braccio sano mentre aggiunse: "Ho solo un braccio in cui tenerti per un po'", mentre un sorriso gli spuntava in faccia.

Corsi da lui gettandogli le braccia al collo. L'ho sentito emettere un piccolo grugnito mentre lo facevo io. Tolsi le braccia dal suo collo mentre gli dicevo che non intendevo fargli del male.

Jack sorrise mentre diceva: "Baciami Ann e fai andare via il dolore".

Jack mi avvolse nel suo unico braccio buono attirandomi a sé. Le sue labbra toccarono le mie mentre quei campanelli e allarmi suonavano nella mia testa. Le nostre labbra si unirono mentre ci baciavamo amorevolmente e con passione. Ho rotto il nostro bacio guardandolo negli occhi mentre mi chiedevo se stesse sentendo anche quelle campane e allarmi.

"Signorina, dovrà muoversi per un minuto", mi disse un'infermiera.

Mi sono spostato mentre si prendeva cura del braccio di Jack. Quelle campane e allarmi erano reali, poiché uno di noi si era tolto la flebo dal braccio. L'infermiera lo ha infilato con un nuovo ago, quindi ha ripristinato la macchina.

Mi ha sorriso mentre diceva: "Adesso è tutto tuo".

"Jack, stai bene?" chiesi con le lacrime agli occhi.

"Sto bene, Ann, solo una pallottola in me, tutto qui", rispose Jack.

"Un proiettile che ha quasi ucciso tuo figlio e mezzo pollice più in basso avrebbe", disse una voce maschile più anziana.

Mi voltai e vidi il Capitano Bob in piedi sulla soglia. Entrò e alzò il cappello verso me e Kim-ly. Si avvicinò a Jack tendendogli la mano.

"Come sei stato Bob da tanto tempo che non ci vediamo," rispose Jack stringendogli la mano.

Il Capitano Bob si rivolse a me e Kim-ly mentre chiedeva: "Volete scusarci per un po' perché ho delle domande per lui?"

Kim-ly mi ha afferrato la mano mentre diceva: "Beviamo caffè", conducendomi fuori dalla stanza.

Scendemmo in mensa e prendemmo un caffè. Kim-ly ci fece sedere a un tavolo e poi bevve un sorso di caffè. Posò di nuovo la tazza e mi prese la mano.

«Parlami di Ann», disse Kimly in un inglese stentato.

Ho bevuto un sorso del mio caffè mentre le raccontavo la storia della mia vita fino a quel momento. Ho spiegato che mia madre mi aveva cacciato di casa dopo che il suo ragazzo si era approfittato di me. La nonna mi ha accolto, poi si è sposata e ha avuto una bambina di nome Michelle. Il matrimonio non ha funzionato e sono tornata a vivere con la nonna. Ho attraversato altri due mariti prima di tornare alle nonne.

«Dopo il fallimento del mio terzo matrimonio ho rinunciato a tutti gli uomini», le dissi.

Kim-ly mi ha sorriso mentre ha risposto: "Non mollare Jack, me lo dicono gli occhi".

"Tuo figlio è diverso da qualsiasi uomo che abbia mai incontrato", risposi.

"Figlio diavolo per molto tempo durante e dopo la guerra, incasina la testa", disse Kim-ly abbassando la testa.

"Cosa intendi?" Le ho chiesto.

"I diavoli sono uomini cattivi che fanno cose cattive alle persone nella nostra terra", rispose Kim-ly alzando la testa. "Jack, ti ​​ho fatto una cosa molto brutta molto tempo fa." "Noi non alleviamo un ragazzo così", "Il diavolo lo ha preso come uno di noi durante la guerra nella nostra terra natale", ha aggiunto.

L'ho guardata con meraviglia negli occhi mentre dicevo: "Non capisco".

"Figliolo, raccontati la storia quando è pronto, lui è permaloso sull'argomento", rispose Kim-ly. "Bevi poi torniamo indietro", ha aggiunto.

Finimmo il nostro caffè e poi tornammo nella stanza di Jack. Il capitano Bob stava ancora parlando con Jack. Mentre entravo nella stanza, ho sentito Jack che gli diceva che non avrebbe sporto denuncia contro l'uomo che gli aveva sparato.

"La pistola è scivolata dalla fondina e ha sparato colpendo il suolo." "Questa è la mia storia e mi atterrò a essa", disse Jack quasi con rabbia al capitano Bob.

Il capitano Bob scosse la testa da un lato all'altro mentre rispondeva: "Suppongo che sia caduto due volte quando sono stati sparati due colpi". Il Capitano Bob fissò Jack mentre chiedeva: "E se quel secondo proiettile avesse colpito Ann?"

"Allora quel diavolo sarebbe morto invece che in prigione", replicò Jack guardandolo ad alta voce.

Kim-ly si avvicinò a suo figlio e disse severamente: "Jack, không nói chuyen voi canh sát nhu rang", che significava "Jack, non parlare così al poliziotto".

"Xin loi me", "Scusa mamma", le rispose Jack mentre il Capitano Bob veniva da me.

“Grazie per aver usato la tua giacca ieri sera,” gli dissi porgendogliela.

Il capitano Bob prese la sua giacca mentre chiedeva: "Posso vederla nel corridoio, signorina Ann?" Il capitano Bob mi ha accompagnato dalla stanza di Jack nel corridoio mentre diceva: "Ann vedi se riesci a farlo ragionare".

Gli ho chiesto di cosa si trattasse. Il capitano Bob ha spiegato che, a meno che Jack non abbia sporto denuncia contro l'uomo, tutto ciò di cui potevano accusarlo era il possesso di un'arma da fuoco. Mi ha detto che o Jack stava proteggendo l'uomo che gli ha sparato o ha avuto la folle idea di farsi giustizia da solo.

"Anche da ragazzino di strada ha fatto in modo che il rimborso fosse una stronza", mi ha detto il capitano Bob.

“Vedrò cosa posso fare”, risposi.

"Signorina Ann, non lasciare che il tuo amore per lui valuti ciò che è giusto e sbagliato", ha risposto il capitano Bob allontanandosi da me inclinando il cappello.

Rimasi lì a pensare a quello che mi aveva detto. Il mio amore per lui ha superato il torto che mi aveva fatto anni fa? È stato un errore da parte sua, che stava cercando di rimediare.

Sono tornato nella stanza e Kim-ly mi ha preso la mano mentre diceva: "Adesso vado, tu rimani". Si rivolse a Jack e aggiunse: “Ban có tot Ä‘ep hoac nó trên Ä‘au goi cua tôi nhu ban không Ä‘e lon nhat spanking,” sorridendo a suo figlio. Che era "Sii gentile o è sopra il mio ginocchio perché non sei troppo grande per le sculacciate?"

Ho aspettato che Kim-ly uscisse dalla sua stanza, poi ho chiesto: "Perché non denunci l'uomo che ti ha sparato?"

«La pistola è caduta da...», cominciò a dirmi Jack prima che lo fermassi portandomi un dito alle labbra.

"Va bene Jack quando sei pronto a dirmi la verità come l'ultima volta", gli dissi fissandolo negli occhi.

Jack abbassò la testa e poi la sollevò mentre rispondeva: "L'uomo è un ex militare, la sua testa è tutta incasinata dal Vietnam, mandarlo in prigione non risolverà nulla". Jack mi prese la mano e aggiunse: "Potrei essere stato io a perderla ieri sera invece che lui", guardandomi.

Ho fissato quegli adorabili occhi verdi blu mentre si offuscavano e si annebbiavano prendendo loro lucentezza e brillantezza. I suoi occhi si riempirono di disperazione, diffidenza e lo sguardo di non volerne parlare. All'inizio, pensavo di guardare i miei stessi occhi in uno specchio.

"Jack, quando sarai pronto sarò qui ad ascoltare", gli dissi baciandolo sulla fronte.

Jack trascorse le successive due settimane e mezzo in ospedale. Ho scoperto che il proiettile era deviato verso il basso dall'osso della spalla, mancandogli solo il cuore. Tra Kim-ly, la nonna, Janet e io non lo abbiamo mai lasciato solo. Trascorro anche alcune notti con lui finché non me lo ha detto, a meno che non mi mettessi a letto con lui per tornare a casa. Non volevo lasciarlo solo per paura che quei diavoli lo inseguissero.

Quando hanno rilasciato Jack, la nonna gli ha detto che sarebbe tornato a casa con noi al ranch. L'avevo chiesto anche a lei perché Jack sembrava ascoltarla. Gli ha detto che sa come sta e che non avrebbe avuto il resto o le cure di cui aveva bisogno se si fosse preso cura di lui.

"È ora che anche tu smetta di fare il fottuto poliziotto da bar", gli disse severamente la nonna.

"Questa è essere una nonna buttafuori", rispose Jack.

"Tu mantieni la pace in un bar, quindi un buttafuori è solo un fottuto poliziotto del bar", gli disse la nonna alzando un sopracciglio.

"Sì, nonna, capisco", rispose Jack.

Jack e io ci sedemmo sul sedile posteriore mentre lei ci riportava al ranch. Mi rannicchiai accanto a lui con il braccio avvolto nel suo braccio buono. Jack mi ha detto che si sarebbe preso una pausa dall'essere il buttafuori finché non fosse guarito.

«Jack, forse dovresti pensare di lasciar perdere», gli dissi.

"Potrei essere investito da un autobus con la stessa facilità con cui mi sparano", rispose Jack. «Comunque, ci penserò, Ann», aggiunse.

Ho visto la nonna dargli uno dei suoi sguardi nello specchietto retrovisore. Allora non gliel'ho detto, ma avevo paura che quegli uomini tornassero a cercarlo al bar. Ben presto arrivammo al ranch. Anche Frank e Janet erano seduti in veranda con Michelle. Come nonna, Jack e io siamo saliti sul portico, Michelle è scesa di corsa ed è andata dritta da Jack.

"Jack mi manchi", "Tienimi papà", gridò Michelle tendendogli le braccia.

Jack si chinò e la sollevò con l'unico braccio sano mentre diceva: "Anche a papà è mancato il piccolo", mentre Michelle lo abbracciava forte. Jack si è rivolto a me chiedendomi: "Va bene se pensa che io sia suo padre, Ann?"

"Tu sei suo padre Jack", risposi porgendogli alcune carte dalla mia borsa.

Jack mi prese i fogli mentre mi porgeva Michelle. Jack li ha letti e poi mi ha chiesto quando è successo tutto questo. Gli ho spiegato che Kim-ly ha fatto il test di paternità mentre era in ospedale. Non avremmo mai potuto permettercelo, almeno pensavo, dato che a quel tempo erano costosi.

«Ann, io sono...», disse Jack.

L'ho fermato dicendo: "Non dire niente, Jack lascia che ricordi sempre quella notte come la notte in cui abbiamo concepito nostra figlia Michelle".

"ME Jack", ha urlato Michelle, poi ha aggiunto: "Mamma", indicando me e poi "Papà", indicando Jack.

Gli occhi di Jack brillavano e brillavano anche con le lacrime che gli riempivano gli occhi mentre diceva: "Penso di dover fare una piccola passeggiata".

Ho consegnato Michelle a Janet mentre rispondevo: "Mi unirò a te Jack", prendendo la sua mano nella mia.

Jack e io passeggiavamo per il ranch mentre parlavamo di quello che sarebbe successo a me e lui. Mi ha accompagnato al recinto dei cavalli con quel mustang dentro. A quel cavallo non piaceva che fossi vicino a lui. Si è impennata calciando le zampe anteriori in aria mentre Jack le spiegava che ha sempre pensato che Michelle fosse sua.

"Spero che un giorno diventerai anche mia moglie", mi disse Jack.

"Jack, sono passati solo un paio di mesi", risposi. "Ho bisogno di più tempo per conoscere l'uomo di cui mi sto innamorando", aggiunsi avvolgendogli le braccia al collo.

Lo tirai giù al mio livello mentre lo baciavo profondamente sulle sue labbra. Jack mi cinse con il braccio buono mentre ricambiava il bacio. Ancora una volta, ho sentito quelle campane e fischietti suonare nella mia testa. Interruppi il nostro bacio mentre tornavamo a casa. Lungo la strada, ho pensato di diventare sua moglie. Questo sarebbe stato il mio quarto matrimonio e questa volta volevo assicurarmi di averlo fatto bene.

Avevo ancora alcune domande su quest'uomo che chiamavano anche Jack. Come il motivo per cui è tornato in Vietnam quando non aveva anche lui. Volevo anche sapere il vero motivo per cui si era arruolato. Avevo domande sul suo tempo in Vietnam e su dove questi diavoli si inserissero nella sua storia.

Ho accompagnato Jack alla veranda sul retro mentre la nonna diceva: "Non pensi che dovresti mostrare a Jack i cambiamenti che abbiamo apportato".

“Cosa cambia?” mi ha chiesto Jack.

Prima che potessi dire qualcosa, Janet afferrò la sua mano e la mia mano mentre diceva: "Dai, Ann, faglielo vedere".

Janet e io accompagnammo Jack su per le scale e alla porta che dava nella sua camera da letto quando era ragazzo. Durante la permanenza di Jack in ospedale, tutti noi ci siamo dati da fare e abbiamo abbattuto i muri dalla mia camera da letto alla sua. Combinando le nostre camere da letto e lo spazio tra di loro, ora avevamo una camera da letto super king size.

Ci siamo fermati sulla porta quando ho chiesto: "Ricordi di chi era questa stanza?"

"Sì, era mio da ragazzo quando rimanevo nei fine settimana", rispose Jack.

"Ora è la stanza tua e di Ann", disse Janet sorridendo mentre apriva la porta.

Abbiamo accompagnato Jack nella stanza e si è fermato mentre si guardava intorno. C'era un letto matrimoniale proprio come quello di casa sua. Alle pareti c'erano le foto dei suoi genitori adottivi, della nonna e del nonno. C'era un piccolo salotto con un divanetto, una sedia e un grande televisore modello da pavimento.

Jack andò e si sedette sul letto mentre si guardava intorno nella stanza. Gli abbiamo detto che ci avevamo lavorato tutti. Gli avevo chiesto se andava bene se rimaneva qui quando era uscito dall'ospedale.

"È una bella stanza Ann e questo significa che dormiremo insieme?" chiese Jack sorridendo.

Janet e io ci siamo guardati l'un l'altro poi verso Jack mentre dicevamo: "Sì ed entrambi cercheremo di non essere troppo duri con te", mentre ci infilavamo nel letto con lui.

Jack ricadde sul letto con noi al suo fianco. Entrambi ci siamo baciati e scambiati lingue con lui. Improvvisamente Jack si alzò a sedere sul letto mentre guardava verso la parete più lontana. Jack si alzò e si avvicinò al muro, stava guardando le medaglie che aveva ricevuto dal Vietnam all'interno di una teca.

Si è rivolto a noi chiedendoci: "Cosa ci fanno quelli appesi lì?"

"Tua nonna li aveva appesi lì, quindi li abbiamo lasciati lì", ho risposto.

Jack tornò a guardare le sue medaglie mentre i suoi occhi passavano da luminosi a opachi. Si voltò da loro quasi con disgusto negli occhi mentre tornava e si sedeva sul letto.

"C'è qualcosa che non va Jack?" Ho chiesto.

"Non merito medaglie per quello che ho fatto o non fatto lì così come per quello che ho fatto a te Ann", rispose Jack abbassando la testa.

Gli ho alzato la testa mentre gli dicevo: "Jack, non hai fatto altro che darci il nostro più grande tesoro". Jack mi guardò senza sapere cosa intendessi, poi gli sorrisi e aggiunsi: "Michelle"

Avvolsi le mie braccia attorno a Jack baciandolo profondamente. Il suo unico braccio sano mi circondò la schiena tirandomi più forte contro di lui. Jack ricadde con me tra le braccia sul letto. Ero sdraiato sopra di lui mentre sentivo il suo cazzo duro premere nella mia figa coperta di jeans. Rotolai dalle sue braccia interrompendo il nostro bacio e giù dal letto.

"I dottori hanno detto che potevi fare sesso?" Gli ho chiesto.

“NO ma non l'hanno detto anche a me,” rispose Jack sorridendo.

"Forse dovresti solo guardare", dissi sorridendo a Janet.

Mi avvicinai e chiusi a chiave la porta prima di raggiungere Janet ai piedi del letto. Ho detto a Janet di mettere Jack più a suo agio. L'ho tirato su dal letto in posizione seduta. Janet e io gli togliemmo la maglietta con cura per non fargli male o muovere troppo il braccio sinistro e la spalla. Continuavamo a chiedergli se gli stessimo facendo del male.

"Niente affatto ragazze", rispondeva Jack.

Una volta che gli abbiamo tolto la maglietta, gli abbiamo tolto gli stivali da cowboy. Janet ne ha tirato uno mentre io tiravo l'altro dai suoi piedi. Entrambi siamo finiti sulle nostre chiappe a ridere come abbiamo fatto. Lo abbiamo fatto difendere mentre gli slacciavamo i jeans. Janet tirò giù un lato mentre io tiravo giù l'altro. Lo facemmo sfilare dai pantaloni, che piegammo ordinatamente e sistemammo sulla sedia vicina. Ci siamo girati per trovare Jack in piedi lì in boxer con il suo cazzo duro che gli spuntava dall'apertura.

Janet mi guardò mentre diceva: "Sembra abbastanza buono da mangiare", mentre sorrideva a me e poi a Jack.

Andai da Jack che si tirava giù i boxer mentre lo sedevo sul bordo del letto. Ho detto a Janet che aveva saltato il pranzo in ospedale, quindi vai avanti e fai uno spuntino prima di cena. Janet scese davanti a Jack. Lei gli aprì le gambe mentre si arrampicava tra di loro.

Janet avvolse una mano attorno al suo cazzo mentre la sua bocca andava sopra la testa del suo cazzo. Mi sono inginocchiato accanto a Jack e abbiamo iniziato a baciarci mentre Janet gli succhiava il cazzo. Jack mi cinse con il braccio sano mentre ricadde sul letto.

Janet non ha mai perso un colpo mentre continuava a succhiargli il cazzo. Abbassai lo sguardo per vedere che aveva messo quasi tutto il suo grosso cazzo in bocca. I suoi suoni di suzione bagnata riempirono la camera da letto mentre andava in città sul suo cazzo.

Jack gemeva piano nella mia bocca mentre ci baciavamo. Ho interrotto il nostro bacio mentre mi toglievo il top e poi il reggiseno. Ho raccolto una tetta nella mia mano dando al capezzolo una grande leccata bagnata con la mia lingua. Poi ho offerto la mia tetta a Jack che le ha leccato il capezzolo e poi ha succhiato la mia tetta mentre se la prendeva in bocca.

Janet sollevò la bocca dal cazzo di Jack mentre prendeva una grossa boccata d'aria e chiese: "Vuoi un po' di questo Ann?"

Il pre-cum di Jack scorreva dal suo cazzo al suo labbro inferiore. Tirai la mia tetta dalla bocca di Jack mentre mi giravo verso il suo cazzo. Janet me lo tenne mentre passavo la lingua intorno alla testa del suo cazzo. Ho immerso la mia lingua nel suo buco della pipì raccogliendo più pre-cum nella mia bocca. Ho leccato la sua testa di cazzo mentre raccoglievo il suo pre-cum sulla mia lingua.

"Puoi avere il resto", dissi mentre avvicinavo il viso a quello di Jack.

Lo baciai mentre la sua lingua entrava nella mia bocca. La mia figa pulsava e si contraeva mentre condivideva il suo pre-cum dalla mia bocca. Jack mi stava baciando profondamente e con passione. Gemette poi staccò la sua bocca dalla mia.

“Stai attenta Janet, è passato un po' di tempo,” le disse Jack.

O Janet non lo sentiva o non le importava. Ha appena succhiato più forte il suo cazzo. Lei si sollevò un po' mentre abbassava la bocca prendendo tutto il suo cazzo profondamente in bocca. Fece oscillare la testa su e giù solo di mezzo pollice o giù di lì mentre gli succhiava il cazzo. Janet si massaggiava le palle con le tue mani.

"Dale tutto il tuo sperma, Jack", dissi ad alta voce mentre la guardavo succhiare profondamente il suo cazzo.

"AHhhhhhh merda", urlò Jack sul letto.

Il suo corpo ha dato un piccolo sobbalzo mentre il suo cazzo ha iniziato a far esplodere un dado in profondità nella bocca di Janet. Janet tossì e soffocò mentre staccava la bocca dal cazzo di Jack. Lo sperma le uscì liberamente dalla bocca mentre lo estraeva dal cazzo di Jack. Il suo cazzo ha sparato altre due o tre grandi esplosioni che le sono cadute in faccia.

Janet tossiva e soffocava mentre urlava: "Jack, avresti potuto darmi un piccolo avvertimento" mentre la sborra le gocciolava dalle labbra e dal viso.

“Scusa Janet,” rispose Jack sorridendo.

"No, non è vero e anche a me è piaciuto molto", dissi mentre mi avvicinavo a Janet.

Avvicinai il suo viso al mio baciandola profondamente. Leccai lo sperma dalle sue labbra e sul suo viso mentre scivolavo sul pavimento con lei. Jack salì sul letto mettendosi i cuscini dietro la schiena mentre lo faceva. Si appoggiò al muro sui cuscini mentre osservava me e Janet.

Ho alzato Janet baciandola mentre lo facevo. Le ho sollevato la maglietta sopra la testa per rivelare un nuovo reggiseno push up che racchiudeva le sue grandi tette. Ho baciato i grossi cumuli di tette che correvano sul suo reggiseno mentre mi allungavo dietro di lei. Le ho sganciato il reggiseno lasciandolo cadere a terra.

Premetti le mie tette contro le sue mentre strofinavamo le nostre tette insieme. Le mani di Janet andarono alla chiusura a scatto dei miei jeans mentre le mie andarono alle sue. Abbiamo tirato giù i jeans degli altri per rivelare che nessuno di noi due aveva indossato mutandine quel giorno mentre ci allontanavamo da loro.

Janet e io ci siamo rivolti a Jack sul letto. Ci stava sorridendo mentre ci baciavamo. Janet ha fatto scivolare la mano tra le mie gambe mentre le infilavo la lingua in bocca. Ho mosso la lingua nella sua bocca mentre muoveva due dita nella mia figa pelosa. Ho divaricato le gambe dando alla sua mano più spazio. Janet si è arricciata e ha piegato le dita nella mia figa cercando il mio posto. In pochi secondi, il suo dito ha toccato il mio punto G.

Ho rotto il nostro bacio mentre gemevo: "Fammi venire, Janet".

Janet si strofinò leggermente, poi affondò le dita nel mio punto g. My pussy started to leak juices then gushed pussy juices as her fingers hit the right spot. I wrapped my arms around her neck to keep my balance as a powerful wet squirting orgasm came upon me.

“AHHhhh Janet,” I yelled as my pussy squeezed at her fingers.

Janet started to take her fingers in and out, which only splashed more of my juices from it. She removed her wet fingers from my pussy bringing them up to my mouth. She coated my lips with my juices then she kissed me deeply.

Janet broke our kiss as she moved us to the bed. She climbed into the bed beside Jack with her face near his cock that had once again grown hard. Janet motioned for me to get onto the bed.

As I did she said, “Sit that hairy pussy on my face and 69 with me,” smiling to me then to Jack.

Janet did not have to tell me twice as I got on top of her lowering my wet dripping pussy onto her face. I parted her blonde hairy pussy with my hands as I licked at her hanging pussy lips. I felt Janet’s tongue slipping in and out of my own pussy. I ran my tongue to her clit teasing it with it. I flicked at her clit making it swell.

I covered my mouth around it as I started to suck on it. I showed her a little teeth as I nibbled on her clit as well. While my mouth was on her clit, I slipped a couple of fingers inside of her pussy. I ran them in and out slowly until I had her bucking her hips toward my fingers.

I added one then another finger to her pussy. I had four of my fingers up inside of her cunt. Janet squirmed under me as she moaned with pleasure. I started to run my fingers in and out of her pussy fast and deep as I sucked hard at her clit.

Janet removed her tongue from my pussy as she said, “I am going to squirt Ann.”

She no sooner said that than her pussy let go a solid stream of liquid pussy juice. I pulled my hand from her pussy smacking at her pussy with it. Janet moaned loudly under me in total pleasure as her orgasm raced through her body.

I removed my mouth from her clit as her pussy stopped squirting. I ran my tongue from her clit down through her pussy lips tasting her juices. Janet recovered enough to start flicking at my own clit with her tongue. I felt her hands roaming all over my butt. Janet ran her finger around my asshole once then plunged her finger deeply into my asshole.

“AHhhhhhhhhhhh,” I cooed out as her finger buried up my ass.

I kissed and licked at her wet pussy as she started to run her fingers in and out of my asshole. I was soon asking her to add another finger into my ass. Janet took two fingers and worked them in and out, as I pumped my ass back toward them.

“Be a dear Jack and give me that vibrator in the night stand,” Janet said.

I heard the drawer open then a buzz filled the room. Janet removed her fingers from my asshole as she shoved the vibrator up inside of my pussy. I moaned as she explored the depths of my pussy with it. Janet slipped two fingers back into my asshole as she did my pussy with the vibrator.

“AHhhhhh Janet,” I moaned into her pussy.

I started to lick wildly at her pussy with my tongue. I felt the bed moving and I thought it was Janet squirming under me again. I felt her pull her fingers from my asshole, as I felt something big and hard rubbing against it

“JACK,” I managed to get out of my mouth.

However, it was too late as Jack eased his cock into my asshole. Now Jack’s cock is the size I consider just a little too big to be fucking my butt. However, Jack eased it slowly into my asshole. I felt a little pain as it first entered but it soon went away.

“Easy Jack that’s a big cock,” I said to him looking over my shoulder.

“If it hurts Ann just say so,” Jack replied as he eased a little bit more into my asshole.

Jack left me get used to his cock before he would slip another inch up my asshole. Janet was still using the vibrator on my pussy and it was driving me nuts. The vibrations were coming through into my asshole as well. I buried my face into Janet’s pussy licking wildly with my tongue as Jack pushed the last bit of his cock up into my asshole.

“AHhhhhhhhh Jack,” I moaned out in pure pleasure as he started to butt fuck me slowly.

His strokes were gentle as he ran his cock slowly in and out of my butt. Jack worked all of his cock out then all of it back up my ass. I started to pump my ass back at him in hopes he would fuck the hell out of my ass. Janet removed the vibrator from my pussy as she flicked her tongue at my clit.

“Fuck her ass hard Jack,” “Make her squirt in my face,” Janet yelled out from under us.

“YES Jack FUCK ME,” I moaned out before burying my face back into Janet’s pussy.

Jack placed his hands onto my hips. He started to pile drive my asshole with his cock. With my face buried into Janet’s pussy, it muffled my moans of both pleasure and pain. Janet moved her head to the side as I felt Jack’s hanging balls pounding into my clit. That was all I needed.

“AHHhhhhhhhhhhhhh,” I moaned loudly as my whole body shook with pleasure.

My asshole tightened around Jack’s cock as my pussy started to convulse. Jack’s hands gripped at my hips as he slammed his cock deeply up into my asshole. He held it there then I felt it flex up inside my ass.

“AHhhhhh ANN,” Jack moaned out as his cock spewed cum deeply up my ass.

My pussy twitched and then started to squirt with each throb of his cock up my ass. When his cock pumped cum into my asshole, my pussy squirted each time I felt the throb. I could hear Janet moaning under me so I buried my face back into her pussy. I ate her out until she too had an orgasm.

Jack’s cock slipped from my ass with a plop as his cum poured and dripped from my asshole. I felt Janet’s tongue digging into my asshole to get all of it as it flowed out of it. Jack went back to leaning against the wall breathing heavily with sweat pouring from his body. I rolled off Janet and lay beside Jack with my face on his thigh. Janet joined me with her wet cummy face.

Jack looked down at her as he said, “I think you missed some Janet,” pointing to cum still leaking from his cock.

I beat her to his cock. Which I took into my hand as my tongue licked at cum dripping from the head of his cock. I looked to Janet and smiled.

“Here I will share,” I said as I pointed his cock to her.

We cleaned Jack’s cock then we went back to his thighs. Janet kissed one as I kissed the other. We kissed each other on our lips then we laid our heads upon his thighs as our eyes went closed. All three of us fell asleep like that in our bed.

Janet and I awoke sometime later at the same time we even asked each other the same question, “Where is Jack?”

Janet and I slipped robes on and walked from the bedroom. I heard laughing coming from Michelle’s room. We went to her room and we looked inside. There was Jack sitting on the floor in jeans with no shirt. He had a little girly hat upon his head with a small teacup in his big hands.

Michelle was into having made believe tea parties at this time. She would pour Jack some invisible tea into his cup and tell him to drink it. Jack made a face as he told her it needed sugar. Michelle giggled and laughed as she made believe she was added sugar. Jack tried it again and this time he told her it was just right. Michelle went to him and wrapped her arms around his neck.

“I love you Jack daddy,” Michelle said to him as she hugged him.

“I love you too little one,” Jack replied hugging her as he kissed at her cheek.

Janet and I backed up the hallway leaving them alone. We walked back into our bedroom and sat down upon the bed. Janet took her hand into mine.

She smiled as she said, “Thank you Ann for sharing that special man with me.”

“I just hope that special man is who we all think him to be,” I replied not realizing Jack was standing in the doorway.

Jack looked to us then hung his head as he said, “Men are not punished for their sins, but by them” as he turned and walked into the hallway.

I went to the door as I told him to stop. However, Jack just kept walking down the steps. I ran back into the bedroom and slipped on a shirt and my jeans as Janet did the same. We raced down the step and looked into the living room to see if Jack was in there.

“Did you girls lose something?” Frank asked.

We did not say anything as we ran into the kitchen. Jack was not in there as well. Grandma was standing at the back door crying. I went over to her.

“What is wrong grandma?” I asked her.

“It’s Jack,” grandma replied. “He told me he does not belong here,” grandma added crying as she ran from the kitchen.

I looked out the back door to see Jack driving up the ranch road, as a trail of dust kicked up behind his truck as he drove down the road. I turned to Janet with tears in my eyes. Janet came to me and wrapped her arms around me hugging me.

“It’s OK Ann, Jack will be back just give him some time,” Janet said to me as she broke her hug on me.

“Does time really heal all wounds?” I asked Janet as I walked from the kitchen.

As I walked, I thought about Jack telling grandma he did not belong here. I would say my words of “I just hope that special man is who we all think him to be,” might have opened an old wound one which I knew nothing about. I was thinking that time did not heal all wounds. For the wound always remain. Your mind only covers them with scar tissue and the pain lessens. However, it is never gone.

I looked in the living room to see Frank as he gave comfort to grandma. I turned to the steps to see Michelle slowly walking down them. She was dragging Jack’s shirt down the steps behind her.

“Daddy for get his shirt,” Michelle said handing me the shirt. “Why, Mommy crying?” Michelle asked.

I just stared at her not knowing what to say to her. Janet picked her up and asked her if she had any of that tea left upstairs. Michelle shook her head yes, as Janet ran up the stairs with her in her arms. I followed slowly up the stairs as I went into our bedroom. Well maybe it was back to being my bedroom now I thought.

I took a long hot shower to wash my sins away again. I should not have spoken of Jack as I had. I really was in love with him. It was just that I had so many unanswered questions. Dinnertime came and went. Jack still had not returned. It was a quiet dinner as well.

We all went into the living room. Michelle was playing on the floor as Frank, grandma, Janet and I watched TV. If I remember right, the program that came onto the TV was a special about the Vietnam War. It showed the horrors and the atrocities of that war. It spoke of men who returned home not the same as they had left. It showed men with drinking, drug problems as well as prone to violent behavior.

Kim-ly words returned to me in my mind. “Son devil for long time during and after war, mess up his head,” Kim-ly had said to me. When I asked her what she meant by that she told me. “Devils are bad men who do bad things to people in our land,” “Jack, done very bad thing to you long ago.” “We no raise boy like that,” “Devil took him as one of own during War in our home land,”

That man who had shot Jack, Captain Bob had called him a Devil. I also remember him telling me. “Those Devil Fucks are a group of Vietnam veterans who heads were messed up during that war,” “They terrorize bars in the area thinking that anyone or anything in there belongs to them especially women.”

I also remembering telling Captain Bob that Jack had spoke of Devils in Vietnam. “You will have to ask Jack about that,” He had told me. I started to add it all up in my head. I thought maybe that Jack was even part of these Devil Fucks after all he did know the man who shot him and did not press charges. Instead, he made it sound as if it was an accident.

The phone rang and Frank answered it. He told me it was for me as he handed me the phone. I thought it was Jack on the other end. However, it was not it was Susan from the bar.

“Ann this is Susan, Jack is here and he is not drinking ginger ale,” Susan said to me on the phone.

“I will be right there Susan,” I said hanging up the phone.

I asked Janet if I could see her in the kitchen. I did not want grandma to know or to worry about Jack. I asked Janet if she would stay and watch Michelle while I went and brought Jack back home where he belonged.

Was Jack one of those insane Devils? Had Vietnam messed his head up which caused him to take me that night long ago? Who were these Devil Fucks and why had Jack protected me from them only to protect them as well? Is this why Jack left saying he did not belong here?

Those questions and more answered in my next chapter, as this will end this chapter. Feel free to write to me as the email is in Chapter 1. I enjoy hearing from my readers. This was a short chapter as I had many emails asking me to tell quickly what happened to Jack.
Ann Jack

Storie simili

Figlia e papà - Parte 2

Figlia e papà - Parte 2 Anita si è svegliata la mattina dopo nel letto di suo padre e ha cercato il calore del suo corpo. Non c'era e ha lottato per svegliarsi. Avevano dormito in posizione di cucchiaio per tutta la notte. In più di un'occasione era stata svegliata dalla sensazione del suo cazzo duro che si allentava tra le sue chiappe mentre lui riviveva il loro fare l'amore nei suoi sogni. Muovendo il culo nel modo giusto, poteva spostarlo nel suo inguine in modo che la sua testa di cazzo si fermasse al suo ingresso. Per quanto volesse prenderlo...

0 I più visti

Likes 0

Il mio compito per i media.

Ho ricevuto una chiamata per entrare nell'ufficio del mio editore per un incontro con il signor Giles. Stavo lavorando al giornale locale da 6 mesi, quindi naturalmente ero nervoso. Mi chiedevo cosa avessi fatto di sbagliato, tale era la mia negatività. Rachael, per favore siediti ha detto mentre entravo. Mi sono seduto dentro tremante mentre aspettavo quella che pensavo sarebbe stata una brutta notizia. Rachael, ho visto il tuo pezzo sulle corse dei levrieri e sull'esca viva ha detto è stato fantastico. Penso che avrebbero sentito il mio sospiro di sollievo nel prossimo edificio. “Evidentemente ami gli animali” ha aggiunto. Sì...

802 I più visti

Likes 0

Chat room: una vendetta malvagia della fidanzata

Torni a casa dopo una lunga giornata di lavoro; ti togli il cappotto e vai in cucina per una birra. Quando apri la porta del frigorifero, la tua ragazza si avvicina da dietro, coprendoti gli occhi con una benda. Lo lega stretto essendo un po 'ruvido Ho un osso da scegliere con te !! ti scatta contro. 'Ma che...?! Chiedi, alzando la mano per scoprirti gli occhi. Ti dà uno schiaffo sul dorso della mano e ti afferra il polso tirandoti fuori dalla cucina. Essendo bendato sei disorientato e perdi l'equilibrio, quasi inciampando mentre ti trascina su per le scale. La...

867 I più visti

Likes 0

Una nuova padrona 7

Natasha mi ha infilato la lingua nell'orecchio e mi ha sussurrato: Ci divertiremo un sacco, un sacco di divertimento tesoro... La bambina della mamma si è sporcata il culo? Nessuna padrona... mamma! Ho sussurrato. Ho urlato mentre qualcuno schiaffeggiava il mio cazzo duro. Rimbalzava come un metronomo pungente. Sì! Mi sono lamentato: Sì! Il mio culo è sporco mamma…” Sorrise e mi coprì gli occhi con una benda. Ho sentito qualcuno sedersi sul mio petto e ho pensato di sentire l'odore della figa eccitata. Natasha mi tubò nell'orecchio: Conosci quell'odore? Mi sono reso conto che non avevo cazzo e palle in...

747 I più visti

Likes 0

Finalmente i piedi di Nicole: la vendita Capitolo 1

Sono le 18:00 di sera e inserisco le note nel computer nel database della nostra concessionaria. È stata una giornata piuttosto lenta e mi annoio. Mi alzo per sgranchirmi ed esco fuori per illuminarmi. Mentre metto l'accendino in tasca, noto un vecchio amico con cui lavoravo al pull up. Parcheggia e si avvicina a me sorridendo. Ehi, come stai? chiede Nicole mentre cammina verso di me. Ciao Bella ragazza. È molto tempo che non ci si vede. Cosa ti porta a vedermi? Ho chiesto. Nicole mi si avvicinò e mi gettò le braccia al collo. Abbiamo sempre parlato a Sagebrush, ma...

634 I più visti

Likes 0

Surrogato sessuale

Surrogato sessuale Ch1 Spruzzandomi acqua sul viso e fissando un grande specchio del bagno, stanco per la lunga serata che ho passato ieri sera in cui ho avuto una conferenza di oltre cento invitati in cui ho parlato loro del mio lavoro. No, non ero una squillo, non mi sono mai spogliata, non ho mai lavorato in un bordello e non faccio pubblicità. Sono fondamentalmente uno psicologo che aiuta uomini, donne e anche coppie con disabilità ad esibirsi durante il sesso. Come surrogato del sesso per la maggior parte del tempo insegno il contatto intimo, insegnando alle persone come trovare il...

877 I più visti

Likes 0

THE FREAK - Parte 4 di 5

>>>>>>Entrammo in Massachusetts Avenue e trovammo un posto per parcheggiare a circa un isolato di distanza vicino a Harvard Yard, il nome dato al campus principale. Erano appena passate le dieci. La signora Atkins aveva detto di venire a qualsiasi ora, quindi siamo andati insieme all'ufficio ammissioni, trovandola alla sua scrivania. Presentai Barbara e prendemmo posto. La prima cosa che ho fatto è stata passare la cartella delle fotografie attraverso la scrivania. “Avevo chiesto a Barbara di sposarmi il venerdì sera precedente, il venerdì prima della domenica delle Palme. Ha indossato il suo anello di fidanzamento a scuola lunedì e...

868 I più visti

Likes 0

Grace è una ragazza scat

Ogni sera dopo il college Grace cercava consigli per flirtare online e da quando ha scoperto il porno alcuni anni fa, ne era stata ossessionata. Ora che vive da sola, si siede sulla sedia per ore e ore a guardare i contenuti più sgradevoli che riesce a trovare. Aveva sempre avuto un lato malato in lei, ma si è davvero acceso alcuni anni fa quando i suoi compagni di scuola le hanno mostrato il video 2 Girls 1 Cup, ha dovuto mostrarsi disgustata di fronte a loro mentre nascondeva segretamente la macchia bagnata tra le sue gambe . Tutte le sue...

850 I più visti

Likes 0

Rossa focosa

Il mio nome è Rachel. Ho 35 anni, 5'7 , 135 libbre, capelli rossi che mi superano le spalle, occhi azzurri, lentiggini, pelle bianca pallida (mi dispiace che le rosse non si abbronzino). Indosso un reggiseno taglia 36DD con bei capezzoli grandi ( è impossibile nasconderli) e tengo il mio cespuglio rosso curato e curato. Sean è il mio migliore amico, facciamo quasi tutto insieme. Siamo amici da anni e non è mai successo niente di sessuale tra di noi. Così quando abbiamo deciso di fare un viaggio a Las Vegas per festeggiare il mio divorzio, non ci ho pensato. solo...

853 I più visti

Likes 0

Il nuovo paziente di Sarah - Prima parte

Sarah era nervosa mentre usciva dalla sua macchina e si dirigeva verso le porte che l'avrebbero riportata al lavoro per la prima volta dalla festa di Capodanno dove aveva recentemente perso la verginità. L'intera notte era ancora confusa... un'eredità di punch alla frutta e una notte di scopate intense che non si aspettava né voleva, ma durante la quale ricordava distintamente di aver avuto un orgasmo più e più volte mentre implorava gli uomini che l'avevano portata a scopare lei e sborra dentro lei. L'intera faccenda sarebbe potuta sembrare un brutto sogno se non fosse stato per il fatto che...

843 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.