Il nuovo giocattolo del Fantasma

498Report
Il nuovo giocattolo del Fantasma

L'edificio in pietra grigia si ergeva davanti a Cassandra in modo piuttosto interessante, con la finta facciata Tudor ingrigita in una certa misura da anni di inquinamento. La vernice nera sulla porta si stava leggermente scrostando. L'ironia aveva preso il suo turno, collocandolo al 23 di Acacia Avenue, accanto alla mitica prostituta di fama Iron Maiden. I numeri erano leggermente disallineati e si allontanavano l'uno dall'altro in alto. Rose rosso sangue si arrampicavano sul davanti tra l'edera. A sinistra della porta c'era un grande batacchio di ottone.

Cassandra sperava che fosse vestita in modo appropriato, con una giacca corta viola, jeans a tre quarti e una camicetta a fiori. I suoi capelli biondi lunghi fino alle spalle pendevano leggermente davanti agli occhiali con la montatura in metallo. Aveva indossato anche i suoi calzini a righe preferiti e le ballerine nere, convinta che la comodità avesse la precedenza sull'apparenza. Nella mano sinistra teneva un pezzo di carta sbrindellato e tra il pollice e l'indice un anello d'argento, con tre teschi che lo adornavano. Con cautela, sollevò il batacchio e lo lasciò cadere, l'eco risuonava nella strada vuota.

La porta si aprì, come se fosse alimentata meccanicamente, ronzando e ronzando leggermente. All'interno c'era un piccolo ingresso, poco illuminato e decorato in rosso scuro ed ebano. A sinistra della stanza c'era una chaise longue di velluto rosso. Il pavimento era di assi di mogano scuro con un tappeto rosso al centro della stanza. A destra della porta c'era un attaccapanni vuoto. In piedi al centro c'era una donna alta e giovane, sui venticinque anni. Indossava una camicetta vittoriana bianca a collo alto, una gonna nera al ginocchio e stivali con i tacchi alti fino al polpaccio che aumentavano ulteriormente il suo aspetto di altezza. Teneva le mani dietro la schiena e si voltò verso Cassandra.

In fretta e nervosamente, Cassandra sbottò: "Un uomo mi ha dato questi." Tenne l'anello e il foglio in avanti, verso la donna.

Lo sguardo della donna si spostò sull'anello, poi con voce dolce e sensuale disse: "Sono Jill, informerò gli altri che il nostro ospite è qui." Mentre si voltava e si dirigeva verso una porta, Cassandra notò che le sue mani erano legate insieme con una corda sottile legata a forma di fiocco dietro la schiena. "Aspetta qui," disse Jill lasciando Cassandra sola.

Era passato un minuto, anche se a Cassandra sembravano cinque. La sua mente tornò alla sera prima. Era seduta da sola al bar del Raven, bevendo vodka e mirtillo rosso e ascoltando in silenzio i Cure, quando un motociclista si avvicinò al bar. I suoi capelli lunghi e focosi pendevano in modo da nascondere parzialmente il suo viso nell'oscurità del bar. Infilò la mano nella giacca di pelle nera e tirò fuori un biglietto frizzante con il quale ordinò un bicchiere di champagne e un bicchierino di assenzio. Versò l'assenzio nello champagne, si tolse l'anello d'argento, quello che Cassandra ora teneva in mano, e lo mise nel bicchiere. Dai jeans tirò fuori un pezzo di carta, ci scarabocchiò sopra, poi passò il bicchiere e la carta a Cassandra prima di andarsene in silenzio. Il foglio conteneva l'indirizzo di questo edificio e le parole "Il Fantasma". Incuriosita aveva deciso di indagare la mattina seguente.

La ricomparsa di Jill la svegliò dai suoi sogni ad occhi aperti. Anche se questa volta era senza stivali, le sue mani erano rimaste legate. Le sue unghie dei piedi erano dipinte dello stesso cremisi della carta da parati. I piedi nudi di Jill producevano un suono lieve e umido sul duro pavimento di legno. Con uno sguardo indicò l'attaccapanni e poi un tavolino accanto. Con la stessa voce sensuale disse: "Adesso ti vedranno, puoi lasciare il tuo cappotto e quelli laggiù".

Cassandra posò con cura il biglietto e l'anello sul tavolo, poi si tolse lentamente la giacca e la appese all'attaccapanni, notando un bastone di ebano con l'impugnatura a forma di teschio d'argento. Poi, incrociando le braccia sul petto, si voltò e seguì Jill attraverso una porta laterale e giù per una scala in ferro battuto. La scala si snodava attorno a un pilastro di pietra grigia in un pozzo rivestito di arenaria, proseguendo per circa tre piani sotto terra.

La scala terminava in un corridoio di pietra illuminato da torce, che si estendeva in lontananza. Di tanto in tanto, in una rientranza ad arco a volta lungo le pareti, c'era una grande porta di quercia bordata di ferro. Gli unici suoni mentre Jill conduceva Cassandra lungo il corridoio erano il crepitio delle torce e il dolce eco dei loro piedi sul duro pavimento di pietra, formando un ritmo primitivo che fa vagare la mente di Cassandra verso immagini tribali.

Si fermarono davanti a una delle porte. Il motociclista della notte precedente è arrivato dalla direzione opposta con un'altra donna. La sua tuta di pelle e i suoi jeans erano spariti, al loro posto c'era una camicia bianca rinascimentale e pantaloni attillati di pelle. I tacchi di metallo dei suoi stivali ticchettavano a tempo con il tintinnio delle fibbie laterali sotto la parte superiore ripiegata. I capelli infuocati non gli coprivano più il viso, ma erano invece legati in una coda di cavallo e al suo posto una maschera bianca oscurava la parte sinistra e quella superiore del viso. La donna indossava un corsetto intero di pelle nera, con un perizoma nero e una giarrettiera. I suoi stivali neri al ginocchio emisero un suono acuto e sorprendente quando il tacco a spillo colpì il pavimento. Un colletto di pelle borchiato adornava il suo collo bianco latte e lunghi guanti di pizzo nero le sue braccia. La leggera brezza proveniente dalle torce faceva ondeggiare dolcemente i suoi capelli corvini.

Parlò con un tono profondo che echeggiò nel corridoio vuoto: "Ho degli affari da sbrigare; ti lascerò qui con Mistress Elizabeth. Dovrebbe occuparsi di te davvero molto bene." C'era un leggero sorriso sul suo volto mentre diceva l'ultima frase, alludendo ad un contesto più oscuro. Cassandra lo osservò mentre percorreva il corridoio, con le labbra che si inumidivano al pensiero di lui.

La signora Elizabeth indicò una porta con la mano sinistra e poi ordinò con un forte accento inglese: "Togliteli e passa di là". Indicò Cassandra.

Cassandra si guardò indietro nervosamente: "Togliere cosa? Signorina?"

Elizabeth afferrò la gamba destra di Cassandra, e poi si tolse le ballerine, poi il calzino, spostandosi sulla gamba sinistra, e disse: "Da ora in poi sarà la signora o la padrona, ragazza." Il pavimento di pietra era freddo sotto i suoi piedi e lei tremò mentre il piede destro cadeva. Elizabeth gettò le scarpe e i calzini in una piccola alcova e spinse Cassandra, ormai scalza, attraverso la porta, poi procedette a togliersi gli stivali, abbassandoli lentamente. Intorno alle sue caviglie, aderenti alla pelle, c'erano due cavigliere d'argento.

Una sottile imbottitura in PVC rosso brillante ricopriva le pareti all'interno della stanza, emettendo un leggero rumore di risucchio quando Cassandra inciampò sul pavimento. Jill era rimasta in piedi contro la parete più lontana, in posizione eretta, con lo sguardo rivolto verso la porta. Al centro della stanza c'era una panca imbottita, all'altezza della vita, con dei ceppi alla base e rivestita dello stesso tessuto rosso. A pochi metri di distanza c'era un tavolino con una selezione di oggetti, coperto da una tovaglia di seta rossa, e sotto una piccola scatola.

Elizabeth entrò nella stanza mentre Cassandra si alzava. Si spostò verso Jill e le slegò le mani. Posò la corda sul tavolo e tirò fuori la scatola. Rivolgendosi a Cassandra, spinse avanti la scatola.

"Spogliatevi tutti e due, adesso! Riponete i vestiti nella scatola quando avete finito." Ha comandato.

Jill rispose immediatamente: "Sì, padrona". Poi cominciò a togliersi la camicetta, seguita dalla gonna, sotto la quale c'erano un reggiseno viola e un perizoma, che tolse, cominciando dalle spalline e riponendo ogni oggetto nella scatola.

Esitante e tremante, quando gli occhi si volsero verso di lei, Cassandra riuscì a malapena a emettere un suono. "Sì, padrona." Ha chiamato, a bassa voce. Lentamente, Cassandra si sbottonò la camicetta, poi la patta dei jeans, sfilandoli prima dalla gamba destra, poi dalla sinistra. Poi venne fuori la sua camicetta, fluttuando dolcemente nella scatola, seguita dal reggiseno nero e poi dalle mutandine francesi di pizzo nero, leggermente umide dalla sua vagina.

Una volta sistemati tutti i vestiti nella scatola, questa veniva ricollocata sotto il tavolo. Le due ragazze ora nude stavano ai lati della panca al centro della stanza, Cassandra tremava leggermente. Senza parole, Elizabeth infilò la mano sotto il tessuto, lasciandolo lì per aumentare l'attesa. Ritirò la mano stringendo due collari di cuoio, uno rosso e l'altro nero. Entrambi avevano un anello d'argento sul davanti e un piccolo meccanismo di chiusura sul retro. Quello rosso fu messo attorno al collo di Jill e il lucchetto scattò in posizione. Poi quello nero fu chiuso attorno al collo della tremante Cassandra.

Cassandra fu quindi spinta in ginocchio davanti alla panca da Elizabeth, che poi procedette a bloccare i piedi di Cassandra nei ceppi di quercia. Si adattavano strettamente alle sue caviglie e rallentavano parzialmente il flusso del sangue, facendo apparire e scomparire un rossore rosa. Elizabeth la costrinse a scavalcare la panca e legò l'anello del collare a un anello nascosto sull'altro lato. Ciò fece sì che Cassandra si piegasse completamente, esponendo le sue natiche nude e inumidendo la vagina. Agitando il braccio verso il tavolo, Elizabeth fece segno a Jill. Detto questo, Jill tirò indietro il tessuto rivelando diversi polsini e cinture di pelle, un bavaglio e un lungo e sottile frustino. Consegnò due delle cinture a Elizabeth, che poi le fece scivolare sui polsi e sulla parte superiore delle braccia di Cassandra, e le bloccò in posizione incrociata, in modo che le sue braccia fossero incrociate dietro la schiena. Elizabeth poi prese il frustino e ci giocò, facendolo dondolare delicatamente nella mano e poi sulle labbra, sbavando leggermente il rossetto viola.

Anticipando il colpo imminente, Cassandra trattenne il respiro e tese i muscoli del corpo. Le sue cosce si strinsero, aprendo le labbra arrossate della sua vagina. Tirò le cinture per le braccia e si spinse sulla panca per prepararsi al colpo. Ma prima ci sarebbe stata più tensione, dato che Elizabeth non era semplicemente una rozza sadica, ma piuttosto una perfezionista nel suo gioco.

Elizabeth posò il frustino sul tavolo e prese un paio di polsini di pelle rossa alla caviglia, lo stesso colore del colletto indossato da Jill. Afferrò la caviglia sinistra di Jill e la girò dietro la schiena della ragazza, fece scivolare il polsino, strinse la fibbia e la lasciò cadere a terra. Lo ripeté con l'altra gamba, afferrando la caviglia stando in piedi, posizionando il polsino e rilasciandolo sul pavimento. Poi prese dal tavolo un paio di manette di pelle rossa unite e le applicò sui polsi di Jill. Inginocchiata sul pavimento aprì due piccoli lembi nell'imbottitura davanti a cui Cassandra era legata e tirò fuori due piccoli anelli d'acciaio. Afferrò le caviglie di Jill e bloccò le cinghie negli anelli, tenendola a braccia aperte, con la vagina dritta in faccia a Cassandra. Poi andò all'estremità della stanza, vicino alla porta, aprì un pannello nascosto e premette un interruttore. Una catena scendeva dal soffitto sopra la testa di Jill. Elizabeth lo agganciò alle manette, poi premette un altro interruttore, facendo stringere la catena, allungando le braccia di Jill sopra la sua testa.

"Leccalo lentamente, falla tremare per l'eccitazione," ordinò fissando il bavaglio attorno alla bocca di Jill e fissandolo saldamente al suo posto. L'allungamento delle sue braccia e la leccatura della lunga lingua agile di Cassandra fecero contorcere il viso di Jill mostrando una squisita miscela di agonia e piacere orgasmico. Cassandra vide con la coda dell'occhio Elizabeth sollevare il raccolto dal tavolo, ma non osò smettere di leccare il clitoride pulsante di Jill.

Elizabeth fece oscillare il frustino all'indietro in aria, il suo corpo ruotato sulle punte dei piedi, i fianchi che ruotavano. Poi abbassò il frustino, girando i fianchi durante il colpo, aumentando ulteriormente la velocità mentre tagliava l'aria. Il frustino atterrò su Cassandra, ma non sulle natiche o sulla vagina come si aspettava, bensì sulla pianta del piede sinistro. Il dolore e la sorpresa fanno sì che Cassandra salti leggermente in avanti, ma i ceppi le tengono i piedi saldamente in posizione mentre un secondo colpo colpisce la sua pianta destra. Un terzo colpo arrivò alla guancia destra del suo sedere gobbo. Poi una quarta alla guancia sinistra, seguita da una quinta e poi da una sesta, l'assalto continuo alternato ai lati delle natiche.

I gemiti soffocati di Jill e i gemiti di Cassandra mentre continuava a leccarsi l'inguine tra le ciglia del frustino. I capezzoli di Cassandra tirarono dolcemente il cuscino mentre si indurivano sotto l'ondata di endorfine. Le frustate cessarono e insieme arrivarono entrambe le ragazze. Il fluido caldo penetrava nella bocca di Cassandra e scendeva tra le sue cosce, inumidendole a ondate. Il sapore dolce delle secrezioni di Jill contro il sapore amaro della sua carne fece pulsare la lingua di Cassandra e leccarla più velocemente, assaporando ogni secondo.

La porta della camera cigolò sui cardini di ferro quando si aprì e il motociclista ritornò, nudo a parte la maschera e una cintura, appesa in diagonale dalla spalla destra alla coscia sinistra. All'estremità della cintura c'era una frusta arrotolata; era di un insolito colore marrone chiaro, dovuto all'insolito materiale di costruzione. Il nucleo interno era costituito da una treccia forte ma flessibile di pelle di vitello, ma lo strato esterno era pelle di squalo angelo, ricoperta da migliaia di minuscoli denti. Nella mano sinistra teneva un guinzaglio a catena, con il passante di cuoio attorno al polso.

Fece cenno a Elizabeth di allontanarsi, fece un cenno a Jill e disse: "Slegala e portala con te presto, prenderò questa adesso." Si inginocchiò e slacciò i calci, quindi sganciò l'anello collegato al collare di Cassandra e attaccò il guinzaglio al collare, lasciandole le braccia legate dietro la schiena. La tirò per alzarsi, lei sussultò quando i suoi piedi toccarono il pavimento, ma si ricompose bruscamente e fu condotta fuori dalla stanza mentre Elizabeth stava sciogliendo Jill.

La condusse in una stanza più in fondo al corridoio. Questa stanza era più grande, rivestita in pietra, con un soffitto a volta in legno; tre traverse di quercia attraversavano le pareti, dividendole in tre quarti. Gli unici mobili in questa stanza erano un grande armadio di mogano in fondo e una piccola gabbia di ferro battuto, grande appena abbastanza per un essere umano. Si fermò con Cassandra nella prima metà della stanza, poi si avvicinò all'armadio e lo aprì. All'interno c'erano varie fruste, pagaie e legature. Corde e catene erano avvolte alla base con vari giocattoli. Al centro dell'esposizione c'era uno stocco con l'elsa a cesto d'argento, a forma di omega.

"Vieni qui." Chiamò Cassandra mentre prendeva due manette per le caviglie dall'armadio.

Lei rispose, più confidente che con Elizabeth, "Sì, Maestro." Poi si avvicinò a lui e sollevò la gamba sinistra per permettergli di posizionare la manetta sul suo piede e stringere la fibbia, quindi la destra fu sollevata e fissata allo stesso modo. Iniziò a tremare leggermente e le sue gambe, ancora bagnate dallo sperma, si tesero spingendo la sua vagina aperta e il suo clitoride in alto e in avanti. Allentò le cinghie delle braccia e poi prese un bavaglio simile a una briglia da un picchetto sulla porta dell'armadio. Riposava goffamente nella sua bocca mentre posizionava le cinghie, poi mentre le stringeva diventava più naturale e confortevole nella sua bocca. Fu poi condotta nell'altra metà della stanza.

Le sue caviglie erano di nuovo legate, anche se questa volta dalle cinghie di cuoio a corte catene sul pavimento, che le tenevano separate. I suoi vincoli per le mani furono poi fissati a due catene appese alla trave trasversale, tenendola a forma di croce, in punta di piedi.

Un tonfo sordo risuonò alle sue spalle mentre la frusta sulla cintura si srotolava. Si tirò indietro, con il braccio stretto, con il corpo che girava, come un pugile sul punto di lanciare un cross destro. L'aria urlò con un suono acuto mentre lui la portava sulla sua schiena, poi la spingeva indietro velocemente, permettendo ai denti invertiti della pelle di squalo di morderle la carne solo per una frazione di secondo. Il suo grido soffocato fece tremare il suo corpo e il suo grosso pene cominciò a irrigidirsi. Diede un altro colpo, e i minuscoli tagli dei denti provocarono una moltitudine di punture successive al colpo iniziale della frusta. Entrambi i loro corpi pulsavano di sangue quando un terzo colpo colpì la sua schiena, facendola sanguinare dai tagli.

La padrona Elizabeth e Jill a questo punto entrarono nella stanza, Jill, senza le sue restrizioni, strisciando sul pavimento con Elizabeth che le teneva un guinzaglio al colletto. Elizabeth, ancora nel corsetto, si era rimessa gli stivali, ma aveva tolto il perizoma e le coppe dal corsetto, rivelando il suo seno sodo e la sua vagina scintillante. Prese la gabbia dall'angolo e la mise davanti a Cassandra. Poi ha slacciato il guinzaglio di Jill, l'ha costretta a entrare nella gabbia e l'ha chiusa a chiave, in modo che il corpo di Jill fosse piegato strettamente limitando tutti i suoi movimenti. Si voltò a guardare mentre lei faceva questo strofinando delicatamente il sangue e il sudore sulla schiena di Cassandra, facendola gemere mentre il dolore bruciava profondamente.

Elizabeth passò la mano lungo una selezione di vibratori alla base dell'armadio, il Maestro annuì mentre la sua mano si spostava su uno lungo nero e su uno largo argentato, che lei prese entrambi. Successivamente sono stati accesi, quello nero è stato posizionato nella vagina esposta di Jill, poi quello cromato nel suo retto, allargandolo. Lo sfintere si chiuse attorno ad esso trascinandolo ulteriormente nel suo corpo. Mentre Jill in gabbia gemeva dolcemente ai vibratori, Elizabeth si spostò al suo fianco.

La colpì forte sui fianchi con entrambe le mani, portò Elizabeth verso l'armadio e prese lo stocco dal centro del mucchio, estraendo la lama lucente. Lo tenne contro il seno di Elizabeth; il freddo acciaio le indurì i capezzoli. Gemette tra sé e si avvicinò a Cassandra. Elizabeth slacciò le catene delle gambe di Cassandra mentre lui la accarezzava delicatamente con la punta della spada, facendola scendere lungo la guancia, poi sul petto, fermandosi su ciascun capezzolo. Poi giù dallo stomaco fino alla vagina, la lama fredda che la mordeva, i fluidi che scorrevano lungo il bordo della lama mentre arrivava al semplice tocco della lama.

Alla fine, ponendo fine all'attesa che aveva provato da quando aveva varcato la porta dell'edificio per la prima volta, lui l'afferrò, affondando le unghie nella carne delle sue cosce. Il suo cazzo aprì le labbra della sua vagina mentre cominciava a spingere. Come un martello pneumatico picchiava sempre più forte. Elizabeth accarezzò la schiena di Cassandra con una girandola mentre lui la colpiva sul davanti. L'eccessiva stimolazione e il rilascio del piacere fanno sì che Cassandra morda forte il bavaglio e provi a urlare mentre tutto il suo corpo è scioccato dall'orgasmo. Il suo corpo balbettava mentre tirava fuori il fallo. Le vene sul lato dell'asta erano gonfie. Si voltò rapidamente e si avvicinò alla gabbia di Jill che ancora si contorceva, coprendo il suo corpo con un'ondata di sperma. L'adrenalina lasciò il corpo di Cassandra, poiché in qualche modo sapeva che lo spettacolo era finito; poi è svenuta nelle sue restrizioni.

Si svegliò in lenzuola di seta su un letto morbido, i suoi tagli erano stati fasciati con bende fredde e umide e una leggera brezza soffiava da una finestra verso l'esterno. Era sdraiata a faccia in giù, con Jill, seduta accanto a lei, completamente vestita con la camicetta e la gonna vittoriane. Mosse la gamba sinistra e sentì un leggero strattone mentre tirava un sottile anello di metallo attorno alla caviglia incatenato al letto. Jill si accorse che era sveglia e disse piano: "Dormi adesso, il Maestro era contento di te, stasera sarà ancora più bello." Poi scivolò silenziosamente fuori dalla porta, mentre Cassandra scivolava in un sonno senza sogni, il polsino le dava una strana sensazione di sicurezza.

Storie simili

Dovere coniugale

Ricordo ancora la prima volta che ho visto Sandra per la prima volta. Ero un giovane trasandato di vent'anni. Era una ragazza molto sexy di 22 anni. È venuta da me mentre stavo cercando di avviare la mia motocicletta Norton 750 Commando un po' capricciosa. Ha detto qualcosa a proposito del fatto che le piacciono le biciclette. Questo era tutto quello che avevo bisogno di sentire. Una bruna dall'aspetto attraente con grandi occhi marroni in un paio di jeans attillati che si avvicina a me e mi dice che le piacciono le biciclette. La mia vita ha preso una svolta positiva...

500 I più visti

Likes 0

Organismo X - Cap. 08

Nota dell'autore: dopo diversi mesi di sviluppo infernale, vi presento l'ottavo capitolo di Organism X - Ora con il 100% di scoregge in meno! 1 In lontananza, Erin poteva sentire la ragazza appena trasformata gemere e grugnire mentre la bionda, Lindsay, giocava con lei. Il suono la ripugnava e allo stesso tempo la eccitava. Sarà una bellezza quando cambierà completamente, ha detto Megan. Erin si voltò verso l'arrogante bruna. Sei un mostro. Siete tutti dei mostri, ha detto. Megan sbuffò. Come se non lo fossi? Erin bruciava di vergogna e fissava il pavimento. Un'immagine della ragazza terrorizzata che Erin si era...

457 I più visti

Likes 0

Quanto di meglio si possa III

Obiettivo 5: preparami un gustoso succo di sperma con un bicchiere pieno. Questo è stato abbastanza facile. Ma tutto ha una parte difficile. Ecco un bicchiere pieno. Rani ha avuto un fottuto lavoro a scuola. Quindi se n'è andata la mattina indossando un sari rosso assassino. Avrei solo voluto andare a scuola. Prima di andarsene, mi ha dato un bicchiere usato per servire lo champagne, si è avvicinata a me e mi ha palpato dolcemente il cazzo. Rani :( sussurrandomi all'orecchio con voce sexy) fallo lavorare. Io: posso usare la tua stanza dei quadri???Sai. Usa la tua TV. ?? Rani: va...

784 I più visti

Likes 0

Il patto del diavolo Slave Chronicles Capitolo 4: Gioia, prima cera

Cronache degli schiavi del patto del diavolo da miopenname3000 Diritto d'autore 2015 Gioia: prima cera Nota: Mary ha dato Joy alla madre di Mark, Sandy, e alla fidanzata di Sandy, Betty, perché fosse la loro schiava sessuale. 19 giugno 2013 – Joy Nguyen – South Hill, WA Va tutto bene, sussurrò una voce confortante. Ho lottato per aprire gli occhi; dormire ancora pesante sulle mie palpebre. Potevo sentire il letto tremare dolcemente mentre qualcuno si spostava. Una donna singhiozzò sommessamente. La confusione mi invase; Non ero nel mio letto. Dove ero io? Riuscii ad aprire gli occhi, sentendomi grintoso con poco...

714 I più visti

Likes 0

Gli esibizionisti, parte 2

Gli esibizionisti Episodio 2 Squadra di nuoto Disclaimer: quanto segue è un'opera di fantasia. Pertanto, ho scelto di ambientarlo in un mondo in cui il controllo delle nascite è sicuro, efficace e disponibile al 100% e tutte le malattie sessualmente trasmissibili sono state sradicate. Nel mondo reale, alcune delle scelte che questi personaggi fanno sarebbero estremamente rischiose. Non comportarti come loro. Riepilogo: nell'episodio 1, la protagonista e la sua amica Steph hanno compiuto 16 anni, si sono fatte fare il piercing ai capezzoli, hanno sperimentato il risveglio sessuale, hanno comprato giocattoli sessuali, hanno visto un vecchio sporco masturbarsi e si sono...

607 I più visti

Likes 0

Il bussare alla porta_(1)

Il bussare alla porta mi ha sorpreso. La notte di gennaio in Iowa era fredda, fredda, fredda. Mi ero già tolto i vestiti per la notte e mi sono seduto sulla mia poltrona a scrivere sul mio portatile; era una breve storia della mia infanzia. Dal mio divorzio tre anni prima, ho passato molto del mio tempo da solo a scrivere; principalmente sull'argomento di cui so più di ogni altra cosa... io. Ho scritto centinaia di storie sulla mia vecchia città natale e sulla mia famiglia. I miei nove fratelli hanno fornito tonnellate di ricordi che voglio, un giorno, condividere con...

1.5K I più visti

Likes 0

L'estate finisce

Erano passati tre mesi da quel giorno che le aveva cambiato la vita quando suo figlio l'aveva scopata. Lei aveva 34 anni, lui ne avrebbe presto 18. Adesso scopavano regolarmente e insieme avevano capito come separare le loro sessioni sessuali dalla vita di tutti i giorni. Il seminterrato della loro casa che ospitava l'attrezzatura per il bucato era stato diviso per fornire una piccola area ricreativa con un letto al centro e una zona spogliatoio protetta dove sua madre teneva la sua collezione di lingerie sexy acquistata di recente da un sito di sesso su Internet. Tutto ciò che riguardava la...

757 I più visti

Likes 0

La proposta: obblighi rispettati

La proposizione: Gli obblighi vengono rispettati Jenny e io abbiamo dormito fino a domenica mattina. Erano passate le 10:00 quando finalmente siamo scesi dal letto. “Dopo la nostra doccia, cosa vorresti per colazione?” chiese Jenny mentre iniziava a rotolare giù dal letto. Ha poi avuto uno sguardo addolorato sul suo viso. OH! Uumm, Jim, onorerò il nostro patto. Puoi avermi quando vuoi, ma se per te va bene, possiamo fare qualcos'altro la prossima volta? Sono così dolorante, non sono sicuro di poter nemmeno camminare. Il suo dolore era abbastanza comprensibile. Ho dovuto spingere molto forte per sfondare il suo imene e...

764 I più visti

Likes 0

Come mia sorella mi ha fatto venire - senza saperlo

Quella che segue non è una storia di cui sono necessariamente orgoglioso. Non è nemmeno una storia molto lunga, perché l'evento vero e proprio è durato davvero poco. È imbarazzante, è poco lusinghiero e, forse, è anche un po' sbagliato. Si tratta, comunque, di una storia vera, accaduta qualche tempo fa, e poiché penso che ad alcuni potrebbe piacere davvero, sono disposto a descriverla nei minimi dettagli. E quindi, senza ulteriori indugi, vi presento la storia di come mi sono imbattuto accidentalmente in mia sorella - e sono riuscito a farla franca. O in realtà, c'è ancora qualche rumore. Ho promesso...

669 I più visti

Likes 0

Una nuova vita per Ruth

Ruth Anderson sedeva nel suo nuovo ufficio, era stata promossa sei mesi prima ed era ancora eccitante trovarsi al decimo piano. Ruth era una signora tranquilla da poco passata il suo quarantaquattresimo compleanno, era stata allevata in una rigida famiglia cattolica, figlia unica con un padre dominante che per la sua ira aveva obbedito alla lettera. Aveva trascorso gli ultimi ventiquattro anni in un freddo matrimonio quasi senza sesso, la sorpresa più grande era stata che lei e il marito Donald avevano avuto una figlia meravigliosamente bella, Lena, che a ventidue anni stava per completare un master in economia aziendale alla...

580 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.