Il bibliotecario - Epilogo

598Report
Il bibliotecario - Epilogo

Nota dell'autore: Ok, non potevo andarmene abbastanza bene da solo. Questo è davvero il modo in cui voglio concludere la serie. Non si arrabbia con il sesso, ma questo è il mio stile di scrittura; le relazioni tra i personaggi significano molto di più per me. Spero ti piaccia.



Daniel e Peter hanno continuato la loro relazione d'amore, anche se le cose hanno cominciato a cambiare quando sono cresciuti. Non erano ancora usciti e non avevano intenzione di farlo. La madre di Daniel, Carter e Alex erano gli unici a sapere di loro.

Temendo ancora la minaccia di Carter, Alex aveva tenuto la bocca chiusa. Lasciò Peter in pace e non parlò a nessuno del loro incontro di luglio, anche se i suoi occhi vagavano ancora sul corpo di Peter durante il suo ultimo anno mentre correvano attraverso il paese. Non importava comunque; Alex si stava laureando e stava andando al college, dove avrebbe sicuramente trovato il campo di gioco ancora più interessante.

Durante il loro ultimo anno, Alex ormai scomparso, Daniel ha notato che Peter aveva sperimentato uno scatto di crescita. Era più alto, quasi un metro e ottanta, più forte e grosso sotto ogni aspetto. Doveva anche radersi, crescendo veri baffi sul viso.

Daniel, invece, stava ancora aspettando. Poco è venuto; solo un pollice di altezza e, guardando in basso, non c'era molto altro. Anche se ora ha 17 anni, il suo corpo non cambierebbe.

Le estati erano calde e noiose, ma Daniel andava sempre in biblioteca, dove leggeva per ore. Nonostante il caldo, Peter ha corso, lavorando sulle sue abilità di corsa campestre. Voleva il titolo statale nel suo ultimo anno e si aspettava che gli fosse assegnato il ruolo di leader della squadra. Di tanto in tanto, nuotavano insieme nel lago George, dove Daniel, non a caso, vinceva sempre qualsiasi gara in cui si sfidavano. Si sono goduti il ​​tempo trascorso insieme, eppure entrambi potevano in qualche modo sentire che si stavano lentamente allontanando.

All'inizio dell'ultimo anno, Daniel è rimasto la persona tranquilla e introversa che è sempre stata. Nessuno se ne è accorto. Peter, invece, era meno diplomatico di prima, se possibile. Ha trascorso più tempo con gli atleti, vantandosi delle sue capacità e ha persino iniziato a flirtare con le ragazze, che lo hanno inondato di attenzioni.

Daniel poteva dire che a Peter piaceva, risucchiando l'ammirazione come una spugna. Sarebbe stato il capitano della squadra in primavera e avrebbe guidato la squadra di sci di fondo alla vittoria, vincendo finalmente il titolo statale. I complimenti sarebbero enormi e abbondanti. Daniel ha augurato il meglio a Peter e ha sperato che i suoi sogni diventassero realtà.

Mettendo da parte i suoi pensieri, Daniel si preparò diligentemente per gli esami universitari, mentre Peter si concentrava su altre cose. È stato avvolto dall'aura di popolarità. Ben costruito, forte e di bell'aspetto, ora Peter attirava l'attenzione di quasi tutti, tranne che degli insegnanti. È sempre stato uno studente sopra la media, ma i suoi voti stavano diminuendo mentre cadeva nell'adorazione di sé stesso.

Entrambi avevano sostenuto gli esami SAT nella primavera del loro ultimo anno. Daniel ha ottenuto un punteggio eccezionale, mentre Peter è sceso al di sotto della media. Non gli importava; la corsa campestre era l'unica cosa che aveva in mente. Alla fine di ottobre, hanno anche sostenuto gli esami ACT e hanno atteso i risultati.

Era l'inizio di dicembre e Daniel potò l'albero di Natale come aveva sempre fatto da quando suo padre era stato ucciso. Il caminetto ardeva dolcemente, riempiendo il soggiorno di un bagliore e di un calore speciali. Si sentiva così a casa mentre si rilassava sul divano, respirando il dolce profumo di abete dell'albero. Daniel sapeva che sarebbe andato al college l'anno prossimo e non l'avrebbe mai più sperimentato, almeno non nello stesso modo.

La mente di Daniel è tornata alla biblioteca quando ha incontrato per la prima volta Carter, che ha infranto la regola e ha letto la sua storia, ma gli ha dato il suo primo bacio e altro ancora. Nella sua mente, rivisse la stessa eccitazione e ansia che aveva provato quando Carter era arrivato inaspettatamente, coperto da quegli enormi fiocchi di neve. Il suo corpo tremava ancora al ricordo di Carter che lo aveva scartato come regalo. Il tocco gentile e premuroso, la voce dolce e le carezze amorevoli gli attraversarono la mente. Lo voleva indietro, ma sapeva che quei giorni erano finiti. Dio, come lo amava ancora.

Perso nei suoi pensieri, Daniel sentì a malapena suonare il campanello. Dopo averlo sentito due volte, saltò su dal divano e andò ad aprire la porta, non sapendo cosa aspettarsi. "Come va, leccacazzi?" chiese Pietro.

La sua domanda non era arrogante o umiliante, ma in qualche modo fredda e distaccata. Daniel poté immediatamente percepire un dolore nascosto in quelle poche parole, e lo guardò in faccia, fissando le scintille color miele nei suoi occhi. “Sto bene, mangiatore di uccelli,” rispose dolcemente Daniel.

Peter si fece strada oltre Daniel ed entrò in casa, lasciandosi cadere sul divano. Cominciò a fissare il camino mentre Daniel si sedeva accanto a lui. Rimasero tranquillamente uno accanto all'altro, senza dire una parola. Daniele era preoccupato.

"Prendi i tuoi punteggi?" chiese Pietro. "Sì, l'ho fatto", ha risposto Daniel.

Peter esitò, il caminetto cominciava a confortarlo. "Ho fatto schifo", ha detto. “Quest'anno vincerò il titolo statale di sci di fondo, ma nessun college mi accetterà mai, almeno non uno che valga la pena di frequentare. Quando mi diplomerò, entrerò nell'esercito. Ho già parlato con i reclutatori.

Daniel non era del tutto scioccato, ma sentì un pugno allo stomaco. Mise un braccio intorno alla spalla di Peter, ma non lo attirò a sé. “Ho sempre pensato che saremmo andati al college insieme. Ne avevi l'abilità. Perché hai lasciato che accadesse?" chiese.

Pietro rimase in silenzio per qualche istante. «Non lo so davvero, Daniel», disse. “Non sono mai stato un cervello; lo sai. Una volta scoperto che potevo correre come un campione, è tutto quello a cui riuscivo a pensare. Anche i Giochi Olimpici mi sono passati per la mente, ma so di non essere così bravo. Quindi, l'Esercito o il Corpo dei Marines staranno bene con me ", ha dichiarato categoricamente.

Daniel allungò l'altro braccio intorno a Peter e lo attirò in un abbraccio caldo e stretto. Rannicchiandosi nel suo collo, sussurrò: "Mi lascerai, vero, Peter?"

«No, Daniel, non nel modo in cui pensi. Non ti lascio per un nuovo amante, ma le cose sono cambiate, in più di un modo”, rispose Peter. Aveva ancora più notizie da condividere con Daniel, che era ferito e confuso.

Il fuoco bruciava dolcemente, scoppiettando di tanto in tanto quando una sacca d'aria intrappolata nei ceppi esplodeva. "Ieri mi sono scopato Karen", disse infine.

Daniel sapeva che Karen era una ragazza bella e giovane che tutti a scuola volevano. Aveva adulato Peter per due anni, rendendosi quasi ridicola. Peter inizialmente l'aveva ignorata, ma sono stati visti insieme più spesso durante l'ultimo anno.

"Come è successo?" chiese Daniel, completamente sbalordito.

Pietro rifletté per un momento. “È successo molto velocemente, senza alcuna pianificazione. Mi ha detto di venire a casa sua dopo la scuola, dicendo che aveva un regalo di Natale per me che doveva essere consegnato di persona. Non ci ho pensato, quindi sono andato a trovarla. Ha risposto alla porta indossando solo un accappatoio. Stavo per cagarmi addosso, ma lei mi ha trascinato in casa e mi ha fatto sedere sul divano. Non riuscivo nemmeno a pensare lucidamente mentre mi tirava giù pantaloni e boxer, poi si toglieva la vestaglia. Si è messa in ginocchio e mi ha succhiato il cazzo finché non è diventato duro, poi si è messa a cavalcioni su di me e se l'è fatto scivolare nella figa. Mi ha cavalcato fino al mio arrivo, il che non ha richiesto molto tempo. Posso solo sperare che prenda la pillola.

Ancora incredulo, Daniel ha chiesto: "ti è piaciuto?" Pietro rispose senza esitazione. "Si l'ho fatto."

Daniel continuò a trattenerlo, poi fece l'inevitabile domanda. "Che è migliore; amore del ragazzo o amore della ragazza?

Peter all'inizio non rispose; stava pensando.

“Non è una questione di quale sia il migliore; è solo diverso. Si sentiva diversa, aveva un odore diverso. È un po' come abbracciare tua madre e tuo padre. Ci si sente bene in entrambi i casi, ma è solo diverso”, ha fatto del suo meglio per spiegare.

"Pensi di essere uno switch-hitter?" chiese Daniele. “Non ne sono sicuro ma, dopo questa esperienza, so che voglio provare di più”, rispose senza mezzi termini Peter.

Daniel gli rimase vicino senza muoversi, poi gli baciò lentamente il collo. «Fermati, Daniel», disse Peter. "Non sono in vena." Si separarono e si sedettero uno accanto all'altro, fissando il caminetto.

"A quali università hai fatto domanda?" chiese infine Peter. "Solo tre. Due a ovest e uno a est. A proposito, sono università, non college. Un college offre solo una laurea di quattro anni, mentre un'università ha corsi di laurea", ha risposto Daniel, sentendosi perso e perdendosi in qualcosa di cui a Peter non importava niente. «Scommetto che quello a est è dove si trova Carter. Ho ragione?" chiese Pietro. "Sì, lo è", rispose dolcemente Daniel.

«È una coincidenza», disse Peter, quasi con sarcasmo.

Daniel stava ancora cercando di elaborare ciò che aveva appena sentito, ma sentì un'insolita rabbia crescere dentro di lui.

Completamente fuori dal personaggio, Daniel ha guardato Peter e ha detto: “Ascolta stronzo, non farne qualcosa di più di quanto dovresti. È un'ottima scuola e non ho più avuto contatti con Carter da quando mi ha scaricato. Se ne andrà comunque, se sarò accettato lì. Inoltre, perché diavolo dovrebbe importarti adesso?

Peter si pentì del suo insensibile scavo; era egoista e tagliava profondamente, ma quella era la sua natura. Sapeva che era ora di andarsene. Pietro si alzò e andò alla porta. "Sai, Daniel, ti amo ancora, ma solo in un modo diverso", ha detto. Daniele non ha risposto.

Sentendo la porta chiudersi dietro di lui, Daniel capì che la sua relazione con Peter era finita. Era quasi contento. Sdraiato sul divano, guardò il fuoco bruciare, cercando di catturare tutto ciò che fluttuava nella sua mente come una parata di coriandoli.

Tutti quelli che aveva amato in vita sua ora se ne erano andati, tranne sua madre. Suo padre era morto, Carter se n'era andato e Peter si era appena allontanato da lui. Pensò alla Beretta nell'armadio di sua madre, desiderando che tutto finisse in fretta. Tuttavia, con un allarmante sussulto, si drizzò a sedere.

"Questo non era pensato per te, e non pensarci mai più", sentì dire a Carter. La sua voce severa, ma comprensiva, lo confortò mentre Daniel scacciava rapidamente l'idea dalla sua mente.

La primavera è finalmente arrivata nel loro ultimo anno. Peter ha corso di corsa campestre e si è classificato primo nel torneo di stato, ma la squadra è arrivata terza. Peter era amaramente deluso, ma si crogiolava nella propria gloria di campione individuale.

A giugno, poco dopo la laurea, Daniel incontrò Peter mentre si dirigeva verso l'autobus che lo stava portando al campo di addestramento. Aveva scelto l'esercito e sembrava insolitamente felice. Facendosi da parte, Peter sussurrò: "Non ti dimenticherò mai, leccacazzi". Daniel sorrise, anche se per lui era difficile.

«Non farti ammazzare, mangiatore di uccelli», disse piano Daniel. Fissò Peter negli occhi, il suo cuore sanguinava, e sapeva che probabilmente non avrebbe mai più rivisto quelle scintille color miele. Daniel lo guardò salire sull'autobus e lo salutò con un lieve cenno mentre si allontanava.

Dopo essere stato accettato nella sua scelta universitaria nell'est, Daniel ha trascorso l'estate leggendo e preparandosi per la sua nuova vita. Aveva ricevuto una curiosa lettera dall'amministrazione universitaria, in cui si informava Daniel che avrebbe avuto un alloggio speciale progettato per aiutarlo a risparmiare denaro, ma non spiegava altro. Un mentore lo avrebbe incontrato all'arrivo e avrebbe chiarito la situazione. Tutto ciò di cui avevano bisogno era la data e l'ora del suo arrivo.

Era sconcertato e, in un certo senso, spaventoso. Non aveva senso per lui.

Era arrivata la fine dell'estate e Daniel salutò sua madre in lacrime, ma era eccitato. Salendo sull'autobus, si sistemò al suo posto per il lungo viaggio, salutando con la mano. Mentre l'autobus si allontanava, Daniel sapeva già che sarebbe tornato per Natale. Non importava il problema, il costo o il tempo, sarebbe tornato. Sua madre gli mandò un bacio gentile mentre lo salutava.

Il viaggio in autobus è stato lungo, puzzolente e noioso. Eppure, ogni miglio percorso lo avvicinava alla nuova avventura che lo attendeva. Ancora non capiva la lettera su un mentore e si chiedeva di cosa si trattasse.

Erano quasi le sei di sera e Daniel era mezzo addormentato quando finalmente l'autobus si fermò. “Tutti fuori per 'Università'!” annunciò l'autista.

Si ricompose rapidamente e afferrò l'unica borsa che aveva, correndo fuori dall'autobus. L'autista ha aperto lo sportello del bagagliaio e ne ha tirato fuori due pezzi, guardando le etichette. "Questi tuoi?" chiese. «Sì, sono miei», disse Daniel. L'autista li scaricò sul marciapiede della piccola stazione e risalì sull'autobus. La porta si chiuse e lui se ne andò.

Daniel afferrò la sua piccola borsa e guardò i due bagagli più pesanti. Guardandosi intorno, non vide nessuno. Mentre guardava l'autobus partire, gli sembrò di essere stato gettato alla deriva in mare aperto. Il suo cuore sprofondò e Daniel si sentì terribilmente abbandonato. Si sedette su una panchina vuota e aspettò. Sicuramente sarebbe venuto il suo mentore, chiunque fosse. Daniel si è addormentato per quelle che sembravano ore, ma in realtà sono passati solo pochi istanti.

"Buonasera, ragazzino", Daniel sentì dire da qualcuno. Un milione di pensieri e sentimenti si precipitarono nella sua mente contemporaneamente. Semplicemente non poteva essere. Il suo cuore corse all'impazzata mentre si alzava, si girava e lo guardava in faccia.

“Ehi, Carter,” mormorò Daniel, chiudendo gli occhi, poi riaprendoli per assicurarsi che non fosse un sogno.

Ci fu una lunga pausa mentre si guardavano l'un l'altro, gli occhi incrociati. "Lascia che ti aiuti con quelle borse", disse Carter, chinandosi e afferrandole entrambe. Daniel non riusciva nemmeno a parlare mentre prendeva in mano la sua piccola borsa e lo seguiva fino al parcheggio.

Gettando i bagagli sul sedile posteriore, entrambi salirono in macchina. Quando Carter ha iniziato a guidare, Daniel ha chiesto: “Di cosa si tratta? Perché sei ancora qui? Non ti sei laureato?"

«Sì, l'ho fatto, ma ecco l'accordo. Sono stato accettato nella scuola di specializzazione e lavorerò al mio master. Vivo in un piccolo appartamento nel campus che condividerai con me, se vuoi. Ti farà risparmiare vitto e alloggio, inoltre posso aiutarti ad adattarti alla vita universitaria ", ha detto in modo pratico.

La mente di Daniel stava ancora vacillando. "Vuoi dire che vivremo davvero insieme?" chiese. «Solo se vuoi», disse Carter, mentre entravano nel parcheggio dell'appartamento. "Lascia che ti mostri prima il posto", disse. Scesero e portarono i bagagli di Daniel nell'appartamento con una camera da letto. "Vai avanti, dai un'occhiata in giro", disse Carter.

Daniel vagò lentamente per il piccolo soggiorno, osservando i mobili modesti ma confortevoli. C'era anche una bella cucina e un bagno. Sbirciando nella camera da letto, trovò un letto ben rifatto e due cassettiere. «Non c'è spazio per due letti, quindi dovremo dormire insieme, a meno che tu non voglia il divano letto in soggiorno», disse Carter.

Doveva essere un sogno; niente di tutto questo potrebbe essere reale. Daniel si voltò e guardò Carter. “Per favore”, implorò, “non prepararmi ad altro dolore. Ne ho già passate troppe. Carter lo prese tra le braccia e lo tenne stretto. «Questo non è un brutto scherzo o uno scherzo da studente, Daniel. Voglio che tu viva con me.

Le gambe di Daniel quasi cedettero quando Carter lo trattenne. “È stato un lungo viaggio e sei stanco. Capisco”, ha detto Carter. Condusse Daniel in bagno e iniziò la doccia, poi lasciò la stanza, disfacendo le valigie di Daniel e mettendo i suoi vestiti nel comò e nell'armadio vuoti.

Daniel si tolse lentamente i vestiti, gettandoli da parte. Si guardò allo specchio. A 18 anni, era alto 5 piedi e 6 pollici, pesava 115 libbre, non aveva peli sul viso o altrove, e il suo cazzo era duro poco più di 5 pollici, sormontato da una piccola macchia di pube nero.

Entrando nella doccia, si lavò i capelli, sentendo l'acqua calda e il sapone lavare via il puzzolente viaggio in autobus, poi sentì la porta aprirsi. Carter intervenne e lo raggiunse. Senza dire una parola, gli versò del sapone liquido in mano e iniziò a insaponarlo sul corpo di Daniel. Lentamente, delicatamente, Carter fece scorrere le mani su ogni centimetro di lui mentre Daniel rimaneva immobile, assorbendo i suoi tocchi amorevoli.

«Puoi vedere che non sono cresciuto molto, Carter. Sono un twink,” disse Daniel, quasi vergognandosi. Carter sorrise e continuò a lavarlo, dicendo infine: “Adoro i Twinkies. La torta è così morbida, dolce e spugnosa,” disse facendo le fusa, facendo scorrere le mani sul busto lussuosamente liscio di Daniel e stringendo delicatamente i suoi panini sodi e rotondi. "Non solo, ma mi piace molto il ripieno di crema." Daniel è quasi svenuto per la satira nelle sue parole.

Carter cadde in ginocchio e accarezzò il cazzo e le palle di Daniel. Dopo averli risciacquati, iniziò lentamente ad accarezzare il cazzo di Daniel, facendo roteare la lingua intorno alla sua borsa liscia e glabra. Carter gli fece scivolare tutto in bocca, succhiandogli dolcemente le palle mentre sentiva il cazzo di Daniel irrigidirsi nella sua mano. Rilasciandolo finalmente, fece schioccare la lingua lungo l'asta, stuzzicando la testa. «Oh, Carter, non posso sopportare molto di più; è passato troppo tempo,” gemette Daniel.

“Allora voglio che la mia crema si riempia adesso,” disse Carter, facendo scivolare il cazzo duro di Daniel nella sua bocca. Succhiò appassionatamente, saltellando su e giù con maggiore velocità. Il cazzo giovane e dolorante si sentiva benissimo nella sua bocca mentre avvolgeva le mani intorno al culo di Daniel, tirandolo incessantemente contro la sua faccia.

Cadendo contro la parete della doccia, l'intero corpo di Daniel esplose come un vulcano. Ha afferrato la testa di Carter e ha consegnato violentemente il suo carico di ripieno di crema. Fiocchi di sperma caldo gli volarono in bocca mentre il corpo di Daniel era sconvolto dal piacere, Carter lo succhiava avidamente fino a seccarlo. “Ah, ah, ah,” grugnì Daniel a ogni colpo mentre drenava le sue palle nella bocca avida di Carter, che continuava a tirare fuori ogni goccia che poteva dal suo Twinkie finché non sentì Daniel crollare sulla schiena, incapace di stare in piedi.

Carter lasciò che il bel cazzo di Daniel gli scivolasse fuori dalla bocca e si alzò, avvicinandoli. Daniel stava ansimando nel collo di Carter, la sua mente era completamente confusa e il suo corpo floscio come una bambola di pezza. Carter lo strinse forte e lo lasciò riprendersi, sentendo il dolce e caldo respiro contro la sua carne. "Oh, Dio, Carter, ti amo", sussurrò Daniel mentre il suo respiro tornava lentamente alla normalità. "Oh, amore mio, il mio unico e solo amore," replicò gentilmente Carter.

Uscendo dalla doccia, Carter li asciugò entrambi con uno spesso asciugamano. Prese il dolce viso di Daniel tra le mani e lo baciò dolcemente. «Devi essere affamato» disse. "Anch'io non sono un cattivo cuoco, ma ho sentito dire che sei proprio uno chef", disse Carter con un sorriso. “Ho fatto delle lasagne. Puoi dirmi cosa ne pensi.

Condusse Daniel in camera da letto e gli mostrò dove aveva messo i suoi vestiti. "Le tue mutande sono in questo cassetto, i tuoi calzini qui", fece notare, ma fu interrotto da Daniel, che lo avvolse tra le braccia da dietro. Carter sentì il corpo liscio di Daniel contro la sua schiena. Girando lentamente Carter, Daniel lo guardò negli occhi.

“Sì, ho fame e voglio assaggiare le tue lasagne, ma possiamo farlo domani. Sono più stanco che affamato in questo momento», mormorò. Carter fissò i suoi occhi azzurri e li vide svanire. Guidò Daniel verso il letto e tirò indietro le coperte, facendolo sedere dolcemente.

Daniel ricadde all'indietro e si stiracchiò, sbadigliando. Carter lo guardò e sorrise, spense la luce, poi si infilò nel letto accanto a lui. Daniel, già vicino al sonno, si rannicchiò contro il corpo di Carter.

Avvolto dal suo calore e dalla sua premura, Carter accolse tutto ciò che gli aveva fatto amare qualcuno per la prima volta nella sua vita. L'amore di Daniel era genuino, sincero e intenso. Pensò alle prove che Daniele aveva sofferto nella sua vita, sopravvivendo a tutte. Carter lo tenne stretto, respirando il dolce profumo di ragazzo che lo faceva ancora impazzire, e giurò di non lasciarlo mai più andare.

“Sogni d'oro, ragazzo,” sussurrò, toccando delicatamente le labbra sulla guancia di Daniel.

Storie simili

Brandy infrange il codice di abbigliamento da lavoro

Ciao, sono Brandy. Ho 28 anni, sono bi sub, 1,70 cm, peso 55 kg, capelli biondi, occhi castani, seno 32C con capezzoli permanentemente eretti (lo sono stati per tutta la mia vita) e una figa depilata... sì, mi sono stufata di radermi e fare la ceretta dannazione, mi fa male. Sono stato un Sub per gran parte della mia vita, anche se non lo sapevo da un bel po'. Preferisco gli uomini, ma ora sono un sub obbediente molto ben addestrato e farò tutto ciò che mi viene detto da un Dom o Femdom. Se hai letto alcuni dei miei altri...

398 I più visti

Likes 0

SENZA RISERVE

Brenda Olsen rimase in fila con un po' di impazienza mentre aspettava di registrarsi e di prendere la chiave della sua stanza. Finalmente, mormorò sottovoce, è il mio turno! Come posso aiutarti? chiese allegramente la bionda dall'aspetto disinvolto dietro il bancone. Brenda stava per dare un'occhiata alla donna, ma ci ripensò e rispose: Olsen, Brenda Olsen, ho una prenotazione per tre notti. Uhhhhhh fammi vedere, disse la bionda mentre digitava il suo nome sul terminale del computer delle prenotazioni. Hmmmmmm, non lo trovo qui, lasciami controllare un altro posto......... Brenda picchiettò nervosamente il piede mentre l'impiegato cercava il suo nome. Alla...

349 I più visti

Likes 0

Jameson High

Jameson High Presentazione: Ciao, mi chiamo Adilene (chiamami semplicemente Adi), sono una bruna alta 5'6 pollici di corporatura atletica con un sedere sodo e grandi seni a coppa E da 54. Frequento la Jenna Jameson Sex Academy qui nell'anno 2035. Negli anni trascorsi da quando hai letto questo, il mondo è cambiato parecchio. A partire dal 2021 la Cina ha superato gli Stati Uniti come economia dominante, le crisi elettriche si sono concluse con l'uso diffuso di tecniche di fusione e fissione; le differenze razziali e sessuali sono state quasi del tutto risolte in tutto il mondo e le tradizioni secolari...

1.4K I più visti

Likes 0

La vita di Jen - Capitolo sei - Parte prima

La vita di Jen – Capitolo 6 – Parte prima Varie cose mi restano in mente e le mie vacanze annuali di solito erano piene di eventi. Un anno i miei genitori decisero di affittare una villa a Corfù per 2 settimane e mio nonno e mio zio furono invitati. Sull'aereo dovevo sedermi tra mio nonno e mio zio, ei miei genitori si sedevano dall'altra parte. Mio nonno mi ha messo il cappotto in grembo e ha spinto rapidamente la mia gonna da parte, tirandomi da parte le mutandine e spingendo un dito dritto dentro di me, ho sussultato forte mentre...

1.4K I più visti

Likes 0

Lavorare con Walker Pt. 6

Il viaggio in macchina fu per la maggior parte silenzioso. Una volta che tutti abbiamo deciso di tornare a casa, nessuno ha detto altro. Non c'era bisogno di dire altro, immagino. Avevamo tutti in mente la stessa cosa. Mi sono seduto dietro con Walker mentre Tyler guidava e Mike era sul sedile del passeggero. Mike viveva a pochi passi da questo teatro, quindi è tornato con noi a casa di Tyler e Walker. Walker si è seduto nel mezzo per starmi vicino. Ci stavamo massaggiando le cosce l'un l'altro, godendoci la sensazione. Immagino che Tyler ci abbia visto nello specchietto retrovisore...

737 I più visti

Likes 0

Emerge la cagna interiore

Lo ha incontrato al bar circa 10 minuti dopo l'orario stabilito. Le piaceva farli aspettare, le piaceva la sensazione di potere che le dava vedere lo sguardo di sollievo quando arrivava. Indossava un abito semplice e poteva vedere il sollievo misto a una certa delusione sul suo viso quando notò che non indossava gli stivali. Sorridendo tra sé, mantenne il suo sorriso distaccato e si avvicinò al tavolo. Rimase lì, lanciando uno sguardo mirato alla sedia mentre aspettava. Dapprima perplesso, alla fine si rese conto che avrebbe dovuto alzarsi quando lei si avvicinò. Alzandosi rapidamente, fece il giro del tavolo per...

722 I più visti

Likes 0

Lugia_(1)

Si chiamava Catarina, una ragazza di sedici anni che viveva sull'isola di Earthia. Si stava tenendo un festival per la bestia del mare, quest'anno è stata scelta per suonare la canzone per lui e si è esercitata ogni giorno in modo da poterla suonare perfettamente. Canticchiava mentre camminava lungo un sentiero con un sacchetto della spesa per sua madre. I lunghi capelli blu-argento di Catarina erano intrecciati all'indietro e oscillavano da una parte all'altra e lei si incamminò verso casa sua. I suoi occhi blu marino erano pieni di gioia mentre salutava la gente della città. La festa ha riempito la...

685 I più visti

Likes 0

Ricattare Jenny

Ricattare Jenny Sono un ragazzo normale con una vita normale e una buona famiglia. Ho 2 figli e una moglie meravigliosa chi è una tata. Sono un paesaggista e i soldi vanno bene, quindi la mia famiglia sta bene. Io non lavoro per chiunque tranne che per me stesso. Normalmente lavoro solo nei giorni feriali e trascorro del tempo con la mia famiglia fine settimana. Ho 45 anni e sono molto sessuale. Amo il sesso ea volte può essere un po' comune ma a volte Mi chiedo cosa succede se o mi chiedo come sarebbe avere qualcuno giovane per divertirsi. Io...

511 I più visti

Likes 0

Alice viene sposata

[b]Alice si fa l'autostop 7 di Will Buster Come si può immaginare, un'amante incinta e usata può essere piuttosto difficile da scartare. Difficile, cioè, a meno che una cospicua dote non accompagni la vigorosa piccola volpe. Alice non faceva eccezione a questa regola sociale così prevalente nella tarda Inghilterra georgiana. La pancia di Alice era ora piena di bambino sano per le quasi costanti attenzioni amorose di Lord Elton. Il barone del maniero di Kingston si era goduto a fondo entrambi i buchi stretti e reattivi di Alice ormai da mesi, ma mantenendo fede alla sua promessa, era tempo di acquistare...

527 I più visti

Likes 0

Camion su strada capitolo 5

Jill e io siamo arrivati ​​a Boise ID. intorno alle 5 del mattino. Ho rifornito il camion e l'ho parcheggiato. Siamo entrati e abbiamo fatto una buona colazione. Ha detto voleva avermi per dessert ma nel camion. Ed è stato il giorno dell'anale. Mi ha detto che voleva KD nel culo e io che le martellavo la figa. Ho riso e ho detto hai intenzione di infilarti KD nel culo? (KD è Kong Dong) Questa cosa è lunga 18 pollici e spessa circa 3 pollici, un po' più grande di una lattina di birra, Ci puoi scommettere dice. Le ho detto:...

498 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.