Il ballo di Capodanno (I Will Survive)

991Report
Il ballo di Capodanno (I Will Survive)

Non dimenticare mai la musica che è la colonna sonora delle nostre vite, perché se lasciamo morire la musica, qualcosa dentro di noi muore insieme ad essa... per Mary...

Bill odiava questo periodo dell'anno. Continuava a pensare a quanto lo odiasse mentre si preparava per il ballo di quella sera. Gli farebbe bene uscire però. Bill non riusciva a ricordare l'ultima volta che era stato a un ballo. Era stato il suo amico Sam a convincerlo a uscire quella sera. Stasera c'era un ballo per single di capodanno in uno Sheraton Hotel locale e Sam ha pensato che avrebbe fatto bene al suo amico. Era passato un po' di tempo dall'ultima volta che Bill aveva assistito a qualcosa di simile e accettò con riluttanza la richiesta di Sam. Per qualche motivo era stato riluttante a tornare sulla scena degli appuntamenti da quando sua moglie era morta più di due anni prima. Doveva ammettere però, mentre si trovava davanti allo specchio in camicia e pantaloni eleganti, che aveva ancora un bell'aspetto per un ragazzo di cinquant'anni. Era ancora in buona forma e il tocco di grigio intorno alle sue tempie forse conferiva una certa dignità al suo viso aspro e bello.

Poco dopo arrivò l'amico di Bill, Sam, e i due uomini andarono al ballo. Bill rifletté sulla sua situazione mentre sedeva sul sedile del passeggero dell'auto. Aveva perso la moglie per malattia poco più di due anni fa. La loro vita sociale ruotava principalmente attorno alla sua famiglia. Bill si era trasferito nell'area di New York molto tempo fa con il suo lavoro. Tutti i suoi parenti erano ancora al sud. A poco a poco ha perso i contatti con i suoceri e si è sentito divertente chiamarli da quando sua moglie è morta. Era grato che il suo amico Sam, un ragazzo divorziato che conosceva dal lavoro, lo avesse chiamato e lo avesse invitato. Non aveva grandi aspettative, ma almeno non avrebbe passato un altro capodanno da solo davanti alla TV con una confezione da sei.

In breve tempo i due uomini arrivarono al ballo ed entrarono. Pagarono la tassa di ammissione nominale e si diressero verso la sala del banchetto. La stanza era decorata in modo piuttosto festivo, con grandi palloncini e nastri colorati adatti alle feste. Un DJ assunto stava suonando musica da ballo della vecchia scuola, o discoteca come la chiamavamo noi, su un grande sistema di amplificazione. Dopo qualche istante Sam parlò.

"Andiamo al bar." disse Sam.

"Oh, sono con te fastidio." rispose Bill.

Il bar era relativamente affollato ed era solo in piedi. Per lo più le donne occupavano le sedie mentre gli uomini si rannicchiavano intorno, bicchieri in mano, come avvoltoi in attesa della morte della loro preda.

I due uomini ordinarono da bere e presero posto tra gli avvoltoi ben vestiti. Bill era riuscito a posizionarsi molto vicino a una bionda abbastanza attraente seduta al bar. Dopo una breve conversazione, si rese presto conto che lei sembrava essere più innamorata del suo drink di quanto lo sarebbe mai stata con lui.

Dopo un paio di drink, Bill si scusò da ogni parvenza di conversazione che avrebbero potuto avere e decise di fare un giro per la stanza. Fece una sorta di cenno del capo e indicò Sam che era impegnato a chiacchierare con una ragazza ben vestita appollaiata su uno sgabello da bar. Immaginava che Sam avesse capito il messaggio.

La musica era forte ma non così opprimente da non poter parlare. Questo è stato un vantaggio. C'era una palla da discoteca a specchio appesa al soffitto e schemi di luce che cambiavano sottilmente, in colori vivaci come si addicevano alle vacanze, si riflettevano alternativamente su di essa mentre ruotava lentamente.

Bill camminò lentamente per la grande stanza osservando i siti. "I'm Your Boogie Man" di KC & The Sunshine Band risuonava a tutto volume dai grandi diffusori PA noleggiati mentre i ballerini si facevano strada sulla pista.

Bill continuò il suo ritmo lento e rilassato finché qualcosa attirò la sua attenzione. Rendilo qualcuno. Lungo il muro in fondo alla stanza c'era una ragazza attraente della sua età che parlava con un'altra ragazza. Aveva capelli biondi elegantemente corti e occhi straordinariamente azzurri. Sollevò un bicchiere di vino bianco che sembrava quasi corrispondere ai suoi riccioli biondi. I loro occhi si incontrarono quando Bill si avvicinò casualmente e il suo sguardo fu ricambiato con un sorriso di approvazione. Bill si scusò per qualsiasi interruzione potesse aver causato alla conversazione che le due donne stavano avendo.

"Vuoi ballare?" chiese Bill casualmente.

L'attraente bionda lanciò un'occhiata alla sua amica come se sperasse di ottenere una seconda opinione. La sua amica sembrò dare uno sguardo di approvazione.

"Sicuro." Lei rispose: "A proposito, io sono Ann".

"Sono Bill." Era la risposta.

I due si sono fatti strada sulla pista da ballo mentre "Dance, Dance, Dance" di Chic ha iniziato a suonare.

“Balla, balla, balla”. Ann ha detto con un sorriso.

"Yowsa, yowsa, yowsa!" Bill ha ripetuto al momento opportuno insieme alla canzone: "Non ho mai capito cosa significasse".

Il suo compagno rise con un gran sorriso.

"Ricordo tutte queste canzoni di quando ero al liceo." Lei disse.

"Anche io." Rispose Bill: "Se avessi saputo che stasera c'era discoteca, avrei indossato il mio completo per il tempo libero".

I due sono rimasti sul pavimento mentre "Funky Town" dei Lipps Inc. ha iniziato a suonare.

"Mi piaceva questo." disse Ann.

"Ricordi chi ha fatto questo?" chiese Bill.

"Non disinvolto." Ann sorrise.

"Leggi le mie labbra." Bill ha scherzato. Per il momento era perso su Ann.

I due hanno continuato le loro mosse mentre la canzone continuava. Quando la canzone è iniziata con il ritornello "Devo andare avanti". Ann ha mormorato qualcosa.

"Sai che è vero."

"Che cosa?" chiese Bill.

"Niente."

Dopo quel numero, i due ballerini si sono allontanati dalla pista da ballo.

Bill e Ann hanno parlato per un bel po'. La conversazione scorreva facile. Entrambi avevano più o meno la stessa età e condividevano molto in comune. Bill ha detto ad Ann della morte di sua moglie. Ann ha raccontato la sua storia su come suo marito l'aveva lasciata e su quanto spesso trovava difficile stare da sola. Ha ammesso a Bill quanto fosse difficile per lei durante le vacanze e si è ritrovata a piangere spesso in questo periodo. Bill ha capito perfettamente.

"Ricordi i giorni in cui la vita sembrava così nuova e sembrava che avessimo il mondo intero aperto a noi, come se potessimo fare qualsiasi cosa?" Ann ha iniziato: "Questa musica mi riporta a quei tempi".

Ancora una volta, Bill capì completamente.

Ancora una volta i due si fecero strada sul pavimento. Bill e Ann si guardarono negli occhi mentre ballavano tutta la notte. Mentre suonava ogni nuova canzone, i due spesso gridavano le parole come se creassero una nuova colonna sonora per una nuova vita che stava per svolgersi.

«Credo nei miracoli, da quando sei arrivato tu. Tu cosa sexy. Ann praticamente tubava mentre guardava Bill.

“Da dove vieni piccola? Come facevi a sapere che avevo bisogno di te?" Bill rispose.

Bill si stava davvero divertendo durante una vacanza per la prima volta da un po'.

Mentre "Disco Lady" di Johnny Taylor risuonava a tutto volume dalla PA, ancora una volta Bill non poteva fare a meno di cantare insieme.

"Ragazza, mi fai impazzire,
Balli così bene e sei puntuale,
Ragazza, mi stai facendo impazzire.

La sua esuberanza stava quasi per avere la meglio su di lui, Bill fece una pausa per chiedersi se la sua dimostrazione di gioia fosse un po' troppo. Si stava davvero godendo la compagnia di Ann, su questo non c'erano dubbi.

La notte presto stava volgendo al termine. Si stava facendo tardi. L'amica di Ann aveva detto che voleva tornare a casa presto e Ann era quella che guidava. Bill ha in qualche modo preso Ann di nascosto e ha suggerito di incontrarsi, forse per cena la sera seguente. Bill riusciva a malapena a contenere la sua gioia mentre Ann gli dava il suo numero.

Bill trovò il suo amico Sam, ancora non lontano dal bar, mentre "Play That Funky Music" di Wild Cherry minacciava di soffocare la conversazione. Bill bevve un altro drink con il suo amico e poi i due uomini tornarono a casa. Durante il viaggio verso casa, Bill non poté fare a meno di mostrare il suo entusiasmo mentre gli uomini condividevano il viaggio in macchina.

La sera seguente era capodanno. L'ironia non era del tutto sfuggita a Bill mentre si preparava per il suo appuntamento con Ann. Nuovo anno, nuovo inizio. Quanto appropriato. Mentre finiva di prepararsi e si dirigeva a prendere Ann, la testa di Bill iniziò a inondarsi di dubbi. Si chiese se avrebbe mai ritrovato davvero l'amore. A volte si chiedeva persino se se lo meritasse. Ha trovato dura la perdita di sua moglie, ma in qualche modo sembrava trovare ancora più difficile ricominciare da capo.

Ben presto arrivò a casa di Ann. Bill parcheggiò la macchina e salì i gradini. Si chiese se avrebbe avuto un bell'aspetto come ricordava. Ha suonato il campanello.

Pochi istanti dopo Ann apparve sulla porta. Sembrava assolutamente sbalorditiva in un vestito blu che sembrava abbinarsi ai suoi occhi azzurri. Orecchini di diamanti d'argento penzolavano seducenti dalle sue orecchie in mezzo ai riccioli biondi. L'unico altro gioiello che Bill riusciva a vedere era una collana di perle che le pendeva poco sopra il petto.

"Siete pronti?" chiese Ann.

"Pensavo che fosse la mia battuta." Bill rispose: "Ehm, sì".

Bill afferrò la mano di Ann mentre la scortava alla sua macchina. Pochi istanti dopo i due arrivarono in un accogliente ristorante italiano suggerito da Ann.

“Il cibo è ottimo qui.” Ann ha ripetuto.

«Certo che lo spero.» Bill ha risposto.

I due si fecero strada all'interno e presto furono seduti a un tavolo elegantemente decorato con un piccolo portacandela al centro. Il cameriere arrivò presto per accendere la candela e prendere l'ordinazione da bere. Dopo aver scelto una bottiglia di vino, portata subito fuori dallo steward, Bill propose un brindisi.

"Felice anno nuovo, a una bella e adorabile signora."

“Un nuovo anno, una nuova vita.” Era la risposta.

"Si può solo sperare".

La conversazione iniziò presto a fluire, proprio come la sera prima. Il cibo è stato presto portato fuori e c'è stata molta condivisione di cibo e parole calorose. Le risate seguirono presto, poiché la conversazione casuale fu punteggiata da improvvise toccanti e sguardi furbi.

Al termine della cena, Bill chiese ad Ann come fossero i dessert in questo ristorante. Era un po' dell'umore giusto per un po' di buona pasticceria italiana. La risposta che ha ricevuto non è stata quella che si aspettava, ma comunque gradita.

"Potremmo saltare il dessert qui e mangiare il dessert a casa mia." Ann si chinò e tubò.

Ora potrebbe anche essere più gustoso del pastoso, pensò Bill tra sé. Bill prese l'assegno, pagò il conto e riportò fuori Ann per mano. In breve tempo tornarono a casa di Ann.

“Grazie per la cena, è stato meraviglioso.” disse Ann mentre cercava la chiave.

"Sì, lo era, ma mi aspetto che il dessert sarà ancora più buono." Bill ha risposto con un sorriso: "Sono sempre stato un tipo da dessert".

In pochi istanti i due entrarono in casa come sposi novelli varcando la soglia. Ann afferrò la mano di Bill e lo condusse dentro. Una volta dentro, Ann accese una piccola luce e condusse Bill al divano.

"Aspetta qui, torno subito". Disse: “Mettiti comodo. Togliti le scarpe."

"Non vado da nessuna parte." Bill ha risposto con sicurezza mentre si toglieva le scarpe, come detto.

Ann tornò presto con due bicchieri di vino rosso e una candela che accese e posò sul tavolino davanti al divano.

"Sai quelle canzoni di ieri sera." Ann ha iniziato con un tono cupo: “Hanno riportato alla mente i ricordi dei momenti migliori della mia vita. Mi sono davvero divertito ieri sera.

"Anche io." Bill ha risposto: "A volte vorrei poter tornare indietro".

“Non puoi mai tornare indietro, ma puoi andare avanti.” Ann ha risposto: "A noi".

"A noi." ripeté Bill alzando il bicchiere.

"Pensi di poterti unire a me in un altro ballo?" Ann ha chiesto dolcemente: "Mi è sempre piaciuto questo disco".

Ann andò allo stereo e mise su un CD. Qualche istante dopo, il suono di "I Feel Love" di Donna Summer usciva dagli altoparlanti e riempiva la stanza. Ann si voltò verso Bill e si tolse i tacchi blu che indossava per abbinarsi al suo vestito. Gli rivolse un sorriso assolutamente diabolico e lentamente e in modo seducente si avvicinò a lui. La luce della candela tremolava nei suoi profondi occhi azzurri mentre Bill si alzava dal divano per raggiungerla in mezzo al pavimento. Le loro mani si unirono presto e poi le loro labbra mentre i loro corpi pulsavano e ondeggiavano con la musica. Il loro incontro era come due navi nella notte in qualche modo destinate a incontrarsi.

Mentre la musica pulsava, Bill fu travolto da un'ondata di emozione. In qualche modo si sentiva come un prigioniero, appena rilasciato sulla parola a cui era appena stata data una nuova prospettiva di vita. Era sopraffatto dalla gioia mentre ogni esplorazione, ogni mossa, ogni favore veniva ricambiato in pieno. La sua delicata separazione delle labbra con la sua lingua si incontrò con quella di lei mentre ognuno cominciava a esplorarsi a vicenda come nessuno dei due si era permesso di fare per un po' di tempo. Lui le stuzzicò gentilmente e le morse il labbro inferiore mentre morbidi gemiti di soddisfazione gli riempivano le orecchie sopra la musica che suonava in sottofondo.

Bill ancora una volta fissò i profondi occhi blu di Ann mentre lei ricambiava lo sguardo con desiderio. La tenne per le spalle, poi allungò una mano all'indietro e le aprì la cerniera del vestito, sollevandola presto da quell'ostruzione. Cadde tra i suoi piedi quando Ann ricambiò gentilmente il favore slacciando i bottoni della camicia di Bill e di nuovo essendo così gentile da aiutarlo a togliersi i pantaloni. Ben presto i due corpi si trovarono al centro della stanza vestiti solo con le mutande, esplorandosi a vicenda come forse nessuno dei due aveva fatto da anni. Mentre i suoni di "I Feel Love" svanivano dolcemente, Ann strofinò il naso contro l'orecchio di Bill e parlò a bassa voce.

"Ho sempre amato questa prossima canzone." Lei sussurrò.

Dopo un attimo, la voce di Donna Summer si udì di nuovo uscire dagli altoparlanti.

"Oooh... mi piace amarti, piccola."

"Oooh... mi piace amarti, piccola." Ann ripeté piano la frase all'orecchio di Bill mentre cominciava a passargli le dita tra i capelli. Bill poteva ancora riconoscere un segno quando ne vedeva uno.

"C'è una camera da letto qui vicino?" chiese dolcemente.

«Pensavo che non l'avresti mai chiesto.» Ann ridacchiò di rimando.

Ann prese Bill per mano e lo condusse nell'altra stanza. La sollevò sul grande letto mentre ancora una volta le loro labbra si incrociavano. Bill allungò la mano e slacciò il reggiseno di Ann e lo gettò da parte. La vista dei suoi seni un po' ampi e dei bei capezzoli gonfi fece fermare Bill per un momento per contemplare la bellezza che giaceva davanti a lui. Cominciò ad accarezzarle il seno mentre riprendeva i suoi baci dai delicati lobi delle sue orecchie e risaliva lentamente lungo il suo collo, alla fine le sue labbra arrivarono a incontrare la punta delle sue dita dove aveva cominciato a stuzzicarle i capezzoli. Tracciò la lingua in cerchi attorno ai suoi capezzoli, prestando attenzione a ciascuno di essi. Le sue labbra fecero lo stesso, prendendole ciascuna tra loro in una delicata provocazione.

Momentaneamente, Bill si abbassò e si tolse le mutande. Fece lo stesso per Ann mentre infilava le dita sotto la cintura delle sue mutandine e le faceva scivolare sulle sue cosce morbide e invitanti e su sopra le sue gambe. Prese di nuovo la splendida vista che giaceva davanti ai suoi occhi prima di separarle dolcemente le gambe e baciarle dolcemente lungo l'interno coscia verso il premio che giaceva davanti a lui. Baciò delicatamente e accarezzò le sue labbra con le sue mentre i suoi morbidi capelli gli stuzzicavano il viso e il suo profumo delicato gli riempiva le narici. I suoi movimenti delle labbra e della lingua furono presto uniti da un paio di dita mentre applicava una pressione con colpi decisi sulla parte anteriore del suo canale dell'amore. I suoi gemiti ei suoi succhi d'amore sempre fluenti erano segni sicuri che i suoi sforzi stavano avendo l'effetto desiderato, mentre baciava dolcemente il suo bottone d'amore.

Bill si inginocchiò davanti ad Ann e si rilassò lentamente nel suo membro sodo. Mentre lo guidava all'interno, iniziò a spingere a un ritmo sempre più rapido. Il suo canale d'amore morbido, liscio come la seta era così bello mentre lo avvolgeva e lo teneva stretto. Sembrava che ogni sua spinta fosse soddisfatta dal tentativo di Ann di avvicinarsi a lui, nel tentativo di unire in qualche modo i loro due corpi in modo ancora più completo. Il suo ritmo accelerato fu presto accolto da gemiti di piacere più forti e più frequenti mentre i suoi muscoli tesi segnalavano che stava arrivando quasi nello stesso momento di lui. Pochi istanti dopo, i due amanti furono sopraffatti da un reciproco stato di beatitudine. Gli innamorati, che fino a pochi giorni prima erano semplici estranei, giacciono trascorsi fianco a fianco sul grande letto.

I due giacciono fianco a fianco in silenzio per qualche tempo. Alla fine Bill parlò.

"Un penny per i tuoi pensieri." Egli ha detto.

"Stavo solo pensando a quanto è stata bella stasera." Ann ha iniziato: "Ho sempre saputo che sarei sopravvissuta dopo che mio marito se n'è andato, solo che sarebbe stato difficile".

"Ah, ah."

"Ero solita cantare quella canzone di Gloria Gaynor a me stessa, sai quella", ha iniziato Ann, "sopravviverò, finché saprò amare, so che rimarrò in vita."

"Ah, ah." mormorò Bill.

"Perché, a cosa stai pensando?" chiese Anna.

"Sto solo pensando che probabilmente devo il pranzo al mio amico Sam o qualcosa del genere per avermi portato al ballo." disse Bill senza perdere un colpo.

Ann semplicemente si girò mentre i due riprendevano a coccolarsi fianco a fianco sul letto.

13-01-10.

Storie simili

Dovere coniugale

Ricordo ancora la prima volta che ho visto Sandra per la prima volta. Ero un giovane trasandato di vent'anni. Era una ragazza molto sexy di 22 anni. È venuta da me mentre stavo cercando di avviare la mia motocicletta Norton 750 Commando un po' capricciosa. Ha detto qualcosa a proposito del fatto che le piacciono le biciclette. Questo era tutto quello che avevo bisogno di sentire. Una bruna dall'aspetto attraente con grandi occhi marroni in un paio di jeans attillati che si avvicina a me e mi dice che le piacciono le biciclette. La mia vita ha preso una svolta positiva...

500 I più visti

Likes 0

Organismo X - Cap. 08

Nota dell'autore: dopo diversi mesi di sviluppo infernale, vi presento l'ottavo capitolo di Organism X - Ora con il 100% di scoregge in meno! 1 In lontananza, Erin poteva sentire la ragazza appena trasformata gemere e grugnire mentre la bionda, Lindsay, giocava con lei. Il suono la ripugnava e allo stesso tempo la eccitava. Sarà una bellezza quando cambierà completamente, ha detto Megan. Erin si voltò verso l'arrogante bruna. Sei un mostro. Siete tutti dei mostri, ha detto. Megan sbuffò. Come se non lo fossi? Erin bruciava di vergogna e fissava il pavimento. Un'immagine della ragazza terrorizzata che Erin si era...

457 I più visti

Likes 0

Quanto di meglio si possa III

Obiettivo 5: preparami un gustoso succo di sperma con un bicchiere pieno. Questo è stato abbastanza facile. Ma tutto ha una parte difficile. Ecco un bicchiere pieno. Rani ha avuto un fottuto lavoro a scuola. Quindi se n'è andata la mattina indossando un sari rosso assassino. Avrei solo voluto andare a scuola. Prima di andarsene, mi ha dato un bicchiere usato per servire lo champagne, si è avvicinata a me e mi ha palpato dolcemente il cazzo. Rani :( sussurrandomi all'orecchio con voce sexy) fallo lavorare. Io: posso usare la tua stanza dei quadri???Sai. Usa la tua TV. ?? Rani: va...

784 I più visti

Likes 0

Il patto del diavolo Slave Chronicles Capitolo 4: Gioia, prima cera

Cronache degli schiavi del patto del diavolo da miopenname3000 Diritto d'autore 2015 Gioia: prima cera Nota: Mary ha dato Joy alla madre di Mark, Sandy, e alla fidanzata di Sandy, Betty, perché fosse la loro schiava sessuale. 19 giugno 2013 – Joy Nguyen – South Hill, WA Va tutto bene, sussurrò una voce confortante. Ho lottato per aprire gli occhi; dormire ancora pesante sulle mie palpebre. Potevo sentire il letto tremare dolcemente mentre qualcuno si spostava. Una donna singhiozzò sommessamente. La confusione mi invase; Non ero nel mio letto. Dove ero io? Riuscii ad aprire gli occhi, sentendomi grintoso con poco...

714 I più visti

Likes 0

Gli esibizionisti, parte 2

Gli esibizionisti Episodio 2 Squadra di nuoto Disclaimer: quanto segue è un'opera di fantasia. Pertanto, ho scelto di ambientarlo in un mondo in cui il controllo delle nascite è sicuro, efficace e disponibile al 100% e tutte le malattie sessualmente trasmissibili sono state sradicate. Nel mondo reale, alcune delle scelte che questi personaggi fanno sarebbero estremamente rischiose. Non comportarti come loro. Riepilogo: nell'episodio 1, la protagonista e la sua amica Steph hanno compiuto 16 anni, si sono fatte fare il piercing ai capezzoli, hanno sperimentato il risveglio sessuale, hanno comprato giocattoli sessuali, hanno visto un vecchio sporco masturbarsi e si sono...

607 I più visti

Likes 0

Il bussare alla porta_(1)

Il bussare alla porta mi ha sorpreso. La notte di gennaio in Iowa era fredda, fredda, fredda. Mi ero già tolto i vestiti per la notte e mi sono seduto sulla mia poltrona a scrivere sul mio portatile; era una breve storia della mia infanzia. Dal mio divorzio tre anni prima, ho passato molto del mio tempo da solo a scrivere; principalmente sull'argomento di cui so più di ogni altra cosa... io. Ho scritto centinaia di storie sulla mia vecchia città natale e sulla mia famiglia. I miei nove fratelli hanno fornito tonnellate di ricordi che voglio, un giorno, condividere con...

1.5K I più visti

Likes 0

L'estate finisce

Erano passati tre mesi da quel giorno che le aveva cambiato la vita quando suo figlio l'aveva scopata. Lei aveva 34 anni, lui ne avrebbe presto 18. Adesso scopavano regolarmente e insieme avevano capito come separare le loro sessioni sessuali dalla vita di tutti i giorni. Il seminterrato della loro casa che ospitava l'attrezzatura per il bucato era stato diviso per fornire una piccola area ricreativa con un letto al centro e una zona spogliatoio protetta dove sua madre teneva la sua collezione di lingerie sexy acquistata di recente da un sito di sesso su Internet. Tutto ciò che riguardava la...

757 I più visti

Likes 0

La proposta: obblighi rispettati

La proposizione: Gli obblighi vengono rispettati Jenny e io abbiamo dormito fino a domenica mattina. Erano passate le 10:00 quando finalmente siamo scesi dal letto. “Dopo la nostra doccia, cosa vorresti per colazione?” chiese Jenny mentre iniziava a rotolare giù dal letto. Ha poi avuto uno sguardo addolorato sul suo viso. OH! Uumm, Jim, onorerò il nostro patto. Puoi avermi quando vuoi, ma se per te va bene, possiamo fare qualcos'altro la prossima volta? Sono così dolorante, non sono sicuro di poter nemmeno camminare. Il suo dolore era abbastanza comprensibile. Ho dovuto spingere molto forte per sfondare il suo imene e...

764 I più visti

Likes 0

Fuori dal rack

Sarto Derek, un amico di una confraternita del college, mi ha chiamato era in città per un evento di altissimo livello e la compagnia aerea ha perso i bagagli Sarei in grado di aiutarli Gli ho detto che ero felice di dare una mano e gli ho dato l'indirizzo del mio negozio Li ho fatti passare e ho trovato rapidamente un abito che si adattasse a Derek, sua moglie era un'altra questione Kim era molto bassa e aveva una meravigliosa figura a clessidra La sua faccia da folletto incorniciata da riccioli ramati fino alle spalle Quindi avrebbe dovuto stare in piedi...

704 I più visti

Likes 0

Come mia sorella mi ha fatto venire - senza saperlo

Quella che segue non è una storia di cui sono necessariamente orgoglioso. Non è nemmeno una storia molto lunga, perché l'evento vero e proprio è durato davvero poco. È imbarazzante, è poco lusinghiero e, forse, è anche un po' sbagliato. Si tratta, comunque, di una storia vera, accaduta qualche tempo fa, e poiché penso che ad alcuni potrebbe piacere davvero, sono disposto a descriverla nei minimi dettagli. E quindi, senza ulteriori indugi, vi presento la storia di come mi sono imbattuto accidentalmente in mia sorella - e sono riuscito a farla franca. O in realtà, c'è ancora qualche rumore. Ho promesso...

669 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.