Gioco per amore

90Report
Gioco per amore

Sono tornato, cari lettori! Ho scritto una tempesta durante le vacanze; Sono riuscito a sfornare alcuni capitoli del sequel della mia storia di Re Artù, oltre a questo piccolo numero. Ho preparato questa breve storia d'amore per il concorso di San Valentino 2018 su Literotica. Come puoi vedere dal titolo, ha un tema di gioco, in particolare Pokémon, un gioco in cui sono davvero grande. Mi sono assicurato di scriverlo in modo tale che anche qualcuno che non ha familiarità con il gioco possa facilmente seguire l'azione. Anche se dovessi solo sfogliare le parti di gioco, penso che ti piacerà comunque la storia. Apprezzerei davvero se poteste leggerlo e magari postare un feedback onesto. I tuoi commenti sono sempre utili per preparare le mie storie alla critica. E se ti è piaciuto davvero, ti sarei grato se potessi fare una breve visita a Literotica alla fine di questo mese e votarmi per il concorso. Grazie per i tuoi continui lettori!

Gioco per amore

"E Smallwood lo scarica per tre!"

Clic.

Michael Goldman ha scansionato l'Auburn Basketball Arena, sempre alla ricerca dello scatto perfetto per il giornale della scuola, The Plainsman. Allison Smallwood, playmaker protagonista della squadra di basket femminile, è sempre stata un ottimo bersaglio. Non solo era un'atleta fantastica, ma era anche una bella bionda con un sorriso smagliante.

"Fallo su Georgia, e Smallwood si avvicina alla linea di tiro libero!"

Clic. Clic.

Mentre scattava altri scatti, Michael non poteva fare a meno di sorridere. Per quanto socialmente imbarazzante com'era, sembrava prosperare ogni volta che era al lavoro. Mentre era dietro la macchina da presa, è stato in grado di vedere il mondo intorno a lui non come il fastidioso gruppo di persone con cui ha avuto a che fare, ma come una collezione di modelle in attesa che lui catturi il momento perfetto. Tuttavia, sarebbe bello avere una ragazza dolce da cui tornare a casa dopo il lavoro, ma Michael non aveva molte speranze. La maggior parte delle ragazze non era attratta dal ragazzo ebreo stereotipato: magro con capelli neri ricci, carnagione pallida e un naso un po' grande. Per quanto Michael abbia cercato di minimizzare il cliché, non c'era davvero modo di sfuggirgli.

Un tonfo improvviso della corte fece uscire Michael dal suo sogno ad occhi aperti, e vide una delle altre ragazze a terra. Una rapida occhiata alla scheda del suo roster gli disse che era Desiree Bonner, l'attaccante titolare. Mentre andava al lavoro con la sua macchina fotografica, è stato sollevato nel vedere che le sue ferite non sembravano troppo gravi. Presto fu accudita da uno degli istruttori.

"Eccola" sussurrò Michael.

Michael non aveva ancora idea di chi fosse, ma l'allenatore studentesco che ha lavorato con la squadra di basket femminile è stato a dir poco un ko. Era forse alta 5'5 "con i capelli biondo cenere chiaro, e i suoi occhi acuti e il sorriso ironico sembravano indicare che avesse un intelletto acuto per accompagnare il suo bell'aspetto. Mentre lavorava su Desiree, Michael non ha potuto fare a meno di scattare alcuni scatti di loro due, assicurandosi che sia l'allenatore che il giocatore fossero a fuoco. Cosa darebbe per una possibilità con lei. Presto il cicalino interruppe le sue fantasie, costringendolo a tornare alla realtà.

"Beh, torna al lavoro..."

Così è andata per il resto della partita. Non si sono verificati ulteriori infortuni per Auburn, quindi Michael non ha avuto ulteriori scorci della piccola dea che si prendeva cura dei giocatori. I Lady Tigers hanno tenuto il gioco serrato, ma la Georgia è stata solo la squadra migliore alla fine e i Bulldogs hanno vinto 67-62. Questa non è stata una grande sorpresa per Michael. Per tutta la stagione, la squadra si era dimostrata talentuosa ma giovane, con Smallwood che era l'unico vero veterano della squadra. Considerando che era solo al secondo anno, la squadra non aveva altro posto dove andare se non nelle prossime stagioni.

Dopo un'ultima serie di colpi mentre le squadre si stringevano la mano, Michael ha mandato un messaggio al suo capo nella tribuna stampa. La risposta ha ringraziato Michael per il suo duro lavoro e gli ha ordinato di prendersi il resto della notte libera; il suo capo si sarebbe occupato della fotografia durante la conferenza stampa post-partita. Questo andava bene a Michael, dato che aveva ricevuto più che sufficienti persone per la giornata. Dopo aver preparato la sua attrezzatura fotografica, si è diretto verso la sua bicicletta per iniziare il viaggio di ritorno al suo appartamento.

*****

Mentre si sdraia sul divano nel suo soggiorno, Michael ha afferrato il suo Nintendo 3DS e ha acceso la sua copia di Pokémon Sole, con l'intenzione di sprecare il resto della serata con alcune battaglie online. Dall'altra parte della stanza c'era Antonio, il compagno di stanza di Michael. Era un sorso d'acqua alto sotto ogni punto di vista, e la sua pelle color cioccolato fondente e la testa rasata gli davano un aspetto piuttosto sorprendente. Tuttavia, era nerd come Michael, forse anche di più, e ha cercato di comunicarlo con i suoi occhiali neri con la montatura di corno. Certo, con la sua statura e il suo bell'aspetto, questo serviva solo a renderlo ancora più irresistibile al sesso opposto. Come era la sua solita routine del giovedì sera, era in piedi con il ferro in mano, stirandosi le camicie per il prossimo fine settimana, senza dubbio per un appuntamento di San Valentino di qualche tipo.

“Dannazione,” mormorò Michael.

"Cosa c'è che non va, amico?" chiese Antonio.

“Un'altra rabbia che smette. Sono tre di fila!”

"Stai andando così bene?" si chiese Antonio con una risata.

“No, negli ultimi mesi il livello della concorrenza è decisamente diminuito. Non sono sicuro di cosa stia succedendo. Tuttavia, non posso farci niente per il fatto che sto prendendo a calci così tanto in culo!

"Sembra che tu abbia bisogno di una concorrenza più forte."

"Sì, ma so che non giochi più a Pokémon."

"Vero. Non ho tempo da dedicare. Ma forse dovresti prendere in considerazione l'idea di unirti alla Lega locale?

"Lega? Pensavo avessi detto che il presidente dell'AU Pokémon League fosse un totale stronzo?" Michele ha risposto.

“Lo è, ma sarà la soluzione migliore per alcune persone decenti contro cui giocare. Inoltre, nessuno di loro si arrabbierà con te; è contro le loro regole. Se lo fanno, vengono messi in libertà vigilata. Troppe volte e vengono espulsi".

“Hmm... forse è così. Quando è il prossimo incontro?"

«Domani, in realtà. Si incontrano al GameStop sulla University Parkway.

"Grazie, darò un'occhiata." Sentendo il vapore del ferro di Antonio, Michael ha osservato: "Amico, sei fottutamente ossessionato dai vestiti. È un po' inquietante".

"Cosa posso dire? Le donne adorano un uomo che indossa una camicia appena stirata!”

"Si, come no. Scommetto che sei nell'armadio. Ottima copertina, comunque,” ​​sbuffò Michael.

"Ehi, fa male", piagnucolò Antonio, fingendo un infarto. "Non posso farci niente se sono molto meglio di te con le donne, proprio come tu non puoi farci niente, sei molto meglio di quegli idioti online!"

"Sì, ma potresti condividere", rispose Michael con un sorriso.

"Scusa, ma Antonio non baciare e non dire", ha risposto con un sorriso a trentadue denti. Dopo un momento di silenzio, ha continuato: "Vedi di nuovo quella piccola bomba alla partita di basket?"

"Sì, lei era lì."

«Dovresti parlarle, amico! Scommetto che voi due andreste davvero d'accordo!"

"Sei pazzo?! È così fuori dalla mia portata, scommetto che non sa nemmeno che esisto! Michele rise.

"Amico, smettila di venderti allo scoperto. Sei un bravo ragazzo con delle ottime prospettive di lavoro dopo la laurea l'anno prossimo. Quale ragazza non sarebbe dappertutto? E se una ragazza non è dappertutto, non la vuoi comunque!

"Facile da dire per lei, signor secchione delle signore."

“Fidati di me, parla con lei la prossima volta che la vedi. Non mi interessa quando o dove sia, presentati e vedi cosa succede. Potresti anche riuscire a convincerla ad accompagnarti al ballo di San Valentino nell'edificio del sindacato studentesco.

"Nessun punto; Scommetto che ha un ragazzo".

"Non fa male chiedere, vero?"

"Qualunque cosa…"

*****

Il pomeriggio successivo, Michael è arrivato al GameStop alla periferia del campus. Per qualche strana ragione, si sentiva nervoso. Ha pensato che fosse probabilmente solo a causa di una situazione nuova e sconosciuta; una volta provato questo gruppo, non aveva dubbi che gli sarebbe piaciuto. Mentre entrava nel negozio, fu piacevolmente sorpreso di vedere almeno una dozzina di persone lì, tutte sedute ai tavoli. Un paio di loro erano assorbiti in discussioni o giochi di carte collezionabili, ma la maggior parte aveva i propri sistemi 3DS pronti e pronti. Dopo un momento, un uomo in sovrappeso con lunghi capelli unti salutò Michael.

"Che cosa succede? Sei qui per la Lega?"

“Ehm, sì. Ho pensato di provarci, vedere di cosa si tratta", ha risposto Michael.

"Freddo. Sono Eric, l'Onnipotente Presidente della Lega Pokémon dell'AU", ha detto l'uomo con orgoglio. "Questo è un titolo ufficiale, comunque."

“Piacere di conoscerti,” rispose Michael, nascondendo la sua immediata antipatia per l'uomo. "Il nome è Michael."

“Lascia che ti mostri in giro. Le regole qui sono piuttosto semplici,” disse Eric, indicando un poster appeso al muro.

1. I termini di qualsiasi battaglia o commercio devono essere discussi e concordati preventivamente da tutte le parti.
2. Se i termini non vengono discussi, si presume che tutte le battaglie si svolgano secondo le regole standard dell'OU nel caso dei singoli o le regole VGC per i doppi.
3. Tutte le controversie saranno risolte dall'Onnipotente Presidente della Lega Pokémon AU.
4. Assolutamente nessuna rabbia per smettere; o rinunciare o portare la battaglia fino alla fine. La prima infrazione comporterà un avvertimento, la seconda sarà la libertà vigilata e la sospensione temporanea e la terza infrazione comporterà l'espulsione del giocatore dalla Lega.
5. L'Onnipotente Presidente della Lega Pokémon dell'AU può essere sfidato per la leadership in qualsiasi momento da qualsiasi membro rispettoso della legge.
6. Queste regole possono essere modificate a discrezione dell'Onnipotente Presidente, ma le regole 5 e 6 non possono essere modificate.

"Eh... mi piace la regola quattro", ha osservato Michael. "Questo è ciò che mi ha portato qui."

"Non sei solo in questo", rispose Eric. "Smettere di rabbia è un grosso problema con i giochi online, e probabilmente più con i Pokémon che con molti altri giochi. In Call of Duty, ad esempio, un singolo che smette di arrabbiarsi spesso passa inosservato. Se sta facendo così male, è probabile che nessuna delle due squadre lo manchi. Ma i Pokémon sono sempre uno contro uno, quindi qualsiasi abbandono di rabbia pone fine alla partita".

"Almeno Nintendo sta cercando di fare qualcosa di recente, costringendo i rabbiosi a rimanere offline per un po' prima che possano giocare di nuovo".

"Solo nelle battaglie classificate", lo corresse Eric. “Nelle battaglie libere, non c'è niente che le fermi. Ad ogni modo, sembra che tutti siano accoppiati per ora, ma sentiti libero di guardare. Se qualcosa si apre, puoi saltare dentro.

"Che mi dici di lei?" chiese Michael, vedendo una ragazza seduta da sola a un tavolo nell'angolo più lontano del negozio.

"Amico, non vuoi interpretarla", disse Eric, il disgusto evidente nella sua voce.

"Perchè no?"

“Lei tradisce. Nessuno può capire come, ovviamente, quindi non possiamo cacciarla. Ma nessuno può avvicinarsi a picchiarla, e per quanto siano bravi i ragazzi che vengono qui, deve tradire.

Non credendo a Eric per un secondo, Michael ha risposto: "Correrò i miei rischi".

"Come ti pare amico. Il tuo funerale.

Nonostante la sua promessa di "mostrare Michael in giro", Eric tornò al suo posto e iniziò una battaglia con un altro membro. Michael fissò per un momento, osservando la bella mora con gli occhiali spessi seduta accanto a Eric. Per il modo in cui era appesa a ogni sua mossa, dovevano essere un oggetto. Tuttavia, Michael avrebbe potuto giurare di aver visto qualcosa nei suoi occhi. Poteva essere tristezza, ma poteva anche essere desiderio. Ad ogni modo, Michael decise che voleva avere a che fare il meno possibile con Eric; una parte di lui desiderò di aver ascoltato Antonio. Tuttavia, la concorrenza doveva essere migliore qui che online. Girandosi verso il tavolo solitario nell'angolo in fondo, Michael si bloccò quando realizzò qualcosa.

"Merda... è lei!" mormorò tra sé.

Seduta da sola al tavolo c'era la stessa ragazza delle partite di basket. I suoi capelli biondo cenere erano inconfondibili, anche se erano trattenuti da una molletta piuttosto che da una coda di cavallo. Ora che ha dato la sua migliore occhiata a questa ragazza, Michael doveva concentrarsi per evitare di imbarazzarsi con un'erezione pubblica. Il suo viso era la cosa più carina che avesse mai visto, malizioso con una punta leggermente arrotondata al naso. Su un lato del naso, poteva vedere un piercing con un minuscolo bottone di finto diamante. La sua frangia frontale era piuttosto lunga e di lato passava sull'occhio destro per uno sguardo sensuale, anche se non era quello che stava cercando. Indossava una maglietta nera con l'immagine di una principessa Peach molto infelice che diceva: "Salva questo". Michael scosse la testa incredulo. Per tutto questo tempo aveva pensato che questa ragazza misteriosa fosse un atleta, ma ora non poteva vederla come nient'altro che ciò che apparentemente era: una ragazza giocatore. Raccogliendo il suo coraggio, si avvicinò al sedile aperto di fronte a lei.

“Se pensi che ti scoperò solo perché sono una ragazza giocatrice, vaffanculo. Se pensi che faccia schifo solo perché sono una ragazza giocatrice, vaffanculo,” mormorò senza nemmeno alzare lo sguardo.

Anche se Michael è stato colto alla sprovvista dalla sua fredda osservazione, ha risposto: "Niente del genere, voglio solo fare un gioco con te".

"Giusto, ma solo perché non c'è nessun altro disponibile", sbuffò.

“In realtà, vorrei interpretarti a prescindere. Mi hanno detto che stai bene.

"Sono sicuro che ti è stato detto che tradisco."

"Lo ero, e non credo a quelle stronzate per un secondo."

Alzando le spalle, la ragazza rispose: "Forse dovresti crederci".

"Solo un modo per scoprirlo, giusto?" Michael sorrise, aggiustandosi gli occhiali.

Alla fine, lei lo guardò, studiando il suo viso. “Vuoi solo suonare sul serio? Niente di più?"

"Niente di più."

"Bene. 6 contro 6 battaglia singola, regole OU standard.

"Funziona per me", ha detto Michael mentre accendeva il suo 3DS.

Studiandolo di nuovo, chiese: "Ti conosco da qualche parte?"

Michael ha risposto: "Non so se lo fai, ma ti ho visto in giro. Sei l'allenatore della squadra di basket femminile, vero?"

“Ecco da dove ti conosco! Sei il fotografo che vedo sempre in disparte!”

"Sì. Michael Goldman, specialista in design grafico e fotografo per il giornale studentesco The Plainsman”, ha detto, tendendo la mano.

Aspettò un momento prima di scuoterlo, dicendo: "Ashley Henderson, specialista in medicina dello sport e il tuo prossimo boia".

"Accidenti, piccolo chiacchierone di spazzatura!" Michele ridacchiò.

Le sopracciglia di Ashley si inarcarono a questo. “Eh. Scusa, è solo che... la maggior parte dei ragazzi non riesce a gestire il mio parlare di spazzatura. Penseresti che gli ho tagliato le palle o qualcosa del genere.

"Ho sentito di peggio da ragazzini di dodici anni che giocavano a Call of Duty", sbuffò Michael. "Ok, fammi riunire la mia squadra..."

Per la maggior parte dei non giocatori, la prima cosa a cui pensano quando viene chiesto loro dei Pokémon è lo slogan "Devo prenderli tutti". Da questo, è facile presumere che i giochi siano semplici giochi da collezione, catturali tutti per vincere la partita. Ma per giocatori come Michael e Ashley, che avevano entrambi giocato alla serie sin dall'uscita dei primi giochi negli anni '90, è andato molto più in profondità. Amavano le battaglie competitive a turni, trovando gioia nello strutturare squadre diverse per situazioni diverse e affrontando quanti più abili avversari possibile. Con sei Pokémon per squadra, ognuno con ruoli diversi da ricoprire, le possibilità erano infinite. Per loro, era come un'enorme partita di scacchi in cui puoi personalizzare i tuoi pezzi per adattarli al tuo stile di gioco. Non servono i vescovi? Scambiali con uno o due cavalieri in più. Ogni decisione aveva vantaggi e svantaggi e, come negli scacchi, la vittoria spesso dipendeva da quale giocatore poteva prevedere con precisione cosa avrebbe fatto l'avversario e quando.

In Pokémon, ogni combattente ha uno o due tipi elementali, ognuno dei quali ha i suoi punti di forza e di debolezza. Ad esempio, i tipi Fuoco sono forti contro i tipi Erba, ma deboli contro i tipi Acqua. L'acqua è forte contro il fuoco e debole contro l'erba, mentre l'erba è forte contro l'acqua e debole contro il fuoco. Con diciotto diversi tipi di elementi tra cui scegliere, creare una squadra abbastanza forte e varia da gestire qualsiasi cosa accada è essenziale. Inoltre, ogni Pokémon potrebbe ricoprire ruoli diversi nella squadra. Alcuni sono abbastanza veloci con potenti attacchi, noti come "spazzatrici". Questi Pokémon offensivi sono la base per la maggior parte delle squadre, evitando le capacità difensive per la capacità di mettere sotto pressione l'avversario con il loro semplice danno. Altri hanno poca o nessuna presenza offensiva, noti come "sostenitori". Possiedono una varietà di mosse che possono indirettamente interrompere la strategia dell'avversario. Infine, ci sono combattenti "ingombranti" con poca o nessuna velocità ma difese incredibili. Tali Pokémon sono spesso in grado di ricoprire un ruolo offensivo o di supporto difensivo, a seconda della strategia generale della squadra.

Nella schermata di preparazione prepartita, sono apparse le immagini delle squadre scelte da Michael e Ashley. Michael era andato con la sua squadra d'attacco voluminosa preferita. La maggior parte dei suoi Pokémon non era veloce, ma poteva subire dei danni e reagire subito, una volta che avessero avuto la possibilità di aumentare la loro potenza d'attacco. Per diversi secondi, studiò la squadra di Ashley nel tentativo di capire quale sarebbe stata la sua strategia generale. La sua squadra sembrava dappertutto, possedendo un paio di spazzatrici veloci, ma anche diversi membri noti per le loro capacità di stallo difensivo. Non sapeva cosa farne, ma la battaglia stava per iniziare, quindi avrebbe dovuto capirlo mentre procedeva.

Michael parte con il suo Pokémon di tipo Ghiaccio, Alola Ninetales. Sebbene fragile, questo Pokémon è molto veloce e possiede la capacità di evocare una grandinata una volta entrato nel campo. Inoltre, la sua tecnica Aurora Veil aumenterebbe le difese della sua intera squadra, dando loro il vantaggio mentre Michael li metteva in posizione per abbattere la squadra di Ashley. Sfortunatamente, Ashley aveva previsto questa esatta strategia, iniziando con il suo Celesteela, un grosso Pokémon Acciaio e Volante. Michael ora doveva affrontare una scelta difficile. Ninetales era più veloce e poteva facilmente piazzare Aurora Veil, ma sarebbe stato anche eliminato dal gioco con un solo colpo di Celesteela. Decidendo di non sacrificare il suo miglior tifoso così presto, ha riportato Ninetales in panchina a favore del suo Magnezone.

Magnezone era un punto fermo per la maggior parte delle squadre competitive di Michael. Un tipo Acciaio ed Elettrico, possedeva la capacità di intrappolare altri tipi di acciaio e impedire loro di essere tirati indietro sulla panchina, come aveva fatto con i suoi Ninetales. Pertanto, Celesteela è stata costretta a rimanere in gioco, assicurandosi che presto sarebbe caduta sotto gli attacchi elettrici di Magnezone, che erano due volte più efficaci contro di essa. Ma ancora una volta, Ashley aveva predetto esattamente questa azione ed era pronta. Invece di attaccare con Celesteela, come aveva previsto Michael, le fa usare una mossa potenziante per aumentare la sua velocità altrimenti lenta. Questo gli avrebbe assicurato di poter attaccare Magnezone per primo nel turno successivo, mentre Michael aveva usato il suo primo turno per passare a Magnezone, rendendolo incapace di rispondere. Tuttavia, gli attacchi di Magnezone erano abbastanza potenti da impedire a Celesteela di sopravvivere più di un singolo colpo, si ricordò Michael.

Quello, ovviamente, è stato quando il disastro ha colpito. Celesteela è un Pokémon in grado di apprendere un'ampia varietà di attacchi, anche se non corrispondono ai suoi stessi tipi di Acciaio e Volante. Una mossa subdola è insegnargli un attacco di tipo Fuoco, e questo è esattamente ciò che Ashley aveva fatto con il suo. L'attacco lanciafiamme ha colpito il Magnezone di Michael per il doppio dei danni, essendo di tipo Acciaio, e ha ridotto i suoi HP a 0 con un solo colpo. Michael è rimasto sbalordito dall'attacco a sorpresa, ma non ha avuto il tempo di riprendersi. Dopo aver ottenuto un knockout, l'abilità speciale di Celesteela è entrata in gioco e ha aumentato il suo potere d'attacco. Ora, Michael sapeva di essere nei guai.

"Oh merda…"

"Aw, andrai a piangere da tua madre?" Ashley lo ha preso in giro.

"Ho ancora qualche asso nella manica", ribatté Michael.

"Bene. Avrai bisogno di loro.

Michael ha preso qualche momento per considerare le sue opzioni. Poiché Magnezone era la persona su cui faceva affidamento per sconfiggere Celesteela di Ashley, è stato costretto a cambiare tattica e ha inviato il suo Tapu Fini, uno dei suoi giocatori più difensivi. Celesteela lancia immediatamente un potente attacco, ma il Tapu Fini di Michael riesce a resistere al colpo ea lanciare un attacco di tipo Acqua. Come Michael aveva sperato che accadesse, il suo attacco Muddy Water ha avuto l'effetto aggiuntivo di ridurre la precisione di Celesteela e di conseguenza l'attacco successivo è andato completamente a vuoto. Dopo aver abbassato ancora una volta la precisione di Celesteela, Tapu Fini ha ceduto al turno successivo, ma Michael poteva percepire che la marea stava cambiando, nonostante il punteggio fosse di sei a quattro contro di lui. Il successivo Pokémon di Michael è stato il suo Alola Marowak, un tipo Fuoco e Spettro con un'incredibile potenza d'attacco. Anche se Celesteela è di gran lunga più veloce di Marowak, i suoi primi due attacchi falliscono, permettendo a Marowak un facile knockout con il suo Firepugno.

“Non è ancora finita,” sorrise Michael.

“Eh, Celesteela aveva fatto il suo lavoro; niente di grave,” Ashley scrollò le spalle.

Da quel momento in poi, i due hanno giocato per la maggior parte una partita alla pari. Ashley tira fuori uno dei suoi unici veloci sweeper, Garchomp, per costringere Marowak a uscire, ma Michael passa al suo Pokémon più difensivo, Mandibuzz, che prende il colpo con poco sforzo. Questo gli ha permesso di tornare a Ninetales e impostare Aurora Veil per aumentare le sue difese. Garchomp decide di non ritirarsi nonostante lo svantaggio di tipo contro Ninetales e riesce a sconfiggere per poco il tipo Ghiaccio con un colpo critico. Ma poiché aveva subito gravi danni, Michael ha tirato fuori il suo asso nella manica, Scizor. Il Pokémon Coleottero non era veloce, ma rafforzava un'enorme statistica di attacco e una potente mossa prioritaria, Pallottola. Le mosse prioritarie consentono all'utente di muoversi prima degli altri Pokémon indipendentemente dalla velocità, rendendoli molto apprezzati nelle battaglie competitive. È bastato un solo colpo per rimuovere Garchomp dal gioco.

"Fare un ritorno", ha scherzato Michael.

"Vedremo a riguardo."

Ashley poi fa uscire il suo Clefable, un Pokémon di tipo Fata. Mentre lo Scizor di Michael avrebbe normalmente il vantaggio contro Clefable, sospettava che avesse qualcosa di inaspettato pronto, in base a come la battaglia era andata così lontano. Dopo aver messo in panchina Scizor a favore del suo Marowak, Michael fu contento di vedere che aveva indovinato; Clefable aveva usato un attacco Lanciafiamme, che avrebbe annientato Scizor in un solo colpo. Ma Marowak, essendo di tipo Fuoco, ha preso il colpo con facilità e ha risposto con un suo potente colpo nel turno successivo, costringendo Clefable a ritirarsi. Il suo sostituto, Gyarados, era più che in grado di gestire Marowak e Michael sospettava che fosse il giocatore più forte di Ashley.

"È ora di Mega Gyarados!" Ashley sorrise.

Nelle battaglie Pokémon competitive, a ogni squadra è consentita una Megaevoluzione, che è un Pokémon estremamente potente in grado di aumentare la sua forza ben oltre le sue normali capacità. Gyarados era il Mega di Ashley, mentre Scizor era quello di Michael. Dato che Marowak è stato sconfitto contro il tipo Acqua e Buio, Michael lo ha ritirato a favore del suo Scizor. Ashley fa come si aspettava e usa una mossa boosting con il suo Mega Gyarados, ma Mega Scizor è comunque in grado di tankare l'attacco successivo e mantenere circa un terzo dei suoi HP complessivi. Scizor risponde con un potente attacco di tipo Coleottero per ferire gravemente Gyarados, seguito da un facile attacco prioritario per eliminarlo prima che possa infliggere ulteriori danni.

"Cazzo," borbottò Ashley, vedendo che era migliore degli altri.

Clefable è uscito dalla panchina ancora una volta, ma Michael è tornato al suo Marowak come aveva fatto prima. A questo punto, Michael ha ottenuto un enorme vantaggio quando ha predetto che Ashley sarebbe passata al suo Buzzwole, un potente tipo Coleottero e Lotta. Marowak colpisce Buzzwole con un devastante Firepugno non appena entra in campo, eliminandolo con un solo colpo. Clefable è tornato ancora una volta e alla fine è riuscito a sconfiggere Marowak. Tuttavia, Michael aveva preso il sopravvento nello slancio della battaglia ed è riuscito a sconfiggere Clefable con il suo Mandibuzz. Proprio così, Ashley aveva un solo Pokémon rimasto per affrontare i due di Michael.

"Bene, bene, bene... nessuno mi ha mai messo in un angolo come questo", sorrise Ashley.

"Miro a compiacere", ha risposto Michael.

"Peccato. Miro a vincere".

L'ultimo Pokémon di Ashley è Tapu Koko, un tipo Elettro e Folletto molto veloce. Sebbene il Mandibuzz di Michael avesse subito uno o due colpi, era abbastanza ingombrante da poter sferrare un colpo leggero prima di essere abbattuto dall'attacco Fulmine di Tapu Koko, lasciando solo il Mega Scizor di Michael. Tuttavia, l'asso di Michael si è rivelato proprio quello di cui aveva bisogno, poiché la sua priorità Bullet Punch ha annullato il più grande vantaggio di Tapu Koko: la sua velocità. Mentre Tapu Koko era abbastanza veloce da avere sempre il primo attacco, Scizor è riuscito a lanciare un potente attacco prioritario che ha sfruttato le sue deboli difese, eliminando Tapu Koko e vincendo la partita per Michael.

"E questo è quello", disse Michael con un sorriso.

“Merda,” brontolò Ashley, per niente contenta del risultato. Con sua sorpresa, la mano di Michael apparve davanti a lei.

"Buon gioco", ha detto.

Ashley sembrò confusa per un momento, ma presto riguadagnò abbastanza presenza mentale da dare a Michael una leggera stretta di mano.

“Sì, sei bravo. Quello Scizor non è un ostacolo", ha ammesso.

"È il mio asso da oltre un decennio", ha detto Michael con orgoglio. "È il mio miglior partner nel gioco".

"Bello. Uhm, credo che andrò…”

“Eh? Come mai? Hai un posto dove stare?" chiese Michele. Aveva sperato in una rivincita con lei.

"No, ma... beh, non sarò più il benvenuto qui."

"Cosa intendi?"

Sospirando, Ashley si avvicinò a lui e sussurrò: "Eric ha cercato una scusa per scappare. Perdere con un nuovo membro potrebbe fare il trucco.

"Sì, ma non sanno chi di noi ha vinto, vero?" Michele sorrise.

"Cosa intendi?"

“Se quello stronzo ti vuole così tanto fuori, non farò nulla per aiutarti. Sei il migliore che abbia giocato in mesi!

"Uh, grazie", rispose Ashley con un piccolo sorriso.

“Allora, posso chiederti perché continui a venire? Voglio dire, se questi ragazzi ti trattano così male, perché sopportarlo?" chiese Michele.

Ashley scrollò le spalle. “Non ho molta vita sociale. Nessun fidanzato, nessun altro club, solo lezioni, lavoro come allenatore e questo. Il gioco è sempre stato piuttosto speciale per me; è così che rilasso la mia mente. Ma ad essere onesti, il vero motivo per cui continuo a tornare è lei”.

Vedendola indicare la ragazza seduta accanto a Eric, Michael chiese: "E lei?"

“Questa è Sofia. Eric direbbe che è la sua ragazza, ma io la chiamerei più la sua serva”, rispose Ashley con disgusto. “Potrebbe non sembrare, ma è incredibilmente socialmente imbarazzante e ha molta ansia. È venuta qui disperata, cercando un posto a cui appartenere. Eric ha detto che l'avrebbe fornito, se lei avesse fatto esattamente come le aveva detto. Sono stati "insieme" da allora. La tratta come una merda e le sta solo dando le informazioni più rudimentali sul gioco per assicurarsi che non diventi troppo brava. Nella mente di Eric, Sophia è ciò che dovrebbe essere una gamer girl. Me? Sono una ragazza stupida che non sa il suo posto.

"Stai aspettando un'occasione per provare ad aiutarla, vero?" Michele si rese conto.

“Sì, ma non è facile. Si aggrappa a Eric, come se tutte le sue capacità di socializzare si sgretolassero se lo avesse perso. E se mi vedesse cercare di fare amicizia con lei, dubito che finirebbe bene".

"È davvero grande da parte tua, volerla aiutare in quel modo", sorrise Michael.

"Beh, devo ringraziare mio cugino, immagino", ha osservato Ashley.

"In che modo vuoi dire?"

“Sono cresciuto accanto a mio cugino, Sam. Ha una lieve sindrome di Asperger, un po' come Sheldon Cooper di The Big Bang Theory. È sempre stato davvero goffo, ma con un intelletto di livello geniale. Amava i videogiochi crescendo e me li ha presentati. È così che mi sono legato a lui e sono diventato così bravo con i Pokémon. Io sto bene, ma lui è il maestro".

“Posso immaginare,” Michael ridacchiò.

“Comunque, è stato il legame con lui che mi ha fatto capire come il gioco possa essere un modo fantastico per entrare in contatto con altre persone, specialmente quelle con zero abilità sociali. Vedere Eric usare i giochi per controllare e soffocare Sophia... mi disgusta".

"Sono completamente d'accordo."

Ashley era più di quanto Michael avrebbe mai potuto sognare. Non solo bella, ma anche intelligente, spiritosa, sicura di sé e con un cuore d'oro nel profondo. E nessun fidanzato! Ciò non significava che fosse lesbica, vero? Ha ragionato che non lo era. Altrimenti perché parlarne? Mentre chiacchieravano, le parole di Antonio continuavano a risuonare nella testa di Michael.

Guarda cosa succede.

Immaginando di non avere niente da perdere, Michael disse: "Allora... posso chiederti una cosa?"

"Sì?" Ashley rispose, alzando il sopracciglio.

Michael ora era rosso barbabietola per l'imbarazzo e sudava come un matto. "Beh... c'è un ballo di San Valentino all'edificio del sindacato studentesco domani... o almeno, questo è quello che ho sentito. E... se non sei impegnato... mi chiedevo... forse vorresti andare? Con Me?"

Sebbene Ashley fosse lusingata, il suo subconscio era preoccupato che questa potesse essere una configurazione e si mise in modalità di difesa. Dopotutto, ogni ragazzo che avesse mai mostrato interesse per lei cercava solo una cosa. Non aveva avuto esattamente il miglior gusto per gli uomini nel corso degli anni, ma anche i più simpatici hanno cercato di controllarla con il sesso, prima o poi. Con quella paura che le entrava nella mente, il suo viso si contorse e fece una smorfia.

“Quindi, questo è il tuo gioco? Mi hai battuto una volta e pensi che sia obbligato a uscire con te? Questo è vero?" rispose seccamente.

“Eh? Che cosa?"

"Non posso credere che tutti voi ragazzi siate uguali", sospirò Ashley. "Fai finta di rispettare le mie capacità di gioco in modo da potermi infilare nei pantaloni..."

"N-No, non è affatto questo", iniziò a protestare Michael, ma poteva vedere lo sguardo nei suoi occhi. Sapeva che non stava vincendo questo. Rassegnato al suo schianto e scottatura, si alzò. “Mi dispiace molto di averti offeso,” borbottò voltandosi per andarsene.

Lo stomaco di Ashley si contorse nel vedere lo sguardo sul viso di Michael. All'improvviso, capì quanto le sue parole gli fossero state dolorose. Non aveva fatto altro che chiederle di uscire, e lei aveva risposto con fredda indifferenza e una terribile accusa. Peggio ancora, non c'era alcuna prova che Michael fosse quel tipo di ragazzo. Mentre stava per andarsene, lei allungò una mano attraverso il tavolo e gli afferrò il polso.

"Attesa. Per favore, resta. Sono... mi dispiace, Michael. Non avrei dovuto dirlo".

“Non voglio infastidirti,” disse piano.

"Tu non sei. Io solo... mi siedo. Proverò a spiegare". Mentre Michael si sedeva di nuovo, Ashley ha continuato: "Come puoi immaginare, ho a che fare con molti pregiudizi nella mia vita di tutti i giorni. Ad essere onesti, alcuni dei peggiori provengono dalla comunità di gioco".

“Caso in questione, Eric,” Michael annuì.

"Sì. Immagino che affrontare quel pregiudizio abbia in qualche modo alimentato i miei stessi pregiudizi. Ho pensato che fossi proprio come tutti gli altri ragazzi con cui ho giocato, inoltre in passato non ho fatto esattamente le scelte migliori nei fidanzati. Tuttavia, questa non è una scusa per me presumere che tu sia esattamente lo stesso. Mi dispiace, Michael".

"Scuse accettate", ha risposto con un sorriso.

“Quindi... posso chiederti perché vorresti andare a quel ballo? Voglio dire, sarà inondato di sorostitute e fratdaddies! Sai, tutti i ragazzi popolari che hanno reso le nostre vite un inferno durante la scuola. Perché giocarci?

Michael said, “I think it’s ‘cause I never went to my prom in high school. I didn’t have a date, but I was determined to go no matter what. But then, two weeks beforehand, several of the seniors on the Student Government Association decided to pull the prank of all pranks: they stole the principal’s car. They were only going to deck it out in tin cans and whatnot, but then they got into a bad wreck and totaled it. The principal was so pissed that she cancelled all remaining senior activities, including prom. I guess I just wanted to have that sort of experience for once.”

Ashley smiled. “That’s so cute. An idealistic dreamer.”

Smirking, Michael replied, “All men dream, but not equally. Those who dream by night in the dusty recesses of their minds wake in the day to find that it was vanity.”

Recognizing the quote, Ashley continued, “But the dreamers of the day are dangerous men, for they may act on their dreams with open eyes, to make them possible.”

“This, I did,” they both finished in unison.

Giggling a bit, Ashley said, “You’re something else, quoting T. E. Lawrence.”

“Yep, specifically used in Uncharted 3: Drake’s Deception,” Michael replied.

“Ooh, I love that series!”

“Ditto. Great stories and characters… though I do sometimes need a violent romp through a Call of Duty game to blow off steam.”

“Same here,” Ashley agreed. “You any good?”

“I have a longstanding love affair with Call of Duty,” Michael answered. “That, however, does not make me good at the game.”

“A gamer that admits he’s not the master at something? You are something of a unicorn, Michael.”

“Thanks,” he blushed.

Biting her lower lip, Ashley said, “So… I’ve got a proposition for you.”

“And that would be?”

“Play me once more in Pokémon. If you win, I’ll go to the dance with you.”

Michael’s eyebrows shot up at this, but as much as he wanted to accept then and there, he had the presence of mind to ask, “And if you win?”

“If I win, I get your Scizor.”

Michael almost balked at this offer. It wasn’t that his Scizor was unique or difficult to get in the video games; he could get another one with little problem. Rather, it was due to sentimental reasons. He had been using this particular Scizor for over ten years, all the way back to Pokémon Platinum. It had been his ace on nearly every competitive team he had built over that time, and letting it go would be tough. He was certain she knew this based on his previous statements. Still, he’d have been a damned fool to turn down a chance with a girl like Ashley. After a moment’s consideration, he stuck his hand out.

"Concordato."

They shook on it, and their rematch began. This time, both had a better feel for what the other was going to do, resulting in a very even bout. Knowing how huge a threat the Celesteela was, Michael planned a brilliant trap to take it out before it could do much damage. Ashley battled back, sweeping Michael’s next two Pokémon with her Buzzwole, which hadn’t had much of a chance to do anything in their previous match. Michael finally brought in his Marowak, taking down Buzzwole and Clefable in quick succession. Her Garchomp finished off Michael’s Marowak and Mandibuzz, leaving only his Scizor to face her final three Pokémon. Garchomp was no problem, weak from battling two Pokémon already, but both Mega Gyarados and Tapu Koko were at full health. Thanks to a couple of well-timed attack boosts, Michael managed to down Mega Gyarados with just over half its HP remaining.

As Tapu Koko came out for the final pairing, Michael knew he was going to win. Scizor’s attack power had more than doubled from the previous boosts, and its opponent had a very weak defense. One shot with a priority Bullet Punch would be plenty to end the match. But as Scizor attacked, Tapu Koko’s health bar stopped depleting just shy of a knockout. Michael slapped his forehead at realizing that Tapu Koko was holding a special item: the Focus Sash. It’s an item used by frail Pokémon with no defenses, guaranteed to let them survive a single hit, provided they are at full health. That hadn’t been revealed in their previous match due to a couple of his Pokémon going up against it. To make matters worse, Tapu Koko now unleashed its Hidden Power attack, a special attack that could be customized to any element, in this case, Fire. It didn’t matter how strong Scizor might be; a single Fire type attack was plenty to bring him down. A moment later, the screen faded to black, showing Ashley’s team as victorious.

“Son of a bitch,” Michael muttered in disbelief.

“That’ll teach you to mess with me,” Ashley grinned, sticking her tongue out at him.

Without a word, Michael initiated a trade request with Ashley, depositing his Scizor into the system. “A deal’s a deal. Just… use him well. He’s been with me a long time.”

Michael stared at the screen, waiting for his ace to disappear onto Ashley’s 3DS, when a message appeared at the bottom of the screen.

Trade request canceled. Please wait…

"Eh?"

Ashley reached across the table, placing her hand on Michael’s. “I didn’t really want your Scizor, but I had to know how serious you were about asking me out,” she explained. “That seemed an easy way to see for sure.”

Michael shook his head. “Ashley, this game is one of my favorite pastimes, but I’d be a certifiable idiot if I let some piece of data in a video game keep me from asking out the most awesome girl I’ve ever met in my life.”

“You… mean that?” she asked as she began to blush.

“Yeah, I do.”

With a sly grin on her face, Ashley packed up her game system and grabbed her backpack. As she walked past Michael, she slipped him a scrap of paper and whispered, “Pick me up at seven tomorrow.”

“Will do,” Michael replied, finding her address and phone number on the paper.

As Ashley approached the door of the GameStop, Eric stood and blocked her path. “You beatin’ up on my new members, bitch?” ringhiò.

“None of your business, shithead,” Ashley huffed, pushing past him.

“If you know what’s good for you, you won’t come back,” he continued as she left. Turning back towards Michael’s table, Eric approached and asked, “What happened? Did you beat her?”

“No way,” Michael answered.

"Sei sicuro? I thought I saw you two making goo-goo eyes.”

“It’s called a distraction, and it didn’t work. She kicked my ass,” Michael reiterated.

“I warned ya not to play her…”

“Eh, it happens.”

“Well, anyway… I’ve got a solution to the problem with her. Next time she comes, she won’t be a problem,” Eric remarked.

"Cosa dovrebbe significare?" Michael wondered.

“Don’t worry about. Just trust in your Almighty President; he’ll take care of you,” Eric replied, grinning and slapping Michael on his back.

Yeah, I’ll bet, Michael thought to himself.

*****

“Dude, you won’t believe what happened today,” Michael called out as he arrived back at his apartment.

"Che cosa succede?" Antonio asked from the sofa.

“You know the girl from the basketball games?”

“That hot little trainer? Yeah?”

“She’s a member of the AU Pokémon League!”

“Are you serious?! Wha… what happened? Did you talk to her?” chiese.

“Yeah, we played a couple of games. She’s good; maybe the best I’ve ever played against,” Michael replied.

“That’s all? You just… played video games?” Antonio wondered, cocking his eyebrow.

“I, uh, might have also gotten her to agree to come to the Valentine’s Day dance with me,” Michael admitted.

“That’s what I’m talkin’ about!” Antonio cheered, fist-bumping Michael. “You got a big day tomorrow. You ready for this?”

“To be honest… no, I’m not.”

“Whatcha mean?”

“Dude, I’ve never been on a real date before, let alone had an actual girlfriend!” Michael replied. “I don’t know the first thing about women!”

Grinning, Antonio said, “Don’t you worry; I got your back.”

“Yeah, says my gay roommate,” Michael teased.

“Non bello, amico. Here I am, trying to help you out, and you gotta go and question my sexuality!” Antonio fired back with a laugh. “But in all seriousness, if you doubt which way I swing… you could always ask Allison Smallwood.”

“You and Allison Smallwood?!”

“You bet your ass! We’ll be at the dance tomorrow.”

“Lucky bastard…” Michael grumbled.

“Hey, I’ve seen that trainer you’ve been pining over. You ain’t got nothin’ to be jealous of! Her name’s Ashley, right?”

“Yeah, but how’d you know?”

“Allison told me,” Antonio said. “I was tryin’ to gather information in case you needed a stronger shove to chat her up.”

“I take it back. You’re not a lucky bastard, you’re a sneaky bastard!”

“Damn straight! Now, let’s get you ready for your big date. Take a seat, my man.” As Michael plopped down in the chair across from him, Antonio continued, “Now, the first rule to remember is that she’s in charge. Anything she says ‘no’ to or isn’t comfortable with, that’s what goes. Understand?”

“Easy enough.”

"Bene. But remember, even though she’s in charge, she’ll still want you to take the lead sometimes. The most attractive thing to most women is confidence. Not cockiness, but confidence.”

“Knew there was a catch,” Michael sighed.

“Don’t do that, man. That’s exactly what I’m talkin’ about. The minute you get down on yourself just ‘cause you think you’re not good enough, that’s when the girl will pick up on it. As cliché as it sounds, you have to just be you. You don’t want to go too over the top with your personality, or she’ll think you’re compensating for something, but you don’t wanna stifle your personality either, or she won’t get to know the real you. Worst case, she’ll think you don’t like her. But if you just act like you and be confident in that, everything else will fall into place. Fidati di me."

“I’m assuming I need to open doors and everything like that?”

“Definitely start out that way, yeah,” Antonio answered. “Now, it’s entirely possible she may not like that, particularly if she’s strong and independent. If she reacts negatively, don’t panic. Just explain that you were taught to do those things as a sign of respect and good manners. That ought to be enough, but if she’s still not keen on it, don’t force the issue.”

“Ok, but… what if she wants me to hold her hand or… kiss her? How am I supposed to know and not fuck it up?”

“As far as holding her hand, it’s a dance. That means you two will be in close proximity all night; handholding is gonna happen on its own, so don’t stress over it. Now, as for kissing, you have to read the signs.”

“The signs?” Michael asked.

“Damn, ain’t you ever seen Hitch? Will Smith wrote the book on reading signs!”

“Dude, you know I can’t stand romantic comedies!” Michael laughed.

“With your luck, Ashley will feel the same way,” Antonio chuckled. “Anyway, the signs. If she’s smiling and maybe laughing at everything you two do together, that’s a sign she’s into you. If she finds any excuse in the world to touch you or take your arm, that’s a sign she’s into you. If you two find yourselves alone and she’s in no hurry to go back to where there’s more people, that’s a sign she’s into you. If you’re at her door and she fumbling with her keys, in no hurry to let the date end, that’s a sign she’s into you. And finally, if there’s a long silence where she maintains eye contact with you the whole time, that’s a full on signal she probably wants you to kiss her.”

“Probably?”

“Yeah, probably. There’s never any guarantee, especially when it comes to the fairer sex. The first kiss is always built on taking a chance. Keep in mind, the chance may not come tomorrow night, and that’s ok. That doesn’t mean she’s not into you, it may just mean she plays things close to the vest.”

"Abbastanza giusto. But what do I do if I get the signal? Just kiss her?”

“Naw, dude. You gotta use the 90/10 rule.”

“90/10 rule?”

Antonio sighed. “Man, this would be so much easier if you had seen Hitch. The 90/10 rule is simple: you have to go 90% of the way towards your first kiss with her, but make her come the last 10%. For example, imagine that long silence where she maintains eye contact the whole time. You maintain eye contact, too. That’s 20%. You smile, maybe laugh. That’s 20%. You put your hand on her arm. That’s 20%. You start to lean in closer. That’s 20%. Your faces are almost touching, and you stop. That’s 10%. She’s got to come the last 10%. The point of all that is to make your intentions clear while still giving her plenty of opportunity to pull back if she wants, and if she does, that’s ok.”

“Easy for you to say…”

“Again, stop that. Some gals play things conservatively to start with on account of being burned in the past. Nothin’ wrong with that, you just have to show that you’re trustworthy before she starts to open up. It certainly doesn’t mean there’s anything wrong with you if that were to happen.”

“Guess that’s true.”

“Now, for the final piece of the puzzle. Whatcha gonna wear tomorrow?”

Michael’s face twisted in panic. “I have no fucking clue!” he realized.

“No sweat! You’re looking at a master of the threads,” Antonio boasted. “You got a suit?”

“Just a black one I use for interviews and presentations.”

“Lemme see.”

Michael led the way into his closet and pulled out his black suit and white dress shirt. Antonio looked them over for a moment before tossing them on the bed.

“This’ll work. Got a tie?” he asked Michael.

“Yeah,” Michael replied, pulling out a striped red and white tie.

Antonio snorted a bit. “Good enough for a job interview, but not even close for a Valentine’s Day date.”

“Ok, what about a black tie?”

“A black tie with a black suit?! You gonna look like a damn Mormon, man! Put the suit on; Torno subito." Antonio returned a couple minutes later with a few of his own neckties in hand. “The black suit and white shirt is a staple of any man’s wardrobe because of its incredible versatility. The tie is the most crucial aspect of this versatility. It’s the accent that allows the suit to send any message you want it to.”

“You are so obsessed,” Michael chuckled.

“I’ll choose to ignore your continued condescension,” Antonio shot back. Holding up a pale orange tie to Michael’s neck, he shook his head, saying, “Nah, you’re definitely not a pastels kind of guy. Whatcha think of this one?”

Examining the wine colored tie with a starburst pattern, Michael replied, “Too loud for my tastes.”

"Nessun problema. Let’s see… ah ha! This is it!” Antonio held up a solid royal blue tie to Michael’s neck.

“Hmm… not bad,” Michael admitted.

“Not bad? Dude, this one is perfect for you! Goes great with your skin tone and the suit color, plus it sends the right message: confidence. It’s a strong color, but the lack of pattern makes sure it’s not too loud or trendy. It’s classic, just like you, my man. Here, put it on.”

As Michael fumbled a bit in front of his floor mirror, he asked, “What knot do you think I should use? Half Windsor?”

“Nah, a full Windsor is almost always best,” Antonio replied. “Symmetrical and confident, but not too over the top. A half Windsor can come off as sloppy.”

Michael took a few seconds to remember the steps for a full Windsor in his head before tying the knot around his neck. When he was finished, he had to admit he was impressed with the final product.

“Damn… I’d do me.”

“And who knows? Ashley may feel the same way,” Antonio grinned.

*****

Michael took several deep breaths as he ascended the stairs in Ashley’s apartment building. Antonio had done everything he could think of to make sure he was prepared yesterday, but Michael was still a nervous wreck. There was something special about this girl, and he did not want to screw it up. With a trembling hand, he reached forward and knocked on the door to apartment 2B.

"Sì?" came a voice from the other side.

“I’m Michael Goldman, here to pick up Ashley.”

"Giusto! Hold on a sec.”

A moment later, the door swung open, revealing a slim redhead with a pixie haircut. Dressed in a tank top and gym shorts, she had a hint of makeup on that seemed to indicate she was getting ready for Valentine’s Day, too.

"Ehi! I’m Liz, Ashley’s roommate,” she said, extending her hand with a bubbly smile.

“Michael. Nice to meet you,” he replied, shaking her hand.

"Mettiti comodo; Ashley should be ready in a little bit,” Liz said.

"Nessun problema. Prenditi il ​​​​tuo tempo."

Liz adjourned to one of the back bedrooms to check on Ashley, finding her seated in front of the vanity. Her hair had been dried after her shower, but she still wore a towel wrapped around her body. She seemed lost and befuddled as she perused her makeup selection.

“Your guy’s here,” Liz giggled. “He’s cute! I’d totally be all over him… ya know, if I weren’t a lesbian.”

“Hands off, he’s mine!” Ashley laughed.

“You ok? You look lost.”

“Yeah, I just have no idea what to use. I want to make the right impression.”

“May I?” Taking a seat next to Ashley on the bench, Liz continued, “To be honest, you don’t need much. The point of makeup is to accentuate your best features, but much more than that just starts to look clownish. Here, a little bit of eyeliner… there, that’s perfect. Just add a touch of lip gloss and you’re good!”

"Questo è tutto? What if he’s not impressed?” Ashley worried.

“Jesus, I’ve never seen you this worried about a date! He must have really gotten to you yesterday,” Liz giggled. “Don’t worry; if he’s the kind of guy I suspect he is, then he’ll enjoy every moment with you no matter how much makeup you use. Seriously, he gonna be speechless, girl.”

“If you say so. Thanks for letting me borrow your dress, by the way. Lord knows I don’t have anything to wear for something like this.”

“My pleasure! Gay or straight, I’m still a girl who likes wearing pretty things!”

“If I didn’t know you better, I’d say you were just as bad as all those sorostitutes,” Ashley deadpanned.

Hugging her friend, Liz said, “Oh, I won’t be home ‘til after lunch tomorrow, so you two can have the place to yourselves.”

“Liz! I just met the guy yesterday! I have no intention of sleeping with him!”

“I know, but I don’t want the lack of somewhere private to hamper your date tonight. Should the opportunity present itself, you two have somewhere to come after the dance, that’s all. No pressure.”

Rolling her eyes, Ashley realized her roommate was only trying to be considerate and helpful. "Grazie."

"Benvenuto. All right, you finish getting ready. There’s a cutie outside waiting on you!” Liz replied, bouncing up to her feet.

*****

Michael fidgeted on the sofa, nervous as all hell as he waited for Ashley. He had expected to wait like this; Antonio made sure of that. Still, talking about the wait and experiencing it are two completely different things. A moment later, he heard the door open and snapped to attention, seeing Liz enter the living room.

“She’s almost ready, just a minute or two more.”

“No problem.” Remembering a suggestion Antonio had given him, Michael asked, “Hey, Liz… what’s Ashley’s favorite song?”

Eying him, she asked, “Why do you want to know?”

“I, uh, had the idea of surprising her by requesting it at some point tonight,” Michael admitted.

A wide grin soon spread across Liz’s face. “That’s a great idea. She’s got lots of favorites, but the top one is probably Welcome to the Black Parade.”

“My Chemical Romance. She’s got good taste,” Michael remarked.

“In music, at least,” Liz smirked. “We’ll see after tonight how her taste in men is.”

Before Michael could respond, Ashley’s bedroom door creaked open to reveal his date for the evening. She wore a red A-line halter-top dress that extended down to about her knees. Though the dress flared out at the skirt, the top half hugged her form nicely, displaying her flat stomach and the curvature of her breasts. The sleeveless top exposed a tattoo of a shooting star on her left shoulder. His eyes soon drifted up to her face, which was the most adorable thing he had ever seen in his life. To Michael, the fact that she wore so little makeup made her even more attractive. Her ash blonde hair had been straightened and now hung down past her shoulders; a headband with a small flower on top completed the ensemble. Of course, her bangs were still side swept over her right eye, which Michael surmised was part of her signature look.

"Bene?" Ashley asked nervously, giving a little twirl.

“You look incredible,” Michael managed through his own nerves.

“Thanks,” Ashley replied, walking over to him. “You clean up nice, yourself.”

“Ok, smile!” Liz said, snapping a few pictures of them.

“Dammit, Liz! You know I hate having my picture taken!” Ashley laughed.

“I’m sorry, I don’t recall giving you a choice in the matter,” Liz replied, sticking her tongue out at her roommate. Handing her a wrap that matched the dress, Liz said, “Oh, you’ll need this. It’s a bit cool out there.

“Thanks, Mom,” Ashley smirked as she rolled her eyes. “Ready to go?”

“Definitely,” Michael grinned.

“You kids have fuuun!” Liz called out, causing Ashley to flip her off before closing the door behind her.

“So, yeah… that’s Liz, my lesbian roommate,” Ashley sighed as they started their walk towards campus.

“I like her,” Michael replied.

“Of course you do! She’s gorgeous!” Ashley teased.

“Not what I meant, but yes, she’s quite the looker. But more than that, she seems like a great friend.”

“Yeah, I guess she kind of is. Just don’t tell her that.”

“So, tell me about Ashley?” Michael asked. “Where you from, where you’re going, and all that?”

“Well, my family lives about thirty minutes south of here. My original plan after high school was to learn the body art business, but Dad pushed me to try and find a path to college. Nobody in our family has ever gone to college, but he knew I had the capability if I would work for it. Since I had helped out with injuries on the sports teams at my high school, I decided to look into the sports medicine program at Auburn. Once I got a scholarship as a student trainer, the rest was history!”

“That’s awesome,” Michael said. “I know college isn’t for everyone, but I’m glad your dad pushed you.”

"Lo sono anche io. I’m definitely in a better place than I would have been.”

“Any siblings?”

“Two older sisters. One’s a beautician in my hometown, the other moved down to Mobile with her husband,” Ashley replied.

"Bello. You mentioned your dad. What about your mom?”

Ashley grimaced at this. “Mom ran off with some guy when I was six…”

Michael cursed himself for bringing up the topic. “I’m sorry, I didn’t-”

“It’s fine,” Ashley said, linking her arm in his. “It just helped me learn what family really is. In spite of everything, Dad never got down or blamed us for anything. Hell, he never even said a bad thing about Mom.”

“He sounds like a great guy.”

“The only male I’ve met that I know I can trust,” Ashley agreed. “Now, what about you? What’s your story?”

"Me? I grew up in Dunwoody. It’s a suburb just north of Atlanta. As I’m sure you guessed from my last name and my nose, yes, I’m Jewish!” ha riso.

“I had wondered if that was the case,” Ashley grinned.

“There’s not much way to hide it. Pale complexion, the nose, and dark curly hair… I’m pretty stereotypical.”

“Nothing wrong with that. You are who you are, so own it!”

Eh. Maybe Antonio was on to something?

Shaking his thoughts away, Michael focused back in on his date. “Anyway, I grew up in a pretty normal family, if there is such a thing. Only child, went to synagogue every Saturday, annoying yet loving parents…”

“Sounds better than what I had,” Ashley agreed with a smile.

“Eh, you seem to have turned out just fine. In spite of everything, your dad still wants the best for you.”

“Yeah,” she said wistfully, realizing she actually had a pretty good family in spite of her life circumstances. “So, what brought you to Auburn all the way from Atlanta?”

“Family school. I’m a second generation Tiger. Both parents went and met here, plus my aunt and uncle, then their two daughters…”

“Indoctrinated from birth much?” Ashley teased.

“Wait… we talking college or are we back to Judaism?” Michael replied, eliciting another laugh from Ashley. “But yeah, very much brainwashed in favor of Auburn. When I was little, I used to think that all kids went to Elementary School, then Middle School, then High School, and then Auburn.”

They walked along for a few moments in comfortable silence before Ashley said, “It’s awesome that you can laugh at yourself. I try to do that, but I don’t always succeed.”

Michael shrugged. “I’m a walking talking caricature, so why not admit it? Makes it impossible to get offended, I’ll tell ya that.”

“You don’t get offended by anything?”

"Non proprio."

“Not even a topic that hits close to home?” Ashley wondered.

“Depends,” Michael replied. “Take Hitler, for example. Evil man, and I hope there’s never another like him, but I’m glad he existed. If he hadn’t, my grandparents would never have fled Germany and met on the voyage to America, falling in love and eventually having my dad. If not for Hitler, I’m never born, plain and simple. Perspective.”

“That’s a great way to think about it,” Ashley said, becoming more impressed with this guy by the second. “So, are we walking because today is Saturday? No working on the Sabbath?”

“Nah, we’re walking because we’re poor college students who have to beg for gas money,” he remarked. “But that’s only something the more conservative branches of Judaism practice. My family is part of Reformed Judaism. Basically, we aren’t supposed to work on the Sabbath, but individuals have to determine on their own what constitutes ‘work’. For example, yard work m

Storie simili

Lo spirito di Cassy

Jason ha incontrato Cassy durante il loro primo anno al college. Stava per cambiare il mondo degli affari e metterlo all'orecchio con la sua brillante intuizione e fermezza e lei si è diretta nel mondo dell'istruzione della nostra giovinezza diventando un'insegnante secondaria di inglese. Entrambi erano ambiziosi ma ingenui ed entrambi i loro desideri si sono rivelati sbagliati. Faceva parte della poltiglia che si impara oggi nei nostri college e non se ne sono resi conto fino a quando non sono entrati nel mondo reale. Ma quel primo incontro tra i due fu qualcosa di speciale che cambiò per sempre le...

232 I più visti

Likes 0

Grace è una ragazza scat

Ogni sera dopo il college Grace cercava consigli per flirtare online e da quando ha scoperto il porno alcuni anni fa, ne era stata ossessionata. Ora che vive da sola, si siede sulla sedia per ore e ore a guardare i contenuti più sgradevoli che riesce a trovare. Aveva sempre avuto un lato malato in lei, ma si è davvero acceso alcuni anni fa quando i suoi compagni di scuola le hanno mostrato il video 2 Girls 1 Cup, ha dovuto mostrarsi disgustata di fronte a loro mentre nascondeva segretamente la macchia bagnata tra le sue gambe . Tutte le sue...

334 I più visti

Likes 0

Il debito e il suo prezzo elevato

'Come mi sono cacciato in questo?' pensa Jerry mentre rimane seduto a fissare la busta davanti a lui. Non l'ha ancora aperto, ma sa da chi viene. Dopo un po' lo raccoglie e lo guarda ancora un po', rigirandolo tra le mani. Sembra proprio come tutti gli altri. Semplice bianco, timbro regolare e nessun indirizzo di ritorno. Lo apre dopo circa due ore che lo guarda, temendo cosa c'è dentro. Quello che tira fuori è peggio di quanto avrebbe immaginato. Ha in mano una foto di sua figlia di 18 anni, Kali. Anche in queste circostanze non può fare a meno...

310 I più visti

Likes 0

Il mio compito per i media.

Ho ricevuto una chiamata per entrare nell'ufficio del mio editore per un incontro con il signor Giles. Stavo lavorando al giornale locale da 6 mesi, quindi naturalmente ero nervoso. Mi chiedevo cosa avessi fatto di sbagliato, tale era la mia negatività. Rachael, per favore siediti ha detto mentre entravo. Mi sono seduto dentro tremante mentre aspettavo quella che pensavo sarebbe stata una brutta notizia. Rachael, ho visto il tuo pezzo sulle corse dei levrieri e sull'esca viva ha detto è stato fantastico. Penso che avrebbero sentito il mio sospiro di sollievo nel prossimo edificio. “Evidentemente ami gli animali” ha aggiunto. Sì...

309 I più visti

Likes 0

Divertirsi insieme pur essendo separati

Solo una serie di testi che ho inviato messi insieme. Non proprio il massimo per i ragazzi, più rivolto ai pulcini Ti vedo sdraiato sul mio letto. Mezza coperta da una coperta accarezzo la tua gamba nuda dal tuo piede su per il fianco Muovendo il mio corpo sul tuo prendendo il tuo viso tra le mie mani e baciandoti dolcemente sulle tue labbra. Baciare sempre più forte e più passione. Lingue che ballano. Sposto la mia mano destra lungo il tuo lato sinistro Tracciando la mia mano fino alla parte bassa della tua schiena tirandoti dentro di me spingo il...

149 I più visti

Likes 0

Rossa focosa

Il mio nome è Rachel. Ho 35 anni, 5'7 , 135 libbre, capelli rossi che mi superano le spalle, occhi azzurri, lentiggini, pelle bianca pallida (mi dispiace che le rosse non si abbronzino). Indosso un reggiseno taglia 36DD con bei capezzoli grandi ( è impossibile nasconderli) e tengo il mio cespuglio rosso curato e curato. Sean è il mio migliore amico, facciamo quasi tutto insieme. Siamo amici da anni e non è mai successo niente di sessuale tra di noi. Così quando abbiamo deciso di fare un viaggio a Las Vegas per festeggiare il mio divorzio, non ci ho pensato. solo...

354 I più visti

Likes 0

La festa parte 1_(0)

Finalmente è arrivato venerdì sera e Silk era davvero nervoso. Invidiava gli altri due per la loro esperienza perché erano eccitati invece che spaventati. Era così nervosa che quando Michael pronunciò il suo nome; lei quasi saltò fuori dalla sua pelle e squittì un sì Maestro. Seta, hai paura? le chiese Michael, con voce piena di preoccupazione. «Un po'», disse a bassa voce. Michael l'abbracciò e le sussurrò parole di rassicurazione all'orecchio. Le disse che tutto quello che doveva fare quella sera era guardare e che nessuno l'avrebbe toccata a meno che lei non avesse detto che andava bene. Le aveva...

324 I più visti

Likes 0

Finalmente i piedi di Nicole: la vendita Capitolo 1

Sono le 18:00 di sera e inserisco le note nel computer nel database della nostra concessionaria. È stata una giornata piuttosto lenta e mi annoio. Mi alzo per sgranchirmi ed esco fuori per illuminarmi. Mentre metto l'accendino in tasca, noto un vecchio amico con cui lavoravo al pull up. Parcheggia e si avvicina a me sorridendo. Ehi, come stai? chiede Nicole mentre cammina verso di me. Ciao Bella ragazza. È molto tempo che non ci si vede. Cosa ti porta a vedermi? Ho chiesto. Nicole mi si avvicinò e mi gettò le braccia al collo. Abbiamo sempre parlato a Sagebrush, ma...

142 I più visti

Likes 0

Il Cavaliere e l'Accolito Libro 5, Capitolo 7: Il dominio dell'Orco

Il Cavaliere e l'Accolito Libro 5: Il tesoro del Vault Capitolo sette: Il dominio degli orchi Per mionome3000 Copyright 2016 Nota: grazie a B0b per aver letto questa versione beta. Mago Faoril – La Libera Città di Raratha “Sembra che Sophia si stia divertendo,” sorrisi compiaciuta. Chaun fece una smorfia. Le piace il dolore più di me. ho sbuffato. Lanciai un'occhiata alla porta, Sophia e Relaria sussultarono e gemiti che provenivano dal legno verde scuro dell'appartamento della lamia nel Palazzo Saltspray. Lo schiaffo di carne, il ruscello di un letto. Era sesso caldo e appassionato. La lamia ha scopato duramente Sophia...

349 I più visti

Likes 0

Aprile - Parte II

Grazie a tutti per i bei commenti e le valutazioni generalmente positive. Mi scuso che la parte 2 abbia impiegato così tanto tempo, ma volevo assicurarmi che fosse il migliore possibile prima di pubblicarla. Spero che questa parte vi piaccia, e cercate una parte 3 nelle prossime settimane. Per favore continua a valutare e commentare, e se non ti piacciono gli elementi del mio racconto, per favore fammi sapere nei commenti come pensi che potrei migliorare. Rob e April giacevano nel letto di April, persi nei propri pensieri post-coito. Si erano assicurati l'un l'altro che questa sarebbe stata una relazione senza...

349 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.