Finalmente i piedi di Nicole: la vendita Capitolo 1

370Report
Finalmente i piedi di Nicole: la vendita Capitolo 1

Sono le 18:00 di sera e inserisco le note nel computer nel database della nostra concessionaria. È stata una giornata piuttosto lenta e mi annoio. Mi alzo per sgranchirmi ed esco fuori per illuminarmi. Mentre metto l'accendino in tasca, noto un vecchio amico con cui lavoravo al pull up. Parcheggia e si avvicina a me sorridendo.

"Ehi, come stai?" chiede Nicole mentre cammina verso di me.

"Ciao Bella ragazza. È molto tempo che non ci si vede. Cosa ti porta a vedermi?" Ho chiesto. Nicole mi si avvicinò e mi gettò le braccia al collo. Abbiamo sempre parlato a Sagebrush, ma non siamo mai stati amici. “Wow, sei felice di vedermi o cosa? È bello vederti!”

"Ho bisogno di una macchina", ha detto. "Pensavo che sapessi come prenderti cura di me", disse con una punta di sarcasmo nella voce. L'ho solo fissata. Stava benissimo con il suo top con spalline sottili, la sciarpa e la minigonna. Potevo vedere il mio riflesso nei suoi occhiali da sole. Mi chiedevo cosa stesse pensando e dove stesse guardando. Le sue gambe erano rasate e lucide e indossava un paio di scarpe da ginnastica che mostravano evidenti linee di sudore sulle dita dei piedi. "Pensi di potermi aiutare?"

“Di certo lo spero. Stai benissimo, comunque. Avere sempre." Con questo ho finito la mia sigaretta e ho dato un colpetto al mozzicone mentre le aprivo la porta.

"Non sporcare!" ringhiò e si avvicinò e si chinò per raccogliere il sedere. È sempre grande per Madre Terra e per la Giornata della Terra e tutto il resto. Mentre si chinava, la sua gonna corta le si insinuava sulle cosce e giuro che ho quasi visto un colpo di denaro. Quando si è alzata, la gonna è rimasta un po' abbassata e ho potuto vedere i lati del cordoncino del suo perizoma giallo sui bordi dei suoi fianchi. Dio, sembrava spettacolare. Si è girata per sorprendermi a guardare. Sorrise mentre diceva: "Ti piace quello che vedi?"

“L'ho sempre fatto, piccola. Avere sempre. Sai quando ho iniziato a lavorare con te al ristorante, ho filmato i tuoi bei piedini in infradito mentre ci sedevamo a parlare quella prima domenica mattina. Lo guardo ogni tanto e guardo le tue foto su Facebook. Questo è un ottimo scatto di te che mostra il tatuaggio dalla tua parte del nastro Lupus. Vorrei solo che tu lasciassi cadere la maglietta che hai in mano e ci mostrassi il resto di te.

“Sì, scommetto che lo fai. Quindi ti piacciono ancora i piedi?" Ha fatto il giro del caricabatterie che era in mostra nello showroom.

"Ma certo. Il piede femminile è bellissimo. Ed è come ho sempre detto, se una ragazza si prende cura dei suoi piedi e delle sue mani, si prende cura del resto», risposi. Le presi la mano e gliela massaggiai nella mia. "Beh, ho visto i tuoi piedi e le tue mani sicuramente sono lisce!" Si avvicinò e mi baciò sulla guancia. Si sedette in macchina e la sua gonna scivolò pericolosamente vicino alla sua lingerie gialla.

“Allora perché ti piacciono i piedi sudati? So che accarezzavi sempre i piedi di Tara e compravi calzini da ragazze sciocche al lavoro alla fine dei loro turni di cameriera. I loro piedi dovevano puzzare e le calze dovevano essere bagnate di sudore. Se i piedi di una ragazza puzzano, cosa lo rende sexy?

Ho appena sorriso. Mi accovacciai accanto a lei e le mostrai un paio di caratteristiche sulla consolle dell'auto. Ho tirato indietro la mia mano dal cruscotto e l'ho lasciata riposare in grembo. Ha posato la sua mano sulla mia. “È una specie di gioco di parole. Non mi piace l'intero look da Supermodel. Mi piace la ragazza di campagna, la ragazza che non ha paura di sporcarsi le mani e divertirsi. Mi piacciono gli odori naturali del corpo. Mi piace un odore di sudore, mi eccita. Piedi o calzini particolarmente sudati. È un po' difficile da spiegare. Non posso spiegarlo. È proprio quello che mi piace. Mi piace annusare le ascelle e baciare i piedi. Cosa posso dire? È molto erotico. Dovresti provarlo qualche volta. La prossima volta che sei intimo e sei vicino all'orgasmo, lascia che il ragazzo ti succhi le dita dei piedi e impazzirai come non avresti mai pensato possibile.

“Suona tutto un po' strano, ma molto perverso. Forse qualche volta ti prenderò in considerazione. Ma per oggi, ho bisogno di un nuovo giro. Alla fine ho finito la scuola e ho conseguito la laurea in RN. Ho bisogno di una macchina migliore. Non posso guidare fino a Raleigh ogni giorno nella mia vecchia trappola mortale.

“Oh mio Dio, scommetto che starai bene con un completo da infermiera. Mi piacerebbe sentire l'odore dei tuoi piedi dopo un turno di notte intera nei tuoi zoccoli senza calzini. Mi sono reso conto che stavo diventando duro solo a pensarci. Mi sono alzato per camminare verso il mio ufficio per adattarmi e mi sono reso conto che stavo brillando per lei proprio all'altezza del suo viso mentre era seduta in macchina.

Nicole lo accarezzò leggermente e disse: "Giù ragazzo. Non è ancora il momento di fare un giro di prova”.

Sono entrata rapidamente nel mio ufficio e mi sono seduta, sbalordita sia dal doppio significato di ciò a cui si riferiva come test drive sia dal fatto che avesse appena toccato il mio pene. Nicole si sedette di fronte a me dall'altra parte della scrivania. Quando si sedette, aprì un po' le gambe e vidi una faccina gialla sorridente che mi fissava. “I miei occhi sono quassù,” tubò.

«Non tutti» rimarcai. "Penso che qualcuno mi abbia appena sorriso."

Ha incrociato le gambe e ha detto: "Parliamo di una macchina e vedremo chi riuscirà a sorridere a chi".

«Allora perché mi hai scoraggiato così tanto al ristorante? Una volta mi hai quasi preso per un massaggio ai piedi, ma è come se mi fossi cambiato rapidamente. So che hai avuto dei problemi con tuo padre e quella barista Cagna Paige e tutto il resto, ma sono sempre stato gentile con te. Penso davvero che tu sia una bella donna e mi piacerebbe viziarti con un massaggio ai piedi, tra le altre cose.

“Allora avevo solo molte cose da fare. Sai che il ragazzo che avevo allora era uno stronzo e il mio patrigno è sempre stato critico nei miei confronti ed ero combattuto tra molte cose. Anche se devo ammettere che hai stimolato la mia mente con il tuo umorismo sessuale, la mia paura dell'ignoto mi ha impedito di metterti i piedi in grembo. Sei un bell'uomo per 30 qualcosa e ne ho cancellato uno prima di pensare a te, ma non sono mai stato in grado di lasciarmi andare con te.

Non ho avuto il tempo di rispondere a questo dato che il mio manager è venuto in ufficio solo per vedere come stavano andando le cose e chiedendomi se stavo rispondendo alle sue domande. Nicole mi ha fatto l'occhiolino e ha detto: "Oh, si sta davvero prendendo cura di me".

"Oh, va bene", disse Sedrick. "Fammi sapere se c'è qualcosa che posso fare per aiutare." Detto ciò, uscì per fumare.

"Ne hai cancellato uno pensando a me?"

"Cosa posso dire? Sei stato davvero dolce con me quella notte e stavo andando alla mia macchina quando ti ho visto attraverso il finestrino che annusava i piedi e le scarpe di Tara. Ti ho visto toglierti i calzini e comprarli e in realtà ho desiderato di essere io seduto lì in quella cabina con te sul pavimento di fronte a me", ha risposto.

"Wow", ho risposto. Nicole ed io abbiamo fatto una piccola chiacchierata sul tipo di giro che voleva. Alla fine siamo atterrati su un piccolo SUV, ma doveva essere qualcosa di sportivo e mantenerla giovane. Non le dispiaceva sacrificare un po' di chilometraggio del gas per più spazio e un look sportivo. Abbiamo girato per il lotto in modo che potesse vedere cosa avevamo. Abbiamo camminato lungo la fila di camion e ne abbiamo trovato uno sbloccato. Nicole vi salì sopra e cadde sul sedile.

"Beh, questo è imbarazzante", rise.

"Non da dove mi trovo", rimarcai rapidamente. Alzò i piedi dietro di sé e allargò le gambe mentre rideva. Le ho afferrato le caviglie e sono saltato sulla sponda laterale. "Sì, buona posizione." Ho sentito l'odore delle sue scarpe mentre scendevo. “Oh mio dio, i tuoi piedi puzzano. Finalmente, dopo tutto questo tempo, posso toccare le tue scarpe. Quella gonna di jeans blu si estendeva su quel bel culetto e sui piedi puzzolenti - accidenti mi stai facendo eccitare tutto.

Si girò e si sedette. Stavo cercando disperatamente di nascondere l'erezione nei miei pantaloni. È rimasta lì solo un minuto con le gambe aperte. “Ora ti sta sorridendo. E in realtà ho cercato di trovare il coraggio di farmi strofinare i piedi. Volevo che fosse speciale per te, quindi indosso questi ked da una settimana senza calzini. Li ho indossati anche al lavoro: ho detto a Ron che dovevo comprare delle scarpe nuove. E sai che fuori fa caldo. Li ho persino indossati a letto le ultime due notti e non mi sono nemmeno fatto la doccia. Volevo che puzzassero davvero per te. Si è seduta e ha strofinato il mio membro con la punta del piede destro. Era un bene che fossimo in fondo al parcheggio perché lei mi portò il piede sinistro alla faccia. Sentivo l'odore delle sue piccole dita sudate e le baciavo la caviglia mentre inspiravo le sue scarpe sudate. "Come fai a sopportare quell'odore?" Fece una piccola smorfia. “Sembri già così duro. Non impazzirai prima di togliermi le scarpe, vero?"

"Non impazzirò finché non avrò in bocca le tue dita sudate, puzzolenti e sporche!" Ho risposto.

"Bene, vai a prendere le chiavi di quella Jeep sull'erba davanti e forse ti farò fare un test drive."

Tirai fuori la mia maglietta da golf per coprire l'ovvio e corsi verso l'edificio. Ho detto a Uba che stavamo facendo un giro di prova e che saremmo tornati tra poco. Sono tornato fuori alla Jeep Grand Cherokee SRT del 2009 con finestrini oscurati, pacchetto cromato, tetto panoramico, effetti spoiler e cerchi. È stato un giro fantastico. Ho trovato Nicole in piedi sul retro del camion, una gamba piegata mentre appoggiava il piede sul paraurti. Aveva il dito nella scarpa, parlando al cellulare. “Sì, mamma, penso di aver trovato un bel passaggio. E anche il venditore non sembra affatto male. Forse li prenderò entrambi". Tirò fuori l'indice dalla scarpa e me lo appoggiò al naso. Dio puzzava. L'ho portato alla bocca e l'ho leccato e succhiato. I suoi occhi si ingrandirono e mi cinse con le braccia e mi tenne mentre parlava al telefono. Mi ha fatto scorrere la mano lungo la schiena e mi ha massaggiato il culo. Ho copiato. Ha detto a sua madre che potrebbe essere a casa un po' tardi stasera. Stava cercando di "completare la vendita". Abbiamo riso entrambi e io sono andato in giro per aprire la portiera del conducente.

Ho aperto la porta a Nicole e lei è salita dentro, letteralmente è salita dentro. È saltata sul sedile e ci è saltata sopra nella parte posteriore. Si fermò momentaneamente con il culo in faccia, le sue cosce a pochi centimetri dalla mia faccia, “Guida tu. Voglio mettermi a mio agio".

"Va bene", ho detto. "Sembri abbastanza a tuo agio per me." Mi sono arrampicato sul sedile del conducente e mi sono allacciato la cintura. Ho acceso la Jeep e mi sono staccato dall'erba mentre sentivo un incredibile fetore di piedi. Ho guardato indietro e ho visto che aveva le gambe sollevate sul sedile e si era tolta una scarpa. Con mia sorpresa, stava cercando di annusarlo, ma si limitò a notare quanto puzzassero i suoi piedi.

“Ho dovuto lavorare ieri sera. Bret mi ha spruzzato i piedi con il tubo e ha detto che li avrebbe resi tutti puzzolenti come vorresti. Non sapeva, in realtà mi ha fatto bagnare un po' quando l'ha detto perché li stavo indossando per te.

“Maledizione, Nicole, sei fottutamente sexy! Dammi quella scarpa e non toglierti l'altra". Mi ha passato la scarpa in cui ci ho infilato la faccia in profondità. Ho inspirato profondamente e il mio cazzo si è alzato bruscamente nei miei pantaloni. Ho allungato la mano per regolarlo e Nicole mi ha urlato contro perché avevo gli occhi chiusi.

"Fermare! Se non riesco a togliermi la scarpa, non puoi toccarla! Guarda questo!" Si avvicinò la gamba al viso e l'annusò, la suola sudata contro il mento e le dita dei piedi sotto il naso. La sua gonna ora era tolta e le sue mutandine erano in punta di cammello. Era bagnata e potevo vederlo attraverso le sue mutandine. Si pizzicò il naso con le dita dei piedi e si leccò la pianta del piede. Sussultò all'odore e al sapore, ma riuscì comunque a sorridermi mentre si leccava la suola. Non avevo idea che Nicole potesse essere così sexy, e avrei sfruttato ogni opportunità possibile per arrivare a quei piedi cattivi.

"Quando avrò la possibilità di farlo?" Ho chiesto.

"Trova un posto dove staccare e puoi farlo", ha risposto mentre si portava ogni dito in bocca. Ho guardato nello specchietto retrovisore incredulo. "Farai meglio a valere tutto questo", ha detto mentre chiudeva gli occhi e allungava l'altra gamba ora mettendomi l'altro piede in faccia, ancora racchiuso un ked sudato. “Non mi tolgo queste scarpe da 2 giorni. Li ho avuti ininterrottamente per 3 giorni e due turni di lavoro”. Svoltai dall'autostrada e mi fermai allo stop. Ho sfilato il tallone della scarpa e sono stato ricompensato con un misto di scarpa bagnata e puzzolente e piede sudato. Ovviamente li indossava da un po', e il suo piede era umido e umido. La sua pelle era bagnata, morbida e pungente.

"Santo cielo, è fantastico!" Ho affermato che ho infilato il naso tra la sua scarpa e il tallone nudo e ho inalato profondamente. "Sono in paradiso in questo momento." Ho continuato a respirare più profondamente che potevo e a bere l'odore inebriante.

“Sono felice di poterti finalmente rendere felice. E per quanto ti stia guardando strano, è fortemente eccitante. Si chinò e le accarezzò la faccina sorridente. Non potevo più sopportarlo. Mi sono strappato la scarpa e le ho messo le dita dei piedi in faccia. Il suo piede sudato mi ha bagnato il viso con il sudore appiccicoso del suo piede e ancora una volta sono stato ricompensato con un forte odore di piede. Il suo piede era sporco dalla scarpa. Ha mosso le dita dei piedi e mi ha strofinato il piede in faccia. Ho annusato e leccato ogni centimetro del suo piccolo piede morbido e delle sue dita e ho pensato che sarei esploso. “I tuoi piedi sono molto più sexy di quanto avessi mai immaginato. Grazie per avermi permesso di vivere questo momento". Ho guardato indietro nello specchietto retrovisore e ora la trovo con solo mutandine e un reggiseno giallo sexy. Aveva una mano nelle mutandine e l'altra sul seno.

“Mi stai facendo arrapare così tanto. Trova un posto dove parcheggiare e puoi unirti a me qui.”

Feci una rapida svolta e sfrecciai lungo la strada di Colon fino a un cortile di mattoni deserto, godendomi per tutto il tempo la festa di un piede che mi era stato in faccia. È una buona cosa che fossimo su un SUV perché mi sono avvicinato in profondità alla proprietà. Ho trovato un boschetto di alberi che ci avrebbe impedito di essere visti dall'autostrada e ho fatto marcia indietro con la Jeep. Sono saltato fuori dal sedile anteriore e mi sono unito a Nicole sul retro.

Le presi entrambi i piedi e me li piantai perpendicolarmente sulla mia faccia. Si è avvicinata e mi ha liberato dai miei pantaloni e ha rimosso il mio membro gonfio dai miei boxer. Si sdraiò e mi guardò perdere il precum mentre annusavo e leccavo le sue belle piante dei piedi. Sotto le sue dita sudate puzzavano davvero, quindi è lì che tenevo il naso, inspirando profondamente. Ha staccato i piedi dalla mia faccia e ha accarezzato il mio cazzo con le sue arcate.

"Posso guardarti mentre ti masturbi mentre giochi con i miei piedi?"

“Pensavo che non l'avresti mai chiesto. I tuoi piedi hanno un sapore così buono. Si alzò di scatto, si mise a cavalcioni sulle mie ginocchia e mi piantò un profondo bacio alla francese sulle labbra. Ho avvolto le mie mani attorno al suo corpicino carino e le ho baciato il petto e le spalle. Le ho slacciato il reggiseno e l'ho tirato sopra la sua testa. Gocce di sudore le scorrevano lungo i capezzoli mentre si faceva un po' caldo all'interno della Jeep.

"Non farmi mai pentire di questo", ha detto. “Mi dispiace di essere stata una puttana con te a Sagebrush. Paige continuava ad allontanarmi da te anche se ero interessato a te. Hai un bel cazzo e lo voglio dentro di me. Ma prima voglio guardarti". Ha strofinato il suo inguine sul mio mentre mi baciava sul collo e sul petto. Si fermò alla mia pancia e si alzò di nuovo e si sdraiò contro la porta. L'ho presa per le gambe e l'ho tirata giù sul sedile. Scivolò sulla pelle e osservò che era un bene che fosse tutta sudata o che le avrebbe fatto male. Le ho piegato leggermente le gambe e le ho messo i piedi in faccia mentre giocavo con i suoi piedi. Ha messo la mano nelle mutandine e ha giocato mentre spostava gli occhi dal mio cazzo per guardarmi fare l'amore orale con i suoi piedi. In pochi minuti, quando ho raggiunto l'orgasmo, ho sentito dei gemiti. Ho aperto gli occhi per trovarla mentre si strofinava la figa attraverso le mutandine furiosamente e schizzava un carico di sperma nelle sue mutandine. Sono arrivato quasi istantaneamente alla vista e ho sparato il mio carico su tutto il sedile e sulla sua taglia 7. Ho affondato la mia faccia in profondità nel suo inguine e ho annusato il suo succo di figa ammuffito. Le ho leccato le mutandine e ho tracciato la faccina sorridente con la lingua. Era davvero eccitata e aveva inzuppato il minuscolo perizoma che indossava.

"Dannazione, sbrigati e fottimi già!" ha urlato. Avevo sentito bene? I miei sogni per averla voluta si erano finalmente avverati? Mi chinai su di lei e le baciai il viso, il collo e il naso. È sempre stata così bella. Leccai, baciai e pizzicai i suoi piccoli capezzoli con tanta delicatezza. I suoi seni erano piccoli ma molto ben fatti. Ho allungato una mano e ho fatto scivolare la mia mano nelle sue mutandine e le mie dita nella sua figa. Sussultò quando le mie dita la entrarono. Usai la mia mano libera per alzarle le braccia e annusare le sue fossette. All'inizio ha resistito, ma le ho tenuto i polsi uniti e ho iniziato a leccarle il sudore dalle fossette. “Smettila piccola. È così brutto. Non mi faccio la doccia da tre giorni!”

“Lo so ragazza, e gli odori del tuo corpo mi stanno facendo impazzire. È particolarmente bello che tu non abbia messo alcun deodorante. Sdraiati e fammi goderti il ​​tuo corpo. Ha resistito ancora, quindi ho affondato il mio dito nella sua figa fino al suo Gspot e l'ho tirato fuori e l'ho portato alla sua bocca. Girò la testa mentre le parlavo piano. “È il tuo corpo piccola. Non è che non ci giochi e ti lecchi le dita.“

“Lo so, ma è diverso con te che lo fai. Eri nel profondo di me. Per favore, sii paziente con me", ha osservato. Le ho spalmato il succo della figa su tutto il viso e l'ho leccato via. Poi mi sono seduto e l'ho sobbalzata in aria e l'ho tirata verso di me facendola rotolare all'indietro sul sedile in modo che la sua testa fosse sul sedile e il suo culo fosse sulla mia faccia. Feci scivolare le sue mutandine dai suoi gioielli e piantai il mio viso in profondità tra le sue gambe. Aveva un sapore e un odore delizioso. Le ho spalancato le gambe e ho fatto scivolare un piede sotto il poggiatesta anteriore e uno sotto la maniglia d'ingresso sul soffitto. Ho fatto scorrere delicatamente la lingua attorno ai bordi della sua figa e ho baciato la sua piccola macchia di pelle tra la base della sua figa e il suo buco del culo. All'inizio ha protestato. "No, non farlo." Tirò giù i piedi e mise le gambe sulle mie spalle. Le ho baciato le ginocchia.

"Fidati di me. Si sentirà bene. Ti sei fidato di me fino a questo punto. Credi davvero che ti potrei indirizzare male? Qualcuno ti ha mai fatto sentire così bene?

"No."

"Bene, allora perdi le inibizioni e lascia che ti faccia sentire bene come hai fatto sentire me." Ho rimesso i suoi piedi al loro posto e sono tornato al lavoro. Quando ho iniziato ad annusare, leccare e baciare il suo ano, lei si è dimenata sul sedile. «Rilassati», dissi. Lentamente, ha rilasciato il suo disagio e mi ha lasciato lavorare il suo piccolo buco rosa. Quando ho iniziato a farle scivolare la lingua dentro, lei ha teso i fianchi.

"Ho paura di scoreggiare su di te."

Risi. "Va bene. non mi fermerò. Sono molto strano. L'unica cosa che non puoi fare è prendermi in giro". Abbiamo riso entrambi e questo l'ha costretta a rilassarsi. Ha allentato i fianchi e ha fatto uscire un po' di poot. L'odore era inebriante. Continuava a ridere e io affondai la bocca contro il suo ano e feci l'amore con il suo buco del culo. È diventata sempre più bagnata mentre leccavo. Finalmente sono tornato alla sua figa. Leccai delicatamente i bordi mentre il suo corpo rispondeva con un'umidità sempre più appiccicosa.

“Non sono mai stato così eccitato! Se non ti sbrighi a fottermi, ti vengo in bocca!” Quella era tutta l'ispirazione di cui avevo bisogno. Ho seppellito la mia lingua nel profondo del suo canale d'amore. Ho canticchiato leggermente mentre esploravo ogni centimetro della sua figa. In solo un paio di minuti, è venuta forte, spruzzando bocconi di fluido appiccicoso nell'aria, tutto nella mia bocca e nel mio viso. Ho leccato tutto ciò che potevo, tracciando tracce di liquido dal suo clitoride lungo le sue cosce più interne, lungo i fianchi fino all'ano e attraverso il sedile. Mi ha spinto indietro la testa e ha detto che non ce la faceva più. Ho dovuto fermarmi e riprendere fiato, quindi l'ho lasciata recuperare qualche istante. Alla fine, mi ha detto di sdraiarmi sul sedile. Si arrampicò sopra di me e penetrò nella sua figa con il mio grosso membro palpitante. Aveva una gamba sul pavimento e l'altra sullo schienale del sedile. Mi stava cavalcando forte e veloce, le sue piccole tette a coppa B che rimbalzavano leggermente. Si è avvicinata all'orgasmo, quindi l'ho presa in braccio e l'ho lanciata con la schiena contro il sedile. Lei ha protestato.

“Perché diavolo l'hai fatto? Stavo per tornare di nuovo!”

“Volevo che tu sborrassi forte. Ecco perché. Pensi di essere pronto per questo?" Ho chiesto.

“Fottimi adesso, dannazione! Fottimi adesso!” Sono entrato nella sua figa così velocemente che è saltata. "Oh mio Dio, sei così profondo!" Avevo sollevato le gambe sopra le mie spalle e posizionato il bacino sul suo stomaco in modo da poter spingere in profondità. Il sedile era abbastanza elastico da poterla spingere su e giù con un piede sul sedile e l'altro sul pavimento. La stavo scopando forte e veloce.

"Oh Dio! Oh Dio! Oh Gaaahhhhhddd…..” La sua voce si spense e le lacrime scesero dai suoi occhi. Mi sono fermato all'improvviso. Mi afferrò i fianchi con le unghie e mi ringhiò.

"Stavi piangendo, pensavo di farti del male."

“No, sto avendo il miglior orgasmo della mia vita. Ora torna a questo --- ORA!”

Immediatamente ho ripreso a pompare dentro e fuori di lei. Più veloce, più veloce e più veloce. "Per favore, non fermarti, non importa cosa!"

Ho continuato a scoparla, forte e veloce. Il corpo di Nicole è diventato molle mentre sembrava avere un attacco. I suoi muscoli della figa hanno schiacciato il mio cazzo come nessuna figa ha mai fatto. Lei tremava e tremava mentre iniziavo a venire. Ha iniziato a venire così forte che il sedile è diventato un pasticcio appiccicoso. Poi io, gocciolando sudore dal mio viso fino al suo, ho iniziato a sentire il mio succo d'amore schizzare dentro di lei. Immediatamente si alzò di scatto e mi gettò di nuovo sul sedile, divorando il mio pene con la bocca. Si muoveva su e giù per il mio albero con tale precisione, tale abilità. Non si è mai imbavagliata, non ha mai perso un colpo. Sono venuto per quello che sembrava mai. Quando ho finito, ha fatto scivolare la bocca dal mio cazzo e ha leccato anche le mie palle. Alla fine crollò sul sedile sopra di me, la testa posata proprio accanto al mio pene.

“Mio Dio, è stato fantastico! Potrei assaporare la mia figa forte sul tuo cazzo. In realtà mi è piaciuto. Non lo farei mai per il mio ex ragazzo. Era buono per te?" lei fece le fusa.

“Non credo di essere mai arrivato così tanto. Mi ha sorpreso che tu avessi abbastanza forza per spingermi via. Hai avuto un attacco?" Ho chiesto.

“No, ho appena avuto il miglior orgasmo conosciuto dall'uomo. Per tutto questo tempo ho pensato di amare così tanto il mio ex ragazzo perché il suo cazzo era così grande - quasi 3 pollici più lungo di te - ma non mi ha mai fatto venire in quel modo. Mi hai fottuto così bene! Si arrampicò sopra di me e mi baciò profondamente. Potevo ancora assaporare la dolce miscela del suo succo di figa e il mio sperma nella sua bocca.

"Beh, sai dove trovarmi se mai ne vuoi di più." Ho riso dolcemente.

“Oh, vedrai molto di più di me, piccola. Perché sarò nel tuo letto quando tornerai a casa dal lavoro.

“Due problemi con quel bambino. Che mi dici del mio feticcio per comprare i calzini o di tuo padre predicatore? Sai che mi piace mettere le mani sui piedi di ragazze diverse quando posso. E tuo padre cagherebbe un mattone!

“Prima di tutto,” iniziò, “sono la tua nuova ragazza. Non mi interessa con chi giochi, basta che mi scopi in quel modo ogni giorno. Diavolo, per quel che mi interessa, portali a casa e annusali i piedi e succhiagli le dita dei piedi, purché tu mi stia fottendo il cervello quando lo fai. Quanto al mio PASSO-padre, fanculo quello che pensa. Tu vivi solo una volta e io vivrò la vita al massimo. Non vorresti che mi prendessi cura di te ogni giorno? La mia figa apparterrà a te e puoi annusare i miei piedi ogni giorno quando torno a casa dal lavoro. Non ti ho mai capito prima, ma se i miei piedi puzzolenti ti eccitano in quel modo, farò del mio meglio per farli sudare tutto il tempo. E penso che potrei smettere di usare il deodorante dato che ti piace così tanto l'odore del corpo. Promettimi solo che posso prendere quel cazzo ogni notte! Lei mi guardò e sorrise.

"Wow, non so cosa dire." ho affermato.

"Forse possiamo convincere qualcuno a fare una cosa a tre", mi guardò con un sorriso malvagio sul viso.

“Penso che mi piacerebbe davvero. Sono anni che cerco di avere una via a tre”. Ho risposto.

Infilò una mano nel suo taccuino e tirò fuori il cellulare. "Chi chiamerai?"

"Nessuno", ha detto. "Almeno non ancora. Voglio mostrarti qualcosa. Voglio prima una foto. Mi stava accarezzando il cazzo mentre parlavamo. Le stavo massaggiando i piedi. Mi ha messo i piedi in grembo e ha scattato una foto. "Sarà il mio nuovo sfondo", tubò. Ha premuto alcuni pulsanti sul telefono. Ha girato il telefono verso di me mostrandomi le foto di lei e della nostra amica comune, Yami, una ragazza ispanica che aveva una figura fantastica e coppe DD. Per la sua altezza, era solo un po' sovrappeso, e il suo seno era troppo grande, ma era una cagna sexy con una piccola taglia di un metro e mezzo e un culo fantastico. Le due ragazze erano in varie fasi di spogliarsi e di rapporti sessuali. C'erano persino foto di Nicole che baciava le dita dei piedi di Yami.

"Non c'è modo!" gridai mentre mi sedevo sul sedile e afferravo il telefono. “Ho sentito che hai avuto un'esperienza lesbica, ma non sapevo che fossi diventata bisessuale con me! Dannazione, quella ragazza ha delle tettone! Ho sfogliato le immagini.

“Questo è ciò che mi piace di più di lei. Almeno non ci daremo fastidio quando la scopiamo. Puoi avere i suoi piedi, che tra l'altro puzzano molto peggio dei miei, e io posso avere le sue tette. Sai che non indossa mai i calzini!

Il mio cazzo stava crescendo di nuovo. “Posso succhiarti via questa volta? La mia figa è troppo dolorante per oggi.

“Fai pure, piccola. Ma solo se possiamo 69. Ti bacerò e ti leccherò per farti sentire meglio". Ha ottenuto di nuovo quel sorriso malvagio sul viso e si è voltata rapidamente dall'altra parte mentre scivolavo sul sedile. Prima di sdraiarsi sopra di me, ha fatto sedere il suo bel culetto sulla mia faccia e ha scoreggiato di nuovo su di me. Sapeva che questo mi avrebbe reso duro come una roccia e ha immediatamente ingoiato la mia virilità. Potevo sentire l'odore dei suoi piedini puzzolenti accanto alla mia testa mentre succhiavo il suo clitoride, la loro umidità toccava i lati del mio viso mentre il loro odore ancora forte mi solleticava il naso. Dopo solo pochi minuti, mi ha fatto venire di nuovo e ancora una volta ha ingoiato ogni goccia. Proprio mentre sono venuto a prenderla, mi ha fatto entrare in bocca un flusso di melma appiccicosa. Ci accasciammo sul sedile, entrambi sudati copiosamente. "Sì, ti stai trasferendo da me."

“Sembra che tu abbia deciso. Va bene se viene anche Yami? Ha litigato con sua madre e suo padre per un po' e vuole andarsene. Con tutti e tre che lavoriamo, non dovrebbe essere difficile pagare l'affitto. Possiamo darle qualche mese per risparmiare un po' di soldi e avere un posto tutto suo". Era ancora accovacciata su di me, il suo piccolo buco del culo stretto sulla mia faccia mentre era sdraiata lì.

“Sembra che noi tre ci divertiremo molto insieme. Non deve preoccuparsi di trasferirsi mai. Può anche uscire con chi vuole purché ci paghi l'affitto in sesso e piedi, settimanalmente. Solo una domanda: cosa dirà Paige quando verremo tutti al bar per bere qualcosa insieme?

Nicole rise istericamente. “Può guardarci baciare e scherzare seduti al suo bar e ammalarsi se vuole. Per quanto tu mi abbia appena fatto sentire bene, ti succhierò davanti al mio patrigno e non me ne frega niente di quello che pensa. Può baciarmi il culo!”

"In realtà, questo è il mio lavoro." Ho fatto scorrere la lingua sul suo buco del culo e ho cercato di entrarci dentro, ma lei ha stretto i fianchi e mi ha pizzicato il naso. Risi finché non sentii bussare alla finestra.

"Tutto bene là dentro?" Ho riconosciuto la voce. Era Charles della concessionaria. Stava ridendo. "Immagino che il test drive sia andato abbastanza bene."

È una buona cosa che le finestre fossero molto colorate. Abbiamo riso. "Solo un secondo, Charles." Sono saltato fuori e mi sono infilato la maglietta.

"Accidenti, c'è odore di sesso là dentro!" esclamò Carlo. Mi ha preso in giro un po' mentre mi ha fatto notare il flash che ha avuto di Nicole che si è vestita sul sedile mentre chiudevo la porta.

“Dovrebbe. Mi ha appena fottuto il cervello! Nicole tubò mentre usciva dalla porta sul retro. "Sei sicuro di non essere nato nero, perché è il cazzo più grande che abbia mai visto!"

Charles rise e disse che Sedrick lo aveva mandato a controllarci. Erano le 8:30 e la concessionaria era chiusa. Charles prese il telefono e disse a Sedrick che avevamo portato l'auto a casa dei clienti per mostrarlo a suo padre e che ci eravamo fermati a prendere una bibita sulla via del ritorno. Ci raggiunse al minimarket e stavamo preparando il nostro ritorno. Sedrick ha detto che ci avrebbe visti domattina e che avrebbe portato le chiavi a casa con me. Disse a Charles che sarebbe partito per la notte.

«Ti ho coperto le spalle, Jameson, ma potresti voler lasciare le finestre abbassate su questa cosa stasera. C'è odore di puro culo lì dentro. Charles rise e me ne diede cinque. "Un modo per segnare Jameson!"

Nicole mi porse le sue minuscole mutandine gialle prima di fare il giro della Jeep per salire sul sedile dei passeggeri. Charles guardò solo con stupore. «Credo che ci vedremo domani, Charles. Buona notte e grazie".

Charles si accese e se ne andò e io mi misi al volante. "Allora cosa ne pensi della Jeep?" Ho chiesto a Nicole.
'
“Penso che lo prenderò. Il test drive è andato davvero bene. In effetti, penso che prenderò questa e qualsiasi macchina tu voglia. Puoi prenderti cura della mia figa e io mi prenderò cura di te. Dopotutto, ora sono un'infermiera e ho bisogno di qualcosa per cui spendere i miei soldi. E quando torno a casa da una dura notte di lavoro, leccherai i miei piedi puzzolenti stanchi e la mia figa succosa ogni notte per togliermi tutto lo stress. Affare?"

"Affare! Andiamo a casa e diamo la notizia al mio padrone di casa", dissi. “Ragazzi, sarà sorpreso. Ma la tua figa è così dolce. Capisci che sei la mia nuova ragazza. Yami è la tua ragazza e non il mio obiettivo principale. Mi sei sempre piaciuto e ti ho voluto. Yami sarà solo un vantaggio marginale per me. Grazie per avermi permesso di giocare con la sua piccola taglia sexy di un metro e mezzo. Li ho visti solo un paio di volte quando mi ha preso in giro facendomi sentire quanto sono morbidi. Ti amo, Nicole.

"Non avrei potuto dirlo meglio da sola", ha risposto. Mi ha baciato forte. “Sembra che tu sia bloccato con me per molto tempo a venire. Anche se ho una confessione. Amo davvero il porno. Avrai problemi con me che tengo la mia collezione di porno e navigo in rete per cercare nuovo materiale?"

«Niente affatto, tesoro. Sempre che per me valga la stessa regola”.

“Un'altra piccola cosa. Per favore, non arrabbiarti con me", ha osservato. Si voltò da me sul sedile e guardò fuori dal finestrino. Ho acceso il camion e abbassato i finestrini per far entrare la brezza fresca.

“Dopo il divertimento che ci siamo appena divertiti, niente che tu possa mai dire potrebbe sconvolgermi, piccola. Ti scoccia se fumo? Mi hai appena fatto uscire tre volte in meno di un'ora e ho bisogno della mia sigaretta. Qual è la tua preoccupazione?" Mi sono allungato e ho girato il suo viso verso di me. Niente che potesse dire me la farebbe amare di meno. Mi aveva appena fatto due regali perfetti: i suoi giovani piedi puzzolenti e il suo corpicino stretto da scopare a piacimento.

Lei annuì e iniziò, con una lacrima che le scese lungo la guancia. “A volte mi ritrovo a guardare foto audaci di preadolescenti e adolescenti: ragazzi e ragazze, ma principalmente ragazze. Qualcosa nella loro bellezza e innocenza giovanile mi fa impazzire. È troppo strano? Mi dispiace. Non avrei dovuto dirlo. Pensi che io sia un mostro, vero? Mi dispiace." Si voltò di nuovo. "Non ti biasimo se mi odi adesso." Si voltò da me sul sedile, tirando su le gambe sul sedile sotto di lei in modo che le sue piante dei piedi fossero vicine a me mentre si appoggiava alla porta.

Mi sono accostato al ciglio della strada, ho slacciato la cintura e mi sono chinato sulla consolle per annusare di nuovo quei bei piedi. Si voltò di nuovo stupita che la volessi ancora. Dio, i suoi piedi puzzavano. E ne ho amato ogni minuto. I pulled her around and started in on her feet again. They were so soft and cute. I loved the sweaty smell they had the way they tasted. I got hard again so I positioned her in her seat so her clammy soles were rubbing up and down my still slippery member.

“Tell you what,” I said, “if you don’t mind me looking at my tween aged “art” photos of girls, I won’t mind what you look at. Maybe we can role play. You can be my little daughter, and I will be your baby brother. We will see who can nut the hardest!”

She smiled largely and kissed me deeply. “Maybe we can put a diaper on Yami and she can be our little girl and we can do her together. That sound like fun?”

“Let’s get home. I want to fuck you again before I go to sleep. This is going to be the beginning of a beautiful relationship,” I said.

“No, let’s go to Sagebrush. Paige is bartending tonight and I want to see the look on her face when we walk in together.” Nicole looked at me again with that evil look as I punched the gas. When we got there, I told Nicole to jump on my back for a piggy back ride. Her legs were so soft and smooth and I knew it would be hard to keep my hands off of them as we sat together. As I carried her in the door, we were surprised to meet Paige at the hostess stand. Her mouth dropped open and she just stood and stared. I put Nicole down and Ron walked up to greet us with a puzzled look on his face and give Nicole a big hug. Paige sighed loudly and walked back into the bar. Nicole and I looked at each other and just laughed.

Storie simili

Il mio compito per i media.

Ho ricevuto una chiamata per entrare nell'ufficio del mio editore per un incontro con il signor Giles. Stavo lavorando al giornale locale da 6 mesi, quindi naturalmente ero nervoso. Mi chiedevo cosa avessi fatto di sbagliato, tale era la mia negatività. Rachael, per favore siediti ha detto mentre entravo. Mi sono seduto dentro tremante mentre aspettavo quella che pensavo sarebbe stata una brutta notizia. Rachael, ho visto il tuo pezzo sulle corse dei levrieri e sull'esca viva ha detto è stato fantastico. Penso che avrebbero sentito il mio sospiro di sollievo nel prossimo edificio. “Evidentemente ami gli animali” ha aggiunto. Sì...

543 I più visti

Likes 0

La festa parte 1_(0)

Finalmente è arrivato venerdì sera e Silk era davvero nervoso. Invidiava gli altri due per la loro esperienza perché erano eccitati invece che spaventati. Era così nervosa che quando Michael pronunciò il suo nome; lei quasi saltò fuori dalla sua pelle e squittì un sì Maestro. Seta, hai paura? le chiese Michael, con voce piena di preoccupazione. «Un po'», disse a bassa voce. Michael l'abbracciò e le sussurrò parole di rassicurazione all'orecchio. Le disse che tutto quello che doveva fare quella sera era guardare e che nessuno l'avrebbe toccata a meno che lei non avesse detto che andava bene. Le aveva...

560 I più visti

Likes 0

Surrogato sessuale

Surrogato sessuale Ch1 Spruzzandomi acqua sul viso e fissando un grande specchio del bagno, stanco per la lunga serata che ho passato ieri sera in cui ho avuto una conferenza di oltre cento invitati in cui ho parlato loro del mio lavoro. No, non ero una squillo, non mi sono mai spogliata, non ho mai lavorato in un bordello e non faccio pubblicità. Sono fondamentalmente uno psicologo che aiuta uomini, donne e anche coppie con disabilità ad esibirsi durante il sesso. Come surrogato del sesso per la maggior parte del tempo insegno il contatto intimo, insegnando alle persone come trovare il...

607 I più visti

Likes 0

Il Cavaliere e l'Accolito Libro 5, Capitolo 7: Il dominio dell'Orco

Il Cavaliere e l'Accolito Libro 5: Il tesoro del Vault Capitolo sette: Il dominio degli orchi Per mionome3000 Copyright 2016 Nota: grazie a B0b per aver letto questa versione beta. Mago Faoril – La Libera Città di Raratha “Sembra che Sophia si stia divertendo,” sorrisi compiaciuta. Chaun fece una smorfia. Le piace il dolore più di me. ho sbuffato. Lanciai un'occhiata alla porta, Sophia e Relaria sussultarono e gemiti che provenivano dal legno verde scuro dell'appartamento della lamia nel Palazzo Saltspray. Lo schiaffo di carne, il ruscello di un letto. Era sesso caldo e appassionato. La lamia ha scopato duramente Sophia...

598 I più visti

Likes 0

Aprile - Parte II

Grazie a tutti per i bei commenti e le valutazioni generalmente positive. Mi scuso che la parte 2 abbia impiegato così tanto tempo, ma volevo assicurarmi che fosse il migliore possibile prima di pubblicarla. Spero che questa parte vi piaccia, e cercate una parte 3 nelle prossime settimane. Per favore continua a valutare e commentare, e se non ti piacciono gli elementi del mio racconto, per favore fammi sapere nei commenti come pensi che potrei migliorare. Rob e April giacevano nel letto di April, persi nei propri pensieri post-coito. Si erano assicurati l'un l'altro che questa sarebbe stata una relazione senza...

585 I più visti

Likes 0

Grace è una ragazza scat

Ogni sera dopo il college Grace cercava consigli per flirtare online e da quando ha scoperto il porno alcuni anni fa, ne era stata ossessionata. Ora che vive da sola, si siede sulla sedia per ore e ore a guardare i contenuti più sgradevoli che riesce a trovare. Aveva sempre avuto un lato malato in lei, ma si è davvero acceso alcuni anni fa quando i suoi compagni di scuola le hanno mostrato il video 2 Girls 1 Cup, ha dovuto mostrarsi disgustata di fronte a loro mentre nascondeva segretamente la macchia bagnata tra le sue gambe . Tutte le sue...

581 I più visti

Likes 0

Il nuovo paziente di Sarah - Prima parte

Sarah era nervosa mentre usciva dalla sua macchina e si dirigeva verso le porte che l'avrebbero riportata al lavoro per la prima volta dalla festa di Capodanno dove aveva recentemente perso la verginità. L'intera notte era ancora confusa... un'eredità di punch alla frutta e una notte di scopate intense che non si aspettava né voleva, ma durante la quale ricordava distintamente di aver avuto un orgasmo più e più volte mentre implorava gli uomini che l'avevano portata a scopare lei e sborra dentro lei. L'intera faccenda sarebbe potuta sembrare un brutto sogno se non fosse stato per il fatto che...

574 I più visti

Likes 0

Lo spirito di Cassy

Jason ha incontrato Cassy durante il loro primo anno al college. Stava per cambiare il mondo degli affari e metterlo all'orecchio con la sua brillante intuizione e fermezza e lei si è diretta nel mondo dell'istruzione della nostra giovinezza diventando un'insegnante secondaria di inglese. Entrambi erano ambiziosi ma ingenui ed entrambi i loro desideri si sono rivelati sbagliati. Faceva parte della poltiglia che si impara oggi nei nostri college e non se ne sono resi conto fino a quando non sono entrati nel mondo reale. Ma quel primo incontro tra i due fu qualcosa di speciale che cambiò per sempre le...

459 I più visti

Likes 0

La strega_(0)

La strega Di Gail Holmes Renee non si era mai fidata della vecchia, non sapendo mai cosa stava combinando, una strega più malvagia che probabilmente non avresti potuto chiedere, le piaceva ogni forma di Magia Nera. Aveva sentito parlare dei suoi poteri da altre persone, che le dicevano di non incrociare mai la vecchia. Il problema era che sembrava che l'avesse fatto, e non c'era modo di fare ammenda. Renee e suo marito erano una coppia adorabile, amichevole con tutti, è solo che la vecchia si era offesa per qualcosa che era stato detto. Stan, suo marito era via per la...

406 I più visti

Likes 0

Il Seduttore è la Sirena

Quando le persone mi chiedono perché rimango sempre dopo la scuola, dico loro che sto studiando. Naturalmente, questo significa per loro che sto facendo i compiti. Nu eh. Sto studiando tutti i modi per fare sesso, se vuoi metterla in questo modo. Unisciti alla mia prima piccola avventura, vuoi? - Celeste Ringer! Dopo la lezione, per favore! gemetti, sbattendo il telefono sulla scrivania. Signor Perkinson, il mio insegnante sorrise malvagiamente. Sono sicuro che i tuoi amici potranno parlarti più tardi. Sospirai pesantemente e guardai le mie mani. Io e Stephanie, la mia migliore amica, stavamo parlando di uscire per il mio...

361 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.