La ragazza - Libro 1 - Capitolo 3 - 1/3

140Report
La ragazza - Libro 1 - Capitolo 3 - 1/3

Hank e Sam cercarono di comportarsi come al solito, ma in realtà avevano paura che da un giorno all'altro la polizia potesse venire nel loro laboratorio. La ragazza conosceva i loro nomi e dove lavoravano. Prima o poi si aspettavano che lei li denunciasse. Erano stressati e non potevano farci nulla. Si prepararono a lasciare la città, ma non andarono ancora avanti, perché amavano il loro laboratorio.

Tuttavia, un giovedì pomeriggio, la ragazza entrò nel loro laboratorio. Cominciò a girare per il negozio, come se stesse cercando qualcosa, e guardò oltre gli scaffali.

--- "Cerchi qualcosa, piccolino?"

--- "SÌ." --- Disse, voltandosi verso Sam --- "Ho pensato che forse potresti aiutarmi con qualcosa."

Sam fu sorpreso di vedere che era Lilly. Gli venne in mente un rapido pensiero: si tratta di una trappola della polizia.

--- "Che cosa sarebbe, Lilly?" --- disse abbastanza forte perché Hank potesse sentirlo.

--- "È un po' imbarazzante." --- Abbassò la testa --- "Io non..."

--- "Che cos'è?" --- chiese Sam con impazienza --- "Non c'è nessuno qui, puoi dire"

--- "Potresti chiudere prima le porte?" --- disse, quando Hank arrivò dal retro.

Sam si avvicinò all'ingresso principale e lo chiuse con il catenaccio. Il rumore delle porte che si chiudevano le provocò un brivido in tutto il corpo. Sam poi abbassò alcune persiane alle finestre.

--- "Quindi, cos'è?" --- disse Hank.

Lilly rimase in silenzio, abbassando gli occhi e mordendosi il labbro. Lentamente fece scivolare le spalline del vestito ai lati delle spalle e lasciò cadere a terra il vestito estivo.

Non indossava niente sotto. Nemmeno le mutandine. Rimase lì, con la sua piccola figura nuda, di fronte ai due enormi uomini corpulenti. Sorridevano e osservavano avidamente il suo corpo. Chiuse gli occhi, quando vide i due uomini avvicinarsi. Lei gemette leggermente quando sentì delle mani enormi che cominciavano a toccarle il sedere e ad accarezzarle il seno.

--- "Perché sei qui?" --- chiese Sam.

--- "Io..." --- Lilly faticò a rispondere.

--- "Hai raccontato a qualcuno quello che è successo?" --- disse Hank.

--- "No signore." --- disse timidamente. Ne era molto intimidita.

--- "Hai detto a qualcuno di noi?" --- chiese Sam.

--- "NO."

--- "Qualcuno sa che sei qui?" --- chiese Hank, mettendole una mano sulla testa. La sua mano era così grande che aveva la sensazione che, se avesse voluto, avrebbe potuto frantumarle il cranio.

--- "No, signore. Ho saltato presto la scuola e ho detto ai miei genitori che passerò la notte a casa di un mio amico"

--- "Nessuno ti ha visto venire qui?"

--- "No, signore. Ho fatto anche un lungo percorso con la metropolitana."

--- "Inginocchiati" --- disse Hank spingendole la mano enorme sulla testa.

Si inginocchiò sul pavimento di cemento. Nudo. Si sentiva ancora più piccola e vulnerabile in ginocchio. Hank tirò fuori una pistola da dietro di sé, la armò e la puntò contro.

--- "Non è niente di personale ragazzo, ma per noi sei un po' un problema." --- Egli ha detto.

--- "Vedi" --- disse Sam --- "Ci hai saltato due volte e non possiamo rischiare che tu parli."

Lilly rimase calma, ma era terrorizzata a morte dalla pistola. Le vennero le lacrime agli occhi e presto una di esse scese lungo la sua guancia. Ci fu un lungo silenzio e lei riprese la decisione.

--- "Capisco." --- disse con voce spezzata.

Si sollevò leggermente dai talloni dei piedi e, con sorpresa degli uomini, si mise in bocca la canna della pistola. Chiuse gli occhi, facendo scendere altre lacrime dai suoi occhi, e si preparò per lo scatto.

--- "Che cos'è?" --- disse Sam, picchiettando delicatamente con il piede un pezzo di plastica tra le sue natiche.

Lei borbottò qualcosa.

Hank le tolse la pistola dalla bocca e le fece cenno di rispondere adeguatamente.

--- "Scusi signore." --- disse a Hand, e poi rispose a Sam --- "Li chiamano butt plug, signore."

--- "Hai un butt plug nel culo?" --- chiese Sam, piuttosto sorpreso.

--- "Si signore." --- lei disse. --- "Lo indosso tutti i giorni a scuola"

Sam e Hank si scambiarono qualche occhiata.

--- "Perché?"

--- "Mi sto allenando il culo. Non voglio che si strappi, quando tu..."

--- "Vaffanculo?" --- chiese Hank.

--- "Sì. Non voglio che si strappi, quando deciderai di violentarmi... lì."

Loro hanno riso.

--- "E come stanno andando gli allenamenti?" --- chiese Sam.

--- "Molto bene, signore." --- ha detto --- "Questa è già 2 taglie più grande di quella con cui ho iniziato."

--- "E quando hai iniziato?"

Lilly diventò rossa.

--- "Dopo l'ultima volta che... mi hai usato." --- Lei rispose --- "Ho davvero paura di strappare lì, potrebbe esserci un'infezione."

Sorridevano.

--- "Molto premuroso" --- ha detto Hank.

--- "Sì. Bella. Ma che mi dici della tua fica, ragazzo? Non ha bisogno di essere stirata?" --- chiese Sam.

--- "Oh, signore. Sono una ragazza educata. Non mi toccherei lì." --- lei disse.

--- "Non pensi che abbia bisogno di alcun addestramento?"

--- "Oh, ne sono sicuro, ma non oserei mai farlo, signore." --- lei disse.

Entrambi sorrisero.

--- "Penso anche che non si infetterebbe così facilmente se strappato." --- disse arrossendo di nuovo.

Calò il silenzio e lei non riusciva a sollevare gli occhi dall'imbarazzo. Alla fine si voltò verso Hank e riprese la canna in bocca.

--- "Hank, penso che potremmo divertirci un po' con lei." --- disse Sam

Hank ci stava chiaramente pensando.

--- "Inoltre, signore." --- disse Lilly, togliendosi per un attimo la pistola dalla bocca --- "Puoi sempre mettermi giù dopo." --- e avvolse di nuovo le labbra attorno alla canna.

--- "Ha ragione" --- disse Sam sorridendo.

Hank si rilassò un po' e si ritirò di nuovo.

--- "Credo che sia una buona idea allenare anche la fica. Ma ci vorrebbe tempo."

--- "Lo pensavo anch'io. Per questo ho detto ai miei genitori che passerò la notte a casa di un mio amico" --- disse abbassando gli occhi.

--- "Ma non possiamo tenerti qui così tutto il giorno. Abbiamo un laboratorio da gestire." --- Egli ha detto.

Lilly era sollevata di non morire. Almeno non ancora.

--- "Non avete un seminterrato dove tenere tutte le ragazze rapite?" --- disse Lilly guardandolo con i suoi occhi dolci.

Storie simili

Studiare per il corso di storia

Immagino sia iniziato come qualsiasi altro giorno, non sapevo che mi avrebbe cambiato per il resto della mia vita. Stavo aspettando di incontrare Tanya dopo la scuola per poter tornare a casa insieme come facciamo sempre, essendo lei la mia vicina e tutto il resto. Voglio dire, ho capito perché tutti i ragazzi della mia classe superiore si sono innamorati di lei. A 5'6 , con capelli castani lisci appena sopra le spalle, circa 120 libbre, e immagino che 32D tette fosse una delle ragazze più calde della mia classe, anche se io ero così timida e crescevamo insieme ho pensato...

650 I più visti

Likes 0

I miei figli innamorati di me 2

Sono una madre vergognosa, che razza di mostro sono? Ho lasciato che mio figlio di 16 anni mi accogliesse Prendendo la sua verginità. Mi sono sentito male e da quel giorno non sono più umano Diritto di parlare. Per definirmi madre! Io-potrei dire di no, Il pensiero di perderlo con una puttana trasandata. Ma guarda chi parla, ho fissato il lavandino, sono stato qui 20 minuti. Mi sentivo così triste, triste, avevo già finito di lavare i piatti a che diavolo sto bene adesso? Ho sentito le braccia avvolgermi lo stomaco e curvarle morbide Le labbra mi baciano la testa. Rabbrividii...

350 I più visti

Likes 1

Tia, la mia sexy vicina nera

Tia è una ragazza dalla pelle marrone media sulla trentina che vive accanto a me. Vive da sola, ha un ottimo lavoro in azienda e si veste bene ogni giorno quando va al lavoro. Lei è molto carina, estremamente sexy, ha un bel seno, lunghi capelli neri e fluenti e bellissimi occhi scuri. Mi eccita totalmente ogni volta che la vedo. Ho stretto un'amicizia con lei e ovviamente flirto molto con lei. Adoro il suo sorriso e ha una personalità piacevole. La saluto sempre e di solito le faccio i complimenti per la scelta dell'abbigliamento per la giornata, e talvolta faccio...

365 I più visti

Likes 0

T o D parte 2

Mi stavo solo chiedendo se sarebbe una seccatura per voi se il prossimo avesse qualche azione tra ragazzi e ragazze. Sicuramente terrò la parte gay ma quella etero aiuterà a sviluppare la storia in più parti quindi se vuoi che continui lascia un commento La mattina dopo i quattro ragazzi si svegliarono dopo un breve riposo. Allora, Ace e Mike, quanto tempo vi fermerete? chiese Bryce. Beh, mi sono appena ricordato che oggi devo andare da qualche parte con mio padre, ha detto Mike. Oh, okay, che ne dici di te, Ace? chiese Bryce. Sì, posso restare quanto voglio, ha detto...

336 I più visti

Likes 0

Essere comandato

Naomi Price stava affrontando una crisi non causata da lei stessa, ma che solo lei poteva capire come risolvere. Aveva 38 anni e la sua carriera stava andando bene. Ma sua figlia di 14 anni frequentava una scuola privata. Lei e suo marito avevano divorziato poco dopo la sua nascita. Il suo mantenimento dei figli non aiutava Naomi a sbarcare il lunario. Inoltre, la carriera del suo ex era andata nel serbatoio; lavorava solo part-time e riusciva a malapena a cavarsela da solo. Un anno prima, Naomi aveva collocato sua madre in una struttura di residenza assistita. Anche se era molto...

317 I più visti

Likes 0

Esplorazione del liceo capitolo 4. Finalmente la festa _(0)

Grazie per aver letto la mia storia. Questa è una storia vera per come la ricordo. Questa storia potrebbe non essere adatta a tutti. Il telefono squillò verso mezzogiorno, era Cindy. Perché non sei a scuola oggi? Faresti meglio a non pensare di saltarci fuori stasera. Che cosa? No, ci sarò. io semplicemente... Mi ha interrotto. Faresti meglio ad essere qui per la lezione pomeridiana! Io non… Mi ha riattaccato. Oh fantastico, ora è di nuovo arrabbiata. Ho provato a richiamarla tre volte ma non ha risposto. Rimasi lì per un po' a pensare. Oh sì, devo prepararmi per la festa...

278 I più visti

Likes 0

Il mio ultimo respiro cap. 1

Amelia Il mio respiro sembrava pesante nel silenzio mortale che mi circondava. Le strade deserte sono immerse nell'oscurità totale e lasciano che le ombre e la fitta nebbia lo rendano estremamente spaventoso e sinistro. Non sapevo se avrei mai potuto smettere di correre, ma sapevo che presto avrei dovuto farlo, perché presto i miei polmoni e il mio cuore non ce la facevano più, perché mi sentivo come se fossi pugnalato con un coltello ad ogni respiro e passo che ho fatto. Ma non riuscivo proprio a fermare i piedi, perché ogni volta che cominciavo a camminare e cercavo di rilassarmi...

320 I più visti

Likes 0

Racconti incestuosi della quarantena 7: delizie di creampie delle sorelle

Racconti incestuosi della quarantena Storia sette: le delizie dei creampie delle sorelle Di mypenname3000 Diritto d'autore 2020 Nota: grazie a WRC264 per aver letto la beta! René! il mio fratello maggiore gemette mentre il suo sperma veniva pompato nella mia figa. SÌ! La mia figa birichina si contorceva attorno al cazzo di mio fratello maggiore. Tremavo, piagnucolavo e gemevo mentre il suo meraviglioso seme veniva pompato nella mia fica. Tremavo, piegato sul cofano della Camaro del 1969 su cui stava lavorando nel garage della nostra famiglia. Avevo aiutato Clancy tutta la settimana. Da quando finalmente mio fratello maggiore mi aveva notato...

141 I più visti

Likes 0

Benefici marginali relativi al lavoro, pt. 2

La scorsa notte è stata una notte incredibile e l'inizio di quello che speravo sarebbe stato una serie di bellissimi incontri con Susan, le sue figlie gemelle, e da non lasciare fuori, la mia ragazza migliore in ufficio e capobanda lussuriosa, Debbie. Persino la cameriera del bar, Tammie, ha proposto possibilità molto interessanti mentre dimostrava una propensione e una mentalità sessuale che secondo me dovevano contenere alcuni segreti sessuali da qualche parte nel profondo. E per quanto riguarda il personale dell'ufficio, tutte donne come ho detto prima, ora avevo avuto una vera festa di sborra esplosiva con due di loro. Con...

1.5K I più visti

Likes 0

Chat room: una vendetta malvagia della fidanzata

Torni a casa dopo una lunga giornata di lavoro; ti togli il cappotto e vai in cucina per una birra. Quando apri la porta del frigorifero, la tua ragazza si avvicina da dietro, coprendoti gli occhi con una benda. Lo lega stretto essendo un po 'ruvido Ho un osso da scegliere con te !! ti scatta contro. 'Ma che...?! Chiedi, alzando la mano per scoprirti gli occhi. Ti dà uno schiaffo sul dorso della mano e ti afferra il polso tirandoti fuori dalla cucina. Essendo bendato sei disorientato e perdi l'equilibrio, quasi inciampando mentre ti trascina su per le scale. La...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.