La ragazza - Libro 1 - Capitolo 3 - 1/3

323Report
La ragazza - Libro 1 - Capitolo 3 - 1/3

Hank e Sam cercarono di comportarsi come al solito, ma in realtà avevano paura che da un giorno all'altro la polizia potesse venire nel loro laboratorio. La ragazza conosceva i loro nomi e dove lavoravano. Prima o poi si aspettavano che lei li denunciasse. Erano stressati e non potevano farci nulla. Si prepararono a lasciare la città, ma non andarono ancora avanti, perché amavano il loro laboratorio.

Tuttavia, un giovedì pomeriggio, la ragazza entrò nel loro laboratorio. Cominciò a girare per il negozio, come se stesse cercando qualcosa, e guardò oltre gli scaffali.

--- "Cerchi qualcosa, piccolino?"

--- "SÌ." --- Disse, voltandosi verso Sam --- "Ho pensato che forse potresti aiutarmi con qualcosa."

Sam fu sorpreso di vedere che era Lilly. Gli venne in mente un rapido pensiero: si tratta di una trappola della polizia.

--- "Che cosa sarebbe, Lilly?" --- disse abbastanza forte perché Hank potesse sentirlo.

--- "È un po' imbarazzante." --- Abbassò la testa --- "Io non..."

--- "Che cos'è?" --- chiese Sam con impazienza --- "Non c'è nessuno qui, puoi dire"

--- "Potresti chiudere prima le porte?" --- disse, quando Hank arrivò dal retro.

Sam si avvicinò all'ingresso principale e lo chiuse con il catenaccio. Il rumore delle porte che si chiudevano le provocò un brivido in tutto il corpo. Sam poi abbassò alcune persiane alle finestre.

--- "Quindi, cos'è?" --- disse Hank.

Lilly rimase in silenzio, abbassando gli occhi e mordendosi il labbro. Lentamente fece scivolare le spalline del vestito ai lati delle spalle e lasciò cadere a terra il vestito estivo.

Non indossava niente sotto. Nemmeno le mutandine. Rimase lì, con la sua piccola figura nuda, di fronte ai due enormi uomini corpulenti. Sorridevano e osservavano avidamente il suo corpo. Chiuse gli occhi, quando vide i due uomini avvicinarsi. Lei gemette leggermente quando sentì delle mani enormi che cominciavano a toccarle il sedere e ad accarezzarle il seno.

--- "Perché sei qui?" --- chiese Sam.

--- "Io..." --- Lilly faticò a rispondere.

--- "Hai raccontato a qualcuno quello che è successo?" --- disse Hank.

--- "No signore." --- disse timidamente. Ne era molto intimidita.

--- "Hai detto a qualcuno di noi?" --- chiese Sam.

--- "NO."

--- "Qualcuno sa che sei qui?" --- chiese Hank, mettendole una mano sulla testa. La sua mano era così grande che aveva la sensazione che, se avesse voluto, avrebbe potuto frantumarle il cranio.

--- "No, signore. Ho saltato presto la scuola e ho detto ai miei genitori che passerò la notte a casa di un mio amico"

--- "Nessuno ti ha visto venire qui?"

--- "No, signore. Ho fatto anche un lungo percorso con la metropolitana."

--- "Inginocchiati" --- disse Hank spingendole la mano enorme sulla testa.

Si inginocchiò sul pavimento di cemento. Nudo. Si sentiva ancora più piccola e vulnerabile in ginocchio. Hank tirò fuori una pistola da dietro di sé, la armò e la puntò contro.

--- "Non è niente di personale ragazzo, ma per noi sei un po' un problema." --- Egli ha detto.

--- "Vedi" --- disse Sam --- "Ci hai saltato due volte e non possiamo rischiare che tu parli."

Lilly rimase calma, ma era terrorizzata a morte dalla pistola. Le vennero le lacrime agli occhi e presto una di esse scese lungo la sua guancia. Ci fu un lungo silenzio e lei riprese la decisione.

--- "Capisco." --- disse con voce spezzata.

Si sollevò leggermente dai talloni dei piedi e, con sorpresa degli uomini, si mise in bocca la canna della pistola. Chiuse gli occhi, facendo scendere altre lacrime dai suoi occhi, e si preparò per lo scatto.

--- "Che cos'è?" --- disse Sam, picchiettando delicatamente con il piede un pezzo di plastica tra le sue natiche.

Lei borbottò qualcosa.

Hank le tolse la pistola dalla bocca e le fece cenno di rispondere adeguatamente.

--- "Scusi signore." --- disse a Hand, e poi rispose a Sam --- "Li chiamano butt plug, signore."

--- "Hai un butt plug nel culo?" --- chiese Sam, piuttosto sorpreso.

--- "Si signore." --- lei disse. --- "Lo indosso tutti i giorni a scuola"

Sam e Hank si scambiarono qualche occhiata.

--- "Perché?"

--- "Mi sto allenando il culo. Non voglio che si strappi, quando tu..."

--- "Vaffanculo?" --- chiese Hank.

--- "Sì. Non voglio che si strappi, quando deciderai di violentarmi... lì."

Loro hanno riso.

--- "E come stanno andando gli allenamenti?" --- chiese Sam.

--- "Molto bene, signore." --- ha detto --- "Questa è già 2 taglie più grande di quella con cui ho iniziato."

--- "E quando hai iniziato?"

Lilly diventò rossa.

--- "Dopo l'ultima volta che... mi hai usato." --- Lei rispose --- "Ho davvero paura di strappare lì, potrebbe esserci un'infezione."

Sorridevano.

--- "Molto premuroso" --- ha detto Hank.

--- "Sì. Bella. Ma che mi dici della tua fica, ragazzo? Non ha bisogno di essere stirata?" --- chiese Sam.

--- "Oh, signore. Sono una ragazza educata. Non mi toccherei lì." --- lei disse.

--- "Non pensi che abbia bisogno di alcun addestramento?"

--- "Oh, ne sono sicuro, ma non oserei mai farlo, signore." --- lei disse.

Entrambi sorrisero.

--- "Penso anche che non si infetterebbe così facilmente se strappato." --- disse arrossendo di nuovo.

Calò il silenzio e lei non riusciva a sollevare gli occhi dall'imbarazzo. Alla fine si voltò verso Hank e riprese la canna in bocca.

--- "Hank, penso che potremmo divertirci un po' con lei." --- disse Sam

Hank ci stava chiaramente pensando.

--- "Inoltre, signore." --- disse Lilly, togliendosi per un attimo la pistola dalla bocca --- "Puoi sempre mettermi giù dopo." --- e avvolse di nuovo le labbra attorno alla canna.

--- "Ha ragione" --- disse Sam sorridendo.

Hank si rilassò un po' e si ritirò di nuovo.

--- "Credo che sia una buona idea allenare anche la fica. Ma ci vorrebbe tempo."

--- "Lo pensavo anch'io. Per questo ho detto ai miei genitori che passerò la notte a casa di un mio amico" --- disse abbassando gli occhi.

--- "Ma non possiamo tenerti qui così tutto il giorno. Abbiamo un laboratorio da gestire." --- Egli ha detto.

Lilly era sollevata di non morire. Almeno non ancora.

--- "Non avete un seminterrato dove tenere tutte le ragazze rapite?" --- disse Lilly guardandolo con i suoi occhi dolci.

Storie simili

Rossa focosa

Il mio nome è Rachel. Ho 35 anni, 5'7 , 135 libbre, capelli rossi che mi superano le spalle, occhi azzurri, lentiggini, pelle bianca pallida (mi dispiace che le rosse non si abbronzino). Indosso un reggiseno taglia 36DD con bei capezzoli grandi ( è impossibile nasconderli) e tengo il mio cespuglio rosso curato e curato. Sean è il mio migliore amico, facciamo quasi tutto insieme. Siamo amici da anni e non è mai successo niente di sessuale tra di noi. Così quando abbiamo deciso di fare un viaggio a Las Vegas per festeggiare il mio divorzio, non ci ho pensato. solo...

1.6K I più visti

Likes 0

Emerge la cagna interiore

Lo ha incontrato al bar circa 10 minuti dopo l'orario stabilito. Le piaceva farli aspettare, le piaceva la sensazione di potere che le dava vedere lo sguardo di sollievo quando arrivava. Indossava un abito semplice e poteva vedere il sollievo misto a una certa delusione sul suo viso quando notò che non indossava gli stivali. Sorridendo tra sé, mantenne il suo sorriso distaccato e si avvicinò al tavolo. Rimase lì, lanciando uno sguardo mirato alla sedia mentre aspettava. Dapprima perplesso, alla fine si rese conto che avrebbe dovuto alzarsi quando lei si avvicinò. Alzandosi rapidamente, fece il giro del tavolo per...

830 I più visti

Likes 0

La proposta: obblighi rispettati

La proposizione: Gli obblighi vengono rispettati Jenny e io abbiamo dormito fino a domenica mattina. Erano passate le 10:00 quando finalmente siamo scesi dal letto. “Dopo la nostra doccia, cosa vorresti per colazione?” chiese Jenny mentre iniziava a rotolare giù dal letto. Ha poi avuto uno sguardo addolorato sul suo viso. OH! Uumm, Jim, onorerò il nostro patto. Puoi avermi quando vuoi, ma se per te va bene, possiamo fare qualcos'altro la prossima volta? Sono così dolorante, non sono sicuro di poter nemmeno camminare. Il suo dolore era abbastanza comprensibile. Ho dovuto spingere molto forte per sfondare il suo imene e...

751 I più visti

Likes 0

Holli e una vela serale

Holli mi ha incontrato all'estremità del molo... e il mio cuore ha perso un battito quando è scivolata alla vista. Era vestita per una serata a bordo della mia barca: semplici sandali da barca, un bel top azzurro e un paio di pantaloncini cachi molto comodi che le dondolavano facilmente sulle curve, accennando a ciò che aveva da condividere sotto. 5'9 con capelli biondi, gambe lunghe e un corpo atletico in forma, Holli era entrato nel mio mondo attraverso un pomeriggio magico che abbiamo condiviso sul lungomare di Vancouver. Questa serata è stata il risultato del mio invito perché ci eravamo...

634 I più visti

Likes 0

L'inizio di un nuovo stile di vita

Gli inizi di Dominatrix di Smokin Hot Beh, tutto è iniziato diversi anni fa, quando mio marito voleva che provassi un ruolo in camera da letto dove lui sarebbe stato sottomesso a me e io lo avrei dominato. Era un uomo molto impegnato al lavoro con molto stress e pressioni dal suo lavoro e ha detto che voleva solo un po' di sesso senza cervello per alleviare lo stress della giornata. Non ero sicuro che mi piacesse l'idea di avere un marito sottomesso, ma di tanto in tanto abbiamo provato alcune piccole cose. Il mio cuore non era davvero coinvolto e...

590 I più visti

Likes 0

Dovere coniugale

Ricordo ancora la prima volta che ho visto Sandra per la prima volta. Ero un giovane trasandato di vent'anni. Era una ragazza molto sexy di 22 anni. È venuta da me mentre stavo cercando di avviare la mia motocicletta Norton 750 Commando un po' capricciosa. Ha detto qualcosa a proposito del fatto che le piacciono le biciclette. Questo era tutto quello che avevo bisogno di sentire. Una bruna dall'aspetto attraente con grandi occhi marroni in un paio di jeans attillati che si avvicina a me e mi dice che le piacciono le biciclette. La mia vita ha preso una svolta positiva...

489 I più visti

Likes 0

La vendetta di Danni

La vendetta di Dani La leggera nebbia aggiungeva umidità all'aria. Il fresco della notte la avvolse come un asciugamano bagnato, facendole correre un brivido lungo la schiena. Era fortunata a conoscere così bene la zona, altrimenti si sarebbe facilmente persa. Guardò attraverso gli alberi la casa dove viveva, sorridendo leggermente all'unica candela elettrica accesa nella finestra della cucina. Dani Summers ricordava le notti in cui restava sotto quella finestra ad aspettare che Joel Fuller uscisse per vederla. Poteva ancora sentire il calore delle sue braccia avvolte attorno a lui, il sapore dei suoi baci, la pienezza del suo cazzo nella sua...

422 I più visti

Likes 0

Il mio ultimo respiro cap. 1

Amelia Il mio respiro sembrava pesante nel silenzio mortale che mi circondava. Le strade deserte sono immerse nell'oscurità totale e lasciano che le ombre e la fitta nebbia lo rendano estremamente spaventoso e sinistro. Non sapevo se avrei mai potuto smettere di correre, ma sapevo che presto avrei dovuto farlo, perché presto i miei polmoni e il mio cuore non ce la facevano più, perché mi sentivo come se fossi pugnalato con un coltello ad ogni respiro e passo che ho fatto. Ma non riuscivo proprio a fermare i piedi, perché ogni volta che cominciavo a camminare e cercavo di rilassarmi...

482 I più visti

Likes 0

UNISCITI AL SIGNORE OSCURO PARTE 2

Mi sono svegliato nella mia stanza dolorante dalla scorsa notte e ho preso gli occhiali e li ho indossati solo per scoprire che non riesco a vedere che è troppo sfocato, quindi li tolgo per scoprire che posso vedere meglio senza di loro. PAPÀ VIENI QUI PER UN SECONDO che cos'è figliolo non ho bisogno dei miei occhiali perché quello che è successo bene è della scorsa notte il signore oscuro era così felice che ti ha rifatto come ricompensa. Vai a guardarti allo specchio inciampo fuori dal letto, guarda nello specchio pieno e noto che ho perso molto peso, sembro...

1.7K I più visti

Likes 0

Il debito e il suo prezzo elevato

'Come mi sono cacciato in questo?' pensa Jerry mentre rimane seduto a fissare la busta davanti a lui. Non l'ha ancora aperto, ma sa da chi viene. Dopo un po' lo raccoglie e lo guarda ancora un po', rigirandolo tra le mani. Sembra proprio come tutti gli altri. Semplice bianco, timbro regolare e nessun indirizzo di ritorno. Lo apre dopo circa due ore che lo guarda, temendo cosa c'è dentro. Quello che tira fuori è peggio di quanto avrebbe immaginato. Ha in mano una foto di sua figlia di 18 anni, Kali. Anche in queste circostanze non può fare a meno...

1.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.