Ti odio fratello maggiore!

187Report
Ti odio fratello maggiore!

Dire che Hayden odiava la sua sorellastra Britney sarebbe un eufemismo. Anche prima che suo padre sposasse la madre, ciascuno di loro era consapevole dell'esistenza dell'altro, anche se solo a malapena. Hayden era una delle stelle della squadra di basket a scuola e Britney era una cheerleader e la fidanzata del capitano della squadra di basket. All'inizio l'opinione di Hayden nei suoi confronti non era altro che un lieve disinteresse, ma dopo diversi eventi ripetuti in cui lei occupava il tempo del capitano e gli faceva saltare del tutto l'allenamento, tutti nella squadra acquisirono una genuina antipatia per lei.

Con Hayden, l'odio è sbocciato quando è stato eletto capitano sostituto dal resto della squadra. Gli affidarono il compito di rimproverare il capitano per avergli abbandonato il suo incarico. Un giorno in particolare, ne ebbe abbastanza e chiamò il capitano davanti a tutta la squadra mentre le cheerleader stavano guardando. Lui, non così sottilmente, ha incolpato Britney del comportamento del capitano prima di annunciare che il capitano sarebbe stato privato della sua posizione se non l'avesse scaricata.

Temendo per la sua reputazione, il capitano accettò e ruppe ufficialmente con Britney sul posto. Era decisamente livida di rabbia. Dopo aver urlato contro Hayden per diversi minuti, durante i quali lo ha insultato con una moltitudine di parolacce, lo ha accusato di avere una cotta per lei e di essere geloso del capitano. Poi lasciò la squadra delle cheerleader annunciando con orgoglio che comunque il capitano aveva un pene piuttosto piccolo.

Voci sulla discussione si sparsero per la scuola, soprattutto quella secondo cui Hayden aveva una cotta per Britney. Si è guadagnato una cattiva reputazione da parte delle ragazze che pensavano fosse superficiale da parte sua interrompere intenzionalmente la relazione del suo amico per una ragazza. Alla fine anche i suoi amici iniziarono a credere alle voci e smisero di parlargli. Era isolato da tutti a scuola tranne da coloro che erano essi stessi introversi e non dava credito alle voci. Ha dovuto lasciare anche la squadra di basket.

A causa del suo temperamento infantile, Hayden iniziò a urlare contro Britney ogni volta che la vedeva. L'avrebbe chiamata stronza e le avrebbe chiesto se era soddisfatta di avergli rovinato la vita. Lei, ovviamente, avrebbe risposto. Le loro discussioni erano così forti e così distruttive che i loro genitori dovettero essere chiamati a scuola per disciplinarli una volta. Il risultato fu che suo padre e sua madre decisero di uscire insieme, una decisione che li devastò entrambi.

All'inizio i loro litigi si placarono, per rispetto nei confronti dei loro genitori. Fingevano di tollerarsi a vicenda; arrivando addirittura a fingere di essere in buoni rapporti ogni volta che i loro genitori li portavano con sé per quelli che chiamavano "appuntamenti familiari". Sfortunatamente, questo ha dato ai loro genitori la falsa impressione che ormai fossero capaci di vivere insieme come famiglia. La madre di Hayden era povera e faceva sempre fatica a pagare l'affitto in tempo. Andare a vivere con il padre di Britney è stata la decisione logica.

Sia Britney che Hayden hanno stretto una tregua silenziosa. Facevano finta di andare d'accordo in presenza dei genitori e non dicevano a nessuno a scuola che ora vivevano insieme. Nella maggior parte dei casi la cosa ha funzionato, tranne per il fatto che Britney non aveva rispetto per la privacy di Hayden. Dato che era stato lui a trasferirsi a casa sua, lei considerava la sua stanza e tutto ciò che conteneva essenzialmente come suo. Apriva la serratura della sua porta con un cacciavite ogni volta che ne aveva voglia e sfogliava le sue cose, rubandogli anche degli spiccioli in alcune occasioni.

Dopo aver sorpreso Britney nell'atto di frugare nella sua stanza ed essere stato colpito alla testa con un libro quando ha cercato di afferrarla, Hayden ha sviluppato l'abitudine di aprire la porta con cautela. La lasciava sempre chiusa a chiave e se era aperta era una scommessa sicura che Britney fosse dentro. Non le importava se lui la prendeva. Pensò che facesse parte della loro tregua che lui non lo dicesse a nessuno dei loro genitori.

Un giorno in particolare, era appena tornato a casa dopo essere rimasto fuori fino a tardi a studiare in una tavola calda con i pochi amici che aveva. Hayden non fu sorpreso di trovare la porta socchiusa. Lo aprì lentamente mentre sbirciava dentro. Britney era sdraiata sul letto e leggeva una delle sue riviste con le gambe divaricate pigramente. La stanza intorno a lei era un completo caos di oggetti sparsi, molti dei quali erano rotti irreparabilmente, inclusa una collezione di CD musicali che lei aveva spezzato a metà senza una ragione apparente.

"Cosa fai?" Hayden annunciò la sua presenza mentre spalancava la porta, facendola sbattere contro il muro.

Britney sussultò mentre si sedeva. "Dove eravate?" ha risposto con la sua stessa domanda.

"Non sono affari tuoi," mantenne il suo tono turbato.

"Certo che lo è. La tua paghetta viene da mio padre. Ogni volta che esci con i tuoi amici, dovresti ringraziarmi per non avergli costretto a tagliarti fuori o a buttare sul marciapiede la tua grassa e brutta mamma."

"Almeno mia madre è educata," lo derise. "Che cosa hai rotto questa volta?"

"Niente che tu abbia pagato per te stesso." Lei alzò le spalle mentre gli lanciava la rivista. Era un catalogo di costumi da bagno che aveva portato a casa dalla sala d'attesa del suo dentista.

"Li avevo prima di trasferirmi qui." Indicò i CD rotti.

"Beh, hai bisogno di un gusto migliore nella musica." Non mostrava alcun rimorso.

Hayden sospirò mentre cominciava a raccogliere le sue cose sparse. Era già abituato all'uragano Britney. Lei rotolò giù dal letto e cominciò a saltare verso la porta ma lui all'improvviso l'afferrò per il polso e la tirò indietro. "Ehi, lasciami andare." Lo schiaffeggiò senza esitazione. Uno sguardo di rabbia ribollente balenò negli occhi di Hayden mentre lui le restituiva la pacca, molto più forte però. È stata scagliata contro la porta della sua stanza e ha sbattuto violentemente la testa prima di cadere a terra.

"Che diavolo?" urlò mentre si sedeva. Si toccò la nuca e poi gli mostrò che era leggermente rossa di sangue.

"È quello il mio libro di testo?" ignorò la sua ferita e invece indicò uno dei suoi libri di scuola. Diverse pagine erano state strappate e accartocciate.

"Pensavo di leggere un po' prima del mio voto, così avrei saputo in cosa mi aspettavo l'anno prossimo. Però era così noioso."

"Sai che dovrò pagare una multa per questo!" - le gridò Hayden.

"Vuoi dire che mio padre dovrà pagare una multa." Lei alzò gli occhi al cielo. "Onestamente, dovresti assumerti più responsabilità. È il tuo libro, quindi tutto ciò che gli accade mentre è in tuo possesso è colpa tua."

"Tu sei quello che gli è successo!" Hayden trema di rabbia.

"Come ho detto, era sotto la tua cura, quindi è ancora colpa tua", ha sostenuto.

Hayden strinse i pugni mentre cercava di rimanere anche solo leggermente calmo. Si disse che se lei si fosse voltata e avesse lasciato la sua stanza in quel momento, sarebbe semplicemente andato da suo padre e gli avrebbe chiesto di pagare la multa. Si alzò lentamente in piedi e si spolverò prima di parlare di nuovo. "Dico a mio padre che mi hai picchiato," annunciò quasi con orgoglio.

In quel momento, ogni freno che Hayden aveva spezzato. Lui allungò la mano e le diede un pugno sul naso più forte che poteva. Lei cadde di nuovo e colpì la testa sul pavimento con un tonfo. Era completamente priva di sensi. Gli occhi di Hayden si spalancarono quando si rese conto di quanti guai si fosse cacciato. Attraversò rapidamente la stanza e chiuse la porta. Nessuno dei loro genitori era a casa, ma non voleva che vedessero cosa era successo se uno dei due fosse arrivato presto quella sera.

Poi si sedette sulla sedia e si passò una mano tra i capelli, riflettendo su come sarebbe uscito dal caos che aveva causato. Poteva prevedere solo un'opzione, impedire a Britney di raccontare a suo padre l'accaduto e contrattare con lei per farla stare zitta. Non volendo che lei scappasse dalla stanza nel momento in cui avesse ripreso conoscenza, la sollevò dal pavimento e la adagiò sul letto. Dopo averci pensato ancora un po', prese dello spago da campeggio dal suo armadio e legò le caviglie e i polsi ai quattro montanti del letto.

Quando ebbe finito, lei aveva ripreso conoscenza. "Dove sono?" gemette docilmente. Hayden quasi sorrise quando cercò di sedersi ma non ci riuscì. Non l'aveva mai vista così indifesa prima. "Che diavolo mi stai facendo?" Britney provò a gridare. La sua voce però non era forte come al solito; probabilmente il risultato di quattro colpi alla testa, davanti e dietro.

Hayden l'ascoltò gridare senza prestare attenzione. Stava ancora cercando di capire a che punto era nel trovare una merce di scambio per convincerla a non dirlo a suo padre. Mentre lei continuava a gridare, lui guardò la distruzione della sua stanza. La sua rabbia stava lentamente cominciando a ribollire di nuovo. Quando vide la rivista di costumi da bagno, un pensiero diverso gli balenò in mente. Sulla copertina c'era una donna estremamente attraente che indossava il bikini più succinto di sempre ed era posata in una posizione decisamente sessualmente suggestiva, a faccia in giù e con il sedere in aria.

Prima che Hayden potesse anche provare a fermarsi, la sua voce uscì con un tono stranamente inquietante. "Sai, per essere una vera stronza, in realtà hai un corpo davvero carino." Si avvicinò al letto e posò una mano su una delle ginocchia di Britney. Poi fece scorrere le dita lungo l'interno della sua coscia, fermandosi appena prima di toccare il tessuto dei suoi pantaloncini blu. Non era una bugia; era attraente come dovrebbe essere qualsiasi cheerleader adolescente fisicamente in forma. Aveva capelli biondi semilunghi con radici più scure e un naso a bottone che in quel momento era rosso per aver ricevuto un pugno. Aveva una bocca sottile e le piaceva indossare il rossetto rosso. I suoi occhi erano grigi ma li circondava con un ombretto abbastanza scuro da farli sembrare luminosi e riflettenti.

Il suo corpo non era esattamente formoso come quello della modella in costume da bagno. Aveva muscoli sulle cosce e sui polpacci risalenti al periodo in cui faceva la cheerleader, ma nel complesso era magra. La maggior parte delle cheerleader ha aderito a una dieta rigorosa per non ingrassare indesiderato. Anche se se n'era andata qualche tempo fa, Britney usciva ancora con gli stessi amici e continuava la sua normale routine.

Britney rabbrividì quando avvertì la sgradevole sensazione di Hayden che la toccava, correndo lungo la sua schiena. "Sei malato," deglutì nervosamente. "Non posso credere che tu abbia provato a provarci davvero con me in una situazione come questa. Avevo ragione, eri geloso di Tom."

"Stai zitto." Hayden le diede uno schiaffo piuttosto forte. Quando guardò indietro, il suo labbro era tagliato e la sua guancia era ammaccata. "Sono così stufo delle tue stronzate. Era ora che ricevessi una sorta di ricompensa." Si avvicinò al comò e prese un paio di forbici. Britney urlò quando lui li avvicinò a lei. "Rilassati, non ti taglierò... per ora," aggiunse l'ultima parte per innervosirla di nuovo proprio quando lei cominciò a calmarsi. Lei guardò con terrore mentre lui le tagliava lentamente la maglietta in due. "Hai delle belle tette." Le pizzicò uno dei seni attraverso il reggiseno color indaco. Lei piagnucolò e girò la testa. "Oh, non ti piace? È da un po' che non ti scopi Tom nello spogliatoio, vero? Immagino che con i nostri genitori che si sposano e tutto il resto, non hai avuto il tempo di avere un nuovo ragazzo giocattolo."

"Io... lo dirò a papà," continuò Britney a piagnucolare. "Se mi fai questo, la tua vita finirà."

Hayden le tirò la chiusura del reggiseno per dimostrare che non gli importava. Lei strillò quando i suoi seni saltarono fuori. I suoi capezzoli rosa dondolarono un attimo all'aria aperta prima di diventare duri a causa del leggero freddo. Ne ha pizzicato uno per prenderla in giro. Lei sussultò ma cercò di non dire nulla. Infastidito dal fatto che non si sentisse più a disagio, le toccò il capezzolo con le forbici, minacciando praticamente di tagliarglielo. "No per favore!" strillò mentre cercava di calciare.

"Hai davvero bisogno di stare zitto." Hayden le tagliò una gamba dei pantaloni e le abbassò i pantaloncini fino all'altra caviglia. Le sue mutandine erano l'unica cosa rimasta a coprirle l'inguine. Si prese un momento per ammirare la forma delle labbra della sua figa attraverso il tessuto prima di usare due dita per spingere il tessuto dentro di lei.

Lei tirò indietro la testa e sussultò. "Non vuoi davvero farlo, vero? Questo è solo uno scherzo. Ho esagerato, quindi mi stai prendendo in giro... vero?" lo stava quasi implorando.

Hayden ci pensò un attimo. Una parte di lui voleva comportarsi in modo forte e potente, dicendo che era troppo orgoglioso per eccitarsi davanti al suo corpo da troia, ma una parte di lui sapeva che non avrebbe mai più avuto un'opportunità del genere. La faccia di Britney si incupì quando si aprì la cerniera dei pantaloni e tirò fuori il cazzo. Lei cercò di distogliere lo sguardo ma lui glielo avvicinò al viso. "A seconda di come te la cavi, potrei non usare la tua figa," la prese in giro mentre le schiaffeggiava la guancia ferita con il suo cazzo.

Esitò prima di aprire bocca. Hayden sussultò mentre faceva scivolare la testa del suo unico cazzo semiduro oltre le sue labbra. Respirava affannosamente e la saliva nella sua bocca si era raffreddata. Sicuramente non era la calda sensazione a cui si era abituato con la sua ultima ragazza. C'era però qualcosa di esaltante in quella freddezza. Gli sembrava che scivolare abbastanza in profondità da raggiungere il calore fosse una sfida. Britney ebbe un conato di vomito mentre lui si spingeva ulteriormente. Lei tossì un po' di saliva e ebbe delle convulsioni, cercando di avvicinare le braccia per spingerlo via. Lo spago le affondava nei polsi, impedendole di sedersi o di rotolarsi. Lui le spinse la bocca più in profondità, senza simpatia.

Britney gorgogliava mentre il suo cazzo si muoveva nella sua bocca. Continuava a cercare di usare la lingua per dirigere la punta nella tasca della guancia in modo che non arrivasse davvero alla gola. Quando Hayden si stancò delle sue interferenze, le afferrò i lati della testa e se la tirò contro la vita, facendo scivolare il suo cazzo, che era ancora leggermente morbido, nella parte posteriore della sua gola. Conati di vomito e vomitò bolle di saliva che le coprirono le narici mentre le scorrevano lungo il viso. Lei lottò per sollevare la testa ma lui la tenne ferma.

I suoi occhi erano spalancati e iniettati di sangue e la sua vista si stava offuscando. Hayden rise stranamente mentre la guardava lottare inutilmente. Le fece dondolare la testa su e giù sul suo cazzo, assicurandosi di non tirarla mai abbastanza lontano da farla respirare. Ogni volta lui spingeva un po' più a fondo, costringendola a vomitare ancora e ancora. Amava il modo in cui il suo viso si contorceva mentre cercava sia di ingoiarlo che di sputarlo. La stava torturando e si stava divertendo.

Alla fine non ne poté più e cercò di morderlo. Dovette schiaffeggiarla di nuovo e tirare fuori velocemente il cazzo. Girò la testa e vomitò un fluido puro e trasparente. "Che diavolo, stronza?" non era felice.

"Stai cercando di uccidermi!" urlò tra un colpo di tosse e l'altro.

"Ti starebbe bene," era impenitente. "Una troia come te merita di morire soffocata con un cazzo."

"Non è il tuo cazzo," cercò di ribattere.

Hayden la guardò accigliato per un momento prima di prendere le forbici, tagliare la vita delle sue mutandine e toglierle completamente. Quasi rimase senza fiato, ma invece finì per tossire di nuovo. Non ha esitato. Il suo cazzo era scivoloso di saliva. Glielo fece scivolare dentro con una semplice spinta. "Figlio di puttana!" urlò quando sentì le sue viscere tendersi. Hayden sorrise quando si rese conto che doveva essere almeno più grande di Tom se lei aveva così tanti problemi ad accettarlo dentro di sé. "Avevi detto che non l'avresti fatto," singhiozzò.

"Ho detto che forse non lo avrei fatto," la corresse lui.

"Fa male. Tiralo fuori," piagnucolò.

"Questo è più o meno il punto." Le schiaffeggiò leggermente l'esterno della fica, soprattutto il clitoride.

Lei sussultò e si afflosciò con la bocca leggermente aperta. Hayden usò l'indice per agganciare una delle sue guance e allungarla. "Smettila," mormorò meglio che poteva. Lui invece le afferrò la lingua e gliela tirò fuori dalla bocca. Lei gemette quando sentì il suo cazzo scivolare più profondamente dentro di lei e allo stesso tempo lui le tirò la lingua verso di sé. Alla fine lei scosse la testa per allontanarsi dalle sue dita.

Senza esitare, si sporse in avanti e la baciò sulle labbra. Prima che potesse reagire, lui succhiò la sua lingua in bocca e la morse forte. Lei strillò mentre il sangue riempiva la sua bocca e quella di lui. Si dimenò a lungo, scopandosi più profondamente sul suo cazzo mentre cercava di liberare la lingua. Alla fine riuscì a liberarsene. Si mise a sedere per bene e fissò la sua figura nuda, distesa sul letto. Ansimava per respirare, con il sangue che le colava lungo gli angoli della bocca e si mescolava al sudore sul collo e sul petto.

Il suo cazzo stava diventando sempre più duro solo guardandola tremare nella sua miseria. Si sentiva come se dovesse punirla per non avergli permesso di fare ciò che voleva. "Fanculo!" lei urlò forte quando la sua mano cadde sulla parte esterna della sua fica. Le schiacciò le labbra della figa così forte che lei perse il controllo della vescica e fece uscire un paio di getti di pipì. Ha provato a guardarsi l'inguine ed è rimasta sorpresa nel vedere le labbra della sua fica gonfiarsi. Altre due volte le colpì l'inguine, provocandole scosse di dolore lungo la schiena. Inarcò la schiena, sollevando il busto dal letto e tirando lo spago attorno ai polsi e alle caviglie.

"Per favore, lasciami andare", implorò. "Prometto che non entrerò mai più nella tua stanza."

Hayden si strofinò la mano contro le labbra della sua fica, ora gonfie, spalmando la sua pipì nella fessura. Lei sussultò quando lui spinse di nuovo il suo cazzo dentro di lei. Adesso era sensibile dentro e fuori. Si sentiva come se avesse due ingressi nella fica e lui li scopava entrambi.

Hayden rimase sorpreso quando Britney iniziò a spingere i fianchi verso di lui. Era decisamente sexy guardare i muscoli del suo stomaco contorcersi mentre li usava per muovere l'inguine sul suo cazzo. Il desiderio carnale di essere scopata stava prevalendo sulla sua vergogna. "Sei eccitato?" chiese Hayden con un sorrisetto.

"No," balbettò Britney inutilmente.

"Dai, ammettilo e basta." Le schiaffeggiò di nuovo il clitoride.

"Non farlo", gemette.

"Non mi fermerò finché non mi dirai come ti senti," la provocò.

"Fa male," piagnucolò.

"Ciò che ferisce?" La schiaffeggiò di nuovo.

"Qualunque cosa!" lei ha urlato. "Mi fa male la fica, mi fa male la lingua, mi fa male la faccia, la testa, i polsi, le caviglie. Mi fanno male i capezzoli, mi fa male la schiena. Mi stai scopando molto più profondamente di quanto abbia mai fatto Tom. Mi fanno male anche le viscere. Per favore, smettila facendomi male."

"Non ancora." Hayden la sbatté più profondamente, assicurandosi che i suoi fianchi colpissero la sua fica gonfia. Ha urlato di nuovo. Si chinò e cominciò a leccarle uno dei capezzoli. Sospirò quando sentì una sensazione di formicolio salire nel suo petto. Tuttavia fu completamente sostituito un attimo dopo quando lui le morse il capezzolo. Lei strillò e si dimenò, spingendo i fianchi contro quelli di lui. La sbatté di nuovo sul letto e iniziò a venire, riempiendo le sue parti più profonde con il suo sperma caldo.

"NO!" urlò a squarciagola. Non puoi; Rimarrò incinta. Non voglio avere un bastardo con te. Preferisco morire!"

Un'espressione solenne si diffuse sul viso di Hayden mentre si tirava fuori da lei e sbatteva contro di lei, facendola strillare. "Si può organizzare," disse con la stessa voce inquietante di prima.

Gli occhi di Britney si spalancarono quando sentì le mani di Hayden attorno al suo collo. Lottò per sollevare di nuovo le braccia, questa volta tagliandosi i polsi con lo spago al punto che sanguinavano. "Andrò in prigione comunque," sbottò Hayden con rabbia. "Potrei anche vendicarmi di tutto." Le infilò i pollici nella trachea.

Britney era sempre più stordita. La sua vista stava diventando bianca e riusciva a malapena a sentire qualcosa a parte il proprio respiro. Poteva sentire il cazzo del fratellastro scivolare dentro di lei ad un ritmo costante. La stava scopando e nello stesso momento la stava strangolando. Aveva appena iniziato ad ammorbidirsi dopo essere venuto, ma ora era di nuovo duro come sempre. Poteva essere sicura che fosse eccitato dall'idea di ucciderla.

Una strana sensazione di letargia si stava impossessando di Britney. Lottare sembrava uno spreco di sforzi. Ha rilassato completamente i muscoli e ha finito per pisciare direttamente sul cazzo di Hayden. Avvicinò la testa alla sua e le sussurrò all'orecchio: "ti stai divertendo così tanto. Il pensiero di essere scopato a morte ti eccita?" Lei scosse la testa come meglio poteva. "Sii onesto. La verità è che lo vuoi. Non stai più lottando. Sai che te lo meriti. Questo è tutto ciò che vali."

All'improvviso, alzò la testa e lo baciò sulla bocca, costringendolo a lasciarsi andare la gola. "Per favore!" cominciò immediatamente a balbettare. "Non voglio morire. Prometto che non dirò niente. Puoi scoparmi quanto vuoi, non lo dirò mai. Mi dispiace per tutto quello che ho fatto. Sfoga la tua frustrazione su il mio corpo. Scopami finché non sarò un secchio di sperma esaurito, ma per favore non uccidermi.

Hayden fu colto di sorpresa dalle sue improvvise suppliche. Lui le chiuse di nuovo le mani intorno alla gola. Il suo viso era bianco dal terrore. "Posso fare qualsiasi cosa?" chiese minacciosamente. Lei annuì più vigorosamente che poteva. Alzò un sopracciglio mentre cercava di contemplare cosa avrebbe potuto farle. Lui le lasciò andare il collo e riprese le forbici. Lei piagnucolò quando lui le pizzicò uno dei capezzoli tra le lame. "Posso tagliarli?" chiese in tono scherzoso ma serio. Lei tremò per un attimo prima di annuire.

"Tagliami i capezzoli. Mutilati, sfigurami il seno, qualunque cosa tu voglia, sono tua e puoi trattarla come vuoi," strillò.

"Wow, questo è più simile." Hayden ridacchiò mentre posava di nuovo le forbici, suscitando un sospiro di sollievo in Britney. Poi fece scivolare fuori il suo cazzo da lei. Tutto il suo corpo sembrava rilassarsi dopo. Era confusa quando lui lasciò la stanza, lasciandola ancora legata al letto.

Quando tornò, aveva in mano una lattina di soda dalla cucina. Si ricordò di avergli proibito di berli poiché erano stati acquistati da suo padre. Lo osservò con cautela mentre apriva la lattina e beveva un sorso. Poi lo abbassò sul letto e glielo mise tra le gambe. Sussultò quando sentì il bordo freddo toccarle la fica e il liquido gassato che le scorreva dentro. Gli ci è voluto un po' ma alla fine è riuscito a inserire la parte superiore della lattina nella sua figa stretta. Lei gemette per la sensazione di stiramento.

Lei non prestò nemmeno più attenzione quando lui fece un passo indietro e sollevò la gamba. Le diede un calcio nell'inguine con il tallone del piede, sbattendo il fondo del barattolo e spingendo l'intero oggetto nella sua fica. Ha urlato e poi ha vomitato di nuovo addosso. La schiuma le scendeva sul viso insieme al trucco rigato di lacrime e al moccio dal naso. Era di nuovo completamente incosciente.

Hayden sciolse lentamente lo spago dalle colonne del letto e legò le caviglie ai polsi in modo che le gambe fossero permanentemente fisse in aria. Ha poi lasciato la stanza per un altro minuto prima di tornare con diversi oggetti provenienti dalla casa. Osservò il viso calmo di Britney per un po' prima di afferrarle entrambi i capezzoli contemporaneamente e girarli.

Ha urlato mentre riprendeva conoscenza e ha cercato di sedersi. Finì invece per rotolare di lato in modo goffo. Gli ci volle solo un momento per riposizionarla. "Quello che è successo?" Si guardò l'inguine. Poteva vedere una piccola quantità di sangue fuoriuscire e poteva sentire quanto fosse piena dentro. "No," piagnucolò.

Hayden incombeva sopra di lei con un'espressione perplessa mentre cercava di elaborare quello che era successo. All'inizio non si rendeva conto di cosa volesse. Le diede uno schiaffo su un lato del viso. Lei piagnucolò ma non disse nulla. Un altro schiaffo e finalmente capì cosa voleva. "Grazie," gemette. Voleva che fosse grata per averla torturata; dopo tutto, era meglio che ucciderla.

Hayden le sorrise crudelmente mentre prendeva il primo oggetto che aveva portato nella stanza. Era un portachiavi, di quelli che devono essere staccati leggermente prima di poter aggiungere nuove chiavi. "C-cosa ne farai?" Britney balbettò. Hayden non rispose e invece le afferrò uno dei capezzoli. Lei sussultò ma attese mentre lui lo spingeva contro l'estremità aperta del portachiavi. Quando finalmente si rese conto di cosa stava facendo, fu presa dal panico. "Aspetta, prima devi fare un piccolo foro e allargarlo. È quello che hanno fatto quando mi hanno forato le orecchie", ha spiegato.

"Ma non farebbe così male," rise Hayden mentre le spingeva l'apertura del portachiavi attraverso il capezzolo.

Gli occhi di Britney si rovesciarono all'indietro mentre urlava. Come gli aveva appena detto, il portachiavi era molto più spesso dell'ago normalmente usato per fare un piercing. Non si è fermato però. Lo spinse fino in fondo finché l'anello non fu completamente posizionato sul suo capezzolo. La carne rosa aveva già iniziato a diventare viola mentre si riempiva di sangue.

"Ecco. Ora sei di mia proprietà", la informò Hayden.

Britney si costrinse a sorridere. "Grazie," singhiozzò tra i singhiozzi.

La cosa successiva che Hayden prese fu un paio di pinze. Il viso di Britney impallidì quando li vide. "Ho pensato di fare in modo che tu non potessi mordermi di nuovo," le risparmiò la fatica di chiederle cosa intendeva fare con loro.

Lei scosse rapidamente la testa. "Non lo farò, lo prometto," singhiozzò di nuovo. "Mi dispiace. Non riuscivo proprio a respirare e..."

"Ci saranno molte volte in futuro in cui non sarai in grado di respirare," la informò minacciosamente. "Dovrai promettermi di lasciarti svenire prima, oppure ti toglierò quei denti anteriori." Ha flesse le pinze per minacciarla.

"Prometto di non morderti più. Se infrango questa promessa, potrai togliermi i denti," cercò di fare un patto.

"Wow, sembra quasi che tu abbia voce in capitolo in quello che ti faccio." Hayden la guardò accigliato. Lei piagnucolò distogliendo lo sguardo. "Beh, sarebbe un bel pasticcio, e non voglio rischiare di romperti la mascella," finse di cambiare idea mentre posava le pinze.

L'ultimo oggetto che prese fu una bottiglia di olio minerale che Britney riconobbe. Suo padre lo teneva sempre in cucina e lo usava sui suoi coltelli da cucina di livello professionale in modo che non si ossidassero e arrugginissero. Britney deglutì immaginando cosa ne avrebbe fatto Hayden. Ha iniziato versandone un po' sul petto e spruzzandolo fino all'inguine. Alla fine si fece strada oltre la sua fica e lo stava versando direttamente sul suo buco del culo ben chiuso, che ora era visibile perché le sue gambe e il suo sedere erano sollevati.

Lei sussultò per la sensazione di freddo. Non si è fermato però. Spinse il bordo della bottiglia contro il suo sedere e la girò finché non riuscì a passare. Lei gemette quando sentì i muscoli del suo sedere contrarsi e rilassarsi. Rovesciò la bottiglia e vuotò quel poco che era rimasto dentro di lei. Sospirò quando lo rimosse ma deglutì quando lo rimise con le dita.

Lei strinse i denti e alzò gli occhi al cielo mentre si lasciava massaggiare il buco del culo dentro e fuori. Ben presto fu completamente insaponato d'olio e sufficientemente aperto. Cercò di ignorare la sensazione del suo cazzo che premeva contro il suo ano. L'esterno dello stretto buco venne risucchiato all'interno quando all'improvviso lui la penetrò. Lei gridò di dolore mentre il suo cazzo le affondava nell'intestino. Colpì le pareti delle sue viscere e scivolò lungo di esse con l'aiuto dell'olio. Si sentiva incredibilmente piena perché la lattina di soda era ancora nella sua fica.

Il suo cazzo grattò contro il pezzo di carne che separava la lattina dalle sue viscere. Tremò a quella sensazione mentre contraeva i muscoli. Stava cercando di forzare la fuoriuscita della lattina. Rendendosi conto di ciò, Hayden mise il pugno all'ingresso della sua fica e lo spinse dentro. Lei strillò mentre lui spingeva la lattina più in alto dentro di lei. "Per favore," implorò.

"Non rispondere." Le diede uno schiaffo in faccia.

"Mi stai uccidendo." Si voltò e vomitò ancora. Questa volta non è uscito praticamente nulla.

"Se finisco per ucciderti, sarà una mia decisione da prendere," la informò crudelmente. "Devi solo fare del tuo meglio per sopravvivere."

Con la lattina nella figa che spingeva dall'altra parte delle viscere, era difficile far entrare il suo cazzo fino in fondo, anche con l'aiuto dell'olio. Alla fine ha deciso di arrendersi. Con il cazzo ancora nel culo, si sporse in avanti così da essere proprio sopra la sua pancia e poi tirò indietro il braccio prima di darle un pugno nello stomaco più forte che poteva. I suoi muscoli si contorcevano e si contraevano e la lattina si accartocciava dentro di lei. Emise un gorgoglio quando sentì la soda liquida diffondersi dentro di lei.

Hayden la colpì ancora e ancora finché non fu sicuro che la lattina dentro di lei fosse completamente schiacciata. Poi le ha infilato la mano nella fica e l'ha tirata fuori, lasciando una striscia di sangue. La sua testa rotolò di lato. Le endorfine stavano correndo attraverso il suo corpo adesso, cercando di affrontare il dolore all'addome. "Ehi, in realtà è stato piuttosto bello," rise Hayden quando si rese conto di avere più spazio per il suo cazzo nel suo culo. Tirò fuori e si spinse indietro più profondamente che poteva. Poi le diede di nuovo un pugno allo stomaco, facendole contrarre i muscoli attorno al suo cazzo. "Questo è fantastico."

Britney continuava a gorgogliare mentre Hayden le dava ripetutamente pugni allo stomaco, cercando di far contrarre i suoi muscoli nel momento esatto in cui lui le stava spingendo nel culo. Non riusciva proprio a rallentare i tempi e lei stava iniziando a reagire sempre meno. Con un sospiro si allungò, prese il rocchetto di spago da campeggio inutilizzato e ne tagliò un po' con le forbici. Britney guardò con occhi vitrei mentre lui la girava sulla pancia. In realtà però era appoggiata sulle ginocchia e sui gomiti. La vita le tornò in mente quando Hayden le fece scivolare lo spago sopra la testa e lo tese.

Ogni muscolo del suo corpo si contrasse. Il cazzo di Hayden adesso veniva spremuto permanentemente nel suo culo. Iniziò a spingere con intenso vigore. Allo stesso tempo, ha tirato lo spago in tandem. Britney ha provato a urlare ma non ci è riuscita. Il filo sui suoi polsi si conficcò di nuovo mentre cercava di liberare le braccia. Sentì il suo ano venire praticamente tirato fuori mentre si stringeva attorno al cazzo di Hayden. Nella sua visione apparvero delle macchie e la sua lingua guizzò ripetutamente dalle labbra.

Hayden appoggiò la testa al suo orecchio. Rilassati e basta, sussurrò. "Goditi la sensazione del mio cazzo che ti squarcia il buco del culo a metà. Sarà molto più facile quando svenirai. Britney scosse la testa. Era sicura che se avesse perso conoscenza di nuovo, non si sarebbe mai svegliata. Si morse il labbro mentre più forte che poteva, facendo sanguinare. Il dolore era l'unica cosa che le impediva di svenire.

Dopo diversi minuti di vigorose spinte contro i suoi muscoli contorti, Britney iniziò finalmente a perdere conoscenza. Il suo ano si rilassò e Hayden scivolò profondamente dentro di lei. L'improvviso cambiamento di sensazione scatenò il suo orgasmo. Ha spruzzato diversi cordoni di sperma bianco in profondità nelle viscere della sua sorellastra prima di allentare finalmente la presa sul suo collo. Ha iniziato immediatamente a tossire e a balbettare. Le ci vollero diversi minuti per riprendersi abbastanza da poter parlare.

"Avevi promesso di non uccidermi," singhiozzò.

"Finché avrò bisogno di te, non lo farò," le assicurò. "Ogni giorno ti farò qualcos'altro. Se non vuoi che ti uccida, allora faresti meglio a essere obbediente e fare qualunque cosa dico. Se mi arrabbio troppo con te, allora andrò buttarti via come la spazzatura che sei. Questa è la natura del nostro accordo, capito?"

"Sì-sì," mormorò Britney distogliendo lo sguardo.

"Questa non è la risposta che dovresti dare al tuo proprietario. Ripeti quello che ho appena detto. No, implorami di accettare questi termini esatti."

Gli occhi di Britney erano spalancati e terrorizzati. "Per favore, fanculo questa inutile puttana ogni giorno. Stuprami, strozzami e mutila il mio corpo. Se non sei soddisfatto, per favore uccidimi come preferisci. Fottimi la gola finché non soffoco a morte, appendimi al soffitto e guardami scalciare, tagliarmi la gola e lasciarmi sanguinare, picchiarmi finché non mi si rompono le ossa. Fammi quello che vuoi," singhiozzava quando finì.

"Brava ragazza." Le accarezzò la testa. "Posso dirti che io e te andremo molto d'accordo d'ora in poi." Alla fine slegò lo spago dai suoi polsi e caviglie. Lei si girò e allargò immediatamente le sue membra. Era troppo esausta per muoversi. Hayden le diede un colpetto leggero sul viso.

"Per favore, lasciami dormire," gemette.

"Bene, ma domani, voglio che tu mi svegli a letto. Non indossi mutandine e se ritengo la tua fica troppo libera dopo aver preso quella può lassù, quindi lo cucirerò e lo userò il tuo culo d'ora in poi. " Raggiunse sotto di lei e spinse sul buco increspato che una volta era il suo ano. Era gonfio dall'essere tirato fuori e spinto indietro all'interno delle viscere ripetutamente.

"Capisco," Britney sbadigliava mentre annuiva. Non era assolutamente contenta di quello che le aveva fatto, ma era troppo stanca per nemmeno pensare a una via d'uscita. Doveva riposare. Rotolò su un fianco e afferrò inconsciamente il braccio di Hayden. Si accarezzò i capelli con una strana morbidezza. Era ben lungi dal perdonare per tutto ciò che gli aveva fatto, ma in questo momento la sua unica preoccupazione era impedirle di parlare mentre si godeva il suo corpo al massimo.

Storie simili

Una tribù per Tethys, parte 2 capitolo 10

Una tribù per Tethys: Parte 2 Capitolo 10: Megan, incontra Hera! Megan è silenziosa per la maggior parte del viaggio di ritorno al mio appartamento dopo che abbiamo lasciato la casa di Carl, e mentre sono curioso di sapere cosa sta pensando, è anche un'opportunità per me di esaminare alcuni dei miei pensieri. Molte cose sono cambiate, per tutti noi, in pochissimo tempo. Abbiamo lasciato Sonia con Carl, ha promesso di portarla a casa una volta concluso l'ultimo accordo d'affari. Carl sta stipulando un contratto personale con Sonia, per lavorare per lei a tempo pieno come istruttore personale di fitness e...

492 I più visti

Likes 0

Holli e una vela serale

Holli mi ha incontrato all'estremità del molo... e il mio cuore ha perso un battito quando è scivolata alla vista. Era vestita per una serata a bordo della mia barca: semplici sandali da barca, un bel top azzurro e un paio di pantaloncini cachi molto comodi che le dondolavano facilmente sulle curve, accennando a ciò che aveva da condividere sotto. 5'9 con capelli biondi, gambe lunghe e un corpo atletico in forma, Holli era entrato nel mio mondo attraverso un pomeriggio magico che abbiamo condiviso sul lungomare di Vancouver. Questa serata è stata il risultato del mio invito perché ci eravamo...

398 I più visti

Likes 0

Quanto di meglio si possa III

Obiettivo 5: preparami un gustoso succo di sperma con un bicchiere pieno. Questo è stato abbastanza facile. Ma tutto ha una parte difficile. Ecco un bicchiere pieno. Rani ha avuto un fottuto lavoro a scuola. Quindi se n'è andata la mattina indossando un sari rosso assassino. Avrei solo voluto andare a scuola. Prima di andarsene, mi ha dato un bicchiere usato per servire lo champagne, si è avvicinata a me e mi ha palpato dolcemente il cazzo. Rani :( sussurrandomi all'orecchio con voce sexy) fallo lavorare. Io: posso usare la tua stanza dei quadri???Sai. Usa la tua TV. ?? Rani: va...

523 I più visti

Likes 0

Come ho pagato il college

- Questa è finzione gay. Se non ti piace leggere cose gay, smetti di leggere e non votare. Se hai intenzione di votare negativamente o scrivere commenti sgradevoli, critica la mia grammatica e ortografia, non l'argomento - Questa è un'opera di finzione completa. Nulla in questa storia è realmente accaduto e le persone non sono reali. - Se spari un carico mentre o dopo aver letto questo, fammi un favore e premi il pulsante di voto positivo perché significa che probabilmente ti è piaciuto. Sentiti libero di mandarmi un PM per farmi sapere cosa ti è piaciuto Durante l'estate del 2003...

526 I più visti

Likes 0

Alice viene sposata

[b]Alice si fa l'autostop 7 di Will Buster Come si può immaginare, un'amante incinta e usata può essere piuttosto difficile da scartare. Difficile, cioè, a meno che una cospicua dote non accompagni la vigorosa piccola volpe. Alice non faceva eccezione a questa regola sociale così prevalente nella tarda Inghilterra georgiana. La pancia di Alice era ora piena di bambino sano per le quasi costanti attenzioni amorose di Lord Elton. Il barone del maniero di Kingston si era goduto a fondo entrambi i buchi stretti e reattivi di Alice ormai da mesi, ma mantenendo fede alla sua promessa, era tempo di acquistare...

390 I più visti

Likes 0

Feticismo del pannolino

Fin da piccola ho sempre avuto il fascino di indossare i pannolini. Crescendo ho imparato che non ero solo. Ma niente avrebbe potuto prepararmi per la notte in cui si unirono mia moglie e la sua amica. Avevo confessato a mia moglie il mio feticismo per i pannolini e lei mi ha raccontato di come aveva sempre desiderato una cosa a tre. Aveva partecipato a innumerevoli sforzi con me, quindi una notte abbiamo deciso di realizzare i suoi e aggiungere qualcosa per farmi felice. Finalmente era giunta la notte, la sua amica Samantha stava arrivando in città. Le aveva raccontato di...

334 I più visti

Likes 0

Janice Pt. Controllata dalla Mente 11c

Brian era contento di usare il controllo mentale che Janice avesse trascorso gli ultimi tre giorni vivendo con lui e avrebbe dovuto trascorrere altri quattro giorni con lui. Le menti del marito e dei figli di Janice erano state influenzate in modo tale da non sentire la sua mancanza. Ieri aveva invitato tre amici a casa sua e tutti e quattro avevano scopato più volte una volenterosa Janice. Sbe stava facendo quello che voleva all'inizio della giornata in cui aveva pulito la sua casa per lui mentre era nuda, fermandosi solo per lasciare che Brian la scopasse in bagno. In quel...

275 I più visti

Likes 0

La vendetta di Ambra

CAW # * Voce Questa è una storia di vendetta e dolore. Questa è una storia di amore e affetto. Questa è una storia di soddisfazione e persone che ottengono la loro punizione. La mia ragazza Amber ed io eravamo membri di un sex club. Ad entrambe piaceva andare e partecipare alla maggior parte delle attività del club, ma lei si rifiutava di fare sesso con altre donne. Le piaceva guardare altre donne nel club, farsi scopare e le piaceva anche guardare altre donne scoparsi a vicenda, ma non è mai stata in grado di leccarsi la figa. Ero perplesso da...

1.5K I più visti

Likes 0

La vita di Jen - Capitolo sei - Parte prima

La vita di Jen – Capitolo 6 – Parte prima Varie cose mi restano in mente e le mie vacanze annuali di solito erano piene di eventi. Un anno i miei genitori decisero di affittare una villa a Corfù per 2 settimane e mio nonno e mio zio furono invitati. Sull'aereo dovevo sedermi tra mio nonno e mio zio, ei miei genitori si sedevano dall'altra parte. Mio nonno mi ha messo il cappotto in grembo e ha spinto rapidamente la mia gonna da parte, tirandomi da parte le mutandine e spingendo un dito dritto dentro di me, ho sussultato forte mentre...

1.3K I più visti

Likes 0

Andare a lontano

Quando faccio scivolare la mia mano tra le tue gambe e dico Questo è mio, siamo chiari. Il sesso non è la risposta. Il sesso è la domanda. Sì è la risposta. Nicole mi ha visto in coda al ricevimento di nozze di sua sorella. Eccomi fuori come se fossi appena uscito da GQ. Mi sto muovendo lentamente verso di lei. Nicola trattenne il respiro. Doveva incontrarmi. Nicola si guardò intorno. Mi ha visto dall'altra parte della piscina. Sembravo sulla cinquantina. Sono più alto di chiunque altro nella sua famiglia italiana. Nicole ha indovinato che sono alto un metro e ottanta...

624 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.