Giungendo al termine - Giorno 5 (La zona del cum-fort)

517Report
Giungendo al termine - Giorno 5 (La zona del cum-fort)

I suoi occhi si aprirono e la luce del primo mattino filtrò brevemente prima che lei li chiudesse velocemente. I suoni morbidi del suo risveglio iniziarono a riempire la stanza mentre allungava, curvava e contorceva il suo corpo come un serpente. Non aveva dormito bene. L'imminente arrivo del suo Maestro le aveva causato lunghi periodi di ansia e soprattutto di desiderio.

Mentre si dimenava, il lenzuolo di flanella le si impigliò tra le gambe. Le pieghe catturavano solo la punta del suo clitoride che pulsava costantemente, facendola urlare. Si morse forte il labbro. Le pieghe della sua fica calda e bagnata tremarono, quasi in anticipazione. L'unica cosa che poteva fare era non infilare subito le dita sottili dentro di sé.

"OH!" Lei ringhiò per la sua frustrazione mentre tirava indietro le coperte. “Caro cuore, oggi torna a casa. Durerai fino a stasera, quando ritornerà. DEVO essere buono. Dobbiamo essere bravi!” Sorrise della propria stupidità e di quella promessa a se stessa; scivolò giù dal letto e cominciò a prepararsi per la giornata.

La mattinata passò velocemente nonostante il dolore costante nel suo profondo. Aveva mantenuto la promessa fatta a se stessa e non l'aveva toccata né presa in giro. Ma continuava a pulsare. Sembrava che letteralmente qualsiasi movimento avrebbe causato un movimento contro il suo clitoride gonfio facendola sobbalzare
e tremare. A volte rideva, pensando a cosa sarebbe potuto sembrare a un estraneo, guardandola, a volte spasimando e mettendosi una mano sul basso ventre.

I suoi occhi azzurri guardavano costantemente l'orologio. Le lancette si muovevano lentamente ma lei sapeva che sarebbe tornato presto a casa. Il suo corpo ha risposto in molti modi. Le sue pieghe pulsavano, i suoi occhi si abbassavano e si oscuravano, le sue dita si contraevano per accarezzarsi ancora una volta, e sentiva ogni nervo fremere per un desiderio accresciuto.

Il suo respiro si fece pesante quando cominciò a immaginare Lui che tornava a casa da lei. Le immagini iniziarono a formarsi nella sua testa. Immagini di Lui, immagini di lei, di entrambi. L'avrebbe adagiata sui cuscini, assicurandosi di tenere il viso sepolto nelle morbide lenzuola di flanella. Il suo bel culo rotondo veniva sollevato in aria mentre lui si avvicinava da dietro di lei, le sue cosce le tenevano divaricate mentre toccavano a malapena le sue. Le sue dita giocavano pigramente sulle sue guance sode facendola sussultare e dondolare i fianchi. Le avrebbe detto quanto fosse orgoglioso
Era da lei per avergli obbedito. E poi, finalmente, dopo tutta questa attesa, trarrà piacere da lei.

Vagabondava nervosamente per la casa, soffrendo per quel rumore delle chiavi nella serratura. Aveva così tanto bisogno di Lui a casa... Aveva bisogno di sentirLo dentro di sé. Voleva sentirsi di nuovo calma. Inginocchiata davanti alla Sua sedia, appoggiò la testa sul sedile. Sospirò piano e fece scorrere lentamente le dita sulle cosce. Le sue gambe si aprirono istintivamente mentre spingeva fuori il sedere. Non poteva farne a meno. Ogni volta che era vicino al Suo angolo doveva toccarsi.

I suoi occhi lucenti, pieni di promesse, si chiusero brevemente mentre gemeva per l'intenso piacere che fluttuava in tutto il suo corpo. Dita lunghe e strette cominciarono ad allargarle le labbra e ad stuzzicarle lungo il suo arco liscio e liscio. Era così presa da quello che stava facendo
non ho sentito la porta d'ingresso aprirsi. L'immagine che salutò il Padrone di casa mentre entrava gli fece subito indurire il cazzo. Silenziosamente posò la sua valigetta sul pavimento accanto alla porta ed entrò silenziosamente nella stanza. Il tappeto attutiva i suoi movimenti. Era proprio dietro di lei e inclinò la testa a sinistra per guardare le sue dita scoparle la fica.

I suoi occhi scuri si strinsero e poi, sollevando una mano, la abbassò con forza sul sedere. Nella stanza risuonò un forte CRACK. Lei urlò spaventata e confusa e cercò di alzarsi dalle ginocchia. L'altra mano si abbassò di nuovo sul lato destro con un altro forte CRACK, lasciando un'impronta rossa. Le afferrò il fianco per tenerla ferma.

"Non spostare la mia troia." Ringhiò nel suo orecchio mentre si chinava sulla sua schiena. "Era per usare la mia sedia. Ho detto di tenerti vicino, ma niente riguardo all'uso
ciò che è mio." La sua voce era bassa e cupa mentre le sussurrava. Prendendo il suo lungo dito, lo premette lungo le sue dolci pieghe, aprendole, mentre i suoi succhi viscidi gli bagnavano già la punta delle dita.

La sua essenza sensuale riempì le sue narici dilatate e cominciò a tracciare ogni piega. Li tirò e li separò. Lui stuzzicò la sua apertura facendo scorrere dentro e fuori solo la punta del dito. Sorrise quando sentì i suoi piagnucolii.

“Oh Dio Maestro! Per favore, non torturarmi così. Ho bisogno di venire adesso. Sono stati 5 giorni lunghi, lunghi. E anche se non posso dirti quanto sono felice di vederti, sono stata una brava ragazza, onestamente, per te." Le parole uscirono in un tumulto, e lei lo guardò amorevolmente,
ma poteva vedere il bisogno incredibilmente potente in quegli occhi azzurri che lo affascinavano.

"FERMARE!!" Lui urlò ad alta voce e infilò due dita nella sua fica gonfia. “Tu, il mio animale domestico, non mi dirai quando hai bisogno di venire. Ti dirò quando avrai bisogno di venire. INTESO?"

"Si signore. Capisco, Signore. Mi dispiace, Maestro, è solo che..." Le sue parole si persero nell'urlo mentre la mano di lui si abbassò sul suo sedere più volte. Ogni schiaffo faceva sì che le Sue dita salissero dentro di lei con forza e velocità. I suoi fianchi si sollevarono e si dimenarono in modo irregolare mentre lei
lascia che il suo corpo prenda il sopravvento.

La sua schiena si inarcò e si curvò mentre Lui la faceva muovere al ritmo della Sua musica. “Questo è tutto, troia. Tu mi appartieni. Sentirai ciò che ti permetto di sentire. Non venire, ragazza. È un piacere farti aspettare molto, molto più a lungo. I suoi polsi si torcevano e giravano in ogni direzione mentre perforava le sue pareti strette con le dita. Immerse le dita nel PROFONDO e rimase immobile. Lentamente cominciò a muovere due dita più e più volte, giocando a rincorrersi con il suo punto. La sentiva tremare e tremare. “Oh sì, puttana mia. Fanculo il tuo padrone
dita. Fammi sapere quanto ti sono mancato”.

“Maestro, mi sei mancato. Ti ho desiderato, ho avuto bisogno di Te. Oh Maestro, non puoi dirlo?” Appoggiò i fianchi contro il Suo palmo mentre sentiva le sue dita accarezzarla all'interno. L'onda si formò ancora una volta. Poteva sentirlo ribollire proprio lì, sull'orlo del baratro.
Deglutì in cerca d'aria mentre il suo corpo saliva in estasi. Ringhiò quando sentì le sue pareti scivolose afferrargli le dita.

“TROIA! Questo è tutto, puttana mia. SCOPRI LE MIE DITA!! SCOPILI PIÙ FORTE!” Cominciò ad immergere le dita in profondità, poi le ritirò. I colpi lunghi e profondi delle Sue dita la avvicinarono. Lo poteva sentire nei suoi lamenti e nei suoi sospiri. “MMHMM, basta, animaletto. Avvicinarsi. Posso sentirti così bagnato e caldo. FUCK tesoro, stasera ti scoperò per bene. Hai cum senza il mio consenso?"

Non poteva parlare. Riusciva a malapena a tenere il passo con ciò che Lui le stava dicendo, ma le Sue parole penetrarono nella sua mente ormai quasi completamente esausta. Lei sussultò e gridò. "No signore. Uno non è venuto come hai chiesto. Ho ascoltato bene, Maestro. Hai detto di restare
bordo e ho. MAESTRO!?!? Per favore!!" Lei gemette ad alta voce quando sentì un'altra onda che cominciava a sollevarsi e a raggiungere il picco.

"NO! Non adesso, piccolino. Devi chiedermelo nel modo giusto. Lui allungò la mano sotto di lei, le pizzicò e fece rotolare il clitoride tra le sue dita. Lei gemette forte mentre la sua dolce fica tremava e gli stringeva forte le dita. La pulsazione cominciò nel profondo di lei e si diffuse attraverso il centro della parte inferiore del suo corpo, irradiandosi in ogni cellula, a quanto pareva. Poteva sentire che stava abbandonando ogni resistenza. Che intensità sentiva!

Si inginocchiò dietro di lei e continuò a muovere le dita dentro di lei. Ritirandoli e poi spingendoli di nuovo dentro. L'altra mano gli afferrò l'uccello e cominciò a danzare le dita sopra la testa dell'uccello. Gemette e lasciò ricadere la testa alle sensazioni che pulsavano dentro di lui.

“Per favore, Maestro, fanculo la tua fica. Oh Dio Maestro, ho fame di Te. Ha bisogno che tu la riempia. Oh MAESTRO! Dio, per favore." Lei piagnucolò e gemette mentre i suoi fianchi, ormai incontrollabili, sbattevano contro di lui facendo sì che il suo cazzo colpisse il suo buco.

"Ahhhh, mia dolce puttanella!" Lui ringhiò ad alta voce mentre stuzzicava il suo cazzo lungo le sue labbra. Accarezzò ogni piega delicata con la punta sensibile del suo cazzo. Sapeva che era vicina. Lo poteva sentire. “Ecco fatto, mia cara ragazza. Implorami di permetterti di venire. L'avevi quasi fatto
Esso."

Non ne poteva più. Stava per venire. Riesce a malapena a trattenersi. Lei gemette forte mentre dondolava i fianchi all'indietro. La sua fica bagnata e calda mentre scivola sulla sua asta. "Oh, vuoi il mio cazzo, vero, mio ​​dolce schiavo?" Lui rise maliziosamente mentre spingeva scherzosamente i fianchi in avanti sfiorandole il clitoride con la testa del cazzo, e poi all'improvviso lo infilò nell'ingresso ormai fradicio per un momento, poi tirò fuori e fece rotolare i fianchi così che il suo pene corresse su tutto il suo sesso. Si inarcò per incontrarlo, non volendo che questo glorioso cazzo non la toccasse per un solo momento ora che Lui era lì.

I suoi occhi erano luminosi e lucenti, ma quasi velati di lacrime mentre Lo guardava da sopra la spalla. Le sue labbra si mossero, ma non ne uscirono parole. «Vieni, piccolo. Chiedimi ora." Si sedette in posa al suo ingresso aspettando che lei gli chiedesse di entrare in lei. Le sue dita
ballava e giocava sul suo clitoride e sulle sue labbra incredibilmente bagnate. La stava suonando come uno strumento musicale squisito.

Sussurrò la sua voce appena udibile. “Voglio sentirti riempirmi, Signore. Maestro, prendi il tuo cazzo e scopami come una puttana. SCOPRIMI PER FAVORE!!" Urlò mentre sentiva il brivido scorrerle nelle vene. Rendeva il suo corpo caldo e caldo. Iniziò a farlo selvaggiamente
oscillare i fianchi.

Le sue dita si sollevarono e si infilarono nella sua folta criniera. Lui le tirò indietro la testa con forza proprio mentre mandava il suo cazzo pulsante nel profondo del suo grembo. Lui urlò massicciamente mentre le pareti di lei si stringevano strettamente intorno al suo cazzo. “Cazzo schiavo, mi sei mancato moltissimo. Il mio animale domestico,
Mio caro, mi hai fatto molto piacere. Continuò a muovere selvaggiamente i fianchi. Dentro e fuori la sua figa, la sua virilità la cavalcava. Lui grugnì e ringhiò con lei mentre entrambi cominciavano a cavalcare l'onda del piacere.

Mentre lui le tirava indietro la testa, lei aprì gli occhi per guardare Colui che amava. I suoi occhi si riempiono di lacrime trattenute mentre Lui la avvicina ancora una volta. Era così magistrale nel portarla a questo limite di liberazione e poi nel farla fermare. Cadde una lacrima, poi un'altra
con la coda dell'occhio e si schizzò sulla guancia. Sentì le sue pareti sussultare e tremare. Sapeva che era vicina. Molto vicino. Il suo corpo tremava e tremava. Il sudore del suo corpo era visibile mentre muoveva i fianchi contro la Sua stessa energia.

Il piacere che ha trattenuto negli ultimi giorni minaccia di liberarsi. Vuole la libertà. Sapeva cosa doveva fare per ottenere ciò che desiderava di più. Strinse i denti mentre sibilava e gemeva per esprimere i suoi desideri. All'improvviso spinse i fianchi in avanti, affondando il cazzo in profondità e poi estraendolo completamente. La riempì ancora e ancora. I gemiti riempirono la stanza facendola salire più in alto mentre il suo corpo tremava. Le sue cosce le schiaffeggiarono la parte posteriore del culo e le sue palle le toccarono il clitoride.

Spalancando gli occhi cadono altre lacrime. Le scivolano lungo le guance. I suoi fianchi si muovono selvaggiamente contro di Lui. Le sue mani le afferrano i fianchi. Lui continua a scoparla forte, i suoi occhi adesso brillano di intensità. Può sentire il suo cazzo gonfiarsi, allungarla, reclamare il suo territorio. Con i piedini agganciati ai suoi polpacci che lo attaccano a sé, lo spinge a darle tutto il suo dolce succo.

Lui rise proprio mentre lei si chiudeva a lui. La piccola protuberanza stretta del suo clitoride sfiorò e picchiettò lungo la sua asta e le sue palle mentre si scontravano insieme, e lei gridò ancora e ancora. La rapsodia che si accumula dentro di sé fa sì che la sua voce diventi rauca. Continuò a implorarlo per la sua liberazione, sapendo che gli sarebbe piaciuto molto. Le sue labbra erano gonfie e gonfie per aver masticato e morso per mantenersi sull'orlo del baratro. La tenne lì perfettamente. Nonostante i suoi movimenti selvaggi, poteva sentire come lei pulsava.

Alzando gli occhi pieni di lacrime verso i Suoi, con la bocca aperta, implorò: “Per favore, Maestro! Oh Dio Maestro!! Sono stata la tua buona troia. Sono anche la tua sporca puttana. Per favore! Maestro!! Permetti al tuo animale domestico di venire per te. Permetti al suo piacere di immergerti mentre ti avvicini al limite. CAZZO Signore, per favoreeeeeeeee!!!! Lasciami venire, Maestro. Iniziò a singhiozzare in modo incontrollabile. Altre lacrime le scivolarono lungo il viso. Sollevò i fianchi e li riportò indietro con forza e velocità. Pregò, piagnucolò e pianse mentre le pareti della sua fica si stringevano e tremavano. La tensione si aggrappò al suo cazzo mentre aspettava il suo sì.

“ORA, mio ​​schiavo! Vieni adesso! Sborra per il tuo padrone! Il tuo vero Uno. CUM!!" Ha spinto il suo enorme cazzo in profondità nel suo grembo. Fece saltare e contorcere il suo cazzo
dentro di lei. Sentì il suo grido ed emise un forte grido. Tutto il suo corpo tremò e urlò mentre il piacere lacerava il suo essere. La serenità le strappò l'anima facendole stringere forte i muscoli della fica. Gli spasmi continuavano a scuoterla e a devastarle i muscoli mentre lui continuava a cavalcarla. Lei mosse i fianchi avanti e indietro, gridando mentre i suoi piaceri lo circondavano in un orgasmo beato.

Non poteva più trattenersi. Colpi lunghi e profondi, simili a fulmini, riempirono il suo sesso. Sentì ogni piccola parte del suo orgasmo mentre sferzava tutto il suo essere. Si ritirò da lei lasciandola vuota e guardò la sua dolce e tenera fica rosa luccicare e
raggrinzito per Lui.

“Vieni, mio ​​caro cuore. Salutami come avresti fatto se non ti avessi sorpreso”. Girò attorno al Suo schiavo e si sedette sulla Sua sedia. Il suo cazzo si alzò orgogliosamente mentre la guardava ricomporsi e fare ciò che aveva chiesto.

Un leggero rossore le scese sul viso perché sapeva di essere stata una deliziosa troia per il suo Padrone. Vide come il suo cazzo stava così orgogliosamente in aria. Brillava del suo nettare e lei sapeva cosa doveva fare. Tenendo gli occhi bassi e la testa alta,
lei si inginocchiò rapidamente davanti a Lui. Strisciò per pochi metri tra di loro con la schiena inarcata e il sedere in alto. Era orgogliosa di essere alla presenza del suo Maestro, quindi fece tutto il possibile per renderlo orgoglioso di lei. Lunghe e spesse ciocche di capelli rosso vivo scivolarono
facilmente sulle sue spalle e lungo la schiena. I riccioli stretti sfioravano la sua pelle sensibile e riscaldata. Era ancora molto emozionata e “salutarlo” era un onore di cui era orgogliosa.

I suoi piccoli seni ondeggiavano mentre il pallore della sua pelle quasi brillava nella luce soffusa. Arrivando ai suoi piedi, bacia dolcemente l'uno e poi l'altro proprio sulla punta di ciascun dito. Raddrizzandosi sulle ginocchia, incrociò le caviglie e si appoggiò sopra il sedere
caviglie. Lei si dimenò leggermente e le sue labbra rosse si aprirono. L'improvvisa ondata di sentimenti avvolse le sue pieghe e si diffuse verso l'alto rendendo la stanza molto calda. Poteva sentire il formicolio ancora nel profondo di tutto il suo corpo, anche se la maggior parte era concentrata nel centro della parte inferiore del ventre.

Le sue piccole mani poggiavano sulle cosce rivolte verso l'alto facendo sapere al suo Maestro che era lì per Lui per il Suo piacere. Permise alle sue lunghe cosce cremose di spalancarsi e di offrire uno sguardo alla sua fica bagnata selvaggiamente pulsante. Teneva la schiena dritta e gli occhi bassi. Amava quando il suo Maestro la guardava, soprattutto quando gli era gradito. Aspettò nella posizione finché Egli non diede il Suo comando.

Non diede alcun comando ma si limitò a infilarle la grande mano tra i capelli, ad avvicinare le labbra di lei al cazzo e a spingerlo in profondità nella sua bocca, riempiendole la gola. “Oh mia troia. Il mio obiettivo è scoparti tutta la notte. Questo è solo l'inizio. Hai fatto bene."

Era orgogliosa, come solo una schiava veramente grande può esserlo. Sapeva che avrebbe goduto del suo piacere per il resto della notte e oltre. Lei era Sua, e Sua soltanto.

Storie simili

Organismo X - Cap. 08

Nota dell'autore: dopo diversi mesi di sviluppo infernale, vi presento l'ottavo capitolo di Organism X - Ora con il 100% di scoregge in meno! 1 In lontananza, Erin poteva sentire la ragazza appena trasformata gemere e grugnire mentre la bionda, Lindsay, giocava con lei. Il suono la ripugnava e allo stesso tempo la eccitava. Sarà una bellezza quando cambierà completamente, ha detto Megan. Erin si voltò verso l'arrogante bruna. Sei un mostro. Siete tutti dei mostri, ha detto. Megan sbuffò. Come se non lo fossi? Erin bruciava di vergogna e fissava il pavimento. Un'immagine della ragazza terrorizzata che Erin si era...

457 I più visti

Likes 0

Quanto di meglio si possa III

Obiettivo 5: preparami un gustoso succo di sperma con un bicchiere pieno. Questo è stato abbastanza facile. Ma tutto ha una parte difficile. Ecco un bicchiere pieno. Rani ha avuto un fottuto lavoro a scuola. Quindi se n'è andata la mattina indossando un sari rosso assassino. Avrei solo voluto andare a scuola. Prima di andarsene, mi ha dato un bicchiere usato per servire lo champagne, si è avvicinata a me e mi ha palpato dolcemente il cazzo. Rani :( sussurrandomi all'orecchio con voce sexy) fallo lavorare. Io: posso usare la tua stanza dei quadri???Sai. Usa la tua TV. ?? Rani: va...

784 I più visti

Likes 0

Gli esibizionisti, parte 2

Gli esibizionisti Episodio 2 Squadra di nuoto Disclaimer: quanto segue è un'opera di fantasia. Pertanto, ho scelto di ambientarlo in un mondo in cui il controllo delle nascite è sicuro, efficace e disponibile al 100% e tutte le malattie sessualmente trasmissibili sono state sradicate. Nel mondo reale, alcune delle scelte che questi personaggi fanno sarebbero estremamente rischiose. Non comportarti come loro. Riepilogo: nell'episodio 1, la protagonista e la sua amica Steph hanno compiuto 16 anni, si sono fatte fare il piercing ai capezzoli, hanno sperimentato il risveglio sessuale, hanno comprato giocattoli sessuali, hanno visto un vecchio sporco masturbarsi e si sono...

607 I più visti

Likes 0

Dovere coniugale

Ricordo ancora la prima volta che ho visto Sandra per la prima volta. Ero un giovane trasandato di vent'anni. Era una ragazza molto sexy di 22 anni. È venuta da me mentre stavo cercando di avviare la mia motocicletta Norton 750 Commando un po' capricciosa. Ha detto qualcosa a proposito del fatto che le piacciono le biciclette. Questo era tutto quello che avevo bisogno di sentire. Una bruna dall'aspetto attraente con grandi occhi marroni in un paio di jeans attillati che si avvicina a me e mi dice che le piacciono le biciclette. La mia vita ha preso una svolta positiva...

501 I più visti

Likes 0

Il bussare alla porta_(1)

Il bussare alla porta mi ha sorpreso. La notte di gennaio in Iowa era fredda, fredda, fredda. Mi ero già tolto i vestiti per la notte e mi sono seduto sulla mia poltrona a scrivere sul mio portatile; era una breve storia della mia infanzia. Dal mio divorzio tre anni prima, ho passato molto del mio tempo da solo a scrivere; principalmente sull'argomento di cui so più di ogni altra cosa... io. Ho scritto centinaia di storie sulla mia vecchia città natale e sulla mia famiglia. I miei nove fratelli hanno fornito tonnellate di ricordi che voglio, un giorno, condividere con...

1.5K I più visti

Likes 0

L'estate finisce

Erano passati tre mesi da quel giorno che le aveva cambiato la vita quando suo figlio l'aveva scopata. Lei aveva 34 anni, lui ne avrebbe presto 18. Adesso scopavano regolarmente e insieme avevano capito come separare le loro sessioni sessuali dalla vita di tutti i giorni. Il seminterrato della loro casa che ospitava l'attrezzatura per il bucato era stato diviso per fornire una piccola area ricreativa con un letto al centro e una zona spogliatoio protetta dove sua madre teneva la sua collezione di lingerie sexy acquistata di recente da un sito di sesso su Internet. Tutto ciò che riguardava la...

757 I più visti

Likes 0

La proposta: obblighi rispettati

La proposizione: Gli obblighi vengono rispettati Jenny e io abbiamo dormito fino a domenica mattina. Erano passate le 10:00 quando finalmente siamo scesi dal letto. “Dopo la nostra doccia, cosa vorresti per colazione?” chiese Jenny mentre iniziava a rotolare giù dal letto. Ha poi avuto uno sguardo addolorato sul suo viso. OH! Uumm, Jim, onorerò il nostro patto. Puoi avermi quando vuoi, ma se per te va bene, possiamo fare qualcos'altro la prossima volta? Sono così dolorante, non sono sicuro di poter nemmeno camminare. Il suo dolore era abbastanza comprensibile. Ho dovuto spingere molto forte per sfondare il suo imene e...

764 I più visti

Likes 0

Il patto del diavolo Slave Chronicles Capitolo 4: Gioia, prima cera

Cronache degli schiavi del patto del diavolo da miopenname3000 Diritto d'autore 2015 Gioia: prima cera Nota: Mary ha dato Joy alla madre di Mark, Sandy, e alla fidanzata di Sandy, Betty, perché fosse la loro schiava sessuale. 19 giugno 2013 – Joy Nguyen – South Hill, WA Va tutto bene, sussurrò una voce confortante. Ho lottato per aprire gli occhi; dormire ancora pesante sulle mie palpebre. Potevo sentire il letto tremare dolcemente mentre qualcuno si spostava. Una donna singhiozzò sommessamente. La confusione mi invase; Non ero nel mio letto. Dove ero io? Riuscii ad aprire gli occhi, sentendomi grintoso con poco...

715 I più visti

Likes 0

Come mia sorella mi ha fatto venire - senza saperlo

Quella che segue non è una storia di cui sono necessariamente orgoglioso. Non è nemmeno una storia molto lunga, perché l'evento vero e proprio è durato davvero poco. È imbarazzante, è poco lusinghiero e, forse, è anche un po' sbagliato. Si tratta, comunque, di una storia vera, accaduta qualche tempo fa, e poiché penso che ad alcuni potrebbe piacere davvero, sono disposto a descriverla nei minimi dettagli. E quindi, senza ulteriori indugi, vi presento la storia di come mi sono imbattuto accidentalmente in mia sorella - e sono riuscito a farla franca. O in realtà, c'è ancora qualche rumore. Ho promesso...

669 I più visti

Likes 0

Una nuova vita per Ruth

Ruth Anderson sedeva nel suo nuovo ufficio, era stata promossa sei mesi prima ed era ancora eccitante trovarsi al decimo piano. Ruth era una signora tranquilla da poco passata il suo quarantaquattresimo compleanno, era stata allevata in una rigida famiglia cattolica, figlia unica con un padre dominante che per la sua ira aveva obbedito alla lettera. Aveva trascorso gli ultimi ventiquattro anni in un freddo matrimonio quasi senza sesso, la sorpresa più grande era stata che lei e il marito Donald avevano avuto una figlia meravigliosamente bella, Lena, che a ventidue anni stava per completare un master in economia aziendale alla...

580 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.