Giungendo al termine - Giorno 5 (La zona del cum-fort)

352Report
Giungendo al termine - Giorno 5 (La zona del cum-fort)

I suoi occhi si aprirono e la luce del primo mattino filtrò brevemente prima che lei li chiudesse velocemente. I suoni morbidi del suo risveglio iniziarono a riempire la stanza mentre allungava, curvava e contorceva il suo corpo come un serpente. Non aveva dormito bene. L'imminente arrivo del suo Maestro le aveva causato lunghi periodi di ansia e soprattutto di desiderio.

Mentre si dimenava, il lenzuolo di flanella le si impigliò tra le gambe. Le pieghe catturavano solo la punta del suo clitoride che pulsava costantemente, facendola urlare. Si morse forte il labbro. Le pieghe della sua fica calda e bagnata tremarono, quasi in anticipazione. L'unica cosa che poteva fare era non infilare subito le dita sottili dentro di sé.

"OH!" Lei ringhiò per la sua frustrazione mentre tirava indietro le coperte. “Caro cuore, oggi torna a casa. Durerai fino a stasera, quando ritornerà. DEVO essere buono. Dobbiamo essere bravi!” Sorrise della propria stupidità e di quella promessa a se stessa; scivolò giù dal letto e cominciò a prepararsi per la giornata.

La mattinata passò velocemente nonostante il dolore costante nel suo profondo. Aveva mantenuto la promessa fatta a se stessa e non l'aveva toccata né presa in giro. Ma continuava a pulsare. Sembrava che letteralmente qualsiasi movimento avrebbe causato un movimento contro il suo clitoride gonfio facendola sobbalzare
e tremare. A volte rideva, pensando a cosa sarebbe potuto sembrare a un estraneo, guardandola, a volte spasimando e mettendosi una mano sul basso ventre.

I suoi occhi azzurri guardavano costantemente l'orologio. Le lancette si muovevano lentamente ma lei sapeva che sarebbe tornato presto a casa. Il suo corpo ha risposto in molti modi. Le sue pieghe pulsavano, i suoi occhi si abbassavano e si oscuravano, le sue dita si contraevano per accarezzarsi ancora una volta, e sentiva ogni nervo fremere per un desiderio accresciuto.

Il suo respiro si fece pesante quando cominciò a immaginare Lui che tornava a casa da lei. Le immagini iniziarono a formarsi nella sua testa. Immagini di Lui, immagini di lei, di entrambi. L'avrebbe adagiata sui cuscini, assicurandosi di tenere il viso sepolto nelle morbide lenzuola di flanella. Il suo bel culo rotondo veniva sollevato in aria mentre lui si avvicinava da dietro di lei, le sue cosce le tenevano divaricate mentre toccavano a malapena le sue. Le sue dita giocavano pigramente sulle sue guance sode facendola sussultare e dondolare i fianchi. Le avrebbe detto quanto fosse orgoglioso
Era da lei per avergli obbedito. E poi, finalmente, dopo tutta questa attesa, trarrà piacere da lei.

Vagabondava nervosamente per la casa, soffrendo per quel rumore delle chiavi nella serratura. Aveva così tanto bisogno di Lui a casa... Aveva bisogno di sentirLo dentro di sé. Voleva sentirsi di nuovo calma. Inginocchiata davanti alla Sua sedia, appoggiò la testa sul sedile. Sospirò piano e fece scorrere lentamente le dita sulle cosce. Le sue gambe si aprirono istintivamente mentre spingeva fuori il sedere. Non poteva farne a meno. Ogni volta che era vicino al Suo angolo doveva toccarsi.

I suoi occhi lucenti, pieni di promesse, si chiusero brevemente mentre gemeva per l'intenso piacere che fluttuava in tutto il suo corpo. Dita lunghe e strette cominciarono ad allargarle le labbra e ad stuzzicarle lungo il suo arco liscio e liscio. Era così presa da quello che stava facendo
non ho sentito la porta d'ingresso aprirsi. L'immagine che salutò il Padrone di casa mentre entrava gli fece subito indurire il cazzo. Silenziosamente posò la sua valigetta sul pavimento accanto alla porta ed entrò silenziosamente nella stanza. Il tappeto attutiva i suoi movimenti. Era proprio dietro di lei e inclinò la testa a sinistra per guardare le sue dita scoparle la fica.

I suoi occhi scuri si strinsero e poi, sollevando una mano, la abbassò con forza sul sedere. Nella stanza risuonò un forte CRACK. Lei urlò spaventata e confusa e cercò di alzarsi dalle ginocchia. L'altra mano si abbassò di nuovo sul lato destro con un altro forte CRACK, lasciando un'impronta rossa. Le afferrò il fianco per tenerla ferma.

"Non spostare la mia troia." Ringhiò nel suo orecchio mentre si chinava sulla sua schiena. "Era per usare la mia sedia. Ho detto di tenerti vicino, ma niente riguardo all'uso
ciò che è mio." La sua voce era bassa e cupa mentre le sussurrava. Prendendo il suo lungo dito, lo premette lungo le sue dolci pieghe, aprendole, mentre i suoi succhi viscidi gli bagnavano già la punta delle dita.

La sua essenza sensuale riempì le sue narici dilatate e cominciò a tracciare ogni piega. Li tirò e li separò. Lui stuzzicò la sua apertura facendo scorrere dentro e fuori solo la punta del dito. Sorrise quando sentì i suoi piagnucolii.

“Oh Dio Maestro! Per favore, non torturarmi così. Ho bisogno di venire adesso. Sono stati 5 giorni lunghi, lunghi. E anche se non posso dirti quanto sono felice di vederti, sono stata una brava ragazza, onestamente, per te." Le parole uscirono in un tumulto, e lei lo guardò amorevolmente,
ma poteva vedere il bisogno incredibilmente potente in quegli occhi azzurri che lo affascinavano.

"FERMARE!!" Lui urlò ad alta voce e infilò due dita nella sua fica gonfia. “Tu, il mio animale domestico, non mi dirai quando hai bisogno di venire. Ti dirò quando avrai bisogno di venire. INTESO?"

"Si signore. Capisco, Signore. Mi dispiace, Maestro, è solo che..." Le sue parole si persero nell'urlo mentre la mano di lui si abbassò sul suo sedere più volte. Ogni schiaffo faceva sì che le Sue dita salissero dentro di lei con forza e velocità. I suoi fianchi si sollevarono e si dimenarono in modo irregolare mentre lei
lascia che il suo corpo prenda il sopravvento.

La sua schiena si inarcò e si curvò mentre Lui la faceva muovere al ritmo della Sua musica. “Questo è tutto, troia. Tu mi appartieni. Sentirai ciò che ti permetto di sentire. Non venire, ragazza. È un piacere farti aspettare molto, molto più a lungo. I suoi polsi si torcevano e giravano in ogni direzione mentre perforava le sue pareti strette con le dita. Immerse le dita nel PROFONDO e rimase immobile. Lentamente cominciò a muovere due dita più e più volte, giocando a rincorrersi con il suo punto. La sentiva tremare e tremare. “Oh sì, puttana mia. Fanculo il tuo padrone
dita. Fammi sapere quanto ti sono mancato”.

“Maestro, mi sei mancato. Ti ho desiderato, ho avuto bisogno di Te. Oh Maestro, non puoi dirlo?” Appoggiò i fianchi contro il Suo palmo mentre sentiva le sue dita accarezzarla all'interno. L'onda si formò ancora una volta. Poteva sentirlo ribollire proprio lì, sull'orlo del baratro.
Deglutì in cerca d'aria mentre il suo corpo saliva in estasi. Ringhiò quando sentì le sue pareti scivolose afferrargli le dita.

“TROIA! Questo è tutto, puttana mia. SCOPRI LE MIE DITA!! SCOPILI PIÙ FORTE!” Cominciò ad immergere le dita in profondità, poi le ritirò. I colpi lunghi e profondi delle Sue dita la avvicinarono. Lo poteva sentire nei suoi lamenti e nei suoi sospiri. “MMHMM, basta, animaletto. Avvicinarsi. Posso sentirti così bagnato e caldo. FUCK tesoro, stasera ti scoperò per bene. Hai cum senza il mio consenso?"

Non poteva parlare. Riusciva a malapena a tenere il passo con ciò che Lui le stava dicendo, ma le Sue parole penetrarono nella sua mente ormai quasi completamente esausta. Lei sussultò e gridò. "No signore. Uno non è venuto come hai chiesto. Ho ascoltato bene, Maestro. Hai detto di restare
bordo e ho. MAESTRO!?!? Per favore!!" Lei gemette ad alta voce quando sentì un'altra onda che cominciava a sollevarsi e a raggiungere il picco.

"NO! Non adesso, piccolino. Devi chiedermelo nel modo giusto. Lui allungò la mano sotto di lei, le pizzicò e fece rotolare il clitoride tra le sue dita. Lei gemette forte mentre la sua dolce fica tremava e gli stringeva forte le dita. La pulsazione cominciò nel profondo di lei e si diffuse attraverso il centro della parte inferiore del suo corpo, irradiandosi in ogni cellula, a quanto pareva. Poteva sentire che stava abbandonando ogni resistenza. Che intensità sentiva!

Si inginocchiò dietro di lei e continuò a muovere le dita dentro di lei. Ritirandoli e poi spingendoli di nuovo dentro. L'altra mano gli afferrò l'uccello e cominciò a danzare le dita sopra la testa dell'uccello. Gemette e lasciò ricadere la testa alle sensazioni che pulsavano dentro di lui.

“Per favore, Maestro, fanculo la tua fica. Oh Dio Maestro, ho fame di Te. Ha bisogno che tu la riempia. Oh MAESTRO! Dio, per favore." Lei piagnucolò e gemette mentre i suoi fianchi, ormai incontrollabili, sbattevano contro di lui facendo sì che il suo cazzo colpisse il suo buco.

"Ahhhh, mia dolce puttanella!" Lui ringhiò ad alta voce mentre stuzzicava il suo cazzo lungo le sue labbra. Accarezzò ogni piega delicata con la punta sensibile del suo cazzo. Sapeva che era vicina. Lo poteva sentire. “Ecco fatto, mia cara ragazza. Implorami di permetterti di venire. L'avevi quasi fatto
Esso."

Non ne poteva più. Stava per venire. Riesce a malapena a trattenersi. Lei gemette forte mentre dondolava i fianchi all'indietro. La sua fica bagnata e calda mentre scivola sulla sua asta. "Oh, vuoi il mio cazzo, vero, mio ​​dolce schiavo?" Lui rise maliziosamente mentre spingeva scherzosamente i fianchi in avanti sfiorandole il clitoride con la testa del cazzo, e poi all'improvviso lo infilò nell'ingresso ormai fradicio per un momento, poi tirò fuori e fece rotolare i fianchi così che il suo pene corresse su tutto il suo sesso. Si inarcò per incontrarlo, non volendo che questo glorioso cazzo non la toccasse per un solo momento ora che Lui era lì.

I suoi occhi erano luminosi e lucenti, ma quasi velati di lacrime mentre Lo guardava da sopra la spalla. Le sue labbra si mossero, ma non ne uscirono parole. «Vieni, piccolo. Chiedimi ora." Si sedette in posa al suo ingresso aspettando che lei gli chiedesse di entrare in lei. Le sue dita
ballava e giocava sul suo clitoride e sulle sue labbra incredibilmente bagnate. La stava suonando come uno strumento musicale squisito.

Sussurrò la sua voce appena udibile. “Voglio sentirti riempirmi, Signore. Maestro, prendi il tuo cazzo e scopami come una puttana. SCOPRIMI PER FAVORE!!" Urlò mentre sentiva il brivido scorrerle nelle vene. Rendeva il suo corpo caldo e caldo. Iniziò a farlo selvaggiamente
oscillare i fianchi.

Le sue dita si sollevarono e si infilarono nella sua folta criniera. Lui le tirò indietro la testa con forza proprio mentre mandava il suo cazzo pulsante nel profondo del suo grembo. Lui urlò massicciamente mentre le pareti di lei si stringevano strettamente intorno al suo cazzo. “Cazzo schiavo, mi sei mancato moltissimo. Il mio animale domestico,
Mio caro, mi hai fatto molto piacere. Continuò a muovere selvaggiamente i fianchi. Dentro e fuori la sua figa, la sua virilità la cavalcava. Lui grugnì e ringhiò con lei mentre entrambi cominciavano a cavalcare l'onda del piacere.

Mentre lui le tirava indietro la testa, lei aprì gli occhi per guardare Colui che amava. I suoi occhi si riempiono di lacrime trattenute mentre Lui la avvicina ancora una volta. Era così magistrale nel portarla a questo limite di liberazione e poi nel farla fermare. Cadde una lacrima, poi un'altra
con la coda dell'occhio e si schizzò sulla guancia. Sentì le sue pareti sussultare e tremare. Sapeva che era vicina. Molto vicino. Il suo corpo tremava e tremava. Il sudore del suo corpo era visibile mentre muoveva i fianchi contro la Sua stessa energia.

Il piacere che ha trattenuto negli ultimi giorni minaccia di liberarsi. Vuole la libertà. Sapeva cosa doveva fare per ottenere ciò che desiderava di più. Strinse i denti mentre sibilava e gemeva per esprimere i suoi desideri. All'improvviso spinse i fianchi in avanti, affondando il cazzo in profondità e poi estraendolo completamente. La riempì ancora e ancora. I gemiti riempirono la stanza facendola salire più in alto mentre il suo corpo tremava. Le sue cosce le schiaffeggiarono la parte posteriore del culo e le sue palle le toccarono il clitoride.

Spalancando gli occhi cadono altre lacrime. Le scivolano lungo le guance. I suoi fianchi si muovono selvaggiamente contro di Lui. Le sue mani le afferrano i fianchi. Lui continua a scoparla forte, i suoi occhi adesso brillano di intensità. Può sentire il suo cazzo gonfiarsi, allungarla, reclamare il suo territorio. Con i piedini agganciati ai suoi polpacci che lo attaccano a sé, lo spinge a darle tutto il suo dolce succo.

Lui rise proprio mentre lei si chiudeva a lui. La piccola protuberanza stretta del suo clitoride sfiorò e picchiettò lungo la sua asta e le sue palle mentre si scontravano insieme, e lei gridò ancora e ancora. La rapsodia che si accumula dentro di sé fa sì che la sua voce diventi rauca. Continuò a implorarlo per la sua liberazione, sapendo che gli sarebbe piaciuto molto. Le sue labbra erano gonfie e gonfie per aver masticato e morso per mantenersi sull'orlo del baratro. La tenne lì perfettamente. Nonostante i suoi movimenti selvaggi, poteva sentire come lei pulsava.

Alzando gli occhi pieni di lacrime verso i Suoi, con la bocca aperta, implorò: “Per favore, Maestro! Oh Dio Maestro!! Sono stata la tua buona troia. Sono anche la tua sporca puttana. Per favore! Maestro!! Permetti al tuo animale domestico di venire per te. Permetti al suo piacere di immergerti mentre ti avvicini al limite. CAZZO Signore, per favoreeeeeeeee!!!! Lasciami venire, Maestro. Iniziò a singhiozzare in modo incontrollabile. Altre lacrime le scivolarono lungo il viso. Sollevò i fianchi e li riportò indietro con forza e velocità. Pregò, piagnucolò e pianse mentre le pareti della sua fica si stringevano e tremavano. La tensione si aggrappò al suo cazzo mentre aspettava il suo sì.

“ORA, mio ​​schiavo! Vieni adesso! Sborra per il tuo padrone! Il tuo vero Uno. CUM!!" Ha spinto il suo enorme cazzo in profondità nel suo grembo. Fece saltare e contorcere il suo cazzo
dentro di lei. Sentì il suo grido ed emise un forte grido. Tutto il suo corpo tremò e urlò mentre il piacere lacerava il suo essere. La serenità le strappò l'anima facendole stringere forte i muscoli della fica. Gli spasmi continuavano a scuoterla e a devastarle i muscoli mentre lui continuava a cavalcarla. Lei mosse i fianchi avanti e indietro, gridando mentre i suoi piaceri lo circondavano in un orgasmo beato.

Non poteva più trattenersi. Colpi lunghi e profondi, simili a fulmini, riempirono il suo sesso. Sentì ogni piccola parte del suo orgasmo mentre sferzava tutto il suo essere. Si ritirò da lei lasciandola vuota e guardò la sua dolce e tenera fica rosa luccicare e
raggrinzito per Lui.

“Vieni, mio ​​caro cuore. Salutami come avresti fatto se non ti avessi sorpreso”. Girò attorno al Suo schiavo e si sedette sulla Sua sedia. Il suo cazzo si alzò orgogliosamente mentre la guardava ricomporsi e fare ciò che aveva chiesto.

Un leggero rossore le scese sul viso perché sapeva di essere stata una deliziosa troia per il suo Padrone. Vide come il suo cazzo stava così orgogliosamente in aria. Brillava del suo nettare e lei sapeva cosa doveva fare. Tenendo gli occhi bassi e la testa alta,
lei si inginocchiò rapidamente davanti a Lui. Strisciò per pochi metri tra di loro con la schiena inarcata e il sedere in alto. Era orgogliosa di essere alla presenza del suo Maestro, quindi fece tutto il possibile per renderlo orgoglioso di lei. Lunghe e spesse ciocche di capelli rosso vivo scivolarono
facilmente sulle sue spalle e lungo la schiena. I riccioli stretti sfioravano la sua pelle sensibile e riscaldata. Era ancora molto emozionata e “salutarlo” era un onore di cui era orgogliosa.

I suoi piccoli seni ondeggiavano mentre il pallore della sua pelle quasi brillava nella luce soffusa. Arrivando ai suoi piedi, bacia dolcemente l'uno e poi l'altro proprio sulla punta di ciascun dito. Raddrizzandosi sulle ginocchia, incrociò le caviglie e si appoggiò sopra il sedere
caviglie. Lei si dimenò leggermente e le sue labbra rosse si aprirono. L'improvvisa ondata di sentimenti avvolse le sue pieghe e si diffuse verso l'alto rendendo la stanza molto calda. Poteva sentire il formicolio ancora nel profondo di tutto il suo corpo, anche se la maggior parte era concentrata nel centro della parte inferiore del ventre.

Le sue piccole mani poggiavano sulle cosce rivolte verso l'alto facendo sapere al suo Maestro che era lì per Lui per il Suo piacere. Permise alle sue lunghe cosce cremose di spalancarsi e di offrire uno sguardo alla sua fica bagnata selvaggiamente pulsante. Teneva la schiena dritta e gli occhi bassi. Amava quando il suo Maestro la guardava, soprattutto quando gli era gradito. Aspettò nella posizione finché Egli non diede il Suo comando.

Non diede alcun comando ma si limitò a infilarle la grande mano tra i capelli, ad avvicinare le labbra di lei al cazzo e a spingerlo in profondità nella sua bocca, riempiendole la gola. “Oh mia troia. Il mio obiettivo è scoparti tutta la notte. Questo è solo l'inizio. Hai fatto bene."

Era orgogliosa, come solo una schiava veramente grande può esserlo. Sapeva che avrebbe goduto del suo piacere per il resto della notte e oltre. Lei era Sua, e Sua soltanto.

Storie simili

I miei figli innamorati di me 2

Sono una madre vergognosa, che razza di mostro sono? Ho lasciato che mio figlio di 16 anni mi accogliesse Prendendo la sua verginità. Mi sono sentito male e da quel giorno non sono più umano Diritto di parlare. Per definirmi madre! Io-potrei dire di no, Il pensiero di perderlo con una puttana trasandata. Ma guarda chi parla, ho fissato il lavandino, sono stato qui 20 minuti. Mi sentivo così triste, triste, avevo già finito di lavare i piatti a che diavolo sto bene adesso? Ho sentito le braccia avvolgermi lo stomaco e curvarle morbide Le labbra mi baciano la testa. Rabbrividii...

350 I più visti

Likes 1

Essere comandato

Naomi Price stava affrontando una crisi non causata da lei stessa, ma che solo lei poteva capire come risolvere. Aveva 38 anni e la sua carriera stava andando bene. Ma sua figlia di 14 anni frequentava una scuola privata. Lei e suo marito avevano divorziato poco dopo la sua nascita. Il suo mantenimento dei figli non aiutava Naomi a sbarcare il lunario. Inoltre, la carriera del suo ex era andata nel serbatoio; lavorava solo part-time e riusciva a malapena a cavarsela da solo. Un anno prima, Naomi aveva collocato sua madre in una struttura di residenza assistita. Anche se era molto...

317 I più visti

Likes 0

Caramel Mocha alla giungla di Giava

Erano passate due settimane dal nostro ultimo incontro. Qualcosa a cui mi ero abituato. Viene ogni due lunedì alla giungla di Java per consegnare una singola scatola di biscotti con gocce di cioccolato dalla panetteria e caffetteria di Vienna di Josef. I biscotti non erano niente di speciale. Il proprietario li vende solo nel nostro negozio perché suo fratello è proprietario della panetteria. Ma l'uomo che li ha consegnati sembrava davvero qualcosa da cui potrei dare un morso... Aveva poco più di 20 anni e si chiamava Miguel. Capelli castano scuro, mossi e occhi nocciola con un'affascinante tonalità verde esterna ma...

861 I più visti

Likes 0

Mio cugino_(0)

Quando avevo 17 anni andai in vacanza con i miei genitori, i nostri zii e le loro due figlie. Mia cugina (emma) che aveva appena compiuto 16 anni il giorno prima flirtava sempre con me e mi divertivo molto. Beh, un giorno tutti erano usciti e avevano lasciato me ed Emma al campeggio. emma indossava una gonna corta grigia ed era sdraiata su un lettino. Quando mi sono seduto ho potuto vedere la sua gonna e ho visto le sue mutande bianche. si è accorta che la guardavo e non ha mai tentato di coprirsi. Invece ha aperto un po' di...

636 I più visti

Likes 0

Giacomo e Maria_(0)

Capitolo 1 Quando i genitori di James hanno detto che sarebbero usciti per la notte, ciò che inizialmente gli era passato per la mente era stato forse afferrare il telecomando della sua PS4 o vedere quanti episodi di House of Cards poteva guardare. Non aveva previsto cosa avrebbe comportato quella notte, ed era lì per il momento della sua vita. Aveva appena preso il telecomando della TV e si era lasciato cadere sul suo grande divano di pelle quando suonò il campanello. Esitò, espirò, poi si alzò in piedi e attraversò il corridoio fino alla porta d'ingresso. Alla porta c'era un...

622 I più visti

Likes 0

Holli e una vela serale

Holli mi ha incontrato all'estremità del molo... e il mio cuore ha perso un battito quando è scivolata alla vista. Era vestita per una serata a bordo della mia barca: semplici sandali da barca, un bel top azzurro e un paio di pantaloncini cachi molto comodi che le dondolavano facilmente sulle curve, accennando a ciò che aveva da condividere sotto. 5'9 con capelli biondi, gambe lunghe e un corpo atletico in forma, Holli era entrato nel mio mondo attraverso un pomeriggio magico che abbiamo condiviso sul lungomare di Vancouver. Questa serata è stata il risultato del mio invito perché ci eravamo...

470 I più visti

Likes 0

Jordan la dea del sesso_(1)

Mi chiamo Jake. Sto scrivendo questo perché non riesco semplicemente a crederci io stesso. Spero che quando avrò finito sarà affondato un po 'meglio. Comunque. Quello che sto per raccontarvi è un momento molto speciale della mia vita. Quando ho scopato Jordan. Jordan è sempre stata la ragazza più sexy della mia scuola e tutti desiderano il suo seno perfettamente formato. Sa che tutti i ragazzi non possono resisterle e si prefigge il suo obiettivo personale di indossare il collo a V più basso possibile, solo per tormentarci. Il resto del suo corpo è altrettanto meraviglioso. Dal suo viso meravigliosamente fottuto...

466 I più visti

Likes 0

Camion su strada capitolo 5

Jill e io siamo arrivati ​​a Boise ID. intorno alle 5 del mattino. Ho rifornito il camion e l'ho parcheggiato. Siamo entrati e abbiamo fatto una buona colazione. Ha detto voleva avermi per dessert ma nel camion. Ed è stato il giorno dell'anale. Mi ha detto che voleva KD nel culo e io che le martellavo la figa. Ho riso e ho detto hai intenzione di infilarti KD nel culo? (KD è Kong Dong) Questa cosa è lunga 18 pollici e spessa circa 3 pollici, un po' più grande di una lattina di birra, Ci puoi scommettere dice. Le ho detto:...

444 I più visti

Likes 0

Le sorelle calzino (capitoli 9-12)

CAPITOLO NONO Jeff ci ha lasciati davanti alla casa di Kim intorno alle 8:30 e lei ci ha incontrato alla porta indossando uno dei vecchi e soffici accappatoi. “Sono appena uscito dalla doccia ragazze. Vieni nella mia camera da letto, ci cambieremo lì. Phil se n'è appena andato e mi sono quasi dimenticato del tempo! «Phil se n'è appena andato, eh?» ho scherzato. E cosa stavate combinando voi due per perdere la cognizione del tempo? “Stavamo scopando, Mar! Cosa hai pensato? Kim sorrise a me e Beth e scoppiammo tutti a ridere. Quando arrivammo nella stanza di Kim, lei lasciò cadere...

400 I più visti

Likes 0

Tia, la mia sexy vicina nera

Tia è una ragazza dalla pelle marrone media sulla trentina che vive accanto a me. Vive da sola, ha un ottimo lavoro in azienda e si veste bene ogni giorno quando va al lavoro. Lei è molto carina, estremamente sexy, ha un bel seno, lunghi capelli neri e fluenti e bellissimi occhi scuri. Mi eccita totalmente ogni volta che la vedo. Ho stretto un'amicizia con lei e ovviamente flirto molto con lei. Adoro il suo sorriso e ha una personalità piacevole. La saluto sempre e di solito le faccio i complimenti per la scelta dell'abbigliamento per la giornata, e talvolta faccio...

366 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.