Folletti urbani

298Report
Folletti urbani

Linsey quasi saltò giù dal marciapiede, con un allegro balzo al passo e un sorriso gentile. La sua pelle non era del tutto pallida e il freddo le rendeva il viso un po' roseo. Indossava un maglione di lana sottile con strisce grigie e rosso vivo. Aveva lunghi capelli castani che puntavano leggermente verso l'esterno e un po' verso l'alto e grandi occhi azzurri luminosi con lineamenti da topo. Indossava una gonna di pizzo bianco con calze bianche e spettacoli che erano quasi come scarpette da ballo. Portava i libri tra le braccia tenendoli avvolgendoli con le braccia, i gomiti rivolti verso il basso e le dita curvate nella parte superiore. Poesia, calcolo infinitesimale e un libro di spartiti per viola. La sua passione era suonare la viola. Viveva la vita di città, di giorno al college, di sera studiava e lavorava in una biblioteca. Era una cosa piuttosto giovane. Con il seno in coppa B e le braccia e le gambe sottili, non molte persone la vedevano così bella. Ma quando ballava con la sua viola mostrava la sua vera agilità, agilità e flessibilità.
In agguato nell'ombra del vicolo si nascondono due esseri mostruosi. Due goblin fissavano la sua deliziosa figura mentre ridevano maligni, dandosi giocosamente una spinta. Uno ha la pelle rosso cremisi e gli occhi verdi, l'altro ha la pelle verde muschio con gli occhi rossi. A quello rosso piaceva procurare dolore e piacere, all'altro piaceva sentire urla e gemiti. Entrambi erano devianti di stupri sessuali e torture. Demoni diabolici del caos. Indossando mantelli neri aspettarono finché calò la notte e il sole andò a riposare finché non fecero la loro mossa. Perché questi folletti conoscevano la pazienza, conoscevano il valore e la virtù dell'attesa. La maggior parte della loro specie no. Scivolarono nell'ombra della notte con sorrisi malvagi e occhi lussuriosi mentre raggiungevano il suo edificio. Conoscevano già il suo nome seguendola in giro. Hanno visto a che piano si trovava vicino alle cassette della posta, stanza 32B.
Hanno tirato la porta solo per scoprire che era chiusa a chiave. Uno tirò una punta dall'aspetto malaticcio che pugnalò la serratura con essa mentre una parte della serratura saltò fuori dall'altro lato atterrando sulla pacca di benvenuto in gomma ricoperta di polvere. Entrarono ridendo mentre correvano su per le scale. Le loro dita artigliate graffiavano i bordi delle scale di legno.

Linsey ha messo giù la sua Viola dopo aver appena suonato Zelda con la sua viola. Sorrise vittoriosa mentre entrava in cucina per prendere qualcosa da mangiare. I suoi capelli si erano appena asciugati completamente dopo la doccia quella mattina.
Qualcuno bussò alla porta. Tre colpi lenti e pesanti.
Si voltò fermandosi un attimo per guardare chi sarebbe stato lì, i suoi amici avrebbero chiamato prima di venire e i suoi genitori non erano mai venuti a trovarla così tardi. Indossando un sottile pigiama Tri-Force, essendo a piedi nudi e con lo smalto rosa, si avvicinò alla porta con una curiosità sul viso.
"Ciao?" chiese prima di guardare attraverso lo spioncino che non mostrava alcun corpo nel corridoio. Alzò gli occhi al cielo voltandosi per tornare in cucina quando tre forti tonfi arrivarono alla sua porta. Smise di voltarsi. Premette un'unghia chiara sulle sue labbra giovani e impertinenti. Andò alla porta, aprendola e spalancandola. Vide due figure in miniatura ammantate. Lei sorrise pensando a loro come dei bambini.
"Non è ancora Halloween, ragazzi." Disse con un sorriso gentile.
"Forse potresti comunque darci un dolcetto." Si disse uno con una vocina sommessa.
Lei alzò scherzosamente gli occhi al cielo: "Bene, okay, aspetta solo un momento." Disse allargando leggermente il sorriso.
Si voltò e andò in cucina aprendo un sacchetto di mini risatine. Tirò fuori una coppia e tornò dove erano i bambini. Si avvicinò alla porta e se n'erano andati. Lei lanciò uno sguardo strano prima di guardare su e giù per il corridoio senza risultato. Alzando le spalle chiuse la porta pensando che fosse strano che questi ragazzi se ne andassero. Si mise in tasca le caramelle e andò in cucina. All'improvviso non ebbe più fame e scosse la testa voltandosi per andare a letto. Si avvicinò alla sua musica vedendo qualcosa scritto sul suo spartito, ampio e che sembrava come se l'avesse scritto un vecchio inglese.
"Il tuo sangue è dolce, ti succhiamo la tetta, questo è il nostro regalo di Halloween." Lei sghignazzò disgustata,
"Ragazzi di questi dannati giorni." Disse scuotendo la testa, prendendo l'acqua proprio accanto allo spartito e facendo un sorso veloce. Arrotolò la musica e mise via la viola. Entrò nella sua stanza con un passo diretto al suo letto. Si fermò all'improvviso mentre si girava lentamente verso un angolo della sua stanza giurando di aver visto un inquietante bagliore verde. Adesso non vedeva altro che un'ombra nera dell'oscurità. Si avvicinò lentamente alla scrivania, passo dopo passo, con cautela. Un paio di occhi rossi fissavano i suoi piedi mentre passavano lentamente. Allungò la mano mentre un coltello usciva lentamente da sotto il letto. Fece clic sul pulsante di accensione mentre la luce illuminava la stanza. Non c'era niente nell'angolo. Emise un sospiro di sollievo quando il coltello ritornò sotto il letto, usato solo per la sua riflessione. Il goblin fece una risatina silenziosa quando un paio di occhi verdi lo raggiunsero. Spense la luce e si infilò nel letto. I goblin scivolarono da sotto il letto silenziosamente stando sopra di lei mentre lei dormiva e la fissarono. Hanno aspettato un'ora prima di fare qualsiasi cosa. Cominciarono a sussurrare pensieri sporchi nella sua mente. Sussurrandole da entrambi i lati dell'orecchio mentre il suo subconscio era immerso nelle chiacchiere sporche. Le sue parti intime si bagnarono mentre cominciava a gemere nel sonno. Ora con un sorriso subdolo i goblin iniziarono la parte divertente del loro lavoro. I goblin lasciarono cadere i mantelli, le grandi bocche piene di denti affilati. Un grosso naso deforme e grandi occhi folli di giallo bianco, nero e rosso. Le corna che sporgono dalle tempie sono entrambe di omuncolo. Portavano solo una borsa ciascuno. Ognuno con tanti giocattoli con cui giocare. Il folletto rosso si avvicinò al bordo del letto tirando leggermente le lenzuola mentre scivolava dentro strisciando, quello verde si arrampicò leggero e silenzioso sul letto tirando fuori il suo membro mentre lentamente cominciava a strofinare la punta del suo uccello intorno alle sue labbra . Era profondamente addormentata quando la sua bocca cominciò ad aprirsi, la sua lingua scivolò lentamente fuori avvolgendola attorno alla testa del goblin. Sollevò la testa all'indietro con un ampio sorriso sentendo il solletico della sua lingua bagnata, morbida ma ferma. Il folletto rosso allargò lentamente le gambe dai piedi, poi strisciò lentamente verso l'interno vedendo le sue mutandine bianche di cotone. Tirò la sua punta malaticcia con bordi frastagliati affilati come rasoi. Poteva sentire il suo dolce aroma muschiato da dove giaceva. I suoi succhi cominciano a fluire creando una piccola macchia bianca scura nelle sue mutandine. Essendo in grado di vedere perfettamente nella notte, il folletto ne puntò uno tra le labbra. Si sporse tagliando lentamente la stoffa. Poi tagliò le estremità delle mutandine sfilandole lentamente dal corpo. Annusò profondamente il suo tesoro. Le sue labbra si curvarono ferocemente mentre la sua bocca si apriva e una lunga lingua scivolosa scivolava fuori toccando appena il clitoride, la sua lingua cominciò a tremare mentre poi scendeva dentro di lei.
Il folletto verde fece una risatina profonda e gutturale mentre lei gemeva leggermente, la sua voce faceva vibrare il suo cazzo. Poi cominciò a prendere più cazzo del goblin in bocca, succhiandolo lentamente.
La maggior parte delle donne a quest'ora si sarebbe svegliata. Ma l'ingegno dei goblin riuscì a creare più di una piccola pozione insapore per farla dormire ancora peggio.
Iniziò a succhiare più forte mentre la lingua diventava sempre più rapida e violenta all'interno della sua figa fradicia. Lei dentro la bocca del goblin sentì la sua lingua leccargli il cazzo. Lo succhiò e lo bevve.
Nella sua mente stava facendo il sesso più incredibile con due uomini bellissimi.
In realtà l'attraente uomo biondo della sua femminilità era davvero un diabolico goblin che violava il suo luogo sacro con la sua lingua sconnessa e scivolosa. La sua mano si sollevò ad accarezzare le palle verdi del goblin, solleticandole mentre cominciava a gemere sempre di più. Il goblin cominciò a grugnire mentre la sua mano avvolgeva la testa della ragazza e cominciava a spingere. Si tirò fuori giusto in tempo per esploderle in faccia. L'ondata iniziale del suo sperma rosso, biancastro, denso e appiccicoso, colpì la sua fronte sbavando fino alla guancia, il carico successivo sparò e la colpì in bocca e un po' sul naso. Lei ingoiò il suo sperma gemendo con un sorriso mentre usava il dito per far scivolare il resto del suo sperma nella sua bocca. Le sue mani si allungarono sotto il cuscino in estasi, venendo in un forte e debole grido, le sue dita lucide si arricciarono contro il lenzuolo, le sue cosce si strinsero attorno al goblin rosso.
"Ha avuto piacere." disse il folletto rosso asciugandosi la bocca e leccandosi le labbra dei suoi succhi. Il folletto verde annuì.
"Dolore?" chiese, entrambi stavano perdendo tempo perché il folletto verde era diventato di nuovo duro. I due insaziabili la girano e poi le sollevano le ginocchia sollevandole il culo in aria. Una ha tirato un bavaglio rosso aprendole leggermente la bocca e riempiendolo in bocca legandolo dietro la testa. Sembrava a disagio, sapevano che era vicina al risveglio. Poi le tirò le braccia davanti a sé legandole le mani per i polsi. Il folletto rosso stava sopra di lei, il suo sedere si curvava piacevolmente,
"Pulito, ho appena fatto la doccia." ha riso.
La sua lingua scivolò fuori mentre le leccava le chiappe, poi cominciò a leccarle il buchetto stretto. Il suo viso diede una fitta di disagio quando il folletto verde prese posizione sulla sua figa. Iniziò lentamente ad inserire il suo cazzo nella sua figa. Ha dato un "mmm..." mentre sembrava dimenticare la lingua del suo buco del culo. E dopo qualche istante sembrò addirittura goderselo. Per lui questo dava licenza a un'altra cosa. Ma lui si stava godendo il suo culo stretto, afferrandole le chiappe mentre le leccava, la sua lingua diventava lentamente più profonda mentre lei si dimenava un po'. La dura erezione del goblin verde stava cominciando a prendere velocità mentre lui la immergeva fuori dalla ragazza, le sue morbide labbra strette e bagnate sembravano paradisiache mentre la sua testa le attraversava. Toccandole le cosce con le dita e le unghie. Afferrò le sue lenzuola mordendole e trascinandole dentro urlando un orgasmo. Il folletto rosso le tirò la lingua dal culo, stando dritto e mise il suo cazzo duro e asciutto sul suo buco del culo bagnato. Poi fece un sorriso insidioso mentre lo spingeva in avanti con un grugnito, sentendo la sua carne soda iniziare a separarsi attorno al suo membro duro e pulsante.
All'improvviso gli occhi di Linsey si spalancarono mentre cercava di urlare a squarciagola mentre la saliva appiccicosa si formava intorno alle sue labbra scivolando lungo il bavaglio. I suoi occhi si chiusero mentre sentiva il cazzo farsi strada più profondamente dentro di lei. Lei voltò la testa vedendo i due paia di occhi dietro di lei che ora ridevano ferocemente. Lei urlò inorridita mentre cercava di scuoterli e ridacchiare, ma loro godevano solo dei suoi tentativi di fuga pensando che fosse bello. Il suo culo si strinse immensamente mentre lui lo spingeva ulteriormente nel suo piccolo buco stretto e bagnato, sembrava così duro contro la testa del suo cazzo impetuoso. Il suo bacino finalmente colpì le sue chiappe mentre si tirava fuori e poi sbatteva il suo corpo contro il suo sedere vedendo il suo sedere dare una leggera increspatura. Sorrise mentre tirava una frusta. Lui li tirò indietro mentre le cavalcava il culo e poi glieli schiaffeggiò sulla guancia destra. Lei urlò di dolore mentre le si formavano le lacrime agli occhi. La sua mano scese di nuovo colpendole brutalmente la guancia sinistra del sedere. Il folletto verde rise forte mentre le sborrava nella figa. Fece uno scatto in avanti, poi cominciò lentamente a tirarsi fuori finché non scattò di nuovo in avanti. Lo tirò fuori mentre scivolava sotto le sue gambe e cominciò a giocare con le sue tette. Li afferrò, li tirò, li leccò, le torse i capezzoli. Lui si asciugò il suo cazzo sporco su di loro mentre lei piangeva. Sentì le fredde cinghie di cuoio scivolarle lentamente sulla schiena. Il suo corpo tremava di paura. Ma non si fermò mai mentre il goblin dondolava violentemente il suo corpo avanti e indietro, poi sollevava le cinghie di cuoio facendole cadere sulla parte bassa della schiena. Lei lanciò un altro grido di dolore quando sentì il goblin rosso rilasciare il suo sperma nel suo culo. Ha spruzzato forte. Si spinse in avanti sparando con il suo carico secondario. Lui tirò fuori il suo membro gocciolante lasciando una goccia di sperma sul suo buco del culo che colò lentamente verso il basso. Si sentiva disgustata, violata, offesa, nauseata dallo stomaco e dalla paura. Poteva sentire lo sperma scorrere e scivolare più in profondità nel suo buco del culo. Caldo e denso, cadde su se stesso penetrando ulteriormente. Lo sperma nella sua figa ora si era depositato e fuoriusciva dalla fessura. La sua mente correva mentre sedeva lì inorridita. Poi sentì le gambe muoversi. I goblin le tirarono le gambe dietro la schiena e le braccia legandole tutte insieme. Linsey non riusciva a muoversi perché era pietrificata. Rimase semplicemente seduta lì mentre la legavano. I goblin si avvicinarono alla scrivania mentre disponevano tonnellate di dispositivi di tortura di puro dolore. Tornò in sé quando si rese conto di ciò che avevano pianificato, immediatamente i suoi occhi si trasformarono in dischi a grandezza naturale. Iniziò a gemere cercando di scappare. È stato inutile.
Il goblin rosso si voltò verso di lei con un lungo coltello ricurvo mentre il goblin verde si dirigeva verso la passerella per esplorarlo per assicurarsi che non fossero interrotti. Sentì un rumore provenire dal piano di sopra. La curiosità del folletto verde ebbe la meglio su di lui mentre saliva le scale.
Il folletto rosso iniziò ad avvicinarsi a lei con il coltello dall'aspetto malaticcio, la volpe nuda e legata in mezzo a lui cercava di liberarsi e lo guardava terrorizzata.
Il folletto verde apparve sul soffitto della finestra.
"Forse potremmo portarla al Signore. Lui ama la musica." Egli ha detto:
"Ma che dire del nostro piacere e intrattenimento notturno?" Disse con rabbia. Il folletto verde sorrise subdolamente. "Vieni fratello. Devo farti vedere."
Il folletto rosso sorrise come faceva sempre mentre lo seguiva lungo la passerella. All'interno della stanza sopra di loro c'era una donna legata al letto, un uomo che le colpiva lo stomaco con un bastone mentre lei piangeva con un gemito. I due goblin si guardarono l'un l'altro mentre quello rosso tirava fuori la sua punta, il goblin verde prendeva il coltello malaticcio del goblin rosso.
"Sarà divertente." - osservò quello rosso.
Quello verde annuì in accordo mentre le loro voci gorgoglianti ridacchiavano.

Per il resto della notte Linsey poté solo immaginare quale tortura comportasse per i suoi vicini al piano di sopra. Sentì un grido di shock, poi il silenzio. I goblin non tornarono finché il mattino non fu quasi alle porte ed erano coperti di sangue. Fu allora che venne il freddo cieco e la presero.

Storie simili

Studiare per il corso di storia

Immagino sia iniziato come qualsiasi altro giorno, non sapevo che mi avrebbe cambiato per il resto della mia vita. Stavo aspettando di incontrare Tanya dopo la scuola per poter tornare a casa insieme come facciamo sempre, essendo lei la mia vicina e tutto il resto. Voglio dire, ho capito perché tutti i ragazzi della mia classe superiore si sono innamorati di lei. A 5'6 , con capelli castani lisci appena sopra le spalle, circa 120 libbre, e immagino che 32D tette fosse una delle ragazze più calde della mia classe, anche se io ero così timida e crescevamo insieme ho pensato...

650 I più visti

Likes 0

Gli esibizionisti, parte 2

Gli esibizionisti Episodio 2 Squadra di nuoto Disclaimer: quanto segue è un'opera di fantasia. Pertanto, ho scelto di ambientarlo in un mondo in cui il controllo delle nascite è sicuro, efficace e disponibile al 100% e tutte le malattie sessualmente trasmissibili sono state sradicate. Nel mondo reale, alcune delle scelte che questi personaggi fanno sarebbero estremamente rischiose. Non comportarti come loro. Riepilogo: nell'episodio 1, la protagonista e la sua amica Steph hanno compiuto 16 anni, si sono fatte fare il piercing ai capezzoli, hanno sperimentato il risveglio sessuale, hanno comprato giocattoli sessuali, hanno visto un vecchio sporco masturbarsi e si sono...

414 I più visti

Likes 0

I miei figli innamorati di me 2

Sono una madre vergognosa, che razza di mostro sono? Ho lasciato che mio figlio di 16 anni mi accogliesse Prendendo la sua verginità. Mi sono sentito male e da quel giorno non sono più umano Diritto di parlare. Per definirmi madre! Io-potrei dire di no, Il pensiero di perderlo con una puttana trasandata. Ma guarda chi parla, ho fissato il lavandino, sono stato qui 20 minuti. Mi sentivo così triste, triste, avevo già finito di lavare i piatti a che diavolo sto bene adesso? Ho sentito le braccia avvolgermi lo stomaco e curvarle morbide Le labbra mi baciano la testa. Rabbrividii...

350 I più visti

Likes 1

Tia, la mia sexy vicina nera

Tia è una ragazza dalla pelle marrone media sulla trentina che vive accanto a me. Vive da sola, ha un ottimo lavoro in azienda e si veste bene ogni giorno quando va al lavoro. Lei è molto carina, estremamente sexy, ha un bel seno, lunghi capelli neri e fluenti e bellissimi occhi scuri. Mi eccita totalmente ogni volta che la vedo. Ho stretto un'amicizia con lei e ovviamente flirto molto con lei. Adoro il suo sorriso e ha una personalità piacevole. La saluto sempre e di solito le faccio i complimenti per la scelta dell'abbigliamento per la giornata, e talvolta faccio...

365 I più visti

Likes 0

T o D parte 2

Mi stavo solo chiedendo se sarebbe una seccatura per voi se il prossimo avesse qualche azione tra ragazzi e ragazze. Sicuramente terrò la parte gay ma quella etero aiuterà a sviluppare la storia in più parti quindi se vuoi che continui lascia un commento La mattina dopo i quattro ragazzi si svegliarono dopo un breve riposo. Allora, Ace e Mike, quanto tempo vi fermerete? chiese Bryce. Beh, mi sono appena ricordato che oggi devo andare da qualche parte con mio padre, ha detto Mike. Oh, okay, che ne dici di te, Ace? chiese Bryce. Sì, posso restare quanto voglio, ha detto...

336 I più visti

Likes 0

Essere comandato

Naomi Price stava affrontando una crisi non causata da lei stessa, ma che solo lei poteva capire come risolvere. Aveva 38 anni e la sua carriera stava andando bene. Ma sua figlia di 14 anni frequentava una scuola privata. Lei e suo marito avevano divorziato poco dopo la sua nascita. Il suo mantenimento dei figli non aiutava Naomi a sbarcare il lunario. Inoltre, la carriera del suo ex era andata nel serbatoio; lavorava solo part-time e riusciva a malapena a cavarsela da solo. Un anno prima, Naomi aveva collocato sua madre in una struttura di residenza assistita. Anche se era molto...

317 I più visti

Likes 0

Esplorazione del liceo capitolo 4. Finalmente la festa _(0)

Grazie per aver letto la mia storia. Questa è una storia vera per come la ricordo. Questa storia potrebbe non essere adatta a tutti. Il telefono squillò verso mezzogiorno, era Cindy. Perché non sei a scuola oggi? Faresti meglio a non pensare di saltarci fuori stasera. Che cosa? No, ci sarò. io semplicemente... Mi ha interrotto. Faresti meglio ad essere qui per la lezione pomeridiana! Io non… Mi ha riattaccato. Oh fantastico, ora è di nuovo arrabbiata. Ho provato a richiamarla tre volte ma non ha risposto. Rimasi lì per un po' a pensare. Oh sì, devo prepararmi per la festa...

278 I più visti

Likes 0

Il mio ultimo respiro cap. 1

Amelia Il mio respiro sembrava pesante nel silenzio mortale che mi circondava. Le strade deserte sono immerse nell'oscurità totale e lasciano che le ombre e la fitta nebbia lo rendano estremamente spaventoso e sinistro. Non sapevo se avrei mai potuto smettere di correre, ma sapevo che presto avrei dovuto farlo, perché presto i miei polmoni e il mio cuore non ce la facevano più, perché mi sentivo come se fossi pugnalato con un coltello ad ogni respiro e passo che ho fatto. Ma non riuscivo proprio a fermare i piedi, perché ogni volta che cominciavo a camminare e cercavo di rilassarmi...

320 I più visti

Likes 0

Racconti incestuosi della quarantena 7: delizie di creampie delle sorelle

Racconti incestuosi della quarantena Storia sette: le delizie dei creampie delle sorelle Di mypenname3000 Diritto d'autore 2020 Nota: grazie a WRC264 per aver letto la beta! René! il mio fratello maggiore gemette mentre il suo sperma veniva pompato nella mia figa. SÌ! La mia figa birichina si contorceva attorno al cazzo di mio fratello maggiore. Tremavo, piagnucolavo e gemevo mentre il suo meraviglioso seme veniva pompato nella mia fica. Tremavo, piegato sul cofano della Camaro del 1969 su cui stava lavorando nel garage della nostra famiglia. Avevo aiutato Clancy tutta la settimana. Da quando finalmente mio fratello maggiore mi aveva notato...

141 I più visti

Likes 0

Benefici marginali relativi al lavoro, pt. 2

La scorsa notte è stata una notte incredibile e l'inizio di quello che speravo sarebbe stato una serie di bellissimi incontri con Susan, le sue figlie gemelle, e da non lasciare fuori, la mia ragazza migliore in ufficio e capobanda lussuriosa, Debbie. Persino la cameriera del bar, Tammie, ha proposto possibilità molto interessanti mentre dimostrava una propensione e una mentalità sessuale che secondo me dovevano contenere alcuni segreti sessuali da qualche parte nel profondo. E per quanto riguarda il personale dell'ufficio, tutte donne come ho detto prima, ora avevo avuto una vera festa di sborra esplosiva con due di loro. Con...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.