Ragazza invisibile (una storia d'amore erotica), pt. 1

287Report
Ragazza invisibile (una storia d'amore erotica), pt. 1

PROLOGO: Primavera 1965

Aveva cominciato a pensare a se stessa come alla Ragazza Invisibile.

Aveva degli amici: bambini con cui era cresciuta, che inciampavano insieme tra i voti nel sobborgo di Ridgeton a Boston, collegati dai fili infiniti e complessi di esperienze condivise nel loro piccolo mondo. E molti di loro avevano continuato a frequentare il college comunitario biennale locale, proprio come aveva fatto lei. Ma in qualche modo, tra la scuola elementare e questo, il suo primo anno di college, era come se un incantesimo, operando così lentamente da essere impercettibile, li avesse allontanati tutti l'uno dall'altro, o almeno da lei, i fili diventavano fragili come una tela di ragno.

Li vedeva ancora a scuola, sedeva nelle stesse classi, aveva piccole conversazioni con loro in corridoio o a pranzo, ma sembravano estranei, estranei che in qualche modo avevano molti dei suoi stessi ricordi. Non sapeva più cosa provassero solo guardandoli, non aveva più a portata di mano la conoscenza delle loro simpatie e antipatie, e poteva dire che era diventata impenetrabile per loro. L'hanno riconosciuta. Le hanno parlato. Ma non l'hanno vista.

E certamente era invisibile a tutti gli altri presenti. Era una studentessa normale, tranquilla, che faceva i compiti e rispondeva quando veniva chiamata, ma non faceva nulla che potesse attirare particolarmente l’attenzione dell’insegnante.

Anche il suo aspetto, sentiva, la rendeva il più vicino possibile all'invisibile pur avendo ancora un volto. Portava i capelli castani raccolti in lunghe frange che le scendevano su entrambi i lati del viso, e immaginava che chiunque avesse guardato oltre avrebbe visto solo i suoi occhiali. Oppure, se per caso dovesse sorridere, l'apparecchio ortodontico, motivo di imbarazzo alla sua età. Non aveva senso dell'abbigliamento, tendeva ad abiti informi senza un colore particolare. Era ancora piccola di altezza e snella di figura. Non apparteneva ad alcun club o organizzazione di volontariato. È andata a scuola, è andata a casa.

Anche lì aveva cominciato a sentirsi invisibile. I suoi genitori l'amavano, supponeva, ma erano preoccupati. Suo padre, un tempo membro di successo di un importante studio legale di Boston, era stato licenziato quando i suoi problemi con l'alcol lo avevano raggiunto e ora guadagnava da vivere a livello locale occupandosi di diritto immobiliare, testamenti o qualunque cosa gli capitasse sotto mano. A casa era introspettivo, come se cercasse di trattenere qualcosa dentro di sé. Adesso lavorava con gli Alcolisti Anonimi, era sobrio fino al secondo anno, ma in precedenza aveva causato molti danni emotivi a sua moglie e sua figlia. Una volta, da ubriaco, aveva preso in antipatia la frangetta di sua figlia e l'aveva costretta a sedersi su una sedia mentre lui gliela tagliava con le forbici, lasciandole una frangia irregolare e brutta sulla fronte con la mano tremante. Aveva dovuto costringerla ad andare a scuola il giorno dopo; e da allora aveva camminato a faccia in giù, con le spalle curve.

Sua madre era rimasta accanto al marito, a malapena. Ora frequentava il suo A.A. si incontrava con lui e si rivolgeva anche a un consulente matrimoniale due volte al mese, rispetto a una volta alla settimana all'inizio della sua sobrietà. Ma nei momenti difficili aveva sentito il bisogno di rifarsi una vita e aveva accettato un lavoro di segretaria, cosa che si era rivelata una buona cosa quando il reddito di suo marito si era improvvisamente ridotto a una piccola percentuale di quello che era stato. Arrivavano a fine mese, ma c'erano pochi soldi rimasti per i lussi. Era anche socialmente attiva, aiutando nel suo gruppo ecclesiale e nelle funzioni locali del Partito Democratico. Si prendeva cura di sua figlia come meglio poteva, ma sembrava ancora provare un persistente disagio quando era a casa, un residuo dei brutti momenti che la rendevano irrequieta, desiderosa di essere altrove. Prima che succedesse qualcosa.

A sua figlia le attenzioni di sua madre sembravano ben intenzionate ma in qualche modo superficiali, come se sua figlia fosse una voce su una lista di controllo. Chiedeva della sua giornata a scuola e sembrava prestare attenzione alla sua risposta, ma anche no, come se in qualche parte della sua mente stesse rivedendo l'agenda della giornata, senza realmente vedere la ragazza di fronte a lei.

La ragazza invisibile.

Ma essere invisibile non era privo di vantaggi, aveva scoperto. Le piccole cose che voleva e per le quali non c'erano soldi potevano essere fatte sparire dallo scaffale di un negozio e riapparire fuori.

E trovò il modo di procurarsi denaro per le cose che desiderava che erano troppo grandi o ben protette per essere rubate. Iniziò a frequentare le funzioni scolastiche che fino a quel momento aveva evitato, i balli e gli eventi sportivi. I suoi genitori, nella misura in cui lo avevano notato, erano probabilmente sollevati dal fatto che la loro figlia cominciasse a interessarsi ad avere una vita sociale, senza rendersi conto che la Ragazza Invisibile era interessata solo alle borse e alle tasche dei cappotti incustodite.

Alla fine le autorità scolastiche iniziarono a parlare di “ondata di criminalità” e a ricordare agli studenti di prendersi cura delle proprie cose durante gli eventi pubblici. Ma a quel punto aveva affinato la sua invisibilità al punto che anche i più prudenti e prudenti non potevano più competere con i suoi poteri. I soldi semplicemente sparirono dalle loro tasche e riapparvero nelle sue. Infatti, dopo un po' smise di comprare tante cose e conservò semplicemente i soldi nella cucitura strappata di un vecchio peluche nel suo armadio. Ma la Ragazza Invisibile continuò le sue predazioni.

Passarono le settimane. Un sabato sera di tarda primavera era a un ballo scolastico e si faceva strada nel guardaroba. Doveva esserci un'insegnante in servizio, ma la Ragazza Invisibile sapeva quali facevano le pause sigaretta quando le cose andavano lente e si limitavano a restare lì intorno, invisibilmente, finché non vide l'insegnante dirigersi verso l'uscita, poi allungò la mano oltre il davanzale della porta olandese e entrò. E anche se la maestra fosse tornata un po' prima del previsto, beh, aveva semplicemente dimenticato dove aveva appeso il cappotto. Succede a chiunque.

I guadagni erano un po' più ridotti rispetto a prima, ma molte ragazze semplicemente non potevano prendersi la briga di tenere le borse con sé mentre ballavano. Si fece strada lungo le pareti, controllando le borse e tastando i cappotti alla ricerca di grumi potenzialmente interessanti. C'era il cappotto di Mira Barnstable, un vistoso capo rosso dall'aspetto satinato, come si addiceva alla ragazza più ricca della scuola. C'era un solo cappotto così in città. Aveva dimenticato la borsa? Non troppo male. Ma valeva la pena indagare su quelle tasche. Fece scivolare la mano in uno, trovandolo sorprendentemente profondo... ma vuoto.

Aveva appena frugato nell'altra, la tasca le arrivava quasi a metà del braccio, quando qualcosa con la coda dell'occhio la fece girare verso la porta. C'era un ragazzo lì; lo conosceva, sapeva che era uno studente del secondo anno anche se non riusciva a ricordare il suo nome. Appoggiava i gomiti al davanzale della porta e guardava dentro.

A lei. Pensava di essere in piedi in modo che lui non potesse vedere la sua mano nella tasca di Mira, ma non ne era sicura.

Si guardarono per un attimo in silenzio. Poi senza dire una parola si raddrizzò, tolse le braccia dal cornicione e si allontanò.



Avrebbe trovato un insegnante? Aveva visto? O era ancora la Ragazza Invisibile? Attese, tesa, per vedere se sarebbe tornato.

Dopo alcuni minuti atroci, quando non accadde nulla, se ne andò.

Ma non si sentiva invisibile come prima.

Capitolo primo

L'aveva vista; lo capì non appena lo vide aspettare fuori dall'ultima lezione della giornata, appoggiato con apparente disinvoltura al muro. Come faceva a sapere dove sarebbe stata? Lui le rivolse una semplice occhiata mentre passava, certamente non più di quella che un ragazzo del secondo anno avrebbe normalmente dato a una topa matricola con occhiali, bretelle e vestiti scadenti, ma c'era della consapevolezza in quello sguardo che lo confermava. .



Lui sapeva.

Ma perché non aveva detto qualcosa al ballo? Se lo avesse detto a qualcuno, oh Dio, almeno sarebbe stata sospesa, o forse arrestata! Le sue ginocchia sembravano di gelatina mentre proseguiva lungo il corridoio, immaginandone la vergogna: camminare lungo i corridoi, sedersi in classe, sapendo che tutti sapevano cosa fosse. Se mai le fosse stato permesso di tornare, s'intende.

Mentre girava l'angolo si guardò indietro. E l'ho visto. Ora la stava guardando direttamente: stava camminando verso di lei!

Andò nel panico, corse lungo il corridoio e si tuffò nel bagno per riprendere fiato. Per fortuna era vuoto, perché in quel pomeriggio soleggiato tutti erano corsi fuori dopo la scuola.

Rimase accanto a uno dei lavandini e si guardò allo specchio. I suoi occhi erano spalancati dietro gli occhiali, il suo respiro era troppo veloce. Cercò di calmarsi. Forse non lo avrebbe detto; sembrava un ragazzo abbastanza carino, per quanto poteva dire, considerando che vivevano praticamente in universi diversi. Era sicura che non l'avesse mai notata prima... prima di vedere... Ma se non aveva intenzione di dirlo, perché la stava aspettando, perché l'aveva guardata in quel modo? Oh Dio, era proprio nei guai.



Si sporse in avanti, appoggiando la fronte al fresco dello specchio. Chiuse gli occhi.

Non aveva idea di quanto tempo fosse rimasta lì in quel modo quando sentì la porta del bagno aprirsi. Si tirò rapidamente in piedi e aprì gli occhi. E sentì il suo cuore fermarsi.

Nello specchio, dietro di lei: era lui. Lei si voltò, ansimando.

Lui sembrò non accorgersene mentre si fermava e restava semplicemente lì a guardarla, con le mani in tasca, un bel ragazzo che di tanto in tanto aveva ammirato da lontano. Sembrava rilassato, come se con la sua sola presenza non stesse commettendo una grave violazione delle regole. Un ragazzo nel bagno delle ragazze! Ma non c'era nessuno in giro, e ovviamente sapeva che lei non era nella posizione di denunciarlo.

La guardò a lungo per farle capire che aveva capito la situazione, poi disse: "Ciao, Jane". Conosceva il suo nome! "Certamente ti piace giocare a nascondino, vero?"

Attese che lei rispondesse. Poi, quando fu evidente che era senza parole, continuò. «Voglio dire, ti nascondi sempre, vero? Se non è il bagno, ti nascondi in fondo alla classe. O nel retro dell'autobus. Oppure...” Alzò leggermente le sopracciglia e sembrò sorridere. "...nel guardaroba." Lei sussultò. “Passi molto tempo nel guardaroba. Non è vero, Jane?»

Lei continuava a non parlare. Non era necessario. Il suo viso era diventato completamente bianco e si appoggiò al lavandino, sorreggendosi con entrambe le mani.

"Quindi ora sappiamo chi è il leggendario ladro." Iniziò a camminare lentamente verso di lei. "E finora le uniche due persone che lo sanno siamo io e te, giusto?"



Riuscì ad annuire quando lui si fermò davanti a lei, guardandola in faccia con un'espressione in parte divertita e in parte... non sapeva cosa, ma le fece venire un brivido lungo la schiena.

"Togliti gli occhiali."

Che cosa? Perché? Lo fece, tenendoli goffamente tra le mani mentre lui la guardava per quelli che dovevano essere stati solo pochi secondi ma che sembravano durare ore. Era difficile incontrare il suo sguardo.



Com'erano azzurri i suoi occhi.



Sembrò annuire leggermente tra sé, poi continuò. "Hmm. Immagino che questo significhi che entrambi abbiamo delle decisioni da prendere.

Lei non aveva idea di cosa volesse dire e lui lo sapeva. Lei fece per rimettersi gli occhiali ma lui disse: "No. Lasciali fuori." Lei li armeggiava per un momento, poi se li infilava nella tasca del vestito mentre lui continuava. “La mia decisione è semplice: ti denuncio...o no? E immagino che," disse alzando ironicamente le sopracciglia, "ti piacerebbe di più se non lo facessi. Non penso che andresti molto d’accordo con gli altri ragazzi in prigione”, aggiunse seccamente.

Era così terrorizzata che quasi batteva i denti, ma riuscì a trovare abbastanza voce per balbettare un minuscolo: "...no...per favore..."

Continuò a guardarla, e ora uno sguardo intenso e meditativo cominciò ad apparire nei suoi occhi, mentre proseguiva. "Ebbene, sarai felice di sapere che la mia decisione dipenderà dalla tua decisione."

Quale decisione? Lei lo fissò, insensibile.

"Bene", disse, come se avesse posto la domanda ad alta voce, "visto che sei un ladro, dovresti essere punito, giusto?"

Lei esitò, poi annuì appena, quasi senza respirare, incapace di indovinare dove stesse conducendo.



Lui annuì leggermente. "Quindi preferiresti essere punito dalla scuola, dai tuoi genitori e forse dalla polizia..." La lasciò deliberatamente incompiuta per un momento, sapendo che lei era affascinata. Lo sguardo soppesato divenne concentrato, un raggio laser, mentre finiva: "Oppure... da parte mia?"

All'inizio non riusciva a capirlo. Punita da lui? Pensava che il suo cuore si fosse fermato, ma ora andava come quello di un coniglio. Aprì la bocca, ma all'inizio non ne uscì nulla. Poi: “...C-come...c-cosa...”

Fece un sorriso tirato. “Esatto, non hai idea di cosa farei e non te lo dirò. D'altra parte, qualsiasi punizione riceverai da me sarà solo tra noi, te lo prometto. Nessun altro lo saprà mai. Allora, cosa sarà, Jane? Vuoi essere punito da loro?" Indicò i suoi genitori, la scuola, la polizia e il resto del mondo con il pollice dietro la spalla. "O da me?"

Il suo sguardo sembrava bruciarla attraverso. Eppure, terrorizzata com'era, vide qualcosa di inaspettato nei suoi occhi: per un attimo intuì che la sua aggressività era una finzione; che dietro di esso aveva paura quasi quanto lei. Poi se n'era andato... e lei era ancora intrappolata.



Aveva paura di lui quasi quanto dell'alternativa. Ma che scelta aveva veramente? Niente di ciò che avrebbe potuto fare sarebbe stato tanto grave quanto rendere pubblici i suoi crimini.

Abbassò lo sguardo e sussurrò a malapena: "Tu".

"Oh, no", esclamò. “Dovrai fare meglio di così. Guardami."

Allungò la mano e le mise due dita sotto il mento, il tocco improvviso provocò una piccola scossa elettrica. Poi le sollevò il mento in modo che lei lo guardasse di nuovo direttamente negli occhi. Blu. Ipnotico.

“Ora dite: ‘Merito di essere punito’”.

Non riusciva a distogliere lo sguardo. Era come se qualcun altro stesse parlando mentre uscivano le parole: "Io... merito di essere p-punito".

La sostenne con lo sguardo. "Voglio che tu mi punisca."

"V-voglio che tu... mi punisca." Era come se lei stesse scomparendo nei suoi occhi.

"Come preferisci."

"Come preferisci."

"Farò qualunque cosa mi dirai."

"Farò... qualunque cosa mi dirai."

"Lo giuro."

"Lo giuro."

Le lasciò il mento ma continuò a guardarla profondamente negli occhi, e ancora per un istante i suoi occhi lo tradirono; pensava di vedere confusione lì, come se lui non si fosse davvero aspettato il suo consenso e non sapesse cosa fare dopo. Poi lo sguardo scomparve, sfuggente come un pesce nelle profondità azzurre dei suoi occhi, e tornò lo sguardo controllato, simile a un laser.

Continuò a trattenerla lì per un momento, come se suggellasse il loro contratto. Poi si allontanò da lei e si guardò intorno per un momento, riflettendo. Poi si avviò verso uno dei gabinetti, dicendo: "Vieni qui", da sopra la spalla mentre andava.

Lo seguì nel cubicolo di metallo grigio e lo guardò mentre abbassava il coperchio del water e ci si sedeva sopra.

"Chiudere la porta."

Chiuse la porta dietro di sé e la bloccò, poi si voltò verso di lui. Questo la lasciò quasi ginocchio a ginocchio con lui, il viso all'altezza del suo ombelico.



Per un lungo momento rimase semplicemente seduto lì, con le mani appoggiate sulle cosce, guardandola, il viso illeggibile. Si stava riprendendo dallo shock e cominciava a sentirsi molto a disagio.

Come poteva punirla qui? Stranamente, si ritrovò a desiderare di aver indossato qualcosa di più carino del maglione grigio, del maglione bianco a coste a collo alto e dei mocassini con calzini bianchi, anche se non aveva idea del perché.



Il silenzio continuava. Non sapeva cosa fare con le sue mani.



Più silenzio. Quando finalmente parlò, lei quasi sussultò.

"Va bene. Piegati e afferra la gonna con entrambe le mani.

Cosa c'è nel mondo?

Non importa, si disse: doveva fare quello che le aveva detto. Si piegò lentamente in avanti finché non riuscì ad afferrare l'orlo della gonna. Si ritrovò a guardargli le ginocchia.



E adesso?, si chiese. Lo scoprì presto.

«Ora raddrizzati.»

Trattenne il fiato. Se si fosse alzata dritta, la sua gonna sarebbe venuta con esso. Comunque, forse non troppo in alto... Fece come le era stato detto.

Poteva sentire, poi vedere, che lui la osservava mentre stava in piedi, i suoi occhi sulla tenda che si alzava della sua gonna. Quando era completamente eretta, la sua gonna era arricciata quasi in cima alle cosce. Oh Dio, e se entrasse qualcuno?

Le sue parole successive aumentarono la sua paura: “Continua”.

Oh Dio, voleva che lei si alzasse il vestito! Non aveva quasi nemmeno baciato un ragazzo prima, e lui voleva... se fossero stati scoperti... Cominciò a scuotere la testa e ad abbassare la gonna.



In un istante si alzò dal suo posto e si trovò faccia a faccia con lei.

"Cambiare idea?" chiese con dolcezza. "Bene. Ci vediamo in giro…"

Fece come per raggiungere la serratura della porta dietro di lei. La minaccia era inespressa ma evidente.

"NO!" ansimò, mettendogli una mano sul polso per fermarlo. “Lo farò…ma…ma…

"Ma cosa?"

"Ma cosa succede se entra qualcuno, se ci vede..." sussurrò, con la voce appena udibile. "Penseranno che io sia... una piccola troia."

Avvicinò ancora di più il viso, finché i loro nasi quasi si toccarono. Quando parlò, la sua voce era stranamente gentile, come se fosse dispiaciuto che lei si trovasse in una situazione così scomoda.

"Nessuno può vederci qui." Il suo sguardo tornò ad essere intenso. "Ora deciditi... farai quello che ti dico oppure no?"

Non riusciva a sostenere il suo sguardo. Abbassò lo sguardo e parlò a bassa voce. "Fai quello che mi dici."

"Guardami."

Lei alzò gli occhi verso i suoi.

"Anche se questo significa essere una piccola troia?"

Fece un respiro veloce e ansimante. "S-sì."

"Dillo."

"Anche se questo significa... essere... una piccola troia." Ingoiò le ultime parole.

“Non ti ho sentito. Sei una piccola troia?"

Aveva la gola secca. "Sì... sono una piccola... troietta." Non poteva credere che stava guardando negli occhi un ragazzo e dicendo quelle parole.

"Bene." La lasciò andare e si sedette di nuovo. Guardandola, disse: "Adesso. Non mi darai altri problemi, vero?

Riuscì a respirare di nuovo, ma appena a malapena. "No, non lo farò."

"Bene. Va bene, ricominceremo da capo. La fissò pensieroso, poi disse: “Questa volta ti renderò le cose più facili. Voglio che tu dica: 'Per favore, posso mostrarti... le mie mutandine?'"

Mutandine. Sentì il suo viso diventare rosso. Oh Dio, cosa poteva fare? Niente. Non aveva scelta. Si guardò i piedi mentre cominciava: "Per favore..."

"Guardami."

Lei alzò gli occhi verso i suoi. "Per favore, posso... mostrarti... le mie mutandine?"

"Sì potete. Andare avanti."

Il suo viso era ancora rosso mentre si chinava lentamente in avanti e afferrava l'orlo della gonna tra le mani. Ancora una volta si raddrizzò lentamente. Quando si fu rimessa in piedi, esitò per un momento, come se cercasse di pensare a una via di fuga dell'ultimo minuto dalla situazione. Non trovandone nessuno, continuò a guardarlo mentre alzava la gonna ancora di qualche centimetro.



Il suo sguardo si spostò lentamente dai suoi occhi al punto in cui le sue mani le reggevano la gonna.

"Più alto."

Abbassò lo sguardo e osservò le sue mani, apparentemente involontarie, continuare a sollevare la gonna finché la sottile fascia di carne tra la parte inferiore del dolcevita e la parte superiore delle mutandine divenne visibile. Le sue mutandine erano di sottile cotone bianco, decorate con fiori rosa e blu, molto sbiadite dai ripetuti lavaggi. Erano rifiniti con minuscole fasce di pizzo. Oh Dio, stava sollevando il vestito e lasciando che un ragazzo le guardasse le mutandine. Si vergognava così tanto.

"Stai con le gambe divaricate."

Lo fece e immediatamente sentì la sua vergogna aumentare, perché ora poteva vedere il rigonfiamento tra le sue gambe. Forse riusciva anche a distinguerne la sagoma... oh Dio. Per quanto tempo l'avrebbe costretta a restare lì così? Lo guardò mentre fissava le sue mutandine, sembrando assaporarle come se fossero qualcosa di delizioso.



Alla fine la guardò di nuovo. Forse avevano finito, forse poteva tornare a casa e fingere che fosse stato tutto solo un brutto sogno...

"Girarsi."

Lo fece, tenendo ancora su la gonna.

“Piegati e tocca le dita dei piedi. Piedi distanti."

Di nuovo si piegò in avanti, finché il suo viso fu all'altezza delle ginocchia, e allungò la mano per toccarsi la punta delle scarpe. Per farlo aveva dovuto mollare la gonna, così almeno era di nuovo coperta, anche se il suo sedere gli arrivava praticamente in faccia.

Il suo sollievo fu di breve durata, tuttavia, quando sentì la gonna sollevata da dietro e sollevata sopra i fianchi. Sentì l'aria umida del bagno sulla parte posteriore delle gambe. Le stava sollevando il vestito! Quasi si lasciò andare e si raddrizzò, ma si riprese. Non c'era niente che potesse fare.

Oh Dio, ora il suo sedere era davvero quasi in faccia, per non parlare di lei... Oh Dio, ora poteva vederlo con certezza!

Fu distratta dai suoi pensieri da un tocco delicato, simile a quello di una falena, sulla parte posteriore del ginocchio destro, muovendosi lentamente in cerchi. A questo se ne aggiunse un altro... e poi altri due. Quattro piccole falene, che prima si muovono dolcemente lungo il polpaccio, poi risalgono lentamente fino al ginocchio. Giriamo lentamente verso il basso... poi risaliamo, un po' più in alto questa volta. Giù un po'... poi lentamente... un po' più in alto.

In effetti si sentivano molto bene, queste piccole falene, anche se la posizione in cui si trovavano non era molto comoda. Ma si stavano avvicinando molto al bordo delle sue mutandine! Oh Dio, erano lì! Per prima cosa hanno tracciato il bordo di pizzo attorno al fianco verso la parte anteriore della coscia, poi hanno iniziato lentamente a spostarsi indietro. Oh Dio, stavano scivolando sotto l'elastico: erano sotto le sue mutandine!

Voleva disperatamente muoversi, o almeno gridare di fermarsi, ma non osava, poiché le tracciavano la parte inferiore del sedere, avvicinandosi sempre di più a lei... L'avrebbe toccata lì! Il suo respiro era praticamente ansimante quando lui... si fermò.



Le sue dita scivolarono fuori da sotto le sue mutandine: grazie a Dio! Esitarono per un momento, poi continuarono lentamente, salendo sul suo sedere. Poi sentì tutta la sua mano lì, calda, che accarezzava pigramente prima un monticello, poi l'altro, come se stesse lisciando le rughe nelle sue mutandine. Sentì una piccola scossa elettrica quando un dito scivolò nell'incavo tra le sue guance e vi premette per un momento.



La mano poi continuò verso l'alto, prima scivolando su e sotto il dolcevita - di nuovo quel calore, ora sulla parte bassa della schiena, poi scivolando di nuovo verso il basso, questa volta riducendosi di nuovo a un piccolo tocco di falena, ora tracciando la parte superiore delle sue mutandine, ora scivolando —oh Dio—sotto l'elastico. Oh no, non poteva, non le avrebbe abbassato le mutandine, vero? Morirebbe di vergogna.



E invece no: il dito sembrava raccogliere la stoffa come se volesse tirarle su le mutandine. Li stava tirando su, più stretti - poteva sentirli tirare tra le sue guance - e più stretti! Stavano cominciando a... oh mio Dio, poteva sentire la pressione su di lei... oh Dio, oh Dio, oh...

La pressione si allentò gradualmente quando tolse la mano. Sentì le mutandine allentarsi leggermente. Grazie a Dio. Adesso avevano finito, ne era sicura.

"Va bene... alzati e affrontami."

Lo fece, sollevata nel sentire il suo vestito ricadere al suo posto. Ha detto: “Per favore, abbiamo finito? Posso andare a casa adesso?"

Lui scosse la testa e rispose: "Mm-mm", con la stessa disinvoltura, come se lei gli avesse appena chiesto se conosceva l'ora.



All'improvviso si sporse in avanti e la prese per i polsi, fissandola negli occhi. «Non l'hai ancora capito, vero? D'ora in poi sarai il mio schiavo."

Jane sentì una scossa di ghiaccio nello stomaco e rimase a bocca aperta per lo sgomento.

La lasciò andare e si sedette. “Penso che tu abbia bisogno di una piccola revisione. Cosa devi fare?"

Deglutì e si costrinse a pronunciare quelle parole. "N-qualunque cosa tu mi dica."

Annuì. “Mm-hm. Allora cosa sei?"

Oh Dio, ha ragione, pensò.

"Io sono... il tuo... schiavo?" Lo espresse come una domanda, anche se sapeva che non lo era.

Lui annuì di nuovo, come per incoraggiarla. “Esatto… schiavo. E cos'altro sei?"

La sua mente si svuotò. Poi si ricordò. "Sono... una piccola... troia."

Oh Dio.

"Molto bene. Quindi questo significa che d'ora in poi sarai la mia piccola troia, giusto?"

A Jane sembrava che stesse trattenendo il respiro mentre aspettava la sua risposta, ma non aveva idea del perché. Sapeva che non aveva scelta, vero?

Ancora una volta si costrinse a parlare. "S-sì." Iniziò ad abbassare lo sguardo imbarazzata ma si riprese in tempo. "Sono la tua piccola troia."

Eccolo di nuovo: i suoi occhi si spalancarono, solo per un istante. Come se lui non potesse credere a ciò che stava accadendo più di quanto potesse crederci lei. Poi non c'era più.

Annuì una terza volta. "Bene. Non dimenticare.

La tenne di nuovo negli occhi. "Ora, schiavo, voglio che tu dica: 'Per favore, posso...", guardò il suo viso mentre concludeva, "togliermi il vestito per te?'"

Jane, scioccata nonostante tutto quello che era già successo, aprì la bocca per discutere, per implorare

.

I suoi occhi fiammeggiarono e cominciò ad alzarsi in piedi. Immediatamente tacque.



Dopo un attimo riprese lentamente il suo posto. "Stavi per dire qualcosa, schiavo?"

Ebbene, pensò, ha già visto le mie mutandine, che differenza può fare adesso?



Fece un respiro lento e lo lasciò uscire. "Per favore... posso togliermi il vestito per te?"

"Potresti." Si appoggiò al muro e la guardò come se aspettasse l'inizio di un film.

Allungò entrambe le mani dietro il collo per slacciare e iniziare ad aprire la cerniera del maglione, poi allungò la mano dietro di sé per completare il lavoro, guardandolo per tutto il tempo. Poi lentamente abbassò prima una spalla del vestito, poi l'altra. Tirò fuori le braccia dai buchi delle maniche. La parte anteriore del vestito ora le scendeva sotto la vita. Si fermò per un momento, come se riflettesse, poi tirò la vita del vestito, che scivolò lentamente lungo i suoi fianchi e si formò una pozza ai suoi piedi. Lei stava con le braccia lungo i fianchi.

Anche se in realtà non era più esposta di quanto lo fosse stata prima, si sentiva sicuramente come se lo fosse. Soprattutto da quando i contorni dei suoi piccoli seni erano ora chiaramente visibili sotto il dolcevita, come aveva chiaramente notato.

Si sporse in avanti, con i gomiti sulle ginocchia. "Molto bene. Ora scopriamo se hai imparato qualcosa. Quale pensi che dovrebbe essere la tua prossima domanda?

Non dovette pensarci a lungo, e ora sapeva che non c'era modo di evitarlo. "Per favore, posso togliermi il maglione?"

Le rivolse un sottile sorriso di approvazione. “Molto bene, schiavo. Potresti."

Non perse tempo cercando di ritardare l'inevitabile. Incrociò le braccia davanti a sé e si tirò il dolcevita sopra la testa con un movimento fluido, lasciandolo cadere sul pavimento accanto a lei. Il reggiseno si abbinava alle mutandine e si sentiva oscuramente felice di questo fatto. Non peggio di un costume da bagno, si disse disperatamente, lasciando cadere le mani lungo i fianchi.

La guardò a lungo senza parlare.

Prima era stata troppo sopraffatta per notarlo, ma ora si rese conto che anche il suo respiro era instabile. E lì, ancora: qualcosa nei suoi occhi... cos'era?

Poi scomparve di nuovo mentre parlava. "Stai con i piedi divaricati e metti le mani dietro la testa."

Lo fece, e subito si rese conto di come questa posizione le rendesse il seno più prominente, e ancora più consapevole che lui lo sapeva. Adesso li stava guardando: il suo sguardo era quasi come un tocco mentre si spostava lentamente dal viso al seno, lungo la vita per soffermarsi sulle mutandine per un momento, poi altrettanto lentamente risalire.

Si appoggiò nuovamente allo schienale, come per osservare l'intero quadro.

"Chiudi gli occhi."

Lo ha fatto. Non è successo niente per un momento. Nell'oscurità dietro i suoi occhi divenne consapevole di suoni e odori: il ronzio basso del sistema di ventilazione, il gorgoglio dei tubi, l'odore disinfettante del bagno, il crescente senso di calore vicino al suo stomaco...

Quando sentì la sua mano lì sussultò e inavvertitamente iniziò ad aprire gli occhi, poi li richiuse, sperando che lui non se ne fosse accorto.



Adesso tutto il resto, i suoni e gli odori, svanivano, lasciando solo la sensazione della sua mano, calda – calda! – sul suo stomaco.



Per un momento rimase semplicemente lì, coprendole l'ombelico. Poi cominciò a muoversi, dapprima tracciando solo dei cerchi più piccoli, che gradualmente diventarono sempre più ampi finché la sua mano non le circondò tutto l'addome, ma lentamente... così lentamente.

Era davvero meraviglioso, ammise a se stessa, anche se davvero non avrebbe dovuto permetterlo. Così rassicurante, dopo essere stata così spaventata e turbata.

Si sentì rilassare un po', la testa ricadere leggermente all'indietro. Dovette trattenersi dal sospirare in modo udibile. E sembrava quasi naturale quando il lento cerchio di calore continuava a salire fino a coprirle il seno sinistro, accarezzandolo e modellandolo attraverso la stoffa sottile del reggiseno.

Oh Dio, era davvero una piccola troia, non solo lasciava che questo ragazzo che conosceva a malapena la toccasse in quel modo, ma si divertiva. Oh, ma non dovrebbe divertirsi, non deve farglielo sapere. Poteva sentire come il suo respiro entrava ed usciva dalla bocca? Non doveva fargli pensare che lei glielo permetteva per un motivo diverso dal fatto che era costretta a farlo. Che cos 'era questo? C'era una sensazione di formicolio, quasi di scoppio, sulla punta del seno.

Oh mio Dio, il mio capezzolo sta diventando duro! Forse non lo vedrà attraverso il mio reggiseno! Non farglielo vedere, non farglielo vedere...

Ma quando sentì il suo capezzolo afferrato delicatamente ma saldamente tra due dita, non poté trattenersi: sussultò. E poi sentì l'altra mano sul seno destro, che faceva la stessa cosa: lo stringeva, lo modellava, circondava il capezzolo finché non spuntava fuori anch'esso, poi lo afferrava, lo pizzicava e lo tirava delicatamente a tempo con l'altra.

I suoi seni erano pieni di calore, come piccoli vulcani, e aveva la sensazione che i suoi capezzoli fossero ardenti. E ora sentiva un altro calore, un calore liquido, diverso, fondente, da qualche parte sotto.

Tra le sue gambe. Sembrava che crescesse, si espandesse nel suo stomaco, nei suoi fianchi... Oh Dio, riusciva a malapena a stare in piedi, le sue gambe stavano cedendo. Un gemito le sfuggì dalle labbra...

Immediatamente tutto si fermò. I suoi seni si sentirono improvvisamente freddi quando le furono portate via le mani. I suoi occhi si spalancarono e lei rimase lì, cercando disperatamente di respirare normalmente, mentre lui si appoggiava allo schienale e la guardava, incrociando le braccia mentre lo faceva.

«Sei davvero una bambina cattiva, vero? Rubi cose, ti spogli davanti a un ragazzo…”

Come se fosse stata una sua idea!

"E ora... questo." Lui aprì lentamente le braccia e poi le indicò tra le gambe.

Abbassò lo sguardo, con le mani ancora intrecciate dietro la testa. C'era una macchia scura e bagnata tra le sue gambe, che si estendeva per diversi centimetri verso l'alto formando un semicerchio. Si era bagnata le mutandine, e proprio di fronte a lui!

Lei sussultò: "Oh!"

Non riusciva a controllarsi; unì le ginocchia e si chinò in avanti, coprendosi il viso con le mani, cercando di non piangere. Ma anche se crollava nella vergogna, una piccola parte della sua mente si chiedeva di non essersi accorta di fare pipì... e che non ci fosse odore di pipì! Ma cos'altro potrebbe essere?

Aspettò un minuto o due finché non sentì che lei cominciava a ricomporsi, poi disse: «Va bene, basta. Ritorna al tuo posto."

Oh, non aveva ancora finito?

"Oh, per favore, le mie mutandine..."

“Sono bagnati. E stiamo per affrontarlo. Ritorna alla tua posizione, schiavo.

Sniffling a little as she did so, she slowly complied and stood once again with her hands locked behind her head and her feet apart. She could still sense the cooling wet spot between her legs and felt her face burning with shame, which only got deeper as she saw him continue to look there.

“Oh yes,” he said, nodding as if to himself, “only very bad little girls wet their panties like that.” He looked up at her. “Right?”

“Yes,” she whispered.

“So that makes you a very bad little girl, doesn’t it?”

She felt tears starting in her eyes, and shut them tightly as she quavered, “Y-yes.”

“Open your eyes. Look at me.”

She did, still feeling the tears at the corners of her eyes.

He continued, “Yes...what?”

She felt a tear running down one cheek, then a second one on the other. “Yes—I...” She gulped. “I’m...I’m a very bad little girl.” She felt a tear drip from the side of her face and land on her shoulder.

“For wetting my panties,” he prompted her.

“For...w-wetting my, my p-p-panties.” Her lips were quivering so badly that she could hardly speak, and the tears now ran freely down her face.

“Say it again.”

“I’m a...a very...b-bad...little...little...girl.... For...w-w-wetting...” She began to sob, gasping for breath. “Wetting my...wetting my pa-an-an-ties!”, she whimpered.



She could never have imagined such complete humiliation in her worst nightmares. Here she was, standing in a bathroom stall, crying like a baby, standing in front of a boy while wearing nothing but her undies, a big wet stain on her panties plainly visible between her spread legs. She wished the floor would open and swallow her up.

But she stayed in her position.

He watched her in silence for a moment. Then he said, quietly, “Do you know what happens to bad little girls?”

She was speechless, her mind numb with shame. She managed to shake her head slightly as she continued to sob.

“Give me your hands.”

She slowly removed her hands from behind her head and held them out to him. He took one wrist in each of his hands and drew her slowly toward him. He continued to pull her, now past his knees, as if he wanted her to sit next to him, even though there was no way she could do so.

Then he gave her arms a sudden pull and she fell, sprawling face down across his lap, her head almost hitting the wall as her legs slid under the partition in the other direction. He pinned her there with his left arm.

Then he leaned down and whispered into her ear, “This is what happens to bad little girls.”

She hadn’t even recovered from the shock of falling across his lap when the first blow landed on her behind—a heavy, open-handed slap.

Oh god, how it stung! Her tears were forgotten instantly and she opened her mouth to scream, but before she could he covered her mouth with his left hand.

“Shhh”, he said. She heard him unrolling toilet paper with his other hand, and before she knew what was happening he had uncovered her mouth and stuffed in a huge wad of it. Then he pinned her hands behind her back with his left hand.



There was silence. Five seconds. Ten seconds...

The second blow fell even harder than the first. Her behind felt as if it had been stung simultaneously by a hundred bees. She writhed in his lap and tried again to scream, but all that came out was a muffled, “Nnnnnn!’

A third blow. An agonizing pause. Another blow. Each time, her back would arch, and she would kick her feet and try to scream, but to no avail.

“NNNnnnn!”

Waiting for the next blow was worse than receiving it—never knowing when it would arrive until it exploded on her backside.

Her behind was on fire, it was burning! And with each blow the fire seemed to burn its way a little deeper inside her. In fact the blows really weren’t as bad as the waiting; the heat inside felt almost...pleasant. Almost like the warmth she had felt earlier, that melting, liquid....

SMACK!

“NNNnnnnNN!”

By the time the tenth blow had landed, her tears were gone, as she needed every bit of concentration just to breathe. Then she felt her hands being released, and he helped her to her feet.

“Stand over there and take that stuff out of your mouth.”

She stood in front of him again and removed the paper from her mouth, wiping her face and nose before dropping it on the floor beside her. Without being told she raised her hands behind her head.

Her behind felt as if it received a ferocious sunburn. She looked at him and saw that he was now sweating profusely as well as breathing heavily as he looked up at her and spoke.

“Now. Are you sorry you were such a bad little girl?”

“Yes. I-I’m sorry I was such a bad little girl.”

“Good. Of course, you still have a lot to make up for—that was just for wetting your panties.”

She didn’t dare look down, but somehow it seemed as though her panties were even wetter than they were before—almost dripping...

NO! Don’t think about it!

He continued, “There’s something I want you to do.” He looked at her carefully, as if trying to judge her response. “If you do as you’re told…then you’ll be done.”

Done! Jane started to take a deep breath, imagining the nightmare almost over, but then he added, “For today.”

Her face fell, but only slightly. She would be free for the rest of the day, and the weekend! Visions of a hot bath rose up in her mind. Then to bed with a book…and lots of pillows, to sit on as well as put behind her. Heaven!

She nodded and whispered, “All right. What do you want me to do?”

“For starters, get down on your knees.”

By now, any thought of disobeying him was impossible. She sank to the floor amid her cast-off clothing, her knees immediately cold on the tiles. She sat back on her heels, but he said, “You’ll need to be upright for this, slave.”

She rose again to her knees. As she was doing so, he stood up—and she found herself with her nose almost touching his belt-buckle. She looked up at him, questioningly.

He met her gaze, and said, “Now I want you to say, “Please, may I undo your belt?”

Was he going to show her his underwear? Perché? No matter.

“Please, may I undo your belt?”

“Yes, you may.”

She reached up and held on to his braided leather belt with her left hand as she pulled the end through the loop and freed it from the buckle so that they both hung loosely. She let her hands drop again to her sides and looked up at him.

“Now say, “Please, may I unbutton your pants?”

“Please, may I unbutton your pants?”

“Yes, you may.”

Again she reached up, using both hands to unbutton the top of his brown corduroys. Again she dropped her hands back to her sides and looked up.

He seemed to be smiling a little as he continued. “Now you’re going to have to work a little harder. I want you to say, “Please, may I unzip your pants?”

Well, that didn’t seem any harder. “Please, may I unzip your pants?”

“Yes, you may unzip my pants...with your teeth.”

With her teeth? Impossible! Plus, she’d have to put her face right up against the front of his pants, with him watching!

“I’m waiting...”

No choice. She had to try it. Leaving her hands at her sides she leaned forward, nuzzling her way past the hanging belt-buckle and attempting to nudge her way past the fabric that covered his fly. But she kept wobbling as she did so, almost losing her balance more than once.

“Use your hands to steady yourself.”

She placed her hands on his hips. There, that was better! Now she was able to get under the fabric with her nose, and finally, after several attempts, seize the tiny silver toggle firmly between her front teeth. She began to pull downward, breathing through her nose and praying that her braces wouldn’t get caught.



At first it was difficult, as the bulge in his pants was pressing so tightly against the zipper that it was hard to get the toggle to move. But once she had gotten it over the little hill at the top it seemed to move more smoothly. The flaps of his pants moved aside somewhat as she pulled the toggle lower, which meant that sometimes her nose brushed against his underwear, and she could smell...what? She didn’t know: sweat and something else, a warm, almost mushroomy smell. But she didn’t find it unpleasant.

As she continued to tug, and more of what was underneath became visible, she couldn’t help but be aware of the mysterious bulge, now more clearly defined as it strained against the white fabric of his underwear. It tapered slightly as it neared the top then expanded into a kind of flattened knob.

At long last she had pulled the little toggle as far down as it would go. Her neck and her jaw both ached slightly. Still holding on to his hips, she raised her head to look at him.

He was looking down at her. He said, “Good. Pull my pants the rest of the way down. With your hands.”

She did so, and now the outline of the bulge was fully revealed, standing out between his blue shirttails. She saw two smaller bulges at the bottom, one on each side. The size of the whole thing frightened her, and yet...

As if reading her thoughts, he said, “You’d like to know what’s under there, wouldn’t you?”

There was no point in denying it. She nodded, barely moving her head.

“Give me your hand.”

She did so and watched, hypnotized, as he drew it to him and pressed the palm against the middle part of the bulge, gently curling her fingers around it. It was so warm! After a moment, he began slowly moving her hand, first upward to the top of the shaft, then just as slowly down, until her hand was cupping the two smaller bulges. He squeezed her hand gently there so that her hand in turn lightly squeezed the two bulges, which seemed to move under her fingers. They felt like tiny eggs. Again he drew her hand slowly up the shaft, then down again. And again. Now they were both breathing through their mouths, quickly.

Oh god, she was kneeling there in her underwear with her hand right on his...

“Tell me what it is,” he said, stopping his movement but continuing to hold her hand against him.

Her mind was reeling. “It’s...is it...is it your...” What was the word? Oh god. “P-penis?”

He smiled, briefly. “That’s right, slave. You’re touching...” He squeezed her hand around it again. “Or, almost touching, my penis. But there’s another word for it that I want you to use. The word is cock. Say it.”

She had overheard boys saying that word and knew it was filthy. Oh god, he was making her say that nasty, dirty word! While she was touching it! It was so shameful. She felt herself reddening again.

Unbidden, the tears sprang into her eyes again. NO! She wasn’t going to cry again after what happened last time. She took a breath to calm herself, then spoke, looking up into his eyes.

“C-c-cock.”

“Good. Now say, ‘I’m touching your cock.’”

Oh god. She would not cry again. “I’m touching...t-touching your…cock.”

“That’s right, you are. And you know what that makes you?”

Her mind went blank. “N-no.”

He leaned down to her, and, enunciating clearly, said, “A...little...slut.”

She desperately wanted not to cry, but her breath began coming in sobs again.



He continued to press her hand against him and continued, “Say it. Say, ‘I’m a little slut and I’m touching your cock.’”

Oh god, it must be true! “I’m...I’m...a little s-slut, and I’m touching…touching your cock.”

She couldn’t help it—the tears began to flow again.

“Good. Actually, of course, you’re not really touching my

cock yet. But you’d like to, wouldn’t you?”

No, no. Non più.

She began to shake her head. Immediately, he let go of her hand and, placing both of his on either side of her head, tilted it back so that she was forced to look up at him.

“I said, wouldn’t you, slave?”

All right, all right...!

“Y-yes!”

He released her and she slumped back onto her heels, covering her face with her hands.

He waited for a moment, then said “Enough. Straighten up.”



She did so, her face still wet.

“Now, slave. Would you like to take out my cock?”

“Yessss....” Her voice was barely a whisper, her throat raw.

“Then you know what to ask.”

She knew. “Please, m-may I take out your cock?”

“Yes, you may. Pull the elastic out before you pull it down.”

She reached up with both hands and, terrified, grasped the elastic and pulled it out and then down, as he’d instructed, running her thumbs back to ease the elastic over his behind, her eyes closed, not daring to look. She pulled his underwear down to his ankles and remained there, her head down.

“Look at it.”

Slowly, she raised her head and opened her eyes.

The first thing she saw was a dark sack, lightly covered with brown curly hairs, that contained the two egg-like things she had touched earlier. Then above it, rising out of a nest of dark snarly hair, was the shaft, which somehow seemed even bigger now. It was pink and rose, rough and smooth, traced with bluish veins that led upward to where the skin gathered into a kind of mushroom cap.

It seemed so strange just hanging there like that, like a clumsy afterthought to his body, so unlike the way she was down there. It looked so hard, yet the skin seemed slippery and shiny, almost like a snake. She almost wanted to...

“Touch it.”

Timidly, she reached out, barely grazing the shaft with the tips of two fingers, then pulling back.

She looked up at him, waiting. He merely looked back at her.



Again she reached out, this time laying her fingers against the shaft. After a moment, she began to move them upward, feeling the strange sensation of the skin sliding along the shaft. She touched near the top where the skin gathered, and ran her index finger along the rim of the mushroom cap, looking at the oddly shaped hole in the center.

Finally, she gave into her desire and allowed her hand to circle the shaft. She squeezed it gently, the head peeping out of her fist. What a strange thing boys have!

His voice was soft, as if with wonder. “You like my cock, don’t you?”

Strangely, she did. “Yes,” she whispered. “I like your...cock.”

“Good. You’d like to...kiss it, wouldn’t you?’

Kiss it! Oh no. Kiss his, his thing? If she hadn’t been a slut before, that would certainly do it. Still, what choice did she have, and besides his…his cock really felt kind of warm and snug in her hand. Maybe just once... And she knew what he wanted her to say.

“Please, may I...kiss your cock?”

There. She had surprised him a little, she could tell, by not waiting to be told what to say.



But he simply replied, “Yes, you may.”

So still holding it wrapped in her hand she leaned forward and placed a soft kiss on the place where the rim of the mushroom cap rose toward the top. Then she leaned back, feeling a slight taste of salt on her tongue.

“Again.”

Well, it wasn’t so bad. Again she leaned forward, this time placing her lips gently on the very tip, before leaning back. She thought it had seemed to jump a little as she’d kissed it that time.

“Give me your hand.”

She uncurled her fingers from around his cock and extended her hand to him.

He took it in both of his hands, gently curling down the last two fingers, leaving the first two and the thumb extended. She steadied herself with her left hand on his hip.

“Now, whatever I do with your hand, you will do with my cock. Understand?”

No. “Yes.”

He kissed the tips of her two fingers. She leaned forward and kissed him where she had the first time.

He began slowly kissing his way down her hand towards the base of her thumb. She kissed her way down his shaft, feeling it pulse under her lips.

He kissed the heel of her hand in two places, and she gently kissed the two eggs in their sack.



By this time her response to what he was doing to her hand was automatic. Whatever he did, she did. So when she suddenly felt the tip of his tongue sliding along the base of her hand she didn’t hesitate, running the tip of her own tongue back and forth along the bottom of his sack, lightly at first, then with more pressure, juggling the eggs gently with her tongue, tasting the salty sweat there, the mushroom smell filling up her nose.

Following his lead, she began now to lick her way up his shaft in fast little circles, spending a little time at the top before working her way down again.



The texture of his skin was unlike anything she’d ever felt before, especially with her tongue. So smooth and slick and full and warm. Maybe like a tomato, picked warm from the vine. The image almost made her want to bite into it. She knew she couldn’t, but turned her head to the side and allowed herself to nibble it ever so slightly while her tongue continued...

And felt it jump. It twitched away from her mouth for a moment, in a short jerky movement, as if it had a life of its own. At the same time, she heard him gasp, softly. At first she thought maybe she’d hurt him, but he said nothing. So she continued to nibble as she continued up his shaft.

As she was nearing the top, he took her two fingers into his mouth, sliding them in and out, moistening them with his tongue. It felt wonderful, but...put his cock in her mouth? The thing he pees with?

SÌ.

She raised her head and again kissed it on the very top, then slowly began to open her lips, taking just the tip in and moistening it with her tongue, letting it slide out again, taking it a little farther, slowly, slowly letting it slide out across her lips, instinctively careful not to touch it with her teeth. Or her braces. She took a deep breath in through her nose. Then, opening her jaws as wide as she could, she slid the whole mushroom cap into her mouth...

And heard him groan, a soft exhalation of breath. And she knew it was from pleasure, not pain.

And it thrilled her. She had made him do that! She wanted to do it again. So she let the cap slide slowly, even more slowly, out through her moistened lips, this time massaging it with the tip of her tongue...

And this time he groaned out loud, a drawn-out, “Ohhhh!”

And Jane knew that she was no longer the slave.

The sudden knowledge of her power made her heart race. She felt her nipples harden and tingle once more, and a rush of sensation between her legs.

She was going to make him squirm.

She took just the tip back into her mouth, and began teasing it with her tongue, making slow circles around it and probing the slit in the top, then suddenly opening wide and taking as much of him into her mouth as she could, this time quickly letting him slip out again.

“Ohhhhh…god!”

It sounded almost reverent.

She took her mouth off him and raised her head to look at him. His eyes were closed and he was breathing through his mouth. She waited until he opened his eyes and looked at her. Then she gently pulled her hand away from his. She smiled at him and knew he could tell that the power had changed hands.

Then she plunged her mouth down on him again, taking him in and slowly letting him out again, her tongue traveling down his shaft and up. She did it again, a little faster.



By now he was groaning non-stop, and she found it so exciting that she began to groan too as she toyed with him, the sound muffled in her mouth, more like an “Uhhhhhhnnn!”



This excited her even more and she began to work faster, closing her eyes and wishing she could stop long enough to take off the rest of her clothes, as her nipples were burning inside her bra, and her panties… Oh god, her panties were soaked!



And between her legs something was throbbing, the way his cock was beginning to throb in her mouth! It was almost bucking like a horse, and it seemed even bigger, if that was possible.

His groans were getting faster “Ahh!...Ahh!...Ah!” And so were hers: “Uh!...Uh!...Uh!”

She used one hand to hold his cock steady, then completely gave herself up to the rhythm, her head bobbing up and down, her tongue flickering faster and faster, the throbbing between her legs growing more and more intense.

Then suddenly his groaning cut off in mid-breath, and she felt his whole body stiffen. Without knowing why, and without stopping what she was doing, she moved her other hand between his legs, cupping his sack...and squeezed.

His hands flew up to cover his mouth as he cried out. At the same time, she felt something hot and salty and slimy spurting into her mouth as the throbbing between her legs crescendoed and sent a warm explosion traveling in wave after wave through her body until she thought she would faint.

She began to remove her mouth from him, but he held her head there with his hands, saying, in a hoarse whisper, “Please… Oh god, please don’t stop!”

She let the slimy liquid trickle down her throat, the action of swallowing stimulating another couple of short spurts, which she also swallowed, continuing to gently lick him and hold him in her mouth for a while, until she felt him beginning to slide out from between her lips.

She didn’t want to open her eyes; she wanted to just kneel there and feel the waves still reverberating through her. She felt as though she’d been picked up by a tornado and dropped somewhere completely different. She didn’t know who she was anymore.

She opened her eyes and just caught a glimpse of his cock, now looking softer and kind of fragile, as he pulled up his underwear, then pulled up and fastened his pants and belt.

She wanted to talk to him about what had just happened, ask him how it had felt for him—ask him a thousand questions!

But before she could, he looked down at her, still kneeling on the floor, and said, neutrally, “You can go home now.”



He reached past her to unlatch the door, then carefully eased past her and walked out, his footsteps echoing on the tiles. She heard the bathroom door open and slowly sigh shut.

She was stunned. Was that all? Was she suddenly invisible again? She didn’t know what to think.

Now the waves of pleasure had faded away and she felt empty. And sad.

But no matter what she was feeling she couldn’t stay here. She clambered painfully to her feet, noticing, with a distant amusement, that she still had her socks and one of her penny loafers on. She gathered up her clothing and carried it out of the cubicle, draping her dress over the sink while she untangled her turtleneck. She suddenly remembered her glasses and was relieved to discover them unbroken in her dress pocket—she was afraid she had knelt on them. She placed them carefully on the edge of the sink.

She was just about to put her arms into her sweater prior to slipping it over her head, when she heard the bathroom door open. Oh god, she was going to get caught after all, standing in the bathroom in her bra and panties. Her sopping wet panties. Instinctively she turned away from the door, covering herself with her turtleneck as best she could.

Quick footsteps. A hand on her shoulder, turning her around to face...him.

Her eyes widened with shock.

He pulled the sweater out of her hands and tossed it onto the sink with her dress.



Then he put his arms around her, pulled her to him, and kissed her--deeply, tenderly.



Then he pulled away and looked into her eyes with an expression that she couldn’t read.

Then he released her and, without a word, was gone again.

Storie simili

I miei figli innamorati di me 2

Sono una madre vergognosa, che razza di mostro sono? Ho lasciato che mio figlio di 16 anni mi accogliesse Prendendo la sua verginità. Mi sono sentito male e da quel giorno non sono più umano Diritto di parlare. Per definirmi madre! Io-potrei dire di no, Il pensiero di perderlo con una puttana trasandata. Ma guarda chi parla, ho fissato il lavandino, sono stato qui 20 minuti. Mi sentivo così triste, triste, avevo già finito di lavare i piatti a che diavolo sto bene adesso? Ho sentito le braccia avvolgermi lo stomaco e curvarle morbide Le labbra mi baciano la testa. Rabbrividii...

350 I più visti

Likes 1

Essere comandato

Naomi Price stava affrontando una crisi non causata da lei stessa, ma che solo lei poteva capire come risolvere. Aveva 38 anni e la sua carriera stava andando bene. Ma sua figlia di 14 anni frequentava una scuola privata. Lei e suo marito avevano divorziato poco dopo la sua nascita. Il suo mantenimento dei figli non aiutava Naomi a sbarcare il lunario. Inoltre, la carriera del suo ex era andata nel serbatoio; lavorava solo part-time e riusciva a malapena a cavarsela da solo. Un anno prima, Naomi aveva collocato sua madre in una struttura di residenza assistita. Anche se era molto...

317 I più visti

Likes 0

Chat room: una vendetta malvagia della fidanzata

Torni a casa dopo una lunga giornata di lavoro; ti togli il cappotto e vai in cucina per una birra. Quando apri la porta del frigorifero, la tua ragazza si avvicina da dietro, coprendoti gli occhi con una benda. Lo lega stretto essendo un po 'ruvido Ho un osso da scegliere con te !! ti scatta contro. 'Ma che...?! Chiedi, alzando la mano per scoprirti gli occhi. Ti dà uno schiaffo sul dorso della mano e ti afferra il polso tirandoti fuori dalla cucina. Essendo bendato sei disorientato e perdi l'equilibrio, quasi inciampando mentre ti trascina su per le scale. La...

1.5K I più visti

Likes 0

Caramel Mocha alla giungla di Giava

Erano passate due settimane dal nostro ultimo incontro. Qualcosa a cui mi ero abituato. Viene ogni due lunedì alla giungla di Java per consegnare una singola scatola di biscotti con gocce di cioccolato dalla panetteria e caffetteria di Vienna di Josef. I biscotti non erano niente di speciale. Il proprietario li vende solo nel nostro negozio perché suo fratello è proprietario della panetteria. Ma l'uomo che li ha consegnati sembrava davvero qualcosa da cui potrei dare un morso... Aveva poco più di 20 anni e si chiamava Miguel. Capelli castano scuro, mossi e occhi nocciola con un'affascinante tonalità verde esterna ma...

861 I più visti

Likes 0

Mio cugino_(0)

Quando avevo 17 anni andai in vacanza con i miei genitori, i nostri zii e le loro due figlie. Mia cugina (emma) che aveva appena compiuto 16 anni il giorno prima flirtava sempre con me e mi divertivo molto. Beh, un giorno tutti erano usciti e avevano lasciato me ed Emma al campeggio. emma indossava una gonna corta grigia ed era sdraiata su un lettino. Quando mi sono seduto ho potuto vedere la sua gonna e ho visto le sue mutande bianche. si è accorta che la guardavo e non ha mai tentato di coprirsi. Invece ha aperto un po' di...

636 I più visti

Likes 0

Giacomo e Maria_(0)

Capitolo 1 Quando i genitori di James hanno detto che sarebbero usciti per la notte, ciò che inizialmente gli era passato per la mente era stato forse afferrare il telecomando della sua PS4 o vedere quanti episodi di House of Cards poteva guardare. Non aveva previsto cosa avrebbe comportato quella notte, ed era lì per il momento della sua vita. Aveva appena preso il telecomando della TV e si era lasciato cadere sul suo grande divano di pelle quando suonò il campanello. Esitò, espirò, poi si alzò in piedi e attraversò il corridoio fino alla porta d'ingresso. Alla porta c'era un...

622 I più visti

Likes 0

Holli e una vela serale

Holli mi ha incontrato all'estremità del molo... e il mio cuore ha perso un battito quando è scivolata alla vista. Era vestita per una serata a bordo della mia barca: semplici sandali da barca, un bel top azzurro e un paio di pantaloncini cachi molto comodi che le dondolavano facilmente sulle curve, accennando a ciò che aveva da condividere sotto. 5'9 con capelli biondi, gambe lunghe e un corpo atletico in forma, Holli era entrato nel mio mondo attraverso un pomeriggio magico che abbiamo condiviso sul lungomare di Vancouver. Questa serata è stata il risultato del mio invito perché ci eravamo...

470 I più visti

Likes 0

Jordan la dea del sesso_(1)

Mi chiamo Jake. Sto scrivendo questo perché non riesco semplicemente a crederci io stesso. Spero che quando avrò finito sarà affondato un po 'meglio. Comunque. Quello che sto per raccontarvi è un momento molto speciale della mia vita. Quando ho scopato Jordan. Jordan è sempre stata la ragazza più sexy della mia scuola e tutti desiderano il suo seno perfettamente formato. Sa che tutti i ragazzi non possono resisterle e si prefigge il suo obiettivo personale di indossare il collo a V più basso possibile, solo per tormentarci. Il resto del suo corpo è altrettanto meraviglioso. Dal suo viso meravigliosamente fottuto...

466 I più visti

Likes 0

Camion su strada capitolo 5

Jill e io siamo arrivati ​​a Boise ID. intorno alle 5 del mattino. Ho rifornito il camion e l'ho parcheggiato. Siamo entrati e abbiamo fatto una buona colazione. Ha detto voleva avermi per dessert ma nel camion. Ed è stato il giorno dell'anale. Mi ha detto che voleva KD nel culo e io che le martellavo la figa. Ho riso e ho detto hai intenzione di infilarti KD nel culo? (KD è Kong Dong) Questa cosa è lunga 18 pollici e spessa circa 3 pollici, un po' più grande di una lattina di birra, Ci puoi scommettere dice. Le ho detto:...

444 I più visti

Likes 0

Le sorelle calzino (capitoli 9-12)

CAPITOLO NONO Jeff ci ha lasciati davanti alla casa di Kim intorno alle 8:30 e lei ci ha incontrato alla porta indossando uno dei vecchi e soffici accappatoi. “Sono appena uscito dalla doccia ragazze. Vieni nella mia camera da letto, ci cambieremo lì. Phil se n'è appena andato e mi sono quasi dimenticato del tempo! «Phil se n'è appena andato, eh?» ho scherzato. E cosa stavate combinando voi due per perdere la cognizione del tempo? “Stavamo scopando, Mar! Cosa hai pensato? Kim sorrise a me e Beth e scoppiammo tutti a ridere. Quando arrivammo nella stanza di Kim, lei lasciò cadere...

400 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.