Problemi nel cortile

530Report
Problemi nel cortile

Oggi è sabato 13 maggio ed è il fine settimana di Rachel lontano da scuola.
Rachel è una ragazza di 18 anni, con lunghi capelli neri e dolci occhi azzurri. Con la fine dell'anno scolastico che si avvicina velocemente, e soprattutto l'estate, vorrebbe abbronzarsi bene prima di andare in vacanza con la sua famiglia. Certo, non ha un bell'aspetto così com'è, con il suo corpo abbastanza in forma e tutto il resto, ma... c'è sempre un ma. Con la famiglia in visita ai parenti per il fine settimana, ha la casa e, cosa più importante, il cortile tutto per sé, quindi ha deciso di rilassarsi per la giornata e prendere un po' di sole.

Con il cortile di fronte al bosco non ha nulla da temere, nessuno può vederla, quindi si toglie rapidamente la maglietta anche prima che si sieda sulla poltrona. Quando inizia a godersi l'aria fresca e il sole si guarda intorno, ma tutto ciò che riesce a vedere e sentire è il fruscio degli alberi del bosco, mentre procede ad applicare la lozione abbronzante sul seno della coppa 34C, sulla pancia e sulle gambe. "Mmm." mormora dolcemente attraverso le labbra carnose e lucenti, mentre si spalma la lozione sul collo. "Mi farebbe davvero bene un massaggio..." pensa mentre si spalma gli ultimi pezzetti di lozione sul viso, prima di sdraiarsi sulla sedia.

Mentre è sdraiata lì e il tempo passa, non può fare a meno di ricordare tutte quelle volte in cui il suo ex ragazzo le ha fatto tutti quei meravigliosi massaggi, e quanto si è sentita bene allora. "Peccato che fosse un bastardo traditore. " pensa, sentendosi ancora arrabbiata con lui. "Avrei dovuto prevederlo..." Ed è vero. Con tutte le voci che giravano su di lui, e sulla sua passata fidanzata.. ma.. eh. Il passato è nel passato e... non può più farci niente.

"Ho davvero bisogno di distogliere la mente da quell'idiota." lei pensa. "Mmm, so proprio la cosa giusta.." Mentre Rachel chiude gli occhi, fa scivolare la mano destra lungo il suo corpo, il suo seno morbido e sodo, il suo ventre piatto, e.. "Ah!" sussulta leggermente mentre fa scivolare la mano nel perizoma. Mette due dita sulle labbra gonfie e inizia a strofinarle. "Ahh..." geme e appoggia la pancia sul clitoride, poi inizia a toccarlo. "Chi ha bisogno di lui?" si chiede mentre spinge due dita oltre le labbra gonfie e nella sua vagina bagnata, facendosi sciogliere.

Mentre resiste all'impulso di spingere le dita fino in fondo, usa la mano sinistra per tirare il perizoma di lato, prima di tirare fuori entrambe le dita. Lentamente, inizia a massaggiarsi il clitoride gonfio, strofinandovi sopra i suoi succhi mentre si sente bagnata.

All'improvviso e dal nulla, sente una lingua ruvida sulla sua figa. I suoi occhi si aprono di scatto e si spalancano per lo shock quando vede il cane di un vicino tra le sue gambe, con il naso nel suo inguine. "Rex!" lei sussulta per l'orrore mentre lui le lecca la figa un'altra volta, mentre la coda del mastino scodinzola allegramente.

Sentendosi completamente mortificata, Rachel si gira ansiosamente sulla sedia ed emette un lamento acuto mentre l'enorme cane le lecca le labbra gonfie. Con il fiato sospeso in gola lo fissa per un secondo, prima di emettere suo malgrado un lieve gemito, poi molla la presa delle mutandine, afferra i braccioli della sedia e si alza velocemente. Mentre lei si allontana lentamente, il cane grosso e dall'aspetto piuttosto spaventoso si siede lì, guardandola con la lingua bavosa fuori dalla bocca. Quasi si imbavaglia al pensiero che la lingua di un cane sia stata sulla sua figa appena pochi secondi fa!

"Come sei entrato?!" si chiede, poi guarda la casa e poi di nuovo il cane, solo per trovarlo ora in piedi sulle sue gambe. Sa che è il cane di Owen, il suo vicino, dato che le abbaia sempre quando passa davanti al loro cortile. Peggio ancora, sa che i mastini possono essere davvero aggressivi, e specialmente questo - ha già sentito dire che ha cercato di attaccare alcune persone, anche se fortunatamente era legato a una catena. Con il cuore in gola si chiede cosa fare, prima di decidere di correre in casa il più velocemente possibile.

"Buon cane... buon cane..." mormora e sorride dolcemente, poi si gira e corre verso la porta, che è qualche metro dietro di lei. Mentre afferra la maniglia e cerca di aprire la porta scorrevole, questa non si muove. Impreca e riprova, ma è inutile: la porta sembra bloccata. Lei emette un forte guaito mentre il muso bagnato del cane preme da dietro nella sua figa coperta di mutandine. "Il garage!" pensa ad alta voce prima di girarsi proprio prima che Rex la lecchi di nuovo, proprio attraverso il materiale sottile che è teso contro la sua passera, il tocco vellutato della sua lingua la fa sussultare. Lei gli mette entrambe le mani sopra la testa, i piedi su ciascun lato del corpo, poi spinge verso il basso con le mani e cerca di scappare.

Mentre corre verso il garage non può fare a meno di notare che la porta che dà sul cortile è leggermente socchiusa: deve essere entrato così! Non appena arriva alla porta del garage, la apre e riesce a scivolare dentro, chiudendosi la porta alle spalle prima che lui possa raggiungerla.

Tira la porta verso di sé, tenendo saldamente la maniglia mentre il cane abbaia e graffia la porta, cercando di entrare. "Cosa vuole?!" si chiede, tutto il suo corpo trema mentre sente i suoi artigli grattare la porta. "Va tutto bene. Posso restare qui, m-mia madre lo farà sicuramente... ughhh.." sospira, realizzando che se ne saranno andati tutti per l'intero weekend.

"Non posso restare qui così a lungo!" pensa mentre si guarda intorno, gli artigli del cane continuano ad affondare nella porta, anche se non abbaia più. "Non riesco a vedere una... luce! Ecco, luce!" pensa, poi prende la maniglia della porta con la mano sinistra, prima di cercare l'interruttore della luce sul muro con la destra. Lo accende e... non succede nulla.

"Dio maledizione. È incredibile!" dice irritata. All'improvviso c'è un silenzio completo. "Beh, almeno sembra che stia rinunciando a entrare. Ma comunque non riesco a tenere la porta tutto il giorno.. e se prova a entrare di nuovo?" si chiede. "Inoltre, devo trovare una via d'uscita.. o almeno qualcosa che lo tenga lontano da me, a distanza, così posso arrivare a... hmm, va bene, prima le cose da fare." Visto che non c'è serratura, Rachel si guarda intorno e vede che ci sono 3 scaffali diversi, ma collegati: uno su ciascun lato del muro, tranne quello anteriore. Ci sono anche quattro pali di legno, uno in ogni angolo, e una piccola finestra accanto alla porta.

"Pensa Rachel, pensa! Forse... forse se io... giusto! Ho bisogno di corda!" si guarda di nuovo intorno nella stanza, ma poiché è per lo più piena di oscurità, non riesce a vedere molto. "Quanto può essere difficile trovare una corda in un garage?" si chiede, socchiudendo gli occhi, nel tentativo di individuare la corda con la poca luce che entra dalla finestra.

"Là!" quasi urla prima di chiudere la bocca, nella speranza che Rex non ritorni. Dopo altri secondi di silenzio, si concentra di nuovo sul gomitolo di corda: la luce che entra dalla finestra lo illumina, ed è solo a mezzo metro di distanza, sullo scaffale dall'altra parte della stanza. "Va bene... eccoci qua!" fa un respiro profondo, poi lascia la maniglia della porta e si muove in fretta verso la corda. Tuttavia, dopo meno di 2 piedi calpesta qualcosa, proprio prima che una maniglia di metallo la colpisca sulla fronte, facendola gemere di dolore prima di cadere a terra priva di sensi.

....

"Rac..l.. Ra.h.l! Rachel!!" si sveglia improvvisamente quando sente qualcuno chiamare il suo nome. Quando apre gli occhi, vede il suo ex ragazzo in piedi sopra di lei.

"T-Tom?" mormora sorpresa, mentre lui le tende la mano. "Da dove vieni?!" chiede, mentre lui la aiuta ad alzarsi.

"Mi sei mancata, Rachel." dice con un sorriso dolce, poi le spazza via un po' di sporco dalla schiena e dal lato del reggiseno.

"Io.. mi sei mancato anche tu." dice Rachel cominciando ad arrossire, prima di sedersi su una sedia di fronte a lei e cercare di ricordare cosa è successo. "Io... penso che mi faccia male la testa." mormora, con la testa ancora piuttosto... confusa.

"Non mi sorprenderebbe se lo facesse. Sembra che tu abbia pestato un rastrello." dice indicando il rastrello con il manico di metallo posato al centro del garage.

"Oh... credo di averlo fatto." sorride dolcemente.

"Fammi vedere." dice e lei avvicina la testa, ma invece di guardarla, lui si inginocchia, poi prende le sue mutandine con le mani e inizia a tirarle giù. "T-Tom!" lei sussulta e si alza per potersi allontanare da lui, ma lui ne approfitta per farle scivolare le mutandine lungo le gambe e sul pavimento. "Cosa fai?!" chiede, sentendosi scioccata.

"Voglio fare qualcosa di carino per te. Solo... siediti... e chiudi gli occhi. Per favore?" chiede dolcemente.

"M-ma... okay. N-non-provare niente che.. umm..." balbetta mentre si siede, poi chiude la bocca, e con riluttanza chiude anche gli occhi. Tom le mette le mani ferme sulle cosce, poi le allarga lentamente le gambe. Resiste all'impulso di aprire gli occhi mentre si chiede cosa sta facendo e cosa ha intenzione di fare... poi all'improvviso sente la sua lingua bagnata sulla sua figa. "Ohh, Tom!" Rachel metà geme e metà sussulta, mentre lui inizia a leccarla.

"Ahhh..." geme di piacere mentre la lingua di lui le bagna la figa, allargando le labbra gonfie e scivolando sul clitoride sporgente come un nastro di velluto. "Ohh, Tom..." geme dolcemente mentre si sente diventare più bagnata, rispondendo alla sua lingua. Non l'ha mai fatto così prima, mai così... beh... "Io.. ti perdono!" dice eccitata mentre si abbassa e gli mette la mano sopra la testa per spingere la sua lingua più a fondo dentro di lei. È solo allora che si rende conto... che qualcosa non va. "Non mi sono tolta il reggiseno?" si chiede. "E i suoi capelli... è così..." Quando apre gli occhi, vede il cane tra le sue gambe, che la lecca come un pazzo.

"Rex!" lei sussulta per l'orrore e cerca di strisciare via. Rex, che si sta chiaramente stancando di giocare a questo gioco, emette un ringhio rabbioso, mostrando i denti. Immediatamente, lei si blocca al suo posto, le sue zanne luccicanti a pochi centimetri dalla sua figa. Terrorizzata e con il cuore in gola, allarga istintivamente le gambe, come se gli offrisse la sua figa. Nel giro di un secondo Rex abbassa la testa e continua a leccarla ancora più velocemente di prima, e lei nota la sua coda che scodinzola contenta mentre lecca e sbava sulla sua figa gocciolante.

"Uhhh.." geme suo malgrado mentre lo guarda, sentendosi incapace di distogliere lo sguardo da quella vista scioccante. Mentre i secondi angosciosi passano, il suo respiro inizia ad accelerare e i suoi capezzoli si irrigidiscono, mentre inizia a sudare.

"Oh Dio... fermati!" protesta lei, sentendosi impotente mentre la lingua di lui la spinge più a fondo ad ogni leccata. "È così sbagliato..." Cerca di combattere i suoi sentimenti, facendo del suo meglio per non gemere o chiudere le gambe, per non irritare in alcun modo il cane. Non avrebbe avuto alcuna possibilità contro di lui se avesse tentato di morderla, o peggio. Ma comunque... "Ho bisogno di fare qualcosa." È allora che nota che accanto a lei ci sono le sue mutandine mezzo strappate, che Rex è riuscito in qualche modo a toglierle di dosso.

"Forse potrei usarli per.. uhh.. distrarlo? Allora.. chiuderei la porta. Ma devo.. ohh.. okay." pensa, mentre decide cosa fare. Lentamente e con attenzione, inizia a sollevare la gamba destra in aria. Una volta che è ben al di sopra di Rex, senza alcuna reazione da parte sua, si gira lentamente a sinistra e abbassa la gamba. Il cane comincia a ringhiare di nuovo, il modo in cui lei è sdraiata gli impedisce l'accesso alla sua figa, quindi lei si sposta rapidamente ma con attenzione fino alle ginocchia, mentre dice: "Voglio solo girarmi. Vedi?" Prima che possa finire la frase, Rex rimette il muso contro la sua figa e continua a leccarla, spingendo la lingua più in profondità di prima.

"Bravo ragazzo, bravo.. ahh.." geme, cercando di mantenerlo calmo mentre lotta per restare a quattro zampe. Tutto il suo corpo trema di piacere per un secondo, prima che riesca a concentrarsi sulla fuga. Con la porta spalancata, sa che se riuscisse a distrarlo solo per un secondo o due, potrebbe scappare. "Oookay... io... ho bisogno di... uhh.." pensa, respirando affannosamente mentre le sue leccate la disgustano... eppure la avvicinano all'orgasmo. "Rachel, concentrati! Ne hai solo uno..." prima che possa finire quel pensiero, Rex smette di leccarla e all'improvviso sente il suo peso sul proprio corpo, quasi facendola cadere. Con le gambe anteriori avvolte intorno alla sua vita, inizia a spingere i fianchi contro il suo sedere, e lei sente qualcosa di bagnato colpirle le guance, che riconosce subito come il suo pene.

"No, no, no, Rex!" protesta. "Cattivo cane, cattivo!" gli grida, e cerca di strisciare via in preda al panico da sotto di lui. Dato che il suo peso è quasi la metà inferiore a quello di Rex, riesce solo a far passare la testa attraverso la porta prima che lui si riposizioni e inizi a ringhiare, questa volta proprio accanto al suo viso. Rachel si blocca all'istante sul posto, il suo cuore batte all'impazzata mentre chiude gli occhi. "Per favore, Dio, non voglio morire..." mormora piano mentre il ringhio del cane le riempie le orecchie, con l'immagine di Rex che le morde la gola nella sua mente. All'improvviso, i suoi fianchi pompanti di cui si era completamente dimenticata trovano il segno e sente la sua figa allargarsi per permettere ad un centimetro del suo cazzo di entrarle.

"Oh Diodd!" grida con disgusto e terrore. Non appena Rex sente l'umidità e il calore della sua figa, il ringhio cessa e le sue gambe anteriori le afferrano la vita più forte prima che la spinta successiva spinga quasi metà del suo cazzo dentro di lei. Lei emette un urlo quando sente la sua figa che si allunga per accogliere il suo pene, ma prima che abbia l'opportunità di adattarsi alle sue dimensioni, lui tira fuori il cazzo quasi completamente, poi si tuffa di nuovo dentro di lei. "Rex!" strilla mentre è costretta ad allargare di più le gambe, sia per alleviare il dolore che per la penetrazione indesiderata.

Con la figa di Rachel ora più aperta, Rex forza facilmente il suo cazzo fino in fondo con la sua spinta successiva, allargandole la figa più di quanto chiunque o niente abbia mai fatto prima. È solo allora che comincia a pompare all'impazzata, i suoi fianchi muovono freneticamente il suo cazzo dentro e fuori con colpi brevi e rapidi, mentre perde anche pre-sperma dentro di lei.

Ad ogni nuova spinta, il respiro di Rachel viene espulso dal petto, lasciandola incapace di gemere o addirittura urlare mentre il cane la scopa. Peggio ancora, le sue spinte la eccitano oltre ogni spiegazione, anche più della pienezza dentro di lei, o della sensazione delle sue labbra tese che vengono trascinate lungo il suo cazzo.

Rabbrividisce quando sente la saliva di Rex colarle sul collo e sulle spalle, ed è solo un secondo dopo che le sue mani non riescono più a sostenere il peso di lei e del cane. Lei si accascia sui gomiti, ma il cane continua la sua scopata furiosa, facendole agitare selvaggiamente i seni pendenti sotto di lei. Ansimando forte mentre cerca di riprendere fiato, non può fare a meno di godersi le belle sensazioni causate da Rex che pompa dentro di lei ancora e ancora, il suo cazzo scivoloso che accarezza la sua vagina aperta e spasmodica.

"Vieni qui ragazzo! Dove sei?" all'improvviso sente qualcuno che dice, con la voce che sembra provenire dal bosco o dalla strada vicina. Non ci vuole molto per riconoscerlo: è il suo vicino, Owen, il proprietario del Rex. Tutto il suo corpo si blocca e il suo cuore inizia a battere all'impazzata, mentre il pensiero di essere sorpresa mentre viene scopata da un cane le attraversa la mente. Fortunatamente per lei, Rex è così concentrato nel scoparle la figa che sembra non sentirlo nemmeno.

"Ehi, Owen. Cosa stai facendo?" sente una seconda voce.

"Ehi amico. Sto cercando il mio cane."

"Oh cos'è successo?"

"Non lo so. Era lì stamattina, ma..." Rachel improvvisamente emette un gemito di piacere, prima di coprirsi rapidamente la bocca per irrigidire i suoi gemiti, mentre il cane accelera.

"L'hai sentito?" chiede Owen, mentre Rachel trema di paura.

"Sentire cosa?"

"... Niente. Comunque, sembra che in qualche modo sia riuscito a uscire dal cortile, e ora... ora non riesco a trovarlo. Gli piace andare nel bosco, quindi... ho-ho pensato che potesse essere andato lì" Ancora."

"Ahhh..." geme nella sua mano, mentre sente un orgasmo salire dal suo corpo.

"Non dovresti preoccuparti." il suo amico lo rassicura. "Sono sicuro che è nelle vicinanze, probabilmente sta cercando delle cagne. Sai come sono i cani."

Owen ride piano. "Sì... spero che tu abbia ragione."

Dopo un secondo di silenzio, l'altra voce dice: "Ti aiuterò a cercare".

"Grazie, amico... lo apprezzo."

"Non c'è di che. Andiamo a cercarlo nel bosco, va bene?"

"Rex, dove sei?" sente Owen urlare, mentre si allontanano.

"Dio mio!" tira un sospiro di sollievo. "Io... io sono la sua puttana." pensa, con lo stomaco che si rivolta al pensiero. "Nessuno potrà mai scoprirlo!" È allora che sente qualcosa colpire le sue labbra gonfie e gocciolanti... poi di nuovo. Non le ci vuole molto tempo per capire di cosa si tratta e cosa fa, ma nonostante ciò, per paura di essere morsa, rimane lì a quattro zampe - come se potesse fare qualcosa anche se ci provasse!

Nel giro di poche spinte sente la sua figa che cerca di allungarsi oltre il suo limite per accogliere il suo nodo, prima che all'improvviso venga forzato dentro di lei facendola emettere un silenzioso urlo di dolore. "Perché mi sta succedendo questo? E perché... mi sto divertendo?!" sono le uniche due cose nella sua mente, mentre le spinte del cane si accorciano e il nodo inizia a sfiorare il suo punto G. "Oh Dio, no! N..." non riesce a finire la frase, poiché la sensazione della sua figa tesa che cerca di trattenere il nodo dentro di lei finalmente la porta oltre il limite.

Qualsiasi dolore provi viene rapidamente sopraffatto da un enorme piacere non appena inizia a raggiungere l'orgasmo. "Aghhhhhh!" Rachel geme mentre tutto il suo corpo trema, e ha la faccia sul pavimento, la sua mano destra stringe forte le mutandine ora che i suoi gomiti non le sostengono più. Con il culo in aria Rex continua a montarlo, il suo nodo invia piccole scosse di piacere attraverso il suo corpo ad ogni spinta. Mentre il cane si avvicina all'orgasmo, le sue orecchie si riempiono del suono della sua vagina che stride mentre lui le sbatte il cazzo dentro ancora e ancora.

Sentendosi allo stesso tempo inorridita e vergognata, avvicina le gambe, cosa che la manda solo ad un altro orgasmo. "Oh Dio... fermati..." implora, con gli occhi al cielo mentre sente ogni vena del nodo del cane, mentre i suoi muscoli si contraggono attorno ad esso in modo incontrollabile. Poi all'improvviso, Rex le sbatte il cazzo dentro un'ultima volta, forzandone la punta contro la cervice mentre inizia a raggiungere l'orgasmo. Rachel inizia a singhiozzare mentre sente il nodo di lui pulsare dentro di lei e contro il suo punto G; pompando il suo sperma caldo nella sua vagina e facendole provare un'altra ondata di piacere.

All'improvviso sente la lingua del cane sulla sua guancia. Rimane lì in silenzio per un momento mentre i suoi singhiozzi si trasformano in piagnucolii, prima di girare la testa dall'altra parte e riuscire a rialzarsi sui gomiti. Un'altra bava le cade sulla parte posteriore del collo proprio prima che la sua lingua la trovi di nuovo, questa volta leccandole le labbra. "Smettila!" grida e gira di nuovo la testa, con la mente confusa mentre cerca di elaborare ciò che è appena successo qui. Il suo corpo trema, la sua vagina si contrae e una scossa di piacere le attraversa il corpo mentre emette un gemito.

"Non... non è colpa sua." lei arriva ad una conclusione, mentre sente un po' del suo sperma fuoriuscire dal suo ingresso e correre liberamente lungo le sue cosce. "Che ne sa? È solo un cane." ragiona. Rachel stringe i denti mentre è costretta a provare un altro orgasmo, causato dal suo nodo. Rex nel frattempo ansima sopra di lei, con la lingua fuori mentre altra bava le cola sul collo, qualcosa a cui ormai è abituata. Proprio in quel momento, sente Owen chiamare di nuovo il suo cane mentre torna.

"Rex, dove sei ragazzo?"

"Trama!" L'abbaiare di Rex tuona, facendola rabbrividire.

"Shhh, stai zitto!" mormora spaventata mentre guarda il cane, la cui testa è proprio accanto alla sua.

"Ragazzo, sei tu? Rex?"

"Cazzo! Ha bisogno di stare zitto.." pensa, prima di realizzare cosa deve fare. Prima che Rex possa abbaiare di nuovo, lei avvicina la testa e lo bacia sulle labbra, poi apre la bocca. Fortunatamente per Rachel lui è più interessato a lei che al suo padrone, quindi infila la sua lunga lingua tra le sue labbra carnose, poi inizia a leccarla.

"Hai sentito? Penso che venisse da questo cortile." dice Owen mentre apre ancora di più la bocca, la lingua che si dimena e lecca l'interno della sua bocca, mandandole brividi attraverso il corpo. "Rex, ci sei?" lo chiama.

Il suo cuore batte forte perché teme che Rex possa abbaiare di nuovo, così decide di farlo concentrare sul bacio, e quando sente la sua lingua a metà nella sua bocca chiude le labbra attorno ad essa e inizia a succhiare. Sfortunatamente, succhia anche un'abbondante quantità di bava in bocca, prima che il cane tiri indietro la lingua per la sorpresa, quindi la lecchi di nuovo mentre lei apre la bocca. Lei gli succhia di nuovo la lingua, mentre altra saliva del cane le riempie la bocca, facendola rabbrividire. Nonostante il suo disgusto continua a farlo, mentre sente i due uomini parlare.

"No, amico." dice l'altro ragazzo, mentre Rachel è costretta a ingoiare la saliva... che per fortuna non ha un sapore troppo cattivo. "Conosco la famiglia... non c'è motivo che sia lì. Forse è andato in città?"

"Hmm forse."

"Vieni. Andiamo a vedere se riusciamo a trovarlo."

Continua a succhiargli la lingua per un minuto e ingoia anche un altro sorso della saliva salata del cane, finché non è sicura che entrambi gli uomini se ne siano andati. Una volta che è sicura che lo siano, sospira di sollievo e appoggia la testa sulle mani, con la saliva del cane che le cola fuori dalla bocca mentre il cane continua a leccarle il viso. Sentendosi esausta, lei glielo permette. Rimangono così per un minuto, il nodo di lui ancora dentro di lei, mentre lei ansima per respirare.

"Bravo cane." dice mentre riprende fiato. "Grazie, per... uhh.. non abbaiare." dice, sentendosi strana a ringraziarlo davvero, dopo quello che le ha fatto..
All'improvviso, sente le sue zampe anteriori muoversi mentre cerca di girarsi. Pensando velocemente, lei si allunga indietro e lo afferra per la parte posteriore del collo. "No, no. Non andrai da nessuna parte finché quel tuo pompelmo non si sarà rimpicciolito." dice, stringendolo forte. Lui geme piano e continua a leccarle il viso. Poi... comincia a pensare a tutto.

"Io... immagino che non sia poi così male." sospira. "Voglio dire... anche gli esseri umani sono animali... solo un po' diversi. Il povero cane probabilmente non ha un compagno da secoli." lei pensa. "Neppure io... non che io, umm... volessi... uhh... sì. Mio Dio, non posso credere di aver avuto tutti quegli orgasmi!"

"Ma comunque... è venuto e mi ha scopato dal nulla! Non puoi semplicemente... ugh." continua a pensare a quello che è appena successo e continua a chiedersi da quanto tempo deve essere rimasto senza sesso, per essere così disperato? mentre il suo nodo continua a restringersi, finché lei sente che è abbastanza. Lei lascia la presa sul suo collo e nel giro di un paio di secondi lui si gira. "Uhhhh." lei geme dolcemente mentre Rex senza troppe cerimonie tira fuori il suo cazzo lasciando fuoriuscire una pozza di sperma. Lui le lecca la figa spalancata qualche volta prima che lei crolli sul pavimento, poi si sdrai sulla schiena e con il suo enorme cazzo da 8 pollici che penzola tra le sue gambe, esce dal garage.

Meno di un minuto dopo, mentre è ancora sdraiata, lasciando che lo sperma le goccioli fuori, sente di nuovo le voci fuori dal suo cortile.

"Eccoti, ragazzo! Mio Dio, sono così felice di averti trovato!" dice Owen, e Rex abbaia felice.

"Cosa ti avevo detto. Vedi il suo cazzo?"

"OH..!" Owen ridacchia. "Sembra che avessi ragione. Ci sarà stata qualche cagna in calore nei paraggi."

"Cane fortunato." dice l'altro, ed entrambi ridono. Rachel sussulta leggermente mentre si strofina le labbra maltrattate che sono ancora spalancate, e inserisce facilmente prima tre, poi quattro dita nella sua figa. Lei emette un lieve lamento di disperazione e si sdraia di nuovo, quando si rende conto che... dopo tutto questo, potrebbe davvero dover prendere un cane, o un uomo con un cazzo davvero grosso, se vuole avere di nuovo un orgasmo. ..

Quel pensiero da solo è troppo da affrontare per lei, quindi per un momento allunga le braccia sopra la testa e inizia a fissare il cielo limpido, mentre si addormenta nel suo mondo perfetto, ma fantastico, dove il suo ragazzo non l'ha fatto. Non la tradisco, non è successo niente di tutto questo, e loro... stanno ancora insieme. Eh..se solo i suoi sogni fossero reali....


~ LA FINE

Storie simili

Il mio compito per i media.

Ho ricevuto una chiamata per entrare nell'ufficio del mio editore per un incontro con il signor Giles. Stavo lavorando al giornale locale da 6 mesi, quindi naturalmente ero nervoso. Mi chiedevo cosa avessi fatto di sbagliato, tale era la mia negatività. Rachael, per favore siediti ha detto mentre entravo. Mi sono seduto dentro tremante mentre aspettavo quella che pensavo sarebbe stata una brutta notizia. Rachael, ho visto il tuo pezzo sulle corse dei levrieri e sull'esca viva ha detto è stato fantastico. Penso che avrebbero sentito il mio sospiro di sollievo nel prossimo edificio. “Evidentemente ami gli animali” ha aggiunto. Sì...

1.5K I più visti

Likes 0

Doppia fortuna all'aeroporto di Hong Kong pt. 1

Questa è la mia prima storia così nuda con me. Questa è una storia vera che mi è successa nel 2012. Stavo viaggiando da NC a Manila per le vacanze e ho fatto una sosta di 16 ore a Hong Kong. Quando sono arrivato all'aeroporto di Hong Kong sapevo che avevano delle piccole cabine letto in aeroporto che potevi affittare a ore. Stavo camminando dal mio terminal all'area principale con cibo e altre attrazioni turistiche. Mi è capitato di vedere un ragazzo di colore con un documento d'identità dell'aeroporto e l'ho salutato e gli ho chiesto se sapeva dove potevo trovare...

828 I più visti

Likes 0

Emerge la cagna interiore

Lo ha incontrato al bar circa 10 minuti dopo l'orario stabilito. Le piaceva farli aspettare, le piaceva la sensazione di potere che le dava vedere lo sguardo di sollievo quando arrivava. Indossava un abito semplice e poteva vedere il sollievo misto a una certa delusione sul suo viso quando notò che non indossava gli stivali. Sorridendo tra sé, mantenne il suo sorriso distaccato e si avvicinò al tavolo. Rimase lì, lanciando uno sguardo mirato alla sedia mentre aspettava. Dapprima perplesso, alla fine si rese conto che avrebbe dovuto alzarsi quando lei si avvicinò. Alzandosi rapidamente, fece il giro del tavolo per...

791 I più visti

Likes 0

Droga per stupro

Storia di Fbailey numero 733 Droga per stupro È iniziato abbastanza innocente ma sicuramente è cambiato in fretta. Avevo invitato tre dei miei amici per il pomeriggio per pianificare il nostro progetto scientifico. L'insegnante ci ha messo in coppia, ma andava bene perché li conoscevo tutti e tre da quando abbiamo iniziato la scuola, anni fa. Non uscivamo insieme perché io ero un secchione, Jim e Bob erano atleti e Hank era solo un pervertito. Mia madre e mia sorella erano andate a fare la spesa e mi hanno chiesto di aiutarle a portare i bagagli dall'auto. I ragazzi hanno dato...

674 I più visti

Likes 0

La casa di Yash

Ehi, sono nuovo nello scrivere storie erotiche e spero di ricevere buoni commenti sul mio lavoro, mandami anche un feedback. Se ti è piaciuta la mia storia, dimmi in kik quanto sono stato bravo, il mio kik è ben5128, se alla gente piacciono le mie storie, allora scriverò un'altra parte della storia per questo. E scriverò altre storie più avanti nella vita. Mi chiamo Marc e sono bisessuale. Tutto inizia a scuola durante la fine del periodo. Sono in seconda media e il nostro insegnante ci ha assegnato i posti per la nostra classe avanzata di matematica. Mi è stato assegnato...

489 I più visti

Likes 0

L'inganno è diventato goduto IV

Erano passate più di due settimane dalla mia orribile esperienza. Con il tempo, ho imparato ad accettare quello che era successo. Sebbene mi sentissi usato, l'avevo decisamente invitato su me stesso. Non sapevo nulla del ragazzo, e anche dopo avermi insultato e avermi detto che aveva una relazione, l'ho ancora implorato di lasciarmi succhiare il suo cazzo. Sapevo che non l'avrei seguito di nuovo. La mia vita stava tornando alla normalità, non stavo vivendo gli intensi desideri di travestirmi che avevo di recente. Avevo messo via i miei vestiti e il trucco, e avevo persino iniziato ad andare in città, cercando...

1.5K I più visti

Likes 0

Finalmente i piedi di Nicole: la vendita Capitolo 1

Sono le 18:00 di sera e inserisco le note nel computer nel database della nostra concessionaria. È stata una giornata piuttosto lenta e mi annoio. Mi alzo per sgranchirmi ed esco fuori per illuminarmi. Mentre metto l'accendino in tasca, noto un vecchio amico con cui lavoravo al pull up. Parcheggia e si avvicina a me sorridendo. Ehi, come stai? chiede Nicole mentre cammina verso di me. Ciao Bella ragazza. È molto tempo che non ci si vede. Cosa ti porta a vedermi? Ho chiesto. Nicole mi si avvicinò e mi gettò le braccia al collo. Abbiamo sempre parlato a Sagebrush, ma...

1.3K I più visti

Likes 0

Il ragazzo che amo(1)

Introduzione: Ciao a tutti, questa è la mia prima storia. Per favore, non giudicarmi troppo. Spero che piaccia a tutti voi. Si prega di lasciare commenti in fondo per dirmi come migliorare le mie storie. Questa storia parla di un ragazzo di 14 anni di nome Logan che inizia il suo anno da matricola con il suo migliore amico Luke. Logan si interrogava sulla sua sessualità da quasi un anno. Non sapeva se era gay o etero. Vivere in Texas non era esattamente gay friendly e semplicemente non voleva che la gente scoprisse che gli piacevano i ragazzi, in particolare il...

1.3K I più visti

Likes 0

Adam Martin - L'allievo CH02

Adam Martin - L'allievo Di Christian G. Kay [email protected] A cura di Sherry Per favore inviatemi un feedback, mi piacerebbe sapere cosa ne pensate della storia. DISCLAIMER: Si prega di leggere e attenersi alla DISCLAIMER pubblicata nel primo capitolo. Adam Martin - The Pupil è una storia erotica, con alcune parti contenenti scene sessuali grafiche. Se l'erotismo è illegale nella tua zona per legge locale, provinciale, provinciale o nazionale, per favore smetti di leggere ora e vai altrove. Capitolo 02 - La piazza del viaggio. Mi ha detto che sarebbe tornata subito e mi ha lasciato lì in piedi, mentre si...

1.3K I più visti

Likes 0

Giocare a osare con la sorella Parte 3_(2)

Non riuscivo ancora a credere agli eventi degli ultimi due giorni. I nostri genitori erano partiti per il fine settimana perché mia nonna si era ammalata. Volevano che la mia stronza sorella Kayleigh e io trascorressimo il fine settimana insieme, con grande sgomento di Kayleigh. Venerdì sera, Vlad ed io avevamo costretto la mia stronza ma incredibilmente sexy sorella Kayleigh a fare un gioco di coraggio venerdì sera. Per paura di perdere $ 100 durante il gioco e per essere ferocemente competitiva, Kayleigh aveva accettato di togliersi top e pantaloni e sfilare in mutande. Non aveva idea di quanti problemi l'avrebbero...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.