Il Cavaliere e l'Accolito Libro 5, Capitolo 7: Il dominio dell'Orco

1.6KReport
Il Cavaliere e l'Accolito Libro 5, Capitolo 7: Il dominio dell'Orco

Il Cavaliere e l'Accolito
Libro 5: Il tesoro del Vault
Capitolo sette: Il dominio degli orchi
Per mionome3000
Copyright 2016

Nota: grazie a B0b per aver letto questa versione beta.

Mago Faoril – La Libera Città di Raratha

“Sembra che Sophia si stia divertendo,” sorrisi compiaciuta.

Chaun fece una smorfia. "Le piace il dolore più di me."

ho sbuffato. Lanciai un'occhiata alla porta, Sophia e Relaria sussultarono e gemiti che provenivano dal legno verde scuro dell'appartamento della lamia nel Palazzo Saltspray. Lo schiaffo di carne, il ruscello di un letto. Era sesso caldo e appassionato. La lamia ha scopato duramente Sophia.

Il mio stomaco si contorse. La mia mano scivolò sul libro nella tasca della vestaglia. Se Sophia non fosse riuscita a convincere Relaria con il suo corpo da nubile, il bardo lamia si sarebbe rivolto a Chaun al Doge. Un bardo caduto in disgrazia con una taglia sulla testa non dovrebbe presentarsi a uno degli uomini più potenti del mondo.

"Così buono", ha urlato Sophia.

"Stroia", ululò Relaria, strillando come un gatto. “Oh, dei, sì. Questo dildo. Las è sperma, non mi sono mai sentito così.

Sembrava che Sophia stesse facendo la sua magia. Sospirai, allontanando la mia mano dal libro. Ho succhiato il cazzo di Chaun per niente. Mi sono leccato le labbra. No, succhiare un cazzo non è mai stata una perdita di tempo. Ho assaporato il sapore salato che mi rimaneva in bocca.

"Pensavo di averla convinta anche io", disse Chaun, il viso pensieroso. Migliorava solo il bel viso umano che indossava. “L'ho fatta venire forte. L'ho scopata finché non ha urlato. Stava giocando con me".

Lanciai un'occhiata alla porta. Sophia sapeva come compiacere una donna. "Lo farà."

"Lo spero."

Lo speravo anch'io. Non volevo-

Sophia strillò all'interno della stanza. “Ti ho fatto piacere, puttana. Ti ho fatto venire."

«Il cazzo di Pater», gemetti. E poi il mio viso si indurì. Non ho scelta. Dovevamo entrare nel Great Vault. raggiungerei le vesti nere. Le mie mani si strinsero mentre afferravo la mia magia. Ho capito la teoria di Fireeyes.

"Così forte", sibilò Relaria. "Così tante volte." Ha spalancato la porta.

"Non volevo farlo", ringhiai e scatenai la mia magia.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Accolito Sofia

La mia schiena e il mio culo pulsavano per gli artigli di Relaria. Ho lasciato che mi fottesse forte. Mi ha ferito. Un dolore così meraviglioso. E ora che si era sborrata, si era divertita, avrebbe messo Chaun nei guai? La coda di Relaria frusciò mentre spalancava la porta e si trovava faccia a faccia con Faoril.

La mia pelle formicolava mentre Faoril scatenava la sua magia. Ho aperto la bocca per protestare. Non potevamo ucciderla. Relaria era una stronza connivente, ma non meritava di morire per la magia di Faoril. Relaria indietreggiò. La sua coda si muoveva avanti e indietro e le sue orecchie da gatto si contraevano. Non è caduta sul pavimento, non ha urlato di dolore, né ha fatto altro che allungare la schiena, il suo culo magro che ondeggiava.

"Vai a letto", ordinò Faoril. "Non lasciare questa stanza senza il mio permesso."

"Va bene", disse Relaria, le sue parole monotone, noiose, tutta la sua passione svanita. Si voltò, leccandosi le labbra. Poi, mentre mi passava davanti, si leccò gli artigli affilati e fece le fusa.

Mi è caduta la mascella. Poi ho girato su Faoril. "Cosa le hai fatto?"

"L'ho dominata", rispose Faoril. "Lei è la mia..." Si accigliò, cercando la parola.

"Schiavo?" Il dolore mi bruciava alla schiena mentre marciavo verso di lei. “Che tipo di magia è quella? “

"La vita", ha risposto, la sua voce leggera. “Sto tenendo la sua mente. Posso controllarla".

I miei occhi guizzarono alle sue molte tasche della sua veste. Il mio stomaco affondò. “Non l'hai imparato da quel vile libro? “

"L'ho fatto." Faoril inarcò un sopracciglio e il suo piercing al naso lampeggiò. “I metodi Fireeyes sono riprovevoli, ma la conoscenza non dovrebbe mai essere sprecata.”

"Sprecato?" Indicai Relaria mentre si raggomitolava sul letto, le orecchie che si contraevano. “L'hai trasformata nella tua marionetta. È orribile".

"Guarda la tua schiena e il tuo culo, ti ha artigliato." Il calore bruciava nella voce di Faoril. “Giocava con Chaun. Rovinerà tutto. Avrei dovuto ucciderla?"

Ho aperto la bocca, poi l'ho chiusa. "No. Ma quel libro è malvagio. Era malvagio. E, beh... la stai controllando. Potresti farle fare qualsiasi cosa.”

"Non lo farò." Faoril si fece avanti e mi abbracciò. “Non piace neanche a me. Posso sentirla nella mia mente. La sua volontà... è così fragile. Una delicata statuetta in vetro filato. Se stringo troppo forte, si romperà e lei...” Faoril rabbrividì. “È il male. Seducente. Potrei farla...” Chiuse gli occhi e scosse la testa.

"Scusa", dissi poi l'abbracciai, il mio cuore si spezzò.

Faoril si irrigidì, le sue mani sfiorarono i miei graffi. "Stai sanguinando, Sophia."

"È stato fantastico", dissi, assaporando il dolore. "Anche se fosse una stronza."

"Sì, lo è", disse Chaun, avvicinandosi, tenendo la mia veste bianca.

Le mie guance si sono arrossate. “Sono nudo, Chaun, girati. Non guardarmi".

Faoril sbuffò dalle risate. “Sei una così stupida troia. Vai a bere la tua pozione curativa. Angela non sarà felice di farti grattare il culo".

"No, vorrebbe farlo da sola."

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Minx

"Che cosa hai intenzione di fare?" chiesi, deglutendo mentre fissavo la torre abbandonata che Spray e il resto della mia banda usavano per la loro tana. Era vicino ai moli dei pescatori, la parte più povera di Raratha. Avevo evitato la domanda sulla corsa dalla locanda. Dopo aver catturato Gufo, il mio compagno ladro halfling, che ci spiava mentre parlavamo della rapina, Thrak è entrato in azione.

"Spiega a Spray la situazione", ringhiò Thrak. L'orco barbaro incombeva su di me, un monolite di un uomo. Ero abituato a essere rimpicciolito da tutti, ma Thrak ha reso gli umani minuscoli. Anche Xera, alta e aggraziata, era un salice snello rispetto all'orco.

Era così chiaro per me. Avrebbe ucciso Spray, e forse Gufo e gli altri. Il mio stomaco si contorse. Volevo lasciare Spray, non vederla morta. La negretta era stata la convivente per me e per gli altri halfling.

Xera, sussurrai.

Lei mi sorrise. Un'espressione rassicurante sul suo viso. Ho fatto un respiro profondo. Adel, l'elfo dai capelli rossi, aveva un piano: lasciare che Angela e il suo gruppo riforgiassero la spada del Sommo Re e poi rubarla. Una truffa che mi vedrebbe ricco. Se Spray dovesse morire, piangerei, ma avrebbe dovuto fidarsi di me quando le ho mentito.

«È all'ultimo piano», dissi. “È astuta e furba. Se non trattiamo con lei, ci tradirà".

"So come trattare con lei", ringhiò Thrak attraverso le labbra carnose. L'orco bruno e feroce diede un calcio alla porta. Il legno marcio si divise in tre pezzi e una nuvola di schegge. Il legno rimbombò sul pavimento e lui caricò, Xera alle calcagna.

Ho ingoiato e seguito.

Thrak corse su per le scale. I suoi passi pesanti rimbombarono ed echeggiarono. Non ha fatto alcun tentativo di furtività o sottilmente. E si è mosso così velocemente. Fece le scale tre alla volta. Le scale di legno scricchiolavano e gemevano, minacciando di crollare sotto la sua mole. Xera danzava dietro di lui, i capelli verdi che le scorrevano sul corpo nudo. Si muoveva con grazia che invidiavo. Vorrei poter camminare leggero o con tale destrezza.

È stato difficile per me tenere il passo. Sono rimasto sempre più indietro. Non riuscivo proprio a fare le scale alla velocità di Thrak, le mie gambe erano troppo corte. Il mio cuore si affannava nel petto mentre i miei piedi nudi schiaffeggiavano il legno marcio. In cima alla torre, irruppe in un'altra porta marcia. I miei compagni halfling urlarono allarmati quando Thrak emise un ruggito muggito.

"Spray!"

Tanta rabbia. L'avrebbe fatta a pezzi. Perché dovevi essere così ficcanaso, Spray? Se ti fossi fidato di me e mi avessi lasciato scappare senza che te ne rendessi conto, non saresti morto. Potresti ancora rubare e vivere con il tuo harem di ladri halfling.

Sono arrivato all'ultimo piano. Thrak si diresse verso lo spruzzo. Flit e Giggles si lanciarono contro di lui con coltelli lampeggianti. ho sussultato. Giggles era il migliore con un coltello. Si muoveva così velocemente, ballando intorno agli uomini mentre ridacchiava con la sua voce dolce mentre li punzecchiava.

Le risatine si lanciarono verso Thrak, ballando e...

Il braccio bruno di Thrak era sfocato quando schizzò fuori e afferrò il polso di Giggles nella sua massiccia presa. La sollevò in aria. Le sue risatine sono morte. Ha strizzato. Lasciò cadere il coltello con un grido di dolore. Poi la gettò di lato. Flit rimase immobile davanti a lui. Guardò il suo coltello, poi lui. Poi di nuovo al suo coltello. Lo lasciò cadere e si allontanò da lui.

"Combattilo", ansimò Spray mentre indietreggiava, il suo corpo tremante.

Thrak si voltò e mi afferrò. La sua mano era abbastanza larga da avvolgere a metà la mia vita. Mi sollevò in aria senza sforzo e mi tenne davanti a Spray. Non potevo guardare negli occhi il mio capo ladro.

"Lei è mia", ringhiò l'orco. "L'ho reclamata". Thrak mi mise davanti a lui, sollevò il gonnellino e il suo enorme cazzo spinse contro le mie labbra. La sua mano mi tenne la testa, attirandomi al suo uccello. Un anello osseo ha perforato la punta. Precum trapelato. Ha strofinato il suo cazzo sulla mia bocca.

Non so cos'altro fare, ho aperto la bocca e ho succhiato la punta. Il suo cazzo era più grosso di quello di Spray. La mia piccola bocca da halfling non riusciva ad aprirsi abbastanza da ingoiarla. Ma potrei succhiare la punta e passarci sopra la lingua, assaporando il suo precum salato e sfiorando il suo piercing. Il suo precum ricoprì la mia lingua e fluì nella mia bocca.

"L'ho reclamata", tuonò l'orco. "Capisci?"

"Io... io..." balbettò Spray.

“Non vuoi incrociare Thrak degli Orchi Occhio Rosso,” fece le fusa Xera, la sua voce afosa. L'elfo era in piedi accanto a noi. La sua mano si allungò, accarezzando i miei capelli rosso metallizzato.

Rabbrividii al suo tocco.

"Il suo corpo, la sua fica, è mio", ringhiò Thrak.

Ho emesso un gemito. Era così potente. Le mie mani di bronzo avvolsero il suo cazzo rosso-bruno. Lo accarezzai con entrambe le mani, lottando per afferrare la sua circonferenza. La mia figa mi prudeva tra le cosce, inondando i miei calzoni di pelle. Ho sondato la mia lingua nella sua fessura, raccogliendo più del suo precum.

Thrak ringhiò di gioia.

"Guarda mentre provo che è mia, Spray", ringhiò Thrak. “Ti siederai lì e non distoglierai lo sguardo. Devi capire fino a che punto la possiedo adesso.»

"Va bene", squittì Spray. Non avevo mai sentito il suono di nixie così spaventato. Niente l'ha messa in fase.

Tranne un orco barbaro che poteva farla a pezzi con il minimo sforzo.

"Il cazzo di Gewin." La mano dell'orco si strinse sulla mia testa. “Adoro il mio cazzo, troia. Ti possiedo. Mostra a tua moglie nixie a chi appartieni ora. Di chi ami il cazzo."

"Un magnifico gallo, non è vero, nixie?" Xera fece le fusa. "Molto più grande del tuo."

“Rispondile,” gemette Thrak.

"S-sì."

Gli squittii rantoli di Spray mi hanno solo reso più eccitato. I miei fianchi si spostarono mentre mi trovavo davanti a Thrak. Come Adel, il suo cazzo era all'altezza perfetta per farmi succhiare. L'ho profuso con la lingua mentre lo accarezzavo su e giù. La mia figa gocciolava di eccitazione. Sarebbe il cazzo più grande che avessi mai preso.

Non vedevo l'ora di sentirlo alesare la mia fica.

Le mie guance si incavarono mentre succhiavo forte. Il suo sperma colò nella mia bocca, rivestendo le mie labbra e la mia lingua. Gemetti di pura gioia. Il suo respiro accelerò. Fissai il suo corpo massiccio, i suoi muscoli che si increspavano mentre il suo corpo si muoveva, il piacere che contorceva il suo viso feroce.

Ho soddisfatto l'orco. Ne ero orgoglioso. Di solito preferivo gli ermafroditi, grazie a Spray, ma c'era qualcosa di così primordiale nell'orco. Viaggiare con il gruppo di Angela fornirebbe tanti interessanti opportunisti.

"Succhia più forte, sgualdrina", comandò Thrak. “Estrai il mio sperma. Lo vuoi. Io posso dire."

"Lo voglio", ansimò tra una schifo e l'altra. "Così malamente. Un cazzo così meraviglioso."

"Meglio di Spray?" Xera fece le fusa. I suoi fianchi si spostarono con la coda dell'occhio. Si voltò, le cosce appiccicose per l'eccitazione. I miei occhi seguirono il suo corpo, amando la sfumatura verdastra sulla sua pelle, i suoi grossi seni, i suoi capezzoli duri.

Volevo seppellirmi nei suoi grossi seni. Non vedevo l'ora che andasse in calore e spuntasse un cazzo.

"Ecco, sgualdrina", ringhiò Thrak. “Adora il cazzo del tuo nuovo capo. Adesso fai parte del mio equipaggio.»

"Uh-huh", ansimai, poi infilai la mia piccola lingua nella sua fessura. Gemette e rabbrividì.

"Il potente gallo di Gewin."

La sborra è esplosa, schizzando intorno alla mia lingua, tappando la sua fessura e schizzandomi sulle labbra e sul mento. Mi ha tirato indietro la testa, il suo secondo schizzo mi ha schizzato sul viso, segnandomi. Mi leccai le labbra, lasciando che mi ricoprisse il viso. Si è riversato su di me. Mi gocciolava sul mento e sulle guance. Sperma meravigliosa, calda e salata.

Un trattamento così straordinario.

Mi leccai le labbra e rabbrividii. Ho spalmato lo sperma nella mia pelle. Mi ha ricoperto. Mi voltai, guardando Spray, le sue guance bluastre annerite dall'imbarazzo, il suo cazzo piccolo, avvizzito, evirato. Un brivido caldo mi ha attraversato mentre mi godevo lo sperma dell'orco.

“Così bene, Thrak,” ansimai. "Sono tuo."

"Ogni parte di te", ringhiò Thrak. "Inginocchiarsi. È ora che tu mi dia la tua fica."

"Sì, Thrak," gemetti, impressionato che l'orco potesse andare di nuovo dopo essere venuto. Era così virile, forse non dovrei essere sorpreso.

Xera si dimenò su di me mentre mi inginocchiavo sulle mani e sulle ginocchia. Poi si inginocchiò accanto a me e mi tirò giù i calzoni di pelle. Le sue dita morbide corsero attraverso la mia fessura rasata. Rabbrividii, i miei occhi rotearono nella mia testa al suo tocco morbido. Si portò il dito alle labbra e leccò.

Le sue orecchie si contrassero. "Lavanda. Delizioso."

"Uh-huh", ansimai. "E hai il sapore dei fiori." Mi leccai le labbra ricoperte di sperma, ricordando.

"Per favore anche lei", ringhiò Thrak. "Hai fatto bagnare il mio elfo."

"Così bagnata", gemette Xera mentre si muoveva davanti a me.

Thrak si inginocchiò dietro di me. Ero così piccolo sotto di lui. Il suo cazzo mi ha a malapena toccato il culo. Tremavo, i miei seni tremavano nella fascia di stoffa legata intorno a loro. Rabbrividii e spostai i fianchi, la mia figa diventava sempre più bagnata. La figa di Xera era davanti a me. Mi chinai e presi una leccata, assaporando i suoi succhi fioriti mescolati con lo sperma di Thrak che mi macchiava le labbra.

“Guarda, Spray,” ringhiò Thrak e mi afferrò i fianchi. Mi ha girato in modo che il mio profilo laterale fosse rivolto verso Spray, dandole una buona visione della mia imminente scopata. Ha costretto Xera a dimenarsi a terra per mettersi di nuovo davanti a me. “Guarda il mio cazzo reclamare la tua femmina. Voglio che tu la senta urlare mentre viene ancora e ancora sulla mia asta."

"Non devi farlo", gemette Spray. “Lei è tua. Capisco."

“No, non lo fai,” ringhiò Thrak e spinse.

"Il cazzo enorme di Pater", ho urlato mentre il suo cazzo seppelliva la mia piccola figa. «Le dita furtive di Cernere, sì!

Avevo già preso grandi pozzi prima, compreso quello di Spray, ma Thrak ha allungato la mia fica al limite. La mia testa si è alzata di scatto dalla figa di Xera. Un dolore così dolce ha attraversato il mio strappo. La mia carne si è allungata e allungata. I miei occhi si allargarono. Tremai mentre sempre più del suo cazzo scivolava nella mia fica gocciolante. Gemetti, un misto di dolore ed estasi. L'agonia divenne rapimento, poi dolore e poi beatitudine. Avanti e indietro, ancora e ancora, passando da un estremo all'altro. Il mio corpo tremava mentre il suo cazzo mi strofinava la carne, accendendo i miei nervi. Le sensazioni hanno inondato il mio corpo.

“È così grande. Non ho mai... Dei, che cazzo. Mi stai allungando, Thrak. La fica pelosa di Slata.”

Le palle di Thrak hanno colpito il mio clitoride. Il mio piccolo corpo ha preso ogni centimetro del suo cazzo. Guardai sotto di me, oltre i miei seni penzolanti, fino allo stomaco. La mia pelle bronzea si gonfiava con il suo cazzo. Ho rabbrividito e ho bloccato la mia figa su di lui.

"Fottimi", ho implorato, i miei fianchi si sono mossi, avendo bisogno di più piacere. L'estasi ruggiva attraverso la mia figa. "Fottimi forte, Thrak!"

Le mie parole echeggiarono nella stanza. Tutti gli halfling mi fissavano, a bocca aperta, con gli occhi spalancati e le anche che si muovevano. Flit, Owl, Giggles, Quick, Mouse e Kitty mi invidiavano tutti. Sapevano che il cazzo di Spray non era niente in confronto all'estasi di Thrak.

"Prendimi!" Ho supplicato, spostando i fianchi, muovendo il suo enorme cazzo attraverso la mia figa. Ho bevuto tutto il dolce piacere.

Thrak si ritrasse, il suo cazzo scivolava attraverso la mia figa troppo piena. Tremai, più piacere scorreva attraverso il mio corpo. E poi si è spinto in avanti, infilzando il suo cazzo nelle mie profondità. Le sue palle colpirono forte il mio clitoride, suscitando piacere in me.

“Leccami,” gemette Xera, afferrandomi i capelli e tirandomi fino alle pieghe della sua fica.

Ho leccato e strofinato il muso sulla fica dell'elfo mentre i miei occhi si spostavano su Spray. Si contorse, si piegò, le labbra esangui, gli occhi spalancati. Non riusciva a distogliere lo sguardo dal mio piccolo corpo che tremava mentre l'orco mi violentava.

Ho gemuto nella figa di Xera. La mia lingua si dimenò tra le sue pieghe. Non riuscivo a pensare di compiacerla. Ho appena recitato. Il cazzo che si spingeva dentro e fuori dalla mia figa era troppo per il mio piccolo corpo. Il piacere che provava annegava i miei sensi. L'ebbrezza mi ha preso.

Premetti la mia faccia nella fica di Xera, assaporando il calore della sua carne sulle mie labbra mentre le spinte di Thrak mi cullavano sulle mani e sulle ginocchia. Il suo cazzo di spinta seppellito più e più volte nella mia fica. Il piacere crebbe e crebbe. Il dolore divampava ancora, mescolandosi al rapimento, aumentando le vette della mia beatitudine. Gemetti e gemetti, le mie parole attutite dallo strappo dell'elfo.

Il mio primo orgasmo è esploso attraverso di me.

"Questo è tutto", ringhiò Thrak mentre la mia figa si agitava per il suo cazzo di spinta. "Ami il mio cazzo."

Ho urlato di gioia senza parole. Il mondo girava intorno a me. Solo Thrak e Xera mi hanno ancorato alla realtà. L'attrito è aumentato. Il suo cazzo mi sbatté così forte dentro. Era così forte e virile. Ogni spinta aumentava solo il piacere che esplodeva dalla mia figa. Abbracciai le cosce di Xera con le mie piccole braccia, i miei fianchi si dimenarono, vorticarono, aumentando il mio piacere.

Il calore ha attraversato il mio corpo. Ancora ed ancora. L'orgasmo dopo l'orgasmo si è schiantato attraverso il mio piccolo corpo. Tremavo sulle mani e sulle ginocchia. Le sue palle sbattevano ripetutamente nel mio clitoride. Ogni colpo esplodeva gioia nel mio corpo.

L'estasi è diventata il mio universo.

Tutto il mio corpo esplose di estasi. La beatitudine mi ha attraversato la mente. Continuai a leccare e leccare Xera mentre il mio mondo si restringeva al cazzo di Thrak. Spingere, tirare e spingere ancora. La mia figa ha uno spasmo per questo. I miei succhi schizzano intorno alla sua circonferenza e inondano le mie cosce.

E il piacere che gli dava il suo cazzo... Primordiale. Crudo. Stragrande.

Ha grugnito sopra di me. Ringhiò. Le parole erano prive di significato. Xera sussultava e gemeva, la sua stessa voce dolce si aggiungeva alla sinfonia che pervadeva i miei sensi. Niente aveva più senso per me tranne il cazzo che martellava la mia piccola fica.

Succhi caldi mi bagnarono la bocca. Li ho bevuti, registrando a malapena il sapore floreale.
Getti spessi e caldi hanno bagnato la mia figa. L'orco ruggì. Ho nuotato nell'oscurità del rapimento. La mia figa ha munto il suo cazzo. Il mio corpo ebbe uno spasmo e tremò. ho tremato. Tutto il mio corpo è diventato insensibile alla beatitudine. L'oscurità mi inghiottì e mi avvolse di estasi.

Tale meravigliosa, dolce estasi.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Xerathalasia

Ho preso Minx tra le mie braccia. L'halfling aveva un enorme sorriso sulle labbra macchiate di figa e sperma. Tremava, il suo corpo leggero si contraeva mentre i suoi orgasmi continuavano a svolazzare dentro di lei. Lo sperma di Thrak è uscito dalla sua fica aperta. I suoi occhi sbatterono.

"Sei venuto duro", dissi in un sussurro.

Thrak si alzò, il gonnellino che gli cadeva sulle ginocchia. Marciò su Spray. "Hai capito il tuo posto ora, nixie?"

"S-sì", squittì Spray, raggomitolata in una palla, i capelli verde mare appiccicati al viso tremante.

“E se scopro che hai tradito ciò che la tua fica ha sentito...” Thrak la afferrò per il collo e sollevò la nixie senza sforzo. "Ti troverò. Ti romperò. Comprendere?"

“S-sì. P-per favore. non lo dirò. Lei è tua. Non farmi del male. P-per favore.” Le lacrime le rigarono le guance. Volevo dirle qualcosa, darle conforto, farle sapere che non correva alcun pericolo. Thrak ha semplicemente agito.

Ma ho trattenuto la lingua. Tutto ciò per cui ha lavorato sarebbe stato rovinato.

"Bene." La lasciò andare e si voltò, camminando per la stanza, lasciando la nixie a singhiozzare.

Ho seguito dopo. Minx si mosse tra le mie braccia. Le sue piccole labbra sfiorarono il mio capezzolo, poi la femmina halfling si attaccò, succhiandolo, un gesto confortante mentre il suo corpo era ancora sospeso tra l'estasi e l'incoscienza.

Thrak aveva usato duramente il suo corpo. Era stato quasi brutale, ma Minx aveva urlato la sua gioia per tutto il tempo. Aveva spinto la piccola halfling ai suoi limiti e oltre. Il sorriso che giocava sulle sue labbra dimostrava quanto lo amava.

Scesi i gradini dopo Thrak. Non ne prendeva tre alla volta. Non aveva più fretta. Siamo scesi dalla torre e siamo entrati nel crepuscolo di Raratha. I miei occhi cercarono il Palazzo Saltspray. L'indomani notte, Minx ed io saremmo entrati nella Grande Cripta, avremmo rubato il pezzo della spada del Sommo Re e saremmo andati alla nave dei pirati. Tra un giorno o due, Angela e gli altri si sarebbero uniti a noi. Allora il Doge non avrebbe saputo che Angela e gli altri nel palazzo avevano qualche complicità nella rapina.

"Come sapevi di intimidirla in quel modo?" chiesi, spostandomi per camminare accanto a Thrak.

"È così che domini un rivale", rise Thrak. “Ti scopi la sua donna prima di lui e la fai venire come la tua puttana. È ermafrodita. Ho pensato che il preside sarebbe stato lo stesso. Evirate, ammazzate e terrorizzate. Quando smetterà di pisciarsi, avremo il pomo e saremo fuori da Raratha."

"Hai fatto impressione", annuii. "Penso che Minx temesse che l'avresti uccisa."

"Ma non l'hai fatto?"

"Non sei un assassino, Thrak."

Si guardò le mani. "Sappiamo entrambi che è una bugia". L'orco strinse i pugni.

"No. Sei un guerriero. Combatti quando devi. Non butti via la vita inutilmente. Il fatto che odi la violenza mi dà solo ragione".

Thrak grugnì.

Minx si è spostato. Le sue labbra succhiarono più forte. L'ho fissata. Era facile pensarla bambina grazie alla sua statura, ma una bambina non aveva un seno così rotondo come il suo. La mia mano spostò la presa sul suo corpo, sfiorando le pendici inferiori dei suoi seni. Aveva un viso così innocente.

I suoi occhi color zaffiro si aprirono. Erano di un blu vibrante, quasi metallico come la sua pelle ei suoi capelli. "Non posso credere a quanto mi abbia fottuto", gemette Minx. "Quando avrai un cazzo, mi fotterai così forte?"

Il mio clitoride pulsava. "No. Non credo che nessuno possa fotterti così forte come Thrak."

"Bene", gemette Minx. “E' stato 'incredibile, ma mi sento così dolorante ed esausto. Non credo che potrei prendere quel cazzo regolarmente. "

"Solo quando il tuo fiore è sbocciato."

Minx sbatté le palpebre. "Eh?"

"Solo quando sei pronto", ho riso. “I fiori sbocciano quando sono pronti.”

"Sì", Minx sorrise. Si è strofinata contro il mio capezzolo. “Hai delle tette così meravigliose, Xera. Così grande e bello».

"Grazie."

Chiuse gli occhi e il suo respiro rallentò. Il suo viso si rilassò nel sonno e divenne ancora più innocente, lo strabismo nei suoi occhi svanì. È diventata aperta. L'ha resa più bella. Mi chinai e le baciai la fronte.

“Avrai bisogno del tuo riposo. Domani faremo l'impossibile".

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

thrak

Il Nimborgoth si fece scuro come il vino mentre il sole tramontava, l'attesa per irrompere nel palazzo era finita. Avevo fatto poco ma agitato dal mio confronto con Spray la scorsa notte. Le onde si infrangevano contro la scogliera. Rimasi nella baia, i muscolosi marinai della nave di Thyrna aspettavano accanto alla scialuppa che ci avrebbe portato alla nave dei pirati.

Potevo vedere la sua stazione di attesa all'orizzonte. Potevo sentire gli occhi affamati di Thyrna su di me da quella distanza, che mi osservava con gli intelligenti cannocchiali preferiti dai capitani delle navi, persino dai pirati. Finora, aveva rispettato la sua parte dell'accordo.

"È ora", disse Minx, "la festa dovrebbe iniziare".

Xera annuì. I suoi capelli verdi erano legati dietro di lei per non intralciarla mentre si arrampicava. I capelli corti Minx non avevano bisogno di tale attenzione. La brezza soffiava sulle onde. Fissai il palazzo in alto. Le rocce scure della scogliera erano levigate dagli spruzzi dell'oceano.

«Le mani agili di Cernere ti guidano», grugnii, invocando il nome della dea del crimine. Non l'avevo mai pregata prima. Gli orchi non adoravano il furto.

"Certo che lo farà", ridacchiò Minx. "Lei mi ama."

ho sbuffato. Scommetto che l'ha fatto.

Minx e Xera afferrarono la faccia ruvida del bluff. Entrambi salirono rapidamente. Ho osservato i loro progressi mentre salivano, muovendosi avanti e indietro mentre seguivano i migliori appigli su per la scogliera. Nessuno dei due ha preso la stessa strada. Il dislivello dava sia vantaggi che difficoltà differenti. Al calare della notte, il mio collo si allungò sempre più in alto per osservare i loro progressi verso il palazzo soprastante.

Rimasi all'erta e aspettai con i pirati.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Il cavaliere errante Angela

Ho assolutamente odiato indossare il vestito. Era diverso da quello che indossavo ieri. Questo era un azzurro, i miei capelli rossi contrastavano con il colore. Un regalo del Doge per aver passato la notte con lui. Avevo ceduto, permettendo a Sophia di dar piacere a Relaria mentre il Doge era fuori mano.

Il Doge non era un amante terribile, ho avuto qualche orgasmo, ma non era quello che mi piaceva in un uomo. Era troppo molle, grassoccio per pigrizia. La sua toga lo nascondeva bene, ma una volta nudo, non aveva muscoli saldi da stringere, né forza per prendermi forte.

"Sei bellissima, padrona", sospirò Sophia mentre lisciavo gli strati arruffati della gonna sulla cornice dei cerchi. Ha fatto gonfiare il mio vestito intorno a me, trasformandomi in una campana. Ed era pesante e restrittivo.

Come ballavano le persone in questo?

Invece degli stivali, ho indossato le pantofole. Lanciai un'occhiata alla mia armatura e alla mia spada sul letto, lo scudo appoggiato al muro accanto alle mie bisacce. Mi sono sentito nudo. ho tremato. In quel momento, Xera e Minx si stavano arrampicando sul lato della scogliera. Avevo bisogno di essere alla festa, divertirmi, senza preoccupazioni, senza preoccuparmi.

Come potrei farlo? E se fossero stati catturati? E se non riuscissero a entrare nel Vault? Avevamo bisogno della spada.

Sofia si è trasferita da me. Indossava le sue vesti color neve, i capelli castano scuro che le ricadevano sul bel viso. Mi prese a coppa il viso, accarezzandomi il mento. Indossavo cosmetici, rossetto sulle guance, tinture sulle labbra, ombretti in polvere sulle palpebre superiori. Mi coprivano il viso e ogni movimento mi ricordava la loro presenza. Sembrava così innaturale.

Volevo pulirlo.

"Sei così bella", disse Sophia. Si alzò e mi baciò sulla bocca.

Chiusi gli occhi, assaporando il suo amore. Il mio cuore ha accelerato, non a causa del mio nervosismo. Per un attimo le mie paure svanirono. E poi ha interrotto il bacio e si sono precipitati di nuovo verso di me. Sofia mi ha sorriso. "Sarò con te. Saremo lì insieme, con Faoril e Chaun, a passare una buona serata. Nessuno saprà che abbiamo avuto qualcosa a che fare con questo”.

"Lo so", dissi.

"Quindi mettiti un grande sorriso", le ho detto. «Perché ho sentito dire che ci sono intrattenimenti malvagi. Il Doge ha procurato creature esotiche per far godere il suo ospite. Potrebbe esserci qualcosa per noi da godere, una nuova delizia che non abbiamo mai assaggiato”.

"E essere fottuti ci farà sembrare che ci stiamo divertendo", dissi.

"Esatto", annuii.

Faoril e Chaun si unirono a noi mentre uscivamo dalla nostra stanza ed entravamo nel corridoio. Chaun indossava un farsetto arruffato e una brachetta ricamata che attirava gli occhi sul suo inguine. Sorrise e si inchinò, i suoi occhi affamati su di me.

"Sei incantevole, Lady Knight."

Le mie guance si sono scaldate. "Grazie, mastro Bard." Inclinai educatamente la testa, come una vera signora.

Presi il braccio offerto da Sophia, scortandola come un vero cavaliere avrebbe scortato la sua amata, anche se indossassi un vestito invece di qualcosa di più pratico. Il tessuto frusciava mentre camminavo verso la musica che cresceva. A noi si unirono altri, donne in abiti simili mentre i loro uomini indossavano toghe molto più semplici. Un tripudio di abiti di colori diversi ci ha accolto quando siamo entrati nella sala. Relaria, agli ordini di Faoril, suonava la sua musica con tutta la sua normale passione.

Non mi è piaciuto quello che il mago ha fatto alla lamia, ma ho visto la necessità. Dominare la sua mente era ancora una cosa vile da fare. Era orribile derubare una creatura della sua volontà.

Gruppi di nobili circondavano le delizie esotiche portate dal Doge. Il mio cuore palpitava per l'eccitazione quando un mannaro ringhiante delle montagne Lesh-Ke, i suoi occhi rosso sangue ardenti, si scopava una giovane cameriera che stava solo sbocciando nella femminilità, i colpi della bestia potenti, i gemiti della cameriera forti e vigorosi.

Un prurito caldo mi contorceva i fianchi mentre i miei occhi lampeggiavano per la stanza. Un orgoglioso centauro si pavoneggiava per i corridoi, seguito da uno stormo di giovani nobildonne, che sgorgavano dalle dimensioni del suo membro che penzolava sotto il suo corpo. Era grande, il suo torso umano possente, che si ergeva da un corpo dal pelo nero. Era grande quasi quanto il mio caricatore Midnight.

"Oh, mio, quel cazzo, Sophia", gemetti.

"Guarda laggiù", ansimò Sophia. “Il Doge ha acquisito una sfinge. Guarda i suoi seni. Sono stupendi."

"Uh-huh", dissi, la mia testa seguendo il centauro e il suo possente gallo. Era così grosso, più grande del mio braccio. Come sarebbe?"

"Oh, vai a fanculo il centauro", sospirò Sophia. Mi ha dato un bacio veloce. "Voglio scoprire se la lingua di una Sfinge è sorprendente come ho sentito."

"Sicuro." Mi leccai le labbra e seguii le altre giovani donne che seguivano il centauro. Come aveva fatto il Doge a portarne uno qui? Si diceva che abitassero nelle terre lontane a est della Grande Steppa, un mare di erba infinita dove vagavano liberi in branchi. Da bambino, avevo divorato i racconti delle terre esotiche dell'est e dei suoi paesi stranieri: il continente che abbracciava l'Impero di Oppain e il misterioso Shogunate. Luoghi di strane razze e delizie che qui non si trovano.

Quel gallo deve essere uno di loro.

"Oh, il tuo cappotto è così elegante", sgorga una giovane donna, i suoi seni piccoli quasi scoperti dalla profonda scollatura del suo vestito. "Mi piacerebbe cavalcarti, nobile centauro."

"Vuoi dire, ti piacerebbe essere cavalcata", rise un'altra giovane donna. "So che lo farei."

"Sì", feci le fusa, marciando in avanti mentre il centauro si fermava davanti a una tribuna coperta di velluto. Un blocco per una donna su cui sdraiarsi e godersi il cazzo del centauro.

"È il cavaliere", disse una fanciulla, il suo viso bluastro arrossendo scarlatto mentre passavo.

"Cavaliere?" tuonò il centauro, guardandomi. Un sorriso gli attraversò le labbra. “Una donna guerriera in seta. Hai perso una scommessa, donna?"

"Non lo definirei una perdita se potessi provare quel cazzo", gemetti.

Il centauro rise, il suo petto, di un profondo marrone dorato, tremò. Aveva le spalle larghe come Thrak, ma con l'altezza della sua metà equina, torreggiava su di me. La sua voce rimbombava intorno a me e alle altre donne di corte interessate a sentire la soddisfazione del suo cazzo.

"Come tutta la tua razza, diventi rugiadoso e desideri sentire i nostri cazzi spingerti dentro", disse il centauro. "Ecco perché abbiamo rubato le tue femmine e le abbiamo rivendicate come nostre, le abbiamo rese parte del nostro gregge."

"Siete tutti maschi?" gemevo. "Figli di Las?"

"Come lo chiamate nelle vostre terre", annuì. "Ma mia madre mi ha partorito, ed era umana come te."

Inginocchiò le zampe anteriori, abbassando il corpo sul mio. Si allungò e mi prese la mano. Il suo pollice sfregò la mia mano. “Chiamato dal conflitto. Perché indossi questa farsa di mummie".

"Il mio vestito?"

“Lo indossi con scontento. Quello e la vernice imbrattata sul tuo viso". Le sue mani si spostarono sulla mia gonna. “Questi ti limitano. Impedisciti di muoverti. Dal combattimento e dal cazzo." Le sue braccia potenti si abbassarono. Il costoso tessuto si è strappato e l'imbracatura di metallo mi si è strappata di dosso. Cadde in un mucchio mutilato intorno ai miei piedi, lasciandomi nudo dalla vita in giù. Le sue mani scivolarono intorno, afferrando il mio culo nudo e tirandomi contro il suo petto muscoloso. La pelliccia del punto in cui la sua pelle liscia incontrava la pelle di cavallo solleticava il mio clitoride. "Là. Ora sei libero."

“Sì,” gemetti e lo baciai forte, appassionato. Ho infilato la lingua nella sua bocca mentre i miei seni si sollevavano tra i resti del mio vestito.

Le donne sussultarono e tubarono, meravigliandosi della sua forza. Le loro parole erano un ronzio, appena udite sui fuochi che ardevano tra le mie cosce. Sofia aveva ragione. Avevo bisogno di divertirmi e divertirmi. No one will suspect my involvement in the theft. Xera and Minx would not fail.

His strong fingers pried at my asscheeks. His fingers dipped in as he kissed me back with hunger. He groaned into my kiss. His fingers brushed my sphincter, teasing me. I shuddered and humped harder against his wiry fur, loving how it tickled my body. A thick finger, bigger than the Doge's cock, rammed into my asshole.

“Yes,” I gasped, my pussy clenching as he fingered my asshole, claiming it. My hands roamed the hard muscles of his human torso. So different from the Doge's pudgy body. My juices trickled out of me, matting his furs. “I want you to ram that cock into my cunt.”

“You smell wet enough,” he growled into my ear.

“More than wet enough,” I hissed as my asshole clenched on his finger.

He lifted me up with ease, rising to his full height. I clung to him, savoring the burning pleasure radiating from my bowels as he stilled fingered me. He carried me to the padded stand and placed me on my back, my legs spread wide. He rose to his height, his finger slipping out of my ass.

And my eyes locked on that wonderful, thick, pink cock. It throbbed beneath him, the tip leaking precum. The crown was blunt like a fist. My pussy clenched. He would tear me open and I would scream with bliss.

“Fuck me,” I hissed, fumbling at the laces of my bodice, eager to spill out my naked tits and enjoy the power of his hard thrusts. “Ram that cock deep into my cunt, Centaur. I want to spar with your weapon.”

He roared, almost like a horse's neigh, in pure delight. He moved over me, his hooves stamping. The buzz from the watching women grew expectant. I glanced at them, their bluish cheeks stained scarlet with excitement. More than a few shifted their hips in their dresses as their pussies grew molten.

“She's really going to fuck him.”

“What a brave knight.”

“I would faint. Look at the size of him.”

“But the pleasure. Sweet Rithi's tits, the pleasure.”

“Imagine it in you.”

“He would tear me in half.”

“But it would be glorious.”

I knew it would be. I reached behind me and grasped his thick dick. It burned in my hand with this passion. I guided it to my pussy. I glanced around the room. Faoril had discovered the warg, watching with the other women, no doubt keen to take a measurement of its cock, and Sophia had the sphinx's attention, licking her lips as the creature's mammoth tits heaved before her.

And then the cock thrust forward. My back arched as the cock entered me. My nipples brushed the rough fur of the centaur's belly. The wiry hairs caressed my nipple. The pleasure shot down to my pussy. I gasped as my flesh wanted to clench on his invading cock.

“Pater's cock,” I screamed out, my eyes closing. More and more of my pussy stretched around his cock. It didn't so much as dive into my pussy as bludgeon its way in. The centaur thrust over and over, working his cock deeper and deeper into my flesh. “Sweet Slata's hairy cunt, he's in me.”

“She took his cock to the root,” gasped a young woman watching.

The centaur's hairy balls smacked into my ass. I reached up, stroking his soft fur as I trembled on the table. My thighs wrapped around his flanks, holding him tight. And then the centaur rode me, thrusting hard, working his dick in and of my body as I buried my face into his fur and smelled the equine musk.

“Yes, yes, yes,” I gasped, bucking hard into the centaur's thrusts. “Ram that dick into my depths. Oh si. Don't be gentle. Fuck me with your weapon.”

“What a filly you would make,” growled the centaur. “I should carry you off back to my herd. My prize. What a wonderful filly you would make in my harem.”

My eyes widened. It was so tempting. His cock was amazing. “You would never succeed. I'm too strong for you. I would fight you off.”

“You would,” he groaned, his heavy balls smacking over and over into my ass. “What a filly.” He neighed as he plowed me. My back slid on the stand. His muscles writhed beneath my thighs as he thrust his wonderful cock into me.

I stroked his fur and rubbed my cheek into his belly. I breathed in his musk as my pussy burned around his cock. He slammed so deep into me. So thick. Sophia's fist wasn't as thick as his cock. My eyes rolled back into my head.

“Pater's cock,” I screamed as my orgasm burst through me. “Sophia, the centaur's fucking me so hard.”

The world spun around me. The watching women's faces blurred together while their gasps of excitement spurred the power of my orgasm. It swelled higher and higher in me, threatening to drown me in bliss. I embraced it, letting it flow through me. Such sweet abandon seized me. I never wanted to let it go.

And he kept fucking me. His neighed and snorted, savoring my spasming flesh massaging his cock. I bucked into his thrusts, meeting his balls. Meaty thwacks echoed. My nipples and clit rubbed against his fur, adding more bliss to my pleasure.

“Keep fucking me. Cum in me. I want to feel your cum gush out of my cunt.”

“Yes,” he neighed, his voice so deep. He snarled something in a foreign tongue, his words harsh and beautiful all at the same time.

His cock erupted. It wasn't a flood like other men I had been with. It was a deluge. The cum squirted hard against my cervix. My eyes widened. It almost stung with the force of his jizz. And there was so much. It gushed around his cock and ran down to my asshole. From the first blast.

And he kept cumming. His large, heavy balls spilled the cum of a dozen men into me in the space of a few heartbeats. Blast after blast gushing into my pussy than pouring out of me like the mighty Tingul into the Nimborgoth.

My toes curled as I savored the bliss of his cock. I shuddered and spasmed beneath him. I stroked his fur and savored every wonderful moment of his orgasm and mine. I drank in the pleasure as his thick cock throbbed inside my depths.

And then the applause roared.

“Lady knight,” cheered the young women watching, their eyes moist with passion, their lips licking hungrily. They all envied my courage to take the centaur's massive cock.

I smiled at them as I burned with bliss. The centaur pulled his cock out of me. More cum gushed out of my pussy, forming a puddle on the floor. I stood up, my legs shaky but I was strong, blessed by Gewin, a warrior. I stood in the remnants of my dress and savored the women's excitement. We were all the same age, but they seemed like children to me.

Even Sophia had matured past these gossiping chicks.

“Do any of you have the courage to fuck him?” I asked, a smirk on my face.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Minx

Xera's ears twitched as we leaned against the seafoam-green stone of the Saltspray Palace. A window, covered by a gauzy curtain, pierced the wall right above us. The elf nodded her head and motioned it was safe. I popped up and slithered through the window into an empty room. A servant's quarters on the first floor of the palace, small, cramped with furniture. Based on the decorations, two women shared the room, their beds on opposite sides of the room.

Xera ghosted in after me. The elf made no noise as she slipped across the room to the door. I was glad to have her with me. I had keen senses, but the elf could hear a mouse fart on the other side of the palace. She listened for a moment, her eyes closed, then twisted the handle and opened the door.

We didn't speak to each other. We knew the plan. I took the lead, Xera padding at my side. I glanced at her. Her ears constantly twitched, her senses active, on the alert for any traffic. My heart thudded in my chest. We were robbing the Great Vault. No thief in the history of Raratha had the boldness of Cernere to attempt this. If we were caught, we would be hung.

Xera tapped my shoulder, then pointed at a door. I rushed to it, opened it, and we slipped inside a dark storeroom. A few heartbeats later, footsteps walked by, a pair of men talking. I hadn't heard them at all over the pounding of my heart.

Nine times we had to hide. Xera knew if a room was safe to enter, when people were approaching. So many people moved through the palace. Three times, I thought it was safe to leave our hiding spot, only for Xera to stop me before more people walked through the corridors.

Though the palace bustled with activity for the feast, the music and scents of delicious food drifting down the corridor, people still moved through the lower level of the palace. The closer we grew to the Vault, the tighter my skin became. My throat clenched. I could feel the noose about my throat.

But Xera steered us clear.

When we reached the corridor that led to the Vault, we heard the rustle of metal. There were guards tonight. I was shocked yesterday not to see any. Maybe it was for the party or maybe they were only at night.

I was prepared either way.

I pulled out a small ball made of fired clay from my pouch. It was filled with a mix of powdered chamomile and other ingredients, an alchemist secret, that I liked to employ. I took a deep breath, gripping it in my hand, then stepped out and threw the bomb at the guards.

“Hey,” the bronze-mailed guard shouted, pointed down the hallway at me. His fellow guard came alert, drawing a sword.

The clay jar landed between their feet. It shattered. The moment air touched the concoction, a flame flared. Purple smoke billowed around the guards. They cried out, then staggered and collapsed in a loud heap of metal.

“Don't breath the smoke,” I warned as the purple cloud drifted down the hallway, growing lighter and lighter as it dispersed through the air. “We need to wait for it to be safe.”

Xera nodded, her ears twitching.

“Did anyone hear their shouts?”

She shook her head. “No one is coming.”

“Good,” I sighed. I reached into my pouch and pulled out my thief tools. The various metal instruments were wrapped in felt cloth. No metal touched each other, so nothing rattled. I selected the tools I needed to pick the lock and rolled up the felt and returned it to my pouch.

“The scent is dissipating,” Xera said.

I licked my lips. “Okay.” I padded down the hallway, Xera following after. I stepped over the guards and stopped before the Great Vault's door. I inserted my tool into the dwarf-made lock. I stuck my tongue between my teeth as I worked the mechanism, my ear pressed against the metal. I closed my eyes as I felt inside the lock with my picks.

The picture of its mechanism appeared in my mind as I explored through it, brushing the pins and cylinders with my tool, manipulating them, learning how the lock worked. My heart slowed as the world faded from around me.

I had to trust Xera to watch my back.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Incessae

I soared in the dark skies above Raratha. The sun had vanished, but the day’s heat remained, boiling off the city. The air's turbulence buffeted me as I streaked down to the Doge's window. I had marked it as I watched the city. When I spotted Xera and a halfling climbing the cliff, I knew Angela used the cover of the feast to steal the High King's sword.

And I would stop her.

Every plan my sisters and I had come up with had failed to defeat her. Ultionae and Injuriae had both fallen to their lusts and pleasured Angela, losing their burning vengeance. Only I was left to deliver Mother's divine punishment upon the knight.

And I could not hope to defeat her alone.

But the Doge had soldiers. He had power. Once I proved to him the contents of the Great Vault were in trouble, he would swing into action. Excitement twisted my stomach. Lust mixed with my desire for vengeance, my father's taint almost ruining retribution.

I was born of Slata and Las. I was mother's anger made manifest after Las tricked her and fucked her. My sisters and I were born together, demigoddesses with a purpose. First we punished our father for his trickery. And now we punished all who offended Mother.

She had worked hard to destroy High King Peter's empire. Angela would not reforge it even as foolish as that sounded. What woman could hope to rule? Pater, Father of the Gods ruled. Rulers of mortals reflected the wisdom of male leadership. The High King had wanted his daughter Lily to succeed him, but Mother stopped that plan.

I landed on the Doge's balcony and strolled into the ruler of Raratha's quarters. The man, finished dressing in a golden toga, started. I appraised him: his bald head waxed and his beard, cut square and woven, oiled. Both gleamed. His eyes widened as he realized what I was.

“Sweet Mother Slata, no,” he groaned, his legs quivering as my flaming spear appeared in my hand and my black wings spread wide. “What did I do to offend your Mother? I will do anything, erinyes, to earn her forgiveness.”

“I am not here for you,” I said, marching on him.

“Pater's cock,” he sighed then blubbered, “Please, exact your vengeance and leave. My men will not interfere. Whoever has offended your mother deserves to be punished.”

“But I want your men to interfere.” I seized the Doge by the gold damask of his toga and hauled him up. “Your guest, Angela, and her compatriots are robbing your Vault as we speak.”

"Che cosa?" he spluttered. His face grew hard. “No, she would not.” His eyes flicked to the bed. He had spent the night with Angela. I had watched them rut. I almost attacked her, but fear held me back.

Her sword was present and her allies were nearby. Chaun was nearby.

Fear chilled my spine. My wings flapped hard. I should not be afraid. I should be feared. My spear burned louder. “She is the High King's descendant. She is reclaiming his sword. She seeks to forge it anew.”

“But...but. It's mine.” Greed entered his eyes. “It has belonged to the Doge's of Raratha since the sword was broken. She cannot have it.”

“Then what are you going to do about it?” I demanded. “Whine and blubber?”

"No." He seized my hand holding his toga and wrenched my fingers away. He stood tall. "No. Guards!”

Ho sorriso. All of Angela's plans would be undone tonight.

To be continued...

Storie simili

Brandy infrange il codice di abbigliamento da lavoro

Ciao, sono Brandy. Ho 28 anni, sono bi sub, 1,70 cm, peso 55 kg, capelli biondi, occhi castani, seno 32C con capezzoli permanentemente eretti (lo sono stati per tutta la mia vita) e una figa depilata... sì, mi sono stufata di radermi e fare la ceretta dannazione, mi fa male. Sono stato un Sub per gran parte della mia vita, anche se non lo sapevo da un bel po'. Preferisco gli uomini, ma ora sono un sub obbediente molto ben addestrato e farò tutto ciò che mi viene detto da un Dom o Femdom. Se hai letto alcuni dei miei altri...

398 I più visti

Likes 0

SENZA RISERVE

Brenda Olsen rimase in fila con un po' di impazienza mentre aspettava di registrarsi e di prendere la chiave della sua stanza. Finalmente, mormorò sottovoce, è il mio turno! Come posso aiutarti? chiese allegramente la bionda dall'aspetto disinvolto dietro il bancone. Brenda stava per dare un'occhiata alla donna, ma ci ripensò e rispose: Olsen, Brenda Olsen, ho una prenotazione per tre notti. Uhhhhhh fammi vedere, disse la bionda mentre digitava il suo nome sul terminale del computer delle prenotazioni. Hmmmmmm, non lo trovo qui, lasciami controllare un altro posto......... Brenda picchiettò nervosamente il piede mentre l'impiegato cercava il suo nome. Alla...

349 I più visti

Likes 0

Jameson High

Jameson High Presentazione: Ciao, mi chiamo Adilene (chiamami semplicemente Adi), sono una bruna alta 5'6 pollici di corporatura atletica con un sedere sodo e grandi seni a coppa E da 54. Frequento la Jenna Jameson Sex Academy qui nell'anno 2035. Negli anni trascorsi da quando hai letto questo, il mondo è cambiato parecchio. A partire dal 2021 la Cina ha superato gli Stati Uniti come economia dominante, le crisi elettriche si sono concluse con l'uso diffuso di tecniche di fusione e fissione; le differenze razziali e sessuali sono state quasi del tutto risolte in tutto il mondo e le tradizioni secolari...

1.4K I più visti

Likes 0

Lavorare con Walker Pt. 6

Il viaggio in macchina fu per la maggior parte silenzioso. Una volta che tutti abbiamo deciso di tornare a casa, nessuno ha detto altro. Non c'era bisogno di dire altro, immagino. Avevamo tutti in mente la stessa cosa. Mi sono seduto dietro con Walker mentre Tyler guidava e Mike era sul sedile del passeggero. Mike viveva a pochi passi da questo teatro, quindi è tornato con noi a casa di Tyler e Walker. Walker si è seduto nel mezzo per starmi vicino. Ci stavamo massaggiando le cosce l'un l'altro, godendoci la sensazione. Immagino che Tyler ci abbia visto nello specchietto retrovisore...

737 I più visti

Likes 0

Emerge la cagna interiore

Lo ha incontrato al bar circa 10 minuti dopo l'orario stabilito. Le piaceva farli aspettare, le piaceva la sensazione di potere che le dava vedere lo sguardo di sollievo quando arrivava. Indossava un abito semplice e poteva vedere il sollievo misto a una certa delusione sul suo viso quando notò che non indossava gli stivali. Sorridendo tra sé, mantenne il suo sorriso distaccato e si avvicinò al tavolo. Rimase lì, lanciando uno sguardo mirato alla sedia mentre aspettava. Dapprima perplesso, alla fine si rese conto che avrebbe dovuto alzarsi quando lei si avvicinò. Alzandosi rapidamente, fece il giro del tavolo per...

722 I più visti

Likes 0

Lugia_(1)

Si chiamava Catarina, una ragazza di sedici anni che viveva sull'isola di Earthia. Si stava tenendo un festival per la bestia del mare, quest'anno è stata scelta per suonare la canzone per lui e si è esercitata ogni giorno in modo da poterla suonare perfettamente. Canticchiava mentre camminava lungo un sentiero con un sacchetto della spesa per sua madre. I lunghi capelli blu-argento di Catarina erano intrecciati all'indietro e oscillavano da una parte all'altra e lei si incamminò verso casa sua. I suoi occhi blu marino erano pieni di gioia mentre salutava la gente della città. La festa ha riempito la...

685 I più visti

Likes 0

Ricattare Jenny

Ricattare Jenny Sono un ragazzo normale con una vita normale e una buona famiglia. Ho 2 figli e una moglie meravigliosa chi è una tata. Sono un paesaggista e i soldi vanno bene, quindi la mia famiglia sta bene. Io non lavoro per chiunque tranne che per me stesso. Normalmente lavoro solo nei giorni feriali e trascorro del tempo con la mia famiglia fine settimana. Ho 45 anni e sono molto sessuale. Amo il sesso ea volte può essere un po' comune ma a volte Mi chiedo cosa succede se o mi chiedo come sarebbe avere qualcuno giovane per divertirsi. Io...

511 I più visti

Likes 0

Alice viene sposata

[b]Alice si fa l'autostop 7 di Will Buster Come si può immaginare, un'amante incinta e usata può essere piuttosto difficile da scartare. Difficile, cioè, a meno che una cospicua dote non accompagni la vigorosa piccola volpe. Alice non faceva eccezione a questa regola sociale così prevalente nella tarda Inghilterra georgiana. La pancia di Alice era ora piena di bambino sano per le quasi costanti attenzioni amorose di Lord Elton. Il barone del maniero di Kingston si era goduto a fondo entrambi i buchi stretti e reattivi di Alice ormai da mesi, ma mantenendo fede alla sua promessa, era tempo di acquistare...

527 I più visti

Likes 0

Camion su strada capitolo 5

Jill e io siamo arrivati ​​a Boise ID. intorno alle 5 del mattino. Ho rifornito il camion e l'ho parcheggiato. Siamo entrati e abbiamo fatto una buona colazione. Ha detto voleva avermi per dessert ma nel camion. Ed è stato il giorno dell'anale. Mi ha detto che voleva KD nel culo e io che le martellavo la figa. Ho riso e ho detto hai intenzione di infilarti KD nel culo? (KD è Kong Dong) Questa cosa è lunga 18 pollici e spessa circa 3 pollici, un po' più grande di una lattina di birra, Ci puoi scommettere dice. Le ho detto:...

498 I più visti

Likes 0

'IL DIVERTIMENTO CHE ABBIAMO AVUTO NEL GIORNO' (PARTE SECONDA)_(1)

“IL DIVERTIMENTO CHE CI AVEVAMO NEL GIORNO“ (SECONDA PARTE) Nella prima parte ti ho presentato due ragazzini, soli, che si sono ritrovati. E se sia accettabile o meno, secondo le norme della nostra società, il modo in cui il sesso è apparso come amore e accettazione a un ragazzo che è stato vittima di bullismo e picchiato quasi quotidianamente (non menzionato nella prima parte) e appena uscito dal porta di casa mia sembrava un rischio per la mia sicurezza. La seconda parte ti porta più a fondo nello stato emotivo di quel ragazzo mentre cresceva nella sua nuova famiglia di amici...

467 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.