Emerge la cagna interiore

40Report
Emerge la cagna interiore

Lo ha incontrato al bar circa 10 minuti dopo l'orario stabilito. Le piaceva farli aspettare, le piaceva la sensazione di potere che le dava vedere lo sguardo di sollievo quando arrivava. Indossava un abito semplice e poteva vedere il sollievo misto a una certa delusione sul suo viso quando notò che non indossava gli stivali. Sorridendo tra sé, mantenne il suo sorriso distaccato e si avvicinò al tavolo. Rimase lì, lanciando uno sguardo mirato alla sedia mentre aspettava. Dapprima perplesso, alla fine si rese conto che avrebbe dovuto alzarsi quando lei si avvicinò. Alzandosi rapidamente, fece il giro del tavolo per tenerle la sedia. Si sistemò con la dignità di una regina, mentre lui armeggiava con la propria sedia e si sedeva.

"Temevo che avessi cambiato idea!" esclamò, sorridendo ampiamente. Alzò semplicemente un sopracciglio mentre beveva un sorso del suo drink in attesa. "La fiducia è importante, Jason," rispose lei. "Se ti dico che farò qualcosa, lo faccio sempre. Ma il mio tempo è prezioso e quindi a volte devi essere paziente e aspettare." "Sì, signora" fu la sua risposta castigata.

"Hai preso la stanza, come ti è stato detto?" lei chiese. "Sì! È al secondo piano, vicino alla tromba delle scale. Stanza 213." "Dammi la chiave." Sembrando confuso, le porse la carta. Ha bevuto un altro sorso del suo drink e si è alzata, dicendo: "Ci vediamo lì tra 30 minuti". e se ne andò senza finire il suo cocktail. Rimase seduto a bocca aperta, chiedendosi se si fidasse davvero di lei. Si guardò intorno nel bar, imbarazzato nel vedere che più di un cliente l'aveva notata lasciandolo lì da solo, sentendo un tavolo di uomini ridacchiare e dire le parole "... schiantato e bruciato ..." Cercando di nascondere il suo dispiacere, lui bevve la sua birra e studiò lo schermo che trasmetteva una partita di calcio. Almeno lei aveva organizzato l'incontro dove lui poteva tenere il passo con il ballo del college.

Rise piano mentre saliva in macchina e si dirigeva verso l'hotel. Mantenere il suo sottomarino sbilanciato era una buona tattica e lei lo trovava piuttosto divertente. Sapeva anche che i trenta minuti di attesa gli avrebbero dato il tempo di anticipare e preoccuparsi di quello che sarebbe successo. Era stata molto più amichevole al loro primo incontro, discutendo argomenti quotidiani e ridendo come una vecchia amica. Sapeva che la confusione e l'apprensione che stavano crescendo non avrebbero fatto altro che intensificare la seduta successiva. Arrivò in albergo, prese le valigie e andò in camera, lieta di notare che lui aveva abbassato l'aria condizionata come aveva ordinato. Le piaceva vedere il modo in cui i capezzoli di un sottomarino si arricciavano al freddo e sapeva che lo schiaffo del suo gozzo le avrebbe fatto un po' più male a causa del suo freddo.

Aprì la borsa, si tolse l'indumento che aveva portato e cominciò a vestirsi. Ha allacciato i numerosi ganci del corsetto nero, ha indossato mutandine perizoma nere, seguite da una gonna corta nera. Accidenti, si dimenticava sempre di mettersi gli stivali per primi. Erano così difficili da indossare comunque, quindi sospirando, si tolse il corsetto e indossò i lunghi stivali alti fino alla coscia. Finì di vestirsi e controllò i suoi lunghi capelli biondi, arruffati e agitati per ottenere un aspetto selvaggio e indomito. Si rinfrescava le labbra con un rossetto scarlatto, spruzzava qua e là un po' di profumo muschiato e si infilava i lunghi guanti neri. Si è chiesta se il look fosse troppo sopra le righe, ma ha deciso che il look era perfetto, data la propensione di questa sottomessa per l'abbigliamento fetish.

Quindi ha sistemato i suoi giocattoli, allineandoli ordinatamente sul comò. Un paio di piumette, un rompicapo, un flogger di gomma e una spazzola per capelli in legno allineati l'uno accanto all'altro. Successivamente ha tirato fuori i vibratori, i dildo, il plug anale e infine il cinturino. Era entusiasta di usare questo particolare giocattolo. Aveva due diversi dildo da usare. Una era nuova, mai usata, rosa e appuntita, pronta a scavare nelle profondità del culo del suo subbie. L'altro era piuttosto realistico, con una consistenza molto simile a un vero pene eretto. Aveva deciso che non era abbastanza rigido per inculare il suo sottomesso, ma pensava di farglielo succhiare, possibilmente mentre lo scopava da dietro. Dopo aver preparato diversi tipi di lubrificante e un paio di guanti in lattice, è passata alle forniture per il bondage.

Polsini in velcro, polsini alla caviglia, guinzaglio e corda erano tutti predisposti per il suo uso, oltre a una benda. Così bello poter tenere il suo sottomesso in sospeso privandolo della vista. Sapeva per esperienza che il suo senso dell'udito e del tatto sarebbe aumentato durante la seduta. Alla fine ha tirato fuori il lettore cd, inserendo un disco di musica da dungeon, è un ritmo basso e sensuale, il sottofondo suggestivo del canto l'ha aiutata a completare la sua transizione da donna normale a Cagna al comando. Accese delle candele, spense le luci e aspettò. Prese un respiro calmante quando sentì la luce bussare alla porta.

Si prese il suo tempo per rispondere alla porta, aumentando la suspense del suo nuovo sottomarino, lasciandolo a stare fuori dalla porta a preoccuparsi per un momento o due. Aprì la porta e gli fece cenno di entrare. I suoi occhi si spalancarono al suo aspetto e un sorriso gli riempì il volto mentre il suo cazzo iniziava a riempirgli i pantaloni. Lei non ricambiò il suo sorriso, anzi chiuse la porta e gli ordinò di spogliarsi. Ottemperando rapidamente, la sua erezione sembrava liberarsi dai suoi pantaloncini mentre li scartava. Lui iniziò a parlare e lei alzò una mano, facendolo tacere. "A parte gemiti di piacere o gemiti di dolore, non devi parlare a meno che non ti venga chiesto, è chiaro?"

"Sì signora."

"Sì, Padrona, è la risposta corretta!"

"Sì, padrona."

"Molto bene. Adesso. Se scopri che non puoi continuare, la safeword è ROSSA."

"Sì, padrona."

"Adesso stai fermo mentre controllo la merce." Cominciò lentamente a girargli intorno, guardandolo dall'alto in basso. Gli schiaffeggiò il frustino sulla parte interna delle cosce e lui sobbalzò per i colpi pungenti. "Apri le gambe, schiavo!" Si affrettò ad obbedire e sentì il gozzo scivolargli sensualmente su e giù per le cosce, le natiche, lungo la clavicola. La sua mano guantata gli prese le palle come per soppesarle, stringendole prima di rilasciarle. Gemette e sentì il precum che iniziava a gocciolare dal suo pene. Si abbassò per accarezzare il suo cazzo duro e sentì di nuovo la puntura del suo gozzo, questa volta sul suo polso. "Ho detto che potresti accarezzarti il ​​cazzo?!" chiese.

"No signora." E al suo sopracciglio alzato si corresse rapidamente: "Voglio dire no, padrona!"

"Vedo che sei indisciplinato e non hai buone maniere. Devi imparare a comportarti in presenza di una donna. Vai a chinarti sul letto....ORA!" quest'ultima fu detta mentre esitava. Si affrettò verso il letto e vi si sdraiò sopra, a faccia in giù. La sentì muoversi e allungò la testa per vedere cosa stesse facendo. "Cosa guardi, schiavo insolente? Volgi subito la faccia!" Per poco non si ruppe il collo girando la testa dall'altra parte, a disagio per il suo tono. Poteva sentirla ma non osò guardare di nuovo. Questo era più di quanto si fosse aspettato perché pensava. Aveva detto di essere una dominatrice sensuale, ma questa donna sembrava più stronza che altro. All'improvviso sentì un duro colpo sul sedere, seguito da almeno una dozzina di colpi in rapida successione. La prima gli fece solo un po' male, lo sorprese più che ferirlo, ma lei non gli diede il tempo di riprendersi tra un colpo e l'altro e presto il suo culo iniziò a bruciare e formicolare.

Sorrise mentre gli sculacciava il sedere con la spazzola. Sapeva che sarebbe venuto qui pensando che sarebbe stata sensuale e sexy, morbida e carezzevole. Le piaceva la sua sorpresa per la sua punizione. Dandogli un ultimo colpo sul sedere, gli disse: "Ecco. Questa è una punizione abbastanza piccola per le tue cattive maniere. Ora alzati, girati e inginocchiati, poi bacia la pagaia". Lui obbedì goffamente, poi la guardò. "Ora puoi baciarmi lo stivale e ringraziarmi per essermi preso cura di te abbastanza da migliorare il tuo atteggiamento."

"Grazie, padrona." borbottò, mentre si accovacciava e le baciava la parte superiore dello stivale destro. Sentì il suo cazzo indurirsi di nuovo alla vista e al tatto di quegli stivali. Non riusciva quasi a credere che la sua fantasia stesse per avverarsi!

Poteva sentire l'umidità che scorreva dalla sua figa mentre fissava l'uomo castigato, inginocchiato in modo così sibilante ai suoi piedi. Gli afferrò leggermente la testa, sollevandolo quanto bastava per seppellire il suo naso nella congiunzione delle sue cosce.

"Riesci a sentirne l'odore? La tua Padrona è soddisfatta di te." Lui cercò di infilarsi il naso sotto la gonna e lei lo schiaffeggiò leggermente. "Non ancora, schiavo. Non ti sei ancora guadagnato il diritto di compiacere la tua Padrona in quel modo. Vedo il precum che scorre dal tuo cazzo. Ti piacerebbe fotterti quella figa succosa, vero?"

"OH Sì, padrona!"

"Forse un giorno. O forse sarai semplicemente costretto a inginocchiarti e guardare mentre qualche altro grosso cazzo duro mi fotte. Penso che tu abbia visto abbastanza." Detto questo, prese la benda e gliela mise sugli occhi. "Alzati, schiavo." Si alzò e rimase lì, in attesa. "Apri le gambe!" Lui obbedì rapidamente, sebbene sentisse ancora il bruciore del suo gozzo sulle sue tenere cosce interne. Poteva percepirla mentre camminava, ma non era sicuro di cosa sarebbe successo dopo. Sobbalzò quando sentì le morbide piume accarezzargli il collo. Saltò di nuovo quando sentì la leggera puntura del flogger di gomma sulle palle. Non faceva esattamente male, ma la sensazione inaspettata lo aveva spaventato. Gli girava intorno, a volte colpendogli il culo con una frustata, a volte fustigandogli leggermente il cazzo o le palle. Non sapeva mai cosa sarebbe successo dopo, il bruciore schioccante del piumino, la puntura del fustigatore, il solletico delle piume. Sussultò quando la sentì pizzicargli il capezzolo, disteso a causa della stanza fredda. Sorrise mentre lo girava di nuovo, godendosi il suo disagio, sapendo che non stava causando alcun vero dolore.

Questo è andato avanti per quella che sembrava un'eternità, gli schiaffi del raccolto, il ciuffo, la spazzola per capelli e talvolta la sua mano guantata. La carezza delle piume o dei fili del flogger oa volte anche i suoi capelli che usava per solleticare il suo cazzo palpitante. Sentì il leggero morso dei suoi denti sui suoi capezzoli, un pizzico del suo culo, il breve sfioramento della sua lingua sul suo cazzo, il suo respiro nel suo orecchio. Si perse nelle sensazioni, il suo pene eretto gocciolava, le sue palle dolevano per il rilascio.

Giocò con lui per un po', godendosi i suoi sussulti di sorpresa, la sua risposta alle sue carezze, il suo respiro affannoso e occasionali gemiti di piacere. È ora di passare alla fase successiva. Lo lasciò lì, chiedendosi quale sarebbe stata la prossima sensazione. Poteva vederlo sforzarsi di sentire, cercare di percepire la sua presenza, il cipiglio sul suo volto quando non accadeva nulla. Si tolse i lunghi guanti neri e prese un piccolo vibratore. Gocciolandovi sopra un po' di lubrificante cercava la sensazione bagnata della plastica fresca, non ancora pronta per una vera penetrazione. Silenziosamente tornò da lui e bruscamente spinse il vibratore contro il suo ano, accendendolo. Sobbalzò sorpreso, poi gemette e spinse indietro, amando il formicolio che aggiungeva al suo stato già eccitato. Ha giocato con il suo culo per un po', stuzzicando il suo bocciolo di rosa con la punta del vibratore ma senza mai penetrarlo del tutto, nonostante i suoi gemiti ei tentativi di impalarsi. Allontanandosi bruscamente disse "Basta così! Adesso è il momento che tu compiaccia la tua Padrona." Posò un cuscino sulla sedia imbottita e lo condusse lì. "Girarsi."

Lui obbedì e sentì che gli metteva dei polsini in velcro sui polsi, attaccandoli insieme dietro la schiena. "Inginocchiarsi!" Goffamente, cadde in ginocchio. Si fermò davanti a lui, con l'inguine vicino al suo viso e lentamente tirò su la gonna sopra la vita. Lei si chinò e lui sentì le sue mutandine sfiorargli il naso. "Toglimi le mutandine".

"Ma Padrona... le mie mani..." cominciò.

"Usa i denti! E NON graffiarmi con loro." Annusò con le labbra e trovò l'orlo del suo perizoma, afferrandolo con cura tra i denti. È stato imbarazzante e difficile, ma alla fine è riuscito a tirarsi giù le mutandine. Si sono impigliati nei suoi stivali e gli ci è voluto del tempo per lavorare le aperture delle gambe sopra le grandi parti superiori degli stivali. Rimase lì pazientemente, godendosi la sua lotta. Sapeva che poteva sentire l'umidità delle mutandine, annusare il suo muschio. Stava diventando impaziente di seppellire il viso nella sua morbidezza ma lei rimase lì, senza aiutarlo, aspettando solo mentre lui lottava con le mutandine. Alla fine glieli portò alle caviglie e lei si chinò, appoggiandogli una mano sulla spalla mentre sollevava ogni piede, uno per uno, liberandoli dalle mutandine mentre lui li teneva saldamente tra i denti. Era straordinariamente compiaciuto della sua realizzazione quando finalmente lasciò cadere le mutandine dalla sua bocca. Si sedette sulla sedia, ammucchiando il cuscino dietro la schiena e si spostò sul bordo del sedile. Afferrandogli la testa, gli tirò la faccia nella fica fumante. Entrambi gemettero mentre lui seppelliva il viso nella sua fica bagnata, leccando e assaggiando la sua eccitazione.

"Solo la tua lingua. Niente succhiare, e sicuramente niente morsi!" Lei ha ordinato e lui ha obbedito, leccandole e leccandole le labbra. Poteva assaggiare i suoi succhi che scorrevano liberamente dalla sua vagina e fece del suo meglio per prenderli tutti. Lo istruì con gemiti, movimenti dei suoi fianchi e usando le mani dirigendo la sua testa dove lo voleva dopo. Avrebbe voluto affondare tutta la testa nella sua figa, annegare nella sua umidità, scoparle la figa e il culo con la lingua. Ha fatto quello che poteva, data la sua posizione sulla sedia e le sue mani legate. "Ora leccami il clitoride, sub. Leccalo con calma e ritmicamente. Non cambiare, non muoverti, lecca e basta!" chiese. Ha leccato. Sentì il suo respiro farsi più pesante, le sue cosce si tendevano, i suoi fianchi spingevano contro la sua lingua. Alla fine lei strillò, urtando contro la sua faccia, tirandogli la testa così forte contro il suo inguine che pensò di soffocare ma continuò a leccare e leccare mentre lei veniva ancora e ancora. Poi per poco non cadde mentre lei lo spingeva indietro, e lei si accasciò sulla sedia, ansimando per riprendere fiato e lottare per il controllo.

Lo notò seduto lì che sorrideva, apparentemente molto soddisfatto di sé. È ora di riprendere il controllo! "Sul letto, schiavo," ordinò. Cancellò il suo sorriso e si arrampicò sul letto, armeggiando goffamente grazie alla benda e alle mani legate. Ha rimosso le manette. "Ora, mettiti in ginocchio e appoggia la testa e le spalle sulle braccia conserte." Ha obbedito, sapendo cosa sarebbe successo dopo. Lo voleva, voleva che il suo culo fosse preso come una cagna. Tremava quasi come una giumenta in calore, anticipando la sua conquista.

Scese dal letto e allacciò la cinghia dell'imbracatura attorno ai fianchi e alle cosce, inserendo il dildo più realistico nell'anello. Tornando sul letto, gli afferrò i capelli e gli tirò indietro la testa. "Succhiami il cazzo, puttana!" ordinò, spingendogli in faccia il cazzo di gomma. Aprì la bocca e iniziò timidamente a succhiare. "Succhialo! Prendilo dentro!" ringhiò, mentre gli afferrava la testa e cominciava a scopargli la faccia. Sapeva per esperienza che il riflesso del vomito non era sempre controllabile e quindi andava piano. Non voleva che la seduta finisse presto visto che lui perdeva il pranzo sul letto. Sorrise mentre ascoltava il suo succhiare e succhiare. "Mmmmm....è vero piccola, sei una brava succhiatrice di cazzi, vero?" Sentì il suo soffocato "mmm hmm" mentre continuava a succhiare il dildo. Continuò a spingere e mormorare parole di incoraggiamento per lui, poi disse "Basta così!" e bruscamente tirò fuori il cazzo dalla sua bocca. Lo lasciò lì, respirando affannosamente, chiedendosi quale sarebbe stata la sua prossima mossa.

Si avvicinò al cassettone, scelse dei vibratori di varie dimensioni e li posò sul letto accanto a lui. Prese un guanto di lattice e se lo infilò nella mano destra. Rimosse il dildo, sostituendolo con quello solido e appuntito, prese una bottiglia di lubrificante denso e si mosse dietro di lui. Prendendo un po' di lubrificante, gli ha sondato il culo con il dito. Gemette e si avvicinò. Gli ha schiaffeggiato il culo con la mano libera. Fece entrare e uscire il dito dentro di lui, sentendolo ansimare mentre lo agitava. Dopo averlo fottuto con le dita per un po', ha tolto la mano e ha raggiunto uno dei vibratori. Sembrava che non avesse problemi a infilarle il dito nel culo, quindi lei prese il più grande, un tappo anale d'argento, e applicò abbondantemente del lubrificante sulla punta. Ha poi massaggiato più lubrificante sul suo culo mentre gemeva di piacere. Mettendo il vibratore contro il suo culo, spinse delicatamente. Cercò di rilassarsi in modo che il fallo entrasse nel suo buco avido. Era così eccitato, il suo cazzo pulsava, le sue palle dolevano.

All'improvviso il grande vibratore è entrato e lei l'ha acceso. Gemette mentre lei iniziava a fotterlo con il giocattolo ronzante. Stava andando molto più facile di quanto avesse previsto e, impaziente di scoparlo, tirò fuori il vibratore e lo gettò da parte. Ha versato del lubrificante sulla cinghia del dildo, staccandolo con la mano destra per coprirlo dalla punta alla base con la sostanza scivolosa. All'improvviso gli afferrò i fianchi e si spinse in avanti, tenendo in mano il cazzo finto. L'ha mancato ed è scivolato un paio di volte e alla fine ha trovato il posto giusto, e lei l'ha seppellito nel suo culo. Il suo grido di sorpresa si perse poiché lei non gli diede il tempo di riprendersi, iniziò a spingersi forte nel culo. La visuale era proprio come aveva immaginato... i suoni delle sue grida e dei suoi gemiti musica per le sue orecchie. Ora questo era potere rivestito di piacere! Ora si rendeva conto di come doveva sentirsi il suo padrone, suo marito, quando le seppelliva il cazzo nel culo. E conosceva anche il piacere che stava provando il suo sottomarino, il suo oscuro passaggio saccheggiato ancora e ancora.

"Prendi quel cazzo, puttana! Lo sai che lo vuoi. Ti piace? Ti piace che la tua Padrona ti fotta come una puttanella?"

"Oh SI, Padrona! Scopami! Scopami forte!" gemette. "Per favore, posso accarezzarmi il cazzo?"

"No! Non voglio che tu venga ancora. Ti dirò quando potrai accarezzarlo." lei disse.

"Sì, padrona. Oooh, aaaahhhh, aaaahhhh!" ansimò mentre lei continuava a fottergli il culo. Poteva sentire il suo orgasmo crescere alla sensazione del cazzo finto che le strofinava la clitoride. Ha tenuto la base e l'ha agitata mentre lo scopava, aumentando la propria eccitazione. Ha battuto e dimenato fino a quando non ha sentito il familiare irrigidimento, poi è esplosa in un orgasmo mentre gli spingeva il cazzo in profondità nel culo. Crollando sulla sua schiena, si riposò, senza fiato, felice per questa svolta degli eventi. Non si aspettava di venire. La visione erotica, unita all'attrito sul suo clitoride, l'aveva spinta oltre il limite.
Giaceva lì con il cazzo di lei sepolto nel culo, desiderando ardentemente il rilascio ma temendo di parlare e rompere l'incantesimo.

Alla fine, ha tirato fuori il dildo dal suo culo ed è scesa dal letto. Lo sostituì con il dildo realistico e si sedette sul bordo del letto. "Vieni qui, schiavo, vieni a inginocchiarti davanti alla tua Padrona." Rotolò giù dal letto e si inginocchiò tra le sue cosce con l'aiuto delle sue mani guida. Le sue ginocchia erano deboli, il suo cazzo era duro come la roccia, il precum scorreva liberamente dalla sua punta. La sentì togliersi la benda e si chiese se la seduta fosse finita. Sperava di no, voleva venire così tanto! Per un attimo ebbe paura che lei gli negasse l'orgasmo e lo mandasse a casa in preda al dolore e alla frustrazione.

"Quel tuo cazzetto muore dalla voglia di venire, non è schiavo?"

"Sì, padrona."

"Ti piacerebbe scaricare quella sborra calda su di me o anche dentro di me, vero?"

"Oh sì, Padrona! Per favore Padrona!"

"No." Al suo sguardo mortificato lei sorrise e disse: "ma puoi masturbarti sul mio cazzo e poi leccarlo per pulirlo". Ha appena notato il cazzo di 7 pollici in piedi eretto in grembo.

"Veramente?" chiese.

"Davvero," ridacchiò lei, e sorrise mentre lui si metteva di fronte a lei e iniziava ad accarezzarsi. "Pensa di seppellire il naso nella mia figa, leccandomi il culo, mentre ti seghi." Gemette. "Ci stai pensando?" chiese.

"Sì, padrona!" ansimò, accarezzando più velocemente.

"Basta! Smettila di accarezzarti il ​​cazzo!"

"Che cosa?" lui la guardò confuso, la mano ancora sulla sua erezione.

"Va bene, ricomincia." Lei sorrise alla sua impaziente ripresa di carezze. "Basta! Togli la mano dal tuo cazzo!" Lo fece, sembrando infelice. "Ogni volta che ti dico di smetterla, devi toglierti la mano dal cazzo. Se disobbedisci, non ti lascerò venire fino al prossimo incontro, se allora!"

"Sì, padrona."

"Va bene comincia." Ha accarezzato. "Fermare!" Abbassò la mano lungo il fianco. "Andare." Ha accarezzato. "Fermare!" Si fermò di nuovo. Sperava che lei lo lasciasse accarezzare solo qualche istante in più, sapeva che avrebbe potuto venire se l'avesse fatto, e stava diventando disperato per venire.

Ha continuato la tortura per quelle che sembravano ore, ma in realtà è stato solo poco tempo. Poteva vedere la sua tensione, il suo frenetico bisogno di venire. Alla fine, quando sentì che aveva sofferto abbastanza,
lei rimase in silenzio, guardandolo accarezzare e sussultare. Guardò mentre il suo pene esplodeva di sperma mentre lui stringeva e gridava. Corde di sperma le ricoprivano il petto, le gambe e il cazzo. Non era stato attento e aveva deciso di punirlo per questo nella seduta successiva. Per ora lei aspettava, in silenzio, mentre lui rabbrividiva attraverso l'orgasmo più intenso della sua vita. Quando finalmente il suo cazzo stava penzolando e lei poteva vedere che stava per crollare, disse: "In ginocchio! Leccami via questo casino! Non posso credere che tu abbia fatto un tale casino!" Si affrettò a obbedire. Mentre scendeva dall'orgasmo, aveva avuto paura di leccare lo sperma salato dal suo cazzo, ma il suono del suo dispiacere aveva cancellato dalla sua mente tutto tranne il bisogno di obbedire. In fretta le leccò le cosce, il petto ei seni. Quando si era tolta il corsetto? lui si chiedeva. Lui indugiò sui suoi seni, succhiando i capezzoli, sentendoli indurirsi nella sua bocca.

"Smettila di picchiarmi e leccami lo sperma dal cazzo!" ringhiò. Si chinò e prese il dildo in bocca, succhiando e leccando lo sperma dalla sua asta. Quando l'ebbe leccato per pulirlo da tutto il suo sperma, la guardò avidamente, aspettando la sua lode e approvazione.

"Beh, è ​​stato un buon inizio. Devi imparare a controllare dove sborri. Pensavo che mi avresti annegato!" Sorrise. "E la prossima volta verrai punito per questo!" Il suo sorriso è scomparso. Gli piaceva soddisfarla oralmente, farsi inculare, persino succhiarle lo strapon. Non era così dolorante, tuttavia, e il suo sedere bruciava ancora per la precedente sculacciata. Ma lo avrebbe tollerato. Avrebbe affrontato qualsiasi cosa per avere un'altra opportunità di servire la sua Padrona. Gli disse che era ora che se ne andasse e mentre si vestiva, desiderò che potessero sedersi e parlare un po'. Ma poteva vedere che era esausta e così fece come gli era stato detto, mormorando un tranquillo addio mentre scivolava fuori dalla porta.

Si sdraiò sul letto, sorridendo e ripensando al pomeriggio. Si era preoccupata di non essere abbastanza forte, abbastanza severa. Le piaceva questo sottomarino ma, a differenza del primo, non era suo amico, quindi trovava più facile far emergere la sua cagna interiore. Pensando al suo primo sottomarino, il suo Alan, lo chiamò. Era nelle vicinanze, in attesa nello stesso bar dove aveva incontrato Jason. In qualche modo sapeva che avrebbe voluto la sua gentilezza, la sua devota attenzione dopo questa prima sessione con un nuovo sottomarino. Sapeva anche che Alan desiderava ardentemente che lei lo usasse più o meno come aveva usato Jason oggi. Sapeva che non era la stronza che era Jason, non desiderava ardentemente il suo cazzo nel culo, ma voleva che lei prendesse più controllo delle loro sessioni. Per essere la potente Padrona che era stata con Jason.

Forse un giorno avrebbe potuto scatenare quella Cagna su di lui, spingere un po' i suoi limiti, dargli ciò che desiderava, ma per ora non vedeva l'ora di ricevere un bel massaggio, un altro orgasmo strabiliante, poi una bella scopata da parte sua. Lavò e ripose i suoi giocattoli e gli attrezzi, fece una doccia e poi si sdraiò sul letto, aspettando che il suo gigante gentile arrivasse e completasse il suo pomeriggio.

Storie simili

Figlia e papà - Parte 2

Figlia e papà - Parte 2 Anita si è svegliata la mattina dopo nel letto di suo padre e ha cercato il calore del suo corpo. Non c'era e ha lottato per svegliarsi. Avevano dormito in posizione di cucchiaio per tutta la notte. In più di un'occasione era stata svegliata dalla sensazione del suo cazzo duro che si allentava tra le sue chiappe mentre lui riviveva il loro fare l'amore nei suoi sogni. Muovendo il culo nel modo giusto, poteva spostarlo nel suo inguine in modo che la sua testa di cazzo si fermasse al suo ingresso. Per quanto volesse prenderlo...

0 I più visti

Likes 0

Il mio compito per i media.

Ho ricevuto una chiamata per entrare nell'ufficio del mio editore per un incontro con il signor Giles. Stavo lavorando al giornale locale da 6 mesi, quindi naturalmente ero nervoso. Mi chiedevo cosa avessi fatto di sbagliato, tale era la mia negatività. Rachael, per favore siediti ha detto mentre entravo. Mi sono seduto dentro tremante mentre aspettavo quella che pensavo sarebbe stata una brutta notizia. Rachael, ho visto il tuo pezzo sulle corse dei levrieri e sull'esca viva ha detto è stato fantastico. Penso che avrebbero sentito il mio sospiro di sollievo nel prossimo edificio. “Evidentemente ami gli animali” ha aggiunto. Sì...

802 I più visti

Likes 0

Chat room: una vendetta malvagia della fidanzata

Torni a casa dopo una lunga giornata di lavoro; ti togli il cappotto e vai in cucina per una birra. Quando apri la porta del frigorifero, la tua ragazza si avvicina da dietro, coprendoti gli occhi con una benda. Lo lega stretto essendo un po 'ruvido Ho un osso da scegliere con te !! ti scatta contro. 'Ma che...?! Chiedi, alzando la mano per scoprirti gli occhi. Ti dà uno schiaffo sul dorso della mano e ti afferra il polso tirandoti fuori dalla cucina. Essendo bendato sei disorientato e perdi l'equilibrio, quasi inciampando mentre ti trascina su per le scale. La...

867 I più visti

Likes 0

Una nuova padrona 7

Natasha mi ha infilato la lingua nell'orecchio e mi ha sussurrato: Ci divertiremo un sacco, un sacco di divertimento tesoro... La bambina della mamma si è sporcata il culo? Nessuna padrona... mamma! Ho sussurrato. Ho urlato mentre qualcuno schiaffeggiava il mio cazzo duro. Rimbalzava come un metronomo pungente. Sì! Mi sono lamentato: Sì! Il mio culo è sporco mamma…” Sorrise e mi coprì gli occhi con una benda. Ho sentito qualcuno sedersi sul mio petto e ho pensato di sentire l'odore della figa eccitata. Natasha mi tubò nell'orecchio: Conosci quell'odore? Mi sono reso conto che non avevo cazzo e palle in...

747 I più visti

Likes 0

Finalmente i piedi di Nicole: la vendita Capitolo 1

Sono le 18:00 di sera e inserisco le note nel computer nel database della nostra concessionaria. È stata una giornata piuttosto lenta e mi annoio. Mi alzo per sgranchirmi ed esco fuori per illuminarmi. Mentre metto l'accendino in tasca, noto un vecchio amico con cui lavoravo al pull up. Parcheggia e si avvicina a me sorridendo. Ehi, come stai? chiede Nicole mentre cammina verso di me. Ciao Bella ragazza. È molto tempo che non ci si vede. Cosa ti porta a vedermi? Ho chiesto. Nicole mi si avvicinò e mi gettò le braccia al collo. Abbiamo sempre parlato a Sagebrush, ma...

634 I più visti

Likes 0

Surrogato sessuale

Surrogato sessuale Ch1 Spruzzandomi acqua sul viso e fissando un grande specchio del bagno, stanco per la lunga serata che ho passato ieri sera in cui ho avuto una conferenza di oltre cento invitati in cui ho parlato loro del mio lavoro. No, non ero una squillo, non mi sono mai spogliata, non ho mai lavorato in un bordello e non faccio pubblicità. Sono fondamentalmente uno psicologo che aiuta uomini, donne e anche coppie con disabilità ad esibirsi durante il sesso. Come surrogato del sesso per la maggior parte del tempo insegno il contatto intimo, insegnando alle persone come trovare il...

877 I più visti

Likes 0

THE FREAK - Parte 4 di 5

>>>>>>Entrammo in Massachusetts Avenue e trovammo un posto per parcheggiare a circa un isolato di distanza vicino a Harvard Yard, il nome dato al campus principale. Erano appena passate le dieci. La signora Atkins aveva detto di venire a qualsiasi ora, quindi siamo andati insieme all'ufficio ammissioni, trovandola alla sua scrivania. Presentai Barbara e prendemmo posto. La prima cosa che ho fatto è stata passare la cartella delle fotografie attraverso la scrivania. “Avevo chiesto a Barbara di sposarmi il venerdì sera precedente, il venerdì prima della domenica delle Palme. Ha indossato il suo anello di fidanzamento a scuola lunedì e...

868 I più visti

Likes 0

Grace è una ragazza scat

Ogni sera dopo il college Grace cercava consigli per flirtare online e da quando ha scoperto il porno alcuni anni fa, ne era stata ossessionata. Ora che vive da sola, si siede sulla sedia per ore e ore a guardare i contenuti più sgradevoli che riesce a trovare. Aveva sempre avuto un lato malato in lei, ma si è davvero acceso alcuni anni fa quando i suoi compagni di scuola le hanno mostrato il video 2 Girls 1 Cup, ha dovuto mostrarsi disgustata di fronte a loro mentre nascondeva segretamente la macchia bagnata tra le sue gambe . Tutte le sue...

850 I più visti

Likes 0

Rossa focosa

Il mio nome è Rachel. Ho 35 anni, 5'7 , 135 libbre, capelli rossi che mi superano le spalle, occhi azzurri, lentiggini, pelle bianca pallida (mi dispiace che le rosse non si abbronzino). Indosso un reggiseno taglia 36DD con bei capezzoli grandi ( è impossibile nasconderli) e tengo il mio cespuglio rosso curato e curato. Sean è il mio migliore amico, facciamo quasi tutto insieme. Siamo amici da anni e non è mai successo niente di sessuale tra di noi. Così quando abbiamo deciso di fare un viaggio a Las Vegas per festeggiare il mio divorzio, non ci ho pensato. solo...

853 I più visti

Likes 0

Il nuovo paziente di Sarah - Prima parte

Sarah era nervosa mentre usciva dalla sua macchina e si dirigeva verso le porte che l'avrebbero riportata al lavoro per la prima volta dalla festa di Capodanno dove aveva recentemente perso la verginità. L'intera notte era ancora confusa... un'eredità di punch alla frutta e una notte di scopate intense che non si aspettava né voleva, ma durante la quale ricordava distintamente di aver avuto un orgasmo più e più volte mentre implorava gli uomini che l'avevano portata a scopare lei e sborra dentro lei. L'intera faccenda sarebbe potuta sembrare un brutto sogno se non fosse stato per il fatto che...

843 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.