Papavero Capitolo 1

1.3KReport
Papavero Capitolo 1

Le diede abbastanza tempo, poi entrò nella stanza. Rimase obbediente in mezzo alla stanza, in attesa. La sua apertura della porta la fece trasalire e lei sobbalzò. Cercò di ricomporsi, sperando che Lui non se ne fosse accorto. Era nuda, gloriosamente nuda, in piedi con un ginocchio leggermente piegato, l'altro dritto mentre usava l'ultima sua modestia per cercare di nascondergli il suo sesso. Il suo braccio destro era piegato con la mano sulla spalla opposta, cercando di coprirsi i seni. Incontrò il suo sguardo e lesse la sua disapprovazione. Si costrinse lentamente ad abbassare le braccia. Si mostrò orgogliosa ma sapeva di tenere la testa leggermente china, gli occhi bassi.

Iniziò la Sua ispezione, mentre camminava lentamente intorno a lei, cominciando dai suoi piedi. Poteva vedere dal lato dei suoi piedi che le suole erano di un rosa chiaro e dall'aspetto morbido, le unghie non dipinte. Ha fatto commenti sulla Sua approvazione di quel fatto. Le dita dei piedi erano ben curate e ben proporzionate. Le caviglie erano formate e affusolate in un polpaccio ben definito. Le sue gambe avevano una lucentezza liscia ed erano state accuratamente rasate, senza tagli. Sorrise a se stesso mentre si inginocchiava, doveva ammettere che gli piaceva sempre un bel paio di ginocchia. Si sarebbe divertito a farle il solletico lì. Le cosce erano piccole per la sua taglia, cinque piedi e mezzo. Mentre camminava dietro di lei, non vedeva segni di cellulite nelle cosce o nella zona dei glutei. Si fermò dietro di lei mentre arrivava al suo sedere. Sentì il Suo sguardo sul suo didietro, i suoi occhi guizzavano avanti e indietro nervosamente. Non osava voltare la testa ma sentiva il bisogno di spiegare il suo sedere. Non le piaceva. Sentiva che era piuttosto mascolino e non seducente come il sedere di alcune donne a cui si era paragonata.

Stava ammirando la vista mentre coglieva il suo aumento della respirazione. Sapeva che era molto innervosita dalla Sua ispezione lì e si assicurò di ricordarla per dopo. Non era contenta del suo sedere. Non ci vedeva niente di sbagliato. Guance ben definite, non macchiate da tatuaggi o cellulite. In realtà si è inginocchiato per avvicinarsi osservando la sua reazione. Si tese, quasi allontanandosi da Lui, ma si tenne ferma. Era impressionato. Continuò a ispezionare il suo fondoschiena da questa posizione più ravvicinata. Nessun pelo pubico era visibile nella fessura delle sue guance e Lui approvò. La sua fessura era chiusa, non rivelando affatto alcuna depressione del suo buco interno. Era deluso, ma sorrideva ancora tra sé. L'avrebbe ispezionata più da vicino in seguito. Alzandosi, notò una piccola macchia di peli fini e lanuginosi proprio nella parte bassa della sua schiena. Magri e minuscoli, erano quasi invisibili tranne quando lei stava proprio alla luce del sole che filtrava nella stanza.

Anche la sua vita era piccola. La sua schiena, moderatamente lentigginosa, attirò la sua attenzione. All'inizio aveva una carnagione chiara e le leggere rughe di abbronzatura di essere al sole in bikini erano appena visibili. Tuttavia, d'ora in poi, le avrebbe permesso solo di prendere il sole nuda. Le sue spalle erano curve ben formate delle dimensioni di una palla da baseball. Allungò una mano a ciascuno e li prese a coppa. Sobbalzò al Suo tocco, poi si rimproverò, abbassando ulteriormente la testa per la vergogna. Cercò di calmarsi ma sapeva che gli dispiaceva. Lui, francamente, riusciva a malapena a trattenersi dal ridere ad alta voce. Mantenne la presa sulle sue spalle, tirandola leggermente indietro e ridacchiando profondamente.

"Rilassati" le sussurrò.

Non poteva tenerle contro il fatto che non si fosse comportata nel modo in cui ci si aspettava fino a quando non avesse saputo cosa ci si aspettava da lei. Le avrebbe insegnato volentieri.

Successivamente, si avvicinò per affrontarla. Cominciò appena sotto la sua area pubica, stuzzicandosi mentre i suoi occhi viaggiavano lentamente lungo le sue cosce. Rimase ancora in piedi con le gambe strettamente unite, nascondendosi. Le ha concesso questo briciolo di modestia. Bastava che le tende della grande vetrata del soggiorno fossero aperte perché chiunque potesse guardare dentro.

Permettendosi infine di ispezionare la sua zona vaginale, notò una sottile striscia di capelli castano chiaro, ben tagliati.

"Dovrà sparire, Poppy." Commentò con calma. Lei annuì. Solo un lento su e giù di riconoscimento. Non ha bisogno di dire niente.

"Usa un balsamo per capelli. Renderà i capelli morbidi e si raderanno in modo pulito. Devi tenerli rasati finché non dico diversamente. Capisci?"

Lo fece, un altro cenno. In realtà si sentiva un po' meglio. Ora sapeva qualcosa che poteva fare per compiacerLo. Continuò a guardarla, inginocchiandosi davanti a lei e avvicinandosi. Ancora una volta, era orgoglioso e impressionato. Non sussultò e mantenne lo sguardo in avanti, abbassando la guardia e confidando che non le avrebbe fatto del male.

Il suo sesso era stretto, compresso principalmente dalle gambe chiuse, ma anche le labbra esterne gonfie nascondevano qualcosa del suo tesoro interiore. Non vedeva l'ora di invogliare il suo fiore ad aprirsi per Lui mentre lei cresceva sempre più eccitata, e poi, per stabilire il Suo controllo, si sarebbe, con delusione, fermarsi e lasciarla insoddisfatta. Avrebbe imparato.

I suoi fianchi erano ben fatti, leggermente ossuti, ma Lui non si sarebbe lamentato. Il suo ombelico, un ovale perfettamente formato, era privo di piercing. Ne fu contento anche lui. Non è stato spento dai piercing all'ombelico, ma se lei ne avesse uno, l'avrebbe individuato.

Aveva la pancia piatta, segno di lavoro. L'avrebbe incoraggiata a continuare, anche se nuda. Gli piacevano i deboli contorni della sua cassa toracica, meglio essere un po' magra che un po' pesante.

I suoi seni erano perfetti. Raramente vedeva seni perfettamente sagomati, proporzionati e colorati. Erano circa coppe B e di dimensioni uniformi. Entrambi i capezzoli erano simili per dimensioni e aspetto e sembravano godersi la loro libertà, diventando più eretti quando lei sentiva il Suo sguardo su di loro. Osservò il suo petto mentre respirava profondamente, rilasciando un respiro trattenuto che non sapeva di trattenere. Entrambe le braccia, superiore e inferiore, erano lunghe e flessuose. Aveva visto i suoi gomiti mentre cercava di coprirsi prima ed era lieto di vedere il rosa della pelle morbida senza alcuna ruvidità. Gli piaceva la leggera lentiggine su entrambe le braccia, inclusa un'apparente voglia sul polso sinistro. Le sue mani avrebbero potuto essere le mani di una statua, perfettamente scolpite nel marmo. Ogni mano era tenuta parzialmente aperta lungo i fianchi. Tutte le dita ben lunghe e affusolate a un'unghia curata alla francese, non lucidate. Le fece tendere i palmi delle mani per Lui. Ognuna era rosa, morbida, senza macchia. Perfetto. Ha fatto un commento in tal senso. Il risultato Gli piacque. Emise una breve risata nervosa, poi rise di nuovo al suono sciocco. Il suo sorriso era molto piacevole, ma stava andando avanti a se stesso. Prima il suo collo.

Il suo collo era lungo ma non troppo lungo, la lunghezza perfetta. Ha anche rivelato una debole linea di capelli morbidi, lanuginosi e traslucidi che si estendevano fino all'attaccatura dei capelli lungo l'osso mascellare. Pensò di far scorrere leggermente la lingua lungo la sua mascella, disturbando così delicatamente ogni capello che Lui stesso dovette combattere un brivido di anticipazione.

Anche la piccola fossa della gola, dove il collo incontrava il petto, sarebbe stata un'area sensibile a cui prestare attenzione. Ma quello era per dopo. Ora sarebbe stata la sua ispezione, poi ogni parte di lei sarebbe stata esplorata fisicamente.

Ora le venne in faccia. Era bellissima. Si sentiva privilegiato che fosse venuta da Lui. Il suo mento era leggermente sporgente, ma in modo carino. Cercò di non stabilire un contatto visivo con Lui, ma fallì, spostando nervosamente gli occhi da Lui a altrove. Non la fermò, la osservò solo divertito.

Le sue labbra, sottili e dipinte di una tonalità media di rosa, erano premute saldamente insieme, più del normale. Pensò. I suoi denti, grandi e bianchi, erano ovviamente opera di un dentista. Un naso dritto, leggermente più spesso del normale ma non poco attraente, aveva una spolverata di lentiggini che si diffondevano sotto ciascun occhio. Le ciglia scure tradivano l'uso del trucco ma sentiva che aveva bisogno di così poco per essere bella, poteva trascurarlo. I suoi grandi occhi scuri, che sfrecciavano da Lui al muro dietro di Lui, tradiscono la sua paura di dispiacergli, e brillavano ancora della speranza che Egli l'avrebbe accettata, cercando di compiacere e impressionare. Le sue palpebre avevano un fascino seducente, conferendo loro un'afa naturale.

I suoi capelli erano lunghi, biondi e lisci. Ha controllato e il colore era ovviamente naturale, non mostravano radici di colore diverso. Le incorniciava perfettamente il viso, tuttavia non poteva vedere le sue orecchie. Andava bene, più tardi le avrebbe spazzolato i capelli all'indietro.

"Sono contento. Mi piace quello che vedo."

Per poco non crollò a terra per il sollievo. Poi, ricordando il suo posto, ha semplicemente riguadagnato la sua posizione a testa in giù. Poteva ancora vedere le deboli tracce di un sorriso sulle sue labbra.

Era pronto a mostrarle la sua stanza quando suonò il campanello.

Si fermò imperturbabile, ma lei si bloccò come un cervo alla luce dei fari. I suoi occhi si spalancarono e si fermò a metà della sua svolta. Eccola nuda, in piedi in mezzo al soggiorno con qualcuno dall'altra parte della porta che suonava il campanello, ora per la seconda volta. I suoi occhi parlavano a volume, chiedendoGli il permesso di correre e nascondersi.

Invece l'ha scioccata.

"Rispondi." Disse piano.

Lei lo fissò. Voleva davvero che lei rispondesse? Era una prova? Non poteva! Come poteva chiederle di mettersi in imbarazzo? Come potrebbe rifiutare? Non era degna di Lui?

Lacrime confuse le sgorgavano negli occhi.

"Poppy," disse con la stessa calma di prima. "Rispondere alla porta."

Odiava disobbedirgli, non per paura della punizione, ma perché odiava dispiacergli. Non riusciva proprio a spingersi verso la porta. La persona dall'altra parte ora bussò rumorosamente. Il primo chilo la fece saltare. Ha cercato di non piangere.

Lo guardò, implorando, ma non riuscì a leggere le sue emozioni.

"Andare." Le disse con calma, indicando la camera da letto. Riusciva a percepire delusione nella Sua voce? Era così difficile da leggere. Si sentì un fallimento mentre entrava meccanicamente nella camera da letto. Una volta dentro, si fermò semplicemente. Le è stato solo detto di non entrare in nient'altro, e non voleva fare qualcos'altro di sbagliato. Lo sentì rispondere alla porta, un pacco per Lui, e poi mandare via il fattorino. Una volta chiusa la porta si chiese cosa avrebbe dovuto fare? L'avrebbe punita, e come? Ha deciso di provare a riparare il danno che ha fatto.

Lo sentì posare il pacco in soggiorno e sentì i suoi passi venire verso la camera da letto. Lo sentì fermarsi a metà passo appena dentro la porta. Si era preparata per l'unica punizione a cui riusciva a pensare.

Quando entrò nella stanza, la trovò sul letto in ginocchio con la testa appoggiata sul letto. Il suo sedere nudo era sollevato e le sue gambe si aprivano per Lui. Si stava offrendo a Lui per chiedere perdono. Si ritrovò attratto dal letto, ma non per scoparla. Lo farebbe al momento giusto. Lanciò un'occhiata alle sue natiche allargate, cercando di dare un'occhiata al suo ingresso posteriore. L'avrebbe fatta implorare di essere penetrata lì, ma a tempo debito. Si sedette sul bordo e sospirò.

"Ah, Poppy." Disse con finta esasperazione. "Cosa devo fare con te?" Non riusciva a credere che non si fosse gettato sul letto come una bestia in calore e l'avesse montato rudemente, insegnandole a obbedire. Le disse di alzarsi e sedersi con Lui. Rimase in piedi, più confusa e ferita di prima. Non la voleva? Lo aveva davvero sconvolto adesso, lo sapeva. Ma sembrava non essere arrabbiato. Era sicura di una cosa. Era di nuovo testata. Sapeva di non sedersi sul letto accanto a Lui, come una sua pari.

Si sedette per terra.

"Ti aspettavi di essere punito, vero? Ti aspettavi che ti violentassi e ti dicessi che questo è quello che succede alle ragazze cattive che non obbediscono." Posò la sua mano calda sulla sua spalla. Cercò di non farlo, ma alzò lo sguardo per vedere il Suo viso gentile che la guardava dall'alto in basso con un'attenzione quasi paterna e premurosa per lei.

"Non è così che si fa". Disse con fermezza, ma gentilmente.

"Quando verrai punito lo saprai. Quando sarai fatto all'amore, lo saprai."

Questo l'ha sorpresa. In precedenza, si era abituata a usare il sesso come cerotto per quando aveva fatto casini con gli uomini della sua vita. Indipendentemente da quello che aveva combinato, nessun uomo l'avrebbe rifiutata mentre si spogliava per lui e gli lasciava fare a modo suo. Finché si diceva che stava migliorando le cose, le andava bene. Ora non era così. Avrebbe imparato cosa significa essere veramente accettata, verruche e tutto il resto.

Si sentiva meglio, aveva quasi voglia di sorridere. Non si è mai sentita più accettata. Era al sicuro qui, amata, in realtà. Non avrebbe abusato di lei, le avrebbe insegnato a obbedire ma non facendole del male. L'avrebbe sfidata, questo era certo, ma in modo amorevole. Non si è mai sentita più vicina a un altro e ha deciso che non avrebbe mai voluto nient'altro. Le lacrime minacciavano di risalire.

Rimase seduta per terra ma si chinò verso di Lui. La sua mano era ancora appoggiata sulla sua spalla mentre lei posava la testa sul suo grembo, arrendendosi a Lui.

Storie simili

Brandy infrange il codice di abbigliamento da lavoro

Ciao, sono Brandy. Ho 28 anni, sono bi sub, 1,70 cm, peso 55 kg, capelli biondi, occhi castani, seno 32C con capezzoli permanentemente eretti (lo sono stati per tutta la mia vita) e una figa depilata... sì, mi sono stufata di radermi e fare la ceretta dannazione, mi fa male. Sono stato un Sub per gran parte della mia vita, anche se non lo sapevo da un bel po'. Preferisco gli uomini, ma ora sono un sub obbediente molto ben addestrato e farò tutto ciò che mi viene detto da un Dom o Femdom. Se hai letto alcuni dei miei altri...

398 I più visti

Likes 0

SENZA RISERVE

Brenda Olsen rimase in fila con un po' di impazienza mentre aspettava di registrarsi e di prendere la chiave della sua stanza. Finalmente, mormorò sottovoce, è il mio turno! Come posso aiutarti? chiese allegramente la bionda dall'aspetto disinvolto dietro il bancone. Brenda stava per dare un'occhiata alla donna, ma ci ripensò e rispose: Olsen, Brenda Olsen, ho una prenotazione per tre notti. Uhhhhhh fammi vedere, disse la bionda mentre digitava il suo nome sul terminale del computer delle prenotazioni. Hmmmmmm, non lo trovo qui, lasciami controllare un altro posto......... Brenda picchiettò nervosamente il piede mentre l'impiegato cercava il suo nome. Alla...

349 I più visti

Likes 0

Jameson High

Jameson High Presentazione: Ciao, mi chiamo Adilene (chiamami semplicemente Adi), sono una bruna alta 5'6 pollici di corporatura atletica con un sedere sodo e grandi seni a coppa E da 54. Frequento la Jenna Jameson Sex Academy qui nell'anno 2035. Negli anni trascorsi da quando hai letto questo, il mondo è cambiato parecchio. A partire dal 2021 la Cina ha superato gli Stati Uniti come economia dominante, le crisi elettriche si sono concluse con l'uso diffuso di tecniche di fusione e fissione; le differenze razziali e sessuali sono state quasi del tutto risolte in tutto il mondo e le tradizioni secolari...

1.4K I più visti

Likes 0

Lavorare con Walker Pt. 6

Il viaggio in macchina fu per la maggior parte silenzioso. Una volta che tutti abbiamo deciso di tornare a casa, nessuno ha detto altro. Non c'era bisogno di dire altro, immagino. Avevamo tutti in mente la stessa cosa. Mi sono seduto dietro con Walker mentre Tyler guidava e Mike era sul sedile del passeggero. Mike viveva a pochi passi da questo teatro, quindi è tornato con noi a casa di Tyler e Walker. Walker si è seduto nel mezzo per starmi vicino. Ci stavamo massaggiando le cosce l'un l'altro, godendoci la sensazione. Immagino che Tyler ci abbia visto nello specchietto retrovisore...

737 I più visti

Likes 0

Emerge la cagna interiore

Lo ha incontrato al bar circa 10 minuti dopo l'orario stabilito. Le piaceva farli aspettare, le piaceva la sensazione di potere che le dava vedere lo sguardo di sollievo quando arrivava. Indossava un abito semplice e poteva vedere il sollievo misto a una certa delusione sul suo viso quando notò che non indossava gli stivali. Sorridendo tra sé, mantenne il suo sorriso distaccato e si avvicinò al tavolo. Rimase lì, lanciando uno sguardo mirato alla sedia mentre aspettava. Dapprima perplesso, alla fine si rese conto che avrebbe dovuto alzarsi quando lei si avvicinò. Alzandosi rapidamente, fece il giro del tavolo per...

722 I più visti

Likes 0

Lugia_(1)

Si chiamava Catarina, una ragazza di sedici anni che viveva sull'isola di Earthia. Si stava tenendo un festival per la bestia del mare, quest'anno è stata scelta per suonare la canzone per lui e si è esercitata ogni giorno in modo da poterla suonare perfettamente. Canticchiava mentre camminava lungo un sentiero con un sacchetto della spesa per sua madre. I lunghi capelli blu-argento di Catarina erano intrecciati all'indietro e oscillavano da una parte all'altra e lei si incamminò verso casa sua. I suoi occhi blu marino erano pieni di gioia mentre salutava la gente della città. La festa ha riempito la...

685 I più visti

Likes 0

Ricattare Jenny

Ricattare Jenny Sono un ragazzo normale con una vita normale e una buona famiglia. Ho 2 figli e una moglie meravigliosa chi è una tata. Sono un paesaggista e i soldi vanno bene, quindi la mia famiglia sta bene. Io non lavoro per chiunque tranne che per me stesso. Normalmente lavoro solo nei giorni feriali e trascorro del tempo con la mia famiglia fine settimana. Ho 45 anni e sono molto sessuale. Amo il sesso ea volte può essere un po' comune ma a volte Mi chiedo cosa succede se o mi chiedo come sarebbe avere qualcuno giovane per divertirsi. Io...

511 I più visti

Likes 0

Alice viene sposata

[b]Alice si fa l'autostop 7 di Will Buster Come si può immaginare, un'amante incinta e usata può essere piuttosto difficile da scartare. Difficile, cioè, a meno che una cospicua dote non accompagni la vigorosa piccola volpe. Alice non faceva eccezione a questa regola sociale così prevalente nella tarda Inghilterra georgiana. La pancia di Alice era ora piena di bambino sano per le quasi costanti attenzioni amorose di Lord Elton. Il barone del maniero di Kingston si era goduto a fondo entrambi i buchi stretti e reattivi di Alice ormai da mesi, ma mantenendo fede alla sua promessa, era tempo di acquistare...

527 I più visti

Likes 0

Camion su strada capitolo 5

Jill e io siamo arrivati ​​a Boise ID. intorno alle 5 del mattino. Ho rifornito il camion e l'ho parcheggiato. Siamo entrati e abbiamo fatto una buona colazione. Ha detto voleva avermi per dessert ma nel camion. Ed è stato il giorno dell'anale. Mi ha detto che voleva KD nel culo e io che le martellavo la figa. Ho riso e ho detto hai intenzione di infilarti KD nel culo? (KD è Kong Dong) Questa cosa è lunga 18 pollici e spessa circa 3 pollici, un po' più grande di una lattina di birra, Ci puoi scommettere dice. Le ho detto:...

498 I più visti

Likes 0

'IL DIVERTIMENTO CHE ABBIAMO AVUTO NEL GIORNO' (PARTE SECONDA)_(1)

“IL DIVERTIMENTO CHE CI AVEVAMO NEL GIORNO“ (SECONDA PARTE) Nella prima parte ti ho presentato due ragazzini, soli, che si sono ritrovati. E se sia accettabile o meno, secondo le norme della nostra società, il modo in cui il sesso è apparso come amore e accettazione a un ragazzo che è stato vittima di bullismo e picchiato quasi quotidianamente (non menzionato nella prima parte) e appena uscito dal porta di casa mia sembrava un rischio per la mia sicurezza. La seconda parte ti porta più a fondo nello stato emotivo di quel ragazzo mentre cresceva nella sua nuova famiglia di amici...

467 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.