La festa parte 1_(0)

57Report
La festa parte 1_(0)

Finalmente è arrivato venerdì sera e Silk era davvero nervoso. Invidiava gli altri due per la loro esperienza perché erano eccitati invece che spaventati. Era così nervosa che quando Michael pronunciò il suo nome; lei quasi saltò fuori dalla sua pelle e squittì un sì Maestro.

"Seta, hai paura?" le chiese Michael, con voce piena di preoccupazione.

«Un po'», disse a bassa voce.

Michael l'abbracciò e le sussurrò parole di rassicurazione all'orecchio. Le disse che tutto quello che doveva fare quella sera era guardare e che nessuno l'avrebbe toccata a meno che lei non avesse detto che andava bene. Le aveva promesso che anche qualcuno l'avrebbe sempre osservata. Alla fine si è sistemata. Anche le altre ragazze le hanno detto che non c'era nulla di cui aver paura.

Erano tutti pronti a partire tranne che per i loro mantelli. Stacey e Syndee erano nude tranne che per i polsini e i colletti delle braccia e delle gambe. Lei stessa indossava un top trasparente e un perizoma insieme ai polsini e al colletto. Michael aveva deciso che avrebbe indossato una piccola quantità di vestiti in modo che gli altri sapessero che questa volta era un'osservatrice. Michael indossava un paio di jeans neri con una camicia di seta verde acqua abbottonata. Silk pensava che fosse molto sexy. Le altre due ragazze indossavano tacchi da tre pollici per abbinare i loro colletti mentre Silk indossava finte ballerine. Michael pensò che dal momento che probabilmente sarebbe rimasta seduta per la maggior parte della notte, le pantofole sarebbero state le più comode.

Finalmente era ora di andare. Le ragazze indossarono i loro mantelli che Michael aveva comprato loro. Aveva detto che era meglio viaggiare con i mantelli, così una volta arrivati ​​non dovevano spogliarsi. Nessun vestito perso in questo modo. Silk potrebbe dire che Michael è stato molto scrupoloso poiché hanno anche afferrato le loro borse piene dei loro giocattoli personali. Michael ha detto che avrebbero dovuto usare i propri, qualunque cosa accada. Silk le ha persino portato la borsa, nel caso avesse deciso di fare qualcosa di più che guardare, le disse Michael.

Andarono a bordo del camion di Michael fino a una casa in uno dei quartieri più belli. Le case erano come mini palazzi.

Stacey fischiò a bassa voce: "Bel maestro".

Michael guardò Silk per vedere la sua reazione e sorrise quando lei gli sorrideva. “Sì, è davvero bello, dieci camere da letto, sette bagni e 3 piani. Inoltre hanno una guest house sul retro, una piscina, una vasca idromassaggio, una sauna, una sala pesi, un home theater e oltre la metà del seminterrato è una prigione.

"Cosa fa Sir Baron per un maestro vivente", chiese Stacey?

“Che ci crediate o no, è un fanatico del computer. Lavora per un'importante azienda di computer della città guadagnando ingenti somme di denaro, inoltre, come noi, è un figlio di un fondo fiduciario", ha detto loro Michael con una risata.

Michael ha parcheggiato nel vialetto e mentre uscivano tutti, Silk ha notato un parcheggiatore, che ha preso le chiavi di Michael e mentre camminavano lungo il vialetto verso la porta d'ingresso, il camion è scomparso. Michael ha suonato il campanello e la persona che ha risposto ha dato a Silk il suo primo shock della serata.

Era vestito da cameriera francese. Silk sapeva che era un maschio dai suoi lineamenti, ma era comunque truccato per sembrare una femmina. Questa cameriera li fece entrare e prese i mantelli della ragazza, che a sua volta appese in un armadio dietro la porta. Poi ha posizionato le loro borse vicino al muro dove anche altri stavano aspettando i loro proprietari. Meno male che Michael ha etichettato le loro borse. Poi li condusse in una grande stanza. Prima che Silk potesse notare la grande quantità di persone, vide Michael sussurrare qualcosa alla cameriera.

“Posso annunciare,” disse con voce in falsetto, “Sir Michael e il suo trio di schiavi. Schiava Stacey", ha detto indicando ogni ragazza a turno, "schiava Syndee e schiava Silk, che stasera è un osservatore".

Silk allora notò che la grande stanza era molto piena di un assortimento di persone vestite e nude. C'erano più cameriere, maschi e femmine, come quella alla porta; solo questi servivano cibo e bevande. Silk notò anche che alcuni portavano bocchini di sigaretta vecchio stile, tranne per il fatto che contenevano fruste, raccolti, pagaie e altri oggetti assortiti che Silk non era sicuro fossero. Credeva di aver visto delle mollette, ma non poteva esserne sicura perché la cameriera era lontana.

Un gruppo di persone si fece avanti per salutare Michele ei suoi schiavi. Fu sorpresa di notare che molte persone sembravano conoscere il suo Maestro e sembrava anche che fosse benvoluto. Lentamente entrarono in quello che sembrava essere un soggiorno. Conteneva lunghi divani e grandi sedie. Silk ha anche notato che c'erano piccoli sgabelli ai bordi della stanza. Michael finalmente si sedette sul divano e fece loro cenno di inginocchiarsi.

Si inginocchiarono tutti intorno ai suoi piedi di fronte a lui, con gli occhi bassi in attesa del suo prossimo comando. Michael si è seduto e ha parlato con le persone per un po' e le ragazze hanno aspettato pazientemente mentre le domande su se stesse venivano poste a Michael. Alla fine qualcuno gli suggerì di permettere a Stacey e Syndee di unirsi agli altri schiavi nel dungeon per familiarizzare con esso. Michael ha detto loro di seguire una cameriera nella prigione e con un sì Master da ciascuno se ne sono andati.

Silk ora era da sola. Si sentiva ancora insicura, ma rimase ai piedi di Michael con gli occhi bassi come richiesto.

Alla fine Michael le disse che poteva alzare lo sguardo: “Seta, sei qui per guardare, quindi guarda. Perché non prendi uno di quegli sgabelli e ti siedi su di esso accanto a me.

"Sì maestro. Grazie, Maestro,” gli disse mentre prendeva uno sgabello e lo posizionava il più vicino possibile alle sue gambe senza impedirgli di stare in piedi. Quando si sedette, piegò le gambe di lato, lui le sorrise e le accarezzò la guancia in modo rassicurante.

Silk si guardò finalmente intorno nella stanza. Notò che alcuni schiavi erano ancora al piano di sopra. Uno schiavo veniva usato come sgabello e un altro strofinava i piedi del suo padrone. Vide che c'erano schiave e schiave. Silk sapeva che si trattava di un comportamento addomesticato e che prima che finisse la notte la sua educazione sarebbe cresciuta notevolmente. Lo aspettava con una curiosità inquieta.

Ha notato che qualcuno la stava osservando. Una volta che ha catturato la sua attenzione, ha parlato con un accento: "Ciao, creatura squisita".

Non era sicura di poter parlare così si voltò a guardare Michael che annuì con un ok. "Salve signore. Grazie per il complimento." Ha notato che era di bell'aspetto e sicuro di sé mentre le parlava.

“Seta, è così che il tuo Maestro ti chiama. Affascinante, è perché sei un liscio come Silk? Le chiese con un sorriso.

Sentendosi più a suo agio, ha risposto: "No Sir, Silk o in realtà Silky è il mio vero nome, il nome che mi hanno dato i miei genitori".

"Sono sicuro che il nome si adatta." Disse e continuò a parlarle di questo e di quello.

Silk gli parlava mentre osservava le cose che avvenivano intorno a lei, alcune altre persone erano arrivate e mentre la maggior parte degli schiavi andavano nelle segrete, alcuni rimasero dai loro padroni o amanti. Silk osservava e parlava con coloro che la circondavano. Ha risposto a domande su se stessa e sulla sua relazione con Michael.

Qualcuno ha detto di voler vedere di più Silk e Michael ha sorriso con orgoglio. Perché no, pensò, avrebbe potuto presentare e riparare per guardare più tardi.

"Alzati in piedi schiavo", ordinò Michael. Una volta che fu in piedi come le aveva insegnato, aggiunse: "Spogliati e presentati.

Con un sì Maestro, era in piedi pronta per partire.

"Aspetta Michael, fammi chiamare Dyna, lei vorrà vedere questo", disse il barone a Michael, poi si rivolse a una cameriera, "Cameriera, vai a prendere la schiava Dyna".

Al suo cenno, Silk si alzò e aspettò l'arrivo di Dyna prima di iniziare. Mentre aspettava, notò che quasi tutti la stavano guardando. Alla fine Dyna venne e si inginocchiò ai piedi del barone. Quindi inizia la seta, prima si è tolta la parte superiore, che ha lasciato cadere vicino ai suoi piedi. Poi ha girato di un giro in modo che tutti potessero vederla. Quindi si tolse il perizoma e ripeté la svolta. Alla fine si chinò e si tolse le pantofole, poi si alzò e mise le mani dietro la schiena, e abbassò gli occhi a terra. Notò Dyna che sussurrava a Baron.

"Michael, ci piacerebbe vedere quei capelli", gli disse Baron.

Ha chiesto alle ragazze di intrecciarsi i capelli a vicenda prima che se ne andassero perché sapeva che li avrebbe tenuti lontani dalle loro facce e sarebbe stato molto più bello per loro. Sapendo quanto fossero davvero sexy i suoi capelli e che sia Baron che Dyna avevano un debole per i capelli, ordinò: "Sciogli i capelli con la seta".

“Sì Maestro,” disse mentre faceva come lui aveva ordinato. Quando fu finalmente libero, gli diede una bella scossa, poi se lo gettò sopra la spalla prima di riprendere di nuovo la posizione.

"Wow, i suoi capelli sono adorabili Sir Michael", gli disse Dyna.

"Sì. Capelli adorabili per una piccola schiava adorabile,” concordò Baron.

Il signore dallo strano accento alla fine parlò: “Facciamo vedere di più. Quanto bene si presenta nelle posizioni?"

Accettando la sfida, Michael si voltò e guardò la voce che aveva parlato. Comunque non gli piaceva molto questo gentiluomo e dopo averlo visto praticamente sbavare su Silk, Michael era incazzato, "Schiavo in ginocchio", abbaiò Michael.

Silk cadde dolcemente in ginocchio. Quando il Maestro parlò, lei era tutta affari.

Una volta che fu lì, "Giù", abbaiò di nuovo.

Silk si abbassò sul pavimento, girando la testa verso Michael mentre il suo top toccava il pavimento. Ha anche messo le mani sopra la testa.

"Su di nuovo", quando era in piedi, "Pancia".

Di nuovo cadde in ginocchio e mentre si lasciava cadere a terra, girò di nuovo la testa verso Michael. Questa volta mise le braccia dietro la schiena e allargò le gambe e aspettò il suo prossimo comando.

"Molto carino", disse il gentiluomo con l'accento, "ma non ha incrociato le caviglie".

Silk pensò, oh no, aveva messo in imbarazzo il suo Maestro? Non voleva che incrociassero le caviglie, ma prima che potesse soffermarsi su di essa sentì Michael spiegare all'uomo.

“Mi piace fare sesso con le mie schiave in questa posizione e quindi non mi piacciono le caviglie incrociate. Non ho bisogno che lo facciano, lei lo sta facendo bene secondo i miei standard, come le ho insegnato". Michael glielo disse con tono di fatto.

«Capisco», disse il signore.

"Inginocchiati Silk", ordinò Michael completando le posizioni.

Silk si inginocchiò e sollevò il mento per presentare l'anello a D sul colletto. Michael le sorrise con orgoglio.

"Si presenta bene, ma quando possiamo vederla in azione?" chiese l'uomo.

Digrignando i denti, Michael ha risposto: "Non stasera, lei guarda stasera. Questa è la sua prima settimana nello stile di vita.

L'uomo emise un rumore in fondo alla sua gola e Michael lo guardò torvo, sfidandolo a dire di più. L'uomo ci pensò saggiamente conoscendo il carattere di Michael. Silk non sapeva che il suo Maestro era veloce con i pugni come lo era con la frusta e l'uomo non sapeva che Michael non combatteva più. Alla fine l'argomento è cambiato ad altre cose e Michael si è completamente dimenticato di lui. Improvvisamente notò che Silk era ancora inginocchiato al suo fianco.

Voltando la testa verso di lei, sorrise di nuovo con orgoglio: “Piccola, puoi riprendere il tuo sgabello e continuare a guardare. Inoltre puoi raddrizzare e intrecciare nuovamente i tuoi capelli.

“Grazie Maestro,” disse mentre si rimetteva i vestiti e poi si sedeva sullo sgabello. Poi si è intrecciata di nuovo i capelli mentre guardava.

Le attività erano notevolmente aumentate mentre la sua schiena era stata voltata. Lo schiavo maschio che si atteggiava a schiavo con i piedi veniva ora frustato con un frustino e la schiava stava usando i piedi sul cazzo dello schiavo maschio. Sembrava che lo stesse calpestando, ma il maschio sembrava divertirsi e il suo cazzo era duro. Silk lo guardò con crescente curiosità e non sentì Michael chiamarla per nome.

Poi una mano serpeggiava fuori e le afferrò il capezzolo, pizzicandolo rudemente. Silk si voltò di scatto per trovare Michael che la guardava.

"Ho la tua attenzione, piccola?"

«Sì, maestro», balbettò.

"Ti stavo dicendo che stavo per scendere le scale, ci saranno molte attività quassù da guardare, quindi resta qui per ora e verrò a prenderti più tardi e ti porterò di sotto", le disse Michael.

"Sì, Maestro", rispose.

Si lasciò andare al suo capezzolo e si alzò per andarsene. Mentre lo faceva, lo schiavo maschio si avvicinò a lui.

“Signore, posso strofinare i piedi della tua schiava mentre lei guarda. Ha dei piedi molto sexy, signore,” chiese lo schiavo a Michael.

Guardando indietro a Silk, che a sua volta lo guardò con occhi sbarrati. "Certo, perché no", gli disse Michael. Silk potrebbe usare l'istruzione e potrebbe anche parlargli per conoscere gli schiavi maschi. "Parlale e spiegale le cose se ne ha bisogno."

"Sì signore, la aiuterò a capire, e potrei aggiungere, è molto adorabile, peccato che sia una schiava, che padrona sarebbe", informò Michael.

"Hmmmm, sì, lo farebbe, ma così è la vita ed è una schiava", disse Michael pensando a ciò che aveva detto lo schiavo maschio. “Comunque,” ​​a Silk, “Comportati bene e tornerò. Guarda e impara", poi all'altro schiavo, "Obbedisci ai tuoi modi o la punizione sarà dura".

Un sì ​​Master e Sir lo seguirono mentre si allontanava e andava al dungeon per giocare. Sapeva che Silk sarebbe andato tutto bene e che lo schiavo maschio le avrebbe spiegato le cose. Un punto di vista da schiavo sulle cose era comunque migliore del suo. Anche se conosceva quel punto di vista, era passato un po' di tempo dall'ultima volta che era di quel modo di pensare e quindi non poteva davvero spiegare le cose come potrebbe fare un altro schiavo. Ciò, unito al fatto che Silk aveva bisogno di un punto di vista maschile sulle questioni degli schiavi, lo metteva a suo agio mentre giocava con Stacey e Syndee.

Silk si sedette sul suo sgabello e osservava tutto ciò che accadeva intorno a lei mentre lo schiavo maschio che si presentava come Adam, le strofinava i piedi e le parlava. Anche il gentiluomo dall'accento era ancora presente, quindi anche lei ha parlato con lui. Dall'altra parte della stanza uno schiavo veniva incatenato a un gancio appeso al soffitto. Una benda è stata messa sugli occhi. Silk ha notato che non sembrava minimamente spaventata.

"Cosa le faranno Adam?" gli chiese. Preferiva parlare con lui piuttosto che con il gentiluomo.

“Questa è Shelia, le piace il gioco sensoriale. Le toglieranno alcuni dei sensi con bende e tappi nelle orecchie. Quindi le faranno delle cose e in questo stato tutto ciò che ha è il suo senso del tatto su cui fare affidamento, che sarà intensificato. Questo renderà un divertimento interessante per lei e per tutti gli altri", ha spiegato Adam.

“Che genere di cose faranno? Frustala?"

Adam ha notato il suo interesse: "Beh, dipende dalla persona, ma a Sheila piace il gioco delle lame, la cera calda, il ghiaccio, le piume, le pagaie, le fruste, i fustigatori e i bastoni. Molto probabilmente useranno una combinazione di tutto su di lei, aumentando gradualmente l'intensità".

Silk osservò e iniziarono con ghiaccio e cera calda. Il Dom avrebbe fatto scorrere il ghiaccio lungo una parte del suo corpo e poi lo avrebbe seguito con la cera. La schiava emetteva piccoli sussulti, ma questo era tutto, non gridava mai. Successivamente il Dom prese un coltello e iniziò a farlo scorrere su e giù per parti del suo corpo rimuovendo di tanto in tanto un po' di cera nel processo. Lo schiavo cominciava a piagnucolare. Per tutto il tempo, avrebbe avuto il suo turno in modo da poter accedere alla parte anteriore e posteriore di lei. Poi prese un fustigatore e iniziò a sfregarlo delicatamente su parti del suo corpo. Silk sapeva che questo non faceva male. Il fustigatore ha anche rimosso frammenti di cera.

Quando il fustigatore raggiungeva un punto in cui stava diventando intenso, passava a qualcosa di nuovo. Ha usato la pagaia, il frustino, le piume e tutti gli altri oggetti del suo infinito arsenale. Ogni tanto le ricordava di respirare. Alla fine raggiunse il suo punto ed era in quello che Adam chiamava subspazio. Silk lo sapeva anche dalle sue sorelle. Il Dom la fece perdere e la adagiò sul divano lì vicino. Dopo circa quindici minuti era tornata al suo vecchio sé e il suo Dom le ordinò di salire sul pavimento dove si inginocchiò, Silk notò che mentre era stanca, sembrava anche soddisfatta.

Adam aveva spiegato l'intero processo a Silk mentre li guardavano e ora che era finita, lei rivolse la sua attenzione ad Adam. Stava strofinando il suo cazzo sui suoi piedi. Silk si chiese se avrebbe dovuto farlo, ma non lo sapeva e poiché era così bello, non lo fermò. Chi poteva sapere che i piedi potessero essere così sensuali, l'intero atto aveva l'ansimare di seta. Silk sapeva che stava per venire ma non poteva fermarlo.

Proprio mentre è esploso in piedi, Michael si è avvicinato e ha visto Adam sporcarle i piedi.

Afferrando un raccolto da una cameriera vicina, Michael lo portò sulla schiena di Adam: "Cosa pensi di fare schiavo? Ti ho dato il permesso di venire sul mio schiavo?" Lo ha punteggiato con un altro schiaffo del corpo.

Michael era scioccato e deliziato dallo sguardo di pura lussuria negli occhi di Silk; aveva davvero una buona sensazione che lei potesse venire da questo. Questo era qualcosa che avrebbe dovuto esplorare in seguito, ma ora doveva affrontarlo. Non solo punire Adam, ma mostrare a Silk che Adam aveva fatto era sbagliato e che le cattive azioni venivano affrontate duramente.

"Leccale le gambe e i piedi, schiava pulita", ordinò Michael con un altro colpo dal raccolto sulla schiena di Adam. Quando si inginocchiò, il suo culo era in aria e anche Michael lo frustò.

Mentre Adam leccava il suo pasticcio, Silk si eccitava ancora di più. Oh dio, pensò, sto per venire. Cominciò ad ansimare ancora di più, legandosi per controllarlo.

Michael la stava guardando e quasi rise ad alta voce quando iniziò ad ansimare forte. Il minx stava per venire. Non se avesse qualcosa da dire al riguardo. Nessuno tranne lui le darebbe piacere.

"Seta, potresti non venire", le disse con l'accento sulla parola no.

La osservò, mentre Adam stava finendo il suo pasticcio. Notò che avevano attirato una folla. Tutti sono venuti a vederlo con lei. Lo spettacolo in lui non ha potuto resistere. Sapendo che sarebbe venuta comunque, non importa quello che ha detto, ha abbassato leggermente il raccolto sul suo capezzolo.

"Schiavo se vieni, sarai punito", ha detto e ha osservato la sua reazione.

Emise un basso gemito e i suoi occhi si girarono all'indietro nella sua testa mentre esplodeva. Lo schiocco in più del raccolto sul suo seno ha solo aiutato nel suo orgasmo, "Scusa maestro", è stato tutto ciò che ha detto.

Se non fosse stato per la sua disobbedienza alle regole, Michael avrebbe potuto ridere a crepapelle per il fatto che si fosse fatta leccare i piedi. Scommetteva che non sapeva che sarebbe potuto succedere o addirittura capirlo lei stessa. Michael sapeva che doveva punirla anche lui; aveva sperma dopo che lui le aveva detto di no. Con questo in mente, frugò in tasca e tirò fuori il guinzaglio. Mentre scendeva dall'alto, lui attaccò il guinzaglio al suo anello a D sul colletto. Lo infastidiva il fatto che lei avesse avuto piacere da qualcun altro oltre a lui.

Mentre si riprendeva, sentì la mano sulla gola, alzando lo sguardo incontrò tempestosi occhi azzurri e capì di essere nei guai. Il guinzaglio che era attaccato al suo colletto è stato sobbalzato e lei è subito caduta in ginocchio.

“Strisci come un cane,” disse Michael mentre si girava e si allontanava tirandosi dietro il guinzaglio.

Silk lo seguì rapidamente su mani e ginocchia dietro di lui mentre la conduceva fuori dalla stanza. Lo seguì fino a una rampa di scale dove lui le disse di scendere in piedi. Una volta giù per le scale, le ordinò di rimettersi di nuovo mani e ginocchia mentre la conduceva nella prigione. Una volta nella prigione, ordinò a Stacey di andare a recuperare la borsa dei giocattoli di Silk dal piano di sopra.

Con un sì Master, Stacey saltò per eseguire i suoi ordini; poteva vedere che il Maestro era incazzato. Corse su per le scale e afferrò la borsa riportandola rapidamente al fianco del Maestro. Si chiese cosa avesse fatto Silk questa volta.

"Stacey prendi tua sorella, spogliala e legala alla croce", le disse Michael mentre cercava nella borsa di Silk le cose che voleva.

Silk era un po' spaventata ora, ma si fidava totalmente di Michael, quindi cercò di rilassarsi. Sapeva che Michael non le avrebbe fatto del male, quindi ha aspettato il suo destino come una brava schiava mentre Stacey la spogliava e poi le legava le braccia alla croce. Stacey le fece un piccolo sorriso mentre lo faceva.

Michael ha perquisito la sua borsa e ha trovato la sua benda, una pagaia e il fustigatore di pelle di daino. Lasciando cadere la borsa ai suoi piedi, porse a Stacey la benda e, una volta a posto, si avvicinò a Silk.

Le braccia di Silk erano legate sopra la sua testa allo stesso modo della ragazza che aveva visto al piano di sopra. Ha annusato la colonia di Michael e sapeva che si era avvicinato, ma quando non ha fatto nulla è diventata preoccupata.

Michael la guardò agitarsi mentre guardava anche la folla riunirsi. Vide che anche il gentiluomo con l'accento era venuto a vedere la punizione di Silk. Per un breve momento pensò di slegarla e portarla a casa, ma capì che era stupido. Doveva essere punita qui davanti a tutti.

Una volta che tutti si furono seduti, la voce di Michael risuonò: "Schiavo mi hai disobbedito, perché?"

Silk sobbalzò al suono della sua voce, poi si riprese e rispose: "Perché ero cattivo".

Schiaffo! Le è andato la pagaia sul culo, "Questa non è una risposta adeguata", ha risposto Michael.

Silk sobbalzò allo schiaffo: "Scusa maestro, ti ho disobbedito perché non riuscivo a controllarmi".

Michael agganciò la pagaia al suo fianco e si voltò per far oscillare il fustigatore, all'inizio gentile ma acquistando intensità man mano che andava avanti. Sorrise tra sé quando Silk si alzò e lo prese.

Silk sentì il fustigatore colpirla per la prima volta e capì che era inutile combattere. Si alzò e prese tutto anche quando lui diventava troppo intenso.

Michael si è assicurato di colpirla dalle caviglie al culo e, occasionalmente, sulla parte superiore della schiena e sulle spalle. Si è assicurato che alcuni dei colpi si arricciassero intorno al suo corpo colpendole la figa. L'ha fatta girare un paio di volte in modo da poterle frustare la parte anteriore, specialmente i seni. Alla fine il suo corpo gli diede un segno che ne aveva avuto abbastanza e lui si fermò.

«Stacey, slega la tua sorella schiava, ordinò Michael.

Stacey ha detto di sì, Maestro, e ha fatto come ordinato. Una volta che Silk si è slegata, l'ha aiutata a inginocchiarsi ai piedi del Maestro.

Michael sorrise alla loro obbedienza. Si voltò e si sedette su una sedia che era a portata di mano.

"Schiavo, vieni qui e voltami le spalle." disse Michele.

Silk si avvicinò e si voltò come aveva ordinato. Quando ha fatto questo, le ha ordinato di inginocchiarsi e poi le ha agganciato le manette.

Con voce chiara, Michael ha affermato affinché tutti lo sentissero: "Dato che al mio schiavo piace venire senza permesso e disobbedire al suo Maestro, penso che possa premiare qualsiasi Dom o Domme che lo desideri con Oral fino all'orgasmo". Poi si chinò e le afferrò i capelli e le riportò l'orecchio alla bocca: "Andrai a dare orale a chiunque lo desideri e lo farai venire o altro. Ingoierai anche tu, se loro lo vorranno. Poi la spinse in avanti verso un Dom accanto a loro che stava già aprendo i pantaloni.

Silk strisciò in ginocchio verso il Dom che gli stava aprendo i pantaloni. Si inginocchiò sulle sue ginocchia e ne assorbì l'odore. Non era troppo cattivo pensò mentre lo prendeva in bocca. Velocemente lo succhiò cercando di farlo venire ed è stata ricompensata con un boccone di sperma.

"Non ingoiarlo", ordinò il Dom proprio mentre andava a ingoiare. "Voglio che lo dia da mangiare al mio schiavo."

Il Dom l'afferrò per la treccia e le rivolse il viso verso uno schiavo maschio. Silk si chinò verso di lui e incontrò la sua bocca con un bacio.

"Condividilo con lui, schiavo", disse la voce di Michael.

Silk baciò lo schiavo maschio e ingoiò un po' di sperma mentre gliene dava anche un po'. Alla fine non ce n'era più, così ruppe il bacio. Poi si voltò verso Michael in attesa del suo prossimo ordine.

Ridendo dell'espressione sul suo viso, Michael disse: "Mi hai sentito, vai in giro per la stanza e offri la tua bocca e la tua lingua a tutti i Dom e i Dommes". Le ha schiacciato il culo con un raccolto mentre si girava e se ne andava.

Silk notò una Signora che le piegava il dito e così Silk si avvicinò a lei. Quando Silk fu ai suoi piedi, la Signora si chinò e le accarezzò il viso. Quindi aprì il vestito e spinse il culo fino all'estremità della sedia. Alla fine spinse la faccia di Silk contro l'inguine.

Silk fu felice di vedere che questa signora era molto pulita. Lei leccò e succhiò finché non sentì la Signora sborrare, poi si chinò e la Signora le baciò la bocca. Alla fine Silk passò a un altro.

La successiva era un'altra signora, solo che voleva che Silk succhiasse il suo schiavo maschio. Silk fece come gli era stato ordinato e fu felice quando arrivò rapidamente, proprio mentre stava per ingoiare la signora le ordinò di non farlo e le disse di lasciarlo cadere dalla sua bocca nella sua. Il suo schiavo maschio poi si girò per sdraiarsi sotto la sua testa. Silk ha permesso allo sperma di cadere dalla sua bocca e nella sua. Mentre lo ingoiava, la Domme spinse Silks a testa in giù e ordinò loro di condividere l'ultimo sperma con un bacio.

Il bacio è stato intenso per Silk. Quando si ruppe, guardò lo schiavo e vide che era lo stesso per lui. Silk non lo capiva ma c'era qualcosa in questo schiavo che l'attirava ma prima che potesse soffermarsi su di esso Michael le ordinò di andare avanti. Silk lanciò un'occhiata a Michael, cosa che le valse una forte risata.

Silk si alzò a sedere e notò che il gentiluomo con l'accento la stava facendo cenno. Le venne in mente il pensiero che Michael non avrebbe voluto che lei lo toccasse, ma poi pensò anche troppo male, glielo fece fare. Con questo in mente, si avvicinò a lui senza guardare indietro a Michael.

«Mon petit chéri, votre Maître est un tel monstre. Je ne vous ferais jamais le faire. Glielo disse, facendole capire che l'accento era francese.

"Mi dispiace signore, non capisco", gli disse Silk mentre si sporgeva in grembo.
"Mon petit chéri, non è niente, mi stavo solo complimentando con te", ha mentito. Quindi ha aperto i pantaloni e ha permesso a Silk di vedere il suo cazzo.

Silk sussultò, era piuttosto grosso e grosso. Non era sicura di riuscire a metterselo in bocca e tanto meno a succhiarlo fino in fondo.

Al suo sussulto, rise: "Mon petit chéri, non devi metterti tutto in bocca. Se ti succhi solo la testa, ti aiuterò.

Silk ha fatto come ordinato e mentre l'ha aiutata come ha detto, ha parlato con lei. Silk avrebbe voluto che stesse zitto e sborrasse.

"Non ti piacerebbe sentire questo nella tua figa, mon petit chéri?" Chiese.

Silk scosse la testa di no, e lui rise così lei gli tolse il cazzo e gli disse che l'unico uomo che desiderava sentire dentro di lei era il suo Maestro.

All'insaputa di Silk, Michael la sentì e ora sorrideva con orgoglio.

Il signore era imperterrito e continuava a parlarle mentre lei lo succhiava. Alla fine, con grande sollievo di Silks, venne. La seta non era preparata per l'importo e finì con esso sul davanti e tra i capelli. Non riusciva proprio a ingoiare tutto.

Una volta che ebbe finito, si allontanò e si voltò per trovare Michael che la osservava. Le fece cenno di venire da lui, così lei si avvicinò a lui strisciando.

Una volta lì, si chinò e disse a Stacey di andare a prendere qualcosa per ripulire Silk. Mentre lei era via, si avvicinò a Silk e disse: "Ti ha mentito".

Silk lo guardò confuso.

«Quello che ha detto in francese. La sua traduzione per te, ha mentito. In realtà ti ha detto che il tuo Maestro è un tale mostro. Non ti farei mai fare questo. Ha anche continuato a chiamarti, mia piccola cara,” le sussurrò Michael all'orecchio.

Silk lo guardò di nuovo, chiedendosi perché importasse adesso.

Michael guardò il suo viso per una reazione, poi parlò: "Quindi ti senti lo stesso? Sono un mostro per averti fatto fare questo per tutti?”

Silk alzò lo sguardo per un momento e disse: "No Maestro, non penso che tu sia un mostro".

Michael le afferrò i capelli e la costrinse a guardarlo, “Davvero, allora cosa ne pensi? Che cosa cercava prima? Sei arrabbiato perché ti sto costringendo a fare questo? La verità, ora schiavo.

Silk lo guardò negli occhi: "Ero un po' arrabbiato per aver dovuto fare questo e quello sguardo era perché stavo facendo la pipì. Non mi dispiace davvero farlo però, come ti fa piacere. Mi dispiace anche di essere stata cattiva prima", ha detto.

Michael la guardò, guardando i suoi occhi mentre parlava. Quando ebbe finito, la baciò in pieno sulla bocca. Silk fu colta alla sprovvista quando lo fece perché si era appena esibita per via orale su molti altri uomini e aveva ancora sperma sulle labbra e il sapore ancora in bocca. Quando Michael ha rotto il bacio, Stacey era lì con il panno per pulire Silk. Michael prese il panno e le asciugò la fronte.

Una volta che fu pulita, la mandò dal barone. Si avvicinò a lui e notò che c'era anche la sua schiava Dyna. Dyna le sorrise mentre si avvicinava.

Il barone ha parlato: "Voglio che voi due mi succhiate entrambi e quando verrò voi due lo condividerete".

Dyna sorrise di nuovo a Silk mentre slacciava i pantaloni del suo Maestro. Una volta che ha avuto il suo cazzo libero, lo ha baciato e poi lo ha offerto a Silk. Silk le prese la testa in bocca mentre Dyna si chinò per leccargli le palle. Insieme hanno lavorato, succhiando e leccando fino a quando alla fine è esploso nella bocca di Dyna. Dopo il suo ultimo colpo, Dyna si voltò e baciò Silk.

Silk ha apprezzato molto il bacio poiché sentiva un'attrazione per Dyna. Mentre si baciavano, Dyna si sfregava contro Silk. Questo l'ha eccitata molto. Rimase delusa quando il barone li ordinò a parte.

"Dyna, puttana", rise il barone, "accendendola in quel modo".

Michael le fece cenno di tornare al suo fianco. Si avvicinò a lui e si inginocchiò ancora una volta ai suoi piedi. Sembrava che volesse che lei guardasse ancora una volta.

Dopo un po' qualcuno ha chiesto a Michael se i suoi schiavi volessero lottare lubrificati con alcuni degli altri schiavi. Michael ha chiesto a Syndee e Stacey se gli sarebbe piaciuto farlo, a cui hanno risposto frettolosamente: "Sì, maestro".

Michael si sedette più vicino al ring e ordinò a Silk di alzarsi in piedi. Mentre lei sedeva con lui e guardava, lui le accarezzò il collo tra i capelli. Questo la eccitava molto soprattutto quando le accarezzava un dito sotto il colletto. Presto la fece eccitare.

Michael sapeva che Silk stava rispondendo alle sue carezze. Gli piaceva il pensiero di avere il potere di eccitarla così con la sola mano. All'insaputa di Silk, tuttavia, Michael aveva altre idee sul perché le stesse accarezzando il collo e facendola eccitare così.

Michael voleva che anche lei lubrificasse il wrestling, ma la voleva di buon umore quando le si avvicinò con l'idea. Anche se la punizione non faceva parte del loro accordo per la serata, sapeva che lo era il wrestling e quindi voleva che lei dicesse di sì. Un modo sicuro per convincere uno schiavo ad essere disposto era accenderla. Michael sapeva come giocare la sua mano per quanto riguarda Silk.

Dopo che entrambe le sue sorelle schiave avevano lottato mentre guardavano la Domme di prima, si avvicinò a Michael e gli parlò a bassa voce. Lui rise e le disse che vedremo. Poi guardò Silk.

Silk deglutì a fatica chiedendosi cosa volesse Michael adesso. Non era spaventata, ma era ancora un po' nervosa con tutte queste persone.

"Schiavo ti piacerebbe lottare nel lubrificante?" le chiese Michele.

Silk ci pensò su per un momento e disse di sì senza esitazione.

Michael si rivolse alla Domme e le disse di andare a prendere la sua schiava e di annunciare la partita alla Maid chiamandola.

Michael si rivolse di nuovo a Silk e spiegò le regole. Ha spiegato come vincere, sul tapping e le diverse prese. Quando ebbe finito le chiese se lei capiva.

“È come lottare dalla televisione, vero? Conosco queste cose molto bene”, gli disse con un sorriso. Sperava di renderlo orgoglioso di lei soprattutto dopo il suo precedente errore.

La partita fu chiamata e Silk e lo schiavo entrarono sul ring. Era il primo schiavo maschio a cui aveva fatto un pompino prima di essere punita. Le sorrise e si inchinò come ordinato. Anche Silk si inchinò e la partita iniziò.

Hanno lottato in giro e Silk ha presto appreso che mentre le mosse erano come quelle che aveva visto in televisione, il lubrificante rendeva difficile eseguirle correttamente. Spesso finiva sul culo o sulla schiena come faceva l'altro schiavo. Presto furono entrambi sul tappeto a rotolarsi. Silk could feel the male slave’s erection rubbing against her and it turned her on. Because of Michaels stroking before, she was already hot and bothered, rolling with a male who sported an erection was making Silk even more turned on.

Boy; as he was called was fascinated by Silk. When she gave him the blow job earlier he was impressed as she made him shoot so fast. Then there was the kiss they shared. It tore at his soul. He was counting his blessings now that he got the chance to wrestle with her. He wished it could be more but knew that was impossible as he was only a slave.

Silk was close to cumming as he rubbed against her. She was about to loose it when he accidentally slid inside her wet and ready depths. As he hit bottom Silk lost it. Oh no she thought as she smothered her cry in his shoulder. She bit him and she felt him shoot deep in her. As they both came back to reality, he pinned her and the Ref counted to three. Lei ha perso.

As he got off her, he turned them so that no one saw what they had done. He helped her to stand and gave her a strange look. She lowered her eyes and went over to Michael.

Michael helped her out of the ring and could tell she was upset. Thinking it was over losing, he told her, “Don’t worry slave. I didn’t expect you to win your first time. I’m proud you did so well and lasted so long.” Pointing toward a bathroom he added, “Now go to the showers over there and clean yourself up”

Silk smiled at him glad he didn’t seem to notice the rest of what had happened. When he told her go shower she was relieved. She could get herself under control in the shower. She followed his directions to the shower and found that she wasn’t the only one waiting to shower. The male slave was also in there. She looked back at Michael and saw he wasn’t even looking her way. She started to turn and walk back but the male slave spoke.

“If you’re thinking we can’t shower together, you’re wrong. Slaves always shower together regardless of sex,” He told her with an air of authority.

Silk looked at him and found him looking at her. She smiled and followed him into the bathroom after the last couple exited.

Once they were alone, he spoke again making small talk. Silk kept her eyes down and didn’t respond much till he said, “Look I know you came so don’t freak out. I won’t tell if you don’t. We would both be in hot water if our Owners knew. I would get it way worse then you.”

Silk looked at him once more full in the eyes, “Okay fine then. Our little secret,” She asked as she held out her hand.

He agreed as he shook it and they proceeded to get cleaned up. At some point during their joint shower, Silk ended up in his arms and he was kissing her again. Silk felt guilty but couldn’t help the attraction she felt so when he entered her once more, she didn’t stop him.

He pressed her up against the wall and thrust into her quickly. Silk tried hard not to rake his back as she muffled their cries with a kiss. After a quick orgasm from them both it was over and they were both shaken. Without a word they finished cleaning up and he helped her clean herself out so no one would be the wiser, before parting, they reaffirmed their vow of secrecy, then Silk went back and knelt at Michael’ feet while he did the same with his Domme.

As Silk knelt at Michael’s feet she glanced up at him and found him smiling at her. She smiled back and dropped her gaze to the floor. After a few minutes, she started watching again. She was really engrossed in watching a Domme with her female slaves when Michael called her name.

“Yes, Master?” She asked as she looked up and saw Starla.

“Hello there,” Starla said when Silk looked up at her.

Silk smiled at her and greeted in return, “Hello Ma’am.”

Michael placed his hand on her shoulder so she turned and looked up at him. He smiled so she smiled in return. She listened to him chat with Starla and answered questions when asked but she was still engrossed in watching.

Storie simili

Le fantasie di Barbie Lez - Settimana 104: Lexi Lust e Sexxi Lexxi

Nota dell'autore 1: Queste brevi fantasie sono nate come mini-storie settimanali per i miei lettori, ma la newsletter è stata chiusa perché gli autorisponditori non accettano contenuti per adulti. Ho quindi deciso di pubblicare queste fantasie gratuitamente per far divertire i miei lettori. Ha lo scopo di intrattenere, quindi per favore non lasciare commenti odiosi se tutto non è perfetto. Dopotutto sono solo umano. Nota dell'autore 2: Sebbene questa fantasia possa essere letta indipendentemente, è stata scritta come parte di una serie. Per il massimo divertimento, leggi The Barbie Lez Fantasies: Week 1-103. *** Hai mai avuto una di quelle fantasie? Sai, quelli...

5 I più visti

Likes 0

Chat room: una vendetta malvagia della fidanzata

Torni a casa dopo una lunga giornata di lavoro; ti togli il cappotto e vai in cucina per una birra. Quando apri la porta del frigorifero, la tua ragazza si avvicina da dietro, coprendoti gli occhi con una benda. Lo lega stretto essendo un po 'ruvido Ho un osso da scegliere con te !! ti scatta contro. 'Ma che...?! Chiedi, alzando la mano per scoprirti gli occhi. Ti dà uno schiaffo sul dorso della mano e ti afferra il polso tirandoti fuori dalla cucina. Essendo bendato sei disorientato e perdi l'equilibrio, quasi inciampando mentre ti trascina su per le scale. La...

182 I più visti

Likes 0

La mia adorabile figlia Leia - Parte 2 Pseudo notte di nozze

Parte 2, la nostra pseudo notte di nozze Leia uscì dall'albergo, tenendomi per un braccio mentre spingevo il passeggino. Non potevo che ringraziare la mia buona stella, perché mi sentivo profondamente legata a mia figlia. Ne avevamo passate tante e ora tutto stava tornando rose e fiori. Abbiamo chiesto al portiere un bel posto dove camminare per pranzo e ci ha indicato un piccolo caffè a diversi isolati di distanza dal Dorchester. Ci siamo seduti e abbiamo mangiato un piccolo pranzo, dando da mangiare ai ragazzi pezzi di mela e arance. Stavamo parlando di cose diverse e mi sembrava, sembravamo già...

205 I più visti

Likes 0

La vendetta di Ambra

CAW # * Voce Questa è una storia di vendetta e dolore. Questa è una storia di amore e affetto. Questa è una storia di soddisfazione e persone che ottengono la loro punizione. La mia ragazza Amber ed io eravamo membri di un sex club. Ad entrambe piaceva andare e partecipare alla maggior parte delle attività del club, ma lei si rifiutava di fare sesso con altre donne. Le piaceva guardare altre donne nel club, farsi scopare e le piaceva anche guardare altre donne scoparsi a vicenda, ma non è mai stata in grado di leccarsi la figa. Ero perplesso da...

140 I più visti

Likes 0

Condividere un letto con la mamma parte 2

Condividere un letto con la mamma parte 2 Quindi, dopo aver fatto venire mia madre, ho tirato fuori il mio cazzo dal suo culo e mi sono sdraiato accanto a lei, entrambi riprendendo fiato, guardandoci negli occhi, sorridendoci l'un l'altro, ti amo mamma ti amo anche io figliolo abbiamo sudato parecchio e la mamma ha detto non dovremmo davvero andare a letto così, non voglio che le mie lenzuola siano tutte sudate, cmq figliolo, andiamo a farci una doccia e puliamoci a vicenda mi sono sdraiato a letto e ho guardato mia madre andare in bagno nuda, non riuscivo a staccare...

202 I più visti

Likes 0

UNISCITI AL SIGNORE OSCURO PARTE 2

Mi sono svegliato nella mia stanza dolorante dalla scorsa notte e ho preso gli occhiali e li ho indossati solo per scoprire che non riesco a vedere che è troppo sfocato, quindi li tolgo per scoprire che posso vedere meglio senza di loro. PAPÀ VIENI QUI PER UN SECONDO che cos'è figliolo non ho bisogno dei miei occhiali perché quello che è successo bene è della scorsa notte il signore oscuro era così felice che ti ha rifatto come ricompensa. Vai a guardarti allo specchio inciampo fuori dal letto, guarda nello specchio pieno e noto che ho perso molto peso, sembro...

206 I più visti

Likes 0

Cat girl Charity - Un invito personale a ballare

Benvenuti nella terza storia di Charity, una ragazza-gatto che sta cercando di trovare il suo posto nella vita, e anche un amore a lungo cercato. In questa storia vediamo la crescente relazione tra lei e il Cancelliere dell'Accademia, noto come Storm Dragon, e un potente mago a sé stante, oltre alle sfide quando un vecchio nemico si presenta per causare il caos nelle loro vite. Quindi vieni e unisciti a noi ora, poiché Charity è invitata a un ballo formale dell'Accademia, mentre ha altre idee di ballo in mente. Spero che ti piaccia questo. Si prega di lasciare alcuni commenti in...

187 I più visti

Likes 0

Il Progetto Zethriel (Capitoli Cinque - Sei)

---(Cinque)--- Quando Keria Shadoweye si svegliò, era sera. L'ultima luce del giorno stava filtrando attraverso le tende blu scuro, proiettando un bagliore torbido sulla stanza. Devono aver dormito per molto tempo, pensò. Sotto di lei, Zethriel dormiva pacificamente con il suo cazzo duro come una roccia di nuovo dentro la fica di Keria. Alzò la testa dalla sua spalla per guardarlo dormire. A cavallo di lui com'era, il suo cazzo la riempì di soddisfazione e il suo corpo era così caldo sotto di lei mentre il petto di Zethriel si alzava e si abbassava con il suo respiro. Non riusciva a...

234 I più visti

Likes 0

Benefici marginali relativi al lavoro, pt. 2

La scorsa notte è stata una notte incredibile e l'inizio di quello che speravo sarebbe stato una serie di bellissimi incontri con Susan, le sue figlie gemelle, e da non lasciare fuori, la mia ragazza migliore in ufficio e capobanda lussuriosa, Debbie. Persino la cameriera del bar, Tammie, ha proposto possibilità molto interessanti mentre dimostrava una propensione e una mentalità sessuale che secondo me dovevano contenere alcuni segreti sessuali da qualche parte nel profondo. E per quanto riguarda il personale dell'ufficio, tutte donne come ho detto prima, ora avevo avuto una vera festa di sborra esplosiva con due di loro. Con...

218 I più visti

Likes 0

THE FREAK - Parte 4 di 5

>>>>>>Entrammo in Massachusetts Avenue e trovammo un posto per parcheggiare a circa un isolato di distanza vicino a Harvard Yard, il nome dato al campus principale. Erano appena passate le dieci. La signora Atkins aveva detto di venire a qualsiasi ora, quindi siamo andati insieme all'ufficio ammissioni, trovandola alla sua scrivania. Presentai Barbara e prendemmo posto. La prima cosa che ho fatto è stata passare la cartella delle fotografie attraverso la scrivania. “Avevo chiesto a Barbara di sposarmi il venerdì sera precedente, il venerdì prima della domenica delle Palme. Ha indossato il suo anello di fidanzamento a scuola lunedì e...

157 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.