Che sorpresa

362Report
Che sorpresa

Ero il migliore amico di Marcus fin dai tempi del liceo ed era stato come un fratello per me, mi aveva persino nominato testimone al suo matrimonio dove aveva sposato una bellissima donna di nome Elise, non avevo mai capito perché Marcus avesse ha sposato Elise perché, per quanto dolce e bella com'è, potrebbe essere descritta come conservatrice e puritana. Essere un puritano non è di certo la cosa peggiore al mondo, ma non potrei mai immaginare perché Marcus, noto per dormire in giro, si sarebbe sistemato con una donna che avrebbe pensato che essere scopato alla pecorina è perverso, l'ho sostenuto comunque e divenne anche buon amico di Elise.

Quando Marcus è stato investito e ucciso da un guidatore ubriaco, sia io che Elise siamo crollati, abbiamo trovato conforto in diverse cose, io mi sono buttato nel mio lavoro mentre Elise ha iniziato a bere pesantemente, potevo capire perché lo stesse facendo ma odiavo vederla bere allontanarla dalla vita perché sapevo che Marcus non avrebbe voluto questo. Ho affrontato il problema del suo eccessivo bere qualche mese dopo la morte di Marcus, ma quando l'ho fatto è scoppiata in lacrime e mi ha detto che l'unica persona con cui si sentiva a suo agio a parlare di tutto ero io, ma con me che mi buttavo nel mio lavoro non ero in giro. Dopo aver parlato quella notte, abbiamo promesso entrambi che avremmo provato a cambiare, che avrei trascorso meno tempo al lavoro e che sarei stato lì per lei mentre Elise avrebbe ridotto il suo bere e, sebbene fosse difficile, entrambi abbiamo mantenuto le nostre promesse.

"Lo sai, lo so, pensi che non mi rilassi, ma non sono quello che lavora tutto il tempo e non si rilassa mai." Elise biascica leggermente le parole mentre si versa un altro bicchiere di gin e limonata.

"Oh, non mi sciolgo nello stesso modo in cui lo fai tu." Dico in modo suggestivo con un sorriso lascivo e un occhiolino che vogliono essere tutti uno scherzo e che in realtà fanno ridere Elise mentre mi schiaffeggia scherzosamente la mano.

"Quindi non ti stai rilassando?" Elise mi prende in giro mentre apro una birra e ne bevo un lungo sorso.

"Non sono sicuro che potresti gestirmi se lo fossi." Le dico facendo l'occhiolino scherzosamente ma Elise appoggia il bicchiere sul bancone della cucina prima di appoggiarsi al bancone e lanciarmi uno sguardo serio.

"Penso che tu mi sottovaluti, Elton." Dice con la voce che si abbassa mentre si sporge in avanti sul bancone avvicinandosi a me con.

Quando Elise si sporge in avanti, molti pensieri mi attraversano la mente, da "è così carina con i suoi lunghi capelli castani ondulati e gli occhi verdi" a "Vorrei che la sua maglietta fosse tagliata più in basso" a "Non posso fare nulla perché lei è la vedova della mia migliore amica'. La guardo quasi ipnotizzato mentre si lecca lentamente le labbra senza interrompere il contatto visivo con me mentre i suoi occhi diventano socchiusi e seducenti facendomi pensare che se non fosse la vedova della mia migliore amica l'avrei piegata sul bancone e l'avrei scopata finché non avrebbe urlato, ma il problema è che non potevo tradire la memoria di Marcus in quel modo.

"Non prendermi in giro, Elise." Le dico con voce ferma mentre i pensieri su cosa le farei mi attraversano la mente.

"Chi ha detto che sto scherzando?" Dice alzandosi e spingendo leggermente il petto verso di me, sento il mio cazzo contrarsi nei pantaloni mentre la sua maglietta si stringe leggermente mostrando il suo seno che non è grande ma allo stesso tempo non è piccolo e della giusta misura per prenderne una manciata.

"Non vuoi questo, sei la persona più vanigliata che conosco e io non faccio vaniglia." Glielo dico con voce bassa e piena di eccitazione.

“Non pensare per me. Forse voglio che qualcuno mi scopi come un animale e mi faccia sentire uno sporco. Poco. Troia." Elise fa una pausa tra le sue ultime tre parole per sottolinearle, le sue parole fanno venire voglia a una parte di me di correre dietro al bancone e scoparla finché nessuno dei due riesce a muoversi o pensare, ma mi trattengo pensando che forse sono solo i drink a parlare.

"Sei ubriaco, te ne pentiresti." Scatto estremamente consapevole che se non si ferma potrei non riuscire a fermarmi.

"Per l'amor del cielo, non sono ubriaco." Scatta con l'insulto nella sua voce di prima che la faceva sembrare sobria e infastidita, "guarda". Aggiunge aggressivamente facendomi guardare quasi paralizzata mentre mi sorprende infilando una mano sul davanti dei pantaloni.

La guardo in uno stato quasi di trance mentre lei ovviamente si passa le dita sulla figa prima di tirarle fuori dai pantaloni, posso vedere nella luce che le sue dita sono bagnate, il che in realtà mi coglie di sorpresa ma non tanto quanto quello lo fa dopo. Elise cammina lentamente intorno al bancone della cucina senza interrompere il contatto visivo con me finché non si trova direttamente di fronte a me, interrompo il contatto visivo con lei mentre alza la mano verso il mio viso e quando il suo dito bagnato del suo succo entra in contatto con il mio labbra Apro le labbra e accetto le sue dita nella mia bocca. Una volta che le sue dita sono nella mia bocca, le lecco e le succhio cercando di divorare fino all'ultima goccia dei suoi dolci succhi dalle sue dita.

Dopo aver succhiato per un lungo momento i succhi di Elise dalle sue dita, mi alzo e li tiro fuori dalla bocca con uno schiocco, poi lascio che le mie mani le afferrino le spalle e quando lo faccio, la tiro forte contro di me e premo immediatamente le mie labbra su la sua. Bacio forte Elise facendola sussultare nella mia bocca e mentre lo fa lascio scivolare la mia lingua nella sua bocca e inizio ad esplorare la sua bocca, Elise risponde un secondo dopo con la sua lingua che incontra la mia. Quando risponde lascio che una delle mie mani scivoli lentamente dalla sua spalla alla gola e la afferro leggermente mentre uso l'altra mano per attirarla più forte contro di me.

“Sei sicuro di volerlo? Non sarò più gentile con te di quanto lo sarei con chiunque altro. Chiedo e avverto Elise quando interrompiamo il bacio per respirare, però le lascio la mano sulla gola e uso il pollice per tracciarle lentamente dei cerchi sul collo.

"Sì, lo voglio." Praticamente sibila con la sua voce trasmettendo la quantità di eccitazione che sta provando in questo momento quasi così come lo fa l'espressione sul suo viso.

La tiro con forza contro di me in modo che ogni centimetro del suo corpo sia schiacciato contro di me e lei sussulta quando sente la mia erezione premere contro il suo stomaco, la lascio inspirare di nuovo dopo il sussulto prima di premere le mie labbra contro le sue e stringere la presa intorno a lei leggermente la gola, non abbastanza da soffocarla ma abbastanza da farle sentire la pressione. Dopo averla baciata con forte intensità per un lungo momento, ho lasciato che la mia mano scendesse dalla sua spalla fino al suo sedere, su cui faccio scorrere la mano un paio di volte prima di afferrarla forte facendole staccare le labbra dalle mie con un leggero strillo di sorpresa. Il culo di Elise è così perfetto che non posso fare a meno di massaggiarlo mentre la bacio di nuovo con forte intensità, non ci vuole molto prima che ritiri la mano e poi la riporti contro il suo culo, non con forza ma abbastanza forte per lei ritrarsi dal bacio con un grido di shock.

"Te l'avevo detto che non sarei stato gentile." Ringhio mentre lascio che la mia mano vaghi dalla sua gola verso il basso per unirsi all'altra mano sul suo sedere.

"Bene." Elise praticamente ringhia contro di me prima di emettere un gridolino di sorpresa e di leggero dolore mentre le schiaffeggio il sedere con entrambe le mani allo stesso tempo.

"Questi devono venire via." Dico con la voce che esce ancora come un ringhio mentre quasi strappo i pantaloni di Elise nella fretta di toglierteli.

Le mutandine di Elise sono addirittura tradizionali e non lusinghiere, ma non importa, perché una frazione di secondo dopo che le ho tolto i pantaloni, le sue mutandine seguono, l'ho sentita muoversi mentre le toglievo pantaloni e mutandine e mentre pensavo che stesse semplicemente cercando di stabilizzarsi scopro che mi sbagliavo. Guardo Elise lì in piedi e vedo che i suoi movimenti erano stati il ​​togliersi la maglietta, quindi è lì solo con indosso il reggiseno, sta arrossendo e sembra imbarazzata ma io lo ignoro e invece mi chino in avanti baciandola di nuovo forte mentre faccio il giro del mio braccia intorno a lei. Mentre bacio Elise uso le mani che sono dietro di lei per sganciarle il reggiseno e poi farglielo scivolare dalle spalle lasciandolo cadere a terra lasciandola nuda.

"Wow, il tuo corpo è fantastico." Glielo dico in realtà un po' sorpreso perché i vestiti che indossa non la lusingano e non ti aspetteresti le tette sode, la pancia piatta e il sedere gonfio che i vestiti nascondono.

"Veramente?" Chiede sembrando impacciata e vulnerabile, non le rispondo e invece abbasso la testa succhiandomi in bocca uno dei suoi capezzoli già eretti facendola sussultare.

Il sussulto di Elise si trasforma in un gemito mentre le stuzzico un capezzolo con la lingua e faccio rotolare l'altro capezzolo tra il pollice e l'indice mentre uso la mano libera per tenerla contro di me. Continuo le mie azioni per un po', assaporando il suono dei suoi gemiti e i leggeri tremori che attraversano il suo corpo prima di spostare la bocca sull'altro capezzolo mentre sposto la mano dietro la sua schiena per tenerla ferma mentre avvicino l'altra mano a il capezzolo che la mia bocca aveva appena lasciato libero.

“Elton, fanculo a me. Ora." Elise ringhia con la sua voce piena di bisogno e disperazione dopo che le ho stuzzicato i capezzoli per qualche lungo minuto.

"Non ancora." Le dico mentre mi allontano da lei e mi tolgo velocemente la maglietta, poi lascio che si allunghi e faccia scorrere le mani sul mio petto fino ai miei pantaloni dove cerca di slacciarli ma io le afferro le mani costringendole ad alzarsi prima di ringhiare: "Io detto non ancora, ho avuto solo un piccolo assaggio di te prima, ora lo voglio tutto.

La confusione offusca il viso di Elise per un attimo ma poi vado avanti afferrandola per il sedere e sollevandola facendola gridare per lo shock ma lei rimane in aria solo per un attimo perché la faccio sedere sul bancone della cucina. Uso le mani per allargarle brutalmente le gambe, sentendo il suo grugnito di disagio mentre le spalanco, posso vedere l'umidità della sua eccitazione gocciolare sul piano del bancone e perdo ogni controllo seppellendo il viso tra le sue gambe con una lunga leccata nella sua figa. Sono spietato nel modo in cui tratto la figa di Elise mentre divoro i suoi succhi senza preoccuparmi del piacere che può provare, preoccupandomi solo del dolce nettare che sto leccando, sono certo che deve provare un po' di piacere però perché si sta contorcendo e gemendo per le mie azioni.

"Oh cavolo, oh cavolo, sto per venire." Elise geme forte dopo qualche minuto mentre sento le sue gambe stringermi la testa e i suoi fianchi scontrarsi con forza contro la mia faccia.

Posso sentirmi gemere mentre Elise raggiunge l'orgasmo inondandomi la bocca con il suo sperma mentre mi tiene la testa contro la sua figa con le gambe, perché mi tiene la testa contro di lei decido di andare avanti ma passo dal leccarle la figa al scoparla completamente con la mia lingua. Sento le gambe di Elise afflosciarsi e sento i suoi gemiti addolcirsi facendomi sapere che sta scendendo dall'orgasmo ma meno di un minuto dopo i suoi gemiti aumentano di nuovo di volume mentre le scopo brutalmente la figa con la lingua. L'avevo avvertita che non sarei stata gentile e penso di averlo dimostrato con il fatto che le mie dita stanno affondando nella carne delle sue cosce mentre le tengo le gambe il più distanti possibile.

Elise raggiunge l'orgasmo un attimo dopo e invece di limitarsi a gemere questa volta grida mentre l'orgasmo la travolge, praticamente levita sul bancone della cucina mentre continuo a scoparla con la lingua mentre raggiunge l'orgasmo. Allontano la bocca da lei e guardo il suo orgasmo devastare il suo corpo facendola sussultare e grugnire, mi godo la vista del suo orgasmo estremo e decido proprio lì che voglio farla venire così ancora e ancora.

"Ti voglio dentro di me." Elise sussulta guardandomi con bisogno quando si siede dopo essersi ripresa dall'orgasmo, avevo già programmato di entrare presto dentro di lei ma dubito che fosse come voleva.

«In ginocchio allora.» Ringhio guardando la confusione attraversarle il viso per un momento prima che si renda conto di lei e lei lentamente scivoli giù dal bancone della cucina e si inginocchi davanti a me.

"Vuoi ancora essere trattata come una piccola troia sporca?" Ringhio la domanda sapendo che se avesse cambiato idea allora dovremo fermarci qui perché non potrò trattenermi se andiamo oltre.

"Si." Lei sibila con lo sguardo fisso sul grosso rigonfiamento che cerca di liberarsi dai miei pantaloni.

"Allora ricorda che l'unico modo in cui mi fermerò è se mi tocchi la gamba tre volte, non mi fermerò se stai soffocando o hai conati di vomito." La avverto e poi le faccio ripetere quello che le avevo detto prima di proseguire.

Mi rivolgo mentre Elise allunga la mano per togliermi i pantaloni, afferro le sue mani per il polso sottile e le tengo sopra la testa usando solo una delle mie mani, usando la mano libera apro lentamente la cerniera dei pantaloni e li abbasso guardando gli occhi di Elise mentre si seguire le mie azioni. Sento Elise sussultare mentre il mio cazzo esce dai miei pantaloni quasi schiaffeggiandola in faccia, la sua reazione combinata con l'espressione di shock e lussuria sul suo viso mi spinge a premere il mio cazzo contro le sue labbra che si aprono rapidamente accettando il mio carne dura nella sua bocca.

"Rilassa semplicemente la gola e respira attraverso il naso." Le dico mentre spingo il mio cazzo ancora di più nella sua bocca.

Elise mi guarda con un'espressione di paura quando non smetto di spingere ulteriormente il mio cazzo nella sua bocca anche se ha i conati di vomito, ma non mi tocca la gamba per farmi fermare, quindi continuo ad andare avanti. Tengo ferma la testa di Elise mentre inizio a spostare il cazzo fuori dalla sua bocca, fermandomi con la testa ancora dentro di lei prima di spingerlo dentro. La gola di Elise si chiude quando il mio cazzo entra in contatto con essa e io ringhio contro di lei per aprirle la gola mentre continuo a spingere dentro di lei finché non sento uno schiocco e il mio cazzo le affonda in gola ma devo tirarlo fuori velocemente e mentre segue il contenuto dello stomaco di Elise.

"Va bene continuare?" chiedo un po' preoccupata mentre vedo le lacrime rigarle le guance mentre tossisce e si asciuga il vomito dalle labbra, mi guarda e annuisce lentamente con la testa, "da brava troia, forse ora puoi prenderti il ​​mio cazzo in gola" senza vomitare questa volta.

Le mie parole sono dure e un po' crudeli, ma le avevo detto che non sarei stato gentile e che non sarei stato gentile con lei, quindi non lo sono, ma allo stesso tempo non voglio fare nulla che possa ferirla davvero o costringerla a fare qualsiasi cosa, dopo tutto non sono crudele e dominante. Uso le mani per tenerle la testa a posto mentre spingo lentamente il mio cazzo nella sua bocca e poi nella sua gola, questa volta non incontro molta resistenza e mentre lei ha i conati di vomito non devo tirare fuori il mio cazzo per farlo. lasciala vomitare. Comincio a spingere lentamente dentro e fuori dalla sua bocca e dalla gola, amo la sensazione della sua bocca calda e bagnata e le vibrazioni che viaggiano attraverso il mio cazzo ad ogni bavaglio, inizio lentamente ad aumentare la velocità delle mie spinte finché non la sto scopando. gola con un ritmo costante ma ancora incapace di far entrare tutta la mia lunghezza nella sua gola.

"In piedi." Ringhio dopo averle scopato la gola per qualche minuto, Elise si alza lentamente in piedi e ammiro la sua forma nuda e la lucentezza del sudore e della saliva che le fanno brillare il seno e la parte superiore del corpo, fortunatamente non le è rimasto addosso il vomito, solo il pavimento.

"Piegarsi." Ordino senza aver bisogno di dirle cosa fare mentre la faccio girare bruscamente e la spingo contro il bancone della cucina con la metà superiore del suo corpo premuta contro il piano del bancone.

Posso dire che Elise sa cosa succederà ora mentre allarga le gambe come invito, ma aspetto un momento mentre ammiro l'enorme quantità di umidità che gocciola dalla sua figa e mi chiedo se è così che si bagna di solito. Dopo aver studiato a lungo la sua figa rossa, infiammata e gocciolante, faccio un passo avanti e con un forte colpo seppellisco tutta la mia lunghezza dentro di lei, lei grida in un misto di shock, dolore e piacere facendomi emettere un ringhio gutturale di puro lussuria animalesca.

"Voglio essere scopata come un animale e trattata come una piccola troia sporca, te lo concedo." Glielo dico in modo rude prima di tirare fuori quasi completamente il mio cazzo da lei e darle due forti schiaffi sul culo.

"Argh, cazzo." Elise urla mentre il dolore degli schiaffi si registra e io la spingo con forza dentro di lei facendo scivolare il suo corpo sul ripiano del bancone mentre i suoi fianchi sbattono contro il bancone.

"Ti scoperò finché non avrò rotto quella tua graziosa fica." Ringhio mentre inizio a scoparla forte e veloce con una forza tale che i suoi fianchi sbattono contro il bancone e il mio corpo sbatte contro il suo con ogni spinta selvaggia.

I suoni delle sue urla e grida di dolore e piacere si mescolano con i suoni del mio corpo che schiaffeggia il suo e dei suoi fianchi che colpiscono il bancone, i suoni della nostra scopata brutale riempiono la stanza mentre la colpisco come se la odiassi. Le sue urla e le sue grida aumentano di volume e intensità mentre continuo a scoparla selvaggiamente, i suoi suoni continuano ad aumentare finché all'improvviso non emette un lungo urlo forte mentre sento la sua figa contrarsi attorno al mio cazzo e lei viene. Non le do il tempo di riprendersi mentre le avvolgo una mano tra i capelli e la tiro costringendola ad inarcare la schiena mentre continuo a sbatterla contro con una ferocia animalesca che la fa presto gridare di nuovo di dolore e piacere con mio grande piacere.

Sentirla gridare di nuovo mi sprona e le tiro più forte i capelli mentre provo a spingere più forte ma dopo un paio di minuti mi fermo e mi tiro fuori da lei provocando un gemito dalle sue labbra per l'improvvisa rimozione del mio cazzo.

"Cos..." Elise inizia a fare una domanda ma si interrompe con un grido di shock e dolore mentre faccio scivolare la mia mano libera sotto di lei e poi la uso, insieme alla mia mano ancora allacciata tra i suoi capelli, per tirarla su in piedi. posizione.

"Dai." Ringhio usando i suoi capelli per trascinarla fuori dalla cucina e in soggiorno dove la butto sul divano.

Elise mi guarda con un'espressione spaventata sul viso, ma non mi interessa e la sento gemere mentre forzo le sue gambe il più possibile e poi le spingo le ginocchia verso la testa. La vista di Elise con le gambe spalancate e le ginocchia che praticamente toccano le spalle è estremamente erotica e non riesco a trattenermi mentre le do due forti schiaffi alla figa facendola urlare di dolore. Elise ha appena smesso di urlare quando mi chino in avanti, le afferro forte la gola e la spingo dentro di lei con tutta la mia lunghezza, cerca di spostare le gambe fuori dalla loro posizione scomoda e dolorosa ma io metto il braccio libero sulle sue gambe per tenerle sollevate vicino alla sua testa .

"Non muoverti, cazzo, prendila come la sporca troia che sei." Ringhio mentre inizio a martellarle la figa facendole aprire la bocca in un urlo silenzioso.

Colpisco Elise più forte e veloce che posso, tenendole le gambe a posto e soffocandola più forte di prima. Non ci vuole molto prima che senta la sua figa iniziare a pulsare attorno al mio cazzo e tutto il suo corpo inizia a tremare mentre raggiunge di nuovo l'orgasmo quasi facendomi venire allo stesso tempo. Mi alzo velocemente da Elise e rilascio le sue gambe e la gola prima di afferrarle il corpo e spostarla bruscamente in modo che la sua testa cada all'indietro dal divano.

"Apri tutta la troia." Ringhio guardandola mentre risponde istantaneamente spalancando la bocca e guardandomi con paura ma anche eccitazione nei suoi occhi.

Spingo dentro la sua bocca sentendo un'ulteriore fitta di piacere quando non sento la sua gola bloccare il mio cazzo come aveva fatto prima, anche se non riesco ancora a far entrare tutta la mia lunghezza dentro di lei. Non comincio a scoparle la gola come penso che si aspetti da me, invece mi abbasso e le avvolgo la mano intorno alla gola prima di massaggiarle il cazzo attraverso la carne. Tiro fuori quasi completamente dalla sua bocca per permetterle di prendere una grande boccata d'aria attorno al mio cazzo prima di tuffarmi di nuovo dentro di lei e quando lo faccio lei ancora una volta ha conati di vomito mentre il mio cazzo spinge nella sua gola inviando vibrazioni attraverso la mia lunghezza e facendomi provare a spingerle più a fondo nella gola. Le vibrazioni del conato di Elise e il modo in cui la sua gola si contrae attorno al mio cazzo mi spingono oltre il limite e con un forte ringhio gutturale le vengo in profondità nella sua gola spruzzando un flusso dopo l'altro del mio sperma direttamente in gola.

"Penso che sia stato il miglior sesso che abbia mai fatto." dice Elise qualche minuto dopo mentre giace nuda sul divano con la testa appoggiata sulle mie ginocchia.

"È stato dannatamente fantastico." Le dico scostandole delicatamente una ciocca di capelli dal viso mentre la guardo sorridermi.

"Possiamo rifarlo presto?" chiede Elise, la sua voce si abbassa e diventa roca mentre praticamente fa le fusa.

"Se lo facciamo, non sarò gentile come lo sono stato questa volta." Avverto la parte di me che vuole spaventarla perché mi sento in colpa perché ho appena fregato selvaggiamente la moglie del mio migliore amico morto.

"Sei stato gentile?" Chiede sembrando un po' nervosa ma lasciando uscire una risata sommessa.

“Sì, voglio dire, ti ho fatto venire solo quattro volte? E poi non ho scopato quel tuo culetto stretto." Le dico facendo scorrere una mano lungo il suo corpo e sul suo sedere.

"Quindi farai di più la prossima volta?" Chiede apparendo incuriosita ed emozionata dalle mie parole.

"Beh, dovrei assolutamente scopare quel culo." Le dico stringendole il culo facendola ridacchiare prima di continuare a parlare: "Dovrei tirare fuori i giocattoli e le corde, ti farei venire così tanto che mi supplicheresti di smettere e io lavora sulla tua gola, voglio che tu possa prendere tutto il mio cazzo fino a quando il tuo naso non sarà premuto contro le mie palle.

Sento Elise tremare e il mio cazzo sussultare mentre la immagino legata con il mio cazzo in fondo alla gola e un vibratore premuto contro la sua figa facendola raggiungere l'orgasmo mentre le scopo la gola. Mi sento ancora in colpa per il fatto che fosse sposata con il mio migliore amico che era morto pochi mesi fa, ma penso anche che a Marcus sarebbe andato bene perché anche se sono dominante e rude quando scopo qualcuno, sono violento anche premuroso e protettivo. Sento un paio di lacrime scappare dai miei occhi mentre tutti questi pensieri mi attraversano la mente ma li asciugo velocemente sperando che Elise non li abbia visti ma quando parla so che aveva visto le lacrime.

"Cosa c'è che non va?" Chiede con voce dolce e preoccupata mentre mi guarda con gli occhi spalancati.

"Mi stavo solo chiedendo cosa avrebbe pensato Marcus di tutto questo." Dico sinceramente, l’espressione di Elise si incupisce momentaneamente ma poi sorride leggermente e parla.

"Penso che gli andrebbe bene, sì, puoi essere duro e un po' spaventoso ma sei gentile, premuroso e protettivo, quindi penso che preferirebbe questo piuttosto che io che esca per cercare di trovare qualcun altro." Mi dice la sua voce cruda per l'emozione facendo sì che si formino lacrime in entrambi gli occhi anche se ora stiamo entrambi sorridendo.

"Lo spero." dico piano mentre inizio a passarle una mano tra i capelli assaporando la sensazione della sua testa sul mio grembo, il mio cazzo si contrae di nuovo come se non sapesse del tumulto emotivo nella mia testa e si preoccupasse solo della testa di una bellissima la donna si premette contro di esso.

"Ti stai preparando per il secondo round?" Chiede con la sua voce roca e con un sorriso sul viso che riesce ad essere sporco e carino allo stesso tempo, gira anche un po' la testa e strofina delicatamente la sua guancia contro il mio cazzo.

"Non se ne rende conto ma sono esausto." Le dico indicando il mio cazzo che è di nuovo parzialmente duro, "puoi restare anche la notte però e poi la mattina possiamo riprendere da dove avevamo interrotto, al mattino non c'è niente di meglio del sesso".

"Che ne dici di svegliarti con qualcuno che ti succhia il cazzo?" Chiede con quel sorriso sporco ma carino ancora sul viso.

"Avevi ragione prima, ti ho sottovalutato." glielo dico con una risatina sommessa che sembra farla rabbrividire.

"Te l'avevo detto." Dice scherzosamente con una risata che si trasforma in un sussulto mentre la riposiziono delicatamente ma con fermezza in modo che sia a cavalcioni del mio grembo con il suo corpo premuto con forza contro il mio prima di baciarla, non la bacio con la stessa intensità quasi violenta di prima ma invece la bacio dolcemente e dolcemente.

"Hai il problema che non ti sottovaluterò più." La avverto prima di baciarle il collo.

"Se porta a più sesso del genere, allora non penso che sia un problema." Me lo dice con un gran sorriso stampato in faccia facendomi ridere prima di baciarla di nuovo mentre i pensieri di tutte le cose che le farò in futuro mi attraversano la mente.

Storie simili

Rossa focosa

Il mio nome è Rachel. Ho 35 anni, 5'7 , 135 libbre, capelli rossi che mi superano le spalle, occhi azzurri, lentiggini, pelle bianca pallida (mi dispiace che le rosse non si abbronzino). Indosso un reggiseno taglia 36DD con bei capezzoli grandi ( è impossibile nasconderli) e tengo il mio cespuglio rosso curato e curato. Sean è il mio migliore amico, facciamo quasi tutto insieme. Siamo amici da anni e non è mai successo niente di sessuale tra di noi. Così quando abbiamo deciso di fare un viaggio a Las Vegas per festeggiare il mio divorzio, non ci ho pensato. solo...

1.6K I più visti

Likes 0

Emerge la cagna interiore

Lo ha incontrato al bar circa 10 minuti dopo l'orario stabilito. Le piaceva farli aspettare, le piaceva la sensazione di potere che le dava vedere lo sguardo di sollievo quando arrivava. Indossava un abito semplice e poteva vedere il sollievo misto a una certa delusione sul suo viso quando notò che non indossava gli stivali. Sorridendo tra sé, mantenne il suo sorriso distaccato e si avvicinò al tavolo. Rimase lì, lanciando uno sguardo mirato alla sedia mentre aspettava. Dapprima perplesso, alla fine si rese conto che avrebbe dovuto alzarsi quando lei si avvicinò. Alzandosi rapidamente, fece il giro del tavolo per...

830 I più visti

Likes 0

La proposta: obblighi rispettati

La proposizione: Gli obblighi vengono rispettati Jenny e io abbiamo dormito fino a domenica mattina. Erano passate le 10:00 quando finalmente siamo scesi dal letto. “Dopo la nostra doccia, cosa vorresti per colazione?” chiese Jenny mentre iniziava a rotolare giù dal letto. Ha poi avuto uno sguardo addolorato sul suo viso. OH! Uumm, Jim, onorerò il nostro patto. Puoi avermi quando vuoi, ma se per te va bene, possiamo fare qualcos'altro la prossima volta? Sono così dolorante, non sono sicuro di poter nemmeno camminare. Il suo dolore era abbastanza comprensibile. Ho dovuto spingere molto forte per sfondare il suo imene e...

751 I più visti

Likes 0

Holli e una vela serale

Holli mi ha incontrato all'estremità del molo... e il mio cuore ha perso un battito quando è scivolata alla vista. Era vestita per una serata a bordo della mia barca: semplici sandali da barca, un bel top azzurro e un paio di pantaloncini cachi molto comodi che le dondolavano facilmente sulle curve, accennando a ciò che aveva da condividere sotto. 5'9 con capelli biondi, gambe lunghe e un corpo atletico in forma, Holli era entrato nel mio mondo attraverso un pomeriggio magico che abbiamo condiviso sul lungomare di Vancouver. Questa serata è stata il risultato del mio invito perché ci eravamo...

634 I più visti

Likes 0

Dovere coniugale

Ricordo ancora la prima volta che ho visto Sandra per la prima volta. Ero un giovane trasandato di vent'anni. Era una ragazza molto sexy di 22 anni. È venuta da me mentre stavo cercando di avviare la mia motocicletta Norton 750 Commando un po' capricciosa. Ha detto qualcosa a proposito del fatto che le piacciono le biciclette. Questo era tutto quello che avevo bisogno di sentire. Una bruna dall'aspetto attraente con grandi occhi marroni in un paio di jeans attillati che si avvicina a me e mi dice che le piacciono le biciclette. La mia vita ha preso una svolta positiva...

489 I più visti

Likes 0

La vendetta di Danni

La vendetta di Dani La leggera nebbia aggiungeva umidità all'aria. Il fresco della notte la avvolse come un asciugamano bagnato, facendole correre un brivido lungo la schiena. Era fortunata a conoscere così bene la zona, altrimenti si sarebbe facilmente persa. Guardò attraverso gli alberi la casa dove viveva, sorridendo leggermente all'unica candela elettrica accesa nella finestra della cucina. Dani Summers ricordava le notti in cui restava sotto quella finestra ad aspettare che Joel Fuller uscisse per vederla. Poteva ancora sentire il calore delle sue braccia avvolte attorno a lui, il sapore dei suoi baci, la pienezza del suo cazzo nella sua...

422 I più visti

Likes 0

Il mio ultimo respiro cap. 1

Amelia Il mio respiro sembrava pesante nel silenzio mortale che mi circondava. Le strade deserte sono immerse nell'oscurità totale e lasciano che le ombre e la fitta nebbia lo rendano estremamente spaventoso e sinistro. Non sapevo se avrei mai potuto smettere di correre, ma sapevo che presto avrei dovuto farlo, perché presto i miei polmoni e il mio cuore non ce la facevano più, perché mi sentivo come se fossi pugnalato con un coltello ad ogni respiro e passo che ho fatto. Ma non riuscivo proprio a fermare i piedi, perché ogni volta che cominciavo a camminare e cercavo di rilassarmi...

482 I più visti

Likes 0

UNISCITI AL SIGNORE OSCURO PARTE 2

Mi sono svegliato nella mia stanza dolorante dalla scorsa notte e ho preso gli occhiali e li ho indossati solo per scoprire che non riesco a vedere che è troppo sfocato, quindi li tolgo per scoprire che posso vedere meglio senza di loro. PAPÀ VIENI QUI PER UN SECONDO che cos'è figliolo non ho bisogno dei miei occhiali perché quello che è successo bene è della scorsa notte il signore oscuro era così felice che ti ha rifatto come ricompensa. Vai a guardarti allo specchio inciampo fuori dal letto, guarda nello specchio pieno e noto che ho perso molto peso, sembro...

1.7K I più visti

Likes 0

Il debito e il suo prezzo elevato

'Come mi sono cacciato in questo?' pensa Jerry mentre rimane seduto a fissare la busta davanti a lui. Non l'ha ancora aperto, ma sa da chi viene. Dopo un po' lo raccoglie e lo guarda ancora un po', rigirandolo tra le mani. Sembra proprio come tutti gli altri. Semplice bianco, timbro regolare e nessun indirizzo di ritorno. Lo apre dopo circa due ore che lo guarda, temendo cosa c'è dentro. Quello che tira fuori è peggio di quanto avrebbe immaginato. Ha in mano una foto di sua figlia di 18 anni, Kali. Anche in queste circostanze non può fare a meno...

1.6K I più visti

Likes 0

Andare a lontano

Quando faccio scivolare la mia mano tra le tue gambe e dico Questo è mio, siamo chiari. Il sesso non è la risposta. Il sesso è la domanda. Sì è la risposta. Nicole mi ha visto in coda al ricevimento di nozze di sua sorella. Eccomi fuori come se fossi appena uscito da GQ. Mi sto muovendo lentamente verso di lei. Nicola trattenne il respiro. Doveva incontrarmi. Nicola si guardò intorno. Mi ha visto dall'altra parte della piscina. Sembravo sulla cinquantina. Sono più alto di chiunque altro nella sua famiglia italiana. Nicole ha indovinato che sono alto un metro e ottanta...

856 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.