Gli amici di papà mi toccano

555Report
Gli amici di papà mi toccano

Storia di Fbailey numero 635


Gli amici di papà mi toccano


Quando compii tredici anni mia madre se n'era andata da tre anni e papà era tutta la mia vita. A malincuore si è fatto avanti e mi ha aiutato a comprare il mio primo reggiseno, mi ha parlato del ciclo e mi ha fatto conoscere gli assorbenti. Mi ha persino comprato un vibratore, un grosso dildo di silicone e un plug anale. Poi ovviamente mi ha insegnato a farmi una doccia e un clistere. Papà ha anche messo una buona serratura alla mia porta in modo che potessi avere la mia privacy se lo volessi. Le cose andavano benissimo con noi due soli, poi ho compiuto tredici anni.

Papà ha organizzato tre feste per il mio compleanno. Venerdì ho invitato sei dei miei amici più cari per una festa e un pigiama party. Papà rimase nella sua camera da letto in modo che potessimo avere la libertà di correre nudi se lo desiderassimo. Lo desiderava! Tuttavia, man mano che diventavamo assonnati e storditi, diventavamo più coraggiosi. Alla fine eravamo tutti nudi e correvamo da una stanza all'altra saltando sui mobili, strisciando sotto i tavoli e giocando a palla. Nel frattempo ho infilato il naso nella figa di Sally quando si è fermata all'improvviso. Il suo naso entrò nella figa di Jessica. Abbiamo riso tutti ma ho deciso di leccare la figa di Sally mentre ero lì. Prima che me ne rendessi conto eravamo tutti di nuovo nella mia camera da letto a leccarci le fighe e a baciarci. Ho leccato tutte e sei le ragazze e tutte mi hanno leccato. Ho avuto tre orgasmi.

Il giorno dopo papà invitò le ragazze a restare alla sua festa con uomini più grandi. Ridacchiarono al pensiero ma tornarono comunque a casa. Vorrei averlo fatto.

Sono arrivati ​​sei ragazzi dell’età di papà. Ognuno portava con sé una confezione da ventiquattro di birra. Sarebbero finiti in una situazione di merda.

Stavo provando i vestiti nuovi che le ragazze mi avevano regalato la sera prima. Erano abiti estivi sexy e piuttosto rivelatori... proprio quello che volevo.

Sono sceso con un top fatto con una bandana e un po' di spago. Tutto quello che ha fatto è stato coprirmi le tette. Indossavo anche un paio di pantaloncini molto aderenti.

Papà ha fischiato e mi ha afferrato per la vita, trascinandomi sulla sua sedia. La sua mano salì sulla mia spalla, scese lungo la mia schiena nuda per atterrare sul mio sedere sodo e dargli una piccola stretta. Gli altri ragazzi hanno visto cosa aveva fatto e, a turno, mi hanno palpato il culo. Papà poi mi ha ordinato di mettermi qualcos'altro e di tornare giù. Ho indossato un outfit che faceva ben poco per mostrare la mia figura da adolescente. Papà mi ha guardato con indosso la maglietta, il reggiseno e i blue jeans. Mi afferrò di nuovo, mi attirò a sé e affondò il viso nel mio seno sinistro mentre mi accarezzava di nuovo il sedere. Tutti e sei mi sono asciugati il ​​naso sul seno e la maggior parte di loro mi ha infilato la mano tra le gambe anche da dietro.

Mentre mi stavo cambiando mi sono reso conto che a loro non importava cosa indossavo, tutto quello che volevano fare era palparmi. Va bene! Darò loro quello che vogliono, ma gli costerà caro.

Ho indossato una camicia da notte sexy che la mamma aveva lasciato quando se n'era andata. Era rosa e stavo davvero bene in rosa. Mi sono guardato allo specchio. Potevo vedere i miei capezzoli scuri attraverso il tessuto. Potevo vedere la mia figa nuda perché non riuscivo a trovare le mutandine abbinate. Sarebbero comunque stati trasparenti, quindi qual era la differenza? Ho legato e riannodato il nastro un paio di volte per ottenere un fiocco perfetto. Poi ho indossato una vestaglia e sono scesa.

Sono entrato nella stanza e ho detto: "Questo vestito ti costerà venti dollari ciascuno".

Uno dei ragazzi chiese: "Cosa potresti mostrarci che varrebbe centoquaranta dollari?"

Ho aperto la vestaglia quel tanto che bastava per mostrare loro quasi una tetta, poi l'ho richiusa velocemente. In un attimo sul tavolino c'erano sette banconote da venti dollari.

Mi guardai intorno per la stanza e lasciai cadere la vestaglia sul pavimento.

Papà disse: "Vieni qui e abbracciami".

L'ho guardato e ho detto: "Se vuoi palparmi, ti costerà altri cinquanta".

Il furbo disse: "Quanto fa cinquanta diviso sette?"

Ho risposto: "Cinquanta ciascuno".

Due dei ragazzi hanno detto: "Non ne ho cinquanta".

Ho risposto: "Fa schifo essere te".

Presi i soldi dal tavolo e andai da papà. Tesi la mano da lontano. Ci ha messo cinquanta dollari e poi mi sono fatto avanti. Sapevo che qualunque cosa avessi lasciato fare a papà, anche gli altri avrebbero voluto farlo, e forse anche un po' di più.

Papà mi ha succhiato entrambi i capezzoli, mi ha fatto scorrere le mani sul culo nudo e poi ha scopato con le dita la mia figa vergine. È stata la cosa più emozionante che avessi mai provato. La lingua di una ragazza è bella, non fraintendermi, ma il dito ruvido e calloso di un uomo è molto meglio. Ho guardato l'orologio e ho lasciato che papà mi toccasse per tre minuti prima di allontanarmi.

Ho chiesto: "Chi sarà il prossimo?"

Ogni mano si alzò. Gli uomini che prima non avevano cinquanta dollari avevano ottenuto prestiti negli ultimi tre minuti.

Ho semplicemente fatto il giro della stanza in senso orario prendendo i loro soldi e lasciandomi palpare per tre minuti.

Dopo aver tirato fuori il dito dell'ultimo uomo dalla mia figa bagnata, ho chiesto: "Allora cosa vuoi dopo e quanti soldi hai?"

Hanno tirato fuori i loro soldi. Il totale ammontava a cinquecento dollari. Due degli uomini avevano appena incassato i loro assegni paga. Ne avevo già quattrocentonovanta, quindi avrei potuto raddoppiare quella cifra.

Poi ho chiesto: "Cosa vuoi che faccia dopo?"

Il ragazzo che ha versato la maggior parte dei soldi ha detto: "Vogliamo tutti scoparti".

Ho risposto: "Sono vergine".

Disse: "Non verrai dopo stasera". Poi rise come un matto.

Papà ha detto: “Ehi! Guardalo! Quella è mia figlia di tredici anni. La galera vi ricorda qualcosa?»

Dopo un momento lo stesso ragazzo chiese: "Possiamo assaggiare la tua figa e tu succhiare i nostri cazzi finché non ti sborriamo in bocca."

Un altro ragazzo ha aggiunto: “E per quel tipo di soldi devi ingoiare anche tu”.

Ho sorriso, mi sono tolto la camicia da notte e ho detto: "Ho bisogno di altri dieci dollari per arrivare a mille".

Sul tavolo furono aggiunti dieci dollari. Ho raccolto tutto e ho portato i soldi in camera mia per nasconderli. Sono tornato giù e ho detto: “Ci ho pensato su. Ho tre buchi vergini. Invece di sette di voi che mi scopano la bocca, cosa succederebbe se lasciassi che due di voi mi scopino la figa e uno di voi mi infili il cazzo nel culo?"

Papà ha detto: "Cosa?"

Poi ho detto: "Guarda, ho avuto quei giocattoli sessuali abbastanza a lungo da sapere che mi piacciono i cazzi di gomma nella figa e nel culo. Mi sono esercitato finché non sono riuscito a ingoiare profondamente il mio dildo di silicone e anni fa mi sono rotto l'imene, quindi non dovrebbe esserci dolore.

Il ragazzo schietto ha chiesto: "Allora perché non possiamo scoparti tutti allora?"

Papà mi aveva chiamato carcerato ma ero stato io a offrirmi a tre di allora di scoparmi. Non riuscivo a pensare ad alcun motivo per cui non farlo, quindi ho risposto: "Papà può scoparmi per primo, voglio che ottenga la mia verginità. Allora voi ragazzi potrete scoparmi solo uno dei miei buchi e solo una volta... e non pensate che io voglia sei cazzi nel culo la prima volta che esco. Se ne vuoi di più, vieni con cento dollari e sarò tuo per un'ora ogni notte.

Il furbo ha chiesto: "Allora quanti di noi possono incularti?"

Sapevo dove avrebbe messo il cazzo. Ho chiesto: "Uno di voi può scoparmi la bocca, due scoparmi il culo e gli altri quattro scoparmi la fica? Mi farò perdonare un'altra volta."

Papà disse: “Aspetta! Penso che dovremmo scoparle tutti la figa adesso, scoparle la bocca più tardi e poi, a turno, scoparle il culo una notte alla volta.

Sconvolto, ho detto: "Che minuto, papà".

Poi aggiunse: "Le inculate costeranno a ciascuno di noi altri cento dollari".

Questo mi ha fatto sorridere.

Il tavolino è stato rimosso. Due cuscini furono tolti dal divano e posati sul pavimento. Poi papà mi ha fatto sdraiare sui cuscini. I sette uomini si sono alternati a leccarmi la figa pulita prima che papà la sporcasse.

Ero sicuramente abbastanza bagnato quando papà mi ha infilato il cazzo dentro per la prima volta. Era davvero emozionato ed è arrivato molto più velocemente di quanto avrebbe voluto. In effetti anche loro sono arrivati ​​molto più velocemente di quanto avrebbero voluto. Ogni uomo ha fatto il suo turno infilando il suo cazzo nella mia figa. Ho amato ogni cazzo che è entrato in me. Si sentivano tutti benissimo e sono venuto con ognuno di loro. Diavolo, stavo per lasciare che mi scopassero di nuovo, ma papà ha detto: "Okay tesoro. Vai di sopra e fatti un bel bagno caldo. Pulisci anche quella tua figa. A quel punto dovremmo essere tutti pronti per i nostri pompini. Ricorda che devi deglutire.

Gli ho semplicemente sorriso mentre prendevo la camicia da notte e l'accappatoio e salivo le scale. Sapevo che mi stavano guardando tutti, quindi ho mosso ancora un po' il culo. Sapevo che anche loro potevano vedere il loro sperma gocciolare lungo le mie gambe. Quando sono arrivato sul gradino più alto ho avuto anche un altro orgasmo. La doccia era rinfrescante e il bagno calmante. Non mi ero accorto che quei sette galli avevano causato un po' di usura laggiù. Ero felice di non averli lasciati andare per un secondo round. Sapevo anche che la mia mascella sarebbe stata altrettanto dolorante quando avessi finito. Poi ho pensato a cosa avrei potuto fare con mille dollari.

Il furbo è stato il primo cazzo ad entrarmi in bocca e stava progettando di essere anche il primo nel mio culo. Per essere sicuro me ne offrì trecento se potesse essere il primo e il secondo. Voleva una doppia ripresa del mio bel culo. Ho sorriso e ho detto: "Domani sera alle otto in camera mia e porta i soldi". Poi è venuto nella mia bocca e ho ingoiato il suo sperma. Gli altri sei si sono presi il loro tempo, a differenza di quando mi hanno scopato la figa. Nessuno aveva fretta di vedermi finire e salire in camera mia. Papà voleva essere l'ultimo, ma penso che stesse solo riservando il meglio per ultimo. Era gentile, il suo sperma aveva un sapore eccezionale e ce n'era anche tantissimo. Dopo che tutti furono soddisfatti li ringraziai e salii nella mia stanza. Ero troppo esausto per lavarmi i denti, quindi ho assaggiato lo sperma di papà tutta la notte.

Papà mi ha svegliato la mattina per la festa di compleanno di famiglia. Domenica come una bella giornata calda e soleggiata. Ero in bikini e stavo sdraiato al sole quando hanno cominciato ad arrivare. Le mie zie salutarono e poi entrarono per organizzare la tavola del cibo. I miei zii controllarono il mio corpo e un paio di miei cugini si sedettero vicino a osservarmi. Brenda, una delle mie cugine, è uscita in bikini e mi ha sussurrato all'orecchio: “Mio padre vuole scoparti. È nella tua camera da letto con i soldi. Farò divertire questi ragazzi finché non tornerai giù."

L'ho guardata e ho capito che non stava scherzando. Sono andato a cercare papà e lui ha detto: “Lo zio Bill è nella tua stanza. Gli ho detto che gli avresti permesso di scoparti la figa per duecento dollari. Se lo vuoi, sali. Ti coprirò io qui."

Salii. Mentre salivo le scale ho iniziato a immaginare di avere il cazzo di zio Bill dentro di me. Poi mi sono chiesta perché Brenda lo sapesse. Forse anche lei si lascia scopare da lui. Forse papà l'ha scopata. Non avevo più tempo per pensarci. Ho aperto la porta della mia camera da letto, sono entrato e l'ho chiusa dietro di me. Ho lasciato cadere il bikini a terra e ho teso la mano. Lo zio Bill mi ha dato i soldi e mi ha spinto sul letto. Mi ha tirato le gambe attorno al collo e ha immerso il suo cazzo dentro di me. Non ero abbastanza bagnato e ho rabbrividito quando è entrato in me, ho rabbrividito di nuovo quando ha toccato il fondo. Dopodiché era un martello pneumatico. Tutto quello che ero era la sua puttana. Mi sentivo così a buon mercato. Mi stava usando solo per il suo piacere e io non mi divertivo affatto. Per fortuna ha finito in pochi minuti e mi ha lasciato lì sul letto.

Mi sono ripulita, mi sono rimessa il bikini e sono scesa al piano di sotto. Zia Betty mi prese da parte e mi chiese: "Mio marito ha guadagnato quanto vale i suoi soldi?"

Ho risposto: “Penso di sì. Non è durato molto a lungo.

Lei rise e disse: “Non lo fa mai. Buon compleanno."

Ho chiesto: "Come mai Brenda lo sapeva?"

Lei rise di nuovo e disse: “Anche lui deve pagare entrambi. Altrimenti non gli permetteremo di scoparci”.

Ho chiesto: "Papà scopa Brenda?"

Lei semplicemente sorrise, mi tenne stretto e disse: “Lo ha fatto alcune volte, ma penso che d'ora in poi ti occuperai di tutti i suoi affari. Dice che sei la miglior scopata che abbia mai avuto."

La festa è andata bene e ho ricevuto dei bei regali. Brenda e io lasciamo che i nostri cugini vedano le nostre tette dietro il garage. La festa finì dopo poche ore e tutti tornarono a casa.

Un'ora dopo ho ricevuto una chiamata. Era lo zio Tim e mi ha chiesto se poteva scoparmi per duecento dollari. Gli ho detto di venire. Mi aveva chiamato dalla veranda. Ha salutato papà e poi l'ho portato su in camera mia. Il mio bikini si è staccato di nuovo e lui si è spogliato. Non aveva fretta. Mi ha baciato, mi ha accarezzato e mi ha solleticato il clitoride finché non l'ho implorato di smettere. Mi ha leccato la figa e poi è entrato in me lentamente. Non assomigliava per niente alle mie precedenti otto scopate, lo zio Tim era un vero gentiluomo e sapeva come trattare una donna. Ho avuto diversi orgasmi prima che finalmente mi riempisse del suo sperma. Quando ho guardato la sveglia era passata un'ora. Avevo solo mezz'ora prima che il Furbo venisse a incularmi. Avrei voluto dirgli di no e mandarlo via... ma non l'ho fatto.

Mi sono fatto un clistere e mi sono spruzzato un sacco di K-Y Jelly nel sedere. Ho infilato il plug anale, ho indossato la vestaglia e sono scesa ad aspettarlo.

Il furbo era in anticipo e pronto. Mi ha detto che mi avrebbe squarciato così forte che avrebbe potuto infilarmi dentro una pannocchia e non avrebbe nemmeno toccato i lati. Si, come no! Avevo visto il suo cazzo e non era il più grande del gruppo. Ho pensato che avrei dovuto rabbrividire e gemere un po' solo così avrebbe pensato che mi stava facendo del male.

Siamo saliti direttamente nella mia stanza. Senza alcun preliminare mi ha spinto sul letto, ha tirato fuori il plug anale e poi mi ha infilato il suo cazzo su per il culo. Meno male che l'ho lubrificato io stesso. Si è spinto dentro di me, mi ha tirato i capelli e mi ha costretto a gridare. In qualche modo pensava che il mio pianto fosse dovuto al fatto che il suo cazzo mi faceva male. Vabbè! Quando arrivò, mi spinse e si sdraiò accanto a me. Non voleva coccolarmi o palparmi. Voleva che gli succhiassi il cazzo finché non fosse stato abbastanza duro da entrarmi di nuovo. Sapevo di essere pulito lì dentro e sapevo che il K-Y non aveva quasi alcun sapore, quindi perché no. Prima riuscivo a convincerlo a venirmi nel culo per la seconda volta, più velocemente potevo liberarmi di lui. Gli ci è voluta poco più di un'ora per venirmi dentro due volte ma non ho detto nulla al riguardo.

Che compleanno... avevo millenovecento dollari, tanti regali e avevo perso tutta la verginità. Sì, tutti. Anche zia Betty mi ha pagato duecento dollari per pomiciare con lei. Ci siamo baciati, le ho succhiato i capezzoli e le ho leccato il clitoride fino a raggiungere due orgasmi. Le è piaciuto davvero quando le ho leccato il buco del culo. Ha detto che ero migliore di Brenda perché ci mettevo il cuore.

Quell'estate guadagnai una piccola fortuna. Si era sparsa la voce che i soldi mi avrebbero fatto allargare le gambe. Ho avuto clienti fissi, ho avuto molti nuovi clienti e sono diventato molto popolare. Ho scoperto che Brenda era troppo esigente con chi si lasciava scopare e me li mandava. Non ero affatto esigente finché avevano i soldi.

Quando in autunno iniziò la scuola, le ragazze mi evitarono, chiamandomi puttana. I ragazzi continuavano a chiedermi il prezzo. I miei insegnanti mi hanno detto di ignorare gli altri studenti. Fanculo tutti, non avevo bisogno della scuola, potevo assumere un insegnante a tempo pieno che venisse a casa mia. Poi di nuovo un'istruzione mi fornirebbe un lavoro migliore e più soldi... probabilmente no.

Quando compii diciotto anni possedevo diverse proprietà immobiliari in tutta la città. Ne ho trasformati quattro in bordelli e avevo più di venti ragazze che lavoravano per me. Ognuno di loro aveva abbandonato la scuola superiore. Ho preso il venticinque per cento del loro compenso e sono diventato molto bravo in matematica. Ho finito il liceo e ho frequentato l'università per conseguire una laurea in economia. In realtà l'obiettivo era aumentare la mia base di clienti, aumentare il mio reddito annuale e diversificare.


Fine
Gli amici di papà mi toccano
635

Storie simili

Dovere coniugale

Ricordo ancora la prima volta che ho visto Sandra per la prima volta. Ero un giovane trasandato di vent'anni. Era una ragazza molto sexy di 22 anni. È venuta da me mentre stavo cercando di avviare la mia motocicletta Norton 750 Commando un po' capricciosa. Ha detto qualcosa a proposito del fatto che le piacciono le biciclette. Questo era tutto quello che avevo bisogno di sentire. Una bruna dall'aspetto attraente con grandi occhi marroni in un paio di jeans attillati che si avvicina a me e mi dice che le piacciono le biciclette. La mia vita ha preso una svolta positiva...

500 I più visti

Likes 0

Organismo X - Cap. 08

Nota dell'autore: dopo diversi mesi di sviluppo infernale, vi presento l'ottavo capitolo di Organism X - Ora con il 100% di scoregge in meno! 1 In lontananza, Erin poteva sentire la ragazza appena trasformata gemere e grugnire mentre la bionda, Lindsay, giocava con lei. Il suono la ripugnava e allo stesso tempo la eccitava. Sarà una bellezza quando cambierà completamente, ha detto Megan. Erin si voltò verso l'arrogante bruna. Sei un mostro. Siete tutti dei mostri, ha detto. Megan sbuffò. Come se non lo fossi? Erin bruciava di vergogna e fissava il pavimento. Un'immagine della ragazza terrorizzata che Erin si era...

457 I più visti

Likes 0

Quanto di meglio si possa III

Obiettivo 5: preparami un gustoso succo di sperma con un bicchiere pieno. Questo è stato abbastanza facile. Ma tutto ha una parte difficile. Ecco un bicchiere pieno. Rani ha avuto un fottuto lavoro a scuola. Quindi se n'è andata la mattina indossando un sari rosso assassino. Avrei solo voluto andare a scuola. Prima di andarsene, mi ha dato un bicchiere usato per servire lo champagne, si è avvicinata a me e mi ha palpato dolcemente il cazzo. Rani :( sussurrandomi all'orecchio con voce sexy) fallo lavorare. Io: posso usare la tua stanza dei quadri???Sai. Usa la tua TV. ?? Rani: va...

784 I più visti

Likes 0

Il patto del diavolo Slave Chronicles Capitolo 4: Gioia, prima cera

Cronache degli schiavi del patto del diavolo da miopenname3000 Diritto d'autore 2015 Gioia: prima cera Nota: Mary ha dato Joy alla madre di Mark, Sandy, e alla fidanzata di Sandy, Betty, perché fosse la loro schiava sessuale. 19 giugno 2013 – Joy Nguyen – South Hill, WA Va tutto bene, sussurrò una voce confortante. Ho lottato per aprire gli occhi; dormire ancora pesante sulle mie palpebre. Potevo sentire il letto tremare dolcemente mentre qualcuno si spostava. Una donna singhiozzò sommessamente. La confusione mi invase; Non ero nel mio letto. Dove ero io? Riuscii ad aprire gli occhi, sentendomi grintoso con poco...

714 I più visti

Likes 0

Gli esibizionisti, parte 2

Gli esibizionisti Episodio 2 Squadra di nuoto Disclaimer: quanto segue è un'opera di fantasia. Pertanto, ho scelto di ambientarlo in un mondo in cui il controllo delle nascite è sicuro, efficace e disponibile al 100% e tutte le malattie sessualmente trasmissibili sono state sradicate. Nel mondo reale, alcune delle scelte che questi personaggi fanno sarebbero estremamente rischiose. Non comportarti come loro. Riepilogo: nell'episodio 1, la protagonista e la sua amica Steph hanno compiuto 16 anni, si sono fatte fare il piercing ai capezzoli, hanno sperimentato il risveglio sessuale, hanno comprato giocattoli sessuali, hanno visto un vecchio sporco masturbarsi e si sono...

607 I più visti

Likes 0

Il bussare alla porta_(1)

Il bussare alla porta mi ha sorpreso. La notte di gennaio in Iowa era fredda, fredda, fredda. Mi ero già tolto i vestiti per la notte e mi sono seduto sulla mia poltrona a scrivere sul mio portatile; era una breve storia della mia infanzia. Dal mio divorzio tre anni prima, ho passato molto del mio tempo da solo a scrivere; principalmente sull'argomento di cui so più di ogni altra cosa... io. Ho scritto centinaia di storie sulla mia vecchia città natale e sulla mia famiglia. I miei nove fratelli hanno fornito tonnellate di ricordi che voglio, un giorno, condividere con...

1.5K I più visti

Likes 0

L'estate finisce

Erano passati tre mesi da quel giorno che le aveva cambiato la vita quando suo figlio l'aveva scopata. Lei aveva 34 anni, lui ne avrebbe presto 18. Adesso scopavano regolarmente e insieme avevano capito come separare le loro sessioni sessuali dalla vita di tutti i giorni. Il seminterrato della loro casa che ospitava l'attrezzatura per il bucato era stato diviso per fornire una piccola area ricreativa con un letto al centro e una zona spogliatoio protetta dove sua madre teneva la sua collezione di lingerie sexy acquistata di recente da un sito di sesso su Internet. Tutto ciò che riguardava la...

757 I più visti

Likes 0

La proposta: obblighi rispettati

La proposizione: Gli obblighi vengono rispettati Jenny e io abbiamo dormito fino a domenica mattina. Erano passate le 10:00 quando finalmente siamo scesi dal letto. “Dopo la nostra doccia, cosa vorresti per colazione?” chiese Jenny mentre iniziava a rotolare giù dal letto. Ha poi avuto uno sguardo addolorato sul suo viso. OH! Uumm, Jim, onorerò il nostro patto. Puoi avermi quando vuoi, ma se per te va bene, possiamo fare qualcos'altro la prossima volta? Sono così dolorante, non sono sicuro di poter nemmeno camminare. Il suo dolore era abbastanza comprensibile. Ho dovuto spingere molto forte per sfondare il suo imene e...

764 I più visti

Likes 0

Fuori dal rack

Sarto Derek, un amico di una confraternita del college, mi ha chiamato era in città per un evento di altissimo livello e la compagnia aerea ha perso i bagagli Sarei in grado di aiutarli Gli ho detto che ero felice di dare una mano e gli ho dato l'indirizzo del mio negozio Li ho fatti passare e ho trovato rapidamente un abito che si adattasse a Derek, sua moglie era un'altra questione Kim era molto bassa e aveva una meravigliosa figura a clessidra La sua faccia da folletto incorniciata da riccioli ramati fino alle spalle Quindi avrebbe dovuto stare in piedi...

704 I più visti

Likes 0

Come mia sorella mi ha fatto venire - senza saperlo

Quella che segue non è una storia di cui sono necessariamente orgoglioso. Non è nemmeno una storia molto lunga, perché l'evento vero e proprio è durato davvero poco. È imbarazzante, è poco lusinghiero e, forse, è anche un po' sbagliato. Si tratta, comunque, di una storia vera, accaduta qualche tempo fa, e poiché penso che ad alcuni potrebbe piacere davvero, sono disposto a descriverla nei minimi dettagli. E quindi, senza ulteriori indugi, vi presento la storia di come mi sono imbattuto accidentalmente in mia sorella - e sono riuscito a farla franca. O in realtà, c'è ancora qualche rumore. Ho promesso...

669 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.