Tragedia del dolore

478Report
Tragedia del dolore

DISCLAIMER: SG-1 i suoi personaggi appartengono a B.W, J.G. e MGM. Non è prevista alcuna violazione del copyright, non si guadagnerà denaro.
NOTA DELL'AUTORE: Alcuni dialoghi tratti dallo spettacolo. Suggerimento datomi da London, ("Janet, per favore, non farlo. Non arrenderti, per favore!" implorò Sam al suo amante.) Non l'ho usato come prima riga, ma ha ispirato questa storia. Scritto per il calendario FSAC DD10. Un ringraziamento speciale a oxfordshoes2 per la beta!
SPOILER: AU. Viene impostato durante e dopo S05E06 Rite Of Passage.
ATTENZIONE: morte del personaggio e molta angoscia.
ARCHIVIAZIONE: Solo con il permesso dell'autore.

La tragedia del dolore
Di Dhamphir



Il dolore represso soffoca,

infuria nel petto,

ed è costretto a moltiplicare le sue forze.
– Ovidio, poeta romano


La tragedia cambia le persone, anche quelle buone.

– Rommie, avatar androide dell'Ascendente di Andromeda



Janet entrò nella stanza di Cassie nell'infermeria. È rimasta sorpresa nel vedere un pezzo degli scacchi levitare e girare a mezz'aria davanti a sua figlia.


"Cassandra? Cosa stai facendo?"


"Aiuta... fare questo."


"Come?"


"È come se il calore lasciasse il mio corpo e entrasse nel pezzo degli scacchi." Fece una pausa. "Non hai una cura, vero?"


"No. Stiamo ancora provando-"


"Va tutto bene."


"No, non lo è. Potremmo ancora imparare qualcosa dai campioni biologici riportati dall'SG-1. Potrebbe esserci qualcosa che aiuterà il tuo corpo a produrre anticorpi."


"Voglio che succeda questo, Janet."


"Non dirlo", implorò in lacrime.


"Accadrà comunque."


"Sei malato."


"Sai che adesso c'è di più. Posso sentire il potere dentro di me. È solo l'inizio."


"E insieme a ciò il tuo corpo sta subendo uno sforzo fisico tremendo."


"Pensi che mi ucciderà?"


"Sono... preoccupato per questa possibilità, sì."


"Non mi interessa!" - gridò la ragazza.


"Beh, dovresti!" Janet non riusciva a trattenere la voce dal tremare mentre la paura di perdere sua figlia la opprimeva in modo opprimente. "Conosco i limiti del corpo umano–"


"Forse non sono più umano."


"Certo che lo sei."


"Forse morire è parte della trasformazione." Cassie sembrava quasi impaziente di morire.


"Non mi interessa se lo è o no!"




-------------------------------------------------- ------------------------------


L'allarme è stato il primo segnale che qualcosa non andava. Sam e Janet corrono nell'infermeria e trovano un aviatore che controlla il corpo di un'altra guardia che era stata uccisa.


"Cassandra!" Janet corse nella stanza di sua figlia, con Sam alle calcagna.


Cassie era seduta sul letto. "Era un Goa'uld", ha detto. "Dormivo. Pensavo fosse un'infermiera venuta a prelevarmi il sangue... ma ne ho avvertito la presenza."


"Non ho percepito nulla", ha sottolineato Sam.


"È stato dopo che te ne sei andato. All'inizio non c'era nessuno, ma poi, quando si è avvicinato, ho visto qualcuno."


Sam prese il telefono e accese al sistema PA. "Questo è un allarme Codice 3! Abbiamo bisogno di zat e TER nella stanza di isolamento 4, adesso!"


"Stai bene?" chiese Janet a Cassie.


"È scappato quando ho urlato."


Il generale Hammond arrivò con gli uomini dell'SG-1. Sam ha spiegato loro cosa era successo e ha ordinato la perquisizione sistematica della struttura.


Jack ha deciso di restare con Cassie e Janet per tenerli d'occhio. Guardò Cassie. "Ho pensato che l'avessi respinta la prima volta, quindi sono più al sicuro qui con te."


"È stata qui per tutto il tempo che sei tornato," rispose.


"La troveremo", la rassicurò.


"Ha ragione. Perché ha aspettato fino ad ora per dare la caccia a Cassandra?" chiese Janet.


"Voleva sapere se il suo esperimento funzionava", ha detto Cassie.


"Non sai cosa vuole."


"No. Se... se la trasformazione mi avesse ucciso, lei avrebbe lasciato che accadesse. Non capisci?"


"Tesoro, non adesso."


"No! Ma ha funzionato!"


"Cassandra!"


All'improvviso la ragazza indicò la sala di osservazione e urlò: "Attento!!"


La finestra di osservazione andò in frantumi e Janet coprì protettivamente sua figlia mentre un SF illuminava l'invisibile intruso con una TER. Jack le ha sparato con la sua zat. Rimosse il panno che copriva il volto dell'intruso, confermando che si trattava di Nirrti.


Jack ha inserito i tasti della radio. "Sicurezza nella Sala ISO 4. Tutte le squadre di ricerca si dimettano."


Cassie cominciò improvvisamente ad avere le convulsioni.


"Cassie? Cassie! Non farlo!" esclamò Janet. "Per favore, portala fuori di qui", disse a Jack, riferendosi all'inconscio Nirrti. "Forza! Muoviamoci! Rotolatela... facile." Un'infermiera aiutò a far rotolare Cassie su un fianco mentre la sua crisi continuava.




-------------------------------------------------- ------------------------------


Daniel si mise al passo con Janet mentre camminava lungo il corridoio. "Dice che può aiutare Cassandra."


"Se ci fidiamo di lei."


"Se la lasciamo andare."


"Credi che possa davvero aiutare?"


"Penso che valga la pena provare."


"E il generale Hammond? Cosa farà?"


"Non ha ancora deciso."


"Ho davvero bisogno di tornare da Cassandra."


Daniel le afferrò la mano, fermandola. "Io– sappiamo tutti quanto sia stata dura per te, quindi se hai bisogno di qualcosa..."


Janet tolse rapidamente la mano dalla sua. "Grazie," rispose mentre proseguiva per la sua strada ed entrava nella stanza di Cassie. Guardò la cartella clinica di Cassie, cercando di pensare. "Va bene, dammi 70 milligrammi di dantrolina."


"Medico?" chiese l'infermiera, assicurandosi di aver sentito bene.


"Ora."


"Mamma?" chiese debolmente Cassie mentre riprendeva conoscenza.


"Sono qui. Ti stiamo solo dando qualcos'altro per cercare di abbassarti la febbre.


"Sta succedendo."


"Okay, voglio che tu faccia quello di cui abbiamo parlato, okay? Voglio che tu combatta questa cosa."


"Non voglio combatterlo."


"Devi! Tesoro, il tuo corpo non sarà in grado di sopravvivere a ciò che questo virus retrò sta cercando di fare."


"Dov'è Sam?"


"Sono andato a vedere se può darti qualche aiuto."


"No! Lascia che accada! Lascia che accada!" Cassie ebbe nuovamente un attacco epilettico.


"Goccia 10 di valium", ordinò Janet all'infermiera mentre metteva una maschera di ossigeno a sua figlia.


"C'è il valium." L'infermiera guardò il monitor. "La sua temperatura è 106!"


"Dantroline non funziona?!" La Dantroline era stata l'ultimo disperato tentativo di controllare la febbre alta di Cassie. Janet non aveva più opzioni mediche... ed era disperata. Afferrò un iniettore a molla di morfina solfato e se ne andò per fare l'unica cosa a cui riusciva a pensare. Avrebbe fatto in modo che Nirrti aiutasse Cassie.




-------------------------------------------------- ------------------------------


"Il generale Hammond in sala d'attesa," risuonò dall'impianto audio.


Hammond e l'SG-1 arrivarono e trovarono Janet con una pistola addosso al Goa'uld ammanettato, seduto su una sedia nella sua cella.


"Dottor Frasier, si dimetta", ordinò il generale.


Anche se la sua voce tremava, la sua mano no. "Non posso farlo, signore. Non ho scelta."


Sam si spostò accanto a Janet in modo che il dottore potesse vederla. "Janet? Non farlo."


"Non posso aiutare Cassandra... lei può."


"Dottor Frasier, l'SG-1 mi ha già convinto a fare un patto per la vita di Cassandra. Questo non è necessario," spiegò Hammond.


"Allora accetti le mie condizioni?"


"Solo uno: una volta che avrai guarito Cassandra dalla sua malattia, sarai libero di andare", disse il generale, chiaramente non contento.


"E come faccio a sapere che onorerai questo?"


"Hai la mia parola."


"Non buono abbastanza."


"Allora ti ricorderò che la donna che ti punta la pistola è la madre di Cassandra."




-------------------------------------------------- ------------------------------


Con un dispositivo di guarigione Goa'uld in una mano e un altro dispositivo Goa'uld nell'altra, Nirrti tentò di aiutare Cassie.


Dopo solo pochi secondi si fermò. "Hai aspettato troppo a lungo."


"Prova ancora," ringhiò Janet.


Nirrti ci ha riprovato, sembrando impegnarsi di più. Cassie ha iniziato a tossire non appena ha ripreso conoscenza e i suoi parametri vitali hanno iniziato a migliorare.


"È fatta."


Dopo aver rispettato la parte del patto, Sam e Jack scortarono Nirrti al cancello.


Passò meno di un'ora quando la febbre di Cassie aumentò di nuovo. Ha avuto un attacco febbrile che non si è fermato finché il suo cuore non si è fermato.


Cassie se n'era andata.




-------------------------------------------------- ------------------------------


Il tempo divenne una cosa amorfa, il suo passaggio segnato da preparativi per funerali, condoglianze, visitatori con stufati e ore infinite di dolore troppo grande per essere espresso.


Sam aveva il cuore spezzato, ma anche nel mezzo del suo dolore cercava di essere di conforto per Janet. Ma Janet non permetteva a nessuno, nemmeno al suo amante, di consolarla: non voleva essere confortata. Era triste oltre ogni dire... e arrabbiata. Arrabbiato con i Goa'uld perché sono dei mostri; arrabbiata con Nirrti per essere stata così malvagia e crudele da sperimentare sui bambini, su suo figlio; arrabbiata con il generale Hammond per aver impiegato così tanto tempo per decidere che valeva la pena salvare sua figlia, per aver dovuto essere convinto in primo luogo; arrabbiato con Daniel per aver suggerito che dovrebbero fidarsi di Nirrti; arrabbiato con Sam e Jack per aver lasciato andare Nirrti prima di assicurarsi che la cagna avesse effettivamente curato sua figlia; arrabbiato con tutti per aver compatito lei; ma soprattutto, arrabbiata con se stessa per non essere stata un medico abbastanza bravo da salvare sua figlia.




-------------------------------------------------- ------------------------------


"Ehi, Sam. Come stai?" chiese Daniel a bassa voce quando entrò nella sala attrezzi.


Era il suo primo giorno di ritorno al lavoro dopo il funerale di Cassie. Gli rivolse un tremulo mezzo sorriso. "Sono stato meglio." Ha accettato il suo abbraccio.


"L'amavamo tutti."


"Lo so."


"Come se la cava Janet?"


"Non lo so davvero."


"Cosa intendi?"


Sospirò. "Mi ha completamente escluso, Daniel. Non ne vuole parlare con me. Non credo che abbia nemmeno pianto."


"Forse non dovresti andare in missione oggi? Forse dovresti restare ed essere qui per lei. Sono sicuro che Jack capirebbe."


"Capirei cosa?" chiese O'Neill quando entrò.


"Siamo preoccupati per Janet. Janet non sta parlando di quello che è successo."


"Parlare è sopravvalutato", disse sicuro il colonnello.


"Non capisci, Jack, Sam dice che secondo lei Janet non ha nemmeno pianto per quello che è successo."


"Capisco... meglio di chiunque di voi," sbottò. Dopo aver preso un respiro calmante, continuò. "Lascia stare Doc. Ognuno soffre a modo suo. Dalle solo un po' di tempo e spazio per fare ciò di cui ha bisogno." Jack afferrò il suo zaino. "Andiamo; è ora di andare", ordinò.




-------------------------------------------------- ------------------------------


Janet era seduta nella sua macchina. Non voleva entrare nella montagna e affrontare tutti. Non voleva vedere la pietà nei loro occhi, né sentire altre condoglianze.


Alla fine, fece un respiro profondo e scese dalla macchina. Sfortunatamente, gli sguardi iniziarono con le guardie al punto di controllo di sicurezza... e continuarono con ogni singola persona che incontrò lungo la strada verso l'infermeria.


Quando alcuni membri del suo staff medico hanno espresso le loro condoglianze, lei ha scattato.


"Non ho bisogno né voglio la tua pietà! Cassandra è morta e non posso farci niente. La vita va avanti. Quindi, andiamo avanti." Ha sbattuto la porta dell'ufficio, nascondendo gli sguardi scioccati dei suoi colleghi.


La notizia del suo sfogo, ovviamente, raggiunse il generale. Avendo vissuto la perdita di sua moglie, conobbe un dolore straziante. Non era arrabbiato con la sua CMO quando andò in infermeria per parlare con lei; voleva semplicemente farle sapere che capiva, almeno fino a un certo punto – non riusciva a immaginare cosa volesse dire perdere un figlio.


Bussò alla porta chiusa dell'ufficio.


"Che cosa?" sentì il dottore sbottare stizzoso.


Janet alzò lo sguardo quando la porta si aprì ed entrò il generale Hammond. Era una delle ultime persone che voleva vedere. Lottò per mantenere un linguaggio civile nella sua testa. "Signore."


Il suo scopo di venire cambiò quando notò i cerchi scuri sotto gli occhi del dottore, i muscoli facciali che si flettevano mentre lei stringeva la mascella e la mancanza di espressione sul suo viso. Fece un respiro lento mentre misurava le sue parole.


"Penso che forse sia tornato al lavoro troppo presto, dottore. Voglio che si prenda un po' di tempo libero."


"Non ho bisogno di ferie, signore", disse in tono misurato. Non voleva davvero essere lì, ma desiderava ancora meno restare a casa da sola.


"Non è un suggerimento", ha risposto. "So che stai soffrendo e hai tutto il diritto di esserlo. Ma essere qui..." Le parole 'dove è morta Cassie' non uscirono dalle sue labbra, ma entrambi ne sentivano il peso. "Sei in ferie con effetto immediato. Discuteremo del tuo ritorno in servizio in un secondo momento."


Sul punto di perdere completamente la calma, e senza la sua normale grazia fluida, Janet si alzò e raccolse le sue cose. "Bene."


Uscì dall'infermeria.


Hammond la guardò andare via tristemente, senza nemmeno preoccuparsi della sua mancanza di etichetta militare.




-------------------------------------------------- ------------------------------


A casa, Janet si trovava di fronte a continui ricordi di sua figlia, ricordi che semplicemente non riusciva a sopportare. Raccolse tutte le foto di Cassie nel soggiorno e le mise in una scatola, che mise nell'armadio dell'ingresso. Poi passò in rassegna il resto della casa, stanza per stanza, rimuovendo sistematicamente foto, soprammobili, tutto ciò che le ricordava Cassandra, e gettò tutto nella scatola nell'armadio.


Fatto ciò, e dopo essersi messa dei jeans e una maglietta, Janet rimase di fronte alla porta chiusa dell'unica stanza in cui non entrava da quasi una settimana. Facendo un respiro profondo aprì la porta della camera da letto di sua figlia. Sentì come se qualcosa la colpisse al petto con la forza del calcio di un mulo, fermandole il cuore e togliendole il respiro. Era un dolore fisico reale quanto un arto mozzato, e profondo nell'anima. Alla fine riuscì a prendere fiato. Dopo diversi respiri lenti entrò... e si mise al lavoro.


Janet aveva appena finito di sistemare le cose di Cassie, mettendo da parte le cose da inscatolare e mettere via da ciò che avrebbe dato a Goodwill, quando suonò il campanello della porta d'ingresso. Scese le scale e aprì la porta. Fu sorpresa di vedere il dottor Stephen MacKenzie sulla veranda, anche se non ci voleva un genio per capire perché fosse lì.


"Cosa stai facendo qui?"


L'uomo abbassò lo sguardo per un momento. Sapeva di non essere sempre una presenza gradita nella vita di un soldato. La sua professione di psichiatra significava che la necessità del suo aiuto simboleggiava la debolezza per la maggior parte dei soldati, una debolezza che i soldati erano restii ad ammettere. E più i soldati (come quelli assegnati all'SGC) erano duri, più ostinatamente si risentivano della necessità del suo aiuto. MacKenzie non era un uomo stupido o insensibile e, mentre molti credevano che cercasse solo una scusa per porre fine alla propria carriera, la verità era che si preoccupava delle persone. Il suo obiettivo è sempre stato quello di aiutare i suoi pazienti, accompagnarli nei momenti difficili, aiutarli a dare il meglio di sé e impedire che si rompano irreparabilmente.


Quando MacKenzie alzò di nuovo lo sguardo e guardò negli occhi il CMO dell'SGC, vide il suo bisogno di aiuto. "Il generale Hammond mi ha chiesto di passare a vedere se hai voglia di parlare."


In qualche modo, Janet non era sorpresa. "Ho l'ordine di parlarti?"


MacKenzie riuscì a mantenere un'espressione neutrale. "No certo che no." Sapevano entrambi che intendeva "Non ancora".


"Allora puoi andare. Sono in ferie e questa è la mia residenza privata, quindi..." Chiuse la porta.


MacKenzie sospirò. Il dottor Fraiser aveva reagito proprio come si aspettava. Stava male e lui voleva aiutarla, ma non poteva costringerla a permetterglielo. Si voltò, si avviò lungo il corridoio e risalì in macchina.




-------------------------------------------------- ------------------------------


Janet si appoggiò alla porta dopo averla chiusa. Avere MacKenzie davanti alla sua porta è stata solo la ciliegina sulla torta della sua giornata di merda. Con un sospiro si allontanò dalla porta e andò in cucina. Aprì il pensile accanto al frigorifero e prese la bottiglia mezza piena di whisky single malt Laphroaig invecchiato 18 anni.


Anche se normalmente il vino era la sua bevanda preferita, ogni tanto si godeva un buon single malt, qualcosa che probabilmente aveva ereditato da suo padre, il colonnello dell'esercito. Ne versò due dita in un bicchiere e si godette il dolce bruciore affumicato del liquido ambrato. Insolitamente, versò un secondo drink. Apprezzando il secondo ancor più del primo, prese con sé il bicchiere e la bottiglia mentre tornava di sopra.


Nella stanza di Cassie, continuò il suo lavoro attaccando le due scatole di cose che teneva. Rinforzata con un terzo drink, aprì la botola nel soffitto del corridoio che portava in soffitta e aprì la scala. Uno alla volta, portò le scatole in soffitta, inclusa quella che aveva precedentemente messo nell'armadio del corridoio al piano di sotto. Con la soffitta richiusa, ritornò in camera da letto e cominciò a piegare tutti i vestiti e a metterli in grandi sacchi della spazzatura.


Terminato il compito, si versò un altro drink e si guardò intorno nella stanza. Le pareti erano spoglie, il letto spoglio e l'armadio e i cassetti del comò vuoti. Aveva già chiamato Goodwill e, al loro arrivo, il giorno dopo, tutto sarebbe stato portato via, compresi i mobili.




-------------------------------------------------- ------------------------------


Janet si svegliò con un gemito, la testa che le batteva dolorosamente a ritmo con i colpi alla porta di casa. Si era addormentata sul divano dopo aver finito il Laphroaig. Si alzò in posizione eretta, pentendosi immediatamente di ciò mentre un'ondata di nausea quasi superava la sua capacità di reprimerla. La sua bocca sapeva di schiuma tossica di stagno. Lei praticamente ringhiò quando ripresero a bussare alla porta d'ingresso.


Si alzò e si diresse barcollante verso la porta d'ingresso.


"Che cosa?" chiese al giovane che non poteva avere più di 17 o 18 anni.


"Dottor Fraiser?"


"Sì."


Indicò la strada con il pollice dietro la spalla. "Io sono Todd. Siamo qui per un ritiro per Goodwill."


Lei guardò oltre e vide un secondo giovane in fondo ai gradini del portico e il loro camion sul marciapiede. Lei annuì. "Bene." Si spostò di lato e li fece entrare. Alla base delle scale indicò il secondo piano. "C'è tutto nella prima stanza a sinistra."


"Con tutto, vuoi dire..."


"Tutto, compresi i mobili."


"Sì signora."


I due giovani salirono le scale.




-------------------------------------------------- ------------------------------


Dopo che Janet ha avuto la possibilità di farsi una doccia e, cosa più importante, di lavarsi i denti, si è diretta al negozio di ferramenta... con una sosta al negozio di liquori sulla via del ritorno a casa.


Vestita con una vecchia maglietta oversize, che allacciò con un nodo all'ombelico, e jeans fatti più di buchi rattoppati che di denim, aprì un barattolo di vernice. Le ci sono volute alcune ore – e un paio di drink pesanti – per finire di dipingere la stanza. Non aveva ancora deciso cosa fare con la stanza, ma almeno non conteneva più un solo segno, traccia o accenno della precedente occupazione di Cassie.


Quella sera, mentre continuava a sorseggiare whisky single malt, Janet sfogliò alcune riviste. Imbattendosi in un layout fotografico della casa di una celebrità, alla fine decise. Quella stanza aveva la vista migliore sul cortile e su tutti i suoi sforzi di giardinaggio. Riceveva molta luce senza surriscaldarsi a causa della luce solare diretta che entrava dalle finestre. Avrebbe fatto di quella stanza il suo nuovo ufficio.




-------------------------------------------------- ------------------------------


Quando l'SG-1 tornò dalla missione di quattro giorni fuori dal mondo, Sam fu sorpreso di non vedere Janet. Ha chiesto al dottor Warner dell'assenza del suo amante quando ha fatto la visita medica post-missione.


"Non so dove sia. Tutto quello che so è che il generale l'ha messa in congedo a tempo indeterminato dopo che lei..." si interruppe, improvvisamente esitante nel dire altro.


"Dopo cosa, dottore?"


Il dottor David Warner, l'assistente CMO, si appese lo stetoscopio al collo e sospirò silenziosamente. Considerava Janet un'amica, non solo il suo capo. Era preoccupato per lei, proprio come lo erano tutti gli altri. Guardò la maggiore bionda e ricordò a se stesso che Sam e Janet erano migliori amici.


"Quando è venuta a lavorare l'altro giorno, ha perso la testa quando qualcuno ha detto che era dispiaciuto per la sua perdita. Ha urlato a tutti e ha sbattuto la porta dell'ufficio." Alzò le spalle. "La cosa successiva che ho saputo è che il generale è venuto a parlarle e l'ha rimandata a casa. Non sappiamo quando tornerà."


Sam chiuse gli occhi un attimo e sospirò. "Grazie per avermelo detto," disse dolcemente.


Warner annuì comprensivo.




-------------------------------------------------- ------------------------------


Non appena il loro debriefing finì, Sam corse fuori dalla base. Voleva tornare a casa e controllare come stava Janet.


"Janet?" gridò non appena varcò la soglia della porta.


Non c'era risposta.


Sam attraversò il soggiorno e la sala da pranzo e controllò la cucina. Non c'era traccia del suo amante. Tornò nell'atrio e poi attraversò il corridoio per guardare nell'ufficio di Janet.


"Che diavolo..." La piccola stanza che era stata l'ufficio di Janet era stata cambiata. L'unica cosa nella stanza era un piccolo divano, diverse librerie piene di libri e un tavolino. Mancavano la scrivania, il computer, gli schedari, ecc. di Janet.


"Janet?" chiamò di nuovo mentre si avviava al piano di sopra.


In cima alle scale Sam si fermò quando avvertì un vago odore di vernice. Lo seguì fino alla porta chiusa della stanza di Cassie. La sua mascella cadde letteralmente quando aprì la porta. È stato completamente rifatto. Era stato dipinto di un colore diverso e la scrivania, il computer e gli schedari di Janet avevano sostituito il letto, la cassettiera, il comodino e il piccolo tavolo da lavoro di Cassie. Lottando per comprendere ciò che stava vedendo, Sam non sentì Janet entrare in casa e salire le scale.


"Sei qui," disse la bruna con nonchalance. "Bene, puoi aiutarmi ad appendere le nuove tende per il mio ufficio," disse Janet mentre passava davanti alla bionda.


Sam ha finalmente trovato la sua voce. "Che diavolo hai fatto?"


"Solo un po' di ristrutturazione," rispose la dottoressa mentre tirava fuori le nuove tende dalla borsa della spesa.


"Dove sono tutte le cose di Cassie?"


"Quello che non ho inscatolato e messo via l'ho dato a Goodwill."


Sam si avvicinò al punto in cui Janet stava armeggiando con le tende, l'afferrò per la spalla e la fece girare. "Come hai potuto?! Cosa stai cercando di fare? Cancellarle la memoria come se non fosse mai esistita?!"


L'espressione passiva di Janet si trasformò in rabbia pura e genuina. "Sto facendo quello che devo, per andare avanti. Chi diavolo sei tu per disapprovare o giudicare come lo faccio? Era MIA figlia, non tua!"


Sam si ritrasse come se avesse ricevuto uno schiaffo.


"Questa è casa mia e la decorerò come mi pare. Se non ti piace puoi andartene. Nessuno ti tiene qui." Lei abbassò la tenda e uscì dalla stanza.


Ci vollero diversi minuti prima che Sam potesse muoversi. Triste oltre ogni dire, uscì dall'ufficio di Cassie e attraversò il corridoio fino alla camera da letto principale. Recuperò la valigia dal ripiano più alto dell'armadio e preparò tutti i vestiti che aveva a casa. L'ultima cosa che ha messo in valigia è stato lo spazzolino da denti.


Al piano di sotto, il dottore era in cucina. Si versò quattro dita di whisky blended economico: era troppo costoso bere una bottiglia di quella buona roba ogni giorno. Ascoltò i passi della bionda mentre scendeva le scale... e poi l'aprirsi e chiudersi della porta d'ingresso. Era meglio così; in questo modo non avrebbe dovuto avere a che fare con Sam – e con la sua rabbia verso la bionda – fuori dal lavoro.




-------------------------------------------------- ------------------------------


Quando Daniel ha risposto a bussare alla porta del suo appartamento, si è trovato di fronte un compagno di squadra con la faccia rossa e in lacrime. Aprì la bocca per dire qualcosa, ma non ne uscì nulla. Non aveva mai visto Sam così colpito e devastato. Ci vollero un paio di istanti, ma alla fine si riprese dallo shock e prese Sam tra le braccia, dove lei scoppiò in singhiozzi.


La trascinò nel suo appartamento, chiuse la porta e la condusse verso il divano. L'archeologo non era sicuro di cos'altro fare. Non aveva mai visto Sam fare altro che versare qualche lacrima silenziosa, tanto meno scoppiare a singhiozzare. Passarono diversi minuti prima che la bionda sembrasse calmarsi un po'.


"Vuoi dirmi cosa c'è che non va?" chiese gentilmente.


Sam si allontanò per prendere un paio di fazzoletti da una scatola sul tavolino e si soffiò il naso che colava. Con le lacrime ancora che le scorrevano lungo le guance, raccontò cosa era successo a casa di Janet.


Daniel scosse la testa. "Forse Jack ha ragione... forse dobbiamo solo dare a Janet un po' di tempo. Non riesco a immaginare che intendesse quello che ha detto, non proprio. Deve essere stato il suo dolore a parlare."


"Prima perdiamo Cassie... poi Janet la cancella completamente dalle nostre vite." Fece una pausa mentre cercava di deglutire il grosso nodo che aveva in gola. "E ora sto perdendo anche Janet."




-------------------------------------------------- ------------------------------


Tre giorni dopo che Sam aveva fatto le valigie e aveva lasciato la casa di Janet, Daniel decise di fare visita al dottore. Nessuno aveva avuto notizie di Janet e lei non rispondeva al telefono di casa o al cellulare. Né aveva risposto a nessuno dei numerosi messaggi che aveva ricevuto da Sam, Daniel o dalla sua caposala Amy.


Ha dovuto aspettare fino a dopo aver finito il suo rapporto sugli ultimi reperti archeologici portati dall'SG-6, quindi è uscito un po' in ritardo dal lavoro. Erano circa le 19:00 quando entrò nel vialetto di Janet. Scese e si avvicinò alla porta d'ingresso.




-------------------------------------------------- ------------------------------


Emise un sospiro irritato quando bussarono alla porta. Si strofinò gli occhi annebbiati e cercò di ricordare quando aveva chiamato per farsi consegnare una pizza. Altri colpi alla porta: deve essere stato oggi. Janet si alzò e si avvicinò svogliatamente alla porta d'ingresso, afferrando il portafoglio dal tavolo dell'ingresso mentre passava. Si fermò di colpo quando aprì la porta e vide chi era.


Daniele sorrise. "Ciao, Janet! Hai già cenato?"


"Che cosa?"


"La cena – l'hai già mangiata?"


Emise un sospiro. "Veramente, pensavo che fossi tu il fattorino della pizza."


Daniel non riusciva a credere quanto fosse forte l'odore di alcol nell'alito di Janet. Entrò dentro, sfiorandola. "Fantastico! Adoro la pizza."


Janet rimase a guardare in silenzio mentre l'archeologo entrava semplicemente in casa sua come se fosse sua. Alla fine scosse la testa, chiuse la porta e lo seguì nel soggiorno.


Daniel rimase sbalordito dallo stato in cui si trovava il soggiorno del dottore. Anche con un'adolescente turbolenta e un amante geniale e distratto, la casa di Janet era sempre stata tenuta ordinata e pulita. Non era più così. C'erano un certo numero di bicchieri sporchi appollaiati nella stanza; il divano sembrava un letto disordinato e disfatto; c'erano un paio di piatti con sopra i resti di pasti consumati a metà seduti sul tavolino... e alcune bottiglie di liquore per lo più vuote.


Janet passò oltre il punto in cui Daniel si era fermato e fissò la stanza, prese un bicchiere sporco, ci versò del whisky, si lasciò cadere sul divano e appoggiò i piedi sul tavolino. Non ha reagito nemmeno quando il suo piede ha urtato una bottiglia di alcol vuota.


Finalmente ha trovato la sua voce. "Janet..."


Lei lo guardò di traverso. "Cosa? Sam ti ha mandato a parlarmi dell'altro giorno? Beh, non mi interessa – non posso occuparmi di lei in questo momento."


"No. No. Non sa che sono qui." Si spostò e si sedette accanto a lei sul divano. "Sono tutti preoccupati per te."


Lei emise un grugnito di disprezzo. "'Tutti' possono andare all'inferno."


"Non penso che dovresti stare da sola in questo momento. Capisco cosa stai passando, Janet," disse mentre si allungava e le prendeva la mano nella sua.


Janet strappò violentemente la mano dalla sua, ovviamente sorprendendolo. "Non sai cosa sto passando", ringhiò.


"So cosa vuol dire perdere qualcuno: ho perso mia moglie Sha're", ha sottolineato con calma. "Sono qui per te."


"Eppure questo non ti ha mai impedito di venire da me," sogghignò.


"Che cosa?"


"Cerchi sempre di avvicinarti a me, lanciandomi sguardi, cercando sempre di tenermi la mano. Sono gay, Daniel, non stupido. Sono anni che vuoi metterti nei miei pantaloni. Proprio quello che ti fa pensare che anche se non fossi gay, avrei mai voluto stare con gente come te? Quindi, ficcatelo in quella testa dura: non mi interessa, cazzo. Ora, vattene da casa mia e non Non tornare. Lasciami in pace!"


Senza parole, lo stordito archeologo si alzò tristemente e se ne andò. Fuori salì in macchina e rimase seduto lì. Non aveva mai visto Janet così arrabbiata e piena di vetriolo. Non era riuscito a pensare ad una risposta a quello che aveva detto perché lei... non aveva torto. Si era interessato a lei quasi fin dall'inizio. C'era qualcosa in lei, il modo in cui emanava calma e preoccupazione per coloro che la circondavano, il modo in cui si prendeva cura di lui ogni volta che era ferito o malato. Chiuse gli occhi e sospirò. Sapeva che avrebbe potuto innamorarsi così facilmente di Janet... se non l'avesse già fatto.


Anche dopo aver scoperto che Sam andava a letto con Janet, una parte di Daniel aveva ancora qualche speranza di insinuarsi nel suo cuore – dopo tutto, lei era già stata sposata, quindi forse... Anche così, non l'aveva fatto. penso che fosse stato così ovvio al riguardo. Pensava di aver tenuto nascosto il suo desiderio. Sospirò ancora una volta. Chiaramente non era la persona giusta per contattarla. Avvia la macchina e si dirige verso la casa di Jack.




-------------------------------------------------- ------------------------------


Jack era molto riluttante a rivolgersi al dottore. Sapeva cosa si provava quando qualcuno cercava di convincerlo a parlare di qualcosa di cui in realtà non voleva parlare. Lo irritava da morire, lo faceva incazzare. E tra tutte le persone dell'SGC, era l'unico ad aver vissuto qualcosa di simile, l'unico che sapeva cosa volesse dire perdere un figlio. In realtà sapeva cosa stava passando. Nessun genitore dovrebbe mai sopravvivere al proprio figlio.


Solo dopo che era trascorsa una settimana senza che nessuno fosse riuscito a contattare Janet, una settimana in cui lei non rispondeva al telefono o alla porta, iniziò a considerare di cedere alle suppliche di Sam e Daniel. Ma fu quando il generale Hammond gli raccontò cosa era successo durante l'incontro con il dottore quella mattina che Jack decise che era ora di parlarle.


Daniel aveva detto che il dottore aveva bevuto, molto. Quindi Jack, sapendo che Doc non avrebbe risposto al telefono né sarebbe venuto alla porta, ha deciso un'altra tattica. Non estraneo ai negozi di liquori e ai bar della zona, ha discretamente sparso la voce: se qualcuno avesse visto il dottore avrebbe dovuto chiamarlo immediatamente.




-------------------------------------------------- ------------------------------


Il generale Hammond aveva chiamato il dottor Fraiser. Erano passate due settimane da quando l'aveva mandata a casa, sperando che il tempo in più per elaborare il lutto avrebbe permesso al dottore di affrontare il ritorno al lavoro, ma aveva sentito un paio di cose sul dottore che lo avevano preoccupato. Il medico non ha risposto al telefono, ma ha lasciato un messaggio dicendole di presentarsi al suo studio l'indomani mattina.


"Entra", abbaiò quando qualcuno bussò alla porta del suo ufficio. Alzò lo sguardo e vide entrare il dottor Fraiser. Era sorpreso che non fosse in uniforme, ma non disse nulla al riguardo. "Si sieda, dottore."


"No, grazie. Non resterò qui per molto tempo."


"OH?"


Gettò con delicatezza una busta sulla sua scrivania. "Mi dimetto dal mio incarico."


In silenzio aprì la busta, prese la lettera all'interno e la lesse. Si accigliò. "Temo di non poterlo approvare."


"Ho un incarico regolare e ho scontato la mia pena, generale. Non ho più alcun obbligo nei confronti dell'Aeronautica Militare."


"Può darsi, ma sai che il Segretario dell'Aeronautica Militare può respingere la tua richiesta se ritiene che la tua continuazione del servizio sia fondamentale per la missione. Sei troppo prezioso per l'SGC per permetterti di dimetterti in questo momento."


"Missione critica? Sarà impossibile per me restare all'SGC senza un'autorizzazione top secret."


"Di cosa stai parlando?"


Lei gli lanciò con rabbia una seconda busta che effettivamente lo colpì e rimbalzò sul suo petto. "Questa è la mia dichiarazione autenticata che ti informa che sono lesbica. Ne ho una copia per il Segretario e chiunque altro ne voglia o ne abbia bisogno. Se necessario posso produrre testimoni per corroborare la mia dichiarazione."


"Che cosa?!"


Appoggiò le mani sul bordo della scrivania, sporgendosi in avanti su di esse. "Leggi le mie labbra, generale: mi piace scopare le donne. Quindi fai quello che devi: accettare le mie dimissioni o la corte marziale. In ogni caso non me ne frega niente, perché non tornerò mai più all'SGC ."


Hammond era perplesso. L'incontro certamente non era andato per niente come si era aspettato. Personalmente non gli sarebbe potuto importare di meno se fosse lesbica, ma lei lo stava effettivamente mettendo all'angolo con le sue parole e azioni. Ha cercato una via d'uscita.


"Sai, posso distruggerlo e nessuno lo saprà."


"Allora ne manderò uno direttamente al Segretario. Sappiamo entrambi che la mia autorizzazione verrà strappata più velocemente di quanto tu possa dire Non chiedere, non dire. Nessuna autorizzazione - nessuna assegnazione all'SGC. Nessuna assegnazione all'SGC. SGC – niente più motivi “mission critical” per non approvare le mie dimissioni”.


"Deve esserci un modo per risolvere questa cosa, dottore. Non mi interessa se sei gay, ti voglio ancora come mio CMO."


"Non capisci?! Non posso essere qui! Non posso sopportare la vista di questo posto! Non posso sopportare la vista delle persone qui! Non posso sopportare la tua vista! Quindi a meno che tu non mi faccia arrestare, me ne andrò e non tornerò mai più." Si voltò per andarsene.


"Potrei chiedere al dottor MacKenzie di intercedere. Chiedigli di metterti in ricovero psichiatrico," rispose, arrabbiato per il fatto che lei fosse stata così irragionevole.


La donna minuta si voltò di scatto, il viso una maschera di furia cruda. "Provaci e basta, cazzo! L'omosessualità non è una malattia mentale." Sbatté la porta mentre usciva dal suo ufficio.




-------------------------------------------------- ------------------------------


Ci sono voluti tre giorni, ma alla fine Jack ha ricevuto la chiamata. Janet Fraiser era al Bob's Trading Post. È stato un vero e proprio tuffo in una piccola cittadina chiamata Larkspur (circa 200 abitanti), circa a metà strada tra Colorado Springs e Denver. Lui c'era stato solo una manciata di volte, ma era un buon posto dove andare quando non volevi vedere nessuno del lavoro.


Entrò nel bar, si guardò intorno e si avvicinò al barista. Fece un acquisto e poi si avvicinò allo stand dell'angolo oscuro dove era seduto il dottore.


Janet non era contento di vedere il colonnello lì. Il motivo per cui aveva scelto questo particolare bar era di evitare chiunque conoscesse. Non ha riconosciuto la sua presenza ... fino a quando non ha impostato una bottiglia di single malt aveva appena acquistato dal barista sul tavolo direttamente di fronte a lei.


"Quella roba che stai bevendo non è altro che Rotgut. Almeno abbiamo alcune delle cose buone." Si sedette, aprì la bottiglia e versò una quantità significativa in ciascuno dei due bicchieri puliti che aveva anche ottenuto dal bar. Le fece scivolare uno su di lei e prese un sorso salutare dal suo stesso bicchiere.


Non preoccupando chi ha comprato il whisky - purché non si aspettasse che parlasse - ha abbattuto la sua in tre grandi rondini. Jack si riempì il bicchiere. Lei lo guardò. "Silenzio."


Lui annuì in accordo. "Non parlare. Bere solo."


Jack è stato colpito dalla capacità del minimo medico di bere e tenere il suo liquore. Stava già vedendo il doppio e lei stava bevendo il whisky due volte più velocemente di lui. Mentre era in bagno, Jack andò al bar e chiese al barista di chiamare un taxi. Non c'era modo che nessuno di loro potesse mettersi al volante di un'auto.


Quando Janet tornò dal bagno afferrò la bottiglia e versò l'ultimo contenuto nel suo bicchiere. Lanciò il liquido ambra, non se ne accorgeva più l'ustione mentre andava giù. Guardò dall'altra parte della stanza del barista.


"Ehi, barista! Portaci un'altra bottiglia."


Lui scosse la testa. "Penso che tu abbia avuto più che abbastanza."


"Bene. Vado solo altrove." Rimase in piedi e vacillò per alcuni momenti.


"Doc."


Si voltò a guardare il colonnello. "Ho detto di non parlare."


"Lo so. Volevo solo dire che dovevo venire il taxi. Possiamo usarlo per andare da qualche altra parte."


"Va bene."


Il taxi arrivò solo un paio di minuti dopo. Una volta sul retro del taxi, Jack chiamò un bar non lontano da casa sua. Come sperava, Janet finì per addormentarsi sul viaggio di ritorno in città, quindi invece cambiò la destinazione a casa sua.




-------------------------------------------------- ------------------------------


Quando Janet si svegliò, lanciò immediatamente un braccio sugli occhi per bloccare la luce. Tuttavia, la sua vescica troppo piena le chiese comunque di alzarsi dal divano. Con gli occhi per lo più chiusi, si è fatta strada senza grazia in bagno. Quando tornò al soggiorno notò che la persona svenuta nella sua poltrona. Scosse la testa ... e se ne pentirò immediatamente. In cucina si è versata un drink rigido e ha cercato di ricordare cosa era successo la sera prima. Quando ha finito il suo drink, aveva ricordato per lo più. O'Neill si era presentato al bar e comprato una bottiglia con la promessa di non parlare.


Ha versato un secondo drink e tornò in soggiorno, mettendo la bottiglia sul tavolo finale accanto al divano. Si stava sorseggiando il drink con Jack si svegliò con un gemito.


"Ugh ... sto diventando troppo vecchio per questa merda," mormorò dolcemente per non aumentare il martellamento in testa. Quando finalmente aprì gli occhi, vide il dottore sul divano. "Non è un po 'presto per questo?" chiese, riferendosi al suo drink.


"Vai all'inferno", rispose lei in tono piatto e privo di emozioni.


Jack ha riconosciuto quel tono. Aveva usato abbastanza se stesso dopo la morte di suo figlio. Prima di entrare nelle cose con il dottore, doveva usare il bagno. Portò la poltrona e si alzò in piedi. Il suo stomaco sembrava che avesse bevuto una vasca di acido, ma almeno non era nausea. Dopo essere andato in bagno è tornato. Si sedette nella poltrona e guardò la donna che aveva salvato non solo il culo, ma quasi ogni singola persona all'SGC.


"Ascolta, doc–"


"Pensavo di non averti detto."


Si accigliò. "Ora guarda, ho rispettato le tue regole per tutta la scorsa notte. Ho persino fornito il whisky. Penso che tu lo debba almeno a me per ascoltarmi."


"Non devo nessuno all'SGC, soprattutto." Prese la bottiglia e si versò un altro drink.


"Nel modo in cui vai lì, sta cominciando a farmi chiedere se forse dovresti considerare un programma in 12 passaggi o qualcosa del genere."


Gli tagliò gli occhi di lato per un momento prima di distogliere lo sguardo. "Non ho bisogno di un dannato programma. Non sto bevendo perché non riesco a smettere - sto bevendo perché voglio. Sono un dottore e conosco la differenza."


Considerando il fatto che non l'aveva mai vista ubriacarsi in nessuna delle parti, i barbecue o le riunioni in cui erano stati entrambi, non avrebbe discusso ulteriormente. Forse stava dicendo la verità. Emise un sospiro. "Sai, capisco cosa stai passando."


"E questa è l'unica ragione per cui non ti ho ancora castrato."


Sorrise involontariamente ... fino a quando non si rese conto che non stava scherzando. Si schiarì la gola. "Uhm, è perché capisco che non ho cercato di infastidirti."


"Tu e Teal'C siete gli unici due che non sono stati."


Alzò le spalle. "Teal'C ha detto che è raro, ma non inaudito, che un Jaffa si ritiri completamente e vivesse come un eremita dopo un ..." Cerca la parola giusta "... perdita. Pensa che sia una tua scelta."


"Uomo intelligente." Emise un suono di disgusto. "Ora, se solo Sam imparerebbe una cosa o due da Tea'c. Chiama sia il mio telefono di casa che il mio cellulare almeno tre volte al giorno."


"Sì." Fece una lunga pausa. "E considerando quello che hai detto al generale l'altro giorno ... Posso fare una buona ipotesi sul perché sia ​​stata così persistente."


Janet girò la testa e la bloccò con un bagliore provocatorio. "Deve davvero sfogliare il culo."


"Che cosa?"


Ha finito il suo drink. "Sapendo che devo scopare Sam e non lo farai mai."


I suoi occhi si spalancarono e rotondi come i piattini. Sicuramente non si aspettava uno scoppio del genere.


"Esci da casa mia, Jack."


"Doc–"


Si saltò in piedi, il suo sangue bolleva. "Ho detto di prendere il cazzo da casa mia !!" Urlò e gettò il vetro vuoto contro il muro, frantumandolo.


Sapendo dalla sua stessa esperienza che era inutile cercare di raggiungere qualcuno quando erano così infuriati, si fermò, le diede un cenno e usciva dalla porta di casa. Usò la sua cella per chiedere un taxi dal suo portico anteriore.




-------------------------------------------------- ------------------------------


Due giorni dopo che Jack trascorse la notte a casa sua, il telefono di casa di Janet e la cella furono entrambi tagliati. Quando la squadra è andata a casa sua per controllarle hanno trovato una compagnia in movimento che ha fatto le valigie ... e nessun segno di Janet.


Tecnicamente, era awol poiché ci è voluto del tempo per elaborare le dimissioni. Fu solo per questo motivo il generale permise a Sam di usare fonti militari per cercare di rintracciare il medico. Tuttavia, non vi era stata alcuna attività su nessuna delle carte di credito di Janet: solo il prelievo del denaro nel conto di risparmio Janet si è istituito come Fondo universitario di Cassie. Con così tanta denaro, Janet potrebbe passare da molto tempo e rimanere completamente fuori dalla griglia se non si sporse. Era ovvio che il dottore non voleva essere trovato.


Hammond avrebbe potuto presentare accuse contro Janet per essere AWOL, ma considerando tutto ciò che il dottore aveva fatto per la Terra e per altri mondi, non ha fatto nulla.




-------------------------------------------------- ------------------------------


Passarono quasi tre settimane dopo quando il telefono di Sam squillò nel cuore della notte.


"Ciao?" mormorò assonnata.


"Questo grande Samantha Carter?"


Riconoscendo una voce "ufficiale" quando ne sentì uno, anche mezzo addormentato, Sam accese la luce sul suo comodino e si sedette. "Sì, questo è il maggiore Carter."


"Ciao. Mi chiamo la dott.ssa Joanne Garnett. Sto chiamando il Vancouver General Hospital, a Vancouver, British Columbia. Conosci Janet Fraiser?"


"Sì! Dov'è? Come sta?!"


"È stata ferita e portata al nostro pronto soccorso. Nel suo portafoglio abbiamo trovato una carta che ti ha elencato come contatto di emergenza."


"Che cosa è successo? Come sta?"


"Temo che la signora Fraiser abbia avuto un incidente d'auto e non sta andando molto bene. Sai se ha una volontà vivente?"


Sam pensava che si sarebbe ammalata. Dopo tre settimane di non sapere dove fosse la donna che amava, per ricevere questo tipo di telefonata ... Doveva fare un paio di respiri profondi per evitare di ammalarsi e cercò di concentrarsi. "Y-Yes lo fa. So che ha elencato alcuni criteri molto specifici dal momento che è un medico, ma non mi ricordo tutto."


"Sarebbe possibile che tu ne abbia una copia?"


"Sì. Lo porterò con me. Ci sarò il prima possibile."




-------------------------------------------------- ------------------------------


Dopo aver effettuato una telefonata al colonnello O'Neill per dirgli cosa stava succedendo, Sam ha scoperto che il primo volo che poteva raggiungere a Vancouver era un volo delle 8:30 da Denver. Guardò l'orologio - 3:40. Cinque ore troppo lunghe! Non c'era modo di tornare a dormire, quindi si alzò.


Sam si vestì, preparava un piccolo carryon e aprì il piccolo incendio nel suo armadio. In esso c'erano alcuni documenti essenziali, compresi i testamenti di Janet e i suoi. Sam ha ritirato la volontà vivente di Janet, mettendolo in tasca per non rischiare di perderlo. Riuscì a riparare e fare una piccola colazione, nonostante non fosse affamata. Un buon soldato ha sempre preso il sonno e il cibo quando possibile, perché gli eventi potrebbero non concedere il tempo per loro in seguito.


La bionda voleva evitare le ore di punta, quindi decise di uscire di casa alle 6:30 anche se Denver era a soli 30 miglia. Fu sorpresa quando uscì la porta di casa e trovò tutti e tre i suoi compagni di squadra che la aspettavano. Un enorme nodulo si è formato in gola e ha dovuto asciugare le lacrime che le hanno fatto i suoi occhi. Con un sorriso tremante diede loro un cenno di gratitudine mentre Daniel prese la sua borsa, Teal'C aprì la porta del passeggero anteriore del camion di O'Neill per lei, e il colonnello si alzò al volante e la iniziò.


Passarono diversi minuti prima che pensasse di poter parlare senza rompersi e piangere. Sorprendentemente, gli uomini le avevano dato quel tempo in silenzio rispettoso. "Th-grazie, ragazzi." Alcune lacrime arrotolavano le guance per sfidarsi alla sua volontà.


"Teal'C non può davvero andare e Daniel ha una missione con SG-11 questo pomeriggio, ma volerò lì con te," Jack la informò delicatamente. Daniel avrebbe potuto essere scusato dalla missione, ma l'archeologo aveva informato goffamente Jack che la sua presenza probabilmente non sarebbe stata accolta da Janet ... e dal motivo per cui. Tuttavia, Jack non ha visto alcun motivo per dire qualcosa a Carter su quella parte.


"Non è obbligato a farlo, signore."


"Carter ... Sam, siamo una squadra, una famiglia. E la parte della famiglia di Doc ... lo sarà sempre."


Sam fissò silenziosamente fuori dal finestrino del passeggero mentre le lacrime rotolavano sul viso senza sosta.




-------------------------------------------------- ------------------------------


Teal'C e Daniel hanno aspettato con Jack e Sam fino a quando non è stato il momento di andare. Dopo aver dato le chiavi al suo camion a Daniel, Jack ha promesso di rimanere in contatto per far loro sapere come stavano andando le cose e di far loro sapere quando sarebbero tornati.


Quando Jack e Sam sbarcarono all'aeroporto internazionale di Vancouver, si diressero direttamente verso i taxi, il modo più veloce per arrivare dove dovevano andare. All'ospedale hanno controllato con la scrivania dei visitatori dove sono stati indirizzati all'ICU. Si avvicinarono alla scrivania principale in terapia intensiva.


"Mi scusi."


Una giovane donna alzò lo sguardo sull'alta bionda. "Posso aiutarla?"


"Ho ricevuto una chiamata presto questa mattina da un dott. Joanne Garnett. Mi ha chiamato per una paziente che hai chiamato Janet Fraiser."


"Solo un momento." La giovane donna ha tirato su alcune informazioni sul suo terminale di computer. "Per favore, fai un posto. Dr. Garnett con te con te a breve."


"C'è un modo per vedere Janet mentre stiamo aspettando?"


"Mi dispiace, devi prima parlare con il dottore."


I due ufficiali dell'aeronautica si sono seduti su un paio di sedie vicine.


"Ho avuto una brutta sensazione al riguardo," mormorò Sam.


"Non farti lavorare, Carter. Sai quanto è difficile il nostro dottore. Aspettiamo di vedere cosa ha da dire il dottore."


Era solo circa un minuto prima che un alto rosso in un onnipresente cappotto da laboratorio e scrub si avvicinarono a loro. "Maggiore Carter?"


Sam si alzò. "Chiamami Sam."


"Sono il dottor Garnett; ho parlato con te al telefono questa mattina presto."


"Sì. Come sta Janet, dottore?" Chiese anche mentre tirava fuori la volontà vivente di Janet.


"Sei una famiglia?"


"Sì", intervenne immediatamente Jack.


Sam ha consegnato la volontà vivente. "Siamo ..." Non era sicura di cosa dire cosa fossero. Anche se si era trasferita da casa di Janet, non li considerava rotti. Stava solo dando a Janet un po 'di tempo e spazio per superare tutto. I suoi occhi lacrimavano. "Siamo partner", ha finalmente detto tremendamente.


Garnett annuì nella comprensione. "Temo che Janet non stia andando molto bene. Ha avuto un infortunio alla testa che ha causato un ematoma subdurale. Ci ha presentato per la prima volta nel pronto soccorso come alterato e combattivo ma poi ha perso la coscienza. A causa dell'elevata pressione intracranica, abbiamo dovuto Praticare un buco nel cranio per drenare il sangue e alleviare la pressione. La stiamo monitorando, ma non ha mostrato alcun segno di uscire dal coma. "


"Possiamo vederla adesso?"


"Certo. Ma solo uno alla volta."


Jack diede una pacca sulla spalla di Sam. "Vai. Sarò qui se hai bisogno di me."


Con un cenno di ringraziamento, seguì la rossa nella stanza di Janet.


Sam era sbalordito alla vista di Janet. Era così pallida, collegata a numerosi monitor e macchine e sembrava molto più piccola del solito. Non c'era modo che Sam potesse trattenere le lacrime. Mentre si muoveva per stare accanto al letto del suo amante e metteva la mano su Janet Still One, il medico ha recensito la sua tabella.


Il dottor Garnett ha quindi esaminato il testamento vivente della sua paziente. Era piuttosto specifico ed esplicito, qualcosa di non insolito per un medico. Se Janet non rispondesse al trattamento entro un certo periodo di tempo, avrebbe dovuto disconnettere tutto il supporto vitale. Alzò lo sguardo sulla bionda colpita. "Sai cosa dice la sua volontà vivente?"


Sam annuì. "L'ho recensito lungo la strada qui. Non vuole essere tenuta a tempo indeterminato."


"Giusto. Era molto specifica. Se il suo GCS non migliora a un certo livello ..." si interruppe. "Temo che siamo all'orologio." Fece un respiro profondo e lo lasciò uscire. "Lascerò le istruzioni con le infermiere per consentirti una visita senza restrizioni."


"Grazie," rispose Sam in lacrime.


Il dottor Garnett ha lasciato la stanza.




-------------------------------------------------- ------------------------------


Jack stava prendendo un caffè da un distributore automatico quando ha visto il medico dai capelli rossi. "Mi scusi, dottore?"


Si voltò e vide l'uomo che era arrivato con il maggiore Carter. "SÌ?"


"Come sta Doc Fraiser?"


"Non molto bene. Dal momento che è un medico, ha lasciato istruzioni molto esplicite nella sua volontà vivente. Se non vediamo presto qualche miglioramento nei suoi GC - questa è la scala del coma di Glasgow - non avrò altra scelta che scollegare la vita supporto. Non c'è più niente che possiamo fare; dipende da lei ora. "


Lui scosse la testa. "È una combattente. Devi solo darle il tempo di combattere." Si fermò per un battito. "Sai cosa è successo esattamente, come è diventata ferita?"


"Da quello che mi è stato detto, il taxi in cui stava guidando aveva un terribile incidente. Avrebbe dovuto avere più lesioni, ma il suo contenuto di alcol nel sangue era così alto che potrebbe essere già stato svenuto e non si è preparata prima dell'impatto, risparmiandole alcune ossa rotte. "


Jack annuì nella comprensione.


"Lei ... Janet ha un problema di bevande?" Chiese Garnett delicatamente.


Jack sospirò. "Solo da ..." dovette fermarsi e cercare di schiarirsi la gola. "Solo da quando sua figlia di 15 anni è morta poche settimane fa.


"Capisco", rispose lei dolcemente. "Bene devo andare..."


"Jack. Jack O'Neill. Chiamami Jack."


"Devo andare, Jack, ma suggerirei di assicurarmi che Sam si faccia una pausa ogni tanto da sedersi con Janet. Non farà bene a Janet lasciandosi un sovraccarico e correre giù."


Lui annuì comprensivo. "Lo cercherò."




-------------------------------------------------- ------------------------------


Nella stanza d'ospedale di Janet, Sam aveva tirato una sedia sul bordo del suo letto in modo da poter sedersi e ancora trattenerle sulla mano. Sam e il suo team erano stati feriti o malati in infermeria abbastanza spesso da sapere che anche quando una persona era incosciente, a volte sentivano ancora cosa stava accadendo intorno a loro.


Quindi, proprio come aveva fatto diverse volte per i suoi compagni di squadra, e come avevano fatto per lei, ha parlato con Janet. Ha raccontato a Janet delle missioni che lei e SG-1 erano stati nelle settimane successive. Raccontava a Janet di un esilarante risultato di una visita diplomatica andata male e come il generale finisse inconsapevolmente il calcio di uno scherzo alieno, ma riuscì comunque a salvare la giornata e mantenere intatto un po 'della sua dignità.


E ha detto a Janet quanto la amava e aveva bisogno di lei.


"Il dottore ha detto che dipende da te, Janet. Ti conosco - so che puoi combattere da noi se vuoi. So che stai facendo male. Abbiamo perso Cassie, ma ... la sua voce si è rotta" Ho ancora l'un l'altro. Sono proprio qui, piccola, e non vado da nessuna parte. "




-------------------------------------------------- ------------------------------


Jack si fermò sulla porta della stanza di Janet. Sarebbe venuto a fare il check -in su Sam. La trovò addormentata su una sedia tirata accanto al letto di Doc. Tenevava la mano del dottore e la sua testa stava appoggiando sul bordo del letto. Il suo viso era rosso e strisciato.


O'Neill non era così denso come portava spesso le persone a pensare di essere. Sapeva quando incontrò per la prima volta il giovane capitano biondo che era qualcosa di speciale. Era stato persino lusingato quando si rese conto che lei lo guardava, ma sapeva sempre che nulla avrebbe mai sviluppato tra loro. Per uno, era contro i regolamenti e perché, francamente, sapeva che non era in campionato e meritava più di quello che avrebbe mai potuto darle. Non avrebbe mai potuto dare a lei, o di nessuna donna, tutto il suo cuore. Anche se lui e Sara avevano divorziato, avrebbe sempre tenuto la parte più grande del suo cuore.


Considerando il numero di uomini che erano entrati e lasciati l'orbita della giovane donna, era stato colto di sorpresa quando scoprì di lei e del dottore. Tuttavia, quando si fermò a pensare, si complimentarono perfettamente a vicenda. Anche se era militare di carriera, non ha dato il culo di un topo sull'orientamento sessuale di nessuno. Ciò che contava per lui era se potesse fidarsi di una persona che si fosse alle spalle. Carter e Fraiser sono entrambi chiaramente caduti in quell'importante gruppo.


Si spostò tranquillamente nella stanza e posò una mano delicata sulla spalla della bionda. "Carter?"


La sua testa si sollevò. "Sono qui."


"Facile, Sam."


Lo guardò attraverso gli occhi assonni.


"Dai. Devi mangiare qualcosa." La interruppe mentre lei apriva la bocca per protestare. "Non le farai bene se ti chiamo. Vieni con me - tornerai in pochi minuti."


Mentre il suo stomaco ringhiva e faceva male un po 'con il vuoto, annuì. Sam si alzò e guardò il suo amante. Dandole una mano una stretta si chinò e mise un bacio sulla guancia di Janet. "Torno subito, amore."


Mezzo addormentato, si fidava di O'Neill per guidarla nella mensa dove poteva soddisfare i bisogni fisici del suo corpo.




-------------------------------------------------- ------------------------------


Passarono due giorni e Janet non mostrò segni di miglioramento.


Il dottore guardò attraverso il letto all'amante della sua paziente. "Mi dispiace davvero, Sam, ma come sapete, Janet era molto specifica sui suoi desideri. Non ci sono stati assolutamente miglioramenti. Con un GSC di tre per così tanto tempo ..."


"Lo so" sussurrò mentre le lacrime le trascinavano sul viso. "Solo ... dammi solo un minuto da solo con lei."


"Certo. Prenditi tutto il tempo che devi dire addio", rispose dolcemente prima di lasciare la stanza.


Sam strinse la mano di Janet nella sua. "Oh Dio, Janet ... hai cambiato completamente la mia vita il giorno in cui ci siamo incontrati. Come dovrei dirti addio?" Si fermò e annusò, cercò di deglutire attorno alla dolorosa stenosi in gola. "Janet, per favore, non farlo. Non mollare, per favore!" Sam supplicò il suo amante. "Devi lottare per vivere!" Non poteva continuare. Crollò sulla sedia accanto al letto, singhiozzando.


O'Neill e Dr. Barnett sono entrati nella stanza.


Jack si inginocchiò di fronte alla sua amica e la tirò tra le braccia. La bionda gli gettò le braccia attorno al collo e seppelliva il viso nella sua spalla, i suoi singhiozzi continuavano. Non sapeva cos'altro fare, quindi la teneva semplicemente, con una testimonianza silenziosa del suo dolore.


Dopo un po ', i suoi singhiozzi si sono spinti. Sam si sentiva così stanco, svuotato e triste. Alla fine, si ritirò dall'abbraccio di O'Neill, un po 'imbarazzato nel perdere il controllo di fronte a lui. Alzò lo sguardo sul dottore e annuirono, segnalando silenziosamente la rossa per spegnere il ventilatore.


La dott.ssa Joanne Garnett ha raggiunto, disabilitato l'allarme, disconnesso il tubo e poi spento la macchina. Mentre teneva gli appunti con la classifica di Janet, guardò l'orologio, notò il tempo e iniziò a scrivere il tempo della morte.


E poi Janet è inalato.


Jack è stato in realtà il primo a reagire. "Medico?!"


Garnett mise le estremità del suo stetoscopio nelle orecchie, mise la campana contro il petto di Janet e ascoltò.


La mano di Sam, bloccata sul braccio di O'Neill, stringeva riflessivamente dolorosamente stretta. Sembrava che Garnett stesse impiegando un'eternità. Alla fine, la rossa si tirò indietro, rimuovendo lo stetoscopio dalle orecchie.


"La sua frequenza cardiaca sembra essere costante e il suo respiro, sebbene superficiale, è regolare." Continuò rapidamente quando vide le tristi espressioni di Sam e Jack cambiare speranza. "Ti metto in guardia, però, non farti sentire troppo lontano. Non c'è modo di sapere per quanto tempo continuerà così. Potrebbe smettere di respirare da un minuto ... o potrebbe rimanere in questo stato per anni. "


"O potrebbe migliorare, giusto?" insistette Jack.


Sospirò dolcemente. "È possibile."




-------------------------------------------------- ------------------------------


Sulla sedia accanto al letto di Janet, Sam improvvisamente si sedette in posizione verticale e le colpì letteralmente la fronte. "Certo! Perché diavolo non ci ho pensato prima?" Si alzò e andò a cercare O'Neill. Lo trovò ai distributori automatici a prendere un'altra tazza di caffè. Lo ha messo da parte dal momento che non voleva che nessuno li ascoltasse.


"Signore, cosa succede se qualcuno mi portasse il dispositivo di guarigione Goa'uld?"


"Ci avevo pensato." Fece un respiro lento. "Ho chiamato il generale e gli ho chiesto, ho chiesto se potessimo usarlo se avrebbe aiutato Doc. Ha detto che avrebbe esaminato."


"Allora quando richiamerà?" chiese eccitata.


Jack lasciò cadere gli occhi, non mi piace dover fornire cattive notizie. "Hammond ha contattato Jacob ..."


"E?"


"Selmak ha detto che l'uso del dispositivo non aiuterebbe Doc nelle sue condizioni - potrebbe persino peggiorare le cose."


"Come diavolo Selmak avrebbe saputo qual è le condizioni di Janet?" chiese. "Potrebbe sbagliarsi."


"Il dottor Warner è stato in contatto con l'ospedale qui - ha tutto su Doc e le sue condizioni."


La bionda sgonfia. "Quando hai pensato di chiederlo al generale?"


"Circa due ore dopo che siamo arrivati ​​qui." Si strinse nelle spalle quando vide l'espressione sul viso di Sam. "Sei stato comprensibilmente arrabbiato, Carter. So cosa significa per te", ha aggiunto delicatamente.




-------------------------------------------------- ------------------------------


Altri tre giorni erano passati senza modifiche.


Sam si svegliò e fu sorpreso di vedere il Dr. David Warner esaminare la classifica di Janet con il Dr. Garnett. "Ammonitore?"


"Ciao, maggiore."


"Cosa stai facendo qui?"


"Stiamo discutendo di spostare il dottor Fraiser."


"Spostarla? Spostarla dove?"


"Carter." In piedi sulla soglia, Jack sussultò la testa per indicare che avrebbe dovuto venire con lui. Nel corridoio ha spiegato. "Abbiamo organizzato un'ambulanza aerea per trasferire Doc all'ospedale dell'Accademia."


"Ma non poteva spostarla peggiorare?!"


"Questo è ciò di cui i dottori stanno discutendo. Se danno il via a riportare a casa. Se non pensano che dovrebbe essere spostata non lo faremo."


Si girarono e osservarono come una barella specializzata fu introdotto e Janet fu trasferito con molta attenzione su di essa. Solo dopo essere stata collegata ai monitor e alle attrezzature attaccate alla barella, hanno iniziato a portarla fuori dalla stanza.


Sam non era felice di non poter volare con Janet nell'ambulanza aerea, ma il piccolo getto pieno di attrezzature mediche specializzate non consentiva spazio per i passeggeri extra. Poiché era una carta privata, Janet sarebbe effettivamente tornato a Colorado Springs prima che lei e O'Neill

Storie simili

Caramel Mocha alla giungla di Giava

Erano passate due settimane dal nostro ultimo incontro. Qualcosa a cui mi ero abituato. Viene ogni due lunedì alla giungla di Java per consegnare una singola scatola di biscotti con gocce di cioccolato dalla panetteria e caffetteria di Vienna di Josef. I biscotti non erano niente di speciale. Il proprietario li vende solo nel nostro negozio perché suo fratello è proprietario della panetteria. Ma l'uomo che li ha consegnati sembrava davvero qualcosa da cui potrei dare un morso... Aveva poco più di 20 anni e si chiamava Miguel. Capelli castano scuro, mossi e occhi nocciola con un'affascinante tonalità verde esterna ma...

974 I più visti

Likes 0

Jordan la dea del sesso_(1)

Mi chiamo Jake. Sto scrivendo questo perché non riesco semplicemente a crederci io stesso. Spero che quando avrò finito sarà affondato un po 'meglio. Comunque. Quello che sto per raccontarvi è un momento molto speciale della mia vita. Quando ho scopato Jordan. Jordan è sempre stata la ragazza più sexy della mia scuola e tutti desiderano il suo seno perfettamente formato. Sa che tutti i ragazzi non possono resisterle e si prefigge il suo obiettivo personale di indossare il collo a V più basso possibile, solo per tormentarci. Il resto del suo corpo è altrettanto meraviglioso. Dal suo viso meravigliosamente fottuto...

622 I più visti

Likes 0

Camion su strada capitolo 5

Jill e io siamo arrivati ​​a Boise ID. intorno alle 5 del mattino. Ho rifornito il camion e l'ho parcheggiato. Siamo entrati e abbiamo fatto una buona colazione. Ha detto voleva avermi per dessert ma nel camion. Ed è stato il giorno dell'anale. Mi ha detto che voleva KD nel culo e io che le martellavo la figa. Ho riso e ho detto hai intenzione di infilarti KD nel culo? (KD è Kong Dong) Questa cosa è lunga 18 pollici e spessa circa 3 pollici, un po' più grande di una lattina di birra, Ci puoi scommettere dice. Le ho detto:...

562 I più visti

Likes 0

Papà allenta la pressione

Ero sdraiato sul letto con il cazzo in pugno e stavo per strapparlo dalla radice quando Andrea è entrato. Lei mi ha guardato, ha sorriso e si è avvicinata al letto lasciando una scia di vestiti mentre camminava. Mi dispiace di averti ignorato ultimamente, fece le fusa mentre sostituiva la mia mano con la sua sul mio cazzo. Lascia che me ne occupi io. Mi ha accarezzato il cazzo come solo lei poteva, baciandomi continuamente e succhiandomi la lingua. Continuava ad accarezzare la mia virilità e mi sussurrava all'orecchio. Il bambino ha bisogno di una scopata dura da parte di papà...

516 I più visti

Likes 0

L'emicrania di mio figlio (cap. 4)

Questa storia è un'opera di fantasia. Nulla di ciò è vero. Non usarlo come ispirazione. Non ferire le persone che ami. [Leggere i capitoli 1, 2 e 3 prima di procedere] Capitolo 1: sexstories.com/story/104332/ (4100 parole) Capitolo 2: sexstories.com/story/104363/ (1650 parole) Capitolo 3: sexstories.com/story/104365/ (2300 parole) Il capitolo 4 è di 3500 parole La mattina dopo ho dormito, la norma per la domenica. In qualche modo mi sentivo rinnovato, ringiovanito e fresco. Nella mia mente riaffiorano le visioni della notte prima di iniziare. Mi morsi le labbra inferiori e sorrisi. La sensazione di dolore nella mia vagina mi ha ricordato quanto...

475 I più visti

Likes 0

Non quello che mi aspettavo._(0)

Non quello che mi aspettavo... ===== Vorrei iniziare dicendo che questo non mi è mai successo prima. Questa è semplicemente una storia che ho scritto per un amico. Questa storia è completamente immaginaria e spero che non rappresenti una storia reale nella vita per qualcuno. Se lo fa, beh, succhiatelo. Hai scopato. Congratulazioni; non è davvero un grosso problema. Ora passiamo alla storia.===== Il viaggio era insopportabile. Sette ore su un'autostrada deserta solo per fermarsi in due diversi distributori di benzina per fare pipì e sgranchirsi le gambe. Grazie papà, hai rallegrato la mia estate portandomi in un viaggio che non...

481 I più visti

Likes 0

Il viaggio capitolo 1 La babysitter

Il viaggio capitolo 1 La babysitter Di Jax_Teller Miranda, mia moglie è spesso via per lavoro e quest'ultima volta è stata via per più di un mese. Avevo bisogno di una pausa dal ruolo di genitore single per i nostri 3 bambini piccoli e avevo bisogno di un po' di tempo da solo. Era quasi impossibile finché una bella mattina di fine primavera non ero riuscita a trovare una baby sitter per i miei figli. Mary era la figlia di una conoscente, Denise, e aveva appena compiuto 18 anni ed era all'ultimo anno delle superiori. Mary aveva i capelli rossi e...

405 I più visti

Likes 0

Emily va a Las Vegas

Storia a tema vacanze estive scritta per il 2° concorso scrittori sul forum. Era un comodo venerdì sera di luglio dopo che tutti tornavano a casa dal lavoro. Avevamo preparato le cose importanti la sera prima, quindi tutto ciò che dovevamo fare era gettare alcune cose dell'ultimo minuto in una borsa e saltare sul SUV di John. Ragazzi davanti, ragazze dietro, i nostri guerrieri ci guidano in un viaggio attraverso il deserto della California meridionale. Ashley è la mia amante/fidanzata? Aveva 23 anni, capelli lunghi e lisci biondi, occhi verdi/azzurri, 5' 6, 110 libbre, 36B, atleticamente costruita, tonica, un culetto carino...

1.3K I più visti

Likes 0

A bordo della Lundrim Seksi Parte 5

Si è svegliata da sola il giorno dopo. La testa le faceva male per i postumi di una sbornia, la pelle le bruciava per le percosse della sera prima. Le attività del giorno precedente le passarono per la mente mentre cercava di mettere insieme i pezzi. Ieri le sono successe tante cose. Si è fatta mangiare la figa come se fosse l'ultimo pasto che avrebbe mai mangiato. Le sembrava abbastanza bello, però, si ritrovò scioccata da quanto le piacesse. Sentimenti attraversarono il suo corpo che non aveva mai provato prima. Poi è stata legata e le è stata tolta la verginità...

944 I più visti

Likes 0

La proposta: obblighi rispettati

La proposizione: Gli obblighi vengono rispettati Jenny e io abbiamo dormito fino a domenica mattina. Erano passate le 10:00 quando finalmente siamo scesi dal letto. “Dopo la nostra doccia, cosa vorresti per colazione?” chiese Jenny mentre iniziava a rotolare giù dal letto. Ha poi avuto uno sguardo addolorato sul suo viso. OH! Uumm, Jim, onorerò il nostro patto. Puoi avermi quando vuoi, ma se per te va bene, possiamo fare qualcos'altro la prossima volta? Sono così dolorante, non sono sicuro di poter nemmeno camminare. Il suo dolore era abbastanza comprensibile. Ho dovuto spingere molto forte per sfondare il suo imene e...

717 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.