Come Anna ha scoperto di essere una puttanella Parte 1

351Report
Come Anna ha scoperto di essere una puttanella Parte 1

Questa è un'opera di finzione, tutti i personaggi hanno più di 18 anni e sono di fantasia. I temi di questa storia sono: stupro, riluttanza e schiavitù leggera. Questo pezzo di narrativa è stato scritto da me e mi appartiene. Il montaggio finale è stato fatto dal mio Dom e da me. Godere ; )

Come Anna ha scoperto di essere una piccola puttana
Parte 1: L'ospite non invitato

La giornata è iniziata con un brivido di eccitazione nervosa. Aspettavo da tempo quel particolare venerdì, poiché era il giorno in cui i miei genitori mi avrebbero lasciato solo per un intero fine settimana. I miei genitori possedevano un'azienda grande e di successo, quindi facevano sempre lunghi viaggi d'affari trascinandomi con sé. Dopo molta persuasione alla fine convinsi i miei genitori che ero abbastanza grande per essere lasciato solo per un fine settimana mentre loro andavano via, dato che avevo già 18 anni. I miei genitori, Gerald e Beatrice, sapevano che non avrei preso parte ad alcuna attività rischiosa in loro assenza. , dato che ero una ragazza così buona e innocente.

Ho baciato la guancia di mia madre mentre mi passava accanto verso la macchina, mio ​​padre era già chino sul bagagliaio pieno di bagagli. "Ora, Anna, fai la brava ragazza e assicurati di essere al sicuro. Ok? Hai i nostri numeri in chiamata rapida e il tuo spray al peperoncino è sempre a portata di mano. Ricordi il codice per la stanza di sicurezza?" I suoi piccoli occhi azzurri mi guardavano preoccupati, la sua fronte di alabastro si accartocciava preoccupata mentre mi afferrava per le spalle. "Sì, mamma, starò bene e ho tutto quello che mi serve per stare al sicuro. Conosco a memoria il codice di sicurezza e i vicini sono abbastanza vicini per sentirmi urlare. Non preoccuparti, andrà tutto bene, mamma ." L'abbracciai forte, avvicinando il suo corpo da tennista al mio corpo meno magro. La mamma sembrava ancora preoccupata mentre si allontanava, girando la testa sopra la spalla per guardare mio padre che si avvicinava per rassicurarlo. Mio padre era più alto di entrambi, la sua pelle abbronzata e gli occhi scuri creavano un contrasto con l'aspetto mio e di mia madre. Trasudava dominio e mia madre istintivamente si sciolse in lui mentre la tirava contro il suo fianco. "Non preoccuparti, dolcezza, Anna starà benissimo. Non è vero, caro?" La mia postura si raddrizzò mentre i miei occhi si abbassavano in segno di rispetto. "Sì signore, conosco tutte le regole e mi prenderò cura di me stesso." Ero raggiante quando mio padre mi ha appoggiato una grande mano sulla testa, scompigliandomi i capelli in un gesto familiare di affetto e approvazione. "Questa è la mia ragazza. Adesso Beatrice, è meglio che andiamo. Non vogliamo perdere il volo." Mia madre e mio padre mi abbracciarono ancora una volta, salirono in macchina e se ne andarono. Li ho salutati con la mano, con il cuore in tumulto per la libertà che mi ha abbracciato mentre l'elegante macchina sportiva scompariva dalla vista.

La prima cosa che ho fatto mentre tornavo in casa è stata allentarmi il reggiseno e gettarlo sul letto. Sospirai di conforto mentre il mio busto pesante rimbalzava dai confini del reggiseno, i miei capezzoli si indurivano immediatamente nell'aria fresca. La mia maglietta è stata rapidamente sostituita da una canotta trasparente più rivelatrice che mi stringeva il petto. Sorrisi dolcemente, una sfumatura di eccitazione mi attraversò a causa della cattiveria delle mie azioni. Mamma e papà sono sempre così severi che odio dovermi nascondere tutto il tempo. I miei jeans caddero a terra, lasciando che la mia figa e il mio culo coperti dalle mutandine spuntassero da sotto il bordo della mia canottiera. Mi abbassai, facendo scorrere scherzosamente l'indice sinistro sul mio clitoride mentre gemevo piano. "No Anna, non è il momento per quello. Abbiamo altro da fare." Mi sono rimproverata e ho tirato via la mano prima di finire per trascorrere il mio primo giorno di libertà con l'aquila stesa sul mio letto. Uscii dalla mia stanza e scesi le scale fino al soggiorno. Ho preso il telecomando della tv e mi sono buttato sul pullman, scegliendo il primo film della giornata. Mi sono accasciato nel pullman, mettendomi comodo per la lunga notte di visione di film che mi aspettava.

All'improvviso mi svegliai di soprassalto, con la testa che mi girava per la pesante coltre di sonno che ancora giaceva sulla mia mente. Sbattei le palpebre, con gli occhi che mi bruciavano mentre la TV luminosa mostrava la lista dei crediti del film che stavo guardando. La stanza era buia, molto buia. Mi sono seduto, accigliato mentre spegnevo la TV e scendevo dal pullman. Ancora non sapevo cosa mi avesse svegliato, ma il dolore lancinante in fondo alla gola sembrava essere il colpevole. Barcollai verso la cucina, il sistema di allarme disarmato lampeggiava con una luce verde sopra il bancone di marmo accanto al lavandino. Il rubinetto che gocciolava mi chiamava più vicino mentre mi chinavo sul lavandino, inclinando la bocca in modo da poter prendere l'acqua. Bevvi profondamente, inghiottendo l'acqua fresca mentre il dolore alla gola si attenuava. Dopo aver bevuto a sazietà, mi voltai verso l'ingresso della cucina per dirigermi verso la mia camera da letto, quando all'improvviso, mentre mi avvicinavo al tavolo da pranzo, i miei occhi colsero un leggero riflesso di luce frammentata. La paura fredda si riversò sul mio corpo scioccato mentre la vista della finestra rotta si registrava nella mia mente. Intorno alla finestra rotta c'erano vetri sparsi, il chiarore della luna si rifletteva sul pavimento di legno.

Inciampai all'indietro, le mie braccia ondeggiarono per trattenermi mentre all'improvviso perdevo l'equilibrio. Atterrai sul duro pavimento con un gemito mentre l'aria mi usciva dai polmoni all'impatto. Rimasi momentaneamente stordito, ma mentre mi alzavo una figura alta sopra di me mi fece uscire un urlo in gola. "Qualcuno diavolo....mhmm!" Il mio grido è stato interrotto quando la persona mi ha premuto con forza la mano sulla bocca, provocando un doloroso taglio dell'apparecchio alle mie labbra. "Shhh. Ora, ragazzina, ti suggerisco di tenere quella bocca chiusa. Se collabori, ne uscirai in qualche modo indenne." I miei occhi si spalancarono alla minaccia del criminale chiaramente maschio. "Phlsm dohnt," le mie parole furono attutite dalla sua mano, ma la sua risata mostrava chiaramente che sapeva cosa avevo cercato di dire. "Oh, ragazzina, presto implorerai qualcos'altro." Mi afferrò la testa con l'altra mano e mi trascinò in piedi, il mio urlo soffocato mentre accartocciavo il viso per il dolore. Inciampai mentre mi trascinava dietro di sé, con le unghie che artigliavano la presa salda che aveva sui miei capelli. Mi trascinò fuori dalla cucina e mi portò in soggiorno, fermandosi all'improvviso come se stesse riflettendo. Lui tirò più forte contro i miei capelli, facendomi uscire dalla gola un grido acuto e soffocato. "Dov'è la tua stanza?" Scossi la testa, mormorando parole incoerenti contro la sua mano, mentre le lacrime mi rigavano le guance. Sospirò, lasciò andare i miei capelli e girò il mio corpo. Il sollievo fu di breve durata poiché mi costrinse a piegarmi sul divano più vicino e ad alzare la canottiera, il mio sedere si dimenava mentre l'aria fresca colpiva la mia figa attraverso il materiale sottile delle mie mutandine. Me li strappò via brutalmente, facendo sì che il tessuto sottile si strappasse mentre mi si impigliava sui fianchi e poi infilò la mia biancheria intima rovinata nei suoi jeans. Un urlo mi squarciò la gola mentre l'uomo spingeva il palmo della mano sul mio sedere ora non protetto. L'agonia mi attraversava il sedere mentre continuava a sculacciarmi, il mio corpo si inarcava e si contorceva sul divano mentre le mie gambe scalciavano in un disperato tentativo di scappare. All'improvviso la sua mano scese di nuovo, ma questa volta si strofinò dolcemente contro i lividi rossi che si estendevano sul mio sedere. "Ora, ragazzina, te lo chiederò per l'ultima volta. Dov'è. la tua. stanza?" La sua voce era aspra e il chiaro comando nel suo tono mi mandava un brivido dall'orecchio fino al fondoschiena dolorante. Alzai il braccio tremante e indicai la direzione delle scale che portavano alle camere da letto, piagnucolando nel frattempo mentre le lacrime scendevano dal mio viso.

Mi tirò via dal divano e il mio spray al peperoncino che avevo lasciato accanto al divano mi afferrò di nuovo i capelli mentre mi trascinava verso le scale. Inciampai e caddi alcune volte mentre salivamo, piagnucolando ogni volta mentre mi rimetteva in piedi. Finalmente raggiungemmo la cima delle scale e superammo la prima stanza, un bagno utilizzato dai nostri ospiti. Ci avvicinammo alla mia stanza, la porta rosa pallido risaltava con il mio nome scritto in nero sul telaio. Ho provato a fermarlo, mormorandogli in mano mentre passavamo davanti alla mia stanza. La confusione mi attraversò il viso mentre ci avvicinavamo alla camera da letto dei miei genitori. Ci fermammo sulla soglia aperta, le lenzuola bianche e beige del letto king size brillavano debolmente al centro della stanza. "Questa non è la tua stanza, vero ragazzina? La porta rosa era la tua stanza, vero?" La mia risposta fu ancora una volta soffocata, ma il mio cenno del capo fu una chiara conferma della sua supposizione. Non fece alcun tentativo di tornare nella mia stanza, invece sollevò il mio corpo che si dibatteva e mi gettò brutalmente sulle lenzuola di seta. Non ebbi il tempo di urlare o scappare prima che lui fosse sopra di me, la sua mano ancora una volta piegata sulla mia bocca mentre mi afferrava i polsi con l'altra mano. Si sedette sulla mia vita, le sue gambe su entrambi i lati delle mie cosce che lottavano mentre si chinava su di me. Mi sono bloccato quando ho sentito qualcosa di duro premere contro il mio stomaco quasi nudo. Una pistola? Un coltello? La mia mente ingenua fu improvvisamente sconvolta mentre lui mi strofinava l'oggetto duro contro lo stomaco e gemeva piano nel mio orecchio. Tutto il mio corpo tremava mentre il panico mi sopraffaceva, lottai sotto di lui, urlando contro la sua mano mentre cercavo di affondare i denti nel suo palmo. Ringhiò di rabbia e mi lasciò i polsi, bloccandomi le braccia sotto le ginocchia mentre infilava la mano nella tasca dei jeans. Il mio grido, un tempo soffocato, squarciò momentaneamente l'aria in un crescendo forte e acuto, ma fu messo a tacere quando un pezzo muschiato di pizzo rosa tagliuzzato mi fu infilato in bocca. La voce mi si fermò in gola mentre i miei occhi si spalancavano, la mia saliva si inzuppava nel materiale familiare delle mie mutandine rovinate.

Ridacchiò mentre guardava la mia faccia rossa e scioccata, le mie guance sporgevano e le mie labbra si allungavano attorno al bavaglio improvvisato. Si afferrò al mio stato di stordimento e mi fece rapidamente girare a pancia in giù, sbattendomi la faccia contro i cuscini che avevano l'odore dei miei genitori, tenendomi ancora una volta i polsi sopra la testa. Ho sentito uno strano suono strappato e ho sussultato mentre mi strappava la maglietta dal corpo, lasciandomi nuda sotto di lui. Ho iniziato a lottare di nuovo, urlando e sgroppando per liberarmi finché uno schiaffo bruciante sul mio sedere sensibile non mi ha fatto fermare le mie lotte. "Stai fermo adesso, non farti sculacciare ancora." Piagnucolai annuendo mentre restavo ferma, piangendo silenziosamente nei cuscini quando lo sentii strappare ulteriormente la mia camicia già rovinata. Lo sentii tirare i miei polsi verso la testiera, mentre il terrore sprofondava in me mentre mi legava saldamente i polsi alla struttura metallica sopra la mia testa. L'ho sentito togliersi la maschera che aveva sopra la testa, inspirare mentre il suo viso veniva liberato. "Ora, lo ammetto, ragazzina, ho pensato che questa casa fosse vuota per un po' e che fosse l'occasione perfetta per me di procurarmi dei prodotti di qualità. Ciò che ho trovato, però, mi ha sorpreso..." Rabbrividii mentre parlava, mentre la sua mano calda scivolava sulla mia giovane pelle inesperta." Invece dei gioielli, ho trovato una giovane ragazza appena vestita, svenuta su un divano, il suo corpicino maturo drappeggiato sui cuscini in modo così birichino e provocante. Non potevo proprio resistere, ragazzina. Devo averti, HO BISOGNO di averti. Ti avrò."

Ho sussultato e ho gridato in segno di protesta mentre mi costringeva ad aprire le gambe, rivelando la mia figa nuda al suo sguardo affamato. Lottai contro di lui, i miei fianchi ondeggiavano e si contorcevano per scappare mentre lui abbassava il viso sul mio nucleo intatto. Ho pianto più forte, sentendo il suo respiro caldo contro le mie pieghe, le mie gambe che lottavano per chiudersi. Poi, all'improvviso, mi sono bloccato. Tutto il mio corpo si tese mentre una scarica di sensazioni mi attraversava mentre una lingua calda e bagnata scivolava sulla mia figa. I miei occhi si spalancarono per la sorpresa, la mia mente vorticosa in conflitto mentre le mie cosce si rilassavano e si aprivano. Il suo gemito mi fece rabbrividire e urlare mentre la sua lingua si affondava nella mia figa, turbinava dentro di me mentre convinceva il mio corpo a sottomettersi. Provai di nuovo a combattere, tremando la testa in segno di diniego mentre il mio corpo si inarcava lontano dalla sua bocca. Mi stava leccando in un posto che solo io avevo toccato e mi stava facendo provare cose che non avevo mai sperimentato. Ho sentito il mio corpo reagire, le braccia familiari dell'eccitazione che abbracciavano la mia carne vergine.

gemevo. Si fermò sentendo il suono, sollevando il suo viso scintillante dalla mia figa. Potevo sentire il sorrisetto sinistro nella sua voce mentre parlava, il suo respiro caldo che mi soffiava sul sedere. "Oh? Cos'è questa ragazzina? Sei una troia? Oh, sì, lo sei, la tua figa bagnata è un chiaro indizio. Sei una puttanella cattiva, vero? Vuoi che ti usi? Vuoi che ti riempia la tua piccola cugina con il mio cazzo, vero? Vuoi che ti faccia urlare, non è vero, ragazzina?" Il mio corpo tremò e i miei fianchi si sollevarono verso il suo viso mentre le sue parole mi travolgevano. La vergogna mi ha stretto il cuore mentre la mia figa sgorgava per il modo in cui mi parlava, ho provato a negarlo ma sapevo che non potevo. Il mio corpo lo adorava, i miei capezzoli erano duri come la pietra e la mia figa mi colava lungo le cosce.

Ho gridato quando una puntura sul sedere mi ha distolto dai miei pensieri, la mia schiena si è inarcata e il mio sedere si è dimenato mentre si formava un nuovo segno. "Rispondimi adesso!" La sua voce era tonante al mio orecchio, il suo tono mi sfidava a sfidarlo. Ho urlato nelle mie mutandine, la mia testa annuiva febbrilmente in conferma mentre dimenavo i fianchi, la mia figa dolorante ad ogni pulsazione dolorosa del mio culo. Lui gemette in segno di approvazione, e all'improvviso mi afferrò i fianchi, inclinandoli verso l'alto con la testa ancora premuta rudemente sui cuscini. Aggrottai la fronte mentre muovevo i fianchi, chiedendomi quando mi leccherà di nuovo la figa. Un dolore lancinante mi attraversò quando all'improvviso spinse il suo grosso cazzo nella mia figa, la sua spinta così forte che lo slancio quasi mi fece perdere i sensi mentre la mia testa sbatteva contro la testiera. Ho gridato, ruotando gli occhi dietro la testa mentre il mio corpo era sopraffatto dal dolore. Le mie pareti si strinsero attorno a lui, afferrando il suo cazzo mentre cercava di forzare di più se stesso nella mia piccola apertura. "Cazzo! Oh ragazzina, sei così dannatamente stretta! Siiii." I suoi suoni di piacere sopra di me erano disgustosi mentre il dolore si trasformava presto in intorpidimento mentre scopava brutalmente la mia fica un tempo vergine, le sue spinte mi facevano stringere il corpo e spingermi contro di lui in modo che non mi sbattesse di nuovo la testa contro il metallo. Grugnì sopra di me, spingendo più forte mentre finalmente spingeva tutto il suo cazzo dentro di me con una spinta particolarmente brutale. Il mio corpo si congelò per un momento quando il suo cazzo colpì un punto profondo nella mia figa, e poi un urlo improvviso mi uscì dai polmoni mentre un piacere travolgente mi travolgeva.

Lui rise sopra di me, fermando i suoi movimenti per sentirmi piagnucolare in segno di protesta e strofinare la mia figa sensibile contro il suo cazzo. "Oh, sei una piccola troia. Sei una piccola puttana che vuole il mio cazzo, non è vero?" Gemetti e annuii, rivolgendomi a lui, nel disperato bisogno che mi soddisfacesse. Ha esaudito il mio desiderio mentre tirava fuori il suo cazzo, rastrellando la carne sensibile delle mie pareti sopra il suo cazzo increspato finché solo la sua testa è rimasta intrappolata nel mio stretto ingresso. Mi afferrò forte i fianchi e infilò violentemente il suo cazzo nella mia figa, facendomi accartocciare il viso mentre un urlo silenzioso mi gorgogliava in gola. Il suo cazzo mi ha ferito le labbra della figa e ha abusato della mia cervice mentre usava il mio corpo per il suo piacere. Gemetti e mi contrassi mentre il mio corpo veniva sopraffatto da un senso di urgenza, dal bisogno di qualcosa che non potevo descrivere. Gemetti e mi dimenai contro di lui, con le dita che artigliavano i miei legami. "Lo vuoi, vero, ragazzina? Allora vieni per me! Vieni sul mio cazzo mentre pomo il mio seme nella tua fica! Vieni mentre riempio il tuo grembo con il mio seme e ti allevo! Vieni per me, piccola!" Ho urlato mentre il mio corpo si irrigidiva, le sue parole creavano un'ondata di sensazioni che mi squarciava il profondo. La mia figa si strinse e munse attorno al suo cazzo, proprio mentre lo sentivo gridare e spingere brutalmente contro la mia cervice. Il calore si insinuò nella mia fica mentre lui veniva dentro di me, travolgendomi di piacere mentre cadevo insensibile sotto di lui. Si tenne stretto ai miei fianchi, evitando che si afflosciassero mentre svuotava le sue palle dentro di me. "Che brava troietta, così brava ragazzina."...

Storie simili

I miei figli innamorati di me 2

Sono una madre vergognosa, che razza di mostro sono? Ho lasciato che mio figlio di 16 anni mi accogliesse Prendendo la sua verginità. Mi sono sentito male e da quel giorno non sono più umano Diritto di parlare. Per definirmi madre! Io-potrei dire di no, Il pensiero di perderlo con una puttana trasandata. Ma guarda chi parla, ho fissato il lavandino, sono stato qui 20 minuti. Mi sentivo così triste, triste, avevo già finito di lavare i piatti a che diavolo sto bene adesso? Ho sentito le braccia avvolgermi lo stomaco e curvarle morbide Le labbra mi baciano la testa. Rabbrividii...

350 I più visti

Likes 1

Tia, la mia sexy vicina nera

Tia è una ragazza dalla pelle marrone media sulla trentina che vive accanto a me. Vive da sola, ha un ottimo lavoro in azienda e si veste bene ogni giorno quando va al lavoro. Lei è molto carina, estremamente sexy, ha un bel seno, lunghi capelli neri e fluenti e bellissimi occhi scuri. Mi eccita totalmente ogni volta che la vedo. Ho stretto un'amicizia con lei e ovviamente flirto molto con lei. Adoro il suo sorriso e ha una personalità piacevole. La saluto sempre e di solito le faccio i complimenti per la scelta dell'abbigliamento per la giornata, e talvolta faccio...

365 I più visti

Likes 0

Essere comandato

Naomi Price stava affrontando una crisi non causata da lei stessa, ma che solo lei poteva capire come risolvere. Aveva 38 anni e la sua carriera stava andando bene. Ma sua figlia di 14 anni frequentava una scuola privata. Lei e suo marito avevano divorziato poco dopo la sua nascita. Il suo mantenimento dei figli non aiutava Naomi a sbarcare il lunario. Inoltre, la carriera del suo ex era andata nel serbatoio; lavorava solo part-time e riusciva a malapena a cavarsela da solo. Un anno prima, Naomi aveva collocato sua madre in una struttura di residenza assistita. Anche se era molto...

317 I più visti

Likes 0

Racconti incestuosi della quarantena 7: delizie di creampie delle sorelle

Racconti incestuosi della quarantena Storia sette: le delizie dei creampie delle sorelle Di mypenname3000 Diritto d'autore 2020 Nota: grazie a WRC264 per aver letto la beta! René! il mio fratello maggiore gemette mentre il suo sperma veniva pompato nella mia figa. SÌ! La mia figa birichina si contorceva attorno al cazzo di mio fratello maggiore. Tremavo, piagnucolavo e gemevo mentre il suo meraviglioso seme veniva pompato nella mia fica. Tremavo, piegato sul cofano della Camaro del 1969 su cui stava lavorando nel garage della nostra famiglia. Avevo aiutato Clancy tutta la settimana. Da quando finalmente mio fratello maggiore mi aveva notato...

141 I più visti

Likes 0

Chat room: una vendetta malvagia della fidanzata

Torni a casa dopo una lunga giornata di lavoro; ti togli il cappotto e vai in cucina per una birra. Quando apri la porta del frigorifero, la tua ragazza si avvicina da dietro, coprendoti gli occhi con una benda. Lo lega stretto essendo un po 'ruvido Ho un osso da scegliere con te !! ti scatta contro. 'Ma che...?! Chiedi, alzando la mano per scoprirti gli occhi. Ti dà uno schiaffo sul dorso della mano e ti afferra il polso tirandoti fuori dalla cucina. Essendo bendato sei disorientato e perdi l'equilibrio, quasi inciampando mentre ti trascina su per le scale. La...

1.5K I più visti

Likes 0

Caramel Mocha alla giungla di Giava

Erano passate due settimane dal nostro ultimo incontro. Qualcosa a cui mi ero abituato. Viene ogni due lunedì alla giungla di Java per consegnare una singola scatola di biscotti con gocce di cioccolato dalla panetteria e caffetteria di Vienna di Josef. I biscotti non erano niente di speciale. Il proprietario li vende solo nel nostro negozio perché suo fratello è proprietario della panetteria. Ma l'uomo che li ha consegnati sembrava davvero qualcosa da cui potrei dare un morso... Aveva poco più di 20 anni e si chiamava Miguel. Capelli castano scuro, mossi e occhi nocciola con un'affascinante tonalità verde esterna ma...

861 I più visti

Likes 0

Studiare per il corso di storia

Immagino sia iniziato come qualsiasi altro giorno, non sapevo che mi avrebbe cambiato per il resto della mia vita. Stavo aspettando di incontrare Tanya dopo la scuola per poter tornare a casa insieme come facciamo sempre, essendo lei la mia vicina e tutto il resto. Voglio dire, ho capito perché tutti i ragazzi della mia classe superiore si sono innamorati di lei. A 5'6 , con capelli castani lisci appena sopra le spalle, circa 120 libbre, e immagino che 32D tette fosse una delle ragazze più calde della mia classe, anche se io ero così timida e crescevamo insieme ho pensato...

651 I più visti

Likes 0

Mio cugino_(0)

Quando avevo 17 anni andai in vacanza con i miei genitori, i nostri zii e le loro due figlie. Mia cugina (emma) che aveva appena compiuto 16 anni il giorno prima flirtava sempre con me e mi divertivo molto. Beh, un giorno tutti erano usciti e avevano lasciato me ed Emma al campeggio. emma indossava una gonna corta grigia ed era sdraiata su un lettino. Quando mi sono seduto ho potuto vedere la sua gonna e ho visto le sue mutande bianche. si è accorta che la guardavo e non ha mai tentato di coprirsi. Invece ha aperto un po' di...

636 I più visti

Likes 0

Giacomo e Maria_(0)

Capitolo 1 Quando i genitori di James hanno detto che sarebbero usciti per la notte, ciò che inizialmente gli era passato per la mente era stato forse afferrare il telecomando della sua PS4 o vedere quanti episodi di House of Cards poteva guardare. Non aveva previsto cosa avrebbe comportato quella notte, ed era lì per il momento della sua vita. Aveva appena preso il telecomando della TV e si era lasciato cadere sul suo grande divano di pelle quando suonò il campanello. Esitò, espirò, poi si alzò in piedi e attraversò il corridoio fino alla porta d'ingresso. Alla porta c'era un...

622 I più visti

Likes 0

Holli e una vela serale

Holli mi ha incontrato all'estremità del molo... e il mio cuore ha perso un battito quando è scivolata alla vista. Era vestita per una serata a bordo della mia barca: semplici sandali da barca, un bel top azzurro e un paio di pantaloncini cachi molto comodi che le dondolavano facilmente sulle curve, accennando a ciò che aveva da condividere sotto. 5'9 con capelli biondi, gambe lunghe e un corpo atletico in forma, Holli era entrato nel mio mondo attraverso un pomeriggio magico che abbiamo condiviso sul lungomare di Vancouver. Questa serata è stata il risultato del mio invito perché ci eravamo...

470 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.