Il Progetto Zethriel (Capitoli Cinque - Sei)

40Report
Il Progetto Zethriel (Capitoli Cinque - Sei)

---(Cinque)---

Quando Keria Shadoweye si svegliò, era sera. L'ultima luce del giorno stava filtrando attraverso le tende blu scuro, proiettando un bagliore torbido sulla stanza. Devono aver dormito per molto tempo, pensò.
Sotto di lei, Zethriel dormiva pacificamente con il suo cazzo duro come una roccia di nuovo dentro la fica di Keria. Alzò la testa dalla sua spalla per guardarlo dormire. A cavallo di lui com'era, il suo cazzo la riempì di soddisfazione e il suo corpo era così caldo sotto di lei mentre il petto di Zethriel si alzava e si abbassava con il suo respiro. Non riusciva a pensare a nessun posto in cui preferire essere che sdraiarsi sopra il suo amante, impalata sul suo cazzo, ed era perfettamente contenta di lasciarlo svegliare a suo piacimento.
I suoi occhi sbattevano sotto le palpebre: stava sognando. Lo osservò per un altro momento o giù di lì prima di appoggiare di nuovo la testa sulla sua spalla. Keria ricordava il suo fragoroso orgasmo della notte precedente, ma non riusciva a ricordare nulla dopo, ea giudicare dalla loro posizione attuale, non c'era stato niente dopo. Il suo corpo ancora doleva al ricordo di quel momento. Così tanto piacere tutto in una volta, si era sentita come se il suo corpo si stesse per fare a pezzi.
Il cazzo di Zethriel si contrasse mentre sognava. Keria sorrise, chiedendosi distrattamente quante volte avrebbero potuto scopare nel sonno. La sua fica bagnata si strinse involontariamente al pensiero, e in qualche modo il cazzo teso di Zethriel scivolò un po' più in profondità di quanto non fosse già. Il suo respiro era ancora lento e regolare, ma il suo cuore batteva un po' più velocemente.
Qualcosa che avrebbe potuto essere un gemito se fosse stato forse dieci volte più forte si levò dal pensiero di Zethriel. Keria girò un po' i fianchi, e fu tutto quello che ci volle. Il corpo di Zethriel si tese e il suo cazzo esplose un carico di sperma nelle sue profondità.
I suoi occhi si spalancarono. Gli ci volle un momento per scacciare via il sonno, ma poi la guardò e sorrise.
Lei ricambiò il sorriso e lo baciò. Il mondo le sembrava perfetto, all'improvviso. Nulla importava tranne questo, proprio qui; loro due, ed è stato perfetto. "Buongiorno amore mio. Che cosa hai sognato?"
"Tu ovviamente." Le accarezzò leggermente la guancia, spostandole dal viso un po' dei suoi capelli scuri e setosi.
Lei sorrise e lo baciò di nuovo. "E' sera, in realtà. Penso che abbiamo dormito per più di un giorno."

Zethriel si mise a sedere e incrociò le gambe. Con un plop bagnato, il suo cazzo morbido cadde dalla fica di Keria, che si posò su di lui appena sotto l'ombelico. Alcune gocce dei suoi succhi colarono lungo l'interno della sua coscia. Aveva sicuramente quella sensazione di stordimento di aver dormito troppo a lungo. Entrambi erano coperti di sudore e sperma.
"Abbiamo bisogno di un altro bagno", ha detto, "e ho bisogno di pisciare."
"Si, anch'io." Keria si districò molto a malincuore e si alzò dalle sue ginocchia.
Si sono alternati per alleviare se stessi. Keria era andata per prima, quindi aveva avuto il tempo di riempire il grande bagno a metà quando Zethriel era tornata in camera da letto.
Era piegata in avanti, appoggiata al bordo della vasca con le gambe premute insieme in modo che le labbra della sua fica fossero perfettamente incorniciate nella piega a quattro vie formata dal culo e dalle cosce.
Zethriel si avvicinò alle sue spalle e le avvolse le braccia intorno al ventre. Si appoggiò all'indietro su di lui mentre lui si sporse in avanti e le baciò il collo, lasciando che le sue mani scivolassero verso l'alto per accarezzarle i seni. L'asta del suo cazzo semiduro è stata spinta tra le pieghe delle sue labbra.
Le sue labbra si fecero strada sul suo collo e sulla sua guancia mentre lei girava la testa per avvicinare le sue labbra alle sue. L'abbracciò a sé. "Ti amo, Keria, lo sai," disse, la sua voce dolce e profonda.
Gli tirò un po' le braccia. "Dai allora, lascia che ti lavi e puoi raccontarmi il tuo sogno."
Scivolò nell'acqua e andò alla deriva al centro della vasca, che era abbastanza profonda da poter stare in piedi. L'acqua arrivò alle ascelle di Zethriel e alla sommità delle spalle di Keria. Erano ancora liberi dallo sporco del loro primo bagno, quindi questa volta sarebbe bastato semplicemente immergersi nell'acqua saponata.
Keria non aveva bisogno di una scusa per toccarlo, però. Si sedette sul bordo della panchina e se lo tirò in grembo. Zethriel si curvò in modo che sembrasse più basso e lei potesse tenerlo nel modo in cui lui l'aveva appena tenuta.
"Vai avanti. Parlami del tuo sogno." Stava passando le dita tra i suoi lunghi capelli neri, che si erano un po' arruffati.
Fece scivolare le mani lungo i suoi fianchi e le drappeggiò sulle sue cosce. "Bene allora..."
***Cominciò nella città vecchia, quando eravamo entrambi bambini piccoli. Le nuvole coprivano tutto, ma non erano nuvole, perché potevo camminarci sopra. Stavo saltando di nuvola in nuvola e tu mi stavi inseguendo. Eravamo come allora: giovani.
Comunque, abbastanza presto mi hai catturato. Mi sei volato addosso da dietro e mi hai placcato. Siamo rotolati nell'aria e poi siamo atterrati in questa enorme nuvola. Mi stavi inchiodando, facendomi male, ma poi mi stavi baciando.
È divertente. Nel sogno non avevo idea di cosa stesse succedendo. Pensavo come il ragazzino che sembravo essere.
Il mio cazzo è rimasto morbido anche quando hai provato a montarmi, ma si sentiva comunque incredibilmente bene.
Le cose sono diventate strane per un po', allora. Il sogno è cambiato così eravamo in questo nido di foglie, in alto su un albero gigante. Eri in ginocchio e io ero già in te da dietro. Il tuo culo rimbalzava sui miei fianchi ad ogni spinta. Avevo le braccia sotto le tue e tenevo il tuo viso tra le mani, il che è strano perché potevo vedere il tuo viso.
Stavi ripetendo "Aprimi", ancora e ancora.
Il sogno è cambiato di nuovo. Ci sdraiammo su un fianco, uno di fronte all'altro. Questo era davvero, davvero strano, ma nel sogno mi stava facendo così caldo. Quando abbiamo toccato le nostre carni si sono fuse insieme. I nostri capezzoli si unirono e i nostri petti iniziarono a connettersi finché nessuno di noi due ebbe un frontale.
Ti stavo baciando furiosamente, e ho sognato di poter sentire la tua lingua arrivare fino in fondo al mio cuore. Era oltre lo strano, ma nel sogno l'aria era così fredda e l'ho accolta come ogni ultimo pezzo di me e ti sei fuso finché non sono stato cieco a tutto tranne la sensazione di essere uno con te.***

Keria sospirò nel collo di Zethriel mentre finiva la sua storia. La sua fica pulsava di anticipazione. Avrebbe voluto essere lì con lui.
"È stato allora che mi sono svegliato", ha detto. "Credo che sia un po' inquietante."
Keria scosse la testa. "No. Solo uno sciocco prende alla lettera un sogno," lo rassicurò. "Penso che parli di ciò che c'è nel tuo cuore: una solitudine profonda e potente".
"Non sono più solo."
Lei sorrise. "Sono felice di essere tutto ciò che vuoi."
"Sei tutto ciò che potrei mai desiderare." Si voltò e premette le labbra sulle sue.
La sua mano trovò la sua fica e lei lo sentì spingere dentro due dita. Ha risposto alzando le gambe e aprendo la bocca di Zethriel con la lingua. L'altra mano premeva sul suo mons e lui le stringeva la carne tra le mani ad ogni colpo delle sue dita.
Una gloriosa tensione si è accumulata in pochi secondi, facendola tremare. Keria gli gettò le braccia al collo. Il suo corpo era floscio tra le sue mani, dato interamente a lui ea quello che stava facendo.
L'orgasmo tanto atteso di Keria è arrivato come una supernova, diffondendosi in tutto il suo corpo come una corrente elettrica, e poi improvvisamente si è concentrato intensamente in profondità nella sua fica. Un breve grido spontaneo spinse le sue labbra a staccarsi da quelle di Zethriel mentre la sua fica esplodeva sulla sua mano.


---(Sei)---

Anche sotto l'acqua del bagno, la forza del suo orgasmo colpì la sua mano come un getto. Deve averlo costruito da quando dormivano. Quando riprese fiato, Zethriel diede una piccola stretta affettuoso alla fica di Keria e si sedette accanto a lei sulla panchina. Gli gettò le gambe sopra le sue così si sedette di lato sulle sue ginocchia, bloccandogli il cazzo duro tra la sua coscia e la sua pancia.
"Sai da quanto tempo ho sognato di averti?" chiese, seppellendo il viso nel suo collo, e ruotando leggermente i fianchi in modo che ci fosse spazio per mettere il suo cazzo in posizione.
"Beh, allora il tuo sogno si è avverato e posso prometterti che sarò tuo per sempre."
"Non c'è un momento in cui riesco a ricordare di non amarti," disse, sistemando di nuovo i fianchi in modo che il suo cazzo scivolasse lentamente nelle sue profondità. Zethriel appoggiò la testa all'indietro dove l'aveva trovata sul suo petto e le accarezzò teneramente i capelli.
Con il cuore che batteva forte, ma il respiro lento e rilassato, Zethriel la tenne stretta a sé, desiderando che potesse durare per sempre. Non si stavano nemmeno muovendo, ma nelle successive, quelle che devono essere state ore, i loro orgasmi si sono lentamente sviluppati, la fica di Keria che stringeva e mungeva il suo cazzo mentre si fletteva in esso in tempo, mentre si tenevano semplicemente l'un l'altro.
A metà, Zethriel si alzò e li portò sulla sedia imbottita di fronte al letto, assicurandosi che il suo cazzo si muovesse fuori da lei il meno possibile. Si aiutarono a vicenda ad asciugarsi, poi tornarono al loro abbraccio amorevole e al loro ritmo gentile.
Keria emise un piccolo gemito e strinse la presa.
Zethriel ha risposto facendo contrarre il suo cazzo più forte e piegandosi per strofinare il collo di Keria, atterrando baci morbidi sulla sua mascella. Avrebbe voluto dirle tutto quello che pensava e sentiva, ma lei lo sapeva già, pensò, e lo stava dicendo a sua volta. Ogni tocco diceva "ti amo" e ogni movimento diceva "ti voglio" e ogni momento del loro abbraccio diceva "non voglio mai che questo finisca".
"Mi piace ascoltare il tuo battito cardiaco", sussurrò. Il suo posto preferito per appoggiare la testa era proprio lì, con l'orecchio premuto proprio dove si trovava il suo cuore.
Il sole era ormai lontano da tempo e Zethriel pensava che si stesse avvicinando alla sborra. Fece scivolare un dito nella fessura tra le gambe di Keria e trovò il suo clitoride, ma gli diede solo un piccolo colpetto mentre fletteva il suo cazzo.
Il loro respiro si stava accelerando alla stessa velocità, e quando i loro corpi finalmente ebbero le convulsioni, sembravano quasi al rallentatore. Keria tremò mentre la sua fica si contorse, e Zethriel si irrigidì mentre il suo cazzo esplodeva dentro di lei. Nessuno dei due ha gridato. Si limitavano ad aggrapparsi l'uno all'altro mentre i loro corpi erano devastati dal piacere. Sembrava che durasse per sempre.
Quando finalmente fu finita, entrambi gli innamorati emisero un enorme sospiro di soddisfazione. La tensione nei loro lombi era stata saziata e potevano godere della gioia più semplice di un semplice contatto.
"Quando è stata l'ultima volta che abbiamo mangiato?" si chiese Zethriel.
Keria scivolò giù dalle sue ginocchia così fu schiacciata sulla sedia accanto a lui. "Un po' di tempo fa, certo. Sono affamato."
Zethriel si chinò sul bracciolo della sedia e trovò il Frammento dell'Anima nelle sue vesti. Dopo solo un attimo di esitazione, lo tese e iniziò l'incantesimo di evocazione. Una luce oscura scaturì dal frammento e al centro della stanza cominciò a formarsi una forma.
Gli occhi irruppero nell'aria scintillante, seguiti da un viso azzurro pallido, una bocca con denti malvagi, corna, capelli. Un corpo sinuoso e voluttuoso appena coperto da un'armatura metallica frastagliata, una coda, zoccoli e ali eleganti.
Una frusta a catena si materializzò nella mano della Succube e lei la brandì minacciosamente. Zethriel avvertì un forte respiro affannoso da parte di Keria.
"Non preoccuparti," sorrise. La mano che aveva tenuto il Frammento dell'Anima era ancora tesa, e mentre fletteva le dita, una forza invisibile tirò via la Succube dai suoi piedi e le portò il collo nella sua mano. Mentre le sue dita affondavano nella carne del demone, la lotta sembrava uscire da lei. "Come ti chiami?"
"Kalrah". La sua voce era piatta.
"Tu appartieni a noi ora, Kalrah." Un bagliore verde emanava dalla sua mano. "Chi servirai?"
"Z--Zethriel... Keria..."
"Chi è il tuo padrone?"
Gli occhi del demone sembravano offuscati, per poi riaprirsi. "Siete."
"Bene", disse Zethriel, "vai a portarci un pasto adatto e non attirare l'attenzione."
Rilasciò il collo del demone e lei aprì le ali e volò fuori dalla finestra.
"Era la prima volta che evocavi un demone?" chiese Keria.
"Sì, ma ho visto i maestri farlo molte volte."
Gli fece scivolare un braccio intorno alla vita e lo baciò.

Passarono solo pochi minuti prima che Kalrah tornasse con una piccola scatola. Keria guardò dentro mentre Zethriel lo prendeva dal demone, ma solo l'odore le faceva venire l'acquolina in bocca. La scatola si aprì per diventare un vassoio, che Zethriel posò sulle loro ginocchia. C'era un cesto di frutta e due grossi tagli di succosa bistecca di dragonhawk. Zethriel le diede da mangiare una fragola dalla ciotola.
La Succube li stava fissando. Zethriel notò e mandò il demone nell'angolo della stanza, e con un gesto della mano fece svanire l'armatura di ferro del demone. "Gioca con te stesso", suggerì.
Kalrah non ha esitato minimamente. Tolto il ferro frastagliato, si infilò una mano nella fica e cadde a terra con un sospiro.
Keria strappò la sua bistecca con una ferocia selvaggia, facendo gocciolare sangue lungo il mento e sui seni. Zethriel, sorridendole, si chinò e leccò via il sangue, stuzzicandole i capezzoli con la lingua una o due volte prima di tornare alla sua bistecca.
Troppo presto, il cibo era finito. Keria diede a Zethriel l'ultima manciata d'uva e lo baciò in modo che potessero condividere l'esplosione di succo dolce. Zethriel le sorrise e le accarezzò i capelli. In qualche modo, un gesto così semplice da parte sua la entusiasmava ancora. Ha detto tanto a lui.
"Mi ricorda qualcosa che disse una volta quel filosofo, qualunque-si-chiamasse", rispose, "Era qualcosa come: 'Un tocco da una persona che ami può essere meglio di tredici ore in trentasette posizioni con qualcuno che non ti piace', penso."
"Sembra che tu ci creda."
Lui sorrise e la baciò. "Adesso sì. Tu no?"
"Certo," ridacchiò, "stare con te è così bello non per quello che facciamo ma perché è con te che lo sto facendo."
Keria si rannicchiò contro di lui e sospirò. Rimasero seduti insieme in silenzio per un po', l'unico suono era umido, suoni morbidi mentre Kalrah si toccava febbrilmente.
Ma qualcosa si stava avvicinando alla mente di Keria, qualcosa di quel periodo oscuro e oscuro che lei considerava "prima di Zethriel". Il ricordo non sarebbe stato negato, e Keria gemette infastidita quando riemerse.
"Che cos'è?" chiese Zethriel.
Keria sospirò di nuovo, questa volta rassegnata. "Ho un lavoro da meno di un'ora. Devo assassinare questo pezzo grosso del commerciante oggi prima dell'alba. Il mio datore di lavoro mi ha dato questa stanza; nemmeno l'oste lo sa, ma posso entrare solo se pago il mio affitto, per così dire."
"Quanto tempo impiegherai? Posso aiutarti?"
Keria lo baciò e scosse la testa. "Dovrebbe andare in fretta."
Con un enorme sforzo di volontà, Keria si staccò da Zethriel e raccolse le sue pelli. Non voleva altro che ricadere su quella sedia e toccarlo, ma si trattenne. L'amava. In qualche modo pensarlo e sapere che era vero mandava ancora una piccola ondata di piacere in tutto il suo essere. Lui l'amava, lei lo amava; anche se in quell'istante fossero stati separati, sarebbero stati di nuovo insieme appena avrebbero potuto. Come potrebbero non farlo?

La pelle di Zethriel doleva dove non era più in contatto con Keria. Si alzò e guardò il suo vestito. Si allacciò la cintura e si infilò gli stivali, guardandolo e sorridendo. I capelli corti e scuri le ricadevano sul viso in modo spensierato. Zethriel scoprì che ogni momento che passava amava sempre di più ogni piccola cosa di lei.
"Stai attento", disse.
"Lo sono sempre".
Zethriel la prese tra le braccia e la baciò di nuovo, a lungo e con forza, esplorando il territorio ormai familiare della lingua e della bocca di Keria. In seguito, si rivolse al demone. "Kalrah".
La Succube fermò quello che stava facendo e guardò in alto, tirando fuori le dita dalla sua fica gocciolante. Kalrah era seduta in una pozza dei suoi stessi fluidi. Zethriel agitò la mano e l'armatura di ferro si rimaterializzò, bloccando la fica ei capezzoli del demone fuori portata.
"Vai con Keria", disse Zethriel. "Rimani invisibile e non interferire a meno che Keria non ti chiami."
Sorrise al suo amante. "Suona bene?"
Lei sorrise di lato e annuì, poi saltò tra le sue braccia e lo baciò di nuovo. Poi, con uno strappo quasi tangibile di quello che sembrava un pezzo del suo cuore strappato via, Keria era fuori dalla finestra, navigando nell'aria per atterrare come un gatto nel vicolo e svanire nell'ombra.
Il cuore di Zethriel rabbrividì, in senso figurato. Cercò di dire a se stesso che era solo che gli mancava già, che era straordinariamente abile e non correva alcun pericolo, ma non c'era modo di negarlo. Zethriel aveva davvero una brutta sensazione al riguardo.

Storie simili

Benefici marginali relativi al lavoro, pt. 2

La scorsa notte è stata una notte incredibile e l'inizio di quello che speravo sarebbe stato una serie di bellissimi incontri con Susan, le sue figlie gemelle, e da non lasciare fuori, la mia ragazza migliore in ufficio e capobanda lussuriosa, Debbie. Persino la cameriera del bar, Tammie, ha proposto possibilità molto interessanti mentre dimostrava una propensione e una mentalità sessuale che secondo me dovevano contenere alcuni segreti sessuali da qualche parte nel profondo. E per quanto riguarda il personale dell'ufficio, tutte donne come ho detto prima, ora avevo avuto una vera festa di sborra esplosiva con due di loro. Con...

1 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.