A dondolo al Pink Kitty

540Report
A dondolo al Pink Kitty

Mi ero fermato alla taverna locale per un paio di birre dopo un vero venerdì di merda al lavoro. Sembrava che tutto ciò che poteva andare storto andasse storto. Avevo bisogno di una fottuta birra nel peggiore dei modi. Forse avevo bisogno di MOLTA birra.

Ero seduto in fondo al bar a farmi gli affari miei e non davo fastidio a nessuno quando è entrato il mio amico Larry. viso. Quanto tempo sei stato qui?"

"Non abbastanza a lungo" ringhiai "Non abbastanza a lungo."

"Rallegrati un po'" Larry rise "Non essere così dannatamente odioso."

"Mi dispiace, è stata solo una fottuta giornata davvero schifosa" ho spiegato. "La mia giornata è iniziata quando mi sono rovesciato la prima tazza di caffè sulla maglietta e le cose sono peggiorate man mano che andava avanti"

Ci siamo seduti e abbiamo bevuto un altro paio di birre e abbiamo fatto due chiacchiere quando improvvisamente Larry ha iniziato a sorridere e ha detto “Ehi, ho sentito che hanno delle nuove ragazze che ballano al Pink Kitty. Dovremmo andare laggiù e controllarli.»

Il Pink Kitty era uno strip club in città che godeva di un'ottima reputazione come luogo in cui un ragazzo poteva ottenere tutta la figa che riusciva a sopportare. Tutti quelli che ci andavano di solito si divertivano molto. Era passato così tanto tempo dall'ultima volta che ci ero stato che me ne ero quasi dimenticato.

"Buona idea, Larry" ho sorriso "Andiamo laggiù e diamo un'occhiata."

Andammo al Pink Kitty, parcheggiammo ed entrammo. Non era cambiato molto dall'ultima volta che ci sono stato. Non era molto affollato e la musica era alta ed era piuttosto buio. Abbiamo scelto un tavolo vicino al palco dove avremmo potuto osservare bene i ballerini.

Ho sempre amato gli strip club. Non dovevi bere e cenare spogliarelliste. Hai appena infilato dei soldi nelle loro corde G e loro ti avrebbero lasciato suonare con loro. Più ci mettevi dentro più potevi giocare. Pensavi di essere al comando ma le ragazze ti tenevano al sicuro. Merda, adoravo le spogliarelliste.

Ci siamo seduti lì e abbiamo visto ballare diverse ragazze che conoscevamo e che avevamo visto prima. Poi un paio di nuove ragazze sono uscite e hanno ballato. Erano molto carini e sapevano davvero ballare. Le cose stavano migliorando.

La terza nuova ragazza che è uscita era conosciuta come Natalia. Era alta circa un metro e mezzo ed era estremamente bella. Aveva lunghi capelli neri e occhi verdi. Era abbronzata molto scura e il suo corpo era uno da sognare. Aveva tette perfette che pensavo fossero circa 34D e una vita molto sottile. Le sue gambe erano forti e sembravano quelle di una tennista, ma molto lunghe e sexy. Il meraviglioso sorriso sul suo viso completava il pacchetto perfetto. ero in calore.

Ha iniziato vestita da donna d'affari con una camicetta scollata e una gonna al ginocchio. Ha ballato sul palco e più la guardavo, più il mio cazzo diventava duro. Quando la canzone è cambiata, Natalia ha perso la camicetta, poi la gonna e le è rimasto solo un perizoma rosso e un reggiseno di pizzo rosso abbinato che riusciva a malapena a contenere quelle magnifiche tette. Sembrava molto alta con i tacchi che indossava e ha iniziato a usare il palo sul palco.

Non ci è voluto molto tempo per vedere quanto fosse talentuosa questa donna. Si arrampicò sul palo e scivolò giù all'indietro appesa solo per quelle belle gambe. Ha fatto cose su quel palo che mi hanno lasciato a bocca aperta. Girava intorno al palo dall'alto e finiva sul palco sulla schiena con le gambe divaricate e poi ti sorrideva e lo faceva di nuovo.

Ad un certo punto in questa danza è riuscita a perdere il resto del suo vestito ed era completamente nuda tranne che per le sue scarpe da spogliarellista. La sua figa era completamente rasata e abbronzata come il resto del suo bel corpo. I ragazzi del pubblico erano sdraiati sulla schiena sul palco e si coprivano la faccia con cinque banconote da un dollaro. Natalia ballava su di loro, si accovacciava e prendeva i soldi dalle loro facce con la sua figa perfetta. L'intero posto stava impazzendo. Il bar era diventato molto più affollato e non lo sapevo.

Quando la sua ultima canzone è finita, l'intero locale è esploso in un applauso. Era ovvio che tutti amassero Natalia. I soldi sono stati lanciati sul palco e lei ha camminato impettita sul palco e ha mandato baci a tutti noi. Speravo di avere la possibilità di incontrarla più tardi.

L'intero bar era ora in solida modalità rock and roll mentre Natalia aveva acceso il fuoco di tutti. La ragazza successiva era molto carina e brava come ballerina quasi quanto Natalia. La folla ha continuato a entrare davvero nel vivo e stavo guardando questa bella ragazza ballare quando qualcuno mi ha messo una mano sul braccio.

Mi ha spaventato e mi sono voltato per guardare Natalia dritto negli occhi.

“Scusa se ti ho fatto trasalire” sorrise “Ti ho visto mentre ballavo e volevo conoscerti.”

Parla di un cambiamento nella mia fortuna! Ero così stupito che fosse lì che riuscivo a malapena a parlare.

"Wow, speravo di poterti incontrare anch'io." balbettai. "Sei ancora più bella da vicino."

Natalia si chinò e mi baciò sulla guancia. "Grazie mille." Mi sussurrò all'orecchio.

Si è seduta con me e le ho offerto da bere e abbiamo fatto due chiacchiere. Ho cercato di concentrarmi sulla conversazione, ma questa ragazza mi stava facendo impazzire. Era così calda che non riuscivo a trattenermi dal fissarla.

Alla fine mi ha chiesto se volevo un ballo privato.

Pensavo che il mio fottuto cazzo sarebbe esploso!

Mi prese per mano e mi condusse nella sala VIP. Riuscivo a malapena a camminare e tutti nel posto sapevano che avevo un'erezione pulsante che spuntava dai miei jeans.

La sala VIP era una stanza piena di divani in pelle in cui ti sedevi nel mezzo e la ballerina faceva le sue cose. Era come semi privato perché c'erano altri ballerini lì con ragazzi, ma fidati di me non hai prestato attenzione a nessun altro.

Ci siamo seduti aspettando che iniziasse la musica e abbiamo fatto due chiacchiere. Natalia mi ha detto che veniva dalla Romania e che si era trasferita negli Stati Uniti circa sei anni prima. Era single e voleva finire gli studi universitari. Ha detto che questo lavoro le ha permesso di essere una studentessa e di guadagnare abbastanza bene nei fine settimana.

La musica è iniziata e lei mi ha spinto sul divano e si è alzata sopra di me.

"Per favore, goditi i miei talenti, Mike" sorrise mentre si sganciava il reggiseno e lasciava uscire quelle meravigliose tette. Natalia stava meglio di persona quanto sul palco. Si strofinò e scivolò su di me mentre si toglieva le mutandine. Me li ha infilati sotto il naso e il suo dolce profumo mi ha quasi fatto venire nei pantaloni.

Per i successivi quattro o cinque minuti questa bellissima donna fece l'amore con me senza mai toccarmi il cazzo. Mi mordicchiava il lobo dell'orecchio e poi mi respirava pesantemente nell'orecchio, poi mi strofinava la figa in faccia e si girava per mettermi faccia a faccia con il suo culetto stretto. Si è mossa abbastanza velocemente che, anche se le avevi afferrato le natiche, non potevi mai seppellire la tua faccia in quel dolce culetto. Dio, che presa in giro era!

La musica finì e io guardai Natalia e la pregai di ballare ancora per me.

“Ballerò per te tutta la notte se è quello che vuoi” rispose lei. "Dimmi solo quando ne hai avuto abbastanza."

"Credo che sarò senza soldi prima di averne mai abbastanza" ho riso.

Natalia si chinò e mi baciò di nuovo sulla guancia mentre la musica iniziava. Ha iniziato a ballare al ritmo della musica e presto mi ha strofinato la figa nuda sul viso. Tutto quello che potevo fare era tirare fuori la lingua mentre lei mi scopava la faccia con la figa e il culo. Si girò e si sedette a cavalcioni sulle mie gambe e mi strofinò le tette in faccia. Le ho messo le mani intorno alle tette e ho fatto a turno a succhiare un capezzolo e poi l'altro. Sono diventati duri e lunghi nella mia bocca e sapevano di caramelle. Poi la musica si fermò.

Merda, ho pensato. Perché la musica si è fermata così velocemente? Immagino che mi stavo divertendo troppo.

"Devo continuare?" chiese Natalia.

"Per favore, non fermarti ancora." Io ho supplicato.

Lei rise e strofinò il mio cazzo duro attraverso i miei pantaloni.

“Si sente felice” sorrise.

"Anche io." Ho riso.

Di nuovo è iniziata la musica e Natalia è caduta in ginocchio tra le mie gambe. Stava strofinando il mio cazzo e mi metteva la bocca sopra il cazzo e soffiava il suo respiro caldo attraverso il tessuto sul mio cazzo. Questo era più di quanto potessi sopportare. Ho abbassato la mano e l'ho tirata su a me.

“Se continui così, mi sborrerò nei pantaloni” spiegai.

"Questo è quello che voglio." Mi ha fatto le fusa nell'orecchio.

Fece scorrere la mano sul davanti dei miei pantaloni e mi afferrò per il cazzo. Lo accarezzò mentre mi respirava pesantemente nell'orecchio.

ero fottuto! Sono venuto su tutta la sua mano e nei miei pantaloni. Scommetto che avrei potuto riempire un bicchiere d'acqua con la quantità di sperma che ho sparato.

Natalia ha tolto la mano dai miei pantaloni e ha guardato lo sperma dappertutto. Mi sorrise e si leccò tutto lo sperma dalle dita. Mi sorrise di nuovo, poi si chinò e mi baciò sulle labbra.

"Ho ottenuto quello che volevo" rise mentre si sedeva a cavalcioni sulle mie gambe.

La musica finì e lei era seduta lì a guardarmi.

"Devo smettere di ballare adesso?" lei rise.

Le ho dato uno schiaffo sulla guancia del culo nudo ed entrambi abbiamo iniziato a ridere. Le ho pagato quanto le dovevo e le ho dato una bella mancia. Ci siamo abbracciati e siamo tornati al bar.

Doveva prepararsi per ballare sul palco e io mi diressi verso il bagno degli uomini per pulire. Mi ha baciato sulla guancia e mi ha detto che si è davvero divertita e che voleva rivedermi. Le ho promesso che non mi aveva visto per l'ultima volta.



Erano passate un paio di settimane da quando avevo conosciuto Natalia e ogni tanto mi ritrovavo a pensare a lei. Non avevo avuto il tempo di tornare al Pink Kitty e stavo cercando di risolverlo per poterci arrivare. Era un venerdì sera e mi ero fermato di nuovo alla taverna locale come al solito.

Ero seduto lì a bere una birra ed è entrato Andrea. Non la vedevo da un paio di settimane e sembrava bellissima come al solito.

Si è avvicinata alla porta, ha aperto il cappotto e mi ha mostrato un flash. Era nuda sotto il cappotto!

Non so chi altro l'abbia vista, ma era ovvio che non le importava.

Di nuovo aprì il cappotto e questa volta allungò la mano e afferrò il suo seno destro e lo strinse. Il mio cazzo stava cominciando a salire rapidamente e non riuscivo a staccare gli occhi da Andrea.

Al il barista è venuto da me e mi ha chiesto se Ai voleva un'altra birra. Due volte ha dovuto chiedermelo e alla fine l'ho sentito.

"Che cosa?" Gli ho chiesto.

"Vuoi un'altra birra?" chiese di nuovo.

“Sì, guarda quello” indicai Andrea.

Al era un omone nero di circa quarantotto anni. Era stato un giocatore di football professionista nella sua prima infanzia ed era alto circa sei piedi e sei pollici ed era costruito come un body builder. Era rimasto abbastanza in forma per la sua età e nessuno ha scopato con Al, se capisci cosa intendo.

"Non è la tua giovane ragazza?" chiese Al. "È sicuramente sexy."

"Sì, è Andrea" risposi "Continua a guardarla."

Al guardò e abbastanza sicuro, Andrea tirò il cappotto aperto e questa volta si strofinò la figa nuda.

Avresti potuto far cadere me e Al con una piuma.

"Santo cielo, è nuda!" Al gridò.

Nessuno sapeva che Andrea aveva in lei una vena di esibizionismo. Non veniva fuori molto spesso, ma quando succedeva non c'era modo di controllarla. Fortunato per me e Al.

Andrea si avvicinò e si sedette a un tavolo nell'angolo. Al si avvicinò e le chiese cosa volesse.

"Il tuo grosso cazzo nero" rispose lei mentre guardava l'aumento dei suoi pantaloni.

"Tra una ventina di minuti chiuderemo e poi potrai averlo" promise Al.

"Sarò seduto qui a perdere succo di figa su questa sedia ad aspettare" Andrea sorrise.

Al è tornato e mi ha detto quello che aveva detto Andrea.

"Le piace il cazzo nero" gli ho detto. «L'ho già vista farlo.»

"Ti lascia guardare?" chiese.

“Sì, le piace mettersi in mostra. Ci fa scendere entrambi. Ho risposto.

Al portò una birra ad Andrea e lei allungò la mano e gli accarezzò i pantaloni quando lui la posò sul tavolo. Tornò al bar sorridendo.

C'erano solo un paio di altre persone nel bar e presto se ne andarono. Non era l'ora di chiusura, ma Al quasi corse, chiuse a chiave la porta e abbassò le luci. Non vedeva l'ora.

Andrea si alzò e si avvicinò al tavolo da biliardo e si fermò con la schiena rivolta verso di noi. Si voltò e ci guardò da sopra la spalla. Ha ottenuto un grande sorriso sul viso e lentamente si tolse il lungo cappotto e lo lasciò cadere sul pavimento. Tutto quello che potevamo vedere era quel culo perfetto che adorava mostrare. Si è chinata e ha infilato la mano tra le gambe e l'ha trascinata dal suo piccolo buco del culo rosa fino alla sua figa e poi si è leccata le dita. Al ed io eravamo entrambi duri come la roccia e stavamo lì a guardare come una coppia di scolari. Andrea le accarezzò di nuovo la figa e poi si voltò verso di noi. La fioca luce del bar brillava sul suo corpo quasi perfetto e creava ombre sulle sue tette e sui suoi fianchi. Non ero ubriaco ma sembrava di essere in un altro mondo mentre guardavo questa bellissima donna prenderci in giro entrambi.

Andrea indietreggiò e si sedette sul tavolo da biliardo. I suoi occhi guardavano sempre Al e me mentre iniziava a spremere entrambi i suoi meravigliosi seni. Si è leccata il dito e ha delineato i suoi capezzoli per tutto il tempo leccandosi le labbra e guardandoci. La sua mano sinistra si fece strada verso la sua dolce figa e iniziò a strofinarsi la clitoride.

Potevamo vedere l'umidità sul suo cavallo che brillava alla luce. Poi fece cenno a entrambi di avvicinarsi con il dito.

"Venite qui ragazzi" tubò. “Andrea ha bisogno di te.”

Non siamo riusciti ad arrivarci abbastanza velocemente. Al mi ha battuto al sorteggio e si stava già togliendo i pantaloni. Prima che tu potessi immaginare, eravamo entrambi nudi e in piedi accanto a lei.

Andrea si spostò sul tavolo dove poteva chinarsi e giocare con il cazzo di Al. Era duro per metà ed era già lungo una decina di centimetri. Doveva avere all'incirca le dimensioni di una bottiglia di birra. Un bel pezzo di cazzo nero.

Andrea gemette e sorrise mentre lo accarezzava. Credo che le sia piaciuto quello che ha visto.

Mi ero spostato dove le sue gambe erano appese al tavolo e mi ero avvicinato al suo culo. Era sdraiata a pancia in giù e il suo bel culo sporgeva in aria aspettando solo di essere invaso dalla mia lingua affamata. Quando la mia lingua le ha toccato il culo, ha allargato le gambe abbastanza da darmi accesso al mio premio. Sono andato a lavorare sul suo buco del culo e le ho leccato la figa da cima a fondo. La mia mano libera è andata sotto e ha trovato il suo clitoride. L'ho arrotolato tra le dita e l'ho sentito indurirsi e sporgere ancora di più, pregandomi di abusarne.

Andrea, nel frattempo, aveva cominciato a leccare e succhiare il grosso pezzo nero di cazzo che aveva davanti. Al le stava passando le dita tra i capelli e le parlava.

“Vai avanti, piccola. Lecca il grosso serpente nero di Al. La incalzò.

Andrea stava facendo ad Al uno dei suoi pompini sciatti. Era un'esperta nel succhiare il cazzo. Potrei giurarlo perché avevo già sperimentato i suoi talenti.

Potevo dire ad Al che si stava divertendo dall'espressione sul suo viso e sapevo che ad Andrea piaceva dal succo che le usciva dalla figa. C'era già una grande macchia bagnata sul tavolo da biliardo e stavo succhiando più succo di figa che potevo. La mia faccia e persino i miei capelli erano bagnati dallo sperma di Andrea.

Da dove mi trovavo potevo vedere Al tirare fuori il suo grosso cazzo dalla bocca di Andrea. Glielo mise sopra la testa e lei gli succhiò le palle in bocca. Li ha lavorati uno alla volta e poi li ha ficcati entrambi in bocca in una volta. Sembrava che avesse un boccone mentre le sue guance si gonfiavano per le dimensioni delle sue noci.

Andrea ha succhiato Al ancora un po' e poi l'ho sentita dire qualcosa.

"Andiamo ragazzi, scopatemi adesso!" lei ha ordinato.

Mi sono arrampicato sul tavolo da biliardo sulla schiena e ho tirato Andrea sopra di me faccia a faccia. Scivolò giù e mi succhiò il cazzo in bocca. L'ha ingoiato un paio di volte, mi ha guardato e ha sorriso. Sapeva che mi piaceva.

Ha sputato sul mio cazzo e l'ha strofinato e poi si è arrampicato e l'ha infilato nella sua fica fumante. È affondato fino a quando le mie palle non le hanno colpito il culo. Cominciò a saltare su e giù sul mio cazzo come una donna selvaggia. L'ho afferrata per la vita e l'ho tenuta come un cowboy in un rodeo. Dopo alcuni minuti rallentò, si voltò e guardò Al. Stava lì in piedi accarezzando quel suo cazzo e sorridendo.

Andrea lo chiamò a sé con il dito e Al sorrise e le disse che avrebbe distrutto quel bel culetto bianco.

Mi sono sdraiato lì e ho sentito Al infilare il suo grosso cazzo nero nel culo di Andrea. Potevo sentire il suo cazzo strofinare contro il mio con solo la sua carne sottile tra di noi. Andrea gridò di piacere quando il cazzo di Al si fece strada dentro di lei. C'è voluto un po' di lentezza e lei si è rilassata per farlo entrare, ma alla fine ha toccato il fondo dentro di lei.

Siamo rimasti tutti sdraiati lì per un minuto mentre Andrea si abituava ad avere così tanto cazzo seppellito dentro di lei in una volta.

Al ha iniziato ad accarezzare il suo cazzo dentro e fuori dal suo culo lentamente e ho iniziato a scoparle la figa lentamente. Mentre guardavo l'espressione sul viso di Andrea passare dal dolore al piacere, ho allungato la mano e ho preso due manciate delle mie tette preferite. Ho sempre pensato che le sue tette fossero perfette e mi piaceva succhiarle e leccarle ogni volta che potevo.

Al ha iniziato ad accelerare un po' il ritmo e lei ha iniziato a fotterlo a sua volta. La faccia di Andrea ha iniziato a diventare rossa mentre respirava a fatica e veniva scopata ancora più forte. Questo mi ha fatto martellare più forte anche la sua figa.

Ben presto ci stavamo dimenando sul tavolo da biliardo come un enorme mucchio di carne sudata. Tutti e tre gemevamo e scopavamo per quanto valevamo.

Andrea ha detto ad Al che voleva che le venisse in faccia, quindi lui le ha tolto il cazzo dal culo e lei si è girata e mi ha cavalcato come cowgirl al contrario. Al si alzò sul tavolo e le infilò il cazzo in faccia. Andrea ha cercato di ingoiare il grosso cazzo nero. Le prime volte l'ha imbavagliata, ma alla fine se l'è fatta scivolare fino in fondo alla gola. Ha fatto gola profonda ad Al diverse volte e questo era tutto ciò che poteva sopportare.

L'ho sentita vomitare al primo colpo di sperma e poi ne ha ingoiato un altro paio e poi Al glielo ha tirato fuori dalla bocca e l'ha spruzzato su tutto il bel viso di Andrea. Altri tre grandi getti di sperma coprirono la mia bella troia e lei stava cercando di prenderlo tutto in bocca. La sborra le scorreva lungo la guancia e gocciolava sulle sue belle tette e sul ventre.

Avevo visto abbastanza e l'ho lasciato volare dentro la sua fica. Uno scatto dopo l'altro del mio seme di bambino ha riempito la presa di questa meravigliosa donna. Ho pompato almeno sei grandi colpi di sperma dentro di lei e mi sono rilassato e ho guardato mentre Andrea leccava il grosso cazzo di Al per pulirlo.

Quando il mio cazzo ha iniziato ad ammorbidirsi, è scivolato tra le gambe di Andrea e il mio sperma è corso lungo l'interno della sua gamba ed è gocciolato sul tavolo da biliardo.

Stavamo solo cercando di capire cosa fosse successo quando abbiamo sentito bussare alla porta. Abbiamo guardato oltre e c'era il mio amico Larry che guardava dalla porta.

"Siamo fottutamente chiusi" urlò Al.

Alla fine mi alzai e andai ad aprire la porta. Larry entrò e chiuse la porta.

"Sono venuto a prendere una birra e Al ha fatto chiudere il fottuto locale in anticipo!" Larry si è lamentato “Ho guardato nella porta e vi vedo scopare tutti come coniglietti. Ho iniziato a bussare alla porta ma nessuno poteva sentirmi. Quando lo fai, tutti hanno saltato un dado e io non sono entrato in gioco. Solo la mia fottuta fortuna.

Larry ha smesso di lamentarsi ed è andato al frigorifero a prendere una birra per tutti noi. Ci siamo seduti lì, abbiamo bevuto la birra e abbiamo riso di tutto.

Andrea baciò Al sulla guancia e lo ringraziò.

“Non ringraziarmi signora, grazie” le sorrise. "Puoi averlo ogni volta che vuoi."

Ho avvolto Andrea nel suo cappotto lungo, l'ho portata fuori dalla porta e l'ho caricata sul mio camion.

"Dove vai?" chiese Larry.

“Porto Andrea a casa, la pulisco e la metto a letto. Se lo merita dopo lo spettacolo che ha messo in scena stasera. mi sono vantato.

"Posso aiutare" implorò Larry.

"Devi arrivare prima la prossima volta stronzo" gli dissi.

"E la prossima volta?" chiese Larry.

Al ha chiuso a chiave la porta del bar e io e Andrea siamo partiti lasciando Larry in piedi a chiedersi.

La prossima volta?

Storie simili

Il Progetto Zethriel (Capitoli Cinque - Sei)

---(Cinque)--- Quando Keria Shadoweye si svegliò, era sera. L'ultima luce del giorno stava filtrando attraverso le tende blu scuro, proiettando un bagliore torbido sulla stanza. Devono aver dormito per molto tempo, pensò. Sotto di lei, Zethriel dormiva pacificamente con il suo cazzo duro come una roccia di nuovo dentro la fica di Keria. Alzò la testa dalla sua spalla per guardarlo dormire. A cavallo di lui com'era, il suo cazzo la riempì di soddisfazione e il suo corpo era così caldo sotto di lei mentre il petto di Zethriel si alzava e si abbassava con il suo respiro. Non riusciva a...

1.8K I più visti

Likes 0

Chat room: una vendetta malvagia della fidanzata

Torni a casa dopo una lunga giornata di lavoro; ti togli il cappotto e vai in cucina per una birra. Quando apri la porta del frigorifero, la tua ragazza si avvicina da dietro, coprendoti gli occhi con una benda. Lo lega stretto essendo un po 'ruvido Ho un osso da scegliere con te !! ti scatta contro. 'Ma che...?! Chiedi, alzando la mano per scoprirti gli occhi. Ti dà uno schiaffo sul dorso della mano e ti afferra il polso tirandoti fuori dalla cucina. Essendo bendato sei disorientato e perdi l'equilibrio, quasi inciampando mentre ti trascina su per le scale. La...

1.5K I più visti

Likes 0

THE FREAK - Parte 4 di 5

>>>>>>Entrammo in Massachusetts Avenue e trovammo un posto per parcheggiare a circa un isolato di distanza vicino a Harvard Yard, il nome dato al campus principale. Erano appena passate le dieci. La signora Atkins aveva detto di venire a qualsiasi ora, quindi siamo andati insieme all'ufficio ammissioni, trovandola alla sua scrivania. Presentai Barbara e prendemmo posto. La prima cosa che ho fatto è stata passare la cartella delle fotografie attraverso la scrivania. “Avevo chiesto a Barbara di sposarmi il venerdì sera precedente, il venerdì prima della domenica delle Palme. Ha indossato il suo anello di fidanzamento a scuola lunedì e...

1.5K I più visti

Likes 0

IHNC 8.5 - Vacanze

Non avevo scelta 8.5 - Vacanze (Questo capitolo è dal punto di vista di Rachel Font, la moglie di Ed.) Le cose vanno alla grande! Al giorno d'oggi ero preoccupato per tutti i discorsi sulla depressione postpartum, ma tra il mio amorevole marito Ed e la mia nuova migliore ragazza Judy, ero in cima al mondo. Le cose erano state un po' difficili prima della nascita delle mie bellissime gemelle, ma ora non c'è più niente di cui preoccuparsi. Ed ha lavorato così duramente ultimamente, rimanendo fino a tardi a scuola a volte a valutare i test in modo da non...

1.5K I più visti

Likes 0

Aprile - Parte II

Grazie a tutti per i bei commenti e le valutazioni generalmente positive. Mi scuso che la parte 2 abbia impiegato così tanto tempo, ma volevo assicurarmi che fosse il migliore possibile prima di pubblicarla. Spero che questa parte vi piaccia, e cercate una parte 3 nelle prossime settimane. Per favore continua a valutare e commentare, e se non ti piacciono gli elementi del mio racconto, per favore fammi sapere nei commenti come pensi che potrei migliorare. Rob e April giacevano nel letto di April, persi nei propri pensieri post-coito. Si erano assicurati l'un l'altro che questa sarebbe stata una relazione senza...

1.5K I più visti

Likes 0

Rossa focosa

Il mio nome è Rachel. Ho 35 anni, 5'7 , 135 libbre, capelli rossi che mi superano le spalle, occhi azzurri, lentiggini, pelle bianca pallida (mi dispiace che le rosse non si abbronzino). Indosso un reggiseno taglia 36DD con bei capezzoli grandi ( è impossibile nasconderli) e tengo il mio cespuglio rosso curato e curato. Sean è il mio migliore amico, facciamo quasi tutto insieme. Siamo amici da anni e non è mai successo niente di sessuale tra di noi. Così quando abbiamo deciso di fare un viaggio a Las Vegas per festeggiare il mio divorzio, non ci ho pensato. solo...

1.4K I più visti

Likes 0

Kelly - parte 2

Ero scioccata. Nel giro di pochi minuti, il mio migliore amico Kevin era diventato Kelly. Kevin era un ragazzo snello, con morbidi occhi castani, capelli castani di media lunghezza che pettinava in tipico stile emo/hipster. Kelly era adorabile. Era ben rasata sotto i vestiti, indossava mutandine di pizzo nere. Aveva persino una parvenza di curve. Sotto i vestiti larghi di Kevin, nascosta, c'era una figura deliziosa. Kelly era in piedi di fronte a me, sorridendomi. Spostò il peso su uno dei fianchi e mise le mani lungo i fianchi. Allora? Come sto? Non potevo iniziare a descrivere. Potevo ancora vedere Kevin...

1.4K I più visti

Likes 0

La vita di Jen - Capitolo sei - Parte prima

La vita di Jen – Capitolo 6 – Parte prima Varie cose mi restano in mente e le mie vacanze annuali di solito erano piene di eventi. Un anno i miei genitori decisero di affittare una villa a Corfù per 2 settimane e mio nonno e mio zio furono invitati. Sull'aereo dovevo sedermi tra mio nonno e mio zio, ei miei genitori si sedevano dall'altra parte. Mio nonno mi ha messo il cappotto in grembo e ha spinto rapidamente la mia gonna da parte, tirandomi da parte le mutandine e spingendo un dito dritto dentro di me, ho sussultato forte mentre...

1.4K I più visti

Likes 0

Una nuova padrona 7

Natasha mi ha infilato la lingua nell'orecchio e mi ha sussurrato: Ci divertiremo un sacco, un sacco di divertimento tesoro... La bambina della mamma si è sporcata il culo? Nessuna padrona... mamma! Ho sussurrato. Ho urlato mentre qualcuno schiaffeggiava il mio cazzo duro. Rimbalzava come un metronomo pungente. Sì! Mi sono lamentato: Sì! Il mio culo è sporco mamma…” Sorrise e mi coprì gli occhi con una benda. Ho sentito qualcuno sedersi sul mio petto e ho pensato di sentire l'odore della figa eccitata. Natasha mi tubò nell'orecchio: Conosci quell'odore? Mi sono reso conto che non avevo cazzo e palle in...

1.4K I più visti

Likes 0

La strega_(0)

La strega Di Gail Holmes Renee non si era mai fidata della vecchia, non sapendo mai cosa stava combinando, una strega più malvagia che probabilmente non avresti potuto chiedere, le piaceva ogni forma di Magia Nera. Aveva sentito parlare dei suoi poteri da altre persone, che le dicevano di non incrociare mai la vecchia. Il problema era che sembrava che l'avesse fatto, e non c'era modo di fare ammenda. Renee e suo marito erano una coppia adorabile, amichevole con tutti, è solo che la vecchia si era offesa per qualcosa che era stato detto. Stan, suo marito era via per la...

1.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.