Sì signore, farò quello che vuoi Parte 2

663Report
Sì signore, farò quello che vuoi Parte 2

Capitolo 3; Pensavo di vendicarmi

Ero così incazzato e confuso dopo quella scopata che abbiamo avuto nel suo ufficio che volevo vendicarmi. Dopotutto ero una donna d'affari intelligente e di successo. Che cazzo stavo facendo? Non lavoravo da molto tempo, ma potevo fare tutto quello che volevo e mi comportavo come un fottuto giocattolo senza istruzione che riferiva al mio magnaccia. Fanculo. Ma non avevo idea di cosa avesse pianificato per me o non avrei mai nemmeno pensato di fare qualcosa per riconquistare l'autocontrollo che avevo perso. Non ero nemmeno preoccupato per il mio ragazzo che sicuramente sapeva che stava succedendo qualcosa di strano. Ero così arrabbiato mentre calpestavo i gradini di granito di quell'edificio per uffici.
Indossavo pantaloni e calze sotto per fargli dispetto. Sarebbe servito finché non avessi pensato a un piano per farlo incazzare davvero. Volevo così tanto evitare l'ascensore e ho deciso di cercare le scale. Non potevo sopportare che Frank mi toccasse di nuovo. Ho preso il mio fottuto tempo ed ero in ritardo di almeno venti minuti. Ah. L'ufficio era vuoto quando sono entrato ed ero pronto a sgridare quello stronzo.
Spalancai la porta dell'ufficio di Gene. Alzò lo sguardo sorpreso al mio ingresso. Guardando l'orologio tornò a guardare il divano dove era sdraiato l'uomo più fottutamente stupendo che avessi mai visto. Aveva le mani dietro la nuca, disteso sul divano di pelle. Mi guardò con i suoi penetranti occhi marroni quasi ramati. Non poteva avere più di 22 anni. Si sdraiò. "Sì, funzionerà" disse inespressivo inclinando la testa verso il soffitto. I suoi corti capelli biondo sporco gli scompigliavano tutta la testa, mettendo in risalto i lineamenti definiti del viso. Potevo sentire la mia faccia diventare calda mentre mi rendevo conto che stavo fissando. Era l'unico dirigente che avevo visto con un piercing al labbro. Era bollente. Ho pensato tra me e me che deve essere una merda dura se è rispettato negli uffici soffocanti di uomini d'affari più anziani e in lento decadimento con un piercing al labbro. Ho notato come entrambi questi uomini apparissero molto sexy nei loro abiti costosi, ben fatti e rilassati, sfidandomi ad affermarmi.
“Signorina Martin, questo è Colin. È uno dei nostri più grandi nuovi clienti e una risorsa molto importante per questa azienda".
Mi aspettavo che mi ammonisse per il mio abbigliamento, il disordine e il ritardo. Il suo tono era cortese oggi, ma autorevole avvertendomi a modo suo della punizione che avrei ricevuto in seguito. Era così fottutamente bravo a prendere il controllo di me. "Non c'è bisogno che tu stia lì, signorina Martin, prendi un taccuino e torna qui."
Cos'era questo? Vero lavoro d'ufficio? Ero sconcertato. Per la mezz'ora successiva ho visto la bocca perfetta di Colin dettare i dettagli per una grande festa di inaugurazione del nuovo software che aveva progettato per migliorare la registrazione digitale. Stavo diventando rapidamente ossessionato dall'idea di scopare quest'uomo. L'ho guardato dall'alto in basso più e più volte chiedendomi quanto fosse grande. Mi ha beccato diverse volte a guardargli i pantaloni. Ho immaginato come sarebbe stato guardare nei suoi occhi profondi e intimidatori mentre lo allattavo. Mmmmm, scommetto che ha un sapore così fottutamente buono. Potevo quasi sentire quello che immaginavo la sua lunghezza scivolasse dentro e fuori dalla mia bocca desiderosa. Ho immaginato di togliersi la tuta uno strato alla volta, ammirando il suo corpo perfettamente atletico.
Proprio quando ho guardato oltre per vedere Gene che mi fissava, sorridendomi diabolicamente. Lui sapeva.
"Colin ha un favore da chiederti, se sei disposto" Aspettai con aspettativa che Colin si offrisse a me, pensando che Gene doveva avergli detto cosa ero stato assunto per fare lì.
“Ho bisogno di qualcuno che mi aiuti a convincere i miei colleghi di addio al celibato a ottenere appuntamenti. Non è chiedere troppo, credo. I modi di Colin erano presuntuosi e presuntuosi. Lo amavo. Si appoggiò nuovamente allo schienale chiudendo gli occhi senza preoccuparsi della mia risposta. Sapeva che avrei fatto quello che voleva. Si alzò di scatto. Non mi ero reso conto di quanto fosse bagnata la mia figa mentre mi alzavo velocemente anch'io.
"Sarà meglio che torni in albergo fratello, ho finito dopo quel viaggio in aereo" Guardò Gene con un sorriso dolce che mi fece indebolire le ginocchia. Sono praticamente saltato alla porta per aiutarlo a farlo uscire. Mi ignorò e fece un cenno a Gene. L'ho guardato mentre se ne andava, fissando il suo sedere. Un pezzo di culo fottutamente stupendo.
Gene scoppiò a ridere mentre chiudevo la porta. Guardai indietro spaventato e confuso.
"Perché piccola troia", ha continuato a ridere attraverso le sue parole. La sua espressione si fece grave quando realizzò cosa stava coprendo il mio corpo.
"Cosa indossi? Vieni qui. Girati, modella questo per me. Ho camminato verso il centro della stanza e lentamente ho girato in cerchio. Non mi importava. Ero pronto per qualsiasi punizione potesse inventarsi. Ho pensato.
"Mmmm... beh, vedo che ti stai sforzando molto di disobbedirmi." Si alzò dalla sua sedia dall'aspetto dirigenziale e si avvicinò impettito a me. Mi afferrò per la vita con le sue mani forti e mi attirò al suo corpo. Ho sentito il suo cazzo premere contro la mia gamba. Rabbrividii, pensando a come mi aveva umiliato ieri ea come ricordavo di aver implorato per il suo bel cazzo nero. Forse ero davvero solo una troia che aspettava che qualcuno liberasse tutta quell'energia sessuale. Fece scivolare la mano sul davanti dei miei pantaloni afferrandomi la coscia. Si allungò dietro di me e mi colpì forte dietro il ginocchio. Il mio fianco sinistro crollò tra le sue braccia mentre lui ridacchiava della mia impotenza. Mi ha tirato su a destra e rapidamente mi ha slacciato i pantaloni. Ha tirato così forte la cerniera che ho sentito un piccolo strappo. Lo guardai un po' scioccato, pregandolo con gli occhi di essere gentile.
Lasciò che i miei pantaloni cadessero a terra fino ai talloni. Allungò lentamente la mano per strofinare il mio clitoride. Ha massaggiato attraverso i miei collant. Ha usato entrambe le mani per sentire le mie natiche, poi con una mano ha raggiunto il calore tra le mie cosce. Il mio corpo ha risposto senza pensare alle carezze e ho chiuso gli occhi sentendo il profumo della mia figa lentamente riempire di nuovo la stanza. "Ah, puttana puzzolente" mi sussurrò all'orecchio. Lentamente mosse la mano lungo la mia coscia.
gemetti piano. “Mmmmm. Gene, per favore.
Mi ha sculacciato forte inviandomi una sensazione di bruciore così violenta da farmi vibrare la spina dorsale.
"Come mi chiamo?!", lo rimproverò.
“Cazzo…….mmmm che male!!” dissi indignato.
Mi colpì di nuovo forte contro la mia schiena. Ho urlato a poco.
"Il suo nome è il signor Lamar..."
"O….."
"Ehm... Signore?" ho chiesto.
"Non sei sicuro?" Ha deriso.
"Per favore, signor Lamar, non farlo"
“Per favore….. dice la cagna. Sì, per favore, signorina Martin. Per favore, smettila di costringermi a violentarti e umiliarti... sì, per favore, smettila di bagnare così tanto la tua figa sporca che posso sentire l'odore della tua fica quando mi cola sui pantaloni” ringhiò. Si staccò rivelando un punto bagnato dove la mia fica era stata premuta contro i suoi pantaloni neri scuri. Sorrise.
Afferrò una parte dei miei collant, afferrando la stoffa nel suo pugno chiuso e strofinando la mia morbida guancia coperta di nylon con l'altra mano. Un forte rrrrriiiiipppp è caduto sull'acustica delle stanze, quando ha strappato una parte dei miei collant dal mio corpo.
"OOOOOWWWwww... cazzo!" Ho urlato. Lasciò che il materiale scattasse indietro per pungermi di nuovo. “mmmm ahi…..” dissi cercando di massaggiarmi e liberare la mia gamba dal dolore. Strappò altro materiale dalla mia coscia, tirando forte per spogliare la mia gamba del nylon nero. uggiolai dal dolore. "Signore,... per favore" supplicai con una silenziosa espressione di umiliazione.
"Oh sì, per favore, la troia dice di nuovo … .. sì, per favore, puttana." Ha afferrato di nuovo il mio corpo. E mi ha sussurrato all'orecchio: “pregami puttana, scommetto che pregheresti anche Colin. Non vuole una puttana come te. Una puttana che ha fottuto tutti e chiede ancora altro cazzo...» Mi ridacchiò all'orecchio per la sua volgarità. Ho cercato di liberarmi dalla sua presa, ma mi aveva intrappolato stretto. Afferrò il materiale sull'altra mia gamba e lo tirò via dalla mia grossa coscia muscolosa. La mia piccola vita incastrata tra il suo braccio e il suo corpo esigente. Mi ha strappato di nuovo il nylon. ho gridato. Mi accarezzò la pelle nuda dove la bruciatura dei collant mi aveva fatto arrossire. “Ti avevo avvertito di non indossare niente che non fosse basso e da troia. Vedo che dovrò davvero farti entrare. Mmmmm, sì, ti spezzerò..…….Il tuo culo sexy. Come un fottuto cavallo”.
Mi lasciò cadere leggermente sul pavimento mentre singhiozzavo un po', strofinando via il dolore dalle mie gambe.
"Sei fortunato che non invito tutti i membri dello staff di questo piano a dare una svolta a quella figa stretta e zampillante." Accese la televisione. Alzai la testa dal pavimento cercando di nascondere le lacrime. Non volevo che si godesse la soddisfazione di sconvolgermi. I miei occhi si spalancarono guardando lo schermo dove mi vidi piegato sulla scrivania che piangevo perché mi fottesse più forte che poteva. Mi sono sentito dire cose disgustosamente sporche a quest'uomo da cui non riuscivo a scappare. Mi chiedevo se ci fosse anche la conversazione telefonica con il mio ragazzo.
"L'hai registrato?" sussurrai spaventato dalla sua cattiveria.
"Scommetto che al tuo uomo piacerebbe vederlo." Quasi lo odiavo. Ero mortificato.
“Smettila” sussurrai con rabbia. Sentii i suoi occhi puntarsi su di me. Il suo sopracciglio si inarcò ma lo sguardo era pieno di fiducia. All'improvviso tirò fuori dalla tasca una mazzetta di contanti e la lanciò verso di me. “Bonus bambino. Vai a prenderti qualcosa di carino per la festa di Colin.
E di sicuro l'ho fatto. Mentre prendevo in giro le commesse di Tiffany fingendo di non riuscire a decidere quale braccialetto volevo, ho pensato a Gene. Le ragazze delle vendite stavano cercando di essere così gentili guardandomi dall'alto in basso con i miei collant ancora per metà. Ho avuto il mio piccolo gioco di controllo in corso mentre guardavo il loro supervisore che chiedeva a uno di loro di concludere l'affare. Ho deciso per un osceno braccialetto di diamanti e ho buttato via i soldi. Uscendo impettito dal negozio facendo dondolare il mio acquisto in una borsetta elegante, potevo sentire un po' delle mie natiche sporgere da sotto il cappotto. Gene aveva tenuto i miei pantaloni. Ho fatto acquisti per altre quattro ore, seminuda nei migliori negozi del centro.
Ho ricevuto un messaggio che mi ha fatto tornare di corsa in ufficio. Quando sono entrato in ufficio ho visto Gene freddo seduto sulla sua sedia. Una bellissima bionda sedeva su una delle costose sedie da ufficio di Gene. Si voltò a guardarmi. Ho imparato rapidamente che era un'amministratore delegato molto rispettato di un'azienda cosmetica straniera. Era eccezionalmente bella. Il suo accento seducente era morbido, probabilmente per anni di viaggi, quando parlava. I suoi capelli dorati lunghi fino alle spalle drappeggiati sul suo completo di tweed rosa. Potevo sentire il suo profumo costoso. Mi solleticava il naso. Oltre ad essere estremamente ben parlata e ben adattata, sembrava bene, eccitata. Si agitava così.
Ho guardato Gene. Il messaggio diceva che il mio ragazzo aveva avuto un brutto incidente di calcio durante un allenamento. Non avevo mai sentito parlare di niente del genere prima d'ora, e nonostante fossi una troia da ufficio traditrice, lo amavo ancora ed ero molto preoccupata. Fissai a bocca aperta il "signor Lamar" in attesa di notizie. Gene continuava a spiegare quanto fosse potente e di successo Elissa. Ho aspettato con ansia, aspettando una spiegazione. Sembravo un disastro e ho iniziato a sentirmi estremamente impacciato mentre guardavo questa magra donna straniera guardare il mio corpo diverse volte.
“La signorina Martin qui è proprio quello che stai cercando per Elissa. Ha la figura perfetta per quello che vuoi. La signorina Martin si tolga quel cappotto e mostri a Elissa la sua bella figura formosa. ho fatto una smorfia.
"Che cosa?" Ho chiesto in modo scioccante, chiedendomi quanto potesse essere insensibile riguardo al benessere del mio ragazzo. Stavo iniziando a chiedermi se fosse abbastanza crudele da inventare tutto. Anche se sentivo la mia faccia avvampare di rabbia, mi meravigliavo del suo potere su di me. Mi sentivo eccitato e livido allo stesso tempo, aspettando l'occasione per immergere la sua faccia nella mia fica, costringendolo come lui aveva costretto me. Volevo schizzare il mio sperma caldo e appiccicoso sulla sua lingua, sul suo viso e strofinarlo sulle sue labbra. L'immagine mi riempì brevemente la testa e la scossi via confuso. Ho pensato di soffocarlo senza pietà. Vittima mangiando troppa fica direi al medico legale.
"Mostra a Elissa quanto è bella la tua figura." Alzò il sopracciglio aspettando che facessi come aveva ordinato. Lascio cadere il cappotto dalle spalle. Era così crudele. Non c'era niente che non andasse con il mio ragazzo, scommetto. Fottuto succhiacazzi, ho pensato tra me e me. Sorrise minacciosamente sapendo che probabilmente avevo realizzato la sua bugia. Si è fatto beffe della mia paura. All'improvviso mi resi conto che le mani di Elissa erano sul mio corpo studiando le mie curve.
“Sissss……mmm….molto bella.” Ha continuato a rintracciarmi. Ha sollevato la mia camicia arruffata. Ho iniziato a protestare ma lei ha guardato Gene che mi possedeva con i suoi occhi. Uno sguardo e ho capito cosa le era stato detto. Dovevo essere un'offerta per i suoi bisogni lesbici. Mentre correvo per avere notizie del mio cosiddetto ragazzo "ricoverato", le aveva detto che sarei stata la sua cagna personale. Elissa mi ha slacciato il reggiseno e mi ha fatto scivolare lentamente ogni cinturino lungo le braccia, lasciandolo cadere a terra lasciandomi nei collant strappati e nelle mutandine nere dal taglio brasiliano. Guardai a terra, pronto per essere offerto come sacrificio esecutivo.
"Ma ha un aspetto così... così..." Elissa sembrò angosciata alla mia risposta depressa. Gene mi fece un cenno con uno sguardo severo. Immagino che ciò significasse, sembra una fica felice o ti fotto il culo proprio qui e ora. Ho lasciato cadere le braccia lungo i fianchi lasciando che il mio bellissimo corpo italiano fosse accarezzato dalla splendida bionda straniera.
“No Elissa, Gina è una piccola leccatrice esperta, te lo assicuro. Infatti le piace farlo più che succhiarmi il cazzo. Il che significa molto. Rise, Elissa ridacchiò. Mi sono sentito male. Ho cercato di concentrarmi su tutti i gioielli ei vestiti costosi che ho comprato oggi e su come Colin avrebbe reagito al mio succinto vestito da festa. Ho sentito il respiro caldo di Elissa sul mio petto. I miei seni mostravano con orgoglio i loro duri capezzoli color pesca. Allungò una mano sui miei seni e mi pizzicò delicatamente il capezzolo destro tra le sue lunghe dita flessibili. Lasciò che la sua bocca cadesse sulla mia tetta affamata. Gene si appoggiò allo schienale della sedia a guardare. Elissa portò entrambe le mani a strofinare ea mettere a coppa i miei seni, sentendone la pienezza nei palmi. Distolsi lo sguardo sentendomi arrossire. Ha mosso le mie tette dure con la sua lingua ferma e indagatrice.
“La tua dolcissima signorina……” Ha dimenticato il mio cognome, ma Gene le ha detto di chiamarmi invece la sua bella puttanella. Rise e mi leccò la bocca avidamente. Dopo alcune sottili leccate, finalmente lascio che lei schiuda le mie labbra e mi dia un bacio profondo. Ha accarezzato il mio labbro superiore con il suo, poi il mio fondo. Sentii la sua lingua entrare dolcemente nella mia bocca. Ho dovuto ammettere che baciava molto sensualmente assicurandosi di massaggiare la mia lingua con la sua. Mi persi nel momento con lei per un secondo sentendo il suo corpo snello premere contro il mio. Mi baciò e mi succhiò delicatamente il collo mentre faceva scivolare le mani su e giù per la mia carne nuda. Fece una pausa per studiare qualsiasi definizione sul mio stomaco. Ha giocato in modo seducente, tracciando le sue mani morbide proprio sopra le mie mutandine dove quelle piccole ossa sexy dell'anca sporgono leggermente. L'ho guardata sfilarmi lentamente le mutandine e poi giocare leggermente con le labbra della mia figa. Le sue dita erano così gentili ed elastiche. È stato un bel cambiamento rispetto alla manipolazione di Frank ieri. Mi ha guardato negli occhi e ho capito cosa stavo facendo. Non ero mai stato veramente con una ragazza. Mia madre mi diceva sempre che era un peccato.
Quando ero una ragazzina, verso i 7 anni, ho avuto la mia prima esperienza sessuale con una ragazza, ma Gene non lo sapeva. Mio padre usciva con uno psicopatico con una famiglia ancora più disturbata. Una ragazzina, anche della mia età, passava la notte nel mio letto. Era la cugina molto più giovane della ragazza di mio padre. Mi ha insegnato a masturbarmi quella notte. Mi aveva detto di tirare giù le mie mutandine da bambina e nasconderle sotto il letto, mentre ci strofinavamo i clitoridi da bambina. Mi ha chiesto di sentire la sua finché mio padre non ci ha quasi beccati. La bambina che ho saputo più tardi in età avanzata era stata violentata da suo fratello ed era sessualmente attiva con la sua famiglia.
Ma ho sempre amato le donne e la nostra grazia. Ogni volta che provavo attrazione sessuale, la reprimevo con forza credendo che fosse sbagliato ed ero solo una ragazza cattiva. Ho sentito Elissa inserire un dito nella mia figa spingendo delicatamente verso l'alto. Mi allontanai bruscamente in modo che il suo dito scivolasse via dalla mia umidità.
“Non posso. È sbagliato." Mi ha guardato molto sorpresa e ha guardato di nuovo Gene. Ha riso e ha detto "Sta scopando con te Elissa"
“No per favore, è sbagliato. Non posso. dissi vedendo uno sguardo crudo apparire sul viso di Gene. Mi guardò sospettoso.
"OH CAPISCO, non hai ancora ricevuto la tua punizione..." Ho provato a seguire la sua logica, "e la mia piccola troia dell'ufficio sente di non meritare tutto questo piacere senza prima ricevere la sua punizione. Hai perfettamente ragione. Sono orgoglioso di te per aver realizzato cosa succede alle puttane come te. Elissa puoi continuare, le darò ciò che si merita. Non preoccuparti." L'ho visto togliersi la giacca. Si sbottonò il panciotto e se lo tolse dalle spalle larghe. Devo ammettere che volevo che ammorbidisse questa punizione e mi salvasse da questa umiliazione. Non riuscivo a immaginare che mi punisse più di quanto stesse facendo adesso. Aveva iniziato a fottermi la testa. Lo guardai mentre iniziava a sbottonarsi lentamente la camicia con il colletto. Si fermò per guardare Elissa mettersi in ginocchio e reinserirsi dentro di me.
piagnucolai piano. “mmmmm……Elissa per favore…..” Questa volta non si fermò. Ha deciso che Gene ne sapeva di più e ha continuato a fottermi lentamente la figa con le dita. Stavo ricevendo quella familiare umidità che Gene aveva provato ieri. Mi stavo bagnando. Ha deciso di spingere un altro dito nella mia figa. Ha iniziato a farmi più velocemente, spingendo forte dentro di me con la punta delle dita che toccava appena la mia cervice. Gene ha impiegato più tempo di un uomo di 90 anni per sbottonare quella camicia. Guardò sorridendo mentre il mio corpo tremava, sentendo vergognosamente un'ondata di passione che iniziava a spingermi oltre. La sentivo succhiare il mio clitoride. Prima lo succhiò dolcemente in bocca. Ho buttato indietro la testa e ho chiuso gli occhi cercando di fingere che non stavo per venire. Quando ho aperto gli occhi ho visto i suoi bei capelli biondi che coprivano la mia fica mentre mi succhiava e mi leccava vigorosamente con il suo anello sulla lingua. Potevo sentire la pallina d'acciaio colpirmi. Rabbrividivo a ogni movimento della sua lingua. La sua lingua sembrava allenata a stuzzicarmi a un ritmo ridicolmente veloce e sentire la punta della sua lingua che mi accarezzava mi faceva impazzire.
“mmmmmm no…..per favore….Elissa è sbagliato…non voglio…uuuuuuhhhhhh…..oh mio dio…..è una bella sensazione.” Fece roteare la lingua in modo ridicolmente veloce sul mio clitoride. Si alzò e mi spinse gentilmente verso una sedia di pelle. L'ho guardata negli occhi vedendo l'esperienza di una donna calda e desiderata che stava per insegnarmi il suo tipo di lezione. Mi ha spinto giù. Mi sono seduto obbedientemente felice di diventare il suo schiavo anche se la mia mente mi diceva che era così sbagliato. Mi sollevò entrambe le gambe per drappeggiarmi sui braccioli della sedia, lasciandomi ampiamente disteso. Gene sorrise e la guardò mentre inseriva tre dita nella mia figa. Elissa emise un sussulto, aprendo la bocca, bramando la mia figa ben rasata. "mmmmmm" gemette nella mia fica. L'ho vista lavorare la mia fica fino all'orgasmo. Riportò la bocca sulla mia figa scivolosa. Ero così pronto per il cazzo, fissando negli occhi di Gene mentre succhiava e scopava il mio duro. Spinse le sue dita sempre più velocemente dentro di me mentre gemevo. Ho sentito una lacrima rigarmi il viso mentre guardavo Gene, ma non volevo che si fermasse. Ero un bisessuale oppresso nell'armadio, ottenendo finalmente ciò che desideravo, ma non ero pronto ad accettarlo.
"Per favore…." Piagnucolai di nuovo sentendo il mio corpo tremare.
"Per favore, quale bambino ..." mi disse dolcemente Gene.
"Ohhhhhh Dio... PER FAVORE... ohhhhhh MIO DIO DEL CAZZO... PER FAVORE NON FERMARTI" Elissa mi sorrise mentre raggiungeva in profondità la mia figa con le sue lunghe dita che solleticavano delicatamente il mio punto G. “Oaaaaahhhhh Sì.” In realtà le afferrai la testa e la spinsi verso le mie labbra luccicanti. “Leccami Elissa, mmmmm sì….leccami……per favore….oh….uh….uh……uh SÌ SÌ …Cazzo….sì….” Adesso mi stava sbattendo forte la figa con le dita mentre succhiava la mia clitoride dentro e fuori dalle sue labbra strette. L'aspirazione è stata incredibile mentre mi sbatteva la fica. Di quanto sono venuto. Le sono esploso su tutto il viso. Gridando e gridando che me lo desse, che lo prendesse e "per favore, mangiami, cazzo". Mi sono sentito convulso dappertutto. Le mie gambe si allungarono il più possibile, ogni muscolo teso mentre ero affascinato dal piacere di farmi scendere. Sono sicuro che il mio corpo stava perdendo sul cuscino della poltrona, sono venuto così forte. Alzò un po' il viso per farmi vedere le sue labbra lucide con il mio lucidalabbra giz che avevo fatto per lei. Il mio corpo si è sentito lavato più e più volte con una serie di piccoli orgasmi dopo la prima esplosione. Continuavo a schizzare e contorcermi sopra il suo viso. Lasciai uscire l'ultimo pezzettino del mio orgasmo sulla sua bella bocca. "Dio mio…." le sospirai. “Mmmmm oh sì.” Mi contorcevo e tremavo, facendo vibrare la sedia, strofinando i fianchi con un movimento circolare sulla pelle. Ho sentito il mio corpo con le mie stesse mani, strofinandomi dappertutto sentendo la mia pelle e le tette dure come una roccia. Ero più eccitato di quanto non fossi mai stato. Ho massaggiato e strofinato le mie tette sentendola dire: "Mmmm sei così morbida e bagnata". Stava sondando le mie labbra figa ancora leggermente diteggiatura il mio ingresso. "Sì, lubrificalo" disse lasciando scivolare il suo accento caldo. Ero in estasi. Ho guardato il suo bel viso con amore.
Gene si avvicinò a noi, spogliato fino alla biancheria intima. Il suo membro era duro nelle sue mutande attillate. Il suo corpo mascolino davanti a me, mi sentivo di nuovo eccitato, chiedendomi cosa avrebbe fatto di me ora. Si avvicinò alla sedia e mi afferrò per i capelli. Una sensazione spiacevole a cui mi stavo abituando. Amava prendermi in giro. Mi tirò in piedi, le mie gambe oscillarono sopra la testa di Elissa. Ho sentito la sua mano scendere tra le mie gambe mentre riprendevo l'equilibrio. Sentì la mia fica gocciolante sobbalzare al suo tocco. Ero ancora così sensibile dopo l'orgasmo tremante che mi aveva dato Elissa.
L'ho vista iniziare a spogliarsi con la coda dell'occhio. Gene ha strofinato i miei succhi su di me e poi sulla mia fessura. Ha preso ogni goccia e l'ha strofinata sul mio ano finché quella piccola stella marina non è stata in un mare di sperma. Mi ha toccato con le dita e ho emesso i miei suoni di piacere. Le mie pareti erano così sensibili a qualsiasi tocco che probabilmente avrei potuto anche essere eccitato se fossero state le fottute dita di Frank. I miei muscoli si contrassero stringendo le dita di Gene. Mi sentì stringermi violentemente intorno a lui. Sorrise mentre crollavo su di lui gemendo.
Elissa si avvicinò al mio fianco. Ho visto il suo corpo perfetto dalla pelle chiara sedersi sulla scrivania. L'ho vista allargare le gambe per mostrarsi a noi. Indossava ancora i tacchi mentre mi presentava una fica ben curata. Avevo visto solo una donna adulta così completamente, vulnerabilmente nuda in palestra. Mentre lottavo con me stesso per non amarlo, mi sono sentito mordere forte il labbro inferiore. Gene lo vide e mi spinse violentemente in avanti. Mi trattava apertamente come sua proprietà.
I suoi addominali erano così sexy e definiti. Sembrava una donna attiva. Probabilmente aveva la sua palestra privata a casa sua. Le sue tette erano piene e grandi con bei capezzoli color pesca sull'attenti. Mi sentivo a disagio accanto a lei anche se ricevo sempre complimenti per il mio corpo, mi ha tolto il fiato. Mi sorrise ardentemente facendomi cenno di avvicinarmi con quegli occhi blu scuro. Ho camminato in un sogno cadendo in ginocchio mentre si strofinava. Le lacrime hanno iniziato a formarsi nei miei occhi e ho guardato indietro verso Gene per salvarmi dal volerla mangiare.
"Va tutto bene piccola, la tua punizione sta arrivando... non preoccuparti..." Lo fissai ancora combattendo contro me stesso. “Gen... uh voglio dire signore, non posso. Se lo faccio, allora non sono altro che una sporca troia senza valore. Il signor Lamar mi ha guardato, ho visto che era sconcertato dalla mia logica. Elissa aspettò con le gambe divaricate accarezzandosi la figa con due dita luccicanti. "Vieni tesoro……. assaggiami. Assaggiami solo una volta………non vorrai toglierti le labbra di dosso.” Lei fece cenno. “Cum on miele…..la mia bella troietta…giusto?....mmmmm” Si strofinò le labbra con le stesse dita che erano state sepolte profondamente nella mia figa. Ho sentito di nuovo un formicolio tra le gambe.
"Non posso, mi dispiace... è così... peccaminoso" Detto questo, Gene si lasciò sfuggire un'enorme risata. “Peccatrice?...Ragazza….Ieri ti stavo sbattendo il culo con il pollice mentre supplicavi di essere fottuta. Brutto stronzo, che ipocrita! Non ti dispiace farti succhiare ma non vuoi mangiarle la figa? Oh, te la mangerai quella figa” Ellissa ascoltò divertito il signor Lamar, ridacchiando per la mia esitazione. "Adesso andate laggiù, signorina Martin, e portatela via fottutamente bene come ha fatto con voi". Ho pensato, vorrei sapere come, rendendomi conto che avrei dovuto mangiare la figa per la prima volta.
Abbassai lo sguardo sul tappeto e strisciai verso la scrivania a quattro zampe, il mio sedere che ondeggiava avanti e indietro mentre il signor Lamar guardava. Mi ha sculacciato leggermente. Sollevai il mio corpo sul bordo della scrivania. L'espressione di Ellissa si fece seria mentre mi metteva una mano sulla testa. Mi ha tirato vicino a lei. Potevo sentire quanto fosse caldo tra le sue cosce. La sua vagina gocciolava sulla scrivania desiderando qualsiasi piacere che le avrei dato. Mi mise una mano sotto il mento e mi costrinse a guardarla profondamente nei suoi occhi blu scuro. Ho abbassato gli occhi imbarazzato di non sapere come accontentarla.
"'Prima tesoro... te lo faccio vedere." La guardai grata mentre guidava la mia testa verso il suo corpo. Allungai la lingua partendo dal basso e trascinandola su per le sue labbra. Ho provato a colpire il suo clitoride come aveva fatto con il mio. Lei sorrise. Ho continuato a leccarle la clitoride, toccando la sua bella figa, aprendo la bocca diverse volte. Ho ripetuto uno schema di iniziare in basso sulla sua vagina e spazzare la sua fica facendola gemere leggermente. Ho notato che il suo respiro diventava più pesante mentre mi giravo e la succhiavo. Le mani del signor Lamar mi hanno sollevato delicatamente il culo in aria, così sono stato piegato, il sedere esposto mentre le leccavo la figa. Allargò leggermente le mie guance. Ho sentito la circonferenza del suo pene aprirmi. Ha strofinato la testa su tutte le mie labbra, clitoride, perineo e buco del culo. Mi ha sputato nel culo un paio di volte. Come se non fossi abbastanza bagnato, pensai. Probabilmente lo ha solo eccitato per prendermi in giro il più volgarmente possibile.
Il suo corpo era caldo e mi resi conto che avevo iniziato a mangiare febbrilmente Elissa. Ho spinto la mia faccia tra le sue gambe mentre mi accarezzava i capelli. Seppellii il viso nella sua umidità. Potevo sentire i suoi succhi sulle mie guance ora, era bagnata in modo sciatto. Mi stavo abituando a pensare a Gene come al signor Lamar, e ho lanciato un grido usando il cognome formale. Ellissa si appoggiò all'indietro sulle mani. "ooooohhhhhh, sì, mia dolce troia... sì... mangia quella figa tesoro... mmmmmm... così... proprio lì." Girai di nuovo sulla sua clitoride, l'orzo in grado di respirare mentre il signor Lamar mi faceva spingere così lontano contro di lei. Il suo respiro si fece rapido. Aveva iniziato a fottermi lentamente. "Ora Gina, è quasi ora della tua punizione" Volevo guardarlo con aria interrogativa ma ero sepolto profondamente nella sua figa, ora inserendo la lingua nella sua apertura. “Prima….Metti le dita dentro Elissa…….. e scopala con le dita mentre la mangi” Feci come mi era stato detto e inserii il mio indice e il mio dito medio dentro di lei. Lei gemette, gettando indietro la testa. Era così stretta intorno alle mie dita. Lei irrigidì e contrasse i suoi muscoli mentre succhiavo le sue piccole labbra calde. Ha iniziato a oscillare avanti e indietro sulla mia mano. Continuavo a leccarla, assaporando la sua dolcezza. "Ora, falla venire sulla tua faccia, ingoia tutti i suoi succhi, leccala fino a seccarla" Ansimava pesantemente mentre continuava a tirare avanti e indietro il suo cazzo fuori da me più velocemente e ancora più velocemente. Mi sono sentita una tale puttana quando ha iniziato a spingermi davvero i fianchi in faccia mentre il signor Lamar mi scopava a sangue.
“OOOOOOOOOHHHHH……FUCK!!....FUCK…..FUCK……SHiiiiiiit……Mmmm…così vicino…..così vicino….mi farai venire” gridò. Mi chiesi se qualcuno fosse nella sala d'attesa adesso perché l'avrebbero sentita facilmente urlare. Era una squirter. Non ho mai lasciato uscire flussi del genere dalla mia figa, ma lei mi ha versato un flusso caldo di sperma in bocca. L'ho tenuto aperto lasciandolo gocciolare sulla mia lingua e spararmi in fondo alla gola. Digrignò i fianchi, circolarmente contro la mia faccia, finendo i suoi orgasmi nella mia bocca. “Oh sì…….brava ragazza…..brava ragazza.....sei così brava……mmmmm.” mi disse dolcemente. Ho iniziato a distogliere la faccia, ma Gene mi ha tirato i capelli tirandomi la testa di nuovo in posizione. "Ora, signorina Martin, la tua punizione per non avermi obbedito." È scivolato fuori dalla mia fica. Ha spostato il suo cazzo per separare le mie natiche. Non prendevo un cazzo così da un po' e ho iniziato ad agitarmi nervosamente. Ha sputato ancora un paio di volte sul mio ano spingendo solo la sua testa nel mio culo. "AHHHHH cazzo......." urlai mentre mi agitavo.
“Se ti rilassi sarà più facile” Elissa lo incoraggiava.
“Continua a mangiarla Miss Martin….Non ti piace Elissa? Non ricordi cosa ha appena fatto per te? Troia. L'ho sentito spingere lentamente tutta la sua asta nel mio sedere. Emisi un grido soffocato nella calda figa bagnata di Elissa. "Ora, ogni volta che fa così male non ce la fai... solleverai la testa dalla figa di Elissa e dirai" Fece un respiro "Me lo merito... fottimi più forte signore. Capisci?» disse in tono seducente, sfidandomi a disobbedirgli adesso. Intrappolato tra le gambe di questa calda lesbica e del mio bastardo arrapato di capo, annuii rispettosamente, sapendo di essere stato sconfitto da tempo.
"Bene. Voglio che tu sappia per cosa sei qui e anche tutti gli altri nell'atrio. Non avevo bisogno di guardare, sono sicuro che fosse pieno di uomini d'affari ridacchianti che ora sapevano tutti chi ero. Non sapevo che Gene aveva l'attrezzatura video per trasmettere lo spettacolo a Frank e ad alcuni dei suoi colleghi preferiti. Il bastardo malato, sapendo che probabilmente lo stavano guardando di sopra come una partita di football.
Ha iniziato a far scivolare il suo cazzo dentro e fuori dal mio culo. ho pianto. Mi ha schiaffeggiato forte.
“OHHHH cazzo……”
"Non è quello che ti avevo detto di dire" urlò crudelmente.
“oh…..uhhhh…..owww…io…..Oh non farmi...” SCHIAFFO! “Ok!….ok……mi dispiace signore…..io…oohhhh….buon Dio…….me lo merito…..fottimi più forte signore” Gene si tuffò di nuovo dentro di me mentre lasciavo ricadere la mia faccia Elisa. Si è tenuta leggermente su una ciocca dei miei capelli aiutandomi a sollevare la testa quando ha iniziato ad andare davvero in città.
"OOOOOHHH Scopami... più forte... signore... me lo merito... merda." Sentì il mio retto stringersi e rilasciarsi intorno a lui dove poteva iniziare a muoversi liberamente. Mi sentivo così sporco. La mia figa stava perdendo su entrambi. Sono analmente sensibile e ho potuto sentire i muscoli della mia figa iniziare a sincronizzarsi con i muscoli che stringono Gene. Faceva ancora male quando ha iniziato a trovare un ritmo per fottermi nel culo. Potevo sentire il mio retto iniziare a diventare molto dolorante.
"Questo non fa male?" Ha deriso.
“aaaaaaahhhh……sì…..” Ho urlato e urlato. SCHIAFFO! Ha iniziato a picchiarmi forte il culo, con la mano piuttosto che con il cazzo, assicurandosi di colpire la mia guancia dolorante a ogni pompata nel mio sedere. “Mi dispiace……Voglio dire, me lo merito…..SIIIIRRRR……AHHHHHH!” Ho urlato. Adesso mi stava insultando.
"Lo vuoi più forte?"
"NOOOOO" ho piagnucolato. Elissa mi ha tirato giù la testa. Immaginai che i discorsi sporchi l'avessero di nuovo eccitata. Stava strofinando forte la mia faccia contro la sua vagina. Il signor Lamar mi ha mandato un dolore pungente lungo la schiena mentre mi colpiva la guancia del culo con tutta la sua forza. I almost bit Elissa ripping my head from her to scream out “I’m sorry sir…..I will do anything you tell me……just please……please……please fucking cum…….I deserve it!” I heard myself repeat the mantra over and over again. He bent over still thrusting into me saying any demeaning thing he could think of to make me feel absolutely helpless. He grabbed my wrists and pulled my arms taught against my back. I strained as Elissa also pulled on me from the other direction by my hair. She was moaning loudly also saying obscene things to me as she shoved me into her steaming cunt. I was being mauled.
“I bet your going to show up……to work on time……now …..aren’t you?”Gene panted heavily as he started to drive the farthest he could into me.
“Yes, sir. Fuck me harder sir, I deserve it.”I yelled above Elissa's sex noises. I felt my pussy contracting like I was about to cum again.
“And I bet your going to do everything……and anything…….to keep me hard……and fucking happy…..like wearing what I tell you……isn’t that right?”
“Yes, Sir. Fuck me harder sir, I deserve it.” It was even more painful when I felt him grow larger ready to hose my ass with his load. The anticipation made my red hot and hornier than I could have imagined.
“And I know that you’ve….learned your place…..right slut? OHHHHHH Fuck……you fucking slut….your gonna make me cum….right in your tight little asshole……You love it don’t ya…..look at that juicy ass push back on my cock like that….”I hadn’t realized I was so actively participating, but I was rocking back on his crotch as he buried himself inside of my butt. “Oh yah….I fucking love it…..Ohhhhh shit I’m gonna cum to Mr. Lamar.”
“OOOOHHHHHHH SHIIIIT!” Elissa slammed her hips to my lips. She held my head tight to her pussy as she squirted again all over my mouth. I had my lips pressed closed accidentally and her juices ran down my neck. She flowed all over my tits, streaming herself down my chest, hungrily grasping at me as I made her cum again. I’m not sure who came first. Gene let out a load so thick and hard. I felt him fill my body up with his delicious creamy cum. I tasted him. Lo so. He pulled himself out and let the last little bit of his orgasm spurt onto my butt cheeks. He rubbed his head all over my crack grunting softly. I collapsed as my assailants released me. Falling to the floor I curled up into a little ball unused to be so abused.
“Clean it” He ordered holding out his still somewhat erect penis.
“I…..”I started to try and negotiate, but I knew that would get me much worse, “Yes Sir……I deserve it.”I sighed.
“Yes you do……than you will go to Colin’s hotel.” I obediently nodded with every order. I looked pathetic as I dragged myself over to his feet. He helped me up. He gently tugged my chin upward.
“Spread those pretty lips.”

Storie simili

SENZA RISERVE

Brenda Olsen rimase in fila con un po' di impazienza mentre aspettava di registrarsi e di prendere la chiave della sua stanza. Finalmente, mormorò sottovoce, è il mio turno! Come posso aiutarti? chiese allegramente la bionda dall'aspetto disinvolto dietro il bancone. Brenda stava per dare un'occhiata alla donna, ma ci ripensò e rispose: Olsen, Brenda Olsen, ho una prenotazione per tre notti. Uhhhhhh fammi vedere, disse la bionda mentre digitava il suo nome sul terminale del computer delle prenotazioni. Hmmmmmm, non lo trovo qui, lasciami controllare un altro posto......... Brenda picchiettò nervosamente il piede mentre l'impiegato cercava il suo nome. Alla...

356 I più visti

Likes 0

Chat room: una vendetta malvagia della fidanzata

Torni a casa dopo una lunga giornata di lavoro; ti togli il cappotto e vai in cucina per una birra. Quando apri la porta del frigorifero, la tua ragazza si avvicina da dietro, coprendoti gli occhi con una benda. Lo lega stretto essendo un po 'ruvido Ho un osso da scegliere con te !! ti scatta contro. 'Ma che...?! Chiedi, alzando la mano per scoprirti gli occhi. Ti dà uno schiaffo sul dorso della mano e ti afferra il polso tirandoti fuori dalla cucina. Essendo bendato sei disorientato e perdi l'equilibrio, quasi inciampando mentre ti trascina su per le scale. La...

1.5K I più visti

Likes 0

La festa parte 1_(0)

Finalmente è arrivato venerdì sera e Silk era davvero nervoso. Invidiava gli altri due per la loro esperienza perché erano eccitati invece che spaventati. Era così nervosa che quando Michael pronunciò il suo nome; lei quasi saltò fuori dalla sua pelle e squittì un sì Maestro. Seta, hai paura? le chiese Michael, con voce piena di preoccupazione. «Un po'», disse a bassa voce. Michael l'abbracciò e le sussurrò parole di rassicurazione all'orecchio. Le disse che tutto quello che doveva fare quella sera era guardare e che nessuno l'avrebbe toccata a meno che lei non avesse detto che andava bene. Le aveva...

1.5K I più visti

Likes 0

La vita di Jen - Capitolo sei - Parte prima

La vita di Jen – Capitolo 6 – Parte prima Varie cose mi restano in mente e le mie vacanze annuali di solito erano piene di eventi. Un anno i miei genitori decisero di affittare una villa a Corfù per 2 settimane e mio nonno e mio zio furono invitati. Sull'aereo dovevo sedermi tra mio nonno e mio zio, ei miei genitori si sedevano dall'altra parte. Mio nonno mi ha messo il cappotto in grembo e ha spinto rapidamente la mia gonna da parte, tirandomi da parte le mutandine e spingendo un dito dritto dentro di me, ho sussultato forte mentre...

1.5K I più visti

Likes 0

L'estate finisce

Erano passati tre mesi da quel giorno che le aveva cambiato la vita quando suo figlio l'aveva scopata. Lei aveva 34 anni, lui ne avrebbe presto 18. Adesso scopavano regolarmente e insieme avevano capito come separare le loro sessioni sessuali dalla vita di tutti i giorni. Il seminterrato della loro casa che ospitava l'attrezzatura per il bucato era stato diviso per fornire una piccola area ricreativa con un letto al centro e una zona spogliatoio protetta dove sua madre teneva la sua collezione di lingerie sexy acquistata di recente da un sito di sesso su Internet. Tutto ciò che riguardava la...

644 I più visti

Likes 0

Ricattare Jenny

Ricattare Jenny Sono un ragazzo normale con una vita normale e una buona famiglia. Ho 2 figli e una moglie meravigliosa chi è una tata. Sono un paesaggista e i soldi vanno bene, quindi la mia famiglia sta bene. Io non lavoro per chiunque tranne che per me stesso. Normalmente lavoro solo nei giorni feriali e trascorro del tempo con la mia famiglia fine settimana. Ho 45 anni e sono molto sessuale. Amo il sesso ea volte può essere un po' comune ma a volte Mi chiedo cosa succede se o mi chiedo come sarebbe avere qualcuno giovane per divertirsi. Io...

518 I più visti

Likes 0

Alice viene sposata

[b]Alice si fa l'autostop 7 di Will Buster Come si può immaginare, un'amante incinta e usata può essere piuttosto difficile da scartare. Difficile, cioè, a meno che una cospicua dote non accompagni la vigorosa piccola volpe. Alice non faceva eccezione a questa regola sociale così prevalente nella tarda Inghilterra georgiana. La pancia di Alice era ora piena di bambino sano per le quasi costanti attenzioni amorose di Lord Elton. Il barone del maniero di Kingston si era goduto a fondo entrambi i buchi stretti e reattivi di Alice ormai da mesi, ma mantenendo fede alla sua promessa, era tempo di acquistare...

534 I più visti

Likes 0

Brandy infrange il codice di abbigliamento da lavoro

Ciao, sono Brandy. Ho 28 anni, sono bi sub, 1,70 cm, peso 55 kg, capelli biondi, occhi castani, seno 32C con capezzoli permanentemente eretti (lo sono stati per tutta la mia vita) e una figa depilata... sì, mi sono stufata di radermi e fare la ceretta dannazione, mi fa male. Sono stato un Sub per gran parte della mia vita, anche se non lo sapevo da un bel po'. Preferisco gli uomini, ma ora sono un sub obbediente molto ben addestrato e farò tutto ciò che mi viene detto da un Dom o Femdom. Se hai letto alcuni dei miei altri...

406 I più visti

Likes 0

La dolce piccola Lucy - Una fiaba moderna

Era giovane e fresca, aveva solo 15 anni ma aveva il corpo e l'atteggiamento di un una ragazza più grande avrà diciannove o vent'anni. Lucy era una ragazza popolare e stava facendo bene a scuola. Lucy aveva occhi azzurri profondi e labbra carnose e morbide il bel viso era orlato da lunghi capelli biondi. Le sue tette non erano grandi 34C ma sulla sua corporatura snella sembravano molto più grandi. Erano fermi con piccoli capezzoli rosa e delicati mentre la sua vita era snella e il suo sedere era, beh, il colore pesca era probabilmente il modo migliore per descriverlo rotondo...

359 I più visti

Likes 0

Rossa focosa

Il mio nome è Rachel. Ho 35 anni, 5'7 , 135 libbre, capelli rossi che mi superano le spalle, occhi azzurri, lentiggini, pelle bianca pallida (mi dispiace che le rosse non si abbronzino). Indosso un reggiseno taglia 36DD con bei capezzoli grandi ( è impossibile nasconderli) e tengo il mio cespuglio rosso curato e curato. Sean è il mio migliore amico, facciamo quasi tutto insieme. Siamo amici da anni e non è mai successo niente di sessuale tra di noi. Così quando abbiamo deciso di fare un viaggio a Las Vegas per festeggiare il mio divorzio, non ci ho pensato. solo...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.