Oh... il mio... dottore

663Report
Oh... il mio... dottore

Era una luminosa giornata di sole di ottobre quando Jessica uscì dalla macchina. Il vento le afferrò la gonna e gliela fece roteare intorno alle cosce. Mentre il vento freddo le vorticava intorno alle gambe, iniziò a sentirsi peggio per quello che doveva fare quella mattina nell'edificio. Alzò gli occhi al cielo e fece un respiro profondo cercando di prepararsi per questo giorno che odiava e sembrava che ogni anno diventasse sempre più difficile venire qui. Cosa c'era di così importante nel ginecologo? Non era che la sua figa stesse ricevendo attenzione ultimamente. Quanto tempo era passato dal suo ultimo... quasi 2 anni? "Oh ragazzo, è tanto tempo" pensò, ma poi di nuovo se in qualche modo avesse avuto qualche azione nel prossimo anno avrebbe avuto bisogno di quelle pillole. Raddrizzò le spalle e si diresse verso la porta. Peccato che sia dovuta andare oggi... sarebbe stata la giornata perfetta per una passeggiata a cavallo. Quando raggiunse la porta sentì il cuore che le batteva forte e le sue mani cominciavano a tremare... afferrò la maniglia e spinse dentro.



Il calore dell'edificio la colpì in faccia mentre entrava e mentre si muoveva poteva sentire le sue guarigioni sul duro pavimento di marmo. Suonavano così forte in questa sala vuota. In fondo al corridoio premette il pulsante dell'ascensore e aspettò. Proprio mentre stava diventando impaziente con l'ascensore dannatamente lento, un giovane uomo sexy le si avvicinò e si fermò accanto a lei. "Che fortuna! Forse questo giorno non sarà così male, dopo tutto. pensò e sembrava che stesse liberando anche l'ascensore! Almeno aveva questo stallone da guardare per un po'. L'uomo era alto, circa 6 piedi, e aveva una corporatura magra ma muscolosa. I suoi capelli erano tagliati corti con un intenso colore marrone caramello. Sotto quella maglietta bianca aderente era sicura che ci fosse una serie di addominali da morire. I suoi occhi erano di un oro brunastro penetrante che sembrava avere qualche emozione dietro di loro. Desiderio forse? Jessica ha iniziato a pensare a cosa voleva fare allo splendido uomo accanto a lei. Oh, se la sarebbe cavata bene con lui. "Che faccia dura e sexy" rifletté. Umm... scommetteva che stava bene senza maglietta. Proprio mentre stava per spogliarlo nella sua mente, l'ascensore suonò che la riportò rapidamente alla realtà.



Entrambi sono saliti sull'ascensore e lei ha preso a pugni il terzo piano e sorprendentemente lui non è entrato in un altro piano. Jessica ha immaginato che questo tizio fosse un avvocato o qualcosa del genere basandosi solo sul suo abbigliamento. Se avesse avuto delle palle, avrebbe parlato con l'uomo, ma per qualche motivo le parole non le sarebbero uscite di bocca. Almeno poteva guardarlo ancora per qualche istante. Quando l'ascensore ha iniziato a muoversi, ha notato l'odore meraviglioso di questo ragazzo. Indossava la sua colonia preferita e buon dio era inebriante. Forse avrebbe fantasticato su questo ragazzo invece di concentrarsi sul suo vecchio dottore durante l'esame. Non fraintenderla... il suo dottore è dolce e molto gentile ma non è un granché da guardare e quando hai le gambe spalancate per un uomo mentre ti inserisce delle cose nella figa. Siamo onesti, se hai intenzione di sopportare questo, vuoi che sia sexy! Jessica pensava di aver visto il ragazzo controllarla, ma doveva stare sognando. Era troppo sexy perché lei lo atterrasse. Per non dire che Jessica non fosse di bell'aspetto, ma era alta 5'8 "circa 155 libbre con capelli biondi di media lunghezza e occhi verdi. Jessica è una ragazza formosa con un bel culo e delle cosce. Aveva sicuramente la figura della clessidra, ma non sembrava essere una qualità attraente per quelli magri. Il forte suono dell'ascensore interruppe i suoi pensieri e si ritrovò a sbattere contro la realtà. Le porte si aprirono e lei andò dritta e lui andò a destra... "Accidenti a quella fantasia." lei ha pensato.



Camminò lungo il corridoio finché non trovò la porta dell'ufficio del suo ginecologo. Entrò in ufficio e sentì la porta sbattere dietro di lei. Non si torna indietro adesso. L'ufficio aveva quel profumo antisettico che ha la maggior parte degli uffici. È andata dalla receptionist per farle sapere che era qui per l'appuntamento delle 9:30. "Il dottore sarà subito con te", ha risposto. Jessica si sedette su una sedia e cominciò a sfogliare una rivista datata. Nel giro di pochi minuti sentì la porta aprirsi e una voce forte chiamare "Jessica". Si alzò lentamente e si diresse verso la porta. L'infermiera le sorrise mentre accompagnava Jessica lungo il corridoio verso la sala esami.



Una volta nella stanza l'infermiera le ha misurato la pressione sanguigna, la temperatura e il peso. Ha annotato alcune cose e poi ha messo la cartella sul bancone. “Ok, vai avanti, spogliati e mettiti questo lenzuolo. Purtroppo oggi siamo senza abiti. Il nostro pulitore non è ancora arrivato con quelli nuovi. È ok?" chiese l'infermiera. "Sì, per me va bene", ha risposto Jessica. L'infermiera le sorrise di nuovo e uscì dalla stanza. Le mani di Jessica tremavano. Buon Dio, come se questo non fosse abbastanza spaventoso, devono anche rendere queste dannate stanze così fredde! “Ok” si disse “Fallo in fretta”. Aprì la cerniera della gonna e la lasciò cadere a terra. Poi sono andate le sue mutandine. Li raccolse entrambi e li ripiegò sulla sedia. Poi la parte superiore e il reggiseno si sono tolti e si sono ritrovati nel mucchio con il resto della sua sicurezza. Non passò nemmeno un minuto prima che si tuffasse sotto il lenzuolo per cercare di stare al caldo. Cercò di pensare a qualcos'altro rispetto a quello che stava per accadere. Forse poteva pensare alla scuola oa quel test che doveva affrontare. Qualsiasi cosa era meglio di questo.



Proprio mentre si stava rilassando e aveva smesso di tremare, sentì bussare leggermente alla porta. "Entra" fu tutto ciò che lei rispose. Sentì la porta aprirsi e guardò verso l'ingresso. È quasi svenuta per quello che stava vedendo! In piedi sulla soglia c'era il suo misterioso uomo dell'ascensore! Cosa ci faceva qui? Oh signore, sarebbe stato difficile. "Chi sei? Dov'è il dottor Mathews?» chiese con voce poco calma. Oh, questa era la sua fantasia, va bene, ma sapeva che non sarebbe stata in grado di nascondere la sua eccitazione per quest'uomo. “Ciao Gessica. Mi chiamo Dr. Odmo e oggi sto coprendo il Dr. Matthews. Spero non ti dispiaccia. È dovuto partire per un'emergenza familiare, quindi sono l'ultimo minuto a sostituire. Egli ha detto. Jessica studiò il bell'uomo di fronte a lei e decise che quel corpo snello stava ancora meglio con un camice da laboratorio. "Immagino che vada bene", ha risposto. "Bene, mettiamoci al lavoro", disse.

"Come ti sei sentito di recente Jessica?"

“Sta andando bene, immagino. La scuola è stressante ma per il resto sto bene” ha risposto.

“Bene, felice di sentirlo. Hai avuto problemi in camera da letto di recente? Qualche preoccupazione?" chiese.

“Ah ah! Non ci sono state azioni in camera da letto da quasi due anni. Non sono nemmeno sicuro che funzioni correttamente"



Il dottor Odmo le lanciò uno strano sguardo come se non le credesse. "Cosa non mi credi?" lei disse. “Uh no... è solo che una donna come te non dovrebbe avere quel problema. Comunque andiamo avanti con l'esame. lui ha risposto. Mentre la stava fissando, fu allora che Jessica notò qualcosa a cui non riusciva a credere. Il buon dottore stava davvero diventando duro! I suoi pantaloni erano abbastanza stretti e si vedeva chiaramente che si stava formando una leggera macchia bagnata. Ah ah! Quindi era interessato a lei. Dolce!



“Adesso comincerò l'esame del seno. Va bene per te?" chiese con uno sguardo incerto. "Per me va bene", ha risposto Jessica. Il dottore si spostò sul suo fianco sinistro e le spostò il lenzuolo fino alla vita. Cominciò con il suo seno sinistro e con due mani (una per tenere il seno e l'altra per sentire) iniziò a premerle il seno. È andato dal bordo esterno fino al capezzolo. Poi ha fatto qualcosa che lei non aveva mai visto fare prima. Le ha pizzicato il capezzolo! "Oh" fu la sua risposta mentre cercava di non entrare nella sensazione. "Ti ha fatto male?" chiese. "Hai detto che era passato un po' di tempo dal tuo ultimo incontro sessuale, quindi ho pensato che sarebbe stato meglio controllare le risposte del tuo corpo oggi." Interessante... si chiese cosa volesse dire con quello. “Va tutto bene dottore. Solo un po' sensibile” ha risposto. Si spostò sul seno destro e fece di nuovo la stessa cosa. Questa volta pizzicò un po' più forte. Oddio, le sue gambe erano in fiamme e poteva sentire la sua figa bagnarsi lentamente. Quest'uomo la stava portando all'orgasmo senza nemmeno stringerle la clitoride.



Proprio mentre stava per scivolare in una meravigliosa terra di piacere, lui si fermò. “Controlliamo il tuo cuore e i tuoi polmoni. Per favore, siediti. Fece come le era stato detto e temeva la sensazione fredda dello stetoscopio, ma non arrivò mai. L'aveva scaldato prima! Buon uomo! Le fece scivolare la mano e lo stetoscopio sul petto e cominciò ad ascoltare il suo cuore. Il suo viso era terribilmente vicino al suo e lei poteva sentire l'odore della sua colonia e sentire il suo calore. Dio, lo voleva. Era così dannatamente sexy. Poi si è spostato sulla sua schiena e le ha chiesto di inspirare profondamente. Lo aveva sorpreso diverse volte a fissarle i seni e la pozza di tessuto che le copriva la figa. Sapeva cosa stava guardando. Glielo avrebbe dato volentieri se avesse pensato per un momento che lui lo volesse. Sapeva che non l'avrebbe fatto. Non era il suo tipo. Voglio dire, sicuramente era eccitato, ma probabilmente non a causa sua. Forse la stava immaginando come qualcun altro. Chi lo sa…



“Tutto fatto Jessica. Ti rotoleresti sullo stomaco, per favore?"

"Per cosa devo farlo?" disse con uno sguardo nervoso.

“Non preoccuparti, non farà neanche un po' male. Per favore, fallo.

"Ok" disse dolcemente.



Cosa voleva questo dottore con lei sulla pancia? Ha iniziato a sentirsi a disagio. Era una specie di scherzo o stava cercando di guardarla? Mentre si girava, poteva sentire il panico salire nel suo corpo. Si sdraiò sulla pancia e lo sentì camminare verso di lei. “Ok, ti ​​tocco un po' la schiena e mi assicuro che sia tutto a posto” la rassicurò. "Ok dottore" Grazie a Dio! Questo le calmò i nervi. Ha proceduto a posizionare il palmo sinistro sulla sua schiena e ha battuto la mano sinistra con la destra. Sembrava che stesse ascoltando eventuali suoni strani. Dopo circa un minuto ha detto "Torno subito, ho bisogno di prendere qualcosa dal bancone". Poteva sentirlo muoversi ma non era preoccupata e teneva gli occhi chiusi. Quando tornò le mise una mano sulla parte bassa della schiena e la spostò lentamente verso il lenzuolo.



“Ok Jessica, ora ti misurerò la temperatura. Avrò finito in pochi minuti.

“Stai andando a cosa? Ma l'infermiera mi ha già misurato la temperatura ed è andato tutto bene. Jessica tremava di nuovo ed era estremamente spaventata dal fatto che questo ragazzo le mettesse qualcosa nel culo. Quanto può essere umiliante questo giorno?



“Non mi fido mai di queste cose e i termometri rettali sono una procedura standard per i miei pazienti. Per favore rilassati e tra un po' tutto finirà"



Con ciò ha rimosso il lenzuolo e lei poteva sentire la sua mano sulla guancia sinistra. Poi ha sentito il suo dito ricoprirle il buco del culo di lubrificante. All'inizio mosse il dito in grandi cerchi e poi concentrò i movimenti verso il suo dolce buco proibito. Ha iniziato a spingere e lei poteva sentire il suo buco vergine resistere al suo dito. Premette un po' più forte e poi fu dentro. Lei iniziò a dimenarsi un po' sotto la nuova intrusione. Il dottor Odmo le mise una mano sulla schiena e la esortò a stare ferma. "Questo aiuterà ad alleviare il termometro" disse piano. È rimasta lì silenziosa e immobile. Non voleva ammetterlo con lui, ma aveva sempre avuto una fantasia su questo. Amava le storie ginecologiche sul dottore che si approfittava del paziente, ma non avrebbe mai immaginato che sarebbe riuscita a vivere la sua fantasia. Pochi minuti dopo sentì il suo corpo rilassarsi mentre lui toglieva il dito. Pochi secondi dopo sentì qualcosa di molto più grande premere contro l'apertura del suo buco. Doveva essere il più grande termometro di sempre. Sembrava largo più di un pollice e questo dottore era determinato a farlo entrare fino in fondo. Mentre si muoveva nel suo corpo, la allungò più di quanto pensasse possibile. Gemette un po' mentre il termometro entrava, ma presto si era sistemato al suo posto.



“Buona Jessica. Semplicemente rilassati. Si sente bene?"

“Beh, um, immagino. È davvero strano. Non aveva intenzione di ammettere che le piaceva quella sensazione. La faceva sentire una troia così sporca e ne adorava ogni secondo. Avere quest'uomo che si approfitta di lei è stata una sensazione incredibile.

"La maggior parte delle donne si sente così, ma col tempo so che non è poi così male"



Con quell'ultima affermazione lo sentì iniziare a muovere il termometro dentro e fuori dal suo stretto culetto. “Sto solo cercando di aumentare il tuo rilassamento. Non allarmarti se senti una leggera eccitazione. e con ciò ha iniziato a muovere lo strumento più velocemente e più in profondità. Aveva ragione... si sentiva bene. Mentre lui continuava a sodomizzarla, lei poteva sentire la sua figa bagnarsi mentre iniziava a formarsi una piccola pozza dei suoi succhi d'amore. Oddio, voleva iniziare questo esame pelvico come se non ci fosse un domani! Quasi come se le leggesse nel pensiero, lei lo sentì togliere il termometro dal suo retto. “Ok, qui sembra tutto a posto, andiamo avanti con l'esame. Ne avevi qualcuno dove avevi bisogno di essere in un determinato momento? Proprio mentre stava per rispondere l'infermiera bussò alla porta. "Dottore, devo andare via per mezz'ora, va bene?" chiamò. “Va bene Melissa. Ci vediamo quando torni” disse di rimando. "Va bene per te, vero?" chiese a Jessica. Lei annuì d'accordo e si sedette sul tavolo. Voleva vedere dove fosse finita questa cosa con il dottor Odmo. Forse la sua fantasia si sarebbe avverata dopo tutto.

Non appena l'infermiera chiuse la porta, il dottor Odmo la guardò con un sorriso diabolico. “Ok ora Jessica, voglio controllare uno dei tuoi riflessi sessuali dato che hai detto che è passato un po' di tempo. Voglio essere sicuro che tutto funzioni correttamente. Va bene per te?" chiese. "Ehm... perché sì, per me va bene" rispose lei. Detto questo, il dottor Odom mise la mano sulla spalla di Jessica come segno di sdraiarsi. “Vorrei vedere come sono i tuoi riflessi orali, ma ciò richiede uno strumento speciale. Spero non ti dispiaccia” e mentre finiva la frase lei lo vide allungarsi verso la cintura. Gli occhi di Jessica si spalancarono per l'eccitazione e la paura. I suoi occhi erano fissi sulle mani del dottor Odmo e i suoi vestiti caddero sul pavimento. Seduto di fronte a lei c'era un cazzo enorme! Era completamente eretto e implorava la sua bocca. Il dottor Odmo spostò la mano dietro la sua testa e la tirò leggermente verso il suo cazzo. Jessica si girò su un fianco e allungò la mano per afferrare l'erezione straziante di quest'uomo. Cominciò a muovere la mano su e giù per il suo cazzo setoso e sentì un gemito uscire dal dottor Odmo. Jessica ha iniziato dolcemente e poi ha iniziato ad accarezzargli il cazzo con più forza e con un movimento rapido ha spostato la sua bocca calda sul suo cazzo. La sua bocca bagnata inghiottì il suo cazzo e iniziò a succhiarlo con feroce determinazione. Il dottor Odmo si muoveva con la sua bocca e spingeva dentro di lei così forte che il suo cazzo le colpiva la gola. Aveva una mano aggrappata al tavolo e l'altra sulla nuca di lei che le impalava la bocca a ogni colpo. Jessica ha spostato la mano sulle sue palle e ha cominciato a massaggiarle mentre stava succhiando questo bel dottore verso l'orgasmo. Era in estasi e poteva sentire la sua figa implorare l'attenzione di quest'uomo. Il dottor Odmo gemeva a ogni suo colpo e stava per soffiare. Il buon dottore tirò fuori dalla bocca calda di Jessica "Oh Jessica è stato fantastico ma ho altro in serbo per te, quindi perché non passiamo a quello adesso. Possiamo rivisitarlo più tardi. "Qualunque cosa desideri, dottore" fu tutto ciò che Jessica riuscì a rispondere. Non voleva perdere il suo cazzo e voleva davvero vedere quest'uomo venire, ma era incuriosita dalla sua affermazione. Mentre il dottor Odmo stava sostituendo le sue piante e la cintura, si girò sulla schiena e attese i suoi ordini.



"Ok, quindi scendi finché il tuo sedere non è sul bordo del tavolo e metti i piedi nelle staffe per favore." chiese il dottor Odmo. Gli lasciò guidare il piede sinistro nella staffa e poi il destro. Quindi aggiustò le staffe in modo che le sue gambe fossero più larghe possibile. Aveva una visione completa della sua figa fradicia. Era contenta di aver deciso di radersi quella mattina. La sua figa era pulita e gocciolante per il suo precedente gioco con il termometro. Lo sentì fare un respiro profondo. Poteva vedere i suoi occhi fissi su di lei.

“Non ti dispiace se rimuovo questo lenzuolo, vero? È sulla mia strada"

“Niente affatto dottor Odmo. Sei tu che comandi qui.

“Va bene, farò una serie di test che potresti non aver fatto durante gli altri esami. È ok?"

"Qualunque cosa tu pensi sia necessario dottore" Riusciva a malapena a crederci! Voleva provare le cose con lei! Oh mio Dio, è stato meraviglioso!



Con quel commento si tolse la coperta e cominciò a lavorare su di lei. Lentamente passò le dita sulla parte esterna della sua figa. Il suo tocco era leggero e morbido.

“Ti fa sentire bene? È eccitante?

"Ci si sente bene ed è in qualche modo eccitante."

"Ok bene, che ne dici di questo..." mentre muoveva le dita appena sopra la sua clitoride.

"Oh dio" disse mentre gemeva. Il suo tocco era meraviglioso e lei poteva sentire la sua eccitazione aumentare.

"Ok bene ora è il momento di mettersi al lavoro." Fece scivolare due dita all'interno della sua figa il più velocemente possibile e le sollevò un po' in un movimento "vieni qui". Jessica si alzò dal tavolo con un forte gemito. Oh, è stato bello essere toccati in quel modo. Le mancava il tocco di un uomo. Cominciò a usare l'altra mano per premere sulla parte esterna del suo addome. "Qualcosa di tutto questo fa male?" chiese mentre continuava a giocare dentro di lei. "No, va tutto bene", ha risposto. La palpò ancora un po' e poi rimosse le dita. Lentamente si alzò e andò al bancone. Tornò con il più grande speculum che avesse mai visto. Si sedette di nuovo tra le sue gambe e mise un po' di gelatina KY sulla punta dello speculum. Poi allargò le labbra e fece scivolare lentamente lo strumento nella sua figa bagnata. Circa a metà il dottore ha notato che Jessica stava diventando un po' tesa, quindi si è fermato e ha ruotato lo strumento. In pochi secondi lui stava forgiando la sua figa e ha continuato a guidarla fino a quando la maniglia non le ha colpito il culo. Jessica non poteva fare altro che dimenarsi mentre lo strumento di metallo duro la invadeva. Era stretta da tutti quegli anni senza alcuna penetrazione. L'intrusione dell'oggetto era meravigliosa e poi lo sentì aprirsi. Le stava allargando le viscere e la faceva sentire meravigliosa. Quando lo strumento fu completamente aperto, vide il suo volto cambiare. Il dottor Odmo si è semplicemente seduto per un momento e ha fissato la sua figa. Sembrava che gli piacesse vederla spalancata così per lui da vedere. Jessica non poteva discutere ... questo è stato un momento caldo e oh ragazzo voleva venire. Voleva quest'uomo così tanto che poteva sentirlo. Le ha inserito un tampone per raccogliere alcuni campioni e poi ha iniziato a muovere lo speculum dentro e fuori dalla sua figa fradicia. Jessica poteva sentirlo penetrare in lei e riusciva a malapena a sopportarlo. Guardò il dottor Odmo ei loro occhi si unirono. Poteva dire che lei lo voleva e poteva vedere che lo voleva anche lui.

“Jessica se va bene vorrei usare uno strumento speciale su di te. Voglio misurare la tua risposta sessuale. È ok?"

"Perché sì, dottore, per me va bene."

"Chiamami Jase".

"Certo... Jase."

Con ciò ha optato per la fibbia della cintura e il bottone per i pantaloni. In pochi secondi un'erezione furibonda che grondava precum era seduta di fronte a lei. Oh dio, lei voleva quest'uomo. Voleva così tanto il suo cazzo dentro di lei che la sua figa pulsava in attesa. Rimase lì ad accarezzarsi il suo corpo disteso davanti a lui. I suoi occhi si spostavano dalla sua figa ai suoi seni al suo viso. Tutto nel suo corpo diceva che la voleva e che l'avrebbe avuta. Spostò la mano sullo speculum e lo rimosse dalla sua fica. Ha stabilito un contatto visivo con Jessica e con un movimento rapido ha seppellito il suo cazzo duro dentro di lei. Ansimò e si aggrappò al tavolo in quell'istante di intenso piacere. Jase poteva sentire la calda figa stretta di Jessica avvolta intorno a lui ed era fantastico essere dentro di lei. Cominciò a pompare dentro e fuori di lei andando più in profondità di quanto qualsiasi uomo avesse mai fatto. Jessica gemette di piacere come una cagna mentre lui la penetrava. Il suo lungo cazzo le stava allargando le viscere e lei poteva sentire un enorme orgasmo crescere. Proprio mentre pensava che sarebbe esplosa, ha rimosso il suo cazzo dalla sua fica bagnata fradicia. Ha quindi iniziato a giocare con il suo culo che era ancora lubrificato dal termometro. Mise il suo cazzo appena fuori dal suo buco del culo e premette lentamente la testa dentro di lei. Si stava contorcendo sul tavolo per il piacere. Una volta che Jase ha potuto dire che era rilassata, ha spinto il suo cazzo in profondità nel suo culo. Ha martellato il suo grosso cazzo dentro il suo buco proibito allungandola e portandola all'estasi ad ogni colpo. Ha poi iniziato a strofinarle la clitoride con le dita mentre continuava a scoparle il buco del culo stretto. Ogni tanto tirava fuori il cazzo fino in fondo per poter vedere il suo buco spalancato. Poi l'avrebbe speronato di nuovo nel suo culo mentre lei gemeva e ansimava, cosa che amava sentire. Jase stava facendo impazzire la bella donna. Dopo diversi minuti si tirò fuori dal suo culo e sbatté di nuovo nella sua figa con una vendetta. Sembrava più determinato ora che mai a farla venire. Il suo corpo pulsava con lui e seguiva ogni suo movimento. Poteva sentire il suo orgasmo salire e il forte schiaffo del suo corpo contro di lei si aggiungeva al momento. I suoi gemiti aumentarono e iniziò a tremare. "Sto venendo!" era tutto ciò che poteva urlare. L'orgasmo le afferrò il corpo e lei urlò ancora più forte. In quel preciso momento Jase poteva sentire la figa di Jessica contrarsi attorno al suo cazzo duro e questo lo mandò oltre il limite. Gemette forte mentre esplodeva dentro di lei e mandava il suo carico di sperma caldo in profondità nella sua fica. Quando i loro orgasmi si placarono, Jase crollò sul corpo sexy di Jessica. In pochi minuti Jase si staccò da Jessica e le mise una mano dietro la testa e l'altra dolcemente sul lato del suo viso. La baciò dapprima lentamente e poi con più forza mentre lei affondava in lui. La baciò con più passione di quanto non fosse mai stata baciata prima. Jessica ha deciso quel giorno che doveva uscire con quest'uomo e che voleva avere di nuovo questa fantasia.

Storie simili

Brandy infrange il codice di abbigliamento da lavoro

Ciao, sono Brandy. Ho 28 anni, sono bi sub, 1,70 cm, peso 55 kg, capelli biondi, occhi castani, seno 32C con capezzoli permanentemente eretti (lo sono stati per tutta la mia vita) e una figa depilata... sì, mi sono stufata di radermi e fare la ceretta dannazione, mi fa male. Sono stato un Sub per gran parte della mia vita, anche se non lo sapevo da un bel po'. Preferisco gli uomini, ma ora sono un sub obbediente molto ben addestrato e farò tutto ciò che mi viene detto da un Dom o Femdom. Se hai letto alcuni dei miei altri...

398 I più visti

Likes 0

SENZA RISERVE

Brenda Olsen rimase in fila con un po' di impazienza mentre aspettava di registrarsi e di prendere la chiave della sua stanza. Finalmente, mormorò sottovoce, è il mio turno! Come posso aiutarti? chiese allegramente la bionda dall'aspetto disinvolto dietro il bancone. Brenda stava per dare un'occhiata alla donna, ma ci ripensò e rispose: Olsen, Brenda Olsen, ho una prenotazione per tre notti. Uhhhhhh fammi vedere, disse la bionda mentre digitava il suo nome sul terminale del computer delle prenotazioni. Hmmmmmm, non lo trovo qui, lasciami controllare un altro posto......... Brenda picchiettò nervosamente il piede mentre l'impiegato cercava il suo nome. Alla...

349 I più visti

Likes 0

Jameson High

Jameson High Presentazione: Ciao, mi chiamo Adilene (chiamami semplicemente Adi), sono una bruna alta 5'6 pollici di corporatura atletica con un sedere sodo e grandi seni a coppa E da 54. Frequento la Jenna Jameson Sex Academy qui nell'anno 2035. Negli anni trascorsi da quando hai letto questo, il mondo è cambiato parecchio. A partire dal 2021 la Cina ha superato gli Stati Uniti come economia dominante, le crisi elettriche si sono concluse con l'uso diffuso di tecniche di fusione e fissione; le differenze razziali e sessuali sono state quasi del tutto risolte in tutto il mondo e le tradizioni secolari...

1.4K I più visti

Likes 0

La vita di Jen - Capitolo sei - Parte prima

La vita di Jen – Capitolo 6 – Parte prima Varie cose mi restano in mente e le mie vacanze annuali di solito erano piene di eventi. Un anno i miei genitori decisero di affittare una villa a Corfù per 2 settimane e mio nonno e mio zio furono invitati. Sull'aereo dovevo sedermi tra mio nonno e mio zio, ei miei genitori si sedevano dall'altra parte. Mio nonno mi ha messo il cappotto in grembo e ha spinto rapidamente la mia gonna da parte, tirandomi da parte le mutandine e spingendo un dito dritto dentro di me, ho sussultato forte mentre...

1.4K I più visti

Likes 0

Lavorare con Walker Pt. 6

Il viaggio in macchina fu per la maggior parte silenzioso. Una volta che tutti abbiamo deciso di tornare a casa, nessuno ha detto altro. Non c'era bisogno di dire altro, immagino. Avevamo tutti in mente la stessa cosa. Mi sono seduto dietro con Walker mentre Tyler guidava e Mike era sul sedile del passeggero. Mike viveva a pochi passi da questo teatro, quindi è tornato con noi a casa di Tyler e Walker. Walker si è seduto nel mezzo per starmi vicino. Ci stavamo massaggiando le cosce l'un l'altro, godendoci la sensazione. Immagino che Tyler ci abbia visto nello specchietto retrovisore...

737 I più visti

Likes 0

Emerge la cagna interiore

Lo ha incontrato al bar circa 10 minuti dopo l'orario stabilito. Le piaceva farli aspettare, le piaceva la sensazione di potere che le dava vedere lo sguardo di sollievo quando arrivava. Indossava un abito semplice e poteva vedere il sollievo misto a una certa delusione sul suo viso quando notò che non indossava gli stivali. Sorridendo tra sé, mantenne il suo sorriso distaccato e si avvicinò al tavolo. Rimase lì, lanciando uno sguardo mirato alla sedia mentre aspettava. Dapprima perplesso, alla fine si rese conto che avrebbe dovuto alzarsi quando lei si avvicinò. Alzandosi rapidamente, fece il giro del tavolo per...

722 I più visti

Likes 0

Lugia_(1)

Si chiamava Catarina, una ragazza di sedici anni che viveva sull'isola di Earthia. Si stava tenendo un festival per la bestia del mare, quest'anno è stata scelta per suonare la canzone per lui e si è esercitata ogni giorno in modo da poterla suonare perfettamente. Canticchiava mentre camminava lungo un sentiero con un sacchetto della spesa per sua madre. I lunghi capelli blu-argento di Catarina erano intrecciati all'indietro e oscillavano da una parte all'altra e lei si incamminò verso casa sua. I suoi occhi blu marino erano pieni di gioia mentre salutava la gente della città. La festa ha riempito la...

685 I più visti

Likes 0

Ricattare Jenny

Ricattare Jenny Sono un ragazzo normale con una vita normale e una buona famiglia. Ho 2 figli e una moglie meravigliosa chi è una tata. Sono un paesaggista e i soldi vanno bene, quindi la mia famiglia sta bene. Io non lavoro per chiunque tranne che per me stesso. Normalmente lavoro solo nei giorni feriali e trascorro del tempo con la mia famiglia fine settimana. Ho 45 anni e sono molto sessuale. Amo il sesso ea volte può essere un po' comune ma a volte Mi chiedo cosa succede se o mi chiedo come sarebbe avere qualcuno giovane per divertirsi. Io...

511 I più visti

Likes 0

Alice viene sposata

[b]Alice si fa l'autostop 7 di Will Buster Come si può immaginare, un'amante incinta e usata può essere piuttosto difficile da scartare. Difficile, cioè, a meno che una cospicua dote non accompagni la vigorosa piccola volpe. Alice non faceva eccezione a questa regola sociale così prevalente nella tarda Inghilterra georgiana. La pancia di Alice era ora piena di bambino sano per le quasi costanti attenzioni amorose di Lord Elton. Il barone del maniero di Kingston si era goduto a fondo entrambi i buchi stretti e reattivi di Alice ormai da mesi, ma mantenendo fede alla sua promessa, era tempo di acquistare...

527 I più visti

Likes 0

Camion su strada capitolo 5

Jill e io siamo arrivati ​​a Boise ID. intorno alle 5 del mattino. Ho rifornito il camion e l'ho parcheggiato. Siamo entrati e abbiamo fatto una buona colazione. Ha detto voleva avermi per dessert ma nel camion. Ed è stato il giorno dell'anale. Mi ha detto che voleva KD nel culo e io che le martellavo la figa. Ho riso e ho detto hai intenzione di infilarti KD nel culo? (KD è Kong Dong) Questa cosa è lunga 18 pollici e spessa circa 3 pollici, un po' più grande di una lattina di birra, Ci puoi scommettere dice. Le ho detto:...

498 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.