Figlia e papà - Parte 2

852Report
Figlia e papà - Parte 2

Figlia e papà - Parte 2

Anita si è svegliata la mattina dopo nel letto di suo padre e ha cercato il calore del suo corpo. Non c'era e ha lottato per svegliarsi. Avevano dormito in posizione di cucchiaio per tutta la notte. In più di un'occasione era stata svegliata dalla sensazione del suo cazzo duro che si allentava tra le sue chiappe mentre lui riviveva il loro fare l'amore nei suoi sogni. Muovendo il culo nel modo giusto, poteva spostarlo nel suo inguine in modo che la sua testa di cazzo si fermasse al suo ingresso. Per quanto volesse prenderlo dentro di sé, era ancora esausta e lo sentì ammorbidirsi mentre si addormentava di nuovo. Ora non era nemmeno lì, e il suo corpo insisteva perché lo cercasse in casa.

Gettandosi addosso la vestaglia, inciampò al piano di sotto. L'aroma del caffè fresco la condusse in cucina dove suo padre era seduto al tavolo della cucina, perso nei suoi pensieri. Gli avvolse un braccio sul petto e lo strinse con un abbraccio "Buongiorno", ma lui non si mosse mai, non la riconobbe nemmeno! Spaventata dall'apparente rifiuto, gli sussurrò all'orecchio.

“Buongiorno, papà. A cosa stai pensando? Sei a circa un milione di miglia di distanza”.

"Hmm? OH. Buongiorno, tesoro. Immagino di essere stato un po' perso nei miei pensieri lì, vero? Sto solo pensando a ieri sera. La confusione mi sta spingendo contro un muro”.

“Papà, non volevo confonderti ieri sera. Sai che ti amo, anche più stamattina di ieri. Quindi fai un favore a entrambi. Parlami”, implorò Anita mentre riempiva la sua tazza di caffè, poi scaldava il caffè di suo padre.

Per il resto della giornata, i due rimasero un po' distanti. Jim passava molto tempo seduto con la testa tra le mani, mentre Anita era combattuta tra il dare a suo padre il tempo di pensare e il desiderio di abbracciarlo. La tensione ha devastato la sua mente e il suo cuore. Aveva oltrepassato un limite e forse sabotato la loro relazione? Alla fine suo padre avrebbe rifiutato il suo crescente amore per lui? Dire che era spaventata sarebbe un eufemismo.

Nel tardo pomeriggio, la tensione in casa era abbastanza forte da poter essere tagliata con un coltello. Le paure di Anita crescevano di minuto in minuto. Doveva fare qualcosa - qualsiasi cosa - per rompere il silenzio di suo padre prima di impazzire! Non trovava pace interiore nelle sue deliberazioni. Tutto quello che poteva fare era aspettare. La sua soluzione immediata era trovare qualcosa da fare che la distraesse dalla tensione.

"Papà, che ne dici se preparo la cena stasera?", si offrì volontaria. “Se riesci a sopportare gli avanzi, riscalderò un po' di quella zuppa e farò il pane all'aglio. La tua Seashore Surprise sembra sempre avere un sapore migliore dopo che è stata comunque riscaldata”.

“Ehm? OH . . . Sì . . . va bene, tesoro, qualunque cosa tu dica. Comunque stasera sono un po' perso nei miei pensieri. Probabilmente è meglio che tu cucini di me. Rischio di perdere le tracce e bruciare il posto se entro in cucina”.

La mancanza di concentrazione di Jim è stata l'ultima goccia per sua figlia. O l'hanno fatto uscire allo scoperto e risolto, o il suo povero cuore sentiva che sarebbe andato in frantumi.

“Dannazione, papà! Sei stato depresso nella nebbia tutto il dannato giorno, e mi sta facendo a pezzi! Quindi, non me ne frega un cazzo se hai risolto tutto o no! Parleremo e parleremo ora! Non solo, ma continueremo a parlare finché mio padre, mio ​​padre e il mio migliore amico non torneranno tutti da me! Capito?”, Anita quasi gli urlò a squarciagola. Si accovacciò accanto a lui, guardandolo in faccia, e vide la preoccupazione e la paura nei suoi occhi. I sentimenti di impotenza dentro di lei le fecero desiderare di avvolgerlo tra le braccia per confortarlo e forse rassicurarlo.

Jim guardò sua figlia e il suo sguardo preoccupato gli tagliò il cuore come un rasoio. Era stato egoista nella sua solitudine tutto il giorno, e ora il senso di colpa che ne derivava lo trascinava fuori di sé. Sua figlia aveva bisogno di lui e lui non poteva più negarglielo. Era rimasta lì per quattro anni mentre lui si crogiolava nell'autocommiserazione. Bastava!
Allungandosi verso di lei, tese le mani, i palmi verso l'alto. Lei ha risposto mettendo la sua nella sua, ma è rimasta nella sua posizione accovacciata.

"Tesoro, non sono esattamente sicuro di cosa sia successo tra noi ieri sera, ma ho paura", iniziò Jim. “Mi sto abituando a essere un papà e non sono mai stato più felice in vita mia per questo. Ciò che abbiamo condiviso quando abbiamo fatto l'amore è più sorprendente e bello di qualsiasi cosa io abbia mai sperimentato in tutta la mia vita. Sono stato messo da parte una volta nella vita e mi sono ripromesso che non accadrà mai più. Quindi sì, ho paura. Vedere tua madre andarsene è stato devastante. Ripeterlo di nuovo con te mi ucciderebbe, letteralmente, con un po' di fortuna. Non sono sicuro di poter rischiare ancora così tanto”.

Anita si prese qualche istante per digerire ciò che suo padre aveva appena detto. Poteva capire le sue paure. Diavolo, aveva attraversato lei stessa conflitti interiori simili. Forse aveva le stesse preoccupazioni di essere abbandonata di suo padre. Ma lui le offriva una promessa di felicità, che lo sapesse o no. Ora doveva convincerlo che sarebbe sempre stato suo padre e altro ancora.

"James Ryan, lo dirò una volta, e solo una volta!". Come suo padre, Anita usava raramente i cognomi, essendo questa la prima volta nella sua vita che si rivolgeva a lui in quel modo. Ma tempi disperati richiedevano misure disperate. In quel momento, si sentiva disperata. “Mi chiamo Anita Lorraine, non Megan Dianne! Potrebbe averti lasciato. . . noi . . . ma non vado da nessuna parte! Ho passato tutto il fottuto giorno con quella consapevolezza che mi martellava in testa! Forse dove stiamo andando è un po' poco ortodosso. . . ok, molto poco ortodosso. . . ma sono abbastanza pronto a stare accanto a te! Incontrare qualcuno e innamorarsi? Già hanno! Hai uno specchio? Vedrai che ti sta fissando! Sposarsi? Merda, le mie esperienze con il matrimonio non sono un inferno! Mia madre ha sposato mio padre, e dove cazzo è adesso? Accidenti se posso dirtelo! Il punto è che ho bisogno che tu sia sempre mio padre. Ma dopo ieri sera, ho bisogno anche di te come amante! Se pensi che mi arrenderò senza combattere, i tuoi pantaloncini sono troppo stretti! ", ha risposto con la sua voce più autorevole.

A Jim ci vollero un paio di minuti per assorbire ciò che sua figlia aveva detto, e altri ancora per capirlo. Alla fine, dopo oltre cinque minuti di pensiero concentrato, Jim ruppe il silenzio.

“Anita, stiamo facendo un passo enorme - fai un salto - qui. Dopo aver fatto l'amore insieme, sei un'abitudine difficile da rompere.

Anita si alzò e baciò il collo di suo padre appena sotto l'orecchio. Aveva cercato disperatamente nella sua mente per oltre due anni, cercando di definire l'uomo perfetto. Uno che potesse amare e da cui essere amata, con cui aprirsi e con cui condividere i suoi segreti più intimi, e condividere le stesse cose su di lui.. Per anni, aveva cercato qualcuno proprio come suo padre, e tutti di loro era venuto meno! Quindi perché dovrebbe accontentarsi del secondo posto quando l'uomo che voleva davvero era proprio qui di fronte a lei?

“Papà, ho avuto quasi tre anni per decidere”, gli sussurrò dolcemente all'orecchio. “Mi ci è voluto così tanto tempo per scoprire che l'uomo di cui ho bisogno è mio padre. Potrei non essere la paglia più lunga della balla, ma non sono nemmeno stupido. Ho bisogno di te, ti voglio, ti amo, così tanto. Se la scorsa notte dovessi rifare tutto da capo, lo farei due volte e non mi pentirei mai di un solo secondo. Il mio unico rammarico è che non sia successo prima d'ora”.

Jim fissò gli occhi di sua figlia, vedendo uno sguardo di speranza. Il suo cuore era con lei. Improvvisamente si rese conto che la sua speranza era contagiosa. Gli era stata leale, anche dopo che lui l'aveva quasi abbandonata mentre si crogiolava nel suo dolore e nella sua miseria. Il suo amore per lui aveva riacceso una piccola fiamma, e il suo calore si diffuse lentamente attraverso la sua stessa esistenza. Accidenti! Era innamorato di lei!

“Tesoro, mia figlia a volte ha la bocca un po' sguaiata. Quando abbiamo fatto l'amore ieri sera, mi ha eccitato. Solo non sono sicuro di come gestirlo quando non stiamo facendo l'amore".

“Bocca di grondaia, eh? Se ti piace quando facciamo l'amore, posso parlare sporco come qualsiasi donna del pianeta, e se accende l'uomo che amo, trasformerò l'aria in blu! Ma per quanto riguarda le altre volte, se ti dà fastidio, non farmi incazzare. È allora che esce davvero. Forse posso frenarlo un po', ma ci vorranno due di noi. Io a lavorarci sopra e tu a ricordarmelo”, ha risposto.

“No, penso che preferirei tenerti così come sei. Inoltre, quando mi chiamerai con tutti i nomi del libro, saprò che ho fatto una cazzata. . . e faccio cazzate! Immagino che debba essere una cosa da ragazzi, eh?", ha scherzato Jim. “Seriamente però, tesoro, possiamo andarci piano? Mi sento ancora un po 'in preda al panico per il fatto che ci stiamo spegnendo nel calore della passione. Ma dannazione, hai un corpo per il quale un uomo come me ucciderebbe, e un cuore abbastanza grande da perderci dentro!”, ha aggiunto.

“Sì, posso sopportare di andare piano, se è quello che vuoi. Ma ti dirò subito una cosa. Stanotte dormiamo nello stesso letto, ed è meglio che tu sia lì quando mi sveglio domattina! Ero spaventato a morte stamattina quando tu non lo eri. Pensavo che fossi scappato con me! Papà, abbiamo perso i contatti con molte persone nel corso degli anni, ma perderti mi ucciderebbe. E ti prometto che sarò lì ogni volta che mi chiamerai o avrai bisogno di me. Non si tratta più solo di sesso. Va oltre. Ho bisogno di te quasi quanto ho bisogno di essere necessario a te”.

Jim abbracciò sua figlia. Anita grugnì quando il suo abbraccio le spinse via il fiato, ma lo ricambiò con tutta la forza che aveva. Essere tenuta così stretta le diceva che sarebbe andato tutto bene.

“Ehm, papà? Ti amo teneramente, ma se mi rompi la schiena adesso, mi divertirò un mondo a cavalcare quel tuo splendido cazzo!”. Merda, se Jim voleva una bocca da grondaia, lei gliene dava una, a picche! Dalla lentezza del suo rilascio su di lei, sapeva quanto lo eccitasse. Ma il suo calore era così bello! Non ha mai voluto che lui la lasciasse andare!

Alla fine, lasciò la presa abbastanza da permetterle di girare la testa e stuzzicargli l'orecchio con la lingua, facendogli venire i brividi in tutto il corpo. Poteva sentire i suoi capezzoli che cominciavano a indurirsi in reazione. Per quanto il loro discorso fosse stato progettato per chiarire l'aria, lei stava iniziando a sentire il caldo bagliore del desiderio che lui aveva invocato in lei. Riconobbe la sua crescente eccitazione, accogliendola in ogni parte di lei, spronandoli entrambi a fare di nuovo l'amore con un'urgenza che iniziò come una piccola fiamma tremolante ma rapidamente si trasformò in un fuoco furioso.

"Continua così, tesoro, e avrai un'erezione furiosa da affrontare!", le sussurrò.

"Sì? Beh, ti minaccerei con le mutandine bagnate, ma non ne ho addosso!”, rispose dolcemente. Come per contestare la sua affermazione, Jim le passò le mani sul sedere. Nessuna cucitura sulle gambe delle mutandine! Le guance sode e rotonde della piccola volpe erano così deliziose nelle sue mani. Poteva sentire il gonfiore nel suo cazzo e ha accolto con favore il suo emergere con la promessa di cose da venire! Il suo gemito di approvazione alla sua rivelazione gli sfuggì, mentre le faceva scivolare le mani su e giù per il culo.

"Se ne vuoi di più, dovrai togliermi questi jeans prima che i miei succhi facciano marcire le cuciture!", Proclamò Anita. “Le tue mani sono così belle su di me! Scommetto che starebbero ancora meglio sulla pelle nuda!”, ha aggiunto scherzosamente.

Jim si abbassò per slacciare il bottone dei suoi jeans, tirando la cerniera per tutta la sua lunghezza. Lei si tirò indietro quel tanto che bastava per permettergli di accedere alla vita, e lui gliele fece scivolare lungo le gambe finché non le furono avvolte intorno alle caviglie. Quando lei ne uscì, le fece scorrere le mani su e giù per il sedere, meravigliandosi della sua morbida fermezza, languendo nelle sensazioni della consistenza della sua pelle. Con il suo tumulo a pochi centimetri dal suo viso, lui la attirò di nuovo alla sua bocca affamata e piantò le labbra saldamente sulla sua figa, facendo scorrere la lingua lungo la sua fessura finché non trovò la sua clitoride, poi le agganciò il cappuccio, esponendo la sua protuberanza. Anita gemette in risposta alla sua ricerca, il calore del suo sesso si irradiava attraverso l'inguine e la pancia.

“Dio, sì! Leccami, papà! Mi stai facendo così fottutamente eccitato! Mangiami! Fammi venire!”, ringhiò con lussuria. Mentre la attirava ancora più vicino con il suo crescente bisogno di assaggiarla, lei quasi gli cadde addosso. Più Jim esplorava il suo squarcio, più lei allargava le gambe mettendogli a disposizione la figa. Riconosceva che il suo bisogno era grande quanto il suo.

“Papà, andiamo di sopra. Quello che stai facendo alla mia figa è incredibile! Ma voglio il tuo cazzo! Devo averti, nel profondo della mia gola, che spruzzi il tuo sperma nella mia pancia! Dio, non ho mai voluto succhiare così tanto qualcuno!”, Anita fece le fusa. Senza aggiungere altro, Jim riconobbe il suo desiderio. Quando raggiunsero la camera da letto, entrambi erano completamente nudi. Una volta in camera da letto, Anita è caduta sul letto, atterrando sulla schiena con le gambe spalancate come un invito a suo padre a fare sesso come voleva. Nessuno che rinunciasse a un'offerta del genere, Jim cadde tra le sue cosce, atterrando sullo stomaco con la bocca ancora una volta serrata sulla sua figa profumata. La sua lingua cercò di nuovo quel duro bottone d'amore. Lo leccò e lo succhiò finché non rimase fiero e sodo come un piccolo cazzo. Prendendolo in bocca, strinse le labbra attorno al suo bocciolo mentre si allungava con la mano sinistra per stringerle e stuzzicarle il seno destro e il capezzolo, riservando l'altra mano per iniziare a toccarle la fica. Era bagnata! Il suo dito scivolò nella sua vagina praticamente senza resistenza, per essere raggiunto da un altro dito. Anita ha risposto sollevando le gambe sopra le sue spalle, inchiodandolo efficacemente al suo inguine affamato. Man mano che l'eccitazione aumentava, lei sollevò i fianchi nel tentativo di spingere la sua lingua più a fondo nel suo tunnel dell'amore. Nell'istante in cui le leccò l'entrata, lei ebbe delle convulsioni verso l'alto finché il loro unico contatto con il materasso furono le sue scapole e le sue ginocchia. La pressione delle sue cosce sul suo collo era dolorosa, ma il desiderio di leccare e succhiare i suoi succhi rendeva il dolore irrilevante. Ben presto il suo respiro divenne più rapido e superficiale, e Jim poté sentire la sua fica afferrarsi alle sue dita mentre il suo primo orgasmo cominciava a irradiarsi in tutto il suo corpo. Piegò le dita per solleticare le creste della sua vagina, alla ricerca di quel miracoloso punto G che l'avrebbe mandata in paradiso. Pochi secondi dopo, Anita tese tutto il suo corpo e iniziò a tremare mentre il crescendo del suo rapimento si riversava su di lei sempre più forte. Sentì un forte urlo da qualche parte mentre scavalcava la cima, solo vagamente consapevole che proveniva da lei. Suo padre sentì il getto caldo dei suoi succhi fluire nel suo palmo all'insù, e li leccò immediatamente con la lingua, mentre appoggiava il naso sulla sua clitoride. Dio, ma aveva un sapore così dolce e buono! Il suo sperma era come il nettare e lui ne divorava ogni goccia! Torcendole il capezzolo catturato, la sentì fremere di nuovo mentre un secondo orgasmo la percorreva, non così intenso come il primo, ma altrettanto gradito.

Man mano che il suo climax diminuiva, Anita riacquistò un certo controllo dei suoi muscoli spasmodici, il delirio che si diffondeva attraverso ogni fibra del suo essere.

“Maledetto papà! Di sicuro sai come leccarmi la figa! Venivo così tanto che cominciavo a temere che tu annegassi tra le mie gambe! Merda, non avrei mai saputo di poter squirtare prima, figuriamoci così tanto!”, gemette arbitrariamente.

"Hmm, dovrò succhiarti la figa più spesso!", mormorò dalla sua prigione tra le sue cosce. “Inoltre, la tua ragazza-cum ha questo sapore interessante. . . sa di più!”.

“Davvero?”, intonò Anita. “Ho avuto una o due leccate dei miei succhi dopo essermi toccata le dita, ma non ci ho mai pensato prima. Mi chiedo come si confronta con il gusto del tuo sperma? Hmm, immagino che ci sia solo un modo per scoprirlo, eh?", e lo liberò dalla palizzata delle sue cosce. “Papà, voglio succhiartelo, subito!”.

Jim ricordava vagamente le sensazioni sul suo cazzo la notte precedente, e il ricordo rendeva impossibile rifiutarla. Tirandosi su dal letto, la baciò appassionatamente mentre lei scendeva verso il suo inguine in attesa di inghiottire tutto il suo cazzo gonfio. Aveva preso il suo cazzo tra le mani, e mentre interrompevano quel bacio, lo tirò abbastanza forte da indurre suo padre a scivolare su e giù sulla sua schiena in modo che potesse dargli piacere. Dio, il suo cazzo si sentiva bene nelle sue mani! Era duro come l'acciaio, ma ancora con una consistenza morbida e avvincente sulla sua pelle. Con la sua testa di uccello troppo vicina al suo viso per poterla mettere a fuoco, leccò leggermente la punta, assaporando il sapore del suo pre-cum mentre colava dal suo buco dello sperma. Facendo scivolare le labbra in modo che coprissero e possedessero la sua testa, fece roteare la lingua intorno alla cresta, stuzzicando leggermente quel punto più sensibile sul lato inferiore del suo casco. Jim istintivamente sollevò i fianchi, cercando disperatamente di spingere ulteriormente il suo cazzo nella calda umidità della sua bocca. Fece scivolare la lingua lungo la parte inferiore della sua asta dal bordo della sua testa alla base, poi lentamente la tirò di nuovo su e fece roteare di nuovo attorno alla sua testa. La sua mano lo avvolse alla base e iniziò a tirare e ad accarezzare il suo membro gonfio, convincendo lentamente le sue palle a preparare un carico di sperma caldo e appiccicoso per la sua pancia affamata. Quando la sua mano raggiunse la parte superiore della sua asta, la seguì di nuovo fino alla base con le labbra, aprendo la bocca per ammettere il suo cazzo nella sua gola. I muscoli di lei si contrassero sulla sua testa sensibile, mandando brividi di gioia lungo tutta la sua lunghezza. Lasciandolo sfuggire alla presa della sua gola affamata, lo tirò indietro fino a quando solo la punta del suo cazzo era ancora avvolta nella sua calda umidità, poi scivolò di nuovo lungo la sua lunghezza finché il suo cazzo non fu di nuovo nella sua gola. Lo tenne lì il più a lungo possibile, poi lo liberò, solo per riprenderlo ancora e ancora in modo simile.

Entrambi potevano sentire le palle di Jim sollevarsi e stringersi mentre il suo carico si spingeva nell'asta del suo cazzo mentre si dirigeva verso la punta mentre si preparava a schizzare dal suo buco dello sperma. I suoi muscoli si tesero e si bloccarono in preparazione per l'impatto travolgente, mentre Anita scivolò fino alla sommità del suo membro e gli strinse forte la testa del cazzo con le labbra mentre lo pompava e lo accarezzava nel tentativo di mungere quella calda crema bianca dal suo cazzo teso e nel suo ventre affamato.

“Dio, ragazza! Sto per venire! Succhiami!”, e quando sentì l'imminenza della sua esplosione quasi al suo buco di sperma, perse la capacità di formare parole. Tutto quello che poteva fare era urlare per la gioia estatica del suo rilascio e le sue cure sul suo organo. "A-a-a-w-w-w-w-w-h-h-h-h!". Alzando la testa con uno sforzo pesante, Jim osservò la testa di sua figlia mentre divorava la sua virilità. Dio, ma quella vista lo eccitava! Sua figlia, che gli succhia lo sperma! Fu tutto ciò che servì al suo cazzo per lanciare la prima massiccia corda della sua sostanza appiccicosa nella sua bocca, e poteva vedere la sua gola deglutire e deglutire nel suo tentativo di consumare ogni goccia. Prima che arrivasse il secondo getto, lei fece scivolare giù il suo cazzo di circa un centimetro, quindi attese finché non le riempì di nuovo la bocca vuota. Man mano che ogni batuffolo successivo si consegnava al suo ventre in attesa, lei scendeva di un altro centimetro, finché il suo naso non fu sepolto contro il suo inguine mentre gli ultimi gocciolamenti colavano fuori da lui e giù per la sua gola. Merda, gli aveva prosciugato le palle e ne aveva ancora sete!

Quando gli ultimi globi furono nella sua pancia, lasciò scivolare fuori il cazzo lentamente rilassante di suo padre e iniziò a leccarlo per tutta la lunghezza, assicurandosi di non perdersi nulla. Poi si rialzò per baciargli le labbra, lasciandogli assaggiare il suo stesso sperma. All'angolo della bocca le rimanevano ancora alcuni globi. Era un po' salato per i suoi gusti, e neanche lontanamente meraviglioso come il suo sperma di ragazza. Si leccò l'orlo della bocca nel tentativo di recuperare un altro assaggio di lei, sperando di trovarne abbastanza per saziare la sua sete.

"Mmm, hai un buon sapore, papà", tubò poco prima che le loro labbra si incontrassero di nuovo. “Potrei abituarmi a una dieta costante di sperma caldo. Mi chiedo se lo sperma sia uno dei quattro gruppi di alimenti? Lo spero davvero!”, gli sussurrò lei all'orecchio.

“Mmm! Non sono sicuro, ma se potessi imbottigliare i tuoi succhi di figa, potrei fare una fortuna! Accidenti, ma hai un buon sapore! Ti dico una cosa, però. Preferisco il succo della tua fica al mio sperma, dieci a uno!”, borbottò di rimando.

“Divertente, preferisco i tuoi gusti ai miei! Dio, potrei succhiartelo così tre o quattro volte al giorno, tutti i giorni, e ancora non averne abbastanza. L'unico problema è che una volta che spari il tuo batuffolo, mi prude la fica! Il tuo povero cazzo potrebbe cadere se mi fotti quanto voglio! Immagino che dovremo programmare una scopata ad ogni pasto e un pompino per le pause caffè! Pensi di poter venire cinque o sei volte al giorno, tutti i giorni?", lo prese in giro con un luccichio negli occhi.

"Hmm. Fai un affare. Puoi succhiarmelo, ma solo se posso avere la tua figa per uno spuntino ogni volta che ho fame, che non dovrebbe essere più di, diciamo, otto, dieci, trentacinque volte al giorno! Abbiamo un accordo?”, le ringhiò leggermente con crescente lussuria al ricordo del suo sesso premuto contro la sua bocca.

"Vaffanculo! Se pensi che io sia capace di squirtare così tanto, ho delle brutte notizie per te! Cristo, se mi mangi così ogni volta, sarò gelatina prima di pranzo! Adoro venire per te, ma il tuo amore è abbastanza intenso da risucchiarmi l'energia! Inoltre, se mi sfinisci, nessuno dei due finirà mai abbastanza per scopare! Pensavo di poterti fottere, ma dopo quell'orgasmo, non ne sono più così sicuro! Dio, che sborra!”, squittì in risposta.

Jim si tirò sua figlia contro il petto. Il suo seno era esposto quel tanto che bastava perché lui le circondasse leggermente l'areola con un dito. Con il completamento di ogni orbita, faceva scorrere il dito sul suo capezzolo, provocando uno scatto reattivo. Dio, amava dar piacere al suo corpo! Il solo pensiero della sua reazione sensuale stava iniziando a infondere nuova vita al suo cazzo flaccido mentre sentiva crescere un'altra erezione. Ma lei gli aveva già prosciugato le palle, e se avesse anche tentato di riempirle la fica con la sua pastella, c'erano buone probabilità che le sue palle potessero implodere! Ha condiviso quella rivelazione con Anita, che si è rannicchiata ancora più vicino a lui, se una cosa del genere era possibile.

“Papà, per quanto mi piacerebbe fotterti senza senso in questo momento, non credo che il mio povero corpo potrebbe sopportarlo! Merda, la mia figa è così sensibile che il solo pensiero di essere sditalinata è più di quanto possa sopportare! Ma di sicuro sai amare una ragazza, questo è sicuro!”.

“Hmm, ecco un'idea. Condividerò una doccia con te, poi andiamo a pulire quella cucina. Potrebbe essere un'idea anche mangiare qualcosa, in modo da avere un po' di energia. Quando le mie palle avranno avuto la possibilità di superare il fatto di essere stato risucchiato dall'estremità del mio cazzo, ti trascinerò di nuovo qui e te le prosciugherò di nuovo nella tua fica! Forse puoi fottere più di un vecchio, o forse no, ma sarà sicuramente divertente scoprirlo!”.

Anita fece le fusa all'idea di suo padre che la riempiva con il suo cazzo e sparava un carico pieno del suo caldo sperma bianco in profondità nella sua figa. Il cibo sembrava un'idea, ma accarezzargli il cazzo sotto la doccia le piaceva di più. Se il suo clitoride sovrastimolato si calmasse, potrebbe tranquillamente contemplare le sue dita che scivolano in profondità nel suo tunnel dell'amore mentre si strofina il suo punto G! Merda, solo il pensiero di venire sulla mano di suo padre stava cominciando a far gocciolare di nuovo la sua fica!

“Quella doccia suona bene, ma mi prendo il sapone per primo! Hai una parte speciale che voglio assicurarmi riceva tutta l'attenzione che merita! Quindi, vuoi correre per questo?", ringhiò contro di lui nel suo tono più sexy.

“Una gara, eh? Sei d'accordo, ma ottengo un vantaggio? Circa tre settimane dovrebbero quasi farlo! Merda, mi hai risucchiato la vita! Anche i peli del mio sacco sono esauriti! Allora qual è la grande idea di stuprare un vecchio finché non riesce nemmeno ad alzarsi in piedi, eh?", e ha dato ad Anita un leggero ma amorevole schiaffo sul sedere.

"Bastoni e pietre possono spezzarmi le ossa, papà, ma quello schiaffo mi ecciterà!", gli cantò all'orecchio.

Trascorsero il tempo sotto la doccia prestando particolare attenzione ad alcune parti, finché l'acqua calda non finì. Dopo essersi asciugati a vicenda, Jim ha approfittato di essere vicino alla figa di Anita per baciarla e leccarla quando meno se l'aspettava. Anche se lei lo allontanò dal suo inguine ipersensibile, notò che la sua umidità stava tornando mentre la sua eccitazione cominciava a crescere di nuovo. Lei si vendicò inginocchiandosi per far passare l'asciugamano tra la fessura del suo sedere e il suo sacco, poi si ingoiò rapidamente il suo cazzo in bocca, abbastanza per attirare la sua attenzione ma non abbastanza per dargli un'erezione. Quando lei si rialzò, lui la fece girare e le fece scivolare le braccia sotto le sue mentre le massaggiava delicatamente le tette. Premette forte il culo contro il suo inguine, sentendo il calore del suo cazzo semiduro che cercava senza successo di indurirsi tra le sue chiappe. Quando la sua testa di cazzo la toccò tra la sua fica e il suo pucker, si rese conto che non aveva mai pensato di farsi fottere il culo prima, ma se suo padre avesse mai avuto la minima idea di prenderla in quel modo, gli avrebbe dato felicemente la sua verginità rettale .

Si diressero verso la cucina, dove Anita scaldò la zuppa di crostacei avanzata il giorno prima e preparò il pane all'aglio mentre Jim apparecchiava la tavola, poi si versò due bicchieri del vino rosé che avevano stappato il giorno prima. Entrambi sembravano apprezzare il pasto, ma nessuno dei due ricordava esattamente che sapore avesse. L'atmosfera era in netto contrasto con l'inizio della giornata, con la speranza e l'amore che sostituivano i precedenti dubbi che avevano attraversato le loro teste. Anita sentì di nuovo il calore di suo padre fluire nella sua anima e Jim poteva vedere quel luccichio magico negli occhi di sua figlia che era mancato per buona parte della giornata. Se aveva già messo in dubbio la fattibilità di questa nuova fase della loro vita, le sue risposte lo stavano fissando in faccia mentre si perdeva nei suoi occhi.

“Ti senti meglio con tutto questo papà?”, chiese sua figlia, ma conosceva già la risposta. Più di ogni altra cosa, sapeva nel suo cuore che Jim aveva bisogno di ammetterlo a se stesso ancora qualche volta prima di poter vivere con il potere delle proprie convinzioni. Anche sentirlo lei stessa, però, non le spezzerebbe il cuore.

“Hmm, vediamo. Sono stato cosparso di sperma da ragazza fino a quasi annegare, succhiato fino a quando le mie palle sono state quasi risucchiate dal mio cazzo e inondato dagli orgasmi più intensi che io possa ricordare. Sono stato trattato con la donna più dolce e adorabile del pianeta, che, per inciso, mi ha fottuto il cervello, poi proprio quando non pensavo di poter sopportare altra felicità, lei dichiara che mi ama. Umm, qual era di nuovo la domanda?”, la prese in giro.

Citando la battuta finale di una vecchia barzelletta che conoscevano entrambi, gli mormorò: "Sai, Superman, a volte puoi essere un vero coglione!". Jim iniziò a ridacchiare e Anita lo raggiunse pochi istanti dopo, non tanto perché la battuta fosse divertente, ma più perché era bello vedere la felicità tornare lentamente sul viso di suo padre. Ricordava vagamente quello sguardo di quando era bambina. La scoperta che era ancora lì le diede una sensazione di calore.
Jim rifletté sulla domanda originale che Anita aveva posto su come si sentiva mentre rispondeva.

"Sì. Sì, lo voglio, tesoro. Immagino di aver bisogno di un calcio nel culo per tirarmi fuori dalla mia crisi. Sono solo contento che tu abbia avuto il coraggio e la tenacia di resistere abbastanza a lungo da capire dove prendermi a calci. Merda, ti sono debitore per esserti preso cura della mia bambina quando stava iniziando a crescere. Ora sono in debito anche con te per avermi trascinato fuori da un baratro di disperazione. Ti accontenteresti di una vita d'amore come parte del pagamento?”.

"Hmm, prima devo pensarci", rispose con una voce dolce e sensuale che solo una donna può trovare. “Questo include tutto il tuo corpo che posso sopportare? Oppure, che ne dici di tutti i servizi di manutenzione richiesti dal mio sistema per mantenere in regola la garanzia attuale? Hmm?".

“Dannati adolescenti! È tutto ciò a cui voi ragazzi pensate? Sesso, sesso e ancora sesso?”, Jim sbuffò con finto disgusto.

“Bene, duh, amico! Voglio dire, tipo, cos'altro c'è, eh?".

“Ascolta signorina! Potresti avere 19 anni, ma posso ancora girarti sulle ginocchia e sculacciare quel tuo bel culetto! Potrebbe rompermi ogni osso del corpo farlo, ma ne varrebbe la pena! Quindi non sfidare la fortuna!”, ridacchiò sarcastico mentre strizzava l'occhio a sua figlia.

"Promesse, promesse, promesse!", gli rispose lei, poi si alzò, si avvicinò al suo lato del tavolo e lo baciò più forte e con urgenza che poteva. Rompendo quel bacio, sussurrò: "Già che sono sveglia, vuoi il dolce?".

Jim si allungò dietro di lei e fece scorrere le mani su e giù per il suo sedere, poi rispose: “No grazie. Ne prenderò solo un pezzo!”.

Storie simili

Rossa focosa

Il mio nome è Rachel. Ho 35 anni, 5'7 , 135 libbre, capelli rossi che mi superano le spalle, occhi azzurri, lentiggini, pelle bianca pallida (mi dispiace che le rosse non si abbronzino). Indosso un reggiseno taglia 36DD con bei capezzoli grandi ( è impossibile nasconderli) e tengo il mio cespuglio rosso curato e curato. Sean è il mio migliore amico, facciamo quasi tutto insieme. Siamo amici da anni e non è mai successo niente di sessuale tra di noi. Così quando abbiamo deciso di fare un viaggio a Las Vegas per festeggiare il mio divorzio, non ci ho pensato. solo...

1.6K I più visti

Likes 0

Emerge la cagna interiore

Lo ha incontrato al bar circa 10 minuti dopo l'orario stabilito. Le piaceva farli aspettare, le piaceva la sensazione di potere che le dava vedere lo sguardo di sollievo quando arrivava. Indossava un abito semplice e poteva vedere il sollievo misto a una certa delusione sul suo viso quando notò che non indossava gli stivali. Sorridendo tra sé, mantenne il suo sorriso distaccato e si avvicinò al tavolo. Rimase lì, lanciando uno sguardo mirato alla sedia mentre aspettava. Dapprima perplesso, alla fine si rese conto che avrebbe dovuto alzarsi quando lei si avvicinò. Alzandosi rapidamente, fece il giro del tavolo per...

830 I più visti

Likes 0

La proposta: obblighi rispettati

La proposizione: Gli obblighi vengono rispettati Jenny e io abbiamo dormito fino a domenica mattina. Erano passate le 10:00 quando finalmente siamo scesi dal letto. “Dopo la nostra doccia, cosa vorresti per colazione?” chiese Jenny mentre iniziava a rotolare giù dal letto. Ha poi avuto uno sguardo addolorato sul suo viso. OH! Uumm, Jim, onorerò il nostro patto. Puoi avermi quando vuoi, ma se per te va bene, possiamo fare qualcos'altro la prossima volta? Sono così dolorante, non sono sicuro di poter nemmeno camminare. Il suo dolore era abbastanza comprensibile. Ho dovuto spingere molto forte per sfondare il suo imene e...

751 I più visti

Likes 0

Holli e una vela serale

Holli mi ha incontrato all'estremità del molo... e il mio cuore ha perso un battito quando è scivolata alla vista. Era vestita per una serata a bordo della mia barca: semplici sandali da barca, un bel top azzurro e un paio di pantaloncini cachi molto comodi che le dondolavano facilmente sulle curve, accennando a ciò che aveva da condividere sotto. 5'9 con capelli biondi, gambe lunghe e un corpo atletico in forma, Holli era entrato nel mio mondo attraverso un pomeriggio magico che abbiamo condiviso sul lungomare di Vancouver. Questa serata è stata il risultato del mio invito perché ci eravamo...

634 I più visti

Likes 0

Dovere coniugale

Ricordo ancora la prima volta che ho visto Sandra per la prima volta. Ero un giovane trasandato di vent'anni. Era una ragazza molto sexy di 22 anni. È venuta da me mentre stavo cercando di avviare la mia motocicletta Norton 750 Commando un po' capricciosa. Ha detto qualcosa a proposito del fatto che le piacciono le biciclette. Questo era tutto quello che avevo bisogno di sentire. Una bruna dall'aspetto attraente con grandi occhi marroni in un paio di jeans attillati che si avvicina a me e mi dice che le piacciono le biciclette. La mia vita ha preso una svolta positiva...

489 I più visti

Likes 0

La vendetta di Danni

La vendetta di Dani La leggera nebbia aggiungeva umidità all'aria. Il fresco della notte la avvolse come un asciugamano bagnato, facendole correre un brivido lungo la schiena. Era fortunata a conoscere così bene la zona, altrimenti si sarebbe facilmente persa. Guardò attraverso gli alberi la casa dove viveva, sorridendo leggermente all'unica candela elettrica accesa nella finestra della cucina. Dani Summers ricordava le notti in cui restava sotto quella finestra ad aspettare che Joel Fuller uscisse per vederla. Poteva ancora sentire il calore delle sue braccia avvolte attorno a lui, il sapore dei suoi baci, la pienezza del suo cazzo nella sua...

422 I più visti

Likes 0

Il mio ultimo respiro cap. 1

Amelia Il mio respiro sembrava pesante nel silenzio mortale che mi circondava. Le strade deserte sono immerse nell'oscurità totale e lasciano che le ombre e la fitta nebbia lo rendano estremamente spaventoso e sinistro. Non sapevo se avrei mai potuto smettere di correre, ma sapevo che presto avrei dovuto farlo, perché presto i miei polmoni e il mio cuore non ce la facevano più, perché mi sentivo come se fossi pugnalato con un coltello ad ogni respiro e passo che ho fatto. Ma non riuscivo proprio a fermare i piedi, perché ogni volta che cominciavo a camminare e cercavo di rilassarmi...

482 I più visti

Likes 0

Il debito e il suo prezzo elevato

'Come mi sono cacciato in questo?' pensa Jerry mentre rimane seduto a fissare la busta davanti a lui. Non l'ha ancora aperto, ma sa da chi viene. Dopo un po' lo raccoglie e lo guarda ancora un po', rigirandolo tra le mani. Sembra proprio come tutti gli altri. Semplice bianco, timbro regolare e nessun indirizzo di ritorno. Lo apre dopo circa due ore che lo guarda, temendo cosa c'è dentro. Quello che tira fuori è peggio di quanto avrebbe immaginato. Ha in mano una foto di sua figlia di 18 anni, Kali. Anche in queste circostanze non può fare a meno...

1.6K I più visti

Likes 0

Onde Parte seconda

Venendo ancora una volta, questa volta sono proprio l'ospedale in cui mi trovavo ieri mattina quando è iniziata questa indagine. La differenza ora che un'infermiera in uniforme che le stava decisamente troppo stretta stava tenendomi il polso sinistro, controllandomi il polso. Notando che sono sveglio Bene, detective Gorwin, ci stavamo chiedendo quando torni! lasciando cadere il mio polso e registrando il mio battito sul grafico che raccolse. La dottoressa Cole verrà presto a controllarti di persona! Fantastico, ho pensato che un dottore pulcino fosse tutto ciò di cui ho bisogno in questo momento, considerando che ho appena perso due pulcini come...

897 I più visti

Likes 0

L'inizio di un nuovo stile di vita

Gli inizi di Dominatrix di Smokin Hot Beh, tutto è iniziato diversi anni fa, quando mio marito voleva che provassi un ruolo in camera da letto dove lui sarebbe stato sottomesso a me e io lo avrei dominato. Era un uomo molto impegnato al lavoro con molto stress e pressioni dal suo lavoro e ha detto che voleva solo un po' di sesso senza cervello per alleviare lo stress della giornata. Non ero sicuro che mi piacesse l'idea di avere un marito sottomesso, ma di tanto in tanto abbiamo provato alcune piccole cose. Il mio cuore non era davvero coinvolto e...

591 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.