L'inganno è diventato goduto IV

508Report
L'inganno è diventato goduto IV

Erano passate più di due settimane dalla mia orribile esperienza. Con il tempo, ho imparato ad accettare quello che era successo. Sebbene mi sentissi usato, l'avevo decisamente invitato su me stesso. Non sapevo nulla del ragazzo, e anche dopo avermi insultato e avermi detto che aveva una relazione, l'ho ancora implorato di lasciarmi succhiare il suo cazzo. Sapevo che non l'avrei seguito di nuovo.

La mia vita stava tornando alla normalità, non stavo vivendo gli intensi desideri di travestirmi che avevo di recente. Avevo messo via i miei vestiti e il trucco, e avevo persino iniziato ad andare in città, cercando di rimorchiare le donne.

Tuttavia, con mio grande sgomento, ho trovato ogni tentativo fallito. Quando flirtavo, volevo che le donne si avvicinassero a me, complimentandosi con me, non viceversa. Non mi sentivo bramato e non avevo il desiderio o l'energia per desiderarli. Ciò è continuato per quasi un altro mese prima che si verificasse un evento inaspettato.

Ero in un club con i miei amici, seduto a bere quando una figura camminava oltre la coda dell'occhio. In un primo momento ho lasciato passare la figura, ma quando è entrato nel centro della mia vista, ho notato che era il mio primo fattorino di pizza. Devo aver fatto una faccia eccitata, quando un paio di miei amici hanno iniziato a chiedermi cosa stesse succedendo.

"Qual è l'accordo? Vedi una ragazza sexy?" Il mio amico Drake si burlò.

“Non mettere le mutandine in un mucchio Chris. Comunque che cazzo stai guardando?” Darren intervenne.

Alla fine sono uscito dal mio sguardo sognante nella realtà. "Uh, niente, sto solo andando alla deriva." Ho spiegato esitante.

"Sei sicuro di non guardare quel pezzo di culo grasso di uomo al bar?" esclamò Drake, con grande dispiacere del nostro tavolo.

Ho fatto del mio meglio per ridere, ma potevo sentire la mia faccia diventare rossa per l'imbarazzo.

"Vaffanculo." È stato tutto ciò che sono riuscito a rispondere.

Il gruppo ha avuto un'ultima risata e abbiamo continuato la nostra serata. Ma non ho potuto fare a meno di guardare con la coda dell'occhio e vedere cosa stava combinando. Era al bar da solo, occasionalmente costruendo il coraggio di parlare con le donne, ma veniva sempre abbattuto. Ovviamente stava diventando angosciato, poiché ogni ragazza a cui si avvicinava se ne andava dopo pochi minuti di conversazione.

“Ci senti Chris? Andiamo in un altro bar". Darren mi ha urlato contro.

"Che cosa. Ehi, scusa. Sono piuttosto stanco. Penso che tornerò a casa. Sono stato chiamato al lavoro domani mattina". Ho mentito.

I miei amici sembravano comprare la scusa mentre ci salutavamo e se ne andarono. Mi misi a camminare verso l'uscita, quando all'improvviso fui sopraffatto dal desiderio di andare al bar. Mi sono seduto su uno sgabello da bar vuoto accanto a lui, il cuore in gola, e ho iniziato a conversare. "Notte dura?" Ho chiesto.

Mi guardò fisso negli occhi, avevo il terrore che mi riconoscesse. Fortunatamente, ha riso dicendo: "Se raccogliere pulcini fosse uno sport, sarei senza vittorie".

Risi, godendomi la sua capacità di ridere di se stesso. “Tutti hanno le notti che colpiscono. Lo rende molto meglio quando arriviamo al fuoricampo". dissi, cercando di tirarlo su di morale.

“No, non sarei solo senza vittorie stasera. Ogni volta che mi avvicino al piatto, colpisco fuori". Disse, il suo sorriso svanì.

Non potevo credere a quello che aveva appena detto. Stava ammettendo di essere vergine? È stato il mio pompino la più azione che abbia mai ottenuto. "Veramente? Mai?" chiesi, cercando di non sembrare eccitato.

Ricominciò a ridere. “Sono stato espulso all'inizio, ecco quanto sono patetico. Cosa c'è di ancora più divertente,

Non ci sono mai stato per primo, ma un paio di settimane fa ho avuto fortuna con una tripla. La difesa ha commesso degli errori e poi so di essere felicemente in terza". Era ovviamente ubriaco; mentre rideva fragorosamente più parlava. Aveva la faccia rossa, ma chiaramente si stava divertendo.
Non ho potuto fare a meno di ridere. Se solo sapesse con chi stava parlando. Essendo un appassionato di sport, l'analogia lo ha reso ancora migliore. Non potevo credere che non avesse mai pomiciato con una ragazza e gli avevo fatto un pompino!

"Allora, com'è stato arrivare al terzo posto?" gli ho chiesto furbo.

“Cazzo, amico del paradiso, probabilmente ne sai tutto, ma era un fottuto paradiso. Probabilmente non mi crederai, i pochi amici a cui ho detto non lo facevano, ma questa ragazza era un centesimo totale. 10/10. Labbra perfette e il culo più stretto che tu abbia mai visto. Sto consegnando la pizza e quando non può permettersi di darmi la mancia, praticamente implora di succhiarmi. Pensavo di essere in un programma televisivo, o che fosse una specie di reality show porno. Non ho idea di cosa ci fosse dentro per lei, probabilmente si odia per questo, ma è stata una delle migliori serate della mia vita". Disse, senza nemmeno parlare da solo. Rise un po' di più e finì la sua birra.

Non ho potuto fare a meno di arrossire, la sua descrizione di quello che è successo è stato uno dei migliori complimenti che avessi mai ricevuto, anche se non sapeva che me ne stava facendo uno. Mi sono subito sentito di nuovo sicuro del mio aspetto, in particolare del mio culo. Volevo mostrarglielo in quel momento, ma mi sono contenuto in modo intelligente.

“Così buono eh? Hai quel culo? La rivedrai mai più?" chiesi, conoscendo già la risposta.

"Ovviamente no! Probabilmente era eccitata o cercava di vendicarsi di un ex traditore. Non la vedrò mai più.

E sono stato fortunato ad avere un pompino, non c'è modo che lei voglia una brutta scopata grassa come me sopra di lei. Disse, ridendo, ma credendo chiaramente a quello che stava dicendo.

“Beh, sembra incredibile. Forse sarai di nuovo fortunato". Parlavo più a me stesso che a lui. Volevo saltare le sue ossa proprio lì al bar, non mi ero mai sentito così desiderato.

“Grande possibilità, scusa il gioco di parole. Le cose belle non mi accadono mai, soprattutto non due volte. Piacere di conoscerti, i miei nomi, Sam. Grazie per il discorso….”.

"Io sono Chris." Ci siamo stretti la mano e con questo se ne è andato.

Ho dovuto rimanere seduto per un altro paio di minuti, dato che il mio cazzo era in piena attenzione. Avevo amato la nostra conversazione, sembrava gentile e divertente, e il modo in cui parlava del mio alter ego mi rendeva le ginocchia deboli.

Anche senza vedermi, lo sguardo nei suoi occhi era quello di stupore e desiderio.
Sono tornato a casa e ho dovuto masturbarmi immediatamente per alleviare la mia eccitazione. Sono svenuto e ho dormito tra i migliori della mia vita. Mi sono svegliato, impaziente ed eccitato. Ho passato la giornata al lavoro, pensando costantemente a Sam ea come probabilmente usava il ricordo di me mentre si toccava. Alla fine sono stato mandato a casa per la giornata e mi sono precipitato a casa. Con una breve sosta in pizzeria per vedere se Sam stava lavorando. Con mia grande gioia, lo era. Ho fatto un'altra tappa a Lovers, ottenendo alcune cose che pensavo potessero aver bisogno.

Mi sono agghindato, infilandomi la gonna e la camicetta. Indosso la mia lunga parrucca dai capelli scuri. Mi sto truccando e radendo il mio corpo dalla testa ai piedi. Ho anche messo del rossetto, cercando di dare loro un tocco in più. Ho esercitato la mia voce, così come i miei gemiti, per i successivi 30 minuti. Assicurandomi davvero di poter tirare fuori l'intero pacchetto. Sentendomi più sicuro che mai, ho chiamato il negozio. Ma questa volta, ho chiesto se Sam poteva essere il mio autista, inventando la scusa che era molto gentile e mi ha portato il cibo più velocemente. Mi sono ammirata ancora una volta allo specchio, stupita dal miraggio della scollatura che il mio reggiseno e il mio rubinetto hanno creato. Mi voltai e mi guardai il culo, grassoccio e pieno. Il mio narcisismo è stato interrotto però dal suono del campanello.
Mi diressi casualmente verso la porta, facendolo aspettare.

L'ho aperto e gli ho sorriso timidamente. "Wow, sei arrivato qui in fretta." dissi, strizzando l'occhio.

"Quando ho visto l'indirizzo, sono arrivato qui il più velocemente umanamente possibile." Disse, ansimando. Era corso alla macchina. La sua eccitazione mi ha solo eccitato di più.

"Beh, quanto ti devo?"

"La pizza la do io, la pagherò quando torno." Disse nervosamente, ovviamente tentando di affascinarmi. Fece un passo dentro.

Gli ho messo una mano sul petto, "dove pensi di andare grande?" dissi scherzando, sorpreso dalla sua franchezza.

"Uh... io... non lo so... l'ultima volta..." Stava iniziando a sudare, la sua faccia era arrossata. Si voltò per andarsene e sembrava che volesse correre qui.

Gli presi la mano mentre si girava e lo tirai dentro. "Porta qui il tuo culo grasso e sexy." sussurrai scherzosamente.

All'inizio sembrava triste per il mio commento, ma quello che stavo per fare ha compensato. Ora, non avevo davvero alcun interesse a baciare i ragazzi. Prima, il mio unico interesse per i ragazzi erano i loro cazzi. Niente di più. Ma con Sam, volevo scuotere il suo mondo. Ho sbattuto la porta dietro di lui, l'ho spinto contro il muro e gli ho dato il bacio più appassionato della mia vita. Era chiaramente inesperto, poiché le sue labbra hanno inghiottito le mie, schioccando e muovendosi un po' troppo. Gli mordicchiai il labbro inferiore, cercando di calmarlo, ma questo lo eccitava di più. Ho sentito la sua lingua aprire le mie labbra, trovando le mie. Ha iniziato a sbattere il suo contro il mio e io ho cercato di abbinarlo inviandogli un messaggio gentile. Cominciò a spingermi davvero la lingua in gola, la mia bocca completamente immersa nella sua. Non è stato il bacio più abile della mia vita, ma dannazione se non fosse stato il più entusiasta. Ancora meglio, potevo sentire il suo cazzo completamente eretto nei suoi pantaloni. Stava premendo contro di me, dalla voglia di uscire. Gli ho messo una mano sulla pancia e lentamente gli ho tolto la camicia. Gli afferrai lo stomaco e poi lentamente lo portai giù nei suoi pantaloni. Ho messo la mano sotto i suoi boxer e alla fine ho trovato il suo cazzo. Sebbene non fosse il più grande, aveva certamente una circonferenza.

La parte migliore era come potevo sentirlo pulsare nella mia mano, caldo.

Lui sussultò e abbiamo rotto il nostro bacio. Lentamente mi inginocchiai, assicurandomi di baciargli lo stomaco mentre scendevo. Gli ho tirato giù i pantaloni e gli ho baciato delicatamente la testa. Santo cielo, mi è mancato. Non solo il cazzo, sono rimasto sorpreso di come sapevo che era il suo cazzo che mi mancava. Ho aperto la bocca e ho lasciato che la testa del suo cazzo mi scivolasse in bocca. Era salato e sudato dal lavoro, ma non mi importava affatto. Mi ha afferrato delicatamente la nuca, ma non ha premuto per niente. Non stava cercando di costringermi a fare nulla, si stava godendo il viaggio.

Ho cominciato a usare di più la lingua, avvolgendola intorno al suo cazzo, leccandogli lentamente la testa. "Baby, penso di essere vicino." Lui ha sussurrato. Mi sono fermato immediatamente.
"Oh no, non lo fai" ho comandato. Mi sono alzato in piedi e gli ho dato un altro bacio.

"Non vuoi che lo faccia?" chiese tristemente.

Ho cominciato a baciargli l'orecchio e ho detto: "Oh no, lo so, solo che non c'è". Il mio cazzo è diventato più duro quando ho visto la sua mascella cadere e le ginocchia piegarsi.

"Cosa? Cosa intendi." Ha balbettato.

"Cosa pensi voglia dire?" chiesi scherzosamente.

"Non lo so." Disse, con un tono apparentemente sconfitto.

Ero confuso, pensavo che avrebbe colto al volo l'occasione. Invece sembrava voler fermarsi e andarsene.

Ha rotto il silenzio, ma con parole sorprendenti. "Perché stai facendo questo? Sono grasso e brutto. Ragazze come te hanno riso di me per tutta la vita. Qual è il tuo motivo. Ha chiesto sinceramente.

Per fortuna avevo una bugia pronta. “Ho le mie ragioni per volere ragazzi come te. Non mi sento più intimo, né esco più con le persone. Uno dei miei ex era davvero aggressivo e ha finito per spaventarmi in una rissa in alcuni luoghi intimi. Quindi non permetto a nessuno di stare con me. Ora, lo ammetto, sono attratto da te perché non sei convenzionalmente attraente. Ma il modo in cui mi guardi e mi vuoi, ti rende sexy e mi fa sentire sexy. Ho visto il modo in cui mi hai guardato il culo la prima volta che mi sono girato. Quello sguardo, non di lussuria o di volermi scopare, ma di stupore e desiderio, è quello che voglio in un uomo.

La mia risposta sembrava soddisfarlo. Non era più triste, né voleva andarsene. "Hai un culo fantastico." Fu tutto ciò che riuscì a dire.

"Beh, dopo lo sguardo che gli hai dato, ti meriti una possibilità di scoparlo se vuoi." ho detto senza mezzi termini.

Non riusciva nemmeno a parlare, invece, si limitava ad annuire con la testa.

"Ma devi fare qualcosa per me." aggiunsi severamente.

"Qualsiasi cosa." Ha risposto subito.

"A causa delle mie cicatrici, devi essere bendata e ammanettata". L'ho baciato e ho giocato con il suo cazzo mentre lo dicevo, sperando di convincerlo.

"Qualsiasi cosa. Ma non l'ho mai fatto prima…” Lo interruppi prima che potesse finire. "Non preoccuparti, farò il lavoro, tu concentrati solo sul mio culo stretto attorno al tuo cazzo." Lo presi per un braccio e lo condussi in camera da letto.

Ho preso la borsa dagli amanti e ho tirato fuori due paia di manette e una benda. Lo spogliai nudo e lo adagiai sul letto. Il suo stomaco era molto più grande di quanto mi aspettassi, ma non mi importava davvero. Era chiaramente imbarazzato e non poteva guardarmi negli occhi. Cercando di calmare i suoi nervi gli ho baciato lo stomaco dappertutto prima di baciarlo sulle labbra ancora una volta. Gli sussurrai all'orecchio: "Vado a girarmi e voglio che tu controlli quel culo un'ultima volta. Immaginati al suo interno. Ricorda che sono io quello che ti voleva e che ha iniziato tutto questo. Ho bisogno del TUO cazzo nel culo. Mi alzai e mi voltai, chinandomi per lui. Ho preso la benda e gliel'ho messa addosso. Poi ho afferrato ciascuna delle manette e l'ho ammanettato al mio letto. Fiducioso che fosse cieco e senza l'uso delle sue braccia, mi sono spogliato. Ho attaccato il mio cazzo duro come una roccia al petto, non volendo che si muovesse e lo colpisse durante il sesso. Prima di iniziare qualsiasi cosa, gli ho preso la mano e l'ho messa sul mio culo, permettendogli di stringerlo.

"Sono l'uomo più fortunato del fottuto mondo." Egli esclamò.

Godendo del suo complimento, sono salito sul letto e ho iniziato a succhiarlo di nuovo, coprendo ogni centimetro del suo cazzo con la mia saliva. Mi sono assicurato che fosse duro come una roccia prima di farmi lubrificare il culo. Ho applicato una quantità generosa e sono salito su di lui. Faccio scorrere il suo cazzo tra le mie guance, stuzzicandolo il più possibile. Gli ho messo una mano sulla pancia, mi sono chinato e l'ho baciato. Con l'altra mano, ho raggiunto dietro di me e ho afferrato la testa del suo cazzo. L'ho messo proprio contro il mio buco del culo. Non ero stato fottuto lì per 6 anni e sapevo che sarebbe stato stretto. Lentamente premetti contro di lui. La testa del suo cazzo mi penetra lentamente. Era solo pochi centimetri dentro di me, ma già gemeva di gioia. Mi sono fermato e ho applicato più lubrificante prima di riprovare. Questa volta, il suo primo pollice è scivolato dentro di me facilmente. Era più di quanto mi aspettassi e gemetti con una combinazione di dolore e piacere. Rimasi lì per un secondo, abituandomi al membro palpitante che ora era dentro di me. Quando il dolore si placò, iniziai lentamente a scivolare verso il basso. Prima due pollici, poi tre e infine tutti i 5 pollici del suo cazzo palpitante mi stavano penetrando. Con tutto lui dentro di me, ho cominciato a muovere lentamente i miei fianchi avanti e indietro. La pressione sulla mia prostata era schiacciante, gemevo per lui i miei lamenti più femminili. Ero in paradiso.

"Sono in paradiso." Lui gridò. “Gesù Cristo sei così fottutamente stretto.

Non volendo venire su di lui, ho smesso di macinare avanti e indietro e ho iniziato a muovermi su e giù. Chiaramente gli piaceva di più, dato che potevo vederlo combattere contro le sue manette.

Mi sono abbassato per baciarlo mentre gli facevo rimbalzare il cazzo su e giù. Ho iniziato lentamente, ma quando i suoi gemiti sono diventati più forti, i miei movimenti sono diventati più veloci.

“Sei così fottutamente caldo e duro. Non ho mai desiderato qualcosa così tanto come avrei voluto il tuo cazzo nel mio culo stretto. gli sussurrai all'orecchio. “Ora, ho bisogno del tuo sperma più di ogni altra cosa. Ti prego." Lo baciai ancora una volta e cominciai a muovermi il più velocemente possibile. Potevo sentire il mio buco del culo espandersi e contrarsi con ogni centimetro di lui che prendevo. Verso l'alto, il mio buco del culo si restrinse, la sua circonferenza si restrinse. Ma mentre tornavo giù, potevo sentirlo espandersi perché avevo bisogno di prendere la sua ampia base.

"Eccomi!" Gridò in pura estasi.

L'ho baciato come lui. Mi sono assicurato che nel momento in cui l'ho sentito arrivare, avessi preso ogni centimetro di lui dentro di me. Volevo il suo sperma il più profondamente possibile dentro di me. Il nostro bacio diventava più appassionato man mano che veniva. Era come se non venisse da anni. Ho sentito il suo cazzo congestionarsi mentre mi ha sparato almeno una dozzina di spruzzi di sperma nel mio culo. Potevo sentirlo riempirmi e quasi mi faceva venire. Gemevo di assoluto piacere, combattendo ogni impulso del mondo a venire. Ho onestamente raggiunto l'orgasmo senza sborrare, le mie gambe tremavano, il mio culo serrato e il buco che si stringeva intorno a lui. Mi sono sdraiato su di lui, i miei fianchi si sono inarcati in modo che non sentisse il mio cazzo. Ansimavo, assolutamente esausto ma contento. L'ho baciato un'ultima volta prima di staccarmi da lui.

Ho visto solo un po' della sua sborra sul suo cazzo, e ho avuto un bisogno irrefrenabile di leccarglielo. Non potevo lasciare che una goccia del suo sperma andasse sprecata, doveva essere tutto dentro di me. L'ho gola profonda un'ultima volta, usando la mia lingua per leccare qualsiasi sperma che sentivo. Non mi importava nemmeno che fosse stato solo nel mio culo, avevo bisogno del suo sperma.

"Dio sei una troia sexy." Egli esclamò. Le mie azioni lo eccitavano mentre rimaneva duro.
Mi sono vestito e l'ho smanettato, togliendomi anche la benda.

“Vedo che sei ancora duro, la prossima volta però. Non voglio che ti licenzino".

"Santo cielo, sono puntuale!" Urlò e si vestì freneticamente.

Siamo andati alla porta e stava per andarsene, prima di voltarsi. “Non volevo fotterti e andartene, o chiamarti puttana. Mi dispiace tanto." Sembrava sinceramente preoccupato, il che mi eccitava ancora di più.
L'ho baciato e gli ho detto: "Sono la tua troia, non scusarti. E ordinerò molta pizza da te Sam. Per favore, schiaffeggiami il culo prima di andare. Mi chinai sul tavolo e guaii di gioia mentre lui mi sculacciava. Mi ha attirato a sé e mi ha baciato prima di partire.

Ho chiuso la porta e sono caduto a terra. Avevo appena sperimentato il miglior sesso della mia vita e non vedevo l'ora di sperimentarlo di nuovo. Sono salito al piano di sopra per farmi la doccia, il mio buco del culo sciolto dopo l'intensa scopata che aveva appena ricevuto. Mi sono pulito il corpo, mi sono cambiato i vestiti e mi sono asciugato il trucco. Stavo per addormentarmi quando ho sentito bussare alla porta in modo aggressivo. Non aspettavo nessuno e il tono del bussare mi allarmò. Sono andato in silenzio verso la porta e, con mio orrore, ho visto il ragazzo delle consegne di docce alla porta. Ero congelato sul posto.

“So che sei lì, puttana. Hai chiesto a Sam che cercasse di allontanarsi da me. Mi chiedo se l'hai succhiato via, sporca puttana. Com'era il suo piccolo cazzo grasso? I suoi rotoli di grasso ti hanno colpito in faccia? Non è possibile che quel patetico pezzo di merda si faccia leccare il cazzo mentre il mio rimane asciutto. Lui gridò.

Ad ogni parola mi arrabbiavo. Non potevo sopportare il modo in cui parlava di me, ma peggio ancora, il modo in cui parlava di Sam mi faceva ribollire il sangue. Non gli avrei permesso di parlare di noi in questo modo, aveva bisogno di essere abbattuto. Ho cominciato ad agire d'istinto. Sono andato in camera mia e ho preso la mia mazza da baseball del liceo.

"Un'ultima possibilità o dirò a tutti quelli che conosco della puttana che vive qui!"

Mi sono avvicinato alla porta e l'ho aperta, con la mazza a riposo al mio fianco.

"Chi cazzo sei!" sussurrai, ma il più forte possibile.

Era chiaramente colto alla sprovvista. "Chi cazzo sei?" È tutto ciò che potrebbe rispondere.

“Questa è la mia fottuta casa. Sono appena tornato dalle vacanze e mi stai davvero facendo incazzare.

Per tutto il gioco di cui aveva parlato pochi secondi prima, è diventato immediatamente timido e ha iniziato a rannicchiarsi.

"Scusa, penso di aver sbagliato casa." Disse, girandosi per andarsene.

"Non credo che tu l'abbia fatto, cazzo. Vedi, la mia ragazza faceva le pulizie mentre ero via, e il mio vicino ha detto di aver visto un ragazzo lasciare la mia casa un paio di settimane fa.

“Non conoscevo l'uomo, mi dispiace. Mi stava supplicando. Se sapessi che ha una relazione...» Si lagnava
patetico.

“Chiami tutte le ragazze che trovi con puttane? Dovrei ucciderti solo per restare così, ma hai scopato la mia ragazza. Per questo, ti meriti davvero una punizione. Ho tirato su la mia mazza.

“Amico, per favore, calmati. Mi dispiace tanto. Ho 200 dollari nel mio portafoglio di mance, sono tutti tuoi. Stava supplicando e l'ho adorato.

“Non c'è modo che tu te ne vada così facilmente. Ho fatto oscillare la mazza e l'ho colpito alla gamba. Non è stato un duro colpo, ma
abbastanza per farlo cadere a terra.

Urlò di dolore. “Per favore, ti darò qualsiasi cosa. Mi dispiace."

"Alzati, ne parliamo". L'ho aiutato ad alzarsi e siamo entrati.

Ho chiuso la porta dietro di noi. “Lo renderò davvero semplice per te. Conosci Hammurabi? Sono un suo grande sostenitore. Ora hai due scelte. O ti picchio a sangue con questa mazza, poi te lo infilo fino in fondo nel tuo patetico culo, o me lo succhi e te lo prendi nel culo. Non mi interessa in nessun caso, ma il tuo culo è mio in un modo o nell'altro. Ho preso la mazza e l'ho messa sulla mia spalla per effetto.

“Amico, non puoi essere serio. Per favore, qualsiasi altra cosa. Non sono gay. Ha gridato.

"Nemmeno io. Ma mi hai fottuto la puttana, ora devi farti fottere come tale."

"Non ti sto succhiando il cazzo, prendo il primo." Appena ha finito di parlare ho alzato la mazza e gliel'ho sbattuto sulla mano, che era appoggiata sul tavolo. Gridò di dolore.

"Questa è una scelta stupida, ma non sono sorpreso." Ho sollevato di nuovo la mazza.

"No, no, per favore no." È stato sconfitto.

Mi sono abbassato i pantaloni e l'ho afferrato per le spalle, spingendolo a terra. Si inginocchiò davanti a me, completamente scioccato da quello che stava succedendo. "Non si succhierà da solo." Risi.

Aprì la bocca come se fosse allergico. Mi ha preso in bocca, ma la sua lingua si stava ritirando in gola e non ha nemmeno premuto con le labbra.

“Ho detto un pompino. Scommetto che una vasectomia si sente meglio. Faresti meglio a divertirti". Gli ho afferrato la nuca e l'ho tirato verso di me. Lo sentivo imbavagliare mentre lottava per respirare. Gli ho toccato la sommità della testa con la mazza e ha smesso di dimenarsi. L'ho sentito toccare con la sua lingua la testa del mio cazzo, oltre a premere delicatamente le sue labbra contro la mia base.

"Questa è una troia molto meglio." Continuò, muovendo lentamente la testa avanti e indietro. Cominciò a muovere la lingua più velocemente, anche facendola scorrere contro la mia testa. Non lo odiavo, ma non stavo nemmeno diventando duro. Così ho iniziato a immaginare la mia notte con Sam. Questo ha funzionato, dato che sono cresciuto fino a raggiungere i miei 7 pollici pieni. Stava di nuovo lottando, ma ho usato la mia mazza per ricordargli che aveva bisogno di farmi gola profonda.

"Fammi bella e bagnata, e voglio sentirti gemere." Ha obbligato con rammarico. Lo sentivo usare più saliva, bagnando ogni centimetro di me. Gemeva, non mi importava nemmeno se fosse forzato e debole, stava diventando la cagna a cui era abituato a trattare così male.

“Alzati, abbassa i pantaloni e piegati sul tavolo. Non dire niente e non combatterlo.

Fu lento a farlo, ma alla fine obbedì. Mi sono sputato in mano e ho cominciato a strofinare le mie dita bagnate su e giù per la sua fessura, bagnandogli il buco. Con mia sorpresa, era completamente rasato laggiù.

“Pensavo avessi detto che non eri gay? Sei una di quelle femminucce a cui importa solo come stanno?" Conoscevo la risposta. Sebbene in quel momento fosse completamente sottomesso, era un uomo alto, muscoloso e ben curato. Ha reso ancora meglio il fatto che stavo per scopare hm.

"Dimmi che questo è quello che vuoi, ho bisogno del tuo permesso."

"Io... io voglio questo." Disse piano.

"Puoi fare di meglio." dissi mentre mettevo la testa del mio cazzo contro il suo buco del culo.

"Voglio il tuo cazzo nel mio culo." Disse con più sicurezza.

"Questo è quello che pensavo puttana." Detto questo, gli ho spinto senza pietà il mio cazzo dentro. Non l'ho facilitato. Mi sono assicurato che in un colpo solo fosse pieno di tutto ciò che potevo dargli. Urlò di dolore e cercò di allontanarsi. Ma ora avevo il controllo su di lui e l'ho spinto contro il tavolo.

"Parlami come fai parlare le ragazze." Gli ho comandato. Non sono stato nemmeno duro per colpa sua. Stavo ancora immaginando la mia notte con Sam. Volevo solo che imparasse una lezione. Non ho nemmeno prestato attenzione a quello che stava dicendo, sapevo che se volevo sborrare avrei dovuto usare la mia immaginazione. Sebbene il suo culo vergine fosse stretto, la stimolazione da sola non era sufficiente.

"Fanculo il mio culo da troia" gridò. Anche se soffriva, stava cominciando a convincermi che si stava divertendo. Ho iniziato a tirarlo fuori completamente e a spingerlo dentro di lui, sapendo che ogni volta che lo penetravo si trovava in un mondo di dolore.

“Oh sì, sei così fottutamente grande. Ne ho bisogno in me, non tirarmi fuori".

Stava riuscendo a riportarmi alla realtà e l'ho felicemente obbligato. Non gli ho nemmeno ordinato di farlo, ma stava iniziando ad adattarsi alle mie spinte, i suoi fianchi si dondolavano all'indietro per incontrarmi. Non ne ero sicuro, ma credevo di aver sentito un gemito di gioia.

"Sborrami dentro, ho bisogno del tuo sperma." All'inizio pensavo che stesse cercando di farmi finire più velocemente, e forse lo era davvero, ma quando l'ho tirato vicino a me, ho visto che il suo cazzo era duro.

"Ti stai divertendo?" Gli ho chiesto.

"Il tuo cazzo si sente davvero bene nel mio culetto stretto." Egli ha detto. Da un lato potevo sentire il finto interesse per la sua voce, ma dall'altro il suo corpo sembrava davvero divertirsi. Ho iniziato a scoparlo ancora più velocemente e lui ha oscillato indietro i fianchi alla stessa velocità. Stavo per venire quando è successo l'imprevisto.

"Fottimi, fottimi!" Ha urlato, quando ho visto esplosioni del suo sperma coprire il mio tavolo. Scioccato, gli ho dato una spinta estremamente profonda. Il mio cazzo completamente dentro di lui, assolutamente nessuna parte di me non nel suo culo, sono venuto. L'accumulo con la mia sessione con Sam, così come la piacevole svolta degli eventi, portano a un orgasmo estremamente forte. Ho urlato e gli ho schiaffeggiato il culo, forte. Mentre sborravo, gli ho afferrato entrambe le guance e le ho allargate, osservando bene quanto il mio cazzo stesse allargando il suo buco del culo. Ho finito di sborrare e mi sono tirato fuori rapidamente da lui.

Si accasciò sul tavolo, gemendo di gioia, con le lacrime che gli rigavano anche il viso.

Mi sono tirato su i pantaloni e gli ho afferrato i capelli, tirandoli su.

“Esci da casa mia, puttana. Se mai ti rivedo qui, significa che mi dai il permesso di usare il tuo culo come voglio.

Si alzò velocemente e cominciò a raccogliere i suoi vestiti, l'ho fermato. "No, stai lasciando questa casa per la vergogna."

Alla fine accettò e lasciò la casa. Ho chiuso la porta dietro di lui e non potevo credere a quello che era successo. Due settimane fa mi ha trattato come una puttana e ora gli avevo ricambiato il favore. Ancora più interessante, l'avevo voluto due settimane fa e ho finito per essere respinto da lui. Ora lo volevo ed era lui che se ne andava soddisfatto. Almeno sembrava così.

Andai a letto, sorpresa che la mia giornata fosse andata come prima. Ero stata una ragazza, sperimentando sesso strabiliante con un ragazzo fantastico che mi amava. E ho concluso la serata come un uomo dominante che ha fatto una doccia con un ragazzo nella mia cagna, e ha finito per amarlo. Non ero sicuro di cosa avesse in serbo il domani, ma ero entusiasta di scoprirlo.

belltown22 (hotmail)

Storie simili

Cat girl Charity - Un invito personale a ballare

Benvenuti nella terza storia di Charity, una ragazza-gatto che sta cercando di trovare il suo posto nella vita, e anche un amore a lungo cercato. In questa storia vediamo la crescente relazione tra lei e il Cancelliere dell'Accademia, noto come Storm Dragon, e un potente mago a sé stante, oltre alle sfide quando un vecchio nemico si presenta per causare il caos nelle loro vite. Quindi vieni e unisciti a noi ora, poiché Charity è invitata a un ballo formale dell'Accademia, mentre ha altre idee di ballo in mente. Spero che ti piaccia questo. Si prega di lasciare alcuni commenti in...

600 I più visti

Likes 0

Lo spirito di Cassy

Jason ha incontrato Cassy durante il loro primo anno al college. Stava per cambiare il mondo degli affari e metterlo all'orecchio con la sua brillante intuizione e fermezza e lei si è diretta nel mondo dell'istruzione della nostra giovinezza diventando un'insegnante secondaria di inglese. Entrambi erano ambiziosi ma ingenui ed entrambi i loro desideri si sono rivelati sbagliati. Faceva parte della poltiglia che si impara oggi nei nostri college e non se ne sono resi conto fino a quando non sono entrati nel mondo reale. Ma quel primo incontro tra i due fu qualcosa di speciale che cambiò per sempre le...

460 I più visti

Likes 0

Chat room: una vendetta malvagia della fidanzata

Torni a casa dopo una lunga giornata di lavoro; ti togli il cappotto e vai in cucina per una birra. Quando apri la porta del frigorifero, la tua ragazza si avvicina da dietro, coprendoti gli occhi con una benda. Lo lega stretto essendo un po 'ruvido Ho un osso da scegliere con te !! ti scatta contro. 'Ma che...?! Chiedi, alzando la mano per scoprirti gli occhi. Ti dà uno schiaffo sul dorso della mano e ti afferra il polso tirandoti fuori dalla cucina. Essendo bendato sei disorientato e perdi l'equilibrio, quasi inciampando mentre ti trascina su per le scale. La...

617 I più visti

Likes 0

UNISCITI AL SIGNORE OSCURO PARTE 2

Mi sono svegliato nella mia stanza dolorante dalla scorsa notte e ho preso gli occhiali e li ho indossati solo per scoprire che non riesco a vedere che è troppo sfocato, quindi li tolgo per scoprire che posso vedere meglio senza di loro. PAPÀ VIENI QUI PER UN SECONDO che cos'è figliolo non ho bisogno dei miei occhiali perché quello che è successo bene è della scorsa notte il signore oscuro era così felice che ti ha rifatto come ricompensa. Vai a guardarti allo specchio inciampo fuori dal letto, guarda nello specchio pieno e noto che ho perso molto peso, sembro...

649 I più visti

Likes 0

La vendetta di Ambra

CAW # * Voce Questa è una storia di vendetta e dolore. Questa è una storia di amore e affetto. Questa è una storia di soddisfazione e persone che ottengono la loro punizione. La mia ragazza Amber ed io eravamo membri di un sex club. Ad entrambe piaceva andare e partecipare alla maggior parte delle attività del club, ma lei si rifiutava di fare sesso con altre donne. Le piaceva guardare altre donne nel club, farsi scopare e le piaceva anche guardare altre donne scoparsi a vicenda, ma non è mai stata in grado di leccarsi la figa. Ero perplesso da...

640 I più visti

Likes 0

IHNC 8.5 - Vacanze

Non avevo scelta 8.5 - Vacanze (Questo capitolo è dal punto di vista di Rachel Font, la moglie di Ed.) Le cose vanno alla grande! Al giorno d'oggi ero preoccupato per tutti i discorsi sulla depressione postpartum, ma tra il mio amorevole marito Ed e la mia nuova migliore ragazza Judy, ero in cima al mondo. Le cose erano state un po' difficili prima della nascita delle mie bellissime gemelle, ma ora non c'è più niente di cui preoccuparsi. Ed ha lavorato così duramente ultimamente, rimanendo fino a tardi a scuola a volte a valutare i test in modo da non...

579 I più visti

Likes 0

Aprile - Parte II

Grazie a tutti per i bei commenti e le valutazioni generalmente positive. Mi scuso che la parte 2 abbia impiegato così tanto tempo, ma volevo assicurarmi che fosse il migliore possibile prima di pubblicarla. Spero che questa parte vi piaccia, e cercate una parte 3 nelle prossime settimane. Per favore continua a valutare e commentare, e se non ti piacciono gli elementi del mio racconto, per favore fammi sapere nei commenti come pensi che potrei migliorare. Rob e April giacevano nel letto di April, persi nei propri pensieri post-coito. Si erano assicurati l'un l'altro che questa sarebbe stata una relazione senza...

587 I più visti

Likes 0

Il debito e il suo prezzo elevato

'Come mi sono cacciato in questo?' pensa Jerry mentre rimane seduto a fissare la busta davanti a lui. Non l'ha ancora aperto, ma sa da chi viene. Dopo un po' lo raccoglie e lo guarda ancora un po', rigirandolo tra le mani. Sembra proprio come tutti gli altri. Semplice bianco, timbro regolare e nessun indirizzo di ritorno. Lo apre dopo circa due ore che lo guarda, temendo cosa c'è dentro. Quello che tira fuori è peggio di quanto avrebbe immaginato. Ha in mano una foto di sua figlia di 18 anni, Kali. Anche in queste circostanze non può fare a meno...

539 I più visti

Likes 0

Kelly - parte 2

Ero scioccata. Nel giro di pochi minuti, il mio migliore amico Kevin era diventato Kelly. Kevin era un ragazzo snello, con morbidi occhi castani, capelli castani di media lunghezza che pettinava in tipico stile emo/hipster. Kelly era adorabile. Era ben rasata sotto i vestiti, indossava mutandine di pizzo nere. Aveva persino una parvenza di curve. Sotto i vestiti larghi di Kevin, nascosta, c'era una figura deliziosa. Kelly era in piedi di fronte a me, sorridendomi. Spostò il peso su uno dei fianchi e mise le mani lungo i fianchi. Allora? Come sto? Non potevo iniziare a descrivere. Potevo ancora vedere Kevin...

565 I più visti

Likes 0

La festa parte 1_(0)

Finalmente è arrivato venerdì sera e Silk era davvero nervoso. Invidiava gli altri due per la loro esperienza perché erano eccitati invece che spaventati. Era così nervosa che quando Michael pronunciò il suo nome; lei quasi saltò fuori dalla sua pelle e squittì un sì Maestro. Seta, hai paura? le chiese Michael, con voce piena di preoccupazione. «Un po'», disse a bassa voce. Michael l'abbracciò e le sussurrò parole di rassicurazione all'orecchio. Le disse che tutto quello che doveva fare quella sera era guardare e che nessuno l'avrebbe toccata a meno che lei non avesse detto che andava bene. Le aveva...

567 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.