Sottomesso, io??

530Report
Sottomesso, io??

Joyce era una mamma lavoratrice di 46 anni, con due figli adolescenti e un marito dirigente. Lavorava in uno studio legale in una città a quattro miglia da casa sua. Joyce era una ragazza grande 5'11", 160 libbre. Aveva 40DD e un culo stretto. I suoi capelli biondi e il suo bell'aspetto facevano sempre sì che gli uomini si fermassero e la guardassero.

Suo marito Jeff era dirigente di un grande produttore chimico e più volte all'anno faceva lunghi viaggi nell'Estremo Oriente, in Europa, Asia e Sud America. A volte questi viaggi duravano dalle 6 alle 10 settimane. Non avevano problemi di soldi, l'unica questione su cui litigavano era il sesso. Lo desiderava costantemente e ultimamente lui era troppo stanco o troppo ubriaco per partecipare.

Mercoledì sera dopo il lavoro, mentre stava preparando la cena, Jeff le disse che sarebbe partito per un viaggio venerdì mattina. A quanto pare sarebbe stato un viaggio considerevole poiché aveva bisogno di vedere i suoi stabilimenti in Svezia, Germania, Italia, India, Filippine, Sidney e Brasile. Mentre mangiavano lei gli chiese quanto tempo pensava ci sarebbe voluto e rimase scioccata dalla sua risposta di circa otto settimane più o meno. Per i due giorni successivi lo aiutò a prepararsi per il viaggio.

Giovedì è uscita presto dal lavoro, ha preparato una cena speciale e si è fatta scopare nella speranza che lui venisse a letto e volesse scoparla dato che sarebbe stato via per un bel po'. Verso le 22 è andata nello studio e lo ha trovato addormentato nella sua poltrona, tanto per fare sesso non lo ha detto a nessuno in particolare ed è andata a letto.

Venerdì mattina Jeff è partito per il viaggio e lei è andata al lavoro. Verso le 11 il suo capo Arron la chiamò e le chiese se aveva intenzione di uscire all'ora di pranzo dato che lui aveva una riunione importante alle 12:30 e vorrebbe sapere se poteva prendere della soda al supermercato per lui. Lei sorrise e acconsentì, lasciò l'ufficio pochi minuti dopo per pranzare e prendere le bibite.

Nel negozio di alimentari stava spingendo il carrello per le isole quando notò un uomo ispanico grosso e attraente che la fissava. Lei ridacchiò tra sé, beh, ce la fai ancora, ragazza. Sembrava che lui si sarebbe trovato in ogni isola in cui si sarebbe girata. Alla fine si avvicinò a lei, "ciao, sono Manny, ho visto che hai caricato il carrello, posso aiutarti?" Sorridendo il suo miglior sorriso lo guardò "no grazie, sono una ragazza grande e sono sicura di potercela fare." Lui le sorrise e poi iniziò ad allontanarsi quando lei lo sentì dire: "Sono sicuro che puoi farcela". Prima che potesse reagire, lui era già fuori dall'isola. Oh beh, pensava che probabilmente avevo ferito i suoi sentimenti o qualcosa del genere, beh, fanculo se non ce la fa.

Ha pagato gli articoli e si stava dirigendo verso la macchina quando lui le si è avvicinato, quando è arrivata alla macchina e ha aperto il bagagliaio lui era accanto a lei. "Dimmi, come ti chiami?" Ci pensò su per un momento prima di rispondere e poi sorrise: "Sono Joyce, perché?" Sembrava che stesse ammirando il suo corpo godendosi ogni centimetro della sua cornice alta 5'11". "Perché sei esattamente quello che stavo cercando." Sembrava perplessa: "e che cos'è esattamente?" Manny si voltò a guardarla dritto negli occhi "Voglio una donna grande e voluttuosa che possa soddisfare tutti i miei bisogni sessuali, e tu sembri proprio che tu possa riuscirci." Joyce rimase stupita dalla sua audacia, iniziò a rimproverarlo quando lui la interruppe. "Guarda Joyce, ecco il mio biglietto da visita, voglio che tu mi chiami questo pomeriggio quando potrai parlare e fisseremo un appuntamento per incontrarci così posso scoparti fino a farti impazzire. Ti darò anche istruzioni su cosa indossare." Si sporse in avanti e le strinse dolcemente ma con fermezza il seno sinistro. Poi senza dire una parola si voltò, le diede una pacca sul sedere e se ne andò.

Caricò la macchina, una volta seduta al posto di guida si sedette abbagliata, sentì un forte spasmo tra le gambe e si accorse di essere bagnata. Wow, pensava che fosse intenso, per tutto il viaggio di ritorno al lavoro continuava a pensare a Manny e all'incontro. Alle 3 del pomeriggio lasciò il lavoro e una volta in macchina iniziò a comporre il suo numero. I pensieri le passavano per la testa su Jeff e i suoi figli, ma la sensazione di calore tra le sue gambe è riapparsa così ha deciso che era solo una telefonata.

Al secondo squillo rispose "sei tu Joyce?" Lei esitò per un secondo poi "sì, ma non sono sicura del motivo per cui ti sto chiamando dato che ti sei preso delle libertà che non avresti dovuto avere nel negozio." Lo sentì ridere "guarda, la prima cosa è domani sera intorno alle 18:30, il loro Express Inn in Walters St sarà al bar. Indossa una camicetta scollata e dei leggings, assicurati di non coprirti il ​​culo o l'inguine come voglio vedere punta di cammello. Un set coordinato di mutandine e reggiseno, non mi interessa di che colore." Prima che potesse rispondere, il telefono si spense. Tornò a casa ed era furiosa che lui le parlasse in quel modo ma allo stesso tempo la sensazione di bagnato era ancora lì e stava davvero riflettendo su cosa indossare.

Sabato si è vestita alle 17:00 e si è sistemata per apparire stupenda, i leggings erano fantastici ma si sentiva un po' imbarazzata perché non c'era assolutamente nulla di immaginabile in questo outfit. Era al bar alle 6:15, lo vide entrare, dirigersi al suo tavolo e sedersi. Dopo aver ordinato da bere sorrise. "Ho una stanza per noi, prendiamo qualcosa da bere e poi andiamo in camera." Lei sembrò stupita: "cosa ti fa pensare che verrò nella tua stanza con te?" Lui ridacchiò "ascolta con quel vestito, non credo che tu possa sentire da una riunione in chiesa, ora ho intenzione di scoparti in ogni buco. Mi aspetto che tu ingoi tutto il mio sperma e pulisci il mio cazzo con la tua faccia e i tuoi capelli, capito? " Era totalmente eccitata dagli eventi e si limitò ad annuire.

Aveva appena chiuso la porta della stanza, si voltò verso di lei e la baciò profondamente, la sua lingua le fece uno spuntino in gola. Rimasero bloccati in quella posizione per qualche minuto, ora sentì il suo clitoride strofinare delicatamente il tessuto. Sentì il calore nella figa mentre lui continuava a massaggiarla. Quando finalmente si fermò, lei respirava molto affannosamente, "togliti i vestiti!" Si spogliò nuda in pochi secondi. "Mettiti in ginocchio e succhiami il cazzo!" Ancora una volta fece come le era stato detto, il suo cazzo era enorme, riuscì a infilargli la testa ma si chiese come sarebbe entrato il resto nella sua figa e se così fosse, sicuramente non era mai stata allungata così in vita sua. Lei succhiò avidamente per diversi minuti, all'improvviso le sue mani furono dietro la sua testa, la spinse in avanti sull'enorme cazzo mentre eruttava un'esplosione di sperma caldo nella sua bocca, lei stava conati di vomito ma dal momento che lui le teneva la testa forte lei non aveva altra scelta se non quella di ingoiare ogni goccia di sperma. Era sorpresa dal suo sapore dolce.

Lui lasciò andare la testa e il cazzo le uscì dalla bocca, "puliscimi il cazzo con la tua faccia e i tuoi capelli adesso!" Ancora una volta senza dire una parola si mise a pulire l'enorme cazzo. Adesso si rendeva conto che era ancora difficile. Lui indietreggiò, guardò il suo cazzo e osservò "beh, sei certamente un esperto succhiacazzi". Lei sorrise "grazie ci provo." La tirò su e si sdraiò sul letto "siediti sulla mia faccia, stronza!" Ancora una volta, senza esitazione, gli mise la figa in bocca, lui le succhiò il clitoride e lei iniziò a sentire piccole scosse elettriche che partivano dal profondo della sua figa e si rese conto che l'avrebbe fatta venire. Iniziò a gemere, facendo versi animali, mentre si avvicinava al suo primo climax. All'improvviso, poco prima che un'ondata di passione la travolgesse, sentì una pressione sul sedere e poi si rese conto che lui aveva il suo dito indice inserito fino in fondo in lei. Il momento successivo, mentre muoveva i fianchi per rimuovere il dito, ebbe un violento orgasmo. Tutto il suo corpo tremava per il piacere che provava.

Rotolò via completamente esausta, poi si rese conto che il dito era ancora dentro di lei e dove le sembrava strano non era scomodo. La fece mettere in ginocchio e senza preavviso la penetrò da dietro. La sensazione del suo cazzo enorme e delle due dita nel suo retto era incredibile. Lei si spingeva indietro ogni volta che lui sbatteva in avanti. Stava raggiungendo un altro fantastico orgasmo, gemeva, gemeva e si dondolava selvaggiamente mentre lui continuava a pomparla sempre più velocemente. Si rese conto che stava per venire di nuovo quando un altro potente orgasmo la colpì e la scosse più forte. Ciò lo fece irrigidire, avvicinarle i fianchi fino in profondità e scaricarle un'altra esplosione di sperma caldo in profondità nella sua figa.

Lui si allontanò e le disse di pulirgli il cazzo. Per altre due ore continuarono finché non fu completamente piena di sperma sia nella figa che nello stomaco. "Vestiti, stiamo partendo," annunciò. Mentre si dirigevano verso la porta lui la guardò: "Voglio che tu compri un butt plug perché la prossima volta prenderò anche il tuo culo". Lei sorrise, lo baciò sulla guancia e annuì. Uscendo nel parcheggio lei lo guardò: "Quando ti rivedrò?" "Presto tesoro, molto presto." Mentre tornava a casa aveva l'odore del suo sperma nella bocca e nei capelli e cominciò a chiedersi dove posso trovare un plug anale.

Storie simili

Organismo X - Cap. 08

Nota dell'autore: dopo diversi mesi di sviluppo infernale, vi presento l'ottavo capitolo di Organism X - Ora con il 100% di scoregge in meno! 1 In lontananza, Erin poteva sentire la ragazza appena trasformata gemere e grugnire mentre la bionda, Lindsay, giocava con lei. Il suono la ripugnava e allo stesso tempo la eccitava. Sarà una bellezza quando cambierà completamente, ha detto Megan. Erin si voltò verso l'arrogante bruna. Sei un mostro. Siete tutti dei mostri, ha detto. Megan sbuffò. Come se non lo fossi? Erin bruciava di vergogna e fissava il pavimento. Un'immagine della ragazza terrorizzata che Erin si era...

457 I più visti

Likes 0

Quanto di meglio si possa III

Obiettivo 5: preparami un gustoso succo di sperma con un bicchiere pieno. Questo è stato abbastanza facile. Ma tutto ha una parte difficile. Ecco un bicchiere pieno. Rani ha avuto un fottuto lavoro a scuola. Quindi se n'è andata la mattina indossando un sari rosso assassino. Avrei solo voluto andare a scuola. Prima di andarsene, mi ha dato un bicchiere usato per servire lo champagne, si è avvicinata a me e mi ha palpato dolcemente il cazzo. Rani :( sussurrandomi all'orecchio con voce sexy) fallo lavorare. Io: posso usare la tua stanza dei quadri???Sai. Usa la tua TV. ?? Rani: va...

784 I più visti

Likes 0

Gli esibizionisti, parte 2

Gli esibizionisti Episodio 2 Squadra di nuoto Disclaimer: quanto segue è un'opera di fantasia. Pertanto, ho scelto di ambientarlo in un mondo in cui il controllo delle nascite è sicuro, efficace e disponibile al 100% e tutte le malattie sessualmente trasmissibili sono state sradicate. Nel mondo reale, alcune delle scelte che questi personaggi fanno sarebbero estremamente rischiose. Non comportarti come loro. Riepilogo: nell'episodio 1, la protagonista e la sua amica Steph hanno compiuto 16 anni, si sono fatte fare il piercing ai capezzoli, hanno sperimentato il risveglio sessuale, hanno comprato giocattoli sessuali, hanno visto un vecchio sporco masturbarsi e si sono...

607 I più visti

Likes 0

Dovere coniugale

Ricordo ancora la prima volta che ho visto Sandra per la prima volta. Ero un giovane trasandato di vent'anni. Era una ragazza molto sexy di 22 anni. È venuta da me mentre stavo cercando di avviare la mia motocicletta Norton 750 Commando un po' capricciosa. Ha detto qualcosa a proposito del fatto che le piacciono le biciclette. Questo era tutto quello che avevo bisogno di sentire. Una bruna dall'aspetto attraente con grandi occhi marroni in un paio di jeans attillati che si avvicina a me e mi dice che le piacciono le biciclette. La mia vita ha preso una svolta positiva...

501 I più visti

Likes 0

Il bussare alla porta_(1)

Il bussare alla porta mi ha sorpreso. La notte di gennaio in Iowa era fredda, fredda, fredda. Mi ero già tolto i vestiti per la notte e mi sono seduto sulla mia poltrona a scrivere sul mio portatile; era una breve storia della mia infanzia. Dal mio divorzio tre anni prima, ho passato molto del mio tempo da solo a scrivere; principalmente sull'argomento di cui so più di ogni altra cosa... io. Ho scritto centinaia di storie sulla mia vecchia città natale e sulla mia famiglia. I miei nove fratelli hanno fornito tonnellate di ricordi che voglio, un giorno, condividere con...

1.5K I più visti

Likes 0

L'estate finisce

Erano passati tre mesi da quel giorno che le aveva cambiato la vita quando suo figlio l'aveva scopata. Lei aveva 34 anni, lui ne avrebbe presto 18. Adesso scopavano regolarmente e insieme avevano capito come separare le loro sessioni sessuali dalla vita di tutti i giorni. Il seminterrato della loro casa che ospitava l'attrezzatura per il bucato era stato diviso per fornire una piccola area ricreativa con un letto al centro e una zona spogliatoio protetta dove sua madre teneva la sua collezione di lingerie sexy acquistata di recente da un sito di sesso su Internet. Tutto ciò che riguardava la...

757 I più visti

Likes 0

La proposta: obblighi rispettati

La proposizione: Gli obblighi vengono rispettati Jenny e io abbiamo dormito fino a domenica mattina. Erano passate le 10:00 quando finalmente siamo scesi dal letto. “Dopo la nostra doccia, cosa vorresti per colazione?” chiese Jenny mentre iniziava a rotolare giù dal letto. Ha poi avuto uno sguardo addolorato sul suo viso. OH! Uumm, Jim, onorerò il nostro patto. Puoi avermi quando vuoi, ma se per te va bene, possiamo fare qualcos'altro la prossima volta? Sono così dolorante, non sono sicuro di poter nemmeno camminare. Il suo dolore era abbastanza comprensibile. Ho dovuto spingere molto forte per sfondare il suo imene e...

764 I più visti

Likes 0

Il patto del diavolo Slave Chronicles Capitolo 4: Gioia, prima cera

Cronache degli schiavi del patto del diavolo da miopenname3000 Diritto d'autore 2015 Gioia: prima cera Nota: Mary ha dato Joy alla madre di Mark, Sandy, e alla fidanzata di Sandy, Betty, perché fosse la loro schiava sessuale. 19 giugno 2013 – Joy Nguyen – South Hill, WA Va tutto bene, sussurrò una voce confortante. Ho lottato per aprire gli occhi; dormire ancora pesante sulle mie palpebre. Potevo sentire il letto tremare dolcemente mentre qualcuno si spostava. Una donna singhiozzò sommessamente. La confusione mi invase; Non ero nel mio letto. Dove ero io? Riuscii ad aprire gli occhi, sentendomi grintoso con poco...

715 I più visti

Likes 0

Una nuova vita per Ruth

Ruth Anderson sedeva nel suo nuovo ufficio, era stata promossa sei mesi prima ed era ancora eccitante trovarsi al decimo piano. Ruth era una signora tranquilla da poco passata il suo quarantaquattresimo compleanno, era stata allevata in una rigida famiglia cattolica, figlia unica con un padre dominante che per la sua ira aveva obbedito alla lettera. Aveva trascorso gli ultimi ventiquattro anni in un freddo matrimonio quasi senza sesso, la sorpresa più grande era stata che lei e il marito Donald avevano avuto una figlia meravigliosamente bella, Lena, che a ventidue anni stava per completare un master in economia aziendale alla...

580 I più visti

Likes 0

Spirito libero (5)..Pagare per restare (1998)

Ormai ero fuori casa e andavo appena a scuola. Stavo semplicemente sopravvivendo e vivendo in un edificio abbandonato. Ho parlato con Stacy la prima sera mentre Melissa era fuori a lavorare e ho imparato alcune cose. Ho provato a continuare gli studi; ma l'ho trovato così difficile. Trovavo davvero difficile concentrarmi a scuola, quindi ho abbandonato le materie che mi davano mal di testa. Inglese, Scienze ed Economia domestica furono quelle che abbandonai; ma ho continuato con il resto. Stacy mi ha detto: “Vivo qui da quando avevo 14 anni e ora ne ho 19. Faccio la prostituta dall'età di 15...

476 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.