Figlia e papà - Parte 3

149Report
Figlia e papà - Parte 3

Figlia e papà - Parte 3

Jim si svegliò la mattina dopo con la vescica dolorante che minacciava di scoppiare. Lui e sua figlia Anita avevano fatto l'amore fino alle prime ore del mattino. Il ricordo di quell'esperienza gli portò un sorriso sul viso e una luce nel suo cuore. Gli aveva mostrato più amore e tenerezza di quanto potesse ricordare da allora. . . beh, mai! E anche se aveva ancora solo 19 anni, stava dimostrando di essere un'amante con cui lui faceva fatica a stare al passo. Il loro sesso era qualcosa che la maggior parte degli uomini poteva solo sognare, e anche i sogni impallidivano in confronto alla realtà!

Negli ultimi due giorni Anita lo aveva sedotto e lo aveva trascinato via. Sia lui che Anita erano stati abbandonati dalla moglie Megan sette anni prima. Sua moglie era uscita di casa e non fu mai più vista. Jim si era rinchiuso in un guscio, trascorreva tutto il tempo sepolto nel suo lavoro e ignorava i bisogni di sua figlia oltre a quelli basilari di cibo, alloggio e vestiti. Per quattro anni, da quando aveva 12 anni, era praticamente cresciuta da sola, ma era rimasta fieramente fedele a suo padre. Nel suo cuore sapeva che un giorno lui sarebbe stato lì per lei. Era stata una lunga attesa, ma finalmente era diventato il padre di cui era orgogliosa. Aveva cercato di recuperare il tempo e l'amore che le aveva negato mentre piangeva la loro perdita.

Ora, tre anni dopo quella riconciliazione, erano diventati amanti. Jim non era del tutto sicuro di come fosse successo, e all'inizio era spaventato a morte. Ma poteva sentire il suo amore, e l'aveva lasciata entrare in una parte del suo cuore di cui persino lui aveva dimenticato l'esistenza.

Ma torniamo al suo disagio immediato. Aveva bisogno di andare in bagno finché riusciva ancora a trattenere la vescica per evitare che fuoriuscisse ovunque. Uscendo da dietro il sedere nudo di Anita, cercò di non svegliarla. Si era trasferita nel suo letto solo due notti prima, e anche se non era più abituato a condividere il letto, era una persona con cui avrebbe potuto facilmente abituarsi a rannicchiarsi. Sembrava che preferisse dormire nella posizione del cucchiaio. Non appena l’aria fresca del mattino la colpì alla schiena, si mosse abbastanza per capire che suo padre non era più nel letto. Guardandosi intorno per la stanza, lo vide dirigersi verso la porta.

“E dove pensi di andare, signore?”, gli ringhiò con la sua voce più autorevole.

“Bene, buongiorno anche a te!”, la salutò. “A meno che tu non voglia davvero ridefinire il concetto di letto ad acqua, devo fare qualcosa. Con il permesso della tua Horniness, ovviamente!", Si scusò.

Lei grugnì con riluttanza per accettare la sua spiegazione, poi aggiunse: "Hmm, fallo in modo brusco, però, o dovrò darti di nuovo uno schiaffo sulle palizzate", riferendosi alle volte in cui gli aveva bloccato la testa tra le cosce mentre mangiava. la sua figa bagnata.

Ridacchiando piano, Jim si diresse verso il bagno dove diede sollievo alla sua povera vescica dolorante. Cristo, non credeva che una persona potesse trattenere dentro di sé così tanto liquido per così tanto tempo! Una volta che il flusso dorato cominciò a scorrere, cominciò a chiedersi se sarebbe mai finito! Alla fine, senza dolore e relativamente vuoto ora, inciampò di nuovo nel suo - ora il loro - letto, strisciò di nuovo sotto le coperte e spinse l'inguine contro il sodo culetto di Anita. Lei gemette la sua approvazione, mosse il sedere finché il suo cazzo non toccò appena la sua fessura, poi tirò il braccio di Jim sopra e intorno a lei, stringendole la mano sul seno. Lei bloccò quella mano con la propria, risentita per la possibilità che potesse effettivamente scappare prima di darle piacere.

Jim si premette contro il suo corpo, cogliendo l'occasione per far scorrere leggermente la lingua attorno al bordo del suo orecchio. Anita gemette dolcemente di gioia, poi spinse forte il sedere contro il suo inguine. Non era ancora del tutto sveglia, ma se il suo cazzo si fosse avvicinato ancora di più alla sua figa, presto lo sarebbe stato.

Quel pensiero fece scorrere i suoi succhi. Con un ritmo lento, iniziò a dondolarsi contro il suo cazzo, sentendolo indurire un po' di più ad ogni colpo della sua fessura lungo tutta la sua lunghezza. In pochi istanti fu ricoperto dei suoi succhi e duro come una roccia. Poteva sentirlo cercare il suo ingresso e sollevò la gamba sinistra per concedergli l'accesso. Jim le ha sondato l'inguine fino a quando la testa del cazzo non è scivolata nella sua fica calda e bagnata, poi ha iniziato lentamente a seppellire il suo cazzo sempre più in profondità nel suo buco surriscaldato. Anita alzò le gambe allontanandole da quelle di lui, permettendogli di penetrarla fino in fondo nel suo tunnel dell'amore, e gemette per la gioia di vedere la sua fica infilzata così completamente. Mentre continuava a pomparsi lentamente dentro e fuori, Jim le strinse e accarezzò la tetta sinistra, tirandole e torcendole il capezzolo ogni volta che meno se lo aspettava. Incontrò il suo ritmo con un corrispondente dondolio dei fianchi, scopandolo con la stessa forza con cui lui entrava e usciva da lei. Con ogni successivo schiaffo delle sue palle contro il suo culo sodo, Anita si avvicinava sempre di più a quella massiccia minaccia di inondare il cazzo di suo padre con la sua stessa ragazza. Jim poteva sentire la sua fica iniziare a svolazzare e ad afferrare il suo cazzo. Spostò la mano dal suo seno per accarezzarle il clitoride, solleticandolo e stuzzicandolo finché tutta la sua massa non venne esposta da sotto il cappuccio. Facendo scorrere il dito avanti e indietro sulla protuberanza di Anita, poteva sentirla sussultare di piacere. Dio, come voleva sentirla venire, esplodere sulla sua asta, inondarlo con il suo schizzo di fica! Ben presto cominciò a pomparsi dentro di lei sempre più velocemente, con il risultato che le sue palle si sollevavano mentre cominciavano a riempire la base del suo cazzo con una sostanza appiccicosa calda e appiccicosa destinata a riempire la fica avida di sua figlia. Il suo respiro era irregolare mentre la pressione aumentava. Nel giro di pochi secondi, entrambi gemevano e ansimavano sempre più forte, e Anita cominciò a tremare e tremare mentre il suo climax la spingeva oltre il limite. Adesso si contorcevano entrambi nella lussuria, spingendosi sempre più forte verso il punto di connessione l'uno dell'altro.

“Dannazione, papà! Fottimi più forte! Pompami quel tuo cazzo dentro! Cristo, ti sborrerò addosso!”, gemette Anita. Il suo sfogo ha dato inizio al viaggio inarrestabile del suo sperma lungo l'asta mentre correva verso il suo buco dello sperma.
“Cazzo, tesoro, sborrerò anch'io! Avanti, tesoro, vieni addosso a me! Spruzza la tua sborra sul cazzo di papà e su tutte le sue palle! A-a-a-h-h-h-h-h-g-g-g-g! Sono C-C-U-U-U-M-M-M-I-I-I-N-N-N-G-G-G!!", e con ciò, sparò un enorme flusso di crema bianca calda nel profondo di lei, schizzando contro la sua cervice abbastanza forte da spingere Anita oltre le righe e nel suo secondo potente climax. Ansimò disperatamente e profondamente, poi urlò forte mentre l'estasi dell'orgasmo la afferrò, bloccando ogni sensazione tranne la sua fica.

“Gesù, riempimi con il tuo sperma, stronzo! Fanculo la mia fica finché non cade! Prendimi, dannazione! Spaccami completamente e fammi sapere che sono stata proprio fottuta!", urlò a suo padre.

Non appena ebbe terminato le sue richieste, nel suo cervello ci fu un'esplosione di luci che sembrò uno spettacolo pirotecnico. Ha quasi perso conoscenza mentre il suo sperma ha sopraffatto ogni altra sensazione nel suo corpo. Prima che iniziasse a calmarsi, la crema di Jim la spruzzò ancora, e ancora, e ancora, mentre le faceva esplodere sette corde dure, ognuna delle quali creava un'altra esplosione di sensazione orgasmica. Le sue pareti si aggrapparono e afferrarono il suo cazzo, mungendo lo sperma dalle sue palle.

Quando l'intensità del suo climax divenne quasi insopportabile, spinse il suo cazzo il più possibile nella fica, e lo tenne lì finché ogni goccia di sperma non fu espulsa dentro di lei. Continuò a spingersi dentro di lei finché lei non cominciò a scendere dal picco indotto dall'adrenalina che l'aveva consumata. Riportando la mano al seno, fece roteare lentamente il dito attorno all'areola, sfiorandole leggermente il capezzolo in ogni orbita, estendendo delicatamente le sue inebrianti sensazioni di bagliore, mentre lottava per riprendere il controllo del proprio respiro. Entrambi erano bagnati di sudore. Jim poteva sentire il flusso della combinazione del suo sperma e dei succhi della sua fica gocciolare lungo il suo squarcio, sopra le sue palle, per poi gocciolare lungo la sua coscia fino al lenzuolo sotto di lui. La forza del suo martellamento della fica aveva spruzzato e spruzzato l'intera figa di Anita con succhi caldi, sia suoi che di lei, e il minimo movimento di uno dei due produceva un suono risucchiante e risucchiante che gli ricordava gli stivali di gomma che guadavano il cemento bagnato!

Rilassandosi dopo la dura prova fisica di saziare la loro passione e lussuria, Anita alzò la testa quel tanto che bastava per accarezzare la fronte di suo padre, gemendo nel calore e nello splendore del loro fare l'amore. Aveva sofferto dei migliori orgasmi della sua vita alla mercé di quest'uomo ora sepolto nel profondo della sua fica. Di tutti i ragazzi con cui era stata, lui era l'unico che l'aveva fatta venire sul suo cazzo! Tutti gli altri le avevano infilato i cazzi dentro, le avevano sparato ed erano usciti prima ancora che lei avesse avuto la possibilità di divertirsi, per non parlare di ricevere piacere. Il sesso con suo padre, però, era una storia diversa. Ha sempre fatto del suo piacere una priorità, regalandole un orgasmo più forte e intenso del precedente. La riempì con il suo cazzo e il suo seme, facendola sentire più donna di quanto avesse sognato fosse possibile. Dio, quanto lo amava!

“Mmm, signor Super Amante. Sei ancora vivo lì dietro?", gemette come meglio le permetteva il suo corpo esausto. Per quanto disperatamente volesse girarsi e baciarlo, la sensazione del suo cazzo che si ammorbidiva lentamente dentro di lei era ipnotizzante. Si rifiutò persino di contrarsi prima di dover sopportare il vuoto della sua eventuale partenza dal suo corpo. Stringendogli il cazzo con i muscoli vaginali nel tentativo di trattenerlo dentro di sé il più a lungo possibile, sentì suo padre sussultare per l'inaspettata contrazione della sua erezione semidura, ma alla fine questa si staccò. Emise un involontario gemito di delusione quando perse il contatto con il suo calore e l'umidità.

Riacquistando lentamente una parvenza di compostezza, Jim fece fatica a rispondere alla domanda di Anita. Diavolo, era così esausto che era un'agonia anche solo cercare di ricordare quale fosse la domanda!

“Mmm, tesoro! Non sono sicuro di te, ma penso di essere stato appena scopato a morte! Dammi un momento per far ripartire il mio cuore, poi ti risponderò”, borbottò con un misto di stanchezza e di gioia.

"Allora, questo ti rende il cazzo-o, o il cazzo-ee?", la prese in giro con voce tranquilla.

“Uhm, non ne sono sicuro. Vorrei passare alla domanda successiva, poi tornerò su questa! Gesù, ragazza! Ieri sera mi hai succhiato le palle fuori dal sacco e stamattina mi hai fatto il culo! Per tua fortuna è domenica! Questo è il mio giorno di riposo, e se non ne ricevo un po' presto, tu non riceverai nulla per una settimana! Non hai ancora imparato che non puoi scoparti un uomo morto?", lo stuzzicò Jim.

“Stronzo!”, mormorò, “Ti dico una cosa, Stud. Vai a preparare il caffè e dopo farò una doccia con te. Mi sono sborrata addosso in posti che non sapevo di avere prima! Merda, sei mai disordinato!”.

"Okay, allora cosa hai intenzione di fare mentre sto picchiando Juan Valdez e i suoi chicchi di caffè?", la interrogò Jim.

“Oh, niente di che. Probabilmente semplicemente sdraiato qui, a spargere sperma collettivo su tutto il nostro letto! Perché? Ti aspettavi che facessi uno spettacolo Special Request per te o qualcosa del genere?". Potrebbe non essere brava come suo padre nelle rimonte, ma pensava che l'allenamento non potesse far male. Inoltre, forse un giorno. . . .

Strisciando fuori dal letto, gli occhi di Jim vagarono verso il culetto sodo di Anita, e gli diede uno schiaffo leggero ma giocoso, aggiungendo: "Hmm, bel culetto, ragazza! Posso giocare con te per un po'? Sono stanco di giocare con me stesso. . . “. Era un vecchio cliché, ma durante il fine settimana aveva acquisito un nuovo significato. Le diede una pacca sul sedere ancora una volta.

"Umm, starei attento a cosa stai facendo, amico! L'ultima volta che l'hai fatto, hai quasi perso la tua virilità. La prossima volta potresti non essere così fortunato!”.

“Oh, conoscendoti, tesoro, me ne andrò di sicuro. . . e allora sarai tu quello felice!”. Anita si voltò e rivolse a suo padre uno di quegli sguardi che solo una donna può lanciare, mentre gli diceva che le sue risposte stavano diventando davvero, davvero brutte. Era d'accordo con lei, ovviamente, ma sosteneva che "circostanze sessuali debilitanti" fossero causa della scarsa prestazione.

“Papà, vattene da qui, cazzo, prima che ti colpisca in testa con le mie mutandine inzuppate di sperma!”, urlò Anita a Jim.

“Bel tentativo!”, ribatté. “Li hai lasciati fuori ieri, ricordi?”.

“Ecco, amico! O vai a prepararti quel dannato caffè, o dovrò uscire da questa bella perla calda, sbatterti a terra, poi accovacciarti sulla faccia e gocciolare!", e tirò indietro le coperte in un finto gesto di inseguimento. . Jim scoppiò a ridere a crepapelle, poi si avvicinò al letto di sua figlia e si sedette sul bordo. Chinandosi su di lei, la baciò teneramente mentre le accarezzava l'orecchio e le faceva scorrere leggermente le dita tra i capelli.

“Potrei semplicemente accettarti. Alla fine, finirai il mio sperma da mescolare al lotto e potrò fornirti una ricarica! Sì, mi piace quel piano!”. Poi andò in cucina mentre Anita gemeva con finto disgusto per la sua stupida osservazione. Forse oggi lei avrebbe avuto la meglio su di lui nel reparto rimonta, perché era sicuramente arrugginito!

Ritirandosi nella calma della cucina, Jim iniziò a preparare il caffè. Sentì il rumore dell'acqua nella doccia mentre Anita regolava la temperatura, e corse di sopra per raggiungerla. Era già sotto lo spruzzo quando lui entrò nel bagno, insaponandole il petto e l'addome.

"Ciao, signora sexy", canticchiò. “Posso darti una mano con tutto questo?”.

Entrò nel box mentre lei gli porgeva il sapone, poi cominciò a insaponarsi la schiena dalla nuca fino al centro delle cosce, prestando particolare attenzione al sedere sodo e rotondo. Facendo scivolare un dito insaponato tra le sue natiche, la massaggiò dalla cima di quella fessura fino alla piccola e stretta increspatura del bocciolo di rosa. Solleticandolo leggermente, ripercorse il percorso fino al collo, poi usò i palmi delle mani per spalmarle la schiuma su tutta la schiena. Girandola per sciacquare via il sapone, rimase impreparato quando lei gli afferrò il pene inerte e iniziò ad accarezzarlo dolcemente.

“Unngh! Mi ha colto di sorpresa, amante. Ma, se è per il mio bene, un po' più veloce, per favore?", piagnucolò beffardo. Lei lo guardò, poi sorrise e accelerò i movimenti della mano sul suo cazzo.

“Uhm, papà? Hai dimenticato di finire di sciacquarmi il buco del culo, lo sai. Per quanto ami la sensazione del tuo dito che mi prende in giro, non sono un grande fan delle guance unte. D’altronde non sei tu quello che continua a dirmi che un lavoro che vale la pena fare vale la pena farlo bene?”, ha scherzato.

“Oh, quindi questo spiega perché mi stai prendendo in giro, suppongo? Quindi puoi prendere il mio cazzo duro su per il tuo bel culetto?”, la interrogò Jim con un lampo di umorismo negli occhi. Anita gli avvolse il braccio libero attorno al collo e attirò le sue labbra alle sue, chiedendo con la lingua l'accesso. "Ok ok! Stavo solo scherzando, tesoro!”, si scusò, ma vide la sua espressione diventare semi-seria.

“Uhm, papà? So che non potrei darti la mia ciliegia, per quanto avrei voluto poterlo fare. Ma sei riuscito a prendermi la gola, e se mai volessi seriamente il mio buco del culo vergine, te lo darei anche in un batter d'occhio. Onestamente, non avrei mai pensato di dirlo, ma quando il tuo cazzo mi ha massaggiato il culo stamattina, ho capito che voglio sentirti riempirmi il culo, riempirmi laggiù con quella tua crema calda. Sul serio, lo faccio”.

Jim fece un passo indietro e guardò Anita dritto negli occhi. “Sei serio, vero? Vorresti davvero farti scopare il culo, letteralmente! Hmm, non ho mai preso una donna per il sedere, ma del resto non mi è mai stato presentato un fondoschiena così carino come il tuo. Se l'avessi menzionato prima, forse sarei stato in grado di accontentarti, ma dopo stamattina avrò bisogno di una stecca sul mio cazzo finché non si sarà ripreso! Credo che tu mi abbia fatto impazzire per il resto della giornata! Beh, almeno fino all'ora di andare a dormire. Ma sì, quando sarai pronta, sarò onorato di prendere l'altra tua ciliegia, tesoro".

Anita stava ancora facendo scivolare lentamente la mano su e giù per tutta la lunghezza della sua asta, ma ad un ritmo che sembrava rilassante e piacevole senza pretendere che diventasse eretta. È stata una sensazione meravigliosa e piacevole. Jim ricambiò accarezzandole leggermente le labbra esterne della figa, sia nel punto in cui si univano, sia lungo i bordi esterni. Proprio come lei non voleva che il suo cazzo si indurisse, lui stava lontano dal suo clitoride altamente eccitabile, e allo stesso modo evitava la tentazione di toccarle la fica. Si avvicinò per appoggiare la testa contro il suo petto, godendosi la morbida luce che il suo tocco impartiva nel suo cuore.

"Mmm, che bello", disse piano. “È rilassante, senza farmi arrapare di nuovo. Sai cosa, papà? Per quanto ami la sensazione del tuo cazzo che mi martella la fica, in questo momento è il tocco perfetto. Solo tu potresti pensare a qualcosa di sensuale del genere. Allora come ho fatto ad essere così fortunato e a trovare il mio amante perfetto? Hmm?".

Jim si chinò e baciò appassionatamente Anita. Voleva essere un amante che si preoccupasse sinceramente della felicità del suo partner più che della sua. La sua mano sinistra continuava a massaggiarle la figa mentre la stringeva a sé con la destra. Erano ad un'angolazione tale che poteva ancora accarezzarlo, e la morbidezza del suo tocco sulla sua verga sembrava paradisiaca.

Quando interruppero il bacio, Anita guardò il cazzo semi-eretto di suo padre mentre scivolava tra le sue dita serrate, per poi tornare di nuovo nei suoi occhi. Nessuno dei due voleva che questo sentimento finisse mai. Ma erano entrambi vagamente consapevoli che la fornitura di acqua calda era limitata. Forse, una volta finito, avrebbero pensato di andarsene, ma non prima di allora.

"Papà? Potrebbe sembrare un po' strano, ma sai cosa mi piacerebbe?", chiese a bassa voce.

«No, ma scommetto che sto per scoprirlo. E, se non è troppo perverso, potrei anche prenderlo in considerazione”, ha risposto.

"Non ridere, ma qualche volta mi piacerebbe vederti mentre ti masturbi". La sua voce era quasi un sussurro con una traccia di preoccupazione che lui si potesse offendere.

“Umm, fammi vedere se ho ragione. Vuoi vedermi accarezzarmi davanti a te? Per quanto? Fino a quando non vengo, o semplicemente finché non mi viene un'erezione pazzesca?".

“Finché non vieni. Il pensiero di vederti pompare il tuo sperma dal cazzo mi eccita. Vedere come appare quando mi riempi di quella crema calda mi affascina. Non lo so, troppo perverso?", cercò di spiegare.

“Uhm, no, non proprio. Voglio dire, dopo gli ultimi due giorni, mi sembra uno spreco di un orgasmo perfetto, ma se guardarmi ti eccita, lo farei felicemente per te. Ma. C’è una condizione”.

"Cos'è quello?", chiese in un sussurro incerto.

“Tu unisciti a me. Mi guardi mentre io ti guardo. C'è qualcosa di eroticamente eccitante nel guardare una donna che si tocca lo sperma. Immagino che sia la stessa cosa che ti ecciti vedendomi mentre mi masturbo", ha interrogato.

"Vuoi dire che lo farai?", il suo tono era inondato di incredulità.

"Sicuro. Ma non adesso. Se vuoi vedermi scattare, le mie povere palle logore hanno bisogno di tempo per riprendersi e ricaricarsi prima! Nelle ultime 24 ore, probabilmente mi hai fatto venire più di quanto abbia fatto negli ultimi 24 mesi! Non fraintendermi. Non mi lamento, ma un vecchio come me finisce per perdere allenamento. Diavolo, se devo cercare di tenere il passo con una semi-ninfomane di 19 anni, forse dovrei allenarmi regolarmente!".

"EHI! Mi piace quell'idea! Magari potrei essere l'allenatrice ufficiale?”, squittì con eccessivo entusiasmo.

“Ughh! Dov’è l’acqua fredda quando ne ho bisogno?”, brontolò beffardo. Proprio mentre le parole uscivano dalla sua bocca, poterono sentire la temperatura dello spray che cominciava a scendere.

“Stronzo!”, imprecò. “Lo hai fatto deliberatamente! Me ne vado di qui, prima che mi congeli il culo!”.

“Oh, tesoro! Non ti congelerei il culo! Ti sta così bene, lo sai! Inoltre, se lo avessi fatto, cosa mi sarebbe rimasto da scopare?", la prese in giro mentre chiudeva l'acqua e usciva dal box. Afferrando un asciugamano, l'avvolse dentro, poi cominciò ad asciugarla delicatamente. Quando ebbe finito, le diede una pacca affettuosa sul sedere, poi disse che gli piaceva la panna, ma senza zucchero, nel caffè. Oh, e forse avrebbe voluto pensare di mettersi la vestaglia, dato che faceva ancora un po' freddo in casa. Nella fretta di raggiungerla sotto la doccia, si era dimenticato di alzare il termostato.

Nonostante fosse domenica, decisero di dedicargli una giornata di pulizia e di occuparsi di alcune faccende domestiche che erano state trascurate. Anita tolse entrambi i letti e lavò le lenzuola, raccogliendo anche il resto del bucato. Lavò anche il bagno in modo che fosse pulito come una sala operatoria. Jim passò l'aspirapolvere per ogni centimetro quadrato della casa, lavò, asciugò e ripose tutti i piatti, poi affrontò l'erba e le erbacce all'esterno. Quando arrivarono le 4:00, avevano portato a termine ciò che si erano prefissati, Anita offrì a suo padre un caffè. Mentre lui si sedeva al tavolo, lei gli chiese di alzarsi, poi gli passò la mano sul cazzo. Chiedendole cosa stesse facendo, lei, ridendo, rispose che aveva bisogno di un po' di panna per il caffè! Jim rise sommessamente della battuta, le diede una pacca affettuosa sul sedere e si rilassarono al tavolo per mezz'ora scambiandosi i dettagli dei lavori che avevano portato a termine durante la loro sfrenata pulizia. Arrivò l'argomento di cosa mangiare per cena, poiché nessuno dei due ci aveva pensato molto. Jim si ricordò che c'erano un paio di bistecche nel congelatore e suggerì di scongelarle. Accendeva il barbecue e li grigliava. Anita era assolutamente favorevole a quell'idea, poiché avrebbe ridotto il numero di piatti che avrebbero dovuto essere lavati dopo.

Dopo la pausa, Jim ripose tutta l'attrezzatura da giardino, poi aiutò sua figlia a finire l'ultimo lavoro interno. Il posto sembrava immacolato e persino Anita, che tendeva ad essere una governante esigente, era orgogliosa dei loro risultati. Mentre riordinavano le ultime parti del seminterrato, suggerì che suo padre era in ritardo per una doccia.

“Uff!”, gli disse. «Hai l'odore di un cavallo che ha corso tutte e sei le gare! Porta il tuo culo di sopra e toglimi quella puzza dal naso!”, lo rimproverò.

"Sì? Beh, anche tu non sei Miss Chanel, signorina!”, ha sottolineato. “Ma ho un’idea che potrebbe farci risparmiare acqua. . .", Ha aggiunto.

Anita accettò il suo invito e corse su per le scale. Jim la seguì, ma non alla sua velocità vertiginosa in alcun modo. Tutto il lavoro che aveva svolto all'aperto aveva prodotto dolori muscolari di cui aveva dimenticato addirittura l'esistenza. Quando ebbe preso dei vestiti puliti e si fu tolto quelli vecchi, Anita fece scorrere l'acqua e stava aspettando che lui si unisse a lei. Il calore faceva bene ai muscoli doloranti, ma lei aveva in mente un altro muscolo da esercitare. Accarezzando dolcemente il cazzo flaccido di Jim, la sua mente sembrava essere altrove.

"Tesoro, non abbiamo avuto questa conversazione stamattina presto?", ha detto Jim ricordando quanto era stato bello quando lei gli aveva accarezzato il pene prima di colazione. L'attenzione di sua figlia tornò lentamente al qui e ora mentre alzava gli occhi dal suo cazzo al suo viso.

“Papà, ricordi cosa ti ho chiesto stamattina?”, chiese.

"Umm, intendi seghe?", ricordò mentre lei continuava a concentrarsi sul suo organo del piacere.

"Sì", gli ricordò. "Il pensiero di guardarti mi ha fatto arrapare un po', e mi chiedevo se vuoi ancora andare fino in fondo?", ha chiesto.

“Certo, ma adesso?”, ha chiesto.

«No, a meno che tu non lo voglia. Ma magari stasera, dopo cena, qualche volta?».

«Vedremo, tesoro. Ma hai ragione, dovrebbe essere dopo cena. Avrò bisogno di tutta l’energia possibile! Voglio dire, il fatto di masturbarsi può assomigliare molto al lavoro, lo sai!", ha scherzato. Il calore dello spray era così piacevole mentre i suoi muscoli stanchi si rilassavano che il pensiero di fare l'esibizionista faceva fatica a stabilirsi nella sua mente. La visione di sua figlia che si dava piacere gli venne in mente, e poté sentire il sangue iniziare a ingorgare la sua virilità. Forse non era un’idea così strana, dopotutto.

La cena consisteva in bistecche alla brace, patate al forno, pane all'aglio e insalata. Entrambi hanno apprezzato il pasto, poi si sono spostati sul ponte sul retro per sorseggiare l'ultimo vino rosato e rilassarsi in reciproca compagnia. Quando la temperatura della sera cominciò a scendere, entrarono e si sdraiarono sul divano, con Jim che metteva un braccio intorno alle spalle di sua figlia e la teneva stretta a sé. L'odore dei suoi capelli era inebriante mentre si rannicchiava sul suo petto, il braccio destro avvolto attorno al suo stomaco mentre l'altro cercava il calore della sua schiena. La baciò interrogativamente sulla sommità della testa, e lei reagì chinandosi per cercare le sue labbra. Quando la sua richiesta fu soddisfatta, si accese in una fiammata di passione, trovando quasi impossibile resistere al desiderio di cercare la lingua di suo padre e ingaggiarlo in un duello di lussuria.

Jim stava avendo le sue tentazioni, a cominciare dal seno di Anita. Con la mano sinistra cercò e trovò il seno destro mentre le faceva scivolare la mano sotto la maglietta, oltrepassando i confini del reggiseno e conquistando il rigonfiamento della sua rotondità all'apice del capezzolo. La sua vittoria fu completa quando quel capezzolo si indurì in segno di capitolazione al pollice e all'indice mentre lo torceva e lo stuzzicava leggermente. Il gemito di gioia di Anita gli fece chiedere se fosse davvero lui il vincitore, o solo un’altra pedina catturata nel suo gioco di lussuria e amore. Ma quando la sua mano scivolò lungo il suo stomaco e gli stabilì una fortezza in cima alla coscia, a lui non importò molto. Il suo cazzo indurito fece un coraggioso tentativo di diventare uno stendardo di battaglia, uno stendardo che lei prontamente soffocò con le sue mani morbide e calde mentre dichiarava il suo dominio. Era una battaglia che era assolutamente disposto a perdere. Ma c'erano anche altri ambiti che mi venivano in mente e che necessitavano di essere coinvolti, e Jim le passò la mano lungo il ventre fino alla giuntura delle cosce. Non è stata una grande battaglia, però. Anita cedette quasi immediatamente alla sua mano e alle sue dita invadenti. Il suo dito le strofinò la fessura all'esterno dei pantaloncini color kaki mentre ispezionava il bottino del suo tesoro come un generale vincitore. Anita piagnucolò la sua resa, ma mantenne la sua battaglia per la supremazia nella guerra nel suo stesso inguine. Dopo aver sopraffatto le tiepide difese del suo cazzo contro il suo esercito di dita in cerca, iniziò un nuovo attacco, facendo scivolare la mano verso il basso per rivendicare la vittoria totale della prigione delle sue palle. La sua sconfitta fu definitiva e senza resistenza. Quando lei oltrepassò gli ultimi confini dei suoi pantaloni e pantaloncini, lui gemette rumorosamente per dare il benvenuto alle sue truppe di conquista, alzando i fianchi per significare la resa totale agli invasori. Anita approfittò appieno della sua vittoria, saccheggiando le ultime vestigia delle sue difese mettendo a nudo il bottino del suo attacco.

In un'ultima disperata manovra di ritorsione, Jim ha slacciato il bottone in cima ai pantaloncini di Anita e si è agganciato alla cintura sia dei pantaloni che delle mutandine, superando facilmente ogni possibile resistenza da parte degli occupanti. Con quella scaramuccia al suo attivo, ha avviato un altro attacco alla sua fortezza della lussuria, spingendo il dito in profondità nella sua fica mentre cercava di sopraffare il trono della lussuria che era il suo punto G. Fu una vittoria vana, tuttavia, poiché non vi fu praticamente alcuna resistenza alle sue avances e il viale verso il trono di lei si arrese con troppo entusiasmo alla sua avanzata carica. Per enfatizzare quella vacuità, le sue pareti non solo si fecero da parte per consentire il progresso del dito che catturava, ma sembravano incoraggiarlo mentre svolazzavano e afferravano l'invasore, trascinandolo sempre più dentro. Il suo rovesciamento delle difese erogene del suo punto G fu accolto con un applauso sotto forma della sua inspirazione ansimante mentre il suo trono cadeva completamente sulla sua lancia. Beh, aveva vinto la battaglia, ma la sua testa di cazzo, ora bagnata dall'attacco di lei al suo buco dello sperma e al pre-cum, indicava che sicuramente non aveva vinto la guerra! Il suo castello natale è stato sconfitto e le sue dolci cure sul suo sacco di noci gli hanno detto che la sua difesa era stata completamente superata dall'avanzata del suo esercito di cifre!

La sconfitta della fica di Anita fu sostituita dalla sua danza della vittoria contro il dito giocoso di Jim mentre vorticava e volteggiava dentro di lei, la punta del suo dito che stuzzicava le creste del suo punto G. Incoraggiò felicemente la sua danza della vittoria, spingendo forte la sua figa contro la sua mano. Mentre l'accelerazione del suo respiro veniva aumentata dalla sua superficialità, e accentuata dalla sua conseguente irregolarità, Jim anticipò il suo climax in sospeso, aspettando con impazienza di essere ricompensato con un brindisi del suo dolce sperma per la sua approvazione. Proprio mentre stava per esplodere, inaspettatamente gli ha tolto la mano dalla figa, poi ha risposto al suo sguardo interrogativo posizionandola sulla sua asta e facendo scivolare la sua sul pube.

"Accarezzalo papà", sussurrò. “Fallo sgorgare per me! Dio, voglio vederti mentre ti fai le seghe! Unnggh!”.

Jim acconsentì alla sua richiesta e cominciò a far scorrere il pugno su e giù lungo il cazzo con movimenti lenti e deliberati. Lei rispose facendo scivolare le dita sul pelo della figa e sulle labbra esterne, allargandole per esporre a lui la sua protuberanza gonfia. Gli occhi di Jim si fissarono sulla visione della sua figa aperta in mostra. Lentamente Anita cominciò a strofinarsi, spalmando i suoi succhi sul punto sensibile. Come per aumentare il suo esibizionismo, il suo dito indice si è immerso in modo suggestivo nella fica alla ricerca di altro lubrificante, per poi tornare al suo posto originale sul suo bottone dell'amore. L'effetto su suo padre rese il suo cazzo duro ancora più duro e lo sguardo di Anita si fissò sulla vista della sua masturbazione.

"Dannazione, mi fa arrapare!", ringhiò incoraggiandolo. “Ho sempre desiderato vedere un ragazzo che si masturbava, ma non avrei mai pensato che sarebbe stato così sexy! Fammi vedere! Fammi vedere come ti concedi un orgasmo! Papà, fallo venire!", e il suo dito scomparve nel tunnel dell'amore alla ricerca del punto G recentemente liberato.

La vista di lei che si toccava eccitava suo padre più di quanto si aspettasse, facendo sì che la sua mano si muovesse più velocemente su e giù per l'asta del pene palpitante. Voleva vedere il suo sperma esplodere dal buco e lui si sentiva incapace di rifiutare la sua richiesta! Se farsi una sega per sua figlia le desse piacere, lui pomperebbe volentieri il suo cazzo per lei in qualsiasi momento! Con rinnovato entusiasmo, si è accarezzato il cazzo con il desiderio crescente di farle una doccia che lei apprezzerà!

“Tesoro, fammi venire la fica per me! Fammi vedere come schizzi i succhi della tua ragazza!". Non poteva credere quanto lo rendesse arrapato non solo tirare il pud davanti a sua figlia, ma anche guardarla mentre si scopava profondamente! Questa è stata una dimostrazione di pura lussuria animale combinata con un travolgente bisogno di raggiungere l'orgasmo! Ancora più importante, la parte esibizionista di tutto ciò sembrava molto più eccitante che segarsi da solo!

"Papà! Sta succedendo! Dio, la mia fica sta impazzendo! Hai reso il mio clitoride così sensibile e ora non riesco a fermarmi! Merda, sborrerò, spruzzerò i miei succhi per te! Vieni con me! Fammi vedere come sgorga il tuo sperma! F-u-u-u-u-c-c-k-k-k! Sono c-c-u-u-u-m-m-i-i-i-n-n-n-g-g-g!", e con questo il suo corpo cominciò a tremare, anche se costrinse i suoi occhi a rimanere concentrati sul cazzo duro di suo padre, bramando la vista del suo seme che esplodeva dal suo buco dello sperma e nell'aria! Il suo lussurioso discorso era tutto ciò che Jim si pompò in modo più insistente mentre le sue palle si stringevano e spingevano il carico enorme di cum sul suo albero. In risposta ai suoi motivi, ha fatto esplodere una corda lunga del suo appiccicoso appiccicoso fuori dal suo cazzo! Dopo aver raggiunto l'altezza del suo tentativo di superare la gravità, la sua crema ha inarcinato la sua traiettoria sulla parte superiore del torace.

"Fanculo! Sono cremoso, piccola! Il mio cazzo duro scaverà, solo per te! ”. Non riusciva a credere a quanto voleva che lei lo vedesse venire! La pressione nel suo cazzo sembrava quasi che potesse romperlo e non gli importava! Una seconda corda calda bianca lasciò il suo cazzo, unendosi al primo sul suo petto, e la vista non fu persa su Anita. Le sue dita volarono dentro e fuori dalla sua fica, diventando quasi una sfocatura mentre costringeva il suo climax sempre più in alto! L'attenzione di Jim è stata affidata al flusso pulsante dei suoi succhi bianchi schiumosi che sgorgavano dal suo buco, sfuggendo oltre il passaggio restrittivo che le sue labbra interne hanno tentato di erigere. Poteva solo vedere lo stato eccitato del suo clitoride mentre il suo pollice lo massaggiava avanti e indietro, e la sua importanza gli faceva venire voglia di venire a ritmo con le dita lampeggianti e il pollice. In risposta al suo desiderio, un terzo e quarto batuffolo sparò dalla testa di cazzo, atterrando sulla pancia e estraendo un gemito di approvazione da Anita. I suoi occhi furono costretti il ​​più aperti possibile, con un film glassato di lussuriosa fame che copriva la loro attenzione. Mentre l'ultimo scatto dal cazzo di Jim si confondeva tra essere uno scatto o un dribbling, Anita perse la concentrazione, gettò la testa indietro e urlò estaticamente mentre colpiva la cima della sua ascesa. La vista del geyser sgargiante di suo padre ha sovraccaricato i suoi sensi mentre l'eruzione inquietante del suo orgasmo ha consumato il suo stesso essere!

Mentre il massaggio maniacale della sua fica si rilassava, si rifocò sul pugno ancora affascinante di suo padre avvolto attorno al suo cazzo. Sebbene si fosse ancora massaggiato da una punta alla base, mungendo le ultime gocce della sua miscela da bambino da dentro di lui, aveva rallentato abbastanza che la sensibilità del suo cazzo non si stava sovrastimolando. I suoi occhi erano ancora affidati sul flusso sfuggendo alla fica di sua figlia mentre l'ultima delle sue ragazze scorreva lungo il suo culo e sul cuscino del divano. Merda, deve avere la stessa forza che aveva fatto! Il pieno impatto della loro mostra erotica cominciò a penetrare nel suo cervello sovraccarico, accendendo il suo riconoscimento di aver, in effetti, amava guardare sua figlia scopata di dita mentre pompò la puntura per lei! Dallo sguardo sul suo viso, avrebbe potuto divertirsi anche più di lui!

Nonostante un ardente desiderio di mantenere il silenzio che ha mantenuto il loro bagliore post-masturbatorio, Anita gemette con un tentativo di riguadagnare una certa parvenza di calma. Jim ha salvato l'energia per convincere il suo corpo che era giusto respirare di nuovo e la sua frequenza cardiaca per rallentare a una velocità inferiore alla luce.

“Cazzo, papà, era selvaggio! Non ho mai avuto così forte le dita in vita mia! Se avessi saputo che vederti crema avrebbe avuto quel risultato, avrei messo una telecamera nascosta nella tua stanza anni fa, per guardarti masturbarti e farmi impazzire così! Merda, vieni sempre così tanto e così difficile? ”, Anita voleva sapere.

"Probabilmente no. Ma vederti spruzzare, la tua fica trasuda ragazza cum in quel modo! Oh! Non ho mai visto nulla di così caldo in vita mia! Questo mi ha fatto lavorare così tanto, mi aspettavo davvero che le mie noci sparassero! Non sono sicuro di quale sia stato più eccitante, guardarti con le dita o farmi guardare a farmi prendere! Cazzo, non mi è mai piaciuto masturbarmi tanto! E tu? Qual è stata la parte migliore per te? ”.

“Penso che mi stesse diffondendo la figa e ti ha mostrato il mio buco della fica, all'inizio. Poi quando ho visto la tua mano scivolare su e giù per il tuo cazzo, mi chiedevo se mi sembrava buono come per me quando ti accarezzo. Ma quando hai fatto esplodere il tuo carico, sono andato in uno stato di sovraccarico! Dio, quando hai sparato a quel primo batuffolo, il mio climax ha colpito come un camion Mack! E poi non sono riuscito a smettere di cumming! Voglio dire, mi piace sentirmi squirt, ma quelli erano così forti, ho pensato di poterti davvero colpire nelle noci! ”. Guardando tra le gambe alla pozzanghera dei suoi succhi di sperma, ha aggiunto: “Cazzo, ho schizzato tutto questo? Merda, è una buona cosa che questo divano è la pelle, o questa stanza avrebbe l'odore di un bordello per settimane! Gesù, devo ripulirlo, ma i miei muscoli sono in sciopero! Papà dannatamente, non posso muovermi! Cosa mi hai fatto, eh? ”.

La letargia di Jim fu aggravata dalla perdita di energia che il suo orgasmo aveva precipitato. Cercò invano di sollevarsi dal divano, ma si arrese alla sua stanchezza proprio mentre la sua spina dorsale stava per perdere il contatto con il braccio del divano. Ha ammesso la sconfitta, informando dolcemente Anita: "Non sei l'unica, dolcezza. Cazzo, solo pensare a muoversi è abbastanza stancante! Merda, devo prendere un panno per asciugare tutto questo jism da me! Immagino che dovrei prenderti anche un paio, eh? Uno per il divano e uno per la tua figa? A meno che tu non preferisca sdraiarsi lì e trasudare la ragazza-cum. Non ho obiezioni! ”, Le ha preso in giro.

“Oh vai via e prendi degli stracci. Intendiamoci, se mai di nuovo così duramente, sarò sullo straccio ogni giorno del mese! Cazzo, ho mai lasciato un campo di battaglia disordinato! ”, Ha riportato a suo padre.

"Hmm. Devi ammetterlo, però, era diverso. Dovremo tenerlo a mente, no? Come forse sulla strada per Lumby Lake? L'auto ha anche sedili in pelle, in modo da poter sgorgare e schizzare il contenuto del tuo cuore. Personalmente, preferirei che odora di succo di figa calda che quell'odore di auto! Cosa ne pensi di quell'idea? ”, Ridacchiò le loro osservazioni di Snide.

"Finché stai guidando e non io", mormorò di nuovo. “Mi rifiuto di essere la causa delle nostre morti perché siamo caduti dalla strada a causa dell'eccessivo orgasmo !! Ovviamente, succhiarti a 60 miglia all'ora potrebbe avere lo stesso effetto. Mi chiedo come il coroner lo avrebbe scritto? Causa della morte: ha morso il suo cazzo! ”.

"Fanculo! Sicuramente sai come ferire un ragazzo! ”, Mortò a lei mentre finalmente raggiungeva una posizione verticale. Guardando l'orologio sul giocatore DVD, ha aggiunto: “Merda santa! Ci stiamo lampeggiando a vicenda per quasi due ore! Non c'è da stupirsi che il mio cazzo sia come se avessi tirato fuori tutta la pelle! ”, Poi si allontanò di sopra per trovare un paio di panni per il viso inumiditi e uno straccio per asciugare il loro appuntamento combinato dal divano.

Una volta che l'ultima delle prove è stata ripulita, entrambi concordarono sul fatto che era, in effetti, il tempo per andare a letto. Jim doveva essere al lavoro entro le 10:00 e Anita aveva lezioni al mattino. Esercitando la maggior parte delle loro energie rimanenti per salire le scale, i due amanti si sono fatti cadere nel letto, appoggiando i loro corpi stanchi qualche istante prima di trascinare le coperte su e sopra.

"Papà? Posso farti una domanda? ”, Chiese dolcemente Anita.

"Certo, finché non devo rispondere fino alla colazione. Ma il tuo desiderio è il mio comando, la tua cornezza. Cosa hai in mente? ", Sussurrò all'orecchio che era accanto alle sue labbra. Erano nella loro consueta posizione del cucchiaio, con la mano sinistra di Jim a coppa appena sotto il mammario corrispondente di Anita, le dita che scorrevano leggermente avanti e indietro attraverso il suo capezzolo ancora eretto.

"Umm, c'è qualche possibilità che tu possa riprenderlo stasera?", Si chiese.

"Devi scherzare con cazzo! Il mio povero cazzo sembra che abbia gestito la Boston Marathon sei volte in un giorno, e tu vuoi che faccia cosa? ", Gemette, poi aggiunse:" Sweetheart, probabilmente potrei alzarlo abbastanza da scoparti ancora una volta stasera, Ma ad essere sincero, il mio cazzo è così sensibile in questo momento che non sono sicuro se potrei farti venire prima che cada ”.

"No, non è quello che avevo in mente, Goof! La mia figa è così sensibile che solo pensare di essere fottuto è doloroso! Avevo solo il desiderio di addormentarmi con il tuo cazzo duro nel culo. Sei pronto per qualcosa del genere? ”, Rifletté.

"Baby, per quanto amo l'idea di prendere la tua ultima verginità rimanente, stasera potrebbe non essere il momento migliore che preferirei aspettare fino a quando mi sento abbastanza forte da piacere a farti piacere con tutta l'attenzione di cui ha bisogno e merita. Puoi aspettare fino a domani sera che ti definisca? ”, Jim la interrogò dolcemente.

"Sì, posso", ha sussultato, "ma mi aspetto un inferno di un culo per la considerazione del differimento, sai! Faresti meglio a essere tutto riposato anche, perché trasuderò il tuo sperma dappertutto a entrambi dopo aver riempito il mio tubo di merda! Potrei anche essere fortunato e farti incollare dentro di me dopo che si è asciugato! ”. Poteva sentire il suo cazzo contrarsi contro le guance del sedere mentre la sua idea suggestiva si è finalmente registrata nella testa di suo padre. La meravigliosa consapevolezza di avere così tanto effetto su di lui è stata l'ultima pensiero cosciente che aveva prima del sonno le ha superato.

Jim mancava completamente la sua risposta. Il sonno lo aveva portato in una terra di lussuria e amorevole con sua figlia, e l'inferno si sarebbe congelato prima che volesse mai lasciare quel posto per il suo ritorno nella terra dei vivi.

Storie simili

I miei figli innamorati di me 2

Sono una madre vergognosa, che razza di mostro sono? Ho lasciato che mio figlio di 16 anni mi accogliesse Prendendo la sua verginità. Mi sono sentito male e da quel giorno non sono più umano Diritto di parlare. Per definirmi madre! Io-potrei dire di no, Il pensiero di perderlo con una puttana trasandata. Ma guarda chi parla, ho fissato il lavandino, sono stato qui 20 minuti. Mi sentivo così triste, triste, avevo già finito di lavare i piatti a che diavolo sto bene adesso? Ho sentito le braccia avvolgermi lo stomaco e curvarle morbide Le labbra mi baciano la testa. Rabbrividii...

350 I più visti

Likes 1

Tia, la mia sexy vicina nera

Tia è una ragazza dalla pelle marrone media sulla trentina che vive accanto a me. Vive da sola, ha un ottimo lavoro in azienda e si veste bene ogni giorno quando va al lavoro. Lei è molto carina, estremamente sexy, ha un bel seno, lunghi capelli neri e fluenti e bellissimi occhi scuri. Mi eccita totalmente ogni volta che la vedo. Ho stretto un'amicizia con lei e ovviamente flirto molto con lei. Adoro il suo sorriso e ha una personalità piacevole. La saluto sempre e di solito le faccio i complimenti per la scelta dell'abbigliamento per la giornata, e talvolta faccio...

365 I più visti

Likes 0

Essere comandato

Naomi Price stava affrontando una crisi non causata da lei stessa, ma che solo lei poteva capire come risolvere. Aveva 38 anni e la sua carriera stava andando bene. Ma sua figlia di 14 anni frequentava una scuola privata. Lei e suo marito avevano divorziato poco dopo la sua nascita. Il suo mantenimento dei figli non aiutava Naomi a sbarcare il lunario. Inoltre, la carriera del suo ex era andata nel serbatoio; lavorava solo part-time e riusciva a malapena a cavarsela da solo. Un anno prima, Naomi aveva collocato sua madre in una struttura di residenza assistita. Anche se era molto...

317 I più visti

Likes 0

Chat room: una vendetta malvagia della fidanzata

Torni a casa dopo una lunga giornata di lavoro; ti togli il cappotto e vai in cucina per una birra. Quando apri la porta del frigorifero, la tua ragazza si avvicina da dietro, coprendoti gli occhi con una benda. Lo lega stretto essendo un po 'ruvido Ho un osso da scegliere con te !! ti scatta contro. 'Ma che...?! Chiedi, alzando la mano per scoprirti gli occhi. Ti dà uno schiaffo sul dorso della mano e ti afferra il polso tirandoti fuori dalla cucina. Essendo bendato sei disorientato e perdi l'equilibrio, quasi inciampando mentre ti trascina su per le scale. La...

1.5K I più visti

Likes 0

Caramel Mocha alla giungla di Giava

Erano passate due settimane dal nostro ultimo incontro. Qualcosa a cui mi ero abituato. Viene ogni due lunedì alla giungla di Java per consegnare una singola scatola di biscotti con gocce di cioccolato dalla panetteria e caffetteria di Vienna di Josef. I biscotti non erano niente di speciale. Il proprietario li vende solo nel nostro negozio perché suo fratello è proprietario della panetteria. Ma l'uomo che li ha consegnati sembrava davvero qualcosa da cui potrei dare un morso... Aveva poco più di 20 anni e si chiamava Miguel. Capelli castano scuro, mossi e occhi nocciola con un'affascinante tonalità verde esterna ma...

861 I più visti

Likes 0

Mio cugino_(0)

Quando avevo 17 anni andai in vacanza con i miei genitori, i nostri zii e le loro due figlie. Mia cugina (emma) che aveva appena compiuto 16 anni il giorno prima flirtava sempre con me e mi divertivo molto. Beh, un giorno tutti erano usciti e avevano lasciato me ed Emma al campeggio. emma indossava una gonna corta grigia ed era sdraiata su un lettino. Quando mi sono seduto ho potuto vedere la sua gonna e ho visto le sue mutande bianche. si è accorta che la guardavo e non ha mai tentato di coprirsi. Invece ha aperto un po' di...

636 I più visti

Likes 0

Giacomo e Maria_(0)

Capitolo 1 Quando i genitori di James hanno detto che sarebbero usciti per la notte, ciò che inizialmente gli era passato per la mente era stato forse afferrare il telecomando della sua PS4 o vedere quanti episodi di House of Cards poteva guardare. Non aveva previsto cosa avrebbe comportato quella notte, ed era lì per il momento della sua vita. Aveva appena preso il telecomando della TV e si era lasciato cadere sul suo grande divano di pelle quando suonò il campanello. Esitò, espirò, poi si alzò in piedi e attraversò il corridoio fino alla porta d'ingresso. Alla porta c'era un...

622 I più visti

Likes 0

Holli e una vela serale

Holli mi ha incontrato all'estremità del molo... e il mio cuore ha perso un battito quando è scivolata alla vista. Era vestita per una serata a bordo della mia barca: semplici sandali da barca, un bel top azzurro e un paio di pantaloncini cachi molto comodi che le dondolavano facilmente sulle curve, accennando a ciò che aveva da condividere sotto. 5'9 con capelli biondi, gambe lunghe e un corpo atletico in forma, Holli era entrato nel mio mondo attraverso un pomeriggio magico che abbiamo condiviso sul lungomare di Vancouver. Questa serata è stata il risultato del mio invito perché ci eravamo...

470 I più visti

Likes 0

Jordan la dea del sesso_(1)

Mi chiamo Jake. Sto scrivendo questo perché non riesco semplicemente a crederci io stesso. Spero che quando avrò finito sarà affondato un po 'meglio. Comunque. Quello che sto per raccontarvi è un momento molto speciale della mia vita. Quando ho scopato Jordan. Jordan è sempre stata la ragazza più sexy della mia scuola e tutti desiderano il suo seno perfettamente formato. Sa che tutti i ragazzi non possono resisterle e si prefigge il suo obiettivo personale di indossare il collo a V più basso possibile, solo per tormentarci. Il resto del suo corpo è altrettanto meraviglioso. Dal suo viso meravigliosamente fottuto...

466 I più visti

Likes 0

Camion su strada capitolo 5

Jill e io siamo arrivati ​​a Boise ID. intorno alle 5 del mattino. Ho rifornito il camion e l'ho parcheggiato. Siamo entrati e abbiamo fatto una buona colazione. Ha detto voleva avermi per dessert ma nel camion. Ed è stato il giorno dell'anale. Mi ha detto che voleva KD nel culo e io che le martellavo la figa. Ho riso e ho detto hai intenzione di infilarti KD nel culo? (KD è Kong Dong) Questa cosa è lunga 18 pollici e spessa circa 3 pollici, un po' più grande di una lattina di birra, Ci puoi scommettere dice. Le ho detto:...

444 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.