Il contratto (incarico di Brittany)

407Report
Il contratto (incarico di Brittany)

IL CONTRATTO



Il mio nome è Bretagna. Ero appena uscito dal college, avevo 22 anni e ho ottenuto il mio primo buon lavoro come apprendista venditore presso un'azienda di medie dimensioni. Il mio lavoro consisteva principalmente nel realizzare materiali di presentazione a supporto degli incontri di vendita. Funzioni di base di supporto al reparto vendite. È un dipartimento ad alta pressione poiché molti degli accordi che stipulano valgono centinaia di migliaia e talvolta milioni di dollari.

Il mio ragazzo, Jared, e io ci siamo conosciuti al college. Ci siamo appena trasferiti insieme e abbiamo intenzione di sposarci tra qualche anno, una volta che le nostre carriere saranno più consolidate. Siamo perfetti l'uno per l'altro! Non riesco a immaginare di stare con nessun altro. Essendo una giovane coppia, lottiamo con i soldi, ma in qualche modo ce la caviamo.

Mike Jones e Richard Collins sono i proprietari dell'azienda. A volte incontrano personalmente i clienti per gli affari più grandi. Sono benvoluti dai dipendenti e cercano di trattarli bene. Tuttavia negli ultimi mesi ci sono stati alcuni tagli.

Cerco di fare il mio lavoro nel miglior modo possibile. Ho sempre avuto una forte etica del lavoro e ho sempre cercato di accontentare i miei datori di lavoro. Un paio di impiegate si comportano un po' gelosamente nei miei confronti. Dopo che alcune persone furono licenziate, una di loro suggerì a un'altra di mantenere il mio lavoro per via del mio aspetto. Mi ha sconvolto un po' quanto possano essere superficiali e gelosi, ma ho cercato di ignorarli.

Nell’ultima settimana ho lavorato a una presentazione molto importante. Sta arrivando Victor Carlucci, il proprietario di una grande impresa di costruzioni. Il signor Jones e il signor Collins terranno personalmente la presentazione delle vendite. Ci hanno informato che si tratta di un accordo estremamente importante e che dobbiamo compiere tutti gli sforzi necessari per garantire che le cose vadano bene.

Arriva il mattino e tutto è pronto. Arriva il signor Carlucci. È un uomo italiano di New York alto e molto chiassoso, il cui corpo ben costruito sembra che abbia trascorso la sua vita nel settore edile. Ha i capelli sale e pepe, lisciati all'indietro e folti baffi grigi. Anche se deve avere quasi 60 anni, è attraente per la sua età.

Il signor Jones presenta alcuni membri del suo staff. Quando arriva da me, tendo la mano per stringergliela. Il signor Carlucci mi squadra dalla testa ai piedi, lo prende e dice “oh…ciao bellissima!” Lui porta la mia mano alle sue labbra e la bacia. Sorrido timidamente. Le sue mani sono ruvide e forti, le mani di un uomo che lavora.

Gli uomini entrano nella sala conferenze e iniziano la presentazione. La mia scrivania è nella stanza principale, ma la sala conferenze è circondata da vetri e posso vedere dentro. La presentazione sembra andare bene.

Il signor Jones esce e dice "Brittany... puoi portare una tazza di caffè al signor Carlucci? Panna e zucchero. “Sì, signor Jones”, rispondo.

Porto il caffè e lo porgo al signor Carlucci. "Grazie bellezza!" lui dice.

“Prego signor Carlucci”, rispondo.

"Chiamami Vic, tesoro", dice.

Sorrido ed esco dalla stanza. Mi guardo indietro mentre me ne vado e lo sorprendo a guardarmi il culo mentre cammino.

Mi siedo alla scrivania e lavoro. Di tanto in tanto alzo lo sguardo verso la sala conferenze. Vedo gli uomini che concludono la riunione e stanno in piedi appena fuori dalla porta continuando a parlare. Riesco a sentire solo un paio di cose che stanno dicendo. Il signor Collins e il signor Jones sembrano un po' preoccupati mentre la conversazione continua. Sembrano intimiditi dal signor Carlucci. “Non mi interessa…troverai un modo per convincerla” sento ringhiare il signor Carlucci con la sua voce burbera.

Gli uomini si stringono la mano e il signor Carlucci va ad andarsene. Lui mi guarda, sorride e fa l'occhiolino mentre esce.

Jones e Collins continuano a parlare per qualche minuto vicino alla porta della sala conferenze. Sembrano seri e mi guardano un paio di volte.

Alla fine, il signor Jones si avvicina alla mia scrivania. "Brittany... possiamo scambiare due parole nel mio ufficio?" Sembra serio. Mi chiedo cosa potrebbe succedere!

“Certamente signor Jones” rispondo e lo seguo. Jones, Collins e io andiamo nel suo ufficio. Entriamo e Collins chiude la porta dietro di noi. "Per favore... siediti", dice Jones, indicando la sedia davanti alla scrivania. "Acqua?" lui chiede. “No grazie”, rispondo nervosamente. Gli uomini si scambiano sguardi.

Jones è seduto dietro la scrivania e Collins è seduto sulla sedia accanto a me. "Brittany..." inizia il signor Collins, parlando lentamente e deliberatamente. "Probabilmente sai che l'azienda è stata in difficoltà negli ultimi due anni..." "Abbiamo dovuto licenziarne dozzine." Parla con un certo grado di rassegnazione nella voce. "Questo accordo con il signor Carlucci... se andrà a buon fine... salverà l'azienda." Lui continua.

Guarda Jones. "Sì... tutti coloro che lavorano qui fanno affidamento su di noi per il lavoro", aggiunge Jones. "Le loro famiglie... i loro figli." Collins dice. “L'affare vale 50 milioni in 5 anni” dice Jones.

"Quindi... puoi capire... quanto sia importante... concludere questo accordo." Jones continua.

“Va bene…” rispondo, curiosa di sapere perché mi dicono tutto questo.

"Sig. Carlucci vuole che vengano apportate alcune modifiche al contratto... che faremo oggi. Collins dice. Dopo una lunga pausa. “C’è qualcos’altro…” continua lentamente. Guarda Jones.

"Vuole... che tu... porti stasera il contratto rivisto nella sua camera d'albergo per firmarlo." dice Jones, un po' a bassa voce.

"Uhm...perché io?" Chiedo.

Gli uomini si guardano per qualche secondo. "Brittany..." dice Collins. "Siamo pronti a pagarti una commissione se l'accordo si conclude." fa una pausa. "Centomila dollari."

Resto seduta a fissarlo sconvolta, senza sapere come reagire. "Guarda...Brittany..." dice Jones lentamente. “È importante che tu capisca…per ovvi motivi… che tutto ciò che ti chiediamo di fare è… ehm” si schiarisce la gola, “…convincere…”

“Sì…convincere…Carlucci a firmare il contratto”, interviene Collins.

Comincia a capire perché mi offrono così tanti soldi... cosa vogliono che io faccia e cosa probabilmente Carlucci vuole da me. Resto lì seduto in un silenzio sbalordito.

"Lo so... lo so..." dice Jones, sospirando leggermente. "La realtà del mondo è che... gli uomini potenti ottengono ciò che vogliono... basti pensare a tutte le persone che fanno affidamento su questa azienda per avere successo." Fa una pausa per qualche secondo. "Prenditi un lungo pranzo... pensaci su." «Questo pomeriggio metteremo tutto per iscritto. Così come il nuovo contratto da fargli firmare”.

Ci alziamo e usciamo dall'ufficio di Jones. Me ne vado, non sapendo cosa dire. Torno alla scrivania, prendo la borsa e vado a pranzo.

Riesco a malapena a mangiare, la mia mente corre. Così tanti soldi!! Cambierebbe la vita! Ma cosa vuole in cambio il signor Carlucci? Forse vuole solo la mia compagnia?? Vorrei poter essere così ingenuo. Certo che vuole fare sesso! Ma come posso farlo? Non posso tradire il mio ragazzo. E il signor Carlucci è tanto più vecchio!

Mi prendo il mio tempo e finalmente torno in ufficio. Il signor Jones mi dà il documento firmato che mostra che otterrò la commissione se l'accordo si conclude. Ha anche una valigetta con il contratto rivisto da far firmare al signor Carlucci.

Mi guarda preoccupato chiedendomi cosa farò. Guardo la valigetta per qualche secondo poi la prendo lentamente. Non guardo nemmeno Jones mentre dico a bassa voce "Glielo farò firmare".

Mentre mi allontano Jones dice “Brittany…. Grazie."

Parto con la valigetta e torno a casa. Lo lascio in macchina ed entro dove Jared mi aspetta. Parliamo un po' delle nostre giornate. Cerco di comportarmi normalmente anche se l'unica cosa a cui riesco a pensare è... il contratto.

“Le ragazze in ufficio mi hanno invitato a bere qualcosa stasera”, dico a Jared.

"Oh che bello!" lui dice. "Sarà bello per te andare e legare con loro."

“Sì... lo farà”, rispondo a bassa voce.

Più tardi inizio a prepararmi. Faccio la doccia, mi rado le gambe e mi taglio i peli pubici. Lo rado un po' più del solito, lasciando solo un piccolo triangolo biondo e sexy.

Esco dalla doccia e scelgo il mio outfit. Ho indossato i miei slip perizoma in raso rosa Victoria Secret. Una piccola ondata dorata mi pervade, dato che li ho indossati solo per Jared. Se tutto va bene, dopo stasera sarà ancora l’unico.

Scelgo una minigonna in ecopelle nera e un top bianco a maniche corte che lascia intravedere un po' la mia pancia. Sembro un po' una studentessa. Forse Carlucci avrà pietà di me e firmerà semplicemente il contratto.

Ho messo un rossetto molto rosso e molto lucido. Forse vedrà quanto è perfetto il mio rossetto e non vorrà rovinarlo.

È ora di andare e do a Jared un piccolo bacio sulle labbra, per non disturbare il mio rossetto. “Non aspettare alzato” gli dico.

Guido fino all'hotel dove alloggia Carlucci. Per diversi minuti rimango seduto in macchina nel parcheggio. Cerco di trovare il coraggio di entrare. Scenario dopo scenario mi attraversa la mente. Voglio disperatamente che firmi, ma non sono sicuro di essere disposto a fare qualsiasi cosa per convincerlo. Immagino che posso sempre andarmene se non mi sembra giusto.

Finalmente trovo il coraggio di entrare. Entro nell'atrio, vado all'ascensore e *********** l'attico. Va all'ultimo piano ed esco dall'ascensore. C'è solo una porta su quel piano e io resto fuori e mi fermo per quella che sembra un'eternità.

Alla fine busso timidamente alla porta. Dopo poco risponde il signor Carlucci. "Bretagna!" dice con una voce tonante e chiassosa e un grande sorriso.

"Sig. Carlucci”, dico timidamente, sorridendo.

“Chiamami Vic…. Entra, entra” dice con il suo forte accento italiano newyorkese.

È vestito in modo molto casual con una maglietta e pantaloncini. Entro e lui chiude la porta dietro di me. “Wow, guardati! Sei sexy da morire!" dice, squadrandomi dall'alto in basso.

“Grazie” dico con un sorriso timido.

“Entra, mettiti a tuo agio” dice... mettendomi una mano intorno alla vita e conducendomi nella stanza principale della suite dell'attico. La sua grande mano è così ruvida sulla mia vita nuda.

"Siediti, mettiti a tuo agio, ti offro da bere." "Ti piace il vino rosso?"

“Sì, grazie” rispondo.

C'è un enorme divano componibile al centro dell'enorme soggiorno della suite, con un tavolino da caffè al centro. Mi avvicino e mi siedo. La stanza è un po' scarsamente illuminata. Tiro fuori il contratto e lo stendo sul tavolino.

Carlucci esce con il mio bicchiere di vino, me lo porge e posa la bottiglia sul tavolino. Vede il contratto “Ehi ehi, che fretta c'è? Tanto tempo per gli affari."

Si siede vicino a me sul divano, il suo corpo è girato per metà verso di me. Bevo un bel sorso di vino. È così vicino che riesco a sentire l'odore della sua colonia, ha un profumo davvero buono. "Quindi... dimmi... ti piace lavorare per Collins e Jones?"

“Sì... sono molto carini” rispondo.

“Sono deboli…. Bravi ragazzi, ma deboli... Negli affari bisogna essere spietati." ringhia.

Prendo un altro grande sorso di vino. Cercando disperatamente di rilassarmi. È così burbero e intimidatorio. Vede che ho già quasi finito il bicchiere e dice “lascia che te ne versi ancora un po'”, e versa altro vino nel mio bicchiere.

"Grazie" rispondo a bassa voce mentre bevo un altro grande sorso.

"Quindi sei sposata? Fidanzato?"

“Ho un fidanzato”, rispondo

"Qual è il suo nome"

“Jared”

"È un ragazzo molto fortunato!"

“Grazie”, rispondo timidamente.

Guardo le sue mani. Ha un anello nuziale. Penso a me stesso. Forse andrà tutto bene. Faccio un respiro profondo, cercando di rilassarmi.

Parliamo un po'. Mi chiede cosa ho studiato, da dove vengo... ecc.

Dopo un po', lui si avvicina un po', mi mette un braccio intorno alle spalle e inizia a massaggiarmi dolcemente la spalla con la punta delle dita.

"Sei davvero una bellissima ragazza, Brittany."

“Grazie” rispondo, a voce molto bassa, forzando un sorrisetto.

Inizia a strofinarmi dolcemente il braccio più vicino a lui con il dorso delle dita. Dopo un po', mi avvicina ancora di più. Resisto appena leggermente.

"Ehi ehi, non voglio renderti nervoso, vero?" chiede, incredulo.

"NO…." rispondo nervosamente.

"Non devi essere..."

“Sono un grande gattino”, dice, cercando di usare una voce suadente.

"A meno che non sia arrabbiato... beh... allora tutte le scommesse sono annullate."

Certamente non voglio incrociarlo! Il pensiero mi entra in mente. E se non riesco a farlo e cambio idea, e se si arrabbia?

Guardo il contratto sul tavolino. Non lo so... la mia mente corre... $100.000...

Fa scivolare la mano sulla mia gamba nuda e inizia ad accarezzarmi l'esterno della coscia, proprio sotto la minigonna.

“Hai le gambe più morbide e sexy, tesoro”, sussurra. Mi avvicino molto al mio orecchio.

Fa scivolare la mano su e giù lungo la mia coscia e sopra il fianco. Sento il suo respiro sull'orecchio, sul collo e sulla parte nuda della mia spalla.

"Spero che non ti dispiaccia se ti tocco un po'", dice.

“Va tutto bene…” rispondo, quasi in un sussurro.

"Voglio dire... ovviamente non saresti qui se fosse un problema", fa una pausa, "Sai come funziona." un accenno di affari nella sua voce.

Mi spazzola indietro i capelli biondi, esponendomi il collo. Sento le sue labbra iniziare a baciarmi dolcemente l'orecchio e poi scendere fino al collo. Sento i suoi baffi ruvidi e il suo alito caldo.

Sono congelato... Le sue forti mani da lavoratore sentono il mio corpo e accarezzano la mia liscia parte esterna della coscia. Le sue labbra baciano la pelle delicata della parte posteriore del mio collo e della parte nuda della mia spalla. Fino a quel momento mi ero illuso di pensare che non si aspettasse necessariamente del sesso. Comincio a venire a patti con il fatto che certamente lo fa.

Riesco a malapena a respirare. Combatto disperatamente le lacrime che sento iniziare a salire nei miei occhi. Li tengo semplicemente chiusi.

Lui allunga la mano, mi prende il mento e lo tira verso di sé. Comincia a baciarmi dolcemente sulle labbra. I suoi baffi sembrano ruvidi sul mio labbro superiore. Fa scivolare la mano che mi circondava fino alla mia vita e mi attira fermamente contro di sé, premendo appassionatamente le sue labbra contro le mie, guidandomi ad aprirle. Non ho altra scelta che obbedire e aprire la bocca quel tanto che basta per fargli scivolare dentro la lingua. Metto le mani sul suo grande petto. È molto muscoloso. Posso sentire quanto è peloso il suo petto, anche attraverso la maglietta. Agisce con la sua lingua in modo aggressivo e appassionato attorno alla mia.

Fa scivolare la mano che mi accarezzava l'esterno della coscia fino all'interno della coscia, proprio sotto la minigonna. Mi stringe con decisione la coscia e la tira verso di sé allargandomi appena un po' le gambe. La sensazione del suo bacio alla francese, la forza delle sue mani ruvide sul mio corpo e sulla mia coscia, l'odore della sua piacevolissima colonia suscitavano una risposta involontaria. Sento un leggero gonfiore delle labbra interne e del clitoride. Mi rendo conto che sto iniziando a bagnarmi.

Mi viene voglia di piangere ancora di più perché il mio corpo mi tradisce in questo modo. Queste cose, in circostanze normali, sarebbero eccitanti. Il mio corpo non conosce la differenza!

Comincia a baciarmi il mento e poi bacia dolcemente e succhia il mio collo delicato. Fa scivolare lentamente la mano dal mio interno coscia e dall'altra parte del mio corpo. Fa scivolare lentamente le dita sotto la mia maglietta e fa scivolare la mano sul mio seno nudo. Gli dà una stretta decisa. Emetto un piccolo sospiro perché ora una parte profonda del mio cervello si sta schierando con il mio corpo. Respiro pesante e profondo, tremando. Sento il mio capezzolo gonfiarsi e sporgere sotto la sua grande mano.

Mi bacia di nuovo sul collo, sul mento e di nuovo sulle labbra. Mentre mi bacia alla francese, muovo la bocca e la lingua di conseguenza, terrorizzata dall'idea di non farlo.

Fa scivolare la mano via dal mio seno, facendola scivolare tra le mie cosce che ora sono strettamente chiuse. Cerca di infilarlo più in alto tra le mie gambe, sotto la minigonna. Mi irrigidisco e lascio uscire un timido, tranquillo, ma acuto, "no"... "no". Spingendo leggermente contro il suo grande petto.

Si ferma e mi attira a sé con decisione con la mano che ho intorno alla vita. Un po' all'improvviso e in modo aggressivo, come per dimostrare la sua forza. L'improvvisa cosa mi sorprende un po'. Avvicina la bocca al mio orecchio. "Brittany... tesoro", mi sussurra all'orecchio, con una punta di disapprovazione nella voce, "Se vuoi qualcosa da me... allora devi darmi quello che voglio."

Fa una pausa per qualche secondo, come per far sì che ciò che ha detto venga assorbito. Sento una lacrima scorrere lungo la mia guancia. È così forte. So per certo che non avrei modo di scappare se ci provassi. Poi mi bacia il collo appena sotto l'orecchio. Fa scivolare la mano più in alto sulla mia coscia. Allargo timidamente le gambe, temendo di dispiacergli ancora.

Le sue grandi dita raggiungono le mie mutandine di raso. Comincia a strofinarmi brutalmente la figa. Il mio corpo continua a tradirmi. La sensazione molto sessuale di lui che preme le sue grandi dita contro la mia figa, stringendola e strofinandola in piccoli cerchi, fa pulsare e gonfiare le mie labbra. Respiro pesante e profondo.

Mi tira da parte le mutandine e fa scivolare la punta del dito medio tra le mie labbra, ora molto lisce. La punta del suo dito scivola facilmente su e giù tra di loro.

"Ohhh Brittany... ti ho bagnata, vero tesoro?", mi sussurra lentamente all'orecchio.

"Mm" strillo piano.

Il suo dito scivola su e giù per la mia fessura. Poi fa scivolare il suo grosso e ruvido dito medio in profondità nella mia vagina. “Oh...oh...oh...lentamente” imploro timidamente.

Comincia lentamente a far scorrere il dito dentro e fuori. Solo un po. Mi bacia appassionatamente. Sento che la mia lubrificazione aumenta drammaticamente mentre mi tocca un po' più forte. Ancora dentro e fuori solo un pochino. Le sue nocche premono contro la mia figa. Sa davvero cosa sta facendo!

Sento un'altra lacrima scorrere lungo la mia guancia. Mi pento di quanto sono stupido anche solo per venire qui! Adesso non mi resta che accettarne le conseguenze. Il mio corpo è così sessualmente eccitato adesso. Il suo grosso dito nella mia vagina è così erotico e odio il mio corpo per questo.

Mi bacia e mi tocca per quelli che sembrano diversi minuti. Poi mi sussurra all'orecchio "Voglio assaggiare la tua figa Brittany". Fa scivolare fuori il dito e fa scivolare entrambe le mani sulla minigonna fino ai fianchi cercando le mie mutandine. Li trova e inizia a tirare lentamente. Allo stesso tempo, tiro il sedere verso il bordo del divano. Le mie mutandine scivolano via e lui le fa scivolare lungo le mie lunghe gambe fino ai talloni. Si toglie anche loro e li lascia cadere a terra.

Mi sdraio sul divano mentre lui mi bacia le gambe fino all'interno delle cosce. Bacia dolcemente la mia fessura, sento i suoi baffi ruvidi contro di essa. Mi metto una mano sul viso e mi asciugo le lacrime che mi scendono lungo le guance, tenendomi una mano sul viso.

"Oh cavolo, hai una figa così bella, tesoro" ringhia. Comincia ad allargare le mie labbra, ora molto cremose, con la lingua. Fa scorrere la lingua su e giù per le mie labbra interne e su fino al clitoride. Poi, delicatamente ma con fermezza, succhia il mio clitoride tra le sue labbra.

Fa scivolare le mani sul mio corpo, sotto il top e sopra il seno. Li massaggia e li stringe con forza mentre mi lecca la figa in modo più aggressivo. Posso sentire i suoi baffi ruvidi che sfiorano il mio monticello ben curato.

Comincio a rendermi conto che non ho altra scelta che cercare di trovare un modo per rilassarmi e godermi questa situazione se voglio superarla. Cerco di pensare a cose di Carlucci che siano attraenti. Le sue mani forti e ruvide sono eccitanti. Sono sempre stato segretamente attratto dagli uomini più anziani, ultra-maschili e potenti. Forse posso convincermi che lo volevo.

"Mm" strillo di nuovo piano e mi mordo il dito. DIO sa cosa fare con la sua lingua. Gli stringo saldamente le mani mentre lui mi stringe e mi massaggia le tette. Fa scorrere la lingua sul mio clitoride in modo aggressivo.

Comincio a respirare a fatica, gemendo involontariamente. Sento che l'orgasmo sta crescendo. Può percepire che sto arrivando e mi lecca la figa e il clitoride più forte e più velocemente. Comincio a venire, inarcando la schiena e strillando forte. Il grido si ferma quando l'orgasmo intenso raggiunge il picco. Mi lecca senza sosta attraverso la lunga vetta. Alla fine finisce e riprendo fiato. Respiro affannoso.

Smette di leccare "Mmmm... brava ragazza" ringhia.

Si alza e si toglie la maglietta e i pantaloncini, poi la biancheria intima. Vedo il suo corpo nudo. È così peloso, in gran parte grigio. Il suo cazzo è duro ed enorme! È grosso... più grosso di qualsiasi ragazzo con cui abbia mai fatto sesso.

Mi afferra i fianchi e mi trascina di lato attraverso l'ampio divano. Mi toglie la minigonna e il top. Rimasi lì, completamente nudo e vulnerabile, sul divano. "Apri le gambe, tesoro." istruisce con fermezza. Li allargo e lui comincia a montarmi sopra. Si abbassa e fa scivolare la punta del suo cazzo su e giù nella mia fessura. Ci ho messo la crema dappertutto. Mi alzo e gli metto le mani sul petto. I suoi folti peli sul petto tra le mie dita.

Trova la mia apertura vaginale e inizia a spingere dentro la grossa testolina. Fa male. "Ow...Ow...stop" strillo, spingendo contro il suo stomaco duro.

"Shh Shh... Brittany... lascia che accada... lascia che accada tesoro", ringhia.

Trattengo il respiro mentre lui infila il suo grosso cazzo fino in fondo nella mia figa bagnata e cremosa. Scivola facilmente e senza intoppi, ma fa un po' male mentre mi allunga.

Si sdraia sopra di me, con la testa vicino al mio orecchio. Posso sentire il peso del suo corpo pesante e peloso. Comincia a far scivolare il suo cazzo dentro e fuori molto lentamente. “Sì... è così, tesoro” sussurra. "Hai una figa così fottutamente stretta!"

Comincia a scoparmi un po' più forte, ma sempre con delicatezza. Non fa più male. Inizia a sentirsi bene. Mi sento così spesso! Non sono mai stato riempito così tanto prima.

Emetto un piccolo gemito ad ogni spinta delicata. «Ti piace, vero tesoro? Ti piace il cazzo di papà nella tua figa. mi ringhia nell'orecchio.

“Umm hmm”, strillo docilmente.

Mi scopa lentamente e ritmicamente per diversi minuti. Faccio scorrere le mani sul suo corpo forte e costruito. I suoi muscoli sono eccitanti. Affondo un po' le unghie nella sua schiena e comincio a muovere il bacino su e giù seguendo i suoi movimenti.

"Mmmm….Ecco...ti piace farti scopare, vero Brittany?"

Dopo ancora un po' si ferma e tira fuori il cazzo. Lo guardo e vedo che ho una crema su tutto l'albero.

“Girati, mettiti in ginocchio” comanda.

Acconsento nervosamente. Non ho mai fatto sesso da dietro prima. “Allarga un po’ le ginocchia” mi dice, guidandomi con le mani.

"Maledizione, hai un culo incredibile!" ringhia, mentre ci passa sopra le mani. Stringendolo e sculacciandomi un paio di volte.

"Mi rendi il cazzo così dannatamente duro!"

Comincia a rimettermi il cazzo dentro. Mette le sue mani forti sui miei fianchi e mi tira indietro sul suo cazzo con forza e profondità.

Mi sento molto più stretto in questa posizione! L'estasi mi prende alla sprovvista e grido ad alta voce: "Ohhh cazzo!" tremando... le parole escono a malapena dalla mia bocca.

Comincia a colpirmi forte il sedere. La sensazione dei suoi spessi peli pubici ruvidi contro la pelle delicata del mio culo e della mia figa è così erotica. Strillo e gemo in modo incontrollabile ogni volta che sbatte il suo grosso cazzo in profondità nella mia figa. Le sue grosse palle oscillano tra le mie gambe colpendo il mio clitoride.

Non è più gentile, vengo scopato in modo violento e duro. Mi prende per i capelli e mi mette una mano sulla spalla per fare leva. Slap slap slap sento mentre mi martella forte il culo.

"Ohh...Ohhh...Ohhhhhh" grido mentre inizio a venire. Cerco involontariamente di allontanarmi mentre l'orgasmo intenso raggiunge il picco. Mi stringe forte, non vado da nessuna parte. Posso sentirlo nel profondo della mia vagina, nell'interno delle cosce e diffondersi su tutto il corpo.

La mia vagina stringe forte il suo cazzo e lui mi sente venire. Mi scopa più forte. Comincia a grugnire ad ogni spinta. Poi “Uhhh...Uhhh...Uhhh...Uhhh”. Sento il suo cazzo pulsare ancora e ancora mentre eiacula nel profondo di me.

Crolliamo sul divano. Mi prende a cucchiaio per un po', accarezzandomi il corpo, baciandomi il collo.

Dopo qualche minuto si siede. “Fammi dare un'occhiata a questo contratto”, dice. Inizia a sfogliare le pagine.

Raccolgo i miei vestiti e vado nel bagno della suite. Mi guardo allo specchio. Disgustato da ciò che vedo. Il mio trucco è sbavato e il mio mascara cola per tutte le lacrime.

Prendo della carta igienica e pulisco la mia vagina meglio che posso. Sento che il suo sperma gocciola un po'. Faccio del mio meglio, ma continua ad arrivare. Mi sono semplicemente messa le mutandine e la minigonna e mi sono tolta ciò che resta del trucco e del rossetto. Sono quasi sul punto di singhiozzare e devo trattenere altre lacrime.

Finalmente mi ricompro ed esco dal bagno. Carlucci si è vestito. “Ciao tesoro”, fa una pausa, “ho firmato tutte le pagine”.

“Grazie”, rispondo a voce bassa, quasi impercettibile. Li ho messi nella valigetta.

Si alza e mi accompagna alla porta. Mi prende per la vita e mi dà qualche bacio gentile. “Spero che Jones e Collins si prendano cura di te” mi dice.

Forzo un sorriso timido, esco dalla porta ed entro nell'ascensore. Cammino velocemente attraverso l'atrio vuoto, esco nel parcheggio e salgo in macchina. Rimango seduto lì per diversi minuti a singhiozzare, guardando la valigetta. Mi rendo conto di come la mia vagina sia un po' dolorante e mi ricorda tutte le cose che mi ha fatto. Come il suo grosso cazzo si sentiva nel profondo dentro di me.

Alla fine torno a casa. Entro e per fortuna Jared dorme profondamente. Vado in bagno e mi tolgo i vestiti. Il cavallo delle mie mutandine è bagnato e incrostato di sperma. Riesco a sentirne l'odore. Sento anche l'odore della colonia Carlucci su tutti i miei vestiti. Li seppellisco tutti in fondo al cesto dei vestiti sporchi. Faccio una lunga doccia cercando disperatamente di eliminare ogni traccia di lui dal mio corpo.

Jones e Collins mantengono la loro promessa e mi pagano la commissione. L'ho depositato in un conto di risparmio segreto. Non ho mai detto a Jared quello che è successo. Ogni tanto, quando ne abbiamo bisogno, prendo parte dei soldi. Gli dico che viene dai miei genitori. Ci sono voluti mesi per riprendermi emotivamente da quella notte, ma alla fine me la sono lasciata alle spalle.

FINE

Se pensi che cose del genere non accadano nella vita reale, hai guardato le notizie negli ultimi anni?? Sapete come vengono trattate le vostre figlie, mogli e fidanzate dagli uomini potenti sul posto di lavoro?

Storie simili

Dovere coniugale

Ricordo ancora la prima volta che ho visto Sandra per la prima volta. Ero un giovane trasandato di vent'anni. Era una ragazza molto sexy di 22 anni. È venuta da me mentre stavo cercando di avviare la mia motocicletta Norton 750 Commando un po' capricciosa. Ha detto qualcosa a proposito del fatto che le piacciono le biciclette. Questo era tutto quello che avevo bisogno di sentire. Una bruna dall'aspetto attraente con grandi occhi marroni in un paio di jeans attillati che si avvicina a me e mi dice che le piacciono le biciclette. La mia vita ha preso una svolta positiva...

500 I più visti

Likes 0

Organismo X - Cap. 08

Nota dell'autore: dopo diversi mesi di sviluppo infernale, vi presento l'ottavo capitolo di Organism X - Ora con il 100% di scoregge in meno! 1 In lontananza, Erin poteva sentire la ragazza appena trasformata gemere e grugnire mentre la bionda, Lindsay, giocava con lei. Il suono la ripugnava e allo stesso tempo la eccitava. Sarà una bellezza quando cambierà completamente, ha detto Megan. Erin si voltò verso l'arrogante bruna. Sei un mostro. Siete tutti dei mostri, ha detto. Megan sbuffò. Come se non lo fossi? Erin bruciava di vergogna e fissava il pavimento. Un'immagine della ragazza terrorizzata che Erin si era...

457 I più visti

Likes 0

Quanto di meglio si possa III

Obiettivo 5: preparami un gustoso succo di sperma con un bicchiere pieno. Questo è stato abbastanza facile. Ma tutto ha una parte difficile. Ecco un bicchiere pieno. Rani ha avuto un fottuto lavoro a scuola. Quindi se n'è andata la mattina indossando un sari rosso assassino. Avrei solo voluto andare a scuola. Prima di andarsene, mi ha dato un bicchiere usato per servire lo champagne, si è avvicinata a me e mi ha palpato dolcemente il cazzo. Rani :( sussurrandomi all'orecchio con voce sexy) fallo lavorare. Io: posso usare la tua stanza dei quadri???Sai. Usa la tua TV. ?? Rani: va...

784 I più visti

Likes 0

Il patto del diavolo Slave Chronicles Capitolo 4: Gioia, prima cera

Cronache degli schiavi del patto del diavolo da miopenname3000 Diritto d'autore 2015 Gioia: prima cera Nota: Mary ha dato Joy alla madre di Mark, Sandy, e alla fidanzata di Sandy, Betty, perché fosse la loro schiava sessuale. 19 giugno 2013 – Joy Nguyen – South Hill, WA Va tutto bene, sussurrò una voce confortante. Ho lottato per aprire gli occhi; dormire ancora pesante sulle mie palpebre. Potevo sentire il letto tremare dolcemente mentre qualcuno si spostava. Una donna singhiozzò sommessamente. La confusione mi invase; Non ero nel mio letto. Dove ero io? Riuscii ad aprire gli occhi, sentendomi grintoso con poco...

714 I più visti

Likes 0

Gli esibizionisti, parte 2

Gli esibizionisti Episodio 2 Squadra di nuoto Disclaimer: quanto segue è un'opera di fantasia. Pertanto, ho scelto di ambientarlo in un mondo in cui il controllo delle nascite è sicuro, efficace e disponibile al 100% e tutte le malattie sessualmente trasmissibili sono state sradicate. Nel mondo reale, alcune delle scelte che questi personaggi fanno sarebbero estremamente rischiose. Non comportarti come loro. Riepilogo: nell'episodio 1, la protagonista e la sua amica Steph hanno compiuto 16 anni, si sono fatte fare il piercing ai capezzoli, hanno sperimentato il risveglio sessuale, hanno comprato giocattoli sessuali, hanno visto un vecchio sporco masturbarsi e si sono...

607 I più visti

Likes 0

Papà allenta la pressione

Ero sdraiato sul letto con il cazzo in pugno e stavo per strapparlo dalla radice quando Andrea è entrato. Lei mi ha guardato, ha sorriso e si è avvicinata al letto lasciando una scia di vestiti mentre camminava. Mi dispiace di averti ignorato ultimamente, fece le fusa mentre sostituiva la mia mano con la sua sul mio cazzo. Lascia che me ne occupi io. Mi ha accarezzato il cazzo come solo lei poteva, baciandomi continuamente e succhiandomi la lingua. Continuava ad accarezzare la mia virilità e mi sussurrava all'orecchio. Il bambino ha bisogno di una scopata dura da parte di papà...

559 I più visti

Likes 0

Giocare a osare con la sorella Parte 3_(2)

Non riuscivo ancora a credere agli eventi degli ultimi due giorni. I nostri genitori erano partiti per il fine settimana perché mia nonna si era ammalata. Volevano che la mia stronza sorella Kayleigh e io trascorressimo il fine settimana insieme, con grande sgomento di Kayleigh. Venerdì sera, Vlad ed io avevamo costretto la mia stronza ma incredibilmente sexy sorella Kayleigh a fare un gioco di coraggio venerdì sera. Per paura di perdere $ 100 durante il gioco e per essere ferocemente competitiva, Kayleigh aveva accettato di togliersi top e pantaloni e sfilare in mutande. Non aveva idea di quanti problemi l'avrebbero...

1.4K I più visti

Likes 0

Il bussare alla porta_(1)

Il bussare alla porta mi ha sorpreso. La notte di gennaio in Iowa era fredda, fredda, fredda. Mi ero già tolto i vestiti per la notte e mi sono seduto sulla mia poltrona a scrivere sul mio portatile; era una breve storia della mia infanzia. Dal mio divorzio tre anni prima, ho passato molto del mio tempo da solo a scrivere; principalmente sull'argomento di cui so più di ogni altra cosa... io. Ho scritto centinaia di storie sulla mia vecchia città natale e sulla mia famiglia. I miei nove fratelli hanno fornito tonnellate di ricordi che voglio, un giorno, condividere con...

1.5K I più visti

Likes 0

L'estate finisce

Erano passati tre mesi da quel giorno che le aveva cambiato la vita quando suo figlio l'aveva scopata. Lei aveva 34 anni, lui ne avrebbe presto 18. Adesso scopavano regolarmente e insieme avevano capito come separare le loro sessioni sessuali dalla vita di tutti i giorni. Il seminterrato della loro casa che ospitava l'attrezzatura per il bucato era stato diviso per fornire una piccola area ricreativa con un letto al centro e una zona spogliatoio protetta dove sua madre teneva la sua collezione di lingerie sexy acquistata di recente da un sito di sesso su Internet. Tutto ciò che riguardava la...

757 I più visti

Likes 0

La proposta: obblighi rispettati

La proposizione: Gli obblighi vengono rispettati Jenny e io abbiamo dormito fino a domenica mattina. Erano passate le 10:00 quando finalmente siamo scesi dal letto. “Dopo la nostra doccia, cosa vorresti per colazione?” chiese Jenny mentre iniziava a rotolare giù dal letto. Ha poi avuto uno sguardo addolorato sul suo viso. OH! Uumm, Jim, onorerò il nostro patto. Puoi avermi quando vuoi, ma se per te va bene, possiamo fare qualcos'altro la prossima volta? Sono così dolorante, non sono sicuro di poter nemmeno camminare. Il suo dolore era abbastanza comprensibile. Ho dovuto spingere molto forte per sfondare il suo imene e...

764 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.