Il mio ultimo respiro cap. 1

499Report
Il mio ultimo respiro cap. 1

Amelia

Il mio respiro sembrava pesante nel silenzio mortale che mi circondava. Le strade deserte sono immerse nell'oscurità totale e lasciano che le ombre e la fitta nebbia lo rendano estremamente spaventoso e sinistro. Non sapevo se avrei mai potuto smettere di correre, ma sapevo che presto avrei dovuto farlo, perché presto i miei polmoni e il mio cuore non ce la facevano più, perché mi sentivo come se fossi pugnalato con un coltello ad ogni respiro e passo che ho fatto. Ma non riuscivo proprio a fermare i piedi, perché ogni volta che cominciavo a camminare e cercavo di rilassarmi un po', potevo sentire gli zoccoli direttamente dietro di me. Quindi, non potevo proprio fermarmi. Non sapevo cosa avrei fatto se mi avessero catturato, e probabilmente non sarei sopravvissuto se l'avessero fatto

Ci sono voluti alcuni minuti prima che fossi costretto a fermarmi, ma mi sono assicurato di fermarmi in un vicolo buio così sapevo che non mi avrebbero visto. Mi sono seduto vicino al muro ghiacciato e ho tirato le gambe fino al mento, senza lasciare che i miei sensi si distraessero e li tenessi concentrati sui suoni e sulle cose che accadevano intorno a me.

Questo oscuro mondo sotterraneo in cui mi sono trovato, non mi avrebbe mai lasciato andare, lo sapevo già mentre ero seduto lì per me stesso. Tuttavia, se ne fuggissi, non smetterei mai di farne parte.

Scossi velocemente la testa perché non volevo pensarci e mi guardai intorno per cercare Laurent e i suoi uomini, che avevo visto inseguirmi quando scappavo dalle mura della villa. Non potevo né sentire né vedere nulla nell'oscurità, ma sapevo che Laurent aveva alcune capacità manipolative e poteva facilmente fare cose che non potevo nemmeno immaginare. Laurent e Jasper erano alcune creature manipolatrici degli inferi che volevano solo morte e distruzione. E non volevo godermi niente di tutto ciò!

Quando fui sicuro al cento per cento che non ci fosse nessuno vicino a dove mi trovavo, mi alzai e sentii come il freddo mi attraversava i vestiti e mi rendeva freddo e bagnato fino alle ossa, a causa della pioggia che cadeva. cadendo dal cielo scuro e dal vento feroce che mi ha colpito forte e mi ha fatto congelare come mai prima d'ora.

Ho rabbrividito quando improvvisamente è diventato più freddo intorno a me, come se la temperatura fosse scesa improvvisamente di qualche grado. Mi ha portato a stringermi forte le braccia intorno per cercare di mantenere il caldo dentro e il freddo fuori, e ho subito iniziato a vedere il mio respiro come una nebbia bianca che usciva dalla mia bocca, il che mi ha portato a sospettare. Faceva freddo di notte in quella città buia, ma non così freddo da causare questo genere di effetti.

Ci sono voluti alcuni secondi prima che capissi cosa stava succedendo e sapessi che Laurent era nelle vicinanze. Aveva quell'effetto sul tempo, e quindi odiavo stargli vicino, ma per fortuna potevo sentire ogni volta che era vicino a me e quindi potevo evitarlo più facilmente. Ma era ancora freddo e cattivo e mi faceva sempre soccombere a lui per il freddo o il puro dolore che poteva darmi.

Stavo per ricominciare a correre, ma non sono riuscito nemmeno a fare un passo, prima che un braccio mi si posasse attorno allo stomaco e qualcosa di bagnato mi andasse sulla bocca e sul naso. Aveva un odore dolce e ho capito subito di cosa si trattava... Cloroformio...

Ho strillato dietro il panno imbevuto di cloroformio e ho cercato di scappare, ma mi sono trovata presa perché la persona che mi teneva con un braccio, ha messo più forza contro il mio stomaco e il panno e mi ha reso impossibile la fuga.

"È questo il comportamento che hai nei confronti delle persone?" chiese la voce fin troppo familiare, sussurrandomi all'orecchio. La voce era fredda e seducente, e un brivido mi percorse.. Laurent. Sentire la voce di quest'uomo mi ha fatto sgranare gli occhi di pura paura e sapevo di aver perso, ma ero troppo testardo per smettere di combattere la sua presa

Ho continuato a lottare e ho gridato aiuto più a lungo che ho potuto, ma ho potuto sentire lentamente il cloroformio fare effetto e portarmi lentamente nell'abbraccio inconscio, buio e freddo. "Va bene, mio ​​piccolo angelo..." la voce di Laurent mi sussurrò all'orecchio prima il mio mondo è diventato completamente oscuro....

Diaspro

Era mezzanotte passata quando Laurent ritornò con la ragazza. Avevo aspettato un paio d'ore, ma mi stavo divertendo con una delle altre ragazze, che possedevo come schiava.

Laura mi aveva supplicato di fermarmi, ma io avevo escluso la sua voce dalla mia testa e mi immergevo più profondamente in lei, soffocando la sua voce e trasformandola in gemiti lussuriosi, implorando di più e cercando di ignorare il dolore. La piccola troia, Amelia, era ora la causa della sofferenza di un'altra ragazza. Come conseguenza degli errori di Amelia, le altre ragazze sarebbero state torturate. Uno dopo l'altro, finché Laurent non è tornato. Ma non mi preoccupavo... Quando sarebbe venuto con lei... avrebbe ricevuto la punizione che meritava, e avevo fiducia che Laurent la trovasse e me la riportasse...

Avevo soddisfatto Laura per la terza volta, quando sentii bussare alla porta della mia camera. Un sorriso freddo e cattivo si stava improvvisamente diffondendo sul mio viso e non vedevo l'ora di punire Amelia. Avrebbe davvero dovuto imparare, dopo tutti questi anni trascorsi sotto il mio tetto, che non poteva sfuggirmi e che era una cattiva idea anche solo provarci.

Ho lasciato andare Laura e lei è crollata davanti a me, piagnucolando e aveva un braccio ammanettato a ciascuna delle colonne del letto "smettila di piagnucolare!" Ho sogghignato, forse un po' troppo duro, ma non mi importava davvero. Laura si fermò, e quella era l'unica cosa che contava. Al diavolo se fossero offesi o feriti! Non volevo preoccuparmi dei loro sentimenti. Dovevano semplicemente fare il loro lavoro, e il loro compito era soddisfarmi 24 ore su 24, 7 giorni su 7. "Vestiti" ho ordinato e ho liberato Laura dalle manette e non ho abbassato lo sguardo su di lei e avevo gli occhi puntati sulla porta dove Laurent stava aspettando. Ho messo una maglietta e dei boxer, ma non ho chiuso la maglietta, perché davvero non mi sono preso la briga di farlo.

"Accedere!" dissi ad alta voce per essere sicuro che Laurent mi sentisse e guardai sulla porta un po' emozionato. Laura si era vestita velocemente ed era scomparsa fuori dalla porta quando Laurent entrò, potevo facilmente percepire che non sarebbe stata vicino alla stanza, nel momento in cui ho messo le mani su Amelia.

Aveva la ragazza tra le braccia. Era priva di sensi. Non era un grosso problema il fatto che fosse priva di sensi. In realtà era meglio perché così non avrei avuto problemi con lei. "Laurent... vedo che l'hai trovata" dissi compiaciuto e strofinandomi le mani l'una contro l'altra, avvicinandomi all'uomo e abbassai lo sguardo sul viso e sul corpo di Amelia, alla ricerca di eventuali danni. Sarebbe un peccato avere segni indelebili su una creatura così bella. Non lascerei che le mie ragazze avessero dei segni che non andrebbero via con il tempo. Rovinerebbe i loro corpi perfetti...

"Hai avuto problemi con lei?" chiesi in tono neutro e guardai il volto di Laurent che stava osservando la bella addormentata tra le sue braccia.
"Non proprio... Litigava un po', ma è stato abbastanza facile farla tacere," mi disse Laurent con un tono gelido. Annuii soddisfatto di quello che mi aveva detto e annuii verso il mio letto "Mettila semplicemente sul letto" dissi dolcemente e con calma e guardai Laurent mentre faceva quello che dicevo. Amelia si è mossa leggermente e ha emesso qualche lamento quando Laurent e io l'abbiamo ammanettata strettamente al letto nella stessa posizione in cui si trovava Laura. Ho trovato del nastro adesivo e mi sono assicurato che non fosse in grado di parlare mettendo quattro strati di nastro adesivo e nastro spesso sulle sue belle labbra. Potevo sentire il mio membro diventare più duro, solo vedendo Amelia nel mio letto, e in mio possesso, ed ero abbastanza sicuro di poter vedere la lussuria e la fame negli occhi di Laurent, poiché i suoi occhi erano sempre puntati sulla ragazza che ora giaceva in il mio letto, privo di sensi.

Sapevo che Laurent voleva Amelia, ma sapevo che non voleva andare contro i miei ordini, e per questo gli ero grato. E questo era il motivo per cui era sempre stato al mio fianco; era leale e faceva tutto quello che gli dicevo di fare.

"Vuole che me ne vada, signore?" chiese Laurent e si concentrò un po' su di me. Non risposi alla sua domanda e mi presi qualche secondo per pensare. Allora ho annuito e salutato con la mano, verso la porta "Sì.. sei scusato.." ho detto e non ho mosso gli occhi, poiché Laurent ha lasciato me e Amelia soli....

Storie simili

Dovere coniugale

Ricordo ancora la prima volta che ho visto Sandra per la prima volta. Ero un giovane trasandato di vent'anni. Era una ragazza molto sexy di 22 anni. È venuta da me mentre stavo cercando di avviare la mia motocicletta Norton 750 Commando un po' capricciosa. Ha detto qualcosa a proposito del fatto che le piacciono le biciclette. Questo era tutto quello che avevo bisogno di sentire. Una bruna dall'aspetto attraente con grandi occhi marroni in un paio di jeans attillati che si avvicina a me e mi dice che le piacciono le biciclette. La mia vita ha preso una svolta positiva...

500 I più visti

Likes 0

Organismo X - Cap. 08

Nota dell'autore: dopo diversi mesi di sviluppo infernale, vi presento l'ottavo capitolo di Organism X - Ora con il 100% di scoregge in meno! 1 In lontananza, Erin poteva sentire la ragazza appena trasformata gemere e grugnire mentre la bionda, Lindsay, giocava con lei. Il suono la ripugnava e allo stesso tempo la eccitava. Sarà una bellezza quando cambierà completamente, ha detto Megan. Erin si voltò verso l'arrogante bruna. Sei un mostro. Siete tutti dei mostri, ha detto. Megan sbuffò. Come se non lo fossi? Erin bruciava di vergogna e fissava il pavimento. Un'immagine della ragazza terrorizzata che Erin si era...

457 I più visti

Likes 0

Quanto di meglio si possa III

Obiettivo 5: preparami un gustoso succo di sperma con un bicchiere pieno. Questo è stato abbastanza facile. Ma tutto ha una parte difficile. Ecco un bicchiere pieno. Rani ha avuto un fottuto lavoro a scuola. Quindi se n'è andata la mattina indossando un sari rosso assassino. Avrei solo voluto andare a scuola. Prima di andarsene, mi ha dato un bicchiere usato per servire lo champagne, si è avvicinata a me e mi ha palpato dolcemente il cazzo. Rani :( sussurrandomi all'orecchio con voce sexy) fallo lavorare. Io: posso usare la tua stanza dei quadri???Sai. Usa la tua TV. ?? Rani: va...

784 I più visti

Likes 0

Il patto del diavolo Slave Chronicles Capitolo 4: Gioia, prima cera

Cronache degli schiavi del patto del diavolo da miopenname3000 Diritto d'autore 2015 Gioia: prima cera Nota: Mary ha dato Joy alla madre di Mark, Sandy, e alla fidanzata di Sandy, Betty, perché fosse la loro schiava sessuale. 19 giugno 2013 – Joy Nguyen – South Hill, WA Va tutto bene, sussurrò una voce confortante. Ho lottato per aprire gli occhi; dormire ancora pesante sulle mie palpebre. Potevo sentire il letto tremare dolcemente mentre qualcuno si spostava. Una donna singhiozzò sommessamente. La confusione mi invase; Non ero nel mio letto. Dove ero io? Riuscii ad aprire gli occhi, sentendomi grintoso con poco...

714 I più visti

Likes 0

Gli esibizionisti, parte 2

Gli esibizionisti Episodio 2 Squadra di nuoto Disclaimer: quanto segue è un'opera di fantasia. Pertanto, ho scelto di ambientarlo in un mondo in cui il controllo delle nascite è sicuro, efficace e disponibile al 100% e tutte le malattie sessualmente trasmissibili sono state sradicate. Nel mondo reale, alcune delle scelte che questi personaggi fanno sarebbero estremamente rischiose. Non comportarti come loro. Riepilogo: nell'episodio 1, la protagonista e la sua amica Steph hanno compiuto 16 anni, si sono fatte fare il piercing ai capezzoli, hanno sperimentato il risveglio sessuale, hanno comprato giocattoli sessuali, hanno visto un vecchio sporco masturbarsi e si sono...

607 I più visti

Likes 0

Papà allenta la pressione

Ero sdraiato sul letto con il cazzo in pugno e stavo per strapparlo dalla radice quando Andrea è entrato. Lei mi ha guardato, ha sorriso e si è avvicinata al letto lasciando una scia di vestiti mentre camminava. Mi dispiace di averti ignorato ultimamente, fece le fusa mentre sostituiva la mia mano con la sua sul mio cazzo. Lascia che me ne occupi io. Mi ha accarezzato il cazzo come solo lei poteva, baciandomi continuamente e succhiandomi la lingua. Continuava ad accarezzare la mia virilità e mi sussurrava all'orecchio. Il bambino ha bisogno di una scopata dura da parte di papà...

559 I più visti

Likes 0

Il bussare alla porta_(1)

Il bussare alla porta mi ha sorpreso. La notte di gennaio in Iowa era fredda, fredda, fredda. Mi ero già tolto i vestiti per la notte e mi sono seduto sulla mia poltrona a scrivere sul mio portatile; era una breve storia della mia infanzia. Dal mio divorzio tre anni prima, ho passato molto del mio tempo da solo a scrivere; principalmente sull'argomento di cui so più di ogni altra cosa... io. Ho scritto centinaia di storie sulla mia vecchia città natale e sulla mia famiglia. I miei nove fratelli hanno fornito tonnellate di ricordi che voglio, un giorno, condividere con...

1.5K I più visti

Likes 0

L'estate finisce

Erano passati tre mesi da quel giorno che le aveva cambiato la vita quando suo figlio l'aveva scopata. Lei aveva 34 anni, lui ne avrebbe presto 18. Adesso scopavano regolarmente e insieme avevano capito come separare le loro sessioni sessuali dalla vita di tutti i giorni. Il seminterrato della loro casa che ospitava l'attrezzatura per il bucato era stato diviso per fornire una piccola area ricreativa con un letto al centro e una zona spogliatoio protetta dove sua madre teneva la sua collezione di lingerie sexy acquistata di recente da un sito di sesso su Internet. Tutto ciò che riguardava la...

757 I più visti

Likes 0

La proposta: obblighi rispettati

La proposizione: Gli obblighi vengono rispettati Jenny e io abbiamo dormito fino a domenica mattina. Erano passate le 10:00 quando finalmente siamo scesi dal letto. “Dopo la nostra doccia, cosa vorresti per colazione?” chiese Jenny mentre iniziava a rotolare giù dal letto. Ha poi avuto uno sguardo addolorato sul suo viso. OH! Uumm, Jim, onorerò il nostro patto. Puoi avermi quando vuoi, ma se per te va bene, possiamo fare qualcos'altro la prossima volta? Sono così dolorante, non sono sicuro di poter nemmeno camminare. Il suo dolore era abbastanza comprensibile. Ho dovuto spingere molto forte per sfondare il suo imene e...

764 I più visti

Likes 0

Fuori dal rack

Sarto Derek, un amico di una confraternita del college, mi ha chiamato era in città per un evento di altissimo livello e la compagnia aerea ha perso i bagagli Sarei in grado di aiutarli Gli ho detto che ero felice di dare una mano e gli ho dato l'indirizzo del mio negozio Li ho fatti passare e ho trovato rapidamente un abito che si adattasse a Derek, sua moglie era un'altra questione Kim era molto bassa e aveva una meravigliosa figura a clessidra La sua faccia da folletto incorniciata da riccioli ramati fino alle spalle Quindi avrebbe dovuto stare in piedi...

704 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.