Il nuovo paziente di Sarah - Prima parte

411Report
Il nuovo paziente di Sarah - Prima parte

Sarah era nervosa mentre usciva dalla sua macchina e si dirigeva verso le porte che l'avrebbero riportata al lavoro per la prima volta dalla festa di Capodanno dove aveva recentemente perso la verginità. L'intera notte era ancora confusa... un'eredità di punch alla frutta e una notte di scopate intense che non si aspettava né voleva, ma durante la quale ricordava distintamente di aver avuto un orgasmo più e più volte mentre implorava gli uomini che l'avevano portata a "scopare " lei e "sborra dentro" lei. L'intera faccenda sarebbe potuta sembrare un brutto sogno se non fosse stato per il fatto che quando i suoi colleghi erano tornati nella stanza d'albergo la mattina dopo presto dopo aver passato la notte in discoteca, l'avevano trovata a letto nuda. Sarah aveva rapidamente scoperto un'ulteriore prova delle sue attività notturne sotto forma di una figa appena rasata e un dolore sordo tra le sue gambe che confermava la raccolta della sua ciliegia.

Aveva avuto una settimana di vacanza programmata dopo Capodanno e aveva chiesto un'altra settimana, adducendo un caso di influenza. Fisicamente era guarita, ma mentalmente era così stordita da quello che era successo e dalla sua stessa reazione ad esso, che aveva avuto bisogno di più tempo per decidere cosa fare dopo. Con suo sollievo, un assegno del suo organizzatore aveva mostrato che non aveva corso alcun pericolo di rimanere incinta a causa della sua deflorazione. Questo lasciava solo il problema di come venire a patti con quello che le era successo e la sua stessa risposta ad esso. La verità era che due settimane dopo non ne aveva ancora idea.

Sarah proveniva da una buona famiglia religiosa. Uno che non credeva nel sesso al di fuori del matrimonio. Sarah stessa non aveva alcun desiderio di sposarsi, e quindi non aveva mai pensato molto al tema del sesso al di là degli aspetti clinici che derivavano dalla formazione come infermiera. Che una situazione iniziata come uno stupro potesse finire con il suo corpo venire fino all'orgasmo ancora e ancora mentre cavalcava i cazzi di due sconosciuti e gridava che la scopassero sempre più forte, la lasciava ancora stordita quando pensava a esso. Aveva impiegato la maggior parte del tempo che aveva lasciato il lavoro, ma alla fine era riuscita a convincersi (più o meno... non era servito quando aveva iniziato a sognare quella notte che l'aveva fatta svegliare con un palpitante tra le gambe e una macchia bagnata sulla camicia da notte) che la sua reazione era stata il risultato dello shock di ciò che stava accadendo combinato con l'alcol che era stato ovviamente contenuto nel pugno che "James" le aveva dato.

Quando aveva deciso di tornare al lavoro, aveva chiesto di essere trasferita dall'unità di assistenza agli anziani della casa di cura alla sua unità di riabilitazione. Sarah non sapeva cosa avrebbero potuto capire le ragazze con cui era andata alla festa da quello che avevano trovato quando erano tornate nella stanza la mattina dopo, ma non pensava di poter sopportare di dover lavorare con loro ogni giorno … almeno non ancora. Aveva lavorato al centro di riabilitazione per alcune settimane quando ha iniziato a lavorare a casa, e sembrava una buona scelta. Con sua grande sorpresa, il suo supervisore aveva accettato la sua spiegazione secondo cui aveva bisogno di una pausa dall'affrontare le cure di "fine vita" e, poiché c'era un'apertura nel centro di riabilitazione, aveva approvato il trasferimento senza problemi.

Il suo nuovo capoturno era una donna che aveva incontrato solo di sfuggita una volta. Le fu detto subito di chiamare l'infermiera più anziana "Karen", e fu indirizzata al suo primo paziente. "Avrai il signor Bryant nella stanza 110", le disse Karen.

Sarah lesse la cartella per il suo paziente e iniziò a controllarla. Ha appreso che il suo paziente aveva 44 anni, maschio (ovviamente) e fino a un paio di giorni prima era stato in ospedale per riprendersi da un grave incidente automobilistico che lo aveva lasciato con due costole rotte, un polso gravemente slogato, una grave commozione cerebrale, e una gamba destra che era stata rotta in tre punti. Era in ospedale da diverse settimane. Le ferite più "minori" erano per lo più guarite, ma la sua gamba aveva richiesto diversi interventi chirurgici per riparare il danno, ed era appena stato rilasciato per iniziare la riabilitazione. Vide anche che aveva appena cenato e preso la dose serale di antidolorifici, ed era programmato per il penultimo bagno a letto. Una volta iniziata ufficialmente la sua riabilitazione, gli sarebbe stato permesso di fare una vera doccia prima di andare a letto, anche se inizialmente sotto la supervisione di un'infermiera.

Sarah si è consultata con Karen prima di entrare nella stanza per presentarsi al signor Bryant. Entrambi erano d'accordo che ora era un buon momento per fargli il bagno poiché le sue medicine avrebbero dovuto raggiungere il picco, il che a sua volta avrebbe eliminato qualsiasi disagio che il bagno avrebbe altrimenti causato.
Andò nel ripostiglio e prese un lavabo e una bottiglia di sapone. Poi andò al carrello della biancheria e prese due asciugamani, due salviette e una vestaglia pulita. Quindi si è diretta alla stanza 110 con la sua scorta e ha bussato alla porta.

"Entra", sentì dire una voce profonda.

"Signor Bryant?" chiese Sarah entrando nella stanza. Una volta che fu abbastanza lontana nella stanza da chiudere la porta, lo fece. Quando è entrata nella stanza, ha dato la sua prima occhiata al suo paziente. Era alto un metro e ottanta, aveva una corporatura muscolosa e occhi verdi. Indossava uno dei camici da ospedale di cotone sottile e le coperte gli arrivavano allo stomaco. I suoi capelli erano castani con appena un accenno di grigio sulle tempie, ed erano tagliati solo sulla nuca. Le sue mani sembravano molto forti.

"Sì, sono io", ha risposto. "Devi essere la mia nuova infermiera notturna."

"Uhm, sì. Lo sono. Mi chiamo Sarah. Hai programmato un bagno e te lo darò stasera."

Il paziente di Sarah la guardò con apprezzamento. Era minuta, con un viso non truccato che era carino, anche se non ci credeva quando le persone glielo dicevano. I suoi lunghi capelli biondi erano raccolti in una coda di cavallo... una deviazione dalla sua solita abitudine di portarli in una treccia al lavoro... che era un esperimento ora che aveva un lavoro che non implicava il tentativo di mantenere le persone anziane che non lo facevano. Non so cosa stessero facendo strappando manciate di capelli dalle radici. Aveva un viso a forma di cuore con zigomi alti, naso all'insù e occhi azzurri. Era alta poco meno di 5 piedi e 3 pollici, con la pelle chiara. Una pancia piatta e una vita stretta erano accentuate da seni e fianchi pieni e gambe lunghe (per la sua altezza) ben fatte.

"Hmm... Molto carino", si disse il signor Bryant. Ad alta voce, ha detto: "Per favore chiamami Steve. Mi fai sentire un vecchio quando mi chiami 'Mister'", ha detto con un sorriso.

Mentre lasciava scorrere l'acqua, Sarah sgomberò il comodino in modo da avere spazio per il lavabo e gli asciugamani. Ha messo il sapone sul tavolo, insieme a un asciugamano. Sarah poi andò in bagno e iniziò a riempire il lavandino con acqua calda.

"Com'è la temperatura?" lei chiese.

Il signor Bryant ha immerso il dito nell'acqua e ha detto: "Bene. Anche se prima di iniziare, come farai esattamente a farlo?"

"Va bene", ha detto. "Prima userò l'asciugamano per lavarti il ​​viso, poi ti toglierò il camice e ti coprirò il petto con un asciugamano. Prima laverò la metà sinistra del petto, il braccio e poi sciacquarò e asciugherò quell'area, ripetendo questo sul lato destro. Ti aiuterò quindi a rotolare sul lato sinistro e destro così posso lavare, sciacquare e poi asciugare la schiena". Fece una pausa, "Non li hai mai fatti prima mentre eri in ospedale?"

L'uomo più anziano annuì, "Certo, ma ogni infermiera sembra avere la propria tecnica".

Sarah fece come aveva descritto. Prese l'asciugamano e lo immerse nell'acqua, se lo avvolse intorno alla mano e lo insaponò con il sapone. Ha accuratamente lavato il viso, le orecchie e il collo del signor Bryant. Una volta che ebbe finito con la sua faccia, sciacqui il panno, poi lo insaponò di nuovo e procedette al petto, alle braccia e alla schiena. Si lavò completamente tra le sue gambe e improvvisamente sentì il signor Bryant sospirare. Fu allora che si rese conto che gli stava massaggiando le palle da dietro mentre le lavava! Tirò via la mano e iniziò a sciacquarlo e ad asciugargli la schiena con l'asciugamano.

La giovane infermiera ha assistito di nuovo il signor Bryant sulla schiena e gli ha coperto il petto con un asciugamano asciutto. Versò l'acqua sporca e cominciò a riempire il bacino con acqua calda pulita. Mentre aspettava che la bacinella si riempisse, disse al signor Bryant che avrebbe dovuto tirare giù le coperte per lavargli le gambe ei piedi. Poi se voleva poteva lavare la sua zona privata. Sarah portò la bacinella dell'acqua fresca sul tavolo e ricominciò a insaponare l'asciugamano.
Spinse via le coperte dalla sua gamba destra, tenendogli l'inguine coperto per il momento. Poteva dire che era eccitato dalla sagoma sotto il lenzuolo. Gli lavò la coscia destra, la sciacqui e la asciugò, lasciandoci sopra l'asciugamano per riscaldarla.

Mentre si godeva le cure di Sarah al suo corpo ferito, Steve pensò: "Dio, mi chiedo come sarebbe scoparla". Essendo così giovane, carino e desideroso di aiutare i meno fortunati, si mise a correre e iniziò a chiedermi quanto "utile" potrebbe essere disposta ad essere.

A causa del gesso, poteva lavare solo la parte superiore della gamba destra. Sciacqui e asciugò entrambe le gambe, lasciando l'asciugamano su di esse per riscaldarsi. Sarah gli coprì le gambe, poi tirò indietro le coperte dall'inguine e si fermò. "Ti darò la tua privacy per lavare la tua area privata e passare dietro la tenda", gli disse Sarah.

Sapeva che questa era una situazione troppo bella per lasciarsela sfuggire e innocentemente ha chiesto: "Beh, um, uh, mi dispiace ma penso che dovrai lavare quest'area per me", ha detto Bryant, "Il mio braccio è è ancora piuttosto debole e fa male muoverlo troppo". Si è anche lamentato con Sarah di prurito, bruciore e irritazione a causa dell'intonaco che si era rotto intorno al suo inguine e si era attaccato al suo "membro" quando ne avevano messo uno nuovo prima di mandarlo in riabilitazione.

Sarah lo guardò con sospetto, ma lui aveva ragione che tecnicamente era il suo lavoro. Dopo aver lavorato nell'assistenza agli anziani per due anni, non era come se non avesse visto più della sua parte di anatomia maschile. Quando gli tolse di dosso le coperte, sembravano impigliarsi un po' nel suo membro. Li sollevò per liberare la sua manopola e Sarah rimase a bocca aperta per le dimensioni della sua virilità. Il signor Bryant era ben dotato. Gli occhi di Sarah si allargarono alla dimensione del suo pene. Doveva essere lungo 8 pollici e chiaramente non era ancora completamente eretto. Esitante, iniziò a togliere pezzi di gesso dall'inguine.

Quando ha cercato di lavare il membro eretto del signor Bryant con l'asciugamano, ha suggerito che l'intonaco si sarebbe staccato più facilmente se avesse usato le mani nude. Senza aspettare la sua risposta, le prese l'asciugamano e le tenne le mani tra le sue mentre le insaponava con il sapone. Quando furono coperti, mise giù il sapone e poi guidò le mani di Sarah alla sua asta.

"Fai proprio così, Sarah," gli ordinò Steve. Gli mise le mani intorno e si fece accarezzare su e giù. Mosse lentamente la mano su e giù e poi sopra la sua testa bulbosa, a volte concentrandosi sulla testa più lunga dell'asta, e poi scendendo sulle sue palle.

Mentre stava in piedi china sul suo paziente, la schiena iniziò ad avere crampi, e sollevò le mani sopra, poi dietro la testa, piegando la testa all'indietro e stiracchiandosi. La sua pancia piatta è stata rivelata sopra la cintura della gonna (quando si era vestita quella mattina, aveva scoperto con disappunto che in qualche modo aveva trascurato di lavare il suo camice di recente, ed era rimasta con una sola maglietta e senza pantaloni, quindi lei era stata costretta a ricorrere alla sua unica gonna dell'uniforme e ad una camicetta abbottonata), così come ai contorni del suo ampio petto.

"Dio, poter vedere quelle tette da vicino", pensò il signor Bryant. Fissò intensamente il suo viso, il petto e le dita delicate mentre lo manipolava. Non ci volle molto perché il "lavaggio" di Sarah facesse sì che il suo pene diventasse semi-eretto. Notò il suo crescente disagio per il suo stato e mormorò: "Mi dispiace, non posso farne a meno".

Sara non ha risposto. Non poteva fare a meno di notare la lunghezza e la circonferenza del suo pene, che sembrava essere cresciuto fino ad almeno 8 o 9 pollici. Le immagini indesiderate della sua deflorazione di Capodanno le riempirono la mente, e si ritrovò a confrontare il grosso cazzo di fronte a lei con i due che aveva preso nel suo corpo vergine un paio di settimane prima. Il suo paziente era già lungo e grosso come lo era stato "James", e sembrava che potesse rivaleggiare con il suo secondo partner prima che avesse finito di crescere. Alzando gli occhi vide le vene pulsare nel suo pene e si sentì un po' eccitata. Cercò di abbassare delicatamente il pene eretto, ma era così difficile che non si sarebbe mosso.

Mentre continuava a strofinare e massaggiare, Steve divenne sempre più eccitato. Mentre diventava più duro e la lunghezza del suo cazzo aumentava, fu costretta a piegarsi all'indietro ea stare più dritta. Il suo cazzo gonfio divenne più duro, più rigido ed eretto finché non fu completamente gonfio.

Il suo viso era ora a pochi centimetri dal suo grosso cazzo pulsante. Imbarazzata dall'intera situazione, Sarah ha divagato: "Non posso lavorare in questo modo. Sto cercando di aiutarti ma guarda, hai ragione in faccia".

"Non posso farci niente; ti stai strofinando in una zona imbarazzante, Sarah." Il signor Bryant ha risposto. Maliziosamente, ha suggerito di lavorare più velocemente o forse usare entrambe le mani potrebbe accelerare il processo e terminare il lavoro prima.

Sarah lo guardava pensando, sembrava sincero e cercava di mettersi al suo posto. Sì, il materiale del gesso pruderebbe e irriterebbe, e l'attrito derivante dalla pulizia potrebbe causare un'erezione involontaria. Si voltò verso di lui e disse che avrebbe continuato: "Con riluttanza".

"Farò del mio meglio, signor Bryant", e ha accettato di iniziare a usare entrambe le mani.

Il signor Bryant pensò tra sé e sé che ottimo lavoro di merda aveva fatto convincere questa graziosa infermiera ad accettare di farlo, e anche farlo più o meno volentieri!

Mentre si era fermata, il suo cazzo era diventato semi-eretto. Incrociò le braccia dietro la testa, godendo del fatto che non aveva più bisogno di nascondere il suo divertimento. Cominciò ad anticipare dove sarebbe potuto andare, e un leggero sorriso crebbe sul suo viso mentre guardava in basso guardando Sarah che lavorava intensamente sul suo cazzo.

Era così china sul letto che il seno gli toccava la gamba e lo stomaco. Iniziò a strofinargli l'inguine più a fondo quando notò macchie di gesso ovunque. Con due mani insaponate che gli accarezzavano l'asta e le palle, divenne sempre più eretto. Continuò a strofinarlo e a manipolarlo per cercare di assicurarsi che fosse pulito. Con tutta questa attenzione, non gli ci volle molto per tornare completamente eretto. Il suo pene veniva allungato ai limiti della sua lunghezza. Soffriva di piacere, e cercava di non fare alcun rumore, ma si rivelò quasi impossibile.

Sarah lo guardò quando sentì scappare un tranquillo grugnito e chiese: "Stai bene?"

Steve ha risposto con un "Sì" appena percettibile.

Il dolore alla schiena cominciava a renderle difficile continuare a lavorare. Non importa dove si muovesse, doversi piegare così tanto le rendeva impossibile continuare a lavorare come era. Con riluttanza, si rese conto che c'era solo una vera opzione. Sarah borbottò con imbarazzo: "Dovrò salire sul letto; la mia schiena mi sta uccidendo se mi chino". Si arrampicò sul letto di fronte a lui e si inginocchiò accanto a lui. "Se sto toccando troppo le tue gambe, dimmelo, ok?"

Si tolse le scarpe ei calzini e si aggiustò per stare comoda. Si sentiva leggera contro di lui, e nonostante il top dell'uniforme sformato, poteva dire che aveva delle belle curve. Sarah ha affrontato il signor Bryant e ha guardato su e giù per il suo corpo.

Guardare il suo viso e il suo petto prosperoso mentre le riempiva il top lo faceva arrapare da morire.

"Ora ricomincio da capo, ok?"

Ha detto "Va bene". mentre si metteva comodo, portando il braccio sopra la testa e sorridendo.

Sarah prese il suo pene e iniziò a tirarlo e strofinarlo. Era diventato più morbido, ma mentre lei lavorava, gradualmente si indurì di nuovo. Ha guadagnato un ritmo, rimbalzando mentre accarezzava.

Ha detto: "Ecco, stai funzionando perfettamente"

Di tanto in tanto, i loro occhi si incontravano. Il suo viso sembrava imbarazzato, mentre lui aveva un sorriso e un'espressione di piacere. "Oh, ahhh," gemette.

Continuava ad accarezzare e accarezzare, sempre più velocemente.

Entrambi saltarono quando l'elastico che teneva la sua coda di cavallo si spezzò inaspettatamente, ei suoi capelli, bagnati di sudore, le caddero sul viso e sulle spalle, coprendogli lo stomaco, l'inguine e le mani mentre gli lavorava il cazzo. La sentì grugnire sommessamente. Poi di nuovo, "uhh, uhh". Le sue gambe si contrassero intorno alla sua vita.

"Sarah, ooh, Sarah."

"Per favore, signor Bryant." Tolse una mano dal suo cazzo per spazzolarsi i capelli sopra la testa.

"Stai andando alla grande", gemette. Ha cercato di ignorarlo. I suoi pollici si mossero per inclinare il suo membro ora, dove aveva trovato un pezzo di gesso depositato. Gli parve di sentire un altro leggero grugnito. Fissò i suoi occhi sul suo viso mentre si muoveva sul suo corpo. Aveva misurato il suo cazzo una volta al college e si ricordava che era di circa 9 pollici, ma ha giurato che lo stava allungando ad almeno 10.

"Sarah, oooh, Sarah," gemette. Si appoggiò all'indietro e si raddrizzò un po', la testa inclinata all'indietro. Si appoggiò ancora un po' all'indietro e si strofinò la gola con una mano, gli occhi chiusi. "Sarah, ahhh," gemette. Non disse nulla, ma il suo viso cominciava a diventare rosso per lo sforzo e l'imbarazzo.

Si appoggiò all'indietro per allungarsi di nuovo. Poteva vedere il contorno del suo bel petto, della gola e delle labbra umide. La guardò negli occhi azzurri e gemette. Il suo cazzo era umido di sudore, permettendole di accarezzarlo più velocemente. Alzò la mano e tracciò un sentiero lungo il suo fianco, ma lei sembrò non accorgersene. Incoraggiato, le prese a coppa il seno e le torse il capezzolo attraverso le barriere del top e del reggiseno; questa volta emise un breve grugnito acuto.

Ignorando le libertà che la sua paziente si stava prendendo con il suo corpo come meglio poteva, Sarah gli disse: "Sei quasi pulito. Ho quasi finito". Strinse dolcemente il seno a coppa nella sua mano. Sembrava molto morbido e invitante. Questa volta, Sarah allontanò lentamente la sua mano. Sentì una contrazione, un'agitazione. Gli si strinsero le palle.

"Anch'io", disse. "Perché non ti volti dall'altra parte, forse andrà più veloce."

Sarah considerò la sua idea e alla fine fu d'accordo quando le venne in mente che allora non sarebbe stato in grado di raggiungere il suo seno se fosse stata di spalle. Mentre cambiava posizione, ora seduta di fronte ai suoi piedi, afferrò il suo palo duro come una roccia e iniziò a "pulirlo" di nuovo. Si sporse in avanti e usò i pollici per strofinare la base del suo cazzo per rimuovere i residui rimanenti.

"Sarah, mio ​​Dio, oh Sarah", gemette più forte. "Sono quasi pronto!"

"S... vuoi dire, lo farai, um, beh, um," balbettò quando si rese conto di cosa intendesse.

"Sì, ehm, lo sono," rispose con un tono di voce teso.

Cercò disperatamente un fazzoletto, un asciugamano, qualsiasi cosa per catturare il suo sperma, ma non riuscì a raggiungere il letto.

"Ooh," gemette il signor Bryant.

"Oh no," gridò Sarah. "Aspetti, signor Bryant, aspetti. Ho bisogno di un fazzoletto di carta o qualcosa del genere."

"Non posso, sto per esplodere. Dannazione; usa la bocca se non trovi nient'altro!" Poteva sentire il suo carico aumentare e sapeva che il suo orgasmo sarebbe stato grande.

Era disperata, non sapeva cosa fare. I pensieri le corsero per la testa.

"Quasi", gridò.

Agitata dalla situazione in cui si trovava, senza rendersi veramente conto che lo stava facendo, Sarah continuò ad accarezzarlo ea stringergli. Si scostò i lunghi capelli dal viso e sopra le spalle.

Poi senza fiato gemette: "Oh merda, ecco che arriva!

In preda al panico, le esperienze di Capodanno di Sarah hanno preso il sopravvento e senza pensarci; lei abbassò la testa e mise la bocca intorno al suo cazzo. La sua testa dondolava su e giù, emettendo un leggero mormorio mentre lui sbatteva contro il suo viso. Continuò ad accarezzargli l'asta con una mano.

Il signor Bryant non era così vicino a far saltare il suo carico come aveva lasciato intendere, ma non poteva credere che lei avesse messo la bocca intorno al suo cazzo. Pensava che convincerla a fargli una sega fosse fantastico, ma onestamente non si aspettava che lei accettasse un pompino quando lui glielo suggeriva. Spinse il suo cazzo sempre più velocemente nella sua bocca morbida e calda. Approfittando appieno della situazione, fece scivolare le mani sotto la sua gonna bianca e, prima che lei potesse reagire, le fece scivolare le mutandine sulle ginocchia, fece scivolare la mano sinistra tra le sue cosce e le infilò un dito nella fica stretta. Era stupito di scoprire che la sua passera era rasata liscia e nuda. "Mmm, Sarah. Sai quanto fa caldo quando una donna si rade la figa in questo modo? Molto dolce!"

"Oh!" lei grugnì e si sedette di soprassalto quando il dito di lui entrò in lei. "Signor Bryant, si fermi!"

Invece di fermarsi, il suo dito premette completamente dentro di lei finché non poté sentire i suoi muscoli contrarsi attorno ad esso. L'altra mano si mosse davanti e trovò il suo clitoride eretto che sbirciava tra le sue pieghe. Mentre muoveva la mano destra per cercare di spingerlo via, lui pizzicò la protuberanza tra le dita, e il suo corpo ebbe uno spasmo istantaneo per l'orgasmo. Invece di spingerlo via come aveva previsto, la mano destra di Sarah afferrò il suo polso per stabilizzarsi mentre ondate di piacere le attraversavano il corpo ogni volta che le manipolava il clitoride. La sua mano sinistra si era stretta saldamente attorno al suo grosso cazzo mentre veniva.

Mentre scopava Sarah con le dita durante il suo intenso orgasmo, il signor Bryant ha usato la mano destra per sbottonarle la camicetta e farle scivolare dalle spalle. Trovò il minuscolo fermaglio del suo reggiseno incastonato tra le sue grandi tette e lo lasciò andare. L'indumento si apriva ai lati, esponendo i suoi seni sodi del 36° sec. Rimosse anche quello dal suo corpo ancora in orgasmo, e iniziò ad accarezzarle la tetta esposta, stringendola leggermente e pizzicando la punta grande finché non divenne tesa sotto le sue dita.

La mente di Sarah era in subbuglio. Una parte di lei lottava per superare le sensazioni che avevano preso il controllo del suo corpo mentre veniva ancora e ancora in risposta al completo ditalino che le stava dando il suo paziente. Non aveva voluto l'esperienza che aveva acquisito due settimane prima, ed era sicura di non volere questa. Il suo corpo, tuttavia, si rifiutava di collaborare, e un'altra parte della sua mente ricordava gli intensi piaceri che "James" e l'altro uomo le avevano fatto provare. Sentì le mani del signor Bryant mentre le toglievano la camicetta e il reggiseno, ma non sembrava reagire. Una scossa di elettricità pulsava tra il capezzolo e la fica mentre giocava con il suo picco eccitato.

"Ahhh! Nooosssaaa! Nooo! M... Mr. Bryant, p... per favore smettila!"

"Chiamami Steve, ricordi? Apri di più le gambe, Sarah. Sei così bagnata laggiù. È tutto quello che posso fare per non venire in questo momento!"

I suoi lunghi capelli ora le ricadevano sulle spalle e solo le punte dei seni e dei capezzoli erano ancora scoperte. Le mani del signor Bryant si mossero per circondarle la vita stretta, e lui la sollevò e la fece mettere a cavalcioni sui suoi fianchi. La sua mano sinistra teneva ancora la sua mascolinità congestionata, e mentre lui muoveva il suo corpo arrendevole, lei inconsciamente sollevò il suo cazzo finché la testa non puntò verso l'ingresso della sua vagina. Sapeva che non avrebbe avuto bisogno di lubrificazione extra, dal momento che la sua figa era già bagnata dai suoi stessi succhi. In un movimento rapido le avvolse una mano intorno alla sua, e improvvisamente la sua testa del cazzo fu puntata e le toccò le labbra bagnate e nude della figa. Poi si stava facendo strada dentro di lei. Il suo grosso cazzo era così grande e la sua guaina inesperta era così stretta, che si sforzò contro la resistenza mentre incontrava mentre entrava nel suo corpo tremante.

La foschia del suo orgasmo si diradò all'improvviso quando sentì la sua virilità premere contro la sua apertura. Mentre la sua mente ricordava la sensazione di avere un uomo che era entrato nel suo corpo verginale di recente, Sarah iniziò a farsi prendere dal panico. Si dimenò, tentando di tirarsi su e via mentre lo sentiva premere oltre la pelle liscia delle sue labbra della figa. Le mani di Steve erano ferme sui suoi fianchi mentre la teneva ferma.

Lo supplicò: "Nooo, p... per favore, signor Bryant. Io c... non posso... farlo. Io... io. Oh, per favore non farlo!" Ma il suo paziente non stava ascoltando. Le sue dita si spostarono sulla sua fica e iniziarono a toccarle il clitoride eretto fino a quando non ebbe il respiro affannoso mentre si avvicinava un nuovo orgasmo. Si sedette in avanti e la baciò sul collo mentre lentamente spingeva il suo cazzo ancora più a fondo nella sua figa in attesa.

Il suo pollice continuò a strofinarle il clitoride per tenerla bagnata abbastanza da permettergli di scivolare dentro abbastanza facilmente. Quasi come un ripensamento, le aprì la gonna e gliela tirò sopra la testa, lasciandola cadere sul pavimento insieme al reggiseno e alla camicetta.

Lui fece scendere il suo corpo nudo un po' più forte, e sentì la resistenza contro il suo cazzo duro, godendosi il calore umido della sua femminilità che avvolgeva la sua virilità mentre scivolava nella sua figa stretta. Stava emettendo rumori ansimanti ora, il suo corpo tremava sopra di lui mentre il suo climax continuava ad avvicinarsi, e lui continuò senza sosta, facendo scivolare il suo cazzo centimetro per centimetro nella sua fica vergine.

Sarah gemette mentre spingeva ulteriormente dentro, sentendolo allargare ancora di più il suo buco stretto. Si fermò a circa metà dentro di lei mentre le sue dita continuavano a strofinarle delicatamente il clitoride finché non era così bagnata che poteva sentire i suoi succhi gocciolare lungo il suo cazzo.

Mentre la sua figa si era adattata alla sua testa di cazzo dentro di lei, il signor Bryant la sentì tesa, in bilico sull'orlo di un altro orgasmo, e le sue gambe iniziarono a tremare. Quando finalmente arrivò, crollò e scivolò giù, impalandosi su tutto il suo cazzo. Quando il suo corpo cedeva a lui, si sentì improvvisamente seppellito completamente dentro di lei, e gemette mentre il suo cazzo toccava il suo collo dell'utero.

Sarah cadde all'indietro e singhiozzò, "Ohhh, Nooosssaaa!!! Tu... sei così profondamente dentro di meee!!!" Solo le mani del signor Bryant intorno alla sua vita sottile la tenevano in piedi. Quando il suo orgasmo iniziò a scemare, le sue mani istintivamente si posarono su entrambi i lati dei suoi fianchi per sostenersi.

Si mosse leggermente, e Sarah emise un lungo, lento, sussulto, sentendo i suoi nove pollici spessi che le tendevano le viscere insopportabilmente. Rimase così, seppellito fino alle palle nella sua fica, finché non sentì i suoi muscoli rilassarsi intorno al suo cazzo. Torse i fianchi per spingerla più a fondo dentro di lei, e iniziò a scoparla, sollevandola fino a quando solo la punta del suo cazzo era dentro di lei, poi si tuffava di nuovo dentro di nuovo, il suo dito le circondava costantemente il clitoride.

Stava gemendo di nuovo ora mentre lui si spingeva dentro di lei ancora e ancora. Senza rendersene conto, la studentessa di infermieristica iniziò ad alzare i fianchi a tempo con le sue spinte, poi spinse contro di lui mentre si univano, come se cercasse di spingerlo più a fondo nella sua figa palpitante. Improvvisamente, ha iniziato a venire di nuovo, ansimando e gemendo, "Ahhh... Ahhh... Ohhh, ohhh!!" La sua fica si strinse intorno al suo cazzo. Man mano che l'orgasmo di Sarah cresceva, iniziò a sgroppare selvaggiamente sul suo grosso albero mentre veniva, il suo clitoride palpitante e i suoi muscoli vaginali spremevano la vita dal cazzo del suo paziente.

Alla fine, il signor Bryant non poteva più trattenersi. Cominciò a cullarla più forte, i suoi fianchi che si muovevano su e giù, sempre più velocemente, scuotendo il letto d'ospedale sotto di loro. Sarah sentiva il suo cazzo già enorme crescere ancora più spesso dentro di lei ad ogni spinta, e un pensiero cercò di farsi strada attraverso la sua coscienza. Dato che non era stata fertile due settimane prima quando era stata scopata alla festa, da qualche parte nella parte posteriore della sua mente confusa dall'orgasmo, le venne in mente che avrebbe potuto nascere da un giorno all'altro... Si lamentò e cercò di supplicare con l'uomo sotto di lei, "P... per favore tira fuori! D... non farlo dentro di me! Per favore!!!"

Se Steve l'ha sentita, non ha dato alcuna indicazione. Le sue mani si spostarono dalla sua vita ai suoi fianchi e mentre la tirava giù, spinse i suoi fianchi in alto finché non fu ancora più profondo dentro di lei. Sentì la testa rigonfia del suo enorme albero contro la sua cervice, e gridò alle sensazioni che la sua virilità creava mentre prendeva di mira il suo grembo non protetto. Lui emise alcuni grugniti e gemiti e poi improvvisamente il suo cazzo iniziò a spruzzare in profondità dentro di lei. La sentì gridare mentre il suo sperma caldo si precipitava nelle sue profondità, esplosione dopo esplosione bagnando il suo grembo con il suo potente seme.

Sarah riuscì a sussultare disperata, "Ohhh, nooo... Per favore, non farlo!" prima che il calore del suo sperma la mandasse di nuovo oltre il limite, e lei doveva stringere la bocca per non urlare forte mentre la sua asta d'acciaio inviava milioni di spermatozoi ad assalire il suo grembo. La sua figa si strinse intorno alla sua verga, mungendo ogni goccia.

Quando il suo orgasmo si placò, non riusciva a riprendere fiato. Lo sentiva a malapena quando il signor Bryant la sollevò dal suo cazzo ancora duro e la fece voltare. Mentre si metteva di nuovo a cavalcioni su di lui, le sue labbra della figa si allargarono leggermente e lei sussultò mentre lui infilava un dito dentro per una lenta scopata con le dita. Con l'altra mano, ha spostato il suo cazzo verso la sua figa, lasciando semplicemente che la testa scivolasse contro la pelle liscia come la seta del suo monticello rasato, tracciando un percorso dal suo culo al suo clitoride, spingendo contro di lei ma non scivolando dentro. Infine, ha posizionato la punta del suo cazzo al suo ingresso, sentendo quanto fosse eccitata, premendo il suo cazzo contro le sue labbra.

Improvvisamente, senza preavviso, le sue mani si spostarono sulla sua vita e la tirò giù sul suo grosso albero con fermezza e velocità, facendola scivolare per tutta la lunghezza dentro di lei, facendola gridare di sorpresa e un po' di disagio mentre la sua taglia la allungava di nuovo. Sarah si sforzò di dire: "No, per favore non... non puoi!" In preda al panico, le sue parole ruzzolarono fuori quando lui la sollevò fino a quando non fu parzialmente fuori e poi si spinse profondamente nella sua guaina stretta. "Uhhh!! Ohhh!!! P... per favore. L'ho fatto solo una volta b... prima."

Si ritirò rapidamente di nuovo, prima di immergersi profondamente in lei, ripetendo il movimento di quasi tirarsi fuori fino in fondo prima di scivolare completamente dentro di lei. Quando ha toccato il fondo dentro di lei, Sarah ha fatto un respiro profondo mentre la sua virilità ha causato una piccola eruzione. "Ahhh!!! Nooo... Uhhh... uhhh... P... per favore... io... non ho p... protezione!"

Non appena si spinse di nuovo dentro di lei, Sarah iniziò a dibattersi e lui si fermò, permettendo alle sue mani di scivolare verso l'alto per prendere a coppa i suoi grossi seni e pizzicare i suoi capezzoli sensibili. Mentre la tirava a sé, la sua mano sinistra continuava ad accarezzarle le tette eccitate. Le dita della sua mano destra si intrecciarono tra i suoi lunghi capelli biondi e spinse la sua testa verso il basso finché le sue labbra non si posarono sulle sue. Steve la baciò con pura passione. La sua lingua si fece strada nella sua bocca e iniziò a giocare con la sua.

Sarah rabbrividì quando la bocca della sua paziente si mosse per tracciare una linea di baci sulle sue palpebre, orecchie, naso e guance. Tornò indietro per sussurrare piano nel suo orecchio. "Hai un profumo così buono, piccola," e fece scivolare entrambe le mani verso l'alto per prenderle di nuovo il seno. Era ancora impressionato da quanto fossero sode le sue tette pesanti. Leccò e succhiò lentamente su e giù per il collo di lei, per poi risalire fino al mento. Quando raggiunse di nuovo la sua bocca, iniziò lentamente a baciarla di nuovo, spingendo le sue labbra a schiudersi ea far entrare la sua lingua.

Chiuse gli occhi quando le sue labbra lasciarono improvvisamente le sue e si abbassarono per fissarsi su un capezzolo eretto e iniziare a succhiarle la tetta. I suoi capezzoli erano rosa e sodi, con grandi areole. Le vene intorno a loro si raggrinzirono mentre giocava con loro. Li prese ciascuno in bocca a turno, e li succhiò e li leccò dolcemente, come se stesse allattando, finché lei cominciò a gemere. Il calore della sua lingua e la sensazione delle sue labbra contro ogni punta rosa ha inviato quelle che sembravano scosse elettriche dalla punta eccitata direttamente alla sua figa palpitante e piena di cazzo. Quando aveva leccato un capezzolo gonfio con la massima attenzione, si spostava sull'altro seno e ripeteva il processo. La schiena di Sarah si inarcò, facendo gonfiare le sue tette e spingendole più in profondità nella sua bocca. She gripped his arms as she moaned and bucked against his crotch when he started to suck her more aggressively, lightly nipping at her sensitive nipples. She could feel his warm saliva dripping down her breasts.

Mr. Bryant loved the way her aroused little body was responding to his touch. He returned to her lips and kissed her deeply as he squeezed her breasts before sliding his hands around to grab her ass and pull her tightly against him. He enjoyed the sight of her small body as it swayed above him with the motion of their lovemaking. He bet she never imagined she'd be having sex in a hospital bed – being fucked by a man old enough to be her father. He smiled, closing his eyes, and concentrated on fucking the brains out of this little sweet little nurse. He felt his balls tighten up and his cock twitch, so he slowed down. He didn't want to come just yet.

As his tongue explored the warm, soft insides of her mouth, Sarah felt him slow inside her. There was a lengthy pause before he began moving inside her again, slowly raising her pussy off his rock-hard cock before thrusting back in. She moaned in pleasure as he began pounding her pussy with his thick cock. The intense sensation of being fucked by his large maleness caused her to build toward another orgasm. Before two weeks ago, Sarah had never had even a small one, and now she seemed to be having one after another, each one more intense than the last.

As he thrust into Sarah’s hot snatch over and over again, Steve moaned, "Oh, Sarah, your pussy's so hot and tight. I never imagined rehab could be this great!"

Between her embarrassment and her approaching climax, Sarah could only manage to moan, "Uh, uh, uh… Ohhh!!!" in response. As her body came closer and closer to yet another orgasm, she began to ride his cock wildly as she moaned above him. Somewhere her mind screamed for her mouth to stop as she gasped, "P… please don’t stop!"

Surprised at her sudden change, Mr. Bryant slowed his movements, and his hands slid over her sweat sheened body; rubbing her taut nipples, tweaking her erect clit, and finally gripping her ribs as his thumbs traced the underside of her tits. He looked up into her flushed face, "What don’t you want me to stop, Sarah? I want to hear you say it."

Sarah heard herself gasp, "Th… this. What we’re d… doing."

"Cosa stiamo facendo?"

"H… Having s… sex."

He pinched her nipple, and he felt her pussy contract in response, "Fucking… Say it. You don’t want me to stop fucking your pussy with my cock.” He leaned in and began to suckle her left nipple while rubbing the right with his thumb.

Though it seemed impossible, Sarah seemed to flush an even deeper red as repeated the words she had only learned a few weeks before, "Uhhh…. Ohhh, P…please don’t stop… f… f… fucking my p… pussy with your c… cock, Mr. Bryant."

"Should I make you cum, Sarah?"

She understood what he wanted now, and closed her eyes in embarrassment at having to say the words, "Y… yes… M… make me c… cum."

His free thumb traced a circle in and out of her belly button, "Should I cum inside your pussy, Sarah?"

The thought made her feel light headed as somewhere she still remembered that she might be fertile, but when his thumb rasped against her clit, still she replied, "Ohhh… Y…yes. Please c… cum inside m… me!"

He grinned up at her, "Anything you want, baby." Grasping her around the waist again, Mr. Bryant began thrusting his cock deep into Sarah’s waiting cunt. She grunted as he drove into her, held her tight against his hips, then thrust into her twice more, triggering another orgasm deep inside her tight cunt.

Finally he couldn’t hold back any longer – her pussy was too tight, gripping his manhood as though she didn’t want to ever let his cock leave her. He moaned her name, pushing into her one last time as his body tensed and he exploded, sending his cum to invade deep inside her womb again.

"Ungh, Ungh, oh yeah," he groaned. "Oh, yeah, baby, feel me inside your pussy? Can you feel my cum fill your sweet cunt, Sarah? Ungh. Feel me fill you with my cum!"

Sarah tensed as she felt him shoot load after load of his thick, warm jiz into her quivering body. Far in the back of her mind, she could almost imagine his sperm as it searched for the tiny target that might be there. Then all thoughts vanished as her orgasm intensified from the heat of his cum as it erupted into her.

He pushed even deeper inside her, grabbing her waist as he came, filling her and causing her own orgasm to peak, as she cried out, "Ohhh, NOOOSSSAA! F… fuck MEEE! AAAHHH!!!" Finally, her last climax spent, she collapsed on top of him. His cock was still embedded inside her pussy as she slumped forward onto his chest.

Steve took her face in his and kissed her deeply as they came down from their mutual climaxes. His tongue pressed between her soft lips and lazily explored the warm depths of her mouth. It was several minutes before he broke the kiss and pulled his cock out of her dripping pussy. She climbed shakily off the bed and stumbled into the bathroom to try to clean herself up. After several more minutes, she returned drying herself off with a towel.

Still in a daze, she came and sat on the bed, her large breasts and pussy still exposed, and began to gather up her scattered clothing.

"Sarah, you were fantastic," Mr. Bryant praised as his hand moved to caress her thigh. When she didn’t answer, he continued, "I’m in here for several weeks. Will you be coming back?"

Sarah didn’t look at him as she replied in a faint voice, "Maybe, I don't know. I might not be assigned to you again."

He paused, "Do you think your supervisor should hear about what happened today," he asked her.

Sarah’s flushed face paled as she realized his implication, and asked, "Are you saying that if I don't come back, you’ll tell Karen what happened?"

"Did I say that? It's just that I'd like to see you again, to talk, for company, you know." He paused expectantly, his fingers brushing lightly against her swollen pussy lips.

Sarah felt a shiver run through her body at his touch and the sensations it sent coursing through her. She looked at Mr. Bryant apprehensively, "Yeah, well, I guess I'll see you later this week then."

He stretched his arms, and then said, "I'll be here."

Storie simili

La vita di Jen - Capitolo sei - Parte prima

La vita di Jen – Capitolo 6 – Parte prima Varie cose mi restano in mente e le mie vacanze annuali di solito erano piene di eventi. Un anno i miei genitori decisero di affittare una villa a Corfù per 2 settimane e mio nonno e mio zio furono invitati. Sull'aereo dovevo sedermi tra mio nonno e mio zio, ei miei genitori si sedevano dall'altra parte. Mio nonno mi ha messo il cappotto in grembo e ha spinto rapidamente la mia gonna da parte, tirandomi da parte le mutandine e spingendo un dito dritto dentro di me, ho sussultato forte mentre...

314 I più visti

Likes 0

Lo spirito di Cassy

Jason ha incontrato Cassy durante il loro primo anno al college. Stava per cambiare il mondo degli affari e metterlo all'orecchio con la sua brillante intuizione e fermezza e lei si è diretta nel mondo dell'istruzione della nostra giovinezza diventando un'insegnante secondaria di inglese. Entrambi erano ambiziosi ma ingenui ed entrambi i loro desideri si sono rivelati sbagliati. Faceva parte della poltiglia che si impara oggi nei nostri college e non se ne sono resi conto fino a quando non sono entrati nel mondo reale. Ma quel primo incontro tra i due fu qualcosa di speciale che cambiò per sempre le...

300 I più visti

Likes 0

L'inganno è diventato goduto IV

Erano passate più di due settimane dalla mia orribile esperienza. Con il tempo, ho imparato ad accettare quello che era successo. Sebbene mi sentissi usato, l'avevo decisamente invitato su me stesso. Non sapevo nulla del ragazzo, e anche dopo avermi insultato e avermi detto che aveva una relazione, l'ho ancora implorato di lasciarmi succhiare il suo cazzo. Sapevo che non l'avrei seguito di nuovo. La mia vita stava tornando alla normalità, non stavo vivendo gli intensi desideri di travestirmi che avevo di recente. Avevo messo via i miei vestiti e il trucco, e avevo persino iniziato ad andare in città, cercando...

290 I più visti

Likes 0

Jameson High

Jameson High Presentazione: Ciao, mi chiamo Adilene (chiamami semplicemente Adi), sono una bruna alta 5'6 pollici di corporatura atletica con un sedere sodo e grandi seni a coppa E da 54. Frequento la Jenna Jameson Sex Academy qui nell'anno 2035. Negli anni trascorsi da quando hai letto questo, il mondo è cambiato parecchio. A partire dal 2021 la Cina ha superato gli Stati Uniti come economia dominante, le crisi elettriche si sono concluse con l'uso diffuso di tecniche di fusione e fissione; le differenze razziali e sessuali sono state quasi del tutto risolte in tutto il mondo e le tradizioni secolari...

310 I più visti

Likes 0

Modellazione Manga

Questa NON è la mia storia, mi è piaciuto leggerla e ho pensato di condividerla con tutti qui. se non sai cos'è yuri sono fondamentalmente lesbiche. qualche sfondo: Tamura è un'artista di manga yuri che ha la propensione a vedere le sue due amiche fare sesso lesbico nella sua testa Patty è un'americana che si è trasferita in Giappone per essere più vicina alla sua mecca degli otaku, lavora con Konata in un cosplay cafe e le piace vestire le sue amiche con vari abiti. Yutaka è una ragazza malata, fragile e minuscola. Dato che trascorre così tanto tempo a essere...

289 I più visti

Likes 0

Papavero Capitolo 1

Le diede abbastanza tempo, poi entrò nella stanza. Rimase obbediente in mezzo alla stanza, in attesa. La sua apertura della porta la fece trasalire e lei sobbalzò. Cercò di ricomporsi, sperando che Lui non se ne fosse accorto. Era nuda, gloriosamente nuda, in piedi con un ginocchio leggermente piegato, l'altro dritto mentre usava l'ultima sua modestia per cercare di nascondergli il suo sesso. Il suo braccio destro era piegato con la mano sulla spalla opposta, cercando di coprirsi i seni. Incontrò il suo sguardo e lesse la sua disapprovazione. Si costrinse lentamente ad abbassare le braccia. Si mostrò orgogliosa ma sapeva...

221 I più visti

Likes 0

Il Seduttore è la Sirena

Quando le persone mi chiedono perché rimango sempre dopo la scuola, dico loro che sto studiando. Naturalmente, questo significa per loro che sto facendo i compiti. Nu eh. Sto studiando tutti i modi per fare sesso, se vuoi metterla in questo modo. Unisciti alla mia prima piccola avventura, vuoi? - Celeste Ringer! Dopo la lezione, per favore! gemetti, sbattendo il telefono sulla scrivania. Signor Perkinson, il mio insegnante sorrise malvagiamente. Sono sicuro che i tuoi amici potranno parlarti più tardi. Sospirai pesantemente e guardai le mie mani. Io e Stephanie, la mia migliore amica, stavamo parlando di uscire per il mio...

214 I più visti

Likes 0

Giocare a osare con la sorella Parte 3_(2)

Non riuscivo ancora a credere agli eventi degli ultimi due giorni. I nostri genitori erano partiti per il fine settimana perché mia nonna si era ammalata. Volevano che la mia stronza sorella Kayleigh e io trascorressimo il fine settimana insieme, con grande sgomento di Kayleigh. Venerdì sera, Vlad ed io avevamo costretto la mia stronza ma incredibilmente sexy sorella Kayleigh a fare un gioco di coraggio venerdì sera. Per paura di perdere $ 100 durante il gioco e per essere ferocemente competitiva, Kayleigh aveva accettato di togliersi top e pantaloni e sfilare in mutande. Non aveva idea di quanti problemi l'avrebbero...

193 I più visti

Likes 0

Una nuova padrona 7

Natasha mi ha infilato la lingua nell'orecchio e mi ha sussurrato: Ci divertiremo un sacco, un sacco di divertimento tesoro... La bambina della mamma si è sporcata il culo? Nessuna padrona... mamma! Ho sussurrato. Ho urlato mentre qualcuno schiaffeggiava il mio cazzo duro. Rimbalzava come un metronomo pungente. Sì! Mi sono lamentato: Sì! Il mio culo è sporco mamma…” Sorrise e mi coprì gli occhi con una benda. Ho sentito qualcuno sedersi sul mio petto e ho pensato di sentire l'odore della figa eccitata. Natasha mi tubò nell'orecchio: Conosci quell'odore? Mi sono reso conto che non avevo cazzo e palle in...

286 I più visti

Likes 0

Little Piggy 3 - Ragazzi! Nient'altro che guai.

Little Piggy 3 - Ragazzi! Nient'altro che guai. La piccola Piggy si è svegliata quando ha sentito suo padre frusciare nel letto e ha ricordato la scorsa notte. Scivolò giù dal letto e tornò silenziosamente nella sua camera da letto. Era molto presto la mattina così andò a letto e tornò a dormire. Ha iniziato a sognare la sua avventura con il cazzo di suo padre. I sentimenti del suo corpo e la forte passione di suo padre. Il suo sogno si trasformò nella posizione di sua madre in camera da letto nel bel mezzo della giornata. Ricordando di aver guardato...

240 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.