La vendetta di Danni

263Report
La vendetta di Danni

La vendetta di Dani


La leggera nebbia aggiungeva umidità all'aria. Il fresco della notte la avvolse come un asciugamano bagnato, facendole correre un brivido lungo la schiena. Era fortunata a conoscere così bene la zona, altrimenti si sarebbe facilmente persa. Guardò attraverso gli alberi la casa dove viveva, sorridendo leggermente all'unica candela elettrica accesa nella finestra della cucina.

Dani Summers ricordava le notti in cui restava sotto quella finestra ad aspettare che Joel Fuller uscisse per vederla. Poteva ancora sentire il calore delle sue braccia avvolte attorno a lui, il sapore dei suoi baci, la pienezza del suo cazzo nella sua figa e il calore del suo sperma che schizzava dentro di lei quando esplodeva.

Ricordava anche i sentimenti di vuoto e dolore iniziati la notte di sei mesi prima che Joel le aveva detto che suo padre gli aveva proibito di vederla più, perché Dani non era "il tipo di ragazza giusta" per lui, e che lei non t appartengono alla famiglia “giusta”. Ora tutto ciò che provava era rabbia e rabbia: rabbia verso Joel e rabbia verso suo padre. Stasera, Dani era assetato di sangue, e non importava di chi fosse il sangue, se quello di Joel o quello di suo padre. Se tutto va bene, stasera le otterrà entrambe.

Dani si avvicinò furtivamente alla porta sul retro e cercò nella pianta accanto alla porta la chiave che Joel le aveva detto essere lì. "Stupido Joel, avrebbe dovuto sapere che lo amavo", pensò. «Ora quel coglione scoprirà cosa succede quando disprezzi una donna.»

Trovò la chiave e aprì la porta. Dani entrò furtivamente e chiuse la porta. Ricordava l'intera disposizione della casa in tutte le notti in cui Joel l'aveva introdotta di nascosto dopo che suo padre era svenuto ubriaco. Si spostò verso la porta del seminterrato e andò nel seminterrato. Ha trovato lo scaldabagno.

«Ah. Uno scaldabagno a gas", pensò. "Devo semplicemente spegnere il pilota e gasarlo, o…..attrezzarlo per farlo esplodere?" Decisioni decisioni. No, adotterò un approccio più... personale con la mia vendetta.'

Si guardò intorno e trovò la cassetta degli attrezzi.

"Jackpot", sorrise.

Dani ha aperto la cassetta degli attrezzi e ha trovato ciò di cui aveva bisogno. Salì con gli oggetti e si spostò silenziosamente nella sala da pranzo. Vide il padre di Joel, George, a capotavola, svenuto, come al solito. Prese la corda che trovò al piano di sotto e lo legò velocemente alla sedia.

"Ci penserò più tardi, bastardo ubriaco", pensò.

Salì le scale fino alla camera da letto di Joel. Dormiva sul letto con le spalle alla porta. Infilò la mano nella tasca dei pantaloni cargo e tirò fuori il coltello che portava con sé. Lo aprì, un coltello a serramanico da sei pollici. Dani si avvicinò al letto e lo pugnalò selvaggiamente più e più volte finché non rimase completamente senza fiato. Il sangue era dappertutto sul letto e su Dani. Gli sentì il collo in cerca di pulsazioni. Non ce n'era.

"Uno in meno, uno da perdere", ha detto.

Dani chiuse il coltello a serramanico e se lo rimise in tasca. Lei scese. George era ancora svenuto.

Andò in cucina e accese una sigaretta con mano tremante. Dopo averlo fumato, bagnò il mozzicone sotto il rubinetto dell'acqua e se lo mise in tasca.

Dani tornò in sala da pranzo. Allontanò George dal tavolo, poi prese il martello da cinque libbre che aveva trovato prima nella cassetta degli attrezzi e lo lasciò sul tavolo della sala da pranzo. Tenendo il martello con una presa a due mani come una mazza da baseball, piantò i piedi e fece oscillare il martello come se fosse il nono inning in Gara 7 delle World Series. Il martello colpì il suo ginocchio con uno schiocco sonoro.

George Fuller si svegliò con un urlo.

"Ciao George, ti ricordi di me, figlio di puttana ubriaco?" Dani tubò dolcemente. “Sai, la ragazza che non era abbastanza brava per il tuo caro Joel? Beh, sembra che Joel giaccia morto in una pozza di sangue al piano di sopra. Sai perché, George? Perché non prendo bene il rifiuto; Non ho mai. Sì, George, ho pugnalato quello bastardo senza fegato. E ora è morto, ed è tutta colpa tua. L'ho ucciso piuttosto rapidamente; sfortunatamente per te, ti farò soffrire per un po’”.

Prese il martello. George Fuller singhiozzò: "Per favore, non uccidermi!"

«È troppo tardi, Georgie. Morirai, ma prima di farlo mi pregherai di ucciderti. Allora esaudirò il tuo ultimo desiderio.

Gli colpì il martello sulla mano destra. George urlò dal dolore della mano rotta.

“Urla per me, George. Nessuno ti sentirà, è un peccato che il tuo vicino più prossimo viva a mezzo miglio di distanza, eh?"

Ha detto Dani. Gli ha fracassato la mano sinistra.

“Fottuta stronza!! Vai avanti, uccidimi, puttana bianca!! Non ti darò la soddisfazione di chiedere l’elemosina!”

«Va bene, va bene, George; tanta ostilità proveniente da te; Sono molto deluso. Lo pensi adesso; Ho appena iniziato, tesoro,"

disse Dani con voce minacciosa.

“Sai, è piuttosto divertente, cosa ne pensi, George? Ti stai godendo la tua tortura, Georgie? Dove vorresti che ti facessi del male la prossima volta? Forse dovrei spaccarti l'altro ginocchio, o dovrebbe essere uno dei tuoi piedi? Dimmi, caro George. Abbiamo tutta la notte. DIMMI, INUTILE PEZZO DI MERDA!!!!”

“Non te la caverai, stronza. La polizia ti troverà, andrai in prigione, probabilmente sulla sedia elettrica. Friggerai per questo, puttana.

“Oh Georgie, questa è la bellezza del mio piano. Mi troveranno. Vedi, questa è solo una parte. La polizia troverà le prove dei tuoi affari sporchi. Mi sono assicurato che lo facessero. Vedi, George, il caro Joel si vantava di come gestivi la città e la contea, con estorsioni, tangenti sui contratti e ricatti. Quello stupido di merda mi ha mostrato anche i libri che tenevi. In questo momento vengono consegnati al giornale. La tua reputazione sarà rovinata. Il resto della tua famiglia soffrirà terribilmente. Quella sarà la vendetta finale, caro George. Tutti i tuoi beni congelati, le tue ex mogli e il diavolo che hai generato, chiami i tuoi figli che vivono per strada senza casa. Qualcun altro penserebbe che ho fatto abbastanza; che rovinare il tuo nome è già abbastanza. Ma tu e il tuo figlio maggiore mi avete preso qualcosa che nessun denaro potrà mai sostituire. Andrò sulla sedia elettrica con il sorriso sulle labbra"

Dani sogghignò.

«Vuoi davvero sapere perché lo sto facendo, George? È abbastanza semplice; per vendetta. Ero incinta di tuo nipote. Sì, è vero, Joel mi ha messo incinta e quella donnola senza fegato mi ha fatto abortire. Poiché mio figlio è stato ucciso, tutta la tua famiglia pagherà. Ma tu e Joel pagherete il prezzo più alto.

Dani abbassò il martello e colpì il piede destro di George. Ha urlato.

"Oh, andiamo, nonno, puoi fare di meglio,"

disse Dani mentre lei gli spaccava l'altro piede.

George stava singhiozzando,

“Cosa ci vorrà perché tutto questo finisca, soldi? Un'automobile? Una casa? Posso darti tutto questo; Posso anche far sembrare che Joel sia morto in un incidente. Dimmelo e sarà tuo. Per favore!!"

“Mi spiace, ma non posso accettare la tua offerta piuttosto interessante. Tutto quello che volevo era un figlio, George. Tu e tuo figlio me lo avete preso. Adesso pagherai per tutti i tuoi peccati”.

Dani tornò nella posizione di battitore e gli colpì il martello al petto con un urlo. Il cuore di George Fuller era schiacciato sotto lo sterno.

Dani lasciò cadere il martello a terra. Si accese un'altra sigaretta, prese il telefono in cucina e compose il 911.
"911, qual è la tua emergenza?"

Dani ha detto,

“Manda un poliziotto nella tenuta Fuller. Ho ucciso George e Joel Fuller.

Riattaccò il telefono, fumò la sigaretta e cominciò a ridere.

Stava ancora ridendo tre minuti dopo, quando le luci blu della prima macchina dello sceriffo balenarono attraverso i finestrini.

Dani infilò una mano nell'altra tasca dei pantaloni cargo e tirò fuori una pistola automatica da nove millimetri. Fece scorrere il carrello per caricare la camera, tolse la sicura, si portò la canna alla tempia e, poco prima di premere il grilletto, sussurrò:

"Dio aiutami."

Storie simili

Studiare per il corso di storia

Immagino sia iniziato come qualsiasi altro giorno, non sapevo che mi avrebbe cambiato per il resto della mia vita. Stavo aspettando di incontrare Tanya dopo la scuola per poter tornare a casa insieme come facciamo sempre, essendo lei la mia vicina e tutto il resto. Voglio dire, ho capito perché tutti i ragazzi della mia classe superiore si sono innamorati di lei. A 5'6 , con capelli castani lisci appena sopra le spalle, circa 120 libbre, e immagino che 32D tette fosse una delle ragazze più calde della mia classe, anche se io ero così timida e crescevamo insieme ho pensato...

650 I più visti

Likes 0

I miei figli innamorati di me 2

Sono una madre vergognosa, che razza di mostro sono? Ho lasciato che mio figlio di 16 anni mi accogliesse Prendendo la sua verginità. Mi sono sentito male e da quel giorno non sono più umano Diritto di parlare. Per definirmi madre! Io-potrei dire di no, Il pensiero di perderlo con una puttana trasandata. Ma guarda chi parla, ho fissato il lavandino, sono stato qui 20 minuti. Mi sentivo così triste, triste, avevo già finito di lavare i piatti a che diavolo sto bene adesso? Ho sentito le braccia avvolgermi lo stomaco e curvarle morbide Le labbra mi baciano la testa. Rabbrividii...

350 I più visti

Likes 1

Tia, la mia sexy vicina nera

Tia è una ragazza dalla pelle marrone media sulla trentina che vive accanto a me. Vive da sola, ha un ottimo lavoro in azienda e si veste bene ogni giorno quando va al lavoro. Lei è molto carina, estremamente sexy, ha un bel seno, lunghi capelli neri e fluenti e bellissimi occhi scuri. Mi eccita totalmente ogni volta che la vedo. Ho stretto un'amicizia con lei e ovviamente flirto molto con lei. Adoro il suo sorriso e ha una personalità piacevole. La saluto sempre e di solito le faccio i complimenti per la scelta dell'abbigliamento per la giornata, e talvolta faccio...

365 I più visti

Likes 0

T o D parte 2

Mi stavo solo chiedendo se sarebbe una seccatura per voi se il prossimo avesse qualche azione tra ragazzi e ragazze. Sicuramente terrò la parte gay ma quella etero aiuterà a sviluppare la storia in più parti quindi se vuoi che continui lascia un commento La mattina dopo i quattro ragazzi si svegliarono dopo un breve riposo. Allora, Ace e Mike, quanto tempo vi fermerete? chiese Bryce. Beh, mi sono appena ricordato che oggi devo andare da qualche parte con mio padre, ha detto Mike. Oh, okay, che ne dici di te, Ace? chiese Bryce. Sì, posso restare quanto voglio, ha detto...

336 I più visti

Likes 0

Essere comandato

Naomi Price stava affrontando una crisi non causata da lei stessa, ma che solo lei poteva capire come risolvere. Aveva 38 anni e la sua carriera stava andando bene. Ma sua figlia di 14 anni frequentava una scuola privata. Lei e suo marito avevano divorziato poco dopo la sua nascita. Il suo mantenimento dei figli non aiutava Naomi a sbarcare il lunario. Inoltre, la carriera del suo ex era andata nel serbatoio; lavorava solo part-time e riusciva a malapena a cavarsela da solo. Un anno prima, Naomi aveva collocato sua madre in una struttura di residenza assistita. Anche se era molto...

317 I più visti

Likes 0

Esplorazione del liceo capitolo 4. Finalmente la festa _(0)

Grazie per aver letto la mia storia. Questa è una storia vera per come la ricordo. Questa storia potrebbe non essere adatta a tutti. Il telefono squillò verso mezzogiorno, era Cindy. Perché non sei a scuola oggi? Faresti meglio a non pensare di saltarci fuori stasera. Che cosa? No, ci sarò. io semplicemente... Mi ha interrotto. Faresti meglio ad essere qui per la lezione pomeridiana! Io non… Mi ha riattaccato. Oh fantastico, ora è di nuovo arrabbiata. Ho provato a richiamarla tre volte ma non ha risposto. Rimasi lì per un po' a pensare. Oh sì, devo prepararmi per la festa...

278 I più visti

Likes 0

Il mio ultimo respiro cap. 1

Amelia Il mio respiro sembrava pesante nel silenzio mortale che mi circondava. Le strade deserte sono immerse nell'oscurità totale e lasciano che le ombre e la fitta nebbia lo rendano estremamente spaventoso e sinistro. Non sapevo se avrei mai potuto smettere di correre, ma sapevo che presto avrei dovuto farlo, perché presto i miei polmoni e il mio cuore non ce la facevano più, perché mi sentivo come se fossi pugnalato con un coltello ad ogni respiro e passo che ho fatto. Ma non riuscivo proprio a fermare i piedi, perché ogni volta che cominciavo a camminare e cercavo di rilassarmi...

320 I più visti

Likes 0

Racconti incestuosi della quarantena 7: delizie di creampie delle sorelle

Racconti incestuosi della quarantena Storia sette: le delizie dei creampie delle sorelle Di mypenname3000 Diritto d'autore 2020 Nota: grazie a WRC264 per aver letto la beta! René! il mio fratello maggiore gemette mentre il suo sperma veniva pompato nella mia figa. SÌ! La mia figa birichina si contorceva attorno al cazzo di mio fratello maggiore. Tremavo, piagnucolavo e gemevo mentre il suo meraviglioso seme veniva pompato nella mia fica. Tremavo, piegato sul cofano della Camaro del 1969 su cui stava lavorando nel garage della nostra famiglia. Avevo aiutato Clancy tutta la settimana. Da quando finalmente mio fratello maggiore mi aveva notato...

141 I più visti

Likes 0

Chat room: una vendetta malvagia della fidanzata

Torni a casa dopo una lunga giornata di lavoro; ti togli il cappotto e vai in cucina per una birra. Quando apri la porta del frigorifero, la tua ragazza si avvicina da dietro, coprendoti gli occhi con una benda. Lo lega stretto essendo un po 'ruvido Ho un osso da scegliere con te !! ti scatta contro. 'Ma che...?! Chiedi, alzando la mano per scoprirti gli occhi. Ti dà uno schiaffo sul dorso della mano e ti afferra il polso tirandoti fuori dalla cucina. Essendo bendato sei disorientato e perdi l'equilibrio, quasi inciampando mentre ti trascina su per le scale. La...

1.5K I più visti

Likes 0

Caramel Mocha alla giungla di Giava

Erano passate due settimane dal nostro ultimo incontro. Qualcosa a cui mi ero abituato. Viene ogni due lunedì alla giungla di Java per consegnare una singola scatola di biscotti con gocce di cioccolato dalla panetteria e caffetteria di Vienna di Josef. I biscotti non erano niente di speciale. Il proprietario li vende solo nel nostro negozio perché suo fratello è proprietario della panetteria. Ma l'uomo che li ha consegnati sembrava davvero qualcosa da cui potrei dare un morso... Aveva poco più di 20 anni e si chiamava Miguel. Capelli castano scuro, mossi e occhi nocciola con un'affascinante tonalità verde esterna ma...

861 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.