Papà allenta la pressione

275Report
Papà allenta la pressione

Ero sdraiato sul letto con il cazzo in pugno e stavo per strapparlo dalla radice quando Andrea è entrato. Lei mi ha guardato, ha sorriso e si è avvicinata al letto lasciando una scia di vestiti mentre camminava.

"Mi dispiace di averti ignorato ultimamente", fece le fusa mentre sostituiva la mia mano con la sua sul mio cazzo. "Lascia che me ne occupi io."

Mi ha accarezzato il cazzo come solo lei poteva, baciandomi continuamente e succhiandomi la lingua. Continuava ad accarezzare la mia virilità e mi sussurrava all'orecchio. "Il bambino ha bisogno di una scopata dura da parte di papà." Si è arrampicata sopra di me e ha fatto scivolare il mio cazzo nella sua figa bagnata e scivolosa. Il mio cazzo è entrato fino in fondo finché le mie palle non sono arrivate contro il suo bellissimo culo.

Alzai lo sguardo e vidi un'espressione di felicità sul viso di Andrea. Ultimamente aveva lavorato a lungo e duramente a scuola e la pressione stava avendo la meglio su di lei. Il mio compito era alleviare questa pressione e restituire la spensierata giovane troia che avevo imparato a conoscere e ad amare. Il modo migliore che conoscevo per farlo era attraverso gli orgasmi, MOLTI orgasmi. Naturalmente ne trarrò beneficio anche io!

Andrea si dondolò avanti e indietro sul mio ereto gemendo mentre scivolava dentro e fuori da lei. Le sue mani si massaggiavano le tette e sentiva tutta la sensazione di essere riempita di cazzo. Avevo le mani intorno alla sua vita sottile e la stavo aiutando a rimbalzare sul mio cazzo. Potevo sentire lo sperma fuoriuscire da lei e gocciolare sulle mie palle. Stava cominciando ad appassionarsi.

Andrea si è chinato, mi ha baciato e ha fatto scorrere la sua lingua sulla mia. Mi ha guardato e ha sorriso, sapeva che mi piaceva.

"Fanculo la tua bambina, papà" ordinò "Fanculo forte la tua bambina, per favore."

Questo è stato il mio segnale; era ora di andare al lavoro. L'ho afferrata, l'ho fatta rotolare sulla schiena e mi sono infilata tra quelle lunghe gambe sinuose. Ho preso il mio cazzo e l'ho puntato verso la sua figa bagnata e l'ho affondato fino in fondo. Ha gridato e mi ha avvolto le braccia attorno al collo e ha cercato di tirarmi più a fondo. Ho cominciato a martellarglielo ancora e ancora, sempre più velocemente, sempre più in profondità. Poi mi sono fermato e ho tirato fuori completamente il mio cazzo da lei e l'ho semplicemente guardata.

“Papà, non fermarti. Per favore, non fermarti. Ha implorato "Scopami di più, papà, molto di più". Poi ha afferrato il mio cazzo e ha cercato di rimetterglielo dentro.

Ho fatto scivolare dentro il mio cazzo e ho iniziato a martellarle di nuovo la figa. L'ho scopata come se stessi cercando di distruggerle la figa con il mio cazzo. L'ho scopata come se fossi incazzato con lei. Ancora e ancora pompavo dentro e fuori dal suo canale d'amore pieno di vapore. Per tutto il tempo guardando la faccia del miglior pezzo di culo che conoscevo, guardando uno sguardo di lussuria arrivare sul suo viso.

Ero sul punto di venire e così ho rallentato il ritmo, mi sono chinato e ho iniziato a succhiarle i capezzoli. Prima l'uno e poi l'altro, avanti e indietro finché non furono entrambi lunghi e rigidi. Aveva delle tette fantastiche e mi piaceva giocare con loro. Ancora di più mi piaceva strofinarli sopra con il mio cazzo, così mi sono alzato a cavalcioni del suo ventre piatto e ho iniziato a strofinarli sopra il mio cazzo scivoloso. Ho cominciato lentamente a fare una spagnola a questa bella ragazza.

Andrea ridacchiò e strinse insieme le sue tette così da poterle scopare il petto. Ogni volta che il mio grosso cazzo bianco scivolava tra quei monticelli, lei le leccava la testa. Mi sono fermato un paio di volte e le ho lasciato leccare la testa del cazzo. È stato meraviglioso. Potevo sentire lo sperma caldo salire lungo il mio cazzo, ma non avevo ancora intenzione di venire.

Sono rotolato via da lei prima di avere la possibilità di venirle addosso; Avevo ancora del cazzo da fare. L'ho girata in modo che fosse a faccia in giù nel cuscino e ho tirato su quel fantastico culo per incontrarmi. Mi sono spostato dietro ad Andrea e ho iniziato lentamente a toccarle il bel buco del culo. Dopo un paio di minuti tre dita scivolavano dentro e fuori da questo buco. Mi sono chinato e le ho leccato e succhiato il culo mentre lei seppelliva la faccia nel cuscino e urlava in estasi. Lo sperma scorreva da lei, scorreva lungo l'interno delle sue cosce e gocciolava sul letto. Stava venendo come una fontana.

Era giunto il momento di infilare il mio cazzo in quel culo. Ho strofinato la mia erezione attorno al suo dolce buco del culo rosa e ho sputato sulla testa del mio cazzo e lentamente l'ho spinto dentro di lei. Ho rallentato mentre lei si irrigidiva, ma presto si è rilassata e sono scivolato completamente. Mi sono semplicemente fermato e ho sentito la sensazione di essere sepolto in questo dolce culo. Potevo sentire i suoi muscoli che cercavano di mungere la sborra dal mio cazzo e funzionava.

Ho iniziato a scopare il culo di Andrea come se fosse la mia ultima volta. Il mio cazzo scivolò dentro e fuori da lei ad un ritmo alleggerito. La cosa durò diversi minuti. Stavo arrivando al punto di non ritorno quando lei iniziò a tremare in modo incontrollabile sotto di me. Stava venendo così forte che pensavo sarebbe svenuta, ma ha continuato a scoparmi come meglio poteva. Non ne potevo più e ho iniziato a sparare come un cannone. Il primo colpo è stato nel culo di Andrea e io l'ho tirato fuori e ho sparato parecchi altri colpi. Ancora un paio di scatti sulla figa e uno sulla schiena. Molti altri le correvano lungo le gambe e gocciolavano sul letto.

Rotolai via da lei e mi sdraiai accanto ad Andrea riprendendo fiato. Si è chinata e mi ha baciato, è scivolata giù e ha cominciato a leccare i nostri succhi dal mio cazzo ammorbidito.

Mi ha ripulito ogni goccia di sperma e io mi sono chinato e le ho spalmato lo sperma sulla figa e sul culo con le dita. Ho trovato il suo clitoride rigido, l'ho fatto rotolare tra le dita e l'ho stretto.

Andrea gemette e mi avvolse le braccia intorno alla testa e attirò il mio viso al suo. Mi ha guardato negli occhi e ha detto: "Papà mi ha sicuramente fatto dimenticare i miei problemi!" Mi baciò sulla guancia e si rannicchiò contro di me. Era rilassata e contenta. Nel giro di un paio di minuti si addormentò. Mi sono alzato e l'ho lasciata dormire sul letto.

Mentre chiudevo la porta della camera da letto rimasi sorpreso nel vedere il compagno di stanza di Andrea seduto al tavolo a bere una delle mie birre.

"Ciao, Georgia" ho detto "Sei qui da molto?"

"Solo il tempo necessario per sentirvi scopare come conigli", sorrise.

“Andrea è stata molto sotto pressione ultimamente e stavo cercando di rilassarla” le ho spiegato.

Georgia rise e disse: “Questa scusa potrebbe ingannare alcune persone, ma non me. Ti piace semplicemente scoparla."

Poteva vedere attraverso la mia scusa e ho riso.

Entrambe le ragazze avevano l'abitudine di fermarsi nel mio appartamento. Nessuno dei due viveva qui, ma trascorrevano qui quasi lo stesso tempo che a casa loro. In effetti trovavi mutandine e vestiti da donna in tutto il mio appartamento anche se non li indossavo. Potresti trovarmi con un paio di mutandine usate sotto il naso, ma di solito non le indossavo.

Sapevano che erano sempre i benvenuti e adoravo la compagnia delle giovani ragazze universitarie. Anche se erano abbastanza piccoli per essere miei figli, andavamo molto d'accordo e mi rendeva orgoglioso metterli in mostra in pubblico. I miei amici erano gelosi da morire e questo mi piaceva.

Georgia mi ha spiegato che anche lei aveva lavorato duro a scuola perché era il momento degli esami finali e c'era molta pressione per fare bene. Entrambe queste ragazze erano molto intelligenti ed ero sicuramente orgoglioso di come hanno lavorato alla loro educazione.

Ho detto a Georgia che un bel massaggio l'avrebbe aiutata a rilassarsi e lei mi ha sorriso e mi ha detto che le sarebbe piaciuto.

La presi per mano e la portai in bagno. Mi ha chiesto perché stavamo andando lì e io le ho messo un dito sulle labbra e ho detto "Shhh, lascia che papà si prenda cura di Georgia".

Mi baciò il dito e mi sorrise. Sapeva di essere in buone mani.

Cominciai lentamente a spogliarla cominciando dalla camicetta. L'ho sbottonato lentamente e l'ho aperto rivelando un reggiseno di pizzo sexy. Mi sono chinato e le ho baciato il collo e le ho mordicchiato il lobo dell'orecchio. Puzzava di sesso, un odore meraviglioso che faceva davvero stare sull'attenti il ​​mio cazzo. Le ho soffiato nell'orecchio e ho potuto sentire il suo respiro accelerare. Mi spostai sul bottone sopra i suoi jeans attillati. Ho slacciato il bottone e abbassato la cerniera. L'ho girata per abbassare i jeans, ma ho dovuto fermarmi e ammirare il bellissimo culo che ha questa ragazza.

"Bellissima" sussurrai mentre facevo scorrere le mani lungo i suoi giovani fianchi sinuosi, "Assolutamente bellissima".

"Sono felice che ti piaccia", fece le fusa Georgia mentre si chinava per aiutarmi a toglierle i jeans.

Togliendo quei jeans rivelò un perizoma che si abbinava al suo reggiseno di pizzo nero. Con lei piegata in avanti non potevo trattenermi dal far scorrere la lingua nella sua bella fessura del culo. Ma avevo altro da fare prima che iniziasse il divertimento, quindi l'ho girata, l'ho fatta sedere sul water e le ho tolto i jeans da quelle gambe sexy. Mentre le toglievo i piedi dai pantaloni, mi fermai per leccarle i piedi e succhiarle l'alluce. Soffriva il solletico, ridacchiava e mi tirava i capelli dicendomi di smetterla.

Mi sono alzato e ho guardato questa bellissima ragazza davanti a me e ho teso la mano. Lei mi ha preso la mano e io l'ho fatta alzare, ho allungato la mano dietro di lei e le ho slacciato il reggiseno lasciandolo cadere a terra. Le sue magnifiche tette stavano sull'attenti come punte di missili. Mi sono chinato e le ho abbassato il perizoma sotto le ginocchia. Mi ha messo una mano sulla schiena e si è tolta le mutande. Mi sono messo il laccio al naso e ho sentito un odore fantastico, come di profumo.

Feci un passo indietro, mi avvicinai alla doccia e aprii l'acqua. Stavo cercando di nascondere la grande erezione che mi stava crescendo nei pantaloni. Dovresti essere cieco per non vederlo spuntare.

Ho portato Georgia sotto la doccia, mi sono tolta i pantaloni e sono entrata con lei. Le ho lavato la schiena e ho insaponato il resto del suo meraviglioso corpo. Mi sono lavata sotto le sue braccia, tra le sue gambe e in ogni punto morbido e sinuoso, assicurandomi di non perdere nessuna parte sexy di lei.

Dopo la doccia sono stata attenta ad asciugare ogni curva e ogni punto debole. Poi l'ho portata in cucina. Ho gettato una coperta sul tavolo della cucina e ho fatto sdraiare Georgia a faccia in giù sul tavolo. Ho iniziato massaggiando la parte posteriore del collo e delle spalle. Era molto tesa e la sentii gemere mentre allentavo i suoi muscoli tesi. Ho lavorato sulla parte superiore della schiena e poi sulla parte bassa della schiena. Ho iniziato a massaggiarle le natiche e mi sono fatto strada lungo ciascuna gamba. Mentre risalivo sulle sue gambe pensavo di poter sentire l'odore di qualcosa di dolce. Mi sono chinato e ho respirato il fantastico odore della figa di Georgia. Cavolo, era come un profumo e mi rendeva il cazzo più duro.

Quando le ho preso la mano e le ho detto di girarsi, aveva un'espressione stordita sul viso e i suoi occhi erano vitrei come se fosse fatta.

"Stai bene, tesoro?" Ho chiesto.

"Sono scesa due volte mentre stavi facendo quello" piagnucolò.

"Bene, sborrerai molte altre volte prima che mi fermi" ho promesso.

Le massaggiai i lati del collo mentre la baciavo sulle labbra. Poi mi sono spostato sulle sue spalle e ho iniziato a succhiare le sue ampie tette. Ho continuato così finché i suoi capezzoli non sono diventati rossi e duri. Mi sono spostato lungo il suo ventre duro e piatto fino all'ombelico, dove l'ho leccato e succhiato mentre la mia mano si faceva strada verso il monticello sopra la sua figa. Ho tracciato tutto il perimetro della sua figa con il dito, assicurandomi di evitare di toccarla.

Da lì ho proceduto lungo le sue gambe, leccandole e baciandole l'interno delle cosce. La presi per le caviglie e le sollevai le gambe in aria. Leccai la pelle morbida dietro le sue ginocchia e le allargai le gambe.

Ho fatto girare Georgia, ho messo una gamba su ciascuna delle mie spalle e ho abbassato il viso nel suo sesso. Ho cominciato a morderle il clitoride e a toccarle il bel buco del culo. Le ho succhiato e leccato la figa come se fosse un gelato. Non ne avevo mai abbastanza e le ho succhiato il clitoride e l'ho morso con i denti. Per tutto questo tempo ho fatto scorrere il dito dentro e fuori dal suo buco del culo. Questo la fece afferrare per i miei capelli e spingere il mio viso più profondamente dentro di sé. Ho leccato per tutto quello che valevo.

All'improvviso Georgia lanciò un grido e lo sperma uscì da lei e mi colò lungo il mento. Ho succhiato tutto quello che potevo e le ho leccato la figa.

"Mi piacerebbe proprio essere scopata, papà" mi sussurrò.

"Anch'io, bambina" ho detto mentre allineavo il mio cazzo alla sua figa.

Si abbassò e guidò il mio cazzo palpitante nella sua figa scivolosa. È entrato fino in fondo finché le mie palle non hanno schiaffeggiato il suo culo. L'ho tirato indietro e l'ho pompato di nuovo. Mi sentivo così bene che non ne avevo mai abbastanza. Sapevo che Andrea mi aveva prosciugato, ma ero determinato a fare una fantastica scopata a Georgia. All'inizio ho pompato la mia virilità dentro e fuori lentamente, poi ho accelerato. Poi avrei accelerato il ritmo e l'avrei scopata più forte che potevo. Quando sentivo lo sperma che cercava di fuoriuscire, rallentavo e pensavo a cose pazze per evitare di venire troppo in fretta.

Alla fine ho deciso che era giunto il momento del grande traguardo. Volevo che Georgia vedesse le stelle quando esplodesse in un orgasmo gigantesco, quindi l'ho scopata come un matto.
Le ho martellato la figa finché non è diventata rossa e il mio cazzo si è fatto male. Sapevo che stavo per venire.

"Sto venendo, tesoro" ho gridato "Dio, sto venendo!"

"Voglio vederti venire!" Georgia gridò: "Voglio vederti girare".

Ho tirato fuori il cazzo dalla sua figa e me lo sono segato mentre guardavo questa ragazza arrapata che fissava il mio cazzo. Mi ha implorato di venirle addosso.

Non potevo più trattenermi e schizzi di sperma hanno iniziato a volare dal mio cazzo. Il primo è stato il più grande ed è atterrato sulla fronte e sulla guancia di Georgia. La seconda esplosione l'ha colpita al collo e le due successive le hanno colpito le tette e la pancia.

Ho lasciato andare il cazzo e un po' di sperma è fuoriuscito e gocciolato sulla sua figa.

Georgia si abbassò e mi accarezzò il cazzo mezzo duro e poi leccò lo sperma dalla sua mano. Si asciugò lo sperma dalla fronte e se lo leccò dalle dita.

"Cazzo, è stato meraviglioso", disse raggiante mentre mi passava le dita tra i capelli.

"Sì, lo era" sorrisi mentre mi chinavo e le baciavo le labbra. "Si lo era."

Abbiamo ripulito un po' il posto e io e Georgia abbiamo parlato di un sacco di cose per un po'. Ho espresso l'idea che mi piacerebbe davvero che lei e Andrea facessero per me una lap dance tipo strip tease qualche volta.

Georgia mi ha guardato negli occhi, mi ha lanciato quello sguardo diabolico e ha detto: "Accidenti, immagino che sia il minimo che possiamo fare per te. Parlerò con Andrea e vedrò cosa possiamo fare”.

Si vestì e mi lasciò nudo seduto al tavolo della cucina. Il mio uccello ha iniziato a contrarsi solo pensando a una lap dance. Ma questa è un’altra storia.

Dio, papà ama le sue bambine.

Storie simili

Una tribù per Tethys, parte 2 capitolo 10

Una tribù per Tethys: Parte 2 Capitolo 10: Megan, incontra Hera! Megan è silenziosa per la maggior parte del viaggio di ritorno al mio appartamento dopo che abbiamo lasciato la casa di Carl, e mentre sono curioso di sapere cosa sta pensando, è anche un'opportunità per me di esaminare alcuni dei miei pensieri. Molte cose sono cambiate, per tutti noi, in pochissimo tempo. Abbiamo lasciato Sonia con Carl, ha promesso di portarla a casa una volta concluso l'ultimo accordo d'affari. Carl sta stipulando un contratto personale con Sonia, per lavorare per lei a tempo pieno come istruttore personale di fitness e...

492 I più visti

Likes 0

Holli e una vela serale

Holli mi ha incontrato all'estremità del molo... e il mio cuore ha perso un battito quando è scivolata alla vista. Era vestita per una serata a bordo della mia barca: semplici sandali da barca, un bel top azzurro e un paio di pantaloncini cachi molto comodi che le dondolavano facilmente sulle curve, accennando a ciò che aveva da condividere sotto. 5'9 con capelli biondi, gambe lunghe e un corpo atletico in forma, Holli era entrato nel mio mondo attraverso un pomeriggio magico che abbiamo condiviso sul lungomare di Vancouver. Questa serata è stata il risultato del mio invito perché ci eravamo...

398 I più visti

Likes 0

Quanto di meglio si possa III

Obiettivo 5: preparami un gustoso succo di sperma con un bicchiere pieno. Questo è stato abbastanza facile. Ma tutto ha una parte difficile. Ecco un bicchiere pieno. Rani ha avuto un fottuto lavoro a scuola. Quindi se n'è andata la mattina indossando un sari rosso assassino. Avrei solo voluto andare a scuola. Prima di andarsene, mi ha dato un bicchiere usato per servire lo champagne, si è avvicinata a me e mi ha palpato dolcemente il cazzo. Rani :( sussurrandomi all'orecchio con voce sexy) fallo lavorare. Io: posso usare la tua stanza dei quadri???Sai. Usa la tua TV. ?? Rani: va...

523 I più visti

Likes 0

Come ho pagato il college

- Questa è finzione gay. Se non ti piace leggere cose gay, smetti di leggere e non votare. Se hai intenzione di votare negativamente o scrivere commenti sgradevoli, critica la mia grammatica e ortografia, non l'argomento - Questa è un'opera di finzione completa. Nulla in questa storia è realmente accaduto e le persone non sono reali. - Se spari un carico mentre o dopo aver letto questo, fammi un favore e premi il pulsante di voto positivo perché significa che probabilmente ti è piaciuto. Sentiti libero di mandarmi un PM per farmi sapere cosa ti è piaciuto Durante l'estate del 2003...

526 I più visti

Likes 0

Alice viene sposata

[b]Alice si fa l'autostop 7 di Will Buster Come si può immaginare, un'amante incinta e usata può essere piuttosto difficile da scartare. Difficile, cioè, a meno che una cospicua dote non accompagni la vigorosa piccola volpe. Alice non faceva eccezione a questa regola sociale così prevalente nella tarda Inghilterra georgiana. La pancia di Alice era ora piena di bambino sano per le quasi costanti attenzioni amorose di Lord Elton. Il barone del maniero di Kingston si era goduto a fondo entrambi i buchi stretti e reattivi di Alice ormai da mesi, ma mantenendo fede alla sua promessa, era tempo di acquistare...

390 I più visti

Likes 0

Feticismo del pannolino

Fin da piccola ho sempre avuto il fascino di indossare i pannolini. Crescendo ho imparato che non ero solo. Ma niente avrebbe potuto prepararmi per la notte in cui si unirono mia moglie e la sua amica. Avevo confessato a mia moglie il mio feticismo per i pannolini e lei mi ha raccontato di come aveva sempre desiderato una cosa a tre. Aveva partecipato a innumerevoli sforzi con me, quindi una notte abbiamo deciso di realizzare i suoi e aggiungere qualcosa per farmi felice. Finalmente era giunta la notte, la sua amica Samantha stava arrivando in città. Le aveva raccontato di...

334 I più visti

Likes 0

Janice Pt. Controllata dalla Mente 11c

Brian era contento di usare il controllo mentale che Janice avesse trascorso gli ultimi tre giorni vivendo con lui e avrebbe dovuto trascorrere altri quattro giorni con lui. Le menti del marito e dei figli di Janice erano state influenzate in modo tale da non sentire la sua mancanza. Ieri aveva invitato tre amici a casa sua e tutti e quattro avevano scopato più volte una volenterosa Janice. Sbe stava facendo quello che voleva all'inizio della giornata in cui aveva pulito la sua casa per lui mentre era nuda, fermandosi solo per lasciare che Brian la scopasse in bagno. In quel...

275 I più visti

Likes 0

La vendetta di Ambra

CAW # * Voce Questa è una storia di vendetta e dolore. Questa è una storia di amore e affetto. Questa è una storia di soddisfazione e persone che ottengono la loro punizione. La mia ragazza Amber ed io eravamo membri di un sex club. Ad entrambe piaceva andare e partecipare alla maggior parte delle attività del club, ma lei si rifiutava di fare sesso con altre donne. Le piaceva guardare altre donne nel club, farsi scopare e le piaceva anche guardare altre donne scoparsi a vicenda, ma non è mai stata in grado di leccarsi la figa. Ero perplesso da...

1.5K I più visti

Likes 0

La vita di Jen - Capitolo sei - Parte prima

La vita di Jen – Capitolo 6 – Parte prima Varie cose mi restano in mente e le mie vacanze annuali di solito erano piene di eventi. Un anno i miei genitori decisero di affittare una villa a Corfù per 2 settimane e mio nonno e mio zio furono invitati. Sull'aereo dovevo sedermi tra mio nonno e mio zio, ei miei genitori si sedevano dall'altra parte. Mio nonno mi ha messo il cappotto in grembo e ha spinto rapidamente la mia gonna da parte, tirandomi da parte le mutandine e spingendo un dito dritto dentro di me, ho sussultato forte mentre...

1.3K I più visti

Likes 0

Andare a lontano

Quando faccio scivolare la mia mano tra le tue gambe e dico Questo è mio, siamo chiari. Il sesso non è la risposta. Il sesso è la domanda. Sì è la risposta. Nicole mi ha visto in coda al ricevimento di nozze di sua sorella. Eccomi fuori come se fossi appena uscito da GQ. Mi sto muovendo lentamente verso di lei. Nicola trattenne il respiro. Doveva incontrarmi. Nicola si guardò intorno. Mi ha visto dall'altra parte della piscina. Sembravo sulla cinquantina. Sono più alto di chiunque altro nella sua famiglia italiana. Nicole ha indovinato che sono alto un metro e ottanta...

624 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.