Papà allenta la pressione

560Report
Papà allenta la pressione

Ero sdraiato sul letto con il cazzo in pugno e stavo per strapparlo dalla radice quando Andrea è entrato. Lei mi ha guardato, ha sorriso e si è avvicinata al letto lasciando una scia di vestiti mentre camminava.

"Mi dispiace di averti ignorato ultimamente", fece le fusa mentre sostituiva la mia mano con la sua sul mio cazzo. "Lascia che me ne occupi io."

Mi ha accarezzato il cazzo come solo lei poteva, baciandomi continuamente e succhiandomi la lingua. Continuava ad accarezzare la mia virilità e mi sussurrava all'orecchio. "Il bambino ha bisogno di una scopata dura da parte di papà." Si è arrampicata sopra di me e ha fatto scivolare il mio cazzo nella sua figa bagnata e scivolosa. Il mio cazzo è entrato fino in fondo finché le mie palle non sono arrivate contro il suo bellissimo culo.

Alzai lo sguardo e vidi un'espressione di felicità sul viso di Andrea. Ultimamente aveva lavorato a lungo e duramente a scuola e la pressione stava avendo la meglio su di lei. Il mio compito era alleviare questa pressione e restituire la spensierata giovane troia che avevo imparato a conoscere e ad amare. Il modo migliore che conoscevo per farlo era attraverso gli orgasmi, MOLTI orgasmi. Naturalmente ne trarrò beneficio anche io!

Andrea si dondolò avanti e indietro sul mio ereto gemendo mentre scivolava dentro e fuori da lei. Le sue mani si massaggiavano le tette e sentiva tutta la sensazione di essere riempita di cazzo. Avevo le mani intorno alla sua vita sottile e la stavo aiutando a rimbalzare sul mio cazzo. Potevo sentire lo sperma fuoriuscire da lei e gocciolare sulle mie palle. Stava cominciando ad appassionarsi.

Andrea si è chinato, mi ha baciato e ha fatto scorrere la sua lingua sulla mia. Mi ha guardato e ha sorriso, sapeva che mi piaceva.

"Fanculo la tua bambina, papà" ordinò "Fanculo forte la tua bambina, per favore."

Questo è stato il mio segnale; era ora di andare al lavoro. L'ho afferrata, l'ho fatta rotolare sulla schiena e mi sono infilata tra quelle lunghe gambe sinuose. Ho preso il mio cazzo e l'ho puntato verso la sua figa bagnata e l'ho affondato fino in fondo. Ha gridato e mi ha avvolto le braccia attorno al collo e ha cercato di tirarmi più a fondo. Ho cominciato a martellarglielo ancora e ancora, sempre più velocemente, sempre più in profondità. Poi mi sono fermato e ho tirato fuori completamente il mio cazzo da lei e l'ho semplicemente guardata.

“Papà, non fermarti. Per favore, non fermarti. Ha implorato "Scopami di più, papà, molto di più". Poi ha afferrato il mio cazzo e ha cercato di rimetterglielo dentro.

Ho fatto scivolare dentro il mio cazzo e ho iniziato a martellarle di nuovo la figa. L'ho scopata come se stessi cercando di distruggerle la figa con il mio cazzo. L'ho scopata come se fossi incazzato con lei. Ancora e ancora pompavo dentro e fuori dal suo canale d'amore pieno di vapore. Per tutto il tempo guardando la faccia del miglior pezzo di culo che conoscevo, guardando uno sguardo di lussuria arrivare sul suo viso.

Ero sul punto di venire e così ho rallentato il ritmo, mi sono chinato e ho iniziato a succhiarle i capezzoli. Prima l'uno e poi l'altro, avanti e indietro finché non furono entrambi lunghi e rigidi. Aveva delle tette fantastiche e mi piaceva giocare con loro. Ancora di più mi piaceva strofinarli sopra con il mio cazzo, così mi sono alzato a cavalcioni del suo ventre piatto e ho iniziato a strofinarli sopra il mio cazzo scivoloso. Ho cominciato lentamente a fare una spagnola a questa bella ragazza.

Andrea ridacchiò e strinse insieme le sue tette così da poterle scopare il petto. Ogni volta che il mio grosso cazzo bianco scivolava tra quei monticelli, lei le leccava la testa. Mi sono fermato un paio di volte e le ho lasciato leccare la testa del cazzo. È stato meraviglioso. Potevo sentire lo sperma caldo salire lungo il mio cazzo, ma non avevo ancora intenzione di venire.

Sono rotolato via da lei prima di avere la possibilità di venirle addosso; Avevo ancora del cazzo da fare. L'ho girata in modo che fosse a faccia in giù nel cuscino e ho tirato su quel fantastico culo per incontrarmi. Mi sono spostato dietro ad Andrea e ho iniziato lentamente a toccarle il bel buco del culo. Dopo un paio di minuti tre dita scivolavano dentro e fuori da questo buco. Mi sono chinato e le ho leccato e succhiato il culo mentre lei seppelliva la faccia nel cuscino e urlava in estasi. Lo sperma scorreva da lei, scorreva lungo l'interno delle sue cosce e gocciolava sul letto. Stava venendo come una fontana.

Era giunto il momento di infilare il mio cazzo in quel culo. Ho strofinato la mia erezione attorno al suo dolce buco del culo rosa e ho sputato sulla testa del mio cazzo e lentamente l'ho spinto dentro di lei. Ho rallentato mentre lei si irrigidiva, ma presto si è rilassata e sono scivolato completamente. Mi sono semplicemente fermato e ho sentito la sensazione di essere sepolto in questo dolce culo. Potevo sentire i suoi muscoli che cercavano di mungere la sborra dal mio cazzo e funzionava.

Ho iniziato a scopare il culo di Andrea come se fosse la mia ultima volta. Il mio cazzo scivolò dentro e fuori da lei ad un ritmo alleggerito. La cosa durò diversi minuti. Stavo arrivando al punto di non ritorno quando lei iniziò a tremare in modo incontrollabile sotto di me. Stava venendo così forte che pensavo sarebbe svenuta, ma ha continuato a scoparmi come meglio poteva. Non ne potevo più e ho iniziato a sparare come un cannone. Il primo colpo è stato nel culo di Andrea e io l'ho tirato fuori e ho sparato parecchi altri colpi. Ancora un paio di scatti sulla figa e uno sulla schiena. Molti altri le correvano lungo le gambe e gocciolavano sul letto.

Rotolai via da lei e mi sdraiai accanto ad Andrea riprendendo fiato. Si è chinata e mi ha baciato, è scivolata giù e ha cominciato a leccare i nostri succhi dal mio cazzo ammorbidito.

Mi ha ripulito ogni goccia di sperma e io mi sono chinato e le ho spalmato lo sperma sulla figa e sul culo con le dita. Ho trovato il suo clitoride rigido, l'ho fatto rotolare tra le dita e l'ho stretto.

Andrea gemette e mi avvolse le braccia intorno alla testa e attirò il mio viso al suo. Mi ha guardato negli occhi e ha detto: "Papà mi ha sicuramente fatto dimenticare i miei problemi!" Mi baciò sulla guancia e si rannicchiò contro di me. Era rilassata e contenta. Nel giro di un paio di minuti si addormentò. Mi sono alzato e l'ho lasciata dormire sul letto.

Mentre chiudevo la porta della camera da letto rimasi sorpreso nel vedere il compagno di stanza di Andrea seduto al tavolo a bere una delle mie birre.

"Ciao, Georgia" ho detto "Sei qui da molto?"

"Solo il tempo necessario per sentirvi scopare come conigli", sorrise.

“Andrea è stata molto sotto pressione ultimamente e stavo cercando di rilassarla” le ho spiegato.

Georgia rise e disse: “Questa scusa potrebbe ingannare alcune persone, ma non me. Ti piace semplicemente scoparla."

Poteva vedere attraverso la mia scusa e ho riso.

Entrambe le ragazze avevano l'abitudine di fermarsi nel mio appartamento. Nessuno dei due viveva qui, ma trascorrevano qui quasi lo stesso tempo che a casa loro. In effetti trovavi mutandine e vestiti da donna in tutto il mio appartamento anche se non li indossavo. Potresti trovarmi con un paio di mutandine usate sotto il naso, ma di solito non le indossavo.

Sapevano che erano sempre i benvenuti e adoravo la compagnia delle giovani ragazze universitarie. Anche se erano abbastanza piccoli per essere miei figli, andavamo molto d'accordo e mi rendeva orgoglioso metterli in mostra in pubblico. I miei amici erano gelosi da morire e questo mi piaceva.

Georgia mi ha spiegato che anche lei aveva lavorato duro a scuola perché era il momento degli esami finali e c'era molta pressione per fare bene. Entrambe queste ragazze erano molto intelligenti ed ero sicuramente orgoglioso di come hanno lavorato alla loro educazione.

Ho detto a Georgia che un bel massaggio l'avrebbe aiutata a rilassarsi e lei mi ha sorriso e mi ha detto che le sarebbe piaciuto.

La presi per mano e la portai in bagno. Mi ha chiesto perché stavamo andando lì e io le ho messo un dito sulle labbra e ho detto "Shhh, lascia che papà si prenda cura di Georgia".

Mi baciò il dito e mi sorrise. Sapeva di essere in buone mani.

Cominciai lentamente a spogliarla cominciando dalla camicetta. L'ho sbottonato lentamente e l'ho aperto rivelando un reggiseno di pizzo sexy. Mi sono chinato e le ho baciato il collo e le ho mordicchiato il lobo dell'orecchio. Puzzava di sesso, un odore meraviglioso che faceva davvero stare sull'attenti il ​​mio cazzo. Le ho soffiato nell'orecchio e ho potuto sentire il suo respiro accelerare. Mi spostai sul bottone sopra i suoi jeans attillati. Ho slacciato il bottone e abbassato la cerniera. L'ho girata per abbassare i jeans, ma ho dovuto fermarmi e ammirare il bellissimo culo che ha questa ragazza.

"Bellissima" sussurrai mentre facevo scorrere le mani lungo i suoi giovani fianchi sinuosi, "Assolutamente bellissima".

"Sono felice che ti piaccia", fece le fusa Georgia mentre si chinava per aiutarmi a toglierle i jeans.

Togliendo quei jeans rivelò un perizoma che si abbinava al suo reggiseno di pizzo nero. Con lei piegata in avanti non potevo trattenermi dal far scorrere la lingua nella sua bella fessura del culo. Ma avevo altro da fare prima che iniziasse il divertimento, quindi l'ho girata, l'ho fatta sedere sul water e le ho tolto i jeans da quelle gambe sexy. Mentre le toglievo i piedi dai pantaloni, mi fermai per leccarle i piedi e succhiarle l'alluce. Soffriva il solletico, ridacchiava e mi tirava i capelli dicendomi di smetterla.

Mi sono alzato e ho guardato questa bellissima ragazza davanti a me e ho teso la mano. Lei mi ha preso la mano e io l'ho fatta alzare, ho allungato la mano dietro di lei e le ho slacciato il reggiseno lasciandolo cadere a terra. Le sue magnifiche tette stavano sull'attenti come punte di missili. Mi sono chinato e le ho abbassato il perizoma sotto le ginocchia. Mi ha messo una mano sulla schiena e si è tolta le mutande. Mi sono messo il laccio al naso e ho sentito un odore fantastico, come di profumo.

Feci un passo indietro, mi avvicinai alla doccia e aprii l'acqua. Stavo cercando di nascondere la grande erezione che mi stava crescendo nei pantaloni. Dovresti essere cieco per non vederlo spuntare.

Ho portato Georgia sotto la doccia, mi sono tolta i pantaloni e sono entrata con lei. Le ho lavato la schiena e ho insaponato il resto del suo meraviglioso corpo. Mi sono lavata sotto le sue braccia, tra le sue gambe e in ogni punto morbido e sinuoso, assicurandomi di non perdere nessuna parte sexy di lei.

Dopo la doccia sono stata attenta ad asciugare ogni curva e ogni punto debole. Poi l'ho portata in cucina. Ho gettato una coperta sul tavolo della cucina e ho fatto sdraiare Georgia a faccia in giù sul tavolo. Ho iniziato massaggiando la parte posteriore del collo e delle spalle. Era molto tesa e la sentii gemere mentre allentavo i suoi muscoli tesi. Ho lavorato sulla parte superiore della schiena e poi sulla parte bassa della schiena. Ho iniziato a massaggiarle le natiche e mi sono fatto strada lungo ciascuna gamba. Mentre risalivo sulle sue gambe pensavo di poter sentire l'odore di qualcosa di dolce. Mi sono chinato e ho respirato il fantastico odore della figa di Georgia. Cavolo, era come un profumo e mi rendeva il cazzo più duro.

Quando le ho preso la mano e le ho detto di girarsi, aveva un'espressione stordita sul viso e i suoi occhi erano vitrei come se fosse fatta.

"Stai bene, tesoro?" Ho chiesto.

"Sono scesa due volte mentre stavi facendo quello" piagnucolò.

"Bene, sborrerai molte altre volte prima che mi fermi" ho promesso.

Le massaggiai i lati del collo mentre la baciavo sulle labbra. Poi mi sono spostato sulle sue spalle e ho iniziato a succhiare le sue ampie tette. Ho continuato così finché i suoi capezzoli non sono diventati rossi e duri. Mi sono spostato lungo il suo ventre duro e piatto fino all'ombelico, dove l'ho leccato e succhiato mentre la mia mano si faceva strada verso il monticello sopra la sua figa. Ho tracciato tutto il perimetro della sua figa con il dito, assicurandomi di evitare di toccarla.

Da lì ho proceduto lungo le sue gambe, leccandole e baciandole l'interno delle cosce. La presi per le caviglie e le sollevai le gambe in aria. Leccai la pelle morbida dietro le sue ginocchia e le allargai le gambe.

Ho fatto girare Georgia, ho messo una gamba su ciascuna delle mie spalle e ho abbassato il viso nel suo sesso. Ho cominciato a morderle il clitoride e a toccarle il bel buco del culo. Le ho succhiato e leccato la figa come se fosse un gelato. Non ne avevo mai abbastanza e le ho succhiato il clitoride e l'ho morso con i denti. Per tutto questo tempo ho fatto scorrere il dito dentro e fuori dal suo buco del culo. Questo la fece afferrare per i miei capelli e spingere il mio viso più profondamente dentro di sé. Ho leccato per tutto quello che valevo.

All'improvviso Georgia lanciò un grido e lo sperma uscì da lei e mi colò lungo il mento. Ho succhiato tutto quello che potevo e le ho leccato la figa.

"Mi piacerebbe proprio essere scopata, papà" mi sussurrò.

"Anch'io, bambina" ho detto mentre allineavo il mio cazzo alla sua figa.

Si abbassò e guidò il mio cazzo palpitante nella sua figa scivolosa. È entrato fino in fondo finché le mie palle non hanno schiaffeggiato il suo culo. L'ho tirato indietro e l'ho pompato di nuovo. Mi sentivo così bene che non ne avevo mai abbastanza. Sapevo che Andrea mi aveva prosciugato, ma ero determinato a fare una fantastica scopata a Georgia. All'inizio ho pompato la mia virilità dentro e fuori lentamente, poi ho accelerato. Poi avrei accelerato il ritmo e l'avrei scopata più forte che potevo. Quando sentivo lo sperma che cercava di fuoriuscire, rallentavo e pensavo a cose pazze per evitare di venire troppo in fretta.

Alla fine ho deciso che era giunto il momento del grande traguardo. Volevo che Georgia vedesse le stelle quando esplodesse in un orgasmo gigantesco, quindi l'ho scopata come un matto.
Le ho martellato la figa finché non è diventata rossa e il mio cazzo si è fatto male. Sapevo che stavo per venire.

"Sto venendo, tesoro" ho gridato "Dio, sto venendo!"

"Voglio vederti venire!" Georgia gridò: "Voglio vederti girare".

Ho tirato fuori il cazzo dalla sua figa e me lo sono segato mentre guardavo questa ragazza arrapata che fissava il mio cazzo. Mi ha implorato di venirle addosso.

Non potevo più trattenermi e schizzi di sperma hanno iniziato a volare dal mio cazzo. Il primo è stato il più grande ed è atterrato sulla fronte e sulla guancia di Georgia. La seconda esplosione l'ha colpita al collo e le due successive le hanno colpito le tette e la pancia.

Ho lasciato andare il cazzo e un po' di sperma è fuoriuscito e gocciolato sulla sua figa.

Georgia si abbassò e mi accarezzò il cazzo mezzo duro e poi leccò lo sperma dalla sua mano. Si asciugò lo sperma dalla fronte e se lo leccò dalle dita.

"Cazzo, è stato meraviglioso", disse raggiante mentre mi passava le dita tra i capelli.

"Sì, lo era" sorrisi mentre mi chinavo e le baciavo le labbra. "Si lo era."

Abbiamo ripulito un po' il posto e io e Georgia abbiamo parlato di un sacco di cose per un po'. Ho espresso l'idea che mi piacerebbe davvero che lei e Andrea facessero per me una lap dance tipo strip tease qualche volta.

Georgia mi ha guardato negli occhi, mi ha lanciato quello sguardo diabolico e ha detto: "Accidenti, immagino che sia il minimo che possiamo fare per te. Parlerò con Andrea e vedrò cosa possiamo fare”.

Si vestì e mi lasciò nudo seduto al tavolo della cucina. Il mio uccello ha iniziato a contrarsi solo pensando a una lap dance. Ma questa è un’altra storia.

Dio, papà ama le sue bambine.

Storie simili

Dovere coniugale

Ricordo ancora la prima volta che ho visto Sandra per la prima volta. Ero un giovane trasandato di vent'anni. Era una ragazza molto sexy di 22 anni. È venuta da me mentre stavo cercando di avviare la mia motocicletta Norton 750 Commando un po' capricciosa. Ha detto qualcosa a proposito del fatto che le piacciono le biciclette. Questo era tutto quello che avevo bisogno di sentire. Una bruna dall'aspetto attraente con grandi occhi marroni in un paio di jeans attillati che si avvicina a me e mi dice che le piacciono le biciclette. La mia vita ha preso una svolta positiva...

500 I più visti

Likes 0

Organismo X - Cap. 08

Nota dell'autore: dopo diversi mesi di sviluppo infernale, vi presento l'ottavo capitolo di Organism X - Ora con il 100% di scoregge in meno! 1 In lontananza, Erin poteva sentire la ragazza appena trasformata gemere e grugnire mentre la bionda, Lindsay, giocava con lei. Il suono la ripugnava e allo stesso tempo la eccitava. Sarà una bellezza quando cambierà completamente, ha detto Megan. Erin si voltò verso l'arrogante bruna. Sei un mostro. Siete tutti dei mostri, ha detto. Megan sbuffò. Come se non lo fossi? Erin bruciava di vergogna e fissava il pavimento. Un'immagine della ragazza terrorizzata che Erin si era...

457 I più visti

Likes 0

Quanto di meglio si possa III

Obiettivo 5: preparami un gustoso succo di sperma con un bicchiere pieno. Questo è stato abbastanza facile. Ma tutto ha una parte difficile. Ecco un bicchiere pieno. Rani ha avuto un fottuto lavoro a scuola. Quindi se n'è andata la mattina indossando un sari rosso assassino. Avrei solo voluto andare a scuola. Prima di andarsene, mi ha dato un bicchiere usato per servire lo champagne, si è avvicinata a me e mi ha palpato dolcemente il cazzo. Rani :( sussurrandomi all'orecchio con voce sexy) fallo lavorare. Io: posso usare la tua stanza dei quadri???Sai. Usa la tua TV. ?? Rani: va...

784 I più visti

Likes 0

Il patto del diavolo Slave Chronicles Capitolo 4: Gioia, prima cera

Cronache degli schiavi del patto del diavolo da miopenname3000 Diritto d'autore 2015 Gioia: prima cera Nota: Mary ha dato Joy alla madre di Mark, Sandy, e alla fidanzata di Sandy, Betty, perché fosse la loro schiava sessuale. 19 giugno 2013 – Joy Nguyen – South Hill, WA Va tutto bene, sussurrò una voce confortante. Ho lottato per aprire gli occhi; dormire ancora pesante sulle mie palpebre. Potevo sentire il letto tremare dolcemente mentre qualcuno si spostava. Una donna singhiozzò sommessamente. La confusione mi invase; Non ero nel mio letto. Dove ero io? Riuscii ad aprire gli occhi, sentendomi grintoso con poco...

714 I più visti

Likes 0

Gli esibizionisti, parte 2

Gli esibizionisti Episodio 2 Squadra di nuoto Disclaimer: quanto segue è un'opera di fantasia. Pertanto, ho scelto di ambientarlo in un mondo in cui il controllo delle nascite è sicuro, efficace e disponibile al 100% e tutte le malattie sessualmente trasmissibili sono state sradicate. Nel mondo reale, alcune delle scelte che questi personaggi fanno sarebbero estremamente rischiose. Non comportarti come loro. Riepilogo: nell'episodio 1, la protagonista e la sua amica Steph hanno compiuto 16 anni, si sono fatte fare il piercing ai capezzoli, hanno sperimentato il risveglio sessuale, hanno comprato giocattoli sessuali, hanno visto un vecchio sporco masturbarsi e si sono...

607 I più visti

Likes 0

Il bussare alla porta_(1)

Il bussare alla porta mi ha sorpreso. La notte di gennaio in Iowa era fredda, fredda, fredda. Mi ero già tolto i vestiti per la notte e mi sono seduto sulla mia poltrona a scrivere sul mio portatile; era una breve storia della mia infanzia. Dal mio divorzio tre anni prima, ho passato molto del mio tempo da solo a scrivere; principalmente sull'argomento di cui so più di ogni altra cosa... io. Ho scritto centinaia di storie sulla mia vecchia città natale e sulla mia famiglia. I miei nove fratelli hanno fornito tonnellate di ricordi che voglio, un giorno, condividere con...

1.5K I più visti

Likes 0

L'estate finisce

Erano passati tre mesi da quel giorno che le aveva cambiato la vita quando suo figlio l'aveva scopata. Lei aveva 34 anni, lui ne avrebbe presto 18. Adesso scopavano regolarmente e insieme avevano capito come separare le loro sessioni sessuali dalla vita di tutti i giorni. Il seminterrato della loro casa che ospitava l'attrezzatura per il bucato era stato diviso per fornire una piccola area ricreativa con un letto al centro e una zona spogliatoio protetta dove sua madre teneva la sua collezione di lingerie sexy acquistata di recente da un sito di sesso su Internet. Tutto ciò che riguardava la...

757 I più visti

Likes 0

La proposta: obblighi rispettati

La proposizione: Gli obblighi vengono rispettati Jenny e io abbiamo dormito fino a domenica mattina. Erano passate le 10:00 quando finalmente siamo scesi dal letto. “Dopo la nostra doccia, cosa vorresti per colazione?” chiese Jenny mentre iniziava a rotolare giù dal letto. Ha poi avuto uno sguardo addolorato sul suo viso. OH! Uumm, Jim, onorerò il nostro patto. Puoi avermi quando vuoi, ma se per te va bene, possiamo fare qualcos'altro la prossima volta? Sono così dolorante, non sono sicuro di poter nemmeno camminare. Il suo dolore era abbastanza comprensibile. Ho dovuto spingere molto forte per sfondare il suo imene e...

764 I più visti

Likes 0

Come mia sorella mi ha fatto venire - senza saperlo

Quella che segue non è una storia di cui sono necessariamente orgoglioso. Non è nemmeno una storia molto lunga, perché l'evento vero e proprio è durato davvero poco. È imbarazzante, è poco lusinghiero e, forse, è anche un po' sbagliato. Si tratta, comunque, di una storia vera, accaduta qualche tempo fa, e poiché penso che ad alcuni potrebbe piacere davvero, sono disposto a descriverla nei minimi dettagli. E quindi, senza ulteriori indugi, vi presento la storia di come mi sono imbattuto accidentalmente in mia sorella - e sono riuscito a farla franca. O in realtà, c'è ancora qualche rumore. Ho promesso...

669 I più visti

Likes 0

Una nuova vita per Ruth

Ruth Anderson sedeva nel suo nuovo ufficio, era stata promossa sei mesi prima ed era ancora eccitante trovarsi al decimo piano. Ruth era una signora tranquilla da poco passata il suo quarantaquattresimo compleanno, era stata allevata in una rigida famiglia cattolica, figlia unica con un padre dominante che per la sua ira aveva obbedito alla lettera. Aveva trascorso gli ultimi ventiquattro anni in un freddo matrimonio quasi senza sesso, la sorpresa più grande era stata che lei e il marito Donald avevano avuto una figlia meravigliosamente bella, Lena, che a ventidue anni stava per completare un master in economia aziendale alla...

580 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.