Esclusivo club per gentiluomini di diamanti

73Report
Esclusivo club per gentiluomini di diamanti

Il basso profondo e seducente della musica mi ha attraversato il corpo non appena sono entrato nell'affollato Diamond Gentleman's Club dell'Hotel W, respirando aria pesante di fumo e sudore e il calore della mite notte d'estate - inebriante. Le luci lampeggianti mi facevano lottare per l'equilibrio mentre mi muovevo tra la folla di ballerini che si contorcevano. Sono andato di sopra in ufficio così ho potuto guardare la folla da lì. Liz Davis è un'aspirante cantante country di 25 anni che cerca di farsi strada nell'industria musicale. Lei è una bionda attraente con un corpo sinuoso seducente, seni di medie dimensioni e un bel culo.
Stavo osservando la folla quando la mia ospite, una giovane donna alta, snella e formosa, attirò la mia attenzione mentre entrava. Scesi al raduno presentandomi a lei. Liz sorrise incontrando i miei occhi, io annuii leggermente mentre mi avvicinavo, raggiungendo la sua vita, tirando i suoi fianchi verso di me. Ci siamo mossi insieme, il nostro sudore inzuppava gli strati di vestiti e si mescolava gocciolando tra i suoi seni. Le mie mani si posarono sulla sua schiena, sul suo sedere, sul suo collo. Ha sentito il mio profumo -
ammuffito e maschile.
I nostri movimenti diventavano sempre più carnali, le mie mani risalivano la parte posteriore della sua maglietta per posarsi sulla sua pelle e il mio viso vicino al suo. Poteva sentire il mio respiro caldo contro il suo collo ei miei denti all'orecchio mentre sussurravo: "Ti voglio, straniero". Le nostre labbra si incontrarono voracemente. La mia lingua sfregava in modo allettante contro la sua mentre lei avvolgeva le dita tra i miei capelli e premeva i fianchi contro la mia coscia. Ho intrappolato il suo labbro tra i denti quando la sua mano ha trovato il mio cazzo, duro come una roccia sotto i miei jeans. Il respiro le si fermò in gola. Basta con questi
preliminari.
L'ho trascinata tra la folla verso la porta. Abbiamo preso l'ascensore fino all'attico. Ne ho messo un po'
musica mentre questa bella giovane donna oziava sul divano. Mi chinai verso il suo orecchio e le offrii un altro drink. Mi guardò da sopra il suo drink, notando la mia pelle abbronzata ei miei capelli sale e pepe. Sembravo sofisticato e lei pensava che fossi davvero sexy in un modo senza pretese. Si è alzata dicendo che aveva davvero bisogno di andarsene. Sembravo piuttosto incazzato ma non me ne sono preoccupato molto, mi sono semplicemente voltato e mi sono allontanato da lei. Tirò un sospiro di sollievo e se ne andò, tirando indietro l'elastico che le legava i lunghi capelli biondi e lasciandoli ricadere sulle spalle. Si passò le dita tra i capelli scuotendoli mentre camminava, poi fece un nodo all'elastico con il ricambio che aveva con sé, mettendoli entrambi nella tasca dei jeans.
Le strade erano silenziose e deserte e lei guardò le stelle mentre camminava, canticchiando tra sé e contenta di essere fuori in una notte così bella. Camminando lungo la lunga strada accanto alla zona industriale si fermò, pensando di aver sentito un rumore. Si guardò intorno ma non c'era niente, nessun suono e nessun movimento. Rise di se stessa scuotendo la testa e decise di svoltare a sinistra e attraversare il parco per raggiungere l'albergo; sarebbe bellissimo immerso nella luce della luna e profuma sempre di fiori d'estate. Uscì sul viale alberato che si estendeva da un capo all'altro del parco e cominciò a percorrerlo respirando profondamente l'aria profumata.
Si bloccò quando sentì un graffio dietro di lei, il cuore che batteva forte e i peli sulla nuca che si rizzavano. Un gatto le sfrecciò accanto uscendo dall'oscurità e lei tirò un sospiro di sollievo, guardando l'animale scomparire ancora una volta nell'oscurità e sentendo il suo corpo rilassarsi. All'improvviso le sue braccia furono tirate dietro la schiena e tenute saldamente in posizione mentre una mano forte la afferrò per la gola. Lottò per farsi strada, le sue spalle urlavano in segno di protesta e fece un respiro profondo per urlare quando la mano alla sua gola si strinse, interrompendo la sua riserva d'aria.
È stata spinta a faccia in giù contro un albero, grattandosi la pelle della guancia e la carne del seno esposta dal top scollato che indossava. Un ginocchio le si era incastrato tra le cosce facendole sfondare i piedi e spingendola più forte contro l'albero. È successo tutto in pochi secondi, ma è sembrato più lungo mentre la sua testa girava e faticava a respirare. La presa sulla sua gola si allentò e lei soffocò, ansimando nell'aria dolce e fresca. Il suo aggressore era premuto contro di lei inchiodandola all'albero con le braccia bloccate in una presa salda dietro la schiena.
Il braccio che li teneva in posizione si spostò e lei sentì una mano affondare nella tasca dei jeans dove aveva gli elastici. Improvvisamente si rese conto di essere stata seguita per tutta la strada dal club e nel suo momento di rabbia si divincolò e tirò indietro la testa di scatto, collegandosi con forza al mio viso. Imprecai e spinsi forte dentro di lei, tirando fuori gli elastici dalla sua tasca. Tutta l'aria fu espulsa da lei e puntini neri esplosero nel suo campo visivo mentre implorava silenziosamente di poter respirare. Ho premuto le mie labbra sul suo orecchio e in un sussurro roco le ho detto “ascolta bene piccola volpe, lo dirò solo una volta. Se vuoi un contratto con un'etichetta discografica, non mi farai incazzare di nuovo. Ora ti lascerò respirare. Capito? Lei annuì e io allentai la presa.
Ha bevuto l'aria fresca facendo respiri profondi, sebbene fosse schiacciata tra il peso di me e l'albero. Il suo stomaco e il suo petto si sollevarono mentre inghiottiva l'aria e iniziò lentamente a riprendere i sensi, la sua paura la fece tornare sobria rapidamente. Le ho avvolto gli elastici attorno ai polsi e li ho tirati stretti fino a farle aderire alla sua pelle morbida, poi le ho messo una mano sulla bocca e ho raggiunto la cintura dei suoi jeans. Fece un respiro profondo quando si rese conto che non stavo cercando il suo cellulare o i suoi soldi e con l'inalazione arrivò un'ondata di riconoscimento.
Stava per essere violentata dall'uomo che aveva abbandonato al club, riconobbe il mio odore e il suono del mio sussurro andò a posto. Le ho liberato la cintura e l'ho infilata nella mia tasca posteriore, poi ho aperto il bottone e ho tirato giù la cerniera. I suoi jeans cominciarono a scivolarle giù per i fianchi da soli e io allungai la mano per afferrarle i seni. I suoi capezzoli si indurirono e li pizzicai violentemente tra le mie dita, il suo corpo la tradì al mio tocco. Emise un piccolo gemito "ooooohhhhhh" poi arrossì per la rabbia e l'umiliazione mentre ridevo di lei, continuando a pizzicarle e stuzzicarle i capezzoli. Ha provato a lottare ancora una volta, ma io ero forte come sembrava e non poteva spostarmi.
Premetti di nuovo contro il suo orecchio e la sua pelle scoppiò in pelle d'oca alla sensazione del mio respiro caldo sul collo. "Le tue tette sono incredibili, piccola", le dissi stringendone una nella mia mano forte. “Ti ho voluto nel momento in cui ho posato gli occhi su di te. Se non mi dai quello che voglio, te lo prendo e basta. Alla parola presa ho spinto i miei fianchi dentro di lei e lei poteva sentire il rigonfiamento dei miei jeans che premeva contro il suo sedere. Quando mi sono staccato da lei, i suoi jeans si sono spostati abbastanza da lasciarli cadere dai suoi fianchi e ammucchiarsi sulle sue ginocchia. Ho premuto di nuovo contro il suo culo, strusciandomi contro di lei, coprendole ancora la bocca e stringendole le tette.
“Quei pantaloncini stanno benissimo su quel culo. Ora com'è sotto di loro? Cercò di divincolarsi e di allontanarsi dalla mia mano indagatrice, implorandomi di lasciarla andare anche se l'altra mia mano era ancora premuta sulla sua bocca. Mi infilai sotto la cintura dei suoi pantaloncini prendendole a coppa la figa e lei sentì le mie dita accarezzare la carne lì, la sottile striscia di peli pubici premuta nel palmo della mia mano. La sua posizione con il mio ginocchio ancora tra le sue cosce significava che era aperta al mio tocco indagatore e il mio dito medio era appoggiato sulle pieghe sensibili che erano esposte.
Ho fatto scivolare la punta del mio dito dentro di lei e non c'era modo che potesse nascondere quanto fosse bagnata. Lottò con più fervore cercando di liberare le mani, mortificata al pensiero del mio dito che esplorava il suo buco bagnato. Ho tolto la mano dai suoi pantaloncini e lei mi ha guardato mentre alzavo la mano sopra la sua spalla portandomi il dito alle labbra e succhiando i suoi succhi da esse. Tolsi le mani da lei ma la tenni ferma con la forza del mio corpo, togliendole la cintura dalla tasca posteriore.
"Lasciami andare. Smettila e lasciami andare,” disse, mantenendo la voce più calma e calma che poteva, non volendo farmi arrabbiare abbastanza da voler japordizzare la sua possibile carriera di cantante. L'ho ignorata mentre passavo la cintura attraverso gli elastici attorno ai suoi polsi e. “Giuro che non lo dirò a nessuno, non dirò una parola. Per favore, lasciami andare. Per favore?" All'improvviso l'ho tirata indietro e l'ho fatta girare, i suoi jeans si sono aggrovigliati intorno alle sue gambe facendole perdere l'equilibrio. Cadde all'indietro sbattendo forte la testa contro il tronco dell'albero e la sua vista vacillò. Scosse la testa e mi guardò mentre la afferravo e la sollevavo per le spalle.
Sembravo leggermente preoccupato e lei ha cercato di giocarci, chiudendo gli occhi e inclinando la testa in avanti finché non ho allentato la presa su di lei. Ha provato a tuffarsi ma i suoi movimenti erano troppo limitati e io sono stato veloce, spingendola indietro e tenendola ferma con un braccio mentre con l'altro afferravo la cintura.
Tirai su lentamente la cintura, costringendola a piegarsi in avanti per non farle male alle spalle già doloranti. "Questo ti farà male solo se mi fai ferire da me, non muoverti in alcun modo ma come ti muovo e starai bene", le dissi. Mi tolsi la cintura e andai ad attaccarla alla sua, poi li legai entrambi attorno all'albero, spingendole indietro le spalle finché non fu in piedi contro il tronco. Mi guardò passare davanti a lei ammirando la mia opera, il suo petto ansante con i suoi capelli che le cadevano sul viso ei suoi jeans quasi completamente fuori dalle gambe.
Sorrisi maliziosamente e lei notò con un accenno di soddisfazione che mi aveva spaccato il labbro quando aveva gettato indietro la testa. Entrai dentro di lei, scostandole dolcemente i capelli dal viso e poi baciandola con forza, afferrandole le tette e strizzandole. Lei allontanò il viso da me. Poteva sentire il mio sangue sulle labbra. Mi inginocchiai e le tirai giù le mutandine con un rapido strattone, strappandole via con i suoi jeans. Gettai i jeans sull'erba e appallottolai le mutandine nel pugno.
Lei ha aperto la bocca per supplicarmi ma non appena le sue labbra si sono aperte ho forzato le mutandine tra di loro, imbavagliandola. «Questo dovrebbe tenerti tranquillo per un po'. Smetti di mendicare; non ti farà bene. Alzandomi ancora una volta, afferrai la scollatura della sua camicia sottile e tirai finché non si strappò sul davanti rivelando il seno medio rivestito di pizzo rosa. Ha guardato, gli occhi spalancati per la vergogna mentre tiravo su il reggiseno, le sue tette cadevano dal fondo, sorprendentemente vivace. Il reggiseno le fu tirato su sopra la testa e rilasciato dietro le sue spalle, cadendo sulle sue mani legate. La sua parte superiore le pendeva a brandelli e mi chinai per succhiarle le tette nude.
Rimase senza fiato mentre le mordevo il capezzolo e spingevo un dito nella sua figa nuda. Sapeva di essere bagnata, non importa come si sentiva per il mio assalto a lei. Tornai in ginocchio e le afferrai la gamba, tirandole su la coscia e spostando il mio corpo finché la sua coscia si appoggiò sulla mia spalla e lei lottò di nuovo, protestando nonostante le mutandine infilate in bocca, "basta... per favore smettila... non farlo." Le sorrisi e le sollevai l'altra gamba per il ginocchio, tenendole le gambe ben divaricate. Le sue spalle erano spinte all'indietro contro l'albero e io seppellii il viso tra le sue cosce, succhiandole la clitoride nella mia bocca e tenendole il culo con la mano libera.
Il suo corpo si irrigidì e urlò "OMG... STOP... STOP!" mentre succhiavo forte il suo bottone sensibile, sferzandolo con la lingua. Ho fatto scivolare la mano dal suo culo lungo la sua coscia e poi ho fatto scivolare due dita nella sua figa aperta, spingendole dentro con violenza e sondando la carne all'interno. Il suo corpo tremò e lei gemette "ooooohhhhhh...aaaaahhhh" quando trovai il suo punto G e iniziai a strofinarlo con forza mentre le leccavo ancora la clitoride. Ora stava letteralmente gocciolando dalle mie dita che le scopavano la fica stretta e la mia bocca la lavorava abilmente. Si sentiva vicina all'orgasmo ma lo combatté più che poteva, umiliata per il tradimento del suo corpo, cercando ancora di allontanarsi da me.
Sentì le mie dita scivolare fuori dalla sua figa e il mio pollice prese il loro posto spingendo contro il punto sensibile dentro di lei. Cercò disperatamente di mantenere la sua compostezza nonostante l'intenso piacere che poteva sentire dilaniare il suo corpo. I suoi occhi si spalancarono quando il mio dito rivestito di figa premette delicatamente contro il suo culo. L'ho guardata da tra le sue gambe e lei mi ha guardato supplicando silenziosamente e scuotendo la testa. Non aveva mai permesso a nessuno di avvicinarsi lì prima ed era terrorizzata che potesse far male, ancora più terrorizzata che potesse piacerle. Ho ignorato le sue suppliche "per favore non lì... fermati... è brutto... ti farà male" e ho spinto lentamente il dito in avanti.
Ha urlato "OMG! FA MALE... FERMATI... TIRALO FUORI... PER FAVORE FERMATI" mentre forzavo il dito nel suo buco del culo, spingendolo fino alla seconda nocca e sfiorandole la clitoride con i denti. Ho premuto forte il pollice contro il suo punto G e ho succhiato forte il suo clitoride, immergendo il pollice nel suo culo appena violato. Tutto questo in una volta era troppo per lei contro cui combattere, spingendola oltre il limite e facendola venire urlando "OMG! OOOOOHHHH...AAAAAAAHHHHH...MMMMMMMM" a squarciagola. Il suo corpo tremava e tremava mentre le succhiavo e leccavo la clitoride e affondavo il pollice nella sua fica pulsante.
Alla fine ha smesso di venire, riprendendo il controllo del suo corpo, il suo petto si sollevava e chinava la testa per la vergogna per la reazione del suo corpo al mio tocco invadente. Lasciai che i suoi piedi cadessero sull'erba e le afferrai i seni mentre mi alzavo, succhiandomi un capezzolo in bocca e tirando una delle sue gambe sopra il mio fianco. Le sollevai il mento e le premetti le labbra sul collo, poi la guardai in piedi silenziosa e sconfitta. Ho aperto i bottoni dei miei jeans e li ho tirati giù con i miei slip, il mio cazzo lungo e grosso come una roccia finalmente si è liberato. Le sollevai ancora una volta le gambe, allungandomi sotto la sua coscia e appoggiando la testa del mio cazzo palpitante contro la sua fessura gocciolante.
Liz era molto tranquilla a questo punto, arrossì e disse tranquillamente "il mio cazzo era così grande e grosso che non ci entrava". Ho strofinato delicatamente il mio cazzo duro e lungo 10 pollici contro il suo clitoride e la sua figa. Ho iniziato lentamente a spingere la testa bulbosa dentro di lei, era molto stretta. Le pareti della sua figa erano piccole e strette che non potevo letteralmente spingere molto in profondità dentro di lei. Le labbra della sua figa erano bagnate, ma la sua figa era piccola e stretta, più pressione le applicavo causava dolore, lei urlava "OMG! OMG! AAAAAHHH! FERMATI!"
Quando ne tirai indietro un po', lei cercò di divincolarsi da me. Ci riprovai, ma era così piccola e tesa, glielo dissi, e Liz arrossì. Più cercavo di penetrarla, più il mio cazzo diventava duro. Ho deciso di lubrificare il mio cazzo con lo sputo per aiutare ad aprire le pareti strette della sua figa. Ho lubrificato la sua figa e il mio cazzo, poi ho spinto la testa bulbosa contro la sua figa, l'asta è affondata di quattro pollici dentro di lei. "STOP!", mi stai facendo male. Fermati!" Mi tirai fuori da lei, poi lei sentì la testa bulbosa del mio cazzo duro colpire contro le tenere labbra della sua fica. Mi spinsi dentro di lei, potevo sentire che la sua figa era ora ben lubrificata. Potevo sentire una parte di lei Mi è piaciuto. Mi sono spinto forte dentro di lei spingendo la testa del mio cazzo dentro di lei. "OMG FERMATI! FERMATI! OH PER FAVORE FERMATI!" Liz urlò di nuovo. "Oh! Tesoro, sei così stretto Mio Dio, ssssoooo stretto!' Mi allontano completamente da lei.

L'aroma della sua figa è diventato più forte rendendomi ancora più eccitante. Le afferrai il sedere con entrambe le mani, poi con la testa che toccava di nuovo a malapena le sue labbra, spinsi i fianchi in avanti usando tutta la mia forza. Per un breve momento, le sue labbra hanno resistito, e poi si sono aperte per permettere al duro strumento di entrare in lei, sbattendo attraverso il suo stretto canale vaginale, lacerandola e spingendosi dentro di almeno 6 pollici alla seconda spinta. quindi non sono stato affatto sorpreso quando tutto il suo corpo ha sussultato in risposta al dolore incandescente dello strumento che tagliava la sua piccola figa giovane e stretta mentre emetteva uno stridio "OMG! OMG! AAAAAHHH!". Ha urlato "AAAHHH! TIRALO FUORI! AAAAAHHHH!" Tirandomi indietro di diversi centimetri, ho visto un sacco di sangue che copriva il mio cazzo e gocciolava sull'erba.
Poi ho guidato di nuovo in avanti, sbattendo la testa contro la sua cervice. Mi sono tirato indietro e ho iniziato a speronare la giovane donna stretta mentre urlava pietosamente "OMG! AAAAAHHHH! AAAAAYYYY! AAAAHHHH!". Qualunque cosa provasse per lei, la sensazione della sua figa stretta e impreparata che mungeva il mio cazzo mi mandò brividi di eccitazione attraverso il mio corpo mentre la sbattevo con il mio cazzo. Il dolore la colse di sorpresa ma in un attimo sentì le mie grosse palle appoggiate contro la carne della sua figa e seppe che mi aveva preso tutto. La sensazione di pienezza era incredibile! In un certo senso era orgogliosa di se stessa. Aveva preso tutti i 10 pollici di me. Ho iniziato a tirarmi fuori ma ho spinto rapidamente in profondità verso casa. La sua figa resisteva a ogni spinta, stringendosi nel vano tentativo di fermare ogni successivo impalamento del pene. Le lacrime le sgorgavano dal viso mentre il suo canale stretto veniva allungato, strappato e lacerato dal continuo speronamento che le stavo infliggendo. A poco a poco, il continuo speronamento della mia testa di cazzo ha dato alla parte posteriore della sua figa, facendola cedere un po'. È stato fantastico, avere la sua giovane figa stretta che afferrava l'intera asta inclusa la base del mio cazzo, convulsioni per il trauma, continui spasmi mentre tutto il suo corpo si sollevava dai singhiozzi e dalle urla che stava emettendo "AAAAAHHHH! AAAAHHHH! OOOOOHHHH! PER FAVORE FERMATI! Pleeesssse Sttttttoooopppp!".

Liz sentiva la sensazione di eccitazione crescere dentro di lei, sentiva il suo corpo rispondere sempre di più alle mie attenzioni. " OHHH! OHHH!! UUHHH! OHHH! UH-UH-UH-UUUHHHHHOOOOOOOOO!!!!" Liz gemette mentre il suo corpo era sconvolto da orgasmi multipli. Tutto il suo corpo tremava, spingendo anche me oltre il limite. " Oh Dio!!" Gemetti mentre iniziavo a sparare il mio carico a Liz. Liz era ancora alle prese con il proprio orgasmo mentre sentiva il calore del mio sperma riempirle le viscere. Il pulsare del mio cazzo dentro di lei la fece gemere mentre il suo orgasmo cominciava a diminuire. "Mmmmm."
Ha stretto i muscoli della figa attorno al mio membro duro mentre mi tenevo dentro di lei e si è chinata in avanti per baciarmi e succhiare il lato del mio collo e dove il mio collo incontrava la mia spalla. Afferrò gli elastici che le legavano i polsi al tronco dell'albero, quello che le aveva tenuto i capelli abbastanza deboli da spezzarsi all'istante. Mi allontanai di nuovo da lei mentre si toglieva le braccia da dietro la schiena.
Ha gettato le braccia sulle mie spalle e mi ha graffiato la schiena con le unghie lasciando lunghi graffi rossi, quasi rompendo la pelle quando il mio cazzo l'ha colpita ancora una volta. Gemette piano "mmmmmmmm" e intrecciò le dita dietro il mio collo mentre la tenevo sotto le sue cosce. Ho ricominciato a sbattere contro di lei con lunghi colpi di guida, arando nella sua figa convulsa mentre tremava e gridava "OMG! SCOPAMI! YYYYEEESSSS!".
Mi ha morso la spalla per attutire le sue grida e sapevo che stavo per venire con lei. La sua fica si è contratta così stretta intorno al mio cazzo dolorante e ho seppellito la mia faccia nel suo collo, urlando "Liz...Liz...Liz" il suo nome contro la sua pelle e finalmente permettendomi di esplodere di nuovo dentro di lei. Mi sentivo le gambe deboli e crollai in avanti, inchiodandola di nuovo contro l'albero, ancora dentro di lei. Ho tenuto il suo corpo tremante tra le mie braccia e l'ho baciata appassionatamente, i loro petti ansanti, entrambi senza fiato.
Rimasero così fino a quando finalmente si rese conto che il sole stava per sorgere, mi scosse e io la misi dolcemente in piedi allontanandomi da lei. Si vestirono velocemente, lei provava il top strappato come meglio poteva per nascondere la sua modestia, il reggiseno non nascondeva molto da solo. Le presi la mano e uscirono dal parco e si diressero verso l'hotel.
Le passai il braccio intorno alla vita e la guardai, il sangue sul mio labbro luccicava alla luce del sole appena sorto. "È stato assolutamente perfetto", le dissi. Lei mi guardò sorridendo, il viso e il seno arrossati dai graffi. “Ti avevo promesso un contratto discografico. Vai nella mia suite a pulire, ti faccio mandare dei vestiti. Ci sarà una limousine ad aspettarti.»

Storie simili

Il mio compito per i media.

Ho ricevuto una chiamata per entrare nell'ufficio del mio editore per un incontro con il signor Giles. Stavo lavorando al giornale locale da 6 mesi, quindi naturalmente ero nervoso. Mi chiedevo cosa avessi fatto di sbagliato, tale era la mia negatività. Rachael, per favore siediti ha detto mentre entravo. Mi sono seduto dentro tremante mentre aspettavo quella che pensavo sarebbe stata una brutta notizia. Rachael, ho visto il tuo pezzo sulle corse dei levrieri e sull'esca viva ha detto è stato fantastico. Penso che avrebbero sentito il mio sospiro di sollievo nel prossimo edificio. “Evidentemente ami gli animali” ha aggiunto. Sì...

802 I più visti

Likes 0

Finalmente i piedi di Nicole: la vendita Capitolo 1

Sono le 18:00 di sera e inserisco le note nel computer nel database della nostra concessionaria. È stata una giornata piuttosto lenta e mi annoio. Mi alzo per sgranchirmi ed esco fuori per illuminarmi. Mentre metto l'accendino in tasca, noto un vecchio amico con cui lavoravo al pull up. Parcheggia e si avvicina a me sorridendo. Ehi, come stai? chiede Nicole mentre cammina verso di me. Ciao Bella ragazza. È molto tempo che non ci si vede. Cosa ti porta a vedermi? Ho chiesto. Nicole mi si avvicinò e mi gettò le braccia al collo. Abbiamo sempre parlato a Sagebrush, ma...

633 I più visti

Likes 0

Chat room: una vendetta malvagia della fidanzata

Torni a casa dopo una lunga giornata di lavoro; ti togli il cappotto e vai in cucina per una birra. Quando apri la porta del frigorifero, la tua ragazza si avvicina da dietro, coprendoti gli occhi con una benda. Lo lega stretto essendo un po 'ruvido Ho un osso da scegliere con te !! ti scatta contro. 'Ma che...?! Chiedi, alzando la mano per scoprirti gli occhi. Ti dà uno schiaffo sul dorso della mano e ti afferra il polso tirandoti fuori dalla cucina. Essendo bendato sei disorientato e perdi l'equilibrio, quasi inciampando mentre ti trascina su per le scale. La...

867 I più visti

Likes 0

Una nuova padrona 7

Natasha mi ha infilato la lingua nell'orecchio e mi ha sussurrato: Ci divertiremo un sacco, un sacco di divertimento tesoro... La bambina della mamma si è sporcata il culo? Nessuna padrona... mamma! Ho sussurrato. Ho urlato mentre qualcuno schiaffeggiava il mio cazzo duro. Rimbalzava come un metronomo pungente. Sì! Mi sono lamentato: Sì! Il mio culo è sporco mamma…” Sorrise e mi coprì gli occhi con una benda. Ho sentito qualcuno sedersi sul mio petto e ho pensato di sentire l'odore della figa eccitata. Natasha mi tubò nell'orecchio: Conosci quell'odore? Mi sono reso conto che non avevo cazzo e palle in...

747 I più visti

Likes 0

Little Piggy 3 - Ragazzi! Nient'altro che guai.

Little Piggy 3 - Ragazzi! Nient'altro che guai. La piccola Piggy si è svegliata quando ha sentito suo padre frusciare nel letto e ha ricordato la scorsa notte. Scivolò giù dal letto e tornò silenziosamente nella sua camera da letto. Era molto presto la mattina così andò a letto e tornò a dormire. Ha iniziato a sognare la sua avventura con il cazzo di suo padre. I sentimenti del suo corpo e la forte passione di suo padre. Il suo sogno si trasformò nella posizione di sua madre in camera da letto nel bel mezzo della giornata. Ricordando di aver guardato...

625 I più visti

Likes 0

Il bussare alla porta_(1)

Il bussare alla porta mi ha sorpreso. La notte di gennaio in Iowa era fredda, fredda, fredda. Mi ero già tolto i vestiti per la notte e mi sono seduto sulla mia poltrona a scrivere sul mio portatile; era una breve storia della mia infanzia. Dal mio divorzio tre anni prima, ho passato molto del mio tempo da solo a scrivere; principalmente sull'argomento di cui so più di ogni altra cosa... io. Ho scritto centinaia di storie sulla mia vecchia città natale e sulla mia famiglia. I miei nove fratelli hanno fornito tonnellate di ricordi che voglio, un giorno, condividere con...

669 I più visti

Likes 0

Io e Sue

Io e Sue Come ricorderete se avete letto gli altri miei racconti, mia sorella maggiore è sexy ed ha avuto una grande influenza sulla mia identità sessuale da quando ho perso la verginità con lei quando avevo dodici anni e lei venti. Con il passare degli anni abbiamo continuato a sperimentare insieme, ma dato che solo di recente aveva dato alla luce mio nipote pochi mesi prima della mia prima volta con lei, stava ancora producendo latte materno e allattando al seno mio nipote appena nato. Sue è stata la prima persona che avessi mai visto che allattava i propri figli...

873 I più visti

Likes 0

Surrogato sessuale

Surrogato sessuale Ch1 Spruzzandomi acqua sul viso e fissando un grande specchio del bagno, stanco per la lunga serata che ho passato ieri sera in cui ho avuto una conferenza di oltre cento invitati in cui ho parlato loro del mio lavoro. No, non ero una squillo, non mi sono mai spogliata, non ho mai lavorato in un bordello e non faccio pubblicità. Sono fondamentalmente uno psicologo che aiuta uomini, donne e anche coppie con disabilità ad esibirsi durante il sesso. Come surrogato del sesso per la maggior parte del tempo insegno il contatto intimo, insegnando alle persone come trovare il...

877 I più visti

Likes 0

THE FREAK - Parte 4 di 5

>>>>>>Entrammo in Massachusetts Avenue e trovammo un posto per parcheggiare a circa un isolato di distanza vicino a Harvard Yard, il nome dato al campus principale. Erano appena passate le dieci. La signora Atkins aveva detto di venire a qualsiasi ora, quindi siamo andati insieme all'ufficio ammissioni, trovandola alla sua scrivania. Presentai Barbara e prendemmo posto. La prima cosa che ho fatto è stata passare la cartella delle fotografie attraverso la scrivania. “Avevo chiesto a Barbara di sposarmi il venerdì sera precedente, il venerdì prima della domenica delle Palme. Ha indossato il suo anello di fidanzamento a scuola lunedì e...

868 I più visti

Likes 0

Grace è una ragazza scat

Ogni sera dopo il college Grace cercava consigli per flirtare online e da quando ha scoperto il porno alcuni anni fa, ne era stata ossessionata. Ora che vive da sola, si siede sulla sedia per ore e ore a guardare i contenuti più sgradevoli che riesce a trovare. Aveva sempre avuto un lato malato in lei, ma si è davvero acceso alcuni anni fa quando i suoi compagni di scuola le hanno mostrato il video 2 Girls 1 Cup, ha dovuto mostrarsi disgustata di fronte a loro mentre nascondeva segretamente la macchia bagnata tra le sue gambe . Tutte le sue...

850 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.