Il potere interiore - Parte 3

707Report
Il potere interiore - Parte 3

Il giovane
La mattina dopo, Colleen si svegliò e scoprì che era quasi mezzogiorno. Mai in vita sua era stata così egoista e aveva dormito così tardi. Tuttavia, Hannah, una delle sue ancelle, allungò la mano e prese la mano di Colleen.
“Non preoccuparti, Vostra Maestà. Avevi bisogno di riposo dopo la scorsa notte. Il regno potrebbe badare a se stesso per qualche ora. Vieni, rinfrescati per la giornata e vieni a mangiare. Hai dei soggetti che vorrebbero parlarti.
Al tavolo della colazione sedevano il Capitano della Guardia e 11 dei suoi uomini più fidati. In piedi sulla porta di fronte a quella da cui era entrata Colleen, c'era un bel giovane. Entrò e tutti si inginocchiarono davanti a lei.
«Mia regina», disse il capitano delle guardie, «perdonaci la nostra trasgressione di ieri notte. Siamo stati negligenti nelle nostre attenzioni e vogliamo rinnovare la nostra lealtà al trono.
Colleen sorrise e rise,
"Scuse accettate, ma ricorda questo, la prossima volta ti prenderò a calci io stesso se non ci sei." Tutti risero, ma sapevano che era sincera.
Rivolgendo la sua attenzione al giovane, Colleen chiese:
"E come si chiama, gentile signore?"
Si inginocchiò e poi disse:
“Mi chiamo Gavin McMurrin. Mi è stato detto da mio padre, Ghalegar McMurrin, che era stato assunto per istruirti nelle arti magiche, e se dovesse morire, io prenderei il suo posto. Dio riposi l'anima sua. Ucciso mentre dava la caccia a Lord Fallin.»
La rabbia bruciava nei suoi occhi. Immediatamente, Colleen ha sentito una connessione. Fu allora che Colleen guardò davvero Gavin. Le tolse il fiato. Alto e corpulento, ma dall'aspetto gentile, giovane e rispettoso. Vergognandosi, si ritrovò a chiedersi com'era a letto. Notando un'enorme protuberanza nei suoi leggings, lei ipotizzò due cose, lui stava pensando la stessa cosa di lei e la sua *uhm* parte privata era enorme. Hannah ha richiamato Colleen alla realtà.
"Sua Maestà si sente ancora male?"
“No, niente Anna. Solo che non sono ancora del tutto sveglio", fu la risposta.
"Vogliamo iniziare le vostre lezioni, milady?"
Guardò Gavin, che sorrise. Sapeva cosa stava pensando, e Colleen arrossì.

La prima lezione
Dopo essersi rinfrescati, Colleen e Gavin si diressero verso l'armeria del castello. Accelerando il passo, Gavin raggiunse la pesante porta di piombo e l'aprì per Colleen.
"È molto gentile e cavalleresco", pensò il destinatario del gesto.
Nella stanza si meravigliarono della selezione di armi disponibili. Alla fine, Colleen ha scelto una spada; Gavin, una palla al piede.
"Cosa ti ha spinto a scegliere quell'arma, Gavin?"
"Non lo so davvero", rispose sorridendo compiaciuto mentre metteva la palla chiodata contro le sue mutande. Colleen gli diede uno spintone scherzoso sulla spalla.
Uscirono nel cortile del castello e si fronteggiarono. Colleen estrasse la spada. Si sentiva proprio nella sua presa, e sembrava che stesse cantando. Scosse la testa incredula. Stava cantando. Beh, non proprio cantando, ma una melodia emanava dalla spada quando la toccava. All'improvviso, Gavin colpì, dando all'acciaio un robusto colpo e mandando in frantumi il canto della spada. Colleen ha risposto con una sicurezza che era sicura di non avere.
Mentre le loro armi si scontravano a mezz'aria, Gavin disse:
«Quella spada era destinata a essere tua. Solo tu puoi maneggiarlo con tale abilità. Ora non trattenermi, mia regina. Sono preparato al tuo peggio.
«Non preoccuparti, Gavin. Presto avrai l'esperienza della tua vita.
L'uomo e la donna si alzarono, le lame serrate come in un bacio. Il piede di Gavin ha scalciato le ginocchia di Colleen da sotto di lei, ma quando è caduta, ha piegato con grazia la schiena ed è rotolata all'indietro, atterrando in piedi. Capovolgendo la spada nella mano, Colleen si chinò mentre la lama di Gavin volava sopra di lei. Ruotando rapidamente in cerchio, riuscì a fermare la lama della sua spada tra le gambe di Gavin, a metà dell'elsa.
"Och, hai vinto, ragazza", disse Gavin in una brogue acuta in falsetto.
"Ho quasi 'de-man-ded' che ti arrendi", rise Colleen.
Gavin posò la sua arma a terra e Colleen lo seguì.
"Buono. Ora è il momento del combattimento corpo a corpo. 3 punti per vincere. 1 punto per abbattimento.
Entrambi si schierarono, prendendo posizioni di combattimento. La sua compagna di allenamento prese posizione, forte e solida. Suo padre non l'aveva lasciata all'oscuro dell'arte dell'autodifesa anche se era solo una bambina quando le aveva insegnato. Gavin colpì per primo con il suo avambraccio che andò a sbattere contro la spalla di Colleen. Tuttavia, ha risposto con un colpo laterale al plesso solare e un calcio travolgente che ha fatto atterrare Gavin sul pavimento di pietra.
«Uno» ansimò.
Dopo essersi ripreso, Gavin ha simulato un colpo sinistro, ma ha afferrato la spalla di Colleen e si è voltato, mettendola in una presa alla testa. Anche se ha lottato, l'ha portata a terra.
"Uno", ha contato.
Lasciandola voltare, Gavin fissò il viso della sua Regina. Era vivo di divertimento. Mentre Gavin si muoveva per alzarsi, tuttavia, si rese conto che il viso arrossato di lei era causato da qualcosa di più dell'esercizio mentre la sua mano, davvero per caso, le premeva sul seno. Il suo capezzolo era duro e divenne più duro al suo tocco. In quell'istante, il mondo svanì per la Regina e il suo Protettore. La mano destra di Colleen si spostò dal suo fianco, afferrando quella di Gavin e tenendola ferma. L'altra mano si posò sulla nuca di lui, tirandogli il viso verso il suo. Le loro labbra si unirono e le loro lingue danzarono, mentre assaporavano la dolcezza della bocca dell'altro. Lentamente, la mano di Colleen scivolò verso la tenda in crescita nei pantaloni del suo Protettore. Si strofinò delicatamente, insicura.
Alla fine, rompendo il loro bacio, Colleen sussurrò,
“La mia mente e la mia anima sono in guerra. Perché la mia testa sa che questi sentimenti sono sbagliati. Eppure, il mio cuore sa che hanno ragione”.
"Se vuoi che smetta, dimmelo e lo farò." rispose Gavin.
«Va tutto bene, Gavin. Ora, non ti lascerò ancora la mia verginità, ma voglio che tu faccia qualcosa per me. Ieri sera Fallin voleva leccarmi “laggiù”, ma l'ho fermato. Poi ho fatto il bagno e pensavo di essermi pisciato addosso quando sono sprofondato nell'acqua. Non era lo stesso però. Non aveva lo stesso odore e di certo non si sentiva allo stesso modo. Potresti fare quello che stava per fare?
Gavin sapeva esattamente cosa voleva e le chiese: "Vorresti che usassi il mio dito o la mia lingua per farti venire? È così che si chiama. E pensi che qualcuno sarà infastidito?
Volendo provare la sensazione, Colleen ha optato per la lingua. Colleen sapeva che tutti erano fuori dal castello per commissioni o doveri reali, ma Gavin chiuse a chiave la porta per ogni evenienza.
Gavin ha suggerito di ballare l'uno per l'altro mentre si spogliavano e si offrivano di andare per primi. Colleen divenne sempre più eccitato mentre rivelava i suoi addominali duri come la roccia e il petto scolpito, i suoi piedi e le sue gambe robuste, facendosi strada verso la sua virilità, che era ovviamente sveglia nel vedere la sua bellezza. Tutto ciò che Gavin riuscì a dire fu: "Wow!" mentre l'abito di Colleen cadeva a terra.
Gavin stava quasi sbavando mentre si inginocchiava tra le sue gambe. Lentamente, abbassò la testa, respirando il suo profumo inebriante. Le soffiò una tranquilla boccata d'aria fresca sulle labbra gonfie. Poi, dolcemente, tirò fuori la lingua e li aprì. La sensazione fece sobbalzare Colleen. Sentì del liquido scorrerle tra le gambe.
“Ooh. È fantastico. Scusa, non volevo pisciarti addosso.
Gavin, che stava bevendo avidamente i suoi succhi, sollevò la testa per un minuto e disse:
“Non stai facendo niente di male, milady, e quella non è pipì. In effetti stai facendo tutto bene. MMMM!”
Si è tuffato di nuovo. Questa volta la sua lingua penetrò più a fondo in Colleen. Si morse il labbro mentre il suo corpo rispondeva. Si sentiva accaldata e non poteva fare a meno di iniziare ad ansimare. Sentimenti meravigliosi le stavano attraversando il corpo, e sentì una sensazione di formicolio allo stomaco. L'ha colpita. Tutti i muscoli del suo corpo si tesero e sentì un'esplosione provenire dal suo interno. Gavin l'ha bevuta mentre premeva il suo Goddess Spot. Le convulsioni continuavano a tormentarle il corpo e Colleen pensava che sarebbe svenuta. Tuttavia, Gavin la lasciò andare e lei iniziò a calmarsi. Respirando ancora affannosamente, disse a Gavin,
"È stato meraviglioso."
«Girati», disse Gavin.

Storie simili

I miei figli innamorati di me 2

Sono una madre vergognosa, che razza di mostro sono? Ho lasciato che mio figlio di 16 anni mi accogliesse Prendendo la sua verginità. Mi sono sentito male e da quel giorno non sono più umano Diritto di parlare. Per definirmi madre! Io-potrei dire di no, Il pensiero di perderlo con una puttana trasandata. Ma guarda chi parla, ho fissato il lavandino, sono stato qui 20 minuti. Mi sentivo così triste, triste, avevo già finito di lavare i piatti a che diavolo sto bene adesso? Ho sentito le braccia avvolgermi lo stomaco e curvarle morbide Le labbra mi baciano la testa. Rabbrividii...

350 I più visti

Likes 1

Essere comandato

Naomi Price stava affrontando una crisi non causata da lei stessa, ma che solo lei poteva capire come risolvere. Aveva 38 anni e la sua carriera stava andando bene. Ma sua figlia di 14 anni frequentava una scuola privata. Lei e suo marito avevano divorziato poco dopo la sua nascita. Il suo mantenimento dei figli non aiutava Naomi a sbarcare il lunario. Inoltre, la carriera del suo ex era andata nel serbatoio; lavorava solo part-time e riusciva a malapena a cavarsela da solo. Un anno prima, Naomi aveva collocato sua madre in una struttura di residenza assistita. Anche se era molto...

317 I più visti

Likes 0

Caramel Mocha alla giungla di Giava

Erano passate due settimane dal nostro ultimo incontro. Qualcosa a cui mi ero abituato. Viene ogni due lunedì alla giungla di Java per consegnare una singola scatola di biscotti con gocce di cioccolato dalla panetteria e caffetteria di Vienna di Josef. I biscotti non erano niente di speciale. Il proprietario li vende solo nel nostro negozio perché suo fratello è proprietario della panetteria. Ma l'uomo che li ha consegnati sembrava davvero qualcosa da cui potrei dare un morso... Aveva poco più di 20 anni e si chiamava Miguel. Capelli castano scuro, mossi e occhi nocciola con un'affascinante tonalità verde esterna ma...

861 I più visti

Likes 0

Mio cugino_(0)

Quando avevo 17 anni andai in vacanza con i miei genitori, i nostri zii e le loro due figlie. Mia cugina (emma) che aveva appena compiuto 16 anni il giorno prima flirtava sempre con me e mi divertivo molto. Beh, un giorno tutti erano usciti e avevano lasciato me ed Emma al campeggio. emma indossava una gonna corta grigia ed era sdraiata su un lettino. Quando mi sono seduto ho potuto vedere la sua gonna e ho visto le sue mutande bianche. si è accorta che la guardavo e non ha mai tentato di coprirsi. Invece ha aperto un po' di...

636 I più visti

Likes 0

Giacomo e Maria_(0)

Capitolo 1 Quando i genitori di James hanno detto che sarebbero usciti per la notte, ciò che inizialmente gli era passato per la mente era stato forse afferrare il telecomando della sua PS4 o vedere quanti episodi di House of Cards poteva guardare. Non aveva previsto cosa avrebbe comportato quella notte, ed era lì per il momento della sua vita. Aveva appena preso il telecomando della TV e si era lasciato cadere sul suo grande divano di pelle quando suonò il campanello. Esitò, espirò, poi si alzò in piedi e attraversò il corridoio fino alla porta d'ingresso. Alla porta c'era un...

622 I più visti

Likes 0

Holli e una vela serale

Holli mi ha incontrato all'estremità del molo... e il mio cuore ha perso un battito quando è scivolata alla vista. Era vestita per una serata a bordo della mia barca: semplici sandali da barca, un bel top azzurro e un paio di pantaloncini cachi molto comodi che le dondolavano facilmente sulle curve, accennando a ciò che aveva da condividere sotto. 5'9 con capelli biondi, gambe lunghe e un corpo atletico in forma, Holli era entrato nel mio mondo attraverso un pomeriggio magico che abbiamo condiviso sul lungomare di Vancouver. Questa serata è stata il risultato del mio invito perché ci eravamo...

470 I più visti

Likes 0

Jordan la dea del sesso_(1)

Mi chiamo Jake. Sto scrivendo questo perché non riesco semplicemente a crederci io stesso. Spero che quando avrò finito sarà affondato un po 'meglio. Comunque. Quello che sto per raccontarvi è un momento molto speciale della mia vita. Quando ho scopato Jordan. Jordan è sempre stata la ragazza più sexy della mia scuola e tutti desiderano il suo seno perfettamente formato. Sa che tutti i ragazzi non possono resisterle e si prefigge il suo obiettivo personale di indossare il collo a V più basso possibile, solo per tormentarci. Il resto del suo corpo è altrettanto meraviglioso. Dal suo viso meravigliosamente fottuto...

466 I più visti

Likes 0

Camion su strada capitolo 5

Jill e io siamo arrivati ​​a Boise ID. intorno alle 5 del mattino. Ho rifornito il camion e l'ho parcheggiato. Siamo entrati e abbiamo fatto una buona colazione. Ha detto voleva avermi per dessert ma nel camion. Ed è stato il giorno dell'anale. Mi ha detto che voleva KD nel culo e io che le martellavo la figa. Ho riso e ho detto hai intenzione di infilarti KD nel culo? (KD è Kong Dong) Questa cosa è lunga 18 pollici e spessa circa 3 pollici, un po' più grande di una lattina di birra, Ci puoi scommettere dice. Le ho detto:...

444 I più visti

Likes 0

Le sorelle calzino (capitoli 9-12)

CAPITOLO NONO Jeff ci ha lasciati davanti alla casa di Kim intorno alle 8:30 e lei ci ha incontrato alla porta indossando uno dei vecchi e soffici accappatoi. “Sono appena uscito dalla doccia ragazze. Vieni nella mia camera da letto, ci cambieremo lì. Phil se n'è appena andato e mi sono quasi dimenticato del tempo! «Phil se n'è appena andato, eh?» ho scherzato. E cosa stavate combinando voi due per perdere la cognizione del tempo? “Stavamo scopando, Mar! Cosa hai pensato? Kim sorrise a me e Beth e scoppiammo tutti a ridere. Quando arrivammo nella stanza di Kim, lei lasciò cadere...

400 I più visti

Likes 0

Tia, la mia sexy vicina nera

Tia è una ragazza dalla pelle marrone media sulla trentina che vive accanto a me. Vive da sola, ha un ottimo lavoro in azienda e si veste bene ogni giorno quando va al lavoro. Lei è molto carina, estremamente sexy, ha un bel seno, lunghi capelli neri e fluenti e bellissimi occhi scuri. Mi eccita totalmente ogni volta che la vedo. Ho stretto un'amicizia con lei e ovviamente flirto molto con lei. Adoro il suo sorriso e ha una personalità piacevole. La saluto sempre e di solito le faccio i complimenti per la scelta dell'abbigliamento per la giornata, e talvolta faccio...

366 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.