Andare a lontano

99Report
Andare a lontano

Quando faccio scivolare la mia mano tra le tue gambe e dico "Questo è mio, siamo chiari". Il sesso non è la risposta. Il sesso è la domanda. "Sì" è la risposta.

Nicole mi ha visto in coda al ricevimento di nozze di sua sorella. Eccomi fuori come se fossi appena uscito da GQ. Mi sto muovendo lentamente verso di lei. Nicola trattenne il respiro. Doveva incontrarmi. Nicola si guardò intorno. Mi ha visto dall'altra parte della piscina. Sembravo sulla cinquantina. Sono più alto di chiunque altro nella sua famiglia italiana. Nicole ha indovinato che sono alto un metro e ottanta. Sono in forma e in forma. Indosso un abito nero di buon taglio e scarpe di pelle nera. Sono ben rasato e ho i capelli corti grigi. "Sei con lo sposo?" chiese Nicola. "No, in realtà lo sposo è con la sposa. Sono qui solo come amico" dissi sorridendo. "Mi scusi. Sto scherzando naturalmente. Sono un suo vecchio amico del college. Mi chiamo John," dissi. "Sono la sorella della sposa. Sono Nicole." "Sì, ti ho visto in fila alla reception. Poi te ne sei andato." Nicola rise. «È una lunga storia», disse Nicole. "Pensi che funzionerà? Oh, non dovrei fare questa domanda." Sembro imbarazzato. "Non essere imbarazzato! La semplice risposta è: ha soldi?" Nicola rise. Mi misi a ridere. "Una donna non può essere né troppo ricca né troppo magra. Non si dice così?" Ho detto. "Ci sono altri fattori." " Posso solo immaginare." Nicole ha fatto un passo laterale per mettere il suo corpo tra me e gli ospiti. Si abbassò e sentì la mia virilità attraverso i pantaloni. Ha iniziato a crescere. "Alcune cose non dovrebbero essere lasciate all'immaginazione", ha detto Nicole guardandomi negli occhi. "Mi piacerebbe avere un'altra conversazione con te qualche volta," dissi sorridendo. Nicole ha rilasciato il mio membro ora completamente eretto. Infilò la mano nella borsetta, tirò fuori un biglietto da visita e me lo porse. L'ho guardato. Diceva semplicemente "Nicole A." Il suo numero di cellulare era sotto.» «Ti chiamo» sussurrai.

Ha 35 anni, divorziata e senza figli. Il suo corpo è minuscolo. I suoi capelli sono biondi in stile paige boy. I suoi occhi nocciola sono spalancati sul viso stretto. Due ore dopo il matrimonio di sua sorella l'ho chiamata. " Ciao?" "Ciao. Questo è John." Nicole si guardò allo specchio e si portò il rossetto alle labbra. Voleva che le sue labbra fossero di un rosso vivo. Voleva che i suoi occhi fossero accentati con il mascara e un po' di rossore sulle guance. Si è infilata un paio di eleganti calze di pizzo, un perizoma e una canotta non dissimili da quelli mostrati su Vogue. Infine, ha indossato una minigonna corta e un top che metteva in risalto i suoi 34 seni B. Si infila un paio di décolleté in vernice rossa con micro tacchi a spillo.
Salì sulla sua Mercedes Classe SL rossa e abbassò il tettuccio. Era a 45 minuti di auto dalla posizione che ho selezionato.
Era un caffè nel quartiere degli affari. L'ho incontrata fuori e l'ho scortata in un patio. Le diedi un bacio prima di tenerle la sedia. "Sono contento che tu ce l'abbia fatta," dissi sorridendo. Sono vestito con un abito grigio. "Oh sì! Anch'io. Questo è molto carino. Abiti qui vicino?" chiese Nicola. Si è seduta e mi ha mostrato le gambe tornite mentre mi sedevo. "Sì. Vivo in un appartamento al 35° piano. Il cameriere è venuto e ho ordinato del vino rosso. Ci siamo goduti il ​​vino e la conversazione. Ho suggerito di salire nel mio appartamento per continuare la nostra conversazione.

Le metto le mani sulle spalle, "Lo togliamo?" chiesi, poi mi allungai dietro di lei per slacciarle il vestito. Scivolò a terra. Feci scorrere le dita sotto le spalline del suo reggiseno e giù fino alla sua scollatura. "Vorrei andare ora!" sbottò quando la mia mano indugiò sul suo seno. "Non mi paghi, Nicole?" "Uhhh, 25, hai detto?" Armeggiò con la borsa. Ho messo le mie mani sulle sue. «Non voglio soldi», sussurrai. I suoi occhi saettavano qua e là, cercando una via di fuga. Pensava di potermi passare sotto il braccio e correre verso la porta se fosse riuscita a cogliermi di sorpresa. Ho visto dove stava guardando. "La porta è chiusa, Nicole." "Per favore, prendi i miei soldi e lasciami andare.
«Non voglio i tuoi soldi», dissi di nuovo. Ho messo la sua borsa sul pavimento e l'ho afferrata per i polsi. "Ho visto quanto eri eccitato al matrimonio. Ammettilo. La tua fica è fradicia." "No, per favore... per favore." Forse può prendermi a calci. Ha lottato contro la mia presa e io l'ho tirata bruscamente giù dal divano. Lei tremò. Le ho tirato i polsi in modo che inciampasse contro di me, poi le ho messo un braccio intorno alle spalle e ho premuto il suo corpo contro il mio. Le lasciai andare i polsi e abbassai le spalline del reggiseno, poi scostai la coppa del reggiseno per scoprire un seno. "Per favore," sussurrò.
Le pizzicai forte il capezzolo. Lei urla, ma io non l'ho lasciato andare. L'ho accompagnata all'indietro fino alla camera da letto. Con l'altra mano, le ho afferrato una manciata di capelli e le ho tirato indietro la testa in modo che mi guardasse. "Urli e combatti? Non è un modo di trattare un uomo. È una presa in giro. Non mi piace essere presa in giro." "Non ero -" squittì. Le tirai di nuovo i capelli e lei chiuse la bocca.

Alla fine ho lasciato andare il suo capezzolo, ma ho mantenuto la presa sui suoi capelli. «Adesso», dissi. "Vediamo cosa abbiamo qui."
Non riesce a staccare gli occhi dal mio viso. Rimase lì, pietrificata, mentre facevo scivolare la mano sul davanti, nelle sue mutandine. "Bagnato", dichiarai. Una scossa la percorse mentre il mio dito le sfiorava la clitoride. «No», sussurrò. " Per favore." Non poteva muoversi. Le sue braccia pendevano lungo i fianchi, inutili. Le sue ginocchia bloccate. Le ho lasciato andare i capelli e le ho tirato giù le mutandine sul pavimento. Lei tremò. Le ho dato una piccola spinta e lei è crollata sul letto, le gambe aperte. Stordita, mi guarda abbassare i pantaloni, ha visto il mio enorme cazzo duro saltare fuori. Lei ansima. È così lungo, così spesso. Non era mai stata con un uomo così grosso. Dovrebbe alzarsi. Dovrebbe provare a scappare. Ma è ipnotizzata dai miei movimenti, paralizzata dall'indecisione e, bisogna ammetterlo, un po' eccitata. Mi metto a cavalcioni su di lei, chinandomi per succhiarle il capezzolo esposto. Lo shock provocò un gemito. Incoraggiata, scoprii l'altro seno. Cerca di piagnucolare, cerca di dire di no, cerca di implorare. Ma l'unica cosa che le sfugge dalle labbra è un altro gemito. "Basta prese in giro," dissi. Senza preamboli, all'improvviso, i suoi occhi si spalancarono mentre sentiva la testa del mio pene spingersi dentro di lei. Le sue gambe sono tese quasi al limite. Nicole grida mentre mi spingo fino in fondo. Il suo corpo si ritrae di scatto per la forza che spinge dentro di lei. Ora, inizia a piangere mentre mi spingo dentro e fuori, dentro e fuori, proprio come farebbe il suo ex marito quando fa l'amore. Nicole non stava con nessun altro uomo da più di sei anni. Questo sembra sbagliato.

Sente il mio respiro diventare più pesante. La spingo di nuovo molto forte dentro di lei. Lei urla, pregandomi di fermarmi e tirarmi fuori, ma io continuo a rassicurarla. Mi sono sdraiato su di lei con tutto il mio peso per impedirle di mettersi a sedere e spingermi via da lei. Mi sento come se la stessi aprendo in due. Mi fermo sorprendentemente per permetterle di adattarsi all'improvviso impalamento dentro di lei. Comincia a respirare regolarmente e io comincio a spingere lentamente dentro di lei. Fa male, ma inizia anche a provare qualcos'altro, qualcosa di buono. Finalmente sente il mio stomaco toccare il suo mentre ora la riempio completamente. Mi tiro quasi completamente fuori lentamente prima di spingere di nuovo tutta la mia lunghezza dentro con forza. Geme forte, cosa che ho preso come una coda e ho iniziato a spingerla dentro e fuori più velocemente. Comincia a urlare di dolore e di intenso piacere mentre il suo orgasmo sta crescendo. I suoi pugni stringono le lenzuola mentre urla il mio nome, dicendomi ancora e ancora di scoparla. Le afferro rudemente i fianchi e comincio a sbattere contro di lei sempre più velocemente. Comincia a gemere mentre mi sente stringere per liberarsi dentro di lei. Le mie palle le stanno schiaffeggiando la figa ancora e ancora e questo l'ha mandata oltre il limite, il che ha mandato anche me oltre il limite. Sente spruzzi dopo spruzzi di sperma caldo sgorgare dentro di lei. Sono crollato sopra di lei. Siamo rimasti sdraiati qui ansimando e gemendo finché non mi sono staccato da lei e mi sono lasciato cadere accanto a lei. Sente un po' di sperma fuoriuscire dalla sua figa molto dolorante e finire sul letto, ma è troppo esausta per preoccuparsene.

Un'ora dopo, è uscita dal bagno: "No, no, John, per favore non di nuovo", ha detto Nicole mentre la spingo davanti a me in camera da letto spingendola in avanti finché non la faccio piegare sul comò. "Shhhhhh, tranquillo, so di essere il tuo primo da molto tempo, ma prometto che non sarà così doloroso come lo era prima." Ha cercato di togliersi di dosso mentre la colpivo con forza sul suo culo nudo con la mia mano. "Non allontanarti da me, Nicole." ringhiai. Rimase lì a piangere silenziosamente cercando di capire come avrei potuto farle di nuovo questo. Nicole fece una smorfia mentre entravo in lei, "Oh dio... fermati, mi stai facendo male... per favore, è troppo grande... troppo grande," piagnucola quando spingo la mia testa bulbosa e viola più in profondità dentro di lei. Sente ogni cresta mentre le scivolo dentro. Sente che si sta allungando per adattarsi di nuovo alla mia taglia. Sente il suo corpo lottare per adattarsi al mio enorme cazzo che è inflessibile alla sua tensione. L'ho spinta forte, come un pistone in un motore. Capisce che amo la sua tensione mentre comincio a gemere di piacere. Il dolore sta iniziando a svanire mentre rivendico il suo corpo per il mio. Le sue grida si trasformano in gemiti mentre continuo a scoparle di nuovo la figa stretta. Mi sto spingendo nel suo piccolo buco stretto con un ritmo costante. Spingo continuamente dentro fino alle mie palle, premendo contro la sua cervice in modo che lei pianga per il dolore e poi tirando quasi completamente fuori. Ignaro delle sue suppliche, le tenni i fianchi spingendomi dentro di lei, il mio cazzo lungo e grosso che le riempiva ogni centimetro. Più veloce e più profondo, più profondo e più duro finché il mio corpo non si irrigidisce e comincio a grugnire con una spinta urgente dentro di lei. Alla fine, tenendola stretta, mi irrigidisco e lei mi sente eruttare con forza, rivendicando nuovamente ciò che già percepivo come appartenente a me. Il mio
la possessività si mostrò mentre mi spingevo dentro di lei e la reclamavo ancora una volta. Quando abbiamo finito di raggiungere l'orgasmo ancora una volta, lei è molto dolorante e gonfia. La sua figa non è mai stata così gonfia e dolorante. Fa fatica ad alzarsi.

Storie simili

Figlia e papà - Parte 2

Figlia e papà - Parte 2 Anita si è svegliata la mattina dopo nel letto di suo padre e ha cercato il calore del suo corpo. Non c'era e ha lottato per svegliarsi. Avevano dormito in posizione di cucchiaio per tutta la notte. In più di un'occasione era stata svegliata dalla sensazione del suo cazzo duro che si allentava tra le sue chiappe mentre lui riviveva il loro fare l'amore nei suoi sogni. Muovendo il culo nel modo giusto, poteva spostarlo nel suo inguine in modo che la sua testa di cazzo si fermasse al suo ingresso. Per quanto volesse prenderlo...

0 I più visti

Likes 0

Il mio compito per i media.

Ho ricevuto una chiamata per entrare nell'ufficio del mio editore per un incontro con il signor Giles. Stavo lavorando al giornale locale da 6 mesi, quindi naturalmente ero nervoso. Mi chiedevo cosa avessi fatto di sbagliato, tale era la mia negatività. Rachael, per favore siediti ha detto mentre entravo. Mi sono seduto dentro tremante mentre aspettavo quella che pensavo sarebbe stata una brutta notizia. Rachael, ho visto il tuo pezzo sulle corse dei levrieri e sull'esca viva ha detto è stato fantastico. Penso che avrebbero sentito il mio sospiro di sollievo nel prossimo edificio. “Evidentemente ami gli animali” ha aggiunto. Sì...

802 I più visti

Likes 0

Finalmente i piedi di Nicole: la vendita Capitolo 1

Sono le 18:00 di sera e inserisco le note nel computer nel database della nostra concessionaria. È stata una giornata piuttosto lenta e mi annoio. Mi alzo per sgranchirmi ed esco fuori per illuminarmi. Mentre metto l'accendino in tasca, noto un vecchio amico con cui lavoravo al pull up. Parcheggia e si avvicina a me sorridendo. Ehi, come stai? chiede Nicole mentre cammina verso di me. Ciao Bella ragazza. È molto tempo che non ci si vede. Cosa ti porta a vedermi? Ho chiesto. Nicole mi si avvicinò e mi gettò le braccia al collo. Abbiamo sempre parlato a Sagebrush, ma...

633 I più visti

Likes 0

Chat room: una vendetta malvagia della fidanzata

Torni a casa dopo una lunga giornata di lavoro; ti togli il cappotto e vai in cucina per una birra. Quando apri la porta del frigorifero, la tua ragazza si avvicina da dietro, coprendoti gli occhi con una benda. Lo lega stretto essendo un po 'ruvido Ho un osso da scegliere con te !! ti scatta contro. 'Ma che...?! Chiedi, alzando la mano per scoprirti gli occhi. Ti dà uno schiaffo sul dorso della mano e ti afferra il polso tirandoti fuori dalla cucina. Essendo bendato sei disorientato e perdi l'equilibrio, quasi inciampando mentre ti trascina su per le scale. La...

867 I più visti

Likes 0

Una nuova padrona 7

Natasha mi ha infilato la lingua nell'orecchio e mi ha sussurrato: Ci divertiremo un sacco, un sacco di divertimento tesoro... La bambina della mamma si è sporcata il culo? Nessuna padrona... mamma! Ho sussurrato. Ho urlato mentre qualcuno schiaffeggiava il mio cazzo duro. Rimbalzava come un metronomo pungente. Sì! Mi sono lamentato: Sì! Il mio culo è sporco mamma…” Sorrise e mi coprì gli occhi con una benda. Ho sentito qualcuno sedersi sul mio petto e ho pensato di sentire l'odore della figa eccitata. Natasha mi tubò nell'orecchio: Conosci quell'odore? Mi sono reso conto che non avevo cazzo e palle in...

747 I più visti

Likes 0

Il bussare alla porta_(1)

Il bussare alla porta mi ha sorpreso. La notte di gennaio in Iowa era fredda, fredda, fredda. Mi ero già tolto i vestiti per la notte e mi sono seduto sulla mia poltrona a scrivere sul mio portatile; era una breve storia della mia infanzia. Dal mio divorzio tre anni prima, ho passato molto del mio tempo da solo a scrivere; principalmente sull'argomento di cui so più di ogni altra cosa... io. Ho scritto centinaia di storie sulla mia vecchia città natale e sulla mia famiglia. I miei nove fratelli hanno fornito tonnellate di ricordi che voglio, un giorno, condividere con...

669 I più visti

Likes 0

Surrogato sessuale

Surrogato sessuale Ch1 Spruzzandomi acqua sul viso e fissando un grande specchio del bagno, stanco per la lunga serata che ho passato ieri sera in cui ho avuto una conferenza di oltre cento invitati in cui ho parlato loro del mio lavoro. No, non ero una squillo, non mi sono mai spogliata, non ho mai lavorato in un bordello e non faccio pubblicità. Sono fondamentalmente uno psicologo che aiuta uomini, donne e anche coppie con disabilità ad esibirsi durante il sesso. Come surrogato del sesso per la maggior parte del tempo insegno il contatto intimo, insegnando alle persone come trovare il...

877 I più visti

Likes 0

THE FREAK - Parte 4 di 5

>>>>>>Entrammo in Massachusetts Avenue e trovammo un posto per parcheggiare a circa un isolato di distanza vicino a Harvard Yard, il nome dato al campus principale. Erano appena passate le dieci. La signora Atkins aveva detto di venire a qualsiasi ora, quindi siamo andati insieme all'ufficio ammissioni, trovandola alla sua scrivania. Presentai Barbara e prendemmo posto. La prima cosa che ho fatto è stata passare la cartella delle fotografie attraverso la scrivania. “Avevo chiesto a Barbara di sposarmi il venerdì sera precedente, il venerdì prima della domenica delle Palme. Ha indossato il suo anello di fidanzamento a scuola lunedì e...

868 I più visti

Likes 0

Grace è una ragazza scat

Ogni sera dopo il college Grace cercava consigli per flirtare online e da quando ha scoperto il porno alcuni anni fa, ne era stata ossessionata. Ora che vive da sola, si siede sulla sedia per ore e ore a guardare i contenuti più sgradevoli che riesce a trovare. Aveva sempre avuto un lato malato in lei, ma si è davvero acceso alcuni anni fa quando i suoi compagni di scuola le hanno mostrato il video 2 Girls 1 Cup, ha dovuto mostrarsi disgustata di fronte a loro mentre nascondeva segretamente la macchia bagnata tra le sue gambe . Tutte le sue...

850 I più visti

Likes 0

Rossa focosa

Il mio nome è Rachel. Ho 35 anni, 5'7 , 135 libbre, capelli rossi che mi superano le spalle, occhi azzurri, lentiggini, pelle bianca pallida (mi dispiace che le rosse non si abbronzino). Indosso un reggiseno taglia 36DD con bei capezzoli grandi ( è impossibile nasconderli) e tengo il mio cespuglio rosso curato e curato. Sean è il mio migliore amico, facciamo quasi tutto insieme. Siamo amici da anni e non è mai successo niente di sessuale tra di noi. Così quando abbiamo deciso di fare un viaggio a Las Vegas per festeggiare il mio divorzio, non ci ho pensato. solo...

853 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.