Andare a lontano

609Report
Andare a lontano

Quando faccio scivolare la mia mano tra le tue gambe e dico "Questo è mio, siamo chiari". Il sesso non è la risposta. Il sesso è la domanda. "Sì" è la risposta.

Nicole mi ha visto in coda al ricevimento di nozze di sua sorella. Eccomi fuori come se fossi appena uscito da GQ. Mi sto muovendo lentamente verso di lei. Nicola trattenne il respiro. Doveva incontrarmi. Nicola si guardò intorno. Mi ha visto dall'altra parte della piscina. Sembravo sulla cinquantina. Sono più alto di chiunque altro nella sua famiglia italiana. Nicole ha indovinato che sono alto un metro e ottanta. Sono in forma e in forma. Indosso un abito nero di buon taglio e scarpe di pelle nera. Sono ben rasato e ho i capelli corti grigi. "Sei con lo sposo?" chiese Nicola. "No, in realtà lo sposo è con la sposa. Sono qui solo come amico" dissi sorridendo. "Mi scusi. Sto scherzando naturalmente. Sono un suo vecchio amico del college. Mi chiamo John," dissi. "Sono la sorella della sposa. Sono Nicole." "Sì, ti ho visto in fila alla reception. Poi te ne sei andato." Nicola rise. «È una lunga storia», disse Nicole. "Pensi che funzionerà? Oh, non dovrei fare questa domanda." Sembro imbarazzato. "Non essere imbarazzato! La semplice risposta è: ha soldi?" Nicola rise. Mi misi a ridere. "Una donna non può essere né troppo ricca né troppo magra. Non si dice così?" Ho detto. "Ci sono altri fattori." " Posso solo immaginare." Nicole ha fatto un passo laterale per mettere il suo corpo tra me e gli ospiti. Si abbassò e sentì la mia virilità attraverso i pantaloni. Ha iniziato a crescere. "Alcune cose non dovrebbero essere lasciate all'immaginazione", ha detto Nicole guardandomi negli occhi. "Mi piacerebbe avere un'altra conversazione con te qualche volta," dissi sorridendo. Nicole ha rilasciato il mio membro ora completamente eretto. Infilò la mano nella borsetta, tirò fuori un biglietto da visita e me lo porse. L'ho guardato. Diceva semplicemente "Nicole A." Il suo numero di cellulare era sotto.» «Ti chiamo» sussurrai.

Ha 35 anni, divorziata e senza figli. Il suo corpo è minuscolo. I suoi capelli sono biondi in stile paige boy. I suoi occhi nocciola sono spalancati sul viso stretto. Due ore dopo il matrimonio di sua sorella l'ho chiamata. " Ciao?" "Ciao. Questo è John." Nicole si guardò allo specchio e si portò il rossetto alle labbra. Voleva che le sue labbra fossero di un rosso vivo. Voleva che i suoi occhi fossero accentati con il mascara e un po' di rossore sulle guance. Si è infilata un paio di eleganti calze di pizzo, un perizoma e una canotta non dissimili da quelli mostrati su Vogue. Infine, ha indossato una minigonna corta e un top che metteva in risalto i suoi 34 seni B. Si infila un paio di décolleté in vernice rossa con micro tacchi a spillo.
Salì sulla sua Mercedes Classe SL rossa e abbassò il tettuccio. Era a 45 minuti di auto dalla posizione che ho selezionato.
Era un caffè nel quartiere degli affari. L'ho incontrata fuori e l'ho scortata in un patio. Le diedi un bacio prima di tenerle la sedia. "Sono contento che tu ce l'abbia fatta," dissi sorridendo. Sono vestito con un abito grigio. "Oh sì! Anch'io. Questo è molto carino. Abiti qui vicino?" chiese Nicola. Si è seduta e mi ha mostrato le gambe tornite mentre mi sedevo. "Sì. Vivo in un appartamento al 35° piano. Il cameriere è venuto e ho ordinato del vino rosso. Ci siamo goduti il ​​vino e la conversazione. Ho suggerito di salire nel mio appartamento per continuare la nostra conversazione.

Le metto le mani sulle spalle, "Lo togliamo?" chiesi, poi mi allungai dietro di lei per slacciarle il vestito. Scivolò a terra. Feci scorrere le dita sotto le spalline del suo reggiseno e giù fino alla sua scollatura. "Vorrei andare ora!" sbottò quando la mia mano indugiò sul suo seno. "Non mi paghi, Nicole?" "Uhhh, 25, hai detto?" Armeggiò con la borsa. Ho messo le mie mani sulle sue. «Non voglio soldi», sussurrai. I suoi occhi saettavano qua e là, cercando una via di fuga. Pensava di potermi passare sotto il braccio e correre verso la porta se fosse riuscita a cogliermi di sorpresa. Ho visto dove stava guardando. "La porta è chiusa, Nicole." "Per favore, prendi i miei soldi e lasciami andare.
«Non voglio i tuoi soldi», dissi di nuovo. Ho messo la sua borsa sul pavimento e l'ho afferrata per i polsi. "Ho visto quanto eri eccitato al matrimonio. Ammettilo. La tua fica è fradicia." "No, per favore... per favore." Forse può prendermi a calci. Ha lottato contro la mia presa e io l'ho tirata bruscamente giù dal divano. Lei tremò. Le ho tirato i polsi in modo che inciampasse contro di me, poi le ho messo un braccio intorno alle spalle e ho premuto il suo corpo contro il mio. Le lasciai andare i polsi e abbassai le spalline del reggiseno, poi scostai la coppa del reggiseno per scoprire un seno. "Per favore," sussurrò.
Le pizzicai forte il capezzolo. Lei urla, ma io non l'ho lasciato andare. L'ho accompagnata all'indietro fino alla camera da letto. Con l'altra mano, le ho afferrato una manciata di capelli e le ho tirato indietro la testa in modo che mi guardasse. "Urli e combatti? Non è un modo di trattare un uomo. È una presa in giro. Non mi piace essere presa in giro." "Non ero -" squittì. Le tirai di nuovo i capelli e lei chiuse la bocca.

Alla fine ho lasciato andare il suo capezzolo, ma ho mantenuto la presa sui suoi capelli. «Adesso», dissi. "Vediamo cosa abbiamo qui."
Non riesce a staccare gli occhi dal mio viso. Rimase lì, pietrificata, mentre facevo scivolare la mano sul davanti, nelle sue mutandine. "Bagnato", dichiarai. Una scossa la percorse mentre il mio dito le sfiorava la clitoride. «No», sussurrò. " Per favore." Non poteva muoversi. Le sue braccia pendevano lungo i fianchi, inutili. Le sue ginocchia bloccate. Le ho lasciato andare i capelli e le ho tirato giù le mutandine sul pavimento. Lei tremò. Le ho dato una piccola spinta e lei è crollata sul letto, le gambe aperte. Stordita, mi guarda abbassare i pantaloni, ha visto il mio enorme cazzo duro saltare fuori. Lei ansima. È così lungo, così spesso. Non era mai stata con un uomo così grosso. Dovrebbe alzarsi. Dovrebbe provare a scappare. Ma è ipnotizzata dai miei movimenti, paralizzata dall'indecisione e, bisogna ammetterlo, un po' eccitata. Mi metto a cavalcioni su di lei, chinandomi per succhiarle il capezzolo esposto. Lo shock provocò un gemito. Incoraggiata, scoprii l'altro seno. Cerca di piagnucolare, cerca di dire di no, cerca di implorare. Ma l'unica cosa che le sfugge dalle labbra è un altro gemito. "Basta prese in giro," dissi. Senza preamboli, all'improvviso, i suoi occhi si spalancarono mentre sentiva la testa del mio pene spingersi dentro di lei. Le sue gambe sono tese quasi al limite. Nicole grida mentre mi spingo fino in fondo. Il suo corpo si ritrae di scatto per la forza che spinge dentro di lei. Ora, inizia a piangere mentre mi spingo dentro e fuori, dentro e fuori, proprio come farebbe il suo ex marito quando fa l'amore. Nicole non stava con nessun altro uomo da più di sei anni. Questo sembra sbagliato.

Sente il mio respiro diventare più pesante. La spingo di nuovo molto forte dentro di lei. Lei urla, pregandomi di fermarmi e tirarmi fuori, ma io continuo a rassicurarla. Mi sono sdraiato su di lei con tutto il mio peso per impedirle di mettersi a sedere e spingermi via da lei. Mi sento come se la stessi aprendo in due. Mi fermo sorprendentemente per permetterle di adattarsi all'improvviso impalamento dentro di lei. Comincia a respirare regolarmente e io comincio a spingere lentamente dentro di lei. Fa male, ma inizia anche a provare qualcos'altro, qualcosa di buono. Finalmente sente il mio stomaco toccare il suo mentre ora la riempio completamente. Mi tiro quasi completamente fuori lentamente prima di spingere di nuovo tutta la mia lunghezza dentro con forza. Geme forte, cosa che ho preso come una coda e ho iniziato a spingerla dentro e fuori più velocemente. Comincia a urlare di dolore e di intenso piacere mentre il suo orgasmo sta crescendo. I suoi pugni stringono le lenzuola mentre urla il mio nome, dicendomi ancora e ancora di scoparla. Le afferro rudemente i fianchi e comincio a sbattere contro di lei sempre più velocemente. Comincia a gemere mentre mi sente stringere per liberarsi dentro di lei. Le mie palle le stanno schiaffeggiando la figa ancora e ancora e questo l'ha mandata oltre il limite, il che ha mandato anche me oltre il limite. Sente spruzzi dopo spruzzi di sperma caldo sgorgare dentro di lei. Sono crollato sopra di lei. Siamo rimasti sdraiati qui ansimando e gemendo finché non mi sono staccato da lei e mi sono lasciato cadere accanto a lei. Sente un po' di sperma fuoriuscire dalla sua figa molto dolorante e finire sul letto, ma è troppo esausta per preoccuparsene.

Un'ora dopo, è uscita dal bagno: "No, no, John, per favore non di nuovo", ha detto Nicole mentre la spingo davanti a me in camera da letto spingendola in avanti finché non la faccio piegare sul comò. "Shhhhhh, tranquillo, so di essere il tuo primo da molto tempo, ma prometto che non sarà così doloroso come lo era prima." Ha cercato di togliersi di dosso mentre la colpivo con forza sul suo culo nudo con la mia mano. "Non allontanarti da me, Nicole." ringhiai. Rimase lì a piangere silenziosamente cercando di capire come avrei potuto farle di nuovo questo. Nicole fece una smorfia mentre entravo in lei, "Oh dio... fermati, mi stai facendo male... per favore, è troppo grande... troppo grande," piagnucola quando spingo la mia testa bulbosa e viola più in profondità dentro di lei. Sente ogni cresta mentre le scivolo dentro. Sente che si sta allungando per adattarsi di nuovo alla mia taglia. Sente il suo corpo lottare per adattarsi al mio enorme cazzo che è inflessibile alla sua tensione. L'ho spinta forte, come un pistone in un motore. Capisce che amo la sua tensione mentre comincio a gemere di piacere. Il dolore sta iniziando a svanire mentre rivendico il suo corpo per il mio. Le sue grida si trasformano in gemiti mentre continuo a scoparle di nuovo la figa stretta. Mi sto spingendo nel suo piccolo buco stretto con un ritmo costante. Spingo continuamente dentro fino alle mie palle, premendo contro la sua cervice in modo che lei pianga per il dolore e poi tirando quasi completamente fuori. Ignaro delle sue suppliche, le tenni i fianchi spingendomi dentro di lei, il mio cazzo lungo e grosso che le riempiva ogni centimetro. Più veloce e più profondo, più profondo e più duro finché il mio corpo non si irrigidisce e comincio a grugnire con una spinta urgente dentro di lei. Alla fine, tenendola stretta, mi irrigidisco e lei mi sente eruttare con forza, rivendicando nuovamente ciò che già percepivo come appartenente a me. Il mio
la possessività si mostrò mentre mi spingevo dentro di lei e la reclamavo ancora una volta. Quando abbiamo finito di raggiungere l'orgasmo ancora una volta, lei è molto dolorante e gonfia. La sua figa non è mai stata così gonfia e dolorante. Fa fatica ad alzarsi.

Storie simili

Chat room: una vendetta malvagia della fidanzata

Torni a casa dopo una lunga giornata di lavoro; ti togli il cappotto e vai in cucina per una birra. Quando apri la porta del frigorifero, la tua ragazza si avvicina da dietro, coprendoti gli occhi con una benda. Lo lega stretto essendo un po 'ruvido Ho un osso da scegliere con te !! ti scatta contro. 'Ma che...?! Chiedi, alzando la mano per scoprirti gli occhi. Ti dà uno schiaffo sul dorso della mano e ti afferra il polso tirandoti fuori dalla cucina. Essendo bendato sei disorientato e perdi l'equilibrio, quasi inciampando mentre ti trascina su per le scale. La...

1.4K I più visti

Likes 0

Io e Sue

Io e Sue Come ricorderete se avete letto gli altri miei racconti, mia sorella maggiore è sexy ed ha avuto una grande influenza sulla mia identità sessuale da quando ho perso la verginità con lei quando avevo dodici anni e lei venti. Con il passare degli anni abbiamo continuato a sperimentare insieme, ma dato che solo di recente aveva dato alla luce mio nipote pochi mesi prima della mia prima volta con lei, stava ancora producendo latte materno e allattando al seno mio nipote appena nato. Sue è stata la prima persona che avessi mai visto che allattava i propri figli...

1.4K I più visti

Likes 0

Cat girl Charity - Un invito personale a ballare

Benvenuti nella terza storia di Charity, una ragazza-gatto che sta cercando di trovare il suo posto nella vita, e anche un amore a lungo cercato. In questa storia vediamo la crescente relazione tra lei e il Cancelliere dell'Accademia, noto come Storm Dragon, e un potente mago a sé stante, oltre alle sfide quando un vecchio nemico si presenta per causare il caos nelle loro vite. Quindi vieni e unisciti a noi ora, poiché Charity è invitata a un ballo formale dell'Accademia, mentre ha altre idee di ballo in mente. Spero che ti piaccia questo. Si prega di lasciare alcuni commenti in...

1.3K I più visti

Likes 0

Lo spirito di Cassy

Jason ha incontrato Cassy durante il loro primo anno al college. Stava per cambiare il mondo degli affari e metterlo all'orecchio con la sua brillante intuizione e fermezza e lei si è diretta nel mondo dell'istruzione della nostra giovinezza diventando un'insegnante secondaria di inglese. Entrambi erano ambiziosi ma ingenui ed entrambi i loro desideri si sono rivelati sbagliati. Faceva parte della poltiglia che si impara oggi nei nostri college e non se ne sono resi conto fino a quando non sono entrati nel mondo reale. Ma quel primo incontro tra i due fu qualcosa di speciale che cambiò per sempre le...

1.2K I più visti

Likes 0

Divertirsi insieme pur essendo separati

Solo una serie di testi che ho inviato messi insieme. Non proprio il massimo per i ragazzi, più rivolto ai pulcini Ti vedo sdraiato sul mio letto. Mezza coperta da una coperta accarezzo la tua gamba nuda dal tuo piede su per il fianco Muovendo il mio corpo sul tuo prendendo il tuo viso tra le mie mani e baciandoti dolcemente sulle tue labbra. Baciare sempre più forte e più passione. Lingue che ballano. Sposto la mia mano destra lungo il tuo lato sinistro Tracciando la mia mano fino alla parte bassa della tua schiena tirandoti dentro di me spingo il...

1.1K I più visti

Likes 0

Ritorno a mia madre

Sono un ragazzo di 19 anni con belle gambe e lunghi capelli biondo fragola ben curato. Mi rado e mi olio spesso le gambe perché il mio ragazzo vuole che siano lisce come una cagna quando scopa la mia figa. Indosso sempre mutandine rosa e reggiseno da allenamento sotto i vestiti. Nella camera da letto del mio amante indosso una corta camicia da notte, niente sotto, e pantofole bianche con piume. La maggior parte degli uomini può facilmente rilevare che sono una figa. Adoro sentire le parole Succhiami il cazzo. Mi inginocchio e mi comporto come una brava ragazza. Ho bisogno...

1.3K I più visti

Likes 0

Adam Martin - L'allievo CH02

Adam Martin - L'allievo Di Christian G. Kay [email protected] A cura di Sherry Per favore inviatemi un feedback, mi piacerebbe sapere cosa ne pensate della storia. DISCLAIMER: Si prega di leggere e attenersi alla DISCLAIMER pubblicata nel primo capitolo. Adam Martin - The Pupil è una storia erotica, con alcune parti contenenti scene sessuali grafiche. Se l'erotismo è illegale nella tua zona per legge locale, provinciale, provinciale o nazionale, per favore smetti di leggere ora e vai altrove. Capitolo 02 - La piazza del viaggio. Mi ha detto che sarebbe tornata subito e mi ha lasciato lì in piedi, mentre si...

1.1K I più visti

Likes 0

Cugino californiano

Ho vissuto tutta la mia vita in una piccola città dell'Idaho settentrionale. I miei genitori sono totalmente conservatori in tutto, quindi non mi lasciano uscire con me prima dei sedici anni e non mi permettono di guardare la televisione classificata come R. Fondamentalmente, sono una vergine di quindici anni che non è mai stata frequentata, e la cosa più vicina al sesso che abbia mai avuto è stata quella di leggere riviste vendute al supermercato. Circa tre mesi fa, all'inizio dell'estate, mia cugina Liz è venuta a vivere con noi. Immagino che sua madre sia rimasta incinta con un ragazzo di...

1.4K I più visti

Likes 0

Caramel Mocha alla giungla di Giava

Erano passate due settimane dal nostro ultimo incontro. Qualcosa a cui mi ero abituato. Viene ogni due lunedì alla giungla di Java per consegnare una singola scatola di biscotti con gocce di cioccolato dalla panetteria e caffetteria di Vienna di Josef. I biscotti non erano niente di speciale. Il proprietario li vende solo nel nostro negozio perché suo fratello è proprietario della panetteria. Ma l'uomo che li ha consegnati sembrava davvero qualcosa da cui potrei dare un morso... Aveva poco più di 20 anni e si chiamava Miguel. Capelli castano scuro, mossi e occhi nocciola con un'affascinante tonalità verde esterna ma...

762 I più visti

Likes 0

LA MIA AUTOBIOGRAFIA SESSUALE - PARTE - 46

LA MIA AUTOBIOGRAFIA SESSUALE PARTE – 46 IL SUO FUCKKY COMPLEANNO Era venerdì e la cosa più importante era il compleanno di mio marito quel giorno. Secondo il nostro piano originale, avremmo dovuto festeggiarlo in privato cenando all'aperto e poi nella nostra camera da letto. Ma siamo stati costretti a cambiare il nostro piano a causa di alcuni lavori urgenti e importanti nell'ufficio di mio marito quando ha ricevuto una telefonata dal suo amministratore delegato. In precedenza, non c'era alcun piano per andare in ufficio poiché aveva già consegnato l'incarico di ufficio e saremmo partiti per la Svizzera domenica. Ho dovuto...

689 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.