Andare a lontano

856Report
Andare a lontano

Quando faccio scivolare la mia mano tra le tue gambe e dico "Questo è mio, siamo chiari". Il sesso non è la risposta. Il sesso è la domanda. "Sì" è la risposta.

Nicole mi ha visto in coda al ricevimento di nozze di sua sorella. Eccomi fuori come se fossi appena uscito da GQ. Mi sto muovendo lentamente verso di lei. Nicola trattenne il respiro. Doveva incontrarmi. Nicola si guardò intorno. Mi ha visto dall'altra parte della piscina. Sembravo sulla cinquantina. Sono più alto di chiunque altro nella sua famiglia italiana. Nicole ha indovinato che sono alto un metro e ottanta. Sono in forma e in forma. Indosso un abito nero di buon taglio e scarpe di pelle nera. Sono ben rasato e ho i capelli corti grigi. "Sei con lo sposo?" chiese Nicola. "No, in realtà lo sposo è con la sposa. Sono qui solo come amico" dissi sorridendo. "Mi scusi. Sto scherzando naturalmente. Sono un suo vecchio amico del college. Mi chiamo John," dissi. "Sono la sorella della sposa. Sono Nicole." "Sì, ti ho visto in fila alla reception. Poi te ne sei andato." Nicola rise. «È una lunga storia», disse Nicole. "Pensi che funzionerà? Oh, non dovrei fare questa domanda." Sembro imbarazzato. "Non essere imbarazzato! La semplice risposta è: ha soldi?" Nicola rise. Mi misi a ridere. "Una donna non può essere né troppo ricca né troppo magra. Non si dice così?" Ho detto. "Ci sono altri fattori." " Posso solo immaginare." Nicole ha fatto un passo laterale per mettere il suo corpo tra me e gli ospiti. Si abbassò e sentì la mia virilità attraverso i pantaloni. Ha iniziato a crescere. "Alcune cose non dovrebbero essere lasciate all'immaginazione", ha detto Nicole guardandomi negli occhi. "Mi piacerebbe avere un'altra conversazione con te qualche volta," dissi sorridendo. Nicole ha rilasciato il mio membro ora completamente eretto. Infilò la mano nella borsetta, tirò fuori un biglietto da visita e me lo porse. L'ho guardato. Diceva semplicemente "Nicole A." Il suo numero di cellulare era sotto.» «Ti chiamo» sussurrai.

Ha 35 anni, divorziata e senza figli. Il suo corpo è minuscolo. I suoi capelli sono biondi in stile paige boy. I suoi occhi nocciola sono spalancati sul viso stretto. Due ore dopo il matrimonio di sua sorella l'ho chiamata. " Ciao?" "Ciao. Questo è John." Nicole si guardò allo specchio e si portò il rossetto alle labbra. Voleva che le sue labbra fossero di un rosso vivo. Voleva che i suoi occhi fossero accentati con il mascara e un po' di rossore sulle guance. Si è infilata un paio di eleganti calze di pizzo, un perizoma e una canotta non dissimili da quelli mostrati su Vogue. Infine, ha indossato una minigonna corta e un top che metteva in risalto i suoi 34 seni B. Si infila un paio di décolleté in vernice rossa con micro tacchi a spillo.
Salì sulla sua Mercedes Classe SL rossa e abbassò il tettuccio. Era a 45 minuti di auto dalla posizione che ho selezionato.
Era un caffè nel quartiere degli affari. L'ho incontrata fuori e l'ho scortata in un patio. Le diedi un bacio prima di tenerle la sedia. "Sono contento che tu ce l'abbia fatta," dissi sorridendo. Sono vestito con un abito grigio. "Oh sì! Anch'io. Questo è molto carino. Abiti qui vicino?" chiese Nicola. Si è seduta e mi ha mostrato le gambe tornite mentre mi sedevo. "Sì. Vivo in un appartamento al 35° piano. Il cameriere è venuto e ho ordinato del vino rosso. Ci siamo goduti il ​​vino e la conversazione. Ho suggerito di salire nel mio appartamento per continuare la nostra conversazione.

Le metto le mani sulle spalle, "Lo togliamo?" chiesi, poi mi allungai dietro di lei per slacciarle il vestito. Scivolò a terra. Feci scorrere le dita sotto le spalline del suo reggiseno e giù fino alla sua scollatura. "Vorrei andare ora!" sbottò quando la mia mano indugiò sul suo seno. "Non mi paghi, Nicole?" "Uhhh, 25, hai detto?" Armeggiò con la borsa. Ho messo le mie mani sulle sue. «Non voglio soldi», sussurrai. I suoi occhi saettavano qua e là, cercando una via di fuga. Pensava di potermi passare sotto il braccio e correre verso la porta se fosse riuscita a cogliermi di sorpresa. Ho visto dove stava guardando. "La porta è chiusa, Nicole." "Per favore, prendi i miei soldi e lasciami andare.
«Non voglio i tuoi soldi», dissi di nuovo. Ho messo la sua borsa sul pavimento e l'ho afferrata per i polsi. "Ho visto quanto eri eccitato al matrimonio. Ammettilo. La tua fica è fradicia." "No, per favore... per favore." Forse può prendermi a calci. Ha lottato contro la mia presa e io l'ho tirata bruscamente giù dal divano. Lei tremò. Le ho tirato i polsi in modo che inciampasse contro di me, poi le ho messo un braccio intorno alle spalle e ho premuto il suo corpo contro il mio. Le lasciai andare i polsi e abbassai le spalline del reggiseno, poi scostai la coppa del reggiseno per scoprire un seno. "Per favore," sussurrò.
Le pizzicai forte il capezzolo. Lei urla, ma io non l'ho lasciato andare. L'ho accompagnata all'indietro fino alla camera da letto. Con l'altra mano, le ho afferrato una manciata di capelli e le ho tirato indietro la testa in modo che mi guardasse. "Urli e combatti? Non è un modo di trattare un uomo. È una presa in giro. Non mi piace essere presa in giro." "Non ero -" squittì. Le tirai di nuovo i capelli e lei chiuse la bocca.

Alla fine ho lasciato andare il suo capezzolo, ma ho mantenuto la presa sui suoi capelli. «Adesso», dissi. "Vediamo cosa abbiamo qui."
Non riesce a staccare gli occhi dal mio viso. Rimase lì, pietrificata, mentre facevo scivolare la mano sul davanti, nelle sue mutandine. "Bagnato", dichiarai. Una scossa la percorse mentre il mio dito le sfiorava la clitoride. «No», sussurrò. " Per favore." Non poteva muoversi. Le sue braccia pendevano lungo i fianchi, inutili. Le sue ginocchia bloccate. Le ho lasciato andare i capelli e le ho tirato giù le mutandine sul pavimento. Lei tremò. Le ho dato una piccola spinta e lei è crollata sul letto, le gambe aperte. Stordita, mi guarda abbassare i pantaloni, ha visto il mio enorme cazzo duro saltare fuori. Lei ansima. È così lungo, così spesso. Non era mai stata con un uomo così grosso. Dovrebbe alzarsi. Dovrebbe provare a scappare. Ma è ipnotizzata dai miei movimenti, paralizzata dall'indecisione e, bisogna ammetterlo, un po' eccitata. Mi metto a cavalcioni su di lei, chinandomi per succhiarle il capezzolo esposto. Lo shock provocò un gemito. Incoraggiata, scoprii l'altro seno. Cerca di piagnucolare, cerca di dire di no, cerca di implorare. Ma l'unica cosa che le sfugge dalle labbra è un altro gemito. "Basta prese in giro," dissi. Senza preamboli, all'improvviso, i suoi occhi si spalancarono mentre sentiva la testa del mio pene spingersi dentro di lei. Le sue gambe sono tese quasi al limite. Nicole grida mentre mi spingo fino in fondo. Il suo corpo si ritrae di scatto per la forza che spinge dentro di lei. Ora, inizia a piangere mentre mi spingo dentro e fuori, dentro e fuori, proprio come farebbe il suo ex marito quando fa l'amore. Nicole non stava con nessun altro uomo da più di sei anni. Questo sembra sbagliato.

Sente il mio respiro diventare più pesante. La spingo di nuovo molto forte dentro di lei. Lei urla, pregandomi di fermarmi e tirarmi fuori, ma io continuo a rassicurarla. Mi sono sdraiato su di lei con tutto il mio peso per impedirle di mettersi a sedere e spingermi via da lei. Mi sento come se la stessi aprendo in due. Mi fermo sorprendentemente per permetterle di adattarsi all'improvviso impalamento dentro di lei. Comincia a respirare regolarmente e io comincio a spingere lentamente dentro di lei. Fa male, ma inizia anche a provare qualcos'altro, qualcosa di buono. Finalmente sente il mio stomaco toccare il suo mentre ora la riempio completamente. Mi tiro quasi completamente fuori lentamente prima di spingere di nuovo tutta la mia lunghezza dentro con forza. Geme forte, cosa che ho preso come una coda e ho iniziato a spingerla dentro e fuori più velocemente. Comincia a urlare di dolore e di intenso piacere mentre il suo orgasmo sta crescendo. I suoi pugni stringono le lenzuola mentre urla il mio nome, dicendomi ancora e ancora di scoparla. Le afferro rudemente i fianchi e comincio a sbattere contro di lei sempre più velocemente. Comincia a gemere mentre mi sente stringere per liberarsi dentro di lei. Le mie palle le stanno schiaffeggiando la figa ancora e ancora e questo l'ha mandata oltre il limite, il che ha mandato anche me oltre il limite. Sente spruzzi dopo spruzzi di sperma caldo sgorgare dentro di lei. Sono crollato sopra di lei. Siamo rimasti sdraiati qui ansimando e gemendo finché non mi sono staccato da lei e mi sono lasciato cadere accanto a lei. Sente un po' di sperma fuoriuscire dalla sua figa molto dolorante e finire sul letto, ma è troppo esausta per preoccuparsene.

Un'ora dopo, è uscita dal bagno: "No, no, John, per favore non di nuovo", ha detto Nicole mentre la spingo davanti a me in camera da letto spingendola in avanti finché non la faccio piegare sul comò. "Shhhhhh, tranquillo, so di essere il tuo primo da molto tempo, ma prometto che non sarà così doloroso come lo era prima." Ha cercato di togliersi di dosso mentre la colpivo con forza sul suo culo nudo con la mia mano. "Non allontanarti da me, Nicole." ringhiai. Rimase lì a piangere silenziosamente cercando di capire come avrei potuto farle di nuovo questo. Nicole fece una smorfia mentre entravo in lei, "Oh dio... fermati, mi stai facendo male... per favore, è troppo grande... troppo grande," piagnucola quando spingo la mia testa bulbosa e viola più in profondità dentro di lei. Sente ogni cresta mentre le scivolo dentro. Sente che si sta allungando per adattarsi di nuovo alla mia taglia. Sente il suo corpo lottare per adattarsi al mio enorme cazzo che è inflessibile alla sua tensione. L'ho spinta forte, come un pistone in un motore. Capisce che amo la sua tensione mentre comincio a gemere di piacere. Il dolore sta iniziando a svanire mentre rivendico il suo corpo per il mio. Le sue grida si trasformano in gemiti mentre continuo a scoparle di nuovo la figa stretta. Mi sto spingendo nel suo piccolo buco stretto con un ritmo costante. Spingo continuamente dentro fino alle mie palle, premendo contro la sua cervice in modo che lei pianga per il dolore e poi tirando quasi completamente fuori. Ignaro delle sue suppliche, le tenni i fianchi spingendomi dentro di lei, il mio cazzo lungo e grosso che le riempiva ogni centimetro. Più veloce e più profondo, più profondo e più duro finché il mio corpo non si irrigidisce e comincio a grugnire con una spinta urgente dentro di lei. Alla fine, tenendola stretta, mi irrigidisco e lei mi sente eruttare con forza, rivendicando nuovamente ciò che già percepivo come appartenente a me. Il mio
la possessività si mostrò mentre mi spingevo dentro di lei e la reclamavo ancora una volta. Quando abbiamo finito di raggiungere l'orgasmo ancora una volta, lei è molto dolorante e gonfia. La sua figa non è mai stata così gonfia e dolorante. Fa fatica ad alzarsi.

Storie simili

Rossa focosa

Il mio nome è Rachel. Ho 35 anni, 5'7 , 135 libbre, capelli rossi che mi superano le spalle, occhi azzurri, lentiggini, pelle bianca pallida (mi dispiace che le rosse non si abbronzino). Indosso un reggiseno taglia 36DD con bei capezzoli grandi ( è impossibile nasconderli) e tengo il mio cespuglio rosso curato e curato. Sean è il mio migliore amico, facciamo quasi tutto insieme. Siamo amici da anni e non è mai successo niente di sessuale tra di noi. Così quando abbiamo deciso di fare un viaggio a Las Vegas per festeggiare il mio divorzio, non ci ho pensato. solo...

1.6K I più visti

Likes 0

Emerge la cagna interiore

Lo ha incontrato al bar circa 10 minuti dopo l'orario stabilito. Le piaceva farli aspettare, le piaceva la sensazione di potere che le dava vedere lo sguardo di sollievo quando arrivava. Indossava un abito semplice e poteva vedere il sollievo misto a una certa delusione sul suo viso quando notò che non indossava gli stivali. Sorridendo tra sé, mantenne il suo sorriso distaccato e si avvicinò al tavolo. Rimase lì, lanciando uno sguardo mirato alla sedia mentre aspettava. Dapprima perplesso, alla fine si rese conto che avrebbe dovuto alzarsi quando lei si avvicinò. Alzandosi rapidamente, fece il giro del tavolo per...

830 I più visti

Likes 0

La proposta: obblighi rispettati

La proposizione: Gli obblighi vengono rispettati Jenny e io abbiamo dormito fino a domenica mattina. Erano passate le 10:00 quando finalmente siamo scesi dal letto. “Dopo la nostra doccia, cosa vorresti per colazione?” chiese Jenny mentre iniziava a rotolare giù dal letto. Ha poi avuto uno sguardo addolorato sul suo viso. OH! Uumm, Jim, onorerò il nostro patto. Puoi avermi quando vuoi, ma se per te va bene, possiamo fare qualcos'altro la prossima volta? Sono così dolorante, non sono sicuro di poter nemmeno camminare. Il suo dolore era abbastanza comprensibile. Ho dovuto spingere molto forte per sfondare il suo imene e...

751 I più visti

Likes 0

Holli e una vela serale

Holli mi ha incontrato all'estremità del molo... e il mio cuore ha perso un battito quando è scivolata alla vista. Era vestita per una serata a bordo della mia barca: semplici sandali da barca, un bel top azzurro e un paio di pantaloncini cachi molto comodi che le dondolavano facilmente sulle curve, accennando a ciò che aveva da condividere sotto. 5'9 con capelli biondi, gambe lunghe e un corpo atletico in forma, Holli era entrato nel mio mondo attraverso un pomeriggio magico che abbiamo condiviso sul lungomare di Vancouver. Questa serata è stata il risultato del mio invito perché ci eravamo...

634 I più visti

Likes 0

Dovere coniugale

Ricordo ancora la prima volta che ho visto Sandra per la prima volta. Ero un giovane trasandato di vent'anni. Era una ragazza molto sexy di 22 anni. È venuta da me mentre stavo cercando di avviare la mia motocicletta Norton 750 Commando un po' capricciosa. Ha detto qualcosa a proposito del fatto che le piacciono le biciclette. Questo era tutto quello che avevo bisogno di sentire. Una bruna dall'aspetto attraente con grandi occhi marroni in un paio di jeans attillati che si avvicina a me e mi dice che le piacciono le biciclette. La mia vita ha preso una svolta positiva...

489 I più visti

Likes 0

La vendetta di Danni

La vendetta di Dani La leggera nebbia aggiungeva umidità all'aria. Il fresco della notte la avvolse come un asciugamano bagnato, facendole correre un brivido lungo la schiena. Era fortunata a conoscere così bene la zona, altrimenti si sarebbe facilmente persa. Guardò attraverso gli alberi la casa dove viveva, sorridendo leggermente all'unica candela elettrica accesa nella finestra della cucina. Dani Summers ricordava le notti in cui restava sotto quella finestra ad aspettare che Joel Fuller uscisse per vederla. Poteva ancora sentire il calore delle sue braccia avvolte attorno a lui, il sapore dei suoi baci, la pienezza del suo cazzo nella sua...

422 I più visti

Likes 0

Il mio ultimo respiro cap. 1

Amelia Il mio respiro sembrava pesante nel silenzio mortale che mi circondava. Le strade deserte sono immerse nell'oscurità totale e lasciano che le ombre e la fitta nebbia lo rendano estremamente spaventoso e sinistro. Non sapevo se avrei mai potuto smettere di correre, ma sapevo che presto avrei dovuto farlo, perché presto i miei polmoni e il mio cuore non ce la facevano più, perché mi sentivo come se fossi pugnalato con un coltello ad ogni respiro e passo che ho fatto. Ma non riuscivo proprio a fermare i piedi, perché ogni volta che cominciavo a camminare e cercavo di rilassarmi...

482 I più visti

Likes 0

UNISCITI AL SIGNORE OSCURO PARTE 2

Mi sono svegliato nella mia stanza dolorante dalla scorsa notte e ho preso gli occhiali e li ho indossati solo per scoprire che non riesco a vedere che è troppo sfocato, quindi li tolgo per scoprire che posso vedere meglio senza di loro. PAPÀ VIENI QUI PER UN SECONDO che cos'è figliolo non ho bisogno dei miei occhiali perché quello che è successo bene è della scorsa notte il signore oscuro era così felice che ti ha rifatto come ricompensa. Vai a guardarti allo specchio inciampo fuori dal letto, guarda nello specchio pieno e noto che ho perso molto peso, sembro...

1.7K I più visti

Likes 0

Il debito e il suo prezzo elevato

'Come mi sono cacciato in questo?' pensa Jerry mentre rimane seduto a fissare la busta davanti a lui. Non l'ha ancora aperto, ma sa da chi viene. Dopo un po' lo raccoglie e lo guarda ancora un po', rigirandolo tra le mani. Sembra proprio come tutti gli altri. Semplice bianco, timbro regolare e nessun indirizzo di ritorno. Lo apre dopo circa due ore che lo guarda, temendo cosa c'è dentro. Quello che tira fuori è peggio di quanto avrebbe immaginato. Ha in mano una foto di sua figlia di 18 anni, Kali. Anche in queste circostanze non può fare a meno...

1.6K I più visti

Likes 0

Onde Parte seconda

Venendo ancora una volta, questa volta sono proprio l'ospedale in cui mi trovavo ieri mattina quando è iniziata questa indagine. La differenza ora che un'infermiera in uniforme che le stava decisamente troppo stretta stava tenendomi il polso sinistro, controllandomi il polso. Notando che sono sveglio Bene, detective Gorwin, ci stavamo chiedendo quando torni! lasciando cadere il mio polso e registrando il mio battito sul grafico che raccolse. La dottoressa Cole verrà presto a controllarti di persona! Fantastico, ho pensato che un dottore pulcino fosse tutto ciò di cui ho bisogno in questo momento, considerando che ho appena perso due pulcini come...

897 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.