Fahima

780Report
Fahima

Alcune parole utili da sapere prima di leggere la storia:

Hijab- Un copricapo indossato in pubblico da alcune donne musulmane. Essenzialmente una sciarpa.

Burqa- Un indumento esterno indossato da alcune donne musulmane che copre tutto il corpo quando è in pubblico.

Kuffar: arabo per "non credente".

*****

Fahima Begum sedeva davanti allo specchio del suo comodino incapace di concentrarsi mentre lottava per sistemarsi correttamente l'hijab. Ultimamente la sua mente era stata tormentata da dubbi e pensieri peccaminosi che nessuna donna pakistana sposata dovrebbe avere, eppure eccoli lì. Fahima era sposata con suo marito Ali da 15 anni ormai, mentre era un buon matrimonio mancava qualcosa. In 15 anni di matrimonio, Fahima e Ali non erano riusciti a concepire un figlio. Avevano visitato molti medici diversi per scoprire perché e tutti hanno confermato, ciò che Fahima sapeva nel profondo, che Ali aveva un numero di spermatozoi estremamente basso.

La notizia ha sconvolto entrambi e ha completamente distrutto Ali. Fahima fece del suo meglio per confortarlo, assicurandogli che non aveva nulla contro di lui e cercando di spiegargli come lo amasse ancora di più.

"È la volontà di Allah, mio ​​jaan, c'è ben poco che possiamo fare. Possiamo provare per l'adozione", gli disse raccogliendo tutto l'entusiasmo e la fede che poteva.

"Forse," rispose in tono piatto. Potevi sentire quanto fosse spezzato il suo cuore dall'oscillazione nella sua voce.

"Non cambierà niente, mio ​​jaan, ma almeno abbiamo ancora l'uno per l'altro," disse Fahima con un piccolo sorriso.

Tuttavia, dopo 5 anni le cose iniziarono a cambiare. Ora, all'età di 35 anni, il matrimonio di Fahima era completamente cambiato da quello amorevole e premuroso a una cosa lontana e vuota. Nel corso degli anni Ali era diventato introverso e distante, concentrato interamente sul suo lavoro, prestava poca attenzione a Fahima. Per non parlare del fatto che la loro vita sessuale era inesistente. Fahima ricordava quando avevano una vita sessuale molto attiva soprattutto per una coppia musulmana.

A Fahima mancavano le scopate davvero selvagge e il modo in cui Ali la dominava a letto. Nonostante provenissero da famiglie musulmane conservatrici, che credevano che il sesso fosse solo per la creazione e non per il piacere, Fahima e Ali amavano il sesso. Hanno provato tutte le posizioni, sperimentato con i giocattoli e si erano decisamente sporchi a letto. Eppure erano ancora musulmani conservatori in ogni altro modo. Fahima indossava burqa e hijab quando era in presenza di altri uomini, o quando era fuori a fare commissioni, ma quando c'erano solo lei e Ali preferiva non indossare niente.

Fahima si aspettava che alcune cose cambiassero per il primo anno o due poiché sapeva che l'incapacità di Ali di dare a suo figlio lo aveva totalmente devastato. Tuttavia, credeva che alla fine l'avrebbe superato e sarebbe tornato al suo sé normale. Eppure si è seppellito nel suo lavoro, nel tentativo di seppellire il suo dolore e ha indotto Fahima a intraprendere un'azione drastica per attirare l'attenzione del marito.

Si era iscritta a una palestra locale per sole donne e nei 5 anni trascorsi aveva sviluppato un corpo caldo e tonico. Ha iniziato a indossare hijab avvolgenti che non nascondevano nulla e hanno fatto risaltare i suoi seni 36DD e il suo culo dalla forma perfetta più che mai. Secondo lei sembrava una versione leggermente più vecchia dell'attrice di Bollywood Priyanka Chopra.

Ha fatto tutto questo per attirare l'attenzione di suo marito, mentre lui se ne accorgeva a malapena, stava ricevendo un'attenzione inaspettata da altri uomini. All'inizio era scioccata ma lentamente ha iniziato a godersela. Le sue tette sode e tenere sembravano ancora più grandi sul suo corpo di 5'3 e nonostante avesse 35 anni Fahima sembrava almeno 10 anni più giovane. La palestra l'aveva davvero aiutata a mantenere un corpo sodo, era un'anomalia tra le casalinghe pakistane che alla stessa età erano diventate grasse e brutte mentre sembrava essere nel fiore degli anni.

Amava l'attenzione che tutti gli uomini le prestavano quando insegnava lezioni islamiche al centro musulmano locale. Gli uomini la adoravano e le donne la odiavano perché ostentava i suoi beni e rubava gli sguardi del marito, e anche perché sembrava 100 volte migliore di loro. Si rese conto che quando gli uomini non musulmani le facevano i complimenti e l'ammiravano apertamente, la eccitava. "In realtà mi sto eccitando" era qualcosa che pensava spesso tra sé adesso.

Presto sognava di essere scopata da questi kuffar più e più volte. La prima cosa che doveva fare quando si svegliava la mattina, oggigiorno, era togliersi le mutandine bagnate. Questi sogni e fantasie la stavano sostenendo per ora, aiutandola a placare la sete di sesso, ma presto un altro pensiero le entrò nella mente, uno che avrebbe definitivamente rovinato il suo matrimonio. Voleva trasformare questi suoi sogni in realtà.

Fahima sedeva lì con la mente in grande subbuglio. Non poteva tradire suo marito, non solo era moralmente sbagliato, ma anche religiosamente. Non poteva opporsi, ma in fondo sapeva di essere già andata contro la sua religione, attirando intenzionalmente l'attenzione di altri uomini.

Qualcosa dentro di lei è cambiato nel tempo, un lato troia si era risvegliato in lei, un lato che bramava attenzioni, uno che voleva essere scopato da un grosso cazzo kuffar. Si rese anche conto che una parte di lei si stava ribellando, non solo contro la religione, ma anche contro la cultura che opprimeva le donne e diceva loro come vestirsi, come apparire e con chi parlare. Mentre questo era presente in tutte le culture, lo era ancora di più nelle comunità pakistane, era vero che con il tempo queste opinioni erano cambiate ma non nella sua famiglia.

Suo marito non si è mai comportato come un tipico marito pakistano, non le ha imposto alcuna restrizione anche quando lo faceva il resto della società. Ricordava quanto duramente avesse studiato per una laurea in giurisprudenza all'università, pronta a intraprendere una carriera legale ed essere stata costretta a rinunciarvi dai suoi genitori che poi l'hanno costretta a sposarsi. Per questo aveva nutrito un profondo rancore nei confronti dei suoi genitori e andare contro le cose che le avevano insegnato era un modo per vendicarsi.

Sapeva che avrebbe dovuto essere grata ad Allah per aver ricevuto un marito come Ali, ma il suo matrimonio era inesistente ora, il che significa che non c'era più nulla per cui essere grata. Altre mogli avrebbero resistito e sarebbero state fedeli e lei sapeva di essere una cattiva moglie, ma a una parte di lei non importava.

"Oh, Allah, ti prego perdonami!" supplicò Fahima.

Il campanello suonò strappando Fahima dal suo stordimento. Scese al piano di sotto con un grande sorriso stampato sul viso. Sapeva chi era e lo aveva aspettato tutta la mattina.

"Ciao, Donte," sorrise mentre salutava l'omone nero alla sua porta.

"Ehi, Fahima, come stai?" Donte ricambiò il sorriso debolmente.

Fahima sentiva che stava succedendo qualcosa. Conosceva Donte da 6 anni dopo che Ali lo aveva assunto, come tuttofare, per riparare il tetto per loro. Ali e Donte hanno cliccato subito ed erano diventati subito amici. Si sono uniti alla stessa palestra e hanno giocato a calcio (calcio) insieme, entrambi hanno persino sostenuto l'Arsenal poiché erano entrambi uomini del nord di Londra. All'inizio Fahima era diffidente nei confronti di Donte, essendo di un passato conservatore pakistano significava che era cresciuta con una visione quasi razzista dei neri, le veniva sempre detto di stare alla larga da loro.

Il suo giudizio iniziale su Donte è passato man mano che lo ha conosciuto e ha scoperto il suo lato amichevole e spiritoso. Anche lui aveva studiato giurisprudenza all'università e per un po' aveva intrapreso una carriera in essa, ma si trovava di fronte a un mondo altamente giudicante, che lo giudicava solo in base al suo aspetto, la gente pensava sempre che sembrasse troppo brutale o delinquente. Formarono rapidamente un legame definendosi i "quasi avvocati". Avevano sviluppato un legame molto stretto e passavano ore e ore a parlare di tutte le diverse politiche legali che discutevano tra loro, cosa che annoiava sempre suo marito. Anche Donte era sposato ma la coppia non aveva mai conosciuto sua moglie, e ogni volta che dicevano a Donte di portarla a casa loro lui trovava sempre una scusa. Fahima intuì che la moglie di Donte evidentemente non gradiva l'idea di incontrarli.

Senza nemmeno rendersene conto, Fahima aveva sviluppato un'attrazione per questo robusto gigante alto 6'5. Torreggiava su di lei e la faceva sembrare ancora più piccola. Ricordava la volta in cui era venuto ad aiutare a ripulire il giardino in una giornata estremamente calda. Si tolse la parte superiore rivelando il suo corpo nero perfettamente scolpito e

Fahima non riusciva a impedirsi di fissarla. I suoi occhi si compiacevano di lui cogliendo ogni centimetro, i suoi occhi indugiavano sempre sul suo inguine, perché aveva sentito da uno dei suoi amici somali che i neri avevano i cazzi grossi. Ma non poteva dire se l'avesse fatto o no.

Aveva notato che lei lo guardava ma non l'aveva mai tirato fuori, l'aveva interpretato come un non incidente. Negli ultimi mesi aveva mostrato un vivo interesse per l'Islam e stava seriamente pensando di convertirsi alla religione. Così era andato da Fahima chiedendole se gli avrebbe insegnato la religione e gli avrebbe insegnato il Corano. Lei acconsentì e anche suo marito non si oppose, anzi era felice che uno dei suoi buoni amici stesse pensando di convertirsi a un musulmano. Aiutare i non musulmani a trovare l'Islam è un grande onore, ma Fahima aveva altri motivi per accettare queste lezioni.

Avrebbe potuto trascorrere un po' di tempo da sola con Donte senza doversi preoccupare che suo marito fosse sospettoso. Sapeva che così facendo stava commettendo un grave peccato, usando essenzialmente la sua religione per trascorrere del tempo con un uomo che non era suo marito nella speranza di andare a letto con lui.

Ultimamente aveva notato Donte che la guardava con grande interesse l'aveva beccato un paio di volte a guardarle il sedere, facendole capire che il suo burqa attillato funzionava. Sapeva che dopotutto lui la trovava attraente, la inondava sempre di lodi e, ultimamente, non riusciva proprio a staccarle gli occhi di dosso. Anche quando suo marito era nella stanza, la guardava. Lo aveva notato mentre le fissava i seni durante le lezioni, prestava più attenzione alle sue tette che alle lezioni. Pensava spesso che stesse usando queste lezioni come lei, per avvicinarsi a qualcuno senza il sospetto di un coniuge, ma lo scartò rapidamente. A differenza di lei, era un brav'uomo che amava teneramente sua moglie e ne parlava sempre con entusiasmo.

Fahima ha concluso che tutti gli uomini vagano liberamente con gli occhi, aveva visto Ali farlo nonostante fosse un musulmano "devoto". Voleva così disperatamente fare una sorta di mossa su Donte negli ultimi 3 mesi, ma aveva lottato con la parte di lei che voleva ancora essere una moglie fedele e musulmana.

Tuttavia, oggi il lato troia era in piena forza e lei aveva deciso che oggi avrebbe sedotto Donte. Bene, quello era il piano finché non vide la tristezza nei suoi occhi, non l'aveva mai visto così triste prima. Tutti quei pensieri, per il momento, erano stati messi da parte.

"Stai bene Dontè?" chiese Fahima con genuina preoccupazione mentre si sedevano sul divano per iniziare la lezione.

"Sì... lo sono, non ti preoccupare," rispose poco convincente.

"No, non lo sei, Donte. Dimmi cosa c'è che non va. Guardami!" chiese Fahima, era sempre più preoccupata.

Donte guardò Fahima con occhi annebbiati, poteva vedere che era disperatamente determinato a tenere chiuse le paratoie. Vederlo così ferì profondamente Fahima. Prese le sue gigantesche mani nere tra le sue e le strinse, sperando che lo aiutasse ad aprirsi.

"Ho detto a mia moglie che volevo convertirmi all'Islam e diventare un musulmano. Mi aspettavo che fosse scioccata, ma la sua reazione è stata molto peggiore di quanto avessi mai immaginato... mi ha lasciato", ha detto trattenendo a malapena le lacrime.

Fahima lo fissò a bocca aperta. Trovava difficile credere che una donna avrebbe lasciato un uomo così dolce e premuroso come Donte, soprattutto quando parlava di lei con tanta stima. Non sapeva cosa fare così lo abbracciò, avvolgendogli forte le braccia attorno.

Invece di pensare a come avrebbe dovuto sentirsi dispiaciuta per lui, tutto ciò a cui Fahima riusciva a pensare era il fatto che poteva sentire il suo corpo cesellato, quello che desiderava da mesi, contro di lei.

"Mi manca così tanto, Fahima, così tanto," sussurrò Donte, la voce rotta.

"Non preoccuparti Donte, mi prenderò cura di ogni tua esigenza. Presto la dimenticherai." disse Fahima quasi facendo le fusa mentre lo guardava dritto negli occhi e gli metteva le mani sul cavallo. Non aveva idea di cosa stesse facendo

"Umm... cosa stai facendo, Fahima?" domandò Donté, che fu strappato al suo dolore dal puro shock.

"Mi prendo cura di te," gemette Fahima mentre posava le sue labbra sulle sue.

Fahima sapeva di aver oltrepassato il limite; che stava andando contro tutto ciò in cui credeva. Non si poteva tornare indietro adesso, e per lei andava benissimo. Il fatto che si stesse approfittando di Donte quando era in quello stato non le sfuggiva, tutto quello che sapeva era che quello era il momento giusto per fare la sua mossa. Sentì che Donte era titubante mentre cercava di staccarsi dal suo bacio, ma lei non glielo permise.

Pensò a quanto lo desiderasse mentre la sua lingua penetrava nella sua bocca, le loro lingue si intrecciavano insieme in una danza lenta e appassionata. Fahima poteva sentire il rigonfiamento sempre più grande nei jeans di Donte, segno che si stava divertendo. Ogni resistenza a cui si era aggrappato ora era svanita, il che eccitava ancora di più Fahima. Le sue enormi mani le stavano palpando i seni, massaggiandoli. Sentì entrambe le sue mani afferrare la parte anteriore del suo burqa. E la cosa successiva che sentì furono le sue mani che tiravano il tessuto e lo strappavano sul davanti, esponendo completamente i suoi seni. Poi le ha tolto il reggiseno con un altro forte strattone, che le ha causato un po' di dolore. Fahima era scioccata ed eccitata dalla ferocia che Donte stava mostrando e la sua fica era bagnata. Donte le stava guardando le tette completamente scoperte, ammirandole apertamente, quando si rese conto che nessuno le aveva mai viste tranne suo marito. Ben presto la sua bocca fu sui suoi seni con una fame insaziabile, la sua lingua roteò senza sosta attorno ai suoi capezzoli induriti.

"Oh, Alllaahhh," gemette Fahima in preda all'estasi. Non aveva mai provato tanto piacere mentre Donte continuava a divorarle le tette. Poteva sentire il cazzo di Donte tendersi contro i suoi jeans, sembrava che stesse per uscire dai jeans.

"Voglio vedere il tuo cazzo." disse tra i gemiti.

Donte si alzò dal divano e cominciò a slacciare la fibbia della cintura e, senza perdere un colpo, Fahima si mise in ginocchio guardando Donte con una feroce fame negli occhi. Presto i jeans di Donte erano intorno alle sue caviglie e Fahima poteva vedere la sagoma del suo enorme cazzo nero, solo vedere la sagoma del mostro le fece venire un brivido lungo la schiena e le fece tremare la fica per l'attesa. Donte finalmente si abbassò i boxer, liberando il suo grosso cazzo nero dai vincoli.

"Ahia!" urlò Fahima quando il grosso palo nero di Donte la colpì in faccia.

"È così grande!" disse scioccata e sbalordita dal grande mostro nero venoso sul suo viso. Allungò le mani inesperte e afferrò il grosso cazzo nero.

La cosa era gigantesca. Fahima immaginò che il suo cazzo doveva essere lungo quasi dodici pollici. Era lo spessore del mostro nero che ispirava davvero soggezione, era grande quanto il suo polso forse anche più grande. Anche la testa del suo pene bulboso era enorme, e la sua asta era ricoperta di grosse vene che in qualche modo lo facevano sembrare un potente strumento pulsante.

"Succhialo!" ordinò schiaffeggiandola con il suo cazzo. La fece uscire dallo stordimento mentre lui le afferrava la parte posteriore dell'hijab e le avvicinava la bocca al suo cazzo.

Fahima si sentiva in colpa, suo marito non meritava una moglie traditrice come lei. Invece di restare al suo fianco stava per farsi riempire la bocca da un enorme cazzo nero. Esitò per un attimo prima di prendere in bocca l'enorme testone. Era troppo grande, stava già lottando e aveva solo la testa in bocca. Ma ha continuato a succhiare la testa grassa in bocca e ci ha fatto dondolare sopra la testa. Il senso di colpa era ancora lì, la divorava dentro, aveva resistito a malapena ma il cazzo di Donte era semplicemente troppo grande per resistere.

Fahima aprì ancora di più la bocca per cercare di accogliere più cazzo di Donte. Avvolse il gigantesco monolite nero centimetro dopo centimetro nella sua bocca, la mascella dolorante. Alla fine aveva tutto il cazzo in bocca, sentì la testa del suo cazzo colpire la parte posteriore della sua gola, facendola soffocare e soffocare. Fahima guardò Donte per vederlo sorriderle. Vederlo godere di questo la spronò ancora di più e iniziò a succhiargli il cazzo come una donna pazza di sesso.

"Il tuo cazzo è così bello...così grande...così nero," gemette Fahima tra un bacio e l'altro mentre gli afferrava la virilità con entrambe le mani. Amava far scorrere la mano su e giù lungo l'asta e sentire il peso del mostro.

Fahima sentì le mani di Donte sul suo hijab mentre le spingeva in bocca gli ultimi centimetri del suo mostro nero. Cominciò a spingere il suo grosso cazzo nero dentro e fuori dalla sua bocca, ma le sue labbra sembravano resistere alle sue spinte posteriori. Voleva che rimanesse in profondità nella sua bocca mentre amava il sapore salato del suo cazzo sulla lingua. Le sue narici erano piene del suo odore mentre i suoi peli pubici le sfioravano il naso. Sentì le sue pesanti palle schiaffeggiarle contro il mento mentre spingeva più in profondità e più velocemente. Non riusciva a credere di aver preso con successo questo mostro di dodici pollici nella sua bocca. Ha represso l'impulso di vomitare e ha continuato a prendere in bocca il suo delizioso cazzo nero.

"Ecco, Fahima, prendila come una puttana!" Urlò mentre la sua bocca schiumava di saliva mentre lui continuava a martellarle la bocca con il suo enorme palo.

Nessuno aveva mai chiamato una troia prima, invece di essere offeso da ciò in realtà la eccitava di più. Sentì le sue mani afferrarle i capelli attraverso l'hijab e tirarla con pura forza. Afferrò il suo culo duro come una roccia e lo spinse ancora più in profondità nella sua gola con un rinnovato vigore nonostante il fatto che il suo respiro si stesse facendo corto. Era sicura di non poter andare avanti senza svenire ma continuava comunque a prendere il suo cazzo in bocca.

"Fahima, sono così vicino, troia, così vicino, continua a prenderlo come una brava piccola puttana musulmana!" Donte le urlò mentre sentiva il suo cazzo gonfiarsi.

Ancora una volta, invece di essere offesa dai commenti di Donte, sentì la sua fica contrarsi di gioia. Apparentemente amava essere degradata e fino ad ora non ne aveva idea. Sapeva che ormai era andata troppo oltre. Non sarebbe mai riuscita a tornare ad essere la donna che era.

"OH CAZZO, ECCO ARRIVA!!" ululò Donte rilasciando finalmente il suo carico.

Non solo la forza della sua eiaculazione distolse Fahima dai suoi pensieri, ma punse come l'inferno, e la sua bocca si riempì prima che avesse il tempo di reagire. Fahima iniziò a soffocare e sputò il cazzo fuori dalla sua bocca, ricevendo uno spruzzo di sperma prima che iniziasse a tossire lo sperma quando la sua bocca iniziò a traboccare. Era completamente inzuppata dal suo sperma che era sul suo hijab, viso, occhi e naso. Donte ha poi depositato un ultimo carico in bocca che ha ingoiato come una troia affamata.

"Com'è stato?" Fahima ha chiesto in tono timido mentre si asciugava lo sperma dagli occhi e si strofinava il cazzo sul viso.

"Il migliore che abbia mai avuto. Chi sapeva che eri un gran succhiacazzi, ma non è quello che vuoi sentire, vero? Vuoi sapere se sei meglio di mia moglie." Rispose ridendo.

"Sì, è tutto quello che voglio sapere," annuì mentre tirava fuori la lingua per leccare la testa del suo cazzo.

"Che ne dici se prima restituisco il favore e poi rispondo a questa domanda?" disse mentre la prendeva in braccio e la metteva sul divano. Mentre si alzava il burqa, allargò le gambe in attesa di ciò che stava arrivando. Donte le fermò le mani.

"Lascialo acceso, ti servirà a ricordarti che troia musulmana sei. Oh guarda, ti piace essere chiamata troia musulmana, guarda come si sta bagnando la tua fica. Vuoi questo cazzo nero nel tuo stretto piccolo musulmano stronza vero," la schernì ridendo.

Fahima si sentiva un po' in colpa e timida. Colpevole perché c'era un uomo che non era suo marito che guardava il suo corpo nudo. Poche ore fa l'unico uomo ad averla vista completamente nuda era suo marito. Ora eccola completamente nuda di fronte a questo gigantesco uomo di colore che si stava dilettando del suo corpo con gli occhi. Si rese conto che non si era tolta il suo hijab inzuppato di sperma, mentre metteva la mano sulla clip per toglierselo sentì la mano di Donte sulla sua.

"Si si lo faccio!" fu tutto ciò che riuscì a uscire prima che Donte seppellisse la faccia nella sua fica bagnata e gocciolante.

Fahima lo sentì leccarle le pieghe della figa, il suo corpo sembrava in fiamme. Il suo corpo iniziò ad avere le convulsioni mentre sentiva arrivare un potente orgasmo. Aveva appena cominciato e lei stava già arrivando.

"OH FUCKKKK STO CUMINGGGGG!" ruggì realizzando che questa era la prima volta che imprecava ad alta voce da quando era adolescente. Era sempre stata rimproverata e le era stato detto che non era giusto per una ragazza musulmana imprecare.

Eppure qui stava avendo il miglior orgasmo della sua vita, con un uomo di colore tra le gambe, che le attaccava la fica e imprecava ad alta voce senza alcuna cura.

Donte leccava i succhi della sua figa come un uomo disidratato e aveva un disperato bisogno di liquidi. Lo sentì baciare dolcemente le labbra della sua figa prima, ancora una volta, di infilare la lingua in profondità nella sua fica. La sua testa oscillava su e giù in modo aggressivo mentre continuava ad aggredire brutalmente la sua fica con la lingua.

"Oh, Allahhhhhh!!" gemette, ogni spinta in avanti inviava onde d'urto di euforia attraverso il suo corpo.

"Oh, ohhhhhh Donte...Fuckkkkk!!" Ha continuato ad ansimare come la troia sfrenata che era mentre Donte iniziava a far roteare la lingua dentro la sua fica.

Spingendolo dentro e fuori, non sapeva come avesse trovato i suoi punti più sensibili ma ogni volta che colpiva uno di quei punti il ​​suo corpo tremava violentemente e lei cominciava a venire. Ha perso il conto delle volte in cui era già venuta e proprio quando pensava di non farcela più lui ha colpito un altro punto.

"Oh, oh, ooooooooooooooooh, yeaaaaaaaaaaah," strillò di gioia mentre raggiungeva il suo più grande orgasmo.

Alla fine Donte fermò il suo assalto alla sua fica e le concesse qualche minuto per riprendersi prima di prenderla tra le sue forti braccia e portarla fuori dal soggiorno. Non aveva bisogno di chiedergli dove la stava portando perché lo sapeva già mentre lui cominciava a salire le scale. Andò in camera da letto e mise Fahima sul letto. Le è venuto in mente che stava per essere scopata da un grosso cazzo nero nello stesso letto che condivideva con suo marito. Giaceva lì pronta con le gambe spalancate pronta ad accogliere quest'uomo nel profondo di lei.

Non si sentiva più in colpa, tutto ciò che provava era una profonda lussuria. Era una pessima moglie, una pessima musulmana, suo marito meritava di meglio. Tutto quello che meritava in questo momento era di essere scopata come la troia che era. Donte spalancò le gambe e gli mise i piedi sulle spalle e premette la testa del suo cazzo contro l'ingresso della sua fica.

"Vuoi questo cazzo nella tua piccola fica musulmana stretta?" disse Donte mentre la stuzzicava strofinandole la punta del cazzo lungo la fica.

"Sì. Voglio il tuo cazzo, per favore fottimi!" supplicò mentre si allungava tra le gambe e gli accarezzava lentamente il cazzo.

"Sei sicura? So per certo che la tua piccola figa stretta non ha mai avuto niente di così grande. Ti allungherò fino al limite e ti farà male," disse Donte stuzzicandola ancora di più.

"Non mi interessa. Scopami, per favore!" supplicò rendendosi conto che si stava donando completamente.

Allargò ancora di più le gambe con impazienza, eccitazione e paura per il cazzo gigante che stava colpendo la sua entrata. Donte sorrise semplicemente prima di sbattere il suo grosso mostro nero in profondità nella sua fica.

"Ya, Allahhhhhhh, MERI PHUDI KO DARD ARE HAI!!" Fahima urlò in urdu mentre il mostro nero le allargava la figa impalandola centimetro dopo centimetro.

"Sei così grande!" lei gemette mentre spingeva dentro un altro centimetro del suo cazzo nella sua troia piccola fica pakistana.

"Oh piccola, non sono nemmeno a metà strada. Sei così dannatamente stretto, tuo marito deve essere davvero piccolo," rise prendendo in giro suo marito. Lei non rispose, ma sapeva che il suo silenzio la diceva lunga.

"Oh cazzo... così stupido," borbottò.

"Ti piace, mia piccola troia hijabi," Donte spinse più a fondo, rivestendo il suo cazzo nero nei suoi succhi facendolo luccicare.

"Oh Allah, sto per..." iniziò a dire mentre sentiva un'esplosione crescere dentro di lei.

"Vai avanti. Vieni, mia troia hijabi. Vieni su tutto il cazzo!" le ordinò.

"OH CAZZO! OH CAZZO! OH CAZZO!" gemeva, ripetendo le parole a ogni spinta dura e penetrante. Fahima si dimenò selvaggiamente sotto il muscoloso uomo di colore, venendo forte.

"Siamo poco più di metà strada, mia troia hijabi, se stai venendo così forte ora..." si interruppe mentre il suo cazzo affondava più a fondo nella fica avida di Fahima.

Fahima non si era mai sentita così piena in vita sua. Sentì la sua figa essere tesa fino al punto di rottura e questo la eccitò ancora di più. Donte gli aveva tolto le gambe dalla spalla e gliele aveva fatte avvolgere intorno al corpo. Ora la stava guardando profondamente negli occhi mentre cominciava ad aumentare la velocità delle sue spinte, entrando e uscendo dalla sua fica stretta come un pistone. Lei strinse le gambe attorno a lui, attirandolo ancora più a fondo. Ululò di dolore quando sentì il grosso mostro nero colpirle la cervice, non aveva mai avuto qualcosa conficcato in lei così in profondità. Nonostante il dolore lancinante continuava a strofinare i fianchi contro di lui, la sensazione delle sue palle giganti contro il suo sedere le confermò che in qualche modo aveva inserito il bastone nero di dodici pollici dentro di lei. Lei mosse il suo corpo contro il suo, il dolore stava rapidamente svanendo quando un altro enorme orgasmo la colpì.

Non riusciva a credere quanto fosse profondo in lei e l'orgasmo che stava provando era il più grande di sempre, facendola quasi svenire, ma Donte non si fermò nel suo implacabile martellamento della sua fica. Lei continuava a urlare in modo incontrollabile mentre i suoi orgasmi continuavano, le sue palle continuavano a schiaffeggiarle il culo ritmicamente e lei incontrava ogni sua spinta con una delle sue, per incontrarlo nel mezzo. All'improvviso Donte smise di muoversi e tirò fuori completamente il suo grosso cazzo facendola sentire completamente vuota.

"Co... Perché ti sei ritirato?" tubava ancora stordita dai suoi innumerevoli orgasmi.

"Perché sono un bastardo crudele e voglio sentirti implorare per il mio cazzo."

"Per favore, ho bisogno che tu lo rimetta dentro," disse debolmente.

"Sai che non è abbastanza buono. Non c'è bisogno di essere timido," rispose accarezzandosi il cazzo.

"Per favore... Donte," fece una pausa prima di continuare, "per favore fottimi con il tuo grosso cazzo nero!"

"Ora è più simile, mia piccola troia hijabi," disse mentre le spingeva di nuovo il cazzo dentro. Venne di nuovo dall'improvvisa penetrazione. "Ora voglio sentirti implorare per il mio sperma. So che vuoi che riempia questa piccola fica musulmana sposata con il mio sperma. Hai bisogno di sperma fertile nel profondo del tuo grembo!" Egli ha detto.

Colta alla sprovvista, i suoi occhi si spalancarono per lo shock. Il suo commento significava che sapeva del problema di Ali. "E' vero, lo so," disse mentre spingeva il cazzo dentro e fuori più velocemente.

"Ora supplica, mia troia hijabi!" ruggì.

"SÌ!! RIEMPIRE LA MIA FIGA MUSULMANA CON LA TUA SBORRA NERA CALDA!!" urlò, la figa che si stringeva e stringeva la sua enorme asta, i suoi succhi schiumavano intorno a lui con un altro orgasmo.

"Vieni dentro di me!" urlò senza curarsi di chi l'avesse sentita. "Scopami...scopami...scopami!"

Donte aveva aumentato la velocità delle sue spinte dentro di lei, che continuavano a mandare increspature attraverso il suo corpo. Fahima lo guardò negli occhi e vide un'intensità animalesca. Il desiderio di fotterle il cervello era impresso su tutto il suo viso. Lo baciò perché Donte era l'uomo di cui aveva bisogno, quello che aveva sempre voluto. Si sentiva una vera donna, che prendeva i suoi bisogni femminili da un vero uomo. Si sentiva liberata, libera dalle catene che l'avevano costretta prima. Donte stava grugnendo pesantemente ora, poteva sentire il suo cazzo gonfiarsi dentro di lei.

"Oh, sisss tesoro!! Vieni per me!! Per favore!" lei pianse.

"Oh merda! Ecco che arriva!" gemette.

"Sì piccola, vieni per me," ripeté. "Dammi il tuo seme. LO VOGLIO! NE HO BISOGNO!"

Come se al segnale Donte gemette e seppellì il suo cazzo in profondità nel suo grembo e iniziò a bombardare la sua fica con il suo sperma. Ha vomitato carico dopo carico del suo seme in profondità dentro di lei. Fahima poteva sentire il suo cazzo vibrare dentro di lei, e le fece venire un brivido lungo la schiena. Presto la sua fica era finita con il suo sperma caldo.

"Lo adoro!" lei disse.

Donte non aveva finito, si tirò fuori da lei e le soffiò un ultimo sperma su tutto il viso e l'hijab. "Il mio hijabi cum slut", ha detto mentre si strofinava il suo cazzo in faccia.

L'odore del suo sperma riempì la stanza. Il pensiero che lo sperma di Donte le stesse nuotando dentro e il fatto che potesse metterla incinta la eccitava.

"Adoro sentire il tuo sperma nella mia fica, piccola."

"Te lo sentirai nel culo domani," disse mentre le stuzzicava il buco del culo con un dito.

"Oh davvero, non vedo l'ora. Non sono mai stata fottuta nel culo prima d'ora," disse accarezzandogli il cazzo.

"Oh piccola, ti piacerà", ha detto.

Entrambi si alzarono dal letto, Donte aiutò Fahima a pulire la casa così tutte le prove del loro appuntamento sessuale erano sparite. Dopo che ebbero finito, Donte le disse che era meglio che se ne andasse. Le ha detto di incontrarlo domani a casa sua.

"Indossa il tuo hijab rosso, ti sta bene. Non voglio che tu indossi niente nemmeno sotto il burqa. Niente mutande. E porta un hijab di riserva per ogni evenienza," le ordinò.

"Sì, padrone," si trovò a dire, scoprendo di essersi data completamente a Donte.

Lui l'afferrò per il culo e la tirò dentro per un bacio profondo, lei poteva sentire il suo grosso cazzo nero contro di lei e voleva che lui la prendesse lì e subito nel corridoio. Si staccò da lei e lei gemette delusa.

"Aspetta! Non mi hai detto se ero migliore di tua moglie," gli ricordò mentre lui apriva la porta.

"Non lo so, non ho una moglie, non l'ho mai avuta. Non essere così scioccato, in quale altro modo avrei potuto avvicinarmi a te. Tuo marito pensava che il fatto che fossi sposato significasse che non avrei Non ho nemmeno pensato di scoparmi sua moglie, dopo aver sfoggiato le tue foto di nudo. Oh sì, è vero, non sai come ci siamo conosciuti io e tuo marito, vero? Ci siamo conosciuti in un pub, sì, e il tuo pio marito musulmano beve. Era davvero ubriaco, abbiamo iniziato a chiacchierare e mi ha mostrato delle foto molto carine di te. Sapevo che allora avevo bisogno di assaggiare quella tua fica musulmana proibita. Ora è mia, ora sei la mia puttana hijabi. Sii puntuale domani, " disse poi la baciò e uscì dalla porta.

Fahima rimase lì sbalordita, vacillando per la bomba. Aveva giocato proprio nelle sue mani. Era completamente sua.

Continua(?)

Storie simili

Camion su strada capitolo 5

Jill e io siamo arrivati ​​a Boise ID. intorno alle 5 del mattino. Ho rifornito il camion e l'ho parcheggiato. Siamo entrati e abbiamo fatto una buona colazione. Ha detto voleva avermi per dessert ma nel camion. Ed è stato il giorno dell'anale. Mi ha detto che voleva KD nel culo e io che le martellavo la figa. Ho riso e ho detto hai intenzione di infilarti KD nel culo? (KD è Kong Dong) Questa cosa è lunga 18 pollici e spessa circa 3 pollici, un po' più grande di una lattina di birra, Ci puoi scommettere dice. Le ho detto:...

497 I più visti

Likes 0

'IL DIVERTIMENTO CHE ABBIAMO AVUTO NEL GIORNO' (PARTE SECONDA)_(1)

“IL DIVERTIMENTO CHE CI AVEVAMO NEL GIORNO“ (SECONDA PARTE) Nella prima parte ti ho presentato due ragazzini, soli, che si sono ritrovati. E se sia accettabile o meno, secondo le norme della nostra società, il modo in cui il sesso è apparso come amore e accettazione a un ragazzo che è stato vittima di bullismo e picchiato quasi quotidianamente (non menzionato nella prima parte) e appena uscito dal porta di casa mia sembrava un rischio per la mia sicurezza. La seconda parte ti porta più a fondo nello stato emotivo di quel ragazzo mentre cresceva nella sua nuova famiglia di amici...

466 I più visti

Likes 0

La scommessa incestuosa del fratello Capitolo 8: La passione arrapata della sorellina

La scommessa incestuosa del fratello (Una storia incestuosa dell'harem) Capitolo otto: La passione arrapata della sorellina Di mypenname3000 Diritto d'autore 2018 Maria Reenburg Tremavo di gioia quando la mamma si sedette al tavolo delle conferenze nell'ufficio di mio padre presso il Campidoglio. La sua segretaria, quella puttana di Vanessa, era seduta di fronte alla mamma, quella fica sembrava arrogante come se non avesse nulla da temere. Aveva le braccia incrociate sotto le tette, sollevando quelle tette finte e spingendole fuori davanti a sé, il suo top elastico le tratteneva a malapena. Un ghigno altezzoso le incurvò le labbra, il suo viso...

455 I più visti

Likes 0

Brandy infrange il codice di abbigliamento da lavoro

Ciao, sono Brandy. Ho 28 anni, sono bi sub, 1,70 cm, peso 55 kg, capelli biondi, occhi castani, seno 32C con capezzoli permanentemente eretti (lo sono stati per tutta la mia vita) e una figa depilata... sì, mi sono stufata di radermi e fare la ceretta dannazione, mi fa male. Sono stato un Sub per gran parte della mia vita, anche se non lo sapevo da un bel po'. Preferisco gli uomini, ma ora sono un sub obbediente molto ben addestrato e farò tutto ciò che mi viene detto da un Dom o Femdom. Se hai letto alcuni dei miei altri...

398 I più visti

Likes 0

SENZA RISERVE

Brenda Olsen rimase in fila con un po' di impazienza mentre aspettava di registrarsi e di prendere la chiave della sua stanza. Finalmente, mormorò sottovoce, è il mio turno! Come posso aiutarti? chiese allegramente la bionda dall'aspetto disinvolto dietro il bancone. Brenda stava per dare un'occhiata alla donna, ma ci ripensò e rispose: Olsen, Brenda Olsen, ho una prenotazione per tre notti. Uhhhhhh fammi vedere, disse la bionda mentre digitava il suo nome sul terminale del computer delle prenotazioni. Hmmmmmm, non lo trovo qui, lasciami controllare un altro posto......... Brenda picchiettò nervosamente il piede mentre l'impiegato cercava il suo nome. Alla...

349 I più visti

Likes 0

Ragazza invisibile (una storia d'amore erotica), pt. 1

PROLOGO: Primavera 1965 Aveva cominciato a pensare a se stessa come alla Ragazza Invisibile. Aveva degli amici: bambini con cui era cresciuta, che inciampavano insieme tra i voti nel sobborgo di Ridgeton a Boston, collegati dai fili infiniti e complessi di esperienze condivise nel loro piccolo mondo. E molti di loro avevano continuato a frequentare il college comunitario biennale locale, proprio come aveva fatto lei. Ma in qualche modo, tra la scuola elementare e questo, il suo primo anno di college, era come se un incantesimo, operando così lentamente da essere impercettibile, li avesse allontanati tutti l'uno dall'altro, o almeno da...

338 I più visti

Likes 0

Cat girl Charity - Un invito personale a ballare

Benvenuti nella terza storia di Charity, una ragazza-gatto che sta cercando di trovare il suo posto nella vita, e anche un amore a lungo cercato. In questa storia vediamo la crescente relazione tra lei e il Cancelliere dell'Accademia, noto come Storm Dragon, e un potente mago a sé stante, oltre alle sfide quando un vecchio nemico si presenta per causare il caos nelle loro vite. Quindi vieni e unisciti a noi ora, poiché Charity è invitata a un ballo formale dell'Accademia, mentre ha altre idee di ballo in mente. Spero che ti piaccia questo. Si prega di lasciare alcuni commenti in...

1.5K I più visti

Likes 0

Il nuovo paziente di Sarah - Prima parte

Sarah era nervosa mentre usciva dalla sua macchina e si dirigeva verso le porte che l'avrebbero riportata al lavoro per la prima volta dalla festa di Capodanno dove aveva recentemente perso la verginità. L'intera notte era ancora confusa... un'eredità di punch alla frutta e una notte di scopate intense che non si aspettava né voleva, ma durante la quale ricordava distintamente di aver avuto un orgasmo più e più volte mentre implorava gli uomini che l'avevano portata a scopare lei e sborra dentro lei. L'intera faccenda sarebbe potuta sembrare un brutto sogno se non fosse stato per il fatto che...

1.5K I più visti

Likes 0

Il mio compito per i media.

Ho ricevuto una chiamata per entrare nell'ufficio del mio editore per un incontro con il signor Giles. Stavo lavorando al giornale locale da 6 mesi, quindi naturalmente ero nervoso. Mi chiedevo cosa avessi fatto di sbagliato, tale era la mia negatività. Rachael, per favore siediti ha detto mentre entravo. Mi sono seduto dentro tremante mentre aspettavo quella che pensavo sarebbe stata una brutta notizia. Rachael, ho visto il tuo pezzo sulle corse dei levrieri e sull'esca viva ha detto è stato fantastico. Penso che avrebbero sentito il mio sospiro di sollievo nel prossimo edificio. “Evidentemente ami gli animali” ha aggiunto. Sì...

1.5K I più visti

Likes 0

La festa parte 1_(0)

Finalmente è arrivato venerdì sera e Silk era davvero nervoso. Invidiava gli altri due per la loro esperienza perché erano eccitati invece che spaventati. Era così nervosa che quando Michael pronunciò il suo nome; lei quasi saltò fuori dalla sua pelle e squittì un sì Maestro. Seta, hai paura? le chiese Michael, con voce piena di preoccupazione. «Un po'», disse a bassa voce. Michael l'abbracciò e le sussurrò parole di rassicurazione all'orecchio. Le disse che tutto quello che doveva fare quella sera era guardare e che nessuno l'avrebbe toccata a meno che lei non avesse detto che andava bene. Le aveva...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.