In quel giorno

881Report
In quel giorno

Quel giorno... ho fatto qualcosa di cui entrambi mi pento e accolgo con entrambe le braccia. Era un sabato luminoso e soleggiato. Il tempo era piacevolmente caldo e c'era una brezza fresca che sembrava sussurrarmi le parole "Pausa estiva" nelle mie orecchie. Ero sdraiato su una collina verde erbosa con un grande albero in cima a guardare le nuvole che galleggiavano. Li ho contati e ho solo osservato la loro natura spensierata, senza una preoccupazione per il mondo, viaggiando senza meta. Da ragazzo di 17 anni, mi piaceva questo. Mi sono divertito. Mentre la maggior parte degli altri andrebbe a bloggare o giocare ai videogiochi, preferirei l'idea di non fare semplicemente nulla.
Sai cosa renderebbe questo momento migliore? Se avessi qualcuno a cui tenevo si siede accanto a me.
Ma purtroppo il mondo è crudele e indifferente. La mia vita è stata molto distaccata.
Ho contato ogni nuvola e mi sono detto che per ogni centesima nuvola che ho contato, uno dei miei desideri si sarebbe avverato. Mentre contavo la mia 99a nuvola, mio ​​padre ha suonato il clacson segnalandomi che dovevo alzarmi dal culo, andare a casa e fare qualcosa di produttivo con la mia vita. Ero leggermente arrabbiato perché non potevo contare un'ultima nuvola prima di partire.
Mentre è in macchina, dice allegramente: "Figliolo, ho delle novità di cui discutere con te quando torniamo a casa! Oh, semplicemente una notizia meravigliosa!"
"Oh ragazzo", ho risposto sarcasticamente.
Dopo essere arrivato, mi sono avvicinato al nostro divano bianco di pelle nel nostro soggiorno e ho continuato ad aspettare le "buone notizie".
"Henry, mi sto risposando!" Gridò estaticamente.
Mio padre, Alex Robinson, è un uomo di mezza età, sui vent'anni e ha avuto il fuoco della giovinezza che ardeva in lui fino a dopo la morte di mia madre. È stato con 3 donne. La prima è stata mia madre... la mia VERA madre. Era bella. Almeno dalle foto che era. Non ho mai avuto modo di vederla di persona. È morta dopo avermi dato alla luce e questo ha lasciato mio padre in uno stato pietoso. A causa del consumo eccessivo di alcol e della perdita del suo primo lavoro, mio ​​padre ha avuto una serie di lavori inaffidabili, siamo costretti a viaggiare molto per fargli trovare un lavoro vero e proprio. Ecco perché dopo la prima volta, ho deciso di fare come mio obiettivo di non affezionarmi troppo a nessuno intorno a me. Alla fine, si traduce solo in sofferenza e dolore. Lacrime e facce tristi. Li odio. La donna successiva era un'amica di mio padre. Lo ha confortato dopo la morte di mia madre e abbastanza presto si sono messi insieme. Ma poi è stata presa una conclusione quando è stato trovato a tradire con un'altra donna e poi è venuto a uscire con quella donna poco dopo. Era, quella che definiresti una... "Signora della notte" e anche quella "relazione" non durò a lungo. Ha una piccola eredità da sua nonna, ma subito dopo che si esaurisce, saremo completamente al verde. Ora, eccoci qui, a Manchester.
“È meravigliosa, penso che ti piacerà! Inoltre, presto avrai una sorella! Non è eccitante?"
"Oh gioia..." dissi alzando gli occhi al cielo.
Ho tirato fuori il telefono e ho iniziato a guardare le mie e-mail per pura noia e basse aspettative. Avevo già delle idee che mi spuntavano in testa piene di malizia. Il suo lavoro non andrà bene e dovremo trasferirci. Il matrimonio non funzionerà e ci sposteremo per allontanarci da esso. Continuavo a pensare a vari scenari, ma sembrava che tutti finissero per scappare da questo luogo e allontanarsi.
"Puoi scendere ora tesoro!" Mio padre fece un cenno.
Mentre alzavo lentamente lo sguardo, vidi una donna simpatica e giovane con uno sguardo gentile sul viso che mi fece piangere una sola lacrima. Era l'immagine sputata di mia madre da ciò che avevo visto da album e album di ritagli. Ho rapidamente rimosso lo strappo dall'equazione e ho iniziato una piccola facciata di un atteggiamento "non premuroso". In realtà, volevo che questa donna fosse l'incarnazione vivente di mia madre. Mio padre l'ha descritta come la donna migliore di sempre e avrei voluto poter stare con lei e festeggiare cose come il suo compleanno o la festa della mamma. Vedere gli altri bambini a scuola che non apprezzavano le loro madri mi rendeva amareggiato e arrabbiato. Ho messo via lentamente il telefono quando ho visto con la coda dell'occhio che aveva teso la mano per una stretta di mano.
A malincuore allungai la mano, quasi esitando a completare il gesto. Ho quasi tirato indietro il braccio, ma sono andato all-in e le ho preso la mano e l'ho stretta.
“Mi chiamo Mari. Mari Wright. Ho anche una figlia. Il suo nome è Ray. D'ora in poi sarà tua sorella minore, quindi per favore prenditi cura di lei. Spero che possiamo andare d'accordo".
"Allo stesso modo. Mi chiamo Henry Robinson.
“Va bene, immagino che Alex possa aiutarmi a guidare fino al magazzino in modo da poter spostare le nostre cose in modo che tu possa presentarti a Ray e divertirti con lei mentre usciamo per un po'. Gioca pulito!" Lei ridacchiò.
“Fai una guida sicura. Dimmi quando torni a casa, così posso aiutarti a disfare i bagagli", dissi mentre uscivano di casa.
Chiusi la porta dietro di loro e li salutai con un sorriso stampato in faccia. Amavo stare a casa da solo. È stata la cosa più bella di sempre. Di solito, interpreto sempre questa facciata educata con un falso sorriso stampato in faccia, ma quando sono solo, solo una cosa conta. Libertà. Sono libero di fare quello che mi pare e sfogo dentro di me tutte quelle emozioni represse.
A volte taglio. Quelle volte, il dolore mi raggiunge e voglio sostituire quel dolore mentale ed emotivo con il dolore fisico.
A volte gioco ai videogiochi. Cerco di scoprire cosa spinge le persone a interpretarli e cerco di perdere tempo nella mia miserabile vita.
A volte mi masturbo. Dopotutto, sono un ragazzo sano e un "ragazzo deve fare quello che deve fare un ragazzo".
Ma oggi, oggi è stato diverso. Adesso avevo una sorellastra.
Grande. Beh, è ​​meglio che non mi affezioni troppo a lei. Dovrò comunque trasferirmi entro la fine del mese.
Sono andato di sopra per sentire gemiti e colpi. Fui subito curioso. Sono salito e ho ascoltato a lungo per trovare la fonte dei suoni provenienti dalla mia stanza. Aprii la porta socchiusa e sbirciai dentro. I miei occhi si spalancarono all'istante.
Mentre i miei occhi tracciavano i raggi del sole che attraversavano la finestra sulla sua pelle chiara, vidi la creatura più bella di sempre. La sua carnagione pallida, i lunghi capelli neri fluenti, gli occhi immacolati e il corpo minuto mi hanno affascinato e mi hanno traboccato di sentimenti di desiderio e lussuria, ma anche di compassione e amore allo stesso tempo.
Poi sono stato riportato di nuovo alla realtà e ho prestato più attenzione per scoprire che stava lottando con l'apertura della valigia.
Mi sono tirato indietro e ho finto di non fissarla in modo inquietante negli ultimi 5 minuti. Ho bussato e ho aperto la porta.
Ray si voltò di soprassalto. La povera ragazza era impazzita.
"Ciao! Oh mio dio, mi dispiace di averti spaventato! dissi con una risatina.
"Ehi... Oh, dove sono le mie maniere?" Ray rispose, mentre si alzava.
“Sono Ray. Piacere di conoscerti", ha detto.
Con la sua mano tesa per una stretta di mano, la strinsi con riluttanza.
E se si rivelasse una puttana completa? E se mi affeziono troppo a lei e la lascio a causa di mio padre?
Tutte queste domande "e se" mi tormentavano la mente e quasi dimenticavo di presentarmi. Ho lasciato andare la sua mano e sono tornato in me.
«Mi chiamo Henry Robinson. Presumo che condividiamo una stanza, giusto?"
La nostra attuale residenza al momento era uno spazio monolocale di arte moderna. Era considerevole per il prezzo e c'erano 3 camere in totale. Uno per la mia camera da letto, l'altro per la camera di mio padre e un soggiorno (circa un po' più delle dimensioni di entrambe le camere da letto messe insieme) con spazio sufficiente per una piccola zona cucina, un tavolino, un bagno e una scrivania. Al momento, una delle gambe del futon si è rotta in soggiorno, quindi siamo rimasti con le sedie della cucina e immagino che sarebbe piuttosto difficile dormire. Poi il pensiero mi ha colpito.
Aspetta, dormiremo insieme sullo stesso letto?
“Sì, ma non preoccuparti, posso dormire per terra. Ho portato qualcosa con me per aiutare. Non riesco proprio a tirarlo fuori dalla mia maledetta valigia! disse Ray mentre si sforzava di riaprirlo.
Mi sono avvicinato e ho cercato di darle una mano. La valigia era stipata fino all'ultimo centimetro e le serrature erano bloccate su qualunque cosa ci fosse dentro. Con forza bruta, ho usato le mie braccia per cercare di aprire la valigia poiché le serrature erano completamente fuori questione a questo punto. Si è aperto, ma non prima di avermi colto alla sprovvista. Ho sottovalutato la forza necessaria per aprirlo e la valigia si è aperta. Ho lasciato cadere la valigia per sbaglio ed è atterrata in piedi provocando dolore immediato.
Sono caduto e ho portato Ray con me. Sono atterrato su di lei con entrambe le mani sopra i suoi seni. Gridò di dolore. Entrambe le nostre facce sono diventate di un rosso cremisi e io ero su di lei, congelato. Il suo viso si girò di lato.
"Ummm... Potresti per favore... Scendi adesso?" Disse, cercando di evitare il contatto visivo.
"Oh merda! Mi-mi dispiace!” Ho urlato.
Immediatamente sono sceso da lei, mi sono alzato e sono corso in bagno. Sbattei la porta dietro di me e mi sedetti in posizione fetale pensando a quello che era appena successo.
Sono orribile. Sono una persona terribile. Oh. Ma... Dannazione... Le sue... tette. Erano davvero... morbidi. Aspetta, NO. Non dovrei pensare a questo. Dovrei scusarmi di nuovo come si deve.
Dopo alcuni minuti di contemplazione, ho sentito dei passi e lei ha bussato alla porta e ha iniziato a parlare.
“T-t-grazie per avermi aiutato. Ho preso quello che mi serviva dalla mia valigia…”
Ho aperto lentamente la porta e mi sono avvicinato a lei.
Chiusi gli occhi, mi inchinai e dissi: “Sono terribilmente dispiaciuto per questo! Puoi schiaffeggiarmi se vuoi!”
“C-c-cosa? No! Perché dovrei volerlo fare? Sembri un bravo ragazzo. Ero solo... un po' imbarazzato. Non è stata colpa tua!”
Sono stato sollevato che le mie scuse siano andate a buon fine. Tentando di cambiare argomento per ridurre la tensione e il leggero imbarazzo, ho detto: "Allora, cosa c'era nella tua valigia di cui avevi bisogno?"
"Lascia che ti mostri!"
Siamo tornati nella mia stanza e ho visto un letto sul pavimento.
"Non è fantastico?"
"Wow haha" ho risposto, chiedendomi cosa ci fosse di così bello in un letto aerodinamico.
Era solo un materasso pieno d'aria.
Qualunque. Lo seguirò per il suo bene.
"Non ho molte cose, dal momento che le ho perse tutte quando la nostra casa ha preso fuoco... Ma prima, non avevo ancora dei beni perché non volevo davvero le cose".
Quella dichiarazione mi ha davvero ricordato la mia vita e la mancanza di beni che avevo. Come dovevo emigrare ogni tanto... La sua mancanza di volere cose materiali rifletteva la mia mancanza di attaccamento con le altre persone e quelle stesse cose materiali.
“Non ho mai avuto modo di dormirci sopra, tranne che durante i pigiama party. Rievoca solo ricordi di uscire con gli amici, ridere e divertirsi. Scusa, devo essere matto, vero?"
Ora mi sentivo stupida per aver pensato che fosse strana.
“No, capisco, ha un valore affettivo. Posso capire perché lo tieni così tanto,” la rassicurai.
Ho cominciato a prendere il mio cuscino e le lenzuola e l'ho messo sul suo letto.
"Cosa stai facendo?"
“Sto facendo il tuo letto più comodo. Ti offrirei invece di dormire sul mio letto, ma sembra che tu preferisca di più il lettino aerodinamico.
Poi ho sentito aprirsi la porta e ho cominciato a farmi strada fuori casa. Ho iniziato a raccogliere scatole e spostarle in casa e nella stanza o nel soggiorno di mio padre a seconda di cosa c'era scritto sulle scatole.
Presto sarebbero state le 5 in punto e volevo godermi ciò che restava della luce del giorno prima di cena, così ho ricominciato a dirigermi verso la mia solita collina. Non mi sono preoccupato di dirlo a mio padre né di chiedergli un passaggio lì perché probabilmente sarebbe stato troppo impegnato con Mari. Quando ho iniziato a mettermi le scarpe, ho visto Ray dietro di me fare lo stesso.
"Cosa stai facendo?" L'ho interrogata.
"Che cosa sembra? Mi unirò a te se non ti dispiace…”
«Ah», dissi.
Così abbiamo cominciato a camminare e abbiamo parlato a lungo. Abbiamo parlato della sua vita, della mia vita e di tutto il resto. Ad ogni passo, ad ogni parola, mi sono sentito molto più vicino a lei e mi sono innamorato molto di più di lei. Tutte le sue perfezioni, le sue imperfezioni, tutto ciò che li riguardava mi faceva impazzire.
Siamo arrivati ​​alla collina e ho iniziato la mia solita routine di trovare un posto diverso su cui sdraiarmi. Mi piace sempre cercare di sedermi in un posto diverso ogni volta sperando di poter trovare una nuova prospettiva sulle cose. Il sole stava lentamente dormendo all'orizzonte e la notte cominciava a nascere di nuovo. Ho visto una sola nuvola nel cielo e nella mia mente l'ho contata e l'ho augurata profondamente.
“Più guardo il cielo, più tutti i miei problemi sembrano... volare via. Come le nuvole,” dissi a Ray.
"Lo so... è semplicemente... fantastico", ha aggiunto Ray.
"Come te", ho detto.
"C-w-w-w-cosa!?" disse Ray in preda al panico.
Ho deciso di farlo. Vai all-in. Senza palle. Nessuna preoccupazione per il futuro né per le conseguenze. Vivi il momento.
“Raggio. Sei la persona più straordinaria che abbia mai visto in vita mia. La tua bellezza semplicemente mi affascina. La tua personalità carina e timida mi fa venire voglia di abbracciarti, coccolarti e proteggerti. Poi altre volte, puoi essere così aperto su certe cose e trovo che l'assertività sia sexy. Ray, so che siamo "parenti" ma... ti amo. Ti ho amato dal mio primo sguardo su di te. Ecco l'ho detto!"
A questo punto stavo arrossendo completamente. Mi sono girato dalla mia parte nella speranza di non vedere Ray con una faccia di disgusto o qualcosa del genere. Ho chiuso gli occhi e ho aspettato di sentire la sua inevitabile reazione a qualcosa sulla falsariga di "creep" o "grossolano" o "cattiva", ma invece non ho sentito nulla. Silenzio assoluto, che allo stesso tempo mi rendeva un po' più preoccupato.
Poi ho sentito il fruscio dell'erba e sembrava che si fosse alzata.
Sì. Lo sapevo. Se ne andrà tranquillamente e tornerà a casa. Qualsiasi persona sana di mente lo farebbe. Sono un cretino. Perché. Perché mi aspettavo qualcosa di più di questo? Immagino che stanotte starò seduto qui e conterò le stelle e piangerò via tutta questa tristezza.
Poi il fruscio si faceva sempre più vicino.
Oh meraviglioso. Probabilmente mi schiaffeggerà in faccia.
Poi il fruscio era davvero vicino. Come in faccia vicino.
Non so nemmeno se dovrei avere il coraggio di aprire gli occhi. Dalle grandi parole di Shakespeare, 'Fuck it'.
Lentamente e timidamente ho aperto gli occhi e ho visto il viso di Ray proprio di fronte al mio con gli occhi chiusi. Strinse le labbra e fu proprio davanti al mio viso per un bacio. Era vicina... tipo, vicina a pochi millimetri. Ho deciso di darle un aiuto e ho posizionato la testa un po' più vicino a lei e ho fatto finta di non essere consapevole di quello che stava succedendo. Era così carina in questo atto di coraggio che ho deciso di lasciarle prendere il controllo.
Non posso credere che stia succedendo... Non so se dovrei essere felice o vergognarmi di me stesso. Tipo, io sono ELISA, ma lei è... la mia sorellastra. Dimenticalo. Ho bisogno di smettere di pensare d'ora in poi.
La ragazza "timida" era sorprendentemente audace con la bocca e la lingua. La sua lingua stava facendo un bel lavoro nella mia bocca e stavo diventando sempre più eccitato. È ora di fare una mossa. La sua bocca socchiuse la mia mentre un po' di saliva lasciava le nostre bocche.
Ho aperto gli occhi per vedere i suoi occhi completamente spenti e il suo viso arrossato. Si stava coprendo il viso con le mani.
“Ehi Ray, ho bisogno di dirti una cosa segreta. Non te lo dirò a meno che non te lo sussurri, quindi avvicinati", dissi, cercando di convincere Ray a togliere le mani dal viso.
Lo fece lentamente e avvicinò la testa alla mia, curiosa di sentire cosa stavo per "dire". Invece, sono andato subito al secondo round di baci. E questa volta, è stata super sorpresa. Le nostre labbra si bloccarono appassionatamente e ci baciammo per qualche secondo prima di allontanarci per prendere aria. Questa volta era super rossa e si è allontanata di un piede con la schiena di fronte a me.
"È stato cattivo da parte tua!" Lei disse.
Potevo solo immaginare che stesse facendo il broncio scherzosamente nel modo più carino in quel momento, e quel pensiero da solo era già abbastanza. Scivolai su di lei e le sussurrai all'orecchio.
“Sei così carino, lo sai? In modo terrificante,” dissi, con una piccola risatina.
Alzai la mano e gliela posai sulla spalla. L'ho spostato lentamente verso il basso e l'ho presa per mano. Il fatto che abbia risposto a questo afferrandomi per mano significava che stava dando il segno "tutto chiaro" senza dover pronunciare una sola parola. Sono sceso e ho iniziato a toglierle le scarpe senza lacci e poi ho iniziato a decomprimere la sua gonna, baciandola di rimando mentre lo facevo. Ho sentito gemiti sommessi da lei e questo mi ha solo motivato di più. Le ho tolto la maglietta e lei si è girata per guardarmi.
Sono rimasto sbalordito. La sua carnagione pallida, i suoi seni perfettamente dimensionati, il suo corpo snello, la sua vita modesta... Tutto questo. Volevo che tutto fosse mio. Si è tolta i calzini mentre le slacciavo il reggiseno. Mi ha tolto la maglietta mentre mi slacciavo i pantaloni. Cominciai a beccarla lentamente partendo dal suo collo e muovendomi lentamente verso il basso, con le mani che seguivano l'esempio. In particolare ho passato un po' di tempo sui suoi bei seni. I suoi capezzoli stavano cominciando a diventare eretti, proprio come me. Li presi entrambi a coppa con le mani e iniziai a leccarli uno dopo l'altro e a fare piccoli bocconcini a cui Ray rispose con un gemito più forte.
Ho iniziato a tracciare il centro del suo corpo con la lingua, lasciando una piccola scia di saliva e umidità. L'ho girata a faccia in su e sono arrivata qui. Sono sceso e sono arrivato nella sua ambita... zona. Ha incrociato le gambe imbarazzata, ma io ero insistente. Le ho aperto le gambe e mi sono tuffato dentro. Le ho leccato il clitoride e ho usato la mia mano per iniziare a toccarle la vagina, sentendola succhiare le mie dita ad ogni inserimento.
"Per favore Prendimi. Ti voglio dentro di me. Ti voglio così tanto in questo momento. PER FAVORE!" disse Ray, implorandomi.
Chi sono io per negarle questo?
Ho messo le sue gambe sulle mie spalle e ho messo le mie mani sulla sua vita minuta. Ho dato un'ultima occhiata a Ray. I suoi occhi brillavano e il sole era quasi completamente scomparso, come se ci volesse un accenno di come si era stabilito l'umore. Le stelle si riflettevano sui suoi occhi e io ero sbalordito. Quei begli occhi. Hanno parlato molto, ma al momento era chiaro che significava solo una cosa e gliela avrei data subito.
Ho cominciato lentamente a inserirmi in lei. La sensazione era diversa da NIENTE che avessi mai provato prima. Questo ha spazzato via la masturbazione dall'acqua. Mi sono mosso lentamente e Ray ha cominciato a emettere suoni di dolore.
"Continuare. Per favore. Lo voglio così tanto…” disse Ray.
Ero praticamente sbalordito dal piacere che questo mi stava dando. Dopo pochi istanti, ero completamente dentro di lei. Eravamo entrambi uno con l'altro. Cominciai lentamente a muovermi avanti e indietro dentro di lei e il sangue fuoriusciva. Ray emetteva periodicamente gemiti costanti che sembravano solo rendermi sempre più duro ad ogni suo respiro che passava. Non ce la facevo più. Ho afferrato Ray per i suoi fianchi e l'ho girata. Era a quattro zampe con il suo culo glorioso che indicava me. L'ho ricambiata con un bacio e ho sentito un profondo odore dei suoi capelli fluenti che sapevano di lavanda e vaniglia. Ho ceduto a tutte queste emozioni che mi frullavano per la testa e il mio cuore batteva forte. Mi sono inserito in lei e questa volta sapevo che poteva gestirlo, quindi ho deciso di alzare di livello le cose. Le presi entrambe le mani e tirai tutto il suo corpo indietro verso di me. Ad ogni spinta in avanti, la tiravo indietro. Mi ha fatto impazzire. Stava urlando in estasi.
“Oh mio dio sì. Oh sì, per favore sì!” urlò Ray.
“Oh Ray, ragazzina cattiva. La tua piccola figa è così fottutamente stretta, continua a tirarmi dentro di più! Ho detto.
“Sì, sono una cattiva ragazza. Devi punirmi! Prendimi con quel tuo cazzo duro!
Ho aumentato sia la velocità che la forza di ogni spinta e mi sono sentito molto più vicino al climaxing. Ray si staccò dalle mie mani e si voltò per guardarmi. Ero leggermente confuso.
“Sh... Lasciami,” disse in modo seducente.
Mi ha spinto e sono caduto sul pavimento erboso con un tonfo. Mi mise le mani morbide sul petto e si posizionò. Era in bilico sul mio cazzo e avevo una visione chiara di tutto il suo corpo. Cominciò ad abbassarsi lentamente su di me.
Mentre lo faceva, emetteva dolci gemiti: "Mhhm... Sì... Mhhm..."
Ho raggiunto i suoi seni che erano perfettamente proporzionati per le mie mani trascurate. Erano così morbidi eppure i suoi capezzoli erano così duri. Ho ruotato le dita intorno a loro e Ray ha risposto con un severo gemito. Dopo essersi sentita sicura in questa posizione, è rimbalzata su e giù su di me ed è stato davvero fantastico. La vista di vedere una bella ragazza nuda, sopra di me... Questo DEVE essere una specie di sogno. Ho tolto le mani dai suoi seni voluttuosi e invece sono andato per la sua vita minuscola e sexy. Ogni volta che saliva, l'ho tirata forte su di me e ha portato un piacere immediato a entrambi. Ci siamo andati per un po' finché non ha deciso di togliermi di dosso.
Si è posizionata con la faccia sul mio cazzo e il culo sopra di me. Ha iniziato a succhiarmi e accarezzarmi e anche questo atto sessuale è stato avvincente e incredibile. La sua bocca era piccola eppure mi ha preso tutto in sé. Il calore della sua bocca, la sua lingua che si muoveva avanti e indietro, la sua saliva che si lubrificava in mezzo a tutto questo, tutto ciò mi ha contribuito ad avvicinarmi sempre di più alla fine. Con il suo bel culo che pende su di me, l'ho presa per esso e ho iniziato a leccarle la figa e a ditarle il culo con cattiveria. Non ho dato pietà alla povera ragazza perché stava facendo lo stesso con me. Eravamo entrambi avvolti dall'estasi.
Ha iniziato ad accelerare.
“Sto venendo! Oh mio dio, sto venendo!" urlò Ray.
"Anche io! Oh piccola sì! Ho urlato.
Entrambi abbiamo iniziato ad andare più veloci che potevamo l'uno sull'altro. Gememmo entrambi di piacere perché venivamo entrambi allo stesso tempo. Tutto quello che potevo vedere era la cecità e la mia mente era completamente vuota e tutto ciò a cui potevo pensare era solo il desiderio assoluto che scorreva attraverso il mio corpo. È caduta addosso a me, ma entrambi abbiamo raccolto il resto delle nostre poche forze da quella sezione intensa. Strisciammo fino all'albero a pochi passi da noi e io mi appoggiai su di esso. Mi ha affrontato e abbiamo dato un lungo e duro abbraccio con i nostri corpi nudi. Si è seduta sulle mie ginocchia e ci siamo baciati e baciati finché non ce ne siamo stancati. Ci sdraiammo sull'erba un'ultima volta e fissammo il cielo di mezzanotte con le sue stelle e tutto il suo splendore.
Quel giorno il mio desiderio si è avverato.

Storie simili

Brandy infrange il codice di abbigliamento da lavoro

Ciao, sono Brandy. Ho 28 anni, sono bi sub, 1,70 cm, peso 55 kg, capelli biondi, occhi castani, seno 32C con capezzoli permanentemente eretti (lo sono stati per tutta la mia vita) e una figa depilata... sì, mi sono stufata di radermi e fare la ceretta dannazione, mi fa male. Sono stato un Sub per gran parte della mia vita, anche se non lo sapevo da un bel po'. Preferisco gli uomini, ma ora sono un sub obbediente molto ben addestrato e farò tutto ciò che mi viene detto da un Dom o Femdom. Se hai letto alcuni dei miei altri...

398 I più visti

Likes 0

SENZA RISERVE

Brenda Olsen rimase in fila con un po' di impazienza mentre aspettava di registrarsi e di prendere la chiave della sua stanza. Finalmente, mormorò sottovoce, è il mio turno! Come posso aiutarti? chiese allegramente la bionda dall'aspetto disinvolto dietro il bancone. Brenda stava per dare un'occhiata alla donna, ma ci ripensò e rispose: Olsen, Brenda Olsen, ho una prenotazione per tre notti. Uhhhhhh fammi vedere, disse la bionda mentre digitava il suo nome sul terminale del computer delle prenotazioni. Hmmmmmm, non lo trovo qui, lasciami controllare un altro posto......... Brenda picchiettò nervosamente il piede mentre l'impiegato cercava il suo nome. Alla...

349 I più visti

Likes 0

Jameson High

Jameson High Presentazione: Ciao, mi chiamo Adilene (chiamami semplicemente Adi), sono una bruna alta 5'6 pollici di corporatura atletica con un sedere sodo e grandi seni a coppa E da 54. Frequento la Jenna Jameson Sex Academy qui nell'anno 2035. Negli anni trascorsi da quando hai letto questo, il mondo è cambiato parecchio. A partire dal 2021 la Cina ha superato gli Stati Uniti come economia dominante, le crisi elettriche si sono concluse con l'uso diffuso di tecniche di fusione e fissione; le differenze razziali e sessuali sono state quasi del tutto risolte in tutto il mondo e le tradizioni secolari...

1.4K I più visti

Likes 0

Lavorare con Walker Pt. 6

Il viaggio in macchina fu per la maggior parte silenzioso. Una volta che tutti abbiamo deciso di tornare a casa, nessuno ha detto altro. Non c'era bisogno di dire altro, immagino. Avevamo tutti in mente la stessa cosa. Mi sono seduto dietro con Walker mentre Tyler guidava e Mike era sul sedile del passeggero. Mike viveva a pochi passi da questo teatro, quindi è tornato con noi a casa di Tyler e Walker. Walker si è seduto nel mezzo per starmi vicino. Ci stavamo massaggiando le cosce l'un l'altro, godendoci la sensazione. Immagino che Tyler ci abbia visto nello specchietto retrovisore...

737 I più visti

Likes 0

Emerge la cagna interiore

Lo ha incontrato al bar circa 10 minuti dopo l'orario stabilito. Le piaceva farli aspettare, le piaceva la sensazione di potere che le dava vedere lo sguardo di sollievo quando arrivava. Indossava un abito semplice e poteva vedere il sollievo misto a una certa delusione sul suo viso quando notò che non indossava gli stivali. Sorridendo tra sé, mantenne il suo sorriso distaccato e si avvicinò al tavolo. Rimase lì, lanciando uno sguardo mirato alla sedia mentre aspettava. Dapprima perplesso, alla fine si rese conto che avrebbe dovuto alzarsi quando lei si avvicinò. Alzandosi rapidamente, fece il giro del tavolo per...

722 I più visti

Likes 0

Ricattare Jenny

Ricattare Jenny Sono un ragazzo normale con una vita normale e una buona famiglia. Ho 2 figli e una moglie meravigliosa chi è una tata. Sono un paesaggista e i soldi vanno bene, quindi la mia famiglia sta bene. Io non lavoro per chiunque tranne che per me stesso. Normalmente lavoro solo nei giorni feriali e trascorro del tempo con la mia famiglia fine settimana. Ho 45 anni e sono molto sessuale. Amo il sesso ea volte può essere un po' comune ma a volte Mi chiedo cosa succede se o mi chiedo come sarebbe avere qualcuno giovane per divertirsi. Io...

511 I più visti

Likes 0

Alice viene sposata

[b]Alice si fa l'autostop 7 di Will Buster Come si può immaginare, un'amante incinta e usata può essere piuttosto difficile da scartare. Difficile, cioè, a meno che una cospicua dote non accompagni la vigorosa piccola volpe. Alice non faceva eccezione a questa regola sociale così prevalente nella tarda Inghilterra georgiana. La pancia di Alice era ora piena di bambino sano per le quasi costanti attenzioni amorose di Lord Elton. Il barone del maniero di Kingston si era goduto a fondo entrambi i buchi stretti e reattivi di Alice ormai da mesi, ma mantenendo fede alla sua promessa, era tempo di acquistare...

527 I più visti

Likes 0

'IL DIVERTIMENTO CHE ABBIAMO AVUTO NEL GIORNO' (PARTE SECONDA)_(1)

“IL DIVERTIMENTO CHE CI AVEVAMO NEL GIORNO“ (SECONDA PARTE) Nella prima parte ti ho presentato due ragazzini, soli, che si sono ritrovati. E se sia accettabile o meno, secondo le norme della nostra società, il modo in cui il sesso è apparso come amore e accettazione a un ragazzo che è stato vittima di bullismo e picchiato quasi quotidianamente (non menzionato nella prima parte) e appena uscito dal porta di casa mia sembrava un rischio per la mia sicurezza. La seconda parte ti porta più a fondo nello stato emotivo di quel ragazzo mentre cresceva nella sua nuova famiglia di amici...

467 I più visti

Likes 0

Che sorpresa2

Era sabato mattina presto e Steve e Angie erano sdraiati l'uno accanto all'altra dopo una notte di sesso non-stop. Steve guardò l'orologio: erano le 4 del mattino. Angie stava ancora dormendo ma il suo corpo nudo sembrava troppo bello per essere sprecato. Lui scivola sotto le coperte e le apre le gambe per leccarle la figa. Mentre la sua lingua scivolava dentro e fuori, Angie fece un piccolo rumore. La sua figa diventa più bagnata e lui sapeva che si stava svegliando. Si è sollevata in modo che lui possa scivolare sotto la sua figa e ha iniziato a sentire il...

485 I più visti

Likes 0

Dovere coniugale

Ricordo ancora la prima volta che ho visto Sandra per la prima volta. Ero un giovane trasandato di vent'anni. Era una ragazza molto sexy di 22 anni. È venuta da me mentre stavo cercando di avviare la mia motocicletta Norton 750 Commando un po' capricciosa. Ha detto qualcosa a proposito del fatto che le piacciono le biciclette. Questo era tutto quello che avevo bisogno di sentire. Una bruna dall'aspetto attraente con grandi occhi marroni in un paio di jeans attillati che si avvicina a me e mi dice che le piacciono le biciclette. La mia vita ha preso una svolta positiva...

375 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.