Caramel Mocha alla giungla di Giava

121Report
Caramel Mocha alla giungla di Giava

Erano passate due settimane dal nostro ultimo incontro. Qualcosa a cui mi ero abituato. Viene ogni due lunedì alla giungla di Java per consegnare una singola scatola di biscotti con gocce di cioccolato dalla panetteria e caffetteria di Vienna di Josef. I biscotti non erano niente di speciale. Il proprietario li vende solo nel nostro negozio perché suo fratello è proprietario della panetteria. Ma l'uomo che li ha consegnati sembrava davvero qualcosa da cui potrei dare un morso...

Aveva poco più di 20 anni e si chiamava Miguel. Capelli castano scuro, mossi e occhi nocciola con un'affascinante tonalità verde esterna ma una ricca tonalità interna marrone scuro. Era un po' alto e muscoloso; Direi circa 6 piedi. La sua pelle scura lo faceva sembrare portoricano. Ma le sue braccia sono state la più grande eccitazione per me. Erano forti e lisci ad eccezione di un paio di vene che sporgono da sotto la sua pelle, simbolo di forza e resistenza. Aveva un tatuaggio a filo spesso che si insinuava sulla parte esterna del braccio sinistro fino al lato sinistro del collo.

L'ultima volta che ci siamo incontrati indossava la sua tipica uniforme da consegna FedEx. Si fermò con la sua solita scatola di biscotti di medie dimensioni e si avvicinò al bancone sorridendo. Disse: "Ehi, Jacquelyn. Sei bellissima come sempre. Ho bisogno che tu firmi", mentre mi porgeva la penna digitale e il blocco. Arrossii per i suoi complimenti e firmai rapidamente il blocco, poi gli dissi mentre prendevo la scatola e gli restituivo l'attrezzatura: "Proprio come un uomo che stuzzica una donna con un complimento e poi scompare per due settimane, lasciandola desiderare Di più." Gli ho sorriso per fargli capire che stavo prendendo in giro, ma ha fatto qualcosa di inaspettato: ha messo la sua mano ferma attorno alla mia mentre riprendeva il pad digitale e mi guardava negli occhi, sorridendo e dicendo "Beh, forse la prossima volta lo farò devo solo restare ancora un po'". Alla fine ha preso il blocco ed è uscito dal bar, lasciandomi ipnotizzato e un po' bagnato.

Ho passato il resto della giornata a rivivere quel momento e desideravo tornare a casa per liberare i miei desideri. È stata una mia fantasia sedurre quel fattorino della FedEx e farmi portare nel bel mezzo del bar da un po' di tempo ormai. L'attrazione sessuale tra noi due c'era sempre stata, ma cominciavo a credere che non sarebbe andata da nessuna parte. Ma ora, dopo quel giorno, ho deciso... lo voglio. E mi assicurerò di averlo.

Oggi ho deciso di rischiare di andare a lavorare con qualcosa di diverso dai miei abiti da lavoro. Ho messo una gonna nera scollata, con biancheria intima bianca di pizzo sotto. Ho indossato una camicetta da poeta nera abbinata con la mia targhetta appuntata su di essa nel tipico stile Java Jungle, proprio sopra il mio seno sinistro in un modo che pensavo potesse attirare l'attenzione sulla mia scollatura. Alla fine, dopo aver fatto i capelli e il trucco, ho aggiunto un tocco del profumo che ha detto che gli piaceva qualche settimana dietro il mio collo e dietro le orecchie e ho chiuso una collana di chiavi a cuore d'argento intorno al mio collo. Era tempo.

Ho aspettato, con impazienza, alla mia cassa che Miguel si presentasse. Ho pensato con ansia a come, con la mia fortuna, probabilmente sarebbe stato un ragazzo diverso o il proprietario avrebbe improvvisamente cancellato quei biscotti schifosi e non avrei mai più rivisto il mio fattorino FedEx. Ma abbastanza sicuro, verso le 2 e mezza, Miguel è arrivato nel suo camion. Ho sentito il mio cuore improvvisamente iniziare a battere forte mentre uscivo da dietro il bancone e lo aspettavo davanti in modo che potesse vedere tutto il mio corpo e il mio abbigliamento.

Scese dal camion. Il mio respiro sembrava improvvisamente incontrollabile mentre varcava la porta, sorridendo, come sempre. Ho sfogliato le mie labbra con la lingua e ho lanciato rapidamente gli occhi verso il cliente che era ancora dentro, che si liberava del nostro servizio wifi gratuito. Non importava. Poteva guardare per tutto quello che mi importava. Niente mi avrebbe impedito di convincere quest'uomo a violentare il mio corpo oggi.

Dopo quelli che sembravano secoli, Miguel era finalmente proprio di fronte a me. stavo arrossendo. Mi sentivo già un po' bagnato. Lo guardai negli occhi mentre bruciava un buco nella mia anima con il suo sguardo profondo e penetrante. Ha detto qualcosa che suonava come "Consegna", ma ero troppo impegnato a concentrarmi su come eravamo già schiacciati l'uno contro l'altro per notarlo. Posò la scatola e poi premette contro di me così ho sentito la mia parte bassa della schiena contro il bancone.

Indossava una colonia che faceva impazzire il mio olfatto. Inspirai profondamente il profumo dal suo petto e alzai lo sguardo quando sentii la sua mano sfiorarmi lentamente il braccio. Il mio cuore si è scatenato quando ha premuto forte il suo bacino contro il mio e ho già sentito la sua lunga erezione attraverso i nostri vestiti. Ho emesso un piccolo sussulto quando ho sentito le sue labbra sul mio lobo e l'ho sentito dire "Ti voglio". Ero già bagnato e peggioravo di secondo. Ho chiuso gli occhi e alla fine ho lasciato andare la morale e le regole della società sul sesso mentre gli sussurravo: "Fottimi. Qui. Ora. Per favore," nel suo orecchio.

ho sussultato. È successo quasi all'istante. Le sue mani ferme furono improvvisamente sul mio culo e mi stava tirando contro di lui con violenza. Ho emesso un piccolo gemito mentre la mia figa si strinse in attesa, desiderosa che lui mi riempisse. Potevo vedere il cliente che ci fissava mentre Miguel mi attaccava il collo con le labbra e la lingua. Bene. Spero che quello sporco bastardo si diverta a guardare questa bestia d'uomo che mi prende.

Sentii le mie mani armeggiare per la cintura dei suoi pantaloni color cachi. Arrossii furiosamente dopo aver guardato in basso e mi resi conto che non solo ora aveva la sua mano sulla mia coscia, ma anche per quanto fosse grande la sua erezione. Non riuscivo a credere a quanto fosse già duro solo per un piccolo palpeggiamento. Lo guardai negli occhi e mi leccai le labbra in modo seducente mentre iniziavo a slacciargli la cintura con la mano sinistra e afferravo il suo cazzo attraverso i pantaloni con la mia destra.

Il suo respiro iniziò ad accelerare improvvisamente. Sussultai quando sentii la sua mano scivolare sotto la mia gonna ed emettere un debole gemito mentre sentivo le sue dita iniziare a tracciare la mia apertura attraverso le mie mutandine. Ho emesso un piccolo lamento per lui quando l'ho sentito dire: "Dio piccola, sei così bagnata". Dopo che finalmente mi sono tolto quella dannata cintura, gli ho slacciato i pantaloni color kaki il più velocemente possibile e li ho abbassati. Si è tolto le scarpe ei pantaloni mentre mi tirava contro di sé con violenza. Ho guardato il cliente che ora stava giocando con il suo cazzo sotto il tavolo e l'ho guardato dritto negli occhi e mi sono morso il labbro inferiore. Ho pensato che potevo anche dargli un bello spettacolo; forse ne trarrò una buona dritta.

Sembrava che la mia mano fosse sul pilota automatico quando l'ho sentita scivolare tra le pieghe dei boxer di Miguel e tirare il suo cazzo attraverso la fessura dei suoi pantaloncini. Mi sono tirato indietro momentaneamente per guardarlo e sono rimasto senza fiato: non era una porno star enorme, ma era decisamente più grande della media. Spesso anche. Gemevo mentre desideravo ancora di più che mi entrasse e iniziai a far scorrere la mia mano su e giù, lentamente e secondo uno schema circolare. Ha emesso un piccolo gemito e l'ho sentito mordermi il collo e ho urlato un po' quando improvvisamente ha spinto le mie mutande di lato ed è entrato in me con due delle sue dita.

La mia figa si strinse forte attorno alle sue dita e le mie guance divennero furiosamente rosse perché potevo dire che stavo gocciolando su tutte le sue dita. Non riuscivo a controllare quanto lo desiderassi. Continuava a venirmi in mente come questo fosse già il miglior sesso che avessi mai fatto, semplicemente per pura lussuria.

Premette forte il pollice contro il mio clitoride e iniziò a far scorrere le dita dentro e fuori di me a un ritmo un po' più veloce. Gemevo forte e sussultavo perché stavo già scendendo solo da lui che mi toccava e riuscivo a malapena a concentrarmi per mantenere la mia mano a giocare con il suo cazzo. Improvvisamente, ho sentito le sue dita lasciarmi e ho gemito per la frustrazione, ma ho sentito le sue labbra incontrare le mie all'improvviso. Il suo bacio è stato dolce e ho aperto le mie labbra quasi immediatamente e ho incontrato la sua lingua con il mio bacio a metà. Lo succhiò scherzosamente e io gemetti mentre si tirava indietro e succhiava il nostro sputo dal mio labbro inferiore. Aveva un sapore quasi buono come si sentiva.

Ho dato una rapida occhiata al cliente mentre Miguel si toglieva la maglietta. Sembrava che il mio fattorino FedEx non si rendesse nemmeno conto che eravamo osservati. L'uomo aveva ormai il pene fuori ed era seduto sul tavolo, masturbandosi un po' mentre ci guardava. Gli ho leccato un po' le labbra per eccitarlo di più, ma poi ho subito smesso per paura che potesse pensare di unirsi a noi. Riportai la mia attenzione su Miguel mentre lo sconosciuto continuava a giocare con il suo cazzo mentre ci guardava mentre ci azzuffavamo.

Miguel finalmente si è tolto la maglietta. Ho subito notato un grande tatuaggio sul petto che diceva "Fearless" e un tatuaggio a forma di croce sulla parte interna della coscia destra e mi sono sentito immediatamente irrigidire. Ho sorriso quando ho notato che indossava ancora calzini e boxer e mi sono chiesto se potesse pensare che fosse indecente andarsene senza di loro mentre forava la sua ragazza del caffè nel mezzo di un bar in pieno giorno. Mi leccai le labbra con desiderio del suo corpo e lasciai che mi guardasse sollevare lentamente la maglietta oltre il reggiseno. Poi mi sono morso il labbro inferiore mentre afferravo il reggiseno e lo tiravo giù oltre il mio seno e gemevo piano per stuzzicarlo. Ha funzionato. Ha iniziato a giocare con il suo cazzo.

Ho scosso i capelli e ho giocato con i capezzoli girando le punte con le dita lentamente e con delicatezza e li ho sentiti indurirsi lentamente dall'aria improvvisa che li stava colpendo. Poi, ho deciso che non avrebbe dovuto divertirsi troppo da solo, quindi ho scosso la testa e gli ho detto: "Lascia che me ne occupi io", e ho avvolto la mia mano attorno alla sua grande erezione e mi sono leccato di nuovo le labbra. Ho chiesto: "Ti piacciono le mie labbra, vero?" e ho sentito il mio battito cardiaco ricominciare a salire mentre lui annuiva e diceva: "Sì, mi piacciono..."

Ho detto: "Bene, lascia che ti mostri perché dovresti amarli" e lentamente mi sono inginocchiato. Alzai lo sguardo verso di lui e mi assicurai di stabilire un contatto visivo e sentii di nuovo il suo sguardo penetrante mentre facevo scorrere lentamente la punta della lingua lungo la parte inferiore della testa del suo pene. Sussultò, si chinò e mi scostò i capelli. Ho sorriso e ho avvolto la mia mano attorno alla base del suo cazzo e ho fatto scorrere lentamente la lingua lungo la parte inferiore della sua asta, poi mi sono alzato rapidamente e ho avvolto le mie labbra intorno alla testa e l'ho sentito ansimare e premerlo un po' di più nella mia bocca. Ho fatto le fusa contro il suo cazzo e ho premuto la punta della mia lingua nell'apertura del suo cazzo e ho gemito mentre lui piovigginava solo un pochino contro la mia lingua. Non potevo credere a quanto fosse buono anche il suo cazzo.

Mi sono sentito ancora più umido e stretto per averlo voluto ancora di più e ho iniziato a farlo scivolare senza pensare più a fondo nella mia bocca quel tanto che bastava per poterlo prendere senza conati di vomito. Potrei dire che voleva fottermi in gola ma non glielo avrei permesso. Gli ho succhiato forte il cazzo, ho allungato la mano e ho iniziato a giocare con la mia figa mentre gli facevo scorrere lentamente la lingua bagnata. Alla fine, mi sono tirato indietro quel tanto che bastava per succhiargli la testa mentre facevo scorrere la mia mano su e giù per la sua asta mentre guardavo in su nei suoi occhi e iniziavo a toccarmi la figa bagnata. Non riuscivo a smettere di pensare a quanto sarebbe stato bello avere il suo cazzo lungo e grosso che scivolava dentro e fuori di me con quanto sono bagnato fradicio.

Alla fine, ho smesso di succhiargli la testa e ho fatto scorrere la lingua sulla parte inferiore del suo cazzo un'ultima volta e gli ho sorriso e gli ho chiesto se ora ama le mie labbra. Gemette e respirò a fatica e disse "Cazzo, sì, lo voglio". Mi sono lamentato e mi sono alzato in ginocchio e ho sussultato quando lui mi ha afferrato all'improvviso e praticamente mi ha spinto giù sul bancone del bar. Mi sono lamentato quando ha iniziato a togliermi le mutandine bagnate il più velocemente possibile e ho spinto tutto fuori dal bancone in modo da avere più spazio.

Una volta che si è tolto le mutande, ha tirato su la mia gonna, mi ha afferrato le ginocchia e poi ha allargato le gambe bene e largamente e io mi sono lamentato e ho fatto scorrere lentamente le dita su e giù per il clitoride. Poi ho sussultato di nuovo quando all'improvviso è caduto abbastanza in basso da premere forte la bocca contro la mia presa e ho emesso un forte gemito e ho alzato la testa per vederlo meglio, ho iniziato a mangiarmi e ho dato un'occhiata di lato al cliente che ora era completamente eretto e sembrava stesse filmando la scena con il suo cellulare mentre si masturbava febbrilmente. gemetti, un po' per la rabbia di essere stato filmato e un po' per la sua lingua che iniziava a leccare alla mia apertura.

Squittii mentre mi afferrava i fianchi e mi entrava con la lingua e premeva la parte superiore della bocca nel mio clitoride. È stato così bello. Mi strinsi contro la sua lingua e lo sentii sondarmi più a fondo con essa e gemetti di nuovo mentre mi bagnavo ancora di più sentendolo dentro di me. Mi guardò negli occhi e io mi leccai lentamente le labbra mentre muoveva le sue labbra contro il mio clitoride. Poi l'ho sentito infilare due dita nella mia figa e iniziare a succhiarmi violentemente il clitoride e ho gemito "Miguel" abbastanza forte da fare un'eco e sussultava mentre continuava a succhiarmi il clitoride e ditarmi brutalmente.

Dopo avergli afferrato la testa e averlo spinto più forte nel mio bacino per circa un altro minuto mentre continuava a mangiarmi, finalmente ne avevo abbastanza. Non potevo più aspettare. Gli ho fatto scorrere le dita tra i capelli e praticamente ho ringhiato: "Fottimi! Scopami ora!" Ha fatto come gli avevo ordinato. Ha immediatamente rilasciato il mio clitoride dal suo labbro, è salito sul bancone con me e mi ha baciato forte le labbra. Potevo assaporare me stesso sulle sue dolci labbra, e accidenti aveva un buon sapore. L'ho sentito stringere il mio seno con entrambe le mani mentre allargavo le gambe intorno a lui e afferravo il suo cazzo per aiutarlo a posizionarlo sopra di me. Alla fine, mi ha dato ciò che desideravo da mesi.

Ho sentito il suo grosso cazzo lungo finalmente entrare nella mia figa affamata e immediatamente ho fatto scivolare le mie mani sulla sua schiena e ho affondato le mie unghie dentro di lui mentre ho emesso un gemito penetrante di "Oh cazzo!" Sembrava che gli piacesse, perché prima che me ne rendessi conto, mi stava sbattendo contro il bancone di Jungle Java con il potere di un Vanner Stallion. Ho iniziato rapidamente ad adattarmi alle dimensioni del suo cazzo. All'inizio era così denso e profondo che faceva male, ma era incredibile essere penetrato in un modo così lussurioso.

Il suono del suo cazzo che si infilava nella mia cervice echeggiò attraverso il bar e non potei fare a meno di gemere ancora e ancora di piacere. Rimasi senza fiato e guardai il cliente mentre stava ancora guardando e continuando a filmare e masturbarsi furiosamente mentre noi due scopavamo come animali. Ho gemuto il nome di Miguel ancora più forte e mi sono grattato le unghie lungo la schiena un po' forte mentre accelerava il ritmo di perforarmi il bancone.

Prima che me ne rendessi conto gli stavo parlando sporco nell'orecchio, dicendogli come ho passato ogni notte per una settimana a scopare il mio giocattolo a casa da quanto mi rendeva eccitato, e come a volte non indossavo le mutandine per lavorare nel caso avesse deciso per prendermi quel giorno. Niente di tutto ciò era vero, ma sono diventato molto più caldo quando mi ha ringhiato nell'orecchio e mi ha detto quanto fossi stretto e quanto fosse bella la mia figa. Emisi un altro forte gemito, poi sussultai mentre mi baciava forte. L'ho ricambiato con un bacio, ma solo brevemente perché si è allontanato e mi ha morso il labbro inferiore mentre lo faceva.

Ad ogni spinta mi sono opposto al suo splendido cazzo, ma i miei sforzi per farlo entrare più a fondo sono stati vani. Sembrava che leggesse i miei pensieri, perché proprio in quel preciso momento si staccò da me e mi afferrò per i fianchi, poi si chinò e mi succhiò forte il capezzolo sinistro e lo morse brutalmente. Dopo essersi divertito, mi ha tirato fuori dal bancone con lui, mi ha fatto girare e poi mi ha appoggiato di nuovo sul bancone. Rimasi senza fiato mentre mi sculacciava un po', poi gemevo "Oh cazzo!" di nuovo quando l'ho sentito avvolgere la sua mano intorno ai miei capelli e tirare indietro la mia testa per i miei capelli ed entrare di nuovo nella mia vagina con il suo lungo cazzo. Gemetti mentre mi sentivo ancora più profondo in questa posizione e lo sentivo martellarmi addosso da dietro ancora più velocemente di quanto non avesse fatto in precedenza.

Avvolse la mano destra attorno al mio seno destro e me lo strinse forte e pizzicò il capezzolo tra le dita e mi fece strillare sia per il piacere che per il dolore, il tutto mantenendo una salda presa intorno ai miei capelli. Ero quasi senza fiato per quanto mi stesse scopando forte, ma ho sentito il freddo contro il mio seno sinistro mentre continuava ad accarezzarmi e stringere il mio seno destro ancora più ruvidamente con la sua mano forte. Riuscii a muovere la testa appena in tempo per vedere il pervertito che ci osservava l'orgasmo su tutta la sua mano e gemetti "Fanculo" a squarciagola.

Mi stavo avvicinando. Sembrava che anche Miguel si stesse avvicinando perché stava stringendo il mio seno così forte che stava cominciando a farmi male e continuava a gemere "Oh cazzo, Jacquelyn" abbastanza forte da essere sentito dalle persone fuori. Alla fine ho fatto scivolare le mani sul lato opposto del bancone e l'ho afferrato per il bordo, ho appoggiato la testa all'indietro e ho urlato di piacere e mi sono sentito sborrare su tutto il suo cazzo duro come una roccia mentre continuava a martellarmi dentro.

Ho continuato a sussultare e gemere; non passò molto tempo prima che Miguel si fosse saziato. Ha iniziato a ringhiare "Sì" più e più volte e alla fine mi ha lasciato andare i capelli e mi ha stretto entrambi i seni con forza e mi ha morso il collo proprio dove avevo lasciato la traccia di profumo. Gemevo forte per lui e lo sentivo sussultare. Mi sono lamentato di nuovo e gli ho chiesto di venire sulle mie labbra e ho squittito quando finalmente si è tirato fuori da me. Mi sono girato e mi sono messo in ginocchio e ho piagnucolato ad alta voce mentre sentivo il suo sperma caldo su tutte le mie labbra e un po' sulla mia guancia. Quando ebbe finito, stavamo entrambi ansimando, e io gli presi il cazzo e aprii la bocca e feci scivolare la lingua contro la parte inferiore della sua testa in modo piacevole e lento e poi gli succhiai la testa e lo guardai negli occhi.

Quello è stato il miglior sesso della mia vita. Era pura, lussuriosa, tensione sessuale che aspettava di essere rilasciata per mesi. Ho sentito suonare la campanella del negozio e ho notato che il cliente che ci stava osservando se n'era appena andato. Miguel non si era accorto di lui e ha detto: "Oh merda", quando si è reso conto che qualcuno era stato qui con noi. Ho preso un paio di asciugamani da dietro e ho pulito lo sperma dalle labbra e dalla guancia.

Alla fine, entrambi abbiamo sistemato i nostri vestiti e ci siamo rivestiti. Stava per andarsene quando l'ho fermato per poter condividere un ultimo bacio. Se n'è andato e finalmente ho avuto ciò che desideravo da mesi. Mi sono avvicinato al punto in cui era seduto il cliente, ancora leggermente senza fiato, per pulire. Mentre stavo pulendo, ho notato che non aveva lasciato la mancia. Figure. Oh bene, ho pensato. Ne vale ancora la pena. Ho sorriso e ho pensato ancora una volta a come avrei potuto sedurre quella sexy autista della FedEx ancora una volta in altre 2 settimane e sono tornata tranquillamente al lavoro in una tranquilla caffetteria.

Storie simili

Jameson High

Jameson High Presentazione: Ciao, mi chiamo Adilene (chiamami semplicemente Adi), sono una bruna alta 5'6 pollici di corporatura atletica con un sedere sodo e grandi seni a coppa E da 54. Frequento la Jenna Jameson Sex Academy qui nell'anno 2035. Negli anni trascorsi da quando hai letto questo, il mondo è cambiato parecchio. A partire dal 2021 la Cina ha superato gli Stati Uniti come economia dominante, le crisi elettriche si sono concluse con l'uso diffuso di tecniche di fusione e fissione; le differenze razziali e sessuali sono state quasi del tutto risolte in tutto il mondo e le tradizioni secolari...

577 I più visti

Likes 0

Una nuova padrona 7

Natasha mi ha infilato la lingua nell'orecchio e mi ha sussurrato: Ci divertiremo un sacco, un sacco di divertimento tesoro... La bambina della mamma si è sporcata il culo? Nessuna padrona... mamma! Ho sussurrato. Ho urlato mentre qualcuno schiaffeggiava il mio cazzo duro. Rimbalzava come un metronomo pungente. Sì! Mi sono lamentato: Sì! Il mio culo è sporco mamma…” Sorrise e mi coprì gli occhi con una benda. Ho sentito qualcuno sedersi sul mio petto e ho pensato di sentire l'odore della figa eccitata. Natasha mi tubò nell'orecchio: Conosci quell'odore? Mi sono reso conto che non avevo cazzo e palle in...

621 I più visti

Likes 0

Benefici marginali relativi al lavoro, pt. 2

La scorsa notte è stata una notte incredibile e l'inizio di quello che speravo sarebbe stato una serie di bellissimi incontri con Susan, le sue figlie gemelle, e da non lasciare fuori, la mia ragazza migliore in ufficio e capobanda lussuriosa, Debbie. Persino la cameriera del bar, Tammie, ha proposto possibilità molto interessanti mentre dimostrava una propensione e una mentalità sessuale che secondo me dovevano contenere alcuni segreti sessuali da qualche parte nel profondo. E per quanto riguarda il personale dell'ufficio, tutte donne come ho detto prima, ora avevo avuto una vera festa di sborra esplosiva con due di loro. Con...

783 I più visti

Likes 0

Cat girl Charity - Un invito personale a ballare

Benvenuti nella terza storia di Charity, una ragazza-gatto che sta cercando di trovare il suo posto nella vita, e anche un amore a lungo cercato. In questa storia vediamo la crescente relazione tra lei e il Cancelliere dell'Accademia, noto come Storm Dragon, e un potente mago a sé stante, oltre alle sfide quando un vecchio nemico si presenta per causare il caos nelle loro vite. Quindi vieni e unisciti a noi ora, poiché Charity è invitata a un ballo formale dell'Accademia, mentre ha altre idee di ballo in mente. Spero che ti piaccia questo. Si prega di lasciare alcuni commenti in...

723 I più visti

Likes 0

L'inganno è diventato goduto IV

Erano passate più di due settimane dalla mia orribile esperienza. Con il tempo, ho imparato ad accettare quello che era successo. Sebbene mi sentissi usato, l'avevo decisamente invitato su me stesso. Non sapevo nulla del ragazzo, e anche dopo avermi insultato e avermi detto che aveva una relazione, l'ho ancora implorato di lasciarmi succhiare il suo cazzo. Sapevo che non l'avrei seguito di nuovo. La mia vita stava tornando alla normalità, non stavo vivendo gli intensi desideri di travestirmi che avevo di recente. Avevo messo via i miei vestiti e il trucco, e avevo persino iniziato ad andare in città, cercando...

641 I più visti

Likes 0

La strega_(0)

La strega Di Gail Holmes Renee non si era mai fidata della vecchia, non sapendo mai cosa stava combinando, una strega più malvagia che probabilmente non avresti potuto chiedere, le piaceva ogni forma di Magia Nera. Aveva sentito parlare dei suoi poteri da altre persone, che le dicevano di non incrociare mai la vecchia. Il problema era che sembrava che l'avesse fatto, e non c'era modo di fare ammenda. Renee e suo marito erano una coppia adorabile, amichevole con tutti, è solo che la vecchia si era offesa per qualcosa che era stato detto. Stan, suo marito era via per la...

534 I più visti

Likes 0

Little Piggy 3 - Ragazzi! Nient'altro che guai.

Little Piggy 3 - Ragazzi! Nient'altro che guai. La piccola Piggy si è svegliata quando ha sentito suo padre frusciare nel letto e ha ricordato la scorsa notte. Scivolò giù dal letto e tornò silenziosamente nella sua camera da letto. Era molto presto la mattina così andò a letto e tornò a dormire. Ha iniziato a sognare la sua avventura con il cazzo di suo padre. I sentimenti del suo corpo e la forte passione di suo padre. Il suo sogno si trasformò nella posizione di sua madre in camera da letto nel bel mezzo della giornata. Ricordando di aver guardato...

500 I più visti

Likes 0

Chat room: una vendetta malvagia della fidanzata

Torni a casa dopo una lunga giornata di lavoro; ti togli il cappotto e vai in cucina per una birra. Quando apri la porta del frigorifero, la tua ragazza si avvicina da dietro, coprendoti gli occhi con una benda. Lo lega stretto essendo un po 'ruvido Ho un osso da scegliere con te !! ti scatta contro. 'Ma che...?! Chiedi, alzando la mano per scoprirti gli occhi. Ti dà uno schiaffo sul dorso della mano e ti afferra il polso tirandoti fuori dalla cucina. Essendo bendato sei disorientato e perdi l'equilibrio, quasi inciampando mentre ti trascina su per le scale. La...

743 I più visti

Likes 0

Il ragazzo che amo(1)

Introduzione: Ciao a tutti, questa è la mia prima storia. Per favore, non giudicarmi troppo. Spero che piaccia a tutti voi. Si prega di lasciare commenti in fondo per dirmi come migliorare le mie storie. Questa storia parla di un ragazzo di 14 anni di nome Logan che inizia il suo anno da matricola con il suo migliore amico Luke. Logan si interrogava sulla sua sessualità da quasi un anno. Non sapeva se era gay o etero. Vivere in Texas non era esattamente gay friendly e semplicemente non voleva che la gente scoprisse che gli piacevano i ragazzi, in particolare il...

504 I più visti

Likes 0

Giocare a osare con la sorella Parte 3_(2)

Non riuscivo ancora a credere agli eventi degli ultimi due giorni. I nostri genitori erano partiti per il fine settimana perché mia nonna si era ammalata. Volevano che la mia stronza sorella Kayleigh e io trascorressimo il fine settimana insieme, con grande sgomento di Kayleigh. Venerdì sera, Vlad ed io avevamo costretto la mia stronza ma incredibilmente sexy sorella Kayleigh a fare un gioco di coraggio venerdì sera. Per paura di perdere $ 100 durante il gioco e per essere ferocemente competitiva, Kayleigh aveva accettato di togliersi top e pantaloni e sfilare in mutande. Non aveva idea di quanti problemi l'avrebbero...

513 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.