Succhialo e guarda_(1)

1.4KReport
Succhialo e guarda_(1)

Questa è una storia di sesso; niente di più, niente di meno. Se il pensiero di una donna che si innamora di un uomo vi eccita, allora ragazzi, tirate giù i pantaloni e le ragazze fanno lo stesso o tirate su la gonna e preparatevi a far scorrere quei succhi ......... ................................ Potrebbe essere necessario del tessuto!

Alzai lo sguardo dalla scrivania mentre lei entrava nel mio ufficio, chiudendosi delicatamente la porta alle spalle. Le sei di sera, puntuale. La guardai con aria interrogativa. Ha interpretato male lo sguardo, 'Sono andati tutti a casa adesso......... siamo gli ultimi due nell'edificio' . "Meglio prevenire che curare" dissi attraversando rapidamente la porta, guardando fuori nell'ufficio vuoto e aperto e chiudendo la porta per la seconda volta prima di girare la chiave nella serratura. Si fermò di fronte a me mentre tornavo alla mia scrivania.

Allungandosi sulle mie spalle, mi tolse la giacca e l'appese allo schienale di una delle sedie da conferenza intorno al lucido tavolo di teak nell'angolo. Senza una parola, slegò con cura la mia cravatta e slacciò ogni bottone della camicia con un'attenta deliberazione sessuale. L'ho osservata durante questi movimenti, mentre beveva nel suo top color crema nascondendo a malapena il rigonfiamento dei suoi seni, il viola intenso leggermente sopra il ginocchio della gonna a tubino. le calze di nylon velate da 10 denari appena nere e le scarpe nere lucide con il tacco alto.

Ho allungato la mano e facendo corrispondere i suoi stessi movimenti, le ho slacciato la camicetta, bottone dopo bottone, togliendola completamente alla conclusione. Resistendo alla tentazione di toglierle immediatamente il reggiseno, le ho abbassato la gonna fino a farle cadere alle caviglie. Ne è uscita e io ho guardato il suo corpo per un minuto prima di allungare la mano e sganciare il reggiseno e accarezzare ogni seno impertinente con il suo piccolo capezzolo vivacemente duro. Le sue mutandine e i suoi collant scendevano e si staccavano con un semplice movimento fluido, lasciandola in piedi completamente nuda di fronte a me.

Mi spinse indietro verso la mia grande poltrona girevole in pelle nera. Mi sono seduto mentre il bordo del sedile ha colpito la parte posteriore delle mie gambe. Alzai lo sguardo verso i suoi seni e permisi ai miei occhi di vagare lungo il suo corpo oltre il leggero rigonfiamento del suo ventre fino al denso cumulo di peli pubici marrone scuro che copriva la sua fica. Si inginocchiò davanti a me.

Alzandosi, slacciò delicatamente la mia cintura e con infinita lentezza mi fece abbassare la cerniera lampo. Al suo sguardo in attesa, ho sollevato leggermente il sedere dalla sedia e le ho permesso di allentare i miei pantaloni e le mutande del vestito lungo le cosce, le ginocchia e intorno alle caviglie. Le mie scarpe sono state slacciate e tolte con cura, così come i miei calzini. I miei pantaloni e le mie mutande erano stati sistemati sopra la sedia da conferenza e i suoi stessi vestiti sopra di essi. In pochi secondi era di nuovo inginocchiata davanti a me.

Il mio cazzo era sdraiato sulla mia pancia mentre lei si allungava e lo accarezzava. Pigramente, si mosse e cominciò a irrigidirsi. Si avvicinò e abbassò la testa in modo da poter leccare le mie palle e poi fece scorrere leggermente la lingua da esse e su per l'asta che ora si estendeva e si espandeva rapidamente. Quando raggiunse la cima, la tenne leggermente mentre faceva scorrere la punta della lingua sull'estremità rossa e gonfia, fermandosi per spingere la punta nell'occhio il più lontano possibile. Spingendo ancora più vicino, in ginocchio, ora era completamente tra le mie cosce accovacciata con il suo sedere nudo più o meno appoggiato sulla parte posteriore dei polpacci. Le mie cosce erano aperte quanto la sedia me lo permetteva. Il mio cazzo era completamente eretto.

Mi leccò di nuovo le palle e questa volta dopo essersi inumidita la lingua con la saliva, fece scorrere lentamente la punta fino alla punta e attorno al glande. Poiché non teneva l'asta, il mio cazzo si contraeva violentemente nel suo stato incontrollato mentre la sua lingua avanzava verso l'alto e lei doveva concentrarsi per mantenere la lingua su di essa. Dio! Tale squisito piacere! Ho dovuto mordermi il labbro inferiore per trattenermi dal piangere mentre i muscoli del polpaccio e le natiche entravano in uno spasmo involontario. Non raggiunse del tutto la cima dell'asta ma si fermò proprio allo strapiombo prima che un cazzo circonfuso diventasse il glande gonfio, finché all'improvviso, senza preavviso, la sua lingua si avventurò di nuovo in cima e la sua bocca si chiuse sopra la parte superiore arrotondata viola gonfia attraverso il occhio da cui era trasudata una goccia scintillante di pre-sborra. Le sue labbra si chiusero sopra la testa del mio cazzo ei suoi denti morsero delicatamente nell'asta appena sotto la parte superiore. La sua lingua dapprima giocò dolcemente e poi con crescente ruvidità sopra le righe mentre lasciava che il suo sputo gocciolasse fuori dalla bocca e giù per l'asta per brillare nella mia foresta pubica.

Ho allungato una mano e ho preso uno dei suoi seni in ogni mano. Partendo dai capezzoli, li ho delicatamente spremuti e tirati leggermente verso l'esterno e poi ho arrotolato le tettarelle dure e impertinenti di colore marrone scuro, che si gonfiavano rapidamente tra ogni dito e pollice prima di avvolgere ogni seno tra i palmi delle mani. Mi guardò con quei bellissimi occhi castano scuro mentre i suoi lunghi, lussureggianti capelli castano scuro le ricadevano sulle spalle e sulla parte superiore del corpo con abbandono sfrenato.

La sua bocca si tuffò improvvisamente verso il basso così che il mio cazzo era completamente inghiottito nella sua bocca e nella sua gola e la sua lingua giocava lascivamente per tutta la sua lunghezza. Potevo sentire i taglienti dei suoi denti raschiare dolcemente la grossa vena che scorreva lungo la parte inferiore e per un istante ho avuto paura che potesse mordere troppo forte, ma dopo aver inzuppato il mio cazzo nello sputo, ha parzialmente rimosso la bocca per poter prendere l'asta nella sua mano sinistra e con lenta deliberazione, inizia a masturbarlo su e giù, continuando a leccare e succhiare la campana gonfia e a leccare avidamente ogni goccia di pre-sborra come sembrava. La mia tensione interiore ha fatto sì che le mie chiappe serrate si sollevassero dalla sedia e il mio bacino si spingesse in avanti e verso l'alto, ma con una forte pressione dal suo viso mi spinse di nuovo verso il basso.

Dopo aver depositato una lingua piena di saliva sul mio cazzo, ha iniziato un lento movimento ripetitivo di masturbazione con la mano sinistra. Su e giù; su e giù. Alla fine di ogni "su" lasciava che il palmo della sua mano si sollevasse sopra la parte superiore in modo che il tumulo carnoso opposto alla base del pollice sfiorasse la parte superiore del mio cazzo pulsante, poi con un movimento vorticoso e circolare abbassò, sempre così lentamente, la sua chiusura palmo verso il basso in modo che le sue dita chiuse premettessero e poi sfiorassero la parte superiore e l'occhio del pene prima che la mano iniziasse il suo lento colpo "verso il basso". Nella parte superiore di ogni colpo, ha permesso a un filo di saliva di schizzare sul mio cazzo in modo da poter massaggiare la mia carne palpitante con la masturbazione del mio albero. Di tanto in tanto, spingeva la mano per correre per l'intera lunghezza fino alle mie palle ora enormemente gonfie nella loro sacca palpitante e talvolta venivano trattate con una stretta gentile ea volte non così gentile.

Mantenevo ancora la sua attenzione con le mani sui suoi seni e i miei movimenti diventavano più vigorosi man mano che le sue azioni masturbatorie diventavano ugualmente così con me. La sua bocca si richiuse ancora una volta sul mio glande e la sua masturbazione aumentò nella lunghezza del colpo e nella velocità di esso. Potevo sentire la mia urgenza aumentare e lei poteva sentire la mia tensione crescere e sapeva che presto sarebbe arrivato il momento in cui avrei dovuto perdere il controllo. Scivolai sulla sedia e lei mi sorrise, e il cambio di mano iniziò a masturbarmi più velocemente. I movimenti circolari delle mie mani sulle sue tette e sui suoi capezzoli aumentarono di intensità e iniziai ad accarezzare la carne meravigliosamente morbida e flessibile delle sue tette e poi pensando principalmente ai miei bisogni, misi le mani sulla sua testa e la tirai giù più vicino a lei. il mio cazzo e i peli pubici.

Allungandomi verso il basso, potevo solo raggiungere la fessura del suo sedere, ma questo significava che i suoi movimenti sul mio cazzo erano limitati, quindi mi sono sdraiato e l'ho lasciata fare le sue cose. Inoltre, ero arrivato a quel punto in cui avevo bisogno di afferrare i braccioli della mia sedia girevole mentre le mie palle iniziavano a pompare l'oceano di sperma fino alla fine del mio genitale maschile palpitante, pulsante e totalmente pronto per l'azione... ...... Le ho afferrato i capelli e l'ho tirata indietro verso di me........ Ero quasi troppo tardi quando un piccolo getto di liquido bianco, cremoso, flocculante è uscito e l'ha catturata sul labbro superiore e naso, ma poi il mio cazzo era nella sua gola mentre tutta la forza del mio orgasmo tuonava contro la parte posteriore della sua gola e della sua lingua. Mi alzai per metà sulla sedia mentre spingevo e spingevo di nuovo alla sua gola e afferrando la mia asta, mi sono finito, drenando gli schizzi finali nella sua bocca spalancata. Si è quasi soffocata per la forza e l'urgenza di ciò, ma si è ripresa e ne ha ingoiato circa la metà con un sorso, ma ha permesso all'altra metà di mescolarsi con la sua saliva sulla lingua prima di chiudere la bocca attorno alla mia erezione che lentamente si abbassava. Mi leccò per pulirmi e poi rimettendo la testa indietro, ingoiò lentamente il boccone.

Ho tirato fuori un asciugamano e ci siamo vestiti lentamente e siamo usciti dall'ufficio. Il drone di un aspirapolvere ci ha mostrato che il nostro tempismo era perfetto. La donna delle pulizie dell'ufficio, una bionda attraente sulla trentina (hmmmmm?) ci ha augurato 'buona notte' mentre ci dirigevamo verso il parcheggio.................... ................

Storie simili

Dovere coniugale

Ricordo ancora la prima volta che ho visto Sandra per la prima volta. Ero un giovane trasandato di vent'anni. Era una ragazza molto sexy di 22 anni. È venuta da me mentre stavo cercando di avviare la mia motocicletta Norton 750 Commando un po' capricciosa. Ha detto qualcosa a proposito del fatto che le piacciono le biciclette. Questo era tutto quello che avevo bisogno di sentire. Una bruna dall'aspetto attraente con grandi occhi marroni in un paio di jeans attillati che si avvicina a me e mi dice che le piacciono le biciclette. La mia vita ha preso una svolta positiva...

500 I più visti

Likes 0

Organismo X - Cap. 08

Nota dell'autore: dopo diversi mesi di sviluppo infernale, vi presento l'ottavo capitolo di Organism X - Ora con il 100% di scoregge in meno! 1 In lontananza, Erin poteva sentire la ragazza appena trasformata gemere e grugnire mentre la bionda, Lindsay, giocava con lei. Il suono la ripugnava e allo stesso tempo la eccitava. Sarà una bellezza quando cambierà completamente, ha detto Megan. Erin si voltò verso l'arrogante bruna. Sei un mostro. Siete tutti dei mostri, ha detto. Megan sbuffò. Come se non lo fossi? Erin bruciava di vergogna e fissava il pavimento. Un'immagine della ragazza terrorizzata che Erin si era...

457 I più visti

Likes 0

Quanto di meglio si possa III

Obiettivo 5: preparami un gustoso succo di sperma con un bicchiere pieno. Questo è stato abbastanza facile. Ma tutto ha una parte difficile. Ecco un bicchiere pieno. Rani ha avuto un fottuto lavoro a scuola. Quindi se n'è andata la mattina indossando un sari rosso assassino. Avrei solo voluto andare a scuola. Prima di andarsene, mi ha dato un bicchiere usato per servire lo champagne, si è avvicinata a me e mi ha palpato dolcemente il cazzo. Rani :( sussurrandomi all'orecchio con voce sexy) fallo lavorare. Io: posso usare la tua stanza dei quadri???Sai. Usa la tua TV. ?? Rani: va...

784 I più visti

Likes 0

Il patto del diavolo Slave Chronicles Capitolo 4: Gioia, prima cera

Cronache degli schiavi del patto del diavolo da miopenname3000 Diritto d'autore 2015 Gioia: prima cera Nota: Mary ha dato Joy alla madre di Mark, Sandy, e alla fidanzata di Sandy, Betty, perché fosse la loro schiava sessuale. 19 giugno 2013 – Joy Nguyen – South Hill, WA Va tutto bene, sussurrò una voce confortante. Ho lottato per aprire gli occhi; dormire ancora pesante sulle mie palpebre. Potevo sentire il letto tremare dolcemente mentre qualcuno si spostava. Una donna singhiozzò sommessamente. La confusione mi invase; Non ero nel mio letto. Dove ero io? Riuscii ad aprire gli occhi, sentendomi grintoso con poco...

714 I più visti

Likes 0

Gli esibizionisti, parte 2

Gli esibizionisti Episodio 2 Squadra di nuoto Disclaimer: quanto segue è un'opera di fantasia. Pertanto, ho scelto di ambientarlo in un mondo in cui il controllo delle nascite è sicuro, efficace e disponibile al 100% e tutte le malattie sessualmente trasmissibili sono state sradicate. Nel mondo reale, alcune delle scelte che questi personaggi fanno sarebbero estremamente rischiose. Non comportarti come loro. Riepilogo: nell'episodio 1, la protagonista e la sua amica Steph hanno compiuto 16 anni, si sono fatte fare il piercing ai capezzoli, hanno sperimentato il risveglio sessuale, hanno comprato giocattoli sessuali, hanno visto un vecchio sporco masturbarsi e si sono...

607 I più visti

Likes 0

Papà allenta la pressione

Ero sdraiato sul letto con il cazzo in pugno e stavo per strapparlo dalla radice quando Andrea è entrato. Lei mi ha guardato, ha sorriso e si è avvicinata al letto lasciando una scia di vestiti mentre camminava. Mi dispiace di averti ignorato ultimamente, fece le fusa mentre sostituiva la mia mano con la sua sul mio cazzo. Lascia che me ne occupi io. Mi ha accarezzato il cazzo come solo lei poteva, baciandomi continuamente e succhiandomi la lingua. Continuava ad accarezzare la mia virilità e mi sussurrava all'orecchio. Il bambino ha bisogno di una scopata dura da parte di papà...

559 I più visti

Likes 0

Il bussare alla porta_(1)

Il bussare alla porta mi ha sorpreso. La notte di gennaio in Iowa era fredda, fredda, fredda. Mi ero già tolto i vestiti per la notte e mi sono seduto sulla mia poltrona a scrivere sul mio portatile; era una breve storia della mia infanzia. Dal mio divorzio tre anni prima, ho passato molto del mio tempo da solo a scrivere; principalmente sull'argomento di cui so più di ogni altra cosa... io. Ho scritto centinaia di storie sulla mia vecchia città natale e sulla mia famiglia. I miei nove fratelli hanno fornito tonnellate di ricordi che voglio, un giorno, condividere con...

1.5K I più visti

Likes 0

L'estate finisce

Erano passati tre mesi da quel giorno che le aveva cambiato la vita quando suo figlio l'aveva scopata. Lei aveva 34 anni, lui ne avrebbe presto 18. Adesso scopavano regolarmente e insieme avevano capito come separare le loro sessioni sessuali dalla vita di tutti i giorni. Il seminterrato della loro casa che ospitava l'attrezzatura per il bucato era stato diviso per fornire una piccola area ricreativa con un letto al centro e una zona spogliatoio protetta dove sua madre teneva la sua collezione di lingerie sexy acquistata di recente da un sito di sesso su Internet. Tutto ciò che riguardava la...

757 I più visti

Likes 0

La proposta: obblighi rispettati

La proposizione: Gli obblighi vengono rispettati Jenny e io abbiamo dormito fino a domenica mattina. Erano passate le 10:00 quando finalmente siamo scesi dal letto. “Dopo la nostra doccia, cosa vorresti per colazione?” chiese Jenny mentre iniziava a rotolare giù dal letto. Ha poi avuto uno sguardo addolorato sul suo viso. OH! Uumm, Jim, onorerò il nostro patto. Puoi avermi quando vuoi, ma se per te va bene, possiamo fare qualcos'altro la prossima volta? Sono così dolorante, non sono sicuro di poter nemmeno camminare. Il suo dolore era abbastanza comprensibile. Ho dovuto spingere molto forte per sfondare il suo imene e...

764 I più visti

Likes 0

Fuori dal rack

Sarto Derek, un amico di una confraternita del college, mi ha chiamato era in città per un evento di altissimo livello e la compagnia aerea ha perso i bagagli Sarei in grado di aiutarli Gli ho detto che ero felice di dare una mano e gli ho dato l'indirizzo del mio negozio Li ho fatti passare e ho trovato rapidamente un abito che si adattasse a Derek, sua moglie era un'altra questione Kim era molto bassa e aveva una meravigliosa figura a clessidra La sua faccia da folletto incorniciata da riccioli ramati fino alle spalle Quindi avrebbe dovuto stare in piedi...

704 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.