Storia di essere stato rapito e usato

496Report
Storia di essere stato rapito e usato

Tornando alla mia macchina nel parcheggio della scuola superiore, avevo finalmente finito il tutoraggio. Sono stato uno degli ultimi a lasciare il parcheggio e la mia macchina era parcheggiata nell'angolo poco illuminato. Ho tirato fuori le chiavi dalla tasca, sono andato a inserirle e all'improvviso sono stato spinto, con forza, contro la mia macchina e una mano mi è stata messa sulla bocca. Tutto quello che avevo cade a terra. Chiudo gli occhi, mentre le lacrime scendono da loro. Sono così spaventato.
Una voce dice: “Urla e morirai”, e tanto bastava perché non parlassi.
La mano scese dalla mia bocca lungo il mio corpo. Cerco di pensare ad altre cose, come se non fossi qui. Sento la mano contro la mia gola, che mi tiene la gola. La mano continua lungo il mio corpo fino alle braccia, che vengono rapidamente tirate dietro di me e legate insieme con una corda. All'improvviso tutto si oscura, mentre una benda mi viene posta sugli occhi. Mi tira via dalla macchina e mi spinge avanti. Sento una porta aprirsi e vengo spinto in avanti con una certa violenza. È duro e freddo. Credo di essere nel retro di un furgone.
I rumori che seguono sono porte che si chiudono, poi un'altra apertura e uno sbattimento. Sento la macchina partire e ci stiamo muovendo. Accende la radio, ma non abbastanza forte da farmi capire, solo abbastanza forte da farmi capire. Guida e guida. Alla fine mi addormento. Mi sveglio quando la macchina si ferma. Spaventato a morte, comincio a respirare pesantemente.
Sento che la porta sul retro si apre, posso dire che fuori c'è la luce mentre la luce splende attraverso la benda. Mi tira la caviglia facendomi scivolare fino al bordo dell'auto. "Sui tuoi piedi!"
Abbasso lentamente i piedi, cercando di trovare il terreno. Una volta in piedi, vengo spinto in avanti. "Muoviti!"
Sento la sua mano che mi tiene il polso legato mentre mi conduce avanti. Camminiamo fino ad alcune scale, dove se non fosse stato per lui che mi teneva il polso sarei caduta. Salimmo le scale e attraversammo una porta. Giriamo in giro, credo all'interno di una casa, e poi mi dice: "Giù per le scale", mentre mi conduce giù per le scale. In fondo alle scale vengo condotto a sinistra, verso una porta. Vengo spinto attraverso la porta, e poi un'altra. "In ginocchio, troia!" e poi mi spinge a terra.
Ancora per spaventarmi a parlare, in ginocchio sento le sue mani muoversi lungo il mio corpo. Mi toglie la benda. La sua mano mi afferra il collo e mi avvicina la testa al suo viso. "Apri gli occhi!" Faccio come mi dice. Mi fissa negli occhi e mi dice “Sei una troia cattiva. Sei qui per servirmi. Mi chiamerai Maestro. Farai quello che ti dico, quando te lo dico, come te lo dico. Hai capito?"
Annuisco con la testa su e giù.
"Parla ad alta voce, troia!"
È sacro parlare, ma avere paura di non farlo: "Sì, Maestro, capisco", mi sfugge dalla bocca.
Il Maestro sorride e mi inchioda.
Sorrido. Non sono sicuro del perché. Non mi piace, o forse, forse sì.
Il Maestro, avendomi già inchiodato a terra, prende due paia di manette da un tavolo vicino a lui. Il Maestro mi incatena insieme le caviglie, poi sollevandomi il busto, scioglie le corde e mi attacca le manette al polso. Successivamente incide una catena e attacca i polsini alla caviglia alle manette.
Il Maestro si alza e mi guarda, disteso impotente sul pavimento. Il Maestro mi guarda con la fame negli occhi, come se volesse prendermi. Ho paura ma allo stesso tempo lo voglio. Voglio che il Maestro mi prenda. Si dirige verso la porta, ma prima di andarsene mi dice “Devi essere distrutto prima che io possa ricostruirti. Non devi avere alcuna volontà di andare avanti, tranne la volontà di servirmi e compiacermi. Adesso parto e non so quando tornerò”. Lui lascia. Lo sento chiudere la porta e salire le scale.
In questa stanzetta non c'è molto; un materasso per terra, un tavolo con poggiamani e piedi, alcune catene alle pareti e un garretto al soffitto. Non ci sono finestre, una luce fioca sul soffitto e solo una porta verso l'esterno. Sono intrappolato dai muri, tenuto in catene, spaventato a morte, eppure tutto ciò che voglio è che il Maestro ritorni. L'uomo che mi ha imprigionato è l'unico che voglio.
Il giorno si trasforma in notte, e di nuovo giorno e notte. Le ore che trascorro rinchiuso, senza alcun contatto con nessuno o niente. Mi sta spezzando. Intrappolato, solo e spaventato, l'unico a sapere dove sono è il Maestro. Tutto quello che voglio è lui. Sono strisciato sul materasso e ora sono rimasto lì, indifeso. Volere, pensare, sognare solo il Maestro.
Sull'orlo delle lacrime, in quella che credo sia la mia quarta notte rinchiusa. Sento dei passi e qualcuno alla porta. Fisso la porta, alla disperata ricerca di qualcuno. La porta si apre e lo vedo, è il Maestro. Mi inginocchio e striscio verso di lui. Una volta ai suoi piedi, prego. Imploro tutto ciò che vuole il mio spirito spezzato, la mia mente spezzata.
Chinando la testa comincio. “Maestro, sono tuo. Tutto ciò di cui ho bisogno è il tuo tocco, tutto ciò che voglio è che tu mi controlli, mi usi come preferisci, abusi di me se vuoi. Maestro, sono tuo."
Mi solleva dolcemente la testa e sorride. “Sono felice di sentire questo. Ma sei una troia davvero sporca. Devi essere ripulito." Mi fa alzare in piedi e mi accompagna fuori dalla porta. Là davanti a me c'è una doccia, una grande doccia aperta. Tira fuori un coltello dalla tasca e taglia i vestiti dal mio corpo. Mi mette sotto la doccia e attacca le mie catene a una corda sotto la doccia. "È così che non puoi scappare, troia."
"Sì, Maestro", esce dalle mie labbra.
Si spoglia ed entra nella doccia con me. Si mette dietro di me e apre lentamente l'acqua. "Dimmi quando fa abbastanza caldo, sporca troia."
Sento l'acqua fredda cadere sul mio corpo nudo. Fa così freddo che salto. Si riscalda lentamente e dico al Maestro: "Fa abbastanza caldo, Maestro".
Il Maestro mette via il sapone e inizia a insaponare il mio corpo. Una delle sue mani mi avvolge la gola, mentre l'altra mi accarezza il seno insaponandolo. La sua mano si muove lungo il mio corpo e il suo tocco è così piacevole. La sua mano si ferma sulla mia fica, quando il Maestro inizia a toccarmi. Il mio respiro si fa pesante e la sua presa intorno alla mia gola si stringe. Non vuole che mi diverta, ma mi piace essere soffocato e avere le sue dita nella mia fica.
Dopo qualche minuto sposta la mano dalla mia fica e lungo le mie gambe. Dopo che mi sono ripulito, mi fa uscire dalla doccia e mi spinge di nuovo nella stanza e sul materasso. Torna a chiudere la porta e torna e mi trova lì che lo aspetto, che lo desidero. Slaccia i polsini della caviglia e la catena ad essi attaccata. Mi tira le mani sopra la testa. Le sue mani scivolano lungo il mio corpo, dal collo al seno fino alla fica, dove inizia a strofinare. Il Maestro usa l'altra mano per strofinarsi il cazzo, rendendolo duro, mentre mi vede dimenarmi. Una volta che è duro, si inserisce dentro di me. Quello sguardo sul mio viso è di dolore e felicità. Dolore perché fa così male e felicità perché lo volevo così tanto.
A cavalcioni su di me, il Maestro inizia a cavalcarmi forte, giocando con il mio seno. Il mio respiro aumenta e lui mi cavalca più forte. Comincio a mordermi il labbro inferiore e inizio a gemere. Con ogni reazione che mi piace, il Maestro va più forte.
I miei gemiti aumentano sempre di più man mano che il Maestro si avvicina a me. Vedendo la mia faccia, mi dice "No, troia che viene!"
Dirmi questo mi ha fatto arrapare di più, mi ha fatto venire voglia di prenderlo di più. Mi cavalca sempre più forte, giocando con il mio seno. Mi sono sentita completamente controllata da lui, eppure tutto ciò che voglio fare è godere del piacere.
Mi cavalca sempre più forte, poi riesco a sentirlo, mentre gemo più forte. Lo sento venire dentro di me e lo adoro. Non avrei mai pensato di poterlo fare, ma lo faccio, lo adoro. Lui esce dopo essere venuto e porta il suo cazzo alla mia bocca. "Leccalo pulito, troia." Il Maestro poi mi infila il suo cazzo in bocca e io inizio a succhiarlo e leccarlo, ripulendo il suo meraviglioso cazzo. Una volta giù si tira fuori e si abbassa per leccarmi la fica. Mi dice "Sborra velocemente mentre sono quaggiù, troia!"
Lui inizia a leccare e io sborro velocemente. Una volta che ho eiaculato, il Maestro lo lecca e poi, trattenendo il mio sperma in bocca, lo porta in bocca. Mi sputa lo sperma in bocca e mi dice di ingoiare. Faccio quello che mi viene detto e lo adoro.
Il Maestro si alza e se ne va. Mi lascia sentendomi sporco e desiderando di più, ancora ammanettato al muro. Subito prima di andarsene, mi dice "Tornerò come mi pare, e tu sei per il mio piacere".
Rispondo “Sì, Maestro”.
Un sorriso appare sul suo volto, quando ho detto sì, Maestro, gli ho detto che ero distrutto dal suo potere e volevo di più. Se ne va e io sono distrutto, voglio solo di più.

Storie simili

Dovere coniugale

Ricordo ancora la prima volta che ho visto Sandra per la prima volta. Ero un giovane trasandato di vent'anni. Era una ragazza molto sexy di 22 anni. È venuta da me mentre stavo cercando di avviare la mia motocicletta Norton 750 Commando un po' capricciosa. Ha detto qualcosa a proposito del fatto che le piacciono le biciclette. Questo era tutto quello che avevo bisogno di sentire. Una bruna dall'aspetto attraente con grandi occhi marroni in un paio di jeans attillati che si avvicina a me e mi dice che le piacciono le biciclette. La mia vita ha preso una svolta positiva...

500 I più visti

Likes 0

Organismo X - Cap. 08

Nota dell'autore: dopo diversi mesi di sviluppo infernale, vi presento l'ottavo capitolo di Organism X - Ora con il 100% di scoregge in meno! 1 In lontananza, Erin poteva sentire la ragazza appena trasformata gemere e grugnire mentre la bionda, Lindsay, giocava con lei. Il suono la ripugnava e allo stesso tempo la eccitava. Sarà una bellezza quando cambierà completamente, ha detto Megan. Erin si voltò verso l'arrogante bruna. Sei un mostro. Siete tutti dei mostri, ha detto. Megan sbuffò. Come se non lo fossi? Erin bruciava di vergogna e fissava il pavimento. Un'immagine della ragazza terrorizzata che Erin si era...

457 I più visti

Likes 0

Quanto di meglio si possa III

Obiettivo 5: preparami un gustoso succo di sperma con un bicchiere pieno. Questo è stato abbastanza facile. Ma tutto ha una parte difficile. Ecco un bicchiere pieno. Rani ha avuto un fottuto lavoro a scuola. Quindi se n'è andata la mattina indossando un sari rosso assassino. Avrei solo voluto andare a scuola. Prima di andarsene, mi ha dato un bicchiere usato per servire lo champagne, si è avvicinata a me e mi ha palpato dolcemente il cazzo. Rani :( sussurrandomi all'orecchio con voce sexy) fallo lavorare. Io: posso usare la tua stanza dei quadri???Sai. Usa la tua TV. ?? Rani: va...

784 I più visti

Likes 0

Il patto del diavolo Slave Chronicles Capitolo 4: Gioia, prima cera

Cronache degli schiavi del patto del diavolo da miopenname3000 Diritto d'autore 2015 Gioia: prima cera Nota: Mary ha dato Joy alla madre di Mark, Sandy, e alla fidanzata di Sandy, Betty, perché fosse la loro schiava sessuale. 19 giugno 2013 – Joy Nguyen – South Hill, WA Va tutto bene, sussurrò una voce confortante. Ho lottato per aprire gli occhi; dormire ancora pesante sulle mie palpebre. Potevo sentire il letto tremare dolcemente mentre qualcuno si spostava. Una donna singhiozzò sommessamente. La confusione mi invase; Non ero nel mio letto. Dove ero io? Riuscii ad aprire gli occhi, sentendomi grintoso con poco...

714 I più visti

Likes 0

Gli esibizionisti, parte 2

Gli esibizionisti Episodio 2 Squadra di nuoto Disclaimer: quanto segue è un'opera di fantasia. Pertanto, ho scelto di ambientarlo in un mondo in cui il controllo delle nascite è sicuro, efficace e disponibile al 100% e tutte le malattie sessualmente trasmissibili sono state sradicate. Nel mondo reale, alcune delle scelte che questi personaggi fanno sarebbero estremamente rischiose. Non comportarti come loro. Riepilogo: nell'episodio 1, la protagonista e la sua amica Steph hanno compiuto 16 anni, si sono fatte fare il piercing ai capezzoli, hanno sperimentato il risveglio sessuale, hanno comprato giocattoli sessuali, hanno visto un vecchio sporco masturbarsi e si sono...

607 I più visti

Likes 0

Il bussare alla porta_(1)

Il bussare alla porta mi ha sorpreso. La notte di gennaio in Iowa era fredda, fredda, fredda. Mi ero già tolto i vestiti per la notte e mi sono seduto sulla mia poltrona a scrivere sul mio portatile; era una breve storia della mia infanzia. Dal mio divorzio tre anni prima, ho passato molto del mio tempo da solo a scrivere; principalmente sull'argomento di cui so più di ogni altra cosa... io. Ho scritto centinaia di storie sulla mia vecchia città natale e sulla mia famiglia. I miei nove fratelli hanno fornito tonnellate di ricordi che voglio, un giorno, condividere con...

1.5K I più visti

Likes 0

L'estate finisce

Erano passati tre mesi da quel giorno che le aveva cambiato la vita quando suo figlio l'aveva scopata. Lei aveva 34 anni, lui ne avrebbe presto 18. Adesso scopavano regolarmente e insieme avevano capito come separare le loro sessioni sessuali dalla vita di tutti i giorni. Il seminterrato della loro casa che ospitava l'attrezzatura per il bucato era stato diviso per fornire una piccola area ricreativa con un letto al centro e una zona spogliatoio protetta dove sua madre teneva la sua collezione di lingerie sexy acquistata di recente da un sito di sesso su Internet. Tutto ciò che riguardava la...

757 I più visti

Likes 0

La proposta: obblighi rispettati

La proposizione: Gli obblighi vengono rispettati Jenny e io abbiamo dormito fino a domenica mattina. Erano passate le 10:00 quando finalmente siamo scesi dal letto. “Dopo la nostra doccia, cosa vorresti per colazione?” chiese Jenny mentre iniziava a rotolare giù dal letto. Ha poi avuto uno sguardo addolorato sul suo viso. OH! Uumm, Jim, onorerò il nostro patto. Puoi avermi quando vuoi, ma se per te va bene, possiamo fare qualcos'altro la prossima volta? Sono così dolorante, non sono sicuro di poter nemmeno camminare. Il suo dolore era abbastanza comprensibile. Ho dovuto spingere molto forte per sfondare il suo imene e...

764 I più visti

Likes 0

Come mia sorella mi ha fatto venire - senza saperlo

Quella che segue non è una storia di cui sono necessariamente orgoglioso. Non è nemmeno una storia molto lunga, perché l'evento vero e proprio è durato davvero poco. È imbarazzante, è poco lusinghiero e, forse, è anche un po' sbagliato. Si tratta, comunque, di una storia vera, accaduta qualche tempo fa, e poiché penso che ad alcuni potrebbe piacere davvero, sono disposto a descriverla nei minimi dettagli. E quindi, senza ulteriori indugi, vi presento la storia di come mi sono imbattuto accidentalmente in mia sorella - e sono riuscito a farla franca. O in realtà, c'è ancora qualche rumore. Ho promesso...

669 I più visti

Likes 0

Una nuova vita per Ruth

Ruth Anderson sedeva nel suo nuovo ufficio, era stata promossa sei mesi prima ed era ancora eccitante trovarsi al decimo piano. Ruth era una signora tranquilla da poco passata il suo quarantaquattresimo compleanno, era stata allevata in una rigida famiglia cattolica, figlia unica con un padre dominante che per la sua ira aveva obbedito alla lettera. Aveva trascorso gli ultimi ventiquattro anni in un freddo matrimonio quasi senza sesso, la sorpresa più grande era stata che lei e il marito Donald avevano avuto una figlia meravigliosamente bella, Lena, che a ventidue anni stava per completare un master in economia aziendale alla...

580 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.