Lezioni dall'aia, parte II

510Report
Lezioni dall'aia, parte II

Passarono due settimane senza che nessuno sapesse cosa era successo tra Junior e Bobby quel giorno. Tutti li trattavano esattamente come avevano sempre fatto; come due amici normali che fanno quello che fanno tutti gli altri gruppi di amici normali. Ma mentre le settimane volgevano al termine, improvvisamente Bobby iniziò a chiedersi se ci fosse qualcosa che non andava.

In condizioni normali, Bobby era sempre stata prevedibile come un orologio Rolex riguardo al ciclo mestruale, ma questo mese era in ritardo. Avrebbe dovuto iniziare il ciclo martedì, ma sabato mattina non c'erano prove delle sue mestruazioni. Decise di chiedere a Junior di accompagnarla in città in modo che potesse visitare una farmacia e ottenere le risposte ai suoi dubbi. Ma non osava dire una parola delle sue preoccupazioni a Junior, almeno non ancora.

La lasciò al drugstore all'angolo e andò a cercare un posto dove parcheggiare l'auto. Aveva appena chiuso la porta per dirigersi verso il negozio in cui lei era entrata quando lei uscì correndo con un pacco tra le mani. Lei sorrise mentre gli diceva che doveva tornare a casa per occuparsi di qualcosa. Lui alzò le spalle e si chiese di cosa si trattasse, ma tenne la bocca chiusa e la riportò diligentemente a casa sua. Le ha chiesto se poteva entrare ma lei ha scusato che aveva bisogno di occuparsi di qualcosa. Le disse che comunque doveva tornare a casa prima che i suoi genitori uscissero la sera e che l'avrebbe vista l'indomani in chiesa. Le diede il bacio della buonanotte e se ne andò.

Si precipitò in casa e andò dritta nella sua stanza. Posò il contenuto del pacchetto sulla cassettiera e poi andò in bagno con un campione stretto nella sua manina calda. Si abbassò i pantaloni e si sedette sulla pentola, poi si mise la striscia tra le gambe e rilasciò il getto. Tirandolo fuori, disse una preghiera silenziosa e guardò i risultati. Era positivo, era incinta. Ne tirò fuori un altro e ripeté il processo. Ha mostrato gli stessi risultati. cosa doveva fare?

Andò nella sua stanza, si sdraiò sul letto e cominciò a piangere. "Perché doveva succedere questo a me?" chiese tra le lacrime. "Perché io sono stupida!" fu la sua unica risposta. "Devo dirlo a Junior", era il suo unico altro pensiero.

Lo chiamò e gli chiese di vederlo quella notte stessa. Non fece alcuna domanda ma accettò allegramente che lei venisse da lei. I suoi genitori erano appena usciti quella sera per poter stare da soli. Non lo sapeva ma sperava che stasera potessero ripetere la loro esperienza di sabato. Non sapeva che stava per cogliere una vera notizia bomba nelle loro vite e che avrebbero dovuto prendere una delle decisioni più grandi mai prese.

Lei bussò alla porta e lui le gridò di entrare. Lei lo fece, ma senza molto entusiasmo. Le ha chiesto cosa c'è che non va e lei ha semplicemente detto: "Junior, faresti meglio a sederti".

Lui assunse un'espressione seria, la accompagnò al divano e le offrì un posto accanto a lui. «Cosa c'è, Bobby? Cosa ti ha reso così sconvolto?"

Fece una pausa e poi sbottò: "Sono incinta". Dopo che lo shock ebbe un secondo per assorbirsi, continuò. “Non ho avuto il ciclo mestruale quando avrei dovuto, quindi sono andata in farmacia e ho comprato un test di gravidanza. È risultato positivo. Per due volte è stato positivo. Cosa faremo?" Lei stava guardando le sue mani in grembo, ma quando lui non rispose alla sua domanda, i suoi occhi si riempirono di lacrime e le traboccarono lungo la guancia. Li asciugò con la punta del dito, sorrise e poi si inginocchiò davanti a lei.

“Bobby, lo sai che ti amo, vero? So che è uno shock, una sorpresa, ma penso che sia la migliore notizia che abbia mai sentito", ha esordito. “Dopo aver fatto l'amore un paio di settimane fa, pensavo di volerti sposare, ma il momento non è quello giusto. Dobbiamo finire entrambi la scuola e per te ci vorranno un paio d'anni, io la finisco quest'anno. Ma non credo di poter aspettare così a lungo. Non vedi? Ora possiamo sposarci, avere il bambino e vivere insieme adesso. Oh Bobby, che ne dici? Mi vuoi sposare? Mi permetterai di diventare tuo marito e di prendermi cura di te e del nostro bambino? Oh, di' di sì, Bobby, per favore, di' di sì."

Non sapeva cosa dire, era ancora sotto shock per aver scoperto di essere incinta. Pensò tra sé: “Mio Dio, anch’io sono ancora una ragazzina. Come posso prendermi cura di un altro essere umano? Sono pronto?"
“Junior, non so cosa dire. Voglio sposarti, ma che vita sarà per te, per noi, per noi tre?"

Le fece il sorriso più grande possibile e le prese le mani tra le sue. Guardandola negli occhi pieni di lacrime disse: "Non so come saranno le nostre vite Bobby, vorrei averlo fatto ma non lo so. So una cosa ed è che ti amo così tanto. Ti prometto una cosa, che vivrò sempre la mia vita per te amore mio. Lavorerò più duramente che posso per fornire tutto a te e a nostro figlio e non smetterò mai di amarti, Bobby. Rispondi sì alla mia domanda. Mi vuoi sposare?"

Esitò solo per un secondo e sbottò: “Sì, amore mio. Sì, ti sposerò."

La prese tra le braccia e seppellì il viso nel suo seno. “Oh Bobby, mi hai reso un uomo molto felice. Quando posso chiedere la tua mano a tuo padre?"

Un'espressione di orrore le passò sul viso mentre diceva, scherzando solo a metà: "Non possiamo fare quello che hanno fatto loro e fuggire?"

“Abbiamo bisogno della loro benedizione, amore mio. No, dobbiamo dire la verità a loro così come ai miei genitori. Saranno matti da morire per un periodo di tempo, ma presto capiranno che questo è il modo migliore", le disse con tutta la fiducia del mondo. Adesso doveva solo convincersi.

Lui rivolse la guancia e l'orecchio alla sua pancia e scherzosamente le chiese: "Cosa ne pensi, Piccolo Amico?"

"Cosa succede se è una bambina?" disse con un sorriso sul viso.

Lui sollevò la testa dalla sua pancia e le disse sinceramente: "Non mi interessa di cosa si tratta, Bobby, basta che tu stia bene". Si allungò verso il suo viso e le diede il bacio più caldo del mondo intero mentre lo guardava con desiderio negli occhi.

“Fai l'amore con me, Junior. Portami adesso, proprio qui. Per favore?" lei chiese.

Lui si alzò e la prese tra le braccia. "Ti porterò adesso, ma non proprio qui", disse mentre saliva le scale verso la sua camera da letto.

Aveva appoggiato la testa sulla sua spalla mentre si aggrappava al suo collo con le mani. Quando entrò nella sua stanza e accese la luce, lei gli chiese timidamente: "Ti piace farlo con la luce accesa?"

“Non lo so, l’ho fatto solo una volta”, ha risposto.

"E quella volta è stata sufficiente per mettermi incinta", ha detto beffardamente. “Devi essere una specie di stallone che ho accettato di sposare. Vieni a prendermi, stallone." Lei rise mentre lui la lasciava cadere sul letto e la gonna che indossava si sollevò per esporre le sue mutandine ai suoi occhi lussuriosi. Lei abbassò rapidamente la gonna e un'espressione di finto shock attraversò il suo viso sorridente.

"Sei timido adesso, vero?" chiese con voce minacciosa.

"Oh sì, sono così timida", lo prese in giro.

"Beh, dovremo solo vedere quanto sei timida," disse cercando di alzarle l'orlo della gonna.

Contro la sua volontà, riuscì ad alzarle la gonna intorno alla vita e le stava sondando l'inguine con le sue mani muscolose. Quando lui mise il palmo della mano sul suo muffin, lei smise di giocare e cedette al piacere del suo assalto manuale alla sua area privata. Chiuse gli occhi e allargò le gambe mentre lui faceva scorrere il dito lungo la fessura.

"Oh Junior, ti amo così tanto," tubò lei mentre muoveva i fianchi nella sua mano.

Si mise a sedere mentre le diceva: "Facciamolo bene" e iniziò a sbottonare la camicetta che indossava. Aprì gli occhi e sorrise mentre lo guardava slacciare tutti i bottoni e sollevare il sedere dal letto quando lui le tirò fuori la coda dalla gonna. Poi glielo tolse dalle spalle e lo posò ordinatamente sul pavimento accanto al letto.

"Ora togliamoci questa gonna", disse con nonchalance, spostando la mano sul bottone e sulla cerniera che la tenevano in posizione. Glielo fece scivolare sopra la testa e lo piegò con la stessa cura della sua camicetta. Poi si alzò per togliersi i vestiti.

"Lasciamelo", gli ordinò. Le sue mani andarono a lavorare sulla cerniera dei suoi pantaloni e presto li posarono sul pavimento. Lei gli afferrò la maglietta e gliela fece passare sopra la testa, poi allungò la mano e gli afferrò il membro semi-duro. "Vuole che venga fuori?" chiese scherzosamente.

Senza aspettare una risposta, gli abbassò i boxer esponendo la sua erezione ormai dura. Lei gli tolse i pantaloncini ma riportò le mani sul suo cazzo. "Così bello e morbido", disse, ammirando la sensazione della sua asta. “Così morbido e allo stesso tempo così duro”, disse accarezzandolo per tutta la lunghezza.

Lui si ritrasse di fronte all'attenzione che lei stava dando al suo duro mostro e decise di darle un po' di attenzione tutta sua. Si sedette accanto al suo giovane corpo e mosse dolcemente il suo tocco sulla sua pancia. Lei contrasse i muscoli alla sensazione del suo tocco mentre chiudeva lentamente gli occhi. Fece una "O" con la bocca mentre lui spostava il tocco più in alto e quando posò la mano direttamente sul suo seno sensibile, un leggero gemito sfuggì dalla sua bocca.

La sua mano sfiorò la coppa del reggiseno e salì sulla spallina sulla spalla. Togliendole prima l'uno e poi l'altro dalle spalle, mise delicatamente la mano sotto le coppe del reggiseno ormai larghe e le spostò sul seno nudo. Si dimenò ed emise un sospiro ma non aprì mai gli occhi.

Fece girare il reggiseno sul suo corpo in modo da poterlo slacciare liberamente, ma presto scoprì che il suo ultimo tentativo riuscito era stato l'anomalia e non la regola. Gli ci vollero tre volte prima che si liberasse e gliela fece scivolare via da sotto. Si prese un momento per guardare il corpo che sapeva sarebbe stato suo, da quella notte in poi. Gli piaceva quello che vedeva e mentre continuava ad ammirarlo, Bobby aprì gli occhi per vedere cosa stava facendo.

"Sto solo ammirando il tuo bel corpo", disse, percependo il suo sguardo interrogativo. "Hai il corpo più snello e sexy del mondo intero e lo condividi con me."

"Faresti meglio a guardarlo bene perché tra pochi mesi non sarà più così bello e sexy", gli disse disgustata.

"Sarai sempre sexy se non snella", la prese in giro lui.

Le fece scorrere delicatamente le dita sui capezzoli mentre lei chiudeva ancora una volta gli occhi e reagiva al suo tocco. I suoi capezzoli sono diventati duri come rocce e si succhiano sopra le sue piccole areole rosa e strette. Erano tutti raggrinziti e tesi mentre lo imploravano di essere allattato. Mentre lui abbassava il viso e li prendeva uno alla volta tra le labbra che succhiavano, lei gemeva ad alta voce e si dimenava sotto le sue labbra e la sua lingua mentre lui continuava a farle rotolare in bocca. Stava cominciando a scaldarsi quando lui spostò la lingua verso il suo ombelico.

Era seduto accanto al suo corpo mentre la sua bocca vagava liberamente sul suo addome facendola gemere in approvazione e premendogli la nuca con la mano. Mentre lui si avventurava sulle sue mutandine di cotone attillate e le respirava sul cavallo, lei allontanò i fianchi mentre urlava: "Junior, cosa stai facendo?"

"Oh tesoro, sto solo baciando ogni centimetro del tuo bellissimo corpo, tutto qui", sussurrò nel suo piccolo inguine bagnato. "Non ti senti bene?"

"Oh Dio, sì, ma non ho mai sentito parlare di nessuno che baci una ragazza laggiù", cedette.

Lui piantò la bocca proprio sulla zona del suo Pons e lei emise un altro grido di gioia e spinse i fianchi nella sua bocca. Usando i denti scoperti, le morse le labbra inferiori e leccò l'esterno dell'inguine delle mutandine. Lei si scatenò di nuovo, allargando finalmente le gambe per invitare il suo assalto orale. Ancora una volta le infilò la lingua nell'inguine e poi si alzò e si inginocchiò tra le sue gambe aperte.

Prendendo entrambe le mani, fece scorrere il suo tocco sul lato interno delle sue cosce, sopra il suo inguine e sulla sua pancia nuda. Lei si dimenò sotto la sua carezza mentre lui continuava a salire con le mani. Raggiunse i suoi seni, li prese ciascuno tra le mani e strofinò e strinse i suoi piccoli globi carnosi. Dopo qualche altro secondo, abbassò le mani lungo i suoi fianchi, le afferrò le mutandine con le dita e le diede un piccolo strattone. Lei capì l'immagine e sollevò i fianchi in modo che lui potesse rimuoverli sopra le sue ginocchia.

Le afferrò le gambe prima che potesse abbassare le ginocchia, le sollevò e cominciò a baciarle i piedi. Lei ridacchiò e gli disse che le faceva il solletico quando lui la baciava lì. Continuò a spingerle le gambe indietro sulla zona del petto finché non poté vedere chiaramente le sue piccole labbra strette che sporgevano tra le sue gambe. Rimase senza fiato alla vista e fece scivolare il dito verso il basso per toccarla laggiù.

Bobby emise un piccolo grido al suo ultimo stimolo, ma non appena inserì il dito medio nella sua piccola fessura bagnata, lei gettò la testa all'indietro sul cuscino, sollevando il mento in aria e gridò il suo piacere. Egli fiancheggiò la sua intrusione con le dita adiacenti e premette insieme le pieghe delle sue due labbra gonfie, comprimendole così sul suo punto sensibile facendola ulteriormente girare. Amava il suo nuovo potere ritrovato sulla sua giovane amante mentre sperimentava ancora di più sul suo corpo e dalla sua reazione, anche lei lo stava apprezzando.

Lui si insinuò sotto il suo sedere e posizionò il suo membro furioso vicino alla sua apertura mentre lei tratteneva il respiro. Sembrava molto familiare all'altra volta che avevano fatto l'amore e lui esitò solo un secondo. Doveva provare qualcosa di nuovo, qualcosa di diverso. Lui le afferrò le gambe e i fianchi, si girò e la portò con sé in modo che lei finisse sopra la sua virilità direttamente sotto la sua vagina.

Sembrava sorpresa e ha chiesto: "Cosa stiamo facendo?" attraverso i suoi respiri affannosi.

“Ti voglio sopra questa volta. Voglio che tu lo inserisca e stabilisca il ritmo. Questo è il tuo turno, tesoro. Tutto dipende da te", ha detto con un sorriso fiducioso.

Abbassò lo sguardo mentre la sua mano avvolgeva il suo cazzo fumante e lo guidava verso la sua apertura bagnata. Quando lo inserì, i suoi occhi si allargarono e il sorriso lasciò il suo viso. Chiuse gli occhi e si sistemò su di esso mentre iniziava a scivolare dentro. Trattenne il respiro mentre la testa rotolava all'indietro e mentre si spostava sempre più su nel canale vaginale, ansimò in cerca d'aria ed emise un piccolo strillo. .

Sempre più in basso lo cavalcò dentro di sé finché finalmente non si posò nel profondo del suo grembo, a quel punto fece una faccia orribile ed emise il respiro represso. "Ugh," gemette a denti stretti. “Oh mio Dio Junior, ti senti così grande. Non ricordavo che fosse così enorme.

Si sollevò di un paio di centimetri e lentamente si abbassò e lo forzò anche un po' di più. Lei reagì con un'altra smorfia sul viso che si trasformò in un'espressione incredula. "Oh Dio, è così bello lassù, oh così bello, grande e forte", disse scoppiando in un sorriso mentre dondolava un po' i fianchi avanti e indietro. Poi, con più forza dietro la sua azione dondolante, chiese: "Ti fa sentire bene anche questo?"

Mentre faceva la domanda, strinse il grosso intruso che spingeva nel profondo del suo grembo e lui sentì la sensazione attraversargli il corpo come una scossa elettrica. Lui inarcò la schiena mentre lei si contorceva dentro di lei e lei gridò: "OH MIO DIO!"

Iniziò a dondolarsi in avanti mentre lo estraeva e poi a farlo scivolare dentro lasciandosi ricadere sul suo inguine. Stava lanciando la testa all'indietro mentre si dondolava, alzandosi da essa e permettendo a se stessa di ricadere con forza, impalandosi così ogni volta fino a dove le entrava. Ad ogni rotazione, diventava sempre più desiderosa dell'inserimento successivo e ad ogni inserimento il bisogno di un altro diventava più esigente. Ben presto lei si gettò sul suo cazzo duro e furioso abbandonando il suo benessere mentre il suo bisogno di liberazione continuava a crescere.

Stava perdendo tutta la coordinazione nel dondolarsi e tutto ciò che sapeva era che ne aveva bisogno più profondamente e più forte di quanto avrebbe potuto darlo in quella posizione quindi, spinta da puro desiderio e adrenalina, si gettò da parte, portando il cazzo duro di Junior. ancora incastonato nel profondo della sua vagina con lei. Si distese sulla schiena con le gambe divaricate il più possibile e il corpo di Junior steso in mezzo a loro. Avvolse le gambe intorno alla sua vita e iniziò a spingere i fianchi in ogni sua spinta finché non raggiunse il punto che stava aspettando; la sensazione di gioia e soddisfazione suprema, la sensazione di totale liberazione.

Sentì il suo sperma schizzare in profondità nel suo grembo e si ricordò che era così che era rimasta incinta. Questo era il momento in cui avrebbe dovuto dirgli di ritirarsi la prima volta. Ma sembrava tutto così meraviglioso, come si poteva pretendere che finisse? "Mio Dio, se rimanere incinta è il prezzo che devi pagare per sentirti così meraviglioso, allora accetterei una gravidanza ogni volta", pensò.

Quando cominciò a scendere dal suo incredibile orgasmo, un po' di saliva gli sfuggì dalla bocca fino alla guancia. Lui non si accorse di essere in quello stato ma lei ridacchiò tra sé mentre lo girava e ancora una volta si sistemava sopra di lui con il suo membro sgonfio che stava per scivolare fuori dal suo buco bagnato e sciatto. Questa volta la maggior parte dei succhi uscirono da lei e si accumularono tra i peli pubici di lui, facendoli diventare rigidi e arruffati. Ma si sentiva così bene ad avere la sua amante sdraiata proprio dove giaceva e non c'era niente che qualcuno potesse fare per fargli desiderare di spostarla.

Il suo cazzo, una volta massiccio, ora sembra un semplice esemplare delle sue dimensioni e forza e stava per cadere completamente fuori da lei quando si svegliò e iniziò a dondolarsi avanti e indietro finché non iniziò a riacquistare un po' di vigore. Lei rise mentre continuava a dondolarsi sopra e chiese scherzosamente: "Pensavo che fosse andato via del tutto, ma vuole tornare fuori e giocare?"

"Oh mio Dio, Bobby", disse con gli occhi socchiusi. "Lo sai che è così, ma i miei genitori torneranno a casa molto presto e dobbiamo trovare un orario e come dirlo a loro e anche ai tuoi genitori."

Rotolò via dal suo corpo, staccandolo così da tra le sue gambe. Si sdraiò sulla schiena mentre diceva: “Oh, guastafeste. Perché hai dovuto tirarlo fuori?" chiese cercando di fingere di essere turbata e dispiaciuta.

Sporse il labbro inferiore e abbassò il mento sul petto mentre alzava lo sguardo con l'espressione più pietosa sul viso. Junior reagì con un sorriso diabolico mentre le toccava il sedere. Cominciò a pizzicarla dietro finché lei non si staccò dimenandosi e contorcendosi e lei saltò giù dal letto e si gettò tra le sue braccia.

"Ti amo, signor McKinney", gli disse attraverso il suo sorriso e il suo caloroso abbraccio.

"Ti amo troppo presto per essere la signora McKinney", rispose lasciando cadere le mani sulle sue natiche nude. "Ora vestiti e vattene di qui prima che i miei tornino a casa e ci prendano," le ordinò, dandole una grossa pacca sul sedere.

"Ahia!" disse allontanandosi. "La prossima volta ti darò uno schiaffo sul sedere."

Lasciando la stanza con i suoi vestiti in mano, si guardò alle spalle e sorrise, "Promesse, promesse", e sorrise si diresse verso il bagno per pulirsi i succhi sull'inguine. Si vestì e attraversò la strada fino a casa sua prima che i McKinney tornassero a casa. Entrò nella sua serie di circostanze e nei suoi incubi. Come lo avrebbe detto ai suoi genitori? Cosa direbbero?

Storie simili

Rossa focosa

Il mio nome è Rachel. Ho 35 anni, 5'7 , 135 libbre, capelli rossi che mi superano le spalle, occhi azzurri, lentiggini, pelle bianca pallida (mi dispiace che le rosse non si abbronzino). Indosso un reggiseno taglia 36DD con bei capezzoli grandi ( è impossibile nasconderli) e tengo il mio cespuglio rosso curato e curato. Sean è il mio migliore amico, facciamo quasi tutto insieme. Siamo amici da anni e non è mai successo niente di sessuale tra di noi. Così quando abbiamo deciso di fare un viaggio a Las Vegas per festeggiare il mio divorzio, non ci ho pensato. solo...

1.6K I più visti

Likes 0

Emerge la cagna interiore

Lo ha incontrato al bar circa 10 minuti dopo l'orario stabilito. Le piaceva farli aspettare, le piaceva la sensazione di potere che le dava vedere lo sguardo di sollievo quando arrivava. Indossava un abito semplice e poteva vedere il sollievo misto a una certa delusione sul suo viso quando notò che non indossava gli stivali. Sorridendo tra sé, mantenne il suo sorriso distaccato e si avvicinò al tavolo. Rimase lì, lanciando uno sguardo mirato alla sedia mentre aspettava. Dapprima perplesso, alla fine si rese conto che avrebbe dovuto alzarsi quando lei si avvicinò. Alzandosi rapidamente, fece il giro del tavolo per...

830 I più visti

Likes 0

La proposta: obblighi rispettati

La proposizione: Gli obblighi vengono rispettati Jenny e io abbiamo dormito fino a domenica mattina. Erano passate le 10:00 quando finalmente siamo scesi dal letto. “Dopo la nostra doccia, cosa vorresti per colazione?” chiese Jenny mentre iniziava a rotolare giù dal letto. Ha poi avuto uno sguardo addolorato sul suo viso. OH! Uumm, Jim, onorerò il nostro patto. Puoi avermi quando vuoi, ma se per te va bene, possiamo fare qualcos'altro la prossima volta? Sono così dolorante, non sono sicuro di poter nemmeno camminare. Il suo dolore era abbastanza comprensibile. Ho dovuto spingere molto forte per sfondare il suo imene e...

751 I più visti

Likes 0

Holli e una vela serale

Holli mi ha incontrato all'estremità del molo... e il mio cuore ha perso un battito quando è scivolata alla vista. Era vestita per una serata a bordo della mia barca: semplici sandali da barca, un bel top azzurro e un paio di pantaloncini cachi molto comodi che le dondolavano facilmente sulle curve, accennando a ciò che aveva da condividere sotto. 5'9 con capelli biondi, gambe lunghe e un corpo atletico in forma, Holli era entrato nel mio mondo attraverso un pomeriggio magico che abbiamo condiviso sul lungomare di Vancouver. Questa serata è stata il risultato del mio invito perché ci eravamo...

634 I più visti

Likes 0

Dovere coniugale

Ricordo ancora la prima volta che ho visto Sandra per la prima volta. Ero un giovane trasandato di vent'anni. Era una ragazza molto sexy di 22 anni. È venuta da me mentre stavo cercando di avviare la mia motocicletta Norton 750 Commando un po' capricciosa. Ha detto qualcosa a proposito del fatto che le piacciono le biciclette. Questo era tutto quello che avevo bisogno di sentire. Una bruna dall'aspetto attraente con grandi occhi marroni in un paio di jeans attillati che si avvicina a me e mi dice che le piacciono le biciclette. La mia vita ha preso una svolta positiva...

489 I più visti

Likes 0

La vendetta di Danni

La vendetta di Dani La leggera nebbia aggiungeva umidità all'aria. Il fresco della notte la avvolse come un asciugamano bagnato, facendole correre un brivido lungo la schiena. Era fortunata a conoscere così bene la zona, altrimenti si sarebbe facilmente persa. Guardò attraverso gli alberi la casa dove viveva, sorridendo leggermente all'unica candela elettrica accesa nella finestra della cucina. Dani Summers ricordava le notti in cui restava sotto quella finestra ad aspettare che Joel Fuller uscisse per vederla. Poteva ancora sentire il calore delle sue braccia avvolte attorno a lui, il sapore dei suoi baci, la pienezza del suo cazzo nella sua...

422 I più visti

Likes 0

Il mio ultimo respiro cap. 1

Amelia Il mio respiro sembrava pesante nel silenzio mortale che mi circondava. Le strade deserte sono immerse nell'oscurità totale e lasciano che le ombre e la fitta nebbia lo rendano estremamente spaventoso e sinistro. Non sapevo se avrei mai potuto smettere di correre, ma sapevo che presto avrei dovuto farlo, perché presto i miei polmoni e il mio cuore non ce la facevano più, perché mi sentivo come se fossi pugnalato con un coltello ad ogni respiro e passo che ho fatto. Ma non riuscivo proprio a fermare i piedi, perché ogni volta che cominciavo a camminare e cercavo di rilassarmi...

482 I più visti

Likes 0

UNISCITI AL SIGNORE OSCURO PARTE 2

Mi sono svegliato nella mia stanza dolorante dalla scorsa notte e ho preso gli occhiali e li ho indossati solo per scoprire che non riesco a vedere che è troppo sfocato, quindi li tolgo per scoprire che posso vedere meglio senza di loro. PAPÀ VIENI QUI PER UN SECONDO che cos'è figliolo non ho bisogno dei miei occhiali perché quello che è successo bene è della scorsa notte il signore oscuro era così felice che ti ha rifatto come ricompensa. Vai a guardarti allo specchio inciampo fuori dal letto, guarda nello specchio pieno e noto che ho perso molto peso, sembro...

1.7K I più visti

Likes 0

Il debito e il suo prezzo elevato

'Come mi sono cacciato in questo?' pensa Jerry mentre rimane seduto a fissare la busta davanti a lui. Non l'ha ancora aperto, ma sa da chi viene. Dopo un po' lo raccoglie e lo guarda ancora un po', rigirandolo tra le mani. Sembra proprio come tutti gli altri. Semplice bianco, timbro regolare e nessun indirizzo di ritorno. Lo apre dopo circa due ore che lo guarda, temendo cosa c'è dentro. Quello che tira fuori è peggio di quanto avrebbe immaginato. Ha in mano una foto di sua figlia di 18 anni, Kali. Anche in queste circostanze non può fare a meno...

1.6K I più visti

Likes 0

Onde Parte seconda

Venendo ancora una volta, questa volta sono proprio l'ospedale in cui mi trovavo ieri mattina quando è iniziata questa indagine. La differenza ora che un'infermiera in uniforme che le stava decisamente troppo stretta stava tenendomi il polso sinistro, controllandomi il polso. Notando che sono sveglio Bene, detective Gorwin, ci stavamo chiedendo quando torni! lasciando cadere il mio polso e registrando il mio battito sul grafico che raccolse. La dottoressa Cole verrà presto a controllarti di persona! Fantastico, ho pensato che un dottore pulcino fosse tutto ciò di cui ho bisogno in questo momento, considerando che ho appena perso due pulcini come...

897 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.