La festa della fraternità - Parte 2_(0)

205Report
La festa della fraternità - Parte 2_(0)

L'ultima volta che abbiamo lasciato la nostra eroina, lei era ubriaca, nuda e si era appena resa conto che l'uomo con cui era a letto non era lo stesso uomo con cui era stata a letto poco tempo prima. Si arrabbierà e dirà a questo impostore di andare a farsi una scopata volante davanti a una ciambella che rotola? Oppure dirà: "Che diavolo... è troppo bello per fermarsi" e cederà ai desideri del suo corpo con selvaggio abbandono? Continuiamo a leggere e scopriamolo... vero?

Non esistono due uomini che si baciano allo stesso modo. Anche nel mio stato di ebbrezza potevo notare la differenza. Una parte di me era davvero incazzata con loro per aver premuto l'interruttore, ma un'altra parte di me era troppo impegnata a godersi le labbra che mi mordicchiavano il collo e le dita che mi pizzicavano delicatamente i capezzoli. Nella successiva battaglia tra cervello e corpo, il mio cervello vinse. "Che cazzo pensi di fare?" Ho urlato, spingendolo via da me, mi sono alzato e ho acceso le luci.

"Per favore." - sussurrò con voce rauca. "Vi stavo osservando dall'altra stanza. Ero così accaldato che quando Robert è uscito per andare in bagno, l'ho pregato di lasciarmi fare un giro. Abbiamo pensato che fossi troppo ubriaco per capire la differenza. Tu ovviamente ci stavamo divertendo, quindi perché dovremmo fermarci?"

Il mio corpo era d'accordo con lui, ma qui c'era un principio coinvolto. "Perché era davvero una cosa squallida da fare, ecco perché!" Anche mentre lo rimproveravo, le sue dita giocavano leggermente sulle mie cosce, rendendo sempre più difficile continuare la mia invettiva. "Non posso credere che tu pensassi che fossi una stupida ragazzina, che non sarebbe stata in grado di distinguervi. La corporatura di Robert è molto più grande della tua, ti senti totalmente diverso. E baci in modo diverso." Si sporse in avanti e cominciò a baciarmi la spalla.

"Veramente come?" Chiese, mentre la sua bocca continuava a percorrermi il collo. La mia voce si addolcì.

"Le tue labbra sono più morbide." Ho detto.

"Hmm, cos'altro?" Chiese, mentre la sua lingua tracciava la strada intorno al mio orecchio.

"Non cambiare argomento." Ho detto. "Sono molto arrabbiato per questo."

"Lo so, e mi dispiace." Le sue dita mi accarezzavano le braccia, mentre la sua bocca esplorava la nuca. Doveva aver notato i miei capezzoli, eretti e che chiedevano attenzione, come ha detto. "Dovresti permettermi di farmi perdonare." Involontariamente ho respirato profondamente e ho chinato la testa, dandogli più accesso al mio collo. "Ti prometto che ti farò sentire così bene, che sarai felice di essere rimasto. Mentre le sue mani scivolavano lungo le mie braccia, scivolarono quel tanto che basta per sfiorarmi i lati del seno. Questo è tutto. L'ho perso. Mi appoggiai contro di lui, per permettergli di sostenere completamente il mio seno, coprii le sue mani con le mie e lo strinsi.

Insieme, mi abbiamo massaggiato il seno mentre lui si chinava e mi baciava appassionatamente, le nostre lingue danzavano, vorticando l'una attorno all'altra. Mi fece voltare e mi fece sdraiare sul letto. "Dio, le tue tette sono fantastiche." Disse, e cominciò a baciarne e succhiarne uno mentre giocava con l'altro. Mentre mi grattava delicatamente i capezzoli duri con i denti, la mia figa cominciò a formicolare. Anch'esso era pronto per l'attenzione e gli ho tolto la mano dal seno e l'ho guidato lungo il mio stomaco.

Non aveva bisogno di ulteriore incoraggiamento. Le sue dita trovarono immediatamente la strada nella mia umidità. Il mio clitoride si indurì immediatamente al suo tocco. Sollevai i fianchi contro la sua mano e il suo dito scivolò dentro. Gemendo, gli ho stretto la figa attorno mentre mi allungavo per sentire il suo cazzo. Emise un leggero gemito mentre dolcemente facevo scivolare la mano su e giù per il suo cazzo duro. Poi, dall'angolo della stanza, ho sentito un altro gemito.

Era Roberto. Ci osservava mentre giocava con se stesso. Il piccolo diavoletto che c'è in me ha deciso che era giunto il momento di "ripagare". Un po' di presa in giro dovrebbe bastare. Ho allargato le gambe in modo che Robert potesse avere una buona visione della mia figa, ora molto bagnata. Il dito del suo compagno di stanza era profondamente dentro di me, pompando dentro e fuori. Avevo una mano sul suo cazzo e con l'altra ho iniziato a giocare con il mio clitoride. Piego la testa di lato per vedere meglio Robert. Si stava masturbando come un matto. Il suo compagno di stanza aveva gli occhi chiusi e si godeva il piacere della mia mano. Era questo. Il tempismo era perfetto.

"O.K. Ragazzi, è tutto. Me ne vado." ho annunciato mentre mi sedevo e scendevo dal letto. Lo sguardo di shock e impotenza su entrambi i loro volti era impagabile. Mi sentivo completamente vendicato mentre guardavano confusi me, poi l'un l'altro, poi di nuovo me, e mi deliziavano con le loro suppliche.

"Non puoi andartene adesso!"

"Non è giusto. Non puoi lasciarci così."

"Per favore, ho bisogno di venire."

Se non fossi stato così arrapato anch'io, mi sarei vestito e sarei uscito. La mia figa però aveva un disperato bisogno di essere soddisfatta e proprio davanti a me c'erano due cazzi duri e molto vogliosi. "Ti dico una cosa." Ho detto. "Resterò a condizione che tu mi dica la verità."

"Verità su cosa?" chiese Roberto.

"La verità su stasera. Il tuo amico qui ti ha davvero chiesto di poter fare un giro, o era tutto pianificato prima che mi portassi qui?" Nessuno dei due rispose, ma sapevo di aver visto il suo compagno di stanza al bar al piano di sotto. Alla fine Robert parlò.

"Così lo avevamo pianificato, pensavamo che fossi attraente ed eri davvero ubriaco. Ehi, ti volevamo entrambi, cosa c'è di sbagliato in questo?"

"Perché non l'hai detto subito? Avresti potuto chiedermi di tornare con entrambi." Appena l'ho detto, ho capito che non avrei mai accettato se me lo avessero chiesto. Diavolo, avevo a malapena abbastanza esperienza con un uomo alla volta, figuriamoci con due. Ma in quel momento mi sentivo audace, selvaggio e ancora molto arrapato.

Mi avvicinai a Robert e lo condussi al letto. "Pensavi che non avrei voluto sentire due paia di mani addosso?" Detto questo, ho preso ciascuna delle loro mani e le ho posizionate sui miei seni. Questo è stato emozionante. Mi sentivo decisamente sfrenato. I miei capezzoli erano duri e chiedevano di essere succhiati. Ho alzato il seno per loro. "Non ti piacerebbe succhiarli?" Ho chiesto e hanno prontamente obbedito. Quella prima sensazione di una bocca su ciascun seno fu sorprendente. Avevano due stili completamente diversi. Robert succhiava e mordicchiava con gusto, mentre il suo amico aveva un approccio molto più gentile. Stava facendo girare la lingua attorno al mio capezzolo, poi succhiava delicatamente e si grattava leggermente i denti come aveva fatto prima. Poi ha aperto la bocca e ha tentato di infilarci tutto il seno. Ovviamente fallì in questo tentativo, ma si sentiva benissimo mentre ci provava.

Mi sono sdraiato sul letto e ho aperto la figa. "Ora, chi vuole un assaggio?" Ho messo il mio dito dentro, l'ho tolto e l'ho portato alle labbra. Non avevo mai assaggiato me stesso prima, ed esitai solo per un momento, prima di succhiarmi il dito in bocca. Questo mi ha eccitato immensamente, e deve aver fatto lo stesso con loro, perché entrambi si sono precipitati a infilarsi tra le mie gambe. Robert mi raggiunse per primo e, senza alcuna considerazione, non lasciò spazio al suo amico mentre la sua bocca esplorava la mia figa. Non volere che nessuno si senta escluso; Ho preso a coppa i miei seni e li ho offerti. Questo è tutto ciò che è servito. Ancora una volta, quella lingua lenta e gentile, per così dire, mi solleticava le tette.

Il fatto che i miei capezzoli vengano succhiati sapientemente mi ha sempre fatto impazzire. Anche quando ero vergine, mi piaceva lasciare che i ragazzi mi succhiassero il seno. Ho sempre trovato affascinante il fatto che mentre venivano succhiati i miei capezzoli, le sensazioni che provavo erano centrate sulla mia figa. Incredibile come il corpo sia connesso, non è vero? Quindi ora non stavo solo facendo leccare e succhiare i miei capezzoli, ma anche il mio clitoride. Vero, estasi carnale. Robert aveva la bocca premuta con forza sul mio clitoride, mentre il suo dito era profondamente dentro di me. Il suo amico pizzicava leggermente un capezzolo con le dita e dava colpetti l'altro con la lingua. Il piacere era squisito e non volevo proprio che si fermassero, ma dovevo confrontare le tecniche. Ho messo le mani sulla testa di Robert e l'ho sollevata. "OK." Ho detto. "È giusto. Devi cambiare." Con riluttanza, Robert rinunciò al suo posto e lasciò che la sua bocca continuasse sul mio seno.

Il suo amico si mise tra le mie gambe e fece scorrere dolcemente la lingua lungo la mia fessura. Non entro, quanto basta per stuzzicare. Lo fece di nuovo, ma questa volta lasciò che la sua lingua entrasse abbastanza in profondità da sfiorarmi leggermente il clitoride. Era come se una corrente mi attraversasse. Rimasi senza fiato e spinsi più forte la testa di Robert sul mio seno. Dopo avermi stuzzicato la figa in questo modo ancora un paio di volte, non potevo più sopportarlo. Mi abbassai e allargai le labbra, il clitoride, duro e gonfio. "Oh Dio. Per favore. Succhiamelo. Succhiami il clitoride!" I miei fianchi si tendevano involontariamente. Mi ha messo le mani sotto il sedere mentre mi allargavo più che potevo, mi sono chinato, ho messo le sue labbra sul mio clitoride e ho succhiato. Difficile. Era proprio quello di cui avevo bisogno. I miei fianchi iniziarono a contrarsi, le mie gambe tremavano e tutto quello che potevo fare era urlare di piacere mentre l'orgasmo si riversava attraverso il mio corpo.

Caddi sul letto come una bambola di pezza. Se pensavo di potermi riposare mi sbagliavo di grosso. Robert ha spinto via il suo compagno di stanza e, senza dare alla mia figa il tempo di rilassarsi, ha infilato il suo cazzo dentro di me. Ero ancora così gonfio e sensibile, che sono venuto subito. Sfortunatamente, anche Robert lo ha fatto. (Ehi, è stato tutto molto emozionante, e aveva solo 19 anni. Succede) Il suo compagno di stanza tuttavia aveva un po' più di autocontrollo. Mi ha tirato su, si è sdraiato sul letto e mi ha fatto sedere sul suo cazzo. Con lui che mi guidava i fianchi con le mani, ho semplicemente fatto rimbalzare il mio culetto su e giù su di lui a mio piacimento. Rallentando, mi chinai in avanti e mi dondolai mentre i miei seni andavano dritti alla sua bocca. Sedermi sulle ginocchia mi ha messo nella posizione perfetta per chinarmi e baciarlo profondamente, e mentre lo facevo mi sono sentito venire di nuovo. La mia figa strinse forte il suo cazzo e potevo sentirlo iniziare a pulsare. Mi sono seduto e ho mosso il bacino in piccoli cerchi, mentre strofinavo il sedere contro di lui. Ho sentito tutto il suo corpo teso e il suo cazzo sembrava avere vita propria. Pulsare e palpitare e allungare la mia figa fino ai suoi limiti. E ad ogni pulsazione, mi riempiva del suo sperma caldo, spingendo i miei fianchi contro i suoi con ogni grugnito e gemito di piacere che emetteva. Alla fine, mi mise le braccia sulle cosce e mi tenne ferma. Contrassi i muscoli attorno a lui e tutto il suo corpo tremò.

Mi piacerebbe raccontarti che mi ha abbracciato, mi ha stretto al suo petto e ci siamo addormentati così, con lui ancora dentro di me. Ma ti ho promesso la vera storia, e questo significa anche il vero finale. Giaceva lì, addormentato sul letto. Mi sono alzato e mi sono vestito. Robert mi accompagnò alla macchina; mi ha dato un bacio d'addio e non ho più rivisto nessuno dei due. Né ho mai saputo il nome del suo compagno di stanza. Mi spiace ragazzi, ma questa è la vita nelle grandi città. Tuttavia, è stata una notte ricca di molte prime esperienze per me, la maggior parte delle quali mi sono piaciute (i postumi dell'alcol il giorno successivo erano qualcosa che non ho fatto) abbastanza bene da ripeterle molte volte nella mia vita. (Ho anche ripetuto l'alcol, anche se fino ad oggi non so ancora perché lo faccio.)
Quindi eccola qua, la verità, tutta la verità e nient'altro che la verità sulla mia prima festa di confraternita. I miei anni al college sono stati un periodo di scoperta sessuale al culmine della rivoluzione sessuale e ho molte storie da raccontare. E lo farò... Col tempo.

Storie simili

Una tribù per Tethys, parte 2 capitolo 10

Una tribù per Tethys: Parte 2 Capitolo 10: Megan, incontra Hera! Megan è silenziosa per la maggior parte del viaggio di ritorno al mio appartamento dopo che abbiamo lasciato la casa di Carl, e mentre sono curioso di sapere cosa sta pensando, è anche un'opportunità per me di esaminare alcuni dei miei pensieri. Molte cose sono cambiate, per tutti noi, in pochissimo tempo. Abbiamo lasciato Sonia con Carl, ha promesso di portarla a casa una volta concluso l'ultimo accordo d'affari. Carl sta stipulando un contratto personale con Sonia, per lavorare per lei a tempo pieno come istruttore personale di fitness e...

492 I più visti

Likes 0

Holli e una vela serale

Holli mi ha incontrato all'estremità del molo... e il mio cuore ha perso un battito quando è scivolata alla vista. Era vestita per una serata a bordo della mia barca: semplici sandali da barca, un bel top azzurro e un paio di pantaloncini cachi molto comodi che le dondolavano facilmente sulle curve, accennando a ciò che aveva da condividere sotto. 5'9 con capelli biondi, gambe lunghe e un corpo atletico in forma, Holli era entrato nel mio mondo attraverso un pomeriggio magico che abbiamo condiviso sul lungomare di Vancouver. Questa serata è stata il risultato del mio invito perché ci eravamo...

398 I più visti

Likes 0

La vita di Jen - Capitolo sei - Parte prima

La vita di Jen – Capitolo 6 – Parte prima Varie cose mi restano in mente e le mie vacanze annuali di solito erano piene di eventi. Un anno i miei genitori decisero di affittare una villa a Corfù per 2 settimane e mio nonno e mio zio furono invitati. Sull'aereo dovevo sedermi tra mio nonno e mio zio, ei miei genitori si sedevano dall'altra parte. Mio nonno mi ha messo il cappotto in grembo e ha spinto rapidamente la mia gonna da parte, tirandomi da parte le mutandine e spingendo un dito dritto dentro di me, ho sussultato forte mentre...

1.3K I più visti

Likes 0

Quanto di meglio si possa III

Obiettivo 5: preparami un gustoso succo di sperma con un bicchiere pieno. Questo è stato abbastanza facile. Ma tutto ha una parte difficile. Ecco un bicchiere pieno. Rani ha avuto un fottuto lavoro a scuola. Quindi se n'è andata la mattina indossando un sari rosso assassino. Avrei solo voluto andare a scuola. Prima di andarsene, mi ha dato un bicchiere usato per servire lo champagne, si è avvicinata a me e mi ha palpato dolcemente il cazzo. Rani :( sussurrandomi all'orecchio con voce sexy) fallo lavorare. Io: posso usare la tua stanza dei quadri???Sai. Usa la tua TV. ?? Rani: va...

523 I più visti

Likes 0

Come ho pagato il college

- Questa è finzione gay. Se non ti piace leggere cose gay, smetti di leggere e non votare. Se hai intenzione di votare negativamente o scrivere commenti sgradevoli, critica la mia grammatica e ortografia, non l'argomento - Questa è un'opera di finzione completa. Nulla in questa storia è realmente accaduto e le persone non sono reali. - Se spari un carico mentre o dopo aver letto questo, fammi un favore e premi il pulsante di voto positivo perché significa che probabilmente ti è piaciuto. Sentiti libero di mandarmi un PM per farmi sapere cosa ti è piaciuto Durante l'estate del 2003...

526 I più visti

Likes 0

Alice viene sposata

[b]Alice si fa l'autostop 7 di Will Buster Come si può immaginare, un'amante incinta e usata può essere piuttosto difficile da scartare. Difficile, cioè, a meno che una cospicua dote non accompagni la vigorosa piccola volpe. Alice non faceva eccezione a questa regola sociale così prevalente nella tarda Inghilterra georgiana. La pancia di Alice era ora piena di bambino sano per le quasi costanti attenzioni amorose di Lord Elton. Il barone del maniero di Kingston si era goduto a fondo entrambi i buchi stretti e reattivi di Alice ormai da mesi, ma mantenendo fede alla sua promessa, era tempo di acquistare...

390 I più visti

Likes 0

Feticismo del pannolino

Fin da piccola ho sempre avuto il fascino di indossare i pannolini. Crescendo ho imparato che non ero solo. Ma niente avrebbe potuto prepararmi per la notte in cui si unirono mia moglie e la sua amica. Avevo confessato a mia moglie il mio feticismo per i pannolini e lei mi ha raccontato di come aveva sempre desiderato una cosa a tre. Aveva partecipato a innumerevoli sforzi con me, quindi una notte abbiamo deciso di realizzare i suoi e aggiungere qualcosa per farmi felice. Finalmente era giunta la notte, la sua amica Samantha stava arrivando in città. Le aveva raccontato di...

334 I più visti

Likes 0

Janice Pt. Controllata dalla Mente 11c

Brian era contento di usare il controllo mentale che Janice avesse trascorso gli ultimi tre giorni vivendo con lui e avrebbe dovuto trascorrere altri quattro giorni con lui. Le menti del marito e dei figli di Janice erano state influenzate in modo tale da non sentire la sua mancanza. Ieri aveva invitato tre amici a casa sua e tutti e quattro avevano scopato più volte una volenterosa Janice. Sbe stava facendo quello che voleva all'inizio della giornata in cui aveva pulito la sua casa per lui mentre era nuda, fermandosi solo per lasciare che Brian la scopasse in bagno. In quel...

275 I più visti

Likes 0

La vendetta di Ambra

CAW # * Voce Questa è una storia di vendetta e dolore. Questa è una storia di amore e affetto. Questa è una storia di soddisfazione e persone che ottengono la loro punizione. La mia ragazza Amber ed io eravamo membri di un sex club. Ad entrambe piaceva andare e partecipare alla maggior parte delle attività del club, ma lei si rifiutava di fare sesso con altre donne. Le piaceva guardare altre donne nel club, farsi scopare e le piaceva anche guardare altre donne scoparsi a vicenda, ma non è mai stata in grado di leccarsi la figa. Ero perplesso da...

1.5K I più visti

Likes 0

Andare a lontano

Quando faccio scivolare la mia mano tra le tue gambe e dico Questo è mio, siamo chiari. Il sesso non è la risposta. Il sesso è la domanda. Sì è la risposta. Nicole mi ha visto in coda al ricevimento di nozze di sua sorella. Eccomi fuori come se fossi appena uscito da GQ. Mi sto muovendo lentamente verso di lei. Nicola trattenne il respiro. Doveva incontrarmi. Nicola si guardò intorno. Mi ha visto dall'altra parte della piscina. Sembravo sulla cinquantina. Sono più alto di chiunque altro nella sua famiglia italiana. Nicole ha indovinato che sono alto un metro e ottanta...

624 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.