Lupi nella foresta parte 1

194Report
Lupi nella foresta parte 1

Il mio nome era Samantha, ma i miei amici più cari mi chiamavano Ama. Non sono sicuro di come sia iniziato, perché non l'ho iniziato io ma uno dei miei amici lo ha fatto alle medie e si è bloccato. Comunque, io sono Ama e ho una storia da raccontare. Vedi, in questo momento mi sto crogiolando al chiaro di luna, in mezzo alla foresta... dove esattamente non sono del tutto sicuro. Non sono ancora molto bravo a seguire e dirigere. Ma questo praticello, posso trovare la strada fin qui e questo mi basta. Guardo la luna e mi frullano per la testa i pensieri su come sono arrivato qui. Quindi comincio a parlare ad alta voce, a nessuno in particolare, ho solo voglia di parlare. Non uso quasi più la mia voce per formare parole, quindi sembra divertente, ma ancora una volta, qui non c'è nessuno, giusto? Comunque va più o meno così...

Penso che sia stato...mesi fa? Due... tre... uno... non lo so davvero, non riesco a tenere il conto dei giorni trascorsi nel bosco molto bene. Comunque ero in campeggio da solo. Vedi, avevo questo... segreto. Nessuno lo sapeva, ma leggevo di nascosto storie e guardavo foto di donne che facevano sesso con animali. Il pensiero di ciò mi eccitò come nessun ragazzo avrebbe mai potuto fare. Ora ho solo 21 anni, quindi sono ancora giovane, con un corpo sodo e attraente, quindi non mi sono mai mancati gli uomini, ma semplicemente non sono uscito molto. Non sembravano mai funzionare per me. Ad ogni modo, ho iniziato a conoscere la bestialità e la zoofilia, e questo... mi ha eccitato. Ora ho fatto sesso, non sono vergine, quindi quando ho letto le storie e ho visto le foto, ho continuato a fantasticare su come mi sarei sentito, a quattro zampe, con un grosso corpo peloso che mi spingeva giù, spingendomi dentro la mia figa bagnata e gocciolante...

L'ho sognato spesso, cani semiformati che martellavano la mia figa bagnata... erano bei sogni. Poi ho iniziato a leggere storie di donne rapite dai lupi nei boschi. Erano fantasie, ma comunque così belle. Mi eccitava così tanto che mi toccavo sempre, giocavo con la mia figa bagnata quando leggevo quelle storie. Immagino... realisticamente quello che ho fatto dopo è stato semplicemente stupido ma non lo so... l'ho fatto comunque. Sono andato in campeggio in una zona nota per gli avvistamenti di lupi. Con una buona scorta di cibo e attrezzature, mi presi una settimana di vacanza. Nel profondo della mia mente sapevo che quello che stavo facendo era stupido e una perdita di tempo, ma tutte quelle fantasie mi hanno preso una decisione. Volevo accamparmi nei boschi, nella speranza di incontrare lupi che avrebbero rovinato la mia ferma femminilità.

Al campeggio, sapevo che sarei stato solo, questa non era proprio una zona in cui la gente veniva di solito, quindi non avevo bisogno di preoccuparmi di essere scoperto, visto o altro. Rimasi al campo il primo giorno, nervoso e incerto. Le notti piene di suoni strani, non dormivo molto bene. Il giorno dopo però mi sono sentito più calmo ed ho esplorato. Ho trovato un bel ruscello ed ero fin troppo disposto a togliermi i vestiti con il caldo ed entrare, sguazzando nell'acqua fredda. Bene, quando ebbi finito non volevo rimettermi i vestiti e bagnarli, ma non volevo nemmeno aspettare che si asciugassero. Invece sono partito con solo le scarpe, a sedere nudo, e sono andato a fare un'escursione. Dopo una bella camminata di un paio d'ore sono tornato al ruscello dove mi sono risciacquato di nuovo, ho preso i miei vestiti e sono tornato al campo.

Il terzo giorno l'ho passato completamente nudo. Qualcosa nel giorno precedente mi ha fatto sentire eccitato... o elettrizzato... andare in giro con alberi giganti e selvaggi, animali selvaggi... tutta la sensazione... ed essere nudo ed esposto a tutto... Ne ho amato l'emozione. Ho visto abbastanza bene la terra e ho scalato nudo il picco di una montagna, il che è stato emozionante. Ho anche fatto qualche arrampicata su piccola scala. Lo ammetto... la sensazione della roccia ruvida che mi graffiava il seno nudo... tutto il corpo... beh diciamo solo che l'arrampicata su roccia è stata la mia parte preferita della giornata. Quella notte, mentre giacevo raggomitolato nella mia piccola tenda, pensavo di sognare quando accadde. Quindi non mi ha preoccupato quando ho lasciato la mia tenda, vestito con una semplice maglietta, jeans e stivali, e sono partito senza cibo né acqua nella foresta notturna. Potevo sentire i lupi ululare in lontananza... ma non avevo paura, in quel momento questo era un sogno per me, ricordi? In realtà però ero proprio uscito di casa, ancora non capisco il perché. Forse ho sentito i lupi e sono andato istintivamente da loro. Forse no.

Comunque, stavo camminando nel bosco buio e non mi sono nemmeno accorto di inciampare o di graffiarmi. Tutto quello che sapevo era che gli ululati del lupo si stavano avvicinando sempre di più. Alla fine si sono imbattuti in me. Un branco intero, lupi maschi e femmine che vanno dal nero all'argento, fino a un mix con qualche bianco qua e là. Potevo riconoscere il maschio alfa, e poiché all'epoca per me questo era un sogno, non mi spaventava vedere la sua mole imponente. Il suo compagno era dello stesso colore argento/bianco ed era anch'esso grande, anche se ovviamente non così grande. C'erano almeno altri sette lupi anche se nell'oscurità non sapevo se fossero maschi o femmine. Non so quanto tempo restammo lì, donna e lupi, a fissare. Alla fine il maschio e la femmina alfa si voltarono e camminarono nell'oscurità. Gli altri lupi mi lanciarono uno sguardo, poi si voltarono e lo seguirono. E per ragioni che ancora non ho capito, ho fatto lo stesso. Non ho mai guardato indietro quella notte, ma poi ho pensato che fosse tutto un sogno elaborato. Da un momento all'altro mi sarei svegliato agitato nella mia tenda, sano e salvo. Quanto poco mi rendevo conto...
Quindi l'ultima volta che mi sono fermato stavo seguendo un branco di lupi. Adesso mi sentivo ancora come in un sogno e non sembrava che mi preoccupasse molto il fatto di seguire un branco di lupi selvaggi attraverso una foresta che non conoscevo molto bene. L'alba si stava avvicinando rapidamente quando ci fermammo e mi sentivo come se stessi per crollare. Il che immagino dovrebbe sembrarmi strano, voglio dire, come posso essere così dannatamente stanco in un sogno, giusto? Ma ero stanco e mi unii alle femmine in un gruppo rannicchiato di calore e pelliccia.

Quando ci siamo svegliati mi sono alzato e ho camminato faticosamente, affamato ma per qualche motivo non ci ho pensato molto, a parte ammettere il fatto. Eravamo partiti a tarda sera e avevamo camminato tutta la notte. Conoscevo un paio di lupi cacciati, insieme al maschio e alla femmina alfa. Ma non li ho mai visti nutrirsi allora. Siamo andati lontano, credo. Niente mi sembrava familiare e avrei dovuto essere terrorizzato ma, ancora una volta, era un sogno, giusto? Ebbene, credo che fosse la quarta notte, si avvicinava l'alba e i lupi avevano cacciato. Li ho visti nutrirsi e mi sono sentito disgustato mentre strappavano via carne cruda e insanguinata, con la museruola schizzata di sangue, i denti affilati e gli occhi mortali. è stato in quel momento che ho cominciato a chiedermi se stavo davvero sognando oppure no. Beh, ero sdraiato vicino al ruscello, dopo aver bevuto un po' d'acqua cercando di frenare la fame che mi stringeva lo stomaco. Ho iniziato a chiedermi se stavo bene.

Cominciavo a pensare che non stavo sognando, la fame era così forte, ero così stanca e il mio corpo sembrava di piombo. Ho perso una scarpa arrampicandomi su alcune rocce e, poiché era fastidioso, ho abbandonato l'altra. Per l'ultimo giorno circa avevo camminato scalzo. I miei piedi pulsavano, si grattavano e facevano male. La mia maglietta era strappata in tanti punti, sporca e macchiata di sudore. I miei jeans non erano in condizioni migliori. Fu allora che uno dei giovani maschi venne da me. Grande e nero con tracce d'argento. Stava estraendo un pezzo di carne grondante sangue di buone dimensioni. Il mio stomaco si rivoltò a quella vista, ma quando me lo diede di nuovo e ancora non potei più farne a meno. Qualcosa in me semplicemente... si è arreso. Ero così affamato! Ne ho morso un pezzettino e sai, non era poi così male. Ho sentito il sangue tiepido gocciolarmi lungo il mento mentre il pezzo mi scendeva in gola ed era bello. Ma quel pezzetto mi ha fatto solo stringere ancora di più lo stomaco. Ne ho morso un altro pezzettino e un altro ancora. Ho iniziato a godermelo, assaporandone il ricco sapore crudo.

Ho iniziato a farlo in modo un po' più animalesco, simile a un lupo. strappandolo come meglio potevo con i miei denti umani smussati. Mi sono ritrovato a ringhiare per lo sforzo di strappare via la carne. Quel pezzo però presto scomparve e avevo ancora fame. Il sangue mi si era imbrattato intorno alla bocca, gocciolandomi lungo la maglietta. Ho guardato il lupo nero e lui si è voltato e si è allontanato. Quando ho visto che tornava con un altro pezzo di buone dimensioni, semplicemente... non lo so. Tutto quello che sapevo era che prima che potessi davvero pensarci mi ero strappato la maglietta, mi ero tolto i jeans rovinati e avevo strisciato velocemente verso il lupo nero e con grande stupidità in quel momento gli avevo strappato la carne. Ringhiò, ma non attaccò. L'ho fatto a pezzi, ringhiando e amando la sensazione della carne e del cibo nel mio stomaco. Il sangue mi scorre lungo il petto, sul seno rotondo, sui capezzoli duri nell'aria fresca quasi dell'alba. Mentre ero quasi alla fine del pezzo, è successo qualcosa. Prima che potessi fermarlo, prima ancora che me ne rendessi conto, il lupo nero mi venne addosso, montandomi e smisi di mangiare... lascia che te lo dica!

Comunque hai ragione, mi avrebbe fregato! Ho gridato, ma voglio dire che ero nel mezzo di un branco di lupi, in una foresta probabilmente a molte, molte, molte miglia di distanza dalla più remota popolazione umana. Inoltre lui era un grosso lupo, io ero una giovane donna snella... non c'era alcuna possibilità che lo costringessi ad andarsene. Ha pungolato per qualche secondo prima di trovare la mia figa e infilarmi dentro il suo grosso e grosso cazzo da lupo. Beh, in realtà è diventato grosso dopo che è stato dentro di me, allungandomi, pulsando mentre lui si spingeva e si sparava dentro di me. Sentivo il suo seme caldo germogliare nel profondo di me, gemevo e mi dondolavo sotto il suo peso. Ma per qualche strano colpo di scena o altro, il fatto che lui mi scopasse mi ha fatto sentire... selvaggio. Questa era la mia fantasia, essere scopata da un lupo feroce, presa come la cagna che segretamente desideravo essere. Ho ricominciato a mangiare, sapendo che dovevo essere forte, recuperare le forze. Il sangue mi schizzava sul viso e sul seno, il suo seme caldo mi schizzava nel grembo, ho raggiunto l'orgasmo e ho urlato. Sapevo che gli altri lupi stavano osservando incuriositi che uno di loro si accoppiasse con questa strana creatura quasi glabra. Quando ebbe finito con me, e il nodo che ci teneva insieme in un'unione sudata e pelosa si ridusse, si tirò fuori e il suo seme fuoriuscì dalla mia figa pulsante, dolorante e tesa. Sono crollato, le gambe tremanti mentre guardavo e vedevo Black (come ho iniziato a chiamarlo in modo creativo) leccargli il cazzo per pulirlo. Ho provato a muovermi, ma non ci sono riuscito. Sapevo che dovevo farlo, il branco avrebbe aspettato per sempre ma... dannazione! E poi ho capito come dovevo apparire. bocca e seni imbrattati di sangue fresco, un ventre pieno di carne cruda di una preda, un grembo pieno di caldo seme di lupo e una figa ancora gocciolante. Mi sentivo sporca e tuttavia... soddisfatta. Selvaggio e caldo. Black venne da me e cominciò a leccarmi la figa e le cosce. Dopo qualche minuto mi sono ripulito, sentendo la sua lingua ruvida che mi faceva di nuovo caldo, ma allo stesso tempo una parte di me si rendeva conto che lo stava facendo puramente come pratica di pulizia, non come qualcosa di sessuale. Una volta soddisfatto, mi diede una gomitata e poi trotterellò via verso gli altri.

Mi sono subito inginocchiato, sono strisciato fino al ruscello e ho bevuto a lungo. Poi mi alzai tremante in piedi e barcollai dietro di loro. Dopo pochi minuti ero di nuovo robusto sulle gambe, seguendo il branco. Questa volta Black rimase vicino a me, proteggendomi, vegliando su di me. La mia faccia è diventata rossa, ero arrossata all'idea che questo animale selvatico mi trattasse come la sua cagna. Non ero sicuro del motivo per cui li seguivo ancora... era l'idea di una fantasia che diventava realtà? Le prospettive di un sesso più caldo, selvaggio e da lupo? Non lo so... ma li ho seguiti dove mi portavano, osservando la corporatura slanciata e potente di Black, e non potevo smettere di immaginare il suo grande corpo su di me, il suo cazzo caldo e pulsante che mi martellava... mi sono ritrovato a ricevere bagnato durante la passeggiata, e non ho potuto resistere a strofinarmi la figa, i miei capelli scuri e bagnati dai miei succhi. I miei capelli castani sono arruffati e spettinati. Ci siamo fermati poco dopo, veramente di giorno ormai, e per quanto volessi stare con lui, per qualche motivo non mi era permesso. Sono stato tenuto lontano dalle altre femmine del branco e mi sono rassegnato a rannicchiarmi con loro, i miei pensieri e sogni pieni di potenti corpi pelosi e feroci occhi dorati.
Il percorso non è stato facile per me. Per prima cosa, avevo freddo. Mentre al momento del mio "cambiamento", come cominciavo a intenderlo, spogliarsi sembrava una buona idea, in seguito non è stato più così. Ma cosa potrei fare eh? Ho continuato a muovermi, sperando che il tempo cambiasse. Almeno è stato piacevole durante il giorno, altrimenti non credo che dormirei mai. Non sono mai andato a caccia, ma Black mi ha sempre portato abbastanza cibo. Io perché sono abituato al sapore della carne cruda e la divoravo con lo stesso gusto di tutti gli altri lupi. Di solito era dopo che mi ero nutrito, sentendomi un po' selvaggio e schizzato di sangue, che Black mi montava. Non ho mai resistito, lo volevo così tanto che lo desideravo. Adoravo il suo sperma caldo che mi riempiva, uscendo da me quando scivolava fuori, così sporco eppure erotico. Era un grande cacciatore e so che le altre cagne sembravano gelose di me, ma per qualche ragione non hanno mai messo in discussione il mio posto come sua cagna. Sì, mi definivo la sua puttana. Non vedo davvero nessun altro modo per dirlo. Ero suo, era ovvio che mi reclamava. E anche se non potevo sopportare cuccioli, potevo almeno dargli una soddisfazione fisica primordiale e lussuriosa.

Giorni di duro lavoro fisico e carne cruda sembravano tonificare un po' il mio corpo. Mi sentivo più forte e amavo quella sensazione. Il mio corpo era un po' rosso dal sole, ma mi stavo abbronzando. I miei capelli castani erano un disastro e fastidiosi. Avrei voluto avere un coltello con cui tagliarlo. La mia fortuna è stata con me, però, il giorno dopo, ho trovato una roccia abbastanza affilata e, dopo aver soddisfatto Black, mi sono strappato i capelli. Una volta amavo le mie lunghe ciocche, ma ora erano un ostacolo. Mi tagliai selvaggiamente i capelli fino a renderli corti e frastagliati sopra le spalle. Non era attraente, ma come se fosse importante, giusto? Successivamente ho portato con me la roccia affilata e l'ho usata per tagliare la carne. Ha reso le cose un po' più facili.

Alla fine una sera ci fermammo, ed era ancora troppo presto per fermarci, quindi ho pensato che dovevamo essere arrivati ​​​​ovunque fosse diretto il branco. Era una zona rocciosa, il che mi rendeva le cose difficili anche se i miei piedi erano callosi e si stavano indurendo. Ho seguito Black fino a una piccola grotta, dovendo chinarmi per entrare. Una volta lì mi ha spinto a terra, e ammetto che avevo un po' paura, il suo caldo alito da lupo mi veniva in faccia mentre giacevo sulla schiena guardando i suoi feroci occhi dorati. Ma invece di mordermi mi leccò la faccia. Mi ci è voluto un secondo per realizzare che non sarei stato mangiato e ho iniziato a ridere e a dimenarmi contro il suo corpo forte e muscoloso. Adoravo la sensazione del suo pelo ruvido contro la mia pelle nuda, e questa era la migliore. Ha abbassato la testa e ha iniziato a esaminare il mio seno. Erano una novità per lui, qualcosa che le normali femmine di lupo non hanno. Lui li leccava e li strofinava e io gemevo, i miei capezzoli erano comunque duri quasi sempre, ma ora pulsavano di lussuria. Lo volevo, tantissimo. Ma lui continuava a giocare con il mio seno, a mordermi dolcemente, a leccarmi i capezzoli. Non potevo più trattenerlo e venni, dimenandomi e inarcando il mio corpo contro il suo, gemendo forte. Sembrava che gli piacesse e si allontanò. Sapevo cosa voleva e mi sono alzato carponi, non che avessi molte opzioni in questa piccola grotta. Ma poi mi montò e mi costrinse la parte superiore del corpo a scendere sul terreno ghiaioso, ringhiando come se aspettasse di vedere se lo avrei sfidato.

Certo che no, ero la sua puttana, aveva bisogno di soddisfazione ed era mio dovere dargliela. Ma era duro, le sue spinte potenti costringevano il mio corpo a grattare contro il terreno, i miei seni eccitati e sensibili si sfregavano violentemente contro la ghiaia e la terra finché non urlavo e gemevo in un misto di dolore e piacere di cui cominciavo a godere. Quando si è compiaciuto nel mio corpo, e il suo nodo gli ha permesso di uscire, ho ansimato e gemuto, perdendo ancora una volta il suo fluido. Un po' più tardi, quando avevo voglia di muovermi, uscii dalla caverna di Black, come immaginavo fosse, e trovai il branco fuori nel tempo libero. Trovai un ruscello lì vicino e mi misi a bere. Dopodiché sono tornato al branco e mi sono sdraiato in una comoda compagnia, strano a dirsi per un branco di animali selvatici, lupi niente meno. I miei pensieri erano sparsi e nervosi, passavo da un'idea all'altra. Mi chiedevo se sarei mai tornata alla civiltà. Poi un pensiero più oscuro... un po' più spaventoso è stato che non potevo decidere se volevo tornare indietro o no. La vita che stavo vivendo, Black... era inebriante ed eccitante, erotica e piacevole...

Mi svegliai con il dolce strofinamento di Black sul mio seno, con l'odore ricco e potente di un pasto, con il sapore piccante del sangue, e con l'acquolina in bocca per la fame. Non avevo il mio coltello da roccia, era nella grotta. Mi sono accontentato dei miei denti, smussati come sono, che lacrimano e ringhiano come gli animali con cui avevo compagnia. Dopo aver finito il pasto mi sono strofinato con Black e ho iniziato un incontro di wrestling sportivo. Ovviamente ha vinto, ma c'è stato un buon allenamento, tanto sudore e ringhi tra noi due che quando mi ha bloccato sulla schiena, si è tolto e mi ha infilato il muso tra le gambe dove ero eccitato e probabilmente avevo un buon odore lui. Ero pronto per il suo cazzo in pochi secondi e non pensavo per niente al fatto che Black stesse scopando la mia figa calda e bagnata in mezzo al branco, femmine e maschi allo stesso modo guardavano o no. Urlavo e ringhiavo per la mia brama di sentire tutti e mi divertivo quando Black si consumava in me, il suo respiro caldo contro il mio collo. Dopo il nostro accoppiamento si è ritirato nella grotta e io l'ho seguito lentamente come una brava cagna, rannicchiandomi con lui mentre scivolava nel sonno, e presto mi sono unito a lui.
La mattina dopo mi svegliai infreddolito, perché per prima cosa ero nudo. Il che in realtà era abbastanza comodo, almeno nella natura selvaggia dove nessuno può vedermi. In secondo luogo, era perché ero solo. E ho scoperto che non mi ero adattato così bene al terreno roccioso come pensavo. Ero dolorante e, mentre strisciavo fuori dalla caverna e mi alzavo, sussultai e caddi di nuovo in ginocchio. Forse potrei strisciare per un po'... farmi scorrere il sangue.

Strisciando in giro, cercai con ansia Black. Ero preoccupata, se n'era andato e lo ammetto, mentre io mi sentivo più a mio agio con i lupi visto che viaggiavo con loro da tanti giorni, ma lei si sentiva più a suo agio con Black intorno, era un po' il suo scudo. E senza di lui lì si sentiva più esposta di quanto nemmeno la sua nudità potesse renderla. Più vulnerabile. Le sue ginocchia erano rigate, le sue mani e i suoi piedi erano ruvidi ma in realtà cominciavano a crescerle dei calli, il che era un bene perché il terreno non era adatto alla carne. Mentre camminavo nervosamente, osservavo le altre femmine e i maschi del branco. Mi osservavano, alcuni più di altri. Uno dei maschi in particolare, argentato con macchie marroni. Fece un sorriso da lupo con i denti aguzzi e io corsi di nuovo alla grotta. Forse Black stava solo cacciando, sì... proprio così, semplicemente cacciando. Rimasi fuori dall'imboccatura della grotta, alla fine alzandomi e camminando avanti e indietro per mantenere i miei muscoli agili. Poi torniamo a sdraiarci.

Era metà pomeriggio, o almeno così immaginavo, quando Black ritornò. Mi ha svegliato da un pisolino nel caldo. Il mio corpo era caldo e appiccicoso di sudore ma non mi importava, era tornato! Ero così felice! Mi sono alzato e l'ho strofinato, leccandogli il naso e strofinandomi contro. Non posso credere che fossi così eccitato, voglio dire, era un lupo, giusto? Solo un animale? Ma nel corso dei giorni di viaggio, è diventato di più. Voglio dire, mi sono donata a lui, questo deve significare qualcosa di giusto, anche per un lupo. Fu solo dopo il suo ritorno, leccando e strofinando il muso, che notai che era effettivamente andato a caccia. C'era una coscia di cervo lì vicino, e potevo vedere un paio di altri maschi, più l'Alfa, con un altro cervo intero, lasciato a chi era rimasto. Sapevo che mi aveva portato la coscia e il pensiero che mi avesse portato un "regalo" era così dolce nella mia mente. Ero piuttosto affamato e mi accucciai con gusto. Black si avvicinò a me, leccandomi il fianco e i seni mentre si dondolavano durante la mia poppata affamata.

Dopo aver riempito la pancia mi sono sdraiata di nuovo, e Black ha continuato a leccarmi il corpo sudato, la sua lingua ruvida mi faceva formicolare il corpo, il mio respiro accelerava mentre scorreva sulla mia pancia, sulle mie cosce, sul mio seno. Oh Dio, quella lingua ruvida sul mio seno era incredibile. Mi contorcevo e gemevo, mordendogli il collo. Ero vivace dopo aver mangiato. Il ricco profumo ramato del sangue nel naso, il rossore appiccicoso sul viso e sul petto... mi sentivo vivo e affamato di qualcosa di più della semplice carne. Ringhiai scherzosamente, dando un calcio al suo corpo. Ha risposto in tono gentile, lanciandomi facilmente. Si è passati al wrestling. Molti ringhi, finti morsi. Anche se in realtà ha lasciato qualche segno di denti, non mi importava, mi è piaciuto. Alla fine mi ha bloccato e io ho alzato lo sguardo, sbattendo gli occhi e accarezzandogli il collo con amore. Volevo che il cazzo che potevo vedere iniziasse ad emergere. Il wrestling deve essere stato eccitante e non ha nemmeno aspettato che mi mettessi a quattro zampe. Il suo cazzo si spinse dentro di me, le mie gambe e le mie braccia furono alzate, le gambe aperte. Spingendo forte e velocemente dentro di me si gonfiò, riempiendo la mia figa bagnata, e il suo seme sgorgò caldo nel mio grembo.

Mi stava strofinando il muso e mordicchiandomi il collo e il seno. Ho avvolto le mie braccia attorno al suo grosso corpo peloso mentre mi scopava, e mi è piaciuto tantissimo, scontrandomi contro di lui. Quando si fu soddisfatto, il suo respiro caldo contro il mio viso mentre aspettavamo che si rimpicciolisse abbastanza da liberarsi. Ma personalmente mi piaceva essere legata a lui, unita al suo cazzo grosso e caldo. Si appoggiò sopra di me e io seppellii la faccia nel suo collo, pensando a quello che mi era successo, a cosa stavo diventando ogni giorno in cui restavo qui, a ogni pezzo di me crudo di cui mi rimpinzavo. Ogni volta aprivo le gambe e riempivo il mio grembo del suo seme caldo.
...di nuovo sotto la luce della luna nel prato. Gli ultimi ricordi risalgono a giorni fa. Nulla era cambiato o qualcosa da allora in realtà. Il motivo per cui ero qui era perché avevo bisogno di tempo da solo, tempo per pensare e semplicemente essere... solo. Non che fosse un grosso problema. Il mio compagno era soddisfatto sia dal cibo che dal sesso. Anche io, immagino, mi ero assicurato di coccolare e viziare il mio dolce Black finché anche la sua grande resistenza animale non fosse stata esaurita. Nessun gioco lo avrebbe reso rigido per un po', e stava dormendo nella grotta. Nel frattempo anch'io ero sazio e pieno sia di carne che di semi*arrossisco*. Mi alzai, stiracchiando i muscoli irrigiditi, sbadigliando, la mia voce era diventata rauca. Trottando facilmente verso una sorgente vicina, bevvi rapidamente a sazietà e mi sedetti a guardare i boschi di notte. L'oscurità non era più così spaventosa, dopo esserne stata immersa per così tanto tempo. La mia visione notturna era leggermente migliorata, soprattutto perché avevo cominciato ad abituarmi alle forme notturne, il che mi aiutava a vederle o a riconoscerle la volta successiva.

Tornai alla radura, massaggiandomi la pancia nuda, triste. Tante volte è entrato in me. Così tante volte mi sono sentito pieno fino a scoppiare del suo seme caldo in tutti questi giorni. Eppure, non importa quanto seme sia sgorgato dentro di me, non ha mai avuto successo. Questo era davvero il problema, il mio problema. Potevo già dire che la femmina alfa era con i cuccioli, dal modo in cui si comportava, tutti si comportavano. Lo volevo. Quell'attenzione, quella sensazione. Volevo dargli quello che sapevo che cercava, cuccioli. Crollando sull'erba morbida del prato cominciai a piangere, singhiozzando nell'oscurità. Perché! Lo amavo, ancora non capisco perché ma sì! Eppure non posso fare la cosa più importante che il compagno di un lupo debba fare, i cuccioli di orso! Mi rotolai sulla schiena, con le mani sulla pancia e fissai la luna con gli occhi velati di lacrime. "Per favore... voglio solo... voglio dargli dei cuccioli... Dio, non ho la minima idea di cosa sto facendo, non sono religioso. E diavolo, dopo quello che ho fatto... nessuna religione perdona la zoofilia ne sono abbastanza sicuro... comunque non è questo il punto. Non ho davvero idea di cosa fare. Io... dovrei semplicemente andarmene. Potrei... potrei ritrovare la strada per tornare a gente, tornate a casa...tornate alla mia vita..."

Ho ricominciato a singhiozzare. Era inutile, non volevo lasciarlo. È stato pazzesco ma non l'ho fatto.

Non mi ero mai accorto di essermi addormentato finché non ho sentito il naso freddo e umido contro il mio fianco, che mi dava una gomitata lentamente. Quando ho aperto gli occhi ho visto che era Black, era venuto da me, preoccupato, suppongo. Mi sono girata e lui mi ha leccato la faccia. Non potevo fare a meno di ridacchiare e leccargli in risposta, grattandogli il pelo spesso. Fu allora che notai che si irrigidiva e sorrideva ancora di più, ecco perché! E pensavo che fosse preoccupato! Ho riso, mi sono strofinato naso contro naso e sono strisciato via. Abbiamo partecipato a un incontro di wrestling e ovviamente ha vinto. Ma l'ho lasciato vincere, l'ho fatto. Lo giuro. Strisciando su mani e ginocchia, ho aperto di più le gambe per lui e non c'era bisogno che me lo chiedesse. Mi sono sostenuto contro il suo peso sul mio corpo, le sue zampe attorno alla mia pancia e il suo cazzo che si spingeva dentro di me. Era così bello, caldo e rigido, la sua pelliccia contro il mio sedere nudo e le mie cosce... ho sorriso quando ho sentito il primo spruzzo del suo seme caldo nel mio grembo. Ancora e ancora e ancora. Ho urlato di piacere e presto ho cominciato a venire, la mia figa ha munto il suo grosso cazzo per tutto quello che aveva mentre sentivo i miei succhi fuoriuscire intorno a lui. Quando finalmente si tirò fuori crollai, contento e stanco. Rannicchiandomi accanto a lui mi addormentai quasi subito, senza preoccuparmi dei succhi appiccicosi lungo le mie cosce, avrei potuto pulirmi più tardi...

La mattina dopo mi svegliai nauseato, con lo stomaco in subbuglio. Mi sono liberato dalla massa protettiva di Black e ho fatto solo pochi metri prima di vomitare la cena di ieri sera. Quando ebbi finito mi asciugai la bocca, stringendomi la pancia. Cos'era questo? Non mi sono mai ammalato prima e mangio carne da settimane... cosa...?

No, era impossibile. Mai...non potrebbe...no. nonononononono! Avevo gli occhi spalancati, scioccato...non poteva essere? Ero... ero incinta? Con i cuccioli? Io...non potevo crederci! Urlai e Black si svegliò di soprassalto. Cominciò a venire da me ma io per prima mi avventai su di lui, leccandolo, mordicchiandolo e ridendo. Non vedevo l'ora...ero incinta!
Nei giorni successivi ho iniziato a imparare come adattarmi alla gravidanza. Non avevo ancora la pancia gonfia, anche se quel pensiero era nella mia mente quasi tutto il tempo. Si trattava più di affrontare la nausea mattutina. E il dolore ai miei seni, anche quello era brutto visto il modo in cui sussultavano e rimbalzavano da quando ero nuda qui fuori.

Il nero era tenero con me. Penso che in qualche modo avesse percepito la mia gravidanza, e questo sembrava offrirmi la maggior parte delle cure del mondo ai suoi occhi. Il che in realtà non era un gran cambiamento. Ammetto che ultimamente mi sentivo come... come una sanguisuga sul branco. Voglio dire, non ero un cacciatore, quindi tutto quello che facevo era andare in giro, dormire o accettare dentro di me il grosso cazzo di lupo del mio amico Black. E ora mi ha messo incinta. Ho riso un po' per questo. Essere messo incinta... da un lupo! Ero fuori e avevo appena saziato la mia fame con un pezzo di carne scelto. Black stava dormendo lì vicino, e io mi massaggiai teneramente la pancia, fantasticando che si gonfiasse, si gonfiasse rotonda e grande con i cuccioli...

Mi svegliai di soprassalto, un sussulto nauseante mentre mi giravo e lanciavo quel delizioso pasto. Guardarsi intorno al branco era attivo e il sole era più basso. Avevo dormito per un bel po', immagino. Alzandomi, tornai alla grotta per rannicchiarmi nell'ombra fresca, sentendomi un po' male, con il seno e ora con le caviglie doloranti. Dannazione, la gravidanza non sarebbe stata divertente qui... e il parto... oh Dio!
I giorni sono passati abbastanza velocemente, senza incidenti. Ho iniziato a diventare più rotondo ed è stato strano. Voglio dire, camminare è diventato un lavoro ingrato quando la mia pancia ha cominciato a crescere. In realtà ho trovato che stare a quattro zampe fosse un po' più facile e ho cominciato a camminare in questo modo. È stata un'esperienza. Sentire l'attesa della mia pancia gonfia, del seno gonfio e pieno di latte... era strano. Voglio dire, prima di tutto questo... il pensiero di essere incinta non mi era mai passato per la testa. Voglio dire, lo faceva solo quando vedeva una donna e il suo bambino, o una donna incinta. ma più come, "Huh...forse sarò io un giorno." ma quando l'ho pensato, non pensavo che sarebbe successo così presto!

Ma eccomi qui, a vivere di carne cruda e delle poche bacche che ho racimolato. Nuda e selvaggia, e ora incinta dei cuccioli di lupo del mio compagno... a volte mi sento semplicemente... sopraffatta quando ci penso. Strisciando di nuovo nella caverna che condivido con Black, l'ho trovato lì ad aspettarmi. Mi leccò la faccia e io sorrisi, leccandolo a mia volta. Sdraiato, riposando il mio corpo stanco e rigonfio. È venuto e mi ha leccato la pancia e io ho tubato con lui. Mi è piaciuto quando lo ha fatto. Strofinarmi e leccarmi la pancia è stato così bello, e ho immaginato come saremo insieme quando nascerà la nostra cucciolata.

Alla fine si è rannicchiato contro la mia pancia e io ho appoggiato la testa su di lui, piangendo felice.

Per pura coincidenza, anche la femmina Alpha era incinta. E nel gruppo cominciò a succedere la cosa più strana. Le altre femmine hanno iniziato ad allattare. Immagino che avesse qualcosa a che fare con la gravidanza della femmina alfa, ma... era così strano. Non saprei dire se avrei avuto la stessa reazione, dato che ero già incinta da quasi un mese. Un giorno me ne sono andato per stare da solo, con la figa che pulsava a causa del suono che Black mi ha dato. Pensavo che non avrei potuto fare sesso mentre ero incinta, avevo paura di cosa sarebbe successo. Ma non potevo davvero fermare Black e lo amavo. Il suo corpo duro e potente che premeva contro di me... era fantastico. E beh, aveva ancora bisogno di essere soddisfatto. E voglio dire, non ero ancora enorme, semplicemente arrotondato. Quindi andava bene, per ora. Capirò cosa fare riguardo ai suoi bisogni sessuali quando sarà il momento.

Comunque, stavo vagando e c'è stato un ruggito. Alla mia destra, dal sottobosco, uscì un enorme orso. Ero pietrificato. Lasciatemelo dire ancora una volta, pietrificato. Giuro, penso di essermi incazzato addosso... ma non ne ero sicuro. L'orso ruggì, fissandomi. Non sapevo cosa fare...ho continuato a fissarlo per qualche secondo prima di voltarmi, i suoi occhi erano troppo spaventosi. Il mio corpo tremava mentre mi piantavo, a quattro zampe, proprio lì a terra. I miei pensieri, però, riguardavano i miei cuccioli. Cosa succederebbe? Dovevo...dovevo proteggerli, giusto? Oh Dio...ma un orso? Non lo so!
Ero spaventato. Un enorme orso non era molto lontano da me, impennandosi e ruggindo rumorosamente mentre tremavo a quattro zampe, o tre in realtà perché istintivamente avevo un braccio arricciato attorno alla mia pancia gonfia. Non riuscivo a smettere di tremare, la mia mente correva come un matto, eppure non riuscivo a capire cosa fare. Giuro che ero a pochi secondi dall'essere così consumato da non ricordare nemmeno il mio nome. Voglio dire, essere così vicino a un orso... così enorme! Così spaventoso!

L'orso si rimise a quattro zampe e pensai che sarebbe venuto verso di me, uccidendomi. Invece si udì questo suono forte, che con mio timore, il cervello consumato, registrò pochi secondi dopo come uno sparo. L'orso si dondolò, ruggì e si allontanò da me, correndo di nuovo nel sottobosco. Caddi sul sedere, stringendomi la pancia, ansimando forte. Il mio corpo era lucido di sudore e ancora una volta mi ci vollero alcuni secondi per capire cosa significasse uno sparo. Ciò significava una persona, un cacciatore. Mi sono seduto lì, confuso sui miei sentimenti. Una parte di me voleva restare lì, ad aspettarlo. Voglio dire, ovviamente il cacciatore sapeva dov'era e sono sicuro che mi avrebbe aiutato a uscire dalla foresta. Ma cosa significherebbe per i miei cuccioli? Non potevo nemmeno pensare di non prendermi cura di loro. Ma intendo... gli esseri umani, la civiltà. Pizza. Dentro di me desideravo queste cose, ma poi l'altra parte di me, la parte selvaggia e animalesca di me voleva scappare, tornare di corsa nel branco dove sarei stato al sicuro con Black e gli altri. Lo amavo, e una parte di me apprezzava anche la foresta selvaggia in cui vivevo ormai da così tanto tempo. Ho sentito dei suoni, dei passi che calpestavano la foresta, avvicinandosi a me.
Edgar Morris era seduto a un tavolo traballante nell'unico bar della cittadina ai piedi della montagna. Sorseggiando la birra la posò, guardò i suoi due compagni e sorrise. "Ti sto dicendo, c'era una donna nel bosco, nuda non meno. Ero appena arrivato dove era l'orso quando ho visto un rapido lampo tra gli alberi e ti sto dicendo che era una donna. Io Non ho avuto un aspetto abbastanza buono per scoprire cosa le piaceva. "

I suoi amici risero, abbattendo le loro birre e agitando la cameriera per portarne un'altra. Uno dei suoi amici, Geoffry disse: "Ci stai solo raccontando questa storia alta perché non hai mai trovato quell'orso, anche se hai affermato di fare un buon tiro. Ammetti solo che stai mentendo. È stata una storia divertente, ma tu Non può essere serio. Una donna nuda nei boschi? E lei corse da te? Sì, giusto. "

Edgar scosse la testa, diventando frustrato. Aveva cercato di convincerli, ma sembrava che fosse senza speranza. "Bene, credi a quello che vuoi, ho finito qui." Ha schiaffeggiato alcune bollette sul tavolo e decollò, salindo sul suo camion e tornando in hotel dove alloggiava per il resto del fine settimana.
Ero tornato al branco, inciampando un po ', ansimando e sudando per sforzo. Non mi sono fermato fino a quando non sono stato rannicchiato, per quanto mi permettesse la mia pancia sporgente, nella nostra grotta. Il nero era c'era uno strofinato e leccato il mio corpo ricoperto di sudore ma non ho risposto, ero ...

Avevo scappato dal cacciatore, dall'umanità. È stata una grande decisione, stava cambiando la vita e non riuscivo a capire cosa significasse. Avevo rinunciato alla mia umanità laggiù. Sì, potrebbe esserci un altro cacciatore, un'altra persona, ma era ancora questa prima volta, data una scelta, avevo scelto i lupi e il mio compagno. Le mie braccia si sono arricciate intorno alla pancia rotonda e ho pianto. Non ero sicuro di cosa dovessi essere triste, ma lo ero, per qualcosa. Non è stato che ho rinunciato all'umanità esattamente ... non ne sono sicuro. Forse ero solo stanco e stressato. Era buio quando ero tornato indietro e Black ha lasciato a cacciare con gli altri. Sono rimasto rannicchiato nella nostra grotta, rosicchiando a malapena la carne che mi ha riportato. A volte vorrei che potesse parlare. Oppure potrei "parlare" il lupo. Un modo per comunicare ciò che è accaduto, l'orso, il cacciatore ... la mia decisione.

Il giorno successivo uscii dalla grotta, strisciando verso il centro dove venivano raccolte alcune delle altre femmine. Venne da loro e venne da lei, sciogliendo e leccando il viso in saluto che tornò con impazienza, sorridendo al caldo saluto dalle altre femmine. Rimase con loro, giocando tanto quanto la sua pancia permessa. Alla fine si inchinò, allungandosi e sorridendo mentre le femmine continuano la loro leggera lotta. Una delle femmine, un mix d'argento/bianco le si avvicinò e le sfuggì la pancia, poi leccò il viso e lei sorrideva, restituendo il saluto. La femmina che ho iniziato a chiamare Cloud (non lo so ... non lo ha fatto), si è sdraiata con me, mantenendomi compagnia, suppongo. È stato bello avere un compagno, anche se non potevo davvero comunicarle le cose.

Quando Black tornò più tardi, mi sentivo meglio, di buon umore. Cloud ha aiutato, era una femmina dolce, gentile come un lupo selvaggio può essere e le sue buffonate con le altre femmine mi hanno fatto ridere. Così quando ho visto Black tornare, l'ho incontrato nella nostra grotta e ho condiviso un pasto ripieno, poi lo ho tirato fuori e ho reso evidente che volevo fare sesso. Era più che desideroso di soddisfare quel desiderio e montò il mio corpo gonfiore, pompando e ringhio appassionatamente. Ho ululato di piacere, qualcosa sull'essere rotondo con i suoi cuccioli e tuttavia essere stato preso e scopato da lui ... ha reso il sesso molto meglio.

Dopo il nostro amore caldo siamo tornati nella nostra grotta per rannicchiarsi e pulire noi stessi e riposarci. Non ero estremamente stanco, dato che avevo riposato la maggior parte della giornata, ma potevo dirlo dopo la sua caccia di successo e il suo accoppiamento appassionato, il mio amore era pronto a rilassarmi, e come suo compagno ero più felice di sfuggire e Leccalo, coccolandolo un po 'prima di arricciarmi contro di lui e riposarmi.
Le prossime due settimane non furono eventi per me. Sono diventato più grande, quindi anche strisciando a quattro zampe era abbastanza travaglio, la mia pancia enorme e bulbosa. Ammetto di non essere sicuro di come sarei stato in grado di far fronte all'ampio, e così grande, ma presto scoperto che essere incinta era una buona cosa. Non dovevo più fare niente. Io e la femmina Alpha eravamo le uniche puttane incinte (hehe, ho iniziato a riferirmi a me stesso come una cagna, dato come sono un compagno di un lupo, quindi perché no?). Le altre femmine ci sono punteggiate e entrambi i nostri compagni si sono assicurati che fossimo ben nutriti. Io e la femmina Alpha abbiamo tenuto la compagnia a vicenda abbastanza frequentemente. Se mi stavo crogiolando al sole o all'ombra con lei, stavo sdraiato con Cloud, che dava le mie circostanze, era la cosa più vicina che avevo a un amico qui. Ho adorato il mio compagno, ma comunque un amico è sempre gentile.

Sono passati circa due mesi. Sapevo che i cani e i lupi normalmente erano alla fine della loro gravidanza ora, ma non mi sentivo ancora come se avessi finito. La femmina Alpha aveva almeno un altro mese e metà da percorrere. Una parte di me desiderava che potessimo scambiare, e io parlo dopo solo per guardare la parto, perché per uno non avevo mai partorito. E due, sicuramente non avevo mai dato alla luce i cuccioli di lupo. Volevo solo che tutto andasse bene, non so cosa avrei fatto se morissero perché ero una madre incompetente di nascita ...

Ho spostato la mia incredibile massa sulle mani e sulle ginocchia e strisciai alcuni passi alla tonalità più fredda dove la nuvola era ansimando. Le ho toccato il naso in saluto e sono caduto su un fianco, ansimandomi a causa del calore e del mio peso, il mio corpo umido di sudore. La nuvola era dolce a leccare il viso e la pancia, e il suo muso si è spazzolato contro il mio seno gonfio di latte e gemevo, dannatamente erano sensibili. Cloud indietreggiò, seduto e ansimando, guardandomi con i suoi occhi dorati. Ammetto che è stato bello ... ma imbarazzante. Mi sentivo strano nel gettare con lei con lei dopo, e Waddle ha strappato la mia massa nella nostra grotta, dove ho aspettato che il nero tornasse. Dopo aver divorato il mio pasto era il più dolce da portare, l'ho attirato e lasciargli montare la mia massa. Ho pensato che gli umani avessero fatto sesso bene in gravidanza, perché i lupi e gli umani non possono fare bene? Quindi, mentre si spingeva forte e veloce, le gambe anteriori non erano in grado di avvolgermi la pancia, ma mi sentivo così bello sentirmi riempirmi e spingere dentro di me ancora e ancora, gonfio e stretto, la mia pancia rotonda oscillava. Quando ebbe finito, e il suo nodo si sdrogava per scivolare il nostro sdraiato, consumato ma spostato per leccare il suo cazzo pulito per lui, succhiando delicatamente per pulire il suo albero caldo fino a quando non era bagnato solo con la mia saliva. Dopodiché ho posato la testa e ho fatto un pisolino.
Quasi tre mesi ormai, la mia pancia era così grande ... Mi sono stancato così facilmente ora che non mi sono mosso molto. Gli altri erano gentili con me e coccole. Anche se a volte volevo solo essere solo e dovevo scattarla per convincerla a lasciarmi. Oggi ho trovato il mio bighellone alla luce del sole calda, pacifica e divertente.

Devo essermi appisolato, perché il dolore mi ha snellito, il dolore nella pancia. Il mio primo pensiero fu che i cuccioli fossero in pericolo ma ... no. Questo era diverso questo era ... potrebbe essere? È ora? Ho cercato di arrivare in piedi ma le contrazioni sono iniziate, afferrandomi, doloroso. Urbai, e improvvisamente nuvola e le altre femmine erano lì, persino l'Alfa, che mi circondava. Cloud mi sfruttava e mi leccò il viso inzuppato sul sudore.

Questo era così intenso, il dolore! Ero sulla schiena, urlando e ululando, cercando di respirare, cercando di spingere o qualcosa del genere! Non sapevo nulla della gravidanza, figuriamoci di parto per i cuccioli di lupo! Convulsi, urlando ... e poi ...

Ho svegliato un debole suono mewling. Sorpreso, mi sono sorpreso la testa e ho visto, tra le gambe, due cuccioli mewling, non così attraenti ma ... erano miei ... i miei cuccioli, i miei bambini ...
Ma non era ancora finita. No, potevo sentirlo, loro ... dentro di me. Ho urlato e spinto, desiderando di essere rimasto oscurato. Ho schiacciato e spinto e prima che me ne rendessi conto ho visto un altro piccolo cucciolo bagnato emergere. Era spaventoso ma ... emozionante, voglio dire che stavo partorito! Dopo alcuni minuti di ansiming, è tornato, e dopo molte spinte e urlando, è uscito un altro. Dopo di che mi sono appena sentito vuoto, era finita ... sono rimasto indietro. Ma ... i miei cuccioli! Ho lottato e mi sono rivolto ai miei quattro cuccioli, che cloud era confuso e pulito. Mi sono spinto delicatamente dentro, leccando i miei quattro cuccioli puliti, così stanchi però ... così stanco ...

Ho dotato di nuovo, devo, ma quando mi sono svegliato era per il mewling fresco sano dei miei cuccioli. Devo essermi arricciato intorno a loro, mi è piaciuto guardarli così tanto! Avevo due ragazzi e due ragazze, le ragazze si muovevano verso il mio seno e si muovevano un po 'in modo che potessero raggiungerlo. Mi è sembrato strano quando la mia prima figlia mi ha spazzato via il capezzolo, nutrendomi della mia tetta gonfia di latte. L'altra ragazza mi faceva la fame e l'ho sollevata delicatamente un po 'in modo che potesse mettersi all'altro seno, essendo dalla mia parte lei non poteva raggiungerlo normalmente. I due ragazzi sembravano dormire. Mi sono riposato, contento pacificamente di guardare le mie ragazze succhiare.
Una settimana di New Mother Bliss. I miei cuccioli erano cose dolci e rumorose, ma li amavo. Per lo più siamo rimasti nella grotta, nei cuccioli e io. Il nero era fantastico, mi ha cacciato come di solito, ma era anche una presenza calda e forte che mi è piaciuta.

I cuccioli erano affamati e combattuti spesso per il nutrizione delle mie tette, il che mi faceva sempre ridere mentre si arrampicavano l'uno sull'altro per nutrirsi da me. Mi ha dato una sensazione così incredibilmente calda averli sfocati sul mio seno gonfio, banchettando sul mio latte. Sapevo solo che sarebbero cresciuti tutti per diventare lupi forti e feroci, i miei figli e le mie figlie. Cloud venne da me molte volte e si sdraiava con me e i cuccioli, lasciandole arrampicarle su di lei con grande pazienza. È stata una buona cosa, perché mentre sono diventato più animale che umano, la mia carne era ancora una pelle tenera e, sebbene non abbia mai voluto scoraggiare i loro rosicchiando e ruvidi, la mia carne portava i graffi e i segni del morso. Ma su Cloud e il loro padre potevano giocare con il loro cuore contento nella fitta pelliccia dei loro cappotti.

Dopo una settimana però sono stato finalmente in grado di avventurarmi. Ero troppo preoccupato per lasciare i cuccioli per lasciare la grotta, ma dopo una settimana avevo bisogno di muovermi di più, allungare davvero gli arti. Ovviamente non sono andato lontano, quei cuccioli erano ambientali e sapevo che sarebbero stati tutti una manciata mentre crescevano. Ma per ora mi sono allungato e ululato al sole, godendomi la brezza. Black era lì e mi sono divertito molto a sfruttargli i saluti. Strofinandosi contro di lui, sapevo che non poteva resistere a me dopo una settimana di non essere in grado di soddisfarmi dentro di me e mi ha preso duro e rapido. Mi sono assicurato però la mia posizione e potevo facilmente guardare l'ingresso della caverna per i nostri cuccioli. Ma con il suo corpo grande e denso peloso in cima a me, e il suo grosso cazzo che si gonfia nella mia figa bagnata, ammetto di essere stato distratto. Gemane e ululando la mia brama per tutti sentirci accoppiati e accoppiati bene. Le sue spinte potenti e rapide dentro di me hanno scosso il mio corpo, facendo rimbalzare e ondeggiare il seno. Le sue zampe anteriori erano avvolte intorno alla mia vita e il suo respiro caldo contro la parte posteriore del mio collo era così stimolante.

Sono venuto per primo, di solito l'ho fatto, ma non era molto tempo da seguire e ululavo più forte per avere ancora una volta il suo potente seme caldo, il mio grembo era privo di esso per troppo tempo. Una volta soddisfatto e capace si è rimosso, lasciandomi tremare con il dolore degli effetti dopo l'accoppiamento. Il suo seme che mi dribblava e giù per le gambe, il mio corpo smorzato di sudore, tutto mi ha fatto amare di più. Mi voltai per lui e scivolò sotto il suo potente corpo sulla schiena, leccando il suo cazzo disordinato. Non ero sicuro se le puttane lo facessero normalmente per i loro compagni, ma non gli sembrava mai importare, e sentivo che gli dovevo come suo compagno e compagno per prendersi cura di lui come potevo.

Una volta pulito mi ha leccato il viso e si è alzato, per cacciare, ne sono sicuro, e sono tornato ai miei cuccioli, che erano tutti ammucchiati insieme in un nodulo semi-frugico nella parte posteriore. Li ho sfumati delicatamente e ho arricciato il mio corpo caldo e consumato intorno a loro per un pisolino da solo.
La vita stava andando bene. Stancante, ma bene. I miei cuccioli erano pavimenti, ma li ho tenuti in una linea abbastanza buona. Adoravano giocare con me e il nero, arrampicandosi su di noi in gioco. Ovviamente senza la fitta pelliccia, ho raccolto un numero di piccoli graffi e segni di morso, ma in realtà non era molto da quando io e il nero abbinano.

La cosa importante era la femmina Alpha partoriva, due maschi e una femmina. Erano cuccioli forti ed era interessante guardare un altro parto. Avevo troppo dolore durante la mia nascita per pensare davvero a ciò che stava accadendo, ma a guardarlo. Sembrava ancora doloroso, ma lei lo gestiva bene e il parto andava senza intoppi. Ho preso per stare con lei, portando i miei cuccioli. Stavano diventando tutti forti, e presto sarebbero stati fuori dalla tita, il che mi ha reso un po 'triste, perché mi è piaciuto farli da mangiare da me, mi ha fatto sentire così bene e vicino a loro. Ma ero orgoglioso di quanto fossero cresciuti ...

Alcune settimane dopo, però, c'erano problemi. C'era fumo nell'aria, e una delle femmine usciva e tornò, terrorizzata. Ovviamente non riuscivo a capire il lupo nonostante quanto di uno sarei diventato, quindi ho lasciato i cuccioli con la nuvola, anche se il branco sembrava ansioso. Affrettandosi nella direzione in cui la femmina andò, presto capii da cosa proveniva il fumo e avrei dovuto capirlo prima; fuoco! Runnando indietro, andai al nero, sfuggendo e cercando conforto nella sua grande forma, i cuccioli che mettono in mezzo e cadono intorno alle nostre zampe/piedi.
Gli alfa ululavano, e ho pensato che significasse andare dal modo in cui tutti si comportavano Ho dovuto muoversi il più velocemente possibile. Avevo paura però, intendo un incendio forestale! Sapevo che potevano essere pericolosi e l'odore di fumo era così potente, doveva muoversi velocemente. Speravo solo che saremmo stati lontani e fuori pericolo e fuori da qualsiasi possibile salvataggio e fuoco di fuoco ...
Eravamo affamati e stanchi, correndo dal fuoco. Ho cercato di dare a tutti i miei cuccioli la possibilità di essere trasportati e il nero di solito ne portava uno, ma era difficile, stavo segnalando, ma il peggio era che potevamo sentire un po 'di calore. Ad un certo punto siamo arrivati ​​a un terreno più alto e abbiamo visto il fuoco diffuso. Abbiamo anche visto gli equipaggi di salvataggio, e ad un certo punto c'era un elicottero ma non ci ho pensato molto, la mia prima preoccupazione erano i miei cuccioli.

Finalmente siamo arrivati ​​a una cima rocciosa per la montagna rocciosa dove potevamo riposarci, ma potrei dire se il fuoco è arrivato fino in fondo qui, potremmo essere circondati da Burning Forest! Ma ero troppo stanco e dolorante e mi sono sdraiato, lasciando che i miei cuccioli si alternano dal mio seno. Guardando intorno al branco ero felice di vedere che tutti erano ancora con noi. Il nero venne e leccò il viso e mi resi conto che ero coperto di sporcizia, sudore e fuliggine, mi sentivo così disgustoso, ma non c'era un corpo idrico vicino.

Trovare una caverna il branco nascosto all'interno. Era vicino, ma andava bene, dormire da vicino si sentiva bene e al sicuro dopo la nostra corsa straziante dal fuoco. Mi sono svegliato nel cuore della notte, e mi sono allontanato per liberarmi dai cuccioli e dai neri, facendo strada fuori. Quando sono uscito dalla grotta ho guardato fuori ed ero terrorizzato. Il fuoco non era molto vicino a noi, ma si stava ancora diffondendo. Non ho mai davvero pensato agli incendi boschivi quando sono venuto con i lupi, ad essere sincero non stavo davvero pensando molto immagino, ma ora ... avevo paura di me stesso e dei miei cuccioli, ma cosa dovevo fare ? Non potevo tornare nel mondo umano, non adesso. Ho amato il nero e so che se sono tornato non avrei mai più fatto sesso con un altro uomo, tutto quello che volevo era nero e il suo cazzo caldo e rigido. E i miei cuccioli, dovrei lasciarli, e questo mi spezzerebbe il cuore!

Ho camminato a breve distanza e mi sono sollevato prima di tornare alla mia famiglia per rannicchiarsi di nuovo, aderente contro tutta la pelliccia. Mi ci è voluto un po 'di tempo per andare a dormire, però, i pensieri del fuoco hanno mantenuto la mia mente irregolare.
Siamo stati sulla montagna rocciosa per il giorno successivo, i maschi si allontanano silenziosamente per cacciare il resto del branco. Il nero mi ha riportato indietro un coniglio, sembrava che i conigli fossero qui il punto fermo, ma mi sono strappato affamato, la gara dal fuoco aveva lasciato il mio stomaco vuoto e ho imbullonato quel coniglio rapidamente, strappando enormi pezzi di gocciolamento crudi, che li esagravano deglutire rapidamente per ottenere più carne. Anche i cuccioli stavano mangiando fortemente, combattendo e tagliando su un paio di conigli.

Una volta che il pasto era finito, mi allontanai fino al debole ruscello per immergermi e rotolare, pulindo il sangue e la pelliccia di coniglio da me stesso. Una volta pulito mi sono scuotendo e messo sull'erba della foresta morbida. Stavo risvegliando il mio ululato di nero vicino e scuotevo la testa, mi sono messo a piedi, trovando gli altri lupi che si allontanano dall'altra parte della montagna. Sembrava frenetico di nero, ma si stava allontanando una volta che vide che stavo venindo dietro di lui. Mi sono preso un momento per guardare indietro dove ero venuto e ho notato i percorsi di polvere e i suoni dei motori. Oh Dio, gente! Ma perché si stavano muovendo attraverso le rovine della foresta? Mi affrettai a Black e ai cuccioli, afferrando rapidamente Kaela, la "corsa" della cucciolata in bocca in modo che in quel modo non sarebbe rimasta indietro.

Presto è diventato evidente che ero in grande svantaggio con l'oscurità che ci ha shroud. Il suono degli uomini era una buona distanza, ma i lupi si muovevano. Abbiamo fatto irruzione in una radura solo per ascoltare il suono delle persone nelle vicinanze, decollando in una direzione diversa rispetto alla quale stavamo viaggiando. La piena oscurità era intorno a noi e mi sono imbattuto in un paio di volte, una volta lasciando cadere la povera Kaela che ululava fino a quando non l'ho ripresa. Era la mia bambina, troppo dolce in natura per le selvagge selvagge di essere un lupo. Le mie mani e piedi erano doloranti dalla corsa per così tanto tempo, ed ero esausto. Non riuscivo davvero a distinguere nulla davanti a me, ma pensavo di poter distinguere l'oscurità rapida che era nera. Seguendo la sua forma ho continuato, fino a quando all'improvviso non c'era solo aria sotto di me. Non ho avuto il tempo di urlare mentre cadevo, colpendo lo sporco e si arricciano un paio di metri, lasciando andare e stringere Kaela al seno mentre cadevamo lungo la collina inclinata, ancora e ancora.

Mi sono svegliato dolorante e contuso, ai mewling di Kaela. Spazzando gli occhi, guardò il muso di mia figlia, toccando il naso al naso per rassicurarla mentre lavoravo da solo ai miei piedi, sentendo ogni graffio e livido, che ce n'erano molti. Mi è venuto improvvisamente che mi sono perso e solo con Kaela. Sono stato ingannato ieri sera e ora non sapevo dove fossero o dove fossi. Anche se non era davvero nulla di nuovo da quando si è unito a questa nuova parte della mia vita. Mewling di Kaela mi ha portato di nuovo al presente, e c'era cibo. Semmai dovevo nutrire il mio cucciolo. L'ho raccolta rapidamente in bocca e l'ho lanciata sulla schiena, muovendomi nella foresta, zoppicando sul braccio destro, ma non ho potuto ancora concedermi pietà e dolore.

Qualche tempo dopo mi mettei da parte mentre Kaela si strappava nella fresca carcassa di un tasso. Carogne, il mio stomaco si girò e mi rifiutai di mangiare, comunque mia figlia aveva bisogno di me più di me, per diventare forte. Sono stato sollevato in un certo senso, perché se fosse stato per gli avanzi del tasso, avrei dovuto cacciare. Ed essendo solo una donna nuda con denti schietti e unghie in qualche modo smussata, non ero molto un predatore.

Quando la sera era proseguita, non c'era alcun segno di rifugio, tranne una base scavata su un albero antico. Conducendo Kaela dentro ci siamo raggomitolati insieme, il suo fascio di pelliccia morbida che mi sfregava il seno e la pancia, l'edificio di calore tra noi due per aiutare a combattere il freddo della sera. Mi sono addormentato in difficoltà dal pensiero di cosa avrei fatto per la nostra situazione. Avremmo bisogno di cibo e un riparo migliore e dovremmo trovare il branco. Il mio stomaco si annodava, dolorante per il nero. Non ero senza di lui da quando seguivo il suo branco, e anche se non ci siamo uniti fino a quando non avevo iniziato a taggarci, non eravamo ancora separati e ora lo sentivo davvero. Ma no, dovevo essere forte per Kaela, per me stesso ...
Mi sono svegliato con il Mewling di Kaela. Il primo pensiero che mi è venuto in testa è stato il cibo. Avevo fame e Kaela aveva ovviamente fame. Mi sono morso il labbro, cosa fare? La sentii agitarsi contro il seno e annuire, ok. Potrei ancora nutrirla al seno, ma purtroppo è troppo grande, non la riempirà completamente, basta ridimensionare la sua fame per un po '. Ho delicatamente convinto la testa, il mio capezzolo fermo che lei ha suonato facilmente. Accoglierò lassù con lei, mi sentivo bene, ma sapevo che questa era solo una pace temporanea. Dopo che si era nutrita, l'ho guidata delicatamente fuori, seguendo e allungando.

Il sole era caldo e la zona sembrava abbastanza bella. Tranne il fatto che non avevo idea di dove fossimo. Sono decollato in una direzione casuale, Kaela mi ha trotto ai talloni. Dopo un paio d'ore o ululando e abbaiato per il nero, mi arresi e io siamo tornati indietro. Da lì sono andato in un'altra direzione, ma non sono andato lontano prima di aver rinunciato. Era solo ... ero scoraggiato. Eravamo entrambi affamati, stavo morendo di fame e Kaela ora mi sdraiava sulla schiena, mewling per il cibo che non potevo dare. Purtroppo l'ho riportata nella nostra casa temporanea sotto l'albero e l'ho fatta dormire, nascosta contro il mio seno. Sorrido male guardandola tra i seni, mi sentivo bello e i miei pensieri si trasformarono in nero, il suo muso forte che spingeva tra i miei seni rotondi, la sua lingua ruvida che mi sfregava i capezzoli fino a quando non mi facevano male, palpite ...

Ho scosso la testa, non niente di tutto ciò! Ho bruciato tra le gambe ed ero a disagio rannicchiato in quello spazio stretto ... oh dio per aver fatto vagare la mente ... schiantata! Ho urlato, cacciando istintivamente il muso grigio del lupo. Kaela urlò e mi girai per portarla dietro di me. Dando il via più forte che potevo, il lupo finalmente indietreggiò. Ma ora sapeva che eravamo lì e non ci avrebbe lasciato ... Dio ero stanco ... e affamato! E Kaela, ho dovuto proteggerla. Dobbiamo aver vagato nel territorio di un altro branco. Ho preso una decisione allora, non sono davvero sicuro di essere totalmente nella mia mente giusta, ma dovevo proteggere il mio cucciolo, intendeva più per me di ogni altra cosa. Non capivo davvero le persone che lo dicevano dei bambini, non fino a quel momento. È incredibile, solo una comprensione istantanea!

Con ciò mi sono arrampicato da sotto l'albero e sono stato barile dal vecchio lupo, per il vecchio era, ma ancora in forma e viziosa. I suoi capelli erano grigi e bianchi, muso brizzolati quando al mio fianco ma mi sono agitato, a calci. Ottenendo una breve distanza, ho visto il ritmo del lupo e ho camminato con lui. Aprì il muso, le labbra tiravano indietro in un ringhio e io tremai di paura, non era quello per cui ero costruito! Non ho cacciato, non ho ucciso, non ero quel tipo di predatore! Ma uno sguardo all'albero in cui Kaela tremava e la mia schiena si raddrizzò, e ho emesso il ringhio, le labbra tirate indietro, denti digrignabili, pelle arrossata di rabbia.

Fu allora che mi lanciò contro di me, e io mi girai da parte, che gli artigliai, lanciandosi per mordere al suo fianco. I miei denti poveri incontravano solo una pelliccia spessa, ma sentii le mie unghie segnare carne e notavo deboli tracce di sangue su di loro mentre mi allontanavo. Si girò la testa e mi morse la spalla, facendomi urlare, le sue zanne mi strappano la carne. Ho artigliato e urlato, calciandolo, fino a quando finalmente mi sono liberato, il sangue mi scorreva lungo il braccio, mi è sembrato pesante e non ho potuto muovermi molto bene. Accidenti, il sangue ... ma ho dovuto combattere, dovevo! L'ho accusato, affrontandolo, artigliando e scattandolo come mi ha fatto. Mi è stato segnato in dozzine di posti, ma non stavo facendo molto lavoro su di lui e stavo rallentando. Mi sono graffiato gli occhi, artigliandolo facendolo ululare e allontanandomi. Ho visto un orribile fascino mentre il sangue correva dal suo occhio in rovina. Poi ho notato con mio orrore che era tra me e Kaela, e lei stava vagando, tirata fuori dalle mie urla senza dubbio. Abbassai bruscamente, volendo che tornasse indietro, ma quella era la cosa sbagliata da fare. Il vecchio lupo si girò e sembrava il tempo in bilico, poi si mosse lento. Si lanciò e io stavo andando bene per lui. Riducendo, ignorando il dolore nel braccio sinistro, mi sono spinto via con le gambe posteriori e ho affrontato la bestia.

Prima di sapere cosa stava succedendo, mi sono allevato, la bocca aperta e mi sono strappato la gola in un atto che mi scioccano ancora fino ad oggi. I miei denti si aprirono la gola furiamente, il sangue caldo spruzzava sul viso e sul seno. Mi sono piantato sul suo corpo ancora caldo, Kaela a soli due piedi di distanza, accovacciato al terrore. Stavo ansato, sanguinando e consumato. Guardando in basso il vecchio lupo dagli occhi vetrosi, tremai, ma non dalla paura, ma dall'eccitazione. La fretta, la gioia che avevo provato quando i miei denti si morsevano in gola, strappandosi nella sua carne, il sangue caldo che gli passava ancora sul viso, i capelli e il seno, tutto mi sentiva così bene! Ho cercato di vedere Kaela e sapevo che dovevo mostrarle che andava bene, insegnarle come sua madre. Piegandomi, ho iniziato a strappare pezzi di carne, deglutire, leccarmi le labbra affamate. Dopo un minuto Kaela la lasciò lentamente verso il cadavere, e lentamente iniziò a rosicchiarsi, prendendo piccoli pezzi mentre strappavo il lupo, artigliando il suo corpo finché non mi aprii la pancia, ringhiando felicemente nei suoi organi, schizzati di sangue, Mi sentivo bene, libero.

Kaela ci stava entrando, nutrendosi bene e ho finito presto, indietreggiando, respirando pesantemente. Mi sono sentito ... diverso. Ma bene, giusto. Ho lasciato Kaela, dirigendomi verso il torrente che avevo visto nelle vicinanze. Saltai dentro, rotolai e scuotendomi. Sbandosi, ho iniziato a leccare me stesso, ma mi sono fermato, preso alla sprovvista dalle mie azioni. Leccandomi? Dio, cosa stavo facendo? Accidenti, sono tornato a Kaela, il mio stomaco ora girando al cadavere in rovina e mezzo mangiato del vecchio lupo. Kaela stava dormendo fuori dall'albero, una palla arricciata di pelliccia grigia. Sorridendo, ho ignorato il cadavere, invece muovendomi per arricciarsi intorno alla mia bambina, spingendola al seno e dormendo. Probabilmente non era una buona idea dormire all'aperto, ma non avevo il cuore per muovere Kaela. Fu allora, mentre mi posi con lei, che sentii il dolore alla spalla sinistra. Sorvendo, mi alzai, stringendomi i denti e tornò al ruscello. La ferita era pulita ma ... ma perdeva ancora sangue. Avevo molte altre ferite e stavo appena iniziando a sentirle tutte mentre l'adrenalina si esaurisce. Sono appena uscito dal flusso prima di crollare. I miei ultimi pensieri erano per Kaela, sperando che sarebbe andata bene, desiderando poter essere lì per proteggerla ...

Storie simili

Una tribù per Tethys, parte 2 capitolo 10

Una tribù per Tethys: Parte 2 Capitolo 10: Megan, incontra Hera! Megan è silenziosa per la maggior parte del viaggio di ritorno al mio appartamento dopo che abbiamo lasciato la casa di Carl, e mentre sono curioso di sapere cosa sta pensando, è anche un'opportunità per me di esaminare alcuni dei miei pensieri. Molte cose sono cambiate, per tutti noi, in pochissimo tempo. Abbiamo lasciato Sonia con Carl, ha promesso di portarla a casa una volta concluso l'ultimo accordo d'affari. Carl sta stipulando un contratto personale con Sonia, per lavorare per lei a tempo pieno come istruttore personale di fitness e...

492 I più visti

Likes 0

Holli e una vela serale

Holli mi ha incontrato all'estremità del molo... e il mio cuore ha perso un battito quando è scivolata alla vista. Era vestita per una serata a bordo della mia barca: semplici sandali da barca, un bel top azzurro e un paio di pantaloncini cachi molto comodi che le dondolavano facilmente sulle curve, accennando a ciò che aveva da condividere sotto. 5'9 con capelli biondi, gambe lunghe e un corpo atletico in forma, Holli era entrato nel mio mondo attraverso un pomeriggio magico che abbiamo condiviso sul lungomare di Vancouver. Questa serata è stata il risultato del mio invito perché ci eravamo...

398 I più visti

Likes 0

Quanto di meglio si possa III

Obiettivo 5: preparami un gustoso succo di sperma con un bicchiere pieno. Questo è stato abbastanza facile. Ma tutto ha una parte difficile. Ecco un bicchiere pieno. Rani ha avuto un fottuto lavoro a scuola. Quindi se n'è andata la mattina indossando un sari rosso assassino. Avrei solo voluto andare a scuola. Prima di andarsene, mi ha dato un bicchiere usato per servire lo champagne, si è avvicinata a me e mi ha palpato dolcemente il cazzo. Rani :( sussurrandomi all'orecchio con voce sexy) fallo lavorare. Io: posso usare la tua stanza dei quadri???Sai. Usa la tua TV. ?? Rani: va...

523 I più visti

Likes 0

Come ho pagato il college

- Questa è finzione gay. Se non ti piace leggere cose gay, smetti di leggere e non votare. Se hai intenzione di votare negativamente o scrivere commenti sgradevoli, critica la mia grammatica e ortografia, non l'argomento - Questa è un'opera di finzione completa. Nulla in questa storia è realmente accaduto e le persone non sono reali. - Se spari un carico mentre o dopo aver letto questo, fammi un favore e premi il pulsante di voto positivo perché significa che probabilmente ti è piaciuto. Sentiti libero di mandarmi un PM per farmi sapere cosa ti è piaciuto Durante l'estate del 2003...

526 I più visti

Likes 0

Alice viene sposata

[b]Alice si fa l'autostop 7 di Will Buster Come si può immaginare, un'amante incinta e usata può essere piuttosto difficile da scartare. Difficile, cioè, a meno che una cospicua dote non accompagni la vigorosa piccola volpe. Alice non faceva eccezione a questa regola sociale così prevalente nella tarda Inghilterra georgiana. La pancia di Alice era ora piena di bambino sano per le quasi costanti attenzioni amorose di Lord Elton. Il barone del maniero di Kingston si era goduto a fondo entrambi i buchi stretti e reattivi di Alice ormai da mesi, ma mantenendo fede alla sua promessa, era tempo di acquistare...

390 I più visti

Likes 0

Feticismo del pannolino

Fin da piccola ho sempre avuto il fascino di indossare i pannolini. Crescendo ho imparato che non ero solo. Ma niente avrebbe potuto prepararmi per la notte in cui si unirono mia moglie e la sua amica. Avevo confessato a mia moglie il mio feticismo per i pannolini e lei mi ha raccontato di come aveva sempre desiderato una cosa a tre. Aveva partecipato a innumerevoli sforzi con me, quindi una notte abbiamo deciso di realizzare i suoi e aggiungere qualcosa per farmi felice. Finalmente era giunta la notte, la sua amica Samantha stava arrivando in città. Le aveva raccontato di...

334 I più visti

Likes 0

Janice Pt. Controllata dalla Mente 11c

Brian era contento di usare il controllo mentale che Janice avesse trascorso gli ultimi tre giorni vivendo con lui e avrebbe dovuto trascorrere altri quattro giorni con lui. Le menti del marito e dei figli di Janice erano state influenzate in modo tale da non sentire la sua mancanza. Ieri aveva invitato tre amici a casa sua e tutti e quattro avevano scopato più volte una volenterosa Janice. Sbe stava facendo quello che voleva all'inizio della giornata in cui aveva pulito la sua casa per lui mentre era nuda, fermandosi solo per lasciare che Brian la scopasse in bagno. In quel...

275 I più visti

Likes 0

La vendetta di Ambra

CAW # * Voce Questa è una storia di vendetta e dolore. Questa è una storia di amore e affetto. Questa è una storia di soddisfazione e persone che ottengono la loro punizione. La mia ragazza Amber ed io eravamo membri di un sex club. Ad entrambe piaceva andare e partecipare alla maggior parte delle attività del club, ma lei si rifiutava di fare sesso con altre donne. Le piaceva guardare altre donne nel club, farsi scopare e le piaceva anche guardare altre donne scoparsi a vicenda, ma non è mai stata in grado di leccarsi la figa. Ero perplesso da...

1.5K I più visti

Likes 0

La vita di Jen - Capitolo sei - Parte prima

La vita di Jen – Capitolo 6 – Parte prima Varie cose mi restano in mente e le mie vacanze annuali di solito erano piene di eventi. Un anno i miei genitori decisero di affittare una villa a Corfù per 2 settimane e mio nonno e mio zio furono invitati. Sull'aereo dovevo sedermi tra mio nonno e mio zio, ei miei genitori si sedevano dall'altra parte. Mio nonno mi ha messo il cappotto in grembo e ha spinto rapidamente la mia gonna da parte, tirandomi da parte le mutandine e spingendo un dito dritto dentro di me, ho sussultato forte mentre...

1.3K I più visti

Likes 0

Andare a lontano

Quando faccio scivolare la mia mano tra le tue gambe e dico Questo è mio, siamo chiari. Il sesso non è la risposta. Il sesso è la domanda. Sì è la risposta. Nicole mi ha visto in coda al ricevimento di nozze di sua sorella. Eccomi fuori come se fossi appena uscito da GQ. Mi sto muovendo lentamente verso di lei. Nicola trattenne il respiro. Doveva incontrarmi. Nicola si guardò intorno. Mi ha visto dall'altra parte della piscina. Sembravo sulla cinquantina. Sono più alto di chiunque altro nella sua famiglia italiana. Nicole ha indovinato che sono alto un metro e ottanta...

624 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.